statements 2011 a cura di Ivan Quaroni Milano, 6-17 marzo 2012 Circoloquadro, via Thaon di Revel 21, Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "statements 2011 a cura di Ivan Quaroni Milano, 6-17 marzo 2012 Circoloquadro, via Thaon di Revel 21, Milano"

Transcript

1 statements 2011

2 statements 2011 a cura di Ivan Quaroni Milano, 6-17 marzo 2012 Circoloquadro, via Thaon di Revel 21, Milano

3 Presentazione di Arianna Beretta Progetto grafico di Massimo Dalla Pola Crediti Gli autori (testi e opere) Nessuna parte di questo catalogo può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l'autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti. Tutti i diritti riservati. Circoloquadro Via Thaon di Revel 21, Milano Statements 2011 Arianna Beretta A nostri animi in tutta la vita, come dissero alcuni dotti, niuno instrumento, niuna arte musica si trova suave quanto il ragionare fatto insieme de cari amici. E vuolsi per satisfare al convito, prendere di ciò che vi s appone con voluttà, e recrearsi insieme con iocundità e pronta festività. E così loderò in ogni cosa secondo e tempi, luogo e faccenda, che vi s adoperi quanto li conseguitin le forze. Leon Battista Alberti La collettiva Statements 2011 è il punto di arrivo del corso ideato e curato da Ivan Quaroni, Manuale per artisti. Tutto quello che un artista deve sapere per entrare nel mondo dell arte contemporanea. Il percorso, che dalle aule dell Accademia di Brera di Milano, si è spostato nello spazio di Circoloquadro, ha come obiettivo quello di aiutare gli artisti a sviluppare una maggiore autoconsapevolezza per poter affrontare l ingresso nel sistema artistico. Grazie alle lezioni di Quaroni, che ha coinvolto nel programma artisti professionisti, critici e galleristi, i partecipanti hanno maturato una conoscenza più approfondita del sistema dell arte e intrapreso un nuovo percorso basato su una percezione più affinata e critica del proprio lavoro, frutto dei continui confronti tra gli attori coinvolti nel progetto che ha ottenuto il patrocinio della Provincia di Milano. Con questo corso Ivan Quaroni è riuscito non solo a offrire informazioni, consigli e risposte puntuali agli artisti, ma anche a intercettare con grande sensibilità un bisogno diffuso ovvero quello dell incontro e del confronto di chi fa quotidianamente lo stesso lavoro. Lasciando da parte discorsi e teorie relative alla (necessaria) solitudine dell artista nel momento della creazione e della elaborazione dell idea, vale la pena sottolineare invece quanto gli artisti oggi sentano con urgenza la necessità di vedersi e di parlare del proprio lavoro. Forse abbiamo riposto troppa fiducia nella rete, abbiamo creduto molto nel virtuale, nelle connessioni veloci e in tempo reale dove anche l arte e gli artisti viaggiano apparentemente senza barriere giungendo ovunque e raggiungendo chiunque. In realtà manca il corpo. Mancanza che non può essere esaurita durante le inaugurazioni, quando il tempo per la riflessione è ridotto al minimo o è addirittura nullo. Manuale per artisti - che di volta in volta è stato laboratorio, seminario, lezione, incontro, convivialità, confidenza e a volte delusione, disillusione, tormento e discussione ha permesso a una piccola comunità di artisti di scoprire con sorpresa la bellezza del confronto e dello scambio, aprendo così orizzonti inaspettati di riflessione. In poco più di due mesi, nello spazio di Circoloquadro, diciotto artisti hanno costruito relazioni e amicizie preziose per il proprio fare arte; idee e suggestioni hanno permesso a tutti di crescere e, in alcuni casi, di cambiare direzione, accettando con coraggio di mettere in discussione il proprio lavoro. Il clima costruttivo, che ha permeato fin dall inizio il cammino intrapreso dagli artisti presenti in mostra, ha generato incontri fruttuosi con artisti, critici e galleristi che si sono prestati, e messi in gioco personalmente, a confrontarsi con il portato personale dei partecipanti. Per gli artisti, qui presenti, è stato un cammino intenso, denso e arricchente, ma anche difficile, a volte duro perché mettere in discussione il proprio lavoro richiede sacrificio e coraggio. Ciò che rimane è la consapevolezza di avere percorso un importante tratto di strada insieme a colleghi e amici contribuendo ognuno, con la propria sensibilità e umanità, alla crescita del gruppo. Circoloquadro ringrazia Silvia Argiolas, Vanni Cuoghi, Roberto Milani, Michael Rotondi, Giuseppe Veneziano e Igor Zanti.

4 works

5 Stefano Albanese (cane celeste) Il Centralino, 2011, penna biro su carta, 33x48 cm Nei miei quadri disegno e dipingo figure, spesso intere, corpi e volti di figure nude o vestite, a volte in piedi e a volte sedute, "ingabbiate" in una struttura di segni che può essere uno sgabello, una panchina o lo sfondo stesso del quadro. Le posizioni di queste figure sono molto statiche, quasi ieratiche, mentre le espressioni dei loro sguardi possono passare dal raccoglimento interiore a una "puntata" decisa e diretta all'osservatore. Uso molto la fotografia come mezzo e non come fine, per dipingere figure che stanno come sospese in una dimensione immaginaria, ma ricca di particolari che riportano al vissuto quotidiano e alla contemporaneità da una parte e a suggestioni letterarie, fantascientifico-esistenziali e decadenti dall'altra. Le figure che dipingo sono spesso degli esseri ibridi: mutazioni genetiche in bilico tra l'uomo e la bestia. Creature dalla sessualità ambigua e aggressiva, che esprimono col corpo una natura felina e inquieta mentre (per esempio) aspettano il tram sedute sulle panchine di una città buia. Oppure altre volte si tratta di vecchi scrittori del passato mummificati ma vestiti di tutto punto, come spettri o Revenants che "occhieggiano" da un mondo grigio e ormai sepolto. Ogni quadro e disegno che realizzo va così a costituire uno dei tanti "tasselli" che compongono il "puzzle" immaginario ma non favolistico del nostro tempo presente con le sue nevrosi e ossessive paure e del nostro tempo passato con le sue ideologie. Queste immagini sono dipinte o disegnate utilizzando dei colori intensi, disgregati in una pennellata gestuale o calibrando il segno in stratificazioni successive che compongono la figura e lo sfondo, in un gioco di chiari e di scuri che riflette l'intensità dell'esistenza. Gironzolare qua e là senza una meta ben precisa, alla continua ricerca di preziose sensazioni che si celano nel quotidiano, invisibili ad occhio nudo. Documentare attimi con la fedele macchina fotografica, compagna di strada, silenziosa ed intima amica, con la quale dialogare con inquadrature luci e profondità. Scrutare il mondo in un mirino. Tornare a casa, riguardare quelle immagini, manipolarle per creare nuove sensazioni o amplificare percezioni, dissolvere o mascherare per invogliare l'immaginazione, attraverso stampe fotografiche, plexiglas, stampe calcografiche, sovrapposizioni di tecnica mista di incisione diretta e indiretta. Sarà poi l'installazione e la composizione a parlare di nuovo, a ricreare nuovi sentimenti e nuove sensazioni. Cecilia Brambilla Cosmo, 2012, stampa su acetato, 50x50x50 cm è nato nel 1974 a Torino, dove vive e lavora è nata nel 1985, vive e lavora Seregno (MB)

6 Daniele Campi Martucci Ishtar I / The Great Mother, 2011, stampa digitale su alluminio, 75x50 cm è nato a Genova nel 1977, vive e lavora tra Genova e Pavia Il mio lavoro fotografico prende forma da un personale sentimento di disagio ed inquietudine. Proprio la ricerca di un "altrove" nel quale trovare rifugio per allontanare la realtà mi ha dapprima condotto verso siti industriali dismessi, colonie e manicomi in abbandono, luoghi in cui regnano l'assenza della figura umana, i vuoti e i silenzi, per poi superare il luogo in quanto tale e concentrarmi su una corporeità connotata da un realismo radicale, a tratti disturbante e sgradevole. Attraverso un apparente distacco formale, un forte rigore compositivo e il largo uso del bianco e nero, propongo infatti un'interpretazione della realtà nella quale la decadenza, reale o solo suggerita, diviene un leit-motiv emozionale in grado di condurre verso forme maggiormente astratte di espressione visiva. Le suggestioni oniriche e la delocalizzazione spazio-temporale così generate inducono uno straniamento che non si chiede di comprendere, bensì di provare, andando oltre la contingenza delle esperienze sensibili. La visione dell'immagine contribuisce perciò al superamento razionale della stessa stimolando un coinvolgimento attivo dello spettatore, anche ricorrendo all'integrazione dei singoli scatti con brevi racconti e poesie personali, oppure citazioni letterarie e testi selezionati, insieme ad una traccia musicale. Il lavoro, dunque, per quanto lontano da radicalizzazioni ideologiche o teorizzazioni formali, vede il prevalere dell'idea sull'opera in un richiamo all'arte concettuale, mentre il trionfo dell'inconscio guarda al surrealismo di Breton e Magritte, traendo fondamentale ispirazione dalle visioni fotografiche di Joel-Peter Witkin e dalle esperienze di Gina Pane e Ketty La Rocca nel campo della body-art. Il mio lavoro pittorico si fonda sull'indagine tra il mondo fenomenico, reale e tangibile, e l'essenza dell'universo irreale, intellettivo ed emozionale, catalizzando linguaggi ed espressioni del tessuto umano che si sovrappongono al vivere quotidiano. Mi servo di una tecnica che mescola acrilico, olio e gesso, capace di rendere sovrapposizioni di immagini e significati inusuali, decontestualizzando oggetti ed archetipi dell'iconografia classica e ricollocandoli in veste moderna. Questo mi consente di ricercare nuove correlazioni e realtà inaspettate, anche attraverso l'utilizzo del colore. La gamma cromatica, infatti, è ampia, squillante e ricca di sfaccettature, trasparenti ed accostate, che facilitano la manipolazione del soggetto e della sua rinnovata investitura. L'alluminio diviene un supporto da modellare e valorizzare, in quanto a lucentezza e freddezza, capace di fondersi con le architetture stilizzate e le iconografie tipiche della contemporaneità: il nuovo ambiente resta in bilico tra una realtà suggerita da linee e un luogo onirico, rievocato da icone o personaggi tipici della cultura umana. Arte, quindi, come comunicazione e riflessione sull'oggi. Dal punto di vista teorico e storico, il mio lavoro attinge in egual modo all'arte pop e dada, nello stravolgimento dell'oggetto di uso comune, che assume nuove valenze; alla poetica surrealista e baconiana, nell'indagine di aspetti onirici, interiori, ma, al tempo stesso, globali e scarnificati da qualsiasi intimismo. Anna Caruso Wonderland, 2011, olio su alluminio, 90x90 cm è nata nel 1980, vive e lavora a Treviglio (BG)

7 Andrea Cereda Sconfini (Lamiera#6), 2009, lamiera e filo di ferro, 50x65 cm circa è nato a Lecco nel 1961, vive e lavora a Robbiate (LC) Sono sempre stato affascinato dai segni che il tempo e i luoghi lasciano sulla materia, sugli oggetti e le persone. Per realizzare le mie sculture (sia da appoggio che da parete) utilizzo lamiere di vecchi bidoni, prese in discarica o trovate in qualche casolare, assemblate, cucite, tenute insieme da saldature "urgenti", come mi piace definirle. Si tratta di un recupero della storia che ogni pezzo porta con sé, una metafora dell'esistenza, dei rapporti umani e del tempo che passa. Le composizioni che ne escono sono la rappresentazione di un equilibrio (assolutamente personale) fra i vari elementi che ne fanno parte. Sono composizione astratte, a volte complesse altre volte più essenziali e leggere capaci di far dimenticare il peso la materia di cui sono fatte. Le mie opere partono dal materiale trovato e si fondano su un'idea estetica e concettuale di base senza però avvalersi di un progetto preciso: tutto può variare nel corso del processo creativo lasciando che siano l'istinto, il momento e perché no, anche l'umore a dettare le regole compositive. Mi è necessario esplorare con assiduità territori ed episodi immaginari e cercare di riprodurli, accostare materiali insoliti ed utilizzare cromatismi per me appaganti. Palette limitata, colori fluorescenti ma opachi, iridescenti e brillanti, croccanti. Forme geometriche pure, da giocare in più varianti di forma o di colore. Riuso, abuso; materiali inaspettati, piccoli scarti addomesticati, imballaggi rivisitati, errori rimediati, recuperi visionari. Mi approprio e accumulo d'impulso oggetti fungibili che per forma o cromia si riveleranno improvvisamente in seguito, materia essenziale, pezzi di un giuoco inventato, squilibri, fuoco, improbabili simmetrie: i più svariati prodotti della mente volatile. Quasi assenza di sfumature, colori primari e caldi in composizioni dimensionate, a volte minimali, oggetti componibili per dare spazio a un gioco ironico, un focus nell'assurdo quotidiano che mi rivelino un senso ed una piccola felicità o, per dirla con Baudrillard (Le strategie fatali), che esercitino per me una fascinazione definitiva, ove l'espressività si fa materia inventiva, dilagante, libera. Luisa Colli Ritratto di M., 2012, tecnica mista, 23 x18 cm è nata nel 1962 a Milano, dove vive e lavora

8 vittorio Comi Nido con semi, 2011, pennarello, semi di festuca ed erbe spontanee su carta, 30x30 cm è nato a Lecco nel 1961, vive e lavora a Missaglia (LC) Scelgo le essenze erbose per le loro caratteristiche estetiche e vegetative. Amo l'erba, apparentemente povera, semplice che, se non curata, reincorporerà la mia opera. Essa cresce, si evolve e ha bisogno di attenzioni e di cure, come ogni essere vivente, per non deperire: acqua, luce, giusta temperatura. Diviene una porzione di vita incorniciata, un essere con una propria storia e un proprio percorso. Appesa a una parete, essa non è immobile perché silenziosamente, con lentezza, i suoi germogli crescono, mutano colore e forma, possono ammalarsi, ingiallire, seccare, morire o vivere. Il mio lavoro riesce veramente se incontra chi, condividendone lo spirito, vuole prendersene cura, instaurando anche un nuovo tipo di rapporto con l'artista, non univoco. Chi possiede un opera di questo tipo, ne segue la crescita e l'evoluzione, in un rapporto diretto e fisico che gli permette di acquisire una nuova sensibilità verso il "vivente". Nella mia ricerca artistica cerco di esprimere, senza far ricorso alla parola o ad installazioni di matrice troppo concettuale, la mia idea di rispetto dell'ambiente. Le mie varie esperienze artistiche di scultura, pittura e installazione confluiscono in queste opere senza la ricerca di una categoria precisa o della riconoscibilità di uno stile. Mi interessa infatti l'immediatezza dell'arte e della sua lettura, prediligo l'aspetto innovativo e a volte spettacolare dell'arte, le geometrie astratte, l'estetica minimale anche figurativa. Nell'approfondire i miei studi sull'erba, due autori mi hanno ispirato nuove riflessioni: Gilles Clement con Elogio delle vagabonde e Richard Mabey, che in Elogio delle erbacce scrive: "Le erbacce sono importanti perché hanno la capacità di riportare in vita terreni abbandonati, maltrattati, distrutti, calpestati. Sono un po' come infermieri, medici e medicine". I loro testi costituiscono una sorta di rivoluzione copernicana del verde, scompigliando la percezione che abbiamo della natura. Affascinato dalle erbacce ho deciso di adottarle per farne delle opere. Un elogio estetico delle erbacce, della loro diversità, attraverso la ricomposizione di fili d'erba che diventano forma, materia, grafica e disegno. Spesso scelgo un luogo in cui la "materia prima" è abbondante e creo i miei lavori con ciò che ho a portata di mano. Sento un'affinità tra queste creature "inutili" e gli esseri umani: sopravvissute nei secoli, diffondendosi tra i continenti, come la "scimmia nuda" non hanno particolari esigenze quanto al posto in cui vivere, si adattano velocemente alle sfide ambientali, usano strategie per aprirsi la strada. Non è quello che facciamo anche noi? L'opera di Stefano Cozzi considera i propri mezzi come strumenti per una nuova organizzazione dello spazio dell'esperienza. Un progressivo allontanamento dall'uso simbolico dei linguaggi visivi lo avvicina alle pratiche del video e dell'installazione, secondo un'astrazione dalle costruzioni narrative tipiche della modernità. Ogni opera segna un momento nella ricerca di condizioni di visibilità: si tratta di periodi di immagini che presentano attitudini, prefigurazioni e desideri che aspettano ai margini della nostra attenzione per farci sapere di noi. Portando notizie sempre nuove, informano lo sguardo e spingono più in là i limiti posti alla possibilità di vedere attraverso il corpo. Stefano Cozzi Mayfly, 2011, HD video, 15:00 min è nato a Milano nel 1989, dove vive e lavora

9 Pietro Di Lecce Another fucking Marilyn, 2011, acrilico, smalto e pennarello su tela 150x120 cm è nato nel 1980 a Milano, dove vive e lavora Ogni lavoro inizia con uno studio di natura ideologica, in maniera del tutto personale elaboro concetti che vorrei fossero presi in considerazione da più individui di una società, quest'ultima a mio parere sempre di più globalizzata e priva di ideologie proprie, o semplicemente cerco di trovare verità non dette da istituzioni che interagiscono tutti giorni con le nostre vite. Pongo quindi come principio fondamentale che giustifica il mio operare artistico, la denuncia d'ingiustizie che colpiscono la mia sensibilità, non passa però in secondo piano la voglia di far mettere in discussione i valori dell'interlocutore con le istituzioni e con se stesso. Gli argomenti che tratto a volte rispecchiano gli eventi del mondo che influenzano le nostre vite, in maniera descrittiva, come promemoria della storia, per me stesso e per le generazioni future. Nei miei lavori sono spesso citate figure tipiche della pop art, utilizzate non come rappresentanti del consumismo, ma semplicemente diventano icone stufe di quel tipo di immagine a loro attribuita, sono ora i rappresentanti del cambiamento fatto dagli anni cinquanta sino ad oggi, negli anni della crisi mondiale e della rivincita economica dell'oriente. Il supporto maggiormente utilizzato è la tela ultimamente sto sperimentando altri materiali su cui dipingere come il telone in pvc. Utilizzo colori forti, quasi sempre puri e lucenti, tipici della pop art (prediligo gli smalti e l'acrilico) metto in contrasto la materia dei miei lavori con le tematiche sociali, questa fusione di elementi mi ha portato a chiamare la mia prima serie di lavori SOCIAL POP. Il ruolo e la condizione della donna nella società, l'influenza della cultura e delle religioni, l'attribuzione imposta nel corso dei secoli circa la sua dualità (sacra/demoniaca), affascina il mio pensiero che, in nome del rispetto per l'individuo, si sofferma ad elaborare per poi interpretare quegli attimi esistenziali che caratterizzano, subordinano e impongono inconsciamente modelli prigionieri del proprio essere. Analizzo il concetto trasformandolo in simboli, con l'ausilio della provocazione e dell'ironia, per proporlo in progetti, là dove viene sviscerato quasi ossessivamente e ripetutamente in più opere. Ogni progetto è preceduto da una lunga serie di autoscatti, dove io, modella di me stessa mi trasformo, travestendomi con scrupolosa attenzione per meglio incarnare e raffigurare il concetto. E così i progetti diventano brevi racconti, flashback di un inconscio che prende coscienza e consapevolezza attraverso le tele, dove i colori dell'olio forti e accesi sottolineano la mia forma espressiva, così come forti e provocatorie le donne che dipingo, ne esaltano la grande dignità che le contraddistingue. Nasce intorno al 2010 la necessità di valorizzare maggiormente l'essenza della donna, portandomi a distinguerne l'anima, estrapolando dall'immagine tutti quegli elementi che anima non hanno, per proporli con un gioco di grafica a sottolineare nel contesto dell'opera la scissione tra spirito e materia. Susy Manzo Eucharist (depressed) Avarizia, 2011, olio su tela, 120x80 cm è nata nel 1963, vive e lavora a Cusano Milanino (MI)

10 Simona Meo Così animale, 2011, foto analogica su carta fotografica, 70x50 cm Così animale "L'impotenza anima la volontà a non desistere", un paradosso che spinge a confrontarmi con questa realtà cruda. Anime innocenti lasciate a dannare, dimenticate da chi vuole dimenticarsene. I loro occhi supplicano una carezza, la loro coda manifesta la riconoscenza... e a noi rimane sempre e solo la nostra angosciante impotenza nel non salvarli tutti. Scatti fotografici che fanno parte di un progetto, dedicato a quelli che sono i protagonisti, ormai da anni della mia "altra vita": un mondo parallelo dove non esiste bugia, inganno o tradimento, ma dove persiste fedeltà, riconoscenza, attesa. Una sana e incantevole forma di amore.... Nel 2004 cambio modo di dipingere e comincio a occuparmi di video art, i miei quadri diventano riflessioni sul vuoto perché ne sono affascinata inoltre le mie opere precedenti non appaiono più congrue col mio modo attuale di vedere le cose. Le primissime tematiche dei miei filmati risultano provocatorie, mentre le nuove riguardano gli elementi della natura e l'unione con essa in senso mistico, da un altro punto di vista nei miei lavori non succede niente, il nulla per me è "essenza profonda del divino" ma non intendo fare filosofia. Nel corso del 2006 cambio corso di studi passando dall'accademia di belle arti alla sezione di arti visive dell'università IUAV di Venezia. Nel 2008 comincio a occuparmi anche di installazioni e performance art. Per le mie installazioni d'arte utilizzo materiali semplici, oppure del cibo. Le performances che realizzo sono spesso statiche, calate in una dimensione intersecata con il reale dove non c'è finzione. I performers interpreti dei miei lavori vivono in una dimensione diversa da quella del pubblico, distanti mentalmente e fisicamente vicini, il tempo non è importante, quindi ogni mia performance può essere guardata anche solo per un secondo, come una scena di vita casuale che ci si presenta innanzi. La percezione sensoriale è tenuta in grande considerazione, vista udito olfatto e sensazione tattile del fruitore dell' opera sono sempre stimolati. Voglio rompere l'imene del mondo... Verena Princi Volitional Rapport, 2011, video, 1:30 min è nata nel 1982, vive e lavora a Milano è nata nel 1978, vive e lavora tra Gorizia e Venezia

11 Arianna Raimondi Anima fragile, 2011, pigmenti cosmetici e stampa su resina, 40x40 cm è nata nel 1974, vive e lavora a Milano Una ricerca che parla di fragilità e durezze, di contrasti tra i materiali che si stratificano l'un l'altro. I volti nudi vengono avvolti da uno strato di trucco che fa da protezione e da prigione. Mondo parallelo di infinite stratificazioni, le foto truccate provano ad incorniciare momenti di malinconia portatile. Tutto è pelle. Quando lavoro senza vedere è per smuovere i limiti di un autocontrollo esasperato. Avendo un deficit della vista di nove diottrie a occhio, lavoro con la materia senza veramente vedere quello che accade sulla tela. Ed è un modo di sapere che alla fine c'è una sorpresa. Non immagino mai quello che le mani hanno fatto. I colori sono sciolti sulla cera, tutto scivola, una tinta sopra l'altra per far pensare come vede uno che non percepisce altro che nebbia. Ma senza sapere quale. Era il 1969, piena Guerra Fredda quando negli Stati Uniti nacque Arpanet, una nuova tecnologia ad uso militare. Negli anni '70 Arpanet venne resa accessibile al circuito universitario e rinominata Internet. Nel 1983, grazie all'avvento del personal computer, Internet raggiunse il pubblico civile diventando la rete globale che oggi collega tutta la Terra e le migliaia di persone connesse. Alla rete e ai suoi utenti si rivolge l'attenzione della mia ricerca. Con cognizione di causa dalla mia cyberpostazione individuo palcoscenici, osservo attori, leggo sceneggiature e interpreto scenografie. Mi soffermo laddove l'attività dell'utente suggerisce riflessioni che varcano il senso di un utilizzo quotidiano e sistematico della rete. Elaboro connessioni e correlazioni tra umanesimo e tecnologia che trasferisco su plexiglas, carta e tela, esprimendomi con segno, scrittura e luce. A volte mi avvalgo di lavorazioni speciali quali serigrafia e laser. L'esito finale viene collocato nella serie di riferimento: X-MAILER, racconti di viaggio di una mail, logs, tracce di dialoghi tra mondo reale e virtuale che si completano e convivono percorrendo binari paralleli. FLAG, la spunta, simbolo dell'autodeterminazione, opzioni di scelta che si incontrano e dividono sulla rete come nella vita. UNDERNET, sottorete, segni e trame che emergono da una stesura monocromatica di colore vivo e intenso. NETSCAPES, flussi di dati, paesaggi della rete, nuova serie che verrà presentata in mostra personale a Lodi nel maggio Grazia Ribaudo Undernet, 2008, tecnica mista su tela, 80x80 cm è nata nel 1975, vive e lavora tra Limido Comasco (CO) e Bovisio Masciago (MB)

12 Andrea SANTE Taddei Untitled, 2012, collage su catone telato, 30x40 cm è nato nel 1974, vive e lavora a Mantova La contemporaneità è un paesaggio fatto di frammenti, un collage eclettico nel quale confluiscono istanze di una realtà altrettanto complessa. L'informazione, i media odierni ben rappresentano tutto questo, quell'agglomerato fluttuante d'indizi, immagini, detriti di comunicazione che li costituiscono. I lavori che presento si ispirano alla vetrinizzazione del reale, ai rapporti sociali, a come ci viene presentata la realtà. Dalle immagini scelte estrapolo i frammenti che colpiscono la mia attenzione, per colore, soggetto, contesto e le assemblo tramite la tecnica del collage, tecnica che si presta ad infinite possibilità. Durante il processo di ricostruzione si aprono nuovi innesti, nuovi dialoghi lasciandomi guidare, a volte, dal lavoro stesso. Il titolo è un suggerimento, a volte completa la comprensione dell'opera, ma sostanzialmente il senso dell'opera è aperta e si mette in relazione con chi guarda, cercando di risvegliare un senso critico su ciò che lo circonda. Sposo con estrema umiltà il suggerimento di Louise Bourgeois quando scrive che le parole di un artista vanno sempre prese con cautela... La curiosità e il piacere di usare i materiali mi spinge a cercare e studiare diverse tecniche, ritenute le più adeguate per svelare l'idea madre dei progetti. Il filo d'arianna che collega tutto il mio lavoro è la documentazione e l'esperienza di un viaggio. I soggetti dei miei quadri sono astrazioni di paesaggi, labirinti, mappe in cui dell'uomo non rimane altro che una lontana traccia. L'inanimato si anima e svela percorsi che quotidianamente costruisco e de-costruisco, lungo una via fatta di luce, crepe, ombre e pennellate. Strutturalmente persiste una forte relazione tra l'energica espressione cromatica e la costruzione delle forme sospese nello spazio: il vuoto è fondamentale nella composizione dei miei segni. Tecnicamente l'attenzione si concentra sulla stratificazione, sul corpo e sul ritmo cromatico. Nelle installazioni prediligo materiali tessili e mix di pittura e pizzo. Il filo diventa il segno pittorico, a volte decido di ricamare altre di distruggere il ricamo con punti imprecisi e nodosi, oppure di usare la macchina per confezionare prodotti pseudo competitivi in un mercato possibile. Affascinata dall'elemento surreale e il rapporto giocoso insito culturalmente nei pupazzi e nei giochi di pezza, rievoco questo clima bizzarro in un'espressione al limite tra l'elegante e il kitsch. Ho maturato in questi anni un'interessante pratica, frutto della collaborazione con l'artista Maria Carmela Milano che ci vede impegnate "in azioni" di knitting art. Esperienze in cui il pubblico è sia fruitore che protagonista. FEDERICA TERRACINA città invivibili / unlivable cities, 2012, acrilico su tela, 70x70 cm è nata a Orvieto nel 1983, vive e lavora tra Roma e Parigi

13 Gloria Vanni "è un bicchiere?", , collage a tecnica mista, 60x135x5,6 cm è nata a Genova nel 1957, vive e lavora Milano Ishtar I / The Great Mother, 2011, fotografia digitale (stampa diretta su alluminio), 75x50 cm Collageamodomio. Sono progetti materici, concettuali e visivi che hanno l'obiettivo di condividere il mio lavoro su più piani: la lettura, la vista, il tatto, l'udito. Collage come laboratorio di sperimentazione. Come testimonianza del mio essere giornalista ed evoluzione del mio percorso artistico, dove suggestioni surrealiste e dadaiste mi hanno portato verso la poesia visiva. Ho l'esigenza di ricercare nuovi linguaggi, capaci di trasmettere memoria e proporre interrogativi, con ironia, leggerezza, profondità. Con parole e immagini ritagliate dai giornali e/o create/lavorate al computer, assemblate tra colori acrilici e materie, protette da colle, resine e vernici. Parole riciclate per assumere significati e temporalità diversi. Protagoniste di progetti analitici ieri, sintetici oggi. Passaggi di una ricerca dove la scritturapittura si confronta e dialoga con la materia. Sostanze naturali capaci di creare forme e rugosità affinché il logico diventi fisico e le tele assumano volumetrie di scambio e di reciprocità, diventando spazi da toccare e da condividere. Ciò che mi spinge a creare è la voglia di trasmettere a più individui possibili la bellezza che incontro nella quotidianità. Oggetti antichi, persone particolari, fotografie di sconosciuti, sono spunti ideali per realizzare fotografie, video e sculture. Mi piace che ci sia sempre un po' d'ironia nelle cose che faccio, penso possa avvicinare, incuriosire chi si soffermerà ad osservare è un ironia mista a malinconia che crea una sorta d'inquietudine. Le sculture sono la rielaborazione di ricordi personali, la riproduzione plastica di fotografie, storie tratte da album di famiglia acquistati ai mercatini dell'antiquariato. Cerco di ridare un valore a quelle immagini abbandonate trasformandole in piccoli "monumenti" che nascendo da un modello bidimensionale, spesso malandato per via del tempo, acquistano una particolare tridimensionalità, quasi "piatta" diventando una specie di "action figures" di eroi inesistenti. I video, le fotografie, sono pensati come opera unica oppure possono accompagnare la scultura narrando una storia legata al personaggio rappresentato dove il tema della memoria e dello "strano" si fondono in visioni oniriche. Serena Zanardi Somewhere #1, 2011, terracotta dipinta con tempera, cenere, ruggine e carbone, 14x62x31 cm è nata nel 1978 a Genova, dove vive e lavora

14 Stampato in 1000 esemplari in occasione della mostra STATEMENTS 2011 a cura di Ivan Quaroni Milano, 6-17 marzo 2012 martedì > sabato > Circoloquadro via Thaon di Revel 21, Milano tel

15 Stefano Albanese (Cane Celeste) Cecilia Brambilla Daniele Campi Martucci Anna Caruso Andrea Cereda Luisa Colli Vittorio Comi Stefano Cozzi Pietro Di Lecce Susy Manzo Simona Meo Verena Princi Arianna Raimondi Grazia Ribaudo Andrea sante Taddei Federica Terracina Gloria Vanni Serena Zanardi a cura di Ivan Quaroni

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA DISCIPLINA ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo tecniche personali sia grafiche che manipolative. OSSERVARE E LEGGERE

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) La disciplina arte e immagine ha la

Dettagli

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Presentazione attività

Presentazione attività Il re dei Confini - a cura di Alessandro Carboni L'arte, il paesaggio e l'architettura per bambini Presentazione attività Il Re dei confini è un progetto che promuove attività per bambini sull arte, l

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI AL MUSEO DEL NOVECENTO

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI AL MUSEO DEL NOVECENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI AL MUSEO DEL NOVECENTO Organizzato da Museo del Novecento Ad Artem, concessionario servizi educativi Museo del Novecento In collaborazione con Casa editrice Il Castoro

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita 1 2 Una esperienza coinvolgente e vissuta sul terre della creatività Una giornata r provocazioni, non esperti, in una decina di La realizzazion propria opera

Dettagli

PROGETTO INCONTRO CON L ARTE

PROGETTO INCONTRO CON L ARTE PROGETTO INCONTRO CON L ARTE Insegnante: Facchini Magda PREMESSA Fra i tanti linguaggi, che la scuola propone ai bambini per favorire la loro comprensione e comunicazione con il mondo, quello grafico-

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria Competenze Abilità Conoscenze Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Educazione Ambientale "Esperienza sensoriale"

Educazione Ambientale Esperienza sensoriale Scuola dell' Infanzia "Don Milani" plesso v.le della Repubblica Educazione Ambientale "Esperienza sensoriale" Attività svolta nelle sezioni 4 anni B; 5 anni C insegnanti Aloisio Francesca - Contu Anna

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE Competenze attese al termine delle classi: Prima/Seconda/Terza -Seguire con attenzione spettacoli di vario

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI ETÀ 3 ANNI tot. Bambini 25 M 14 F 11 TEMPO: gennaio-maggio 2013 SPAZIO: aula delfini INSEGNANTI: Chiara-Maria Teresa La consapevolezza che il bambino di tre anni percepisce

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

Proposta laboratorio creativo

Proposta laboratorio creativo Tino Vaglieri Vaglieri, fantasie di mutamento Opere 1958-1963 Studio d Arte del Lauro Via Mosè Bianchi 60, Milano dal 18 Ottobre al 21 Dicembre Proposta laboratorio creativo La mostra Lo Studio d Arte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

C'è uovo e uovo. Opere realizzate dagli studenti dell'accademia di Ravenna

C'è uovo e uovo. Opere realizzate dagli studenti dell'accademia di Ravenna C'è uovo e uovo Opere realizzate dagli studenti dell'accademia di Ravenna È con grande piacere che l'accademia di Belle Arti di Ravenna partecipa a quest'edizione del Baccanale di Imola, esponendo opere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 Dal progetto ESPRESSIONE, MOVIMENTO, SUONO... SUONO... UN GUAIO PER GLI UCCELLINI LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Forma e colore con Kandinsky

Forma e colore con Kandinsky Forma e colore con Kandinsky Kandinsky : l arte entra nella scuola come verifica finale di un percorso su colore forma -dimensione L arte è piena di colori, il mondo è pieno di colori e noi ci viviamo

Dettagli

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LibroGiocando è un luogo speciale, nato dall'incontro di professionisti con consolidata esperienza in ambito educativo e formativo, uniti dalla passione per il mondo dell'infanzia

Dettagli

SEMINARIO INTENSIVO di

SEMINARIO INTENSIVO di SEMINARIO INTENSIVO di LINGUAGGIO DEL CORPO L uomo non vive la realtà e la comunicazione in modo diretto. Schemi sociali, stereotipi, pregiudizi e lo stesso impiego della parola fanno da filtro per tutto

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

TRACCEimpronte. PAROLEdelcuore. Attività Ricreative. Progetti per la Scuola. Attività di Gruppo

TRACCEimpronte. PAROLEdelcuore. Attività Ricreative. Progetti per la Scuola. Attività di Gruppo TRACCEimpronte Attività Ricreative PAROLEdelcuore Attività di Gruppo Progetti per la Scuola Insegnerai a Volare, ma non voleranno il Tuo Volo. Insegnerai a Sognare, ma non sogneranno il Tuo Sogno. Insegnerai

Dettagli

Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis

Inaugurazione mostra Phobia, la paura sei tu: intervista a Milly Macis Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis Milly Macis, nota tatuatrice cagliaritana si racconta in un intervista, poco prima dell inaugurazione della mostra Phobia la paura

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 L'ORTO DELLE ARTI Via Paolo Rembrandt, 49 20147 Milano Tel. 02 4043450 Cell. 347 4817456 enzoguardala@tiscali.it A CACCIA DI STORIE Scuola dell infanzia - Sviluppare

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare A. opera applicando un metodo di lavoro efficace,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Dalle macchie all intreccio di colori

Dalle macchie all intreccio di colori I colori intorno a noi Se il mondo non fosse colorato La magia dei colori Alla scoperta delle opere d arte Dalle macchie all intreccio di colori Mescola, dipingi, disegna, modella... laboratorio creativo

Dettagli

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Appunti di lettura di Marco Fantechi Interdisciplinarità dei linguaggi artistici Ormai qualsiasi tipo di linguaggio, qualsiasi forma di espressione, non è più qualcosa

Dettagli

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI Doralice Magnoni Area: approfondimenti disciplinari Obiettivi: stabilire intrecci e connessioni tra le discipline Attività: COLORANDIA ALLA SCOPERTA DEI COLORI Ordini di scuola: scuola dell infanzia Crediti:

Dettagli

Scuola di Pittura e Disegno

Scuola di Pittura e Disegno CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA Viale Appio Claudio 289 (Metro A Giulio Agricola) Tel: 06.71546212 3462179491 www.erbasacra.com; erbasacra@erbasacra.com Scuola di Pittura e Disegno Docente: Arch. Carlo Floris

Dettagli

In tutte le SEI installazioni, il terzo Mood sarà sempre dedicato alla DONNA, affrontando aspetti sempre diversi dell'affascinante mondo femminile.

In tutte le SEI installazioni, il terzo Mood sarà sempre dedicato alla DONNA, affrontando aspetti sempre diversi dell'affascinante mondo femminile. Da una idea di Diverso Event Design, con la collaborazione di Banca Nuova, all'interno degli spazi del Metropole Hotel di Taormina, è nato il progetto Arts Club, con SEI installazioni che ci raccontano

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli

Ente di formazione con accreditamento al MIUR, decreto del 5/7/2013 Direttiva Ministeriale n. 90/2003

Ente di formazione con accreditamento al MIUR, decreto del 5/7/2013 Direttiva Ministeriale n. 90/2003 LE PRATICHE TEATRALI COME STRUMENTO EDUCATIVO Corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola dell infanzia Corso di 40 ore: 12 ore teoriche 28 ore di esercitazione guidata IL GIOCO SIMBOLICO DAI

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD DI APPRENDIMENTO Riconoscere ed usare gli elementi del linguaggio visivo Usare creativamente il

Dettagli

Ilaria Margutti. MEND OF ME installazione sedia + filo

Ilaria Margutti. MEND OF ME installazione sedia + filo I l a r i a M a r g u t t i M e n d o f M e Ho pensato molto al mondo in cui si immergono le ricamatrici durante i lunghi silenzi nei tempi in cui un ricamo si costruisce e mi sono immaginata silenzi

Dettagli