SAN MARINO. A cura di: Ambasciata d'italia - SAN MARINO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAN MARINO. A cura di: Ambasciata d'italia - SAN MARINO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it"

Transcript

1 A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE Camere di Commercio italiane all'estero

2 INDICE PERCHE' Perchè Dati generali Dove investire Cosa vendere OUTLOOK POLITICO Politica interna Relazioni internazionali OUTLOOK ECONOMICO Quadro macroeconomico Politica economica Indicatori macroeconomici Tasso di cambio Bilancia commerciale Saldi e riserve internazionali Investimenti - Stock Investimenti - Flussi Barriere tariffarie e non tariffarie COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Business Cost Indice Doing Business ACCESSO AL CREDITO RISCHI Accesso al credito Rischi politici Rischi economici Rischi operativi RAPPORTI CON L'ITALIA Overview Scambi commerciali Investimenti con l'italia - Stock Investimenti con l'italia - Flussi Flussi turistici

3 PERCHE' PERCHÈ Posizione geografica Contesto ambientale Accordi doganali Posizione geografica San Marino, ritenuta la più antica Repubblica del mondo, costituisce una enclave nell'italia centrale, tra l'emilia Romagna e le Marche. Con l'italia non esistono frontiere né dogane e l'attività economica è spesso condivisa. L'Aeroporto Internazionale di Rimini e la rete ferroviaria italiana distano 25 km, il porto commerciale di Ancona dista 120 km. Contesto ambientale San Marino può vantare una elevata qualità dei servizi ed una snellezza amministrativa, in particolare per quanto riguarda i tempi necessari al rilascio delle licenze imprenditoriali. L'uso della lingua italiana è ulteriore motivo di attrazione. La "corporate tax" è del 17% e possono essere applicate detassazioni degli utili in caso di reinvestimenti in innovazione tecnologica, risparmi energetici, riduzioni di agenti inquinanti, miglioramento dei processi produttivi esistenti o introduzione di nuove produzioni. Sostegno è accordato anche alle attività di ricerca e sviluppo. Accordi doganali A seguito degli Accordi stipulati con i Paesi UE, vale anche per San Marino la soppressione dei dazi doganali sugli scambi all'interno dell'unione Europea. Per quanto riguarda le importazioni da Paesi extra UE, gli importi dei dazi sono gli stessi stabiliti dai Paesi UE. Le formalità doganali di importazione sono espletate presso le dogane italiane abilitate. DATI GENERALI Forma di stato Superficie Lingua Religione Moneta Repubblica 61 kmq italiano cattolica euro 1

4 DOVE INVESTIRE Flussi turistici Prodotti delle altre industrie manufatturiere Altre attività dei servizi Altre attività dei servizi Flussi turistici San Marino vanta un flusso turistico di circa 2 milioni di visitatori all'anno, in prevalenza italiani (59%), russi (8%) e tedeschi (4%), attratti dall'offerta culturale e artistica (il centro storico di San Marino è patrimonio mondiale dell'unesco) ed enogastronomica, nonché dalla presenza di outlets e centri commerciali. Prodotti delle altre industrie manufatturiere Il tessuto imprenditoriale sammarinese si sviluppa in un ampio raggio di settori, che includono la meccanica, le costruzioni, mobili, ceramiche, packaging, software aziendali, commercio, servizi, alberghiero e ristorazione. Altre attività dei servizi Settore Start-up Si segnala che nell'ambito del progetto italo-sammarinese di realizzazione di un Parco Scientifico e Tecnologico italo-sammarinese, previsto dalll Accordo di Cooperazione Economica tra Italia e San Marino del 2009, è stato avviato in territorio sammarinese un incubatore di start-up, inaugurato a maggio 2014, che offre ad imprese ad alto contenuto tecnologico la possibilità di usufruire di agevolazioni fiscali, servizi e accesso al network delle imprese dell Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani. Per approfondimenti, consultare il sito dell'incubatore sammarinese denominato Techno Science Park Altre attività dei servizi Per il rilancio economico, come indicato nel Programma Economico 2015 ( ), viene definito un piano pluriennale di investimenti relativo al triennio di 30 milioni di euro, pari a circa il 6% del bilancio, da destinare ad infrastrutture ed opere pubbliche ritenute strategiche per lo sviluppo ed ammodernamento del paese. Tra le priorità si evidenziano la realizzazione di un aeroporto nazionale nella sede dell attuale aerodromo, complementare al progetto sammarinese nell Aeroporto di Rimini; la costruzione della sede del Parco Scientifico e Tecnologico, Techno Science Park, nella zona di Faetano su terreni pubblici; la realizzazione di un Polo Museale e di un Museo Filatelico e Numismatico; la messa in sicurezza della superstrada Rimini-San Marino ed il progetto, per ora allo studio, di individuare una nuova sede per San Marino RTV, consociata al 50% con la Rai. Inoltre, vengono previsti stanziamenti per la partecipazione a Expo Milano 2015, ritenuta particolarmente strategica per attrarre turisti e investitori esteri ( euro complessivi); per il Parco Scientifico e Tecnologico San Marino-Italia ( euro); per la neocostituita San Marino International Airport (SMIA S.p.A) attualmente a capitale interamente pubblico ( euro); per il progetto Smac Card e per il potenziamento dell Ufficio Tributario che vede accresciuti i propri compiti di accertamento fiscale ( euro). 2

5 COSA VENDERE Prodotti delle altre industrie manufatturiere Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Prodotti delle altre industrie manufatturiere elettronica, ecc.). I turisti si rivolgono anche a prodotti di largo consumo. La popolazione di San Marino, ca abitanti nel 2013, vanta un elevato tenore di vita (nel 2011 il PIL lordo nominale pro-capite è stato di Euro) e si rivolge ad una fascia medio-alta di prodotti (abbigliamento, autoveicoli, vacanze, oreficeria, arredamento, Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) E' allo studio la realizzazione a San Marino di un Polo del Lusso con il Borletti Group - DEA 3

6 OUTLOOK POLITICO POLITICA INTERNA Le elezioni anticipate dell 11 novembre 2012 hanno sancito la vittoria della coalizione San Marino Bene Comune (PSD-AP-PDCS- NS) con il 50,71%, che si è aggiudicata, grazie al premio di maggioranza, 35 seggi su 60 - rispettivamente, 21 al Partito Democratico Cristiano Sammarinese, 4 a Alleanza Popolare e 10 al Partito dei Socialisti e dei Democratici, che si conferma primo partito di sinistra. Il maggior partito del precedente governo, la D.C., è dunque ora alleata con il PSD, maggior partito in precedenza all opposizione. La coalizione "Intesa per il Paese" (Partito Socialista, Unione per la Repubblica e Moderati sammarinesi) è all'opposizione con 12 seggi, al pari di "Cittadinanza Attiva" (Sinistra Unita e Civico 10) con 10 seggi, e "Rete", con 4 seggi. L'attuale Governo è impegnato nel rilancio dello sviluppo economico del Paese e nello stabilimento di ancora più salde relazioni con l'italia, anche attraverso l'emanazione di leggi volte alla trasparenza bancaria ed all'allineamento agli standard internazionali in materia finaziaria e di lotta al riciclaggio e all'evasione fiscale. RELAZIONI INTERNAZIONALI La politica estera di San Marino è improntata ad una tradizionale neutralità, non disgiunta dal rafforzamento del suo status di soggetto di diritto internazionale, con l'adesione alle principali Organizzazioni internazionali, fra cui Nazioni Unite, Consiglio d'europa, Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa. Negli anni più recenti il Governo sammarinese ha adottato diverse iniziative nell ambito della lotta al terrorismo: ha concluso intese con gli Stati Uniti ed avviato controlli per verificare la presenza d eventuali attività economiche e finanziarie attribuibili o riconducibili a terroristi nella Repubblica; ha ratificato varie Convenzioni del Consiglio d Europa. Con legge 26 febbraio 2004 n. 28, ha inoltre approvato specifiche disposizioni in materia di contrasto del terrorismo, del riciclaggio del denaro di provenienza illecita ed abuso di informazioni privilegiate, integrando la precedente legge del San Marino ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale (UNCTOC) e la Convenzione del Consiglio d Europa sul riciclaggio, la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato e sul finanziamento del terrorismo, adottata a Varsavia il 16 maggio 2005, che è entrata in vigore il 1 novembre Si elencano i maggiori Organismi internazionali ai quali la Repubblica di San Marino ha aderito: Banca Mondiale (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo-BIRS) Conferenza Europea della Aviazione Civile Conferenza Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (ICRC) Conferenza Europea delle Amministrazioni delle Poste e delle Telecomunicazioni (CEPT) Consiglio d'europa (COE) Fondo Monetario Internazionale (FMI) Istituto Internazionale delle Scienze Amministrative (IISA) Istituto Internazionale per l'unificazione del Diritto Privato (UNIDROIT) Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) Organizzazione dell'aviazione Civile Internazionale (ICAO) Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) Organizzazione Internazionale di Polizia Criminale (O.I.P.C. - Interpol) Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI) Organizzazione Europea dei Brevetti (EPO) Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) Organizzazione delle N.U. per l'educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) Organizzazione per la Probizione delle Armi Chimiche (OPAC) Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) Unione Interparlamentare (UI) Unione Postale Universale (UPU) Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Commissione Economica per l'europa delle Nazioni Unite (UNECE) Fondo delle Nazioni Unite per i Bambini (UNICEF) 4

7 OUTLOOK ECONOMICO QUADRO MACROECONOMICO Con le sue dimensioni ( abitanti, 61 Kmq), San Marino è una realtà del tutto particolare. Geograficamente (ma anche politicamente ed economicamente) è un'enclave al centro della Penisola, con la quale non esistono frontiere né dogane e l'attività economica è spesso condivisa. I settori principali dell economia sono tradizionalmente: turismo, bancario e finanziario, manifatturiero, commercio, servizi, edilizia, agricoltura, pubblica amministrazione, assicurativo, telecomunicazioni, commercio elettronico. In particolare il turismo contribuisce ad oltre la metà del PIL, dato che San Marino accoglie due milioni di turisti all anno. La crisi economica mondiale ed in particolare la contrazione del mercato italiano hanno determinato la riduzione della produzione industriale sammarinese, con ripercussioni sull occupazione. San Marino ha sofferto negli ultimi tre anni di una pesante recessione economiche: il PIL si e' contratto del 25% dall'inizio della crisi, del 4-5% nel solo 2012 e del 3,5% nel Tuttavia, il quadro macroecomico sammarinese mostra i primi segnali di ripresa: a fronte di una modesta contrazione del PIL nel 2014, il Fondo Monetario Internazionale prevede un aumento dell'1% nel 2015 ed una crescita moderata nel medio periodo. Da notare che tali stime sono più o meno analoghe alle recenti previsioni dell Agenzia di rating Fitch, che prevede per San Marino una crescita dello 0,7% nel 2015 e dell 1,2% nel 2016 con un miglioramento dell outlook che passa da negativo a stabile. Nel Rapporto conclusivo della missione annuale del Fondo Monetario Internazionale in base all art. IV, la delegazione internazionale evidenzia i significativi progressi compiuti dal Paese per normalizzare le relazioni internazionali e uscire dalla profonda recessione degli ultimi anni e traccia un analisi dei punti strategici sui quali intervenire per un ulteriore rafforzamento dell economia. Il FMI riconosce che l uscita dalla black list italiana avvenuta nel febbraio 2014, l inclusione nella white list fiscale e la conclusione dell iter di ratifica degli accordi di cooperazione finanziaria e di collaborazione economica con l'italia sono stati gli elementi determinanti per l inversione di tendenza del quadro economico sammarinese. Tuttavia, secondo gli esperti di Washington la performance macroeconomica sammarinese resta esposta a fattori esogeni di vulnerabilità, quali l andamento delle relazioni con l Italia e le limitate prospettive di crescita economica della zona euro. Viene evidenziata la necessità di raggiungere una progressiva stabilizzazione del sistema bancario che, nonostante un miglioramento delle condizioni di liquidità che rimangono tuttavia di modesta entità rispetto al passato e agli standard internazionali-, presenta elevati portafogli di crediti dubbi nei bilanci delle banche, cresciuti principalmente a causa della riclassificazione dei crediti. A tal fine, il FMI ribadisce la centralità della Banca Centrale di San Marino nell azione di verifica circa la qualità degli attivi bancari e la congruità delle rettifiche di valore effettuati sui crediti dubbi mediante accertamenti ispettivi, nonché l azione di incoraggiamento nei confronti delle banche ai fini di incrementare le riserve, anche eventualmente attraverso investimenti esteri. Inoltre, sarebbe auspicabile completare la ristrutturazione della principale banca sammarinese, la Cassa di Risparmio di San Marino che, all indomani della sua ricapitalizzazione con fondi pubblici, dovrebbe dotarsi di un solido business plan per ritornare redditizia e ricostituire, nell arco di tre anni, il coefficiente patrimoniale minimo senza dover ricorrere ad ulteriori finanziamenti statali. Per il Fondo sarebbe auspicabile, altresì, trasferire la completa proprietà e il controllo di CRSM allo Stato. Particolare rilievo riveste la presenza dei numerosi lavoratori italiani frontalieri (a dicembre 2014 erano 5.172, pari al 24% della forza lavoro complessiva) occupati principalmente come impiegati o operai specializzati e qualificati in tutti i settori produttivi e provenienti soprattutto dalle province limitrofe di Rimini e Pesaro-Urbino. Si sottolinea, ad ogni buon fine, che sul sito della Segreteria di Stato per le Finanze e il Bilancio (www.finanze.sm) è consultabile il Programma Economico 2015 POLITICA ECONOMICA San Marino ha registrato negli ultimi anni una forte contrazione della propria economia. Il Governo sammarinese è impegnato, sul fronte delle relazioni internazionali, a riacquistare credibilità e divenire un interlocutore affidabile in termini di trasparenza e standard internazionali, non solo nei rapporti bilaterali con l Italia, ma anche in ambito europeo e dei principali fora internazionali, con lo scopo di aumentare l attrattività e l internazionalizzazione del proprio Sistema Paese. Sul fronte domestico, il Paese ha dovuto accompagnare le sfide internazionali con riforme strutturali e politiche coraggiose in un contesto congiunturale difficile. Nel 2013 è stata varata una riforma tributaria che ha introdotto, dal 1 gennaio 2015, la Smac card (equiparabile allo scontrino fiscale italiano) dal 1 gennaio 2015, come previsto dalla riforma tributaria del 2013, che abolisce il regime forfettario e rende operativa, per la prima volta, la certificazione dei ricavi. L obiettivo prioritario della Legge di Bilancio 2015 è stato essenzialmente quello di ridurre al massimo il disavanzo, che si attesta oggi a 17 milioni di euro pari all 1,2% del PIL, e mettere pertanto in sicurezza i conti dello Stato pur mantenendo l attuale livello dei servizi pubblici e dello stato sociale, attraverso il contenimento della spesa pubblica e le maggiori entrate previste con la piena applicazione della riforma fiscale, anche al fine di ripristinare i depositi per garantire al sistema la liquidità necessaria alla gestione dei pagamenti dello Stato. Il Paese si trova, infatti, ad affrontare per la prima volta il problema della sostenibilità della spesa pubblica e della necessità di ricostituire le riserve per non ricorrere all indebitamento esterno per il finanziamento della spesa corrente. Dal 2011 ad oggi il disavanzo cumulato ammonta a 60 milioni di euro, sebbene nel 2013 si sia registrato un netto miglioramento rispetto all esercizio precedente, che ha fatto registrare un disavanzo di 27 milioni di euro. In calo il PIL, che è ammontato nel 2013 a

8 milioni di euro rispetto ai milioni del In tendenziale aumento il debito pubblico, che si è attestato a 236,7 milioni di euro pari al 17,4% del PIL nel 2013, legato per oltre il 60% ad interventi di rafforzamento del sistema bancario e finanziario.. 6

9 INDICATORI MACROECONOMICI PIL Nominale (mln ) ,74 960, ,5 Variazione del PIL reale (%) -7,5-2,5-3,98-3,52-1 Popolazione (mln) 0,03 0,03 0,03 0, Disoccupazione (%) 4,9 5,5 7 6,1 8,7 Debito pubblico (% PIL) 19,7 14,8 17,4 17,5 Inflazione (%) 2,6 2 2,8 1,63 1,1 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) -14,3-11,8-12,7 0 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati Ufficio Statistica Sammarinese TASSO DI CAMBIO Controlla il cambio giornaliero sul sito di Banca d'italia 7

10 BILANCIA COMMERCIALE EXPORT Export Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale 2 mln. nd mln. 2 mln. 0 % 0 % 8

11 IMPORT Import Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale 1 mln. nd mln. 1,6 mln. 0 % 0 % OSSERVAZIONI Si segnala che San Marino, pur essendo un paese terzo, non è incluso nella fonte dei dati impiegata per produrre le statistiche sul commercio estero elaborate dall'istat, data l assenza di barriere doganali rispetto all Italia, Si segnala, tuttavia, che per San Marino sono rilevatii dati relativi all interscambio di gas naturale ed energia elettrica in quanto queste informazioni sono disponibili da fonte non doganale. Per il 2013 le esportazioni italiane verso Sana Marino di gas naturale e energia elettrica sono ammontate a 49 milioni di euro (- 24,3% rispetto al 2012). 9

12 SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Saldo commerciale (Exp. - Imp.) (mln. ) 724,5 440 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati Ufficio Statistica sammarinese. 10

13 INVESTIMENTI - STOCK 11

14 OSSERVAZIONI 12

15 INVESTIMENTI - FLUSSI 13

16 OSSERVAZIONI 14

17 BARRIERE TARIFFARIE E NON TARIFFARIE Market Access Database della Commissione Europea 15

18 COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT BUSINESS COST Unita Aliquota fiscale corporate media. % IVA o equivalente. Media o tasso prevalente applicato su beni e servizi. % Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati Segreteria di Stato alle Finanze RSM. Ultimo aggiornamento: 15/07/

19 INDICE DOING BUSINESS Val (0-7) Pos. 185 paesi Val (0-7) Pos. 189 paesi Val (0-7) Pos. 189 paesi Posizione nel ranking complessivo Avvio Attivita (Posizione nel ranking) Procedure - numero (25%) 8 8 Tempo - giorni (25%) Costo - % reddito procapite (25%) 8,7 9 Capitale minimo da versare per richiedere la registrazione di una attivita - % reddito procapite (25%) 28,5 29,5 Permessi di costruzione (Posizione nel ranking) Procedure - numero (33,3%) Tempo - giorni (33,3%) 145,5 145,5 Costo - % reddito procapite (33,3%) 5,1 5,3 Accesso all'elettricita (Posizione nel ranking) 5 6 Procedure - numero (33,3%) 3 3 Tempo - giorni (33,3%) Costo - % reddito procapite (33,3%) 57,1 59,3 Registrazione della proprieta (Posizione nel ranking) Procedure - numero (33,3%) 9 9 Tempo - giorni (33,3%) 42,5 42,5 Costo - % valore della proprieta (33,3%) 6,6 4,1 Accesso al credito (Posizione nel ranking) Indice di forza dei diritti legali (0 min - 10 max) (62,5%) 1 1 Protezione degli investitori (Posizione nel ranking) Indice di disclosure (0 min - 10 max) (33,3%) 3 3 Indice di responsabilita dell'amministratore (0 min - 10 max) (33,3%) Indice dei poteri dello shareholder in caso di azione giudiziaria (0 min - 10 max) (33,3%) Tasse (Posizione nel ranking) Pagamenti annuali - numero (33,3%) Tempo - ore annuali per gestire le attivita connesse ai pagamenti (33,3%) Tassazione dei profitti (33,3%) 12,4 12,4 Procedure di commercio (Posizione nel ranking) Documenti per esportare - numero (33,3%) 4 4 Documenti per importare - numero (33,3%) 4 4 Tempo per la preparazione dei documenti neccessari per esportare - giorni (33,3%) Tempo per la preparazione dei documenti neccessari per importare - giorni (33,3%) Costi per esportare un container da 20 piedi - (33,3%) Costi per importare un container da 20 piedi - (33,3%) Rispetto dei contratti (Posizione nel ranking) Risolvere una controversia - giorni (33,3%) Costi - % del risarcimento (33,3%) 13,9 13,9 Procedure - numero (33,3%) Soluzione delle insolvenze (Posizione nel ranking) Tempo - anni 2,3 2,3 Costo - % del valore della proprieta del debitore 5 5 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati Banca Mondiale, indice Doing Business. Note: I dati riportati sono quelli pubblicati nell anno di riferimento. Per ogni aspetto metodologico, consultare 17

20 OSSERVAZIONI Dal 2014 la Repubblica di San Marino è inclusa per la prima volta nella classifica del "Doing Business". 18

21 ACCESSO AL CREDITO ACCESSO AL CREDITO I dati statistici sull andamento degli impieghi e della raccolta del sistema bancario sammarinese nel quarto trimestre 2014, testé pubblicati dalla Banca Centrale di San Marino, mostrano un aumento della raccolta totale, su base annua, passata dai 7,16 miliardi del dicembre 2013 ai 7,34 miliardi del dicembre 2014 (+2,9%). Nel dettaglio, nel periodo in esame, sia la raccolta diretta che quella indiretta hanno fatto registrare un incremento su base annua, rispetto al 2013, passando rispettivamente da 5,02 miliardi a 5,14 miliardi (+2,5%) e da 2,14 miliardi a 2,20 (+3,8%). Diminuiscono gli impieghi, sia su base annua che su base trimestrale, che ammontano a fine 2014 a 3 miliardi e 975 milioni di euro (-5,1%) e aumentano le sofferenze bancarie che ammontano a 1,044 miliardi. Per quanto riguarda i principali indicatori della qualità del sistema, diminuisce il rapporto tra impieghi e raccolta diretta, che si attesta al 77,3% e aumenta notevolmente il rapporto tra le sofferenze e gli impieghi, che passa al 18,2% del dicembre Diminuisce anche il patrimonio netto, comprensivo anche del fondo rischi bancari generali, che in un anno ha perso 55 milioni scendendo a quota 466 milioni di euro. In calo il totale attivo, che scende a 6,04 miliardi. Al 31 dicembre 2014 il sistema finanziario sammarinese era composto da 10 banche di cui tre non operative, 10 società finanziarie/fiduciarie (erano 14 nel 2013), 1 impresa di investimento, 2 società di gestione e 2 imprese di assicurazione. Nel complesso, il risultato d esercizio, caratterizzato da luci e ombre, ha subito gli effetti dell adozione di politiche di valutazione dei crediti maggiormente prudenziali adottate da alcune banche, in virtù del processo di adeguamento agli standard internazionali. Nel primo trimestre 2015 la BCSM ha, inoltre, avviato una articolata ricognizione sulle modalità di gestione e controllo del rischio di credito al fine di valutare la conformità delle procedure interne alla normativa vigente in materia, l adeguatezza del processo del credito e dei relativi punti di controllo, la consapevolezza degli organi aziendali in ordine all esposizione al rischio di inadempimento dei debitori, l efficacia degli strumenti approntati per mitigare il deterioramento delle posizioni a rischio, l adeguatezza delle stime sul presumibile valore di realizzo dei crediti e sui livelli di patrimonializzazione. Per quanto attiene all attività di vigilanza, essa è stata principalmente finalizzata al raggiungimento di una maggiore omologazione del sistema bancario e finanziario sul piano delle regole e delle prassi operative internazionali, contribuendo al conseguimento di importanti risultati per il sistema Paese quali l entrata in vigore degli accordi di cooperazione finanziaria ed economica con l Italia e l adesione al gruppo degli early adopters in ambito OCSE. Nella Relazione consuntiva sull attività svolta e sull andamento del sistema finanziario del 2014 di BCSM è stata, inoltre, attribuita una particolare enfasi agli importanti traguardi raggiunti nel corso dell anno, fra cui l ingresso nel SEPA (Single Euro Payments Area), conseguente all adeguamento da parte di San Marino alle prescrizioni normative e alle modalità operative europee, nonché i riconoscimenti da parte dell Italia della bontà del processo di revisione del sistema finanziario e fiscale in favore della trasparenza, che hanno consentito l ingresso del Paese nella white list fiscale italiana e, nel maggio 2015, nella white list antiriciclaggio. 19

22 RISCHI RISCHI POLITICI Non si evidenziano particolari rischi politici. Non si evidenziano particolari rischi politici. nd 20

23 RISCHI ECONOMICI Non si evidenziano particolari rischi economici. Non si evidenziano particolari rischi economici. nd RISCHI OPERATIVI Non si evidenziano particolari rischi operativi. Non si evidenziano particolari rischi operativi. nd 21

24 RAPPORTI CON L'ITALIA OVERVIEW I secolari rapporti tra Italia e San Marino sono caratterizzati da una lunga tradizione di scambi in tutti i campi e dalla condivisione degli stessi valori. Le relazioni tra le due Repubbliche sono regolate dalla Convenzione di amicizia e buon vicinato del 1939 e successive integrazioni e modifiche. I rapporti bilaterali si inquadrano poi nell'ottica di una maggiore integrazione di San Marino nell' Unione Europea, alla quale la Repubblica è legata in base all Accordo di Cooperazione e di Unione doganale del 1991, un impegno che ha confermato adottando l'euro. Inoltre, è stato avviato un negoziato con 'Unione Europea per un Accordo di Assiocazione insieme al Principato di Monaco e Andorra. L Italia costituisce inoltre il partner di riferimento sul piano economico, dato il carattere di enclave di San Marino. I rapporti bilaterali hanno conosciuto una prima fase di forte rilancio nell autunno 2005, con l avvio del negoziato di un Accordo di cooperazione economica e la firma dell intesa sulla restituzione dei fondi di provenienza SISDE (con restituzione all Erario italiano delle somme sequestrate, pari ad oltre 7 mln/ ). Nell'ottica di avviare una convergenza con gli standard internazionali della propria normativa e prassi, il Governo sammarinese ha concluso nel 2009 il negoziato e sottoscritto l Accordo di Cooperazione Economica, che ha come obiettivo l'integrazione della Repubblica nel tessuto economico italiano a fronte della volontà sammarinese di una gestione meno opaca delle relazioni finanziarie. Nel corso del 2010, però, le relazioni bilaterali con San Marino hanno attraversato una fase critica a fronte di perduranti segnali di scarsa trasparenza del sistema bancario, di infiltrazione della criminalità organizzata, di insufficiente cooperazione giudiziaria, in particolare sul fronte delle rogatorie, della frode fiscale e dell esterovestizione. Ciò ha portato all inclusione di San Marino nella lista nera del MEF collegata al Decreto incentivi a luglio Alla luce dell'avvenuta ratifica anche da parte italiana nel luglio 2013 della Convenzione bilaterale per evitare le doppie imposizioni fiscali, è stato avviato il percorso di uscita di San Marino da tale "black list", dalla quale è stata espunta nel febbraio Nel corso del 2014 San Marino è, inoltre, entrata nel Sepa, l Area unica dei pagamenti in Euro, e nel 2015 nella white list fiscale italiana. 22

25 SCAMBI COMMERCIALI EXPORT ITALIANO VERSO IL PAESE: Export italiano verso il paese: gen-dic 2014 nd Totale mln. mln. 1,3 mln. nd mln. nd mln. 23

26 IMPORT ITALIANO DAL PAESE: Import italiano dal paese: gen-dic 2014 nd Totale mln. mln. 1,7 mln. nd mln. nd mln. OSSERVAZIONI 24

27 INVESTIMENTI CON L'ITALIA - STOCK STOCK DEGLI INVESTIMENTI DETENUTI IN ITALIA DA: Stock degli investimenti detenuti in Italia da: Totale 415 mln. mln. mln. mln. 25

28 STOCK DI INVESTIMENTI ITALIANI NEL PAESE: Stock di investimenti italiani nel paese: Totale 245 mln. mln. mln. mln. OSSERVAZIONI 26

29 INVESTIMENTI CON L'ITALIA - FLUSSI FLUSSI DI INVESTIMENTI IN INGRESSO IN ITALIA PROVENIENTI DAL PAESE: Flussi di investimenti in ingresso in Italia provenienti dal paese: Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale (mln e var. %) 16 mln mln. mln. mln. nd % nd % 27

30 FLUSSI DI INVESTIMENTI ITALIANI VERSO IL PAESE: Flussi di investimenti italiani verso il paese: Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale (mln e var. %) -17 mln. -23 mln. mln. mln. nd % nd % OSSERVAZIONI 28

31 FLUSSI TURISTICI Per l'economia sammarinese il turismo rappresenta un'industria chiave (oltre 300 attività turistico-commerciali sono presenti nel centro storico per una forza lavoro pari al 17% dell'intero settore del commercio e del comparto di alberghi e ristoranti). La piccola Repubblica infatti, che vanta un ottima posizione tra i rilievi apenninici e la riviera adriatica, vicinissima agli scali aeroportuali di Rimini e Bologna, ai porti di Rimini, Venezia, Ancona e Fano e agli snodi ferroviari dei principali hub delle regioni Emilia Romagna e Veneto al nord e delle Marche al sud, rappresenta una delle destinazioni europee più ambite dal turismo internazionale. Nel 2008 il riconoscimento di San Marino da parte dell'unesco a patrimonio dell'umanità ha risvegliato l'attenzione dei media internazionali su quella che si può definire la "più antica Repubblica del mondo". Secondo quanto riportato nel Bollettino di Statistica (IV trimestre 2014) redatto dall'ufficio di Programmazione Economica e Centro di Elaborazioni Dati e Statistica della Repubblica di San Marino, l'afflusso totale dei turisti per l'anno 2014 ha fatto registrare rispetto al 2013 un incremento del + 5,2% con oltre 2 milioni di visitatori. L'Italia si conferma il principale Paese di provenienza (59,3%), seguita da Russia (8,1%), Germania (4,6%), Olanda (2,5%) e Polonia (2,4%). Tra i Paesi extra-europei, gli Stati Uniti rappresentano una percentuale dell' 1,7%, la Cina dell'1,1%, il Brasile dello 0,6% e il Giappone dello 0,5%. Per quanto riguarda invece l'analisi del turismo outgoing, come evidenziato nell Indagine sui consumi e lo stile di vita della famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2013), dell' Ufficio Statistica, la forte instabilità economica globale - iniziata nel 2008 si è tradotta in una riduzione progressiva dei consumi: da un analisi degli ultimi cinque anni sui comportamenti di spesa delle famiglie sammarinesi, emerge che la spesa media annuale è passata da ,70 del 2009 a ,32 del 2013 (pari a un decremento del -10,9%). Tuttavia, il migliorato clima di fiducia dovuto ai primi segnali di ripresa dell'economia sammarinese, si è tradotto in un inversione di tendenza per il 2013, in cui la spesa media per vacanze ha mostrato un aumento dello 0,9%..La famiglia sammarinese dichiara di andare in vacanza almeno una volta l anno (il 78,3% dei nuclei), di trascorrere mediamente 10,9 giorni l anno in vacanza, di cui il 59,6% in Italia e il 40,4% all estero. Aumenta il numero di famiglie che prediligono mete italiane. Tra le mete estere, aumentano Europa, America e Oceania e diminuiscono Africa e Asia. Considerando che nel 2013 la spesa media per le vacanze è aumentata, sono aumentati i giorni medi di vacanza, e sono aumentate le famiglie che vanno in vacanza, si può dedurre che i sammarinesi non rinunciano alla vacanza anche se prediligono vacanze low cost. Il rilancio della collaborazione in campo turistico tra i due Paesi, soprattutto nell'ambito della promozione congiunta sui mercati esteri, ha portato alla sottoscrizione il 16 marzo 2013 della Convenzione fra Enit - Agenzia Nazionale del Turismo e UST - Ufficio di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino. Occorre sottolineare, inoltre, il ruolo strategico di Expo Milano 2015, al quale San Marino partecipa con un proprio padiglione nazionale nel cluster Bio-Mediterraneo, che costituisce un'occasione unica per la promozione del proprio Sistema Paese. Ultimo aggiornamento: 29/05/

SAN MARINO. A cura di: Ambasciata d'italia - SAN MARINO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

SAN MARINO. A cura di: Ambasciata d'italia - SAN MARINO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Doing Business in San Marino. di Antonio Valentini e Valentina Vannoni

Doing Business in San Marino. di Antonio Valentini e Valentina Vannoni Doing Business in San Marino di Antonio Valentini e Valentina Vannoni A Maria Clara e a Ludovica Prefazione... 13 Capitolo 1- Aspetti generali 1.1 Da modello opaco a modello trasparente... 15 1.2 Il sistema

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Repubblica di San

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

CIPRO. A cura di: Ambasciata d'italia - CIPRO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

CIPRO. A cura di: Ambasciata d'italia - CIPRO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 La Repubblica di Cuba è un arcipelago formato da più di 1.600 isole e isolotti; la maggiore è Cuba, seguita per estensione

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan. Kazakhstan

Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan. Kazakhstan Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan Kazakhstan АКЦИОНЕРНОЕ ОБЩЕСТВО 1 Informazioni generali sulla Repubblica del Kazakhstan Bandiera della Repubblica del Kazakhstan Stemma della Repubblica del Kazakhstan

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti)

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti) Malta Informazioni Generali Superficie 316 Km2. L arcipelago maltese si compone di sei isole e isolette; le tre principali sono Malta (246 Km2), Gozo (67 Km2) e Comino (2,7 Km2). Capitale La Valletta (9.129

Dettagli

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITA DEL GOVERNO STRAORDINARIO

ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITA DEL GOVERNO STRAORDINARIO ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITA DEL GOVERNO STRAORDINARIO PREMESSA In una realtà difficile, straordinaria e di transizione, come quella attuale, il Partito Democratico Cristiano Sammarinese, il

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014)

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014) San Marino, 2 Settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2014) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013) San Marino, 4 Novembre 2014 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2013) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Marco Saladini Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Impatto sull'economia italiana del commercio estero e degli investimenti diretti esteri Roma,

Dettagli

Il contesto del credito

Il contesto del credito Il contesto del credito Italia & Puglia Francesco Paolo ACITO Direttore Territoriale Corporate SUD Trani, 23 novembre 2012 Agenda Il contesto ed il sistema PMI I driver per la crescita e le Reti di Impresa

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio Gianluca Esposito* Senior Counsel Fondo Monetario Internazionale

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli