IS Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?"

Transcript

1 IS INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la norma ISO aiuta a ridurre il consumo di energia attraverso un monitoraggio strutturato del consumo energetico, l individuazione di opportunità di miglioramento e l implementazione di piani d azione volti a migliorare la prestazione energetica. Per garantire la costante efficacia del sistema, è essenziale il coinvolgimento del personale e delle parti interessate. Inoltre, la certificazione ISO manda un segnale chiaro agli stakeholder e dimostra l impegno assunto sia in termini di miglioramento della prestazione energetica che di riduzione dell impatto sull ambiente. Questo articolo offre consigli pratici a coloro che desiderano stabilire un sistema di gestione dell energia e a chi sta considerando l ottenimento di una certificazione ISO La ISO già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? La ISO è stata ideata esclusivamente per la gestione dell energia e comprende alcuni requisiti non coperti dalla ISO La maggior parte dei sistemi di gestione ambientale delle organizzazioni, come la ISO 14001, considera l energia come un fattore secondario e non come una vera priorità. In effetti, le organizzazioni preferiscono concentrare i propri sforzi sulle questioni ambientali evidenti quali i prodotti chimici o rifiuti. L implementazione di un sistema di gestione dell energia secondo la norma ISO implica, oltre ai normali obiettivi esistenti all interno di un sistema di gestione ambientale, la creazione di indicatori di prestazione energetica e la creazione di target e obiettivi. Provenendo dalle fonti più diverse (energia elettrica, gas, petrolio, vapore, ecc.), l energia viene utilizzata nelle imprese di tutto il mondo. Anche se il costo dell energia aumenta a mano a mano che le fonti non rinnovabili si esauriscono, la buona notizia è che la riduzione del consumo energetico non diminuisce solo i costi, ma anche le emissioni di anidride carbonica, riducendo in questo modo l impatto sull ambiente. Inoltre, un consumo più basso ridurrà la dipendenza dai fornitori di energia necessari per l attività e, di conseguenza, ridurrà il livello di rischio all interno dell organizzazione. Pubblicata il 15 giugno 2011, la ISO è lo standard internazionale per la gestione dell energia. Come altre norme ISO, la ISO si basa sul Plan-Do-Check- Act (PDCA), che facilita l integrazione in sistemi di gestione già in atto. Altri vantaggi: La norma ISO offre un sostegno agli investimenti sul risparmio energetico. Infatti, la certificazione ISO consente di raddoppiare i Titoli di Efficienza Energetica. La direttiva europea 2012/27/UE concernente l efficienza energetica prevede delle agevolazioni per le grandi imprese certificate ISO Quindi, indipendentemente dal settore di attività, i benefici della gestione dell energia vengono rafforzati in modo significativo. LRQA può aiutarvi nei vostri progetti di gestione dell energia (certificazione, formazione, consulenza). La ISO include anche clausole specifiche relative alla progettazione (impianti, linee di produzione, ecc.) e all approvvigionamento, includendo in particolare i criteri di acquisto dell energia. Migliorare le prestazioni, Ridurre il rischio

2 Grazie all analisi attiva dei requisiti energetici, le aziende sono invitate a prendere in considerazione non solo l origine dell energia utilizzata - e degli impatti e di altri rischi associati - ma anche a studiare fonti energetiche alternative come le energie rinnovabili e le fonti disponibili in loco. Anche se le organizzazioni normalmente riconoscono che l energia rappresenta un costo significativo e un area da migliorare, questa viene spesso trascurata al momento delle decisioni di acquisto e progettazione. Le organizzazioni perdono così l opportunità di migliorare in modo continuo la prestazione e il risparmio energetico. La ISO si concentra su questi aspetti specifici e garantisce che il sistema di gestione dell energia analizzi tutte le opportunità e implementi le dovute misure di miglioramento. Attuazione e funzionamento Prima di implementare un sistema di gestione dell energia, sarà necessario compilare i dati generali relativi al consumo per determinare il proprio profilo/i energetico/i. Senza queste informazioni, non è possibile soddisfare i requisiti della sezione Pianificazione energetica della norma ISO Alcuni profili energetici possono essere ottenuti on-line dai propri fornitori. Spesso adottata dalle grandi organizzazioni, la lettura automatica dei contatori è in grado di soddisfare i requisiti per il calcolo delle emissioni di carbonio. Per creare profili aggiuntivi, è possibile registrare i dati utilizzando le letture manuali per l elettricità e il gas, effettuate a cadenza settimanale o mensile a seconda del livello di consumo. L uso delle bollette delle varie utenze per creare i profili può essere problematico: infatti, a seconda del periodo in questione, queste bollette forniscono stime di consumo variabili e il numero dei giorni considerati non è sempre lo stesso. Infine, i profili possono essere creati anche per altre forme di energia tramite le fatture emesse da fornitori o i dati della carta carburante (per misurare il consumo di gasolio). 4.1 Requisiti generali Punto di partenza della ISO 50001, questa clausola esige che l organizzazione stabilisca, applichi, mantenga aggiornato un sistema di gestione dell energia. Quando richiesto dalla ISO 50001, è necessario assicurarsi che il sistema sia completamente documentato. Uno dei primi compiti è quello di identificare il campo di applicazione e il perimetro. Definendo chiaramente il campo di applicazione e il perimetro, si consentirà a tutti gli stakeholder di comprendere la portata del sistema. Il perimetro rappresenta i confini geografici o organizzativi, come definito dall organizzazione, mentre il campo di applicazione è l insieme di attività, strutture e decisioni che l organizzazione processa tramite un sistema di gestione dell energia. Un campo di applicazione può includere più perimetri. Infine, è necessario determinare come ci si conforma alla norma ISO In altre parole, è necessario pianificare le azioni future. La strategia di attuazione delle azioni può includere l uso di sistemi di gestione dei progetti, grafici semplici o azioni derivanti da una riunione. La riduzione del consumo energetico non diminuisce solamente i costi: minimizza anche le emissioni di anidride carbonica e l'impatto sull'ambiente.

3 La politica energetica della vostra organizzazione è la pietra angolare del sistema di gestione dell energia e, come tale, deve definire chiaramente gli impegni, gli obiettivi e le aspettative a riguardo. 4.2 Responsabilità della Direzione La norma ISO definisce chiaramente i requisiti nei confronti della Direzione (4.2.1) e dei rappresentanti della stessa (4.2.2). Rispetto alla ISO 9001 e alla ISO 14001, queste due clausole sono molto più dettagliate e garantiscono un approccio coerente da un organizzazione all altra, così come l attuazione degli impegni necessari per garantire l efficacia del sistema. A tal fine, è necessario accettare questi impegni (punti a-j, clausola 4.2.1) con la vostra direzione e con la vostra garanzia che possano essere rispettati una volta che il sistema è implementato. La Direzione dovrà designare un rappresentante qualificato. Il ruolo del suddetto rappresentante deve coprire chiaramente i punti a-h della clausola Ancora una volta, il vostro sistema deve essere in grado di dimostrare che tutti gli impegni siano rispettati. Anche se non richiesto dalla norma ISO 50001, alcuni documenti, come le descrizioni delle mansioni, i rapporti delle riunioni e le procedure, possono aiutare a dimostrare la conformità del sistema. Inoltre, la clausola afferma che la Direzione deve approvare la formazione di un team di gestione dell energia. La clausola 4.2.2, invece, precisa che il rappresentante della Direzione deve designare una o più persone che gestiranno le attività di gestione dell energia. Durante la formazione dei team, è necessario considerare la dimensione e la complessità dell organizzazione. Nel caso di piccole organizzazioni, il team può essere costituito da un singolo individuo, per esempio il rappresentante della Direzione. 4.3 Politica energetica Così come con tutte le norme per i sistemi di gestione correnti, la ISO richiede l attuazione di una politica energetica definita dalla Direzione e adeguata alla natura e all entità del consumo di energia della propria organizzazione. La politica energetica deve includere, chiaramente, alcuni impegni specifici: L impegno per il miglioramento continuo della prestazione energetica. L impegno riguardante la disponibilità di informazioni e risorse necessarie per il raggiungimento degli obiettivi. L impegno in materia di rispetto, da parte dell organizzazione, dei requisiti legali e di altri requisiti in materia di consumo e prestazione energetica. La politica energetica deve inoltre soddisfare i requisiti definiti nei punti a-h della clausola 4.3. Tali requisiti hanno lo scopo, tra gli altri, di garantire che l organizzazione si impegni ad acquistare prodotti e servizi efficienti dal punto di vista energetico e sostenga l attuazione di misure volte a migliorare la prestazione energetica. Tali requisiti sono perfettamente allineati con le clausole relative alla progettazione (4.5.6) e all approvvigionamento (4.5.7). La politica deve essere documentata e comunicata a tutti i livelli dell organizzazione. La norma ISO non obbliga a pubblicare la politica seguita fuori dall organizzazione. La politica energetica dell organizzazione è la pietra angolare del sistema di gestione dell energia e, come tale, deve definire chiaramente gli impegni, gli obiettivi e le aspettative al riguardo.

4 4.4 Pianificazione energetica Una volta implementata la base del sistema, la ISO richiede l attuazione di una pianificazione. Si deve quindi completare e documentare un processo di pianificazione energetica. Questo processo deve riflettere le esigenze della politica gestionale e promuovere il continuo miglioramento della prestazione energetica. Così come la ISO richiede una valutazione sugli aspetti ambientali, la ISO include il riesame delle attività che possono influire sul rendimento energetico. Requisiti, legali e non, aventi oggetto il consumo e la prestazione energetica devono essere chiaramente identificati (clausola 4.4.2). Tali requisiti possono anche essere parte di un sistema di gestione ambientale (SGA). In effetti, una clausola analoga della ISO richiede l identificazione dei requisiti, legali e non, aventi oggetto l ambiente. Dato che l energia è generalmente considerata un aspetto ambientale, non sarà necessario duplicare il lavoro di identificazione. Nella maggior parte delle organizzazioni, questo processo di identificazione avviene tramite una verifica normativa che elenca i requisiti, legali e non, applicabili. Questo lavoro di documentazione è spesso il modo più semplice per dimostrare che l organizzazione soddisfa tutti i requisiti necessari. Una volta identificati questi ultimi, assicurarsi che vengano rispettati dall organizzazione, in modo da garantirne la conformità. Il passo successivo è la revisione energetica (clausola 4.4.3). In questa fase, l organizzazione deve analizzare il consumo energetico partendo dalle letture e da altri dati, come ad esempio identificando le fonti energetiche attuali e valutando il consumo energetico passato e presente. Una volta completata l analisi, utilizzare i risultati per identificare le aree inefficienti (impianti, attrezzature, sistemi, processi, personale). Inoltre, identificare anche le diverse variabili applicabili quali la temperatura o i livelli di produzione. Quindi determinare l attuale livello di prestazione energetica dei consumi di energia importanti e stimare il consumo di energia futuro. Infine, identificare, assegnare una priorità e registrare le opportunità per migliorare la prestazione energetica. Queste opportunità possono riguardare le fonti di energia: è possibile, ad esempio, prendere in considerazione l uso di energie rinnovabili, come l eolico e il solare. Identificare uno o più profili energetici (consumi di riferimento) utilizzando le informazioni ottenute tramite il riesame energetico iniziale. Questi profili devono essere stabiliti su un periodo di tempo rilevante (che spesso corrisponde a un periodo di 12 mesi). Il numero di profili energetici dipende dalla dimensione e dalla complessità dell organizzazione, ma anche dalla precisione del monitoraggio energetico che si vuole portare avanti per controllare il consumo e la prestazione. Questi profili saranno utilizzati per identificare potenziali miglioramenti nella prestazione energetica, durante l evoluzione del sistema. A lungo termine, questi profili dovranno essere modificati in funzione delle necessità (in seguito a cambiamenti importanti nei processi, nei modelli operativi o nei sistemi energetici). La ISO esige che l organizzazione garantisca che tutti coloro che lavorano per conto proprio, e il cui lavoro può avere un impatto sull efficienza energetica, siano sufficientemente competenti in termini di qualifica, ma anche di formazione, conoscenze ed esperienza.

5 Per monitorare e misurare la prestazione energetica, è necessario definire gli indicatori adeguati. Inoltre, la metodologia per l identificazione e l aggiornamento di questi indicatori deve essere accuratamente registrata. Per dimostrare il miglioramento della prestazione energetica, questi indicatori dovranno essere rivisti e confrontati con i consumi di riferimento. Come con altri sistemi di gestione, l ultima parte della pianificazione del sistema consiste in fissare degli obiettivi. Nel quadro della norma ISO 50001, è necessario stabilire e aggiornare piani d azione documentati e dimostrare che le azioni sono state portate a termine. I piani d azione devono includere: la divisione delle responsabilità, le scadenze e come sarà verificato il miglioramento della prestazione energetica. 4.5 Attuazione e funzionamento L organizzazione deve essere basata sui piani d azione e sugli altri risultati del processo di pianificazione per implementare il sistema. Allo stesso modo, come succede con altri standard, la ISO richiede che l organizzazione garantisca che tutte le persone (inclusi i dipendenti, i lavoratori temporanei e i fornitori) che lavorano per o per conto dell organizzazione siano sufficientemente competenti, ovvero che dispongano delle qualifiche, della formazione, delle competenze e dell esperienza adeguate. Tutti coloro che lavorano per conto dell organizzazione devono essere a conoscenza dei requisiti specifici presenti nella clausola (4.5.2, punti a-d), dell importanza del rispetto della politica energetica, dei requisiti di un sistema di gestione dell energia, dei loro ruoli e responsabilità, dei benefici del miglioramento della prestazione energetica e, infine, dell impatto delle loro attività. Tali requisiti hanno lo scopo di garantire che tutti partecipino attivamente alla gestione dell energia e che siano ben consapevoli del proprio ruolo ma anche delle opportunità che rappresenta una prestazione energetica ottimale. Assicurarsi, inoltre, che i registri adeguati siano aggiornati. Utilizzare il processo di comunicazione interno per informare i lavoratori sulla prestazione energetica, in modo che tutti coloro che lavorano per o per conto dell organizzazione possano dare consigli o suggerimenti per migliorare il sistema di gestione dell energia. Ad esempio, è possibile impostare il sistema del libro dei suggerimenti o creare una sezione specifica, accessibile a tutti, nell intranet dell organizzazione. Per quanto riguarda le comunicazioni esterne, si è liberi di decidere se comunicare i dati sulla politica energetica, sul sistema di gestione dell energia e sulla prestazione energetica al di fuori della propria organizzazione. La ISO non obbliga a rendere la politica energetica accessibile al pubblico. Se si sceglie di pubblicare la politica, la decisione deve essere accuratamente documentata ed essere oggetto di una metodologia. La clausola raccoglie i requisiti minimi della norma ISO in materia di documentazione. La sezione e di questo elenco indica che è possibile usare ogni altro documento ritenuto necessario dall organizzazione : vale a dire, è possibile compilare i documenti indicati con altri dati rilevanti. Come nel caso di altre norme sui sistemi di gestione quali ISO 9001, ISO o OHSAS 18001, la clausola sul controllo dei documenti ( ) richiede l implementazione di un sistema destinato a garantire, tra le altre cose, il controllo dei documenti e l identificazione delle modifiche.

6 Ogni organizzazione è unica, ed è quindi necessario identificare le migliori soluzioni per la gestione dell energia all interno dell azienda. Proprio come ISO 14001, ISO contiene una clausola (4.5.5) sul controllo delle attività. La norma ISO include anche requisiti specifici per la progettazione e l approvvigionamento. Questi due aspetti sono esaminati in dettaglio e in modo più preciso nella ISO rispetto alla ISO del La clausola relativa alle attività di controllo richiede che l organizzazione identifichi e pianifichi le sue operazioni e attività di manutenzione sulle posizioni energetiche significative per garantire la loro conformità con le condizioni specificate. Le attività di manutenzione possono comprendere la riduzione delle perdite di aria compressa, la manutenzione delle valvole di sfiato, l installazione e la manutenzione delle caldaie. La norma ISO non prevede alcuna clausola specifica in situazioni di emergenza. Una nota inclusa nella clausola relativa alle attività di controllo stabilisce che le organizzazioni possono decidere di integrare la prestazione energetica al momento della scelta di un tipo di risposta in caso di emergenza. La clausola relativa alla progettazione (4.5.6) riguarda la progettazione delle strutture, dei sistemi e dei processi nuovi, modificati e rinnovati suscettibili di avere un impatto significativo sulla prestazione energetica. Questa clausola esamina anche il modo in cui l organizzazione tiene conto delle opportunità per il miglioramento della prestazione energetica durante l esecuzione di attività di progettazione. Tuttavia, questa clausola non concerne la progettazione dei prodotti. Se necessario, al momento dello sviluppo dei capitolati e delle specifiche di progettazione, dovranno essere presi in considerazione eventuali requisiti di prestazione energetica. L organizzazione deve informare i propri fornitori che le prestazioni di approvvigionamento sotto forma di servizi, prodotti e materiali energetici ad alto impatto (reali o potenziali) sul consumo di energia sono parzialmente valutate in base ai criteri di prestazione energetica. Sarà necessario anche sviluppare e implementare i criteri per valutare il consumo e l efficienza energetica di prodotti, attrezzature, servizi acquistati che possono avere un impatto significativo sulla prestazione energetica dell organizzazione. Anche le specifiche in materia di acquisto di energia devono essere definite e documentate. Come indicato nella sezione delle direttive della norma ISO 50001, è possibile utilizzare la specifica proposta da parte di un fornitore di energia: l organismo può, ad esempio, optare solo per le fonti energetiche rinnovabili (non fossili) per l approvvigionamento di elettricità.

7 4.6 Verifica Nell ambito della fase di verifica della ISO 50001, la clausola afferma che l organizzazione ha bisogno di monitorare, misurare e analizzare le caratteristiche principali dell attività che determinano la prestazione energetica. Queste caratteristiche chiave comprendono almeno quelle elencate ai punti a-e di questa clausola, compresi gli indicatori di prestazione energetica e l efficienza dei piani di azione. I risultati dovranno essere registrati. Inoltre, l azienda dovrà attuare un piano per misurare l energia. Il livello delle misure, che può variare molto a seconda dell organizzazione, si estende dalla semplice lettura dei contatori fino all utilizzo di applicazioni software complete, al consolidamento dei dati o alla creazione di analisi automatizzate. Il livello delle misure sarà quindi adattato alle dimensioni e alla complessità dell organizzazione. Assicurarsi inoltre che i dati utilizzati siano accurati e riproducibili: per esserne sicuri, calibrare o controllare le apparecchiature di sorveglianza e di misurazione utilizzate. Qualsiasi variazione significativa della prestazione energetica (ad esempio, picchi inattesi dei consumi) deve essere analizzata e corretta. Tutti i dati dovranno essere registrati in modo appropriato. Come parte della ISO e OHSAS 18001, è necessario controllare la conformità nei confronti delle disposizioni legali e non (clausola 4.6.2), in particolare nel settore dell energia. Come con altri standard, sarà necessario pianificare e condurre audit interni per verificare la costante efficacia del sistema (clausola 4.6.3). Inoltre, sarà necessario gestire le non conformità, le correzioni, le azioni correttive e le azioni preventive (clausola 4.6.4). L ultima clausola (4.6.5) di questa sezione riguarda il controllo dei registri. Come nel caso di altre norme sui sistemi di gestione, è necessario creare e aggiornare dei registri perfettamente leggibili, identificabili e tracciabili per l attività in questione. 4.7 Riesame della Direzione Questa clausola è simile ai requisiti relativi alla revisione da parte della Direzione imposti da altre norme attuali sui sistemi di gestione, come ISO 9001, ISO o OHSAS La norma tratta in modo chiaro e dettagliato le diverse aree da integrare al processo di revisione e i risultati attesi. Il riesame della Direzione è fondamentale per la creazione di un sistema efficace. Permette infatti alla Direzione di fare un passo indietro e trarre beneficio da una panoramica del sistema. Questo riesame verifica il rispetto della norma, delle regolamentazioni legali e non, determinando allo stesso tempo se la norma è adatta all organizzazione e se il sistema di gestione dell energia fornisce i risultati attesi. Sebbene non sia obbligatorio, la maggior parte delle organizzazioni organizza degli incontri per rivedere i propri sistemi, per discutere e per adottare eventuali misure. I riesami della Direzione si realizzano con una frequenza variabile a seconda dell azienda. Durante la configurazione iniziale del sistema e fino a quando il livello di maturità di quest ultimo resta basso, i riesami saranno più frequenti (spesso con cadenza mensile o trimestrale). In fase di prima implementazione i riesami saranno frequenti. Più il sistema di gestione si evolve e matura e più la frequenza si riduce, pur rimanendo attivi i processi di monitoraggio delle prestazioni (audit, i risultati della valutazione delle conformità legali e non). Molte organizzazioni conducono il riesame della Direzione durante le normali riunioni amministrative. Nel corso di quest ultime possono essere valutati i risultati dei meeting del team responsabile dell energia. Ogni organizzazione è unica, ed è quindi necessario identificare le migliori soluzioni per la gestione dell energia all interno dell azienda. Se si desidera porre una domanda o richiedere informazioni sui servizi di formazione e di certificazione ISO da parte di LRQA, o ancora discutere il sistema di gestione dell energia attuale, inviare un all indirizzo o visitare il sito Per ulteriori informazioni sulla formazione di LRQA, visitare Lloyd s Register Quality Assurance Italy Srl (LRQA) Via Cadorna Vimodrone (MI) Tel: Web: Facciamo in modo che tutte le informazioni fornite siano accurate e aggiornate. Tuttavia, LRQA declina ogni responsabilità per eventuali inesattezze o modifiche delle informazioni LRQA - Lloyd Register Quality Assurance Ltd - Tutti i diritti riservati.

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità,

Dettagli

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved.

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved. ISO/IEC 2700:2013 Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione ISO/IEC 27001 La norma ISO/IEC 27001, Information technology - Security techniques - Information security management systems

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA

Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA Matteo Locati 25 novembre 2015 LA NORMA ISO 50001: CONTENUTI E OPPORTUNITA TEMATICHE PRESENTATE AGGIORNAMENTI SU DLGS 102/2014 E GLI OBBLIGHI PER LE AZIENDE I CONTENUTI ED I REQUISITI DELLA NORMA ISO 50001:11

Dettagli

Governare il processo della sicurezza

Governare il processo della sicurezza Governare il processo della sicurezza Michele Marchini PIACENZA 20 febbraio 2014 SOMMARIO Argomenti trattati Governo del processo gestione della sicurezza I processi aziendali Il processo della sicurezza

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11

I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 25 settembre 2012, Treviso Matteo Locati Direzione Certificazione Sistemi di Gestione QHSE e compliance Product Manager Sustainability a.ficarazzo@certiquality.it

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici

D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici Target: Energy Auditors Deliverable 2 Final version 02.07.2008 Indice A. Introduzione... 2 Tenere conto delle condizioni nei diversi Paesi...

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015

ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 TÜV NORD CERT FAQ ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 Risposte alle principali domande sulle nuove revisioni degli standard ISO 9001 e ISO 14001 Da quando sarà possibile 1 certificarsi in accordo ai nuovi standard?

Dettagli

La Nuova Norma EN 16001:08 e l Auditl Energetico: un opportunit. opportunità di risparmio per Aziende e Pubbliche Amministrazioni

La Nuova Norma EN 16001:08 e l Auditl Energetico: un opportunit. opportunità di risparmio per Aziende e Pubbliche Amministrazioni La Nuova Norma EN 16001:08 e l Auditl Energetico: un opportunit opportunità di risparmio per Aziende e Pubbliche Amministrazioni M. Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality m.locati@certiquality.it

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1 Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia September 29, 2010 Slide 1 Sommario La norma UNI CEI EN 16001:2009 Definizioni Approccio al sistema di gestione

Dettagli

Le Diagnosi Energetiche e i Sistemi di Gestione dell Energia

Le Diagnosi Energetiche e i Sistemi di Gestione dell Energia organizzato da: in collaborazione con: Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia VERONA FORUM DEGLI ENERGY MANAGER Energy management for a smarter energy Sala Rossini Smart Energy Expo 11 Ottobre

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

L a p i p at a taf a or o ma a p e p r e ga g r a an a t n ire e l ef e fici c en e za za e n e e n r e ge g t e ica Powered By

L a p i p at a taf a or o ma a p e p r e ga g r a an a t n ire e l ef e fici c en e za za e n e e n r e ge g t e ica Powered By La piattaforma per garantire l efficienza energetica Powered By L efficienza energetica come nuovo punto di forza Secondo la norma ISO EN 50001, l efficienza energetica rappresenta il modo per ottimizzare

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese

Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese Tutto quello che c è da sapere per non sbagliare. Guida Pratica per Imprenditori e Manager che devono affrontare il processo di certificazione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità, Salute

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Meno rischi. Meno costi. Risultati migliori.

Meno rischi. Meno costi. Risultati migliori. Meno rischi. Meno costi. Risultati migliori. Servizi professionali per l approvvigionamento. Essere più informati. Prendere decisioni migliori. Supplier Management Service delle Società (ESMS) Qualifica

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

Andrea Cacace, ABB Process Automation, 23 Aprile 2015 Ottimizzazione ed efficienza energetica nei processi: il ruolo della diagnosi energetica

Andrea Cacace, ABB Process Automation, 23 Aprile 2015 Ottimizzazione ed efficienza energetica nei processi: il ruolo della diagnosi energetica Andrea Cacace, ABB Process Automation, 23 Aprile 2015 Ottimizzazione ed efficienza energetica nei processi: il ruolo della diagnosi energetica Ottimizzazione ed efficienza energetica nei processi Sommario

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

QUANTO È GREEN IL VOSTRO STABILIMENTO? Soluzioni per il risparmio energetico

QUANTO È GREEN IL VOSTRO STABILIMENTO? Soluzioni per il risparmio energetico QUANTO È GREEN VOSTRO STABIMENTO? Soluzioni per il risparmio energetico 90% SAPETE CHE... Fino al 70% dei costi del ciclo vita di un compressore ad aria è costituito dal consumo energetico. Conoscete qual

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2008 Seminario AICQ Tosco-Ligure 20 febbraio 2009, Genova

LA NUOVA ISO 9001:2008 Seminario AICQ Tosco-Ligure 20 febbraio 2009, Genova LA NUOVA ISO 9001:2008 Seminario AICQ Tosco-Ligure 20 febbraio 2009, Genova IL RUOLO DEGLI ENTI DI CERTIFICAZIONE Tiziana Spreafico Bureau Veritas Italia ISO 9001 Revisione periodica ISO 9001:2008 Revisione

Dettagli

Ridurre i rischi. Ridurre i costi. Migliorare i risultati.

Ridurre i rischi. Ridurre i costi. Migliorare i risultati. Ridurre i rischi. Ridurre i costi. Migliorare i risultati. Servizi di approvvigionamento professionale. Essere più informati, fare scelte migliori. Supplier Management System delle Communities (CSMS) Prequalifiche

Dettagli

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004 Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE La ISO 14001 è una norma internazionale, che stabilisce i requisiti per definire, attuare e gestire un Sistema

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel 2004. Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da

Dettagli

Manutenzione e Supporto Software per proteggere gli investimenti in automazione industriale Giuseppe Sugliano Wonderware

Manutenzione e Supporto Software per proteggere gli investimenti in automazione industriale Giuseppe Sugliano Wonderware Manutenzione e Supporto Software per proteggere gli investimenti in automazione industriale Giuseppe Sugliano Wonderware Gruppo HMI e Software Le motivazioni per investire Guadagno o Profitto Potere e

Dettagli

Automation Solutions

Automation Solutions Automation Solutions Automation Solutions ECSA è un azienda che fornisce soluzioni integrate ad alto contenuto tecnologico, spaziando dall automazione industriale e controllo di processo, ai sistemi IT

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli