Comune di. Rapporto Ambientale Preliminare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di. Rapporto Ambientale Preliminare"

Transcript

1 Comune di Rapporto Ambientale Preliminare Marzo 2015

2 Comune di Bastia Umbra (PG) Valutazione Ambientale Strategica Rapporto Ambientale Preliminare del Documento programmatico IDEA - Istituto di Ricerche Economia e Ambiente via Cesare Balbo 4, MILANO prof. Stefano Pareglio arch. Manuela Panzini arch. pt. Silvia Ronchi marzo 2015

3 INDICE 1. QUADRO NORMATIVO E FASI PROCEDURALI 1.1. Normativa di riferimento 1.2. Autorità competente per la VAS 1.3. Ambito di applicazione 1.4. Valutazione di incidenza 2. FASI E MODALITÀ DEL PROCEDIMENTO DI VAS PER LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNALE 2.1. SCHEMA PROCEDURALE: Allegato A 3. QUADRO CONOSCITIVO 3.1. Contesto territoriale 3.2. Quadro ambientale Aria e cambiamenti climatici Ciclo integrato delle acque Suolo e sottosuolo Natura e biodiversità Infrastrutture e mobilità Clima acustico Paesaggio e patrimonio culturale Energia Rifiuti Fattori di pressione e rischio Radiazioni non ionizzanti 3.3. Considerazione di sintesi del quadro conoscitivo: opportunità e criticità ambientali 4. INDIRIZZI, TEMI E CONTENUTI PROGETTUALI DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO E DELLO SCHEMA STRUTTURALE 4.1. Documento programmatico 4.2. Schema strutturale 5. QUADRO PROGRAMMATICO DI RIFERIMENTO E LA VALUTAZIONE DI COERENZA 5.1. Quadro programmatico di riferimento 5.2. Valutazione di coerenza 6. PRIME CONSIDERAZIONI DI VALUTAZIONE AMBIENTALE BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 3

4 7. PROPOSTA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO AMBIENTALE E SET DI INDICATORI 7.1. Requisiti del programma di monitoraggio ambientale del PRG 7.2. Caratteristiche degli indicatori 7.3. Gli indicatori Allegato I Processo Partecipativo Allegato II Bilancio Urbanistico-ambientale BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 4

5 1 QUADRO NORMATIVO 1.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Le procedure di valutazione ambientale (Verifica di assoggettabilità a VAS e Valutazione Ambientale Strategica) sui piani e programmi sono svolte in ambito regionale in al disposto della l.r. 12/2010 e al disposto del d. lgs 152/2006 come modificato e integrato per effetto del d. lgs.128/2010 e, con particolare riferimento agli strumenti della pianificazione urbanistica comunale, sono coordinate con le norme di semplificazione, introdotte con il D.L. 13 maggio 2011, n. 70, convertito con modifiche nella L. 12 luglio 2011, n. 106, di cui alla l.r. 8/2011 e successive modificazioni ed integrazioni di cui alla l.r. 7/2012, oltre alla DGR 767 del 21 maggio 2007 quale atto di indirizzo per la redazione del quadro conoscitivo urbanistico e ambientale e alla DGR 423 del 13/5/2013 che fornisce specificazione tecniche e procedurali per la valutazione ambientale di piani e programmi. La VAS deve essere parte integrante del procedimento di formazione, adozione e/o approvazione del piano o programma e deve essere effettuata anteriormente la fase di predisposizione del piano o programma. I provvedimenti amministrativi di approvazione adottati senza la Valutazione Ambientale Strategica, ove prescritta, sono annullabili per violazione di legge, è altresì necessario assicurare il coordinamento e la semplificazione dei procedimenti di valutazione ambientale effettuata ai vari livelli istituzionali razionalizzando i procedimenti per evitare duplicazioni delle valutazioni. Al riguardo possono essere utilizzati, se pertinenti, approfondimenti già effettuati e informazioni ottenute procedente si avvalgono di Conferenze istruttorie, al fine di: acquisire le valutazioni dei Soggetti portatori di competenze ambientali; agevolare la consultazione con i Soggetti portatori di competenze ambientali e di altri Soggetti portatori di interessi durante lo svolgimento delle consultazioni preliminari acquisire le valutazioni dei Soggetti portatori di competenze ambientali per la di competenze ambientali da invitare alle fasi delle procedure di VAS e di Verifica di comma 3, della l.r. 12/2010. In base alla tipologia di piano o programma oggetto di valutazione possono essere individuati ulteriori Soggetti con specifiche competenze ambientali. I soggetti individuati come Autorità competente per la VAS, nel caso degli strumenti della vviso di avvio del processo di VAS sul proprio sito web e sul sito web della Regione Umbria. I soggetti individuati come Autorità competente per la VAS, nel caso degli strumenti della pianificazione urbanistica comunale, assicurano un adeguato supporto volto a favorire formazione, adozione e approvazione di piani e programmi. BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 5

6 Ai sensi della D.G.R. 423 del "Specificazioni tecniche e procedurali in materia di Valutazione Ambientale Strategica in ambito regionale, a seguito della emanazione delle l.r. 8/2011 e l.r. 7/2012 in materia di semplificazione amministrativa", sono da sottoporre direttamente a VAS: PR territorio comunale. In tal caso la procedura di VAS è unica; quando non è contestuale al procedimento della Parte strutturale. Ai fini della valutazione si dovrà tener conto dei dati ed elementi acquisiti dalla procedura VAS sul PRG, Parte strutturale, ove effettuata; Piani Territoriali di Coordinamento Provinciale (PTCP) e loro varianti generali. 1.2 AUTORITÀ COMPETENTE PER LA VAS il Comune è Autorità competente per gli strumenti urbanistici comunali e loro varianti. La funzione di Autorità competente per la VAS può essere affidata dal Comune, nel rispetto dei principi generali stabiliti dalla normativa statale, in via alternativa, ad una struttura interna al Comune diversa dalla unità organizzativa responsabile del procedimento di piano urbanistico, o a forme associative dei Comuni, o alla Provincia territorialmente competente, o alla Regione Umbria Giunta regionale - Servizio competente in materia di valutazioni ambientali. 1.3 AMBITO DI APPLICAZIONE Con riferimento alla pianificazione urbanistica comunale, così come definita e disciplinata dalle leggi regionali 22 febbraio 2005 n. 11, 26 giugno 2009 n. 13 come modificate ed integrate per effetto della l.r. 16 settembre 2011 n. 8, modificata ed integrata dalla l.r 4 aprile 2012 n. 7, e sempre che ne ricorrano le condizioni, il Comune in fase di avvio della procedura di uno strumento urbanistico, determina con proprio atto la sottoposizione o la esclusione dello stesso alla procedura di VAS o alla procedura di Verifica di assoggettabilità a VAS in base alla tipologia di strumento urbanistico. Sono da sottoporre direttamente a VAS sia PRG, parte strutturale e varianti generali che e operativa, contestuale al PRG, Parte unica. 1.4 VALUTAZIONE DI INCIDENZA Il territorio del comune di Bastia non è interessato da SIC e ZPS, pertanto il piano non è soggetto a valutazione di incidenza BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 6

7 2 FASI E MODALITÀ DEL PROCEDIMENTO DI VAS PER LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNALE del procedimento di formazione, adozione e approvazione del PRG e degli altri strumenti urbanistici comunali. Si specifica che: la fase della consultazione preliminare di VAS, necessaria per definire la portata e il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel rapporto ambientale previsto per la VAS è per la VAS e si svolge entro novanta giorni dalla trasmissione indicata, salvo quanto Autorità competente per la VAS. Per i PRG parte strutturale e per le loro varianti, la fase della consutazione preliminare VAS può svolgersi dal Comune, e può concludersi con il termine del periodo di trenta giorni delle osservazioni sul Documento Programmatico; le modalità di pubblicità previste ai fini della consultazione preliminare e della consultazione del pubblico per la procedura di VAS, sono assolte ne pubblicazione dalla l.r. 11/2005 che ne danno evidenza; il deposito degli elaborati della proposta di piano adottata, comprensiva del Rapporto ambientale e della Sintesi non tecnica è effettuato, oltre che presso lo stesso Comune, la VAS. Il deposito della sola Sintesi non tecnica è effettuato presso tutte le sedi dei Comuni. 11/2005 viene integrato, ai fini della del Rapporto ambientale e della sin pervenire le osservazioni e i contributi conoscitivi e valutativi per la procedura di VAS; vità dei Comuni, per assicurare la corretta integrazione delle procedure di valutazione ambientale con quelle di formazione, adozione e approvazioni dei piani urbanistici, è ne Allegato VII della DGR 423, vi è un elenco di schemi procedurali relativi alle tipologie di piani più ricorrenti, come previsti dalla vigente normativa. Ancorché ulla base delle disposizioni semplificative introdotte in materia urbanistica dalla l.r. 8/2011 come modificata e integrata con la l.r. 7/2012, costituisce il riferimento operativo per rendere coordinata e omogenea, in materia urbanistica comunale, la valutazione ambientale dei piani, programmi e loro varianti. BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 7

8 2.1 SCHEMA PROCEDURALE: ALLEGATO A BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 8

9 BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 9

10 BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 10

11 3 QUADRO CONOSCITIVO 3.1 CONTESTO TERRITORIALE Il Comune di Bastia occupa una superficie di 27,6 kmq e ha una popolazione di circa abitanti. Il territorio comunale si estende quasi interamente nel bacino del fiume Chiascio, ed è localizzato nella parte a nord-est della Valle Umbra, una grande vallata limitata a sud dalle propaggini occidentali dei Monti Martani e da quelli orientali del Monte Subasio e confluisce a nord nella valle del Tevere. Il territorio di Bastia ha una conformazione pianeggiante con limitate variazioni altimetriche, la vocazione principale dei suoli. Il paesaggio è composto da un susseguirsi di ampi campi meccanizzata con campi aperti e regolari, senza rilevanti presenze vegetali sia di natura arborea, che arbustiva. Le risorse idriche presenti, il fiume Chiascio e il suo affluente Tescio, hanno strutturato principale ha costituito, insieme alle principali infrastrutture viabilistiche SS75 e SR147, la In proposito, se da un lato la componente idrica veniva utilizzata per le colture e le attività iverse attività produttive che per lo sfruttamento delle acque per la produzione di forza motrice necessaria al funzionamento di Le tre grandi presenze lineari (due strade principali di collegamento e la rete ferroviaria) garantiscono e facilità la mobilità collegando Bastia con i centri urbani limitrofi. Allo stesso tempo, questi tre elementi rappresentano un segno forte sul paesaggio, frammentando i territori e limitandone la connettività, anche di tipo ecologica, e impedendone. Le zone a maggiore urbanizzazione si posizionano nel settore nord-ovest, compreso tra la SS147 Assisana e la direttrice principale SS75, interessato dalla frazione di Ospedalicchio, e soprattutto nella fascia ad est in cui si possono individuare, da nord a sud, tre sub-sistemi: 1) La zona a maggiore densità edificatoria si colloca intorno al capoluogo e comprende oltre che la Zona Centro con il centro storico di Bastia anche le località di Bastiola, Campiglione, Borgo I Maggio, Santa Lucia, Villaggio XXV Aprile; 2) La zona industriale principale, posta a sud della SS75, delimitata da questa, dal fiume Chiascio e dal confine comunale con Assisi; 3) localizzazione nel territorio agricolo, si caratterizza per una bassa densità edificatoria. 1 Fonte: ISTAT, GEOdemo, aggiornamento al BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 11

12 3.2 Quadro ambientale Il Quadro conoscitivo ambientale definisce lo stato attuale delle componenti, da cui derivare le principali criticità e opportunità da tenere in considerazione nelle scelte di governo del territorio bastiolo. Ciascuna componente ambientale viene descritta considerando i dati e le informazioni contenute nei numerosi, piani, analisi e database regionali, provinciali e comunali disponibili. Le componenti ambientali vengono descritte sinteticamente attraverso una scheda nella quale vengono riassunte le informazioni disponibili e le fonti informative e bibliografiche utilizzate e nella quale si propone un primo sistema di indicatori (anche con riferimento a quelli indicati nella DGR 767 del 21 maggio 2007, evidenziati nelle schede delle componenti ambientali con il simbolo asterisco -*-), che verrà sottoposto alla discussione con i soggetti competenti ambientali e interessati e che potrà essere utilizzato nelle future fasi di monitoraggio del piano. Le componenti ambientali indagate sono: - Aria e cambiamenti climatici - Ciclo integrato delle acque - Suolo e sottosuolo - Natura e biodiversità - Infrastrutture e mobilità - Clima acustico - Paesaggio e patrimonio culturale - Energia - Rifiuti - Insediamenti a rischio di incidente rilevante - Radiazioni non ionizzanti. Rispetto alle tematiche relative ai sistemi insediativo e socio-economico si assumono le indagini elaborate dai progettisti del piano. BASTIA UMBRA Rapporto Preliminare della VAS 12

13 Aria e cambiamenti climatici La Regione Umbria al fine di migliorare la qualità dell'aria con deliberazione del Consiglio regionale del 9 febbraio 2005, n. 466 ha approvato il "Piano regionale di risanamento e mantenimento della qualità dell'aria" e ha inoltre messo in atto delle misure finalizzate al contenimento delle emissioni di inquinanti nell'atmosfera e alla riduzione della concentrazione degli inquinanti nei maggiori centri urbani. Il comune di Bastia Umbra rientra nella zona di risanamento del Perugia. Si classificano come zone di risanamento i comuni cui appartengono le maglie in cui i livelli delle concentrazioni di uno o più degli inquinanti trattati superano i valori limite imposti dal Decreto Ministeriale n.60. Il comune di Bastia Umbra non risulta interessato da stazione della rete di monitoraggio della - previste dal Piano di realizzato dalla Regione - e sulla cui base vengono individuate le eventuali misure previste pertanto si prendono come riferimento le 2 stazioni ubicate nel comune di Perugia in quanto prossime a Bastia Umbra. Figura 1 - Localizzazione delle stazione della rete di Monitoraggio e tipologia e inquinanti monitorati nelle due stazioni di Perugia (il quadrato rosso localizza il comune di Bastia Umbra) BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 13

14 Particolato fine (PM10 e PM2.5) Nelle due stazioni presenti nel comune di Perugia, il numero dei superamenti della concentrazione media 24h e della concentrazione media annua di PM10 risulta in condizioni buone e non si registrazioni gravi alterazioni o superamenti. Per quanto riguarda il PM10, il La città è monitorata con superamenti sono rispettati per tutte e tre le stazioni. Mentre vien superata le soglie di valutazione superiore (SVS) per il limite giornaliero e la sola SVI per la media annua. Il trend, per gli anni presi in considerazione, mostra che tale comportamento è in leggero miglioramento. Figura 2 PM10, anno 2013: numeri superamenti della concentrazione media 24h e concentrazione media annua La stessa condizione di sicurezza la si registra per il PM2.5 dove la concentrazione media annua risulta al di sotto dei limiti di guardia Figura 3 PM2.5, anno 2013: concentrazione media annua 2013, pubblicazione del mese di Giugno ARPA Umbria BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 14

15 Biossido di Azoto (NO2) I livelli di emissioni di Biossido di Azoto anno 2013 risultano accettabili, i valori. Nel Rapporto di ARPA Umbria si i stazioni rispettato ma non si ha il rispetto della soglia di valutazione superiore (SVS) per le stazioni di Fontivegge e Ponte San Giovanni mentre la stazione Cortonese rispetta la soglia di valutazione inferiore (SVI). Per quanto riguarda il numero di superamenti della concentrazione media 1 ora questo limite viene rispettato nelle tre stazioni che non registrano alcun superamento del limite orario, si hanno invece il superamento della sola SVI per Fontivegge e Ponte San Giovanni. Il trend di entrambe gli indici, per gli anni presi in considerazione, mostra che il comportamento non ha subito significative modificazioni. Figura 4, anno 2013: numero superamenti della concentrazione mesi a 1 ora e concentrazione media annua, e legenda dei valori Monossido di Carbonio (CO) I livelli di emissioni di CO anno 2013 risultano al di sotto dei livelli di preoccupazione e in condizioni buone Figura 5, anno 2013: massimo annuale della concentrazione media massima giornaliera calcolata su otto ore Biossido di Zolfo (SO2) I livelli di emissioni SO2 r anno 2013 risultano ridotte e vengono classificate come Figura 6, anno 2013: Anno 2013 concentrazione massimo annuale della media 1H e 24H BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 15

16 Idrocarburi aromatici (benzene e benzo(a)pirene) I livelli di emissioni registrate anno 2013 risultano ridotte e vengono classificate come Figura 7 Benzene, anno 2013: concentrazione media annua bria Anno 2013, pubblicazione del mese di Giugno ARPA Umbria Figura 8 Benzo(a)pirene, anno 2013: concentrazione media annua Per il comune di Bastia, la Regione Umbria e ARPA Umbria - Inventario Regionale Emissioni in Atmosfera sono stati definiti i seguenti livelli di emissioni inquinanti suddivise per macrosettore: tabella 1 Emissioni inquinanti per macrosettore, 2010 Fonte: Inventario Regionale Emissioni in Atmosfera, 2010 Dalla tabella sopra riportata, si può notare come i macrosettori del riscaldamento e dei trasporti siano quelli che determina una maggiore quantità di emissioni in atmosfera, nello specifico per i trasporto incidono in particolare le automobili, i motocicli con cilindrata superiore ai 50cm3, e i veicoli pesanti con carico superiore a 3,5 tonnellate e autobus. BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 16

17 Per quanto riguarda le emissioni di gas climalteranti, di seguito si riportano in tabella gli inquinanti considerati, i livelli di emissione in atmosfera e i macrosettori che determinano le emissioni. tabella 2 Emissioni gas serra per macrosettore, 2010 Fonte: Inventario Regionale Emissioni in Atmosfera, 2010 Per quanto riguarda le emissioni di Metano, il comparto agricolo risulta quello che determina le maggiori quantità di emissioni di GHG. Il settore dei trasporti determina invece un impatto significativo per quanto riguarda le emissioni di anidride carbonica, seguito dalle emissioni dovute al riscaldamento. Le emissioni di ossido di azoto risultano invece quasi parificate tra il settore dei trasporti e quello agricolo. Infine, per quanto concerne le emissioni IPA e Metalli pesanti, vi è una netta prevalenza di emissioni di monossido di carbonio Il settore che incide su tali emissioni è quello dei trasporti. BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 17

18 tabella 3 Emissioni IPA e metalli pesanti per macrosettore, 2010 Fonte: Inventario Regionale Emissioni in Atmosfera, 2010 In sintesi INDICATORE Eventuali inquinanti rilevati dalle centraline di monitoraggio* Concentrazioni in aria di PM10* Concentrazioni in aria di NO2* Concentrazioni in aria di O3* Giorni di blocco del traffico* Emissioni totali di benzene C6H6 macrosettori SNAP 97* Emissioni totali CO macrosettori SNAP 97* Emissioni totali CO2 macrosettori SNAP 97* Emissioni totali PM10 macrosettori SNAP 97* Emissioni totali NOx macrosettori SNAP 97* Emissioni totali SOx macrosettori SNAP 97* FONTI INFORMATIVE E BIBLIOGRAFICHE ARPA Umbria, Inventario delle Emissioni di Inquinanti ARPA Umbria BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 18

19 Ciclo integrato delle acque a) Acque superficiali Il territorio della Regione Umbria idrografico del fiume Tevere. sottobacini principali che ricadono, in tutto o territorio regionale. Il comune di Bastia Umbra appartiene al Sottobacino Chiascio. Figura 9 Sottobacini della Regione Umbria Fonte: Piano di tutela delle acque, 2009 Il fiume Chiascio ha origine nella fascia collinare compresa tra i Monti di Gubbio e la dorsale appenninica, ad una quota di circa 850 m s.l.m. e, dopo un corso di 95 km, confluisce nel fiume Tevere a Torgiano, in sinistra idrografica. Gli affluenti principali del fiume Chiascio sono il torrente Saonda in destra idrografica, il fiume Topino, il fiume Tescio e il torrente Rasina in sinistra. Le principali linee viarie comprendono la Strada Statale n. 75 e le linee ferroviarie Foligno-Terontola in Valle Umbra e Orte-Falconara nella porzione orientale del bacino. La Conca Eugubina e la Valle Umbra nord sono interessate dalla presenza di zone di particolare interesse agricolo. Le attività produttive sono concentrate nelle tre aree vallive principali e risentono della distribuzione della popolazione e dell'andamento delle vie di comunicazione. In Valle Umbra le aree industriali si sviluppano lungo le principali vie di comunicazione nei Comuni di Bastia e Assisi. I settori produttivi principali sono quelli della lavorazione e trasformazione dei metalli, alimentari e tabacco, e tessile. Il comune di Bastia si estende interamente segnata dal basso corso del fiume Chiascio, che attraversa il territorio comunale in direzione N-S con un alveo ampio e meandriforme, e dal torrente Tescio che, con andamento W-E, raggiunge il fiume Chiascio in BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 19

20 state prese in considerazione tre differenti punti di prelievo localizzati lungo il corso del fiume Chiascio: il primo a valle del lago di Valfabbrica; il secondo a monte della confluenza Topino Ponte Rosciano; il terzo a monte della confluenza Tevere Ponte Nuovo. Nel tratto medio-alto del Chiascio nonostante la contaminazione di origine agricolo/civile, le acque risultano di buona qualità soprattutto per i parametri chimico-fisici. La qualità del inf ARPA Umbria ha effettuato differenti indagini riferite a tratti diversi del fiume Chiascio - il tratto che interessa il comune di Bastia Umbria va dal L. Valfabbrica al Fiume Topino. Ai fini della classificazione dello stato ecologico dei corpi idrici fluviali, il decreto 206/2010 prevede la valutazione di 4 elementi fisico-chimici principali: azoto ammoniacale, azoto nitrico, fosforo totale e ossigeno disciolto (% di saturazione). I 4 parametri concorrono alla definizione del Livello di Inquinamento dai Macrodescrittori, denominato LIMeco 2. Figura 10 Rappresentazione cartografica della qualità ambientale associata agli elementi fisico-chimici a sostegno (LIMeco) Fiume Chiascio Fonte: ARPA Umbria,. Direttiva 2000/60/CE, Dicembre Indicatore previsto dalla nuova classificazione in vigore dal 2008 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 20

21 b) Acque sotterranee In Umbria il rapporto tra risorse idriche sotterranee disponibili e utilizzate è ancora molto favorevole, potendo vantare il Tevere, il Nera e il Chiascio (per limitarci ai fi umi di maggiore lunghezza, assumendo questa quale criterio per classifi (quarto specchio complesso di Laddove vi sia una scarsità di risorse idriche sotterranee, la principale ricaduta sulla disponibilità di acqua uso idropotabile, in Umbria, infatti, fino a oggi le fonti di approvvigionamento di acqua potabile sono sempre stati i corpi idrici sotterranei ad eccezione del lago Trasimeno da cui vengono prelevate acque da destinare, previo trattamento di potabilizzazione, al consumo umano. I maggiori problemi di disponibilità idrica sono presentati ). Figura 11 - Localizzazione degli ATO e dei comprensori idropotabili regionali Fonte: La carenza quantitativa di risorsa idrica in alcune aree del territorio è solo una delle cause che concorrono a determinare idropotabile della regione. Altrettanto determinanti sono i problemi legati alla qualità delle acque sotterranee degli acquiferi alluvionali che in alcuni settori sono andate sempre più contaminandosi tanto da rendere necessario il loro abbandono. idonee al consumo umano le acque di ampi settori di acquiferi alluvionali. Il risanamento di questi corpi idrici, richiesto dalle attuali normative, oltre ad essere oneroso richiede tempi molto lunghi. E dove non ci sono elevate concentrazioni in nitrati a volte sono presenti altre BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 21

22 naturale, in particolare solventi organo alogenati, che mettono in crisi il sistema. 3 Dal punto di vista del rischio alluvionale, i maggiori elementi di criticità per quanto concerne il rischio di esondazione si ravvisano: a) per le aree a prevalente sviluppo industriale del basso corso del fiume Chiascio, dal centro di Bastia sino alla confluenza con il Tevere; b) per le aree del basso corso c) per le aree comprese tra gli abitati di Narni e Terni sul fiume Nera 4. Tra il comune di Bastia e quello di Assisi è presente un depuratore di acque reflue urbane sottoposto a monitoraggio ai sensi del D.Lgs. 152/06 e della Direttiva CE 91/271. Gli abitanti equivalenti di progetto serviti dal depuratore (Assisi Bastia) sono circa ab. Figura 12 - Sistema delle infrastrutture e delle reti tecnologiche principali: impianti e infrastrutture tecnologiche a rete (acquedotto e rete fognaria) Fonte: PRG Bastia Umbra, giugno 2013 La rete fognaria mentre la rete di distribuzione acquedottistica si estende per circa 107 km (Fonte: PRG in corso di redazione). Oltre a ciò, sul territorio comunale di Bastia è presente un depuratore civile (Fonte: PTCP della Provincia di Perugia, 2002). Nel comune di Bastia sono presenti 8 pozzi di captazione ad uso potabile nel territorio a nord a confine con il comune di Assisi e altri 2 pozzi sempre di captazione ad uso potabile a est del territorio comunale. Oltre a ciò è presente una sorgente vicino al fiume Chiascio nei pressi di via Moncioveta. 3 4 ARPA Umbria, L'acqua in Umbria - Disponibilità consumo e salute. Le rappresentazione e gli atteggiamenti dei cittadini, 2013 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 22

23 Le analisi geologiche, idrogeologiche, idrauliche e sismiche redatte nel mese di novembre PRG-Documento programmatico del comune di Bastia, e riferite alla soggiacenza della falda idrica superficiale dei mesi di Maggio 1994 e Maggio 2006 mettono in evidenza: -massime soggiacenze nelle aree ubicate in destra idrografica del fiume Chiascio, tra cui emerge la massima soggiacenza (> 20 m.) nella parte settentrionale del territorio comunale di Bastia Umbra compresa tra gli abitati di Ospedalicchio ad ovest e Bastiola ad Est. Essa è anche prodotta dal campo pozzi di Petrignano, insistente nell'area che con i suoi elevati prelievi ha provocato un progressivo abbassamento della superficie piezometrica; - minime soggiacenze nelle aree ubicate in sinistra idrografica del fiume Chiascio, tra cui si evidenziano valori minimi (< 3 m.) nella parte in cui si sviluppa la zona industriale della città di Bastia Umbra; - progressivo abbassamento della superficie piezometrica molto più evidente nelle aree in destra idrografica del Fiume Chiascio sono dovuti sia agli elevati prelievi esistenti e ad una situazione attuale che proviene da periodi di scarsa piovosità (emergenza idrica anni ecc.). Figura 13 - Sistema ambientale e paesaggistico: carta idrogeologica (vulnerabilità degli acquiferi e reticolo idrografico) e delle attività estrattive Fonte: PRG Bastia Umbra, giugno 2013 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 23

24 Dal Piano Comunale di Protezione Civile (2009) sono emerse 18 eventi storici di esondazione che hanno colpito il comune di BASTIA UMBRA dal 1925 al Dalle Norme Tecniche Attuative (N.T.A.) relative al Piano Regolatore Generale vigente del Comune di Bastia, le aree di rischio fanno riferimento alle aree marginali del fiume Tescio, che per le loro caratteristiche idrauliche hanno dato luogo a fenomeni di esondazione caratterizzati da tempi di ritorno centennali, e il Fosso La Cagnola in riferimento alle fasce di rispetto individuate attraverso calcoli idraulici riguardanti i livelli idrici nelle sezioni ordinarie, le portate smaltibili dagli attraversamenti e le considerazioni sulle portate di piena del fosso La Gagnola. c) Servizi Idrici redazione della proposta di Piano Regolatore Regionale Acquedotti (P.R.R.A.). I Consumi netti giornalieri medi riferiti all 2000 per il comune di Bastia Umbra sono i seguenti: tabella 3 Consumi netti giornalieri medi, anno 2000* Residente Popolazione Residente serviti Consumi giornalieri netti medi nell'anno (l/g/ab.servito) Domestico Extradomestico Comunale Altri usi totale Fonte: Piano di tutela delle acque, 2009 *il dato riportato non risulta recente ma è stato ugualmente considerato in quanto non sono presenti aggiornamenti successivi ed è stato considerato dal Piano di tutela e delle acque redatto nel 2009 I dati relativi alla popolazione servita da acquedotto nella Regione Umbria sono stati desunti a percentuale a scala regionale della popolazione servita da acquedotto è pari a circa il 93% (al quale fa parte il comune di Bastia) e al 97-98% per ATO2 e ATO3, praticamente in linea con la media nazionale. Sempre in riferimento al campione di popolazione analizzato, i volumi erogati da 2000, ripartiti in funzione del tipo di utenza, indicano che il 73% del totale viene utilizzato per uso domestico, mentre il consumo per utenze extradomestiche e altri usi (zootecnico, industriale, extradomestico, cantiere, etc.) ammonta circa al 20%, mentre il consumo per utenze pubbliche e comunali, valore come già detto sottostimato, è pari al 7%. 5 I dati relativi ai consumi dipendono strettamente dalla fluttuazione sia giornaliera che stagionale, che in genere raggiunge il suo massimo durante i mesi estivi. emerge che durante i mesi estivi la domanda aumenta di circa il 20% per Assisi e Bastia. Allo stato attuale non sono disponibili dati di maggior dettaglio in merito agli effettivi coefficienti di punta giornalieri. Per quanto riguarda le perdite della rete, ovvero la differenza tra il volume di acqua captato e immesso nel sistema acquedottistico e il volume, è di circa il 45%. Tale valore non è determinato da perdite effettive, ma può anche essere riconducibile prive di contatore (utenze pubbliche quali uffici comunali, scuole, 5 Piano di tutela delle acque, 2009 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 24

25 macelli, stadi, palestre, piscine, fontane e fontanelle, bocche antincendio, etc.) ciò fa sì che si considerino come perdite i volumi di acqua che non vengono contabilizzati. Si evidenzia, a tal proposito, che i Comuni di Gubbio, Giano dispongono di contatori sulle utenze pubbliche, mentre nei restanti comuni i contatori sono presenti solo in parte. Il volume del prelievo idrico per uso acquedottistico nel è stato di circa 108 milioni di metri cubi, di cui quasi il circa il 54% della popolazione servita. Le dotazioni lorde pro capite risulta molto alta nei comuni della fascia orientale della regione e, in particolare, della Valnerina. Tra le cause ipotizzabili certamente vanno considerati il peso della popolazione fluttuante, che in questa area a vocazione turistica è molto forte, e una gestione meno attenta (tipica di aree ricche di risorsa idrica). Figura 14 Dotazioni idriche potabili lorde per abitante allacciato alla rete idrica In conclusione, il comune di Bastia appartiene al Sistema acquedottistico Perugino-Trasimeno insieme ai comuni di Assisi, Bettona, Cannara, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Corciano, Lisciano Niccone, Magione, Paciano, Panicale, Passignano, Perugia, Piegaro, Torgiano, Tuoro, Valfabbrica. Alcune stime e previsioni contenute nel Piano di tutela delle acque (2009) in merito al fabbisogno medio al 2040 indicano una cifra intorno a l/s, corrispondente a circa 44,2 Mm3. In proposito viene ipotizzata una doppia alimentazione: invernale ed estiva. Nel primo caso ricorrendo ad un potenziamento della sorgente Scirca e ad un prelievo parziale di acqua da alcune sorgenti appenniniche (in condominio con il Sistema Alto Chiascio e fermo restando il rilascio di certe portate per garantire ai fini ambientali il deflusso nel reticolo idrografico). 6 il dato riportato non risulta recente ma è stato ugualmente considerato in quanto non sono presenti aggiornamenti successivi ed è il dato ufficiale considerato anche dal Piano di tutela e delle acque redatto nel 2009 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 25

26 Sempre durante il periodo di massima disponibilità delle acque delle sorgenti appenniniche verranno lasciati a riposo, per consentire un rimpinguamento delle falde acquifere, i campi pozzi di Petrignano e Cannara. Verranno invece utilizzate la risorse tradizionali di S. Giovenale, Bagnara, Aretusa e Le Nella stagione estiva, a fronte di una minore disponibilità delle acque delle sorgenti appenniniche e di una maggiore richiesta di rete, saranno utilizzati i campi pozzi di Petrignano e Cannara e si renderà necessario ricorrere in misura massiccia alle acque prevista la realizzazione di un nuovo campo Perugino-Trasimeno, il P.R.R.A. prevede la realizzazione di una condotta sub-appenninica ed il raddoppio della condotta Scirca (che funzioneranno solo per 6- delle disponibilità idriche), una condotta per collegare il campo-pozzi del Subasio a Petrignano, una condotta da Pianello a Valfabbrica (con relativo trattamento). I dati in merito alla vulnerabilità della Falda sono stati richiesti agli enti territorialmente competente. In sintesi INDICATORE Indice sup ambiti fluviali e lacustri/sup toto comunale* Prelievi idrici per settore* Fabbisogno idrico totale* Fabbisogno idrico pro capite* Mc totali erogati* Mc erogati procapite* Fabbisogno idrico per uso irriguo* Fabbisogno idrico per uso industriale* Rete di distribuzione acquedottistica* Estensione rete fognaria* Depuratori civili* Depuratori industriali* Abitanti allacciati al servizio fognario* Abitanti allacciati al servizio di depurazione* Utenze industriali allacciate al depuratore* Pozzi per uso domestico* Pozzi per uso irriguo* Laghetti e invasi collinari DPR 1363/1959* Acquifero vulnerato da nitrati* Acquifero vulnerato non da nitrati* Aree interessate da dissesto (da PAI Legge 183/1989)* Interventi di consolidamento e di sistemazione per aree a rischio dissesto* Fasce di pericolosità da esondazione (da PAI Legge 183/1989)* Interventi di difesa idraulica* BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 26

27 Sup assoggettata a vincolo idrogeologico* Indice di rischio idrologico* FONTI INFORMATIVE E BIBLIOGRAFICHE Direttiva 2000/60/CE, Dicembre 2013 ARPA Umbria, L'acqua in Umbria - Disponibilità consumo e salute. Le rappresentazione e gli atteggiamenti dei cittadini, 2013 PRG Bastia Umbra, giugno 2013 Piano di Tutela delle Acque, 2009 Piano Comunale di Protezione Civile, 2009 PTCP della Provincia di Perugia, 2002 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 27

28 Suolo e sottosuolo a) Uso del suolo Gli usi ambito centrale e la parte occidentale della piana del Trasimeno sono connotati dalla prevalenza di suolo coltivato: seminativi (29% del territorio regionale) particolarmente intensi dalla Piana del Trasimeno alla Valle Umbra e dalla Media Valle del Tevere a San Gemini. Le colture permanenti (vite e ulivo) connotano fortemente il paesaggio (6%), particolarmente intense nelle fasce collinari tra la Valle Umbra e la Media Valle del Tevere, nella Bassa Valle del Tevere, nei comuni bagnati dal Trasimeno e nella Conca Ternana. Infine sono presenti ambiti più frammentati (fascia orientale, gruppi di comuni nelle parti nordoccidentale e centro-occidentale) connotati invece da boschi e pascoli: boschi (29%) soprattutto nei comuni più interni della Valnerina, a Pietralunga e a Monte S. Maria Tiberina a nord, a S.Venanzo e comuni contermini a sud; pascoli (12%) soprattutto nella zona Eugubina a nord e a Norcia, Monteleone di Spoleto e Preci a sud. Una stima preliminare della perdita di suolo rileva che i terreni umbri adibiti ad attività agricola, di medio impasto e limitata pendenza, se coltivati con metodi tradizionali presentano e bene sopportano perdite di suolo di 2-4 ton/ha/anno. 7 La cartografia degli usi del suolo basata sulla banca dati Corine Land Cover, evidenzia la presenza di tessuto urbano (in rosso), aree industrali o commerciali (viola), aree sportive e ricreative (rosa) e infine aree seminative non irrigue (giallo). Le aree urbanizzate presentano un grosso nucleo centrale che corrisponde al tessuto consolidato con le abitazioni storiche e numerosi centri secondari più discontinui che rappresentano delle frazioni/piccoli nuclei. Le zone industriali sono concentrate la rete ferroviaria. Figura 15 Uso del suolo sovracomunale (base: Corine Land Cover) Fonte: Piano Urbanistico Territoriale Regione Umbria, 2000 (da 7 Piano Urbanistico Territoriale della Regione Umbria, 2000 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 28

29 La tavola degli usi del suolo relativa al comune di Bastia Umbra evidenzia una forte presenza di seminativi semplici che dominano il paesaggio rurale e si estendono su grand parte del territorio comunale. Lungo il corso del fiume Chiascio sono presenti alcune aree libere, incolte e/o sottoutilizzate caratterizza le sponde. In porzione più esigua sono presenti anche alcune colture permanenti quali vigneti e uliveti. Figura 16 Uso del suolo (urbano e rurale) Fonte: PRG Bastia Umbra, giugno 2013 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 29

30 Rispetto al contesto socio-economico e alla definizione delle aree rurali, Il comune di Bastia Umbria è classificato tra le aree rurali intermedie, ovvero 68 Comuni che coprono il 70% della superficie regionale e l 84% della popolazione. Di seguito si sintetizzando alcuni dei caratteri delle aree rurali intermedie di cui fa parte Bastia. Figura 17 Definizione delle zone rurali Fonte: PSR regione Umbria Le aree rurali intermedie sono caratterizzate da incrementi sostanziali di densità abitativa nei centri urbani accompagnati dal permanere della popolazione diffusa in dette aree in stretta connessione con le linee di Rispetto al totale degli occupati in Umbria, occupati ricade nelle aree rurali intermedie e il restante 15,74% nelle aree rurali con problemi complessivi di sviluppo. Nel 2000 in Umbria la SAU rappresenta il 57,1% della SAT, di cui quasi il 64% sono seminativi, il 22,6% prati permanenti e pascoli e il 13,5 colture arboree. Tali valori rappresentativi della media regionale, tendono ad un leggero incremento nelle aree rurali intermedie (ad eccezione di prati permanenti e pascoli) mentre subiscono una significativa riduzione nelle aree con problemi complessivi di sviluppo. Delle aziende umbre, insistono nelle aree rurali intermedie e nelle aree rurali con problemi complessivi di sviluppo. La superficie agricola utilizzata (SAU) è di Ha di cui Ha nelle aree rurali intermedie ed Ha nelle aree rurali con problemi complessivi di sviluppo. La dimensione media delle aziende, rapportata alla SAU, è pari a 6,52 Ha/az. ed in particolare pari a 5,95 nelle aree rurali intermedie e 8,99 in quelle con problemi complessivi di sviluppo. BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 30

31 regionale occupati ne intermedie e 1320 nelle aree rurali con problemi di sviluppo. La struttura del settore forestale (indicatore di contesto n.5) I dati del V Censimento mettono in evidenza in Umbria una area forestale di ha (di cui ha (66%) nelle aree rurali intermedi e i restanti ha (34%) nelle aree con problemi complessivi di sviluppo). Il comune di Bastia è caratterizzato dalla forte dispersione degli insediamenti dedicati alle attività produttive. È possibile riconoscere agglomerati industriali di dimensioni notevoli che presentano un alto grado di saturazione. Tali insediamenti si sviluppano prevalentemente lungo le principali arterie infrastrutturali e ferroviarie Figura 18 - Sistema degli insediamenti produttivi Fonte: Piano Urbanistico Territoriale della Regione Umbria, sistema degli insediamenti produttivi, 1999 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 31

32 Nel comune di Bastia non sono presenti aree di interesse faunistico venatorio (art. 11 LR 27/2000), aree di particolare interesse naturalistico-ambientale (art.14 LR 27/2000), nonché Zone di elevata diversità floristico-vegetazionale e siti di interesse naturalistico. Di seguito si riportano in tabella i dati relativi alla superficie agricola utilizzata (SAU) e alla superficie agraria non utilizzata (SANU) di Bastia Umbra. Tabella 4 Superficie Agricola Utilizzata (SAU) e Superficie Agricola Non Utilizzata (SANU) Superficie totale (ha) SAU totale (ha) seminativi SAU (ha) Coltivazioni legnose agrarie Prati permanenti e pascoli Orti familiari boschi Arboricoltura da legno annessa ad aziende agricole SANU (ha) totale 1.448, , ,9 16,16 14,01 9,98 6,06 4,44 50,47 Fonte: ISTAT, censimento agricoltura 2010 b) Siti inquinati e cave Il Piano Regionale di Bonifica delle Aree Inquinate ha individuato i siti potenzialmente contaminati e classificato alcune "aree vaste" potenzialmente interessate da criticità ambientali, ovvero aree sulle quali insistono importanti comparti industriali caratterizzati da diverse tipologie di attività, alcune delle quali ritenute potenzialmente contaminanti anche in relazione alla pericolosità delle materie prime utilizzate nei cicli produttivi. Alcune di tali aree ricomprendono siti nei quali sono già stati attivati interventi di bonifica. In alcuni casi le stesse aree sono limitrofe a centri residenziali, o comprese in zone in cui i dati delle reti di monitoraggio ambientali esistenti evidenziano presenza di sostanze contaminanti nelle matrici ambientali. Il Piano ritiene opportuno proporre per tali aree, specifiche azioni di monitoraggio volte ad acquisire ulteriori informazioni in merito alla qualità ambientale delle stesse. La zona industriale di Bastia Umbra è stata classificata come area da sottoporre a specifico monitoraggio ambientale. Il territorio comunale di Bastia presenta una elevata vulnerabilità degli acquiferi, nonchè un numero importante di cave dismesse e attive Figura 19 - Attività estrattive Fonte: Piano Urbanistico Territoriale della Regione Umbria, censimento attività estrattive, 1999 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 32

33 Il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Perugia individua nel territorio comunale 10 cave, di cui 4 non attive. Le 6 aree attive sono relative al settore B07, ovvero Estrazione di minerali metalliferi. Secondo i dati della provincia di Perugia, nel 2013 il materiale estratto nel comune di Bastia negli ultimi 7 anni ha avuto tale andamento: Grafico 1 Produzione cave (m 3 ) anni Figura 20 - Attività estrattive Fonte: Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale della Provincia di Perugia, 2002 elaborato A.6.3: Localizzazione produttive inquinanti Non sono presenti aree industriali dismesse nel territorio di Bastia Umbra (Fonte, PTCP della provincia di Perugia). c) Frane e attività sismiche La maggior parte dei movimenti franosi che si sono verificati nella Regione Umbria (51,6%) si localizzano nelle aree alto collinari e sono per la gran parte ascrivibili a scorrimenti. Tali movimenti gravitativi sono i più diffusi e occupano circa 700 km2 del territorio regionale. BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 33

34 In realtà, di questi, solo il 5,7% sono stati identificati come attivi o quiescenti; per la restante parte si tratta di zone con peculiarità geomorfologiche tali da ricondurre a scorrimenti incerti o relitti. Le cosiddette colate di detrito, rappresentano lo 0,15% del territorio regionale e si identificano per lo più in corrispondenza dei rilievi montuosi; mentre, i fenomeni di crollo, rappresentano solo lo 0,02% del totale. Figura 21 Il territorio in frana (2002) Il comune di Bastia non presenta fenomeni franosi costanti ma solo di tipo straordinario, esso geologico. Figura 22 - Aree di particolare interesse geologico e singolarità geologiche Fonte: Piano Urbanistico Territoriale della Regione Umbria, Aree di particolare interesse geologico e singolarità geologiche, 1999 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 34

35 d) Allevamenti zootecnici Per quanto riguarda le aziende agricole presenti e gli allevamenti, si riportano di seguito i dati numeri riferiti agli anno 2009 e Bastia è riconosciuto come uno dei Comuni vocati che presentano il maggior numero di capi per azienda, oltre a Bettona, Marsciano, Castiglion del Lago, Perugia, Todi e Magione. 8 Tabella 5 sintesi degli allevamenti zootecnici Aziende biologiche con produzioni vegetali (2009) Aziende biologiche con produzioni vegetali (2010) Superficie biologica (2009) Superficie biologica (2010) Aziende miste con produzioni vegetali (2009) Aziende miste con produzioni vegetali (2010) Superficie delle miste (2009) Superficie delle miste (2010) ,24 3, ,48 29,46 Aziende di preparazione alimentare (2009) Fonte: ARPA Umbria Aziende di preparazione alimentare (2010) Capi suini (2005) Aziende suinicole (2008) Aziende bovine (2008) Capi bovini (2008) In sintesi INDICATORE Superficie urbanizzata S.U.* Indice di pressione antropica (S.U./Sup comunale)* Superficie utile coperta SUC* Superficie arre urbane dismesse* Superficie disponibile di verde urbano pubblico per abitante* Superficie disponibile in parchi territoriali per abitante* Indice di compensazione ecologica (Sup residenziale urbanizzata/sup verde urbano e territoriale)* Indice di compensazione infrastrutturazione aree produttive (Sup verde pubblico e parcheggi pubblici/sup aree industriali e artigianali)* Superfici aree agricole di pregio* Superfici aree agricole non di pregio* Sup utilizzata per produzioni agricole di qualità e su per produzioni agricole ad alata redditività* Sup destinata ad agricoltura biologica/sup produzioni di qualità* Attività zootecniche* Imprese agricole certificate EMAS e/o certificate ISO 14000* Siti attivi di estrazione minerale di prima categoria (cave)* Siti attivi di estrazione minerale di prima categoria (cave). Volume estraibile previsto* 8 Fonte: PSR regione Umbria BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 35

36 Siti attivi di estrazione minerale di seconda categoria (miniere)* Siti attivi di estrazione minerale di seconda categoria (miniere). Volume estraibile previsto* Superficie siti attività estrattive dismesse non riambientati* Progetti di recupero ambientale realizzati* Siti contaminati riconosciuti* Siti potenzialmente contaminati (discariche dismesse e attività produttive dismesse)* Siti bonificati* Rischio sismico* Aree di particolare interesse geologico e singolarità geologiche* FONTI INFORMATIVE E BIBLIOGRAFICHE Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale della Provincia di Perugia, 2002 Rapporto conclusivo CNR- regione Umbria, 2002 ISTAT, Censimento agricoltura, 2010 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 36

37 Natura e Biodiversità Il territorio di Bastia non comprende al suo interno alcuna superficie vincolata a Parco, né di livello nazionale, né regionale, e nemmeno Siti appartenenti alla Rete Natura Considerato ciò Valutazione Ambientale Strategica. Nel raggio di 5 km circa, si possono individuare diverse aree protette, tra cui il Parco premartane tra Bettona e Gualdo Cattaneo, i bosc Ornari. Figura 23 Ambiti delle risorse naturalistico-ambientali e faunistiche Fonte: Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Perugia, 2002 Il territorio comunale di Bastia mostra una notevole omogeneità geomorfologica, il significativo peso antropico rappresentato per lo più dalla presenza di attività industriali, insediative e agricole rendono piuttosto impoverita e banalizzata la struttura vegetazionale e della composizione floristica. Unica eccezione è rappresentata dal sistema ecologico- BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 37

38 ambientale del fiume Chiasco e dalla sua fascia ripariale che vede alternarsi aree fittamente boscate, a zone umide, a spiagge parzialmente vegetate, assumendo un ruolo fondamentale di corridoio ecologico in grado di consentire la sopravvivenza e il transito della fauna locale. Figura 24 Fotografia tratta da Google street view, prospettiva dalla SR147 Per la lettura del territorio viene considerato documentare il grado di rottura degli elementi naturali, ecologi e paesaggistici regionali in funzione della presenza degli insediamenti urbani (indice UFI) e delle infrastrutture di mobilità (IFI). Fondo per le Aree Sottoutilizzate , Allocazione programmatica delle risorse FAS alcune aree umbre presentano situazioni tendenzialmente stabili (come ad esempio la dorsale appenninica, i Colli Amerini ed i Monti Martani), mentre rischi di aumento di frammentazione territoriale e dei sistemi ecologici locali sono più marcati nelle aree di pianura e lungo i principali assi viari I dati ricavati della Rete Ecologica indicano che circa il 73,0% dei comuni umbri presenta un indice di BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 38

39 per la mobilità (indice IFI) si mantiene a livello contenuto, mentre in alcune realtà (Corciano, Perugia, Foligno e Assisi) si registra una certa incidenza del peso della urbanizzazione lineare (indice UFI). Nei 16 comuni del secondo gruppo, con la sola eccezione del comune di Torgiano, non si registrano alti valori di urbanizzazione che risulta comunque in leggera crescita rispetto alla classe precedente, così come maggiore è in media il dato relativo alla infrastrutturazione per la mobilità. Nel terzo e ultimo gruppo infine entrambi gli indici incidono sulla classificazione finale dello SFI e raggiungono i valori massimi nei comuni di Terni, Bastia e Deruta. 9 Figura 25 Rete Ecologica Regione Umbria (RERU) Fonte: WebGis Regione Umbria, aree protette, valorizzazione sistemi naturalistici e paesaggistici. La Rete Ecologica Regionale Umbra (RERU) è formata dai seguenti elementi spazialifunzionali: a) Unità regionali di connessione ecologica: aree di habitat delle specie ombrello di estensione critica reciprocamente connesse e relativa fascia di connettività ecologica; 9 ARPA Umbria, Fondo per le Aree Sottoutilizzate , Allocazione programmatica delle risorse FAS Regione Umbria, 2009 BASTIA UMBRA Rapporto preliminare ambientale della VAS 39

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 38 del 7 settembre 2005 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE 3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RS E RSP Il Piano regionale dei rifiuti secondo stralcio relativo ai rifiuti speciali anche pericolosi,

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTO CHIASCIO Comuni di: COSTACCIARO, GUBBIO, PIETRALUNGA, SCHEGGIA E PASCELUPO VALTOPINA Comuni di: FOLIGNO, FOSSATO DI VICO, GUALDO TADINO, NOCERA UMBRA, SIGILLO,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano)

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/7374/08 Integrazioni

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Progetto: LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Metodologia monitoraggio elementi chimico fisici,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI 8127 13/08/2010 Identificativo Atto n. 514 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E RETI IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE, DA REALIZZARSI SUL FIUME MELLA, A VALLE DEL CENTRO ABITATO DI COLLIO FINO

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008 AREE DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI CONNESSIONE DEI MARGINI URBANI CALISESE VIA MALANOTTE COMP. OVEST 08/10 AT2-AT5 COMMITTENTE: LA CALISESE IMMOBILIARE SRL SANTERINI GAETANO DI SANTERINI MARIA E C SAS

Dettagli

INTEGRAZIONE E RELAZIONE DI SINTESI ALLA VALSAT

INTEGRAZIONE E RELAZIONE DI SINTESI ALLA VALSAT INTEGRAZIONE E RELAZIONE DI SINTESI ALLA VALSAT .INTEGRAZIONIE MODIFICHE DELLE VALUTAZIONI Ad integrazione e parziale modifica della Valutazione ambientale (documento 9 - VALSATA DI PIANO) è stato elaborato

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga.

I suoi affluenti sono Valle del Muggioeu, Torrente Vaiadiga, Lambarin, Fosso delle Valli e Torrente Antiga. A Est del territorio comunale scorre il torrente Bozzente, vincolato lungo tutto il tratto ricadente nella provincia di Varese (vedi figura sotto) mentre il tratto ricadente nella provincia di Milano è

Dettagli

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O RECUPERO RIFIUTI / VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI ESERCIZIO / EVENTUALE AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO D.Lgs 22/97 e ss. mm. e

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO

PIANO DI MONITORAGGIO IN RECEPIMENTO DEL PARERE DELL ORGANO TECNICO COMUNALE PR. N.17160 DEL 10.12.2012 E DEL CONTRIBUTO DELL ORGANO TECNICO REGIONALE N. PR. 1088/DB0805 DEL 15.11.2012 DETERMINA DI INCARICO N. 24 DEL 6.12.2012

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 1. Brescia e Comuni Vicini Brescia Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune BRESCIA Viabilità Le aree industriali si trovano sull asse nord-ovest

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Foto: Mina Lacarbonara

Foto: Mina Lacarbonara Foto: Mina Lacarbonara Introduzione Lo sfruttamento e la sempre maggiore sottrazione di suolo dai contesti tipicamente naturali e rurali sta determinando cambiamenti radicali nei paesaggi, nell ambiente,

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 4. Valtrompia Lodrino Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune Lodrino Viabilità Il comune si trova in una vallata a est di Via Martiri dell Indipendenza;

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova IL MONITORAGGIO NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROVINCIALE Pistoia - giovedì 10 febbraio 2011 tavola rotonda sulle esperienze delle province PROVINCIA DI MANTOVA Lavori in corso per l attuazione del

Dettagli

Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER

Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER PROVINCIA DI TERNI Le Fonti Energetiche Rinnovabili - FER RELATORI: Ing. Francesco LONGHI Ing. Roberto CELIN 1 Legislazione Italiana Fonti Energia Rinnovabile D.lgs. n. 387 del 29 Dicembre 2003 Attuazione

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

VAS RAPPORTO AMBIENTALE

VAS RAPPORTO AMBIENTALE MARZO 2009 5. ATLANTE DI ANALISI E VALUTAZIONE DELLE AREE DI TRASFORMAZIONE MARCELLA SALVETTI CAMILLA ROSSI GIORGIO MANZONI MARIO MANZONI claudio nodari pianificazione e coordinamento 5. ATLANTE DI ANALISI

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it

Spett. ENEL Distribuzione Spa. eneldistribuzione@pec.enel.it. p.c. Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Spett. ENEL Distribuzione Spa eneldistribuzione@pec.enel.it p.c. Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di protocollo informatico della Regione Umbria Provincia

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni Condivisione dei dati per il governo del territorio e per il monitoraggio dello stato dell ambiente

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Il macro ambito coincide a Nord, per tutta la sua lunghezza, con l alto corso del Fiume Chienti dalla sorgente fino alla località Caccamo, in Comune di

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE PREMESSA Il testo che segue, comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC ed allegate all Elab. 1 del POC 2010-2015, costituisce il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del

Dettagli

SEZIONE I - ANALISI TECNICA E FINANZIARIA DELLE MISURE FINALIZZATE ALLA TUTELA DELLE ACQUE PREVISTE IN ALTRI ATTI DI PIANIFICAZIONE

SEZIONE I - ANALISI TECNICA E FINANZIARIA DELLE MISURE FINALIZZATE ALLA TUTELA DELLE ACQUE PREVISTE IN ALTRI ATTI DI PIANIFICAZIONE Regione Umbria GIUNTA REGIONALE PARTE III AZIONI STRATEGICHE E INTERVENTI DEL PIANO INDICE SEZIONE I - ANALISI TECNICA E FINANZIARIA DELLE MISURE FINALIZZATE ALLA TUTELA DELLE ACQUE PREVISTE IN ALTRI

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N.

MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. Pag. 1 su 10 MISURA DI SALVAGUARDIA DI CUI ALL' ART. 12 DEL DECRETO LEGGE 5 OTTOBRE 1993, N. 398, COSI' COME MODIFICATO ED INTEGRATO DALLA LEGGE DI CONVERSIONE 4 DICEMBRE 1993, N. 493 - VINCOLO DI NON

Dettagli

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005 SERVIZIO 4 - ASSETTO DEL TERRITORIO PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLA TERZA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46 DEL 25.10.2008 RELATIVA ALL ADEGUAMENTO AL P.R.A.E. DELLA

Dettagli

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE SUL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO (STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO). Documentazione da produrre:

Dettagli

Sezione C. Allegato I: Condizionamenti alla scala locale e relativi orientamenti

Sezione C. Allegato I: Condizionamenti alla scala locale e relativi orientamenti Sezione C. Allegato I: Condizionamenti alla scala locale e relativi orientamenti Il comune di Valle Salimbene, a causa del contatto diretto col capoluogo provinciale, ricade in un area critica sulla base

Dettagli

Comune di Bovolenta PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO. Valutazione Ambientale Strategica PARTE IV - VERIFICA DEL PIANO

Comune di Bovolenta PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO. Valutazione Ambientale Strategica PARTE IV - VERIFICA DEL PIANO Comune di Bovolenta PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO Valutazione Ambientale Strategica PARTE IV - VERIFICA DEL PIANO 7 8. ANALISI DEGLI INDICATORI DI STATO/IMPATTO A SEGUITO DELLA ATTUAZIONE DEL PIANO In

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Determinazione n. 76 del 20/01/2011

Determinazione n. 76 del 20/01/2011 COPIA dell ORIGINALE Prot. N. 3883/ 2011 Determinazione n. 76 del 20/01/2011 OGGETTO: COMUNE DI MERCATINO CONCA - PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 12 D.LGS 152/2006 E SS.MM.II. -

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI

3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI 3. PROBLEMATICHE AMBIENTALI La tavola riassume le criticità più significative che interessano l intero territorio comunale di Valeggio sul Mincio alla luce dell analisi operata dal Documento Preliminare

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Convegno ASSISTAL Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Ing. Domenico Savoca Regione Lombardia, Direzione Generale Qualità dell Ambiente Rho, 14

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Opere Stradali e Ferroviarie Opera n. 429 COLLEGAMENTO TRA LA S.S. 47 ED IL PONTE DELLE PALANCHE SUL TORRENTE MASO Telve, 28 novembre 2012 SP 110 SP 31 SP 41 SP 109

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO INFORMAZIONI INFRASTRUTTURALI AMBITO N 36 dotazioni di infrastutture rete gas metano si

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI Regione Lazio, Università di Roma TRE Roma, Facoltà di Architettura, Università Roma Tre, via Madonna dei Monti, Sala Urbano

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua 13-Province01.qxd 5-04-2007 9:23 Pagina 161 I territori provinciali - Bergamo Il territorio provinciale di Bergamo delimitato a ovest dal fiume Adda e ad est dal fiume Oglio si estende per una larghezza

Dettagli

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda

Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Milano, 14 luglio 2015 Nota CRCS sul Consumo di suolo nei comuni rivieraschi del Lago di Garda Elaborazione a cura di: Andrea Arcidiacono, Silvia Ronchi, Stefano Salata Il recente Rapporto sul consumo

Dettagli