REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013"

Transcript

1 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative, nonché, la possibilità di ormeggio delle imbarcazioni dei Soci ad esclusione di quelle ad uso commerciale. Art. 2 Attrezzature I Soci hanno la possibilità di utilizzare le attrezzature messe a disposizione da ARCA presso la sede sociale di Marina di Pisa - Lungarno D Annunzio. Art. 3 Presentazione domande Le domande dovranno essere presentate entro il 20/01/2013 indicando obbligatoriamente le seguenti caratteristiche della propria imbarcazione: - lunghezza fuori tutto; - larghezza fuori tutto; - pescaggio; - propulsione (motore o vela/motore); allegando - documentazione attestante la proprietà del natante (libretto, fattura di acquisto o altro). In mancanza di un documento attestante la proprietà dovrà essere compilata la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. - assicurazione del natante. - dichiarazione nella quale il Socio/Frequentatore esterno dichiara di essere in grado di garantire il tempestivo intervento, personale o di apposito delegato, in caso di qualsiasi necessità e/o evento che dovesse comportare situazioni di pericolo per la propria o altrui imbarcazione (quali ad esempio le piene improvvise del fiume). - regolamento ormeggio firmato per accettazione. Viene ammessa la comproprietà del natante (50% Socio effettivo + 50% frequentatore esterno) con il pagamento della tariffa B. Dovrà, comunque, essere compilata la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà e prodotta copia dell assicurazione del natante; qualora l assicurazione fosse intestata al comproprietario esterno, verrà applicata la tariffa C. Per motivi di sicurezza legati alle difficoltà di manovra l ARCA si riserva di non consentire l ormeggio dei multiscafi. Art.4 Frequentatori esterni Le richieste di eventuali frequentatori esterni potranno essere accettate solo se gli stessi sono tesserati FITEL. Il tesseramento è possibile presso tutte le sedi ARCA ed ha un costo di 5,00; in caso di assegnazione del posto verrà applicata la tariffa C. Art. 5 Assegnazione posti L assegnazione dei posti verrà effettuata seguendo il seguente ordine di priorità, compatibilmente con le disponibilità di posti presenti negli specifici settori: Ove sussistessero problemi di ormeggio, la precedenza spetta fino a esaurimento dei posti disponibili senza variazioni di ingombri: 1. Soci ARCA già assegnatari di un posto barca l anno precedente. 2. Soci ARCA comproprietari con esterni già assegnatari di un posto barca l anno precedente. 3. Nuovi Soci ARCA non assegnatari l anno precedente di un posto barca.

2 4. Soci ARCA comproprietari con esterni non assegnatari l anno precedente di un posto barca. 5. Frequentatori Esterni tesserati FITEL assegnatari di un posto barca l anno precedente. 6. Nuovi frequentatori esterni tesserati FITEL che presentano per la prima volta la richiesta di ormeggio. Nell attribuzione del posto, non viene garantita la riassegnazione del posto utilizzato l anno precedente; le assegnazioni verranno effettuate compatibilmente con le disponibilità di spazio. Le richieste verranno esaminate da ARCA, stilando apposita graduatoria. L assegnazione avverrà a cura dell ARCA CDR Toscana previa verifica della completezza della documentazione richiesta. Art. 6 Utilizzo posto assegnato A ciascuna imbarcazione autorizzata a ormeggiare, verrà assegnato un posto che non potrà essere cambiato per nessun motivo senza il consenso dell ARCA. Qualora l ARCA a suo insindacabile giudizio, ritenga necessario lo spostamento della imbarcazione, il proprietario è tenuto a eseguire la manovra. Nel caso di rifiuto o di irreperibilità dello stesso, la manovra di spostamento verrà eseguita da personale all uopo incaricato a spese e rischio del proprietario. Art. 7 Banchina di ormeggio La presenza del retone da pesca e dei suoi accessori obbliga, per problemi di manovra delle imbarcazioni, a suddividere lo spazio disponibile in 4 settori, ciascuno per un tipo diverso di barca (vedi planimetria allegata). I posti barca complessivi sono così suddivisi: Settore A. lunghezza pontile 30,00 m Riservato a barche a vela e/o motore maggiori a 7,00 m ft e inferiori o uguali a 12,00 m ft Settore B. lunghezza pontile 17,50 m Riservato a barche a vela e/o motore minori o uguale a 7,50 m ft Settore C1 e Settore C2 lunghezza pontile 21,15 m e 22,00 m Riservato a barche a motore minori o uguali a 6,00 m ft Viene riservato uno spazio di 5 m, fra il settore C1 e il settore C2 per l utilizzo della barchetta utilizzata per il recupero del pesce dal retone da pesca. Potranno essere accettate, in deroga, domande per imbarcazioni di misure diverse da quelle indicate previa verifica degli spazi disponibili nel settore interessato. Art. 8 Tariffe Le tariffe per l ormeggio sono calcolate in base all ingombro dell imbarcazione (misure fuori tutto lunghezza x larghezza): - A - per Soci effettivi Euro 5,00 al mq per mese. / 35,00 al mq x sette mesi - B - per Soci effettivi in comproprietà con esterni Euro 7,00 al mq per mese / 49,00 al mq x sette mesi. - C - per frequentatori esterni tesserati FITEL Euro 8,00 al mq per mese / 56 al mq x sette mesi.

3 movimentazione ancora Euro 50,00. I nuovi Soci dovranno pagare inoltre la quota una tantum di Euro 70,00 per il corpo morto (= ancora). Il Socio/Frequentatore esterno si impegna a versare la quota annua in un unica soluzione e nei termini stabiliti dall ARCA. Per importi superiori ad 500,00 sarà possibile effettuare il pagamento in due soluzioni: 50% al 30 aprile ed il restante 50% al 31 luglio. Art. 9 Durata ormeggio Per il 2013 l ormeggio sarà attivo dal 01/04/2013 al 30/10/2013. Il posto barca è assegnato per l intero periodo di ormeggio pari a 7 mesi. Eventuali richieste di ormeggio in corrente, (nel rispetto della regolamentazione fluviale), dovranno essere presentate alla domanda e saranno autorizzate fino a concorrenza dei posti disponibili. Dopo l assegnazione del posto e del relativo periodo non si avrà più diritto a riduzioni di quote per mancato utilizzo. Art. 10 Rilascio posto messa in corrente L Assegnatario del posto barca deve lasciare libero il posto barca entro il 31/10/2013. Gli Assegnatari nel mese di Ottobre devono ormeggiare l imbarcazione in corrente entro e non oltre il 15 di Ottobre. Eventuali variazioni dovute a condizioni meteo sfavorevoli saranno comunicate tempestivamente da ARCA. Art. 9 Consegna chiavi accesso Ad ogni assegnatario di posto barca sarà consegnata una chiave del cancello piccolo lato mare, che non dovrà essere ceduta a nessun titolo; di quanto sopra il possessore sarà ritenuto personalmente responsabile. Art. 8 Manutenzione imbarcazioni uso spazi comuni Essendo presente presso l impianto di Bufalotti, anche l attività di pesca con il retone con l uso dello chalet, si precisa che le due attività devono coesistere nel rispetto reciproco. Gli assegnatari di posto barca utilizzeranno solo gli spazi ad essi riservati senza interferire per nessun motivo con l altra attività. (pontile, bagno attiguo casetta/deposito con accesso esclusivo dal cancello pedonale). E assolutamente vietato effettuare manutenzione ai motori e alle imbarcazioni. Art. 12 Cessione posto Non è consentito in nessun modo e forma la cessione del proprio posto ad altri soggetti, neppure per la vendita dell imbarcazione ad altro Socio. In caso di violazione il titolare perderà il diritto al posto ed il subentrante sarà allontanato. Nessuna imbarcazione potrà essere ormeggiata nello specchio d acqua senza relativa autorizzazione. Art. 13 Modalità ormeggio Quelle imbarcazione che, per deficienza di cime, di attrezzatura di bordo, ecc. risultassero tali da compromettere la sicurezza e l integrità delle altre barche ormeggiate, saranno escluse dalla banchina e dallo specchio d acqua ed al proprietario sarà ritirata l autorizzazione all ormeggio. Tutte le imbarcazioni ormeggiate dovranno obbligatoriamente tenere fissati su ogni murata non meno di 3 parabordi di dimensioni adeguate all imbarcazione.

4 Ogni imbarcazione dovrà essere ormeggiata utilizzando esclusivamente i punti di ormeggio messi a disposizione. E vietato posizionare boe di ormeggio personali. Art. 14 Danni Il proprietario dell imbarcazione risponde dei danni causati direttamente o indirettamente, dalla sua imbarcazione, direttamente verso i danneggiati. In nessun caso e per nessuna ragione l ARCA potrà essere ritenuta responsabile dei danni provocati alle imbarcazioni ormeggiate. Lo stesso dicasi nel caso di furto di oggetti e di incendio delle imbarcazioni ormeggiate o ricoverate nel centro ARCA.. Art. 15 Prevenzione incendi Allo scopo di prevenire incendi o esplosioni è fatto divieto a chiunque di depositare all esterno del natante carburanti, combustibili e gas compressi se non in recipienti, e quantità a norma di legge e per il tempo strettamente necessario all imbarco. Art. 16 Utilizzo strutture E fatto divieto di servirsi delle attrezzature e dello specchio d acqua per scopi diversi da quelli prefissati dall ARCA. Art. 17 Esclusione/revoca posto L ARCA si riserva il diritto di escludere dal rimessaggio quelle imbarcazioni, che nell anno precedente non abbiamo utilizzato il posto assegnato se pure regolarmente pagato. Affinché ciò non avvenga, l assegnatario deve darne giustificazione scritta motivando l assenza dall ormeggio. Chiunque lasci l ormeggio per più giorni, deve preventivamente darne avviso al custode. Art. 18 Obblighi rispetto regolamento Gli assegnatari che non rispetteranno il presente regolamento, saranno allontanati e perderanno il diritto alla rassegnazione del posto l anno successivo. Ogni eventuale trasgressione sarà formalizzata a mezzo lettera raccomandata. Per accettazione Data Firma L assegnatario dichiara di essere a conoscenza e di approvare tutte le clausole contenute nel presente regolamento; dichiara inoltre, di avere particolarmente considerato quanto disposto dai sotto elencati articoli per i quali esprimono specificatamente il loro consenso ai senso e per gli effetti dell art c.c. 06 Utilizzo posto assegnato. Per accettazione Data Firma Allegato 1: Planimetria generale

5

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo ARTICOLO 1 GENERALITA Il presente Regolamento disciplina le modalità di assegnazione, i corrispettivi,

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA CLUB NAUTICO PESARO REGOLAMENTO PER GLI ORMEGGI E L UTILIZZAZIONE DEI SERVIZI DI BANCHINA Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO approvato con delibera consiliare n. 055 del 29.11.2011 articolo pagina ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA CIRCOLO AUTICO ASTO Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in asto (CH) GRUPPO SPORTIO C DIPORTISTI AUTICI DI PUTA PEA Regolamento Circolo autico asto Gruppo Sportivo C Diportisti autici Punta

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO Servizio Demanio ***** Tel.0974/908832 23 33 Fax 800 250797 Prot. n. 5913 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA PRESSO LE BANCHINE, PONTILI E SPECCHI ACQUEI COMUNALI

Dettagli

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Art. 1 (Definizione) Il Comune di Monte Argentario, concessionario dei posti di ormeggio in concessione demaniale marittima, gestisce le strutture ed i servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Lega Navale Italiana Sezione di Grado REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Il presente regolamento, redatto a seguito delle varianti al Regolamento allo Statuto approvate dal Consiglio Direttivo Nazionale

Dettagli

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica Regolamento Ormeggi in Acque Sociali 1 INDICE REGOLAMENTO ORMEGGI IN ACQUE SOCIALI...3 Parte 1 POSTI BARCA...3

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLA CONCESSIONE DI SPECCHIO ACQUEO PER LA REALIZZAZIONE, L USO E GESTIONE DI ORMEGGI LUNGO IL CANALE MORERI PROSPICIENTE VALLE COVE

Dettagli

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO INTERNO PER L USO DEI POSTI D ORMEGGIO DELLA BASE NAUTICA www.leganavalestabia.it La normativa che segue regola la gestione dei posti di ormeggio presso la

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TERRITORIO E AMBIENTE Visto il regolamento Comunale del Demanio per la

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280)

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) PROT.N. 1248/2012 li 22.03.2012 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NEL PORTO COMUNALE E SULLA RIVA GRANDE SCADENZA

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

Bando di Manifestazione velica

Bando di Manifestazione velica REGATA D ALTURA MINI-GIRAGLIA 8 9 10 Maggio 2015 Bando di Manifestazione velica A) IL COMITATO ORGANIZZATORE E LA LEGA NAVALE ITALIANA DELEGAZIONE DI CAPRAIA ISOLA La Lega Navale Italiana delegazione di

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEGLI ORMEGGI

ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEGLI ORMEGGI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI NEGLI SPECCHI D ACQUA DEL DEMANIO MARITTIMO IN REGIME DI CONCESSIONE AL COMUNE (FRAZIONI DI PORTO VENERE, LE GRAZIE E FEZZANO). ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

CONTRATTO DI ORMEGGIO TEMPORANEO. Indirizzo: CAP: Città: Prov.: Naz.: In proprio ovvero quale legale rappresentante della Società:

CONTRATTO DI ORMEGGIO TEMPORANEO. Indirizzo: CAP: Città: Prov.: Naz.: In proprio ovvero quale legale rappresentante della Società: CONTRATTO DI ORMEGGIO TEMPORANEO Nome e Cognome: Indirizzo: CAP: Città: Prov.: Naz.: In proprio ovvero quale legale rappresentante della Società: Indirizzo: CAP: Città: Prov.: Naz.: Codice fiscale: Partita

Dettagli

AZIMUT SALERNO SOCIETA COOPERATIVA R E G O L A M E N T O

AZIMUT SALERNO SOCIETA COOPERATIVA R E G O L A M E N T O AZIMUT SALERNO SOCIETA COOPERATIVA A)Norme generali R E G O L A M E N T O 1) Il presente regolamento e le relative norme si applicano ai soci della cooperativa Azimut i quali sono tenuti alla stretta osservanza

Dettagli

Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI

Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI (approvato con delibera C.C. n. 13 del 16/3/2010) (modificato con delibera C.C. n. 96 del22/12/2010) (modificato con delibera C.C. n. 86 del 15/12/2012) Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PORTICCIOLO E ZONE ANNESSE Dal 22/11/2009 CAP. I GENERALITA CAP. II ORMEGGI POSTI A TERRA

REGOLAMENTO PORTICCIOLO E ZONE ANNESSE Dal 22/11/2009 CAP. I GENERALITA CAP. II ORMEGGI POSTI A TERRA REGOLAMENTO PORTICCIOLO E ZONE ANNESSE Dal 22/11/2009 CAP. I GENERALITA Art. 1 DEFINIZIONI L area PORTICCIOLO è definita da: Porto Area di parcheggio a terra delle unità da diporto (barche, gommoni, barche

Dettagli

COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO

COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE, L'USO E LA GESTIONE DEL PORTO DI PESCAROLA Modificato con delibera di C. C. n 3 del 18/2/2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI OYACE 1 2 Art. 1 Oggetto....3 Art. 2. Divieti ed obblighi....3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI Comune di Desenzano del Garda PROVINCIA DI BRESCIA Settore Ecologia REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI Approvato con deliberazione di C.C. n.. del..

Dettagli

CONTRATTO DI ADESIONE PER LA CONCESSIONE DI UN POSTO AUTO IN ABBONAMENTO TIPOLOGIA ORDINARIO ALL INTERNO DEL PARK COSTA - VENEZIA TRA

CONTRATTO DI ADESIONE PER LA CONCESSIONE DI UN POSTO AUTO IN ABBONAMENTO TIPOLOGIA ORDINARIO ALL INTERNO DEL PARK COSTA - VENEZIA TRA allegato a CONTRATTO DI ADESIONE PER LA CONCESSIONE DI UN POSTO AUTO IN ABBONAMENTO TIPOLOGIA ORDINARIO ALL INTERNO DEL PARK COSTA - VENEZIA TRA Azienda Veneziana della Mobilità S.p.A., con socio unico

Dettagli

COMUNE DI PONTE TRESA. Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa

COMUNE DI PONTE TRESA. Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa COMUNE DI PONTE TRESA Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa INDICE DEGLI ARTICOLI Pag. CAPITOLO I : SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Art. 1 Scopo 2 Art. 2 Applicazione 2 CAPITOLO II

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUEI E DEMANIALI NEI PORTI ED APPRODI

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUEI E DEMANIALI NEI PORTI ED APPRODI Allegato allo schema di convenzione tra la Regione Lombardia ed il Comune di Campione d Italia per la gestione delle strutture portuali e d approdo nel territorio comunale, di cui alla deliberazione Commissario

Dettagli

CONTRATTO COLLABORAZIONE AMMINISTRATIVO-GESTIONALE. Tra

CONTRATTO COLLABORAZIONE AMMINISTRATIVO-GESTIONALE. Tra CONTRATTO COLLABORAZIONE AMMINISTRATIVO-GESTIONALE Tra La associazione associazione dilettantistica, con sede in, Via,n., nella persona del suo legale rappresentante che agisce nel presente accordo in

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA La Società Yacht Club Tevere srl con sede legale in Fiumicino (RM) Via Costalunga n. 21-31 titolare dell atto di concessione per la costruzione e gestione del

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro

Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro Art. 1 Il sodalizio Club Nautico Marechiaro che lo si voglia liberamente intendere come unione tra amici e/o semplici cointeressati all attracco delle propria

Dettagli

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale 27/09/2004, n. 33 Modificato: con deliberazione di Consiglio Comunale 28/04/2014, n. 40 (modifiche art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO

REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO Art. 1 - Categorie delle unità da diporto 1.1 - Le unità da diporto, ai fini della applicazione del presente Regolamento,

Dettagli

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO Approvato nella seduta del 3 marzo 2010 del Consiglio Direttivo dello YACHT CLUB LIVORNO 1 TITOLO I DEI SOCI Art. 1.1 Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009

REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009 REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009 ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dell'uso degli impianti di catenaria, dei moli,

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47613/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO DI EDIFICI AD USO RESIDENZIALE. Finalità Il Comune di Conegliano

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI AREZZO DENOMINATO ARBIKE

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI AREZZO DENOMINATO ARBIKE ATAM SpA Loc. Case Nuove di Ceciliano, 49/5 Arezzo Tel. 0575/984520-984534 fax 0575/381012 www.atamarezzo.it atam@atamarezzo.it assistenza amministrativa: 800381730 assistenza tecnica: 335 7600743 sito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike Il presente contratto stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio di Bike Sharing (bici condivisa) denominato

Dettagli

L E G A N A V A L E I T A L I A N A

L E G A N A V A L E I T A L I A N A L E G A N A V A L E I T A L I A N A ENTE PUBBLICO SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SEZIONE DI VENEZIA REGOLAMENTO DELLA BASE NAUTICA Approvato dall Assemblea dei soci del 24 marzo

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - PRIVATI Nome Cognome indirizzo c.a.p. località C.F. Email Telefono

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DELLA ASSONAUTICA PROVINCIALE DI ANCONA

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DELLA ASSONAUTICA PROVINCIALE DI ANCONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA DELLA ASSONAUTICA PROVINCIALE DI ANCONA GARA DI PESCA D ALTURA ANCONA 15 ottobre 2006 ripetizione 5 TROFEO ASSONAUTICA PESCA D ALTURA COMITATO ORGANIZZATORE BIAGINI

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO DI ANZIO

REALIZZAZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO DI ANZIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO DI ANZIO FOGLIO INFORMATIVO PER LA PRENOTAZIONE E LA VENDITA DEI DIRITTI DI ORMEGGIO A LUNGO TERMINE DEI POSTI BARCA Dopo la definitiva conclusione della procedura

Dettagli

ALLEGATO 1) REGOLAMENTO DI ESERCIZIO E DI USO DELL APPRODO DI RIO MARINA

ALLEGATO 1) REGOLAMENTO DI ESERCIZIO E DI USO DELL APPRODO DI RIO MARINA ALLEGATO 1) REGOLAMENTO DI ESERCIZIO E DI USO DELL APPRODO DI RIO MARINA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 dell 11 febbraio 2005 Modificato con Deliberazione C.C. n.44 del 30 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCHEGGIO COPERTO SITO IN LOCALITÀ PREIL DI PROPRIETÀ DEL

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCHEGGIO COPERTO SITO IN LOCALITÀ PREIL DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI ROISAN VALLE D AOSTA COMMUNE DE ROISAN VALLEE D AOSTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCHEGGIO COPERTO SITO IN LOCALITÀ PREIL DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI ROISAN Approvato con deliberazione di

Dettagli

Yacht Club Santo Stefano. Talamone 9, 10 Aprile 2016 - Classi IRC, ORC. www.trofeorealipresididispagna.it. con il Patrocinio di. Comune di Orbetello

Yacht Club Santo Stefano. Talamone 9, 10 Aprile 2016 - Classi IRC, ORC. www.trofeorealipresididispagna.it. con il Patrocinio di. Comune di Orbetello Bando di Regata prova valida per il 9, 10 Aprile 2016 - Classi IRC, ORC www.trofeorealipresididispagna.it con il Patrocinio di Comune di Orbetello Comune di Monte Argentario 10 TROFEO DEI REALI PRESIDI

Dettagli

Roma, 23 24 Ottobre 2011. Dott Marcello Cicchitti / Presidente BIVERBROKER

Roma, 23 24 Ottobre 2011. Dott Marcello Cicchitti / Presidente BIVERBROKER Avvio anno sociale 2011-2012 Roma, 23 24 Ottobre 2011 Dott Marcello Cicchitti / Presidente BIVERBROKER Convenzione Assicurativa della Responsabilità Civile Terzi 2 Convenzione US ACLI Vittoria Assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA DARSENA

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA DARSENA COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO COMUNALE DELLA DARSENA SOMMARIO DEFINIZIONI E PREMESSE NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Applicazione Art. 3 Modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI Articolo 1 La sezione della L.N.I. di Otranto dispone di diversi mezzi nautici elencati e registrati in apposito registro (art. 6 del Regolamento Gruppo Sportivo

Dettagli

CENTRO VELICO RIVIERAVENTO Associazione Sportiva Dilettantistica

CENTRO VELICO RIVIERAVENTO Associazione Sportiva Dilettantistica 1/ Regolamento generale per la partecipazione alle attività 1. Modalità di partecipazione Per partecipare alle attività del (CVRV) è necessario: essere in regola con la quota annuale di iscrizione (tessera)

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

Comune di Brembate. Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali

Comune di Brembate. Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali Comune di Brembate Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali Approvato con deliberazione di C.C. 22 del 05 aprile 2014 Articolo 1 - Destinazione degli impianti e loro fruibilità Gli impianti

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 -

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - Finalità Scopo del presente disciplinare è quello di regolamentare

Dettagli

COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona

COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona COMUNE DI LAZISE Provincia di Verona BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI-BARCA NEI PORTI DEL COMUNE DI LAZISE Viene indetto il presente bando per la formazione di una graduatoria per l assegnazione

Dettagli

CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO

CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO REP.N DEL CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO PER L'ASSEGNAZIONE PERMANENTE DI MEZZI E ATTREZZATURE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI ROVIGO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE IN ALBO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A.

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. TITOLO I - NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento ha per oggetto l esercizio e l uso dell approdo turistico, e dei

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI- BARCA NEI PORTI DEL COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA

BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI- BARCA NEI PORTI DEL COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di Verona Area Tecnica Lavori Pubblici www.comune.castelnuovodelgarda.vr.it tecnico@castelnuovodg.it TEL 045 6459920 FAX 045 6459921 Partita IVA 00667270235 Piazza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI ORMEGGI PRESENTI NELL AMP

AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI ORMEGGI PRESENTI NELL AMP AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI ORMEGGI PRESENTI NELL AMP CODICE IDENTIFICATIVO GARA CIG: Z4313170CB In esecuzione della determinazione dirigenziale n. 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PRESTITO E UTILIZZO DEGLI STRUMENTI MUSICALI DI PROPRIETÀ DEL CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LICINIO REFICE DI FROSINONE

REGOLAMENTO PER IL PRESTITO E UTILIZZO DEGLI STRUMENTI MUSICALI DI PROPRIETÀ DEL CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LICINIO REFICE DI FROSINONE Prot. n. 4489/A3 Frosinone, lì 18.06.2014 REGOLAMENTO PER IL PRESTITO E UTILIZZO DEGLI STRUMENTI MUSICALI DI PROPRIETÀ DEL CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LICINIO REFICE DI FROSINONE (D.P.R. 28.02.2003,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI ART. 1: Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l assegnazione degli appartamenti di proprietà Comunale destinati

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017)

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune

Dettagli

CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab.

CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab. Allegato A) CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab. B del D.P.R. 30/12/82 n. 955 a integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA

FEDERAZIONE ITALIANA VELA FEDERAZIONE ITALIANA VELA SCUOLE VELA NORMATIVA 2013 - SCUOLE FEDERALI DI VELA (ORGANIZZATE DA AFFILIATI ALLA FIV) - S.V.A. (SCUOLE DI VELA ORGANIZZATE DA ENTI ED ORGANI NON AFFILIATI ALLA FIV) 1 SCUOLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA F.LLI CALVI. TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA F.LLI CALVI. TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA F.LLI CALVI. TRA IL COMUNE DI CALOLZIOCORTE: - Sede legale: 23801 Calolziocorte (Lc), p.za V. Veneto n. 13 - Cod.Fisc.

Dettagli

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da diporto, di cui al decreto legislativo del 18 luglio 2005,

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

CITTA DI LERICI. Art.1 - OGGETTO

CITTA DI LERICI. Art.1 - OGGETTO CITTA DI LERICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI DELLE IMBARCAZIONI E DEI NATANTI PER L'ESERCIZIO E L'USO DELL'IMPIANTO DI CATENARIA, DEI MOLI, DELLA BANCHINA E DELLE ALTRE INFRASTRUTTURE COMUNALI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI QUART REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCHEGGIO

Dettagli

Regolamento d esercizio

Regolamento d esercizio Regolamento d esercizio Edizione 2011 INDICE 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Campo d applicazione...3 2. CATEGORIE DEI NATANTI E DEGLI ATTRACCHI...3 2.1. Categorie dei natanti...3

Dettagli

ASD Sistiana89 RILKE CUP 2015. Domenica 18 ottobre 2015 13 edizione Istruzioni di regata

ASD Sistiana89 RILKE CUP 2015. Domenica 18 ottobre 2015 13 edizione Istruzioni di regata ASD Diporto Nautico Sistiana Yacht Club PORTOPICCOLO ASD Sistiana89 Federazione Italiana Vela RILKE CUP 2015 Domenica 18 ottobre 2015 13 edizione Istruzioni di regata 1 - CIRCOLI ORGANIZZATORI ASD Diporto

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA Stampa Fisco: angolo quesiti agosto 2008 admin in Auto & Fisco, Modello UNICO, Unico 2008 QUESITO N. 1: Perdita Caparra La società Alfa srl ha costruito degli immobili ad uso abitativo su un terreno di

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna N.ro chiave consegnata N.ro P.G. del Competenza: URP Classificazione: 06.09 Codificazione: Bike14 SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE.

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. Approvata con Deliberazione del Direttore Generale n. 762 del 31.12.2010 pubblicata in data 10.01.2011. (Vers. 1.0) 1 Indice

Dettagli

TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI QUART REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCHEGGIO

Dettagli

Città di Portici Provincia di Napoli

Città di Portici Provincia di Napoli CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI OLII ESAUSTI DI ORIGINE DOMESTICA CLASSIFICATI CON IL C.E.R. 20.01.25 (OLI E GRASSI COMMESTIBILI) ART. 1 NATURA E OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola di Giannutri e ritorno ORARI 2011 Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola del Giglio e ritorno MAREGIGLIO Compagnia di Navigazione Via Umberto 1, 22 58013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO GRATUITO DI BICICLETTE MESSO A DISPOSIZIONE DEGLI STUDENTI, DEI DOCENTI E DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO E BIBLIOTECARIO

Dettagli

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano Cusio Ossola

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano Cusio Ossola CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI POSTI D ORMEGGIO DEI PORTI TURISTICI D INTERESSE COMUNALE SITI IN OMEGNA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 17 DEL 14.3.2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI Regolamento adottato in Consiglio Comunale n. 82 del 22/11/2007 1 Art. 1 GENERALITA Gli immobili

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO del MEGA YACHT PORT - Marina San Giusto.

REGOLAMENTO INTERNO del MEGA YACHT PORT - Marina San Giusto. REGOLAMENTO INTERNO del MEGA YACHT PORT - Marina San Giusto. Capitolo I: Disposizioni generali Articolo 1: Campo di applicazione Articolo 2: Amministrazione Articolo 3: Modalità di utilizzo degli impianti

Dettagli