Distribuzione di Lepus corsicanus nel Lazio e costruzione di un modello attuale di idoneità ambientale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distribuzione di Lepus corsicanus nel Lazio e costruzione di un modello attuale di idoneità ambientale"

Transcript

1 Conservazione di Lepus corsicanus De Winton, 1898 e stato delle conoscenze, de Filippo et al. (a cura di), 2007, IGF publ. Distribuzione di Lepus corsicanus nel Lazio e costruzione di un modello attuale di idoneità ambientale Francesco Maria Angelici 1, Fabio Petrozzi 2 e Assuntina Galli 1 1 Università della Tuscia, Dipartimento di Scienze Ambientali, Largo dell Università snc, I Viterbo, Italia, 2 Ecologia Applicata Italia s.r.l., Via E. Jenner 70, I Roma, Italia, Abstract Lepus corsicanus is an Italian endemic widespread in Central and Southern Apennine, and in Sicily. Although this species is often confused with Lepus europaeus and it is in way to extinction, it is still present in Latium region (Central Italy), probably with small populations, often both geographically and ecologically isolated. Starting from 1981 until now we collected data concerning captured specimens during hunting season or killed accidentally, and sightings. Every record were reported on a geographic map using a GIS software (ArcView 3.2). Moreover, we have realized an habitat suitability model for this species. Analysing the distribution of L. corsicanus in Latium, it seems clearly a taxon adaptable to different habitat and altitudes. In fact, it was found from the sea level, in Mediterranean environment, until at the Apennine pastures (the highest record was at m). A right habitat suitability model, must be taken with serious consideration for future conservation and/or restocking projects of this species. Introduzione Lepus corsicanus fu descritta originariamente da De Winton (1898) come buona specie da esemplari della Corsica (da cui il nome specifico). Il taxon, successivamente, fu declassato a sottospecie L. europaeus, cioè L. e. corsicanus, e così considerato per molto tempo, da diversi autori (cfr. Miller 1912, Ellerman e Morrison-Scott 1951, Toschi 1965, Corbet 1978). Solamente agli inizi degli anni 80 del secolo passato (1981), uno degli autori (Angelici) cominciò saltuariamente a raccogliere dati relativi a questo taxon, ignorando inizialmente ancora il reale status specifico ma sospettando una qualche distinzione certamente maggiore del livello subspecifico (cfr. Angelici e Luiselli 1998). Ciononostante vennero messi in evidenza per la prima volta alcuni caratteri distintivi, ad es. la macchia nerastra dietro la nuca (Angelici 1989), che andavano a integrare le caratteristiche già evidenziate per Lepus europaeus corsicanus già descritte da De Winton (1898). Già a partire dalla metà degli anni 80 si disponeva di una lista di stazioni di presenza della specie nel Lazio, tuttora continuamente aggiornata. A partire dalle conoscenze ecologiche della specie, rilevate da osservazioni dirette sul campo, è stato elaborato un modello di idoneità ambientale con lo scopo di produrre un documento, in continua evoluzione in base all incremento delle nuove conoscenze, utile alla gestione e conservazione di Lepus corsicanus, sia a livello regionale, che in un ambito più ampio. Metodi Per l elaborazione dei dati e la costruzione del relativo modello, è stato utilizzato il software GIS ARCVIEW 3.2 (ESRI Italia). Partendo delle categorie della CORINE land cover (tab. 1), sono stati attribuiti punteggi di idoneità ambientale con una scala di valori (tab. 2). Successivamente sono state definite alcune categorie altitudinali DTM (tab. 3), alle quali sono stati applicati punteggi di idoneità (tab. 4). Infine, dalla sovrapposizione dei punteggi di idoneità ambientale e dei punteggi di idoneità applicati alle diverse categorie altitudinali, abbiamo ottenuto una nuova serie di classi di idoneità (tab. 5), con la quale è stato costruito un modello di idoneità ambientale. 103

2 1.1.1 Edificato urbano continuo Tabella 1 - Definizione delle classi Corine Land Cover Edificato urbano discontinuo Unità industriali e commerciali Reti stradali e ferroviarie e zone di pertinenza Aree portuali Aeroporti Aree estrattive Discariche Aree in costruzione Aree urbane verdi Strutture di sport e tempo libero Terre arabili non irrigate Vigneti Alberi e arbusti da frutto Aree coltivate ad olivo Pascoli Coltivazioni annuali associate a colture permanenti Aree agricole a struttura complessa Superfici occupate principalmente da coltivazioni agricole, con aree aventi una significativa copertura vegetale naturale Aree agro-forestali Boschi di latifoglie Foreste di conifere Boschi misti Praterie naturali Brughiere Vegetazione a sclerofilla Aree di transizione cespugliato-bosco Spiagge e dune Roccia nuda Aree con vegetazione sparsa Aree incendiate Aree interne palustri Saline Corsi d acqua Corpi d acqua 104

3 Conservazione di Lepus corsicanus De Winton, 1898 e stato delle conoscenze, de Filippo et al. (a cura di), 2007, IGF publ. Le varie classi sono evidenziate sulla carta risultante dall applicazione del modello. Successivamente è stato paragonato il modello risultante dal presente lavoro con il modello di idoneità ambientale precedentemente proposto da ARP Lazio e Università di Roma La Sapienza nel 2004 (Boitani et al. 2004). Infine, abbiamo riportato sul nostro modello tutte le stazioni di rilevamento della specie relative al periodo relative ad avvistamenti, abbattimenti avvenuti durante la stagione venatoria e ritrovamenti accidentali. Tabella 2 - Punteggi di idoneità ambientale Punteggio Definizione 0 Categoria ambientale inadatta alla presenza della specie 1 Categoria ambientale caratterizzata dalla presenza parziale delle risorse necessarie alla specie 2 Categoria ambientale caratterizzata dalla presenza contemporanea delle risorse necessarie alla specie a livello non ottimale 3 Categoria ambientale caratterizzata dalla presenza contemporanea delle risorse necessarie alla specie a livello ottimale Tabella 3 - Categorie altitudinali DTM (m) Tabella 4 - Punteggi di idoneità applicati alle diverse categorie altitudinali (vedi tab. 3) Punteggio Definizione 0 Assenza della specie 1 Altitudine sub-ottimale per la specie 2 Altitudine ottimale per la specie Tabella 5 - Classi di idoneità ambientale derivanti dalla sovrapposizione dei punteggi di idoneità ambientale (tab. 2) e dei punteggi di idoneità applicati alle diverse categorie altitudinali (tab. 4) Classe Definizione 0 Non idoneo 1 Bassa idoneità 2 Media idoneità 3 Alta idoneità 105

4 Risultati Dalle classi di idoneità ambientale (cfr. tab. 5) si è ottenuta la classificazione delle aree potenzialmente interessanti per la presenza della lepre appenninica a livello regionale (fig. 1). In figura 2, come comparazione, è riportato il modello di idoneità ambientale proposto nel 2004 dall ARP Lazio e dall Università degli Studi di Roma La Sapienza (Boitani et al. 2004). Infine, in fig. 3, sono riportate tutte le stazioni di presenza della specie nel territorio laziale, relative al periodo , sovrapposte al nostro modello di idoneità ambientale. Discussione e conclusioni Osservando la figura 1 gli ambienti a maggiore idoneità ambientale per la lepre appenninica risultano alcune aree costiere mediterranee pianeggianti o di modesta altitudine, e aree più interne pre-appenniniche e appenniniche ad altitudine medio-alta (max 1700 m), come anche visibile dal grafico delle percentuali (fig. 4). Gli ambienti ai quali è stato attribuito un punteggio di idoneità maggiore (classe 3) sono i pascoli, le praterie, le brughiere, la macchia mediterranea con ampie radure e le aree ecotonali tra cespugliato e bosco (cfr. Angelici e Spagnesi, in stampa). Riguardo alle varie categorie altitudinali, il massimo punteggio per la specie è attribuibile alle altitudini tra 20 e 1200 m. Confrontando il nostro modello di idoneità ambientale con quello precedente proposto dall ARP Lazio, si possono notare subito alcune differenze, tra cui una statisticamente significativa: nel modello del presente lavoro risultano maggiormente rappresentate e più estese le aree idonee a livello ottimale per la specie (classe 3) con il 46,39% che, al contrario, nel modello precedente erano rappresentate con il 21,90 % (χ 2 corretto = 4.039; P < 0.05) (cfr. figg. 4 e 5). Nel modello del 2004 sono maggiormente presenti le aree idonee di classe 2, con una percentuale pari al 68,61% che nel nostro modello, invece, sono rappresentate con il 43,37 % (cfr. figg. 4 e 5). Anche le classi 0 e 1 presentano valori differenti nei due modelli, anche se non statisticamente significativi, cioè: classe 0 = 8,57% nel presente modello vs. 5,76% nel modello di Boitani et al. (2004), classe 1 = 0,40% nel presente modello vs. 2,42 % nel modello precedente. Se non altro, quindi, per mezzo del modello ottenuto nel presente studio si ottengono maggiori aree ottimali per L. corsicanus, risultato importante che può risultare topico per eventuali comprensori da selezionare in possibili future reintroduzioni della specie. Per esempio, considerando gli ultimi risultati ottenuti sull ecologia di L. corsicanus e sul probabile meccanismo di esclusione competitiva a livello altitudinale che esiste, in condizioni di simpatria e sintopia, con l introdotta Lepus europaeus (Angelici e Luiselli 2007), si può facilmente capire come l uso di modelli ambientali risulta utile per la selezione di aree da riservare, possibilmente, a questa specie endemica in via di rarefazione, considerando anche la possibile co-presenza, in molti casi di L. europaeus. L importanza di un corretto modello, che tenga conto realmente e integralmente dell idoneità ambientale, dovrebbe quindi essere sempre usato in progetti di protezione e/o reinserimento della specie, sia a livello nazionale, che regionale o locale, in quanto rappresenta uno specchio dinamico della situazione ambientale del territorio. Naturalmente, tale modello dovrà essere continuamente aggiornato con le nuove scoperte inerenti l uso dell habitat e l autoecologia della specie, tuttora insufficientemente conosciuta, e di pari passo con i possibili futuri mutamenti delle diverse aree regionali e degli habitat. 106

5 Conservazione di Lepus corsicanus De Winton, 1898 e stato delle conoscenze, de Filippo et al. (a cura di), 2007, IGF publ. Figura 1 - Modello di idoneità ambientale di Lepus corsicanus nel Lazio. Figura 2 - Modello di idoneità ambientale di Lepus corsicanus nel Lazio proposto dall ARP Lazio e dall Università di Roma La Sapienza nel

6 Figura 3 - Stazioni di presenza di Lepus corsicanus nel Lazio relative al periodo , sovrapposte al modello di idoneità ambientale. Figura 4 - Percentuale delle classi di idoneità ambientale nel modello del presente lavoro. La classe 512 si riferisce a corsi e corpi d acqua. 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Classe 0 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 512 Classi di Idoneità Ambientale Figura 5. Percentuale delle classi di idoneità ambientale nel modello di Boitani et al. (2004). La classe 512 si riferisce a corsi e corpi d acqua. 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Classe 0 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classi di Idoneità Ambientale 108 Classe 512

7 Conservazione di Lepus corsicanus De Winton, 1898 e stato delle conoscenze, de Filippo et al. (a cura di), 2007, IGF publ. Bibliografia Angelici F. M I Mammiferi dei Monti Cimini e Vicani: popolamento, confronto faunistico con altre aree del Lazio e considerazioni zoogeografiche. Tesi di Laurea (rel. L. Boitani), Università di Roma La Sapienza. Angelici F. M. e Spagnesi M., in stampa. Lepre appenninica Lepus corsicanus. In: Amori G., Contoli L., Santini L., Spagnesi M. (a cura di), Fauna d'italia, Mammalia, Insectivora, Lagomorpha, Rodentia (II edizione). Calderini, Bologna. Angelici F. M. e Luiselli L Distribuzione, biogeografia dinamica e interazioni ecologiche tra Lepre appenninica Lepus corsicanus e Lepre europea Lepus europaeus in Italia. II Congresso Italiano di Teriologia (Varese, ottobre 1998). Libro dei riassunti: 14. Angelici F. M. e Luiselli L Body size and altitude partitioning of the hares Lepus europaeus and L. corsicanus living in sympatry and allopatry in Italy. Wildlife Biology 13: Boitani L., Falcucci A. e Maiorano L Analisi della rappresentatività del sistema delle aree protette della regione Lazio nella conservazione della biodiversità. Elenco delle specie di Vertebrati considerate nelle analisi. Regione Lazio-Agenzia Regionale per i Parchi (ARP Lazio) e Università degli Studi di Roma La Sapienza (Rapporto inedito). Corbet G. B The Mammals of the Palaearctic Region: a taxonomic review. British Museum (Natural History), Cornell University Press, London. De Winton W. E On the Hares of Western Europe and North Africa. Annual Magazine Natural History London 1: Ellermann J. R. e Morrison-Scott T. C. S Checklist of Palaearctic and Indian Mammals 1758 to British Museum (Natural History), London. Miller G. S Catalogue of the Mammals of Western Europe. British Museum (Natural History), London. Toschi A Fauna d Italia. Mammalia. Lagomorpha Rodentia Carnivora Artiodactyla - Cetacea. Calderini, Bologna. Ringraziamenti Gli autori esprimono la loro gratitudine ai numerosi cacciatori e naturalisti che hanno fornito, attraverso gli anni, moltissime informazioni relative alla lepre appenninica segnalando aree di presenza della specie. Senza il loro apporto fondamentale tale lavoro sarebbe stato senz altro meno importante e ricco di dati. Inoltre si ringraziano particolarmente Luigi Bernabei, Massimiliano Di Vittorio, Luca Luiselli, Luigi Maiorano, Massimo Nottoli, Guido Paoloni, Alessandro Pazienti, Donato Persichetti, Giuseppe Pilli, Lauro Principe, Roberto Proietti, Giovanni Claudio Raia, che hanno contribuito, in vario modo, alla realizzazione di questo lavoro. 109

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

NUOVI DATI SULL ALLEVAMENTO DELLA LEPRE ITALICA IN SICILIA

NUOVI DATI SULL ALLEVAMENTO DELLA LEPRE ITALICA IN SICILIA NUOVI DATI SULL ALLEVAMENTO DELLA LEPRE ITALICA IN SICILIA di Mario Lo Valvo, Egidio Mallia, Giovanni Galante. Introduzione Fino a qualche anno fa, la Lepre appenninica o italica (Lepus corsicanus) era

Dettagli

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Alfredo Altobelli, Katja Mignozzi, Rossella Napolitano Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste XIV meeting degli utenti italiani GRASS

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO

MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO M. Gioia Piazza MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO CRA Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria, Sezione di Apicoltura, Roma La caratterizzazione geografica può rappresentare un valido strumento

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Avvio di un nuovo Progetto e Caricamento layer vettoriali Avviare QGIS Desktop Menù > Impostazioni > Proprietà Progetto > Generale

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila MATERIALI PER L INTERPRETAZIONE DEI DATI ZOOLOGICI (VERTEBRATI TETRAPODI TERRESTRI E INVERTEBRATI) NELLE VALUTAZIONI

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012 Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 212 Matteo Masini, Silvia Montagnana, Mauro Fiorini Agosto 214 Osservatorio permanente della programmazione territoriale Direzione Generale Territorio, urbanistica

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

BIOBLITZ Italia 2012:

BIOBLITZ Italia 2012: . BIOBLITZ Italia 2012: L Amministrazione Provinciale di Roma e le Università, le Scuole, le Aree Protette, i Bambini, i Ragazzi e le Famiglie INSIEME per l educazione ambientale, per la conoscenza e il

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TERRITORIO AGRO SILVO PASTORALE (L. R. 29/94 art.5 comma 1)

DETERMINAZIONE DEL TERRITORIO AGRO SILVO PASTORALE (L. R. 29/94 art.5 comma 1) DETERMINAZIONE DEL TERRITORIO AGRO SILVO PASTORALE (L. R. 29/94 art.5 comma 1) Ai fini della pianificazione faunistico-venatoria l art. 3, comma 1 della L. R. 29/94 e successive modificazioni, stabilisce

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Cignini Bruno Data di nascita 17/02/1952 Dirigente Beni Culturali e Ambientali

Cignini Bruno Data di nascita 17/02/1952 Dirigente Beni Culturali e Ambientali INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cignini Bruno Data di nascita 17/02/1952 Qualifica Amministrazione Dirigente Beni Culturali e Ambientali COMUNE DI ROMA Incarico attuale Dirigente - Direzione "Promozione e

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Un fumetto per l ambiente

Un fumetto per l ambiente Un fumetto per l ambiente da un'idea di Sabatino R. Troisi e Angelo De Vita Realizzazione a cura dell Ass. Cult. Scuola Romana dei Fumetti Con il contributo dell Assessorato all Ecologia ed alla Tutela

Dettagli

Questionario A - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole

Questionario A - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole Questionario A - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole Il sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole (Palmaria, Tino e Tinetto) è stato iscritto tra i siti del Patrimonio dell Umanità dell

Dettagli

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Ing. Marco Gatti Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere

Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere Ministero dell Ambiente e Unioncamere: una collaborazione che risponde ai mutamenti della società italiana RISPETTO: il trend del valore Fonte:

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n.

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. 7/R ) Il sottoscritto, nato il a ( ), residente a Via n. - tel. - nella sua

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA

IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA ADOZIONE LINEE GUIDA ED ELENCO SUPPORTI UTILI PER RELAZIONE DESCRITTIVA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 1442/2001 (RETE 'NATURA 2000') Visti: IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA - la Direttiva

Dettagli

100 Fontanili dall Adda al Ticino. Sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica

100 Fontanili dall Adda al Ticino. Sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica 100 Fontanili dall Adda al Ticino Sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica 1 fase - Recupero dati da bibliografia dedicata - Recupero materiale cartografico/gis - Organizzazione del materiale

Dettagli

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Laurea Magistrale in ARCHITETTURA Anno Accademico 2015-2016 Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Coordinatore: Prof. L. NOBILE Semestre preferenziale: II INTRODUZIONE Gli scavi

Dettagli

3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - Comune di Fano)

3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - Comune di Fano) 3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - ) Zone di protezione realizzate R Aree floristiche protette 1. Litorale di Baia del Re Inizio della tutela: 1980 circa. Area (come

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Per il piano regolatore di Siena lo studio LdP ha sviluppato un progetto per la diffusione via Internet della banca dati

Dettagli

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO DATABASE DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO Forum Plenario di Agenda 21 Locale 18 Giugno 2007 Castello Estense Provincia di Ferrara Centro Agricoltura e Ambiente G.Nicoli ELEMENTI DELLA

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000

LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000 LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000 Pasquale MARINO, Rosario SCHICCHI, Giuseppe CASTELLANO, Francesco M. RAIMONDO Università degli Studi di Palermo, Dipartimento

Dettagli

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza.

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza. Amministrazione Provinciale di Piacenza Dipartimento Politiche di Gestione del territorio e Tutela dell ambiente. UOA Monitoraggio delle risorse territoriali e ambientali. Loc. Gariga, 29027 Podenzano

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

CALL FOR PAPER PRIMO ANNUNCIO

CALL FOR PAPER PRIMO ANNUNCIO Associazione Italiana di Psicologia CONGRESSO NAZIONALE DELLA SEZIONE DI PSICOLOGIA CLINICO- DINAMICA 18-20 Settembre 2009 Università degli Studi Gabriele d Annunzio di Chieti-Pescara Facoltà di Psicologia

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

L UTILIZZO DEL G.I.S. (SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE) PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEL VERDE URBANO DI PADOVA

L UTILIZZO DEL G.I.S. (SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE) PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEL VERDE URBANO DI PADOVA Comune di Padova Settore Verde, Parchi, Giardini e Arredo Urbano L UTILIZZO DEL G.I.S. (SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE) PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEL VERDE URBANO DI PADOVA IL CENSIMENTO DELLE ALBERATURE

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Il caso del rischio di incendio Cod.731 - Vers.CC9 1 Introduzione 2 Definizione del problema 3 Omogeneizzazione dei dati 4 Calcolo

Dettagli

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI Regione Lazio, Università di Roma TRE Roma, Facoltà di Architettura, Università Roma Tre, via Madonna dei Monti, Sala Urbano

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati

BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati BANCHE DATI NATURALISTICHE REGIONE PIEMONTE (BDNRP) Deontologia e norme per l utilizzo e l accesso ai dati Sommario 1 Finalità...1 2 Origine dei dati...1 3 Proprietà dei dati...2 4 Proprietà dei software...2

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

Corso di formazione. Inquadramento della conservazione della natura in Italia

Corso di formazione. Inquadramento della conservazione della natura in Italia Corso di formazione Inquadramento della conservazione della natura in Italia 1. Storia, situazione attuale ed evoluzione del Sistema delle Aree Protette in Italia Siamo l ultima generazione ancora in tempo

Dettagli

Curriculum Vitae e Professionale

Curriculum Vitae e Professionale Curriculum Vitae e Professionale Dott. Forestale Cesare Carloni Il sottoscritto CARLONI CESARE nato a RIETI il 18/ 01 / 1975 (PROV.: RI) e residente ad ANTRODOCO in via SAN SEVERO n. 4, consapevole, ai

Dettagli

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Valerio Baiocchi (*), Donatella Dominici (**), Rachele Ferlito (***), Francesca Giannone (*), Massimo Guarascio (****), Maria Zucconi (*, ****) (*)Area Geodesia

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità Convegno: L Osservatorio Regionale per la Biodiversità PAVIA 7-8 febbraio 2013 Antonio Tagliaferri Ruolo delle Regioni nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Programmazione e gestione delle attività

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Studio sulla Popolazione di Lepre italica. (Lepus corsicanus De Winton, 1898) nel Territorio della Provincia di Messina

Studio sulla Popolazione di Lepre italica. (Lepus corsicanus De Winton, 1898) nel Territorio della Provincia di Messina RIPARTIZIONE FAUNISTICO VENATORIA ED AMBIENTALE U.O. 61 MESSINA Studio sulla Popolazione di Lepre italica (Lepus corsicanus De Winton, 1898) nel Territorio della Provincia di Messina ASSOCIAZIONE GEA A

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI RUMINANTI - 2013 - A cura di: Giordano Omar Tecnico faunistico C.A. CN2 RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

APPLICAZIONI E MODELLI GIS IN CAMPO ECOLOGICO

APPLICAZIONI E MODELLI GIS IN CAMPO ECOLOGICO APPLICAZIONI E MODELLI IN CAMPO ECOLOGICO Marcella ALIBRANDO (*), Massimiliano CARRINO (*), Luciano CRUA (**), Massimiliano FERRARATO (**), Barbara LORUSSO (*), Davide VIETTI (**) (*) ARPA Piemonte Centro

Dettagli

Valutazione del pericolo dell uso dei prodotti fitosanitari in funzione della biodiversità da tutelare nei siti Natura 2000

Valutazione del pericolo dell uso dei prodotti fitosanitari in funzione della biodiversità da tutelare nei siti Natura 2000 Valutazione del pericolo dell uso dei prodotti fitosanitari in funzione della biodiversità da tutelare nei siti Natura 2000 Carlo Jacomini*, Susanna D Antoni* e Laura Pettiti** * ISPRA Dip. Difesa della

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Cascina Peltraio nel cuore della Brianza! Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Il complesso è costituito da Terreni e fabbricati attualmente di proprietà di un privato utilizzato come residenza.

Dettagli

La dematerializzazione documentale nel Comune di Roma

La dematerializzazione documentale nel Comune di Roma La dematerializzazione documentale nel Comune di Roma Dematerializzazione Il termine dematerializzazione identifica la tendenza alla sostituzione della documentazione amministrativa solitamente cartacea

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI SIMONE MARONE ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R. Nome. Indirizzo di residenza Telefono 339 3518933

INFORMAZIONI PERSONALI SIMONE MARONE ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R. Nome. Indirizzo di residenza Telefono 339 3518933 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SIMONE MARONE Indirizzo di residenza Telefono 339 3518933 Sito Web E-mail / PEC Nazionalità VIA CALATAFIMI

Dettagli

Studio per lo Sviluppo e il Riequilibrio dell Impiantistica Sportiva per Roma Capitale

Studio per lo Sviluppo e il Riequilibrio dell Impiantistica Sportiva per Roma Capitale Studio per lo Sviluppo e il Riequilibrio dell Impiantistica Sportiva per Roma Capitale Dott.ssa Elena Battaglia e Dott. Saverio Fagiani Roma Capitale Dipartimento Sport Dott.ssa Vera Costantini Sysdeco

Dettagli

Il Progetto: L IDEA PROGETTUALE

Il Progetto: L IDEA PROGETTUALE Il Progetto: Progetto di Sensibilizzazione e coinvolgimento diretto della comunità locale del Parco del Molentargius - Saline nell organizzazione di un sistema di raccolta e conferimento in impianto di

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015 Incastri Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella orientale sudamericana, notò una corrispondenza quasi perfetta.

Dettagli

Università degli studi di Firenze anno accademico 2011/2012 Corso di laurea Magistrale in Architettura del Paesaggio

Università degli studi di Firenze anno accademico 2011/2012 Corso di laurea Magistrale in Architettura del Paesaggio Corso di laurea Magistrale in Architettura del Paesaggio Presentazione* del corso: Firenze, martedi 28 febbraio 2012 *elaborazione grafica a cura di Francesca Granci si ringrazia l arch. Catia Lenzi per

Dettagli

Modelli e classificazioni di aree protette: i presupposti delle reti 57

Modelli e classificazioni di aree protette: i presupposti delle reti 57 Indice Renzo Moschini Le reti e i parchi 9 La svolta di uomini e parchi 10 Il ruolo controverso e nuovo del parco oggi 12 I parchi che parlano europeo 15 Calma piatta per le aree protette marine 18 Stato,

Dettagli

Daniele Valfrè Guardiaparco, Riserva Naturale Montagne della Duchessa

Daniele Valfrè Guardiaparco, Riserva Naturale Montagne della Duchessa Lo scorso mese di maggio una delegazione della Regione Lazio, composta da dirigenti, naturalisti e guardiaparco, si è recata in visita ufficiale presso alcuni Parchi Nazionali ucraini, nell area dei Carpazi,

Dettagli

Questionario B - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole

Questionario B - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole Questionario B - Sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole Il sito UNESCO Porto Venere, Cinque Terre e Isole (Palmaria, Tino e Tinetto) è stato iscritto tra i siti del Patrimonio dell Umanità dell

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Daniele Demaria 1, Giuseppe Monge 1, Alessandro Bevilacqua 1, Graziano Vittone 1, Guglielmo Costa 2 1 CReSO Consorzio

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Applicazione del PAN in Emilia Romagna Linee guida e protocollo tecnico per la protezione del verde

Applicazione del PAN in Emilia Romagna Linee guida e protocollo tecnico per la protezione del verde Applicazione del PAN in Emilia Romagna Linee guida e protocollo tecnico per la protezione del verde Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna Massimo Bariselli e Nicoletta Vai Servizio

Dettagli

SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS

SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS Lavoriamo insieme per il vostro business I campioni non si costruiscono in palestra. Si costruiscono dall interno,

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 - Sommario Mappa dell area

Dettagli

IL PERCHÉ DI UNA SCELTA

IL PERCHÉ DI UNA SCELTA IL PERCHÉ DI UNA SCELTA IL CORSO DI LAUREA ILLUSTRATO AGLI STUDENTI A.A. 2015-2016 2 IDEE GUIDA 2 ESIGENZE DELLA SOCIETÀ 2 PROSPETTIVE PROFESSIONALI IL TERRITORIO ITALIANO È PREZIOSO E FRAGILE: DEVE ESSERE

Dettagli

Catasto italiano. Origini. Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti

Catasto italiano. Origini. Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti IL CATASTO Cenni storici Catasto italiano Insieme di operazioni per stabilire la rendita di beni immobili Origini Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti Nel 1886 fu varata la prima legge per

Dettagli

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000 S E RV I Z I O P R O T E Z I O N E C I V I L E F U N Z I O N E C AT A S T O D E I B O S C H I E D E I P A S C O L I P E R C O R S I D A L FUOC O Comuni di: Bientina, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme,

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema

Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema Università di Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea DAMS, Indirizzo Cinema Corso di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa 1 semestre, A.A. 2003-04 1 Ciclo prof. Pier Luigi Capucci

Dettagli

L uso consapevole dei nuovi media nella professione psicologica: un indagine preliminare

L uso consapevole dei nuovi media nella professione psicologica: un indagine preliminare L uso consapevole dei nuovi media nella professione psicologica: un indagine preliminare Innovazione Sostenibile, in collaborazione con la Dr.ssa Rossana Actis Grosso, (ricercatrice in Psicologia Generale

Dettagli

Lo studio geografico. Finalità, metodi, strumenti

Lo studio geografico. Finalità, metodi, strumenti Dipartimento Interateneo Territorio AIIG- Sezione Piemonte cristiano.giorda@unito.it Lo studio geografico Finalità, metodi, strumenti Finalità Che cos è la geografia? Che fini ha lo studio geografico?

Dettagli

biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p

biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p La specie umana è comparsa sulla Terra nel momento in cui la diversità biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p effetti distruttivi nei confronti delle

Dettagli

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine 8 ottobre 2015 - Arsenale Torre di Porta Nuova, Castello, 30122 Venezia La Rete regionale per la tutela delle

Dettagli