In collaborazione con: OSSERVATORIO. immobiliare nazionale. Centro Studi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In collaborazione con: OSSERVATORIO. immobiliare nazionale. Centro Studi"

Transcript

1 In collaborazione con:

2 SETTORE URBANO - ANNO 2014 L'Osservatorio Immobiliare 2014 ha visto coinvolti tutti i Consigli Provinciali della IAIP dislocati sull'intero territorio Nazionale. li Agenti Immobiliari associati alla ederazione, coadiuvati dai Presidenti Provinciali e dai rispettivi Responsabili Territoriali dell'osservatorio, hanno provveduto a fornire al i valori di compravendita e di locazione delle singole zone di riferimento. Successivamente, le Commissioni istituite localmente hanno elaborato i dati ricevuti con quelli territorialmente omogenei rappresentando così, il reale andamento del Mercato Immobiliare Italiano delle compravendite e delle locazioni. Come nelle precedenti edizioni, oltre a rilevare i valori medi di mercato delle otto più importanti città capoluogo, divise per quartieri e/o municipalità, ci siamo concentrati sul "sentiment di mercato" degli operatori orientato, oltre che al presente, in particolar modo alle previsioni sull'andamento del mercato immobiliare nel corso del Il perdurarsi della crisi, e le mutate esigenze sia abitative che finanziarie degli Italiani, ci impongono di interrogarci sul tema del futuro dell'edilizia residenziale italiana e sulle questioni rilevanti dell'urbanistica contemporanea che ne conseguono, immaginando la pianificazione di una nuova edilizia residenziale (sia pubblica che privata), nonché la riqualificazione sostenibile in rapporto a quella esistente, in una logica sempre più attuale che abbia come obiettivo il contenimento del "consumo di suolo" oltre al contenimento dei consumi energetici e degli impatti ambientali. Inoltre è necessario riflettere sui fenomeni di urbanizzazione, privilegiando le pratiche di trasformazione sostenibile dell'esistente, piuttosto che l'espansione di nuovi insediamenti. Non a caso quindi, anche quest'anno l'osservatorio Immobiliare 2014 è stato elaborato in collaborazione con l'enea (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e con l'i-com (Istituto per la Competitività) a cui va il mio personale ringraziamento unitamente a quello rivolto a tutti i Colleghi, i Responsabili Provinciali, i Presidenti Provinciali che, nonostante il particolare momento di crisi, hanno distratto tempo ed energie alle loro attività consentendo l'elaborazione dell'osservatorio da parte del. L'Osservatorio 2014 può quindi considerarsi il risultato aggregato dei dati inseriti a livello nazionale dagli agenti immobiliari iaip per le varie realtà regionali, divise provincia per provincia. Sul sito internet della ederazione nazionale (www.fiaip.it) sono reperibili i dati del Rapporto sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2014 e le previsioni per l'anno Mario Condò de Satriano Vicepresidente Nazionale e Responsabile iaip

3 Efficienza energetica e mercato immobiliare: i dati 2014 La centralità del settore immobiliare nella partita dell'efficienza energetica - testimoniato dagli ambiziosi obiettivi di risparmio al 2016 e al 2020 posti in capo al comparto in seguito al recepimento delle Direttive Europee sull'efficienza energetica - ha spinto l'enea, l'istituto per la Competitività (I-Com) e la IAIP a sviluppare una partnership al fine di monitorare come le dinamiche di compravendita del mercato immobiliare italiano rispondano alla qualità energetica di un edificio. L'indagine è volta a rilevare le tendenze della domanda e dell'offerta di immobili, colte attraverso la percezione dei mediatori immobiliari professionali, e fotografare la composizione media delle transazioni immobiliari scomposte nel dettaglio della classe energetica dell'edificio oggetto di compravendita. I dati sono il frutto delle elaborazioni delle risposte di oltre 1000 agenti immobiliari. I dati 2014, in assoluta continuità con quelli del 2013, mostrano un mercato immobiliare dominato da immobili di classe energetica, che, a seconda della tipologia di immobile, varia tra il 63% per i trilocali ed il 72% dei monolocali. Le compravendite 2014 di immobili appartenenti alle prime quattro classi energetiche (A+; A; B e C) rappresenta tra il 10% e il 14% del mercato (ma per ciascuna tipologia di immobile la classe C rappresenta circa la metà delle transazioni). Interessante, come segnale di mercato, il dato relativo agli immobili di pregio (seppur nello scarso peso che hanno sul totale delle transazioni): il dato delle compravendite in questo segmento per gli immobili di classe A+ e A è passato dal 6% del 2013 al 10% del Anche i dati delle compravendite analizzati per stato di conservazione dell'immobile forniscono spunti di analisi molto interessanti. Se infatti le compravendite 2014 di immobili nuovi si sono realizzate per edifici di classe A+, A e B nel 49% dei casi (erano il 40% nel 2013), lo stesso dato per gli immobili ristrutturati crolla al 6%, dimezzandosi rispetto al Evidente anche il potenziale di efficientamento energetico degli immobili da ristrutturare per i quali quasi il 90% delle compravendite nel 2014 è riferibile ad edifici in classe (dato di poco inferiore rispetto al 2013). Passando dai dati di mercato alle percezioni degli attori del mercato stesso si nota come, nella percezione degli agenti immobiliari, non siano cambiati in maniera sostanziale i fattori di scelta dei compratori: tiene la variabile di prestazione energetica tra i primi elementi prese in considerazione, insieme ad altri fattori quali l'ubicazione e la tipologia di immobile. Anche la capacità di chi compra un immobile di apprezzare la qualità energetica di un edificio onte: elaborazione I-Com su dati IAIP

