Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?"

Transcript

1 alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo e alla vulnerabilità ai suoi effetti. In Italia si stima che ogni anno muoiano a causa dell alcol più di 20 mila persone. Si osservano significative differenze tra le Regioni, con consumi maggiori in quelle settentrionali. Secondo i dati del Sistema di Sorveglianza sugli stili di vita Passi (2010), il 55% degli italiani tra i anni fa abitualmente uso di bevande alcoliche e il 19% rientra nella definizione di consumatore a rischio (Grafico 1). Desta preoccupazione l osservazione di nuovi comportamenti e abitudini che segnano un allontanamento dal tradizionale modello mediterraneo legato al consumo di vino in occasione dei pasti. Tra questi, il fenomeno del binge drinking indica il consumo di numerose unità alcoliche in un breve arco di tempo e risulta sempre più diffuso nella popolazione adulta (almeno il 9%) e, in particolare, tra i giovani 1. Grafico 1. Percentuale di bevitori a rischio nelle asl partecipanti al passi Esistono diverse definizioni operative di binge drinking: nel Passi corrisponde al consumo di almeno 4 unità alcoliche per le donne e 5 per gli uomini, in un unica occasione, nell arco di un mese, mentre, nell indagine Istat Multiscopo coincide all assunzione di 6 o più bicchieri di bevande alcoliche, anche diverse, in una singola occasione, in un tempo ristretto. Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? I danni acuti e cronici delle bevande alcoliche comprendono una lunga lista di patologie direttamente dipendenti dall alcol (epatopatia, gastrite, neuropatia, miopatia e cardiomiopatia alcolica), oppure condizioni per le quali l alcol è un fattore di rischio (malattie cardiovascolari e tumorali). L alcol, inoltre, può indurre comportamenti sessuali a rischio che possono determinare l insorgenza di malattie sessualmente trasmesse. schede A4 new copia.indd 1 22/02/

2 La mortalità imputabile all alcol è dovuta anche a comportamenti associati, in particolare a lesioni acute causate da infortuni, incidenti (stradali, domestici, sul lavoro) ed episodi di violenza. La guida sotto l effetto dell alcol è responsabile del 30% dei decessi per incidenti stradali, ed è la prima causa di morte nelle fasce più giovani della popolazione. L alcol influisce negativamente sulla salute della donna durante la gravidanza aumentando la probabilità di aborto spontaneo, parto prematuro e basso peso alla nascita. Inoltre, l esposizione prenatale all alcol può essere associata a deficit intellettivi e dello sviluppo del bambino, anche gravi, fino al quadro della sindrome feto-alcolica. Cosa si intende per consumo di alcol moderato o a basso rischio? È importante ricordare che non si possono identificare quantità di consumo alcolico raccomandabili o sicure per la salute. Per convenzione, i livelli di consumo di alcol moderato o a basso rischio vengono così identificati: 2-3 unità di alcol al giorno per gli uomini; 1-2 unità di alcol al giorno per le donne; 1 unità di alcol al giorno per gli ultra 65enni; ZERO unità di alcol sotto i 16 anni. Una unità alcolica è pari a circa grammi di alcol puro, corrispondenti a un bicchiere di vino (12, 125 ml), o una lattina di birra (4,5, 330 ml), o un aperitivo (18, 80 ml), o un bicchierino di superalcolico (36, 40 ml). Cosa si fa per limitare i consumi di alcol? La riduzione dell uso o dell abuso di alcol e dei danni correlati, è una delle priorità delle politiche e degli interventi messi in atto nell ambito della salute pubblica e, in particolare, del Ministero della Salute che coordina il Programma Guadagnare Salute. Al fine di promuovere azioni e strategie di contrasto al consumo di alcol, l informazione, la promozione della salute e la prevenzione sono risorse da privilegiare. In Italia, il monitoraggio della situazione è seguito dall Osservatorio Nazionale Alcol che, insieme al Centro per la ricerca e la promozione della salute su alcol e problematiche alcolcorrelate dell OMS, svolge un ruolo di raccordo nazionale ed internazionale nell ambito della ricerca, programmazione, implementazione e valutazione dei progetti e delle iniziative che hanno per oggetto le tematiche alcol-correlate. Ogni anno, durante il mese di aprile, dedicato alla prevenzione alcologica, viene organizzato l Alcohol Prevention Day che rappresenta il momento centrale dell iniziativa che consente la divulgazione delle attività svolte dall Osservatorio. Cosa si può fare a livello locale per limitare i consumi di alcol? A livello locale risulta di fondamentale importanza realizzare interventi coerenti con le politiche adottate a livello regionale e nazionale. Inoltre, per limitare il consumo di alcol è necessario far rispettare i divieti vigenti: monitorando il rispetto del divieto di vendita di bevande alcoliche, sia nei negozi che nei locali pubblici, ai ragazzi con meno di 16 anni; applicando tutte le misure disponibili (multe, chiusura del locale) nei confronti di chi non rispetta il divieto. schede A4 new copia.indd 2 22/02/

3 FUMO Qual è la dimensione del problema? Il consumo di tabacco incide negativamente sulla salute aumentando il rischio di malattie dell apparato respiratorio e cardiovascolare. In Italia ogni anno le patologie attribuibili al fumo causano la morte di circa 80 mila persone. Secondo l Istat (2010), nel nostro Paese, fuma circa un quarto della popolazione adulta, il 29% dei maschi e il 17% delle femmine (Grafico 1). Nell ultimo decennio è stata evidenziata una riduzione dell abitudine negli uomini e un parallelo incremento tra le donne e tra i giovanissimi. Infatti, è sempre più precoce l età di inizio: dallo studio internazionale Health Behaviour in School-aged Children (HBSC), svolto nel 2010, risulta fumare il 19% dei ragazzi di 15 anni. Altrettanto insidioso è il fumo passivo altamente correlato a malattie che si sviluppano durante l infanzia, la gravidanza e l età adulta, tuttavia nel 24% delle case italiane si fuma e nel 17% di esse vive un minore di 15 anni. Grafico 1. Percentuale di fumatori in Italia. ISTAT 2010* 35% 35% 30% 29% 26% 28% 25% 23% 20% 18% 22% 15% 16% 17% 10% UOMINI Totale DONNE * Nel 2004 l indagine non è stata effettuata Quali danni può provocare il fumo? Il fumo contiene oltre costituenti chimici, 50 dei quali tossici ed è classificato come agente cancerogeno dallo IARC, l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro. La nicotina contenuta nel tabacco è una sostanza che influenza il sistema cardiovascolare e induce dipendenza. Ogni anno in Italia, sul totale dei decessi, il 15% è attribuibile al fumo. Il fumo ha effetti negativi sul sistema riproduttivo sia dell uomo che della donna, riducendo la fertilità. In gravidanza ha effetti nocivi sul feto, può causare aborto spontaneo ed è una delle principali cause di basso peso alla nascita. Le donne fumatrici che assumono contraccettivi orali, presentano un rischio 20 volte maggiore di infarto e ictus cerebrale. Infine, il fumo passivo costituisce la più importante fonte di inquinamento dell aria negli ambienti confinati e accresce il rischio di cancro del polmone del 20-30% e di malattia coronarica del 25-30%. L esposizione al fumo passivo aumenta il rischio, soprattutto nei bambini, di malattie respiratorie e di otite media. schede A4 new copia.indd 3 22/02/

4 Perché smettere di fumare? Non fumare permette di salvaguardare la propria salute, di ottenere benefici fisici ed estetici e di diminuire il rischio di sviluppare patologie. Una buona motivazione per chi voglia smettere di fumare è la quasi completa reversibilità dei danni da fumo che segue una nota e cadenzata sequenza temporale (Tabella 1). TABELLA 1. tempistica dei benefici post cessazione Cosa si può fare per contrastare il tabagismo? Con la Legge n. 3 del 16 gennaio 2003, entrata in vigore nel gennaio 2005, l Italia è stato uno dei primi paesi europei a regolamentare il fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro. Nel periodo immediatamente successivo all applicazione della legge, si è riscontrata una riduzione dei fumatori (il 15% ha smesso ed il 27% ha ridotto il consumo). A livello nazionale le iniziative per la prevenzione e la cura del tabagismo seguono un approccio che tiene conto delle sue implicazioni sociali, culturali e ambientali e prevede cooperazione e coordinamento tra le diverse Istituzioni e amministrazioni. Un aspetto da considerare nel contrasto al tabagismo è la necessità di proteggere, non solo coloro che fumano, ma la comunità dei non fumatori, prevedendo interventi specifici a favore dei meno tutelati, come nascituri e minori. Pertanto, le strategie di intervento previste a livello centrale e regionale, dovrebbero garantire azioni a supporto della legge per la tutela dal fumo passivo ed essere affiancate, sia da interventi di informazione e promozione della salute per ridurre il numero degli adolescenti che iniziano a fumare, sia da iniziative a sostegno dei fumatori che vogliono smettere. Cosa si può fare a livello locale per contrastare il tabagismo? A livello locale risulta di fondamentale importanza realizzare interventi coerenti con le politiche regionali e nazionali. Inoltre, per contrastare il consumo di tabacco, è necessario: monitorare il rispetto del divieto di vendita di tabacco ai ragazzi con meno di 16 anni da parte di tabaccai e possessori di rivenditori automatici; monitorare il rispetto del divieto di fumare nei locali pubblici, applicando le misure disponibili nei confronti di chi non rispetta tale divieto; approfondire le competenze sul counselling motivazionale breve tra gli operatori sanitari e sostenere i centri antifumo. schede A4 new copia.indd 4 22/02/

5 ATTIVITÀ fisica Qual è la dimensione del problema? L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) intende per attività fisica qualsiasi forma di lavoro prodotta dalla muscolatura scheletrica che determini un dispendio energetico superiore a quello a riposo e comprende quindi nella definizione non solo lo sport, ma anche tutte le attività della vita quotidiana. In Italia, secondo i dati del Sistema di Sorveglianza sugli stili di vita Passi (2010), solo il 33% degli adulti ha uno stile di vita attivo, il 37% è considerato parzialmente attivo, in quanto non pratica un attività fisica sufficiente, mentre il 31% risulta completamente sedentario. I sedentari si concentrano in particolare nella fascia di età compresa tra i anni, tra le donne e le persone con livello di istruzione o di reddito più basso (Tabella 1). Anche i bambini sembrano essere poco attivi. I dati dell indagine OKkio alla SALUTE (2010) evidenziano che solo il 25% dei bambini di 7-10 anni praticano attività fisica con continuità. I risultati, inoltre, segnalano un elevata prevalenza di abitudini sedentarie, infatti, ben il 38% guarda la TV e/o gioca con i videogiochi per 2 o più ore al giorno. TABELLA 1. Associazione tra sedentarietà ed età, sesso, livello di istruzione e difficoltà economiche nelle Asl partecipanti al Passi 2010 Quali danni può provocare la sedentarietà? L obesità è la conseguenza più immediata e visibile della sedentarietà. La combinazione tra un peso corporeo eccessivo e uno stile di vita non attivo è responsabile di gran parte delle morti premature per cause cardiache. In Italia, si stima che i decessi attribuibili all inattività fisica siano circa il 5% del totale. schede A4 new copia.indd 5 22/02/

6 Quali sono i livelli adeguati di attività fisica? Fare attività fisica ogni giorno influisce positivamente sul benessere psicofisico e riduce il rischio di malattie croniche. Le recenti linee guida dell OMS stabiliscono i livelli adeguati di attività fisica in base a 3 fasce di età: bambini e adolescenti (5-17 anni): almeno un ora di esercizio fisico moderato al giorno e almeno 3 sedute la settimana di attività che sollecitino l apparato muscolo-scheletrico per stimolare l accrescimento e migliorare la forza muscolare e l elasticità; adulti (18-64 anni): almeno 150 minuti di esercizio fisico, di intensità moderata, nell arco della settimana ovvero almeno 75 minuti di intensità più elevata o una combinazione equivalente. L attività aerobica va effettuata in frazioni di almeno 10 minuti continuativi, mentre le attività di rafforzamento dei gruppi muscolari maggiori almeno 2 giorni alla settimana; anziani (sopra i 65 anni): come l adulto e, in aggiunta, esercizi per l equilibrio almeno 3 volte alla settimana, in modo da prevenire le cadute. Se le condizioni di salute generali non consentono di raggiungere i livelli consigliati di attività fisica, il programma va impostato su base individuale. Cosa si fa per promuovere l attività fisica? La promozione dell attività fisica è un obiettivo di sanità pubblica che può essere raggiunto anche attraverso politiche sanitarie mirate e condivise. L importanza di svolgere una costante attività fisica viene sottolineata nei Piani Sanitari Nazionali a partire dai primi anni del 2000; a questi sono stati affiancati i Piani Nazionali della Prevenzione che hanno evidenziato come la sedentarietà sia la causa di sviluppo o peggioramento delle malattie croniche. Secondo le indicazioni del Programma Guadagnare Salute, coordinato dal Ministero della Salute, è necessario creare molteplici occasioni e condizioni per favorire l attività fisica nel contesto di vita dei cittadini: nell ambiente urbano e domestico, a lavoro e nel tempo libero, per i bambini e i giovani, per le persone disabili, per le persone con disturbi e disagi mentali e per gli anziani. Il raggiungimento di questo traguardo è possibile grazie alla collaborazione attiva di tutte le strutture e delle figure professionali interessate, della popolazione e della società civile. Cosa si può fare a livello locale per promuovere l attività fisica e il movimento? Un importante documento di riferimento per i decisori e gli operatori impegnati nella promozione dell attività fisica è rappresentato dalla Carta di Toronto, redatta nel 2010 da un gruppo di esperti del Global Advocacy for Physical Activity. A livello locale è necessario realizzare interventi coerenti con le politiche regionali e nazionali. Inoltre è utile: fornire alle persone opportunità concrete per svolgere attività fisica, ad esempio attraverso la costruzione di piste ciclabili, percorsi pedonali e campestri; rendere disponibili strutture sportive e spazi, a costi limitati per l attività fisica e il movimento; favorire l accesso alle palestre scolastiche quando non utilizzate dalla scuola; sostenere le relazioni tra le associazioni territoriali, la scuola e i cittadini affinché organizzino attività di promozione dell attività fisica e del movimento. schede A4 new copia.indd 6 22/02/

7 alimentazione Qual è la dimensione del problema? La salute è fortemente influenzata dall alimentazione; infatti una alimentazione varia e bilanciata è uno strumento essenziale di prevenzione per alcune patologie, ma anche di gestione e trattamento per altre. Un introito eccessivo di calorie, associato alla ridotta attività fisica e ad uno stile di vita sedentario, rendono ragione della crescente epidemia di sovrappeso e obesità che minaccia la salute della popolazione. Il peso corporeo medio degli italiani è aumentato negli ultimi decenni. Dai dati del Sistema di Sorveglianza sugli stili di vita Passi (2010) emerge che più di 4 adulti su 10 sono in sovrappeso o obesi (Grafico 1). L eccesso di peso cresce con l età ed è più diffuso al Sud e tra gli uomini. Grafico 1. Percentuale di persone in eccesso di peso nelle asl partecipanti al Passi 2010 Anche tra i bambini italiani il problema è rilevante: l indagine OKkio alla SALUTE (2010), realizzata nelle scuole primarie, mostra una percentuale di sovrappeso e obesità rispettivamente del 23% e dell 11% con un aumento nelle Regioni del Centro e del Sud. L indagine consente di stimare che circa 1 milione e 100 mila bambini della scuola primaria sono in eccesso ponderale e tra questi quasi 400 mila sono obesi. Quali danni può provocare un alimentazione non corretta? Oltre alla quantità degli alimenti, in diretta relazione con il peso corporeo, è importante anche la qualità. Un eccesso di colesterolo, di grassi saturi (contenuti nella carne e nei prodotti lattiero-caseari) e di sale, può incrementare il rischio cardiovascolare. Sovrappeso e obesità amplificano a loro volta la possibilità di eventi e di mortalità cardiovascolari. Esiste, inoltre, un legame tra alimentazione e insorgenza di patologie oncologiche, in particolare tra consumo di carne rossa e tumori dello stomaco e dell esofago. schede A4 new copia.indd 7 22/02/

8 Perché e come mangiare sano? Un apporto adeguato di energia e nutrienti può essere garantito variando e combinando opportunamente cibi differenti. Un consumo abbondante di frutta e verdura fresca, di circa 400 grammi al giorno, ovvero 5 porzioni (five a day), si associa a una significativa diminuzione del rischio di malattie e della mortalità. L effetto protettivo è legato alla presenza di vitamine, sostanze antiossidanti e sali minerali, nonché di fibre alimentari. È poi fondamentale privilegiare il consumo di alcuni tipi di carboidrati contenuti in cereali, pasta, riso, legumi secchi e patate, di fibre presenti in quasi tutti i vegetali, e assumere grassi omega-3, omega-6 (contenuti negli oli di semi e nel pesce) e grassi monoinsaturi (contenuti soprattutto nell olio extra vergine di oliva). La dieta mediterranea, seguita soprattutto nei Paesi del Sud Europa, è un modello nutrizionale che risponde ai requisiti di un alimentazione equilibrata. Si tratta di un insieme di abitudini alimentari caratterizzate dal consumo di ortaggi, frutta, cereali e olio d oliva. Inoltre, un alimentazione equilibrata deve prevedere un assunzione moderata di sale, che corrisponde a circa 5 g al giorno (circa 2 g di sodio, mezzo cucchiaio da cucina), ampiamente superati nelle abitudini italiane (10 g di sale al giorno). Cosa si fa per promuovere una corretta alimentazione? La promozione di una corretta alimentazione è un obiettivo di sanità pubblica che richiede interventi coordinati e intersettoriali. In Italia il Programma Guadagnare Salute rappresenta una strategia integrata e multicomponente per promuovere scelte salutari sia a livello individuale che di comunità. In tale ottica, sono cruciali alcune azioni: lo sviluppo di sistemi di sorveglianza di popolazione, la comunicazione e l educazione alimentare che deve iniziare fin dai primi anni di vita. L ambiente familiare e quello scolastico sono quindi determinanti. La realizzazione del Sistema di indagini sui rischi comportamentali in età 6-17 anni, promosso dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) del Ministero della Salute e coordinato dall Istituto Superiore di Sanità (Iss) in collaborazione con le Regioni, rappresenta un importante iniziativa per comprendere la dimensione del problema e per orientare e monitorare le iniziative per la promozione di una corretta alimentazione sia nei giovani che nelle loro famiglie. Cosa si può fare a livello locale per promuovere una corretta alimentazione? A livello locale risulta di fondamentale importanza realizzare interventi coerenti con le politiche regionali e nazionali, e promuovere iniziative per facilitare l accesso a cibi salutari: sostenendo, attraverso accordi e azioni di comunicazione, negozi ed esercizi commerciali, affinché offrano cibi salutari; supportando approcci di regolamentazione del marketing pubblicitario rivolto a bambini e adolescenti. schede A4 new copia.indd 8 22/02/

9 guadagnare salute Che cosa è il Programma Guadagnare Salute? Il Programma nazionale Guadagnare Salute, promosso e coordinato dal Ministero della Salute e approvato con il DPCM del 4 maggio 2007, si propone di facilitare i singoli cittadini nella scelta di stili di vita salutari attraverso accordi e iniziative integrate. In linea con gli orientamenti dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), prevede la realizzazione di interventi, concertati fra Istituzioni e Governo, a tutela della salute pubblica per una trattazione globale dei principali fattori di rischio (Tabella 1). Infatti, secondo i dati dell OMS, l 86% dei decessi, il 77% della perdita di anni di vita in buona salute e il 75% delle spese sanitarie in Europa e in Italia, sono causati da alcune patologie (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di salute mentale e disturbi muscoloscheletrici) che hanno in comune fattori di rischio modificabili, quali: il fumo di tabacco, il consumo di alcol, la sedentarietà e la scorretta alimentazione. Tabella 1. Aree prioritarie di intervento del Programma Guadagnare Salute Quali azioni mettere in atto per Guadagnare Salute? Il Programma Guadagnare Salute prevede la realizzazione di azioni volte al contrasto dei quattro principali fattori di rischio, attivando la responsabilità individuale e attuando strategie e interventi integrati e coordinati che prevedono il coinvolgimento di diversi settori della società civile, delle Istituzioni e del Governo. La programmazione di interventi intersettoriali è fondamentale sia sul piano etico che economico, in quanto favorisce una migliore sostenibilità. Infatti, un azione coordinata per il contrasto ai fattori di rischio, deve prevedere una condivisione degli obiettivi da parte dei diversi attori coinvolti (amministrazioni centrali e regionali, enti locali, settori privati) e utilizzare un approccio che consideri, non solo gli aspetti sanitari, ma anche le implicazioni ambientali, sociali ed economiche. Il contributo delle Istituzioni, a livello nazionale, regionale e locale è pertanto decisivo. Nonostante esse non possano condizionare direttamente le scelte individuali, possono tuttavia promuovere iniziative che agiscano in maniera trasversale sui diversi determinanti e che comprendano interventi regolatori, di comunità e iniziative di comunicazione (Tabella 2). schede A4 new copia.indd 9 22/02/

10 Tabella 2. Enti e figure chiave dei programmi intersettoriali Comunicare, un primo passo per promuovere la salute La comunicazione per la salute rappresenta una componente importante del Programma Guadagnare Salute ed è parte integrante del processo di promozione della salute che può contribuire ad aumentare le conoscenze, attivare processi di consapevolezza tra i cittadini, facilitare la creazione di reti interistituzionali e collaborazioni tra organizzazioni sanitarie e non sanitarie. In tale ottica, la comunicazione prevede una pianificazione strategica delle attività e iniziative coordinate rivolte ai cittadini, alle figure istituzionali ed alle organizzazioni che a diverso titolo possono avere un ruolo nella promozione della salute. Cosa si può fare a livello locale per Guadagnare Salute? A livello locale è importante realizzare interventi coerenti con l approccio e le politiche regionali e nazionali. Per promuovere comportamenti a favore della salute risulta necessario: attivare strategie e interventi integrati e coordinati tra le organizzazioni, le Istituzioni e i diversi settori della società civile; sostenere, attraverso accordi e collaborazioni, azioni di informazione, formazione e comunicazione per promuovere stili di vita salutari; incentivare gli interventi volti al coinvolgimento attivo del mondo della scuola, al fine di diffondere la cultura della salute non solo tra i docenti e i ragazzi, ma anche tra le famiglie; sostenere le iniziative messe in atto sui luoghi di lavoro a favore degli stili di vita salutari. schede A4 new copia.indd 10 22/02/

11 PinC Che cosa è il Progetto PinC? Secondo la strategia del Programma Guadagnare Salute, la comunicazione è una componente fondamentale degli interventi di prevenzione ed è uno strumento per la promozione della salute. In tale ottica, è stato sviluppato il Progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi del Programma Guadagnare Salute - PinC, avviato nel 2008 e coordinato dal Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, dell Istituto Superiore di Sanità, finanziato dal Ministero della Salute/Ccm. La finalità di PinC è attivare processi di consapevolezza e di empowerment per scelte di vita salutari, a livello individuale e collettivo (Tabella 1). Coerentemente con l approccio partecipativo, le attività del Progetto prevedono il coinvolgimento delle Istituzioni sanitarie e non sanitarie, delle organizzazioni, dei decisori e dei partner presenti nella società civile che, a diverso titolo, possono avere un ruolo nella promozione della salute. Tabella 1. Gli obiettivi strategici del Progetto Pinc La comunicazione per la salute secondo PinC Nella promozione della salute, la comunicazione si inserisce all interno di un processo globale, sociale e politico, che comprende azioni dirette a migliorare le conoscenze e le competenze dei singoli individui, e a facilitare la creazione di reti interistituzionali e collaborazioni tra le organizzazioni. Attraverso queste alleanze, la comunicazione può, inoltre, promuovere azioni orientate a modificare le condizioni sociali, ambientali ed economiche per migliorare la salute e il benessere dei cittadini. Il Progetto PinC rappresenta un valore aggiunto per Guadagnare Salute, poiché attraverso una pianificazione strategica delle attività, favorisce il superamento di un approccio basato su iniziative improvvisate, sporadiche e non coordinate tra le Istituzioni impegnate nella promozione della salute. Quali sono le attività del Progetto PinC? Nell ambito del Progetto sono state attivate iniziative di comunicazione e di formazione destinate ai cittadini, agli operatori del mondo sanitario e delle Istituzioni che, a diversi livelli, possono avere un ruolo nella promozione della salute. Il piano comunicativo ha previsto molteplici azioni volte a migliorare le conoscenze sul Programma Guadagnare Salute e sui quattro principali fattori di rischio per la salute: consumo di alcol e di tabacco, scorretta alimentazione ed inattività fisica (Tabella 2). schede A4 new copia.indd 11 22/02/

12 Tabella 2. i mezzi di comunicazione e i target di riferimento della campagna di comunicazione di PinC Il piano formativo intende offrire, alle figure chiave coinvolte in Guadagnare Salute, un aggiornamento sulle conoscenze attualmente disponibili sui quattro fattori di rischio e sulle competenze comunicativo-relazionali funzionali alla promozione della salute. L offerta formativa prevede attività didattiche svolte, sia in presenza, orientate all approfondimento della comunicazione per la promozione della salute e del counselling, sia a distanza al fine di creare occasioni di approfondimento delle conoscenze sulla base di una revisione aggiornata della letteratura scientifica. Come utilizzare a livello locale l approccio e le strategie del Progetto PinC? A livello locale è possibile realizzare iniziative coerenti con l approccio del Progetto PinC. A tale scopo è necessario: sostenere le iniziative di confronto e di formazione rivolte a specifici target (come decisori e personale delle amministrazioni comunali, medici di medicina generale, pediatri, operatori dei Servizi territoriali, farmacisti, insegnanti, associazioni dei cittadini), valorizzando l importante ruolo che svolgono nel rapporto con alcune fasce della popolazione; consolidare le competenze degli operatori che possono sostenere i cittadini a compiere scelte di vita salutari; rafforzare la collaborazione tra tutte le Istituzioni coinvolte, a livelli differenti, nella promozione della salute; valorizzare e integrare le attività di promozione della salute di progetti già in atto o da attuare; promuovere iniziative sul territorio per sensibilizzare i cittadini sull importanza di scegliere comportamenti salutari; pianificare le strategie di comunicazione da adottare a livello territoriale prestando attenzione ai differenti target, al linguaggio ed agli strumenti da utilizzare. schede A4 new copia.indd 12 22/02/

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone Guadagnare salute e Territorio Daniela Galeone Fattori di rischio di malattia e morte prematura in Europa Decessi DALY* 1. Ipertensione 22% 1. Tabacco 12% 2. Tabacco 19% 2. Ipertensione 9% 3. Colesterolo

Dettagli

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI

Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Regione Toscana 2011-2014 Alcuni risultati del sistema di monitoraggio PASSI Coordinamento regionale PASSI Giorgio Garofalo, Franca Mazzoli, Rossella Cecconi Firenze, 24 Novembre 2015 PASSI in breve -

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC)

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC) 11 Meeting Italiano Rete Città Sane OMS Comunicazione e partecipazione per la promozione della salute 2013 Anno europeo dei cittadini 16 17 maggio 2013, Milano Programma nazionale di informazione e comunicazione

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere.

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Le sane abitudini alimentari Bologna 10 marzo 2014 La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Emilia Guberti UO Igiene Alimenti e Nutrizione Az. USL Bologna Sicurezza

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

PASSI A BASSANO ANNI

PASSI A BASSANO ANNI PASSI A BASSANO ANNI RAPPORTO PASSI PER GUADAGNARE SALUTE ANNI 2009-2012 Rapporto a cura di: Maria Caterina Bonotto (Dipartimento di Prevenzione AULSS 3 Bassano) Intervistatrici AULSS 3 Bassano del Grappa

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE DOTT.SSA DANIELA GALEONE Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari è l obiettivo del programma Guadagnare salute, per prevenire le principali

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Quattro schede informative sulla Sorveglianza PASSI per i Medici di Medicina Generale Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Dicembre 2014 La sorveglianza PASSI e il programma Guadagnare Salute a cura

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

La Strategia Comunitaria sull alcol: le raccomandazioni di EUROCARE

La Strategia Comunitaria sull alcol: le raccomandazioni di EUROCARE Workshop ALCOHOL PREVENTION DAY MESE DI PREVENZIONE ALCOLOGICA Roma 12 aprile 2007 La Strategia Comunitaria sull alcol: le raccomandazioni di EUROCARE Tiziana Codenotti, Vice Presidente EUROCARE Breve

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Comitato regionale per l Europa

Comitato regionale per l Europa Comitato regionale per l Europa Organizzazione mondiale della sanità Ufficio regionale per l Europa Guadagnare salute : la strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche malattie

Dettagli

stili di vita e disuguaglianze

stili di vita e disuguaglianze stili di vita e disuguaglianze Gli stili di vita insalubri sono fattori di rischio che possono causare disuguaglianze di salute. Come dimostrano diversi studi, abitudini e comportamenti malsani contribuiscono

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011 Francesca Russo Annarosa Pettenò Verona, 12 gennaio 2011 Determinanti della Salute McKeown (1976) dimostra che il ridursi della mortalità, osservato nel periodo 18701970, è da attribuirsi per il: - 40%

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008

Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 Salute e stili di vita in Toscana nel 2008 PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema di sorveglianza italiano sui fattori di rischio comportamentali per la salute della

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Comune di Modena Modena per il Cuore

Comune di Modena Modena per il Cuore Comune di Modena Modena per il Cuore Le malattie del sistema circolatorio: al primo posto tra le cause di morte Nella realtà modenese le malattie del sistema cardiocircolatorio sono un tema di salute prioritario:

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1.

STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1. STATO di SALUTE e FATTORI COMPORTAMENTALI nell AZ. Ulss 19 di Adria (18-69 anni) (Sistema di sorveglianza PASSI- ANNO 2011 Az. Ulss 19) 1. Premessa Nel territorio dell Azienda Ulss 19 di Adria le neoplasie

Dettagli

Stili di vita e salute

Stili di vita e salute Stili di vita e salute Ragazzinsieme - Esperienze in movimento tra salute, ambiente, cultura e tradizioni Annamaria Giannoni in collaborazione con Sandro Tacconi Direzione generale diritti di cittadinanza

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D

Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Quattro schede informative sulla Sorveglianza PASSI per i Medici di Medicina Generale Dipartimento di Prevenzione ASL ROMA D Marzo 2012 Il sistema di sorveglianza PASSI e il programma Guadagnare Salute

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

Il PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: dalla Piattaforma su alimentazione, attività fisica e tabagismo al Progetto Mi Voglio Bene

Il PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: dalla Piattaforma su alimentazione, attività fisica e tabagismo al Progetto Mi Voglio Bene Il PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: dalla Piattaforma su alimentazione, attività fisica e tabagismo al Progetto Mi Voglio Bene Dott.ssa Maria Teresa Menzano XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Fumo e benessere riproduttivo

Fumo e benessere riproduttivo Fumo e benessere riproduttivo Cosa c è in una sigaretta? Più di 4000 sostanze tossiche sono contenute nel fumo di tabacco. - Nicotina: crea dipendenza - Monossido di carbonio: ostacola l'azione dei muscoli

Dettagli

2) Titolo del programma: Salute e benessere degli adolescenti (2.6.1 2.9.6)

2) Titolo del programma: Salute e benessere degli adolescenti (2.6.1 2.9.6) 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Salute e benessere degli adolescenti (2.6.1 2.9.6) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.9 Prevenzione

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

Il Programma italiano Guadagnare salute : dalla Piattaforma all azione

Il Programma italiano Guadagnare salute : dalla Piattaforma all azione Il Programma italiano Guadagnare salute : dalla Piattaforma all azione Daniela Galeone VI Conferenza annuale Actionsantè 2014 Berna, 11 novembre 2014 Le Malattie Croniche: un allarme mondiale 57 milioni

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori.

Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori. Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori. Maurizio Zucchi Direttore Qualità Coop Italia Modena, 12 aprile 2012 L obesità e il

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 I dati del sistema di sorveglianza PASSI anni 2011-2012 Rapporto a cura di: Annamaria Del Sole (Coordinatore Aziendale PASSI Dipartimento di Prevenzione AULSS 19),

Dettagli

PPresentazione report Salute di genere

PPresentazione report Salute di genere PPresentazione report Salute di genere Francesco Cipriani Agenzia regionale di sanità della Toscana ARS francesco.cipriani@ars.toscana.it www.ars.toscana.it Corso di aggiornamento Medicina di Genere: attualità

Dettagli

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Il Programma Guadagnare salute Fausta Ortu medico SISP Dipartimento di Prevenzione Azienda Ulss 15 Che cos è il programma Guadagnare salute? Perché è nato? Dove è nato? E un

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA SCHEDA SOVRAPPESO ED OBESITA IN ETA INFANTILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELL INDAGINE OKKIO ALLA SALUTE Conferenza Stampa 7

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

Passi per Guadagnare Salute

Passi per Guadagnare Salute Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Passi per Guadagnare Salute Rapporto 2011/2012 Azienda ULSS n. 13 1 Rapporto a cura di: Damiano Dalla Costa, Silvia Milani (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

PASSI per Guadagnare Salute: le sorveglianze attivate a sostegno di Guadagnare salute

PASSI per Guadagnare Salute: le sorveglianze attivate a sostegno di Guadagnare salute PASSI per Guadagnare Salute: le sorveglianze attivate a sostegno di Guadagnare salute Linda Gallo Info day: guadagnare salute 2011 Udine, 27 settembre 2011 Le evidenze: i Messaggi Chiave 1. Le malattie

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PREFAZIONE La riduzione dei danni sanitari e sociali causati dall alcol è, attualmente, uno dei più

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 Alcuni risultati dell indagine PdA in Asl 3 Genovese Raffaella Castiglia, Patrizia Crisci

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

MALATTIE CARDIOVASCOLARI MALATTIE CARDIOVASCOLARI Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la prima causa di mortalità,, di morbilità e di disabilità specialmente nei paesi del mondo occidentale. NEL MONDO 15 milioni/anno di eventi

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Laboratorio di marketing sociale Presentazione del progetto Soggetto ideatore e organizzatore: Azienda Sanitaria Locale DEFINIZIONE DEL PROBLEMA Sovrappeso ed obesità in età infantile La nuova emergenza

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI Venerdì 13 dicembre 2013 Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE Dr. Alfio De Sandre Direttore

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni

Comportamenti e rischi per la salute. Aldo De Togni Comportamenti e rischi per la salute Aldo De Togni Le malattie croniche costituiscono la principale causa di disabilità e di morte comprendono le cardiopatie, l ictus, il cancro, il diabete e le malattie

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

La promozione dell attività fisica. Relazione epidemiologica

La promozione dell attività fisica. Relazione epidemiologica La promozione dell attività fisica Relazione epidemiologica Fabio Voller Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana fabio.voller@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità della

Dettagli

Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI. Emanuela Balocchini

Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI. Emanuela Balocchini Guadagnare salute in Toscana Rendere facili le scelte salutari LE AZIONI REGIONALI Emanuela Balocchini Regione Toscana Regione Campania Regione Marche Regione Puglia Ministero della Salute - Roma, 25 Ottobre

Dettagli

Sani stili di vita. Nutrirsi di salute Marzo 2012. Per quale motivo dovremmo seguire sani stili di vita?

Sani stili di vita. Nutrirsi di salute Marzo 2012. Per quale motivo dovremmo seguire sani stili di vita? Nutrirsi di salute Marzo 2012 Sani stili di vita Per quale motivo dovremmo seguire sani stili di vita? Siamo spesso alla ricerca dell elisir di lunga vita, ma non sempre disposti a qualche piccolo sacrificio,

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE ATTIVITÀ PER LA PREVENZIONE DEL TABAGISMO RAPPORTO ANNO 2011 10 gennaio 2012 La prevenzione e la cura del tabagismo sono essenziali

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

Mamme libere dal fumo - Programma Nazionale di counselling antitabagico

Mamme libere dal fumo - Programma Nazionale di counselling antitabagico Mamme libere dal fumo - Programma Nazionale di counselling antitabagico Nome e cognome di chi presenta il progetto e di altri eventuali Dr. Luca Gino Sbrogiò (Direttore Scientifico) Alessandra Schiavinato,

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli