... , i ,... / g. magistrati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "... , i ,... / g. magistrati"

Transcript

1 ,, i / g... i', 1-.., -.~ TRIBUNALE DI ISERNIA Il Presidente del Tribunale, rilevato che in data odierna hanno preso possesso presso l'ufficio i Magistrati dott.ri Federica Rossi, Arlen Picano, Vera laselli, Mario Ciccarelli ed Emiliano Vassallo, dovendo dunque provvedersi all'adozione di una variazione tabellare urgente nei termini di seguito esposti: la presente variazione tabellare, che interviene dopo una lunga serie di variazioni resesi necessarie per fronteggiare le continue emergenze causate dall'impoverimento dell'organico magistrati del Tribunale, si propone di delineare un assetto auspicatamente destinato a maggiore stabilità, per ettetto delringresso in ufficio di 5 nuovi magistrati (MOT) che consentirà di contare sulla presenza complessiva di 6 Giudici effettivi in organico sugli 8 previsti (oltre il Presidente).,... La nuova condizione dell'ufficio è in grado di consentire una buona ripresa nel settore civile, mentre assai difficile appare la sorte delle funzioni GIP, GUP e penale monocratico da udienza preliminare, precluse ai Magistrati di prima nomina antecedentemente alla prima valutazione di professionalità ed, allo stato, assicurate dalla collega dott.ssa Battista, dal Magistrato Distrettuale dott.ssa Quaranta, qui applicata, e dall'attuale presenza del dr. Ruscito, che, trasferito ad altro Tribunale, lascerà l'ufficio in tempi meno o più rapidi, a seconda della concessione o meno del posticipato possesso richiesto al Ministero. L'assetto deciso rappresenta il risultato di una serie di incontri tenuti con tutti dell'ufficio ed i MOT che si accingono a prendere a breve possesso. magistrati Ovviamente, si è previsto di affidare alla dott.ssa Battista, Magistrato che ha da poco conseguito la prima valutazione di professionalità, parte delle più delicate funzioni penali, unitamente ai colleghi Ruscito e Quaranta, già sopra ricordati, non potendo i Magistrati di prima nomina trovare impiego in tali settori. È stato, altresì, ridisegnato il ruolo del Presidente, sia in relazione alle indubbie difficoltà che caratterizzeranno l'avvio della gestione telematica dei decreti ingiuntivi, che continuano ad essere interamente assegnati allo stesso, sia allo scopo di restituire più adeguatamente il predetto alle gravose funzioni di direzione delrufficio, ultimamente in sofferenza, a causa delle molteplicità di alti'j incombenti (sia in termini di udienze che di redazione dei provvedimenti), che necessariamente ne hanno connotato l'impegno, per lo svuotamento quasi totale dell'organico magistrati ed ancora, per le ulteriori ben gravose funzioni, cui è chiamato per l'assenza del Dirigente Amministrativo, trasterito ad altro ufficio. Si è ritenuto di prevedere l'assegnazione di ruoli civili (sia pure non in via esclusiva) a quattro magistrati, tenuto conto delrelevato numero di procedimenti civili pendenti (ma tutto l'ufficio registra un tumultuoso incremento delle sopravvenienze, ad esempio nel penale monocratico, nel lavoro e nelle separazioni), utilizzando lo schema dell'affiancamento di cui al par. cfr pal1e 2 n. I 1

2 della circolare sulla formazione delle tabelle, in difetto di significative scoperture fino a quando i dottori Ruscito e Quaranta saranno in servizio presso il Tribunale. In particolare, sono stati individuati criteri generali ed astratti a cui ciascun togato dovrà attenersi nell'individuazione dei procedimenti delegabili, fermi i limiti di cui al predetto paragrafo e con assegnazione a ciascuno di un ruolo aggiuntivo. Si è, inoltre, tenuto presente quanto illustrato nella risoluzione sui modelli organizzativi dell'attività dei giudici onorari in Tribunale del 25/0 1/2012, dovendo, tuttavia, rilevarsi la scarsa pertinenza del criterio di abbinamento ivi suggerito nel settore civile ed esecuzioni posto che tutti i Magistrati togati sono di prima nomina (e dunque di equivalente esperienza). Pertanto, l'abbinamento dei Got ai Giudici togati è stato quindi delineato, nel settore civile, curando di evitare che procedimenti sin qui istruiti da un Got siano affidati ad altro Got. Quanto al settore esecuzioni mobiliari, tenuto conto dell'impiego del Got lannuzzo nel settore penale, si è ritenuto di affiancare al Giudice togato il GOT Iamartino. Il settore penale monocratico viene assegnato alla dott.ssa Battista e, in m isura m inore, ai dottori Ruscito e Quaranta ai quali andranno affiancati tre GOT. Per tale settore, si è ritenuto di affiancare il GOT Zarone alla dott. Battista, il GOT Iannuzzo alla dott.ssa Quaranta ed il GOT Di Bianco al dott. Ruscito, tenendo conto della consistenza e strutturazione dei ruoli precedentemente assegnati in via autonoma ai primi due Giudici onorari, con particolare riferimento al numero dei procedimenti sugli stessi pendenti, al fine di rendere gestibile il passaggio dal precedente assetto a quello varato con la presente variazione. L'assetto varato, peraltro, rispetta la ripartizione di funzioni a suo tempo decisa e comunicata ai MOT qui destinati. Quanto alle funzioni Gip/Gup si è ritenuto di continuare a suddividerle tra i dott.ri Ruscito e Quaranta sia per meglio fronteggiare le sopravvenienze provenienti dalla Procura (l'esperienza degli anni passati ha palesato l'inadeguatezza del rapporto l a 4) sia per tentare di arginare il rilevante problema dell'accumulo delle richieste di archiviazione (da anni affliggente l'ufficio), oltre che per smaltire le pendenze del ruolo GUP accresciutasi per le molteplici emergenze affrontate nell'ultimo anno. Si è curato di assicurare una condizione di equivalenza dei carichi di lavoro di tutti, sia in relazione al numero di udienze che alla quantità di procedimenti assegnati, pervenendo ad un assetto cond iviso da tutti. *********** TABELLA DI COMPOSIZIONE DELL'UFFICIO ORGANICO DELL'UFFICIO n. I Presidente n. 8 Giudici (di cui due formalmente vacanti) 2

3 n. 5 Giudici onorari N. 2 Esperti agrari effettivi N.2 Espel1i agrari supplenti Tutti i Giudici sono addetti promiscuamente al Civile e Penale, anche se solo In funzioni di supplenza INCARICHI DEL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE I) Direzione dell'ufficio e le altre funzioni attribuite dalla legge nei modi da questa stabiliti; 2) Decreti ingiuntivi; 3) Procedimenti di istruzione preventiva; 4) Cause di separazione e divorzio nella fase presidenziale; 5) Ruolo civi le costituito da alcune delle cause di separazione e divorzio nella fase di merito; 6) Procedimenti di volontaria giurisdizione; 7) Funzioni di Presidente dei Collegi Civile e Fallimentare e delle procedure In Camera di Consiglio; 8) Funzioni di Presidente del Collegio Penale per il dibattimento e le procedure camerali in caso di incompatibilità dei giudici assegnati in Tabella alle funzioni di Presidente effettivo e di Presidenti supplenti; 9) Funzioni di Presidente del Collegio di Lavoro per i reclami; lo) Funzioni di Presidente del Collegio Elettorale. Magistrati supplenti in caso di mancanza o impedimenti: nell'ordine di anzianità decrescente tutti i Magistrati. NUMERO DELLE UDIENZE Civili/lavoro collegiali e camerali: secondo, terzo e quarto venerdì del mese ed all'occorrenza un mercoledì al mese. Civili istruttorie: n. 2 mensili per il Presidente; n. 2 settimanali per la dott.ssa Rossi; n. I settimanale per le dott.sse Picano e laselli; I mensile per il dott. Vassallo; con aggiunta di un'udienza settimanale da definirsi per i GOT affiancati ai Magistrati togati; Ud ienze pres idenzial i per volontaria giurisdizione ed istruzione preventi va: 2 al mese. Udienze presidenziali (separazioni e divorzi): 2 settimanali. Esecuzioni immobiliari: 3 al mese. 3

4 Esecuzioni mobiliari: 2 al mese. Lavoro: 7 al mese. Penali Illonocratiche: 4 settimanal i tra Magistrati togati ed onorari; Penali collegiali e camerali: n. 3 al mese (primo, secondo e terzo mercoledì di ogni mese). GIP: GUP: I settimanale. l settimanale. ORARIO DELLE UDIENZE Tutte le udienze monocratiche e collegiali avranno inizio alle ore 9,30, eccezion fatta per l'udienza collegiale civile che avrà inizio alle ore CALENDARIO DELLE UDIENZE Civili/lavoro collegiali e camerali (Presidente del Tribunale, Giudice anziano e Giudice relatore): secondo, terzo e quarto venerdì del mese ed all'occorrenza un mercoledì al mese. Collegio Penale: primi tre mercoledì del mese Presidente (dr. GHIONNI): separazioni e divorzi fase presidenziale, secondo e quarto mercoledì del mese separazioni e divorzi fase istruttoria, primo e terzo mercoledì del mese istruzioni preventive e volontaria giurisdizione, due e, all'occorrenza, tre giovedì al mese dott.ssa Elena QUARANTA: GIP: venerdì a settimane alterne; GUP: giovedì a settimane alterne; Monocratica penale: il secondo giovedì del mese. dotto Antonio RUSCITO: G IP: venerdì a settimane alterne; GUP: giovedì a settimane alterne; Monocratica penale: il secondo venerdì del mese. dott.ssa Valeria BATTISTA: Monocratica penale: i primi quattro martedì del mese. Collegiale pena le: prim i tre mercoledì de I mese. 4

5 dott.ssa Federica ROSSI: udienze civili: i primi quattro martedì e venerdì del mese. udienze in materia tutelare: primo e terzo giovedì del mese. dott.ssa Arlen PICANO: udienze civili: i primi quattro venerdì del mese Collegiale penale: primi tre mercoledì del mese. dott.ssa Vera IASELLI: udienze civili: primi quattro venerdì del mese. Collegiale penale: primi tre mercoledì del mese. dotto Mario CICCARELLI: udienza lavoro: primi quattro martedì del mese; primi tre giovedi del mese. udienza esecuzioni mobiliari (delegabile al GOT): primo e terzo martedì del mese. dott. Emiliano VASSALLO: ud ienza fa Ilimentare: prim i quattro mercoledì del mese; udienza esecuzioni immobiliari: primi tre lunedì del mese; udienza civile: quarto lunedì del mese. ********** CRITERI DI DISTRIBUZIONE DEGLI AFFARI CIVILI Gli affari civili ordinari verranno assegnati con il criterio automatico di un affare a testa per ciascun Giudice, nell'ordine di iscrizione a ruolo a cominciare dal giudice meno anziano. Le cause di separazione e divorzio nella fase di merito saranno distribuite tra il Presidente del Tribunale (numero finale di R.G: I, 2, 3), dr.ssa Rossi (numeri 4, 5, 6), dr.ssa Picano (numeri 7, 8), dr.ssa Iaselli (numeri 9 e O). CRITERI DI DISTRIBUZIONE SETTORE LAVORO - PREVIDENZA Non vengono previsti criteri per il settore lavoro - previdenza siccome affidato in via esclusiva al dotto Mario Ciccarelli. CRITERI DI DISTRIBUZIONE DEGLI AFFARI PENALI I procedimenti collegiali saranno assegnati dal Presidente del Collegio con il criterio automatico di una causa a testa nell'ordine di iscrizione nel ruolo collegiale a cominciare dal giudice meno anziano. 5

6 Il ruolo collegiale sarà compilato in base all'anzianità dei procedimenti. Quanto alle assegnazioni degli affari nel settore penale monocratico: i processi provenienti da udienza preliminare verranno tutti assegnati alla dott.ssa Valeria Battista. Quanto ai processi da citazione diretta verranno assegnati alla dott.ssa Valeria Battista quelli pendenti sul ruolo ex D"Onofrio (circa 146) ed ex Zarone (circa 893), di cui la metà rappresenta ruolo aggiuntivo rispetto agli altri principali alla stessa assegnati (presidente del Collegio penale, penale monocratico da udienza preliminare e circa 500 da citazione diretta già costituenti parte del ruolo principale). L "ex ruolo lannuzzo (circa 909) verrà assegnato per metà ciascuno ai dott.ri Quaranta e Ruscito, quale ruolo aggiuntivo rispetto a quello principale di GIP/GUP. Come illustrato in premessa, i Magistrati togati predetti si avvarranno dell'affiancamento di Giudici Onorari di Tribunale (dott.ri (annuzzo, Zarone e Di Bianco) secondo quanto indicato nella parte successiva dello schema tabellare, ai quali, in via preferenziale, assegneranno i procedimenti speciali o i dibattimenti individuati all'esito dell'udienza di comparizione ai sensi dell'art. 555 c.p.p., tenendosi altresì conto dei criteri indicati al punto della risoluzione CSM 25 gennaio 2012 sui moduli organizzativi dell'attività dei Giudici. AI fine di evitare la rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale i GOT già assegnatari dei ruoli penali monocratici porteranno a termine i procedimenti con istruttoria già iniziata. Non saranno devoluti ai GOT procedimenti monocratici diversi da quelli previsti dall'art. 550 c.p.p., procedimenti che si trovino nella fase che comporta l'esercizio di funzioni GIP/GUP ed i giudizi di appello avverso sentenze dei Giudici di pace, nonché procedimenti in cui siano in corso misure cautelari personali o misure di sicurezza personali. Per quanto attiene alle sopravvenienze, saranno assegnati alla dott.ssa Battista i procedimenti contraddistinti da numero finale di iscrizione a ruolo PM l, 2, 3, 4, 5, 6; saranno assegnati alla dott.ssa Quaranta i procedimenti contraddistinti da numero finale di iscrizione a ruolo PM 7 e 8; saranno assegnati al dotto Ruscito i procedimenti contraddistinti da numero finale di iscrizione a ruolo PM 9 e O. I giudizi direttissimi verranno celebrati dai Magistrati togati nel giorni III cui terranno udienza monocratica e collegiale. II passaggio dei procedimenti pendenti dal ruolo già dei GOT sopra menzionati a quello dei Giudici togati avverrà con separato provvedimento del Magistrato coordinatore del settore penale, anche al fine di eliminare eventuali sperequazioni tra i diversi ruoli e di più dettagliatamente definire i criteri di delega nell'ambito dei parametri sopra indicati. CRITERI DI DISTRIBUZIONE DEGLI AFFARI ALL'UFFICIO GIP-GUP 6

7 Tra i dott.ri Quaranta e Ruscito continueranno ad essere ripartite per settimana le funzioni di GIP e GUP (con reciproca supplenza); una più equa suddivisione delle richieste di archiviazione e di misure cautelari, rispetto al precedente criterio del numero pari o dispari di iscrizione nel registro delle notizie di reato (numeri pari alla dott.ssa Quaranta; numeri dispari al dotto Ruscito), che presenta maggiore disomogeneità cronologica nella ripartizione degli affari (es. nella stessa giornata potrebbero pervenire sopravvenienze di solo numero pari o dispari PM), suggerisce di adottare i seguenti diversi criteri: - le richieste di archiviazione (al pari di quelle di decreto penale di condanna e di rinvio a giudizio) saranno ripartite in base al numero del Registro GIP: pari alla dr.ssa Quaranta e dispari al dotto Ruscito; - le richieste di misure cautelari personali andranno una a ciascun GIP secondo l'ordine di arrivo, con la precisazione che la prima richiesta sarà assegnata al GIP di turno nella settimana di arrivo e che in caso di più richieste giunte nella Cancelleria GIP nella medesima giornata l'ordine di arrivo sarà stabilito in base al numero del registro notizie di reato (dal più risalente al più recente); - le richieste di misure cautelari reali saranno assegnate una a ciascun GIP secondo l'ordine di arrivo, con la precisazione che la prima richiesta sarà assegnata al GIP di turno nella settimana di arrivo e che in caso di più richieste giunte nella Cancelleria GIP nella medesima giornata l'ordine di arrivo sarà stabilito in base al numero del registro notizie di reato (dal più risalente al più recente); - tutti gli altri procedimenti pervenuti nella settimana saranno assegnati al Magistrato di volta in volta in turno; restano fermi gli ulteriori criteri già vigenti. GIUDICE TUTELARE Le funzioni di Giudice tutelare verranno svolte dalla dott.ssa FEDERICA ROSSI. Supplente: dott. EMILIANO VASSALLO, il quale provvederà in ogni caso alla trattazione delle procedure riguardanti richieste di T.S.O. da decidere non oltre la giornata del lunedì. Secondo supplente: GOT RAFFAELE IANNUZZO. CIVILE Magistrati assegnati alla trattazione della cause civili, oltre al Presidente del Tribunale: I) dott.ssa FEDERICA ROSSI, alla quale verrà assegnato un ruolo complessivamente composto da procedimenti pendenti sui ruoli attualmente individuati come: Ferdinandi (circa 139), lamartino (circa 710), Piccialli (circa 848); alla dott.ssa ROSSI, poiché assegnataria del ruolo aggiuntivo di Giudice tutelare, viene affiancato il GOT dotto Iamartino al quale il predetto Magistrato togato provvederà a delegare la gestione di un numero di cause, da individuarsi tra quelle delegabili a Giudici onorari ai sensi del par. 61 della Circolare sulla formazione delle tabelle, di non eccessiva complessità da valutarsi con particolare riferimento alla materia e, comunque, di valore non superiore ad ,00. 7

8 Il GOT lamartino terrà udienza i primi quattro mercoledì del mese. Supplenti: GOT lamartino; dott.ssa laselli. 2) dott.ssa ARLEN PICANO, alla quale verrà assegnato un ruolo composto da procedimenti pendenti sui ruoli attualmente individuati come: De Angelis (circa 657), ex Ferdinandi (circa 598); alla dott.ssa Picano, poiché assegnataria del ruolo aggiuntivo di componente del Collegio penale, viene affiancato il GOT dotto De Angelis al quale il predetto Magistrato togato provvederà a delegare la gestione di un numero di cause, da individuarsi tra quelle delegabili a Giudici onorari ai sensi del par. 61 della Circolare sulla formazione delle tabelle, di non eccessiva complessità da valutarsi con particolare riferimento alla materia e, comunque, di valore non superiore ad ,00 ( Il GOT De Angelis terrà udienza i primi quattro lunedì del mese. Supplenti: GOT De Angelis; dott.ssa Rossi. 3) dott.ssa VERA IASELLI, alla quale verrà assegnato un ruolo composto da procedimenti pendenti sui ruoli attualmente individuati come: Messa (circa 458), Zarone (circa 638) ed ex Ruscito (circa 587); alla dott.ssa laselli, poiché assegnataria del ruolo aggiuntivo di componente del Collegio penale, viene affiancato il GOT dott.ssa Zarone al quale il predetto Magistrato togato provvederà a delegare la gestione di un numero di cause, da individuarsi tra quelle delegabili a Giudici onorari ai sensi del par. 61 della Circolare sulla formazione delle tabelle, di non eccessiva complessità da valutarsi con particolare ritèrimento alla materia e, comunque, di valore non superiore ad ,00 Supplenti: GOT Zarone; dott.ssa Picano. Il GOT Zarone terrà ud ienza i prim i quattro giovedì de I mese. 4) dott. EMILIANO VASSALLO al quale saranno assegnate le cause di opposizione all'esecuzione mobiliari ed immobiliari e le cause di opposizione agli atti esecutivi escluse quelle relative a procedure di esecuzione immobiliare per le quali lo stesso è incompatibile. Supplente: dotto ANTONIO RUSCITO; GOT DE ANGELIS. Con separato provvedimento attuativo del Magistrato coordinatore del settore civi le saranno individuate le necessarie modalità di smistamento di processi dai ruoli assegnati alle dott.sse Picano, Rossi e laselli a quello del dotto Vassallo, nonché di opportuno riequilibro dei ruoli medesimi anche in ragione della pregressa attribuzione di ruoli autonomi ai GOT e delle criticità conseguenti alle gravi carenze di organico che hanno interessato l'ufficio. COLLEGIO CIVILE per le cause ordinarie, i reclami e le procedure camerali: l) Presidente del Tribunale o chi lo sostituisce 2) G iud ice anziano 8

9 3) Giudice re latore Nel caso in cui il Giudice anziano sia relatore, completerà il Collegio il Magistrato di anzianità immediatamente interiore. Tutti i Giudici dell'ufficio parteciperanno in misura eguale all'assegnazione di procedimenti collegiali civili, in ordine inverso di anzianità, e caute lari/possessori, con eccezione, per questi ultimi, del dott. Mario Ciccarelli al quale saranno assegnati i procedimenti cautelari in materia lavoro. Il Collegio per le cause elettorali sarà cosi composto: l) Presidente del Tribunale o chi lo sostituisce - Presidente 2) dr. Elena Quaranta. 3) dr. Antonio Ruscito. Supplenti, nell'ordine: dr. Valeria Battista, dr. Federica Rossi. Il Collegio terrà udienza il primo e terzo venerdì di ogni settimana ESECUZIONI CIVILI Esecuzioni immobiliari: dott. EMILIANO VASSALLO. Supplente: GOT IANNUllO; GOT dott. IAMARTINO. Esecuzioni mobiliari: dotto MARIO CICCARELLI. AI dott. Ciccarelli, in quanto assegnatario del ruolo principale lavoro e previdenza, verrà affiancato il GOT dott. FRANCESCO la MARTINO al quale il predetto Magistrato togato potrà delegare la gestione dell'udienza nonché l'adozione dei provvedimenti fuori udienza, salvo che per procedimenti di particolare difficoltà (il GOT sarà sempre presente in ufficio nei giorni in cui si terrà l'udienza che potrà essergli delegata). Supplente: GOT IANNUllO; GOT IAMARTINO; dott. MARIO CICCARELLI, LAVORO Supplenti nell'ordine: dott. ANTONIO RUSCITO; dott.ssa VALERIA BATTISTA; GOT De Angelis; Collegio per i reclami: saranno seguiti i medesimi criteri stabiliti per il collegio civile. Collegio: FALLIMENTARE 9

10 I) Presidente del Tribunale o chi lo sostituisce - Presidente 2) dott.ssa VALERIA BATTISTA - Giudice 3) dotto EMILIANO VASSALLO - Giudice Supplenti: nell'ordine dott.ssa ELENA QUARANTA e dotto ANTONIO RUSCITO. GIUDICE DELEGATO AI FALLIMENTI Il dotto EMILIANO VASSALLO svolgerà le funzioni di G.D. ai Fallimenti e terrà udienza i primi quattro mercoledì del mese. Supplenti: nel l'ord ine, dott.ssa Valeria Battista, dr.ssa Elena Quaranta AGRARIA Collegio: l) dott.ssa FEDERICA ROSSI - Presidente 2) dott.ssa ARLEN PICANO - Giudice 3) dott.ssa VERA IASELLI - Giudice 4) dr. ALTERIO FERDINANDO - Esperto 5) dr. SCIULLI STEFANO - ESpet10 Supplenti: nell'ordine dr. Valeria Battista (Presidente); dr. Mario Ciccarelli (componente); dr. Emiliano Vassallo (componente); oltre gli altri due esperti supplenti dr. Socci Roberto e dr. Testa Alessandro. II Collegio terrà udienza il primo venerdì di ogni mese. PENALE Giudice monocratico: Dott.ssa VALERIA BATTISTA la quale svolgerà funzioni di Giudice Monocratico per tutti procedimenti sopra indicati provenienti da udienza preliminare e da citazione diretta. Alla dott.ssa BATTISTA viene affiancato il GOT dott.ssa GIOVANNA ZARONE, la quale per la trattazione per i procedimenti a lei delegati terrà udienza nella giornata del lunedì. Dott.ssa ELENA QUARANTA la quale svolgerà funzioni di Giudice Monocratico per tutti procedimenti sopra indicati provenienti da citazione diretta. Alla dott.ssa Quaranta viene affiancato il GOT dott. RAFFAELE IANNUZZO, il quale per la trattazione dei procedimenti a lui delegati terrà udienza nella giornata del giovedì. Dott. ANTONIO RUSCITO il quale svolgerà funzioni di Giudice Monocratico per tutti procedimenti sopra indicati provenienti da citazione diretta. 10

11 Al dotto Ruscito viene affiancato il GOT dott.ssa ANNA DI BIANCO, la quale per la trattazione dei procedimenti a lei delegati terrà udienza nella giornata del venerdì. Supplenti: per processi provenienti da udienza preliminare: nell'ordine, dott.ssa ELENA QUARANTA. dott. ANTONIO RUSCITO; per processi da citazione diretta: supplenza reciproca tra Magistrati togati e GOT rispettivamente loro affiancati, Collegio per il dibattimento e le procedure camerali: I) dott.ssa VALERIA BATTISTA - Presidente 2) dott.ssa ARLEN PICANO - Giudice 3) dott.ssa VERA [ASELLI - Giudice Supplenti: nell'ordine, dotto MARIO CICCARELLI e dott.ssa FEDERICA ROSSI. Presidente supplente: il Presidente del Tribunale, dott. GUIDO GHIONNI. La dott.ssa ELENA QUARANTA fungerà da Coordinatore del lavoro nel settore penale. II Collegio Penale terrà udienza i primi tre mercoledì di ogni mese. G.I.P. e G.U.P. dott.ssa ELENA QUARANTA; dott. ANTONIO RUSCITO. Supplenti: dottri QUARANTA e RUSCITO reciprocamente tra di essi; secondo supplente dott.ssa VALERIA BATTISTA (sussistendo imprescindibili esigenze di servizio per assenza nell'ufficio di altri Giudici abilitati allo svolgimento di tali funzioni) ******** Giudice del Registro delle Imprese: dotto EMILIANO VASSALLO. Magistrato referente informatico: dott.ssa VERA IASELLI. Magistrato di riferimento del referente informatico: dott.ssa VALERIA BATTISTA. Coordinatore settore penale: dott.ssa ELENA QUARANTA. Coordinatore settore civile: dott. ANTONIO RUSCITO. Referente GOT civile: dott.ssa FEDERICA ROSSI. ********* G.O.T. 11

12 I magistrati onorari svolgeranno, oltre all'affiancamento sopra disciplinato, anche attività di supporto e di supplenza dei magistrati togati, nei procedimenti che possono essere loro assegnati, nel rispetto della normativa vigente e delle circolari del CSM. ******** PQM dispone vanazlone tabellare urgente nei sensi di cui In premessa a decorrere dal 18/02/2014, rimanendo fermo per il resto quanto previsto nell'assetto tabellare vigente; dichiara la variazione immediatamente esecutiva; r manda alla Cancelleria per tutti gli adempimenti prescritti, compresa la comunicazione al P.M. sede ed al Consiglio dell'ordine degli Avvocati. Isernia, 17/02/2014 Il Presidente. del Tribunale ti, ",--. (dr. Guido Ghianni) ry-'k Depositato in Segreteria li i '/ F E B,:..20j4 V.I ;~"~;~'Li;:;~p:: v,,,;,)) ( 12

1rR][BlUNALE :DI MODENA

1rR][BlUNALE :DI MODENA 1rR][BlUNALE :DI MODENA -----------------------------_---=...:. Decreto n. 3~ _ Il Presidente del Tribunale Premesso: che nella Seconda Sezione civile, sottosezione ordinaria, è attualmente in vigore la

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI TRIESTE PRESIDENZA Foro Ulpiano n. 1-34133 Trieste tel. 040/7792426 - fax 040/7792568 e-mai! tribunale.trieste@giustizia.

TRIBUNALE ORDINARIO DI TRIESTE PRESIDENZA Foro Ulpiano n. 1-34133 Trieste tel. 040/7792426 - fax 040/7792568 e-mai! tribunale.trieste@giustizia. TRIBUNALE ORDINARIO DI TRIESTE PRESIDENZA Foro Ulpiano n. 1-34133 Trieste tel. 040/7792426 - fax 040/7792568 e-mai! tribunale.trieste@giustizia.it N. À1.q, \ I Data L'ò, ~, 'I Indice di Classificazione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Tei. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Via Moretto, 78-25100 Brescia 030/29861 - Fax 030/2986373 - E mali tribunale.brescia@giustizia.it Y Prot. Brescia, 12marzo'09 OGGETTO: Trasloco nel nuovo Palagiustizia

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

OGGETTO: Pratica num. 429/VV/2010 - Quesiti sulla circolare in materia di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012-2014.

OGGETTO: Pratica num. 429/VV/2010 - Quesiti sulla circolare in materia di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012-2014. Roma 02/12/2011 Protocollo P 26607/2011 OGGETTO: Pratica num. 429/VV/2010 - Quesiti sulla circolare in materia di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012-2014. Comunico che il Consiglio

Dettagli

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI Il presente articolato è stato depositato alla Camera dei Deputati in sede di audizione dalla dott.ssa Barbara Fabbrini.. TESTO DA EMENDARE PROPOSTA DI EMENDAMENTO

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA PROGETTO INNOVAGIUSTIZIA CARTA DEI SERVIZI Dicembre 2011 1 LA CARTA DEI SERVIZI DEL TRIBUNALE DI BRESCIA La Carta dei Servizi è uno strumento di comunicazione e trasparenza,

Dettagli

Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis

Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis Titoli di studio Ho conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo ginnasio Orazio di Roma con la votazione massima, ed il diploma di laurea

Dettagli

Il Consiglio Superiore della Magistratura nella seduta del 14 febbraio 2001, ha adottato la seguente deliberazione:

Il Consiglio Superiore della Magistratura nella seduta del 14 febbraio 2001, ha adottato la seguente deliberazione: Integrazione della circolare relativa alla formazione delle tabelle di composizione degli uffici del giudice di pace per il biennio 2000-2001, a seguito delle innovazioni introdotte dalla legge 24 novembre

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

vi è stato un netto miglioramento della durata dei definiti con altre modalità (da 154 a 105), ed un deciso aumento dell'indice di ricambio (da 0,72

vi è stato un netto miglioramento della durata dei definiti con altre modalità (da 154 a 105), ed un deciso aumento dell'indice di ricambio (da 0,72 BREVE RELAZIONE PROGRAMMI DI GESTIONE 2015 La redazione definitiva del programma di gestione è stata preceduta da apposite riunioni con i colleghi, l'ultima delle quali il 13 gennaio 2015, e dalle comunicazioni

Dettagli

SEGNALAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE TABELLE DI ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO

SEGNALAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE TABELLE DI ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI SASSARI PRESIDENZA SEGNALAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE TABELLE DI ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO Triennio 2014-2016 PARTE PRIMA DOCUMENTO ORGANIZZATIVO GENERALE OMISSIS ALLEGATI

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA IL PRESIDENTE. proposta di variazione delle tabelle di composizione del Tribunale di

TRIBUNALE DI VICENZA IL PRESIDENTE. proposta di variazione delle tabelle di composizione del Tribunale di TRIBUNALE DI VICENZA IL PRESIDENTE All'Ill.mo Signor Presidente della Corte di Appello quale Presidente del Consiglio Giudiziario VENEZIA Oggetto: proposta di variazione delle tabelle di composizione del

Dettagli

TRIBUNALE DI SASSARI Presidenza

TRIBUNALE DI SASSARI Presidenza TRIBUNALE DI SASSARI Presidenza Prot. 73/09 Int. Oggetto: Sassari, 12.02.2009 Variazione tabellare Settore Civile IL PRESIDENTE Considerato che in data 30 gennaio 2009 sono state depositate le tabelle

Dettagli

F O R MA T O C U R R I C U L U M V I T A E

F O R MA T O C U R R I C U L U M V I T A E F O R MA T O C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI (OBBL.) Nome Data di nascita FRANCAVILLA MICHELANGELO Residente in Roma, via della Balduina n. 277 00136 ROMA TELEFONO: 06/35340181-3207983774

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Milano 12.2.2014 LE NOVITA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA:

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Milano 12.2.2014 LE NOVITA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA: Dropbox/ 12.2.2014 X Formazione Decentrata /Convegno 337 bis CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA STRUTTURA TERRITORIALE DI FORMAZIONE DI MILANO Milano 12.2.2014 LE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI dinanzi al: GIUDICE DI PACE DI LAGONEGRO GIUDICE DI PACE DI LAURIA GIUDICE DI PACE DI CHIAROMONTE GIUDICE DI PACE DI SANT ARCANGELO PROTOCOLLO

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 21 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 21 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera: Circolare sulla formazione delle tabelle di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012/2014. (Circolare P. n. 19199 del 27 luglio 2011 - Delibera del 21 luglio 2011 e succ. mod. al 14

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE CAMERA PENALE VERONESE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI

Dettagli

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00 TABELLE ALLEGATE AL D.M. 55/2014 COMPENSI PROFESSIONALI AVVOCATI Sono state introdotte alcune modifiche rispetto alla normativa precedente: 1) è stato reintrodotto il rimborso per spese forfettarie, che

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 10 novembre 2014 Individuazione delle sedi degli uffici del giudice di pace mantenuti ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 156. (14A09312)

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Tribunale di Napoli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Tribunale di Napoli Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico P.zza dei Martiri 30-80121 - Napoli - Tel. 081/7643787 - fax 081/2400335 Centro Direzionale

Dettagli

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 19 febbraio 2014, n. 14 Disposizioni integrative, correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 7 settembre 2012, n. 155, e 7 settembre 2012, n. 156,

Dettagli

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino. Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici. al fine dell iscrizione nell Elenco speciale

Città di Nichelino Provincia di Torino. Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici. al fine dell iscrizione nell Elenco speciale Città di Nichelino Provincia di Torino Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici al fine dell iscrizione nell Elenco speciale Approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino il 29.4.2014

Dettagli

PROTOCOLLO Dl INTESA. onorari a favore dei d i f e n s o r i d e g l i i m p u t a t i

PROTOCOLLO Dl INTESA. onorari a favore dei d i f e n s o r i d e g l i i m p u t a t i PROTOCOLLO Dl INTESA per la liquidazione accelerata delle r ichieste di di pagamento degli onorari a favore dei d i f e n s o r i d e g l i i m p u t a t i ammessi al patrocinio a spese dello Stato nonché

Dettagli

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26 PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 - Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per

Dettagli

ATTENZIONE: tale aumento non si applica in caso di posizioni processuali identiche.

ATTENZIONE: tale aumento non si applica in caso di posizioni processuali identiche. n. RGDIB Nota spese 1 "Rito Monocratico" (Acq. atti, e/o Sentenza ex artt.129 o 49 c.p.p.)" NOTA SPESE n. 1 "Rito Monocratico con consenso acquisizione atti e/o definito con sentenza di proscioglimento,

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE 13 GENNAIO 2015 La presente nota operativa dello StaffPCT del Tribunale di Firenze è un estratto di alcune indicazioni contenute nella circolare

Dettagli

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Divorzio breve ENTRATA IN VIGORE: 26 MAGGIO 2015 Legge 55 del 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PERUGIA, DI TERNI E DI SPOLETO

L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PERUGIA, DI TERNI E DI SPOLETO L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PERUGIA, DI TERNI E DI SPOLETO ORGANIZZANO CORSO PER DIFENSORI D UFFICIO NEL PROCESSO PENALE E CIVILE MINORILE E PROPEDEUTICO ALLA NOMINA A CURATORE SPECIALE DEL MINORE Si comunica

Dettagli

LA GIUNTA DELLA COMUNITA

LA GIUNTA DELLA COMUNITA DELIBERAZIONE N. DD. aprile 2014 OGGETTO: Sentenza della Sezione Giurisdizionale Regionale della Corte dei Conti per il Trentino Alto Adige sede di Trento n. 7/2014. Designazione Ufficio incaricato della

Dettagli

Art. 2 Criteri per il riconoscimento delle sedi idonee

Art. 2 Criteri per il riconoscimento delle sedi idonee REGOLAMENTO PER IL TIROCINIO POST-LAUREAM PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE IN TECNICHE PSICOLOGICHE Approvato dal Consiglio della Facoltà

Dettagli

Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni

Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni (Corte delle assicurazioni sociali del Tribunale federale) del 16 novembre 1999 Il Tribunale federale delle assicurazioni, visti gli articoli 122

Dettagli

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI sentenza 24 novembre 2015 n. 5324 (sull insussistenza dell obbligo per il Comune di eseguire in via amministrativa

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 301/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 settembre 2012, composta

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

Protocollo d'intesa ed istruzioni pratiche per il perfezionamento dell'iscrizione a ruolo ed il deposito di atti nelle procedure esecutive mobiliari

Protocollo d'intesa ed istruzioni pratiche per il perfezionamento dell'iscrizione a ruolo ed il deposito di atti nelle procedure esecutive mobiliari Protocollo d'intesa ed istruzioni pratiche per il perfezionamento dell'iscrizione a ruolo ed il deposito di atti nelle procedure esecutive mobiliari Il Presidente della sezione quarta esecuzioni mobiliari

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

ELENCO TELEFONICO UFFICI GIUDIZIARI DEL DISTRETTO DI PERUGIA. CORTE DI APPELLO 06121 Perugia - P.zza Matteotti, 1/22

ELENCO TELEFONICO UFFICI GIUDIZIARI DEL DISTRETTO DI PERUGIA. CORTE DI APPELLO 06121 Perugia - P.zza Matteotti, 1/22 ELENCO TELEFONICO UFFICI GIUDIZIARI DEL DISTRETTO DI PERUGIA CORTE DI APPELLO 06121 Perugia - P.zza Matteotti, 1/22 Centralino... 075 54051 fax... 075 9669224 Custode Palazzo di Giustizia... 075 5733804

Dettagli

IL GIUDICE UNICO NEL PROCESSO CIVILE E PENALE

IL GIUDICE UNICO NEL PROCESSO CIVILE E PENALE PIER PAOLO RIVELLO - ELISABETTA VIANELLO IL GIUDICE UNICO NEL PROCESSO CIVILE E PENALE UTET INDICE PARTE PRIMA IL GIUDICE UNICO DI PRIMO GRADO NEL PROCESSO CIVILE (Elisabetta Vianello) INTRODUZIONE 1.

Dettagli

COMUNE DI TRINITAPOLI

COMUNE DI TRINITAPOLI COMUNE DI TRINITAPOLI (PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI) COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 48 Del 12-05-2014 Oggetto: D.M. N.55/2014 - DETERMINAZIONE PARAMETRI PER LA LIQUIDAZIONE

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA DECR. PRES.N. TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA SEGNALAZIONE AL SIG. PRESIDENTE DELLA CORTE D APPELLO DI BOLOGNA PER LA FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA TABELLARE DI ORGANIZZAZIONE PER IL TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Direzione Ufficio N. posti

Direzione Ufficio N. posti Prot. 147125/2014 R.U. Procedura di mobilità intercompartimentale per la copertura, mediante passaggio diretto tra amministrazioni pubbliche, di n. 9 posti nella terza area funzionale, profilo professionale

Dettagli

Notizie dal Consiglio

Notizie dal Consiglio Notizie dal Consiglio NUMERO 9/2013 31 OTTOBRE 2013 z DALLE ISTITUZIONI 1. Dal nostro Consiglio - Lettera Presidente Napoli: riduzione orario delle cancellerie - Vademecum e Protocollo Patrocinio a Spese

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 21 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 21 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera: Circolare su applicazioni, supplenze, tabelle infradistrettuali e magistrati distrettuali. (Circolare n. P. n. 19197 del 27 luglio 1011- Delibera del 21 luglio 2011) Il Consiglio superiore della magistratura,

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

Del/Par. n.8/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007

Del/Par. n.8/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007 1 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del

Dettagli

TRIBUNALE DI COSENZA

TRIBUNALE DI COSENZA TRIBUNALE DI COSENZA OGGETTO: Nuova Convenzione sulle condizioni di conto corrente e dei libretti dei depositi delle procedure concorsuali ed esecutive. I Il Presidente del Tribunale, dott.ssa Rosa Scotto

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Regolamento sulle procedure di selezione esterne

Regolamento sulle procedure di selezione esterne Regolamento sulle procedure di selezione esterne ACER Azienda Casa Emilia Romagna della Provincia di Bologna Par. 1 Principi generali 1.1 ACER ispira la propria condotta in materia di reclutamento ed assunzione

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO MINORILE E DI FAMIGLIA CIVILE E PENALE

CORSO DI DIRITTO MINORILE E DI FAMIGLIA CIVILE E PENALE CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni Sedi di Campobasso-Isernia e Larino/Termoli CORSO DI DIRITTO MINORILE E DI FAMIGLIA CIVILE E PENALE CIVILE I Incontro Campobasso, 28 marzo

Dettagli

Tribunale Ordinario di Cagliari

Tribunale Ordinario di Cagliari Indice 1. Introduzione 2. L analisi della situazione 3. La fase di progettazione della riorganizzazione del settore Penale 4. I primi risultati della progettazione 5. Altri interventi di riorganizzazione

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA Ufficio elettorale Piazza Sant Anna, 31 Cap. 37040 TEL. 0442/99133 99468 FAX 0442/99268 DETERMINAZIONE N. 30 del 07 aprile 2015 OGGETTO: Consultazioni elettorali

Dettagli

AVVISO DI VENDITA DEI BENI DI TITOLARITÀ DEL FALLIMENTO CALL FOR OFFERS

AVVISO DI VENDITA DEI BENI DI TITOLARITÀ DEL FALLIMENTO CALL FOR OFFERS TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO Fallimento n. 229/10 GRUPPO FINANZIARIO IMMOBILIARE s.r.l. in liquidazione Presidente e Giudice Delegato: Dott.ssa Giovanna Carla DOMINICI Curatore: Prof. Dott. Luciano

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

FONDAZIONE GEROLAMO GASLINI NUOVO STATUTO. Art. 1 (Denominazione e Sede)

FONDAZIONE GEROLAMO GASLINI NUOVO STATUTO. Art. 1 (Denominazione e Sede) FONDAZIONE GEROLAMO GASLINI NUOVO STATUTO Art. 1 (Denominazione e Sede) La Fondazione "Gerolamo Gaslini", costituita dal Fondatore Gerolamo Gaslini con atto Notaio Schiaffino del 28 Novembre 1949, ha personalità

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA STATISTICHE 2011 A cura di Dossier realizzato nell ambito del progetto INNOVAGIUSTIZIA 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI DATI SUL CONTESTO TERRITORIALE... 4 Popolazione... 5 DATI

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

RISCOSSIONE ESATTORIALE NOVITA, QUESTIONI CONTROVERSE E SOLUZIONI PRATICHE

RISCOSSIONE ESATTORIALE NOVITA, QUESTIONI CONTROVERSE E SOLUZIONI PRATICHE MASTER RISCOSSIONE ESATTORIALE NOVITA, QUESTIONI CONTROVERSE E SOLUZIONI PRATICHE Napoli, 25 settembre, 9, 23 ottobre, 6 e 20 novembre 2015 Obiettivi Il Master ha la finalità di fornire agli operatori

Dettagli

Il ruolo dell avvocato nel passaggio dalla fase della cognizione a quella della esecuzione penale

Il ruolo dell avvocato nel passaggio dalla fase della cognizione a quella della esecuzione penale Il ruolo dell avvocato nel passaggio dalla fase della cognizione a quella della esecuzione penale Corso di formazione con attribuzione di 16 crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che

Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando. al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che Il curatore avrà cura di compilare le parti evidenziate in rosa lasciando al GD le aree evidenziate in rosso e quelle non evidenziate che verranno compilate dal gd in udienza (v. presenza parti) Il curatore

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di

TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. ATTO DI COSTITUZIONE PARTE CIVILE Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di curatore del fallimento in liquidazione con sede in. Fall. N. G.D.. autorizzato

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Tribunale di Napoli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Tribunale di Napoli Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Tribunale di Napoli Ente Pubblico non Economico P.zza dei Martiri 30-80121 - Napoli - Tel. 081/7643787 - fax 081/2400335 Centro Direzionale

Dettagli

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI UNIPROF CONSORZIO Università degli Studi di Roma Tor Vergata O.D.C.E.C. di Roma Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato, nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR

Deliberazione n. 119/2015/PAR Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

Progetto di formazione sul Processo Telematico DECRETI INGIUNTIVI ESECUZIONI IMMOBILIARI ATTI ENDOPROCESSUALI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA

Progetto di formazione sul Processo Telematico DECRETI INGIUNTIVI ESECUZIONI IMMOBILIARI ATTI ENDOPROCESSUALI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA Progetto di formazione sul Processo Telematico DECRETI INGIUNTIVI ESECUZIONI IMMOBILIARI ATTI ENDOPROCESSUALI Verona 29 aprile 2014 Il tempo scorre. Sostituire il testo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGOLAMENTO PER LA TUTELA LEGALE DEL PERSONALE DELL'ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA. ADOZIONE.

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGOLAMENTO PER LA TUTELA LEGALE DEL PERSONALE DELL'ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA. ADOZIONE. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 47 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 22/02/2012 OGGETTO REGOLAMENTO PER LA TUTELA LEGALE DEL PERSONALE DELL'ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA. ADOZIONE. IL DIRETTORE GENERALE (dott.

Dettagli

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA Le linee guida che sono qui definite costituiscono il frutto di alcuni incontri sollecitati dal Presidente del Tribunale di Milano tra giudici penali dell'ufficio,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO E DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE CON FINALITA DI SOSTEGNO DELLA LIQUIDITA DEL TITOLO

Dettagli

PRESIDENZA DI UDIENZE PENALI DIBATTIMENTALI.

PRESIDENZA DI UDIENZE PENALI DIBATTIMENTALI. TRIBUNALE DI ASCOLI PICENO PRESIDENZA Prot. n. 1037 /13 OGGETTO: CIRCOLARE REG. PROVV. N.78 - CRITERI E PRESCRIZIONI IN MATERIA DI UDIENZE PENALI DIBATTIMENTALI. Premessa Il Presidente, ritenuto necessario

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 29 maggio 2007 Oggi in Pavia, alle ore 15.00, presso la Sala del Consiglio di Amministrazione, Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo

Dettagli

Conferimento incarico di coordinamento dell UO Amministrazione del Personale fino al 30 giugno 2015. Il Direttore Generale

Conferimento incarico di coordinamento dell UO Amministrazione del Personale fino al 30 giugno 2015. Il Direttore Generale Oggetto: Conferimento incarico di coordinamento dell UO Amministrazione del Personale fino al 30 giugno 2015. Il Direttore Generale la legge regionale 8 agosto 2006 n.13 di Riforma degli enti agricoli

Dettagli

A P P U N T O. Tra le principali novità, si evidenzia l'introduzione dei seguenti criteri:

A P P U N T O. Tra le principali novità, si evidenzia l'introduzione dei seguenti criteri: A P P U N T O OGGETTO: revisione dei criteri di mobilità volontaria per il personale non direttivo e non dirigente del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. La Direzione Centrale per le Risorse Umane ha predisposto

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 27 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 27 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera: Riformulazione dei modelli di rapporto del Capo dell Ufficio e di parere del Consiglio giudiziario allegati alla circolare n. P. 20691 dell 8 ottobre 2007 in materia di Nuovi criteri per la valutazione

Dettagli

Organizzazione della giustizia - Belgio

Organizzazione della giustizia - Belgio Organizzazione della giustizia - Belgio c) Descrizione dettagliata degli organi giudiziari 1. Ufficio del Giudice di pace Il Giudice di pace è il giudice più vicino al cittadino. È nominato dal Re conformemente

Dettagli

Nuovo testo : 1 SEZIONE PENALE E DELLE MISURE DI PREVENZIONE

Nuovo testo : 1 SEZIONE PENALE E DELLE MISURE DI PREVENZIONE Nuovo testo : 1 SEZIONE PENALE E DELLE MISURE DI PREVENZIONE La Sezione è presieduta dal Presidente di Sezione dott. Serao che viene incaricato del coordinamento organizzativo di tutta l attività penalistica

Dettagli

BOMI ITALIA S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO

BOMI ITALIA S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO BOMI ITALIA S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO Assemblea ordinaria degli azionisti 23 luglio 2015 1^ convocazione

Dettagli

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE 1 PARTE I^ 1) PRIMA UDIENZA 1) L assegnazione delle cause ai giudici e la fissazione dell udienza di

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli