Il cammino si fa andando. Un percorso tra le ricerche e i siti che si occupano di atipicità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cammino si fa andando. Un percorso tra le ricerche e i siti che si occupano di atipicità"

Transcript

1 Il cammino si fa andando Un percorso tra le ricerche e i siti che si occupano di atipicità

2 Supplemento della pubblicazione mensile Io Lavoro Forum a cura dell Agenzia Liguria Lavoro Ente Strumentale della Regione Liguria Direttore responsabile: Stefania Spallanzani Direzione, Redazione, Amministrazione: via Fieschi, 11 G Genova tel fax Autorizzazione del Tribunale di Genova: n. 17/2002 Stampa e distribuzione: Rilegatoria Varzi - Città di Castello (PG) Segreteria di redazione: dott.sse Paola Mainini, tel Silvia Dorigati, tel fax Agenzia Liguria Lavoro, via Fieschi, 11 G Genova Progetto, illustrazioni, videoimpaginazione: studio grafico Andrea Musso Daria Pasolini

3 SOMMARIO Premessa 3 La genesi di questo lavoro e la sua potenziale evoluzione 5 Il processo di cambiamento 7 Verso l individualizzazione del lavoro 9 Definizione dell oggetto 11 Alcuni elementi significativi 17 I bisogni e la programmazione di politiche attive del lavoro 23 L organizzazione di questo lavoro 25 Il mercato del lavoro che cambia 31 La flessibilità e le condizioni di lavoro 41 Lavorare in condizioni precarie 44 La salute e la sicurezza 59 Il sindacato e le tutele sindacali 62 I nuovi rapporti contrattuali 69 I collaboratori e i professionisti 72 Il lavoro interinale/ in somministrazione 85 Gli attori 95 La pubblica amministrazione 98 L impresa 101 I giovani 108 Le donne 116 Sitografia 123 Bibliografia 139 Il gruppo di lavoro 151

4

5 PREMESSA La genesi di questo lavoro e la sua potenziale evoluzione Nel 2004 Agenzia aveva realizzato una prima ricognizione sul tema del lavoro atipico. Termine relativamente nuovo allora, strettamente correlato ai rapidi cambiamenti legislativi 1 e individuato in contrapposizione a quello più noto e confortante nella nostra cultura del lavoro di tipico. Nuovo allora e nuovo ancora oggi, a distanza di 5 anni; nuovo nel senso che continua ad essere un terreno ignoto, un mosaico di condizioni, un caleidoscopio, che presenta immagini diverse a seconda delle angolazioni e dell inclinazione utilizzata per osservare le figure che via via si compongono. Un caleidoscopio che, ad ogni fermo immagine, offre un quadro che appare assolutamente coerente, completo, definitivo. È sufficiente spostare lo sguardo che il quadro si ricompone in altro modo, pur rimanendo coerente, completo, definitivo. È per questo motivo, a distanza di cinque anni in un momento di crisi strutturale e che impone vecchie e nuove sfide alle politiche del lavoro che l obiettivo di questa ricognizione è quello di riprovare a dare un fermo immagine, pur nella consapevolezza della sua elevata modificabilità. Usando la lente delle ricerche e degli studi fatti su questo tema, ci proponiamo di offrire uno strumento di lavoro per operatori, ricercatori e decisori, un punto di partenza per stimolare la riflessione che si innesta in un processo più ampio di interventi di Regione Liguria e di Agenzia 2. Alla fine degli anni 80 un libro piccolo ma potente aveva affrontato il tema della disoccupazione, ricorrendo all immagine del frattale e dell ologramma 3 ; oggi potremmo parafrase quel titolo, parlando di frattali e ologrammi dell occupazione, consapevoli di muoverci su un terreno altamente mobile. E viene utilizzato il termine terreno e non sabbia, per non dare una connotazione fortemente negativa di questa condizione di alta frammentazione del mercato, degli attori imprese e istituzioni che si muovono nell incertezza 4. Un terreno che in alcuni casi può essere fertile, ma in molti altri sabbia e in alcuni mobile. A maggior ragione si propone una ricognizione ovviamente non esaustiva e in evolu- 1 La c.d. legge Biagi del 2003 potrebbe rappresentare un punto di partenza 2 Per Regione Liguria, il riferimento è il Piano Straordinario Anticrisi, mentre per quanto riguarda Agenzia il richiamo è alle pubblicazioni in uscita sia sul Glossario (Lavoro atipico. Guida pratica per orientarsi) che sulla conoscenza del contesto attraverso i dati quantitativi. (Il lavoro non standard in Liguria) 3 Contessa G., Frattali e ologrammi della disoccupazione, Milano, CLUP, Concetto ben espresso da Baumann e declinato nei diversi mondi vitali 5

6 zione che ha l obiettivo (o l illusione) di fornire dei fotogrammi sul lavoro atipico, pur nella consapevolezza è bene ribadirlo di essere in un contesto altamente mobile e di non facile delimitazione. L elevato grado di complessità di questo tema ha posto sin dall inizio la necessità di premettere a qualsiasi discesa sul campo un analisi teorica che consentisse di delineare in modo univoco il concetto di atipico. Per questi motivi questo lavoro si innesta su un processo più ampio di approfondimento e si è mosso in modo parallelo e modulare con l obiettivo di contribuire a proporre una definizione condivisa dell oggetto di indagine analizzare lo stato dell arte sul tema attraverso una fase di ricognizione delle fonti (bibliografica, di indagini dirette, di reportistica in generale). La ricchezza delle informazioni raccolte e gli approfondimenti realizzati a livello nazionale e locale da diversi Enti, Sindacati e Istituti di ricerca presentano un quadro assai vasto dei diversi modelli interpretativi che si ritiene opportuno diventino oggetto di confronto sul territorio. Infatti il rapporto con il territorio e con il tessuto produttivo risulta essere centrale. Uno strumento di lavoro che si propone possa diventare una base di partenza per uno scambio e un confronto con le parti sociali datoriali e sindacali e con i soggetti che a vario titolo si occupano di atipicità dei percorsi lavorativi. Sullo sfondo l obiettivo è quello di integrare questa attività di analisi con altri temi di approfondimento che Agenzia Liguria Lavoro sta seguendo, in accordo con le linee di programmazione e progettazione di politiche attive del lavoro di Regione Liguria. La ricognizione realizzata sull atipico non costituisce quindi un indagine a sé, ma intende integrarsi con altre ricerche e soprattutto con quanto realizzato nel nostro territorio regionale. Questo lavoro infatti intende essere la base di un processo di progressiva integrazione delle conoscenze e dei soggetti che si occupano di atipicità nel nostro territorio. Quanto sintetizzato in queste pagine necessita: di ulteriori integrazioni e contributi, di essere calato nella specificità della realtà ligure, nei diversi territori e mercati locali, di essere condiviso e arricchito da una discussione approfondita nei contenuti, per arrivare ad una definizione di linee progettuali di intervento rivolte sia ai lavoratori che al tessuto produttivo. Una particolare evoluzione di questo lavoro e del progetto regionale in generale potrebbe essere quella di impostare la realizzazione di un workshop permanente con gli operatori del sistema, proprio per cercare di condividere le conoscenze. Prima di dare conto della ricognizione documentale realizzata, è opportuno premettere alcune osservazioni legate al processo di cambiamento in atto e alla definizione dell oggetto di indagine che costituiscono il riferimento teorico entro cui è inquadrata la nostra ricognizione e che contribuisce a definire i criteri in base ai quali sono state individuati e classificati i materiali censiti. 6

7 Il processo di cambiamento Le profonde trasformazioni economiche e sociali che hanno caratterizzato il nostro secolo sono deducibili anche dalla lettura dei cambiamenti che stanno avvenendo all interno del mercato del lavoro: da un lato un aumento della complessità - delle categorie di riferimento e dei fenomeni - e dall altro una sempre maggiore difficoltà nella comprensione delle dinamiche della domanda e dell offerta di lavoro. Infatti a fronte di una sempre maggiore regolazione sociale del mercato del lavoro si registrano fenomeni assai complessi, quali ad esempio: il mutato ruolo del lavoro che da un lato continua a manifestare una forte connotazione individuale ma che sempre più perde la sua centralità rispetto alla costruzione del mondo sociale degli attori; la minor strutturazione dei percorsi di transizione di vita e di lavoro: la flessibilità che oggi caratterizza il mercato del lavoro, pur continuando ad essere centrali gli aspetti certificatori, tende a sopravvalutare le competenze professionali, concetto tecnicamente chiaro, ma molto più complesso nella sua definizione e comprensione. In sostanza nel recinto del mercato del lavoro aumentano sia il numero (e la qualità) delle variabili in gioco nel determinare i comportamenti degli attori sociali, sia il numero degli operatori e istituzioni e delle relazioni fra questi. La realtà sociale ha un tasso di prevedibilità estremamente basso: ci sono più attori sulla scena, più opzioni possibili per i singoli attori, meno regole del gioco stabili su cui basarsi e più vincoli da rispettare. I modelli progettuali individuali devono perciò essere coerenti con le esigenze espresse dalle realtà economiche che richiedono nuove competenze professionali di base - di tipo trasversale - per potersi collocare strategicamente in un mercato del lavoro instabile, imprevedibile ed in continua evoluzione. I processi di cambiamento organizzativo dovuti alla trasformazione del più ampio tessuto sociale ed economico possono essere sintetizzati in alcune linee di tendenza che contribuiscono a delineare il futuro del lavoro, delle professioni e dei bisogni formativi. In primo luogo la riduzione del tempo di lavoro, strettamente connessa alla caduta della centralità del lavoro stesso nell agire: il tempo è correlato al mutato ciclo di vita, infatti le fasi della vita - prevedibili in gran parte in una società industriale (dalla scuola, al lavoro, alla pensione) - tendono a sovrapporsi e a confondersi evidenziando una identità sociale più segmentata, o meglio pendolare (dalla scuola al lavoro, dalla formazione al lavoro, fino all adattamento graduale verso la pensione, momento di vita comunque ritardato e dai confini più labili). In secondo luogo la frammentazione dei percorsi lavorativi: difficilmente una persona avrà la possibilità di iniziare e finire la sua carriera lavorativa all interno di un unica azienda. La minor strutturazione dei percorsi include quindi anche una maggior separazione tra economia e società: in questo senso il lavoro informale (ad esempio l accesso graduale dei giovani al lavoro, la permanenza nel mercato di figure che ufficialmente ne sono uscite) diventa un segmento sempre più considerevole, anche se invisibile. 7

8 Ancora, i mestieri tradizionali hanno subìto notevoli cambiamenti o sono destinati a scomparire 5 ; il passaggio da mestiere a professione implica un mutato atteggiamento verso il lavoro: dallo svolgimento di un compito si passa alla soluzione dei problemi, aumentando quindi il ruolo dei saperi trasversali e l importanza di avere un atteggiamento di autoimprenditorialità anche nel lavoro dipendente. Infine si è verificata una drastica riduzione dell occupazione dipendente, in particolare nel settore industriale, a favore di uno smisurato aumento del terziario, principalmente dovuto al fatto che l impresa - per rispondere all esigenza di flessibilità - ha spostato l asse dell attenzione dalla produzione al mercato. L esternalizzazione delle imprese ha aumentato il mercato dei servizi alla produzione; in parallelo - se pur in maniera relativamente autonoma o quantomeno in correlazione al mutamento di altri indicatori 6 - ad una crescita dei servizi alla persona. In questo senso risulta centrale la risorsa umana: è ancor più evidente che il ruolo globale delle persone risulta ancor più cruciale, sovrapponendosi peraltro al ruolo professionale; in altri termini la qualità della prestazione coincide con la qualità del prodotto. Volendo schematizzare, gli elementi da tenere contemporaneamente in considerazione sono: sul fronte del mercato Aumento della differenziazione mercati del lavoro, secondo diverse classificazioni Area territoriale (centro/periferia) Tipologia di produzione (maturi/innovativi) Segmento di mercato (alto/basso) sul fronte dell incontro domanda e offerta di lavoro Aumento della differenziazione dei profili professionali richiesti sul fronte dei lavoratori la presenza di tappe e sovrapposizioni di status più diffuse e maggiormente diversificate nell ambito di un universo di scelte reversibili Questi spunti costituiscono lo sfondo di un modo nuovo di analisi e lettura del mercato del lavoro: una sfida interpretativa che si coglie anche nella più recente teoria e nel proliferare di pubblicazioni che evidenziano una attenzione al nuovo mercato del lavoro. Scorrendo velocemente alcuni titoli di pubblicazioni recenti in materia ricorrono termini che sottolineano quanto sempre meno il mercato del lavoro rappresenti un recinto rigidamente definibile. Termini quale nuovo welfare e lavoro, società dei lavori, opportunità o vincolo, lavoro non standard, lavoro in movimento, relazioni di lavoro impongono alla nostra attenzione quanto sia importante approfondire anche in termini teorici l interpretazione dei fenomeni che avvengono nell ambito del mercato del lavoro. 5 Si stima che le professioni veramente nuove coprano il 5% del lavoro e che quelle emergenti siano il 48% 6 Ad esempio l ingresso sempre più elevato delle donne nel mercato del lavoro, la differente composizione della famiglia, l allungamento della vita. 8

9 Verso l individualizzazione del lavoro Il mercato del lavoro è ancora governato da schemi legislativi ispirati al primato del lavoro dipendente e della sua regolazione, mentre nella realtà vige ormai un primato individuale (imprenditoriale, autonomo, professionistico, atipico). Per questo motivo si può aggiungere ai termini flessibile, precario, stabile, quello di individuale. Questo per sottolineare che l evoluzione socio economica e legislativa stanno evidenziando un nuovo assetto del mercato e quindi dei meccanismi di regolazione e un evoluzione sociale. Il marcato aumento della flessibilità nei rapporti di lavoro intervenuto nei Paesi più industrializzati ha interessato anche l Italia. Alla fine degli anni Novanta, l assetto istituzionale del lavoro italiano di fatto sostanzialmente basato sulle condizioni produttive tipiche dei grandi complessi industriali insediati nelle regioni settentrionali del Paese è stato travolto dall ondata deregolativa che ha imposto, da un lato, un processo di superamento dell organizzazione produttiva taylorista e ha determinato, dall altro, la frammentazione del modello classico di lavoro subordinato e del lavoro autonomo. Rispetto ad una struttura gerarchico piramidale, dunque, quello che va diffondendosi è il modello di una società nella quale risultano più convenienti strutture orizzontali e reticolari ( in rete ). Sin dalla metà degli anni Novanta, il cosiddetto Pacchetto Treu (1996) ha iniziato un corso legislativo finalizzato a normalizzare ex post forme emergenti di impiego e a produrre processi evolutivi nelle forme contrattuali già in essere. Il lavoro flessibile, sovente indicato come atipico, è costituito da rapporti differenti rispetto a quelli caratterizzati da contratti a tempo indeterminato e da orario di lavoro a tempo pieno. Tra i più ricorrenti si possono indicare i rapporti di lavoro a tempo determinato, il lavoro part-time, il lavoro interinale, il lavoro parasubordinato; tipologie contrattuali introdotte nel nostro Paese a partire dall accordo del 1993 tra il Governo e le parti Sociali. Il decreto attuativo della legge 30/2003 introduce nuovi istituti contrattuali o aggiunge elementi di flessibilità a forme di lavoro già esistenti. Risulta del tutto evidente come ci si trovi di fronte ad una fase decisiva per la riforma del mercato del lavoro italiano attorno alla quale è in corso un acceso dibattito dal quale tuttavia appare chiaramente come gli elementi su cui si polarizza l attenzione siano fondamentalmente quelli della flessibilità e della tutela del lavoro. Raccogliere ed elaborare informazioni sulla presenza e sugli effetti del lavoro flessibile e dell applicazione della legge 30 in Liguria sia in relazione agli aspetti quanti/qualitativi, che a quelli normativi sull occupazione costituisce un obiettivo di particolare interesse al fine di approfondire la conoscenza sul contesto socio economico ligure. Questo tema è trasversale alle azioni complessive che Agenzia sta seguendo sulla flessibilità del lavoro; in questa sede 7 l obiettivo è limitato all acquisizione di materiali documentali e di ricerca, che costituiscono una proposta di meta contesto in cui inserire le 7 A cura dell Unità Operativa Monitoraggio e Analisi di Agenzia 9

10 analisi realizzate sui dati di contesto 8 e che sono correlate alla ricostruzione legislativa e terminologica 9. La composizione dei lavoratori individuali risulta altamente frammentata, anche sulla base di variabili trasversali (di genere, generazionale e di nazionalità), evidenziando che gli strumenti e le risorse - per garantire la permanenza rimandano ad una elevata qualificazione, all alto grado di socializzazione alle tecnologie informatiche e alle risorse della rete relazionale. Nel processo di turn-over occupazionale e di ricambio generazionale, vengono, comunque creati lavori regolati da forme contrattuali non standard, mentre vengono meno posti di lavoro regolati in prevalenza da contratti tipici, infatti, la quota dell occupazione standard sul totale dell occupazione viene sempre più erosa a vantaggio di altre formule contrattuali. Complessivamente, dunque, considerando anche il lavoro autonomo, si può dire che la condizione di atipico sempre più potrà entrare nell esperienza individuale dei lavoratori, anche di quelli che al momento hanno un occupazione tipica. Alla crescita del lavoro atipico si è affiancato un cambiamento nella composizione demografica della disoccupazione: l esperienza della disoccupazione nel nostro Paese non riguarda più in maniera esclusiva o prevalente i giovani che tentano di entrare in un mercato loro ostile, ma in eguale misura anche gli adulti, in particolare quelli tra i 30 ed i 39 anni. In particolare questa fascia generazionale è quella che ha incontrato maggiori difficoltà nell ingresso al lavoro e che si trova spesso inserita in percorsi di discontinuità lavorativa. 8 A cura dell Unità Operativa Osservatorio Mercato del Lavoro 9 A cura dell Unità Operativa Informazione e comunicazione e dell Unità Operativa Legislazione e Normativa 10

11 Definizione dell oggetto Il lavoro flessibile è sempre esistito, ma quando la produzione just in time ha sostituito la produzione just in case e l impresa si è fatta snella, la sua diffusione è aumentata [Regaglia, 2000]. In Italia negli anni Cinquanta la flessibilità era presente sotto forma di lavoro autonomo, semiautonomo, sommerso. Ma lo scenario italiano contemplava una rigidità del modello occupazionale nel quale il sistema delle tutele proteggeva i lavoratori dipendenti stabili. Tuttavia, negli anni Ottanta e Novanta si assiste a un cambiamento, attraverso il ricorso delle imprese alla flessibilità esterna, tanto che negli anni Novanta il lavoro atipico è cresciuto in modo più sostenuto rispetto al lavoro standard (Semenza, 2004). Tutto ciò spiega l interesse dei legislatori e della letteratura sociologica per la definizione di questa forma di lavoro. In particolare da un punto di vista legislativo vi sono rinnovamenti repentini dell assetto normativo che generano confusione, ma un punto rimane fermo: la distinzione tra lavoratori subordinati e autonomi. La complessità nel definire il lavoro atipico nasce dal fatto che in esso confluiscono forme ibride, caratterizzate al contempo da caratteri di atipicità e tipicità. È il caso, ad esempio dei contratti flessibili subordinati non standard (Semenza, 2004), detti anche lavoro parasubordinato, nel quale il lavoratore collabora in modo coordinato e continuativo con l impresa sotto la guida ed il controllo del datore di lavoro, svolgendo la propria attività in proprio, senza vincolo di subordinazione. La varietà contrattuale atipica spiega la presenza di molteplici definizioni nella letteratura. In particolare seguendo un approccio fiscale-previdenziale, Aris Accornero (2000) riconduce il lavoro atipico ad un unica forma contrattuale, la collaborazione coordinata continuativa. Meno restrittiva appare, invece, la definizione di Giovani Francesca (2005), la quale, cercando di chiarire la connotazione giuridica del concetto parla al plurale di lavori non standard e li definisce come [ ] lavori che si collocano all interno dell area segnata dallo schema giuridico della subordinazione (ad esempio lavoro a termine, lavoro interinale, lavoro a tempo parziale, lavoro a chiamata), ma anche lavori che si collocano all interno di altri schemi giuridici: quello del lavoro autonomo (si pensi in particolare alle collaborazioni coordinate continuative o lavoro a progetto ) e del lavoro associato (l associazione in partecipazione). [Giovani F., 2005, p. 12]. Se consideriamo una prospettiva sociologica più ampia, che oltre alla dimensione normativa considera le dinamiche sociali ed economiche, l autore che per primo definisce il lavoro atipico come contrario del lavoro subordinato standard è Chiesi (1990). integrazione gerarchica, spaziale e temporale dell impresa, l offerta della disponibilità temporale del lavoratore piuttosto che l offerta di una prestazione specifica [Chiesi, 1990]. 11

12 Quindi, il lavoro non standard si caratterizza per la mancanza di una o più di tali caratteristiche. Reyneri, adottando la stessa logica di Chiesi, afferma che: i lavori atipici, non standard o forme particolari di impiego si definiscono per differenza rispetto a un modello di occupazione dipendente[ ]. Questo modello si caratterizza per la subordinazione da un solo imprenditore, l integrazione in un organizzazione produttiva, un contratto di assunzione a tempo indeterminato, l impegno a tempo pieno, una protezione legislativa o contrattuale contro il rischio di perdere il lavoro. I lavori atipici sono privi di una o più di tali caratteristiche [Reyneri, 2005, p. 300]. Questa definizione è la più esaustiva tra quelle elencate finora, ma come sottolinea lo stesso Reyneri, per comprendere i problemi delle imprese e dei lavoratori [Reyneri, 2002, p. 300] occorre considerare singolarmente ogni forma contrattuale. E questo è ciò che ha fatto l ISTAT nel Rapporto Annuale 2001 mettendo a punto una classificazione dei rapporti di lavoro atipici che consente alla statistica ufficiale di studiare il lavoro atipico. Classificazione dei rapporti di lavoro atipici 12

13 La classificazione dell Istat permette di considerare i lavori atipici attraverso tre livelli di analisi: il carattere temporale della prestazione (permanente o temporanea), l orario (pieno o ridotto), i diritti previdenziali (interi o ridotti). Ma è possibile individuare un quarto livello di analisi: la natura dell atipicità. Da una parte vi è l atipico in senso stretto e dall altra il parzialmente atipico. Nel primo l atipicità è insita nella tipologia o modalità di contratto, nel secondo l atipicità si riscontra nella modalità di erogazione, nella durata, nel carattere innovativo del rapporto di lavoro. Nel 2003 la legge 30/03 ha introdotto nuove tipologie di contratti di lavoro atipici. È così che nel Rapporto Annuale del 2004 l ISTAT registra 21 rapporti di lavoro non standard applicabili in 48 modi differenti se consideriamo le variabili della stabilità del contratto e dell orario di lavoro [Giovani, 2005]. Agostino Massa in Flessibilità e lavoro atipico in provincia di Genova cerca di adattare la classificazione dell ISTAT alla nuova realtà del mercato del lavoro. Ecco la sua proposta: Proposta per una classificazione dei rapporti di lavoro atipici dopo la riforma Biagi 13

14 14 Tale classificazione mantiene le tre dimensioni interpretative dell Istat, ovvero la stabilità dei rapporti di lavoro, l orario di lavoro e i diritti previdenziali e aggiunge le nuove forme contrattuali introdotte con la Riforma Biagi. In particolare Massa considera tra i lavori con pieni diritti previdenziali il lavoro ripartito, in cui due lavoratori adempiono ad un unica prestazione lavorativa; il contratto di inserimento e lo staff leasing, in cui il lavoratore interinale viene assunto a tempo indeterminato dall Agenzia interinale (nella legge 30/03 Agenzia di somministrazione). Tra le tipologie contrattuali con diritti ridotti, invece, inserisce le novità del lavoro a progetto ( contratto di collaborazione riconducibile a un progetto o fasi di esso) e del job on call, ovvero il lavoro a chiamata. In esso il lavoratore si mette a disposizione dell eventuale chiamata del datore di lavoro e nel periodo di non lavoro, pur ricevendo un indennità, non è titolare di alcun diritto riconosciuto ai lavoratori subordinati [Massa, 2004, p.19]. Queste ultime classificazioni sono utili per indagare il fenomeno del lavoro flessibile da un punto di vista quantitativo come fa l Istat, ad esempio, nelle rilevazioni sulle forze di lavoro, fornendo dati in valori assoluti e in percentuale riferiti a variabili quali il sesso, l età il titolo di studio (ecc ) dei lavoratori. In questo lavoro, viceversa, ci proponiamo di fare una ricerca qualitativa. Quindi riteniamo opportuno proporre una elaborazione grafica della classificazione di Agostino Massa, tenendo conto di due livelli di analisi: la temporalità della prestazione lavorativa (permanente o temporanea) e i diritti previdenziali (interi o ridotti). Il grafico, illustrato sotto, è denominato Stabilità/Diritti e rappresenta una modalità di semplificazione e chiarificazione di una realtà complessa e disomogenea come quella dell atipicità lavorativa. In esso i lavori sono considerati atipici per la natura del contratto.

15 Grafico stabilità e diritti Il grafico è teorico/legislativo ossia il risultato dell interpretazione delle formule contrattuali riviste e introdotte dalla Legge 30/03 con l aggiunta dello stage/tirocinio che, da un punto di vista legislativo, non è propriamente un contratto, ma è comunque una forma di occupazione e, come sostiene lstat (2001), è una prestazione lavorativa poiché contribuisce a realizzare il prodotto interno lordo. Inoltre non abbiamo contemplato il contratto di appalto perché non viene stipulato direttamente dal lavoratore. La scelta di restringere in questo modo il campo di indagine è dettata dall obiettivo di conoscere le influenze della riforma del mercato del lavoro nella realtà italiana e ligure in particolare. Per questo motivo non abbiamo preso in esame il lavoro a domicilio e il telelavoro, i quali vengono classificati dall Istat come atipici per la modalità della prestazione lavorativa (Istat, 2001). Inoltre non abbiamo considerato i lavori socialmente utili, quelli di pubblica utilità e i piani di inserimento professionale. Infatti, questi ultimi, seppure considerati dall Istat atipici in senso stretto per la natura del contratto, non sono stati contemplati dalla Legge 30/03. Queste scelte sono state compiute nonostante la consapevolezza che i contratti atipici di vecchia generazione, per la maggior parte introdotti dal pacchetto Treu, convivono con quelli di nuova generazione. 15

16 16 Ora passiamo ad analizzare il grafico. Esso è costituito dall asse verticale dei diritti previdenziali, e dall asse orizzontale della stabilità del rapporto di lavoro, configurando quattro quadranti. Il primo quadrante, in senso orario, è costituito dai tutelati for ever, ossia coloro che hanno un contratto di durata indeterminata e godono di pieni diritti previdenziali. Vi abbiamo inserito il contratto per definizione a tempo indeterminato, la somministrazione e il part-time indeterminati. Un gradino sotto si trova il ripartito stabile poiché i due coobbligati sono legati da un vincolo di solidarietà, che impone loro di sostituirsi a vicenda, e attribuisce ad entrambi la responsabilità dell adempimento dell intera obbligazione lavorativa. La riduzione dei diritti e la stabilità del rapporto di lavoro contraddistinguono il secondo quadrante: in esso abbiamo deciso di farvi confluire il lavoro intermittente indeterminato, in quanto se il lavoratore accetta di ricevere l indennità di disponibilità rimane vincolato alla chiamata del datore di lavoro, avendo l obbligo di rispondere pena la risoluzione del contratto e il pagamento di un congruo risarcimento. E qualora il lavoratore non avesse la possibilità di rispondere alla chiamata per malattia o per altro motivo, egli non avrà diritto a ricevere l indennità di disponibilità. All estremità sinistra vi è il terzo quadrante di cui fanno parte i rapporti di lavoro temporanei con diritti ridotti. In particolare si tratta del lavoro occasionale e accessorio, che sono privi di tutele sanitarie e previdenziali. Inoltre con diritti minimi troviamo lo stage, il lavoro a progetto e il lavoro intermittente non stabile. Abbiamo definito questi contratti non tutelati sull orlo della disoccupazione poiché sono occasioni di lavoro per le quali la legge non prevede una stabilizzazione obbligata, a differenza di quanto avviene per i lavori di inserimento e di apprendistato, che abbiamo collocato all estremità destra del quarto quadrante al confine con i contratti indeterminati pienamente tutelati. Infine vi è il quarto quadrante che abbiamo definito dei lavori temporanei tutelati perché, sebbene siano a tempo determinato, godono di pieni diritti. Ne fanno parte il contratto per definizione determinato, il lavoro ripartito, la somministrazione e il part-time temporaneo. Osservando il grafico nel suo complesso si configura una polarità, da una parte troviamo i lavoratori stabili con pieni diritti, e dall altra i temporanei che si diramano in due direzioni: la pienezza e la riduzione delle tutele.

17 Alcuni elementi significativi Da una lettura congiunta delle ricerche fin qui individuate emerge un quadro di elementi significativi per comprendere al meglio il fenomeno della flessibilità lavorativa. Il cammino verso il lavoro Un primo dato su cui riflettere è come i giovani (15-34 anni) e le donne del centro sud risultino essere i soggetti più deboli del mercato del lavoro [Censis, 2006], avendo bassi tassi di attività [La Sapienza, 2006] e difficoltà di inserimento lavorativo [Isfol, 2006]. Infatti, negli ultimi cinque anni, si sono rallentati i processi di stabilizzazione a causa della crescita del lavoro a termine tra i più giovani [Isfol, 2006]. In questo senso la stabilità lavorativa sembra crescere sia all aumentare dell età dei soggetti, sia al diminuire del titolo di studio [La Sapienza, 2006]. Per questi motivi si può affermare che le giovani donne subiscono una discriminazione di fatto, poiché pur essendo più istruite rispetto agli uomini, hanno più probabilità di essere assunte con contratti atipici e di ricevere basse retribuzioni [Ires, 2006]. A ciò si aggiunga il fatto che il lavoro part-time (la tipologia contrattuale più diffusa tra le donne), permette la conciliazione delle attività di cura famigliare a scapito però della crescita e della stabilità professionale [Formindustria, 2005]. Questa situazione contribuisce a demolire il senso di sicurezza dei giovani e soprattutto delle donne dato che, come evidenzia la ricerca Gioc del 2006, il lavoro rappresenta la dimensione prioritaria dell esistenza per questi soggetti: la sicurezza del posto di lavoro è quindi la preoccupazione maggiore [La Sapienza, 2006]. Come ha opportunamente osservato Maura Franchi Il lavoro, tanto più si configura come incerto e precario, tanto più è presente nelle storie personali e nella rappresentazioni sociali [Bresciani - Franchi, 2006, p. 8] Si evidenzia quindi una contraddizione: il lavoro costituisce un fattore decisivo di identità personale, familiare e sociale 10 e allo stesso tempo genera incertezza e oggi più di ieri sospende gli orizzonti biografici. Parafrasando Bresciani se è vero che la costruzione della propria identità avviene in un contesto più aperto, è anche vero che esso è più incerto e indeterminato ed esposto al rischio di fallimenti e nel contempo investito da esigenze di adeguatezza e di manutenzione delle competenze necessarie per realizzarlo e continuarlo [Bresciani 2006, p. 9] Non è più possibile considerare il lavoro come un momento di ingresso, ma come una transizione lavorativa. 10 Concetto ben ripreso e analizzato nel Rapporto nazionale sul lavoro curato da un Comitato nominato dal Governo e coordinato da Pierre Carniti, Agosto

18 Viaggio che può essere caratterizzato da momentanee occasioni di fermata o brusche interruzioni [Bresciani - Franchi 2006, p. 14] In questo viaggio possono avere un peso determinante alcune trappole, ossia fattori che rischiano di produrre esclusione sociale, anziché integrazione; questa è una delle sfide per la definizione di politiche non più solo di orientamento al lavoro, ma di accompagnamento. I comportamenti individuali, infatti, sono espressione di un equilibrio complesso e mobile tra intenzionalità dell attore, risorse disponibili e condizionamenti del contesto. Le strategie sono determinate dalle risorse disponibili in misura diversa per soggetti diversi. Si evidenzia infatti una forte centralità delle variabili individuali che incidono sulla durata e sulla modalità della transizione: Condizione socio economica e familiare Genere Curriculum scolastico e formativo Risorse psicosociali Abilità e competenze Modalità di socializzazione al lavoro Nella graduale costruzione di un progetto professionale, gli snodi decisionali sono molteplici e non necessariamente evidenziano una sequenza lineare: un processo a rischio di interruzioni verso al costruzione di una identità più fluida (Bauman). L aumentata percezione delle difficoltà di ingresso-transizione nel mercato del lavoro sembra essere in contrasto con la riduzione della disoccupazione e del tempo di attesa. La percezione del rischio di perdita che si accompagna all elevata mobilità non è compensata dalla crescita delle opportunità di partecipazione al mercato del lavoro [Bresciani - Franchi, 2006, pp. 7-8] In questo senso valgono a maggior ragione i quesiti che Maura Franchi [Bresciani - Franchi 2006, p. 31] lascia aperti e a cui è difficile dare una risposta. Quando possiamo affermare che un percorso di ingresso nel lavoro si concluda con successo? Quali indicatori possono essere utilizzati? Il reddito? La soddisfazione? La stabilità? E quali fattori rendono più probabile che si verifichi un esito con successo? E ancora si evidenzia un altro fattore assolutamente centrale: il bagaglio di competenze che necessitano al singolo per intraprendere questo viaggio. Il concetto di competenza si allontana sempre di più da una accezione tecnica verso una capacità generativa personale mediata dal piano sociale in grado di produrre un infinità di condotte adeguate ad un infinità di nuove situazioni [Rey 2003 in Bresciani - Franchi, 2006, p. 25] 18

19 Essere competenti significa combinare elementi sedimentati e partire dall esperienza, educazione, formazione, sistema personale, elementi della realtà esterna, in modo da rendere pertinente la relazione tra proprie risorse e situazione [Bresciani, 2006, p. 25] Identità professionale??? Altri problemi sono posti in secondo piano. È il caso, ad esempio, dei rischi sulla salute e sulla sicurezza che scaturiscono dagli effetti dei processi di flessibilizzazione d impresa e del lavoro. Proprio la scarsa percezione di tali pericoli, rende la categoria dei lavoratori atipici una delle più esposte alle malattie professionali e agli infortuni [Inca Ires-Cgil, 2006]. Anche nelle forme del lavoro parasubordinato i giovani e le donne del centro sud sono le categorie più esposte al rischio di precarietà, in quanto costituiscono il nucleo più debole, quello dei lavoratori atipici esclusivi con un unica fonte di reddito, nell ambito dei collaboratori iscritti alla gestione separata dell Inps. Quest ultima è composta per lo più da soggetti di sesso maschile (57,52%) con un età media di 41 anni [Ires, 2006]. Ma la situazione di questi lavoratori è difficile, dato che tale tipologia contrattuale non si concilia né con la possibilità di avere figli, né con la possibilità di fare carriera. Infatti, la maggioranza dei collaboratori lavora con un unico committente attraverso il susseguirsi di brevi contratti in mancanza di tutele e in una situazione di quasi dipendenza [Ires, 2006]. E purtroppo tale dipendenza di fatto riguarda anche i pluricommittenti perché nella maggioranza dei casi vi è un datore di lavoro prevalente. Tutto ciò porta questi lavoratori da un lato a percepirsi come dipendenti non regolarizzati [Ires, 2005] e dall altro a scegliere questa forma contrattuale perché richiesta dal committente. Nonostante ciò molti lavoratori rinuncerebbero alla stabilizzazione se il lavoro che svolgono autonomamente garantisse più tutele [Ires, 2005]. Inoltre il fenomeno delle collaborazioni è parcellizzato, in quanto la maggioranza dei committenti utilizza un solo collaboratore, e ciò impedisce a questi lavoratori di costituire una categoria forte capace di far valere i propri diritti [Ministero del lavoro e delle politiche sociali, 2005]. All interno della categoria dei collaboratori meritano particolare attenzione i pensionati iscritti alla Gestione Separata dell Inps. Si tratta, nella stragrande maggioranza dei casi (82%), di uomini tra i 50 e i 75 anni che lavorano spesso per un unico committente percependo redditi medio-bassi. Al di là dei pregiudizi, la presenza dei pensionati collaboratori non sottrae lavoro ai giovani dato che entrambi questi soggetti risiedono soprattutto al Nord, in cui si registra il maggior tasso di occupazione [Ires Nidil Cgil, 2007]. Andando poi ad analizzare la categoria dei lavoratori interinali, essa è costituita da giovani (15-34 anni), uomini del nord con licenza media o diploma superiore che lavorano per lo più in qualità di operai e impiegati [Ministero del lavoro e delle politiche sociali, 2005]. Tuttavia, anche in questo caso i soggetti più svantaggiati si trovano al sud, laddove si sperimentano i percorsi lavorativi più frammentati a causa degli alti tassi di rotazione [Nidil-Cgil, 2007]. Dall analisi delle ricerche promosse da imprese e associazioni di categoria, emerge come nonostante la crescita del fenomeno del lavoro atipico, siano ancora i lavori stan- 19

20 dard ad essere i più diffusi, a differenza dei nuovi contratti introdotti dalla legge Biagi che non si sono propagati tanto quanto si aspettavano i legislatori. Infatti, le imprese non hanno una cultura della flessibilità, poiché non conoscono le nuove tipologie contrattuali [Isfol, 2006] e fanno un uso strumentale dei contratti atipici [Anl, 2006]: per tali aziende, le cosiddette imprese di nuova generazione, la flessibilità rappresenta uno strumento per massimizzare i benefici dell azienda [Cenpro, 2006]. Inoltre sembrerebbe che la gestione dei contratti atipici richieda una struttura amministrativa complessa che solo le grandi imprese possiedono [Isfol, 2006]. Questo spiegherebbe perché sono soprattutto le imprese di grandi dimensioni a ricorrere alla flessibilità lavorativa [Confapi, 2005]. Le motivazioni che spingono le aziende alla scelta di assumere soggetti per mezzo di lavori flessibili cambiano in funzione della tipologia contrattuale. In particolare le collaborazioni sono scelte per disporre di personale altamente qualificato [Confindustria, 2006], viceversa i contratti di somministrazione permettono di rispondere ai picchi di attività [Confapi, 2005]. Infine non si può trascurare la rilevanza che la flessibilità lavorativa sta assumendo sempre più anche nella Pubblica Amministrazione. In particolare il lavoro atipico permette di gestire il costo del lavoro, tuttavia in assenza di una strategia di gestione definita a farne le spese sono i lavoratori [Ires, 2003]. Anche in questo caso l universo femminile è il più penalizzato, poiché, costituendo la maggioranza dei lavoratori atipici della P.A. (90%), rischia di essere oggetto di discriminazioni. Infatti, le politiche di flessibilizzazione messe in atto dagli enti locali, se da una parte permettono alle donne di conciliare la vita lavorativa con quella familiare, dall altra ne impediscono la crescita professionale [Isfol, 2006]. Flessibilità versus variabilità Dall analisi dei vari testi emerge come l esigenza di flessibilità inizi a manifestarsi con la crisi della società industriale e del modello fordista. Tale modello si basava su due assunti di base: che il mercato fosse in grado di assorbire/consumare tutta la produzione industriale, e che tale possibilità derivasse dai costi decrescenti dei prodotti, conseguentemente all aumento virtuoso dei livelli di produzione. Ma a partire dagli anni 70 il fordismo iniziò il suo declino a causa di un complesso intreccio di fattori: innanzitutto vi fu una stagnazione imprevista della produzione causata della saturazione del mercato; contemporaneamente emersero nuove problematiche legate allo sfruttamento delle risorse naturali (che fino a quel momento sembrava illimitato), mentre sul fronte politico aumentarono le contestazioni e le denuncie di sfruttamento della forza lavoro; inoltre a causa della generosa spesa pubblica e del boom demografico i bilanci degli Stati vacillarono per sostenere le ingenti spese dei sistemi di welfare. Tale crisi comportò una ridefinizione del sistema produttivo: all impianto fordista prevalentemente meccanico e organizzato per produrre grandi quantità di prodotti standardizzati, si sostituisce un nuovo assetto costituito da un nucleo tecnologico in grado di reagire tempestivamente alle richieste del mercato, ormai caratterizzato da una domanda sempre più frammentata e sempre più variabile nel tempo, raggiungendo in poco tempo un grado di instabilità senza precedenti. 20

21 Le imprese sono costrette a passare dalla mass production alla lean production, abbracciando il principio del just in time, ossia la produzione sulle richieste del cliente. In tale economia di scopo è necessario adottare un modello organizzativo in grado di utilizzare macchine polivalenti e programmabili, e di conseguenza impiegare in maniera funzionale a tale sistema i lavoratori. In proposito Reyneri nel manuale Sociologia del mercato del lavoro annovera diverse forme di flessibilità [Reyneri 2005]: Salariale (adeguamento dei salari a fronte delle fluttuazioni del mercato) Di orario (variazioni dell orario a seconda delle esigenze dell impresa es. turni, festivi, tempo parziale ) Numerica (grado di libertà con cui l impresa può adeguare il volume e le caratteristiche professionali dell occupazione alle proprie esigenze di produzione e ai mutamenti tecnologici) Funzionale e organizzativa (possibilità di spostare i lavoratori da un posto all altro all interno dell impresa, o di variarne il contenuto della prestazione) Dualistica: la possibilità per un impresa di segmentare la propria forza lavoro in un nucleo fisso, con cui perseguire una politica di flessibilità funzionale, e una fascia variabile, che consenta una flessibilità numerica (esternalizzazioni, sub appalti, lavori interinali e temporanei). L emergere del modello post fordista comporta così la progressiva frammentazione delle forme di lavoro, disegnando nuove condizioni occupazionali più fluide e flessibili, ma anche più esposte al rischio di precarietà, il cosiddetto lavoro autonomo di seconda generazione e parasubordinato. Schematizzando si può individuare un nucleo sempre più stretto di lavoratori ben remunerati, con competenze elevate e stabilità professionale (core workers), a cui si contrappone un area molto vasta e in espansione composta dal lavoro atipico (contratti a termine, consulenze, lavoro interinale ). Come si può evincere dallo schema alle periferie estreme troviamo da un lato il lavoro irregolare, dall altro le persone in cerca di occupazione [Chicchi, 2001]. 21

22 Topografica del nuovo mercato del lavoro postfordista Il principio di flessibilità diventa così una condizione imprescindibile per le imprese che vogliono sopravvivere nel nuovo regime di competizione globale. Ad ogni tappa dello sviluppo industriale la presenza di aumento di flessibilità dei processi produttivi è stata associata ad una riprofessionalizzazione degli operatori [Maggi, 2001, p. 14] 22

23 Nella classificazione di Maggi (2001, p. 15), la flessibilità può assumere diverse qualificazioni: statica passiva adattiva dinamica intertemporale attiva In realtà non si tratta di comprendere la flessibilità si tratta invece di comprendere la variabilità e le sue diverse modalità, rispetto alla dimensione temporale e alle dimensioni dell incertezza [Maggi, 2001, p. 16] Il lavoro flessibile oltre ad essere una strategia per ammortizzare i rischi in congiunture sfavorevoli, facendone ricadere gli effetti sui lavoratori, assume anche un altra funzione, ossia quella di costituire un alternativa alla disoccupazione [Giovani 2005]. In questo senso è stata determinante la legge 196/97, la cosiddetta legge Treu, che ha introdotto il lavoro atipico attraverso nuove forme contrattuali e la successiva legge 30/2003, la cosiddetta legge Biagi, che ha portato avanti il processo di flessibilità del mercato del lavoro introducendo nuove forme contrattuali, quali contratto a progetto, job sharing, lavoro a chiamata, collaborazione occasionale Col diffondersi del fenomeno è aumentato l interesse per l analisi quantitativa. In quest ambito esistono diverse fonti di dati difficilmente confrontabili, ciascuna delle quali rappresenta una specifica dimensione del lavoro atipico. Attraverso l analisi delle diverse fonti si può ottenere una visione, seppur complessa, del fenomeno. I bisogni e la programmazione di politiche attive del lavoro Dalle ricerche emergono alcuni bisogni espressi e latenti su cui potrebbe essere opportuno realizzare approfondimenti nel nostro territorio, considerando queste informazioni utili per la programmazione di politiche attive del lavoro. I bisogni più diffusi tra i lavoratori precari per cui è possibile progettare interventi mirati a rafforzarne l occupabilità possono essere ricondotti a: Formazione/sapere, ovvero l accesso alla disponibilità di strumenti e di luoghi per la formazione, accesso all istruzione, creazione di spazi per produzione di sapere; Informazione, ovvero il libero accesso all informazione e rimozione dei vincoli che lo limitano; Comunicazione, ovvero l accesso ai canali e ai media attraverso i quali avviene la comunicazione. In modo trasversale si evidenzia la centralità del concetto di competenze e di mantenimento delle competenze stesse. Se il mercato del lavoro è un istituzione sociale [Solow, 23

24 1994] e una costruzione sociale [Reyneri, 2005] significa come riprende Maura Franchi [Bresciani - Franchi 2006, p. 29] considerare il recinto del mercato del lavoro come un Campo strutturato dai vincoli e dalle opportunità all interno del quale i soggetti in relativa autonomia sviluppano le proprie logiche di azioni e procedono alla propria incessante attività di sense making [2006, p. 29] ed essere consapevoli che lo spazio di azioni si esprime tra aspetti soggettivi e vincoli strutturali. Oggi si afferma sempre più il concetto di transizione: dalla metafora di Dahrendorf del tapis roulant (1988) che, se pure nel movimento, dà l idea di linearità si sostituisce quella di giostra da cui le persone escono e in cui entrano. Le politiche del lavoro devono perciò concentrare l attenzione sul processo: Al fine di favorire esiti positivi alle transizioni non è, pertanto, sufficiente fornire competenze tecniche-specialistiche se queste non si accompagnano alla capacità di interpretare e dare senso al processo di cambiamento in cui si è inseriti. Da qui deriva l attenzione alla ricostruzione dei significati soggettivi e percepiti degli eventi affinché questi possano essere non subìti, ma gestiti da protagonisti. [Bresciani, 2006, p. 26] Altri bisogni, che potremmo definire di sfondo e correlati a fattori riguardanti la qualità della vita delle persone, possono essere: Reddito, ovvero la stabilità di un reddito continuativo a fronte di una temporalità di lavoro non continuativa e, in secondo luogo, un livello di reddito che consenta la riproduzione delle vite singolari; Alloggio/casa, ovvero il diritto ad un abitazione per dare a tutti la possibilità di disporre di uno spazio per la realizzazione e l organizzazione della propria vita; Non discriminazione sul luogo di lavoro, ovvero il diritto ad essere trattato come tutti gli altri lavoratori, pur avendo un contratto diverso; Mobilità, ovvero la fruizione agevolata dei mezzi di trasporto e le garanzie dei servizi per il movimento sul territorio e la libera circolazione dei corpi; Conoscenza del fenomeno, analisi del contesto produttivo e delle esigenze delle imprese anche in termini di fabbisogni professionali e formativi e approfondimenti sul campo costituiscono un quadro di massima entro cui realizzare indagini ad hoc, in rete con il sistema dei servizi per l impiego, per la programmazione di efficaci interventi di politiche attive del lavoro. 24

25 L organizzazione di questo lavoro I materiali disponibili Questo lavoro costituisce un piccolo tassello di un progetto più ampio. L insieme delle attività pur essendo autonomo, procede modularmente per consentire aggiornamenti più snelli in futuro potrebbe essere schematicamente rappresentato Dalla definizione dell oggetto alla produzione di un glossario di termini condivisi, all individuazione di specifici segmenti di intervento per la progettazione di politiche attive del lavoro, Dall analisi documentale alla creazione di una archivio dinamico finalizzato a tenere aggiornate le informazioni sul tema, Dall analisi del contesto ad una conoscenza strutturata di questo specifico segmento del mercato del lavoro, integrato in un più complessivo quadro socio-economico. Focalizzando ora l attenzione sul tassello oggetto di questo lavoro, va precisato che esso partendo dall aggiornamento di quanto realizzato nel 2004 è stato implementato sia attraverso una ricognizione autonoma sia acquisendo informazioni dai soggetti in particolare quelli istituzionali 11 che potenzialmente si occupano di questo tema. In particolare: a livello locale sono state contattate le parti sociali 12 oltre che le Camere di Commercio e gli Osservatori Provinciali, nonché i ricercatori che si stanno occupando di questo tema 13 a livello nazionale si è fatto ricorso alla rete delle Agenzie, al fine di coprire tutto il territorio nazionale. In realtà questa modalità di relazione non ha prodotto un circolo virtuoso dell informazione, poiché le risposte sono state assolutamente scarse. Questa pubblicazione potrà quindi rappresentare in futuro una leva per aggiornare la conoscenza sul tema, usandola come base per implementare e stimolare la discussione Solo per citarne alcuni: Isfol, ISTAT, Censis, IRES, ecc 12 Sindacati, Associazioni di categoria ed Enti Bilaterali 13 Un particolare ringraziamento ad Angelo Gasparre della Facoltà di Economia, Agostino Massa di Scienze Politiche e Stefano Poli di Scienze della Formazione 14 Cfr il paragrafo La genesi di questo lavoro e la sua potenziale evoluzione 25

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Piano formativo. Formazione Fisascat Milano Metropoli ... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015

Piano formativo. Formazione Fisascat Milano Metropoli ... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015 . A cura della FISASCAT CISL MILANO METROPOLI Formazione Fisascat Milano Metropoli Piano formativo.......... Strumenti per la gestione del futuro 2014/2015 Programma di formazione sindacale per il biennio

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42

Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fax 081 807 31 42 Istituto Statale Polispecialistico San Paolo www.isusanpaolo.it SEDE ASSOCIATA: Piazza Tasso, 1 - Sorrento (NA) - tel. e fa 081 807 31 42 SCHEDA DI PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO FISCO SCUOLA CLASSE

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Presentazione e nota metodologica a cura del NETWORK SECO Presentazione Con l attivazione, dal marzo 2008, dell inoltro per

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo

OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: Enti Bilaterali Commercio. Enti Bilaterali Turismo OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI IN LIGURIA: TERZIARIO COMMERCIO - TURISMO In collaborazione con Enti Bilaterali Commercio Enti Bilaterali Turismo Genova, 2 ottobre 2002 Osservatorio sui fabbisogni

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Attuazione e risultati delle misure regionali di sostegno all affitto e all acquisto della prima casa Relazione finale 1. L ambito di

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma

Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma Febbraio 2012 Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma PARTE 1: RIFORME DI IERI E PROBLEMI DI OGGI di Stefano Caria e Paolo Lucchino In questi giorni si parla molto di riforma del

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II

ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II Flessibilità del lavoro e occupazioni Le aree della flessibilità del lavoro 1. flessibilità numerica: vincoli che regolano licenziamenti e assunzioni; rapporti di lavoro a tempo

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA: PRIMO MONITORAGGIO SU COSA CAMBIA PER LE AGENZIE PER IL LAVORO E PER LE IMPRESE UTILIZZATRICI. Febbraio 2006 A cura di Giovanna Altieri, Cristina

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

COME SI È EVOLUTA LA FLESSIBILITÀ CON LA CRISI

COME SI È EVOLUTA LA FLESSIBILITÀ CON LA CRISI COME SI È EVOLUTA LA FLESSIBILITÀ CON LA CRISI Il perdurare della crisi economica ha inciso sulla quantità di lavoro domandata dalle imprese e sulla qualità della composizione dell occupazione, entrambe

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Apprendistato formazione e studi professionali

Apprendistato formazione e studi professionali Apprendistato formazione e studi professionali Danilo Papa La formazione in apprendistato costituisce un elemento fondamentale che, anche in relazione alla nuova disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 167/2011,

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE BIAGI

ANALISI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE BIAGI L evoluzione del mercato del lavoro: un tuo commento sulla Legge Biagi ANALISI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE BIAGI INTRODUZIONE La Legge Biagi,o legge 30, entrata in vigore il 24 ottobre 2003, è

Dettagli

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center RACCOLTA DATI PRESSO CENTRI PER L IMPEGO, STUDIO DI UN CASO: I CALL CENTER (Stefania Doglioli, Elena Ottolenghi, Gabriella Rossi, Michele Fortunato)

Dettagli

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato dell economia SECO Mercato del lavoro / Assicurazione contro la disoccupazione Foglio informativo: l assicurazione

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

FLESSIBILITA DEL LAVORO E OCCUPAZIONI INSTABILI

FLESSIBILITA DEL LAVORO E OCCUPAZIONI INSTABILI Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia FLESSIBILITA DEL LAVORO E OCCUPAZIONI INSTABILI Davide Lubian Insegnamento di Sociologia Economica (2011-2012) Lezione n.4 Master I livello

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero La riforma del mercato del lavoro proposta da Elsa Fornero entrata in vigore il 18 Luglio 2012 è orientata a razionalizzare

Dettagli

Roma, 28 Febbraio 2003

Roma, 28 Febbraio 2003 Roma, 28 Febbraio 2003 Pagina 1 di 5 P R E M E S S A Le Segreterie Nazionali FENEAL FILCA FILLEA intendono, con il presente documento, evidenziare schematicamente i temi e gli obiettivi per un utile confronto

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli