OSSERVATORIO DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE (Italia e focus sulla Provincia di Imperia)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE (Italia e focus sulla Provincia di Imperia)"

Transcript

1 OSSERVATORIO SULL'ANDAMENTO DEL MERCATO IMMOBILIARE SETTORE URBANO IMPERIA PREVISIONI 2013 (rilevazione dati su base annua condotta nel mese di marzo 2013) OSSERVATORIO DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE (Italia e focus sulla Provincia di Imperia) Caro Presidente, Caro Assistente, Cari Soci, l argomento che questa sera sarà oggetto di relazione è un tema sempre molto attuale e di interesse diffuso in quanto tocca oltre l 80% degli italiani che sono ormai proprietari di casa. L oggetto è appunto l andamento dei prezzi del mercato immobiliare, in particolare quello urbano. Un argomento molto vasto che necessariamente ho cercato di condensare nel tempo consueto concesso ai relatori del club. Prima di entrare nel vivo mi corre l obbligo precisare che i dati relativi al numero delle compravendite e dei mutui hanno come fonte l Agenzia del Territorio (ex Catasto) e sono desunti quindi dalle ex Conservatorie dei Registri Immobiliari sulla scorta degli atti registrati. Quindi dati certi e incontrovertibili. Diversamente il campione rappresentativo dell area urbana imperiese è desunto dalla fotografia del Report dell Osservatorio Immobiliare Urbano Fiaip della Liguria La FIAIP è la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali l associazione più rappresentativa degli agenti immobiliari con oltre agenti in Italia e circa 900 in Liguria. Un grande numero di agenti professionisti che ha dato la possibilità di avere un grande numero di preparati rilevatori per la raccolta dei dati e del sentiment del mercato. L Osservatorio imperiese è parte di quello nazionale ed è realizzato con il supporto scientifico dell Università di Bologna Dipartimento di Scienze Statistiche. Premesso e doveroso quanto detto concedetemi un sottotitolo sintetico e giornalistico per questa relazione : SI CONFERMA LA DISCESA DEI PREZZI NEL 2012: IN AUMENTO IL NUMERO DEGLI IMMOBILI MESSI IN VENDITA, NEL RESIDENZIALE SI RADICALIZZA IL CALO DEI VOLUMI E DEI PREZZI A -20%. Per le previsioni di mercato, che la categoria ha sempre fatto negli anni, questa volta con grande realismo che stante la situazione generale è si deve affermare come sia impossibile prevedere quando usciremo dalla crisi in quanto siamo di fronte a nuovo paradigma economico. Slide 0 titolo 1

2 ITALIA. I volumi di compravendita del mercato urbano. (slide 1 ) In questa slide si è voluto rappresentare il mercato immobiliare delle abitazioni che nel 2012 subisce un vero crollo, perdendo oltre 150 mila compravendite rispetto all anno precedente: si tratta del peggior risultato dal 1985 quando le abitazioni compravendute erano state circa 430 mila. Dopo il decennio di crescita nel quale le abitazioni compravendute sono incrementate quasi del l 80%, il crollo verticale sembrava fermarsi con il biennio , ma il 2012 ha invece confermato il trend discendente. Questo esito non trova la sua genesi nel mercato immobiliare in quanto già nel 2006 si poteva prevedere senza dubbio una battuta d arresto del ciclo espansivo perché i tassi di interesse iniziavano ad aumentare ed il livello dei prezzi delle abitazioni, cresciuti velocemente negli anni precedenti, riducevano l accesso delle famiglie al mercato residenziale. In effetti, ben prima della crisi economica dell agosto 2008, il mercato residenziale italiano aveva iniziato a ridursi: nel 2007 il numero di abitazioni compravendute si contrasse del 7% rispetto all anno precedente: era finito il cosiddetto ciclo espansivo e vi sarebbe stato un aggiustamento di entità determinata essenzialmente dall andamento dei tassi di interesse. La crisi finanziaria del ha fatto precipitare i livelli di domanda e di reddito e per un lungo periodo ha di fatto bloccato il finanziamento bancario (che tuttora stenta a riprendere) e ciò ha avuto un immediato riflesso sul mercato residenziale. Quest ultimo ha 2

3 subito un primo crollo del 25% circa nel biennio anzidetto, portando il livello del volume di scambio attorno alle 614 mila unità abitative. Nei due anni successivi vi è stata una sostanziale stazionarietà con i livelli di scambio galleggianti attorno a quello del Questo relativo equilibrio è stato spazzato via dall acuirsi, nella seconda metà del 2011, della crisi economica italiana accentuatasi nel corso del L anno passato, infatti, ha registrato un ulteriore variazione negativa del Pil reale (-2,4%), un tasso di disoccupazione crescente, una riduzione dei livelli di reddito disponibile delle famiglie (minore occupazione e intenso ricorso alla cassa integrazione). Va detto anche che nel corso del 2012 i tassi di interesse sono aumentati e nonostante ciò il Governo Monti, sicuramente consapevole dell equilibrio precario, non ha esitato ad acuire sensibilmente la pressione fiscale sugli immobili, in particolare sulle abitazioni. Una pressione fiscale che invece di favorire, aggredisce il risparmio degli italiani tassando il valore delle case fittiziamente attribuito dal Fisco e non il reddito che esse producono, come invece previsto dalla Costituzione (Art.53). Non è dunque sfuggito agli italiani che tassare oltre il reddito prodotto dallo stesso bene costituisce un lento effetto espropriativo. Queste condizioni hanno portato ad un non del tutto ingiustificato timore, ad una riduzione della spesa per consumi finali delle famiglie (che si è ridotta del 4,1% su base annua) e sarebbe stato inimmaginabile pensare che l acquisto di abitazioni, che costituisce normalmente l investimento e/o il debito più importante della vita, non avesse mostrato una significativa contrazione, come infatti vi è stata. L entità della caduta del mercato residenziale nel 2012, tuttavia, va al di là di ciò che ci si poteva attendere sulla base dei numeri delle variabili economiche. L economia, essendo scienza sociale, è influenzata dalla paura e dall incertezza e quindi, se muta e diventa più incerto il quadro delle aspettative di lungo termine delle famiglie, il passaggio immediato è la rimodulazione drastica e repentina dei piani di spesa, una ricerca di luoghi più sicuri per i flussi di nuovo risparmio e non trovandoli un maggiore accumulo di ricchezza senza immetterla nel circuito produttivo. Esattamente l opposto di quello che il Governo probabilmente aveva in mente. 3

4 (slide 2 ) Slide 2 Tutto negativo dunque per il settore immobiliare? Se il vecchio adagio mal comune mezzo gaudio può avere un effetto placebo, è anche vero che proprio nel confronto con i dati ufficiali di altri investimenti con quello immobiliare troviamo interessante sollievo, tale che anche in questo desolante quadro il mattone ha tenuto oltre quello che oggi comunemente si ritenga. Infatti in un quadro economico negativo come mai è stato, se prendiamo in considerazione i rendimenti del mercato mobiliare con quello immobiliare nell ultimo quinquennio non possiamo non notare che il mattone è quello che ha tenuto maggiormente. 4

5 Slide 3 IMPERIA e PROVINCIA. Report del mercato immobiliare Il mercato delle compravendite e delle locazioni è stato messo sotto la lente per tipologia, ubicazione e stato della conservazione degli immobili. Sono stati individuati i vari tipi di contratti e la loro conclusione, anche con riferimento al credito e alla tipologia della clientela, individuando il numero delle transazioni e delle locazioni concluse tramite l attività degli agenti immobiliari. Per quanto riguarda i prezzi sono stati presi in considerazione i valori analitici dei 35 quartieri del capoluogo e per quanto riguarda la restante provincia qui riporterò solo alcune città a campione avendo i dati di tutti i comuni. Ma veniamo alla situazione di Imperia delineata dall Osservatorio previsionale Fiaip. E visibile dalla slide la discesa dei valori medi dal 2007 fino al 2012 ma anche il 2013 siamo convinti non modificherà questa evidente discesa. Si conferma per il quinto anno consecutivo il calo dei prezzi medi delle compravendite nel Le compravendite immobiliari fanno registrare un andamento medio dei prezzi in calo del -12,5% per le abitazioni contro un oltre -20% di media del nazionale. I valori si attestano invece al -18,33 % per il segmento commerciale e direzionale (uffici) e un -10,0% per i capannoni urbani e suburbani (ma su questo settore voglio precisare che le rilevazioni sono state talmente scarse da far pensare a percentuali molto più negative, pensiero corretto alla luce dall andamento fortemente negativo delle locazioni), che confermerebbero la profonda crisi del settore terziario e produttivo. 5

6 Slide Mi pare importante sottolineare che i valori sono necessariamente indicati con i valori minimi e massimi in quanto oltre allo stato conservativo vi sono molteplici fattori di differenziazione (es. esposizione, forma, piano tipologia riscaldamento, ascensore, ecc.) sono valori che non tengono conto di quelle singole transazioni che, per particolari fattori, sono state concluse fuori dai valori correnti. 6

7 Per quanto riguarda la rilevazione dei box singoli si è posta come superficie media mq. 15 circa. Anche in tale caso si tratta di valori medi essendovi differenziazioni nella forma, nell altezza, nell accessibilità, nel piano fuori terra o nel sottosuolo,,ecc,). 7

8 Slide 7-8 SANREMO Nella slide ho riportato le 15 zone in cui è stata divisa la città di Sanremo, mentre per i posti auto e i box singoli ho riportato i prezzi medi. 8

9 Slide 9-10 BORDIGHERA Bordighera è stato divisa nelle classiche macro zone (centro, semicentro, periferia) e una zona di pregio: da notare come i valori siano ancora sostenuti che conferma la tenuta nelle località di pregio anche se il mercato è poco vivace. 9

10 1 0 Slide DIANO MARINA Città turistica come Bordighera, conferma la tenuta dei valori che sono sempre elevati nelle zone di pregio, ma con segnali di forte stagnazione per il 2013 e quindi è prevedibile un generale ridimensionamento dei valori massimi. Slide 13-14

11 1 1 VENTIMIGLIA Infine, per terminare questa carrellata d esempio dei prezzi delle città costiere, Ventimiglia. Divisa in 7 zone dove i valori rientrano nei valori medi delle altre cittadine urbane con una tenuta delle zone di pregio che sono mare/mortola/ Balzi Rossi/Grimaldi, zone richieste da italiani ma anche da tanti stranieri essendo confine estremo con la Costa Azzurra e Montecarlo. Slide 15 TIPOLOGIA DI ABITAZIONE PIU FREQUENTEMENTE VENDUTA Ho pensato fosse interessante rappresentare quale sia in provincia, la tipologia di abitazione più frequentemente compravenduta che è il bilocale con il 38%, segue il trilocale al 18,67% tallonato dal monolocale in ascesa al 18%.

12 1 2 Slide 16 TIPOLOGIA DI ABITAZIONE PIU FREQUENTEMENTE LOCATA Possiamo notare come anche in questo caso si affermi il bilocale nettamente sulle altre tipologie con ben 46,75%, segue il trilocale a 32,5% mentre il monolocale con solo l 11,5% conferma che non risulta poi così appetibile come oggetto da redditività confermando che l acquisto del monolocale è spesso dettato da uso diretto e costi relativamente contenuti, ma rileviamo che fuori dalle località turistiche e dalla posizione di pregio, è difficile da locare. Slide 17 UBICAZIONE DELL ABITAZIONE PIU FREQUENTEMENTE VENDUTA Si conferma il centro cittadino come ubicazione maggiormente richiesta per l acquisto dell abitazione con il 40,83%, seguito dall estrema periferia in ascesa con il 21,67%. Lieve flessione della periferia e del semicentro, in lieve flessione anche la zona di pregio.

13 1 3 Slide 18 UBICAZIONE DELL ABITAZIONE PIU FREQUENTEMENTE LOCATA A differenza della vendita, la locazione viene spalmata su tutte le zone con una flessione percentuale, rispetto alla compravendita, delle zone centrali ma con una tenuta della periferia estrema e tenuta della richiesta per le zone di pregio. Slide 19 STATO DI CONSERVAZIONE DELL ABIT. PIU FREQUENT. COMPRAVENDUTA Pare sin troppo scontato affermare che le abitazione maggiormente compravendute siano in buono stato conservativo (53,33%) in quanto assieme a quelle nuove o ristrutturate (che sono al 19,17%), complessivamente rappresentano il 72,5%. Il 27,5% è ancora disponibile ad acquistare abitazioni in cattivo stato, non abitabili o comunque da ristrutturare.

14 1 4 Slide 20 STATO DI CONSERVAZIONE DELL ABIT. PIU FREQUENT. LOCATA Nella locazione più che scontato dovremmo dire lapalissiano constatare come le abitazioni maggiormente richieste siano quelle in buono stato locativo con un netto 60% ma assieme all ascesa del nuovo e ristrutturato (32,5%) saliamo al complessivo di 92,5%, segnale netto che l offerta se più è qualificata e più mantiene redditività e scongiura lo sfitto. Slide 21 SUPERFICI MAGGIORM. RICHIESTE NEGOZI & UFFICI Possiamo notare come le superfici maggiormente richieste siano quelle fino a 60 mq. (50%) sia per i negozi che per gli uffici ma mentre nei negozi la restante richiesta si divide ulteriormente circa alla metà per la media e grande superficie, negli uffici si registra una forte richiesta oltre i 100 mq. a conferma

15 1 5 della tendenza nazionale degli uffici e studi professionali verso un aggregazione per diminuire i costi e aumentare le sinergie. Slide 22 UBICAZIONE MAGGIORM. RICHIESTA PER NEGOZI & UFFICI Il centro è tradizionalmente il più richiesto con circa il 70% su tutte le due tipologie, ma registriamo anche per entrambe una crescente propensione all ubicazione in centri commerciali e adiacenze mentre perde il semicentro e la periferia. Slide 23 SUPERFICI MAGGIORM. RICHIESTE PER CAPANNONI USO INDUSTR./ARTIG.

16 1 6 La richiesta si concentra sulle superfici fino a 500 mq. generalmente per lavorazioni artigianali con un buon 20% fino a mq. Slide 24 UBICAZIONI MAGGIORM. RICHIESTE PER CAPANNONI INDUST./ARTIG. La richiesta è divisa tra l immediato fuori città e l estrema periferia, anche perché spesso da noi coincidono. Il fuori città è considerato quello delle aree industriali (ove esistenti) e oltre il confine comunale delle maggiori città rivierasche. Slide 25

17 1 7 VARIAZIONE PREZZI PERCENTUALI COMPRAVENDITA Un grafico che parte dallo zero sulle ascisse per scendere! Con il colore blu l andamento dei prezzi e con il rosso il numero dei contratti di compravendita. Anche in provincia di Imperia notiamo come il numero delle transazioni sia bruscamente diminuito in un solo anno. Per le abitazioni e uffici un -20% è significativo ma non è così positivo o distante neanche il -16,67 dei negozi con un più ridotto -12,5% dei capannoni. I prezzi sono tutti diminuiti con una discesa più marcata per negozi e uffici con il -18,33% con una perdita contenuta dei valori delle abitazioni (-12,5%) e dei capannoni (-10%). Slide 26 VARIAZIONE PREZZI PERCENTUALI LOCAZIONI Cambia tutto nelle locazioni per il settore industriale e artigianale dove le locazioni registrano un -30% in termini di numero di transazioni e una contrazione dei prezzi del -25%. Non hanno di che sorridere nemmeno i negozi che con un -27,5% sia in termine di perdita di valore che in numero dei contratti registra la performance complessivamente peggiore, seguono gli uffici con un -22,5% e le abitazioni che contengono la perdita del numero di contratti con un -11,67% e di canone di locazione con un -15%.

18 1 8 Slide 27 TEMPO MEDIO DI VENDITA (DA INCARICO A PRELIMINARE DI VENDITA) Spesso ci viene chiesto il tempo di vendita che è un elemento determinato da molti fattori tra i quali anche quelli fortuiti, ma anche dalle strategie di vendita e dai veicoli pubblicitari. I tempi medi di vendita in provincia sono fortemente peggiorativi rispetto alla media nazionale (6-9 mesi) con un 55% oltre 9 mesi del settore abitativo, un 46,7% per lo stesso intervallo temporale del settore negozi, un preoccupante 83,33% degli uffici e dei capannoni con un 85%.

19 1 9 Slide 28 TEMPO MEDIO DI LOCAZIONE I tempi di locazione nell abitativo sono ancora nella media nazionale, il 35% viene locato in meno di un mese, il 18,33% da 1 a 6 mesi, il 23,33% da 3 a 6 mesi e da 6 mesi ad oltre 9 per un 11,67% ciascuno. Cambia tutto nel settore commerciale dove i tempi oltre 9 mesi sono registrati per il 65% dei capannoni, per il 50% degli uffici e per il 35% dei negozi. Una conferma, a mio parere, di un mercato commerciale in profonda crisi dalla smodata tassazione e dalla situazione generale, acuito da una regolamentazione degli affitti commerciali rimasta al 1978 che non consente durate più brevi dei 12 anni (6+6) o 18 anni (9+9) dell alberghiero, accordi di

20 2 0 canone a scalare per agevolare nuove attività e investimenti, disincentivanti prelazioni e indennità di buonuscita oggi del tutto anacronistiche. Slide 29 PERCENTUALI DI CONTRATTI CON CLIENTI STRANIERI Nella compravendita i contratti conclusi con clienti stranieri nel 2012 sono stati il 27,17% del totale, percentuale che sale al 30% per cittadini extra U.E. che hanno acquistato tramite mutuo una abitazione. Scende all 11,67% del totale la quota dei cittadini stranieri che ha locato un immobile nel Slide 30

21 2 1

22 2 2 MUTUI E evidente come l erogazione dei mutui continui a diminuire in maniera importante, in un solo annuo la media in Liguria si attesta a -40,3% e Imperia capoluogo a -44%. Il capitale erogato in Liguria registra un -45,2% e Imperia capoluogo vince la maglia nera del capitale erogato con un -55,1% e in termini di quota di capitale erogato rappresenta in tutta la Regione solo l 11%. Al di là delle sensazioni personali questi sono i dati ufficiali dell Agenzia delle Entrate ed quindi lecito almeno dire che la quota di acquirenti dell imperiese che comprano casa con il mutuo, a causa del credit crunch (stretta del credito) e della ridotta solvibilità delle famiglie, è uno degli elementi diretti più influenti quale causa delle performance negative del mercato immobiliare. SENTIMENT DEGLI AGENTI Fase di attenta riflessione sul mercato per gli agenti immobiliari, che faticano sempre più a chiudere la forbice tra domanda e offerta. Le previsioni per il 2013 indicano grande cautela e non sono ottimistiche, nessuno crede alle promesse elettorali e la ripresa sembra di là da venire. Questo è quanto emerge da un campione di informazioni elaborate e raccolte da oltre 100 agenti immobiliari Fiaip imperiesi al fine di misurare non solo le variazioni dei prezzi, ma in particolare l andamento del mercato immobiliare. PREVISIONE 2013, l anno del disincanto L anno in corso appare come quello in cui l opinione pubblica di massa, stimolata e a volte survoltata dai media, si è resa conto che i valori immobiliari non possono più essere quelli del picco dei prezzi toccato nell anno L economia è cambiata e da allora siamo tutti più poveri: non si tratta di una crisi ciclica del settore immobiliare ma di un cambio di paradigma economico. Tutti col segno meno gli indicatori economici concatenati: produzione industriale, occupazione, salari e redditi, moneta circolante, consumi, investimenti. Come si vede la casa, investimento principe, è l ultimo anello della catena: e come si può pretendere che l immobiliare corra quando il tutto il resto rallenta e il PIL è in calo? Il mercato quindi si sta polarizzando, sul lato dell offerta, in una grande divisione dei proprietari in venditori e non-venditori. I venditori sono coloro che hanno una reale motivazione alla vendita, adeguano la richiesta di prezzo (asking price) ai valori correnti di mercato, e vendono. I non-venditori sono invece quei proprietari che, non avendo reale volontà di vendere, fanno una richiesta vicina al picco dei prezzi del 2007 e (ovviamente) non vendono, lasciando il loro immobile parcheggiato sul mercato ma in realtà fuori mercato, come quelle auto abbandonate nei prati di periferia. Spesso si sente ripetere, da parte di questi proprietari non-venditori, il mantra non voglio svendere : frase suggestiva ma priva di significato, dato che non si capisce quale sia il parametro in base al quale non si vuole deprezzare l immobile. Se il mercato come luogo dell incontro tra domanda e offerta è sovrano nello stabilire il prezzo di reale venduto degli immobili (diverso dal prezzo di richiesta), non si vede di che svendita si tratti. Se invece si usa come parametro di riferimento il picco del 2007, bisogna poi trovare il modo di inventare la macchina del

23 2 3 tempo, per riportare il valore della nostra casa alla mitica età dell oro delle vacche grasse. Vogliamo aspettare la risalita del mercato? Benissimo, aspettiamo l inversione del trend negativo di tutti gli indicatori economici e prepariamoci ai dieci anni per uscire dalla crisi di cui parlava Angela Merkel (ultimamente, sotto elezioni, nei discorsi del Cancelliere tedesco gli anni da 10 si son ridotti a 5, speriamo sia buona la seconda). E molti economisti ammoniscono che anche quando dovessimo uscire dalle vacche magre, non torneremo mai alla mitica età dell oro del 2007, scomparsa per sempre come Atlantide sotto l oceano. Lasciando il campo dei forse, se e ma, la scelta che hanno oggi i proprietari non è tra vendere e svendere, ma tra vendere e non-vendere: e se ne stanno accorgendo, tra gli altri, anche il Comune di Imperia e la Provincia, che non riescono a vendere Villa Carpeneto o alloggi e uffici in Viale Matteotti, nonostante aste al secondo o terzo esperimento e offerte fantasma. Anche qui è riecheggiato il mantra-nonsense non vogliamo svendere. Anche qui, se non si vuole adeguare il prezzo di richiesta al prezzo di mercato corrente, l alternativa è non-vendere, se possono permetterselo. Magari ripensare agli immobili destinandoli ad una funzione pubblica (trovando i soldi per riqualificarla, rilanciarla e poi mantenerla). Sul lato della domanda invece resta come un grande classico nazionalpopolare l incrollabile voglia di casa degli italiani. Qui la polarizzazione è tra chi ha i soldi e chi non li ha. Le banche infatti hanno stretto i cordoni della borsa e solo 5 richieste di mutuo su 100 vanno a buon fine, per lo più con un rapporto mutuo/prezzo che non supera il 50-60% (contro l % degli anni precrisi). Di conseguenza la liquidità oggi è preziosa e chi ha liquidità e solvibilità bancaria può spuntare ottime trattative, impensabili fino a un paio di anni fa. Qual è la buona notizia? Sono addirittura tre. 1) L immobiliare non è un gioco speculativo ma un cassetto salvadanaio, che sul medio periodo (10-15 anni) paga più degli altri investimenti come tutela del risparmio e rivalutazione del capitale. 2) L immobiliare frutta inoltre un reddito ragguardevole (nel residenziale il 5% medio sul capitale) sia che lo si dia in affitto sia in caso di uso diretto, dove il reddito è rappresentato dal risparmio dell affitto che il proprietario non paga a qualcun altro. Nel 2012 abbiamo assistito ad un calo sia dei prezzi di vendita che dei canoni di locazione, ma questi ultimi in proporzione sono scesi meno, perciò il reddito da locazione è in fase di incremento. 3) La discesa dei prezzi farà ricominciare, lentamente ma a breve, a far vendere di nuovo le case. Se le aspettative dei proprietari si ridimensionano fino ad incontrare la capacità di spesa dei potenziali acquirenti, infatti, l affare si chiude perché in Italia, come in Liguria ed ad Imperia in particolare, la voglia di casa non diminuisce mai. E mai come oggi c è bisogno di mediazione e gestione della trattativa. Oggi abbiamo un gap medio del 20% tra prezzo di richiesta e reale venduto, quindi un buon agente immobiliare, che è un mediatore professionale, può fare la differenza tra vendere e non vendere. Il plafonamento dei prezzi dovrebbe portare ad un aumento delle compravendite (come evidenziato oggi sono la metà del 2006), risanando un

24 2 4 comparto economico così importante per il nostro PIL nazionale, di cui rappresenta il 15-20%. Un settore strategico, oggi scompensato dallo scollamento tra le aspettative dei proprietari-venditori e il potere d acquisto degli acquirenti-consumatori. In Italia, con la nostra storia, l architettura, l urbanistica e la civiltà dell abitare non abbiamo alternativa al mattone: tanto vale farlo funzionare, e prima lo capiamo meglio è. Vi ringrazio della Vostra sopportazione e attenzione, una copia verrà affidata al Presidente per il consueto invio postale ai soci e rimango a disposizione per eventuali domande. Marco Magaglio

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite Numero di compravendite Numero di compravendite Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 1 G E N O V A NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 1 1.. Evoluzione delle compravendite Settore

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Firenze Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Firenze Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2 Firenze FIRENZE NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2 1 Firenze Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore non

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

I dati rilevati confermano un tempo medio di vendita per immobili ad uso abitativo che si aggira dai 6 ai 9 mesi.

I dati rilevati confermano un tempo medio di vendita per immobili ad uso abitativo che si aggira dai 6 ai 9 mesi. Variazioni percentuali rispetto al precedente periodo (anno 2007) Compravendita Andamento Prezzi di Compravendita Contratti di Compravendita 0,00% 0,00% -1,00% -2,00% -2,00% -3,00% -4,00% -5,00% -7,12%

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

Clima di fiducia del mercato immobiliare nei capoluoghi lombardi 1

Clima di fiducia del mercato immobiliare nei capoluoghi lombardi 1 Clima di fiducia del mercato immobiliare nei capoluoghi lombardi 1 Mercato residenziale Mercato della compravendita Nell ultimo periodo il mercato della compravendita di abitazioni nei Capoluoghi Lombardi

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Torino Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Torino Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Torino TORINO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Torino Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore non

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009)

Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009) Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009) SINTESI Premessa L indagine che segue è stata realizzata per la Sezione Immobiliare che comprende anche le Agenzie Immobiliari senesi aderenti a Confindustria

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report L ANALISI DELLE DINAMICHE DELL EROGAZIONE DEL CREDITO CONFERMA IL TREND IN RIPRESA DELL IMMOBILIARE ANCE SALERNO: CAMPANIA LEADER NELLA RIPARTENZA DEI MUTUI I prestiti concessi alle

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori

Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Lo scopo delle slide Lo scopo della slide che seguono è quello presentare in modo critico alcune delle fonti attualmente disponibili per:

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare Transazioni effettuate, previste e mutui luglio 2015 Luglio 2015-1/12 Acquisti effettuati 6,1 5,8 7,2 7,0 4,5 2015

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008.

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. N. 01 Novembre 2008 AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. Roma - Dal 15 Ottobre scorso sul sito internet www.agenziadelterritorio.it sono consultabili le quotazioni

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Roma, 26 giugno 2015 Il ciclo immobiliare in corso e previsioni al 2017 2 Evoluzione dei prezzi reali delle abitazioni

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Comunicato Stampa. Risultati delle rilevazioni FIAIP sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2013 e scenari di mercato per il 2014

Comunicato Stampa. Risultati delle rilevazioni FIAIP sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2013 e scenari di mercato per il 2014 Comunicato Stampa Risultati delle rilevazioni FIAIP sull'andamento del mercato immobiliare urbano 2013 e scenari di mercato per il 2014 Report immobiliare urbano 2013: Forte diminuzione dei prezzi, in

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Osservatorio Assolombarda e Camera di commercio - Osmi Borsa Immobiliare Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Grazie ai prezzi più bassi e a una maggiore presenza di immobili di pregio

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi Un 2012 all insegna della timida ripresa per il mercato immobiliare residenziale. I primi due mesi dell anno

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale 6. IL MERCATO IMMOBILIARE 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale Nel 211 lo stock edilizio provinciale ammonta a 165.4 unità immobiliari, di cui 99.9 ad uso residenziale, 41.3 per box e posti

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Programma di vendita della tua casa

Programma di vendita della tua casa Valore alle tue scelte La prima vera agenzia immobiliare multi-service e tecnologicamente all avanguardia Valore alle tue scelte Programma di vendita della tua casa Chi siamo, come operiamo LO SPIRITO

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008 INDICE REPLAT: TRA GIUGNO E DICEMBRE LA DOMANDA RECUPERA IL +5,27% MA IL SETTORE CONTINUA A

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale. con la collaborazione di

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale. con la collaborazione di RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 con la collaborazione di data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno a cura dell Ufficio Statistiche e Studi della Direzione Centrale Osservatorio Mercato

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella

No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella CRISI NEL MERCATO immobiliare? No, grazie! Si nota una certa tensione nel mercato immobiliare mondiale, quello italiano sembra resistere egregiamente. A cura di Donato Palombella 36 CRISI NEL MERCATO IMMOBILIARE?

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010.

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010. COMUNICATO STAMPA Ufficio studi UBH: nel primo trimestre del 2010 i prezzi di vendita delle abitazioni calano del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2009. In particolare, Torino registra un -10,5%,

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

LE ABITAZIONI DI PREGIO

LE ABITAZIONI DI PREGIO LE ABITAZIONI DI PREGIO Il mercato degli immobili di pregio-lusso, seguito da Santandrea, ha evidenziato nel primo semestre del 2011 una leggera diminuzione (-1.0%) delle quotazioni, dopo la flessione

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2015 1

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2015 1 Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio M I L A N O NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

E LA CASA IN BRIANZA RESTA UN INVESTIMENTO

E LA CASA IN BRIANZA RESTA UN INVESTIMENTO AZIENDA SPECIALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO - ORGANIZZAZIONE DI SERVIZI PER IL MERCATO IMMOBILIARE tel. 039/2807511 039/2807521 Primi segnali di ribasso anche per il segmento industriale: il prezzo

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Milano, 2 settembre 2011 COMUNICATO STAMPA La fiducia degli Italiani è in calo per il terzo mese consecutivo, mai così in basso da gennaio 2008. E lo stesso vale per la previsione sull andamento della

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

Assemblea ordinaria dei soci

Assemblea ordinaria dei soci Collegio Agenti d Affari in Mediazione delle Province di Milano Monza & Brianza dal 1945 Assemblea ordinaria dei soci Relazione del Presidente Vincenzo Albanese Milano, 24 giugno 2015 2015: I 70 ANNI DI

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE DELLA SARDEGNA. La crisi come opportunità di acquisto

ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE DELLA SARDEGNA. La crisi come opportunità di acquisto ANALISI DEL MERCATO IMMOBILIARE DELLA SARDEGNA La crisi come opportunità di acquisto Report 2013 Settore residenziale Lo studio fornisce una sintesi sull andamento dei volumi delle compravendite effettuate

Dettagli

Il mercato immobiliare in Milano città: la ripresa che verrà

Il mercato immobiliare in Milano città: la ripresa che verrà Collegio Agenti d Affari in Mediazione delle Province di Milano Monza & Brianza dal 1945 Presentazione dei prezzi degli Immobili di Milano e Provincia I semestre 2015 Il mercato immobiliare in Milano città:

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di

La notizia presentata come sintesi dello studio è stata che gli italiani risparmiano di 1 di 5 11/09/2011 14:52 LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE A cura di Roberto Praderi. Come nelle elaborazioni precedenti ci siamo basati su documenti ufficiali, in questa facciamo riferimento allo 2

Dettagli

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO IL sottoscritto Architetto Fabio Alderotti, nato ad EMPOLI, il 26/03/1060 con studio ad EMPOLI

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli