Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio"

Transcript

1 Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio

2 CENNI SULLA SUA BIOGRAFIA Nasce in Ungheria nel 1895; Intraprende gli studi giuridici; Partecipò alla prima guerra mondiale; Fondò il gruppo «MA»; Nel 1923 entra a far parte del Bauhaus; Nel 1928 abbandonò il bauhaus; Nel 1928 pubblica «from material to architecture» Con l avvento del nazismo, abbandonò l Europa, trasferendosi a Chicago; Diventerà direttore del New Bauhaus; Nel 1946 muore affetto da leucemia.

3 «si avventurò nel regno della scienza e dell arte per penetrare i fenomeni di spazio e luce; in pittura, scultura e architettura, in teatro ed in disegno industriale, in fotografia e cinema, nella pubblicità e nelle arti grafiche si sforzò sempre di interpretare lo spazio nel rapporto col tempo, in altre parole, il movimento dello spazio. Moholy ha raggiunto contemporaneamente notevolissimi risultati sia come pensatore sia come artista, come scrittore e come insegnante. Lui solo, grazie alla versatilità più unica che rara che lo distingueva e alla forza di immaginazione, è riuscito a mantenere perfettamente in equilibrio tutta quella validità di interessi che, per qualsiasi altro, sarebbe stata una sfera troppo ampia e ambiziosa» (Walter Gropius)

4 PITTURA La prima esperienza artistica che caratterizzò il pensiero di Moholy- Nagy è la pittura. Egli venne influenzato da artisti quali: Vincent Van Gogh; Futuristi; Avanguardisti Russi. Q 1 SUPREMATISTIC

5 SPAZIO Il concetto di spazio costituisce uno dei più importanti concetti nel campo della pittura e non solo. Difatti, secondo l artista lo spazio «è una molteplicità definita da un sistema di coordinate dove un oggetto può essere individuato» Lo spazio ero concepito come un esperienza sensoriale; una vera e propria esperienza umana. L uomo percepisce lo spazio attraverso: la vista; l udito; il senso dell equilibrio; i mezzi di movimento. METÀ SCULTURA, METÀ MACCHINA, IL LICHTREQUISIT È FATTO DI METALLO CROMATO, VETRO, FILO E BARRE METALLICHE. MOHOLY- NAGY SI SFORZÒ SEMPRE DI INTERPRETARE LO SPAZIO NEL SUO RAPPORTO CON IL TEMPO.

6 LUCE «Dipingere con la luce» fa parte di un antico capitolo dell attività umana. La luce era intesa come energia spazio-temporale. Tra il 1922 e il 1930 mette a punto il Modulatore Spazio-Luce, una struttura cinetica che, grazie a un corpo centrale nel quale sono contenuti un motore, lampadine elettriche e varie forme mobili in acciaio, plexiglas e vetro, può creare giochi di luce in movimento.

7 COLORE L artista riteneva che ci fosse una correlazione tra il colore in se medesimo e come lo percepisse l essere umano. Il colore aveva una grande importanza all interno delle opere: doveva suscitare emozioni continue e diverse, complementare o primario che fosse. Light space modulator (1922/1930)

8 MOVIMENTO Proprio come la sua pittura si era basata sulle avanguardie russe e futuristiche, anche nel movimento ci si riallaccia a queste tendenze; il ritmo dell arte per Moholy- Nagy non era statico, ma dinamico. Nel 1922 pubblicò assieme a Kemeny «il sistema di forze dinamico costruttive» che rappresenta il manifesto del dinamismo. Fulcro centrale sarà anche l utilizzo del movimento nella scultura attraverso movimenti lenti e rotatori.

9 FOTOGRAMMI E FOTOGRAFIA LA CANEBIÈRE STREET, MARSEILLES Nel 1923, si ha la prima mostra cinematografica. Fotografare vuol dire «scrivere con la luce». Il fotogramma diventava sinonimo con Moholy Nagy di creazione di rapporti ottici e elementari. In un momento di grande tensione tra mondo della fotografie e mondo della pittura, egli dipinse le sue esperienze fotografiche arrivando alla conclusione che si potevano rintracciare percezioni visive quali: Visione astratta; Visione esatta; Visione rapida; Visione lenta; Visione intensificata; Visione penetrante; Visione simultanea; Visione distorta.

10 CINEMA E negli anni 20 che l artista si avvicina al mondo del cinema. Realizzò numerosi film quali: Berliner stilleben; Marseille Vieux Port; The New Architecture at the London Zoo.

11 TEATRO Lo stato prussiano finanziava a Berlino due teatri: Nel 1929, per la prima volta, incaricarono Moholy di disegnare le scenografie. In seguito ricevette l incarico per «Il Mercante di Berlino» La scenografia di Moholy fu un esperimento molto coraggioso. Tra piattaforme che si muovevano verticalmente sul palcoscenico corrispondevano a tre diversi livelli: quello tragico del proletariato, quello tragicomico della media borghesia e quello grottesco del militarismo capitalista. L anno seguente Moholy fece un altro allestimento, un divertente gioco di luci per il bel testo della Madama Butterfly. Aveva abbandonato gli esperimenti meccanici, ma intendeva proseguire le sue ricerche di una nuova visione attraverso l uso cinetico della luce, con la deformazione drammatica di ombre in movimento

CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Competenze in uscita per la classe prima Nuclei fondanti ^Percezione e conoscenza del corpo ^ Gioco Obiettivi specifici di apprendimento - Le varie

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia.

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia. Lezione 17 - pag.1 Lezione 17: le macchine 17.1. Che cosa è una macchina? Il termine macchina, nell uso comune della lingua italiana, sta diventando sinonimo di automobile, cioè, alla lettera, dispositivo

Dettagli

LÀSZLÒ MOHOLY-NAGY. Biografia

LÀSZLÒ MOHOLY-NAGY. Biografia LÀSZLÒ MOHOLY-NAGY La figura di Làszlò Moholy-Nagy si muove trasversalmente tra i campi di pittura, fotografia, scenografia e cinema, egli si dedica infatti ad una costante sperimentazione in ogni ambito

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

--- il Surrealismo ---

--- il Surrealismo --- --- il Surrealismo --- Nascita del movimento Il termine surrealista fu inventato nel 1917 dallo scrittore Guillaume Apollinaire, ma il Surrealismo come movimento artistico, in realtà, nacque solo nel 1924

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA EDUCAZIONE MOTORIA Classe prima

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA EDUCAZIONE MOTORIA Classe prima EDUCAZIONE MOTORIA Classe prima 1.PADRONEGGIARE ABILITA MOTORIE DI BASE IN SITUAZIONI DIVERSE. 1.a) Sviluppare e consolidare gli schemi motori di base (camminare, correre, saltare, arrampicarsi ). 1.b)

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente.

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. OSSSERVARE, CONOSCERE E RAPPRESENTARE IL CORPO, E DISCRIMINARE ATTRAVERSO I SENSI. 1.1 Riconoscere e denominare le parti del corpo su se

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ARTE ED IMMAGINE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ARTE ED IMMAGINE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA) creative. Il bambino realizza produzioni Il bambino esprime pensieri ed emozioni con immaginazione e creatività. Sperimentare tecniche e materiali con attenzione

Dettagli

MODELLO PIANO DI STUDI INDIVIDUALE

MODELLO PIANO DI STUDI INDIVIDUALE MODELLO PIANO DI STUDI INDIVIDUALE (SCHEDA A CURA DELLO STUDENTE) DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA INDIRIZZO: GRAFICA D ARTE DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO Anno Accademico 2014/2015 STUDENTE

Dettagli

Il test può essere fatto seguendo alcune semplici indicazioni: Nelle aree segnalate (risposta, domanda successiva, spazio con la freccia,) sono

Il test può essere fatto seguendo alcune semplici indicazioni: Nelle aree segnalate (risposta, domanda successiva, spazio con la freccia,) sono Test di Autovalutazione Il test può essere fatto seguendo alcune semplici indicazioni: Nelle aree segnalate (risposta, domanda, spazio con la freccia,) sono collocati già dei comandi Con un click del mouse

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

ELENCO DISCIPLINE DA AFFIDARE A PERSONALE DOCENTE DI RUOLO - A.A. 2008-09

ELENCO DISCIPLINE DA AFFIDARE A PERSONALE DOCENTE DI RUOLO - A.A. 2008-09 ELENCO DISCIPLINE DA AFFIDARE A PERSONALE DOCENTE DI RUOLO - A.A. 2008-09 CODICE ABVPA 64 ABPR 14 ABST 55 ABST 55 ABST 55 ABTEC 38 ABPR 14 ABVPA 61 ABPR 32 ABST 45 ABAV 11 ABAV 03 ABPR 16 ABTEC 38 ABPR

Dettagli

MicheleModafferi Essenziale Bellezza

MicheleModafferi Essenziale Bellezza MicheleModafferi Essenziale Bellezza Michele Modafferi Essenziale Bellezza Essenziale Bellezza di Caterina Pellitta Stilizzare, sfoltire, affinare, arrivare all essenza. Questi i principi della ricerca

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

Boris Princici La vita svelata

Boris Princici La vita svelata Boris Princici La vita svelata Boris Princic La vita svelata La vita svelata di Caterina Pellitta Tutto ha inizio con una Zenith russa, la macchina fotografica del padre. E così che Boris Prinčič bambino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 T. ALBINONI VIA GENOVA 4 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE - SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della

Dettagli

LA SECONDA VIA Regia di Alessandro Garilli. Fronte russo 1943. Non un film di guerra, ma di uomini nella guerra.

LA SECONDA VIA Regia di Alessandro Garilli. Fronte russo 1943. Non un film di guerra, ma di uomini nella guerra. COMUNICATO STAMPA 1 LA SECONDA VIA Regia di Alessandro Garilli Fronte russo 1943. Non un film di guerra, ma di uomini nella guerra. Russia. Villaggio di Popowka. Contadini che mietono il grano e distese

Dettagli

CINEMA 4D. I punti chiave di CINEMA 4D

CINEMA 4D. I punti chiave di CINEMA 4D CINEMA 4D CINEMA 4D è il software per la modellazione 3D, il rendering e l'animazione prodotto da MAXON, società del Gruppo Nemetschek che può vantare 25 anni di esperienza nel settore della computer grafica

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Criteri di valutazione per le gare di Kata

Criteri di valutazione per le gare di Kata Dal sito www.wjjim.it Criteri di valutazione per le gare di Kata (eventualmente valido anche per Embu e Dimostrazione) (a cura del M Carlo Maria Cordio) I criteri di valutazione sono una regola per scegliere,

Dettagli

Linea e compasso, 1915 1918 1918

Linea e compasso, 1915 1918 1918 Alexandr Rodchenko Alexandr Rodchenko era nato a Pietroburgo nel 1891. Studiò arte a Kazan e a Mosca. Si unì inizialmente al gruppo suprematista, poi animò con Tatlin il gruppo costruttivista. Dopo la

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza.

Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza. Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza. Le emozioni esercitano una forza incredibilmente potente sul comportamento umano. Le emozioni

Dettagli

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia Disney 1 Ing. Andrea Fabbri Via Niccolò Machiavelli, 17 50012 Bagno a Ripoli (FI) Codice Fiscale: FBBNDR85M24A564C Partita I.V.A.: 06278480485 Telefono: 380/2678520 E-mail: a.fabbri@ymail.com Istituto

Dettagli

VIBRA è un evento legato all arte contemporanea, alla musica, all educazione e alle nuove tendenze avanguardiste che unisce vari artisti con il fine

VIBRA è un evento legato all arte contemporanea, alla musica, all educazione e alle nuove tendenze avanguardiste che unisce vari artisti con il fine 27.28GIUGNO2015 VIBRA è un evento legato all arte contemporanea, alla musica, all educazione e alle nuove tendenze avanguardiste che unisce vari artisti con il fine di far vibrare differenti discipline

Dettagli

1965/2015 Arte Cinetica e Programmata

1965/2015 Arte Cinetica e Programmata 1965/2015 Arte Cinetica e Programmata Una breve storia Il Gruppo MID è tra i protagonisti dell arte Cinetica e Programmata. MID è l'acronimo di Mutamento Immagine Dimensione. Mutamento: cambiamento, innovazione,

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore

Lo spazio della fotografia ha ridotto quello della pittura, la forma più culturalmente elevata di generazione di immagini, grazie alla minore Premessa La fotografia rappresenta il decisivo strumento per la produzione e la replicabilità tecnica delle immagini fisse. Tappa fondamentale per lo sviluppo del cinema (in cui la percezione del movimento

Dettagli

L'ARTE PER L'INFANZIA

L'ARTE PER L'INFANZIA L'ARTE PER L'INFANZIA laboratori ludico espressivi PERCORSI D'ARTE al CAMUSAC Un viaggio/esperienza tra le tecniche e gli stili della storia dell arte DURATA DEL PROGETTO 20 ore in lezioni da 2 ciascuna

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

Corso di Teorie e Tecniche della Rappresentazione visiva 2012-13. Lezione 01

Corso di Teorie e Tecniche della Rappresentazione visiva 2012-13. Lezione 01 Corso di Teorie e Tecniche della Rappresentazione visiva 2012-13 Lezione 01 Corso di tecniche di rappresentazione grafica e storia della comunicazione visiva Che cos'è comunicazione visiva?...tutto ciò

Dettagli

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia

Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Luigi Ghirri - Lezioni di fotografia Appunti di lettura di Marco Fantechi Interdisciplinarità dei linguaggi artistici Ormai qualsiasi tipo di linguaggio, qualsiasi forma di espressione, non è più qualcosa

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE della scuola primaria CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE al termine della classe prima della scuola primaria... 2 CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE al termine della classe seconda della

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE Giacomo e Pio Manzù BERGAMO TABELLA DEI MINIMI DISCIPLINARI TRIENNIO RIFORMA DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO DESIGN

LICEO ARTISTICO STATALE Giacomo e Pio Manzù BERGAMO TABELLA DEI MINIMI DISCIPLINARI TRIENNIO RIFORMA DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO DESIGN DISCIPLINE PROGETTUALI CLASSE TERZA Riepilogo dei metodi proiettivi del disegno tecnico: - Proiezioni cilindriche proiezioni ortogonali (metodo di Monge) assonometrie oblique e ortogonali - Proiezioni

Dettagli

MODELLO PIANO DI STUDI INDIVIDUALE

MODELLO PIANO DI STUDI INDIVIDUALE MODELLO PIANO DI STUDI INDIVIDUALE (SCHEDA A CURA DELLO STUDENTE) DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA INDIRIZZO: PITTURA DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO Anno Accademico 2014/2015 STUDENTE

Dettagli

Factory. Fotografia. Postproduzione. Laboratorio di produzione artistica

Factory. Fotografia. Postproduzione. Laboratorio di produzione artistica Factory Fotografia Postproduzione Gli argomenti proposti sono: elementi di base di fotografia digitale e di ripresa. Verranno prese in esame i processi di ripresa fotografica per creare immagini pronte

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

LIGHT MODULATOR POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A. A. 2011-2012. Relatore Francesco Murano

LIGHT MODULATOR POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A. A. 2011-2012. Relatore Francesco Murano POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A. A. 2011-2012 LIGHT MODULATOR Relatore Francesco Murano Studente Donatella Addesso - matr.207289 INDICE ASTRACT 10 12 16 21 22 26 38 39 40

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Le Medical Humanities

Le Medical Humanities Le Medical Humanities Claudio Pensieri UNIVERSITA' CAMPUS BIO-MEDICO DI ROMA Via Álvaro del Portillo, 21-00128 Roma - Italia www.unicampus.it Inserisci qui il titolo della presentazione Le Medical Humanities

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE KATA

CRITERI DI VALUTAZIONE KATA CRITERI DI VALUTAZIONE KATA TECNICA: Ogni singola azione motoria prende forma nello spazio e nel tempo ed è il risultato di una partecipazione coordinata di tutti i segmenti dell Atleta. La tecnica viene

Dettagli

RELAZIONE UTENTE SIEMENS POWER GENERATION (PG) SI AFFIDA ALLA TECNOLOGIA DI CHIUSURA SIMONSVOSS: ACCESSO SICURO ALL AREA DELLO STABILIMENTO.

RELAZIONE UTENTE SIEMENS POWER GENERATION (PG) SI AFFIDA ALLA TECNOLOGIA DI CHIUSURA SIMONSVOSS: ACCESSO SICURO ALL AREA DELLO STABILIMENTO. RELAZIONE UTENTE SIEMENS POWER GENERATION (PG) SI AFFIDA ALLA TECNOLOGIA DI CHIUSURA SIMONSVOSS: ACCESSO SICURO ALL AREA DELLO STABILIMENTO. SEITE Seite 1 RELAZIONE UTENTE SIEMENS POWER GENERATION (PG)

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

Proiettori effetti luce Solar 100C

Proiettori effetti luce Solar 100C 290 LUCI Dimensioni 340 (senza lente) x 125 x 81 mm (alto 225mm con la staffa d aggancio) 3,5 Kg Lente standard 85mm a 3 elementi f2,8 lunghezza 42,5mm fuoco a vite elicoidale Consumo 115W massimo Uscita

Dettagli

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e FINALITA I nuovi programmi Ministeriali ritengono l educazione motoria una componente essenziale dell unità educativa della persona per cui essa concorre alla realizzazione delle finalità proprie della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

SCIENZE INTEGRATE FISICA

SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE DISCIPLINA ORE SETTIMANALI TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO MODULO 1: Il moto e l energia I concetti di sistema di riferimento e le grandezze cinematiche. I diversi tipi di rappresentazione del

Dettagli

IL PRINCIPIO DI ETERODINA

IL PRINCIPIO DI ETERODINA IL PRINCIPIO DI ETERODINA di Giuseppe Zella EVOLUZIONE E RIVOLUZIONE DELLE TELECOMUNICAZIONI Il processo di miscelazione del debole segnale proveniente dall'antenna ricevente con quello dell'oscillatore

Dettagli

Proposte LABORATORI DI ARTE per la scuola primaria anno 2015-16

Proposte LABORATORI DI ARTE per la scuola primaria anno 2015-16 Proposte LABORATORI DI ARTE per la scuola primaria anno 2015-16 Associazione associazionepianoterra.it I laboratori di piano-terra nascono dalla volontà di avvicinare i bambini al mondo dell espressione

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 UDA N. 2 Unità di apprendimento

Dettagli

3-Organizzazione didattica 1

3-Organizzazione didattica 1 Unità di apprendimento n.1 1-dati identificativi Titolo: SIAMO FATTI COSI Materia : Scienze Docenti impegnati nello sviluppo dell UDA: tutti i docenti di scienze Tempi di sviluppo: Ottobre / Novembre/Dicembre

Dettagli

La qualità spaziale della casa forma, uso, luce. uso emozionale volumi sotto la luce Le Corbusier Barragan_volumi puri esaltati dal sole

La qualità spaziale della casa forma, uso, luce. uso emozionale volumi sotto la luce Le Corbusier Barragan_volumi puri esaltati dal sole La qualità spaziale della casa forma, uso, luce uso emozionale volumi sotto la luce Le Corbusier Barragan_volumi puri esaltati dal sole 01 uso analitico la luce aiuta a spiegare gli elementi dell architettura

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA

DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA PITTURA Obiettivi formativi I corsi di studio per il conseguimento del Diploma accademico di primo livello della Scuola di Pittura hanno l obiettivo di formare

Dettagli

COMPETENZE AL TERMINEDELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE AL TERMINEDELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA tecniche, materiali e strumenti (grafico- espressivi, pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali). prodotti Realizzazione di disegni con varie tecniche. Manipolazione

Dettagli

Si classifica come una grandezza intensiva

Si classifica come una grandezza intensiva CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA La temperatura È osservata attraverso gli effetti che provoca nelle sostanze e negli oggetti Si classifica come una grandezza intensiva Può essere considerata una stima del

Dettagli

diploma accademico di primo livello anno ESAMI DI BASE cf tipol. ore DI BASE da 36 a 48 CFA 42 CARATTERIZZANTI da 60 a 72 CFA 66 108

diploma accademico di primo livello anno ESAMI DI BASE cf tipol. ore DI BASE da 36 a 48 CFA 42 CARATTERIZZANTI da 60 a 72 CFA 66 108 DIPARTIMENTO: Arti Visive SCUOLA: Pittura CORSO DI PITTURA ABAV01 2 Anatomia artistica 1 T/L 9 ABAV01 3 Anatomia artistica 2 T/L 9 ABST47 1 St.arte 1 T 39 ABST47 2 St.arte 2 T 39 da 3 a 4 CFA 42 ABST47

Dettagli

CURRICOLO DI ED.FISICA

CURRICOLO DI ED.FISICA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI ED.FISICA SCUOLA PRIMARIA/SECONDARIA DI PRIMO GRADO Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

presidente Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna

presidente Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna Daniel Zimmermann Ufficio federale della cultura Hallwylstrasse 15 3003 Berna daniel.zimmermann@bak.admin.ch

Dettagli

Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale

Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale Accademia di Belle Arti Biennio Specialistico Sperimentale Articolazione del percorso formativo Scopo del corso è di consentire agli studenti in possesso di Diploma d Accademia di proseguire e completare

Dettagli

Scintille di suono laboratorio multimediale

Scintille di suono laboratorio multimediale Scintille di suono laboratorio multimediale progetto per la Scuola dell'infanzia 5 anni percorso di scoperta ed esperienza con le qualità del suono e del movimento Struttura dell attività didattica Date

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

TRACCE DI CINEMA D ARTISTA Tracciare un itinerario storico dello storyboard del Cinema d Artista è impresa ardua non solo per la difficoltà di repe-

TRACCE DI CINEMA D ARTISTA Tracciare un itinerario storico dello storyboard del Cinema d Artista è impresa ardua non solo per la difficoltà di repe- TRACCE DI CINEMA D ARTISTA Tracciare un itinerario storico dello storyboard del Cinema d Artista è impresa ardua non solo per la difficoltà di repe- A. Granchi, Immagini e parole iniziali da Il Giovane

Dettagli

FESTIVAL FILM DI ROMA VIII EDIZIONE INTERNAZIONALE DEL

FESTIVAL FILM DI ROMA VIII EDIZIONE INTERNAZIONALE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA VIII EDIZIONE 8 17 NOVEMBRE 2013 1 LA VIII EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA 8 17 NOVEMBRE 2013 Soci Fondatori Roma Capitale Regione Lazio Provincia

Dettagli

Piccoli scienziati in laboratorio: per la formazione scientifica nella scuola primaria. Progetto per la diffusione della cultura scientifica 2009

Piccoli scienziati in laboratorio: per la formazione scientifica nella scuola primaria. Progetto per la diffusione della cultura scientifica 2009 Ministero dell Università e della Ricerca Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Fisica Progetto per la diffusione della cultura scientifica

Dettagli

Il primo Novecento La L scuol o a l di i Pa P rig i i

Il primo Novecento La L scuol o a l di i Pa P rig i i Il primo Novecento La scuola di Parigi Il terminescuola di Parigi viene utilizzato per indicare il gruppo di artisti non francesi che visse e lavorò apariginel periodo seguente allo scoppio dellaprima

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

VALUTAZIONE PROGETTI POF

VALUTAZIONE PROGETTI POF VALUTAZIONE PROGETTI POF SCUOLA PRIMARIA S. GIOVANNI BOSCO Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO Screening prevenzione DSA Esperta: ins. Giorgia Smiderle Destinatari: classe 1 Continuità infanzia-primaria

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli