REGOLAMENTO INTERNO del MEGA YACHT PORT - Marina San Giusto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERNO del MEGA YACHT PORT - Marina San Giusto."

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERNO del MEGA YACHT PORT - Marina San Giusto. Capitolo I: Disposizioni generali Articolo 1: Campo di applicazione Articolo 2: Amministrazione Articolo 3: Modalità di utilizzo degli impianti portuali e assegnazione dell ormeggio Articolo 4: Pubblicità Articolo 5: Divieti Capitolo II: Procedure per le unità richiedenti un ormeggio Articolo 6: Ammissione delle unità nel porto Articolo 7: Dichiarazione di ingresso, uscita e pagamenti per le unità che fanno scalo Articolo 8:Condizioni generali di prenotazione Articolo 9: Occupazione dell ormeggio Articolo 10: Dichiarazione di assenza Articolo 11: Spostamento delle unità Articolo 12: Rimozione e spostamento d ufficio Articolo 13: Servizi portuali e manutenzione delle unità Articolo 14: Navigazione nel porto e canale di accesso Articolo 15: Movimento delle unità nel porto Articolo 16: Ancoraggio e sollevamento ancore Articolo 17: Ormeggio Articolo 18: Obblighi di buon vicinato Capitolo III: Sicurezza nel porto Articolo 19: Misure di emergenza Articolo 20: Rispetto e conservazione dei dispositivi di segnalazione Articolo 21: Igiene nel porto e prevenzione dell'inquinamento Articolo 22: Gestione merci ed attrezzature Articolo 23: Rifornimento carburante Articolo 24: Consegna del carburante Articolo 25: Norme di sicurezza sull'uso dell energia elettrica e dell'acqua Articolo 26: Prevenzione contro gli incendi Articolo 27: Allarmi sonori Articolo 28: Accesso delle persone e dei veicoli nelle aree del Mega Yacht Port. Articolo 29: Servizio sommozzatori professionali Capitolo IV: Responsabilità e trattamento delle violazioni del regolamento interno Articolo 30: Disposizioni generali relative alla responsabilità della SGSC. Articolo 31: Responsabilità civile e assicurazioni Articolo 32: Registro reclami Articolo 33: Sanzioni per le violazioni del presente regolamento interno Articolo 34: Legge applicabile e foro competente.

2 CAPITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1: Campo di applicazione 1,1. Il presente regolamento interno del MEGA YACHT PORT del Marina San Giusto ha lo scopo di fissare le regole per l'utilizzo delle strutture portuali e dei servizi messi a disposizione dalla SAN GIUSTO SEA CENTER S.P.A., d ora innanzi indicata come SGSC, concessionaria di un area demaniale marittima nel porto storico di Trieste dove gestisce un attracco protetto ed attrezzato per l accoglimento di yacht fino a 100 mt. di lunghezza d ora innanzi indicato con l appellativo di MYP. L attracco nella sua attuale realizzazione è rappresentato sulla planimetria schematica indicativa (Allegata sub A) con valore di larga massima. 1,2. Tutti gli Utenti, che a qualsiasi titolo utilizzino ormeggi, infrastrutture e banchine ricadenti nel MYP sono tenuti al rispetto scrupoloso delle norme del presente regolamento interno e si assumono la responsabilità per le conseguenze derivanti dalla propria negligenza e dal mancato rispetto delle disposizioni del presente regolamento. 1,3. L accesso nelle aree demaniali marittime del MYP presuppone l'utilizzo delle sue strutture portuali e l'utilizzo implica per ogni persona la conoscenza e l'accettazione delle disposizioni del presente regolamento interno nonché l obbligo di uniformarsi alle disposizioni in esso contenute. 1,4. Una copia del regolamento interno è esposta permanentemente in un luogo ben visibile presso la sede sociale della SGSC ed è depositata presso la Capitaneria di Porto di zona. 1,5. Gli Utenti sono tenuti al rispetto delle prescrizioni, ordinanze, divieti, raccomandazioni e condizioni emanate dalle competenti Autorità Portuali e Marittime di zona che, unitamente al presente regolamento interno, vengono esposti ai fini della generale conoscenza presso la sede sociale della SGSC. Tutti gli Utenti sono tenuti altresì al rispetto delle norme contenute nel Codice della Navigazione. 1,6. La SGSC si riserva il diritto di aggiornare, integrare e/o modificare il presente regolamento interno, eventualmente previa approvazione dell Autorità Marittima, in qualunque momento, qualora ciò sia ritenuto dalla SGSC stessa opportuno al fine di meglio assicurare, fino al termine della concessione, la sicurezza, la funzionalità e l efficienza del MYP oppure per adeguarlo alle eventuali norme contenute negli atti di concessione, nonché per conformarlo alle ordinanze dell Autorità Marittima. Articolo 2 Amministrazione 2,1. La SGSC, in forza della licenza di concessione dell Autorità Portuale di Trieste n. 882/2008 del 30 aprile 2008 rep. 2322/08, è concessionaria di una zona demaniale marittima costituita da uno specchio acqueo di mq ,00 lungo il molo della Pescheria di Trieste per tutta la sua lunghezza fino al limite della nuova diga palificata del Marina San Giusto dove ha realizzato e gestisce un attracco attrezzato per l accoglimento di yacht fino a 100 mt. di lunghezza. 2,2. La gestione dell approdo è curata dalla Direzione del porto ovvero da un responsabile designato dalla SGSC avente la propria sede all interno dell approdo stesso, coadiuvato da personale alle dipendenze della SGSC nonché da ditte od organizzazioni di sua fiducia. Ferme restando le attribuzioni dell Autorità Marittima di zona in materia di sicurezza, la SGSC, con il proprio personale, ha il compito di vigilare affinché nell ambito dell approdo siano rispettate le norme del presente regolamento ed ha la facoltà e la capacità di fornire tutte le istruzioni necessarie per il corretto funzionamento dell approdo. 2,3. Tutti gli Utenti del MYP sono tenuti al rispetto delle istruzioni impartite dal personale della SGSC. Articolo 3: Modalità di utilizzo degli impianti portuali ed assegnazione dell ormeggio 3,1. In esito ad una richiesta di ormeggio la SGSC, verificata l adeguatezza dell unità agli impianti ed alle strutture portuali, provvede all assegnazione di un punto di ormeggio tra quelli disponibili alle condizioni stabilite dal presente regolamento interno. Gli Utenti hanno l obbligo di ormeggiare la propria unità unicamente nel posto barca assegnato. Tuttavia, qualora le esigenze operative lo richiedano, il punto di ormeggio potrà essere variato dalla SGSC. 3,2. L assegnazione di un ormeggio ad un Utente per la propria unità è strettamente personale. Sono formalmente vietati la concessione in comodato o la sub - locazione del posto barca assegnato. L Utente non può in nessun caso noleggiare la propria unità a terzi oppure farsi prestare un unità diversa per occupare il posto barca assegnato. 3,3. In caso di vendita di un unità, il diritto di godimento dell'ormeggio assegnato all Utente non può in alcun caso essere oggetto di trasferimento al nuovo proprietario. Il nuovo proprietario dell unità può in alcun caso ritenersi

3 autorizzato ad occupare l ormeggio precedentemente in uso all Utente ancorché il canone di locazione del posto barca risulti interamente pagato. 3,4. E espressamente vietata la locazione o la sub-iocazione a terzi dell unità ormeggiata nel MYP ad uso abitativo o per residenza. Articolo 4 Pubblicità 4,1. Entro i limiti delle aree in concessione del MYP, la pubblicità commerciale è soggetta alle normative di legge in vigore. 4,2. La SGSC si riserva il diritto di sospendere qualsiasi iniziativa pubblicitaria nel perimetro in concessione del MYP non espressamente autorizzate o che non abbiano ottenuto una formale autorizzazione in base alle normative di legge in vigore. Articolo 5: Divieti 5,1. Nelle aree portuali in concessione alla SGSC non è consentito l esercizio di alcuna attività commerciale, professionale o artigianale, anche a bordo o a mezzo di unità da diporto, che non rientri tra quelle autorizzate o predisposte dalla SGSC. 5,2. Non è del pari consentito svolgere alcun genere di raduno o assemblea di circoli o club o corsi di formazione a bordo delle unità ormeggiate. CAPITOLO II: PROCEDURE PER LE NAVI Articolo 6: Ammissione delle unità nel porto 6.1. L utilizzo degli ormeggi del MYP è consentito ad unità da diporto o commerciali di lunghezza massima fino a 100 mt., sia nazionali che straniere iscritte al Registro Internazionale. 6,2. L'accesso può tuttavia essere consentito anche ad unità in situazione di pericolo o in condizioni di avaria, per un soggiorno limitato, giustificato dalle circostanze. Tali unità sono tenute a lasciare l ormeggio occupato non appena ripristinate le condizioni di sicurezza ed a semplice richiesta della SGSC nel caso in cui il posto barca utilizzato al momento del loro ingresso in situazione di emergenza risulti precedentemente assegnato ad altre unità e la SGSC non disponga di altri ormeggi disponibili. 6,3. Le unità di stazza superiore a 500 ton. che intendono attraccare al MYP hanno l obbligo di farsi assistere per le operazioni di ormeggio e disormeggio dai Piloti e dagli Ormeggiatori del porto di Trieste raggiungibili sul canale VHF14 e VHF9; 6,4. Le unità non sono ammesse a stazionare nel MYP, indipendentemente dalla durata prevista del loro soggiorno, fino all avvenuta presentazione alla SGSC del modulo di CONFERMA DI PRENOTAZIONE di ormeggio (Mod. ) corredato dei documenti di registrazione dell unità e di una copia del certificato di assicurazione in corso di validità. 6,5. L'ammissibilità delle unità nel MYP è subordinata al loro buono stato di manutenzione, di navigabilità, di sicurezza e di autonomia. La SGSC può vietare l accesso alle strutture portuali del MYP alle unità suscettibili di compromettere il buon funzionamento dell attracco o che possano arrecare danno alla corretta gestione, conservazione e/o funzionamento degli impianti portuali. 6,6. Nessuna unità può entrare nel MYP o eseguire manovre al suo interno se non preventivamente autorizzata dalla SGSC (canale VHF77) ovvero dall Autorità Marittima di zona. 6,7. II personale portuale della SGSC è responsabile dell'attuazione di tutte le misure di gestione e di amministrazione del porto definite dalla SGSC e regola l accesso, l attracco e lo stazionamento all ormeggio, nonché le uscite dal porto di ogni unità ed ogni ulteriore movimentazione delle stesse. I comandanti ed i piloti di ogni unità devono loro stessi mettere in atto, nelle manovre di ormeggio e disormeggio che attuano, tutte le misure necessarie per evitare incidenti. 6,8. All atto dell entrata nel MYP e dell uscita dallo stesso tutte le unità sono tenute ad utilizzare sempre, oltre alle bandiere di segnalazione regolamentari, la bandiera della propria nazionalità e la bandiera di cortesia che devono essere in perfetto stato di conservazione. 6,9. Per consentire l'identificazione delle unità in stazionamento, l Utente che occupa un posto barca nel MYP deve assicurare sempre che siano ben visibili sullo scafo il nome, il numero di immatricolazione ed il porto di appartenenza

4 dell unità. 6,10. Ciascun utente del MYP è tenuto, in caso di assenza, a fornire alla direzione del porto il nome, l indirizzo ed il recapito telefonico della persona designata come responsabile e tutore della nave. Articolo 7: Dichiarazione di ingresso, uscita e pagamenti per le unità in transito. 7,1. E' vietato entrare nel porto senza aver preventivamente contattato l Autorità Marittima di zona sul canale VHF n , che fornirà tutte le prescrizioni e le indicazioni necessarie per l accesso. 7,2. Oltre alle consuete formalità doganali e di polizia, qualsiasi unità che entra nel porto di Trieste ovvero nel MYP è tenuta al momento del suo arrivo a rilasciare all Autorità Marittima di zona una dichiarazione di ingresso completa di: a) certificato di immatricolazione dell unità; b) certificato di assicurazione in corso di validità; c) nome, porto di immatricolazione e numero di iscrizione; d) generalità complete del proprietario e, se necessario, nome del capitano e dell agente marittimo raccomandatario per Trieste; e) stazza lorda e dimensioni f.t.; f) porto di origine e data di partenza iniziale; g) ultimo porto di transito dell unità; h) data prevista di partenza e destinazione finale; i) lista dei passeggeri; l) lista dell equipaggio. 7,3. In caso di modifica della data di partenza o di proroga della durata del soggiorno l utente interessato è tenuto ad informare per iscritto la SGSC con preavviso minimo di 24 ore dalla data prevista di partenza. Prima dell uscita definitiva dal porto l unità deve effettuare una specifica dichiarazione di partenza. 7,4. Nell ambito del MYP il punto di ormeggio che deve essere occupato da ciascuna unità in transito viene stabilito dalla Direzione del porto ovvero del responsabile designato dalla SGSC, indipendentemente dalla durata prevista del soggiorno. 7,5. L'assegnazione dei posti barca è effettuata entro il limite degli ormeggi disponibili ed in base alle caratteristiche delle unità. 7,6. Nell ambito del MYP i punti di ormeggio non sono contrassegnati e ciascuna unità è tenuta a cambiare posizione a richiesta della Direzione del porto ovvero del responsabile designato dalla SGSC. 7,7. La durata del soggiorno per le unità in transito è subordinata alla effettiva disponibilità dell ormeggio in funzione delle prenotazioni già acquisite dalla SGSC. La durata della sosta è conteggiata a giornata (dalle 12:00 alle 12:00). Ogni giornata iniziata è contrattualmente dovuta e non è previsto alcun periodo di franchigia. Il pagamento delle somme dovute deve essere sempre effettuato prima della partenza dell unità. 7,8. La partenza delle unità in transito può avvenire esclusivamente in orario compreso tra le ore 08:00 e le ore 20:00 (08:00 p.m.) salvo espressa autorizzazione rilasciata dalla SGSC. In quest'ultimo caso la partenza fuori orario corredata della data e dell ora prevista di uscita dal porto deve essere dichiarata con un preavviso minimo di 24 ore. L utente che si assenti con la propria unità per un periodo superiore alle 24 ore deve darne comunicazione alla Direzione del porto indicando la data di partenza e quella presunta di rientro nonché, se possibile, la destinazione che intende raggiungere. 7,9. Nel caso di uscite dal porto di durata inferiore a 24 ore l utente è tenuto ad informare preventivamente il personale portuale della movimentazione dell unità Tutte le unità suscettibili di compromettere la sicurezza, la salute o l'ambiente circostante e di arrecare danno agli impianti ed alle strutture portuali sono tenute a lasciare immediatamente il porto Ciascun utente assegnatario di un posto di ormeggio sulla diga del MYP che facesse rientro in porto in orario notturno sarà tenuto a sostare temporaneamente con la propria unità in affianco sul molo della Pescheria con la prua rivolta al mare. Lo stesso vale per gli Utenti delle unità prive di prenotazione in deroga alle disposizioni di cui all art. 6.4.i quali dovranno effettuare le consuete procedure d'ingresso alla riapertura degli uffici portuali del Marina Le unità attraccate all interno del porto senza preventiva autorizzazione dell Autorità Marittima possono essere rimosse d ufficio dall'autorità Marittima a spese e rischio e pericolo dei proprietari e poste immediatamente sotto sequestro Nel caso in cui l'autorità Marittima non provveda a rimuovere d'ufficio le unità attraccate all interno del porto senza la sua preventiva autorizzazione, la SGSC si riserva in ogni caso il diritto di rimuovere le predette unità a spese, rischio e pericolo del proprietario.

5 Nel caso in cui l unità non riportasse alcun segno esteriore di identificazione, il fermo amministrativo d ufficio viene eseguito automaticamente dall'autorità Marittima Qualora si verifichi l'ipotesi descritta nel comma precedente, il proprietario dell unità sarà tenuto al pagamento della somma dovuta per il fermo amministrativo nonché al pagamento in favore della SGSC di una somma a titolo di penale pari alla tariffa giornaliera parametrata alla lunghezza f.t. dell unità stessa ed alla durata dell occupazione. (Questi due ultimi commi vanno comunque visti con la Capitaneria di Porto) Articolo 8: Condizioni generali di prenotazione 8.1. Le condizioni di seguito riportate saranno automaticamente applicate in caso di cancellazione di una prenotazione o di non-presentazione: a) Cancellazione di una prenotazione: è possibile cancellare una prenotazione senza incorrere in penali entro dieci giorni dalla data di conferma della prenotazione e comunque fino alla mezzanotte, ora italiana, del giorno precedente alla data di arrivo (ETA), inviando la comunicazione con lettera raccomandata A/R al seguente indirizzo: SAN GIUSTO SEA CENTER S.P.A. Marina San Giusto Molo Venezia, Trieste Italia La comunicazione potrà essere inviata anche mediante telegramma, fax o posta elettronica ai seguenti recapiti a condizione che sia confermata mediante lettera raccomandata A/R entro le 48 ore successive: numero di fax: (+39) posta elettronica: posta elettronica certificata: Per le cancellazioni ricevute dalla SGSC dopo il termine indicato, la prima notte di stazionamento verrà fatturata a titolo di penale; Nell'ipotesi in cui la SGSC cancelli la prenotazione unilateralmente e senza giustificato motivo dopo la mezzanotte, ora italiana, del giorno precedente alla data di arrivo, l'unità potrà domandare la restituzione nel doppio di quanto eventualmente già versato. Detta disposizione non si applica nel caso in cui la cancellazione da parte della SGSC avvenga per ragioni di sicurezza, per attuazione di disposizione dell'autorità Marittima, a causa di avverse condizioni meteo marine o per forza maggiore; b) Non presentazione : in caso di non-presentazione al porto il giorno della prenotazione, la SGSC fatturerà all unità, a titolo di penale, la prima notte di stazionamento e la prenotazione verrà cancellata d ufficio. In caso di rifiuto di pagamento della penale da parte dell unità, la SGSC non prenderà in considerazione ulteriori richieste di ormeggio da parte della stessa fino all avvenuta chiusura del debito. Articolo 9: Occupazione dell ormeggio. 9,1. La Direzione del porto determina il numero e le caratteristiche delle unità che possono essere ormeggiate alle proprie banchine e si riserva la facoltà di poter rifiutare qualsiasi nuovo ingresso di unità nel MYP, tranne che per le unità in difficoltà o in situazioni di pericolo ed in avaria su precisa indicazione dell Autorità Marittima. 9,2. Tutti i posti di ormeggio vengono assegnati Direzione del porto in via temporanea e transitoria. Nessun armatore può rivendicare l'utilizzo di uno specifico posto di ormeggio occupato dalla propria unità. In conseguenza di ciò, nessun reclamo verrà accettato dalla Direzione del porto da parte degli utenti delle unità alle quali sia stato richiesto o imposto uno spostamento. 9,3. Nel caso in cui uno, alcuni o tutti i posti di ormeggio nell ambito del MYP dovessero essere temporaneamente interdetti per l ormeggio o fossero inagibili per manutenzione, la Direzione del porto informerà gli utenti con un preavviso minimo di 7 giorni dalla data di inizio dell interdizione, salvo casi urgenti. Nei casi sopra detti gli Utenti non avranno diritto ad alcun indennizzo. Articolo 10: Dichiarazione di assenza 10,1. Ciascun utente assegnatario di un posto di ormeggio deve rilasciare alla Direzione una dichiarazione di assenza

6 ogni qual volta intende lasciare il porto con la propria unità per un periodo superiore a 24 ore. Detta dichiarazione deve indicare la data di partenza e quella presunta di rientro nonché, se possibile, la destinazione che si intende raggiungere. La conferma di rientro deve inoltre essere eseguita alla Capitaneria di Porto di zona, ovvero alla Direzione del porto con preavviso minimo di 48 ore dalla data di rientro prevista. 10,2. Dal ricevimento della dichiarazione di assenza, trascorse 24 ore, la Direzione del porto può disporre liberamente del punto di ormeggio in argomento. 10,3. I suddetti posti di ormeggio temporaneamente liberi possono essere utilizzati dalla Direzione del porto in via del tutto transitoria ed immediatamente revocabile e possono essere messi a disposizione di altri utenti alle condizioni ed alle tariffe praticate alle unità in transito. Articolo 11: Spostamento delle unità 11,1. Le unità devono essere sempre in grado di muoversi autonomamente, di cambiare punto di ormeggio e di eseguire ogni manovra ordinata a prima richiesta dal personale del porto. Dovranno inoltre uscire dal perimetro della zona portuale, autonomamente, almeno due volte all'anno Il proprietario o il responsabile dell unità ormeggiata o ancorata nel MYP deve garantire che: a) il personale preposto della SGSC sia a conoscenza del recapito telefonico e del luogo/indirizzo presso il quale poter raggiungere la persona che, a semplice richiesta, può assumere immediatamente il comando dell unità e, se è necessario, spostarla per la sicurezza delle persone o delle strutture portuali; b) fatta salva l'ipotesi indicata nel comma successivo, l unità sia sempre nella condizione di essere pronta per poter essere spostata rapidamente La lettera b del secondo comma del presente articolo non si applica alle unità per le quali è stato concesso un permesso di disarmo dall Autorità Marittima di zona. 11,4. Ogni unità ormeggiata nel MYP deve disporre permanentemente di un equipaggio sufficiente per adottare tutte le misure necessarie in caso di emergenza e per soddisfare le esigenze dettate dal personale preposto della SGSC. 11,5. Le navi prive dell equipaggio devono dotarsi permanentemente di almeno un guardiano o di un responsabile di bordo, conosciuto dal personale della SGSC; i motori ed i verricelli elettrici delle ancore devono essere sempre operativi e pronti all uso ed il proprietario deve prevedere un equipaggio di sua scelta preposto alle manovre della propria unità. Il comandante o, in sua vece, il responsabile dell unità o il guardiano sono tenuti a fornire la lista dell equipaggio preposto alle manovre alla SGSC. 11,6. Nel caso in cui la SGSC preveda sia previsto lo spostamento di un unità, il proprietario verrà informato dalla SGSC con preavviso di almeno 24 ore tranne che per i casi di emergenza. La richiesta di spostamento verrà apposta al tempo stesso sull unità Qualora la lista dell equipaggio preposto alle manovre non fosse consegnata al personale della SGSC ai sensi del Comma 11,5 oppure l equipaggio designato dal proprietario non fosse sufficiente per eseguire le manovre richieste - la SGSC potrà essa stessa nominare un equipaggio occasionale costituito da un numero di addetti secondo le esigenze. In tal caso il salario degli addetti nominati dalla SGSC e le ulteriori spese accessorie resteranno ad esclusivo carico del comandante, dell armatore, del proprietario dell unità e del responsabile in solido Le manovre eseguite da un equipaggio occasionale sono a rischio esclusivo ed a spese del proprietario inadempiente che risponde civilmente per eventuali danni cagionati da incidenti che si dovessero verificare durante le manovre Il proprietario o il responsabile di un unità che occupa un punto di ormeggio del MYP deve garantire che la stessa sia dotata di dispositivi che consentano l aggancio con un cavo di rimorchio ed il traino fuori dall ormeggio qualora l unità debba essere spostata per motivi di sicurezza In via generale, il proprietario deve garantire che la propria unità, in qualsiasi momento e in ogni circostanza, non arrechi danni alle opere portuali o alle altre imbarcazioni ormeggiate presso il MYP o comprometta l attività del porto Se necessario, tutte le precauzioni previste dalla personale preposto del porto devono essere messe in atto. Articolo 12: Rimozione e spostamento d ufficio Le unità, i gommoni o qualsivoglia altro materiale o oggetto rimosso o spostato d ufficio sono assoggetti al pagamento in favore della SGSC di una tassa di occupazione giornaliera dalla data di rimozione o di trasferimento. 12,2. I costi di trasporto, movimentazione e manutenzione dei beni indicati al comma precedente durante il periodo di detenzione sono a carico dei proprietari degli stessi ed a loro esclusivo rischio e pericolo.

7 12,3. La restituzione può avvenire esclusivamente se il richiedente che reclama i beni è in grado di provare la proprietà degli stessi e di provvedere al pagamento di tutti gli oneri di detenzione dei beni. 12,4. Ogni frazione di giorno o mese viene conteggiato per il calcolo della quota come un giorno o un mese. Articolo 13: Servizi portuali e manutenzione delle unità 13,1. Nessun servizio portuale può essere effettuato da personale esterno sulle unità da diporto e commerciali nelle aree del MYP in concessione senza la preventiva autorizzazione della SGSC ovvero del responsabile del porto. Nell ambito dell approdo la SGSC può consentire l esecuzione di lavori in conto terzi solo a persone e/o ditte autorizzate ai sensi dell Art.68 del Codice della Navigazione. 13,2. Sui moli e sulle dighe del MYP non è ammessa l esecuzione di alcun genere di lavori di manutenzione o riparazione dei motori. 13,3. E vietata l esecuzione di interventi di manutenzione di qualsiasi natura a bordo delle unità ormeggiate che possano arrecare disturbo alle unità adiacenti o al vicinato. In particolare è vietata l esecuzione al punto di ormeggio di prove sui motori, l utilizzo dei generatori di bordo o qualsiasi altro genere di intervento rumoroso prima delle ore a.m. e dopo le ore 06:00 p.m. nonché nell intervallo compreso tra le a.m. e le p.m. E altresì vietata l esecuzione di qualsiasi prova delle eliche sulle unità presenti al punto di ormeggio. 13,4. L'intensità del volume degli apparecchi radio o di altre attrezzature non devono in alcun modo essere causa di disagio per gli utenti portuali. 13,5. Ogni unità in stazionamento nel MYP deve essere tenuta in buono stato di manutenzione, di navigabilità e di sicurezza ed il proprietario è tenuto a fornirne prova alla SGSC almeno una volta l anno a) Gli armatori delle unità non in grado di navigare o ritenute pericolose per le imbarcazioni adiacenti o per le strutture portuali del MYP, verranno invitati dalla SGSC con lettera raccomandata A/R ad intraprendere con urgenza tutti gli interventi necessari alla messa in sicurezza dell unità o alla sua rimozione. b) Entro 10 giorni dalla notifica della lettera raccomandata A/R, il proprietario deve fornire alla SGSC una dichiarazione di giustificazione relativa allo stato di manutenzione della sua unità ed alle azioni messe in atto per il ripristino dei vizi. La SGSC è l unico soggetto titolato a valutare la validità delle giustificazioni fornite. c) Qualora non fosse possibile notificare al proprietario o al suo rappresentante la lettera raccomandata A/R, la SGSC metterà in atto le disposizioni previste per la rimozione e lo spostamento d ufficio di cui all Art. 12 del presente regolamento con costi a carico del proprietario ed a suo esclusivo rischio e pericolo. d) Nel caso in cui l ingiunzione al proprietario risultasse infruttuosa, la SGSC si rivolgerà direttamente all Autorità Marittima di zona affinché intimi al proprietario di intervenire per porre rimedio alla situazione di pericolo in atto. In difetto di un intervento risolutorio entro il termine indicato al comma 13,6 b) la SGSC avvierà tutte le azioni necessarie per la messa a secco dell unità e per la sua demolizione con spese a carico del proprietario ed a suo esclusivo rischio e pericolo. 13,7. Nel momento in cui il personale della SGSC fosse portato a ritenere che un unità o un natante ormeggiato nel MYP sia a rischio di affondamento la SGSC si riterrà autorizzata a darne immediata comunicazione all Autorità Marittima di zona. 13,8. Nel caso indicato nel comma che precede il personale della SGSC ovvero il responsabile del porto invierà all Autorità Marittima di zona un rapporto di constatazione delle infrazioni al presente regolamento commesse dal proprietario dell unità motivando la necessità di rimozione dal porto dell unità ai sensi dell art. 73 del C. d. N. 13,9. In caso di affondamento di un unità nella bocca di porto o nei corridoi di transito del porto, il proprietario della stessa è tenuto a rimuovere e/o smantellare d urgenza il relitto dopo aver ottenuto l approvazione della SGSC e dell Autorità Marittima di zona competente. Qualora non fosse possibile rintracciare il proprietario, un suo rappresentante o il guardiano dell unità, verranno messe in atto automaticamente le disposizioni previste per la rimozione e lo spostamento d ufficio di cui all Art. 12 del presente regolamento interno con costi a carico del proprietario ed a suo esclusivo rischio e pericolo. Articolo 14: Navigazione nei porti e canali di accesso Gli equipaggi delle unità devono attenersi alle disposizioni impartite dal personale del porto e, nel corso delle manovre svolte, prendere tutte le precauzioni e le misure necessarie per prevenire gli incidenti La velocità massima delle unità non deve eccedere i 3 nodi. E' d obbligo prestare sempre la massima attenzione al traffico di navi, imbarcazioni e natanti in corso.

8 14,3. Gli equipaggi devono inoltre rispettare il divieto di accesso e di uscita dal MYP in presenza di navi da crociera in fase di ormeggio e disormeggio e durante la manovra dei rimorchiatori per l assistenza alle manovre delle navi bianche e dei mezzi portuali. Ulteriori restrizioni potranno essere applicate in relazione alle ordinanze di volta in volta emanate dell Autorità Marittima di zona. 14,4. E fatto obbligo a tutte le unità ormeggiate in andana nel MYP di mettere in atto ogni azione impartita dal personale portuale della SGSC per favorire le manovre di ormeggio e disormeggio delle navi da crociera, compreso l eventuale allentamento dei cavi di ormeggio a prua per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette manovre 14,5 Le unità ormeggiate in andana nel MYP di lunghezza superiore ai 35 metri devono essere sempre pronte a spostarsi in autonomia dall ormeggio assegnato entro il termine massimo di 6 ore dalla richiesta del servizio Piloti per consentire l ingresso e l uscita dal porto delle navi passeggeri in condizioni metereologiche sfavorevoli. In difetto di spostamento dell unità entro il termine suindicato, la SGSC si riterrà autorizzata a mettere in atto lo spostamento nominando un equipaggio occasionale costituito da un numero di addetti secondo le esigenze. In tal caso il salario degli addetti nominati dalla SGSC e le ulteriori spese accessorie resteranno ad esclusivo carico del comandante, dell armatore, del proprietario dell unità e del responsabile in solido. (Attendo conferma dal Responsabile Tecnico del MSG se corretto!) Articolo 15: Movimenti delle unità nel porto 15,1. Le unità possono navigare all'interno del bacino del MYP esclusivamente per entrare ed uscire dall ormeggio, cambiare di posto di ormeggio o per prepararsi alle operazioni di rifornimento o di riparazione. 15,2. Ogni movimentazione delle unità all interno del bacino del MYP è subordinata alla preventiva richiesta di autorizzazione da parte del comandante alla SGSC sul canale VHF di ascolto ,3. Nel porto, le unità devono utilizzare gli strumenti di propulsione che offrono la massima manovrabilità e sicurezza e che permettono loro di evolvere nelle migliori condizioni. Le manovre a vela sono vietate, salvo dispensa speciale rilasciato dall Autorità Marittima di zona o dalla SGSC. 15,4. In tutti i casi le unità in uscita dal porto hanno sempre la precedenza nelle manovre. Articolo 16: Ancoraggio e sollevamento ancore. 16,1. E vietato dare fondo alle ancore nello specchio d acqua del MYP salvo espressa autorizzazione speciale rilasciata dal personale della SGSC ovvero dall Autorità Marittima di zona. In tal caso è necessario che l equipaggio provveda alla segnalazione delle ancore calate e che le stesse vengano rimosse appena possibile L'eventuale perdita di materiale in acque portuali come ancore, catene, motori fuoribordo, attrezzature, etc. deve essere tempestivamente comunicata all Autorità Marittima di zona. Il recupero di detto materiale deve essere immediatamente intrapreso a spese e sotto la responsabilità del proprietario ed a suo rischio e pericolo. Articolo 17: Ormeggio Le unità sono ormeggiate sotto la responsabilità dei proprietari secondo le corrette norme marinaresche e nel rispetto delle prescrizioni particolari che possono essere date dal personale della SGSC. E' vietato manipolare gli ormeggi delle unità a chiunque non faccia parte dell'equipaggio e senza aver preventivamente ricevuto l'autorizzazione da parte del personale della SGSC.. 17,2. Per l ormeggio delle unità possono essere utilizzati esclusivamente i sistemi di ormeggio appositamente previsti per questo scopo costituiti da bitte, catenarie e cavi d ormeggio. La responsabilità per il corretto ormeggio delle unità agli impianti portuali è posta esclusivamente a carico dei proprietari. 17,3. In caso di necessità, il comandante o il responsabile di bordo è tenuto a rinforzare o raddoppiare i cavi d ormeggio ed a prendere tutte le precauzioni necessarie che gli verranno prescritte dal personale della SGSC I cavi di ormeggio devono essere in ottime condizioni e di sezione adeguata. L'ormeggio all inglese (along-side) accoppiato è vietato salvo se espressamente autorizzato dal personale del porto. E vietato l utilizzo di gaffe appuntite o taglienti così come di boe. Per l'ancoraggio di poppa (stern-to) è raccomandato l utilizzo di cavi d ormeggio zavorrati.

9 17,5. Per questioni di sicurezza tutte le unità che stazionano nel MYP lungo il molo della Pescheria con ormeggio all inglese (along-side) devono essere ormeggiate sempre con la prua rivolta verso il mare. 17,6. Ogni unità ormeggiata nel MYP deve essere equipaggiata su entrambi i lati di un numero di parabordi sufficiente per garantire la propria protezione e quella delle unità adiacenti. La responsabilità per eventuali danni provocati dalla mancanza o da una dotazione insufficiente di parabordi è posta a carico esclusivo del proprietario dell unità. 17,7. Non è ammesso l utilizzo di pneumatici di veicoli per la protezione delle unità Il proprietario o l'equipaggio di un unità non può rifiutarsi di prendere o mollare una gomena di ormeggio per facilitare il movimento di altre unità in transito. 17,9. Le unità commerciali sono ormeggiate sotto la responsabilità del loro comandante secondo le corrette norme marinaresche, dal personale del porto oppure da personale del servizio ormeggiatori del porto di Trieste. Per l ormeggio devono essere utilizzati esclusivamente cavi in ottimo stato di sezione adeguata allo scopo. Se necessario, il comandante o il responsabile di bordo è tenuto a rinforzare o raddoppiare i cavi d ormeggio e prendere tutte le precauzioni necessarie per garantire che l ormeggio sia realizzato a regola d arte. Articolo 18: Obblighi di buon vicinato 18,1. Gli Utenti del MYP sono tenuti a rapportarsi con il personale portuale e con gli altri Utenti secondo le regole della buona educazione e del buon vivere civile. 18,2. E' vietato eseguire a bordo delle unità all ormeggio nel MYP qualsiasi genere di lavoro che possa causare disturbo al vicinato. CAPITOLO III: SICUREZZA NEL PORTO Articolo 19: Emergenza 19,1. Il personale della SGSC può esigere in qualsiasi momento dal proprietario, dal rappresentante o dal custode dell unità la messa in atto di ogni manovra ritenuta utile e necessaria per la sicurezza delle persone o dei beni presenti nell'area portuale. 19,2. Tuttavia, in caso di urgenza, la SGSC, dopo aver informato l Autorità Marittima di zona, potrà intervenire direttamente sull unità per mettere in atto qualsiasi misura ritenuta utile per la sicurezza generale. A tale scopo, al personale della SGSC è specificamente consentito salire a bordo delle unità per mettere in atto o ordinare le misure strettamente necessarie per contenere il pericolo. In caso di diniego di accesso alla nave, all imbarcazione o al natante da parte del proprietario, la SGSC ne darà comunicazione immediata all Autorità Marittima di zona per motivi di pubblica sicurezza. 19,3. Nel caso in cui, nel corso delle operazioni descritte nei commi che precedono, venga cagionato il danneggiamento dell unità da parte del proprietario, del comandante o del suo equipaggio è espressamente esclusa qualunque responsabilità della SGSC. Il proprietario dell unità è tenuto a rimborsare alla SGSC tutte le spese da questa sostenute nell interesse della nave stessa. Il proprietario è altresì tenuto al risarcimento dei danni provocati alle strutture d ormeggio e/o ai beni in concessione subiti dalla SGSC a causa della condizione anomala dell unità. Articolo 20: Rispetto e conservazione dei dispositivi di segnalazione 20,1. Tutti gli Utenti, che a qualsiasi titolo utilizzino ormeggi, infrastrutture e banchine ricadenti nelle aree del MYP in concessione alla SGSC, sono tenuti al rispetto delle norme e prescrizioni del presente regolamento interno nonché all osservanza delle indicazioni contenute nella segnaletica verticale presente nel porto E' vietato rimuovere, deturpare o danneggiare qualsiasi dispositivo di segnalazione installato nel porto La SGSC si riserva il diritto di poter inserire nel perimetro in concessione del MYP, ovvero sui propri pontili e moli, la segnaletica verticale ed ogni ulteriore dispositivo che riterrà più idoneo per garantire la sicurezza delle persone, la tutela e la protezione dell'ambiente ed il buon funzionamento del porto e dei relativi servizi.

10 Articolo 21: Igiene nel porto e prevenzione dell'inquinamento Fatta salva l'eventuale applicazione di ulteriori vincoli e disposizioni legislative e regolamentari dettate dall Autorità Portuale e Marittima di zona o dal Comune di appartenenza in merito al trattamento dei rifiuti, negli specchi d acqua del MYP, sulle banchine, e nei canali di transito è in ogni caso vietato: - lo svuotamento delle acque nere e di sentina e l utilizzo dei WC con scarico a mare; - l abbandono di ogni genere di detriti, di rifiuti solidi e liquidi insalubri tra i quali petrolio, gasolio, olio combustibile, carburante, benzina, olio motore o grasso; - il deposito a terra di qualsiasi genere di prodotto suscettibile di provocare inquinamento; - qualsiasi altro genere di deposito di materiali non autorizzati, ancorché per brevi periodi. 21,2. I rifiuti solidi urbani devono essere depositati in sacchetti di plastica negli appositi contenitori disponibili nella zona del MYP. 21,3. Gli oli usati devono essere riversati e raccolti negli appositi contenitori appositamente presenti alla radice dei moli nell area portuale, così come le batterie esauste all interno degli appositi contenitori presenti sulle banchine. 21,4. Ogni unità deve dotarsi degli appositi sacchetti o dei contenitori necessari per ricevere rifiuti di bordo da trattare e avviare allo smaltimento. Il personale della SGSC potrà chiedere al proprietario o al comandante della nave di provarne l esistenza. 21,5. Per il lavaggio delle unità possono essere utilizzati esclusivamente detergenti biodegradabili ufficialmente autorizzati per l utilizzo in ambiente marino. Questi prodotti devono essere utilizzati secondo le dosi prescritte dai produttori. E' vietato lavare veicoli sulle banchine del MYP e quelle immediatamente adiacenti. 21,6. Per evitare sprechi, gli utenti sono tenuti a dotarsi di manichette dell acqua munite di pistola di regolazione del flusso con arresto automatico. Articolo 22: Gestione di merci ed attrezzature di bordo 22,1. Alcun oggetto di qualsiasi natura, deve essere gettato, depositato o abbandonati dagli utenti sulle banchine del MYP e le dipendenze adiacenti. 22,2. Le merci destinate all imbarco e allo sbarco, ed ogni altro genere di attrezzature o materiali provenienti o destinati all unità come motori ausiliari, tender di servizio e simili, non possono essere depositati sulle banchine del MYP nonché tra le navi o lungo le dipendenze adiacenti senza il preventivo consenso scritto della SGSC ovvero dell Autorità Marittima. La richiesta deve essere presentata almeno 24 ore prima del deposito con indicazione esatta della natura dei beni, del volume e del peso dei beni e delle attrezzature. 22,3. I rifornimenti di bordo, i materiali di armamento necessari al funzionamento delle unità e qualsivoglia altro oggetto di diversa natura destinato allo scopo, così come qualsiasi altro materiale proveniente o destinato alle stesse non possono rimanere depositati sulle banchine che per il tempo strettamente necessario al loro impiego a pena di rimozione forzata ai sensi dell Art. 12 del presente regolamento interno. Articolo 23: Rifornimento carburanti 23,1. Il rifornimento di carburante si esegue esclusivamente sulle banchine riservate a quello scopo. 23,2. Gli impianti e le attrezzature specifiche per il carburante o combustibile devono essere conformi alle norme vigenti per le unità della categoria di appartenenza. 23,3. E vietato fumare entro un raggio di azione di 25 metri durante lo svolgimento delle operazioni di rifornimento alle unità che devono essere eseguite sempre a motore spento, con tutti i circuiti elettrici e gas scollegati e mantenendo aperti i compartimenti del motore per la circolazione dell aria. Articolo 24: Consegna del carburante La consegna del carburante alle unità viene effettuata esclusivamente con navi cisterna con preavviso di 48 ore

11 inviato dall'utente alla SGSC precisando la quantità di carburante richiesto, purché non inferiore al quantitativo minimo ammesso di 5 mila litri. Articolo 25: Norme di sicurezza per l'utilizzo dell elettricità e dell acqua. 25,1. L'uso dell energia elettrica o dell acqua dagli erogatori presenti sulle banchine del MYP è riservato esclusivamente alle unità presenti all ormeggio alle condizioni stabilite dalla SGSC. Le stesse non possono rimanere sotto tensione in assenza dell equipaggio a bordo Le unità che dispongono di una connessione elettrica sufficiente per le proprie esigenze di bordo sono tenute ad utilizzarla quale fonte prioritaria di approvvigionamento e ad utilizzare i gruppi elettrogeni solo in carenza di energia o qualora l energia fornita dal porto di attracco non sia sufficiente al loro fabbisogno. 25,3. I riscaldatori, gli impianti d illuminazione e gli impianti elettrici di bordo devono essere conformi alle norme di legge previste per le unità in base alla loro categoria di appartenenza, così come i cavi elettrici di collegamento tra i suddetti impianti e gli erogatori di banchina. L'utilizzo dei dispositivi elettrici e degli impianti di bordo deve essere conforme alla normativa in vigore. 25,4. Le prolunghe dei cavi elettrici di collegamento agli erogatori devono ugualmente essere conformi alle vigenti normative ed essere dotate di una spina con messa a terra. Articolo 26: Prevenzione contro gli incendi 26,1. Sulle banchine e sui moli del MYP è vietato l uso di barbecue o griglie a carbone o gas così come l uso di fuochi artificiali o fiamme libere. 26,2.La prevenzione degli incendi è assicurata dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. 26,3. In ogni caso, al fine di prevenire il verificarsi di incidenti dovuti ad incendi e/o roghi all interno del porto e sulle unità presenti all ormeggio, gli utenti sono tenuti a rispettare le seguenti linee guida: a) in caso di fuoriuscita di petrolio nel porto, ed in particolare sulle banchine e negli specchi d acqua, l'utente deve immediatamente avvisare il personale del porto e prendere prontamente tutti i provvedimenti più opportuni a limitare e contenere il danno; la pulizia delle superfici e delle strutture interessate nonché le eventuali spese per gli interventi di bonifica resteranno ad esclusivo carico del responsabile, così come il risarcimento degli eventuali danni. b) Il compartimento motori di ogni unità deve essere sufficientemente ventilato prima di ogni utilizzo o messa in moto. c) Le apparecchiature elettriche e gli impianti di riscaldamento di ogni unità devono essere perfettamente funzionanti ed in ottimo stato di manutenzione ed essere conformi alle vigenti normative previste per stesse in base alla loro categoria di appartenenza. 26,4. E vietato l'uso di attrezzature e impianti che dovessero risultare difettosi. Per evitare il pericolo di esplosioni è vietato l uso di fiamme libere in prossimità di prodotti infiammabili o di apparecchiature che possono produrre scintille all interno di ambienti non sufficientemente ventilati. 26,5.Inoltre: a) i compartimenti contenenti bombole di gas butano o qualsiasi altro genere di sostanza infiammabile devono essere adeguatamente aerati; b) gli estintori di bordo sulle unità devono essere di numero adeguato alle dimensioni della stessa, in perfetto stato di funzionamento e revisionati almeno una volta all anno conformemente alle vigenti disposizioni di legge. c) E tassativamente VIETATA la detenzione di sostanze pericolose o suscettibili di esplosione a bordo delle unità presenti all ormeggio, con la sola eccezione dei fuochi regolamentari di sicurezza, del combustibile necessario alla propulsione e del gas, purché conservati negli appositi serbatoi e bombole a norma di legge. d) i sistemi e i dispositivi specifici per le sostanze infiammabili indicate al paragrafo 26,5 c) devono essere conformi alle normative in vigore per le unità della categoria di appartenenza. e) Sono ammesse tolleranze per le sole taniche con un volume inferiore o pari a 20 litri. 26,6. E 'vietato fumare nei compartimenti nei quali sono collocati serbatoi di carburante e nel corso delle operazioni di rifornimento delle unità In caso di incendio sulle banchine del MYP, tutte le unità devono prendere le misure che saranno loro richieste dal personale della SGSC attenendosi scrupolosamente alle indicazioni impartite. 26,7 In caso di sinistro a bordo di un unità, la responsabilità della direzione delle operazioni necessarie al controllo dell emergenza a bordo spetta al comandante o al proprietario dell unità stessa. In caso di assenza e/o irreperibilità del

12 comando di bordo o della proprietà, l'autorità Marittima o il personale della SGSC possono assumere la direzione delle operazioni al solo scopo di garantire la sicurezza ed il contenimento dei danni all unità e/o alle strutture e alle altre imbarcazioni presenti all ormeggio. 26,8. II personale del porto e le autorità dello Stato preposte all emergenza hanno la facoltà di dettare delle contromisure aggiuntive atte ad evitare o ridurre al minimo l estensione del sinistro tra cui lo spostamento dell unità coinvolta o di quelle adiacenti o lo sgombero immediato delle merci Alcuna azione o contromisura, come ad esempio lo spostamento verso terra o il sovraccarico di acqua a bordo che possono compromettere la stabilità della nave e, in generale, qualsiasi altra azione suscettibile di provocare un danno ambientale o di compromettere il buon funzionamento degli impianti portuali deve essere messa in atto senza l'ordine o il preventivo assenso del personale del porto o delle Autorità di Stato preposte all emergenza In ogni caso, il personale portuale e l Autorità di Stato preposta all emergenza sono gli unici titolati a valutare le misure da prendere per prevenire la propagazione del danno. In tal caso, l'autorità preposta all emergenza subentra al comandante o al proprietario dell unità colpita dal sinistro, anche a bordo della stessa Chiunque dovesse notare un principio o un grave rischio di incendio deve avvertire immediatamente il corpo dei Vigili del Fuoco (tel. 115 o ) ed il personale della SGSC Il personale della SGSC può richiedere l'assistenza degli equipaggi delle altre unità presenti all ormeggio. Articolo 27: Allarmi sonori 27,1. In caso di attivazione ripetuta di falsi allarmi o di dispositivi acustici automatici sulle unità presenti all ormeggio, la SGSC, dopo aver informato il titolare o il responsabile dell unità e qualora questi non siano stati in grado di risolvere autonomamente il problema, si riterrà autorizzata ad intervenire con il proprio personale per neutralizzare il dispositivo difettoso facendosi accompagnare a bordo dell unità da un funzionario dell Autorità Marittima o da un funzionario di pubblica sicurezza. Articolo 28: Accesso delle persone e dei veicoli nelle aree del MYP. 28,1. L'accesso al MYP è strettamente riservato ai proprietari delle unità ormeggiate e loro ospiti, agli equipaggi ed ai passeggeri nonché alle ditte autorizzate ai sensi dell Art.68 del Codice della Navigazione. 28,2. Non è consentito l accesso al pontile palificato del MYP con alcun genere di veicolo o motociclo se non preventivamente autorizzato dalla SGSC. 28,3. La fermata degli autoveicoli e dei motocicli è consentita unicamente negli stalli di colore giallo ubicati sul molo Venezia secondo le modalità previste dalla SGSC e, per quanto concerne i parcheggi pubblici di superficie, negli stalli di colore blu gestiti dal Comune di Trieste. E tuttavia ammessa la fermata dei veicoli lungo i moli del MYP limitatamente al tempo necessario per l imbarco e lo sbarco di passeggerei ed operazioni di carico e scarico di merci. Gli autoveicoli in sosta irregolare possono essere rimossi dalla SGSC o dalle competenti autorità di polizia con oneri e spese a carico del contravventore. Articolo 29: Servizio sommozzatori professionali 29,1. L esecuzione di prestazioni o lavori subacquei nel perimetro degli specchi acquei in concessione alla SGSC è regolamentata dalle apposite ordinanze emanate dalle competenti autorità portuali e marittime di zona ed è consentita esclusivamente ai sommozzatori professionali iscritti negli appositi registri tenuti dall Autorità Marittima. CAPITOLO IV: RESPONSABILITA E TRATTAMENTO DELLE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO INTERNO Articolo 30 Disposizioni generali relative alla responsabilità della SGSC. 30,1. La SGSC in qualità di concessionaria delle aree portuali del MYP provvede alla supervisione generale del porto., ma non assume la qualità di custode o tutore delle unità in stazionamento o dei beni che si trovano all interno o in

13 prossimità di dette aree. 30,2. La SGSC non è responsabile per eventuali furti o danneggiamenti commessi a danno delle persone o delle cose nell ambito del MYP ed a bordo delle unità presenti all ormeggio o degli autoveicoli parcheggiati nelle aree limitrofe né per eventuali incidenti che si verifichino agli utenti ed ai loro passeggeri lungo i pontili ed i moli del MYP o durante l imbarco e lo sbarco dalle proprie unità. L'utente è libero di potersi assicurare contro detti rischi con una polizza assicurativa specifica e/o mediante utilizzo di un servizio di sicurezza alla passerella, previa espressione del gradimento da parte della SGSC in merito allo stesso. 30,3. La SGSC non è responsabile degli eventuali danni causati a terzi da parte delle unità durante le manovre di ormeggio e disormeggio, di spostamento o di navigazione all interno delle aree portuali del MYP. 30,4. La SGSC non è in alcun modo responsabile per l'esecuzione di servizi ausiliari affidati dall utente a terzi. Detti terzi sono tenuti, al pari di ogni utilizzatore del MYP, al rispetto di tutte le disposizioni del presente regolamento interno nonché al rispetto degli obblighi sulla sicurezza sul lavoro di cui alle disposizioni del D. Lgs 81/2008 Testo Unico sulla sicurezza ed alle altre disposizioni di legge vigenti La SGSC non è in alcun modo responsabile per eventuali sinistri imputabili ad errori, negligenza, imprudenza o mancato rispetto delle disposizioni del presente regolamento da parte del beneficiario o dei suoi incaricati, in particolare per quanto riguarda l'uso della corrente elettrica erogata alle prese degli erogatori di banchina del MYP. Articolo 31: Responsabilità civile e assicurazioni 31,1. Gli Utenti del MYP sono responsabili per le conseguenze delle proprie azioni in conformità delle disposizioni del Codice Civile. 31,2. Tutte le unità che utilizzano l approdo dovranno essere assicurate per la responsabilità civile nei confronti di terzi e per i rischi contro l incendio con massimali congrui rispetto al valore dell unità. 31,3. La SGSC non è responsabile per gli eventuali danni patiti dalle unità ormeggiate nel MYP in conseguenza dell'azione della risacca o del vento forte. Non verranno dunque accettati reclami nei confronti della SGSC per danni subiti dalla unità per effetto delle avverse condizioni meteomarine imputabili, in particolare, all azione della risacca o del vento forte. 31,4. A richiesta della SGSC l Utente deve esibire la polizza di assicurazione della propria unità. L'assicurazione deve comprendere e coprire espressamente i seguenti rischi: a) danni di qualunque natura alle opere portuali provocati dall unità, dai suoi passeggeri e dall equipaggio; b) predisposizione piani di recupero e rimozione del relitto in caso di affondamento all interno del MYP o lungo i canali di accesso e transito; c) danni causati a persone e /o cose di terzi all'interno del MYP, compresi anche quelli derivanti dall incendio dell unità e del carburante fuoriuscito dalla stessa. Articolo 32: Registro dei reclami 32,1. Presso la sede della SGSC viene tenuto un registro a per i reclami e le osservazioni degli utenti. 32,2. Qualsiasi reclamo o osservazione può essere effettuato anche per posta o per iscritto indirizzandolo a: SAN GIUSTO SEA CENTER S.P.A. Marina San Giusto Molo Venezia, Trieste Italia numero di fax: (+39) posta elettronica: posta elettronica certificata: Articolo 33: Sanzioni per le violazioni del presente regolamento interno In caso di inosservanza delle disposizioni del presente regolamento interno, il personale della SGSC ha la facoltà di prendere tutte le misure necessarie per far cessare le violazioni nei limiti delle normative vigenti. 33,2 La ripetuta inosservanza degli obblighi contenuti nel presente regolamento interno può essere motivo di revoca da parte della SGSC dell autorizzazione allo stazionamento dell unità nel MYP.

14 33,3. In caso di revoca dell autorizzazione, tutte le somme già corrisposte dall utente, indipendentemente dalla data di scadenza del soggiorno, non verranno rimborsate. (Questa clausola io non l'ho tolta, tuttavia a norma dell'art. 33, lett. g) del Codice del Consumo d. lgs. 206/2005 questa clausola è nulla per la parte che riguarda il mancato rimborso del corrispettivo di prestazioni non ancora erogate. E' da decidere che cosa farne) 33,4 Il proprietario dell unità alla quale è stata revocata l autorizzazione allo stazionamento deve procedere alla rimozione dell unità entro 8 giorni dalla data di notifica del provvedimento inviato dalla SGSC al proprietario a mezzo lettera raccomandata A/R presso il suo indirizzo fornito all'amministrazione. In difetto di rimozione entro il termine suindicato, la SGSC procederà d ufficio alla rimozione dell unità a spese, rischio e pericolo del proprietario. Articolo 34: Legge applicabile e foro competente. Per ogni eventuale controversia che dovesse insorgere tra gli Utenti del MYP e la SGSC in merito alla validità, interpretazione ed esecuzione del presente regolamento viene eletto quale foro territorialmente competente in via esclusiva quello di Trieste. Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente regolamento, si fa riferimento alla legge italiana (Codice Civile, Codice della navigazione, Regolamenti e norme complementari). L'Utente San Giusto Sea Center Le parti dichiarano di aver preso piena ed esatta visione a e cognizione delle obbligazioni precisate nelle sopracitate clausole ed in particolare quella di cui agli artt. 3, 8, 9, 11, 12, 14, 16, 17, 19, 21, 22, 25, 26, 30, 31, 33 e 34 ed ai sensi degli artt e 1342 c.c. dichiarano di approvarla specificamente. L'Utente San Giusto Sea Center *N.B.: Nel contratto di prenotazione dell'ormeggio si dovrà dire che il presente regolamento ne fa parte integrante.

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

PORTO TURISTICO DI PORTOSCUSO PROGETTO DI GESTIONE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO ARTICOLO 1

PORTO TURISTICO DI PORTOSCUSO PROGETTO DI GESTIONE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO ARTICOLO 1 PORTO TURISTICO DI PORTOSCUSO PROGETTO DI GESTIONE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E L USO DEL PORTO ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina l uso del porto turistico di IV classe di Portoscuso nel comune

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A.

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. TITOLO I - NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento ha per oggetto l esercizio e l uso dell approdo turistico, e dei

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

COMUNE DI PONTE TRESA. Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa

COMUNE DI PONTE TRESA. Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa COMUNE DI PONTE TRESA Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa INDICE DEGLI ARTICOLI Pag. CAPITOLO I : SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Art. 1 Scopo 2 Art. 2 Applicazione 2 CAPITOLO II

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA

DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA Premessa Il presente Disciplinare viene emanato in virtù dell atto di concessione demaniale marittima del 10.05.2012, n. 02 del reg. delle concessioni

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA La Società Yacht Club Tevere srl con sede legale in Fiumicino (RM) Via Costalunga n. 21-31 titolare dell atto di concessione per la costruzione e gestione del

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO

REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO Art. 1 - Categorie delle unità da diporto 1.1 - Le unità da diporto, ai fini della applicazione del presente Regolamento,

Dettagli

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica Regolamento Ormeggi in Acque Sociali 1 INDICE REGOLAMENTO ORMEGGI IN ACQUE SOCIALI...3 Parte 1 POSTI BARCA...3

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo ARTICOLO 1 GENERALITA Il presente Regolamento disciplina le modalità di assegnazione, i corrispettivi,

Dettagli

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da diporto, di cui al decreto legislativo del 18 luglio 2005,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO

REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO (entrato in vigore il 26/02/2011 - approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 52

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL PORTO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL PORTO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL PORTO Indice I - NORME GENERALI 1 II - DISCIPLINA DELL ORMEGGIO E DEL TRAFFICO MARITTIMO 2 III - TRAFFICO VEICOLARE E PARCHEGGI 5 IV - SERVIZI 6 V - NORME DI COMPORTAMENTO,

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLA CONCESSIONE DI SPECCHIO ACQUEO PER LA REALIZZAZIONE, L USO E GESTIONE DI ORMEGGI LUNGO IL CANALE MORERI PROSPICIENTE VALLE COVE

Dettagli

Comune di La Maddalena

Comune di La Maddalena Comune di La Maddalena (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA BANCHINA DENOMINATA MEDAGLIE D ORO PREMESSE ARTICOLO 1 - FONTI: Il Comune di La Maddalena ha redatto il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale 27/09/2004, n. 33 Modificato: con deliberazione di Consiglio Comunale 28/04/2014, n. 40 (modifiche art.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Lega Navale Italiana Sezione di Grado REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Il presente regolamento, redatto a seguito delle varianti al Regolamento allo Statuto approvate dal Consiglio Direttivo Nazionale

Dettagli

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN COMUNE DI PREONE Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN Approvato con delibera C.C. n. 30 del 29 giugno 2012 REGOLAMENTO

Dettagli

ORDINANZA N. 16 /2016

ORDINANZA N. 16 /2016 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto TEL.(+39) 0836/801073 - FAX (+39) 0836/805405 - Email: ucotranto@mit.gov.it ORDINANZA N. 16 /2016 LAVORI DI ADEGUAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Capo I Autovetture e ciclomotori di servizio dell Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

AZIMUT SALERNO SOCIETA COOPERATIVA R E G O L A M E N T O

AZIMUT SALERNO SOCIETA COOPERATIVA R E G O L A M E N T O AZIMUT SALERNO SOCIETA COOPERATIVA A)Norme generali R E G O L A M E N T O 1) Il presente regolamento e le relative norme si applicano ai soci della cooperativa Azimut i quali sono tenuti alla stretta osservanza

Dettagli

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA CLUB NAUTICO PESARO REGOLAMENTO PER GLI ORMEGGI E L UTILIZZAZIONE DEI SERVIZI DI BANCHINA Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280)

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) PROT.N. 1248/2012 li 22.03.2012 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NEL PORTO COMUNALE E SULLA RIVA GRANDE SCADENZA

Dettagli

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Art. 1 (Definizione) Il Comune di Monte Argentario, concessionario dei posti di ormeggio in concessione demaniale marittima, gestisce le strutture ed i servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI. Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI. Disposizioni generali REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DEL MUSEO TRIDENTINO DI SCIENZE NATURALI Disposizioni generali Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l utilizzo degli automezzi di rappresentanza

Dettagli

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO Approvato nella seduta del 3 marzo 2010 del Consiglio Direttivo dello YACHT CLUB LIVORNO 1 TITOLO I DEI SOCI Art. 1.1 Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I divieti della navigazione dopo la tragedia umana e marittima della Costa Concordia A cura del dott. Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera A seguito del sinistro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO

COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO COMUNE DI PRECENICCO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE, L'USO E LA GESTIONE DEL PORTO DI PESCAROLA Modificato con delibera di C. C. n 3 del 18/2/2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009

AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009 AUTORITA PORTUALE AUGUSTA ORDINANZA N 04/2009 Il Commissario dell Autorità Portuale di Augusta, CONSIDERATA: VISTA: RITENUTO: VISTI: SENTITO: il D.P.R. 12 aprile 2001 recante istituzione dell Autorità

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

Allegato 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE TITOLO I - NORME GENERALI

Allegato 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE TITOLO I - NORME GENERALI REGOLAMENTO DI GESTIONE Allegato TITOLO I - NORME GENERALI ARTICOLO Il presente Regolamento disciplina l'uso delle infrastrutture portuali e la somministrazione di servizi nel Porto Turistico denominato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI AUTOVETTURE E CICLOMOTORI IN DOTAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l'utilizzo

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA CIRCOLO AUTICO ASTO Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in asto (CH) GRUPPO SPORTIO C DIPORTISTI AUTICI DI PUTA PEA Regolamento Circolo autico asto Gruppo Sportivo C Diportisti autici Punta

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEGLI ORMEGGI

ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEGLI ORMEGGI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI NEGLI SPECCHI D ACQUA DEL DEMANIO MARITTIMO IN REGIME DI CONCESSIONE AL COMUNE (FRAZIONI DI PORTO VENERE, LE GRAZIE E FEZZANO). ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI.

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI. PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI. 1. Sfera di Applicazione... 1 2. Pubblicità del Regolamento... 2 3. Sanzioni... 2 4. Piano degli Ormeggi... 2 5. Imbarcazioni

Dettagli

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola di Giannutri e ritorno ORARI 2011 Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola del Giglio e ritorno MAREGIGLIO Compagnia di Navigazione Via Umberto 1, 22 58013

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, DELLA CIRCOLAZIONE E DELLA SOSTA DEI VEICOLI NEL PORTO DI NAPOLI NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Accesso, circolazione e sosta in porto dei veicoli e dei

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NELL APPRODO DI PIAZZALE LEONARDO DA VINCI IN IMBERSAGO. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TERRITORIO E AMBIENTE Visto il regolamento Comunale del Demanio per la

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - PRIVATI Nome Cognome indirizzo c.a.p. località C.F. Email Telefono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO DELL'ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA-ROMAGNA BRUNO UBERTINI. Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Vista la legge 11 febbraio 1971, n. 50, e successive modificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO approvato con delibera consiliare n. 055 del 29.11.2011 articolo pagina ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN AFFITTO D AZIENDA DELLA GESTIONE DEL BAR DI PROPRIETA COMUNALE SITUATO PRESSO IL CENTRO CULTURALE ELISA

Dettagli

C:\temp\Regolamento.doc. Residenze Universitarie Alberti ANNO ACCADEMICO 2009/2010 REGOLAMENTO

C:\temp\Regolamento.doc. Residenze Universitarie Alberti ANNO ACCADEMICO 2009/2010 REGOLAMENTO Residenze Universitarie Alberti ANNO ACCADEMICO 2009/2010 REGOLAMENTO 1 Indice NORME GENERALI ASSEGNAZIONE E REVOCA DEL POSTO ALLOGGIO 3 Art. 1. Regole di comportamento in collettività 3 Art. 2. Presa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA DARSENA

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA DARSENA COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO COMUNALE DELLA DARSENA SOMMARIO DEFINIZIONI E PREMESSE NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Applicazione Art. 3 Modifiche

Dettagli

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Art. 1 (Principi generali) 1. L Ente Parco disciplina l utilizzazione degli automezzi in dotazione in sintonia

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 1/09/2009) 2 Art. 1 Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2015/M/09036 Del: 26/08/2015 Esecutiva da: 26/08/2015 Proponente: Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità,Posizione Organizzativa (P.O.) Traffico e Provvedimenti viabilita'

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009

REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009 REGOLAMENTO ORMEGGI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 23.12.2009 ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dell'uso degli impianti di catenaria, dei moli,

Dettagli

Sviluppo Turistico Lerici Srl

Sviluppo Turistico Lerici Srl Sviluppo Turistico Lerici Srl Relazione elaborata per la ditta esterna CONSORZIO STABILE S.G.M., che esegue il servizio di TRAGHETTAMENTO per gli anni 2016 2017. APPLICAZIONE DELL ART. 26 COMMA 3 LETTERA

Dettagli

AZIENDA PORTO COMUNALE

AZIENDA PORTO COMUNALE AZIENDA PORTO COMUNALE REGOLAMENTO PORTI COMUNALI A. Azienda comunale porto brissago... 3 I. Scopo e costituzione... 3 Art. 1 Scopo... 3 Art. 2 Stato giudico... 3 II. Organizzazione... 3 Art. 3 Organi...

Dettagli

Regolamento d esercizio

Regolamento d esercizio Regolamento d esercizio Edizione 2011 INDICE 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Campo d applicazione...3 2. CATEGORIE DEI NATANTI E DEGLI ATTRACCHI...3 2.1. Categorie dei natanti...3

Dettagli

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI GIORGIO CHIMENTI A B C dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008 e del D.Lgs. n. 272/1999 1 A B C dell antincendio nei PORTI TURISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI Comune di Desenzano del Garda PROVINCIA DI BRESCIA Settore Ecologia REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI ACQUEI NEI PORTI E NEGLI APPRODI Approvato con deliberazione di C.C. n.. del..

Dettagli

PORTO TURISTICO DI LA CALETTA REGOLAMENTO INTERNO

PORTO TURISTICO DI LA CALETTA REGOLAMENTO INTERNO PORTO TURISTICO DI LA CALETTA (COMUNE DI SINISCOLA COMUNE DI POSADA) REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 PREMESSA 1.1. FONTI I Comuni di Siniscola e di Posada hanno redatto il presente Regolamento Interno per

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE. Art. 1

OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE. Art. 1 OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE Art. 1 Il Comune di Bagno a Ripoli, avvalendosi della facoltà attribuita dall art. 354 del D.P.R. 16.12.92 n. 495, affida in

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

1 - OGGETTO DELL APPALTO

1 - OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Appalto ha ad oggetto il servizio di noleggio di bagni chimici, occorrenti ad AMA S.p.A. durante eventi pubblici quali feste, manifestazioni culturali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE BARCHE SOCIALI Articolo 1 La sezione della L.N.I. di Otranto dispone di diversi mezzi nautici elencati e registrati in apposito registro (art. 6 del Regolamento Gruppo Sportivo

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Marina & Yacht Service Center LISTINO PREZZI. 43 30 40 N 16 14 40 E VHF: 17 ch

Marina & Yacht Service Center LISTINO PREZZI. 43 30 40 N 16 14 40 E VHF: 17 ch Marina & Yacht Service Center LISTINO PREZZI 43 30 40 N 16 14 40 E VHF: 17 ch LISTINO PREZZI Marina Trogir listino prezzi in EURO: ormeggio in mare LOA * Larghezza Annuale Stagionale Mensile Abbinato Giornaliero

Dettagli

Ministero dei Trasporti Capitaneria di Porto di Napoli

Ministero dei Trasporti Capitaneria di Porto di Napoli Ordinanza CP n. 115 /2007 Ordinanza AP n. 17/2007 Il Presidente dell'autorità Portuale di Napoli e il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Napoli VISTI VISTO la legge 28/1/1994, n.

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli