LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione di Savona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione di Savona"

Transcript

1 LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione di Savona SEDE NAUTICA - NORMATIVA GENERALE ( edizione approvata dall Assemblea dei Soci 22/02/09 Rev. Assemblea 26/02/12 Art. 4-n ) 1 - Definizioni a) La Sede Nautica comprende: il salone ritrovo, la darsena Miramare, la banchina Miramare, la darsena Funivie con le relative attrezzature, il capannone ricovero imbarcazioni col relativo carro-ponte, il piazzale con gru e verricelli, i locali stipetti delle darsene Miramare e Funivie, il locale deposito motori, il locale deposito attrezzi, gli uffici segreteria, la guardiola, il container, i locali archivio e i servizi igienici sia Miramare che Funivie. L'insieme di tutte le strutture citate viene definito "Servizi Sociali". b) I seguenti Servizi Sociali possono essere dati in uso ai Soci (Benemeriti, Vitalizi, Sostenitori e Ordinari) in Concessione personale annuale: - Posti barca darsena Miramare e Funivie - Posti barca nel capannone - Posti barca nei piazzali (gozzi, motoscafi, derive, gommoni, canoe). - Locali stipetti Miramare e Funivie - Locale motori. c) I rimanenti Servizi Sociali sono utilizzati dai Soci della Sezione che frequentano la Sede Nautica ad esclusione dei locali: Segreteria, Archivio, Guardiola, e Container che sono destinati rispettivamente ai componenti delle strutture direttive, agli addetti alla Sede Nautica e ai servizi generali. 2 - Finalità del Regolamento In armonia con quanto stabilito dallo Statuto e dal Regolamento Generale della Lega Navale Italiana lo scopo della normativa è quello di promuovere ed incentivare l'attività societaria in tutte le sue manifestazioni (sportive, sociali, culturali) anche disciplinando l'uso dei Servizi Sociali e la frequenza della Sede Nautica da parte di tutti i Soci. I Soci sono tenuti ad adoperarsi per favorire il conseguimento degli scopi istituzionali, sia aderendo ad uno dei gruppi sportivi della Sezione all atto dell iscrizione, e quindi sostenendone fattivamente il programma, sia collaborando all attività associativa della Sezione e/o dei gruppi sportivi, regolata dalla graduatoria di merito. Nel caso di adesione a più gruppi sportivi, occorre indicare quello di riferimento principale, per fini statistici. L eventuale contributo alle spese del Gruppo Sportivo per i soci sostenitori, che prendono parte alle attività organizzate dal gruppo, non è obbligatorio per i soci simpatizzanti. 3 - Graduatoria di merito a) Poichè lo Statuto della Lega Navale Italiana impone a tutti i Soci di partecipare attivamente alla vita della Sezione, la creazione di una graduatoria di merito, assoluta e aperta a tutti i Soci, risponde all'esigenza di poter valutare in termini precisi e numerici, quindi oggettivi, la partecipazione di ciascuno all'attività sociale finalizzata al raggiungimento degli obiettivi statutari della L.N.I. b) Gli elementi che concorrono alla formazione della graduatoria di merito sono stabiliti al paragrafo A.1 della Normativa Particolare. c) I Soci che non svolgono attività valida per la graduatoria appariranno comunque nella lista assoluta con i soli punteggi istituzionali (v. A.1 Normativa Particolare) con tutti i diritti. d) I punteggi maturati al 31 dicembre di ogni anno formano la graduatoria valida per tutto l'anno successivo. e) La perdita della qualifica di Socio determina la decadenza dalla graduatoria e la perdita di tutti i punti acquisiti. 4 - Concessione dei Servizi Sociali in uso personale a) I Servizi Sociali di cui al par. 1b sono concessi ai Soci in uso personale e annuale in base alla graduatoria di merito proprio per i criteri di oggettività con i quali è formata. La graduatoria di merito è utilizzata secondo le Norme stabilite dal par.a della Normativa Particolare. b) La Concessione è personale e non può essere oggetto di vendita o cessione ad altro titolo per nessun motivo e può essere usata solo da familiari in linea diretta o collaterale iscritti alla L.N.I.. c) A ciascun Socio non può essere concesso più di un Servizio Sociale della stessa categoria. d) Il Socio che diventi titolare di concessione d' uso del servizio di posto barca, ha un anno di tempo per occuparlo pagando i relativi contributi e dovrà comunicare alla C.S.N. la data in cui intende occupare il servizio, con 15 giorni di preavviso. e) La Concessione di un qualsiasi posto-barca nelle pertinenze della Sezione non può essere data/mantenuta al Socio che possieda altra concessione di posto-barca nel porto di Savona (come da Regolamemto dell Autorità Portuale). f) In caso di decesso del titolare la Concessione è rinnovata, previa richiesta scritta presentata entro 3 mesi dall' evento, a favore di un erede legittimo entro il secondo grado e che sia Socio da almeno tre anni al momento del decesso del titolare. 1

2 g) Società nelle barche Eventuali società nella proprietà delle barche potranno essere ratificate a condizione che siano dimostrate dalla registrazione delle singole carature sulla licenza di navigazione per le imbarcazioni, o da dichiarazione notoria per i natanti. I soci del titolare della concessione non acquisiscono alcun diritto sulla concessione stessa, se non quello dell utilizzo, a condizione che ciascuno sia in regola con il tesseramento Il titolare della concessione deve utilizzare il Servizio con continuità pena la revoca della concessione stessa. Il titolare della concessione deve preventivamente comunicare al C.D. il/i nominativo/i di chi intende entrare in società nella proprietà della barca. Per ottenere la ratifica, al titolare della concessione e ai soci nella proprietà della barca verrà chiesta una dichiarazione scritta di conoscenza e di accettazione del presente articolo. h) Il Socio, titolare di concessione, che perda o venda la propria imbarcazione, può mantenere la concessione per un anno senza utilizzare il servizio, a condizione che al momento della perdita o della vendita confermi per iscritto l'impegno a riutilizzare il servizio alle condizioni pre-esistenti, versando comunque i relativi contributi. i) Le concessioni annuali saranno rinnovate automaticamente salvo disdetta motivata e scritta da parte del C.D. o da rinuncia del concessionario. l) Qualora il Socio concessionario desideri, in modo eccezionale e non continuativo, prestare la propria imbarcazione ad un altro Socio, è tenuto a compilare l'apposito modulo (v. Normativa particolare). m) Motivate esigenze tecniche, organizzative, gestionali consentono di imporre all'usuario lo spostamento del Servizio in uso nell'ambito delle singole pertinenze. Il C.D. può anche disporre, con l'assenso del Socio concessionario, lo spostamento da una pertinenza all'altra. n) Tutte le unità dei soci ormeggiate o alate in secco presso la sezione, oltre ad essere fornite del contrassegno dell assicurazione obbligatoria R.C., devono essere assicurate contro i danni derivanti da eventi di forza maggiore, contro il furto (sia totale che parziale) e l incendio. All atto dell assegnazione del posto barca, il socio deve firmare una dichiarazione di essere a conoscenza ed accettare che la concessione del posto barca non implica, in alcun caso, la presa in custodia dell unità da diporto da parte della sezione e pertanto essa resta in affidamento del proprietario titolare dell assegnazione. Gli assegnatari, prima dell occupazione del posto e all atto del rinnovo annuale, dovranno consegnare fotocopia della suddetta polizza assicurativa, con validità per tutto il periodo dell assegnazione del posto. Coloro i quali saranno sprovvisti di tali coperture assicurative non potranno essere assegnatari di posto barca. 5 - Clausole particolari per il rilascio della Concessione All'atto della concessione il Socio concessionario di un qualsiasi servizio è tenuto a sottoscrivere le seguenti clausole particolari, che fanno parte integrante della concessione stessa: a) il concessionario dichiara di essere a conoscenza del Regolamento Sede Nautica e di accettarlo senza riserva alcuna b) la Concessione d'uso è rilasciata per l'anno sociale in corso, scadrà entro il 31 dicembre di ciascun anno e sarà rinnovata automaticamente salvo: 1) - disdetta inviata dal beneficiario al C.D. della sezione a mezzo R.R. entro il di ciascun anno; 2) - revoca della concessione comunicata a mezzo R.R. dal C.D. al concessionario entro il di ciascun anno, secondo le norme previste dal Regolamento Sede Nautica Normativa Particolare. c) in caso di rinuncia o revoca della Concessione d'uso, il beneficiario si impegna a rimuovere i beni di sua proprietà (barca, motore, vestiario, ecc.) entro trenta giorni dalla comunicazione. In difetto del che la C.S.N. è autorizzata a rimuovere le cose stesse nel modo meglio visto onde rendere disponibile il Servizio per altri Soci. Le spese occorrenti sono comunque a carico del beneficiario della Concessione, il quale si impegna fin d'ora a rifonderle a semplice richiesta documentata. d) il beneficiario è a conoscenza che la concessione d'uso di posto barca nella Darsena Funivie ( vedi mappa allegata ) presenta limitazioni di uso e che tali limitazioni riducono il contributo associativo del 25% circa rispetto al contributo associativo di base e accetta la concessione senza riserve per l'intera durata della concessione stessa. e) è a conoscenza delle disposizioni della C.P. circa l'utilizzo delle aree portuali sia per lo stazionamento che per la navigazione. nota bene: il concessionario dovrà firmare, per ulteriore specifica accettazione, il disposto dell' art.5-c. 6 - Contributi Associativi a) Il contributo associativo annuale viene stabilito dal C.D. per ogni tipo di Servizio compreso quello relativo al tesseramento. Tali contributi devono essere pagati interamente entro la data stabilita dal C.D.. b) In caso di ritardo nel pagamento è dovuta un'indennità di mora stabilita dal C.D. c) Il pagamento è dovuto per intero anche se la qualifica di Socio e/o di titolare di concessione di qualsiasi Servizio Sociale venga a cessare per qualsiasi motivo in qualsiasi periodo dell'anno. d) I contributi associativi a seguito delle concessioni per uso personale dei Servizi Sociali sono dovuti in tanti dodicesimi della quota annua in relazione alla data della concessione. e) Per ogni concessione d'uso deve essere versata una quota di entratura a fondo perso stabilita dal C.D. per ciascun anno sociale. 2

3 7 - Revoca della/delle concessioni di Servizi Sociali L'uso dei Servizi Sociali disponibili per tutti i Soci e quelli dati in concessione personale costituiscono, comunque, un riconoscimento per la partecipazione di ciascuno alla vita della Sezione per il raggiungimento degli obiettivi statutari. Sono pertanto motivo di revoca della/delle concessioni, oltre a quelli stabiliti dallo Statuto e dal Regolamento Nazionale della L.N.I., uno o più dei seguenti motivi: a) la perdita della qualifica di Socio (vedi art. 21 ) b) il mancato utilizzo con continuità dei Servizi Sociali in concessione, salvo cause motivate per iscritto e accettate dal C.D. (vedere art. R della Normativa Particolare: Rilevazione oggettiva della attività continuativa ). Le cause di forza maggiore non potranno essere addotte nel caso delle società nella proprietà delle barche. c) il ripetuto rifiuto, non motivato, di mettersi a disposizione sia personalmente che con la propria imbarcazione o attrezzatura per collaborare all' organizzazione e alla realizzazione di Manifestazioni Sociali, Culturali, Sportive della Sezione d) il mancato versamento dei contributi associativi, ivi comprese le indennità di mora entro la data del 30/09 di ogni anno e) il mancato pagamento dei contributi associativi e delle eventuali quote di entratura a fondo perso contestualmente al rilascio della concessione del/dei Servizi Sociali f) la mancata tenuta in buone condizioni di efficienza e di navigabilità della propria imbarcazione g) la mancata occupazione e/o utilizzo del/dei Servizi Sociali entro un anno dalla data della Concessione h) l'utilizzo della Concessione in difformità da quanto stabilito dalla Concessione stessa, con particolare riferimanto alle dimensioni e alla allocazione i) la mancata riutilizzazione della Concessione entro un anno dalla perdita o vendita dell'imbarcazione l) il mancato rispetto delle disposizioni della C.S.N. riguardanti qualità e dimensione degli ormeggi delle barche, dei parabordi e delle sospendite (v. art.11). m) il mancato indennizzo dei danni causati dal concessionario ad altri Soci od alla Sezione. n) il mancato conseguimento di almeno 1 punto di attività nella Graduatoria di merito di ogni anno. 8 - Inadempienze. Il C.D. ha l'obbligo di segnalare per iscritto ai Soci le inadempienze sanabili attraverso la modifica dei comportamenti. Il Socio che non adegui i suoi comportamenti entro 30 giorni incorrerà nella revoca immediata e definitiva delle Concessioni d'uso di Servizi Sociali. 9 - Comunicazione della revoca - Ricorsi a) la revoca di Concessione d'uso personale è comunicata ai Soci interessati a mezzo R.R. su decisione del C.D. e relativa motivazione. b) il Socio interessato può, entro 15 giorni dal ricevimento della revoca, inviare a mezzo R.R., ricorso scritto al collegio dei Probiviri. c) Il collegio dei Probiviri accerterà le contestate violazioni e quindi la legittimità o meno della revoca stessa. La decisione dei Probiviri è inappellabile Rinuncia definitiva o temporanea di Concessione a) Il Socio che intende rinunciare definitivamente a una qualsiasi Concessione informa la Commissione Sede Nautica mediante lettera. b) Il Socio che decida di non utilizzare la Concessione d'uso per un periodo compreso tra i 7 giorni e i tre mesi lo comunica alla C.S.N. mediante lettera indicando le date in cui non utilizzerà il Servizio. Il mancato utilizzo del Servizio non esime il beneficiario dal pagamento dei contributi sociali. La C.S.N. ha facoltà di assegnare temporaneamente quel Servizio ad altri Soci (v. art.11) La Commissione Sede Nautica Il C.D. nomina una Commissione Sede Nautica composta da tre membri di cui almeno uno scelto tra i Consiglieri in carica che, in questo caso, avrà le funzioni di Presidente della C.S.N. stessa. La Commissione Sede Nautica, nell'ambito della Normativa Generale e della Normativa Particolare del Regolamento Sede Nautica, ha il compito di garantire l'efficiente ed efficace utilizzo degli spazi disponibili nelle Darsene, nel Capannone, nei Piazzali e in Banchina. A questo scopo la Commissione Sede Nautica: a) definisce le dimensioni e le allocazioni dei Servizi da dare in Concessione. b) può avvalersi dell'aiuto di Soci volontari ai quali potrà demandare determinati incarichi. c) gestisce l'occupazione dei Servizi Sociali temporeneamente disponibili da assegnare a Soci in base a criteri di rotazione che tengano conto della graduatoria di merito d) ha facoltà, stante la precaria utilizzazione della darsena Funivie, di richiedere la disponibilità, che non può imporre, dei Soci proprietari di imbarcazioni, titolari di Concessione nella Darsena Miramare, a trasferirsi temporaneamente nella Darsena Funivie nel caso in cui, proprietari di imbarcazioni ormeggiate nella darsena Funivie, dovendo partecipare a manifestazioni organizzate dalla Sezione o per altre motivate esigenze, desiderino un ormeggio temporaneo nella Darsena Miramare. Ciò con criteri di rotazione che tengano conto della graduatoria di merito. 3

4 e) ha il compito di proporre al C.D., per motivate esigenze tecnico-organizzative e gestionali, lo spostamento definitivo di concessione nell'ambito delle singole pertinenze della Sezione ( Darsena Miramare, Darsena Funivie, Stipetti Miramare, Stipetti Funivie, Piazzale con scivolo e verricello, Piazzale con gru, Capannone ). f) ha la facoltà, per particolari esigenze temporanee, ( alaggi, vari, manifestazioni e lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione alle strutture) di disporre il provvisorio spostamento dei posti in concessione. L'eventuale spostamento delle imbarcazioni deve essere eseguito a cura del concessionario, salvo delega dello stesso a persona di sua fiducia o alla C.S.N. stessa. La necessità di effettuare lo spostamento sarà comunicata al concessionario con congruo anticipo, salvo casi di emergenza, nella quale ipotesi, in caso di mancato immediato reperimento del titolare, la C.S.N. provvede direttamente allo spostamento, fermo restando il disposto dell'art.15. g) controlla che i concessionari utilizzino il servizio secondo le norme stabilite con particolare riferimento alle misure previste dalla concessione segnalando tempestivamente al C.D. le inadempienze. h) definisce le misure minime degli ormeggi, delle sospendite e dei parabordi cui i soci concessionari devono uniformarsi, mantenendo comunque la responsabilità della loro efficacia. i) verifica lo stato di efficienza degli ormeggi, dei parabordi e delle sospendite e può imporre la loro sostituzione in caso di usura. l) può richiedere ai titolari di concessione la dimostrazione dei titoli di proprietà dell'imbarcazione in caso di società. m) controlla l'attività nautica dei soci concessionari dei servizi sociali in concessione personale Ospiti I soci possono invitare ospiti a frequentare la sede nautica purchè la cosa non assuma carattere di continuità e firmino l'apposito modulo di manleva, anche a fini assicurativi, indicando nome e cognome dell'ospite e data Orario. L'orario di apertura della sede nautica viene stabilito dal C.D. e affisso nella apposita bacheca Obblighi del personale addetto alla Sede Nautica Il personale coadiuverà, negli orari di apertura della S.N., il Socio nelle operazioni di ormeggio, sollevamento, alaggio, ma non avrà verso il Socio assegnatario altri obblighi Responsabilità a) La Sezione di Savona della L.N.I. non assume alcuna obbligazione e responsabilità inerente la custodia delle imbarcazioni, dei motori, delle apparecchiature, degli attrezzi e oggetti personali lasciati nelle imbarcazioni e/o nell'ambito della Sede Nautica. b) La Sezione non risponde di eventuali danni che, per qualsiasi causa, dovessero subire le imbarcazioni ormeggiate o ricoverate nei piazzali, nel capannone, nè del furto delle medesime o sulle medesime Assicurazione Tutti i proprietari di imbarcazione e natante devono essere coperti da assicurazione R.C Contenzioso Rimostranze, lamentele, ecc. devono essere presentate per iscritto e firmate esclusivamente alla C.S.N. Solo in queste condizioni la C.S.N. provvede ai necessari accertamenti affinchè il C.D. possa prendere adeguati provvedimenti Normativa Particolare Le modalità di utilizzo specifico di tutti i Servizi Sociali, di formazione e gestione della graduatoria di merito, il prestito della propria imbarcazione sono regolamentati da una " Normativa Particolare " ( v.) che fa parte integrante del presente regolamento e la cui osservanza è dovere sia degli organi dirigenti della Sezione che dei singoli Soci Funzione e facoltà del C.D. a) E' tra le funzioni principali del C.D. rispettare e far rispettare integralmente questo Regolamento. b) Il C.D. ha facoltà di deliberare su problemi non previsti dal presente Regolamento Osservanza del Regolamento a) Il Regolamento è approvato dalla Assemblea Generale dei Soci, pertanto ciascun Socio assume l'obbligo di rispettarlo e di farlo rispettare. b) I nuovi soci, al momento della iscrizione prendono visione del regolamento e rilasciano firma di accettazione, sul modulo di richiesta di iscrizione. c) E' causa di revoca della qualifica di Socio intentare azione legale contro la L.N.I. senza avere prima tentato la composizione attraverso il collegio dei Probiviri (v. art. 8c). 4

5 21 - Perdita della qualifica di Socio e ripristino dell' anzianità Ai sensi dell Art. 9-2 del Regolamento (nazionale) allo Statuto L.N.I., il Socio che perda tale qualifica per non avere pagato la quota associativa annuale entro il 30 settembre di ciascun anno, senza giustificato motivo, non può reiscriversi alla L.N.I. come nuovo socio nell anno in cui è cessato. La ricostituzione della anzianità di Socio L.N.I. prevista dall Art.7-7 secondo comma del Regolamento naz.le consente il recupero dei punteggi istituzionali previsti al pararagrafo A.1.1 della Normativa particolare, ma non di quelli previsti ai paragrafi A A.1.3 della stessa normativa, relativi alla attività associativa. Comunque, il ripristino della anzianità pregressa relativa alla durata dell' interruzione della associazione alla L.N.I. non consente il recupero di diritti e/o concessioni di servizi sociali che decadono in modo definitivo contestualmente alla perdita della qualifica di Socio Validità del Regolamento La presente edizione del Regolamento e successive modifiche annulla e sostituisce le versioni precedenti al 22/02/

6 LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione di Savona SEDE NAUTICA - NORMATIVA PARTICOLARE ( edizione approvata dall Assemblea dei Soci 22/02/09 ) A) - Modalita' di formazione e utilizzazione della graduatoria di merito A-1) Elementi che concorrono alla formazione della graduatoria: A-1.1) Punteggi istituzionali di anzianita' di iscrizione alla Lega Navale Italiana: 0,5 punti/anno. A-1.2) Punteggi attivita' associativa: a) partecipazione a gare sportive o manifestazioni: 0,2 punti / gara o manifestazione. b) assistenza generica locale a gare o manifestazioni organizzate dalla Sezione:....0,1 punti/ora. c) assistenza locale a gare o manifestazioni con la propria imbarcazione e/o attrezzature:...0,2 punti/ora. d) istruttori non remunerati:...0,1 punti/ora. e) realizzazione, gestione e partecipazione a particolari manifestazioni di carattere sportivo, culturale o sociale, organizzate dalla L.N.I. o da altri Enti o Associazioni, su proposta motivata dal responsabile con decisione del Presidente:....da 0,2 a 3 punti. A-1.3) Punteggi attivita' nelle strutture direttive e di controllo: a) Direttori tecnici e consiglieri dei Gruppi Sportivi, coadiutori comitati permanenti e commissioni :. 0,5 punti/anno. b) Revisori dei conti e ProbiViri : 1,5 punti/triennio. c) Membri del Consiglio Direttivo :.. 3 punti/triennio. A-2) Tetto massimo, Non cumulabilità, Retroattività a) Indipendentemente dall' attività svolta, per ogni anno viene riconosciuto un tetto massimo di 9 punti. I punti di merito acquisiti da un Socio oltre i 9 riconosciuti, vengono accreditati all anno successivo. b) Non sono cumulabili i punteggi ottenuti da 2 o più Soci. c) I punteggi istituzionali di anzianità di iscrizione alla Lega Navale Italiana (senza soluzione di continuità, salvo ripristino dell' anzianità degli eventuali periodi di interruzione - vedi Art. 21 Normativa Generale) e quelli maturati nelle strutture direttive hanno valore retroattivo. A-3) Modalità di acquisizione e gestione dei punteggi a) Le collaborazioni per l' organizzazione e l' assistenza alle manifestazioni vengono fornite dai Soci che aderiscono alle richieste esposte in bacheca e, se necessario, su chiamata diretta del responsabile. b) La partecipazione a gare o campionati verrà registrata a cura del Consigliere agli Sport o da suo delegato. c) Tutti i rapporti sulle collaborazioni e sulle partecipazioni verranno esaminate dal C.D. che ha facoltà di recepire le proposte dei singoli responsabili o di modificarle per uniformarle a un metro omogeneo di valutazione, in base al disposto dell' articolo A.1. d) In base agli elementi che concorrono alla formazione della graduatoria (vedi A.1) il Segretario aggiorna progressivamente la graduatoria. e) La graduatoria aggiornata al 31/12 di ogni anno, verrà esposta in bacheca. I Soci potranno verificare la completezza dei propri punteggi e segnalare discordanze entro 30 giorni dall' esposizione. f) Il C.D. valuta le segnalazioni e disporrà a suo insindacabile giudizio, basato comunque sul disposto dell'art. A-1. A-4) Modalità di assegnazione dei servizi sociali a) Su proposta della CSN e su delibera del C.D. viene data comunicazione ai Soci, con esposizione in bacheca, della disponibilità dei servizi sociali definendone qualità e localizzazione. b) La dimensione dei posti barca è indicata con una dimensione massima occupabile in lunghezza, larghezza e pescaggio, con una tolleranza in meno pari al 5% della lunghezza massima e al 10% della larghezza massima ove, per lunghezza e larghezza si intende: - lunghezza fuori tutto dell' imbarcazione comprese tutte le appendici quali il supporto del motore fuori bordo, i motori f.b., i gruppi poppieri, le plancette, le gruette, gli spoiler, le delfiniere, i buttafuori, i pulpiti, ecc. - larghezza misurata al massimo ingombro esclusi i parabordi. c) entro 30 giorni dall' esposizione in bacheca, ogni Socio interessato al/ai servizio/i in assegnazione comunica alla C.S.N. a mezzo lettera raccomandata, la cui data postale vale per l' ammissibilità entro i termini, l' intenzione di avvalersi dell'uso dei Servizi Sociali disponibili. d) entro 60 giorni dall' esposizione in bacheca, la C.S.N., prendendo in considerazione tutte le richieste pervenute entro i termini, provvede all' assegnazione in base alla graduatoria di merito aggiornata al 31/12 dell'anno precedente, rispettando le priorità stabilite dall' art. A-6. 6

7 e) Il C.D. (in seguito a regolare delibera da esporre in bacheca) comunica al Socio con il maggior punteggio l'assegnazione dell'uso del o dei servizi richiesti mediante lettera che indica: - la qualità e ubicazione del servizio concesso; - le dimensioni massime e minime con le quali è possibile occupare il posto barca; - il contributo associativo per l' assegnazione di stipetto o posto motore; - il contributo associativo annuo e la quota di entratura, entrambi calcolati sulle dimensioni massime (da conguagliare successivamente in base alle dimensioni effettive comprese nella tolleranza ); - le clausole particolari di cui all' art. 5 del Regolamento Generale. f) La concessione decorrerà dalla data della lettera di assegnazione; g) Il Socio, entro 15 giorni dalla lettera di assegnazione, deve formalizzare presso la Segreteria della Sezione l'accettazione consegnando la copia della lettera firmata e il versamento del contributo associativo stabilito. h) La concessione di posto barca diviene comunque definitiva solo nel momento in cui il Socio occupa il posto assegnato con la propria imbarcazione, che viene misurata dalla C.S.N. alla presenza del titolare. i) Dimensioni diverse da quelle minime e massime indicate determinano la revoca immediata della concessione, che comporta la perdita dei soli contributi associativi annuali versati. l) Con le misure effettive, vengono ricalcolati il contributo associativo annuo e la quota di entratura, soggetti a conguaglio, se necessario. m) La concessione viene comunque ratificata con le dimensioni effettive dell'imbarcazione (dimensioni della concessione = dimensioni per la definizione del contributo associativo annuo). n) Il contributo annuale e la quota di entratura a fondo perso per la concessione di posti barca a Soci già titolari, sono conguagliati in base alla differenza delle dimensioni, con la tariffa dell' anno in corso. o) In caso di assegnazione di posto barca a Soci già titolari di concessione, ma con dimensioni diverse, se si tratta di: 1 - variazioni dimensioni in aumento, il titolare occupa con la vecchia imbarcazione il nuovo posto versando i contributi di cui all' art. A.4.e, fino al momento in cui occuperà la concessione con la nuova imbarcazione; ciò con il limite previsto di un anno (vedi art. 4.d Norm.Gen.); 2 - variazioni dimensioni in riduzione, il titolare potrà occupare la vecchia concessione versando i contributi relativi al vecchio posto fino al momento in cui occuperà la nuova concessione con la nuova imbarcazione, ciò con il limite previsto di un anno (vedi art. 4.d Norm.Gen.). A-5) Consumo dei punteggi a) I punteggi istituzionali (anzianità di Socio L.N.I.) non vengono mai consumati e concorrono sempre a formare il punteggio totale valido per la graduatoria. b) L' assegnazione del posto barca determina un consumo dei punteggi di merito acquisiti secondo le caratteristiche costruttive dell' imbarcazione e/o del posto barca: -negli specchi acquei per barche semicabinate, cabinate, pontate:..100%. -negli specchi acquei per barche non semicabinate, non cabinate, non pontate: 90%. -nei piazzali per barche semicabinate, cabinate, pontate senza motore entrobordo:...90%. -nei piazzali per barche non semicabinate, non cabinate e non pontate, senza motore entrobordo: 80%. A-6) Priorità Per ogni ciclo di assegnazione: a) stipetti: - i titolari di concessione d' uso presso la Darsena Funivie, proprietari di imbarcazioni non cabinate, non semicabinate, non pontate, hanno la priorità, a prescindere dai punteggi su tutti gli altri richiedenti l'uso di stipetti nella Darsena Funivie - i titolari di concessione d' uso sui piazzali, proprietari di imbarcazioni non semicabinate, non cabinate, non pontate, hanno la priorità, a prescindere dai punteggi, su tutti gli altri richiedenti l'uso di stipetti nella Darsena Miramare b) posti motore: - i titolari di concessioni sui piazzali (gozzi, gommoni, motoscafi, derive), proprietari di barche prive di motori entrobordo hanno la priorità, a prescindere dai punteggi, su tutti gli altri richiedenti. A-7) Assegnazione in caso di parità di punteggi a) a parità di punteggi totali, l' assegnazione è fatta al Socio con maggiore anzianità di iscrizione alla L.N.I. (punti istituzionali). b) in caso di ulteriore parità, l' assegnazione è effettuata dalla C.S.N. con estrazione a sorte, alla presenza dei Soci interessati. B) Uso posto barca nel Capannone B-1) Dotazioni delle imbarcazioni - Il Socio assegnatario deve munire l'imbarcazione di golfari o lande e sospendite regolarmente collaudate per il sollevamento dell'imbarcazione nonche' dei relativi cavi per facilitare la manovra. 7

8 B-2) Manutenzione posto barca - Il posto barca deve essere mantenuto sempre in perfetto stato di ordine e pulizia. B-3) Sistemazione attrezzi - Attrezzi ed accessori dell'imbarcazione devono essere tenuti nei posti a loro assegnati o dentro la barca stessa. In ogni caso non devono ingombrare i posti adiacenti. La C.S.N. ha la facoltà di eliminare eventuali ingombri. B-4) Combustibili e liquidi infiammabili - E' proibito tenere nel capannone qualsiasi tipo di liquido infiammabile e scorte di benzina ad esclusione della quantita' contenuta nei serbatoi regolamentari. B-5) Movimentazione del carro-ponte - Le movimentazioni del carro-ponte devono essere compiute dal personale designato dalla C.S.N. ed eseguite in presenza del Socio utente, e possono essere eseguite dai Soci Volontari e dai Soci incaricati dai Gruppi Sportivi, secondo le seguenti modalità: - Soci Volontari: su specifica richiesta, i titolari di posto barca nel capannone possono essere autorizzati alla movimentazione nel rispetto delle norme riportate in appendice 1. - Soci incaricati dai Gruppi Sportivi: l' accesso al capannone e l' autogestione del carro ponte è esteso ai gruppi sportivi che ne siano interessati, limitatamente a un massimo di tre associati a ogni G.S.,nel rispetto delle norme riportate in appendice 2. - Per i Soci che non desiderano movimentare personalmente il carro ponte, le operazioni dovranno essere eseguite esclusivamente dalle persone designate dalla C.S.N. e/o dal personale di sede negli orari di servizio previsti, ciò sempre in presenza del Socio ritolare del posto barca. B-6) Durante le operazioni di movimentazione del carro-ponte è vietato transitare sotto il carico sospeso e sostare nell'area operativa del carro-ponte. B-7) Precedenze - Le imbarcazioni che scendono in mare hanno la precedenza rispetto a quelle che stanno rientrando. B-8) Lavaggio imbarcazioni - Le imbarcazioni possono essere lavate o pulite solamente all'esterno del Capannone. B-9) Lavori di manutenzione - Non sono ammessi nel capannone lavori di manutenzione o riparazione. B-10) Responsabilita' - Il Socio assegnatario e' responsabile di qualsiasi danno arrecato a terzi. B-11) Nel Capannone è proibito fumare o mettere in moto motori. C ) Uso posto barca nel Piazzale (Scivolo con verricello) C-1) Dotazioni delle imbarcazioni - Il Socio assegnatario deve munire la propria imbarcazione di parati, ganci, ecc. per facilitare l'alaggio e la messa in mare della barca. C-2) Manutenzione posto barca - Il posto barca deve essere sempre mantenuto in perfetto stato di ordine e pulizia. C-3) Sistemazione attrezzi - Attrezzi ed accessori dell'imbarcazione devono essere tenuti nei posti loro assegnati o dentro la barca stessa. In ogni caso non devono ingombrare i posti adiacenti. La C.S.N. ha la facolta' di eliminare gli eventuali ingombri. C-4) Copertura imbarcazioni - Le coperture delle barche sono obbligatorie e devono essere tenute in ordine. C-5) Liquidi infiammabili - E' proibito tenere nelle barche qualsiasi tipo di liquido infiammabile e scorte di benzina ad esclusione del carburante contenuto nei serbatoi regolamentari. C-6) Uso argani - Le manovre degli argani o eventuali altre attrezzature devono essere eseguite a cura e con responsabilità del titolare della Concessione. C-7) Durante le operazioni di movimentazione è vietato sostare nell'area di manovra. C-8) Precedenze - Le imbarcazioni che scendono in mare hanno la precedenza rispetto a quelle che stanno rientrando. C- 9) Lavaggio motori - I motori devono essere lavati nelle apposite vasche. C-10) Lavori di manutenzione - Non sono ammessi lavori di manutenzione o riparazione che impediscano o intralcino le normali attivita'. C-11) Responsabilita' - Il Socio assegnatario e' responsabile di qualsiasi danno arrecato a terzi. D) Uso posto barca nel Piazzale (Gru) D-1) Dotazioni delle imbarcazioni - Il Socio assegnatario deve munire la propria imbarcazione di carrello o equivalente per la movimentazione dal posto assegnato nell'area di stazionamento all'area di manovra della gru. Il Socio deve munire l'imbarcazione di golfari o lande o sospendite regolarmente collaudate per il sollevamento. L' imbarcazione, comunque, non dovrà superare le 2 t. D-2) Movimentazione della gru - Il Socio potrà utilizzare personalmente la gru secondo le norme stabilite in proposito dalla C.S.N. D-3) Per le altre norme vale quanto indicato dall' art. C3 all' art. C11. E) Regolamentazione dell'uso posto barca negli specchi acquei E-1) Dotazioni alle imbarcazioni - Il Socio assegnatario di un posto all'ormeggio deve fornire tutto l'occorrente per l'ormeggio: cavi, catene, grilli e parabordi delle dimensioni minime stabilite dalla C.S.N. e quant'altro necessario a garantire la sicurezza dell'ormeggio stesso e a scongiurare danni alle imbarcazioni adiacenti. Il numero minimo di parabordi per lato di ogni imbarcazione deve essere di tre. Tutte le barche devono essere ormeggiate con doppio pendolo alla catena. 8

9 E-2) Responsabilita' - Il proprietario della barca e' responsabile per qualsiasi danno arrecato dalla propria imbarcazione sia quando questa e' all'ormeggio, sia quando effettua manovre. F) Uso del Salone ritrovo I frequentatori del Salone devono attenersi a queste norme di buon comportamento: F-1) Non eccedere in discussioni troppo vivaci che possano infastidire o turbare l'attivita' dei presenti. F-2) I giochi da tavolo devono essere eseguiti in un clima tranquillo senza eccedere in discussioni violente con frasi o parole offensive e indecorose. F-3) Gli utenti della televisione devono regolare il volume dell'audio in modo da non disturbare. F-4) Non danneggiare o appropriarsi delle riviste,giornali, libri e pubblicazioni a disposizione dei Soci. F-5) La C.S.N. ha facoltà di vietare temporaneamente l'uso del salone per esigenze operative della Sezione (in occasione di conferenze, riunioni, corsi, ecc) G) Uso del locale deposito motori. G-1) Ogni Socio deve riporre il proprio motore nel posto assegnatogli. G-2) Il concessionario deve evitare che il motore sporchi il pavimento con perdite di olio o grasso. G-3) E' proibito fumare o accendere fiamme nel locale. G-4) E' proibito mettere in moto il motore nel locale. G-5) E' proibito tenere carburante oltre quello contenuto nel serbatoio regolamentare. H ) Uso della gru per alaggi. H-1) La gru può essere utilizzata personalmente solo dai Soci titolari di Concessione posto barca nel piazzale che siano nelle condizioni previste al prec. art. D. H-2) Altri utilizzatori possono richiedere l'utilizzo della gru alla C.S.N. previo pagamento del contributo stabilito dal C.D. In questo caso le manovre di alaggio e varo dovranno sempre essere eseguite da personale appositamente autorizzato e negli orari previsti. I) Uso locale stipetti I-1) Gli stipetti in concessione devono essere mantenuti in perfetto ordine. I-2) E' proibito porre qualsiasi oggetto sia sopra che sotto gli stipetti. I-3) E' proibito tenere negli stipetti liquidi infiammabili e tutto cio' che puo' causare odori. I-4) La C.S.N. puo' chiedere di controllare il contenuto di qualsiasi stipetto. L) Uso dei locali tinello - cucina Il tinello e la cucina sono a disposizione di tutti i Soci che ne facciano richiesta. La cucina è attrezzata con mobili, lavandino, cucina a gas a 4 fuochi, forno, frigorifero e batteria di pentole, posate e bicchieri per 12 persone. Il tinello è ammobiliato con un tavolo, una credenza e sei sedie. I Soci che, in seguito a regolare richiesta la cui data stabilisce la priorità, utilizzano questo Servizio Sociale dovranno versare il contributo previsto dal C.D. Al termine dell'utilizzo verrà controllato che le attrezzature siano nello stato originale sia quantitativamente che qualitativamente e che tutto sia in ordine e pulizia. Nel caso in cui ciò non avvenisse, il Consigliere addetto al personale e alla manutenzione disporrà gli interventi necessari, il cui costo sarà addebitato al Socio utilizzatore. M) Spogliatoi e servizi igienici M-1) I Soci devono mantenere i servizi igienici e gli spogliatoi nel massimo ordine e pulizia. M-2) Non e' permesso tenere appesi negli spogliatoi indumenti o effetti personali per un periodo superiore alle 12 ore. M-3) Tutti i frequentatori della S.N. sono invitati a controllare la pulizia delle proprie calzature per non sporcare di nafta, grasso ecc. pavimenti e scale della Sede. N) Uso locale deposito attrezzi N-1) Nel locale e' vietato tenere attrezzature o materiali che non siano strettamente connessi alle imbarcazioni o all'attivita' sportiva della sede nautica. N-2) Nel riporre le proprie attrezzature il Socio non deve impedire la possibilita' di accesso alle attrezzature altrui. N-3) E' proibito porre nel locale contenitori con carburanti o liquidi infiammabili. O) Energia elettrica, acqua, riscaldamento O-1) Tutti i Soci, nell'ambito delle pertinenze della Sede Nautica, usufruiscono di energia elettrica, acqua calda e fredda e riscaldamento. Per tali forniture non è previsto un contributo specifico che è comunque compreso nelle quote associative. Evitare gli sprechi contribuisce quindi alla economica gestione delle risorse della Sezione. In particolare, in banchina e sui piazzali ciascun titolare di concessione dovrà: 1) allacciarsi ai bocchettoni dell'acqua con proprie canne munite di rubinetto o pistola terminale. 2) dotarsi di contatore autonomo per l'utilizzo dell'energia elettrica quando questa è utilizzata per alimentare corpi riscaldanti,frigoriferi, forni, cucine ecc. O-2) L' impianto elettrico di una imbarcazione può essere collegato al quadro della distribuzione dell' energia elettrica sul pontile solo quando la barca è presidiata. La regola si applica alle barche in mare, sul piazzale, 9

10 nel capannone e agli eventali caricabatterie a terra. Il personale di custodia è tenuto a staccare il collegamento dal quadro dei cavi delle barche e altre utenze non presidiate. P) Prestito d'uso della propria imbarcazione P-1) Il prestito della propria imbarcazione è ammesso in modo occasionale e non continuativo e può essere concesso solo a Soci della L.N.I.. P-2) Per ogni prestito, il concessionario deve compilare l'apposito modulo progressivamente numerato, da richiedere al personale di custodia. Tale modulo deve essere completato in tutte le sue parti e firmato dal proprietario dell' imbarcazione. La validità del modulo è di 7 giorni dalla data del rilascio, e non è permesso ritirare più di un modulo alla volta. P-3) All' atto dell' utilizzo dell' imbarcazione, il modulo, firmato anche dall' utilizzatore, deve essere riconsegnato al personale di custodia che apporrà sullo stesso la data di utilizzo della barca. P-4) I moduli utilizzati verranno archiviati a cura della Segreteria. Q) Uso barche sociali L' uso delle barche sociali è regolamentato dalle istruzioni operative che sono disponibili presso il personale di custodia, con i documenti da portare a bordo, per legge, per l' impiego della barca dotata di motore ausiliario (assicurazione ). Gli interessati possono prendere visione di tali istruzioni consultando la copia disponibile presso la segreteria, e gli utilizzatori devono attenervisi scrupolosamente. R) Rilevazione oggettiva della attività continuativa Posto che una barca svolga una uscita ogni mese, se è in attività tutto l' anno, oppure una uscita ogni fine settimana se svolge attività di tipo stagionale nei soli 3 mesi estivi, si ottiene il valore di 12 uscite annue come definizione per una adeguata attività continuativa. Dimezzando tale valore si scende sotto il livello che origina la revoca della concessione. Lo svolgimento della attività nautica continuativa adeguata ad ottenere il rinnovo della concessione annuale dei Servizi Sociali (art. 7-B della Normativa Generale) deve essere dimostrata dai Soci in maniera oggettiva. La rilevazione oggettiva si effettua in una delle due maniere seguenti: a) Mediante la compilazione di una apposita scheda di rilevazione delle uscite in mare da cui risultino almeno 12 uscite distribuite nell' arco dell' anno o della stagione estiva, in base al tipo di utilizzo delle imbarcazioni che può essere appunto annuale o stagionale. Entro una settimana da ogni uscita in mare, la scheda in oggetto deve essere vidimata, possibilmente, da un componente il Consiglio Direttivo o la C.S.N. IL diario di bordo regolarmente compilato è ammesso in alternativa alla scheda. Sono esentati da quest obbligo i Soci che avranno conseguito, durante l anno, almeno un punto di attività. b) Mediante la graduatoria di merito, da cui risultino almeno 1 punto di attività maturato nel corso dell' anno. La scheda di rilevazione delle uscite in mare deve essere consegnata alla segreteria entro il 30 novembre, per la verifica dei requisiti di attività continuativa necessari ad ottenere il rinnovo della concessione. IL mancato utilizzo con continuità, che origina la revoca della concessione, è definito da meno di 6 uscite all' anno. La mancata presentazione della scheda, oppure il mancato conseguimento di 1 punto di attività nautica nella graduatoria di merito, determinano la revoca della concessione. S) Validità della presente normativa particolare. IL C.D. si riserva di modificare in toto o parzialmente la presente Normativa Particolare in qualsiasi momento, comunicando le avvenute variazioni nella bacheca della Sede Nautica Formula di accettazione del Regolamento da firmare sul modulo di richiesta di iscrizione alla L.N.I.: IL SOTTOSCRITTO DICHIARA DI AVER LETTO ED APPROVATO LA NORMATIVA GENERALE E LA NORMATIVA PARTICOLARE DEL SEDE NAUTICA DELLA, CHE SOTTOSCRIVE PER ACCETTAZIONE INTEGRALE SENZA ALCUNA RISERVA MANIFESTA OD OCCULTA. 10

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA

REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Lega Navale Italiana Sezione di Grado REGOLAMENTO DELLE SEDI SOCIALE E NAUTICA Il presente regolamento, redatto a seguito delle varianti al Regolamento allo Statuto approvate dal Consiglio Direttivo Nazionale

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali

Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica. Regolamento Ormeggi in Acque Sociali Società Nautica Laguna ------------1977------------ Associazione Sportiva Dilettantistica Regolamento Ormeggi in Acque Sociali 1 INDICE REGOLAMENTO ORMEGGI IN ACQUE SOCIALI...3 Parte 1 POSTI BARCA...3

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA

SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA SEZIONE DI CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO INTERNO PER L USO DEI POSTI D ORMEGGIO DELLA BASE NAUTICA www.leganavalestabia.it La normativa che segue regola la gestione dei posti di ormeggio presso la

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo

Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo Regolamento per l utilizzo del Pontile e della Banchina con Ufficio di pertinenza presso la Cala di Palermo ARTICOLO 1 GENERALITA Il presente Regolamento disciplina le modalità di assegnazione, i corrispettivi,

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLA CONCESSIONE DI SPECCHIO ACQUEO PER LA REALIZZAZIONE, L USO E GESTIONE DI ORMEGGI LUNGO IL CANALE MORERI PROSPICIENTE VALLE COVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO approvato con delibera consiliare n. 055 del 29.11.2011 articolo pagina ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART.

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 -

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - Finalità Scopo del presente disciplinare è quello di regolamentare

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI

REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI REGOLAMENTO DEGLI SPAZI DI SOSTA PER IMBARCAZIONI Approvato con D.G.C. n. 111 del 15.06.2007, modificato con D.G.C. n. 33 del 04.03.2011 ed integrato con D.G.C. n. 8 del 16.01.2012. Nelle zone demaniali

Dettagli

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO Approvato nella seduta del 3 marzo 2010 del Consiglio Direttivo dello YACHT CLUB LIVORNO 1 TITOLO I DEI SOCI Art. 1.1 Procedura

Dettagli

CITTA DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA

CITTA DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA CITTA DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA Approvato con deliberazione C.C. n 4 del 16/02/2010 NORME GENERALI ART.

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO 1 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente regolamento dell Associazione Sportiva Dilettantistica Tennis Roma (in seguito anche

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di GRADO

LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di GRADO LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di GRADO MECCANISMO PUNTEGGI PER IL MANTENIMENTO, L ASSEGNAZIONE, LA VARIAZIONE DEL POSTO BARCA ED I RELATIVI CRITERI DI APPLICAZIONE. allegato al regolamento sede nautica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE 1 INDICE... 2 Premessa... 3 Art. 1 Norme generali e compiti dell insegnante... 3 Art. 2 Norme per gli alunni... 3 Art. 3 Concessione

Dettagli

COMUNE DI MASSA Settore Pubblica Istruzione e Sport

COMUNE DI MASSA Settore Pubblica Istruzione e Sport COMUNE DI MASSA Settore Pubblica Istruzione e Sport BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI SPAZI NELLE PALESTRE COMUNALI E PROVINCIALI UBICATE NEL COMUNE DI MASSA. STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 1. Oggetto del bando

Dettagli

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA

CLUB NAUTICO PESARO. Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA CLUB NAUTICO PESARO REGOLAMENTO PER GLI ORMEGGI E L UTILIZZAZIONE DEI SERVIZI DI BANCHINA Deliberato dall Assemblea Straordinaria dei Soci il 25 Giugno 2010 PREMESSA Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI

Regolamento GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Regolamento di GESTIONE DEGLI ORMEGGI COMUNALI Art. 1 (Definizione) Il Comune di Monte Argentario, concessionario dei posti di ormeggio in concessione demaniale marittima, gestisce le strutture ed i servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER

REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 31 agosto 2015 ART.1 - OGGETTO 1. li presente regolamento disciplina l'uso della PALESTRA COMUNALE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI I N D I C E PREMESSA...3 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

REGOLAMENTO. TEATRO CONSORZIALE 2008 (Approvato con D.C. n. 36 del 2008)

REGOLAMENTO. TEATRO CONSORZIALE 2008 (Approvato con D.C. n. 36 del 2008) REGOLAMENTO TEATRO CONSORZIALE 2008 (Approvato con D.C. n. 36 del 2008) ART. 1 Il presente regolamento disciplina il funzionamento e le attività del Teatro Consorziale a gestione diretta del Comune di

Dettagli

In attuazione della determinazione dirigenziale P.G.N.../2014 esecutiva ai sensi di legge F R A

In attuazione della determinazione dirigenziale P.G.N.../2014 esecutiva ai sensi di legge F R A SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE ED USO IN ORARIO EXTRASCOLASTICO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER L ANNO SPORTIVO 2014/2015. In attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 38, dd. 30.11.2015. Il Segretario comunale f.to dott. Mauro Girardi COMUNE DI CAVALESE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI Premessa Gli impianti sportivi come le altre strutture comunali hanno preciso intento di dare una

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE SPORTIVO DI ALBIANO

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE SPORTIVO DI ALBIANO COMUNE DI ALBIANO REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE SPORTIVO DI ALBIANO Approvato con deliberazione consiliare del 16/07/2003, n. 36, modificato con successiva deliberazione 5/8/2004, n.

Dettagli

Comune di SAINT-MARCEL

Comune di SAINT-MARCEL Comune di SAINT-MARCEL Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 13 del 11.04.2011 INDICE

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017)

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PORTICCIOLO E ZONE ANNESSE Dal 22/11/2009 CAP. I GENERALITA CAP. II ORMEGGI POSTI A TERRA

REGOLAMENTO PORTICCIOLO E ZONE ANNESSE Dal 22/11/2009 CAP. I GENERALITA CAP. II ORMEGGI POSTI A TERRA REGOLAMENTO PORTICCIOLO E ZONE ANNESSE Dal 22/11/2009 CAP. I GENERALITA Art. 1 DEFINIZIONI L area PORTICCIOLO è definita da: Porto Area di parcheggio a terra delle unità da diporto (barche, gommoni, barche

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Via San Michele, 81 25074 Idro - tel. 036583136 fax. 0365823035 e-mail segreteria@comune.idro.bs.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO E LA GESTIONE DEGLI

Dettagli

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA CIRCOLO AUTICO ASTO Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in asto (CH) GRUPPO SPORTIO C DIPORTISTI AUTICI DI PUTA PEA Regolamento Circolo autico asto Gruppo Sportivo C Diportisti autici Punta

Dettagli

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA 1. Oggetto e finalità utilizzo palestra scolastica. a)

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN COMUNE DI PREONE Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN Approvato con delibera C.C. n. 30 del 29 giugno 2012 REGOLAMENTO

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - PRIVATI Nome Cognome indirizzo c.a.p. località C.F. Email Telefono

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DEI LOCALI DEL CENTRO CULTURALE POLIVALENTE Approvato con delibera del Consiglio Comunale N. 13 del

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO.

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. ARTICOLO 1 (OGGETTO E FINALITA ) Il presente disciplinare

Dettagli

LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di GRADO

LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di GRADO pagina 1 di 6 LEGA NAVALE ITALIANA Sezione di GRADO MECCANISMO PUNTEGGI PER IL MANTENIMENTO, L ASSEGNAZIONE, LA VARIAZIONE DEL POSTO BARCA ED I RELATIVI CRITERI DI APPLICAZIONE. allegato al regolamento

Dettagli

C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE

C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA DENOMINATA STRUTTURA POLIFUNZIONALE SITA A MALFA IN VIA ROMA PIAZZA IMMACOLATA - PER SCOPI DIVERSI. C O

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CIRCOLO VELICO MEDIO VERBANO ASD

REGOLAMENTO INTERNO DEL CIRCOLO VELICO MEDIO VERBANO ASD C.O.N.I. F.I.V. CIRCOLO VELICO MEDIO VERBANO Associazione Sportiva Dilettantistica C.V.M.V. 21014 CERRO di Laveno Mombello (Varese) Via Pescatori, 3 Tel e Fax:+39.0332.629010 web: www.cvmv.it e-mail: postmaster@cvmv.it

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova

COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova COMUNE DI CAMOGLI Città Metropolitana di Genova Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale 27/09/2004, n. 33 Modificato: con deliberazione di Consiglio Comunale 28/04/2014, n. 40 (modifiche art.

Dettagli

Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro

Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro Regolamento Interno Club Nautico Marechiaro Art. 1 Il sodalizio Club Nautico Marechiaro che lo si voglia liberamente intendere come unione tra amici e/o semplici cointeressati all attracco delle propria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Art. 1 Finalità 1. Le Associazioni svolgono una funzione sociale,

Dettagli

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano COMUNE DI BOSA Provincia di Oristano C.A.P. 08013 C.so Garibaldi S.n.c. C.C.P. 11870086 C.F. 83000090916 P.I. 00202690913 Tel. 0785/368000 Fax 0785/373949 REGOLAMENTO SULLA MOBILITA AI SENSI DEL TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014.

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014. C.F. 91041370684 Associazione con Personalità Giuridica Riconosciuta con D.P.G.R. Abruzzo 70/2007 Autorizzazione Presidente Giunta Regionale n. 653 del 16/10/1996 REGOLAMENTO INTERNO Regolamento della

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

L E G A N A V A L E I T A L I A N A

L E G A N A V A L E I T A L I A N A L E G A N A V A L E I T A L I A N A ENTE PUBBLICO SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SEZIONE DI VENEZIA REGOLAMENTO DELLA BASE NAUTICA Approvato dall Assemblea dei soci del 24 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO CONSORZIO TRA I COMUNI DI CERNUSCO LOMBARDONE, LOMAGNA, OSNAGO E MONTEVECCHIA PER LA SCUOLA MEDIA STATALE G. VERGA DI CERNUSCO LOMBARDONE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle palestre

Regolamento per l utilizzo delle palestre Allegato A) Regolamento per l utilizzo delle palestre Art. 1 Destinazione d uso palestre scolastiche 1. Le palestre comunali e scolastiche di proprietà od in disponibilità del Comune di Trento o della

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 29 del 23.07.2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA CENTRO IPPICO ADRIANA A.S.D. REGOLAMENTO I. DISPOSIZIONI GENERALI

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA CENTRO IPPICO ADRIANA A.S.D. REGOLAMENTO I. DISPOSIZIONI GENERALI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA CENTRO IPPICO ADRIANA A.S.D. REGOLAMENTO I. DISPOSIZIONI GENERALI 1. L Associazione Sportiva Dilettantistica Centro Ippico Adriana (in seguito C.I.A.) è una scuola

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992)

ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992) ORDINANZA MUNICIPALE PER L OCCUPAZIONE DELLA RIVA PUBBLICA CON NATANTI (del 1. gennaio 1992) aggiornata con RM del 10.07.95 aggiornata con RM del 03.06.96 aggiornata con RM del 28.01/4.02/22.04/21.05/1.07.2013

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA

PROVINCIA DI COSENZA PROVINCIA DI COSENZA Settore Politiche Culturali - Pubblica Istruzione Regolamento per la concessione di spazi per l installazione di punti ristoro (bouvette) e/o distributori automatici di bevande ed

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO.

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. Comune di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. A) CRITERI PER LA CONCESSIONE 1) Gli edifici e le attrezzature scolastiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it Prot. 7193 del 28/10/2014 A TUTTA L UTENZA - AL SITO WEB P.C. ALLA PROVINCIA DI NAPOLI BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA dell ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali INDICE pg Art. 1 - Oggetto del Regolamento 2 Art. 2 - Spazi disponibili 2 Art. 3 - Orari d uso 2 Art. 4 - Modalità di concessione degli

Dettagli

STATUTO C.R.A.L. CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PERUGIA

STATUTO C.R.A.L. CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PERUGIA STATUTO C.R.A.L. CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PERUGIA ART.1 - COSTITUZIONE E costituita una Associazione tra i dipendenti del Comune di Perugia senza scopo di lucro,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA Approvato con Deliberazione di Comitato Direttivo n.11 del 14/04/2014 Art. 1 GENERALITA L Istituto Regionale per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 12.05.2005 FINALITA ART. 1 Il presente regolamento viene emanato in esecuzione di

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 Regate disputate con imbarcazioni a vela monotipo REGOLAMENTO 1 GENERALITÀ Art. 1 Il C.N.I. Consiglio

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA DELLE SCUOLE MEDIE DELL ISTITUTO O. ORSINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

BANDO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA DELLE SCUOLE MEDIE DELL ISTITUTO O. ORSINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO BANDO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA DELLE SCUOLE MEDIE DELL ISTITUTO O. ORSINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO Art. 1 SOGGETTI AMMESSI a) Fatto salvo il diritto di priorità all utilizzo della Palestra

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Il Comune di Giavera del Montello intende incentivare e facilitare un largo accesso alla pratica sportiva da parte dei cittadini, tanto in

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 60 del 17/05/2000 REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER

Dettagli

la persona legale rappresentante e referente della manifestazione nome e cognome nato a il cittadinanza residente a via/piazza n telefono e-mail

la persona legale rappresentante e referente della manifestazione nome e cognome nato a il cittadinanza residente a via/piazza n telefono e-mail Comune di Brugherio Provincia di Monza e della Brianza settore servizi alla persona SEZIONE cultura piazza Cesare Battisti, 1 20861 Brugherio (MB) Italia - E.U. Tel. +39 039.2893.214/361 RICHIESTA UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

Prot. N. 5019 del 1 settembre 2015 Delibera n. 11 del consiglio di Istituto del 1/09/2015 REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI

Prot. N. 5019 del 1 settembre 2015 Delibera n. 11 del consiglio di Istituto del 1/09/2015 REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceic848004@istruzione.it ceic848004@pec.it C.M. CEIC848004

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA - Provincia di Vicenza - REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL "PARCO COMUNALE DELL'AMICIZIA" (adottato con delibera di Consiglio Comunale n 24 del 17.3.2015) I N D I C E Premesse;

Dettagli

COMUNE DI PONTE TRESA. Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa

COMUNE DI PONTE TRESA. Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa COMUNE DI PONTE TRESA Regolamento d esercizio Per il porto comunale di Ponte Tresa INDICE DEGLI ARTICOLI Pag. CAPITOLO I : SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Art. 1 Scopo 2 Art. 2 Applicazione 2 CAPITOLO II

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE Art. 1 - Scopi. Con il presente regolamento si definiscono direttive e linee orientative per l uso dei locali comunali e dell aula

Dettagli

REGOLAMENTO DELLO YACHT CLUB ASCONA

REGOLAMENTO DELLO YACHT CLUB ASCONA YCAs REGOLAMENTO DELLO YACHT CLUB ASCONA IL PRESENTE REGOLAMENTO CONCERNE LE ATTIVITÀ DEI SOCI E L UTILIZZO DELLA SEDE E DELLE INFRASTRUTTURE PRESSO LA SEDE DEL CLUB CAPITOLI: A) REGOLAMENTI GENERALI B)

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Art. 1 Finalità Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Scopo del presente regolamento è quello di regolare l'attività

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE PER LA SCELTA DEL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA

REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE PER LA SCELTA DEL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA REGOLAMENTO PER LE PRIMARIE PER LA SCELTA DEL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA Le primarie per la scelta del candidato presidente della coalizione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO SPERIMENTALE DEL CAMPO SPORTIVO GIROLA SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO SPERIMENTALE DEL CAMPO SPORTIVO GIROLA SELEZIONE PUBBLICA AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO SPERIMENTALE DEL CAMPO SPORTIVO GIROLA SELEZIONE PUBBLICA ART.1 AFFIDAMENTO -Affidamento in gestione sperimentale del Campo Sportivo Polifunzionale Girola, si tratta di

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli