Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità"

Transcript

1 - DPSS - Università degli Studi di Padova Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze Politiche - CLM Sociologia Università di Padova Anno accademico 2010/2011

2 Definizione di decisione Esempi di decisione: Scegliere la facoltà universitaria. Valutare la possibilità di cambiare lavoro. Quando andare in pensione. Decidere se sottoporsi o meno ad un operazione chirurgica. 2

3 Definizione di decisione Gli esempi di decisione descritti hanno in comune una caratteristica. Sono tutte situazioni in cui le persone decidono in modo: - Intenzionale. - Consapevole. Questa definizione corrisponde alla definizione che ognuno di noi si crea relativamente a cos è una decisione. 3

4 Definizione di decisione Hastie e Dawes (2001) forniscono la seguente definizione di decisione: Una decisione è una risposta ad una situazione caratterizzata da tre componenti: - Possibilità di valutare più di un corso d azione (alternativa). - Presenza di aspettative (probabilità soggettive) che gli esiti legati a ciascun corso di azione possano effettivamente realizzarsi (producendo degli esiti). - Presenza di conseguenze associate ai possibili esiti (valutabili in base a valori personali e scopi del decisore). 4

5 Definizione di decisione Esempio: Supponiamo di dover prendere il treno per recarci ad una riunione di lavoro. Abbiamo individuato due possibili alternative di viaggio: - Treno A + Treno B: Coincidenza di 15 minuti; costo!65. - Treno C: Nessun cambio; costo!85. Nel 20% dei casi il Treno A arriva in ritardo e si rischia di perdere la coincidenza (salta la riunione!). Il Treno C è quasi sempre in orario. Solo nell 1% dei casi arriva con un ritardo elevato (tale da far saltare la riunione!). 5

6 Definizione di decisione Nell esempio ci sono quindi due possibili corsi d azione. - Treno A + Treno B - Treno C Entrambi i corsi d azione hanno due possibili esiti: Arrivare in tempo alla riunione. Farla saltare a causa di un ritardo. Le nostre aspettative sugli esiti potrebbero essere le seguenti: Opzione A + B: probabilità dello 0,20 che la riunione salti. Opzione C: probabilità dello 0,01 che la riunione salti. 6

7 Definizione di decisione Stabilite le alternative disponibili e i loro possibili esiti non resta che valutare le conseguenze di ciascun esito: Il valore personale (utilità soggettiva) che attribuiamo ai possibili esiti: - Arrivare in orario o far saltare la riunione. - Il prezzo del biglietto. 7

8 Definizione di decisione Ipotizziamo che l utilità soggettiva di ciascun esito sia valutata su una scala che va da a In questo modo è possibile rappresentare lo scenario sotto forma di albero decisionale. - L albero decisionale è la rappresentazione utilizzata dagli analisti della decisione che applicano procedure basate sui modelli normativi della decisione. 8

9 Albero decisionale Per rappresentare un albero decisionale è importante conoscere l importanza soggettiva, per il decisore, di ogni caratteristica degli esiti. Si parla in questi casi di pesi decisionali. Immaginiamo, come è logico, di dare un peso maggiore al fatto di riuscire a svolgere la riunione piuttosto che al prezzo del biglietto 9

10 Albero decisionale [0.10] [0.90] BIGLIETTO RIUNIONE La riunione salta [0.20] Treno A + B La riunione si svolge [0.80] Treno C La riunione salta [0.01] La riunione si svolge [0.99]

11 Principi normativi e procedure intuitive Per applicare i principi delle teorie normative è fondamentale avere una rappresentazione completa di tutti gli elementi importanti del problema. Inoltre, servono tecniche specifiche per l elicitazione delle varie quantità numeriche (Clemen, Reilly, 2001): Valore personale delle conseguenze. Aspettative sugli esiti. Pesi decisionali. 11

12 Principi normativi e procedure intuitive Nella realtà, tuttavia, è difficile ottenere una rappresentazione completa degli elementi critici di una decisione: Raramente le persone hanno una rappresentazione completa del problema decisionale. Difficilmente esplicitano in modo chiaro le loro: - Valutazioni - Aspettative Spesso la rappresentazione è incompleta e comprende solo una parte delle opzioni o delle caratteristiche rilevanti. 12

13 Principi normativi e procedure intuitive Spesso le persone non utilizzano i principi normativi ma procedure di stima e di valutazione semplici ed intuitive. Spesso queste procedure non producono risultati coerenti e normativamente corretti. In ogni caso, indipendentemente dalle procedure utilizzate, ciò che caratterizza una decisione è: La possibilità di scegliere tra diverse alternative. La valutazione soggettiva delle conseguenze di ogni alternativa. 13

14 Decisione, giudizio e scelta L esempio della riunione permette di spiegare le differenze tra tre termini che verranno utilizzati spesso in queste lezioni: Decisione: Si riferisce all intero processo di selezione di un corso d azione: - Rappresentazione del problema. - Stima delle aspettative. - Valutazione degli esiti. - Selezione dell opzione. 14

15 Decisione, giudizio e scelta Giudizio: Si riferisce solo alle componenti del processo decisionale che riguardano: - la stima degli esiti. - la valutazione delle loro conseguenze. Scelta: Indica il sottoprocesso di una decisione in cui viene scelta un opzione tra un insieme di possibilità alternative. 15

16 Incertezza, rischio e ambiguità Uno degli aspetti in cui approccio normativo ed approccio psicologico si differenziano di più è quello relativo all atteggiamento delle persone nei confronti di: Scelte in condizioni di incertezza. Percezione del rischio. Scelte in condizioni di ambiguità. Cosa sono esattamente incertezza, rischio ed ambiguità? 16

17 Incertezza, rischio e ambiguità Le decisioni vengono prese in condizioni di incertezza quando: Non si sa con certezza quale esito si verificherà... Però si è a conoscenza delle probabilità associate ad ogni esito. In queste circostanze le persone valutano il rischio (probabilità che non si verifichi l esito sperato) in modo soggettivo: Come vedremo non è corretto parlare di avversione al rischio. Si dovrebbe invece parlare di avversione alla perdita. 17

18 Incertezza, rischio e ambiguità Le decisioni vengono prese in condizioni di ambiguità quando: Non si sa con certezza quale esito si verificherà... E non si è nemmeno a conoscenza delle probabilità associate a ciascun esito. 18

19 Incertezza, rischio e ambiguità ESEMPIO DI DECISIONE IN CONDIZIONE DI INCERTEZZA (o Decisione Rischiosa): Immagina di dover scommettere sull estrazione di una pallina GIALLA da un urna che contiene 100 palline delle quali 50 sono gialle e 50 sono rosse. Se viene estratta una pallina rossa vinci!50. Quanti soldi sei disposto a pagare per giocare questa scommessa? 19

20 Incertezza, rischio e ambiguità ESEMPIO DI DECISIONE IN CONDIZIONE DI INCERTEZZA (o Decisione Rischiosa): Immagina di dover scommettere sull estrazione di una pallina GIALLA da un urna che contiene 100 palline delle quali 50 sono gialle e 50 sono rosse. Se viene estratta una pallina rossa vinci!50. Quanti soldi sei disposto a pagare per giocare questa scommessa? ESEMPIO DI DECISIONE IN CONDIZIONE DI AMBIGUITÀ: Immagine di dover scommettere sull estrazione di una pallina GIALLA da un urna che contiene 100 palline sia gialle sia rosse ma di cui non sai il numero esatto. Quanti soldi sei disposto a pagare per giocare questa scommessa? 20

21 Teoria della decisione razionale La teoria della decisione razionale è stata sviluppata sulla base dei lavori condotti da matematici, filosofi ed economisti che, fin da tempi lontani, si sono interrogati sulla condotta razionale da tenere quando gli esiti sono incerti. La nascita di questo tipo di studi viene fatta risalire al lavoro di Bernoulli, un matematico svizzero, nel 1738: Gli individui quanto sono disposti a pagare per partecipare ad un gioco che consiste nel lancio di una moneta? Il partecipante vinceva se usciva testa. 21

22 Teoria della decisione razionale Nel gioco di Bernoulli esistevano due regole addizionali: 1. Il gioco continua fino a che esce testa. 2. La posta in gioco viene raddoppiata ad ogni lancio. Il gioco si conclude al primo lancio in cui non esce testa. Il partecipante vince la somma accumulata fino al lancio precedente e perde quella pagata inizialmente. Questo gioco era già stato proposto prima di Bernoulli ed è noto con il nome di «Paradosso di San Pietroburgo». 22

23 «Il paradosso di San Pietroburgo» L obiettivo del «paradosso di San Pietroburgo» era quello di dimostrare che le persone scommettono pochi soldi per partecipare ad un gioco d azzardo... Anche se il valore atteso (guadagno medio se venisse giocato un numero di volte infinito) è infinito. ESEMPIO CONCRETO: Immaginate che il gioco offra la possibilità di vincere!1 se al primo lancio esce testa,!2 se esce anche al secondo,!4 se esce al terzo e così via. Razionalmente, un giocatore quanto dovrebbe giocare? 23

24 «Il paradosso di San Pietroburgo» Matematici ed economisti suggeriscono di calcolare il prezzo «razionale» per partecipare al gioco usando la formula del valore atteso: VA =!i pi vi Si tratta di moltiplicare: La probabilità di ciascun esito per il suo valore. Di sommare i prodotti così ottenuti. Dal momento che l esito testa potrebbe ripetersi per un numero infinito di volte si dovrebbe sommare una serie infinita di prodotti probabilitàvalore dell esito: Di conseguenza il VA del gioco è infinito. 24

25 «Il paradosso di San Pietroburgo»: Calcolo del Valore Atteso ESEMPI DI CALCOLO DEL VALORE ATTESO (VA): Scommessa con il 50% di probabilità di vincere!100 VA = (0.50 * 100) = 50 Euro. Scommessa con il 50% di probabilità di vincere!100, il 30% di probabilità di vincere!1000 ed il 20% di probabilità di perdere!2000 VA = (0.50 * 100) + (0.30*!1000) + [0.20*(-!2000)] = = [- 400] = = - 50 Euro 25

26 «Il paradosso di San Pietroburgo»: Calcolo del Valore Atteso Il paradosso di San Pietroburgo è tale perché avendo VA infinito le persone dovrebbero essere disposte a pagare somme molto elevate pur di partecipare al gioco. Tuttavia, più si paga e minore è la possibilità di guadagnare una somma superiore a quanto si è investito (ovverosia di finire il gioco in attivo!). Bernoulli ha cercato di risolvere il paradosso proponendo il concetto di funzione di utilità, che le persone utilizzerebbero per valutare gli esiti. 26

27 Il concetto di utilità L utilità è una misura della soddisfazione associata al consumo di beni e servizi. Una funzione di utilità deve: Stabilire il valore personale attribuito da un individuo a quantità di beni e servizi. Secondo Bernoulli, gli esiti del paradosso di San Pietroburgo dovrebbero essere valutati: Non in modo oggettivo... Ma in base al valore personale che la somma assume per il decisore. 27

28 Il concetto di utilità Il contributo fondamentale di Bernoulli è stato quello di ipotizzare che il denaro vinto avesse un utilità marginale decrescente. Valutazione soggettiva Funzione di utilità marginale decrescente Valore oggettivo 28

29 Il concetto di utilità Come si vede dalla figura precedente il concetto di utilità marginale decrescente indica che: L utilità non dipende in modo lineare dai valori oggettivi degli esiti. Incrementi successivi di pari entità hanno un utilità sempre minore per l individuo. Utilizzando questa funzione di utilità il VA del paradosso di San Pietroburgo non è più infinito. Il VA del gioco dipende dalla particolare funzione di utilità che viene usata. 29

30 Il concetto di utilità Gli standard di valutazione della qualità di una decisione sono stati storicamente quelli forniti da: Filosofi. Economisti. Matematici. Questi studiosi hanno stabilito che la qualità e la correttezza dei comportamenti degli individui devono essere valutati in base ad una serie di principi di razionalità. 30

31 Il concetto di utilità Un contributo fondamentale è stato quello di von Neumann e Morgenstern (1947). Questi autori hanno proposto la Teoria dell Utilità Attesa (Expected Utility Theory). Successivamente Savage (1954) ha sviluppato questa teoria e ha proposto la Teoria dell Utilità Attesa Soggettiva (Subjective Expected Utility Theory). 31

32 Il concetto di utilità von Neumann e Morgenstern hanno mostrato che: Partendo dall ipotesi che un decisore rispetti alcuni principi di razionalità è possibile specificare dei valori numerici che rappresentano i suoi valori personali in modo tale che un opzione con conseguenze probabilistiche venga preferita se, e solo se: Utilità attesa dell opzione > utilità attesa delle altre opzioni 32

33 Il concetto di utilità Il lavoro di von Neumann e Morgenstern ha avuto le seguenti implicazioni: 1. Ha portato alla definizione di una serie di principi di razionalità. 2. Ha permesso di misurare (come utilità) il valore dato dal decisore alle conseguenze delle sue decisioni. 3. Ha stabilito il criterio della massimizzazione dell utilità attesa come standard per valutare le decisioni delle persone. 33

34 Utilità soggettiva Nella Teoria dell Utilità Attesa Soggettiva (Savage, 1954) si afferma che: L utilità attesa soggettiva di un corso d azione è la somma dei prodotti delle probabilità di un esito per l utilità soggettiva associata a ciascun esito. 34

35 Utilità soggettiva Quando si deve decidere tra alternative mono-attributo, l utilità attesa soggettiva viene massimizzata calcolando l utilità attesa di ciascun corso d azione e scegliendo, poi, l opzione associata al miglior valore di utilità. Le cose si complicano quando le alternative hanno più attributi (alternative multi-attributo) tra loro indipendenti (se varia il valore di un attributo gli altri restano costanti). In questo caso l utilità attesa soggettiva di ciascun esito sarà pari alla somma delle valutazioni soggettive assegnate a ciascun attributo, pesate per l importanza soggettiva degli attributi (pesi decisionali). 35

36 Utilità soggettiva La riunione salta [0.20] [0.10] [0.90] BIGLIETTO RIUNIONE Treno A + B La riunione si svolge [0.80] Treno C La riunione salta [0.01] La riunione si svolge [0.99] Utilità soggettiva dei due esiti dell alternativa Treno A + B: Ritardo: (0,10 x -10) + (0,90 x -80) = -73 In orario: (0,10 x -10) + (0,90 x 80) = 71 Utilità soggettiva dei due esiti dell alternativa Treno C: Ritardo: (0,10 x -20) + (0,90 x -80) = -74 In orario: (0,10 x -20) + (0,90 x 80) = 70 Utilità soggettiva dell alternativa A + B: (-73 x 0,20) + (71 x 0,80) = 42,2 36 Utilità soggettiva dell alternativa C: (-74 x 0,01) + (70 x 0,99) = 68,7

37 Utilità soggettiva 37

38 Teorie dell utilità attesa e processi decisionali Queste teorie non formulano alcuna ipotesi sui processi decisionali effettivamente utilizzati dagli individui per decidere. Si limita ad affermare che l individuo che rispetta i principi di razionalità e quindi sceglie l alternativa che massimizza l utilità attesa può essere considerato razionale. 38

39 Razionalità strumentale La maggioranza dei ricercatori che attualmente si occupano di razionalità lo fanno utilizzando la nozione di Razionalità Strumentale. I nostri stati e processi mentali sono razionali se ci aiutano a raggiungere i nostri scopi. In questo modo la razionalità non riguarda la correttezza delle nostre cognizioni e delle nostre inferenze ma solamente l efficacia delle nostre azioni. 39

40 Razionalità limitata (satisficing) Un contributo importante al dibattito sulla razionalità e per l applicazione delle variabili psicologiche allo studio della decisione è stato fornito da Simon (1955). Simon suggerì che l analisi della razionalità avrebbe dovuto studiare: Non solo gli esiti della decisione (razionalità sostanziale). Ma anche le procedure che le persone utilizzano per prendere le decisioni (razionalità procedurale). 40

41 Razionalità limitata (satisficing) Lo studio della razionalità procedurale ha condotto Simon a proporre la classica nozione di razionalità economica con una concezione di: Razionalità Limitata (Bounded Rationality). Diversamente da quanto afferma la teoria economica neoclassica, le persone: Non dispongono di completa informazione. Non hanno un sistema di preferenze stabili. Non hanno risorse cognitive e computazionali illimitate. 41

42 Razionalità limitata (satisficing) Simon suggerisce che i limiti cognitivi delle persone, insieme alle condizioni in cui la decisione viene presa, determinano quali procedure possono effettivamente essere usate dalle persone. Vengono messi in relazione i limiti dovuti al sistema cognitivo dei decisori reali con l incertezza ambientale dovuta ad informazioni incomplete. In altre parole, le persone utilizzerebbero diverse procedure a seconda delle condizioni in cui devono decidere: Numero di alternative disponibili. Numero di informazioni sugli esiti di ciascuna alternativa. Fattori ambientali (pressione temporale; giudizio altrui). 42

43 Razionalità limitata (satisficing) Secondo Simon, l idea di razionalità limitata è connessa alle nozioni di Euristica e di Soddisfacimento (satisficing). Raramente le persone, nella vita quotidiana, applicano le procedure necessarie a scegliere un alternativa che massimizza la loro utilità attesa. - Sono procedure molto dispendiose dal punto di vista cognitivo. 43

44 Razionalità limitata (satisficing) Le persone utilizzano invece procedure molto più semplici (euristiche) che non garantiscono la scelta migliore, ma conducono, nella maggioranza dei casi e con tempi e sforzi ragionevoli, a risultati almeno soddisfacenti. In pratica l uso delle euristiche permettere di fare un trade-off sforzo-accuratezza: - Si accetta, implicitamente, una minora accuratezza. - In cambio però prendere una decisione diviene meno faticoso. 44

45 Razionalità limitata (satisficing) In questo modo, Simon mostra come gli individui non possano far altro che utilizzare procedure che permettano di: Minimizzare l esplorazione delle soluzioni possibili. Trattare molti dati tali che le risorse di memoria e attenzione sono spesso insufficienti. Molte delle prove fornite da Simon derivano da studi sul campo: Relative a decisioni manageriali. Relative alle decisioni strategiche prese dagli scacchisti. 45

46 Razionalità limitata (satisficing) In generale, il gioco degli scacchi è molto semplice: Solo due giocatori. 16 pezzi per giocatore. Solo 6 possibili mosse. Nonostante questo nemmeno i più grandi campioni sono in grado di intuire tutte le mosse successive. Al massimo riescono a prevedere una serie di 4 o 5 scenari in sequenza. Gli scacchisti non prendono in considerazione tutte le strategie possibili scegliendo poi la migliore [comportamento razionale], ma ne ipotizzano un numero molto piccolo e scelgono il primo che ritengono soddisfacente [razionalità limitata]. 46

47 Razionalità limitata (satisficing) L approccio di Simon, quindi, affianca: Ai limiti neoclassici relativi alle risorse disponibili (ad esempio, per ricercare informazioni più complete). I limiti propri del sistema cognitivo e conoscitivo dei decisori reali. Di fatto, non viene rifiutata la nozione economica di razionalità né la sua centralità nell analisi economica. Viene però identificata una discrepanza tra comportamento razionale teorico e comportamenti decisionali reali. 47

48 Razionalità limitata (satisficing) Simon sottolinea come in situazioni di estrema complessità ed incertezza: La scelta di una strategia satisficing è come una forma di ottimizzazione approssimata. Tanto che arrivati ad un certo punto conviene fermare la ricerca di soluzioni migliori. - A questo punto, soluzioni migliori possono aumentare la conoscenza del problema ma solo a fronte di costi (es. di tempo) troppo elevati rispetto ai vantaggi conseguibili. 48

49 Razionalità limitata (satisficing) Da questo punto di vista la scelta di una strategia satisficing è razionale perché: All agente economico razionale conviene fermarsi quando il beneficio aggiuntivo non copre i costi aggiuntivi. La conclusione di Simon è che nonostante un agente razionale disponga di informazioni complete sugli stati del mondo finirà per adottare delle euristiche che gli evitino di esplorare l intero insieme informativo. 49

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete.

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete. Parliamo di probabilità. Supponiamo di avere un sacchetto con dentro una pallina rossa; posso aggiungere tante palline bianche quante voglio, per ogni pallina bianca che aggiungo devo pagare però un prezzo

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006 Statistica Dai risultati di un esperimento si determinano alcune caratteristiche della popolazione Calcolo delle probabilità

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

CORSO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) TEORIA DELLE DECISIONI E MODELLI DECISIONALI

CORSO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) TEORIA DELLE DECISIONI E MODELLI DECISIONALI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) TEORIA DELLE DECISIONI E MODELLI DECISIONALI dr. Arch. P. Luria Dip. IMAGE (ingegneria Idraulica

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

Ottimizzazione Multi Obiettivo

Ottimizzazione Multi Obiettivo Ottimizzazione Multi Obiettivo 1 Ottimizzazione Multi Obiettivo I problemi affrontati fino ad ora erano caratterizzati da una unica (e ben definita) funzione obiettivo. I problemi di ottimizzazione reali

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Primi esercizi per gli studenti del corso di Statistica ed Elementi di Probabilita

Primi esercizi per gli studenti del corso di Statistica ed Elementi di Probabilita Primi esercizi per gli studenti del corso di Statistica ed Elementi di Probabilita NOTA 1 Gli esercizi sono presi da compiti degli scorsi appelli, oppure da testi o dispense di colleghi. A questi ultimi

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri

La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri La definizione di probabilità che abbiamo finora considerato è anche nota come probabilità a priori poiché permette di prevedere l'esito di un evento

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

TEORIA DELLE DECISIONI. DOCENTE: JULIA MORTERA mortera@uniroma3.it

TEORIA DELLE DECISIONI. DOCENTE: JULIA MORTERA mortera@uniroma3.it TEORIA DELLE DECISIONI DOCENTE: JULIA MORTERA mortera@uniroma3.it 1 Decisioni in Condizioni di Incertezza Sia singoli individui che gruppi di individui (società, governi, aziende, sindacati ecc. si trovano

Dettagli

Intelligenza Artificiale. Lezione 6bis. Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2004 Lezione 6bis 0

Intelligenza Artificiale. Lezione 6bis. Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2004 Lezione 6bis 0 Intelligenza Artificiale Lezione 6bis Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2004 Lezione 6bis 0 Sommario CSP RN 3.8, 4.3, 4.5 Giochi RN 5 Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2004 Lezione 6bis 1 Problemi

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 LE DECISIONI Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 1 La scelta razionale Dove mi iscrivo: Arti o Design? Probabilità che diminuisca il mercato del lavoro nei prossimi X anni Arti Design... 2 La

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI 1. Problemi di informazione 2. Tipi di incertezza 3. Avere

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

Un investimento è un operazione che dà luogo a costi immediati in vista di ricavi attesi.

Un investimento è un operazione che dà luogo a costi immediati in vista di ricavi attesi. Scelta di un progetto di investimento Un investimento è un operazione che dà luogo a costi immediati in vista di ricavi attesi. La sua utilità economica è valutata sulla base del confronto tra le risorse

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 UN PO DI STORIA UN PO DI STORIA Von Neumann, Morgenstern Theory of Games and Economic Behavior (Princeton, 1944); UN PO DI STORIA Von Neumann,

Dettagli

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I.

Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Che cos è l intelligenza e come funzionano i test del Q.I. Non esiste, al giorno d oggi, un parere unanime della comunità scientifica sulla definizione di intelligenza. In generale, potremmo dire che è

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 3 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado)

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado) L esito della prossima estrazione del lotto L esito del lancio di una moneta o di un dado Il sesso di un nascituro, così come il suo peso alla nascita o la sua altezza.. Il tempo di attesa ad uno sportello

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Le variabili casuali. Variabile statistica e variabile casuale. Distribuzione di probabilità della v.c X: X P(X) 0 ⅛ 1 ⅜ 3 ⅛

Le variabili casuali. Variabile statistica e variabile casuale. Distribuzione di probabilità della v.c X: X P(X) 0 ⅛ 1 ⅜ 3 ⅛ Università di Macerata Facoltà di Scienze Politiche - Anno accademico 009- Una variabile casuale è una variabile che assume determinati valori con determinate probabilità; Ad una variabile casuale è associata

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilita (I)

Esercizi di Calcolo delle Probabilita (I) Esercizi di Calcolo delle Probabilita (I) 1. Si supponga di avere un urna con 15 palline di cui 5 rosse, 8 bianche e 2 nere. Immaginando di estrarre due palline con reimmissione, si dica con quale probabilità:

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

Test statistici di verifica di ipotesi

Test statistici di verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Il test delle ipotesi consente di verificare se, e quanto, una determinata ipotesi (di carattere biologico, medico, economico,...) è supportata dall

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

Analisi di dati di frequenza

Analisi di dati di frequenza Analisi di dati di frequenza Fase di raccolta dei dati Fase di memorizzazione dei dati in un foglio elettronico 0 1 1 1 Frequenze attese uguali Si assuma che dalle risposte al questionario sullo stato

Dettagli

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali Seconda Università di Napoli Facoltà di Economia - Dipartimento di Diritto ed Economia Facoltà di Psicologia - Dipartimento di Psicologia 20 e 21 maggio 2010 Economia cognitiva e sperimentale: decisioni

Dettagli

Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari

Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Luglio 2001 NOTA. La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento originale del gioco; il presente documento è

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

Giudizio Probabilistico

Giudizio Probabilistico Giudizio Probabilistico COME LE PERSONE NON ESPERTE VALUTANO GLI EVENTI INCERTI Fondamenti di Psicologia Generale Cap. 20 Dott.ssa Stefania Pighin - stefania.pighin@unitn.it Psicologia del Pensiero Come

Dettagli

La matematica del gioco. Il gioco della matematica

La matematica del gioco. Il gioco della matematica . Il gioco della matematica Viterbo 2 Maggio 2015 May 16, 2015 Sommario Giochi matematici Il gioco dell intelligenza Il gioco della matematica La matematica è un gioco Giochi matematici Teoria matematica

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 22: 1 Giugno 2010. Meccanismi Randomizzati

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 22: 1 Giugno 2010. Meccanismi Randomizzati Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica AA 2009/10 Lecture 22: 1 Giugno 2010 Meccanismi Randomizzati Docente Vincenzo Auletta Note redatte da: Davide Armidoro Abstract In questa lezione descriveremo

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

1.4 Risposte alle domande di ripasso

1.4 Risposte alle domande di ripasso Pensare da economisti 1 1.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il costo opportunità di leggere un romanzo questa sera consiste nel non poter fare qualsiasi altra cosa avreste voluto fare in alternativa.

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Siete pronti a.. mettervi in gioco?

Siete pronti a.. mettervi in gioco? Siete pronti a.. mettervi in gioco? Progetto di logico-matematica sezione 4 anni A.S 2012/13 Scuola dell Infanzia San Carlo.B. Sassuolo Insegnanti Leonelli-Gualdi La matematica intorno a noi Nel nostro

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Matematica Applicata. Probabilità e statistica

Matematica Applicata. Probabilità e statistica Matematica Applicata Probabilità e statistica Fenomeni casuali Fenomeni che si verificano in modi non prevedibili a priori 1. Lancio di una moneta: non sono in grado di prevedere con certezza se il risultato

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Il calcolo delle probabilità ha avuto origine nel Seicento in riferimento a questioni legate al gioco d azzardo e alle scommesse. Oggi trova tante applicazioni in ambiti anche

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Esercitazioni 2013/14

Esercitazioni 2013/14 Esercitazioni 2013/14 Esercizio 1 Due ditte V e W partecipano ad una gara di appalto per la costruzione di un tratto di autostrada che viene assegnato a seconda del prezzo. L offerta fatta dalla ditta

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Analisi dei Dati 12/13 Esercizi proposti 3 soluzioni

Analisi dei Dati 12/13 Esercizi proposti 3 soluzioni Analisi dei Dati 1/13 Esercizi proposti 3 soluzioni 0.1 Un urna contiene 6 palline rosse e 8 palline nere. Si estraggono simultaneamente due palline. Qual è la probabilità di estrarle entrambe rosse? (6

Dettagli

Per il suo compleanno, il goloso Re di un lontano regno riceve in regalo da un altro sovrano un grande canestro contenente 4367 caramelle di tanti

Per il suo compleanno, il goloso Re di un lontano regno riceve in regalo da un altro sovrano un grande canestro contenente 4367 caramelle di tanti Per il suo compleanno, il goloso Re di un lontano regno riceve in regalo da un altro sovrano un grande canestro contenente 4367 caramelle di tanti colori, tra cui 382 rosse. Qualche tempo dopo il donatore

Dettagli

Lezione n. 6. personale e investimento aziendale

Lezione n. 6. personale e investimento aziendale FINANZA AZIENDALE Lezione n. 6 Il mercato dei capitali fra consumo personale e investimento aziendale 1 SCOPO DELLA LEZIONE Introdurre il concetto cetto di COSTO O DEL TEMPO che è alla base di tutta la

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili Il modello matematico 2: Funzioni obiettivo: ma.min, Min-ma Tipologie di Vincoli Funzione obiettivo ma-min: Esempio Scommesse Il signor

Dettagli

Cosa dobbiamo già conoscere?

Cosa dobbiamo già conoscere? Cosa dobbiamo già conoscere? Insiemistica (operazioni, diagrammi...). Insiemi finiti/numerabili/non numerabili. Perché la probabilità? In molti esperimenti l esito non è noto a priori tuttavia si sa dire

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr.

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr. Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari Matematica e Statistica II Prova di esame del 18/7/2013 NOME COGNOME N. Matr. Rispondere ai punti degli esercizi nel modo più completo possibile, cercando

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli