COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO"

Transcript

1 COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE, L'USO E LA GESTIONE DEL PORTO DI PESCAROLA Modificato con delibera di C. C. n 3 del 18/2/2008

2 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina l'assegnazione e l'uso degli ormeggi ricavati nel porto per la nautica minore sito in località Pescarola su specchio acqueo del fiume Stella in concessione al Comune di Precenicco da utilizzare per diporto o la pesca sportiva. ARTICOLO 2 CARATTERISTICHE DEGLI ORMEGGI La struttura portuale di cui al precedente art. 1 comprende una banchina lungo la riva destra del fiume Stella per una ricettività massima di 65 imbarcazioni. Lungo la banchina sono collocati i cursori di ormeggio. ARTICOLO 3 CARATTERISTICHE DELLE IMBARCAZIONI L'approdo e l'ormeggio nel porto, disciplinato dal presente Regolamento, sarà consentito solamente ad imbarcazioni aventi le seguenti caratteristiche: a) lunghezza massima: mt. 7,50 b) imbarcazioni a motore cabinate e semicabinate c) imbarcazioni a motore con scafo aperto d) a vela cabinate e) a vela non cabinate f) a remi di qualsiasi tipo. ARTICOLO 4 CRITERI DI ASSEGNAZIONE L'assegnazione degli ormeggi nell'ambito del porto di Pescarola è riservata prioritariamente ai cittadini residenti nel Comune di Precenicco che siano proprietari di imbarcazioni aventi le caratteristiche di cui al precedente art. 3. Per i residenti saranno riservati almeno 25 posti, n. 4 posti saranno complessivamente riservati alle imbarcazioni di associazioni ambientalistiche collegate per i loro scopi sociali alla tutela e salvaguardia del fiume, alle forze dell'ordine e per imbarcazioni che necessitano di un attracco d'emergenza e n, 1 posto sarà riservato all'imbarcazione della squadra comunale di Protezione Civile. L'assegnazione sarà disposta in base ad una graduatoria per la cui valutazione si terrà conto dei requisiti previsti dal presente articolo e dal precedente art. 3, assegnando i punteggi come sotto specificato: PER I RESIDENTI: a) anzianità di residenza: ogni anno punti 5 b) anzianità di possesso dell'imbarcazione, per ogni anno punti 2 c) caratteristiche dell'imbarcazione, nei limiti di cui al precedente art. 3: - per imbarcazioni di cui alla lettera b) punti 1 - per imbarcazioni di cui alla lettera c) punti 3 - per imbarcazioni di cui alla lettera d) punti 5 - per imbarcazioni di cui alla lettera e) punti 5 - per imbarcazioni di cui alla lettera f) punti 10

3 PER I NON RESIDENTI: a) anzianità di possesso dell'imbarcazione, per ogni anno punti 5 b) caratteristiche dell'imbarcazione, nei limiti di cui al precedente art. 3: - per imbarcazioni di cui alla lettera b) punti 1 - per imbarcazioni di cui alla lettera c) punti 3 - per imbarcazioni di cui alla lettera d) punti 5 - per imbarcazioni di cui alla lettera e) punti 5 - per imbarcazioni di cui alla lettera f) punti 10 ARTICOLO 5 MODALITA' DI PRIMA ASSEGNAZIONE Per la prima assegnazione dell'ormeggio gli interessati, sia residenti che non residenti, dovranno presentare domanda all'amministrazione Comunale di Precenicco entro il termine del Le domande presentate oltre il predetto termine potranno essere esaminate ed accolte solo in caso di ulteriore disponibilità di ormeggi. Le domande stesse, da redigere su carta bollata da 14,62 dovranno essere corredate dalla seguente documentazione in carta semplice: a) dichiarazione attestante le caratteristiche dell'imbarcazione e copia del libretto di immatricolazione; b) dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il periodo di residenza nel Comune (per gli attuali residenti) o il proprio Comune di residenza nonchè di essere a conoscenza delle norme che regolano l'assegnazione e l'uso degli ormeggi stessi, con le relative responsabilità c) dichiarazione di obbligarsi al versamento annuale delle tariffe, come decise dall'amministrazione, entro il 28 febbraio di ciascun anno. Qualora dalla graduatoria definitiva di cui all'art.7, comma 4, risulti che le richieste di assegnazione di residenti a Precenicco siano inferiori ai posti messi a disposizione, i posti disponibili potranno essere assegnati ai non residenti fino al 30 settembre dell'anno successivo. Dopo tale data tali ormeggi verranno considerati disponibili e interessati alle assegnazioni successive ai sensi dell'art. 6 del presente regolamento. ARTICOLO 6 ASSEGNAZIONI SUCCESSIVE L'assegnazione viene automaticamente rinnovata di anno in anno se non si verificano i presupposti per la perdita dell'assegnazione stessa ai sensi del successivo art. 9. L'Amministrazione Comunale ogni anno entro il 30 settembre emetterà un avviso pubblico da affiggere all'albo pretorio per l'assegnazione degli ormeggi disponibili mantenendo II inalterata la destinazione complessiva di almeno 25 ormeggi per i residenti. Qualora i posti barca riservati ai residenti non siano stati esauriti, essi potranno essere assegnati in via temporanea ai cittadini non residenti che ne facciano richiesta. Posto che si rendesse necessario assegnare tali ormeggi a residenti, a partire dall'ultimo assegnatario non residente (fa fede la data di assunzione a protocollo della richiesta di assegnazione), é fatto obbligo di sgomberare il posto barca entro il 31 dicembre successivo all'ordine di sgombero. Gli assegnatari degli ormeggi di cui al comma precedente avranno priorità di accesso ai posti barca riservati ai non residenti di cui al comma primo che si rendessero disponibili.

4 ARTICOLO 7 ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE L'Ufficio di Polizia Comunale procederà all'istruttoria delle domande. Le domande con i punteggi a ciascuna attribuiti in via provvisoria verranno esaminate ed entro sette giorni dalla scadenza del termine per la loro presentazione, il Responsabile del Servizio, con propria determinazione, provvederà all'approvazione di una graduatoria provvisoria. La graduatoria così come approvata verrà affissa per sette giorni consecutivi all'albo pretorio del Comune. Entro sette giorni dalla scadenza del periodo di pubblicazione di cui al precedente comma gli interessati potranno presentare opposizione in carta semplice alla graduatoria provvisoria e alla determina del Responsabile del Servizio. Il Responsabile del Servizio, esaminate le opposizioni, formulerà la graduatoria definitiva. ARTICOLO 8 ASSEGNAZIONI E LORO GESTIONE L'assegnazione degli ormeggi viene fatta nello stato e grado delle sue attrezzature e dotazioni quali indicate al precedente art. 2. Dell'avvenuta presa in carico dell'ormeggio verrà redatto apposito verbale da parte dell'ufficio di Polizia Comunale alla presenza dell'assegnatario. L'Ufficio di Polizia Comunale predisporrà apposito registro delle assegnazioni contenente i dati identificativi degli assegnatari, delle imbarcazioni e l'evidenza dei versamenti dei canoni annuali. L'Ufficio terrà costantemente aggiornata la planimetria del porto con evidenziate ciascuna assegnazione. ARTICOLO 9 PERDITA DELL'ASSEGNAZIONE Oltre ai casi previsti dai successivi artt. 12 e 13, l'assegnazione dell'ormeggio verrà revocata con atto sindacale qualora l'assegnatario dopo essere stato invitato dal Responsabile del Servizio a regolarizzare la propria posizione debitoria non abbia versato entro il 30 aprile di ciascun anno il canone maggiorato delle sanzioni previste dal successivo art. 15. L'invito alla regolarizzazione verrà predisposto dall'ufficio di Polizia Comunale. ARTICOLO 10 RESPONSABILITA' DEGLI ASSEGNATARI I singoli assegnatari con l'accettazione dell'assegnazione, si intendono taciti ed incondizionati assuntori - con il più ampio sollievo dell'amministrazione Comunale al riguardo - di ogni responsabilità derivante da eventuali carenze degli ormeggi, sia di natura strutturale, sia di carattere protettivo dagli agenti atmosferici, quanto per ogni inconveniente o danno derivante da carenza di sorveglianza. Ciascun assegnatario sarà tenuto a rispondere di ogni danno prodotto, per sua causa od incuria, alle attrezzature portuali ed a terzi. L'assegnatario è personalmente responsabile per infrazioni a Leggi o Regolamenti doganali, amministrativi e di Polizia vigenti in materia.

5 ARTICOLO 11 ONERI ED OBBLIGHI DEGLI UTENTI Gli assegnatari di ormeggi dovranno: a) essere costantemente in regola con tutte le norme che disciplinano la detenzione e l'uso delle imbarcazioni e della navigazione; b) utilizzare correttamente l'ormeggio assegnato in modo da evitare danni alle attrezzature ed a terzi; c) versare, alla scadenza prefissata, l'importo corrispondente al canone d'uso annuo; d) evitare lo spargimento e la fuoriuscita di olii e carburante nello specchio acqueo e nelle aree pubbliche; e) aerare il vano motore prima dell'accensione; f) controllare la perfetta efficienza degli impianti ed attrezzature di bordo prima di iniziare la manovra; L'inutilizzo non dà comunque diritto a riduzione del canone d'uso annuo. E' tassativamente vietato: 1) cedere ad altri, anche temporaneamente, l'ormeggio assegnato; 2) approdare a velocità superiore a 3 nodi; 3) gettare rifiuti solidi o liquidi nello specchio acqueo; 4) scambiare l'ormeggio assegnato senza il preventivo assenso dell'amministrazione Comunale; 5) l'ingombro di pontili, marciapiedi, banchine, aree di sosta e parcheggio con materiali ed attrezzature di qualsiasi natura; 6) qualunque attività o comportamento che possa arrecare danno alle strutture od a terzi, o disturbo all'uso collettivo del porto, al decoro ed alla quiete pubblica. ARTICOLO 12 CAMBIO DI PROPRIETA DELL'IMBARCAZIONE In caso di vendita dell'imbarcazione per la quale era stato assegnato l'ormeggio ed ove non venga autorizzato l'ormeggio di altra imbarcazione di proprietà del concessionario entro tre mesi dalla data in cui è avvenuta la cessione di proprietà dell'imbarcazione, la concessione si intenderà decaduta ed il posto di ormeggio dovrà essere ridotto al pristino stato.- L'assegnatario non può cedere in nessun caso diritti di sorta sulla concessione dell'ormeggio, nè l'acquirente di qualsiasi quota parte dell'imbarcazione può far valere diritto di subingresso o contitolarità nella concessione dell'ormeggio. Fa eccezione il solo caso di trasferimento ereditario dell'imbarcazione o la sua cessione a parenti fino al 2 grado, purché l'erede od il parente presenti documentata istanza di sub-ingresso entro tre mesi dal verificarsi delle condizioni su indicate. ARTICOLO 13 RIMOZIONI DI IMBARCAZIONI Qualora, per abusi od inosservanza in genere, venga emessa ingiunzione di sgombero dell'imbarcazione, la stessa dovrà essere rimossa dall'ormeggio entro il termine prefissato nell'ingiunzione stessa. In caso di inottemperanza si provvederà d'ufficio con il recupero delle spese nei confronti del responsabile. La rimozione d'ufficio avverrà altresì senza preavviso qualora non fosse possibile notificare al contravventore la ingiunzione di sgombero o qualora l'imbarcazione abusivamente ormeggiata rappresenti pericolo di danno per le altre imbarcazioni, per le attrezzature ed impianti di ormeggio o costituisca comunque pregiudizio al corretto e libero uso del porticciolo.

6 Le imbarcazioni rimosse d'ufficio saranno rimessate a spese del responsabile e, qualora necessario, sarà attuata la procedura prevista dal Codice della Navigazione per il caso di ritrovamento (art. 510 e seguenti). ARTICOLO 14 INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA L'Amministrazione Comunale, previo accertamento delle carenze segnalate, provvede: a) alla manutenzione straordinaria delle strutture ed impianti di ormeggio; b) alla eventuale realizzazione di nuovi impianti a servizio della nautica. ARTICOLO 15 SANZIONI Ferma restando la responsabilità penale e civile degli assegnatari di ormeggio per qualsiasi azione loro attribuibile, ogni comportamento contrario alle norme del presente Regolamento ed al corretto uso collettivo delle strutture portuali, potrà comportare la sospensione - per un periodo massimo di mesi 3 - nell'uso dell'ormeggio assegnato. La sospensione - che sarà disposta con provvedimento ordinatorio del Responsabile del Servizio sentita la Giunta Comunale - non dà diritto a riduzione dell'importo tariffario dovuto nell'anno. Nei casi più gravi sarà disposta, con atto del Responsabile del Servizio sentita la Giunta Comunale, la revoca della assegnazione dell'ormeggio. La revoca sarà senz'altro disposta nei confronti di coloro che trasferiscono ad altri l'ormeggio loro assegnato o ne abbiano ottenuta l'assegnazione in base a falsa documentazione, fatti salvi e provvedimenti penali. Qualora il versamento del canone d'uso venga effettuato in ritardo sarà applicata una sanzione pari al 10% per un ritardo massimo fino a 30 giorni e una sanzione pari al 50% oltre i 30 giorni. Il mancato versamento entro il 30 aprile di ciascun anno comporterà la perdita dell'assegnazione come previsto dal precedente art. 9. Si richiamano infine tutte le disposizioni previste in materia dal Codice della Navigazione. ARTICOLO 16 CANONI D'USO Per l'utilizzo degli ormeggi gli assegnatari dovranno versare annualmente un canone d'uso, esclusi gli ormeggi concessi alle associazioni ambientalistiche, alle forze dell'ordine e alla squadra comunale di Protezione Civile nei limiti numerici massimi stabiliti dal precedente art. 4.. L'importo del canone per ciascun anno viene determinato dalla Giunta Comunale entro il mese di ottobre dell'anno precedente sulla base delle sotto elencate classi di imbarcazioni: a) per imbarcazioni a motore di tipo cabinato o semicabinato b) per imbarcazioni a motore con scafo aperto c) per imbarcazioni a vela cabinate d) per imbarcazioni a vela non cabinate e) per imbarcazioni a remi Il canone annuo non è frazionabile in giorni o in mesi, ma deve essere pagato per l'intero anno.

7 Con delibera di Giunta Comunale n 144 del , vengono fissati i nuovi importi dei canoni per l ormeggio dei natanti presso il Porto di Pescarola a decorrere dal come segue: Canoni per i residenti: a) per imbarcazioni a motore, entro o fuoribordo, di tipo cabinato euro 350,00 + iva = 420,00 euro b) per imbarcazioni fuoribordo euro 217,50 + iva = 261,00 euro c) per imbarcazioni a vela cabinate euro 350,00 + iva= 420,00 euro d) per imbarcazioni a vela non cabinate euro 217,50 + iva= 261,00 euro e) per imbarcazioni a remi euro 78,75 + iva = 94,50 euro Canoni per i non residenti a) per imbarcazioni a motore, entro o fuoribordo, di tipo cabinato euro 472,50 + iva = 567,00 euro b) per imbarcazioni fuoribordo euro 293,75 + iva = 352,50 euro c) per imbarcazioni a vela cabinate euro 472,50 + iva = 567,00 euro d) per imbarcazioni a vela non cabinate euro 293,75 + iva = 352,50 euro e) per imbarcazioni a remi euro 106,25 + iva = 127,50 euro ARTICOLO 17 NORME GENERALI Per quanto non espressamente indicate nel presente Regolamento si fa richiamo a tutte le norme che disciplinano la materia.- ARTICOLO 18 VALIDITA' DEL REGOLAMENTO L'entrata in vigore del presente regolamento è subordinata alla concessione da parte della Regione delle opere di banchinamento denominate "Porto di Pescarola" eccetto le disposizioni dell'art.5 che entrano in vigore dall'avvenuta eseguibilità della deliberazione di approvazione del presente regolamento. ARTICOLO 19 SPESE CONTRATTUALI Tutte le spese relative alla formalizzazione degli atti di assegnazione e quelle ad essi attinenti e conseguenti sono a carico degli assegnatari. Il presente regolamento è stato approvato con delibera di C.C. n. 20 del ravvisata legittima dal CORECO in data prot. n Successivamente modificato con delibere di C.C. n. 36 del , delibera di GC n 144 dd e di C.C. n 3 del 18/2/2008.

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLA CONCESSIONE DI SPECCHIO ACQUEO PER LA REALIZZAZIONE, L USO E GESTIONE DI ORMEGGI LUNGO IL CANALE MORERI PROSPICIENTE VALLE COVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO approvato con delibera consiliare n. 055 del 29.11.2011 articolo pagina ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO Servizio Demanio ***** Tel.0974/908832 23 33 Fax 800 250797 Prot. n. 5913 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA PRESSO LE BANCHINE, PONTILI E SPECCHI ACQUEI COMUNALI

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TERRITORIO E AMBIENTE Visto il regolamento Comunale del Demanio per la

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale 27/09/2004, n. 33 Modificato: con deliberazione di Consiglio Comunale 28/04/2014, n. 40 (modifiche art.

Dettagli

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280)

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) PROT.N. 1248/2012 li 22.03.2012 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NEL PORTO COMUNALE E SULLA RIVA GRANDE SCADENZA

Dettagli

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 46 Del 15-10-13 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO - AP= PROVAZIONE L'anno

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari

COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari Prot.1293/2015 Olmedo, li 26.02.2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CAPPELLE FUNERARIE E TOMBE A TERRA NEL CIMITERO DI OLMEDO In attuazione della deliberazione della

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Approvato con delibera C.C. n. 23 del 16 ottobre 2013 1 Art. 1 Oggetto 1. Il cinema

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUEI E DEMANIALI NEI PORTI ED APPRODI

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUEI E DEMANIALI NEI PORTI ED APPRODI Allegato allo schema di convenzione tra la Regione Lombardia ed il Comune di Campione d Italia per la gestione delle strutture portuali e d approdo nel territorio comunale, di cui alla deliberazione Commissario

Dettagli

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA CIRCOLO AUTICO ASTO Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in asto (CH) GRUPPO SPORTIO C DIPORTISTI AUTICI DI PUTA PEA Regolamento Circolo autico asto Gruppo Sportivo C Diportisti autici Punta

Dettagli

COMUNE DI TRESANA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE

COMUNE DI TRESANA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI TRESANA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 62 del 19.12.2014 INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare

Dettagli

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Art. 1 (Definizione) Il Comune di Monte Argentario, concessionario dei posti di ormeggio in concessione demaniale marittima, gestisce le strutture ed i servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI

REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO DELL ASSEGNAZIONE DI SPAZI PRESSO I CIMITERI IN OCCASIONE DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI PER RACCOLTA FONDI Approvato con deliberazione C.C. n. 171 del 10.11.2008, esecutiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE PER TOMBE DI FAMIGLIA

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE PER TOMBE DI FAMIGLIA COMUNE DI BUDDUSO Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI DI AREE PER TOMBE DI FAMIGLIA nuovo cimitero Gesù Risorto TESTO COORDINATO - approvato con Deliberazione Consiliare n. 6 del 31.01.2013;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE DETERMINAZIONI

REGOLAMENTO DELLE DETERMINAZIONI REGOLAMENTO DELLE DETERMINAZIONI (Approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 30.01.1997 e successivamente modificato con atto di Assemblea n. 9 del 22.04.11) Art. l Definizione La determinazione è

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria

Dettagli

Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona

Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE CIMITERIALI PER LA REALIZZAZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA Approvato con Delibera C.C. n. del REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE CIMITERIALI PER LA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica Regolamento Ormeggi in Acque Sociali 1 INDICE REGOLAMENTO ORMEGGI IN ACQUE SOCIALI...3 Parte 1 POSTI BARCA...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE. COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AREE DISPONIBILI PER LA INSTALLAZIONE DEI CIRCHI E DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE. INDICE SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS CONCESSIONE IN USO LOCALI E ATTREZZATURE DI PROPRIETÀ' DEL COMUNE DISCIPLINARE

COMUNE DI PORTOSCUSO PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS CONCESSIONE IN USO LOCALI E ATTREZZATURE DI PROPRIETÀ' DEL COMUNE DISCIPLINARE COMUNE DI PORTOSCUSO PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS CONCESSIONE IN USO LOCALI E ATTREZZATURE DI PROPRIETÀ' DEL COMUNE DISCIPLINARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 28.09.2012

Dettagli

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA CLUB NAUTICO PESARO REGOLAMENTO PER GLI ORMEGGI E L UTILIZZAZIONE DEI SERVIZI DI BANCHINA Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 28.06.2007 e successivamente modificato con delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI Comune di Desenzano del Garda PROVINCIA DI BRESCIA Settore Ecologia REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI Approvato con deliberazione di C.C. n.. del..

Dettagli

Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro

Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro Art. 1 Il sodalizio Club Nautico Marechiaro che lo si voglia liberamente intendere come unione tra amici e/o semplici cointeressati all attracco delle propria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI ISOLA D'ASTI Provincia di Asti P.zza Merlino, 1 - C.a.p. 14057 - Tel. 0141-958134 Fax 0141-958866 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO per l individuazione dei soggetti aventi accesso e priorità per l acquisto o la locazione degli immobili di edilizia convenzionata. Artt. 17 e 18 del D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE

COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE ART. 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE

CRITERI DI ASSEGNAZIONE Allegato 2) CRITERI DI ASSEGNAZIONE Art. 1 - Oggetto Oggetto dell'assegnazione di cui al presente bando sono nr. 24 tombe di famiglia, ricavate all'interno della Galleria nr. 8 del Cimitero II del Capoluogo

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009

REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009 REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009 ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dell'uso degli impianti di catenaria, dei moli,

Dettagli

COMUNE DI PORTO AZZURRO Provincia di Livorno

COMUNE DI PORTO AZZURRO Provincia di Livorno COMUNE DI PORTO AZZURRO Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ORMEGGI AI RESIDENTI DEL COMUNE DI PORTO AZZURRO E NORME DI COMPORTAMENTO (Approvato con Delibera n. 77 del 17.12.2012)

Dettagli

ALLEGATO 1) REGOLAMENTO DI ESERCIZIO E DI USO DELL APPRODO DI RIO MARINA

ALLEGATO 1) REGOLAMENTO DI ESERCIZIO E DI USO DELL APPRODO DI RIO MARINA ALLEGATO 1) REGOLAMENTO DI ESERCIZIO E DI USO DELL APPRODO DI RIO MARINA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 dell 11 febbraio 2005 Modificato con Deliberazione C.C. n.44 del 30 novembre

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ Art. 1 - Finalità e ambito della mobilità La mobilità degli assegnatari negli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

01avviso. 1 - Requisiti specifici di ammissione:

01avviso. 1 - Requisiti specifici di ammissione: 01avviso AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO LIBERO PROFESSIONALE DI FARMACISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: NUOVO SISTEMA INFORMATIVO AIFA E ADEMPIMENTI RELATIVI AI REGISTRI. Si

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE (Art. 12 Legge n. 241/90) Approvato con delibera del

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEGLI ORMEGGI

ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEGLI ORMEGGI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI NEGLI SPECCHI D ACQUA DEL DEMANIO MARITTIMO IN REGIME DI CONCESSIONE AL COMUNE (FRAZIONI DI PORTO VENERE, LE GRAZIE E FEZZANO). ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI 2 ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Possono essere concesse in uso le sale civiche site nel Capoluogo e nelle frazioni alle condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI ISCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI ISCHIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI ISCHIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Presupposto dell'imposta Art. 3 - Soggetto attivo Art. 4 - Soggetto passivo Art. 5

Dettagli

Provincia di Prato. Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi

Provincia di Prato. Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi Provincia di Prato Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi Testo approvato con Deliberazione C.P. n. 71 del 14/12/2011 INDICE: Art. 1 - Tipologia dei beni immobili concedibili

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA)

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 01 del 13.02.2012 e successiva

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFIORITO

COMUNE DI CAMPOFIORITO COMUNE DI CAMPOFIORITO PROVINCIA DI PALERMO ****************** BANDO GENERALE DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI COSTRUITI NEL COMUNE DI CAMPOFIORITO In esecuzione della deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r.

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r. COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r. 24/01) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 44 del 27 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Comune di Ponte dell Olio

Comune di Ponte dell Olio Comune di Ponte dell Olio AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIARIA PUBBLICA. Prot. n. 10300 del 26/10/2010 (L.R. 24/01 Regolamento comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI-PONTILE PER PERSONE CON DISABILITA NELLA ZONA DENOMINATA DESTRA MINCIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI-PONTILE PER PERSONE CON DISABILITA NELLA ZONA DENOMINATA DESTRA MINCIO COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte c.a.p. 37019 - P.le Betteloni 3 - tel. 0456400600 fax 0457552901 Sito internet www.peschieradelgarda.org PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI

Dettagli

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Allegato alla Delibera C.C. n. 125 del 15.12.1994 NOTE: Il presente Regolamento

Dettagli

Determinazione Dirigenziale n. 222 del 10/02/2015. Centro di responsabilità' 071 Centro di Costo 0095 Pratica n. 3408093 del 10/02/2015

Determinazione Dirigenziale n. 222 del 10/02/2015. Centro di responsabilità' 071 Centro di Costo 0095 Pratica n. 3408093 del 10/02/2015 Determinazione Dirigenziale n. 222 del 10/02/2015 Centro di responsabilità' 071 Centro di Costo 0095 Pratica n. 3408093 del 10/02/2015 OGGETTO:AVVISI PUBBLICI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 POSTEGGI RISERVATI

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI

NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI COMUNE DI MODENA NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 20.11.1997 - delibera n. 192 IN VIGORE DAL 27.11.1997

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli

COMUNE DI BELLAGIO http://www.comune.bellagio.co.it

COMUNE DI BELLAGIO http://www.comune.bellagio.co.it REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI BELLAGIO http://www.comune.bellagio.co.it +39031950815 +39031950513 Via Giuseppe Garibaldi, n. 1 22021 BELLAGIO (Como) Italia PER LA VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE

Dettagli

COMUNE DI PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO

COMUNE DI PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNE DI PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER L'INSTALLAZIONE DEI CIRCHI, DELLE ATTIVITÀ DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO (Legge 17/03/1968 n.

Dettagli

COMUNE DI CHIVASSO. Provincia di Torino. Disciplinare per l uso delle palestre scolastiche da parte di Gruppi e Associazioni

COMUNE DI CHIVASSO. Provincia di Torino. Disciplinare per l uso delle palestre scolastiche da parte di Gruppi e Associazioni COMUNE DI CHIVASSO Provincia di Torino Disciplinare per l uso delle palestre scolastiche da parte di Gruppi e Associazioni Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 213 del 18/12/2009 ART. 1 Il

Dettagli

Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI

Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI (approvato con delibera C.C. n. 13 del 16/3/2010) (modificato con delibera C.C. n. 96 del22/12/2010) (modificato con delibera C.C. n. 86 del 15/12/2012) Art.

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SENIGALLIA PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI SENIGALLIA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AD ASSOCIAZIONI SENZA SCOPO DI LUCRO DI BENI IMMOBILI PER IL CONSEGUIMENTO DEI PROPRI SCOPI STATUTARI INDICE Articolo 1 - Scopi del

Dettagli

CITTA DI LERICI. Art.1 - OGGETTO

CITTA DI LERICI. Art.1 - OGGETTO CITTA DI LERICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI DELLE IMBARCAZIONI E DEI NATANTI PER L'ESERCIZIO E L'USO DELL'IMPIANTO DI CATENARIA, DEI MOLI, DELLA BANCHINA E DELLE ALTRE INFRASTRUTTURE COMUNALI

Dettagli

f) di allegare alla presente domanda la seguente documentazione:

f) di allegare alla presente domanda la seguente documentazione: Marca bollo 16,00 MODULO OBBLIGATORIO PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Allegato A 1 (da compilare per il porto Isola Bella) PIAZZA MATTEOTTI, 6 28838 STRESA (VB) Oggetto: RICHIESTA PARTECIPAZIONE

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992)

ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992) ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992) aggiornata con RM del 10.07.95 aggiornata con RM del 03.06.96 aggiornata con RM del 28.01/4.02/22.04/21.05/1.07.2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI Approvato con delibera di consiglio del Commissario Straordinario n. 17 del 18.03.2004 1 INDICE Art. 1 - Contenuto del Regolamento. Art. 2 - Definizione di passo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL PLANETARIO DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL PLANETARIO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL PLANETARIO DI RAVENNA CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 La Sala conferenze del Planetario di Ravenna ivi ubicata al viale Santi Baldini

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo ARTICOLO 1 GENERALITA Il presente Regolamento disciplina le modalità di assegnazione, i corrispettivi,

Dettagli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI COSTRUENDI ALLOGGI DI E.R.P. (N. 22) SOSTITUTIVI DEGLI ALLOGGI PROVVISORI POST SISMA 80 E PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI DI CUI AL DECRETO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE PUBBLICHE ************** - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 04.06.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE PUBBLICHE ************** - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 04.06. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE PUBBLICHE ************** - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 04.06.2003, - Pubblicato all Albo Pretorio Comunale dal 21.07.2003 al

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE SPORTIVO DI ALBIANO

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE SPORTIVO DI ALBIANO COMUNE DI ALBIANO REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE SPORTIVO DI ALBIANO Approvato con deliberazione consiliare del 16/07/2003, n. 36, modificato con successiva deliberazione 5/8/2004, n.

Dettagli

COMUNE DI MONTE DI PROCIDA

COMUNE DI MONTE DI PROCIDA COMUNE DI MONTE DI PROCIDA Provincia di Napoli REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CONCESSIONE DEL PORTO DI ACQUAMORTA Approvato con Delibera di C.C. n 34 del 5.11.2009 1/16 PREMESSA Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA' DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

COMUNE DI CASOLA DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI CASOLA DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI CASOLA DI PROVINCIA DI Un piccolo Comune, un grande progetto COPIA Registro Generale n. AREA AMMINISTRATIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. 5 DEL 21-01-2010 L anno duemiladieci, il giorno

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme

Comune di Castel San Pietro Terme Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER ASSEGNAZIONE E USO DI GARAGE E POSTI AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE (approvato con Delibera C.C. n. 27 del 23/02/2007) ART. 1 FINALITÀ

Dettagli

Comune di Tortorici (Provincia di Messina)

Comune di Tortorici (Provincia di Messina) 1. PREMESSE Comune di Tortorici (Provincia di Messina) SETTORE 3 TECNICO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI DI NUOVA COSTRUZIONE - PREVENDITA L'Amministrazione comunale intende completare

Dettagli

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO INTERNO PER L USO DEI POSTI D ORMEGGIO DELLA BASE NAUTICA www.leganavalestabia.it La normativa che segue regola la gestione dei posti di ormeggio presso la

Dettagli

Settore Servizi alla Persona

Settore Servizi alla Persona BANDO DI CONCORSO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DEGLI ASPIRANTI ALL ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA SOVVENZIONATA NEL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO IL DIRIGENTE SETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA C.A.P. 37019 - P.le Betteloni - tel. 045-6400600 fax 045-7552901

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA C.A.P. 37019 - P.le Betteloni - tel. 045-6400600 fax 045-7552901 COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA C.A.P. 37019 - P.le Betteloni - tel. 045-6400600 fax 045-7552901 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NELLA ZONA PORTUALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Comune di Gargnano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 4 marzo

Dettagli

(Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.10 dell 11 aprile 2000) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n.07 del 12 gennaio 2012)

(Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.10 dell 11 aprile 2000) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n.07 del 12 gennaio 2012) REGOLAMENTO PER L'USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI, SOCIO - CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.10 dell 11 aprile 2000) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI BRUNATE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO IN CONCESSIONE DI PROPRIETA COMUNALE 1

COMUNE DI BRUNATE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO IN CONCESSIONE DI PROPRIETA COMUNALE 1 COMUNE DI BRUNATE Provincia di Como Tel. 031/220.301 Telefax 031/221.357 Cod. Fiscale 80010180133 Partita I.V.A. 00707370136 e-mail info@comune.brunate.co.it REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile A mente dell'art. 927 del C.C., chiunque ritrova una cosa mobile nel territorio del Comune deve restituirla al proprietario.

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI Allegato A COMUNE DI FAENZA Assessorato alla Cultura SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI DISCIPLINARE D USO SERVIZIO CULTURA ART. 1 DESTINAZIONE D'USO 1. La Sala Conferenze, ubicata all

Dettagli

Art. 1 Destinazione d'uso della sala

Art. 1 Destinazione d'uso della sala REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D'USO DELLA "SALA CRESPI" Art. 1 Destinazione d'uso della sala La Sala Polivalente denominata Giovan Battista Crespi detto IL CERANO ("Sala Crespi ) situata in Piazza dei

Dettagli

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 In esecuzione della deliberazione di Consiglio

Dettagli

Prot. 15557 87023, Diamante, li 27/10/2014

Prot. 15557 87023, Diamante, li 27/10/2014 COMUNE DI DIAMANTE (Provincia di Cosenza) SETTORE URBANISTICA- DEMANIO - PATRIMONIO Via Pietro Mancini, 10-87023 Diamante (CS) - Telefono 0985/042347-042333-042348-042277- Fax 0985/81539 Posta certificata

Dettagli