4 sembra migliorare. Scende infatti al 47% la percentuale dei compratori che sembrano mostrare una non adeguata abilità nel valutare correttamente i benefici di un immobile di classe energetica buona, rispetto al 52% dell'anno Analoga tendenza per il dato relativo a chi vende (il dato 2104 è pari al 60%, sceso di circa 10 punti percentuali rispetto all'anno precedente). Meno incoraggianti i dati relativi all'utilità dell'attestato energetico per orientare le scelte del mercato verso immobili di qualità energetica superiore. Il 60% di chi compra o vende un immobile non lo ritiene uno strumento utile (lo stesso dato era pari al 5 nell'anno precedente); percentuale che arriva al 42% nel caso degli agenti immobiliari (anche in questo caso con un peggioramento di 5 punti percentuali rispetto al 2013). I risultati dell'indagine mostrano un quadro complessivo della situazione del mercato immobiliare rispetto alla variabile energetica composito e, in parte, contrastante. Il mercato rimane evidentemente dominato da immobili di qualità energetica molto scadente (anche per l'evidente peso degli edifici vecchi nello lo stock immobiliare), anche se delle dinamiche di mercato di alcuni segmenti sembra aumentare il peso della qualità energetica, come nel caso degli immobili di pregio. Questa tendenza può essere letta come un incoraggiante segnale della crescente considerazione l'efficienza energetica di un edificio come elemento essenziale e imprescindibile. Sarà dunque necessario trasferire questa consapevolezza anche alle categorie edilizie di minor pregio per capitalizzare il potenziale di efficientamento del settore immobiliare oggi ampiamente inespresso. Incoraggianti anche i dati relativi alle nuove costruzioni, crescendo sensibilmente nel 2014 il peso delle compravendite di immobili efficienti rispetto all'anno precedente. Crolla però lo stesso dato per gli immobili ristrutturati, segno che l'efficienza energetica non è un elemento sufficientemente valorizzato nelle ristrutturazioni edilizie. Anche il sentiment rispetto al tema dell'efficienza energetica degli attori del mercato immobiliare presenta luci ed ombre. Se da una parte aumenta la consapevolezza dell'importanza della variabile energetica di un edificio sia da parte di chi compra che di chi vende, lo strumento della certificazione energetica continua a non essere percepito come utile nell'orientare il mercato verso immobili efficienti. Peggiora infatti il dato della percezione dell'utilità dello strumento nella lettura comparata dei dati 2014 e 2013: questa criticità potrebbe essere in parte dovuta alle frequenti modifiche normative a livello nazionale e alla frammentazione della materia a livello regionale. ranco D'Amore (I-Com) Antonio Disi (ENEA) onte: elaborazione I-Com su dati IAIP

5 Compravendita VARIAZIONI PERCENTUALI RISPETTO AL PRECEDENTE PERIODO (ANNO 2013) Andamento Prezzi Contratti di Compravendita 0,00% 0,00% -2,00% -4,00% -6,00% -8,00% -10,00% -10,2-14,5-14,82% -16,50% -5,00% -10,00% -15,00% -7,39% -22,5-19,93% -25,1-12,00% -20,00% -14,00% -16,00% -25,00% -18,00% Abitazioni Negozi Uffici Capannoni -30,00% Abitazioni Negozi Uffici Capannoni In generale, il mercato indica, rispetto all anno precedente, un andamento dei prezzi in forte diminuzione: di un 10,2 per le abitazioni e di un 14,5 per i negozi, si attesta, sempre in diminuzione, attorno al 14,82% per gli uffici e al 16,50% per i capannoni. Per quanto riguarda il numero delle transazioni si rileva una flessione che varia dal 7,39% circa delle abitazioni al 25,1 dei capannoni, dal 22,5 dei negozi al 19,93% per immobili ad uso ufficio. TEMPO MEDIO DI VENDITA (inteso come il periodo intercorrente tra la data di incarico di vendita e la data di sottoscrizione del contratto preliminare di compravendita per gli immobili ad uso abitazione) Abitazioni Meno di un mese 2% oltre 9 mesi 43% da 1 a 3 mesi 9% da 3 a 6 mesi 17% da 6 a 9 mesi 29% I dati rilevati per il 2014 indicano una percentuale per il tempo medio di vendita per gli immobili ad uso abitativo dai 6 ai 9 mesi, in calo rispetto all anno precedente. In aumento rispetto al 2013 i periodi tra l incarico e la vendita di 1-3 mesi, diminuisce quello tra 3 e 6 mesi e aumentano quelli oltre i 9 mesi.

6 VARIAZIONI PERCENTUALI RISPETTO AL PRECEDENTE PERIODO (ANNO 2013) Locazioni Andamento Prezzi di Locazione Contratti di Locazione 0,00% 8,00% -2,00% -5,34% 6,00% 4,00% 6,09% -4,00% 2,00% -6,00% -8,00% -10,00% -12,29% -11,86% -12,70% 0,00% -2,00% -4,00% -6,00% -8,00% -7, -8,71% -13,19% -12,00% -10,00% -14,00% Abitazioni Negozi Uffici Capannoni -12,00% -14,00% Abitazioni Negozi Uffici Capannoni Per quanto riguarda le locazioni, rispetto al 2013, i prezzi generalmente hanno subito una flessione (5,34%) per il comparto abitativo mentre per il commerciale la forte diminuzione è valutata attorno al 12,29-12,70% circa. I contratti di locazione risultano in aumento del 6,09% per gli affitti delle abitazioni, mentre si riscontra una flessione dei contratti di circa 7, per i negozi, che diventa più sensibile per le unità immobiliari ad uso uffici e raggiunge il 13,19% per i capannoni. TEMPO MEDIO DI LOCAZIONE (inteso come il periodo intercorrente tra la data di incarico di locazione e la data di sottoscrizione del contratto di locazione per gli immobili ad uso abitazione) Abitazioni oltre 9 mesi Meno di un mese 14% da 6 a 9 mesi 10% da 3 a 6 mesi 27% da 1 a 3 mesi 3 Per il settore delle locazioni i tempi medi per affittare un immobile ad uso abitativo sono stazionari per il periodo da 1 a 3 e da 3 a 6 mesi. I tempi oltre i 9 mesi sono in aumento.

7 ANDAMENTO DEL MERCATO DELLE COMPRAVENDITE RISPETTO AL PRECEDENTE PERIODO (ANNO 2013) Abitazioni Domanda 4 1 Offerta 17% 4% 37% N. Compravendite 1 79% 56% 26% Nel mercato per le abitazioni aumenta la domanda rispetto all anno 2013, stazionaria l offerta di immobili ed un leggero aumento delle compravendite rispetto all anno passato. N.B.: le percentuali espresse dai grafici indicano solamente la tendenza e cioè: - il 4 degli intervistati rileva che la domanda di abitazioni è stata in diminuzione, - il 79% degli intervistati rileva che l offerta di immobili è in aumento - il 56% degli intervistati rileva che il numero delle compravendite è in diminuzione Abitazioni ANDAMENTO DEL MERCATO DELLE LOCAZIONI RISPETTO AL PRECEDENTE PERIODO - (ANNO 2013) Domanda Offerta 7% % 16% N. Locazioni 49% 3 Il mercato delle locazioni indica, per il comparto residenziale, un aumento dell offerta. Il 49% del campione ha rilevato un aumento del numero dei contratti. N.B.: le percentuali espresse dai grafici indicano solamente la tendenza e cioè: - il 6 degli intervistati rileva che la domanda di abitazioni da locare è in aumento - il 4 degli intervistati rileva che l offerta di immobili è in aumento - il 49% degli intervistati rileva che il numero dei contratti di locazione è in aumento

8 PERCENTUALI DI COMPRAVENDITA PREVALENTEMENTE CONCLUSE: Esclusivamente con mezzi propri 23% Ricorso al sistema creditizio (mutuo) 47% A seguito di vendita del proprio alloggio 30% Il 47% delle compravendite avviene con il ricorso al sistema creditizio, in leggero aumento le richieste di erogazioni rispetto al TIPOLOIA DI CLIENTI IN RIERIMENTO ALI AARI CONCLUSI Imprese/Società 10% Privati 90% Tra le compravendite concluse nel 2014 risultano aumentate quelle con privati rispetto a quelle con imprese e società PERCENTUALE DI CONTRATTI CONCLUSI CON CLIENTI STRANIERI Contratti di compravendita Extra Unione Europea 19% Contratti di locazione Extra Unione Europea 22% Unione Europea 81% Unione Europea 7 La maggioranza dei contratti di compravendita e di locazione vengono effettuati verso cittadini dell Unione Europea, stabile, rispetto al 2013, la percentuale di contratti conclusi con clienti extracomunitari. PERCENTUALE DELLE COMPRAVENDITE DI ALLOI ABITATIVI CONCLUSE CON CLIENTI EXTRA U.E. Esclusivamente con mezzi propri 40% Con ricorso al sistema creditizio (mutuo) 60% Per il 2014 si rileva un aumento del 6% di extracomunitari che ricorrono al sistema creditizio per l acquisto di una casa; il 40% acquista un immobile esclusivamente con mezzi propri.

9 PERCENTUALE DI CONTRATTI CONCLUSI CON LA COLLABORAZIONE DI ALTRE AENZIE Compravendite residenziali Colleghi iaip 16% Altri 9% In autonomia 7 PERCENTUALE DI CONTRATTI CONCLUSI CON LA COLLABORAZIONE DI ALTRE AENZIE Locazioni in genere Colleghi iaip Altri 7% In autonomia 82% Aumenta la percentuale di contratti di compravendita conclusi in collaborazione con i colleghi iaip, sebbene sia evidente che le agenzie preferiscono concludere i contratti (sia di compravendita che di locazione) in piena autonomia e che la collaborazione fra di loro non sia molto sviluppata.

10 TIPOLOIA DELL ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE COMPRAVENDUTA Unifamiliare Altro 1 Monolocale Bilocale 22% Villetta Schiera Trilocale 39% UBICAZIONE DELL'ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE COMPRAVENDUTA Estrema Periferia 12% Pregio Periferia 1 31% Semicentro 31% STATO DI CONSERVAZIONE DELL'ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE COMPRAVENDUTA Da ristrutturare 2 Nuovo 13% Ristrutturato 1 Buono stato/usato 44% Dai risultati dell indagine per l anno 2014 si rileva che le unità residenziali maggiormente compravendute, anche se in leggera diminuzione, sono un 39% trilocali (soggiorno/cottura 2 camere servizi) e un 22% bilocali (miniappartamenti). In leggera diminuzione il numero di coloro che comprano monolocali. L ubicazione è prevalentemente posta in zone centrali e semicentrali, lo stato di conservazione che prevale è di alloggi usati ma in buono stato (44%). Rimane stazionario il numero degli immobili acquistati da ristrutturare (2).

11 TIPOLOIA DELL ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE LOCATA Unifamiliare 3% Villetta Schiera 3% Altro 12% Monolocale Bilocale 37% Trilocale 37% UBICAZIONE DELL'ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE LOCATA Estrema Periferia 10% Periferia 16% Pregio 3 Semicentro 31% STATO DI CONSERVAZIONE DELL'ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE LOCATA Da ristrutturare Nuovo Ristrutturato 24% Buono stato/usato 57% Per quanto riguarda le locazioni delle abitazioni, sono stazionari i bilocali (miniappartamenti) 37%, stabili i trilocali 37% con ubicazione in zone semicentrali 31% stazionari nelle zone centrali 3. Diminuiscono le richieste per alloggi in affitto in periferia, in aumento in estrema periferia. Per lo stato di conservazione degli alloggi affittati è richiesto il buono stato nella misura del 57% e l alloggio ristrutturato nel 24%.

12 SUPERICI MAIORMENTE RICHIESTE PER LOCALI AD USO NEOZI E UICI Negozi Uffici oltre 100 mq. 2 fino a 60 mq. 42% oltre 100 mq. 26% fino a 60 mq. 40% da 60 a 100 mq. 33% da 60 a 100 mq. 34% Nel settore commerciale la maggior parte delle locazioni è diretta verso locali fino a 60 mq, così come per gli uffici. Solo il 25-26% ricerca locali oltre i 100 mq. UBICAZIONI MAIORMENTE RICHIESTE PER LOCALI AD USO NEOZI E UICI Negozi Uffici Centri Commerciali Periferia 7% Centri Commerciali 6% Periferia 12% 51% Semicentro 23% 62% Semicentro 31% La ricerca di locali ad uso negozi è prevalentemente nel centro storico delle città, così come per gli uffici. In periferia e nei centri commerciali la richiesta di locali è tra il 7 e. SUPERICI MAIORMENTE RICHIESTE PER CAPANNONI AD USO INDUSTRIALE/ARTIIANALE oltre 1000 mq. 22% da 500 a 1000 mq. 30% fino a 500 mq. 4 Nelle aree industriali la richiesta di capannoni prevale per la tipologia fino a 500 mq (4). Solo il 22% prende in locazione capannoni oltre i 1000 mq.

13 UBICAZIONE MAIORMENTE RICHIESTA PER CAPANNONI AD USO INDUSTRIALE/ARTIIANALE uori Città 39% Periferia 61% La zone maggiormente richieste per i capannoni ad uso industriale e artigianale sono quelle delle periferie cittadine (61%). QUALI SONO LE RISORSE MAIORMENTE UTILIZZATE PER L ACQUISTO? Liquidazioni 3% Assicurazioni 2% Mutui 34% Propri risparmi 29% Proventi da vendita immobili QUAL È LA QUOTA DI MUTUO MAIORMENTE RICHIESTA IN RAPPORTO AL PREZZO DELL IMMOBILE? 66% 32% Le imprese che acquistano capannoni industriali o artigianali lo fanno prevalentemente grazie a permute immobiliari o con i propri risparmi. La percentuale del mutuo richiesto per l acquisto sul valore dell immobile è in media del 66%. QUALI SONO MAIORMENTE LE MOTIVAZIONI CHE SPINONO ALLA VENDITA? Liquidità 40% Sostituzione 49% Altre forme investimento Le vendite di capannoni ad uso industriale e artigianale avvengono per lo più per sostituzione (49%) o per realizzare liquidità per l impresa (40%).

14 QUALI SONO LE MOTIVAZIONI CHE SPINONO MAIORMENTE ALL ACQUISTO? Investimento 13% Sostituzione 34% Prima casa 53% La principale motivazione che spinge ad effettuare un investimento immobiliare è l acquisto della prima casa (53%), solo il 34% permuta un immobile ed il 13% utilizza l acquisto come investimento. QUAL È LA TIPOLOIA PIÙ RICORRENTE DI PROPRIETARIO/VENDITORE? Impresa costruttrice 1 ondo immobiliare 1% Privato investitore Cooperativa immobiliare 1% Altro 1% Privato residente 51% Privato non residente 20% Alle agenzie immobiliari si rivolgono per lo più privati residenti (51%) seguiti da privati non residenti (20%) e da imprese costruttrici. QUAL È LA TIPOLOIA PIÙ RICORRENTE DI ACQUIRENTE? ondo immobiliare 0% Privato investitore 14% Impresa costruttrice Altro 2% 2% Cooperativa immobiliare 1% Privato non residente 23% Privato residente 5 Sono sempre i privati residenti che si rivolgono alle agenzie immobiliari per acquistare un immobile (5) mentre il 23% sono privati non residenti e solo il 14% è un privato investitore. Commento VETUSTÀ DEI ABBRICATI IN CUI SONO INSERITI LI IMMOBILI (IN ANNI) Oltre % % % % li immobili compravenduti per il 30% sono inseriti in fabbricati che hanno tra i 15 e i 30 anni. 2 per il patrimonio immobiliare tra i 30 e i 50 anni. Solo l fotografa una vetustà dei fabbricati in cui sono inseriti gli immobili oltre i 50 anni.

15 RESIDENZIALE INDICARE I PREZZI MINIMI E MASSIMI DELLE ABITAZIONI PER TIPOLOIA E UBICAZIONE RIERITE AD ABITAZIONI DI SUPERICIE COMMERCIALE DI MQ. (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) Nuovo Buono Ristrutturato Da ristrutturare Pregio Minimo Massimo Minimo Massimo Semicentro Minimo Massimo Periferia Minimo Massimo Estrema Minimo Periferia Massimo COMMERCIALE INDICARE I PREZZI MINIMI E MASSIMI DELLE UNITÀ COMMERCIALI PER TIPOLOIA E UBICAZIONE (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) NEOZI UICI Minimo Massimo Minimo Massimo Elevato Interesse Commerciale Medio Interesse Commerciale Scarso Interesse Commerciale ARAE INDICARE I PREZZI MINIMI E MASSIMI DEI ARAE PER TIPOLOIA E UBICAZIONE (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) BOX CHIUSI POSTO AUTO COPERTO POSTO AUTO SCOPERTO Minimo Massimo Minimo Massimo Minimo Massimo Pregio Semicentro Periferia Estrema Periferia CAPANNONI INDICARE I PREZZI MINIMI E MASSIMI DELLE UNITÀ INDUSTRIALI/ARTIIANALI PER TIPOLOIA (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) INO A 500 MQ. DA 500 A 1000 MQ. OLTRE 1000 MQ. Minimo Massimo Minimo Massimo Minimo Massimo ITALIA

16 QUAL È LA ORBICE IN PERCENTUALE TRA PREZZO RICHIESTO (PREZZO INCARICO) E PREZZO DI VENDITA (PROPOSTA CONCLUSA)? OLTRE 20 20% 0-5 3% % % RESIDENZIALE INDICARE I PREZZI DELLE LOCAZIONI RESIDENZIALI PER TIPOLOIA E UBICAZIONE (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) ITALIA NUOVO BUONO RISTRUTTURATO DA RISTRUTTURARE Pregio Semicentro Periferia Estrema Periferia COMMERCIALE INDICARE I PREZZI DELLE UNITÀ COMMERCIALI PER TIPOLOIA E UBICAZIONE (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) ITALIA NEOZI UICI Elevato Interesse Commerciale Medio Interesse Commerciale Scarso Interesse Commerciale CAPANNONI INDICARE I PREZZI DELLE UNITÀ INDUSTRIALI/ARTIIANALI PER TIPOLOIA (I VALORI SONO ESPRESSI IN /MQ CON ARROTONDAMENTO ALLE DECINE DI ) INO A 500 MQ. DA 500 A 1000 MQ. OLTRE 1000 MQ. ITALIA QUAL È LA ORBICE IN PERCENTUALE TRA PREZZO RICHIESTO (PREZZO INCARICO) E PREZZO DI VENDITA (PROPOSTA CONCLUSA)? OLTRE %

17 A SUO AVVISO, NELLA SCELTA DI UN IMMOBILE RESIDENZIALE ESISTENTE, QUALI ATTORI A PARITÀ DI BUDET DISPONIBILE PESANO MAIORMENTE SULLA SCELTA DEI COMPRATORI? Ubicazione Esposizione 32% % 26% 1 9% 16% 2 Vicinanza ai servizi Qualità energetica 12% 19% 27% 22% 26% 17% 16% 3 Tipologia 21% 26% 17% 1 1 A parità di budget disponibile è senz altro l ubicazione a pesare nella scelta d acquisto di un immobile residenziale, insieme ai servizi e all esposizione. Più di un quarto del campione ritiene importante anche il fattore dell efficienza energetica. COME IUDICA, IN ENERALE, LA CAPACITÀ DI CHI COMPRA UN IMMOBILE RESIDENZIALE ESISTENTE DI APPREZZARE E VALORIZZARE LA QUALITÀ ENERETICA DELI IMMOBILI? 21% Insufficiente 21% Molto Buona 4% Buona 16% Poco Adeguata 26% Sufficiente 33% Il campione ritiene che il 47% degli acquirenti non ha una percezione adeguata dell importanza del tema dell efficienza energetica, e che solo il 33% ne abbia una sufficiente cognizione.

18 COME IUDICA, IN ENERALE, LA CAPACITÀ DI CHI VENDE UN IMMOBILE RESIDENZIALE ESISTENTE DI VALORIZZARE LA QUALITÀ ENERETICA DELI IMMOBILI? Insufficiente 33% Molto Buona 4% Buona Sufficiente 2 Poco Adeguata 27% li agenti immobiliari giudicano ancora insufficiente (33%) la capacità di chi vende un immobile nel valorizzare adeguatamente la qualità energetica degli immobili residenziali. Il 2 degli intervistati ritiene la stessa sufficiente. L'ATTESTATO ENERETICO DI UN EDIICIO È PERCEPITO, A SUO AVVISO, COME UNO STRUMENTO UTILE PER ORIENTARE LE SCELTE DI CHI ACQUISTA VERSO IMMOBILI DI MAIORE QUALITÀ ENERETICA SEMPRE NEL SEMENTO DELI IMMOBILI RESIDENZIALI ESISTENTI? Inutile 16% Molto Utile Abbastanza Utile 1 Utile 17% Poco Utile 44% Il 60% del campione ritiene l attestato energetico come uno strumento non utile per chi vende e acquista un abitazione. Solo il 17% ritiene lo strumento utile. IN BASE ALLA SUA ESPERIENZA, L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERETICA DI UN EDIICIO È UNO STRUMENTO UTILE PER VALUTARE LA QUALITÀ ENERETICA DI UN IMMOBILE E PER ORIENTARE LE SCELTE DEL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE (CON RIERIMENTO SPECIICO AL SEMENTO DELI EDIICI ESISTENTI) VERSO IMMOBILI PIÙ EICIENTI? Inutile Molto Utile 12% Abbastanza Utile 20% Poco Utile 30% L attestato di prestazione energetica è ritenuto uno strumento utile per valutare la qualità energetica dell immobile e orientare le scelte del mercato immobiliare dal 27% del campione, il 20% lo ritiene abbastanza utile, mentre il 41% non lo ritiene utile. Utile 27%

19 DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER CLASSI ENERETICHE RISPETTO ALLA TIPOLOIA DELL ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE COMPRAVENDUTA Monolocale A+ A 1% 2% B 3% C 4% D E Bilocale A+ A 1% 3% B 4% C 7% D E 72% 6 10% Trilocale A+ A 1% 3% B 3% C 6% Villetta A+ A 1% 3% B 4% C D 7% D E 7% E 6% 62% 64% 9% Unifamiliare A+ A 1% 3% B 3% C 3% D E Altro A+ A B 0% 2% 2% C 2% D 3% E 4% 6% 10% 70% 81% Le tipologia dell abitazione più frequentemente compravenduta sia per i monolocali, bilocali o trilocali, così come per le villette e le unifamiliari ha solitamente la classe energetica.

20 DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER CLASSI ENERETICHE RISPETTO ALL UBICAZIONE DELL ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE COMPRAVENDUTA? Pregio A+ 2% A B 6% C D 4% A+ A 1% 2% B C 4% D E 7% 62% E 6 Semicentro Periferia A+ A B 1% 2% 2% C D 6% E 7% A+ 1% A 3% B 3% C 6% D 6% E 6% 66% 6 10% Estrema periferia A+ A B 2% 1% 2% C 3% D 4% E 4% 9% 7 Rispetto all ubicazione nelle aree metropolitane prevale la classe energetica in tutte le zone cittadine (centro, semicentro, periferia e estrema periferia).

21 DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER CLASSI ENERETICHE RISPETTO ALLO STATO DI CONSERVAZIONE DELL ABITAZIONE PIÙ REQUENTEMENTE COMPRAVENDUTA Nuovo Buono 2 A+ 7% A 21% A+ A 1% 1% B C 10% D 9% 3% E 3% D 6% C B 21% 53% 12% E 9% Ristrutturato A+ A 1% 1% B 4% C 9% Da Ristrutturare A+ A B 1% 0% 0% C D 1% 2% E 1% 47% D E 12% 1 90% Rispetto allo stato di conservazione dell abitazione risulta essere maggiormente compravenduta l abitazione in classe energetica, sia per gli immobili da ristrutturare (90%) che per quelli già ristrutturati (47%).

22 PREVISIONI SINTETICHE SULL'ANDAMENTO DELLE COMPRAVENDITE Pregio Abitazioni 20% 24% 22% 27% Semicentro 56% 26% 24% 51% 41% Periferia 16% 50% 9% Estrema periferia 31% 43% Le previsioni per il 2015 indicano stazionarietà delle compravendite per gli immobili ad uso abitativo, diminuzione in periferia ed aumento nelle aree extra urbane. Pregio PREVISIONI SINTETICHE SUI TEMPI DI CONCLUSIONE DEI CONTRATTI PRELIMINARI DI COMPRAVENDITA 10% Abitazioni 9% % 62% Semicentro 7% 56% 40% Periferia 53% Estrema periferia 17% 42% 42% 47% 41% I dati raccolti, per il comparto residenziale, segnalano per il 2015 i tempi di vendita in prevalenza stazionari per tutte le zone. in periferia, diminuzione in estrema periferia rispetto all anno pecedente.

23 PREVISIONI SINTETICHE SULL'ANDAMENTO DELLE LOCAZIONI 29% Pregio 12% Abitazioni 9% 39% Semicentro 59% 10% 52% 41% Periferia 20% 49% 31% 1 Estrema periferia 4 49% 37% In generale, le previsioni per il mercato delle locazioni indicano un sostanziale incremento del numero di locazioni residenziali nelle zone centrali, semicentrali e periferiche, in quanto è aumentato sensibilmente il numero dei proprietari che opta per le locazioni. 2 PREVISIONI SINTETICHE SUI TEMPI DI CONCLUSIONE DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE Pregio 9% Abitazioni 24% Semicentro 66% 10% % Periferia 62% 29% 37% Estrema periferia 14% 61% I dati raccolti per il 2015 rilevano una previsione di leggero aumento generalizzato per quanto concerne i tempi di conclusione dei contratti delle locazioni abitative; l aumento dei tempi di trattativa è causato spesso da una minore disponibilità economica dei potenziali affittuari. 49%

24 Sede Nazionale Luciano Passuti : Piazzale laminio, ROMA tel fax e.mail: Mario Condò de Satriano Vice Presidente Nazionale e Responsabile In collaborazione con: Antonio Disi Unità Tecnica Efficienza Energetica ranco D Amore Vice Presidente e Direttore Area Energia tipografia litografia ligure - finale ligure - loano

I dati rilevati confermano un tempo medio di vendita per immobili ad uso abitativo che si aggira dai 6 ai 9 mesi.

I dati rilevati confermano un tempo medio di vendita per immobili ad uso abitativo che si aggira dai 6 ai 9 mesi. Variazioni percentuali rispetto al precedente periodo (anno 2007) Compravendita Andamento Prezzi di Compravendita Contratti di Compravendita 0,00% 0,00% -1,00% -2,00% -2,00% -3,00% -4,00% -5,00% -7,12%

Dettagli

Comunicato Stampa. Risultati delle rilevazioni FIAIP sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2013 e scenari di mercato per il 2014

Comunicato Stampa. Risultati delle rilevazioni FIAIP sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2013 e scenari di mercato per il 2014 Comunicato Stampa Risultati delle rilevazioni FIAIP sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2013 e scenari di mercato per il 2014 Report immobiliare urbano 2013: Forte diminuzione dei prezzi, in

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

Clima di fiducia del mercato immobiliare nei capoluoghi lombardi 1

Clima di fiducia del mercato immobiliare nei capoluoghi lombardi 1 Clima di fiducia del mercato immobiliare nei capoluoghi lombardi 1 Mercato residenziale Mercato della compravendita Nell ultimo periodo il mercato della compravendita di abitazioni nei Capoluoghi Lombardi

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite Numero di compravendite Numero di compravendite Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 1 G E N O V A NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 1 1.. Evoluzione delle compravendite Settore

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

SUPPLEMENTI AL BOLLETTINO STATISTICO Sondaggio Congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia Banca d Italia, Tecnoborsa e Agenzia delle Entrate

SUPPLEMENTI AL BOLLETTINO STATISTICO Sondaggio Congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia Banca d Italia, Tecnoborsa e Agenzia delle Entrate N 127 28/02/2015 SUPPLEMENTI AL BOLLETTINO STATISTICO Sondaggio Congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia Banca d Italia, Tecnoborsa e Agenzia delle Entrate COMPRAVENDITE Rapporto annuale sull'andamento

Dettagli

Nota stampa del 17 luglio 2010. Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive

Nota stampa del 17 luglio 2010. Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive Nota stampa del 17 luglio 2010 Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive Le dinamiche demografiche, secondo gli ultimi dati Istat indicano in Sardegna una popolazione residente di 1.672.404,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE DI BARI

MERCATO IMMOBILIARE DI BARI MERCATO IMMOBILIARE DI BARI Nella seconda parte del 2012 le quotazioni delle abitazioni di Bari hanno segnalato una diminuzione del 5,5%. 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 +12,4% +17,0%

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Torino Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Torino Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Torino TORINO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Torino Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore non

Dettagli

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare Transazioni effettuate, previste e mutui luglio 2015 Luglio 2015-1/12 Acquisti effettuati 6,1 5,8 7,2 7,0 4,5 2015

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2015 1

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2015 1 Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio M I L A N O NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE

Dettagli

Il mercato del green building in Italia

Il mercato del green building in Italia Il mercato del green building in Italia Daniela Petrone, Vice Presidente ANIT Obiettivo di questo articolo è fare il punto della situazione sull incidenza e sul potenziale di crescita che l efficienza

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE - BARI

MERCATO IMMOBILIARE - BARI MERCATO IMMOBILIARE - BARI Nel corso del 2007 le quotazioni immobiliari di Bari sono diminuite del 3.3%, con una particolare flessione nella seconda parte dell anno (-2.9%). 2000 2001 2002 2003 2004 2005

Dettagli

CROLLANO DEL 24,3 PER CENTO GLI ACQUISTI DEGLI IMMIGRATI NEL 2009 MA NEL 2010 SARA' PEGGIO, SE LE BANCHE NON TORNANO A DARE MUTUI

CROLLANO DEL 24,3 PER CENTO GLI ACQUISTI DEGLI IMMIGRATI NEL 2009 MA NEL 2010 SARA' PEGGIO, SE LE BANCHE NON TORNANO A DARE MUTUI COMUNICATO STAMPA CROLLANO DEL 24,3 PER CENTO GLI ACQUISTI DEGLI IMMIGRATI NEL 2009 MA NEL 2010 SARA' PEGGIO, SE LE BANCHE NON TORNANO A DARE MUTUI Vera "emergenza casa" per milioni di lavoratori immigrati

Dettagli

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008.

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. N. 01 Novembre 2008 AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. Roma - Dal 15 Ottobre scorso sul sito internet www.agenziadelterritorio.it sono consultabili le quotazioni

Dettagli

Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009)

Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009) Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009) SINTESI Premessa L indagine che segue è stata realizzata per la Sezione Immobiliare che comprende anche le Agenzie Immobiliari senesi aderenti a Confindustria

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE DELLA SARDEGNA. La crisi come opportunità di acquisto

ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE DELLA SARDEGNA. La crisi come opportunità di acquisto ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE DELLA SARDEGNA La crisi come opportunità di acquisto Report 2013 Settore residenziale Lo studio fornisce una sintesi sull andamento dei volumi delle compravendite effettuate

Dettagli

Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori

Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Lo scopo delle slide Lo scopo della slide che seguono è quello presentare in modo critico alcune delle fonti attualmente disponibili per:

Dettagli

COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE

COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE Note e commenti n 13 Aprile 2014 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 Si ringraziano tutte le cooperative e

Dettagli

Scopo e struttura della comunicazione

Scopo e struttura della comunicazione Approfondimento # 2 Analisi di mercato e web Lezione di approfondimento individuale # 2 Valore di mercato A cura arch. Mirko Bisulli Scopo e struttura della comunicazione La comunicazione ha un duplice

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Indice 1. Le compravendite 2. Le locazioni 3. I mutui 4. Le ristrutturazioni

Dettagli

Italia in sviluppo, grandi investimenti in logistica e sviluppo

Italia in sviluppo, grandi investimenti in logistica e sviluppo Italia in sviluppo, grandi investimenti in logistica e sviluppo Per il quinto anno consecutivo Assoimmobiliare in collaborazione con l'anci, Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, ha commissionato

Dettagli

Tribunale di Salerno

Tribunale di Salerno Tribunale di Salerno Terza sezione civile Ufficio esecuzioni immobiliari Egr. Sig. Giudice dell esecuzione dr. Alessandro Brancaccio CREDITORE PIGNORANTE ESECUZIONE IMMOBILIARE n 182/09 R.E CHEBANCA SPA,

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale 6. IL MERCATO IMMOBILIARE 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale Nel 211 lo stock edilizio provinciale ammonta a 165.4 unità immobiliari, di cui 99.9 ad uso residenziale, 41.3 per box e posti

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO 2013 NUMER O 25 Informazioni e Tendenze Immobiliari 1. Introduzione In questo numero 1 Introduzione 2 Le compravendite - Istat - Nomisma - Casa.it e Scenari Immobiliari - Idealista.it - Eurostat

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Il trend cittadino delle abitazioni. Continua la rivalutazione degli acquisti nel settore immobiliare romano i- niziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti,

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Il trend cittadino delle abitazioni. Continua la rivalutazione degli acquisti nel settore immobiliare romano i- niziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE IN ITALIA Dimensione, domanda e scenari futuri

MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE IN ITALIA Dimensione, domanda e scenari futuri MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE IN ITALIA Dimensione, domanda e scenari futuri Intervento di CLARA GARIBELLO Direttore di ricerca di Scenari Immobiliari URBAN PROMO 2013 Outlook sul social housing Suddivisione

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE - ITALIA (sintesi con i punti salienti del mercato immobiliare nazionale)

INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE - ITALIA (sintesi con i punti salienti del mercato immobiliare nazionale) INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE - ITALIA (sintesi con i punti salienti del mercato immobiliare nazionale) PREZZI: -3,0% nei primi sei mesi del 2014 2008 2009 2010 2011 2012 2013 I sem 2014-6,3% -4,2% -1,1%

Dettagli

Le fonti per la stima dei valori

Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Comunicazione curata da arch. Barbara Bolognesi Lo scopo della comunicazione Lo scopo della comunicazione è quello presentare in modo critico

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Firenze Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Firenze Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2 Firenze FIRENZE NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2 1 Firenze Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore non

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE ABITAZIONI DI PRESTIGIO DATI RELATIVI AL II SEMESTRE 2004 CITTÀ DI MILANO

OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE ABITAZIONI DI PRESTIGIO DATI RELATIVI AL II SEMESTRE 2004 CITTÀ DI MILANO OSSERVATORIO SUL MERCATO DELLE ABITAZIONI DI PRESTIGIO DATI RELATIVI AL II SEMESTRE 2004 CITTÀ DI MILANO ANNO II Nr. 3 MARZO 2005 1. Il contesto economico ed immobiliare di riferimento Rendimenti e liquidità

Dettagli

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia. Marco Dettori Presidente OSMI Borsa Immobiliare

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia. Marco Dettori Presidente OSMI Borsa Immobiliare Province di Milano Monza & Brianza dal 1945 Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia Marco Dettori Presidente OSMI Borsa Immobiliare martedì 04 febbraio 2014 Palazzo Turati,

Dettagli

Le fonti per la stima dei valori

Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Materiali a cura di Barbara Bolognesi Architetto, dottoranda di ricerca in Estimo ed Economia territoriale presso l Università di Padova

Dettagli

Osservatorio sulle residenze esclusive I Semestre 2014. 3. Roma I Semestre 2014 e previsioni II Semestre 2014

Osservatorio sulle residenze esclusive I Semestre 2014. 3. Roma I Semestre 2014 e previsioni II Semestre 2014 3. Roma Semestre 2014 e previsioni Semestre 2014 34 Roma 2014 e previsioni 2014 3.1 l mercato delle abitazioni 2 Tavola 3.1 Andamento del mercato abitativo a Roma ( 2014) Mercato Compravendite Mercato

Dettagli

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia. Antonio C.G. Pastore Presidente OSMI Borsa Immobiliare

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia. Antonio C.G. Pastore Presidente OSMI Borsa Immobiliare sulla piazza di Milano e Provincia Antonio C.G. Pastore Presidente OSMI Borsa Immobiliare Venerdì 28 gennaio 2011 Palazzo Affari ai Giureconsulti www.borsaimmobiliare.net Mutui per investimenti in edilizia

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari MARZO 2014 NUMERO 31 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 Le compravendite Agenzia delle Entrate - Idealista.it - Tecnocasa - Tirelli & Partners 3 Le locazioni - Cgil e

Dettagli

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Roma, 26 giugno 2015 Il ciclo immobiliare in corso e previsioni al 2017 2 Evoluzione dei prezzi reali delle abitazioni

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia Collegio Agenti d Affari in Mediazione delle Province di Milano Monza & Brianza dal 1945 Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia Marco Dettori - Presidente TEMA - Territori,

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 16/10/2015 Il Resto del Carlino promuove le misure «Ma fate di più per i... 1 16/10/2015 Il Resto del Carlino Pagina 29 Weekend

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

LE ABITAZIONI DI PREGIO

LE ABITAZIONI DI PREGIO LE ABITAZIONI DI PREGIO Il mercato degli immobili di pregio-lusso, seguito da Santandrea, ha evidenziato nel primo semestre del 2011 una leggera diminuzione (-1.0%) delle quotazioni, dopo la flessione

Dettagli

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO IL sottoscritto Architetto Fabio Alderotti, nato ad EMPOLI, il 26/03/1060 con studio ad EMPOLI

Dettagli

ITALIA: INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE

ITALIA: INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE ITALIA: INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE PREZZI: -4,2% nella seconda parte del 2014 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014-6,3% -4,2% -1,1% -4,7% -10,5% -8,9% -7,2% Variazione percentuale dei prezzi Nel secondo

Dettagli

Economia Provinciale - Rapporto 2001. Industria. 5.2 Edilizia CAMERA DI COMMERCIO

Economia Provinciale - Rapporto 2001. Industria. 5.2 Edilizia CAMERA DI COMMERCIO Economia Provinciale - Rapporto 2001 5 Industria 5.2 Edilizia CAMERA DI COMMERCIO Edilizia Edilizia Andamento nazionale Nel 2001 è continuata la crescita del settore delle costruzioni che ha segnato un

Dettagli

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Caso 0 Copyright 2004 The Companies srl Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Indice Conferimento dell incarico e quesito di

Dettagli

Mercato Immobiliare mercato delle costruzioni. Prof Raffaella Lioce A.A. 2007-08

Mercato Immobiliare mercato delle costruzioni. Prof Raffaella Lioce A.A. 2007-08 Corso di estimo D Mercato Immobiliare mercato delle costruzioni obiettivo Analizzare le caratteristiche e l andamento del mercato immobiliare Comprendere la dimensione economica del mercato delle costruzioni

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari GIUGNO 2012 NUMERO 15 Informazioni e Tendenze Immobiliari 1. Introduzione In questo numero 1 Introduzione 2 Indagine 2012 Le famiglie romane e il mercato immobiliare Borsa Immobiliare di Roma 3 Le compravendite

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE NAPOLI II SEM 2012

MERCATO IMMOBILIARE NAPOLI II SEM 2012 MERCATO IMMOBILIARE NAPOLI II SEM 2012 Nel 2012 le quotazioni delle abitazioni a Napoli hanno segnato una diminuzione del 12,7%. 2007 2008 2009 2010 2011 2012-1,6% -6,8% -6,1% -3,0% -5,5% -12,7% I valori

Dettagli

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia. martedì 21 luglio 2015 Palazzo Turati, Milano.

Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia. martedì 21 luglio 2015 Palazzo Turati, Milano. Collegio Agenti d Affari in Mediazione delle Province di Milano Monza & Brianza dal 1945 sulla piazza di Milano e Provincia I semestre 2015 Marco Dettori - Presidente TEMA - Territori, Mercati e Ambiente

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno 2012 Le informazioni rese nel presente rapporto sono di proprietà esclusiva dell Agenzia delle Entrate. Non

Dettagli

Importi dei bandi per tipologia e anno. Anno 2003. Anno 2000. Anno 2002. Anno 2001

Importi dei bandi per tipologia e anno. Anno 2003. Anno 2000. Anno 2002. Anno 2001 1. LA DOMANDA PUBBLICA Gli appalti banditi nel corso del 2009 nella provincia di Bologna raggiungono in complesso poco più di 160 milioni di euro: dopo la sostanziale tenuta registrata a fine 2008 (+32,4%

Dettagli

Scelte, motivazioni e orientamenti passati, presenti e futuri delle famiglie italiane residenti nelle sei grandi città con oltre 500.

Scelte, motivazioni e orientamenti passati, presenti e futuri delle famiglie italiane residenti nelle sei grandi città con oltre 500. L INDAGINE TECNOBORSA 2009: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA TRANSAZIONI E MUTUI a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa - CSEI Scelte,

Dettagli

21 EDIZIONE 2015. PRESENTAZIONE Giovedì 3 dicembre 2015. A cura di:

21 EDIZIONE 2015. PRESENTAZIONE Giovedì 3 dicembre 2015. A cura di: 21 EDIZIONE 2015 PRESENTAZIONE Giovedì 3 dicembre 2015 A cura di: Il mercato immobiliare bergamasco Mercato immobiliare residenziale delle abitazioni Numero di compravendite nel 2014 1.151 a Bergamo capoluogo

Dettagli

MILANO Dati demografici Mercato immobiliare FOCUS: zona Papiniano

MILANO Dati demografici Mercato immobiliare FOCUS: zona Papiniano FOCUS IMMOBILIARE: MILANO MILANO Dati demografici Mercato immobiliare FOCUS: zona Papiniano Expo 2015 MILANO: la popolazione residente in città Fonte: Comune di Milano Per i residenti a Milano e provincia

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 15 maggio 2012 - Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

ITALIA - INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE

ITALIA - INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE ITALIA - INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE PREZZI: -4,2% nella seconda parte del 2014 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014-6,3% -4,2% -1,1% -4,7% -10,5% -8,9% -7,2% Variazione percentuale dei prezzi Nel secondo

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE PALERMO A Palermo nel primo semestre del 2013 i valori delle abitazioni hanno perso il 4,9%. 2007 2008 2009 2010 2011 2012

MERCATO IMMOBILIARE PALERMO A Palermo nel primo semestre del 2013 i valori delle abitazioni hanno perso il 4,9%. 2007 2008 2009 2010 2011 2012 MERCATO IMMOBILIARE SICILIA I SEMESTRE 2013 Nei primi sei mesi del 2013 le quotazioni di Palermo hanno registrato un ribasso del 4,9%. Il ribasso più importante si segnala a Siracusa (-16,7%), seguito

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

ITALIA - INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE (sintesi con i punti salienti del mercato nazionale)

ITALIA - INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE (sintesi con i punti salienti del mercato nazionale) ITALIA - INDICATORI MERCATO IMMOBILIARE (sintesi con i punti salienti del mercato nazionale) PREZZI: -4,2% nella seconda parte del 2014 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014-6,3% -4,2% -1,1% -4,7% -10,5%

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, luglio 2013 PREVISIONI FOSCHE PER LA SECONDA PARTE DEL 2013: -6% LE COMPRAVENDITE DELLE ABITAZIONI

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, luglio 2013 PREVISIONI FOSCHE PER LA SECONDA PARTE DEL 2013: -6% LE COMPRAVENDITE DELLE ABITAZIONI Osservatorio sul Mercato Immobiliare, luglio 2013 PREVISIONI FOSCHE PER LA SECONDA PARTE DEL 2013: -6% LE COMPRAVENDITE DELLE ABITAZIONI Roma, 10 luglio 2013 - Si confermano fosche le percezioni degli

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Osservatorio Assolombarda e Camera di commercio - Osmi Borsa Immobiliare Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Grazie ai prezzi più bassi e a una maggiore presenza di immobili di pregio

Dettagli

RS: Sentiment Immobiliare e Fiups del I quadrimestre:

RS: Sentiment Immobiliare e Fiups del I quadrimestre: Dipartimento di Economia RS: Sentiment Immobiliare e Fiups del I quadrimestre: il 2014 è l anno della stabilità [Rassegna aggiornata al 10 luglio 2014 A G E N Z I E S T A M P A TMNEWS 9-07-2014 Immobili,

Dettagli

L andamento di acquisti, vendite, locazioni e mutui effettuati e previsti dalle famiglie italiane dal 2004 a oggi

L andamento di acquisti, vendite, locazioni e mutui effettuati e previsti dalle famiglie italiane dal 2004 a oggi L TECNOBORSA 2014: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI E MUTUI a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa - CSEI L andamento di acquisti, vendite,

Dettagli

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010.

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010. COMUNICATO STAMPA Ufficio studi UBH: nel primo trimestre del 2010 i prezzi di vendita delle abitazioni calano del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2009. In particolare, Torino registra un -10,5%,

Dettagli

Chiedi un preventivo ed una consulenza gratuita con i nostri tecnici per la tua abitazione

Chiedi un preventivo ed una consulenza gratuita con i nostri tecnici per la tua abitazione Chiedi un preventivo ed una consulenza gratuita con i nostri tecnici per la tua abitazione www.ondatek.it segreteria@ondatek.it NORME ENERGETICHE PER EDIFICI NUOVI OD OGGETTO DI RISTRUTTURAZIONE Il decreto

Dettagli

Roma Prezzi medi correnti di Abitazioni Usate, Uffici e Negozi (N. I. 1996 = 100)

Roma Prezzi medi correnti di Abitazioni Usate, Uffici e Negozi (N. I. 1996 = 100) Osservatorio sul Mercato mmobiliare, 2-11 ROMA NOTA CONGUNTURALE SUL MERCATO MMOBLARE A MAGGO 2011 1 Prezzi medi correnti di Abitazioni Usate, Uffici e Negozi (N.. 1996 = 0) Figura 1 Numeri indice ( 96

Dettagli