21 luglio Al sindaco di Ravenna e p.c.: Al Procuratore generale c/o Tribunale di Ravenna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "21 luglio 2012. Al sindaco di Ravenna e p.c.: Al Procuratore generale c/o Tribunale di Ravenna"

Transcript

1 COMUNE DI RAVENNA GRUPPO CONSILIARE LISTA PER RAVENNA Piazza del Popolo n Ravenna tel fax E mail: Difesa ambiente 21 luglio 2012 Al sindaco di Ravenna e p.c.: Al Procuratore generale c/o Tribunale di Ravenna Lettera aperta SULLE GRAVI INADEMPIENZE INTORNO AL PORTO TURISTICO MARINARA Egregio sindaco, con tre comunicati trasmessi e ampiamente pubblicati dagli organi di informazione, rispettivamente il 13, 14 e oggi stesso 20 luglio, Lei è intervenuto con parole forti sulla gestione del porto turistico Marinara di Marina di Ravenna, in sostanza - traggo dal comunicato più esplicito del 14 luglio - diffidando la società Seaser, titolare della concessione demaniale rilasciata per la costruzione e la gestione del porto stesso, a dare il via alle opere pubbliche più urgenti, che abbiamo definito in un incontro qualche settimana fa presenti le banche, entro il mese di luglio. Più precisamente, Ella ha scritto: Desidero ripetere pubblicamente quanto ho detto ai miei interlocutori qualche settimana fa. Il mese di luglio è il limite entro il quale avviare la soluzione di ogni inadempienza Le richieste che ho illustrato nell'incontro di qualche settimana fa non possono essere interpretate come un penultimatum: sono un vero e proprio 'ultimatum' Dopo avere riparato alle gravi inadempienze si potrà discutere in trasparenza e pubblicamente di eventuali varianti. Si ricava da quanto sopra che le opere pubbliche più urgenti rappresentano altrettante gravi inadempienze agli obblighi in virtù dei quali il 30 marzo 2005 l Autorità portuale ha concesso, per 50 anni, alla società Seaser, l uso, sulla spiaggia di Marina di Ravenna, di metri quadrati di aree demaniali su cui costruire le opere a terra del porto turistico, e in particolare edificare metri quadrati di edilizia residenziale (8.695), edilizia non residenziale (11.121) e edilizia artigianale (3.183). Ella, mancando per primo al dovere di trasparenza, non ha citato quali siano le inadempienze consistenti nella mancata realizzazione delle opere pubbliche necessarie per bilanciare e rendere sostenibili le opere a terra di interesse privato e commerciale del porto turistico: inadempienze che avrebbero obbligato l Autorità Portuale ad attivare tutti i meccanismi sanzionatori previsti nell atto di concessione, fino al ritiro della concessione stessa. Il Suo ultimatum ha pertanto il senso di legittimare il protrarsi delle inadempienze compiute dai soggetti sottoscrittori della convenzione, le quali, a tutti gli effetti, sono da intendersi come illegittimità, tutt altro che prive di aspetti valutabili sotto il profilo penale. In attesa di maggiori spiegazioni, Le ricordo la nota del 31 dicembre 2011 (allegata) trasmessa a Lei, al presidente dell Autorità portuale, al direttore generale dell AUSL di Ravenna e al comandante della Capitaneria di Porto, con cui segnalavo, come già fatto fin dal 22 marzo 2009 con un interrogazione a cui Ella - violando la legge - non ha mai dato risposta, una delle più gravi inadempienze di cui sopra riguardanti l impianto di ricambio delle acque del bacino portuale di Marinara, pagato dal Comune di Ravenna rimborsando a Marinara euro di risorse pubbliche. La concessione demaniale del 30 marzo 2005 affermava che è stabilita il 31 gennaio 2006 la data entro la quale SEASER dovrà aver completato il sistema di ricambio acque di propria pertinenza. I collaudi portano la data del 27 gennaio 2009, ma, a parte l inadempienza temporale, l impianto, per difetti di progettazione e/o costruzione, non ha mai funzionato e non funziona tutt oggi, essendo addirittura esposto a rischio di incidenti alle persone per mancata attivazione al suo intorno di dispositivi di sicurezza. La conseguenza è che il bacino chiuso di un porto turistico che ospita oltre 1150 posti barca lo rende non agibile, dato che negli ultimi anni è stato in condizioni d igiene non accettabili, causa anche di un fetore permanente: La mancanza di ricambio delle acque causa uno stagnamento delle acque che in estate vanno in putrefazione. A peggiorare la situazione certamente contribuiscono gli scarichi delle imbarcazioni ormeggiate, scarichi sia organici e soprattutto di detersivi che aumentano la proliferazione di alghe che poi, con il caldo, vanno in putrefazione. Il famoso

2 Porto Internazionale di Marinara in estate è un bacino inquinato e maleodorante. Il virgolettato è tratto dalla segnalazione trasmessa al Comune di Ravenna e all Autorità portuale il 25 novembre 2011 da Franco Nanni, esperto del settore e presidente dell associazione ravennate degli operatori nell offshore petrolifero, il quale mi ha appena confermato che tuttora nulla è stato fatto per diminuire l odore nauseabondo delle acque del Porticciolo Turistico di Marina di Ravenna Con l estate ed il caldo le alghe vanno in putrefazione, venendo in superficie, creando anossia nelle acque delle valli e nel porticciolo Marinara avrebbe dovuto fare funzionare le pompe per il ricambio delle acque. Ci sono ben tre prese d acqua per il riciclo, ma nessuna funzionante. Non posso dunque evitare di richiamarle l art. 331 del Codice di procedura penale il quale stabilisce che i pubblici ufficiali e gli incaricati di un pubblico servizio che, nell'esercizio o a causa delle loro funzioni o del loro servizio, hanno notizia di reato perseguibile di ufficio, devono farne denuncia per iscritto, anche quando non sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito (denuncia) presentata o trasmessa senza ritardo al pubblico ministero o a un ufficiale di polizia giudiziaria. La invito pertanto, trasmettendo questo scritto per conoscenza al Procuratore generale presso il Tribunale di Ravenna, a valutare se non sia Suo obbligo denunciare, così come sopra, le gravi inadempienze di cui Ella ha affermato di essere a conoscenza nel comunicato alla stampa (allegato) del 14 luglio scorso. Allegati: comunicato del sindaco in data 14 luglio 2012; Alvaro Ancisi, capogruppo

3 Ancisi (LpRa): "Salace cartello sull'impianto di ricambio acque di Marinara" martedì 13 marzo 2012 Documentiamo la triste storia di un enorme finanziamento pubblico gettato in mare. Franco Nanni, presidente degli operatori nell'offshore petrolifero, già membro del consiglio direttivo del Consorzio MarinaRa titolare dei diritti di costruzione del porto turistico prima che fossero rilevati da SEASER, mi è venuto nuovamente in soccorso riguardo all'ormai famoso (o famigerato) impianto di ricambio delle acque nel porto turistico di Marinara. Mi ha girato la foto allegata, in cui si vede che, a seguito della denuncia da me inoltrata al Comando carabinieri tutela ambiente (C.C.T.A.), una mano ignota (vox populi) ha fissato sul cancello dell'impianto un cartello indicatore contenente la scritta seguente: "QUESTO È IL FAMOSO IMPIANTO DI RICAMBIO ACQUE DEL PORTO TURISTICO DI MARINARA. DOVEVA ESSERE FATTO A SPESE DI MARINARA INVECE È STATO FATTO A CURE E SPESE DEL COMUNE DI RAVENNA (grazie!!!). PECCATO CHE NON ABBIA MAI FUNZIONATO PERCHÉ SBAGLIATO DEI NOSTRI SOLDI ANCORA UNA VOLTA BUTTATI VIA, ANZI IN MARE!!! NON APPOGGIARSI AL CANCELLO, NON È FISSATO. POTRESTE CADERE IN ACQUA".

4 L'occasione mi è utile per tornare su questa triste vicenda, in particolare sui costi dell'opera addossati alle casse pubbliche. L'assessore all'urbanistica, Maraldi, ha dichiarato, il 4 gennaio scorso, che "il finanziamento delle opere da parte è avvenuto da parte del ministero dei Lavori Pubblici, e non del Comune". La precisazione è alquanto ambigua. I cittadini meritano che sia fornita loro la seguente più puntuale informazione. * L'8 ottobre 1998, il ministero lanciò un bando per finanziare Programmi di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile del Territorio (PRUSST). * Il 3 agosto 1999, il consiglio comunale di Ravenna approvò la proposta PRUSST denominata "Sistema urbano e sistema portuale del Corridoio Adriatico", comprensiva di 23 interventi: 1. Riconversione Comparto Agip; 2. Collegamento diretto tra la statale n. 67 Tosco-Romagnola e la statale n. 309 Romea Dir; 3. Adeguamento della Via Baiona e collegamento diretto con la statale n. 309 Romea Dir; 4. Adeguamento del tratto di circonvallazione tra E45 ed E55; 5. Attuazione sub comparto Nuova Cementi nel PRU Darsena di città; 6. Nuovo cementificio Colacem; 7. Attuazione sub comparto CMC nel PRU Darsena di città; 8. Riconversione urbana delle banchine e opere di urbanizzazione in Darsena di città; 9. Riassetto leggero della stazione; 10. Terminale traghetti in sinistra Candiano a Largo Trattaroli; 11. Riqualificazione ambientale della pialassa Baiona 2 stralcio; 12. Riqualificazione ambientale della pialassa del Piombone; 13. Adeguamento e potenziamento della zona portuale Piombone; 14. Accesso stradale, sottoservizi e sistemazione banchine di largo Trattaroli in sn Candiano; 15. Completamento accesso stradale, sottoservizi e raccordo ferroviario; 16. Convogliamento al Canale Candiano delle acque di scarico dei depuratori; 17. Sistema fognario a servizio della zona portuale in destra canale Candiano; 18. Convogliamento acque nere Lido Adriano zona sud direttamente al depuratore; 19. Banchine per mezzi militari e di servizio a Porto Corsini; 20. Dispositivo di sicurezza Port Approach Control (PAC); 21. Delocalizzazione/potenziamento aree merci ferroviarie e dorsale sinistra Candiano; 22. Porto turistico a Marina di Ravenna; 23. Delocalizzazzione spazi operativi della Dogana. In sostanza, la proposta conteneva, insieme ad opere di carattere prettamente privato, il campionario delle opere pubbliche più importanti, strutturali e infrastrutturali, di cui Ravenna soffriva, e soffre tuttora largamente, la sofferta mancanza. * Il 10 luglio 2003, il ministero distribuisce euro a 78 programmi PRUSST presentati da enti pubblici territoriali, tra cui quello del Comune di Ravenna, che introita sull'unghia nel suo bilancio euro. Il decreto ministeriale stabilisce che sia il soggetto promotore del PRUSST, in questo caso il Comune di Ravenna, a decidere su quali interventi, tra quelli inseriti nel PRUSST stesso, impegnare il finanziamento erogato * Il 30 dicembre 2003, la giunta comunale, senza neppure informare il consiglio, delibera di finanziare i seguenti tre interventi: - riconversione urbana delle banchine su via D'Alaggio (n. 8 nell'elenco di cui sopra); - delocalizzazione spazi operativi della Dogana (n. 21); - impianto di ricircolo acque Porto Turistico (n. 22). In un secondo momento, la giunta definisce le quote: all'impianto di Marinara vanno euro. Dunque, l'impianto è stato pagato dal Comune con fondi del proprio bilancio erogati dal ministero dei Lavori pubblici.

5 La scelta di finanziare questo impianto è stata del Comune di Ravenna, senza alcun coinvolgimento del consiglio comunale, e quindi dell'opposizione. Ognuno può verificare, dall'elenco degli interventi, se non ci fossero opere di interesse pubblico più meritevoli di finanziamenti. Si aggiunga che l'impianto avrebbe dovuto essere a carico della società Seaser, concessionaria del porto turistico, per obbligo imposto dall'autorità portuale nell'atto di concessione, con l'impegno che fosse "completato entro il 31 gennaio 2006"; che i collaudi dell'opera portano la data del 27 gennaio 2009; che l'autorità portuale non risulta aver neppure contestato l'inadempienza, per quanto esplicitamente sollecitata da Lista per Ravenna; che l'impianto non ha mai funzionato per difetto di costruzione, e non funziona tuttora; che neppure questo risulta essere stato contestato; che, naturalmente, il mancato ricambio delle acque ha ridotto un'area portuale da 1152 posti barca ad "un bacino inquinato e maleodorante in estate" (Franco Nanni, titolare di un posto barca). Sarà pur vero, come ha detto l'assessore Maraldi, che "il finanziamento pubblico è assolutamente legittimo", come hanno giustamente riportato i giornali nei loro titoli, ma l'intera vicenda resta un'enorme vergogna pubblica.

6 Matteucci: "Marinara ha bisogno di una ripartenza e di una svolta. No alla speculazione" venerdì 13 luglio 2012 Dichiarazione del Sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci sul porto turistico di Marinara. «Quando si va sul sito di Marinara, in apertura c'è scritto: Marinara è il porto turistico di Ravenna. E poi poco più sotto prosegue: la parte a terra di Marinara è la naturale prosecuzione del centro abitato di Marina di Ravenna. Voglio parlare chiaro: oggi queste due cose non sono vere. Marinara, per evidenti responsabilità gestionali, ha avuto una falsa partenza. Oggi Marinara è vissuta da Ravenna e da Marina come un corpo estraneo, una cattedrale nel deserto a troppo alta conflittualità interna. Oggi sono rimasti in pochi a difendere la scelta di realizzare Marinara. Molti di quelli che erano favorevoli si sono fatti di nebbia. E' uno stile che non mi piace e non mi appartiene. Io allora facevo tutt'altro, e non ho avuto nessuna responsabilità nel processo decisionale che portò alla scelta di realizzare questo intervento. Non c'ero, ma non faccio il furbo: a mio giudizio la scelta di realizzare un grande porto turistico con posti barca fu una scelta giusta. Nessuno può ignorare che la sostenibilità economica di un grande porto turistico richiede per forza un motore immobiliare. Insomma non si può dire: bene le barchette ma no il cemento a terra. E' una posizione poco onesta perché senza casette non ci sarebbero barche. Poi si può discutere come sempre della qualità architettonica. Ma è un altro discorso. Comunque allora non c'ero, ma oggi ci sono e voglio dire la mia in modo semplice e comprensibile. Piaccia, non piaccia (anche se allora piaceva) o non sia mai piaciuta, oggi Marinara c'è. Marinara ha bisogno di una ripartenza, di una svolta, di una scossa. Certo si è fatta una fama non fantastica, ma Ravenna non si può rassegnare. Provo a delineare quelle che, a mio giudizio, possono essere le tre linee di questa ripartenza. I curatori fallimentari che amministrano la società devono dare il via alle opere pubbliche più urgenti, che abbiamo definito in un incontro qualche settimana fa presenti le banche, entro il mese di luglio.

7 Se no si va verso una rottura e credo una messa in discussione della concessione da parte dell'autorità Portuale. Agli interlocutori a cui mi rivolgo è chiarissimo di cosa sto parlando e in questa circostanza non è necessario che io entri in troppi dettagli tecnici. Desidero ripetere pubblicamente quanto ho detto ai miei interlocutori qualche settimana fa. Il mese di luglio è il limite entro il quale avviare la soluzione di ogni inadempienza. Viste le travagliate vicende di questi anni, desidero che non ci siano equivoci e uso un linguaggio che non mi piace ma che rende l'idea. Le richieste che ho illustrato nell'incontro di qualche settimana fa non possono essere interpretate come un penultimatum: sono un vero e proprio 'ultimatum'. E' un modo di esprimersi che, come dicevo, non mi piace moltissimo, ma quando ci vuole ci vuole. Dopo avere riparato alle gravi inadempienze si potrà discutere in trasparenza e pubblicamente di eventuali varianti. Dopo, non prima. Dunque nessuno 'prenda paura', a partire dalle banche. In secondo luogo è indispensabile che entro quest'anno gli attuali amministratori della società e le banche definiscano il 'piano industriale' di rilancio di Marinara. E poi sono necessari come il pane uno o più nuovi investitori. In una situazione così critica quasi si sente l'affilar di armi da parte di interessi speculativi. Siccome parliamo di una concessione pubblica di grande rilevanza, concepita per fare da volano all'offerta turistica della nostra città, è particolarmente utile parlar chiaro su questo punto. L'Autorità portuale e il Comune sbarreranno la strada ad ogni appetito speculativo, perché viceversa siamo per lo sviluppo di Marinara lungo le linee del progetto originario. Il tempo c'è stato e altro, più che sufficiente, ce n'è ancora da qui a dicembre. Oltre non si può andare. Sia chiaro: il Comune e l' Autorità portuale saranno vigili, perché vogliamo la ripartenza di Marinara e contrasteremo ogni operazione speculativa. In terzo ed ultimo luogo c'è bisogno di una netta discontinuità nella gestione quotidiana di Marinara. Subito. Non funzionava la vecchia gestione e, fino ad ora, non funziona quella che è subentrata. Ma possibile che sia stato necessario l'intervento di un giudice per dirimere questioni condominiali.? Ma è possibile che ci sia un grado così alto di conflittualità interna a Marinara? Ma è possibile che quasi tutti ne parlano male? Sì, è possibile, succede tutti i giorni. Non ci dovrebbe essere bisogno che sia il Sindaco a segnalare esigenze così elementari. Queste sono a mio giudizio le tre cose da fare per la ripartenza di Marinara. In verità io non ho molti strumenti di intervento diretto perché Marinara prenda una direzione diversa. Ma li userò tutti, e userò anche quelli più indiretti di influenza istituzionale del Comune.

8 Ravenna non si deve rassegnare al sostanziale fallimento del progetto di Marinara: 28 ettari, 1100 posti barca. Marinara è ancora una grande opportunità. Ma il cambio di direzione deve esser netto, coerente e rapido. La ripartenza è indispensabile. La ripartenza è possibile. Il Comune farà la sua parte: la farà, e questo è molto importante, in intesa totale con l'autorità Portuale".

9 COMUNE DI RAVENNA GRUPPO CONSILIARE LISTA PER RAVENNA Piazza del Popolo n Ravenna tel fax E mail: Al sindaco di Ravenna Al presidente dell Autorità portuale di Ravenna Al direttore di ARPA Ravenna Al direttore generale dell AUSL di Ravenna Al comandante della Capitaneria di Porto di Ravenna SUL BACINO MALSANO E MALODORANTE DEL PORTO TURISTICO MARINARA Il 22 marzo 2009 presentai al sindaco di Ravenna un interrogazione sull impianto di ricircolo di Marinara, che non ebbe risposta, in violazione dell art. 43, comma 2, del Testo unico sull ordinamento degli enti locali (risposta entro 30 giorni alle interrogazioni dei consiglieri comunali). Lamentai, in sintesi, quanto segue. Il Comune di Ravenna aveva deciso di finanziare, prioritariamente, coi fondi PRUSST ( Programmi di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile nel Territorio ), erogati dal ministero dei Lavori Pubblici a favore del progetto proposto dal Comune stesso, denominato: Sistema urbano e sistema portuale nella prospettiva del Corridoio Adriatico, l intervento, indicato col n. 2.7, riguardante Il porto turistico di Marina di Ravenna (progetto Marinara), così indicandolo nella relazione illustrativa datata luglio 2009: È un intervento strategico, tutto di carattere privato per la realizzazione di una struttura di portualità turistica su un bacino di oltre 27 ettari, con parti a terra di oltre 12, una capienza di posti barca, con attività commerciali, ricettive, di servizio e di rimessaggio a terra. Sono stati così spesi 381 mila e 661 euro di risorse pubbliche per rimborsare alla società SEASER, titolare di Marinara, il costo dell impianto di ricircolo delle acque interne del porto turistico, rivolto ad assicurare una qualità delle acque nel bacino idonee all ambiente urbano (Marina di Ravenna) nel cui contesto è inserito (così è scritto in tutte le relazioni ufficiali). Apparve per lo meno inappropriato l utilizzo o la distrazione di fondi pubblici per un impianto imposto a SEASER dall atto di concessione demaniale rilasciatole dall Autorità portuale di Ravenna già nel 1998, e comunque perché la pulizia delle acque del porto turistico è un obbligo facente capo direttamente al privato che il porto gestisce. La concessione demaniale marittima del 30 marzo 2005 affermava che è stabilita il 31 gennaio 2006 la data entro la quale SEASER dovrà aver completato il sistema di ricambio acque di propria pertinenza. L opera è stata terminata almeno due anni dopo, dato che i relativi collaudi portano la data del 27 gennaio Il ritardo, causa di danno ambientale per il mancato ricircolo delle acque interne al porto, non risulta essere stato neppure contestato da nessuna autorità pubblica, mentre il Comune ha assunto senza obiezioni l impegno di rimborsare a piè di lista i costi dell opera. L impianto è costituito da un manufatto in cemento armato, che accoglie al proprio interno due pompe, le quali, ad intervalli programmati, aspirando acqua dal mare aperto a lato del molo foraneo sud, consentono il ricambio delle acque interne al porto turistico. In teoria. Il 25 novembre 2011, Franco Nanni, autorevole presidente della ROCA, associazione ravennate degli operatori nell offshore petrolifero, a suo tempo membro del consiglio direttivo del Consorzio MarinaRa titolare dei diritti di costruzione del porto turistico prima che fossero rilevati da SEASER, ha scritto una lettera al Comune di Ravenna e all Autorità portuale, avente per oggetto: Darsena Imbarcazioni da diporto. Vi espone, in sintesi, quanto segue: La darsena delle imbarcazioni da diporto nei mesi estivi si trasforma in un bacino inquinato e maleodorante. Infatti dopo la chiusura con il molo frangiflutti di Marinara l area non ha un riciclo delle acque. La Società SEASER si era impegnata di completare un sistema di ricambio acque In seguito, nel 2004 è stato appaltato un sistema di riciclo delle acque installando una pompa nella base della diga foranea sud... non so per quale motivo il Comune di Ravenna si sia fatto carico delle spese di tale opera che doveva

10 essere a carico di Seaser o comunque a carico dei proprietari delle imbarcazioni che usufruiscono del bacino del Porto turistico (premetto che io ne usufruisco) l opera è completamente inutile poiché non ha mai funzionato essendo la presa e la pompa insabbiate per un ingenuo difetto di progettazione inoltre vorrei fare notare che l impianto di riciclo acque, costruito nella diga sud, oltre che essere risultato inutile, è anche pericoloso. Infatti era dotato di una ringhiera con cancello di protezione, ringhiera che attualmente è danneggiata ed abbandonata costituendo così un pericolo per chi si dovesse appoggiare. Nanni evidenzia anche l esistenza di un il tubo di collegamento sotto il molo frangiflutti (angolo molo sud), da diversi anni ostruito essendo completamente insabbiato. Per liberarlo basterebbe un semplice escavatore che dal molo sud portasse via qualche autocarro di detriti. Sottolinea pure che nei lavori di allargamento del molo foraneo sud è stata costruito un sistema di riciclo delle acque, che purtroppo non è ancora andato in funzione : riguarda i lavori in carico all Autorità portuale sulla storica palizzata sud del canale Candiano. In definitiva, non esistendo il benché minimo ricambio di acqua all interno di un bacino chiuso che ospita 1152 posti barca, il porto turistico non è, afferma Nanni, agibile, dato che negli ultimi anni è stato in condizioni d igiene non accettabili, causa anche di un fetore permanente. Rispondendo ad una mia richiesta, ha aggiunto: La mancanza di ricambio delle acque causa uno stagnamento delle acque che in estate vanno in putrefazione. A peggiorare la situazione certamente contribuiscono gli scarichi delle imbarcazioni ormeggiate, scarichi sia organici e soprattutto di detersivi che aumentano la proliferazione di alghe che poi, con il caldo, vanno in putrefazione. Il famoso Porto Internazionale di Marinara in estate è un bacino inquinato e maleodorante. Esposto quanto sopra, si chiede alle autorità in indirizzo di attivare al riguardo le rispettive competenze in materia. Ai fini dell'accertamento degli eventuali illeciti in violazione delle norme di tutela delle acque dall'inquinamento, si invia, a parte, formale richiesta di intervento al Comando carabinieri tutela ambiente (C.C.T.A.), competente ai sensi dell art. 135, comma 2, del Codice dell Ambiente. Allegati: lettera di Franco Nanni citata cinque diapositive in power point Alvaro Ancisi, capogruppo

11 Sulle gravi inadempienze intorno al porto turistico Marinara/st/int/fmam

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo Inviata tramite PEC Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/a 00198 Roma Milano, 19 novembre 2015 Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO PER ABBATTIMENTO DI BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE N. 13 DEL 9/1/89

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO PER ABBATTIMENTO DI BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE N. 13 DEL 9/1/89 GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO PER ABBATTIMENTO DI BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE N. 13 DEL 9/1/89 La domanda di contributo deve essere presentata in bollo dal disabile (ovvero da

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

-Il Sindaco,prima di dare risposta specifica al Consigliere Carbone,ritenendolo utile,dà lettura della proposta e del Regolamento.

-Il Sindaco,prima di dare risposta specifica al Consigliere Carbone,ritenendolo utile,dà lettura della proposta e del Regolamento. REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGI EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI CHE RISIEDONO FUORI DEL CAPOLUOGO DEL COMUNE PER LA PARTECIPAZIONE ALLE SEDUTE DEGLI ORGANI ASSEMBLEARI ED

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Gennaio 2012 Ottobre 2012 RELAZIONE DI FEEDBACK

Gennaio 2012 Ottobre 2012 RELAZIONE DI FEEDBACK Gennaio 2012 Ottobre 2012 RELAZIONE DI FEEDBACK COME OPERIAMO A - Art.4 Non Statuto: RAVENNA il movimento 5 stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992

Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Chiesa cattolica e imposta ICI. Decaduto il decreto 163/2005 resta in vigore la legge 504/1992 Nota dell'ufficio Avvocatura della Diocesi di Milano Con la rinuncia da parte del Governo a richiedere alla

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Guido Ceroni. Studi Maturità scientifica Laurea in Filosofia conseguita presso l Università di Firenze nel 1976 (110/110 e lode) ATTIVITÀ SVOLTE

Guido Ceroni. Studi Maturità scientifica Laurea in Filosofia conseguita presso l Università di Firenze nel 1976 (110/110 e lode) ATTIVITÀ SVOLTE Guido Ceroni Generalità Nato a Ravenna il 13 marzo 1952 Residente in Ravenna, Via Dario Dradi, 35 CF: CRNGDU52C13H199K Studi Maturità scientifica Laurea in Filosofia conseguita presso l Università di Firenze

Dettagli

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città.

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. Relatore l'assessore all'urbanistica Libero Asioli - La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione:

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO DI ANZIO

REALIZZAZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO DI ANZIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO DI ANZIO FOGLIO INFORMATIVO PER LA PRENOTAZIONE E LA VENDITA DEI DIRITTI DI ORMEGGIO A LUNGO TERMINE DEI POSTI BARCA Dopo la definitiva conclusione della procedura

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

I. PALAZZETTO DELLO SPORT

I. PALAZZETTO DELLO SPORT I. PALAZZETTO DELLO SPORT Confronto contributo pubblico 2008 2010 A base di gara Variazione dopo gara TIPOLOGIA CONTRIBUTO PUBBLICO Note generali CONFERIMENTO DI SOLDI A FONDO PERDUTO A forfait da bando

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Chiarimenti sulla Banca Popolare di Vicenza

Chiarimenti sulla Banca Popolare di Vicenza Chiarimenti sulla Banca Popolare di Vicenza - Le vicende della Banca Popolare di Vicenza (BPV) sono venute all attenzione dell opinione pubblica nelle scorse settimane, quando è stata data notizia delle

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Vicenza Corso di aggiornamento su Evoluzione della Normativa di Prevenzione Incendi

Dettagli

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015

Città di Verbania ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 ASSEMBLEA STRAORDINARIA / ORDINARIA DI VENETO BANCA SABATO 19 DICEMBRE 2015 Il SINDACO del Comune di VERBANIA, appoggia l indicazione del sì alla costituzione in SOCIETÀ PER AZIONI, quale unica via percorribile

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

Comune di Golfo Aranci (OT)

Comune di Golfo Aranci (OT) Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2015 Sottoscrive il documento: Pier Luigi Ciolli Comune di Golfo Aranci (OT) Errare è umano. ma perseverare NUOVI DIVIETI ALLE AUTOCARAVAN L ostilità del Comune di Golfo

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO Autorità Portuale Regionale della Toscana Nuovo PRP_Fase di ascolto Processo partecipativo per l'aggiornamento del Quadro Conoscitivo del Piano Regolatore Portuale del porto di Isola del Giglio Fase di

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE

COMUNE DI PRAMAGGIORE COMUNE DI PRAMAGGIORE PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO Per L Utilizzo dei sistemi di Videosorveglianza per la sicurezza urbana Approvato con deliberazione C.C. n 17, del 05.10.2009 Art. 1 - Oggetto e campo

Dettagli

FAQ BUONO SCUOLA. 3) D _ Nella tabella in cui vengono elencati tutti i componenti la famiglia con quale ordine bisogna inserire i componenti?

FAQ BUONO SCUOLA. 3) D _ Nella tabella in cui vengono elencati tutti i componenti la famiglia con quale ordine bisogna inserire i componenti? FAQ BUONO SCUOLA DATI ANAGRAFICI 1) D Siamo genitori separati con residenze diverse, quale indirizzo indicare nella domanda? R _ Quello del genitore richiedente. COMPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA 1) D _ Mio

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI QUESITO 1 Chi ha una abitazione concessa in comodato d uso potrebbe fare domanda per gli interventi sull articolo 1? Se paga l IMUP su quell abitazione quale abitazione principale, si QUESITO 2 Sono finanziabili

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

Gentilissimo dr. Carli,

Gentilissimo dr. Carli, 1) Mail inviata il giorno 6 marzo 2014 al dr. Guido Carli, Consigliere Federale FISI, con delega allo Sci di Fondo Gentilissimo dr. Carli, da questa mattina siamo in frenetica agitazione per la copiosa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI SELARGIUS

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI SELARGIUS REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari CONTRATTO COSTITUTIVO DI DIRITTO SUPERFICIE ====== L'anno duemila, addì del mese di, in Selargius, nella casa Comunale, innanzi a me dott.,

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 OTTOBRE 2014 526/2014/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI CONTRATTUALI DI FORNITURA DI GAS AI CLIENTI FINALI DEL SERVIZIO DI TUTELA E CONTESTUALE

Dettagli

C I T T A D I C O R D E N O N S

C I T T A D I C O R D E N O N S C I T T A D I C O R D E N O N S Medaglia di Bronzo al V.M. Provincia di Pordenone REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO approvato

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 451 del 8-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 451 del 8-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 451 del 8-7-2015 O G G E T T O Affidamento in concessione della gestione del servizio di asilo nido dell'azienda Ulss

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta... Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. Art.1

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA. Art.1 REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA Approvato con delibera di C.C. n. 44 del 03/05/2002 e modificato ed integrato con delibera di C.C. n. 98 del 02/10/2003. Art.1 Inagibilità o inabitabilità

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Monza e Brianza VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 39 del 13/09/2010 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "IL POPOLO DELLA LIBERTA'

Dettagli

GAMBA: Io, invece, sarò molto più breve e mi atterrò strettamente. alla variante che ci è stata sottoposta. Devo dire che la

GAMBA: Io, invece, sarò molto più breve e mi atterrò strettamente. alla variante che ci è stata sottoposta. Devo dire che la C.C. 24.7.2014 GAMBA: Io, invece, sarò molto più breve e mi atterrò strettamente alla variante che ci è stata sottoposta. Devo dire che la presentazione della variante è avvenuta in più occasioni, c è

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER LA DISCLIPLINA DELL UTILIZZO DELLA SALA CIVICA E DELLA SALA POLIVALENTE

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER LA DISCLIPLINA DELL UTILIZZO DELLA SALA CIVICA E DELLA SALA POLIVALENTE COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER LA DISCLIPLINA DELL UTILIZZO DELLA SALA CIVICA E DELLA SALA POLIVALENTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 10 DEL 19/02/2004 PARTE PRIMA:

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 DELIBERAZIONE 17 DICEMBRE 2015 625/2015/R/GAS DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella

Dettagli

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO Servizio Demanio ***** Tel.0974/908832 23 33 Fax 800 250797 Prot. n. 5913 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA PRESSO LE BANCHINE, PONTILI E SPECCHI ACQUEI COMUNALI

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 450 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 451 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 452 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

AUTORITA PORTUALE DI RAVENNA. Delibera n. 33 del Comitato Portuale del 22 novembre 2007

AUTORITA PORTUALE DI RAVENNA. Delibera n. 33 del Comitato Portuale del 22 novembre 2007 AUTORITA PORTUALE DI RAVENNA Delibera n. 33 del Comitato Portuale del 22 novembre 2007 Riesame e riaccertamento dei residui e proposta di variazione al bilancio previsionale per l esercizio finanziario

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

Grosseto, 19 gennaio 2008

Grosseto, 19 gennaio 2008 L Assessore al Bilancio, Finanze e Credito, Programmazione finanziaria, Coordinamento delle politiche per il mare Coordinamento delle Partecipazioni Grosseto, 19 gennaio 2008 CONVEGNO NAZIONALE L albergo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo)

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Altalex.it In tema di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE Fonte Ania RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE COSA E IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente

Dettagli

di R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

di R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Prot. n. AOO_ 146/06/02/2013/00554 Bari, 6 febbraio 2013 Al Presidente di ANCI Puglia Ai Sindaci dei Comuni capofila degli Ambiti territoriali pugliesi Ai Sindaci dei Comuni Pugliesi Ai Responsabili degli

Dettagli

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Un vecchio fabbricato edificato nella prima metà del secolo scorso nel territorio rurale, ad uso abitativo, non legato ad alcuna azienda agricola o coltivatore

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour APERTO AL PUBBLICO OGNI MERCOLEDÌ ORE 18 UNO SPORTELLO PER DEPOSITARE IL PROPRIO TESTAMENTO BIOLOGICO PRESSO LA CHIESA EVANGELICA VALDESE DI ROMA PIAZZA CAVOUR Il diritto alla vita comprende anche il diritto

Dettagli

Casellario dell Assistenza. Banca dati delle prestazioni sociali agevolate

Casellario dell Assistenza. Banca dati delle prestazioni sociali agevolate Casellario dell Assistenza Prima componente Banca dati delle prestazioni sociali agevolate D.M. 8 marzo 2013 D.M. n. 206 del 16 dicembre 2014 RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI 1. Dove è reperibile il

Dettagli

ALLEGATO. Comune., via. Nome del referente/funzione:.. Telefono e numero fax:.. E-mail:

ALLEGATO. Comune., via. Nome del referente/funzione:.. Telefono e numero fax:.. E-mail: ALLEGATO Programma di cooperazione territoriale Italia Francia Marittimo Avviso per la manifestazione di interesse alla partecipazione al progetto strategico TPE (Turismo Porti Ambiente) sottoprogetto

Dettagli

"Allarme furti: il Comune sposti i vigili a pattugliare"

Allarme furti: il Comune sposti i vigili a pattugliare "Allarme furti: il Comune sposti i vigili a pattugliare" http://www.gazzettinodelchianti.it/stampa-articolo.php?id_articolo=3028 1 di 1 22/08/2013 14.35 22.08.2013 h 10:10 Di Matteo Pucci "Allarme furti:

Dettagli