RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA"

Transcript

1

2 PROGRAMMA PARALLELO AL POR-FESR Asse 2 Attività B1 Promozione di interventi ambientali per la valorizzazione della rete dei Siti Natura 2000 PROGETTO DEFINITIVO PER LA REALIZZAZIONEDI PERCORSI CICLABILI NELL AREA DEL LAGO TRASIMENO TRATTO S. ARCANGELO - CANALE DELL ANGUILLARA NEI COMUNI DI MAGIONE E CASTIGLIONE DEL LAGO I STRALCIO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa Il progetto per il completamento dell itinerario ciclabile nell area del Lago Trasimeno rientra nell ambito delle attività ammesse a sostegno finanziario dal documento di programmazione regionale del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (POR-FESR) per il periodo Il progetto, in particolare, viene finanziato con i fondi dell Asse 2 Attività B1 inerenti la Promozione di interventi ambientali per la valorizzazione della rete dei Siti di Natura In tale contesto la Comunità Montana Associazione dei Comuni TRASIMENO MEDIO TEVERE, individuata inizialmente come soggetto beneficiario degli interventi, ha predisposto il Progetto definitivo per la realizzazione di percorsi ciclabili nell area del Lago Trasimeno tratto S.Arcangelo Canale dell Anguillara nei Comuni di Magione, Panicale e Castiglione del Lago. Il progetto suddetto è stato approvato con determinazione dirigenziale della Comunità Montana n. 586 del , per l importo di ,00. La Comunità Montana, con nota n. 573 del , ha chiesto alla Regione Umbria di espletare le verifiche di assoggettabilità a VAS del progetto suddetto, ai sensi dell art. 9 della L.R. 12/2010. La Regione Umbria, con determinazione dirigenziale n del , ha deciso di esprimere la non necessità di sottoporre a Valutazione Ambientale Strategica la realizzazione di percorsi ciclabili nella zona del Lago Trasimeno Tratto S. Arcangelo-Canale dell Anguillara nel territorio dei Comuni di Magione, Panicale e Castiglione del Lago, in variante ai rispettivi P.R.G... 1

3 Parimenti la Comunità Montana, con nota n del 19/7/2013 ha convocato la conferenza di servizi per acquisire le autorizzazioni, i pareri ecc. relativi al progetto in argomento. Nel frattempo la Regione Umbria, con D.G.R. n. 232 del , ha stabilito di trasferire la titolarità dei progetti a valere sul POR FESR Asse 2 Attività b1 e Attività b2, dalle Comunità Montane alla Agenzia Forestale Regionale, in armonia con la L.R. 18/2011 che ha soppresso le Comunità Montane ed ha istituito l Agenzia suddetta. La complessità delle procedure relative al trasferimento ed all attuazione del progetto già predisposto dalla Comunità Montana, ha motivato la Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia, a svolgere una specifica riunione in data , con i soggetti interessati (Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia, Regione Umbria Servizio Infrastrutture per la mobilità, Regione Umbria Urbanistica ed espropriazioni, Comune di Castiglione del Lago, Comune di Panicale, Comunità Montana Associazione dei Comuni Trasimeno Medio Tevere, Agenzia Forestale Regionale). Il relativo verbale (sintesi) è stato trasmesso ai soggetti interessati con nota della Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia n del Dalla riunione suddetta è emerso in particolare quanto segue: - necessità di apportare modifiche alla progettazione in argomento prevedendo, per quanto riguarda la realizzazione del percorso ciclabile, la sostituzione del soil sement con conglomerato bituminoso, quale materiale di finitura superficiale, al fine di ridurre sia i costi di costruzione che, soprattutto, quelli di manutenzione; - individuazione dell Agenzia Forestale Regionale quale autorità espropriante per conto dei Comuni; - necessità di un Accordo di Programma per accelerare le procedure di variante ai PRG comunali; - predisposizione di una nuova progettazione, a partire da quella preliminare, da parte della Agenzia Forestale Regionale, fermo restando che le modifiche rispetto alla progettazione curata in precedenza dalla Comunità Montana, riguarderanno unicamente le modalità costruttive del fondo della ciclabile, senza comportare ulteriori modifiche né ai percorsi già individuati, né alle procedure VAS già concluse; - necessità di attivare una nuova conferenza di servizi per l acquisizione delle varie autorizzazioni, nulla osta, ecc. inerenti l opera da realizzare. Il presente progetto viene predisposto sulla base dei rilievi, dei calcoli e delle scelte a suo tempo curate dalla Comunità Montana, con l eccezione delle modalità costruttive inerenti la finitura del percorso ciclabile. 2

4 Per tali motivi sono fatte salve le procedure già svolte per l assoggettabilità alla VAS e sopra richiamate. Il Comune di Panicale, in sede di Conferenza dei Servizi - II Seduta, tenutasi presso la sede dell'a.fo.r. in data 28/05/2015, tramite il Sindaco ivi presente, ha ufficialmente richiesto lo spostamento di una parte del tracciato dell'itinerario ciclabile ricadente nel proprio territorio, esprimendo in tal senso l'impegno a fornire una proposta alternativa. Vista la richiesta, al fine di garantire l'approvazione del progetto e la conseguente definizione dell'impegno giuridicamente vincolante entro il 31/12/2015 (pena il definanziamento dell'opera) si è deciso di articolare il progetto in due stralci. Il I stralcio prevederà la realizzazione dell'itinerario così come da progetto presentato nella Conferenza dei Servizi di cui sopra, per i tratti da Sant'Arcangelo a Poggio di Braccio, ricadente nei comuni di Magione e Panicale e dal Porticciolo di Panicarola al Canale dell'anguillara, ricadente nel Comune di Castiglione del Lago. Il collegamento tra i due tratti, fino all'avvenuta realizzazione del II Stralcio, è garantito dalla percorrenza in sede promiscua sulla S.R. 599 e sulla S.P. 303 di Romea, come meglio evidenziato negli elaborati progettuali. Il II stralcio, da Poggio di Braccio al Porticciolo di Panicarola, tutto ricadente nel territorio del Comune di Panicale, prevederà in un'unica soluzione il collegamento dei due tratti relativi al I stralcio così come previsto dalla ipotesi di tracciato alternativo che proporrà il Comune di Panicale. La suddetta articolazione progettuale è finalizzata alla necessità di snellire la procedura di approvazione del progetto che richiede per il II stralcio l'avvio delle procedure di esproprio per pubblica utilità. Il progetto intende contribuire alla estensione del percorso ciclabile del Trasimeno sin qui realizzato in vista della realizzazione del collegamento Canale Anguillara Castiglione del Lago da realizzare con ulteriori finanziamenti, peraltro in corso di assegnazione da parte della Regione Umbria. L intervento proposto prevede la realizzazione di un ulteriore tratto dell itinerario ciclabile del Lago Trasimeno compreso fra l abitato di S. Arcangelo e il canale dell Anguillara, ricompreso nei comuni di Magione, Panicale e Castiglione del Lago. Viene così ampliato il tratto compreso fra Castiglione del Lago e Sant Arcangelo in Comune di Magione, progettato alla fine degli anni 90 e realizzato nei primi anni Duemila. Il completamento dell itinerario ciclabile nell area del lago Trasimeno, si prefigge il raggiungimento di alcuni importanti obiettivi che possono essere così riassunti: - favorire lo sviluppo sociale, culturale ed economico del territorio attraversato dall itinerario con un intervento diretto a favorire il turismo sostenibile; 3

5 - ampliare la proposta turistica dell area del Trasimeno in maniera tale da favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici; - soddisfare la domanda sempre crescente della popolazione (anche non residente nei luoghi) di spazi all aria aperta per camminare, correre ed andare in bicicletta; - valorizzare il territorio interessato dall opera con un investimento finanziario accettabile per la pubblica amministrazione. Per il raggiungimento di tali obiettivi si è tenuto conto di alcuni importanti principi generali di rispetto e tutela dell ambiente, quali: - attenzione all influenza dell opera sull ambiente e alle ripercussioni sull equilibrio naturale della zona; - compatibilità dell iniziativa con le politiche ambientali locali. Il presente progetto è quindi il risultato della sintesi e del rispetto di questi principi fondamentali. Descrizione dell area di intervento L area di intervento è situata nella fascia compresa fra la viabilità stradale principale (Strada regionale n. 599 del Trasimeno inferiore e Strada provinciale n. 303 di Romea ) e il lago Trasimeno. In questo ambito di particolare pregio naturalistico è presente la ZPS (Zona di Protezione Speciale) e il SIC (Sito di Interesse Comunitario) del Trasimeno, inoltre nella medesima zona sussiste un area naturale protetta Parco del Lago Trasimeno (istituito con L.R. n. 9/1995) contraddistinta da una ZONA 1 (ambito interno in cui è prevalente la protezione ambientale) coincidente con Isola Polvese e una ZONA 2 ambito periferico ed antropizzato. È altresì presente il vincolo paesaggistico ambientale ai sensi dell art. 142 del D. lgs 42/2004 per una fascia di 300 metri dalla sponda del lago. Il Piano stralcio elaborato dall Autorità di Bacino del Fiume Tevere definisce l area di intervento ambito B, ossia ambito circumlacuale in cui sono presenti attività agricole e ludico-ricettive. Per quanto possibile l itinerario si sviluppa in sede propria in prossimità delle sponde del Lago Trasimeno, in area demaniale al confine con le proprietà private. Tuttavia in alcuni tratti il percorso progettato si allontana dallo specchio lacustre a causa della particolare morfologia dei luoghi, per salvaguardare zone di particolare pregio ambientale o per la presenza di opere civili ed infrastrutture. In questi casi il percorso ciclabile si sviluppa in sede propria parallela alla viabilità principale, oppure il percorso si articola sulla viabilità minore esistente (strade interpoderali e vicinali). Utilizzando la viabilità esistente si ottiene una riduzione dei costi di 4

6 realizzazione e manutenzione delle opere, e il percorso conserva comunque un elevato grado di sicurezza e di qualità. In situazioni straordinarie dove non esistevano alternative (stralci già realizzati) non è stato possibile evitare il collegamento di tratti di percorso ciclabile mediante la percorrenza su strade ordinarie. Il presente progetto ricalca, come detto, quello a suo tempo predisposto dalla Comunità Montana, la quale si adoperò per condividerne le scelte con le amministrazioni comunali e con i soggetti preposti alla tutela dell ambiente e del paesaggio, promuovendo inoltre incontri per illustrare il progetto a cittadini, associazioni ed operatori turistici ed economici presenti nel territorio. Descrizione del percorso ciclabile Il progetto generale, suddiviso in due stralci funzionali, propone la realizzazione di un ulteriore tratto di itinerario ciclabile a partire dall abitato di S. Arcangelo fino al canale dell Anguillara, attraversando i comuni di Magione, Panicale e Castiglione del Lago per uno sviluppo complessivo di circa 8,500 km, di cui km 5,200 relativi al I stralcio e km 3,300 relativi al II stralcio. L itinerario progettato relativo al I stralcio è costituito da tratti di pista ciclabile in sede propria di nuova realizzazione per km 2,300 e da percorsi di collegamento con transito promiscuo su strade esistenti (comunali, vicinali, interpoderali, ecc.) per km 2,900, dove il transito dei pedoni e dei ciclisti avviene sulla carreggiata stradale utilizzata anche dai veicoli a motore. In fase di redazione del progetto esecutivo e di realizzazione dell intervento, il tracciato dovrà ricalcare quello individuato dal progetto definitivo, fermo restando che saranno ritenute ammissibili, senza costituire variante al progetto, deviazioni e/o traslazioni dell'asse del percorso fino a 10 metri. L eventuale spostamento del tracciato dovuto a situazioni oggi non valutabili e riscontrabili solo durante l'esecuzione dei lavori, dovrà interessare aree poste preferibilmente sempre a monte del canneto ed esternamente a formazioni edafo-igrofile o ripariali, come già previsto dal progetto. Detti spostamenti e/o deviazioni dovranno essere comunicati e sottoposti agli Enti predisposti per il rilascio delle autorizzazioni prima dell'esecuzione delle opere (vedi prescrizione Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'umbria acquisita al protocollo dell'ente al n 638 del 21/01/2015). Ad intervento completato sarà trasmessa ai comuni interessati planimetria del tracciato effettivamente realizzato al fine della corretta presa d atto da parte degli stessi nei rispettivi strumenti urbanistici. 5

7 Di seguito vengono illustrate le principali tipologie di tracciato previste dal progetto: Percorso ciclabile in sede propria di nuova realizzazione La progettazione delle porzioni di itinerario ciclabile di questa tipologia ha richiesto un attenzione particolare sia per quanto riguarda la scelta del tracciato che quella dei materiali da utilizzare. Ciò al fine di inserire nel modo migliore l opera nel contesto paesaggistico del Lago Trasimeno, valorizzando il tracciato e senza creare un eccessiva interferenza con l ambiente circostante. Il percorso occuperà generalmente una fascia di terreno attualmente destinata all attività agricola o incolta e rappresenterà una sorta di delimitazione fra il suolo coltivato e la vegetazione ripariale tipica dell ambiente lacustre. Il percorso ciclabile sarà generalmente realizzato sulle aree limitrofe al demanio lacustre. In questo modo la nuova viabilità potrà essere utilizzata anche per le attività di sorveglianza ambientale ed idraulica del Lago Trasimeno. Il tracciato dell itinerario, per non alterare la naturale morfologia dell area attraversata, si adatterà allo stato esistente e seguirà l andamento altimetrico del terreno. Solo in alcuni piccoli tratti sarà opportuno effettuare ricarichi fino a 50 cm circa di materiale inerte per avere la quota del piano ciclabile sempre superiore a 258,00 m s.l.m. riferito allo zero idrometrico convenzionale materializzato presso l'esautore di San Savino, fissato a quota 257,33 m s.l.m.. In questi casi si provvederà ad un livellamento del terreno a monte, raccordandolo con la quota del tracciato, al fine di evitare che questo si elevi troppo al di sopra del piano campagna costituendo un elemento di discontinuità con la morfologia dei terreni circostanti. Nel predisporre il presente progetto definitivo oltre che accogliere i suggerimenti esposti dai vari Enti ( realizzazione di aree di sosta, revisione del tracciato ecc.), si è cercato fortemente di trovare una soluzione che permettesse di realizzare una infrastruttura ciclopedonale maggiormente svincolata dalle problematiche manutenzioni annuali come nel caso di una strada in ghiaia (strada bianca). La soluzione proposta è quella di realizzare un percorso della larghezza di m 2,50 con una fondazione di materiale lapideo di idonea pezzatura e misto granulometrico stabilizzato per uno spessore di circa 50 cm, e uno strato di finitura superficiale costituito da una emulsione bituminosa ecologica modificata che permette di mantenere una buona qualità paesaggistica dell infrastruttura e contemporaneamente garantisce una più elevata durabilità (voce del Prezziario Regionale dell'umbria attualmente in vigore). 6

8 Questa caratteristica dovrebbe, nel breve medio periodo, stimolare la creazione di servizi di supporto alla fruizione maggiormente efficaci rispetto alla situazione odierna (noleggio bici, promozione pacchetti turistici per famiglie, collegamento con il servizio navigazione a biglietteria unica) nell ottica della valorizzazione sostenibile del territorio. Per quanto riguarda la regimazione delle acque superficiali in prossimità del percorso, si farà in modo di mantenere le vie d acqua già esistenti e di favorire gli afflussi verso il lago. Si realizzerà, ove necessario, una scolina di guardia sul lato di monte del percorso e attraversamenti stradali con tubazioni di adeguato diametro. Complessivamente il percorso ciclabile in sede propria si estende per circa 1,860 km. Per l'esecuzione delle lavorazioni del percorso ciclabile in sede propria, è previsto l'occupazione temporanea di una fascia di terreno che corre in aderenza al tracciato per permettere un agevole transito dei mezzi meccanici nelle fasi di esecuzione dei lavori. (Vedi tavola planimetria espropri ed occupazione temporanea). PERCORSO CICLABILE IN SEDE PROPRIA Percorsi su strade esistenti interpoderali con percorrenza promiscua Questi tratti di percorsi ciclabili verranno realizzati su tracciati esistenti utilizzati prevalentemente dagli agricoltori e dai residenti. L attuale fondo in terra battuta è stato progressivamente definito e consolidato dal passaggio dei mezzi meccanici. Questa tipologia di tracciato si estende complessivamente per circa 1,00 km ed è previsto solo il ricarico di materiale inerte stabilizzato. 7

9 PERCORSO CICLABILE SU TRACCIATO ESISTENTE Percorsi su strade vicinali e comunali a fondo stabilizzato e/o asfalto con percorrenza promiscua In alcuni casi, per la presenza di vincoli di varia natura, non si è potuto declinare dall utilizzo di strade esistenti e pertanto è stato deciso di utilizzare quali percorsi di collegamento fra porzioni di pista ciclabile, tratti di viabilità esistente vicinale e/o comunale con fondo stradale finito a stabilizzato e/o bitume. Tuttavia, per mantenere elevata la sicurezza di percorrenza, l attrattiva per gli utenti e garantire un adeguata qualità di fruizione, la viabilità esistente utilizzata per i percorsi ciclabili di collegamento (transito promiscuo di pedoni, ciclisti e veicoli a motore) è caratterizzata per sua natura da un carico veicolare estremamente contenuto. Nella successiva fase di progettazione esecutiva saranno valutate con le amministrazioni comunali (soggetti che gestiranno l itinerario progettato), ulteriori forme di regolamentazione e riduzione della circolazione veicolare. Questa tipologia di tracciato si estende per circa 1,900 km. Per concludere l illustrazione delle varie tipologie di tracciato, si deve segnalare che in alcune situazioni non si è potuto evitare che la pista di progetto, o esistente, interferisse con la viabilità ordinaria. In questi casi sarà necessario dotare gli incroci delle necessarie segnalazioni esistenti (conformi al vigente codice della strada) per garantire comunque un elevato livello di sicurezza per gli utenti. 8

10 PERCORSO CICLABILE SU STRADA VICINALE ESISTENTE Percorso ciclabile in sede propria di nuova realizzazione nel tratto a margine della strada regionale n. 599 del Trasimeno loc. S.Arcangelo. Questo tratto di circa 450 mt, viene realizzato a margine della strada regionale n. 599 del Trasimeno con percorrenza in sede propria e finitura superficiale in emulsione bituminosa. Nello specifico è prevista una corsia dedicata della larghezza finale di 3,00 mt con la necessità di ridurre per un breve tratto la larghezza a 2,00 mt in prossimità di alcune abitazioni civili. La presenza di due rampe di accesso alla proprietà privata, impone eccezionalmente l'interruzione della percorrenza in sede propria e pertanto il transito in questi brevi tratti è previsto con il trasporto della "bici a mano". PERCORSO CICLABILE A MARGINE S.R. 599 DEL TRASIMENO 9

11 Opere d arte Sull itinerario ciclabile saranno realizzate piccole opere d arte necessarie essenzialmente per l attraversamento di scoline stradali e piccoli corsi d acqua (canali emissari del lago Trasimeno ecc.). Per il deflusso delle acque superficiali provenienti dai coltivi è stata prevista, ove necessario, la realizzazione di un fosso di guardia sul lato di monte del percorso. Ogni circa 150/200 metri è previsto un attraversamento stradale realizzato con tubi in cls autoportante o in materiali plastici corrugati di diametro variabile da Ø 60 a Ø 120 cm. In alcuni tratti sarà inoltre necessario delimitare il percorso ciclabile con balaustre in legno per garantire la sicurezza degli utenti. Al fine di mantenere correttamente funzionante la rete scolante dovrà essere effettuata con cadenza annuale la verifica dello stato di efficienza e la eventuale manutenzione sia delle opere d arte realizzate, sia delle forme che defluiscono al lago. Segnaletica Per garantire la massima sicurezza dei pedoni e ciclisti sarà rivolta una particolare attenzione al posizionamento della segnaletica stradale conforme al vigente codice della strada lungo l itinerario ciclabile. In particolare i nodi più sensibili sono rappresentati dall inizio e fine itinerario, dalle intersezioni, interruzioni e cambiamenti di tracciato, e comunque da tutti i punti di interferenza fra itinerario e viabilità ordinaria. Le tavole allegate al progetto mostrano la segnaletica stradale verticale proposta ed i materiali impiegati. Sull itinerario ciclabile è prevista inoltre l installazione di cartellonistica specifica costituita da cartelli con riportato il logo prescelto, le frecce direzionali e altre indicazioni necessarie per la corretta e sicura fruizione della pista. Per fornire agli utenti informazioni di carattere generale sull itinerario ciclabile e alcune indicazioni sul territorio attraversato e sulle sue pregevoli caratteristiche ambientali e paesaggistiche, è stata prevista l installazione di una bacheca in legno in alcuni punti rilevanti del tracciato (inizio, fine, confini comunali, ecc.). Tale bacheca con tettoia in legno conterrà un pannello di dimensioni di circa 2,00 mq sulla quale sarà inoltre riportata l illustrazione planimetrica del percorso, le tipologie di percorrenza, le distanze ed altre informazioni per gli utenti, numeri telefonici utili in caso di emergenza e informazioni turistiche. 10

12 Aree di sosta Per una migliore fruizione del percorso ciclabile, son state individuate alcune aree attrezzate di sosta complete di arredo in legno (panchine, tavoli, cestini, rastrelliera, beverino e posti auto). Nello specifico sono state individuate tre aree di sosta di cui viene fatta una breve descrizione. a) Area di sosta La Frusta in loc. S. Arcangelo di Magione: Trattasi di un'area demaniale di cui una parte catastalmente non censita, dove per molti anni è stata praticata attività vivaistica da parte della Comunità Montana del Trasimeno e che nell'ultimo decennio era stata abbandonata per motivi logistici. A seguito dell ordinanza n. 42 del 28/03/2012 formulata dal Comune di Magione la stessa Comunità Montana del Trasimeno, ha realizzato una riqualificazione del sito, cercando da un lato di ottemperare almeno in parte, ma in modo significativo, a quanto richiesto dall ordinanza e nello stesso tempo di valorizzare da un altro canto la zona, sfruttando le essenze attualmente presenti come valore aggiunto ambientale e paesaggistico. La zona di riferimento, infatti si presta molto bene per la creazione di una interessante area attrezzata di sosta a servizio della pista ciclabile stessa, completa di arredo in legno (rastrelliera, panchine, tavoli, cestini, beverino), segnaletica e di posti per la sosta di alcune autoveicoli. b) Area di sosta Anguillara in comune di Castiglione del lago: Trattasi di un'area privata di proprietà della Regione dell'umbria dove è presente una stazione di pompaggio funzionale a servizio degli imprenditori agricoli. La zona di riferimento completamente pianeggiante, infatti si presta molto bene per la creazione di un interessante area attrezzata di sosta a servizio del percorso ciclabile stesso, completa di arredo in legno (rastrelliera, panchine, tavoli, cestini e beverino) e segnaletica. Gli elaborati grafici allegati al progetto evidenziano le caratteristiche tecniche e dimensionali di tutte le opere previste in esecuzione e sopra descritte. Costo e attuazione del progetto (I stralcio) Il costo complessivo dell opera ammonta ad ,00 come meglio specificato nel quadro economico. Una spesa significativa per la realizzazione dell opera è rappresentata dalle somme a disposizione dell amministrazione per l acquisizione in favore dei comuni degli ambiti privati occupati dal percorso ciclabile (indennità di esproprio e altre spese connesse) che ammonta a complessivi ,00 circa. I procedimenti autorizzativi, di conformazione agli strumenti urbanistici vigenti e quelli relativi alle espropriazioni degli ambiti privati e alla concessione in uso di quelli demaniali interessati 11

13 dall itinerario, saranno promossi dalla Agenzia Forestale Regionale in qualità di soggetto attuatore dell intervento. I comuni di Magione, Panicale e Castiglione del Lago saranno i proprietari e gestori del percorso ciclabile e pertanto saranno intestati ad essi i contratti di concessione d uso degli ambiti demaniali utilizzati e allo stesso modo saranno trasferiti al patrimonio comunale gli ambiti privati espropriati. Per la determinazione del costo dei lavori si farà uso del vigente prezziario regionale per lavori edili, impianti tecnologici ecc, edizione Per la determinazione dei nuovi prezzi, non contenuti nel suddetto documento, si farà ricorso all elaborazione di specifiche analisi con riferimento ai prezzi elementari di manodopera, materiali, noli e trasporti adottati dall Ente. 12

14 QUADRO ECONOMICO DELLA SPESA a) Importo per l esecuzione delle Lavorazioni - A misura ,07 b)importi per l attuazione dei piani di sicurezza b1) Costi sicurezza b2) Costo minimo manodopera ,71 b3) Oneri della sicurezza 8.071,54 Sommano al punto b) ,19 c) Lavori al netto degli oneri sicurezza e manod. a)-b2)-b3) ,82 d) Importo del contratto c)+b) ,01 e) Somme a disposizione Stazione Appaltante per : - IVA 22% su d) ,00 - Spese tecniche (progettazione, direz. lavori, coord. sicurezza) ,00 - Spese per picchettamenti e frazionamenti 6.000,00 - Spese per espropri e pubblicità ,00 - Spese per concessioni d uso di aree demaniali 2.000,00 - Spese per imposte di registro e tasse ,00 - Spese per stipula atti ,00 - Spese per consulenza tecnica espropri 8.500,00 - Spese per assistenza archeologica agli scavi 2.850,00 - Lavori in economia per miglioramento percorribilità banchina pedonale esistente tra La Frusta e scesa Sasso Serpaio ,00 - Imprevisti ed arrotondamenti ,99 - Incentivo progettazione art.93 D.Lgs. 163/ ,00 Sommano e) ,99 TOTALE PROGETTO d)+e) ,00 13

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Il Commissario Straordinario Arch. Maurizio Tofani

Il Commissario Straordinario Arch. Maurizio Tofani MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 4 DEL 16.02.2012 OGGETTO:

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

P R O V I N C I A D I B A R I

P R O V I N C I A D I B A R I P R O V I N C I A D I B A R I SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E TERRITORIO VIA CASTROMEDIANO, 130-70125 - BARI TEL. 080 5412841 - FAX 080 5412872 COLLEGAMENTO DELLE SS.PP. 27 E 201 ALLA S.S. 96 NEI PRESSI DELL

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO. Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864

MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO. Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 05 DEL 06/05/2013 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa:

Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa: Settore n 6 Manutenzione Ambiente Il Dirigente sottoscritto sottopone a codesto organo l opportunità di adottare l atto che segue in uno con la relazione illustrativa: Relazione del Dirigente: Premesso

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA I CANTIERI RENDERANNO NECESSARI NUOVI PERCORSI DI ENTRATA ED USCITA PER GLI UTENTI DELLA METROPOLITANA

COMUNICATO STAMPA I CANTIERI RENDERANNO NECESSARI NUOVI PERCORSI DI ENTRATA ED USCITA PER GLI UTENTI DELLA METROPOLITANA COMUNICATO STAMPA DAL 10 APRILE 2010 INIZIANO ALLA STAZIONE TERMINI I LAVORI INTERNI AL NODO DI SCAMBIO TRA LE LINEE A E B DELLA METROPOLITANA ALLA FINE DEL 2012 IL NODO DI SCAMBIO SARÀ RESTITUITO ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA Provincia di Pistoia Dipartimento Pianificazione Territoriale,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI AFFISSIONALI E PUBBLICITARI

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI AFFISSIONALI E PUBBLICITARI Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste AREA-02 Servizio: TRIBUTI Ufficio: TRIBUTI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 100452 del 29/01/2008 OGGETTO: MODIFICA PIANO GENERALE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE)

PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) SIC Montagnola senese (IT5190003) SIC/ZPS Crete di Camposodo e Crete di Leonina (IT5190004) SIC/ZPS Monte Oliveto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7

ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) - PARTE FESR 2007-2013 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE, ASSE 4. LINEA

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

Bollo A 16,00. il residente a CAP. in Via n tel. E-mail in qualità di : Proprietaria/o Codice fiscale

Bollo A 16,00. il residente a CAP. in Via n tel. E-mail in qualità di : Proprietaria/o Codice fiscale SUA_03_01 Bollo A 16,00 l Spazio riservato al protocollo al Dirigente del Settore Urbanistica, Edilizia, Suap e Sviluppo Economico c.a. Sportello Unico RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA REALIZZAZIONE /

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 01/03/2016 n. 27

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 01/03/2016 n. 27 VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 01/03/2016 n. 27 Oggetto: Sistemazione di Via di Castelpulci. I stralcio. Approvazione Progetto definitivo esecutivo in linea tecnica COPIA L'anno duemilasedici

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto n. 14 MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI Sistemazione strade varie (Variante SUAP Bianchi) Importo quadro economico:. 2.500.000,00 Fonte di finanziamento:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI POLESELLA UFFICIO TECNICO c.f. 00197350291 Piazza Matteotti N 11-45038 Polesella - RO - 0425 / 447111 - FAX 444022 - E MAIL:comune.polesella@archimedia.it N. 168 Reg. N. Prot. VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

La Regione Autonoma FVG, rappresentata da e La Provincia di Pordenone, rappresentata da..

La Regione Autonoma FVG, rappresentata da e La Provincia di Pordenone, rappresentata da.. SCHEMA ATTO DI RINEGOZIAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 15 GENNAIO 2001 TRA LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA E LA PROVINCIA DI PORDENONE, COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO IN DATA

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE 1. Verificare che la strada non sia stata asfaltata da meno di un anno dalla data di presentazione della

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA In seguito agli eventi atmosferici avversi del marzo 2011, la provincia di Biella ha richiesto un finanziamento alla regione Piemonte, al fine di ripristinare

Dettagli

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali 139 Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali Stefano Cesarini Contesto legislativo e normativo Il nuovo Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania 94 22/11/2012 11 0 - -

Giunta Regionale della Campania 94 22/11/2012 11 0 - - Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario COORDINATORE Dr. Massaro Francesco DIRIGENTE SETTORE DECRETO N DEL A.G.C.

Dettagli

1. Nota istituzionale

1. Nota istituzionale Allegato parte integrante ALLEGATO A) 1. Nota istituzionale Prima del D.P.R. 115/73 la titolarità del demanio idrico in Provincia di Trento era esclusivamente statale. Con l entrata in vigore del suddetto

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMUNE ALL IONIO ( Provincia di COSENZA ) COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI PASSI CARRABILI proposta elaborata da : Ten. Pietro Atene : Responsabile del Corpo di P.M. 1 INDICE Art. 1

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Art.4 Criteri di scelta del concessionario

Art.4 Criteri di scelta del concessionario REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREE COMUNALI PER LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PERTINENZIALI AI SENSI DELL ART.9, COMMA 4, DELLA LEGGE 24 MARZO 1989 N.122 (Deliberazione del

Dettagli

Luogo residenza prov. c.a.p. Indirizzo n. Tel. Fax e-mail

Luogo residenza prov. c.a.p. Indirizzo n. Tel. Fax e-mail Al dirigente del sesto settore del Comune di Termini Imerese Oggetto: Richiesta modifica temporanea della disciplina vigente di circolazione o di sosta. Cognome nome Luogo di nascita Data di nascita Luogo

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO 1 MARCA DA BOLLO TIMBRO DI RICEVUTA (spazio riservato all ufficio) Comune di Cesena SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO Servizio Attuazione Urbanistica Piazza Guidazzi 9, ridotto Teatro Bonci 1 piano 47521Cesena

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 160 Prot. 26446/2011 adottata nella seduta del 19 ottobre 2011 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

***** ACCORDO PER LO SPOSTAMENTO DELLE LINEE TELEFONICHE INTERFERENTI CON I LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA NUOVA SP N. 91 VALLE CALEPIO 2

***** ACCORDO PER LO SPOSTAMENTO DELLE LINEE TELEFONICHE INTERFERENTI CON I LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA NUOVA SP N. 91 VALLE CALEPIO 2 PROVINCIA DI BERGAMO TELECOM ITALIA SPA ***** ACCORDO PER LO SPOSTAMENTO DELLE LINEE TELEFONICHE INTERFERENTI CON I LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA NUOVA SP N. 91 VALLE CALEPIO 2 LOTTO DA COSTA DI MEZZATE

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED. AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED. AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE FOGNARIA DI CARPI. (Prog. AIMAG 13/82-RETI). L anno duemilaquattordici

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli

proposta di legge n. 208

proposta di legge n. 208 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 208 a iniziativa del Consigliere Ricci presentata in data 20 dicembre 2007 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 1 DICEMBRE 1997, N. 71

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 Azioni congiunte di tutela, sviluppo sostenibile e promozione imprenditoriale del sistema della Rete Ecologica Siciliana Premessa

Dettagli

INQUADRAMENTO NORMATIVO

INQUADRAMENTO NORMATIVO INQUADRAMENTO NORMATIVO Variante Urbanistica al P.R.G., da approvare con l applicazione della procedura dell Accordo di Programma, ai sensi dell art. 7 della L.R. n 11 del 23/4/2004 e successive modifiche

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI E PIANIFICAZIONE. Lavori di manutenzione del canale navigabile della laguna di Sant Antioco.

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI E PIANIFICAZIONE. Lavori di manutenzione del canale navigabile della laguna di Sant Antioco. Allegato A alla Delibera n. 63 del 20.11.2015 Lavori di manutenzione del canale navigabile della laguna di Sant Antioco. Approvazione del Progetto definitivo. (Recepimento delle prescrizioni del Decreto

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t

schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle 7,5 t schemi segnaletici di possibile attuazione per il fermo temporaneo in carreggiata dei veicoli con massa a pieno carico superiore alle,5 t 1 PREMESSA Il presente documento integra il testo del Protocollo

Dettagli

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento ALLEGATO A Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione di progetti per la nuova costruzione, ristrutturazione ed ampliamento delle aree sosta- artt. 3 e 4 l.r. 26/93-.

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

M I G L I O R A M E N T O DELLE U R B A N I Z Z A Z I O N I P R I M A R I E D E L L E Z O N E D E G R A D A T E D E L C E N T R O S T O R I C O

M I G L I O R A M E N T O DELLE U R B A N I Z Z A Z I O N I P R I M A R I E D E L L E Z O N E D E G R A D A T E D E L C E N T R O S T O R I C O C O M U N E DI L I Z Z A N O ( Prov. di Taranto) M I G L I O R A M E N T O DELLE U R B A N I Z Z A Z I O N I P R I M A R I E D E L L E Z O N E D E G R A D A T E D E L C E N T R O S T O R I C O PROGETTO

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

AREA SERVIZI DI AMMINISTRAZIONE SERVIZIO PROGETTI STRATEGICI E APPALTI, CONTRATTI, AFFARI GENERALI

AREA SERVIZI DI AMMINISTRAZIONE SERVIZIO PROGETTI STRATEGICI E APPALTI, CONTRATTI, AFFARI GENERALI Pag. 1 / 4 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA SERVIZI DI AMMINISTRAZIONE SERVIZIO PROGETTI STRATEGICI E APPALTI, CONTRATTI, AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI Approvato con delibera di consiglio del Commissario Straordinario n. 17 del 18.03.2004 1 INDICE Art. 1 - Contenuto del Regolamento. Art. 2 - Definizione di passo

Dettagli