Piano di Azione per l energia sostenibile Paes del Comune di Monterotondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Azione per l energia sostenibile Paes del Comune di Monterotondo"

Transcript

1 Piano di Azione per l energia sostenibile Paes del Comune di Monterotondo Il Comune di Monterotondo nel 2012 ha aderito al Patto dei Sindaci, sottoscrivendo l impegno che fornisce un quadro di riferimento per la politica energetica e del clima dei Comuni. Gli impegni prioritari previsti sono: - la riduzione delle emissioni di CO 2 di oltre il 20% entro il la redazione e presentazione del Piano di Azione per l Energia Sostenibile (Paes). - la redazione e presentazione, su base biennale, di un rapporto sull attuazione ai fini di una valutazione, includendo le attività di monitoraggio e di verifica. Il 30 maggio 2013 il Consiglio Comunale ha approvato il PAES del Comune di Monterotondo, attraverso questo strumento fondamentale possiamo adesso avviare le 30 azioni previste dal Piano per il raggiungimento degli obiettivi previsti dall adesione al Patto dei Sindaci. L obiettivo ambizioso della Commissione europea che il Comune di Monterotondo condivide, è di avviare delle azioni decise di uscire da un economia e una società basata sul fossile con un primo passo quantificabile verso una civiltà solare. Va sottolineato l aspetto quantitativo perché l obiettivo dei 20% per il 2020 è solo una prima tappa di un processo che secondo UE entro il 2030 dovrebbe arrivare a -40% e nel 2050 al -80/90% di riduzione delle emissioni di CO 2. Per rispondere agli impegni presi ci vogliono delle azioni decisive nell uso razionale dell energia e nella produzione di energia da fonti rinnovabili e nelle forme di mobilità. Il bilancio energetico e CO2 del Comune descrive il quadro attuale in cui si colloca il comune, indica i settori d intervento di priorità e soprattutto in che ordine di grandezza si devono muovere le riduzioni per rispondere agli impegni presi. La trasformazione che si auspica è di avere un territorio, che riduce il consumo di energia da fonti fossili e aumenta l efficienza e la quantità di energia prodotta da fonti rinnovabili, che basa il trasporto di persone e merci su forme sostenibili di mobilità e riduce drasticamente il consumo del suolo. Entrando nello specifico il bilancio di energia e di CO 2 del Comune di Monterotondo alla luce degli impegni presi con l adesione al Patto dei Sindaci, indica che per avere una diminuzione delle emissioni procapite del 20% al 2020, si dovrebbe passare dalle 4,5 tonnellate alle 3,6 tonnellate di CO 2 nel Guardando oltre il 2020 si potrà ottenere, una maggiore riduzione della CO2 si potrà ottenere con una profonda trasformazione del territorio di Monterotondo mediante una pianificazione precisa e un attuazione decisa per creare le basi di un aumento del benessere senza la crescita dei consumi energetici e delle relative emissioni, come si può rilevare dal PAES - (Piano di Azione per l Energia Sostenibile), predisposto con il contributo della Provincia di Roma in qualità di Struttura di Coordinamento territoriale e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e di Alleanza per il Clima Italia. Valutando la situazione attuale e storica dei consumi e delle emissioni del territorio sono state individuate 30 azioni di piano, descritte nel capitolo 4 del PAES. Queste

2 azioni, consentiranno di abbattere le emissioni di CO 2 di tonnellate al 2020: di questa riduzione, che rappresenta il target di piano del PAES di Monterotondo il 13% (5.609 t CO 2 ), si stima che proverrà da azioni a breve termine, con effetti già entro il Tenendo conto anche dell aumento demografico l implementazione delle azioni di piano consentirà di ridurre del 20,4% rispetto al 2008 (anno base), passando le emissioni procapite passando così da 4,50 a 3,58 t CO 2 nel Analizzando la ripartizione per categoria di intervento, il 40% della riduzione attesa deriverà da interventi di riqualificazione energetica sugli edifici e sulle infrastrutture, il 16% da azioni nei trasporti, il 31% dalla produzione locale di energia, il 9% della gestione dei rifiuti ed infine il 4% dall acquisto di energia da fonti rinnovabili. Complessivamente, quindi, il 65% è riconducibile all efficienza energetica, mentre il 35 % delle azioni e riconducibile alle fonti rinnovabili. Si tenga presente, inoltre, che nel PAES sono contenute diverse azioni a cui non sono associati impatti direttamente quantificabili in termini di riduzione delle emissioni di CO 2 ma che, oltre alla loro capacita di alimentare altre azioni, potranno presumibilmente incrementare il target di piano. Una delle azioni previste nel paes è l installazione di impianti fotovoltaici sugli immobili comunali. Questa azione si può dire completata entro il 2015 avremmo installato impianti su tutte le scuole della città Impianti Fotovoltaici già installati nelle scuole Scuola B. Buozzi Scuola elementare campanari Scuola Di Vittorio Scuola Cardinal Piazza 6 Kw 6 Kw 28 Kw 10 Kw Anno Scuola Via Kennedy Scuola via Ticino Scuola via Monte Pelmo Scuola Monte Pollino (aumento potenza-raddoppio) 25 Kw 25 Kw 10 Kw 6 Kw Altri impianti Parco Arcobaleno (Ex Onmi) Ciclofficcina Stazione FF:SS: 2 Kw 6 Kw Da installare Centro Canoe 15 Kw

3 Ludoteca Piccole Canaglie Centro Servizi Stadio Pierangeli 3 Kw 30 Kw 3 Kw Entrate Conto Energia 2012: (compresi entrate del 2011) 2013: (se vengono inseriti gli incentivi previsti attualmente) Riduzione Emissioni Co2 aggiornato marzo 2013 Impianti Fotovoltaici 300 Ton/Anno Fornitura energia elettrica consorzio CEV 5.470,73 ton/anno (immobili comunali e pubblica illuminazione) di cui la pubblica illuminazione incide per 2.145,52 Ton/Anno Fontane Leggere: 345 Ton/Anno Mezzi elettrici: 40 Ton/Anno Altro intervento previsto dal PAES è la riduzione dei rifiuti. Attraverso l installazione delle due fontane leggere l amministrazione comunale ha avviato un processo virtuoso, dando un contributo in tema rifiuti, con dati importanti. C è da dire che le fontane leggere installate nel Comune di Monterotondo sono le prime del Lazio e dall esempio nostro è nato il progetto Riducimballi di Ecologos fatto proprio dalla Regione Lazio che in tre anni ha installati circa 50 impianti nei comuni laziali (Fiano, Morlupo, Mentana, Albano, Velletri, ecc. Fontane Leggere Impianto Piazza Berlinguer (Maggio 2009) (calcolando che un litro di acqua minerale costa in media 0,20) la fontana ha erogato circa litri, i cittadini hanno risparmiato circa sugli acquisti di acqua una riduzione dei rifiuti alla fonte pari a bottiglie di plastiche non utilizzate. Riduzione Emissione Co2: 240 Ton/annuo Impianto Piazza della Libertà (Aprile 2010) la fontana ha erogato circa litri, i cittadini hanno risparmiato circa sugli acquisti di acqua una riduzione dei rifiuti alla fonte pari a bottiglie di plastiche non utilizzate.

4 Riduzione Emissione Co2: 140 Ton/annuo Entro il 2014 verrà installata la terza fontana leggera A metà giugno 2013 partirà la consegna dei pannolini lavabili, grazie ad un contributo della Regione Lazio. I kit verranno consegnati ai bambini nati nel 2013 L'utilizzo dei pannolini lavabili permette ad una famiglia media di risparmiare oltre ogni bambino. L'utilizzo dei pannolini usa e getta incide per il 5-6% sul totale dei rifiuti e nei soli 3 anni di vita di un bambino la produzione arriva ad una tonnellata se si considera inoltre che i materiali di cui è composto non sono recuperabili. La spesa dei pannolini usa e getta non è meno impattante: si aggira intorno ai 2 mila euro contro i 500 dei pannolini ecologici. Il progetto è realizzato in collaborazione con Ecologos e APM Una delle azioni previste nel PAES era la realizzazione del cogeneratore nella scuola Cardinal Piazza, primo impianto di microgenerazione del Lazio. L impianto doveva essere realizzato entro il 2014, ma siamo riusciti a farlo entrare in funzione nel mese di maggio. L impianto a gas ridurrà di molto le spese di riscaldamento della Cardinal Piazza, inoltre attraverso un accordo con la società di gestione del servizio di erogazione Gas, il Comune di Monterotondo non pagherà l iva (- 21%) come previsto per impianti do cogenerazione installati nelle scuole. Monterotondo Passall Energia Pulita: sperimentazione dei servizi noleggio mezzi elettrici, autobus, spesa e baby-driving a chiamata Questo è il progetto che finanziato dal Ministero Ambiente e delle Tutela del Territorio e del Mare ( di cofinanziamento del Comune di cofinanziametno Fondazione Univerde e Cras srl) ci permetterà di inserire tutti gli interventi sulla Mobilità Sostenibile in una cornice programmatica più razionale e costante. Anche questo progetto è entrato a pieno titolo nel Paes Nel progetto generale del trasporto pubblico urbano il servizio di autobus a chiamata era previsto tra le misure da attivare per ridurre i flussi di mezzi inquinanti ma non posto in essere per mancanza di risorse economiche. Nella variante generale al piano regolatore sono introdotti i tracciati delle piste ciclabili a disegnare un anello di collegamento attorno e all'interno della città. Alcuni tracciati sono stati già realizzati, alcuni sono in fase di assegnazione lavori, altri in attesa di finanziamenti. Attraverso il Programma Operativo di Dettaglio (POD) valorizziamo, completiamo, integriamo gli interventi fin qui realizzati per trarre il massimo rendimento possibile. L'intervento si armonizza con il Piano del Traffico Urbano, con il Piano Parcheggi, con la più vasta programmazione di azioni finalizzate alla Mobilità Sostenibile anche delle merci, con le realizzazioni previste dal Contratto di Quartiere "La Porta tra il Fiume e la Città" di imminente avvio sul territorio di Monterotondo Scalo, con le Azioni di Salvaguardia della Fascia Verde di Monterotondo costituita dalla Riserva Naturale del Bosco di Gattaceca e Macchia del Barco; dall'istituto Sperimentale di Tor Mancina; dal Fiume Tevere con il Parco Fluviale inserito nel Contratto di Quartiere; dalle aree agricole che delimitano il nostro territorio verso l'area di confine con il Comune di Montelibretti, attraversato dalla Via Francigena. Il Progetto prevede diverse azioni tra cui la realizzazione di una ciclofficina, per la manutenzione dei mezzi in dotazione, la trasformazione e creazione di nuovi mezzi a due ruote, da adibire anche a call-center per la gestione dei servizi da attivare che sono:

5 - attivazione in via sperimentale del servizio autobus a chiamata per coprire le zone periferiche non servite dal TPU e per integrare percorsi e orari delle zone servite dal TPU; - attivazione in via sperimentale del servizio di spesa su due ruote; - attivazione in via sperimentale del servizio di i baby driving; - messa a regime e potenziamento servizio noleggio mezzi elettrici e a pedalata assistita; - attivazione in via sperimentale del servizio di bike-sharing. Il sistema Bike-sharing è funzionante ma sarà disponibile per i cittadini da luglio 2013, A marzo 2013 sono partiti i servizi: Bus a Chiamata e Spesa su due ruote. Nell ambito del Progetto l Amministrazione comunale ha previsto azioni tese a facilitare la circolazione dei velocipedi, biciclette muscolari e biciclette a pedalata assistita. Le biciclette sono considerate dal Codice della Strada mezzi di trasporto a tutti gli effetti, possono liberamente circolare sull intera rete stradale a meno di specifiche restrizioni (strade ad alta velocità) e ancor di più, essendo assimilate ai pedoni possono circolare anche nelle isole pedonali. Considerata la difficoltà sia urbanistica che economica di dotare l intero territorio comunale di piste ciclabili per la completa sicurezza dei ciclisti, l amministrazione comunale ha inteso predisporre, in accordo con il Dipartimento della Vigilanza e della Polizia Locale, una apposita segnaletica verticale che promuova una maggiore sensibilità e attenzione da parte degli automobilisti verso i ciclisti, considerati dal Codice della Strada, al pari dei pedoni, utenti fragili. Unitamente alla segnaletica verticale di attenzione, l Amministrazione comunale intende approntare una rete di parcheggi per biciclette nei punti di sosta ritenuti più idonei, identificati grazie ad un sopralluogo effettuato insieme alla Polizia Municipale. Ogni punto sosta sarà segnalato dall apposito segnale di parcheggio bici personalizzato per il progetto Passall Energia Pulita. Dal 5 luglio tutta la segnaletica è stata installata e sono stati realizzati alcuni dei parcheggi bici previste. Tutto questo piano è stato possibile grazie alla collaborazione tra il Dipartimento Governo del Territorio e Dipartimento della Vigilanza e della Polizia Locale, l apporto importante della Commissione consiliare Viabilità. Tutto questo lavoro è stato coordinato dal servizio Infrastrutture e Ambiente. Si sta realizzando in collaborazione con la Provincia di roma un sistema territoriale di piste ciclabili, la parte relativa al comune di Monterotondo si sta progettando attraverso contributi finanziari regionali, Europei (PLUS), comunali e provinciali. Sono previste inoltre nuove rastrelliere e arredi urbani. Il comune di Monterotondo a Settembre 2012 ha presentato al Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, una richiesta per avere altre 50 biciclette a pedalata assistita. Il progetto del Ministero nasce da un accordo con Anci e Azienda Ducati. Inoltre attraverso i finanziamenti del PLUS, verranno finanziati gli acquisti di mezzi elettrici e paline di ricarica ad energia solare. Il Comune di Monterotondo ha aderito alla Settimana Europea sulla Mobilità (settembre 2012), il 19 settembre è stato il giorno scelto per l iniziativa, abbiamo chiuso un area della città promuovendo spostamenti senza auto. Abbiamo realizzato dei laboratori con gli alunni delle scuole elementari (hanno partecipato circa 180 bambine e bambini), è stato possibile per i cittadini provare mezzi elettrici: motorini, biciclette, auto) e fare un giro con un bus elettrico. All iniziativa hanno partecipato: Renault, Breda-Menarini, coop. Il Pungiglione, l Istituto Comprensivo Buozzi, Ass. Circusnavigando, Coop. Folias. E stato possibile realizzare la manifestazione grazie alla collaborazione tra il Dipartimento Governo del Territorio e Dipartimento della Vigilanza e della Polizia Locale. L assessorato all ambiente sta lavorando per promuovere, una volta al mese la Domenica Ecologica.

6 L Eco-quartiere previsto dal Plus si inserisce in questa pianificazione e prassi (altra azione prevista nel PAES) verso uno sviluppo sostenibile che decide di prendere le emissioni di CO 2 come una variabile guida per la definizione di priorità e per il dimensionamento degli interventi. La responsabilità per il clima mondiale è solo un aspetto, per quanto importante, di questa politica. Un altro aspetto importante più immediato è di ridurre la dipendenza dai carburanti fossili per aumentare la sicurezza energetica, migliorare la qualità ambientale e rafforzare il tessuto economico del territorio. Fin dalla prima fase, il PLUS è stato costruito con una stretta cooperazione tra i diversi Dipartimenti e Servizi dell Amministrazione comunale, in particolare tra i Servizi sociali, Infrastrutture e Ambiente, Pianificazione Urbanistica, Cultura e Politiche Giovanili, Formazione. Con il coordinamento del Dipartimento Governo del Territorio;. ID Azioni di piano e relativi impatti stimati al 2014 e (t CO 2 ) ID AZIONI 1.1 Riqualificazione energetica del sistema di illuminazione pubblica 1.2 Certificazione e Audit energetico degli edifici dell Amministrazione comunale 1.3 Riqualificazione energetica degli edifici dell Amministrazione comunale 1.4 Informatizzazione e sistematizzazione della raccolta dati per le utenze energetiche comunali 1.5 Certificazione e riqualificazione energetica degli edifici residenziali 1.6 Introduzione di standard energetici avanzati nella nuova edilizia 1.7 Promozione dell efficienza energetica nel settore produttivo e commerciale 2.1 Sostituzione del parco veicolare comunale con tecnologie a basse 2.2 Promozione dell utilizzo della ferrovia negli spostamenti a lunga e media percorrenza Riduzione emissioni CO Promozione della mobilita sostenibile 2.4 Promozione di veicoli a basse emissioni e gomma Razionalizzazione ed efficientamento del trasporto locale merci Installazione di impianti solari termici e fotovoltaici sugli edifici pubblici Diffusione del solare termico e del fotovoltaico nella nuova edilizia residenziale

7 Diffusione del solare termico e del fotovoltaico nell edilizia residenziale esistente Diffusione delle fonti rinnovabili nel settore industriale e commerciale Bonifica delle coperture in amianto con integrazione di fotovoltaico Realizzazione di un impianto di cogenerazione 5.1 Nomina dell Energy Manager comunale 5.2 Adeguamento del Regolamento Edilizio Comunale Introduzione di criteri di sostenibilità energetica negli strumenti di pianificazione comunale Ecoquartiere PLUS del Soggetto Responsabile per Creazione l attuazione del SEAP Promozione di politiche di Acquisti pubblici verdi (GPP) 6.2 Acquisto di energia verde certificata Istituzione dello Sportello energia 7.2 Organizzazione di campagne locali Organizzazione di corsi di educazione e formazione per l energia sostenibile Promozione della prevenzione nella produzione di rifiuti 8.2 Sviluppo del servizio di Raccolta differenziata Installazione di fontane ad uso pubblico Totale Sindaco Mauro Alessandri Assessore Ambiente, Lavori Pubblici, Parchi e Giardini, Tecnologico

8 Luigi Cavalli Dipartimento Governo del Territorio Arch. Luca Lozzi Servizio Infrastruttura e Ambiente Geom. Amarando Sestili Ufficio Patto dei Sindaci Geom. Vincenzo Bellucci, P.I. Giovanni Forte Si ringrazia della Collaborazione Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile,Alleanza per il Clima, Dottor.ssa Stefania Grillo, Dottor.ssa Noemi Colombo, Dr. Valentino Piana, Fondazione Univerde, Cras srl, Coop. Folias

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI In collaborazione con Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città Emanuele

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

PEP (PIANO ENERGETICO

PEP (PIANO ENERGETICO ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO PER LE PP.AA. PIANIFICAZIONI ENERGETICHE LOCALI ED OPPORTUNITA PER L ENTE PUBBLICO E LA COMUNITA PEN (PIANO ENERGETICO NAZIONALE) PER (PIANO ENERGETICO REGIONALE)

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO Giulia Pedrocchi www.eenergiagroup.it Perché la mobilità sostenibile? Measuring the Street: New Metrics for 21st Century Streets Secondo uno studio

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

cosa Abbiamo Fatto 1 Il Comune di Monterotondo ha aderito con la delibera approvata all unanimità dal Consiglio

cosa Abbiamo Fatto 1 Il Comune di Monterotondo ha aderito con la delibera approvata all unanimità dal Consiglio cosa Abbiamo Fatto Il Comune di Monterotondo vanta una tradizione storica di attenzione e sensibilità verso le tematiche ambientali che si è espressa, nel corso degli anni e delle legislature, attraverso

Dettagli

Impegni internazionali CO2

Impegni internazionali CO2 Impegni internazionali CO2 Kyoto (-6,5% 2008-2012 rispetto al 1990) UE (-20% entro 2020 rispetto al 1990) Copenhagen ( max 2 ; max 2 t/anno/procapite entro 2030) Patto dei Sindaci PIANO AZIONE ENERGETICO

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia Città in movimento Oltre 3.200 governi locali negli ultimi 15 anni hanno aderito

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES Quarta edizione - 2015 Segreteria organizzativa: Tel. 075.8554321 / Fa 075.8520429 Alleanza per il Clima Italia onlus coordinamento@climatealliance.it / mail@pec.climatealliance.it Via G. Marconi, 8 06012

Dettagli

PAES Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile. 11 ottobre 2011 Arch. Lella Bigatti La E.S.Co. del Sole srl

PAES Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile. 11 ottobre 2011 Arch. Lella Bigatti La E.S.Co. del Sole srl PAES Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile 11 ottobre 2011 Arch. Lella Bigatti La E.S.Co. del Sole srl CO2 Il Patto dei Sindaci è un iniziativa europea che riunisce enti locali e regionali impegnandosi

Dettagli

Impegni internazionali CO2

Impegni internazionali CO2 Impegni internazionali CO2 Kyoto (-6,5% 2008-12 rispetto al 1990) UE (-20% entro 2020 rispetto al 1990) Copenhagen ( max 2 ; max 2 t/anno/procapite entro 2030) Alleanza per il Clima (-10% ogni 5anni; -50%

Dettagli

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi.

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Città in movimento Oltre 3.200 governi locali che negli ultimi 15 anni hanno aderito alla Campagna Europea a alla Carta di Aalborg. A Maggio la 6 Conferenza

Dettagli

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Fonte: Comune di Nova Ponente Abitanti: 3.923 (2011) Superficie / di cui insediativa: 112 km² / 19 km 2 Altitudine: 1357

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

e supportato dall amministrazione comunale

e supportato dall amministrazione comunale di Padova Settore Ambiente Piano di azione: proposto dal Forum locale e supportato dall amministrazione comunale Parte Prima : Obiettivi a tre anni OBIETTIVI GENERALI Riduzione, in riferimento al valore

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

SOMMARIO AZIONI DEI GRUPPI DI LAVORO

SOMMARIO AZIONI DEI GRUPPI DI LAVORO SOMMARIO AZIONI DEI GRUPPI DI LAVORO N Gruppo AZIONI A21 MONTEROTONDO Quando Responsabile STATO AVANZAMENTO A Maggio 1 AT Progetto trasporto pubblico locale con finanziamento regionale, integrato col servizio

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

PROPOSTA PROGETTO BICIMAT POSTAZIONI ELETTRONICHE PER BICICLETTE TRADIZIONALI E ELETTRICHE CON RICARICA SOLARE.

PROPOSTA PROGETTO BICIMAT POSTAZIONI ELETTRONICHE PER BICICLETTE TRADIZIONALI E ELETTRICHE CON RICARICA SOLARE. PROPOSTA PROGETTO BICIMAT POSTAZIONI ELETTRONICHE PER BICICLETTE TRADIZIONALI E ELETTRICHE CON RICARICA SOLARE. La nostra Associazione promuove la mobilità sostenibile e l utilizzo della bicicletta, tradizionale

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

A Brescia su due ruote

A Brescia su due ruote Comune di Brescia - Assessorato alla Mobilità e Parchi A cura di E. Brunelli, V. Ventura Obiettivi per una politica a favore della mobilità ciclistica: CREAZIONE ED ESTENSIONE DELLA RETE CICLABILE SICUREZZA

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile.

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile. Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comune di Genazzano Genazzano 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano di Azione per l Energia Sostenibile Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 50 del 29/12/2011 Il documento è stato

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE 26 GIUGNO 2015

CONSIGLIO COMUNALE 26 GIUGNO 2015 # GOVERNO DEL TERRITORIO Approvato il monitoraggio sullo stato di attuazione delle schede contenute nel Regolamento Urbanistico (RU) del 2009 Approvato l avvio del procedimento per la formazione del c.d.

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi

Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi Progetto co-finanziato dall Unione Europea Il piano Enac di sostenibilità ambientale e del trasporto aereo Ing. Galileo Tamasi 1 Le attività dell Enac nel settore della sostenibilità degli aeroporti (1/2)

Dettagli

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO 18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO La Comunità Sostenibile: una soluzione partecipata per gli obiettivi della Direttiva 20-20-20 Clima Energia. Nuove opportunità di coesione sociale e di sviluppo

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

Progetto co-finanziato dall Unione Europea. 7 Convegno

Progetto co-finanziato dall Unione Europea. 7 Convegno Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti Italiani Progetto co-finanziato dall Unione Europea 7 Convegno Problematiche riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea Gestione della manutenzione

Dettagli

Energie nuove per l Italia

Energie nuove per l Italia con le amministrazioni locali per ridurre sprechi e bollette Fare Verde è impegnata da alcuni anni nella promozione di tecnologie e soluzioni per il contenimento dei consumi energetici e la diffusione

Dettagli

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della Liguria La Liguria svolge una importante funzione

Dettagli

Gis, Business Intelligence e Smart City

Gis, Business Intelligence e Smart City Gis, Business Intelligence e Smart City Direzione Ambiente EMAS - Marco Redini Logo Azienda 1 Verso una Città «Smart» Il Comune di Pisa ha aderito nel Novembre 2010 al «Patto dei Sindaci», Iniziativa dell

Dettagli

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia IL PATTO DEI SINDACI LA PROVINCIA DIVENEZIA COME ENTE DI COORDINAMENTO MOBILITÀ ETURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO 25 maggio 2013 Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia Pacchetto

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

BUONE PRATICHE INTERNAZIONALI

BUONE PRATICHE INTERNAZIONALI Convegno Il ruolo del teleriscaldamento in un futuro energetico sostenibile Brescia, 31 gennaio 2013 BUONE PRATICHE INTERNAZIONALI Roberto Zoboli e Ilaria Beretta ASA, Alta Scuola per l Ambiente Università

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013

IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013 IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013 Elenco argomenti Inventario delle emissioni 1998 e 2011 Obiettivo minimo di riduzione al 2020 Principi ed

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013

Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Facoltà di Ingegneria civile e industriale Polo di Latina Incontro pubblico di presentazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Latina, 24 ottobre 2013 Progetto Scuola IL LABORATORIO DELLA

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

La Mobilità Sostenibile in campo:

La Mobilità Sostenibile in campo: La Mobilità Sostenibile in campo: LE INIZIATIVE DEL MOBILITY MANAGER DI AREA DEL COMUNE DI CATANIA La figura professionale del Mobility Manager di area è stata introdotta dal Decreto del 27/03/1998 "Mobilità

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA Pianezza, 7 maggio 2009 Andrea Camarlinghi, Corintea soc. coop. Sommario

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli