Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?"

Transcript

1 alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo e alla vulnerabilità ai suoi effetti. In Italia si stima che ogni anno muoiano a causa dell alcol più di 20 mila persone. Si osservano significative differenze tra le Regioni, con consumi maggiori in quelle settentrionali. Secondo i dati del Sistema di Sorveglianza sugli stili di vita Passi (2010), il 55% degli italiani tra i anni fa abitualmente uso di bevande alcoliche e il 19% rientra nella definizione di consumatore a rischio (Grafico 1). Desta preoccupazione l osservazione di nuovi comportamenti e abitudini che segnano un allontanamento dal tradizionale modello mediterraneo legato al consumo di vino in occasione dei pasti. Tra questi, il fenomeno del binge drinking indica il consumo di numerose unità alcoliche in un breve arco di tempo e risulta sempre più diffuso nella popolazione adulta (almeno il 9%) e, in particolare, tra i giovani 1. Grafico 1. Percentuale di bevitori a rischio nelle asl partecipanti al passi Esistono diverse definizioni operative di binge drinking: nel Passi corrisponde al consumo di almeno 4 unità alcoliche per le donne e 5 per gli uomini, in un unica occasione, nell arco di un mese, mentre, nell indagine Istat Multiscopo coincide all assunzione di 6 o più bicchieri di bevande alcoliche, anche diverse, in una singola occasione, in un tempo ristretto. Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? I danni acuti e cronici delle bevande alcoliche comprendono una lunga lista di patologie direttamente dipendenti dall alcol (epatopatia, gastrite, neuropatia, miopatia e cardiomiopatia alcolica), oppure condizioni per le quali l alcol è un fattore di rischio (malattie cardiovascolari e tumorali). L alcol, inoltre, può indurre comportamenti sessuali a rischio che possono determinare l insorgenza di malattie sessualmente trasmesse. schede A4 new copia.indd 1 22/02/

2 La mortalità imputabile all alcol è dovuta anche a comportamenti associati, in particolare a lesioni acute causate da infortuni, incidenti (stradali, domestici, sul lavoro) ed episodi di violenza. La guida sotto l effetto dell alcol è responsabile del 30% dei decessi per incidenti stradali, ed è la prima causa di morte nelle fasce più giovani della popolazione. L alcol influisce negativamente sulla salute della donna durante la gravidanza aumentando la probabilità di aborto spontaneo, parto prematuro e basso peso alla nascita. Inoltre, l esposizione prenatale all alcol può essere associata a deficit intellettivi e dello sviluppo del bambino, anche gravi, fino al quadro della sindrome feto-alcolica. Cosa si intende per consumo di alcol moderato o a basso rischio? È importante ricordare che non si possono identificare quantità di consumo alcolico raccomandabili o sicure per la salute. Per convenzione, i livelli di consumo di alcol moderato o a basso rischio vengono così identificati: 2-3 unità di alcol al giorno per gli uomini; 1-2 unità di alcol al giorno per le donne; 1 unità di alcol al giorno per gli ultra 65enni; ZERO unità di alcol sotto i 16 anni. Una unità alcolica è pari a circa grammi di alcol puro, corrispondenti a un bicchiere di vino (12, 125 ml), o una lattina di birra (4,5, 330 ml), o un aperitivo (18, 80 ml), o un bicchierino di superalcolico (36, 40 ml). Cosa si fa per limitare i consumi di alcol? La riduzione dell uso o dell abuso di alcol e dei danni correlati, è una delle priorità delle politiche e degli interventi messi in atto nell ambito della salute pubblica e, in particolare, del Ministero della Salute che coordina il Programma Guadagnare Salute. Al fine di promuovere azioni e strategie di contrasto al consumo di alcol, l informazione, la promozione della salute e la prevenzione sono risorse da privilegiare. In Italia, il monitoraggio della situazione è seguito dall Osservatorio Nazionale Alcol che, insieme al Centro per la ricerca e la promozione della salute su alcol e problematiche alcolcorrelate dell OMS, svolge un ruolo di raccordo nazionale ed internazionale nell ambito della ricerca, programmazione, implementazione e valutazione dei progetti e delle iniziative che hanno per oggetto le tematiche alcol-correlate. Ogni anno, durante il mese di aprile, dedicato alla prevenzione alcologica, viene organizzato l Alcohol Prevention Day che rappresenta il momento centrale dell iniziativa che consente la divulgazione delle attività svolte dall Osservatorio. Cosa si può fare a livello locale per limitare i consumi di alcol? A livello locale risulta di fondamentale importanza realizzare interventi coerenti con le politiche adottate a livello regionale e nazionale. Inoltre, per limitare il consumo di alcol è necessario far rispettare i divieti vigenti: monitorando il rispetto del divieto di vendita di bevande alcoliche, sia nei negozi che nei locali pubblici, ai ragazzi con meno di 16 anni; applicando tutte le misure disponibili (multe, chiusura del locale) nei confronti di chi non rispetta il divieto. schede A4 new copia.indd 2 22/02/

3 FUMO Qual è la dimensione del problema? Il consumo di tabacco incide negativamente sulla salute aumentando il rischio di malattie dell apparato respiratorio e cardiovascolare. In Italia ogni anno le patologie attribuibili al fumo causano la morte di circa 80 mila persone. Secondo l Istat (2010), nel nostro Paese, fuma circa un quarto della popolazione adulta, il 29% dei maschi e il 17% delle femmine (Grafico 1). Nell ultimo decennio è stata evidenziata una riduzione dell abitudine negli uomini e un parallelo incremento tra le donne e tra i giovanissimi. Infatti, è sempre più precoce l età di inizio: dallo studio internazionale Health Behaviour in School-aged Children (HBSC), svolto nel 2010, risulta fumare il 19% dei ragazzi di 15 anni. Altrettanto insidioso è il fumo passivo altamente correlato a malattie che si sviluppano durante l infanzia, la gravidanza e l età adulta, tuttavia nel 24% delle case italiane si fuma e nel 17% di esse vive un minore di 15 anni. Grafico 1. Percentuale di fumatori in Italia. ISTAT 2010* 35% 35% 30% 29% 26% 28% 25% 23% 20% 18% 22% 15% 16% 17% 10% UOMINI Totale DONNE * Nel 2004 l indagine non è stata effettuata Quali danni può provocare il fumo? Il fumo contiene oltre costituenti chimici, 50 dei quali tossici ed è classificato come agente cancerogeno dallo IARC, l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro. La nicotina contenuta nel tabacco è una sostanza che influenza il sistema cardiovascolare e induce dipendenza. Ogni anno in Italia, sul totale dei decessi, il 15% è attribuibile al fumo. Il fumo ha effetti negativi sul sistema riproduttivo sia dell uomo che della donna, riducendo la fertilità. In gravidanza ha effetti nocivi sul feto, può causare aborto spontaneo ed è una delle principali cause di basso peso alla nascita. Le donne fumatrici che assumono contraccettivi orali, presentano un rischio 20 volte maggiore di infarto e ictus cerebrale. Infine, il fumo passivo costituisce la più importante fonte di inquinamento dell aria negli ambienti confinati e accresce il rischio di cancro del polmone del 20-30% e di malattia coronarica del 25-30%. L esposizione al fumo passivo aumenta il rischio, soprattutto nei bambini, di malattie respiratorie e di otite media. schede A4 new copia.indd 3 22/02/

4 Perché smettere di fumare? Non fumare permette di salvaguardare la propria salute, di ottenere benefici fisici ed estetici e di diminuire il rischio di sviluppare patologie. Una buona motivazione per chi voglia smettere di fumare è la quasi completa reversibilità dei danni da fumo che segue una nota e cadenzata sequenza temporale (Tabella 1). TABELLA 1. tempistica dei benefici post cessazione Cosa si può fare per contrastare il tabagismo? Con la Legge n. 3 del 16 gennaio 2003, entrata in vigore nel gennaio 2005, l Italia è stato uno dei primi paesi europei a regolamentare il fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro. Nel periodo immediatamente successivo all applicazione della legge, si è riscontrata una riduzione dei fumatori (il 15% ha smesso ed il 27% ha ridotto il consumo). A livello nazionale le iniziative per la prevenzione e la cura del tabagismo seguono un approccio che tiene conto delle sue implicazioni sociali, culturali e ambientali e prevede cooperazione e coordinamento tra le diverse Istituzioni e amministrazioni. Un aspetto da considerare nel contrasto al tabagismo è la necessità di proteggere, non solo coloro che fumano, ma la comunità dei non fumatori, prevedendo interventi specifici a favore dei meno tutelati, come nascituri e minori. Pertanto, le strategie di intervento previste a livello centrale e regionale, dovrebbero garantire azioni a supporto della legge per la tutela dal fumo passivo ed essere affiancate, sia da interventi di informazione e promozione della salute per ridurre il numero degli adolescenti che iniziano a fumare, sia da iniziative a sostegno dei fumatori che vogliono smettere. Cosa si può fare a livello locale per contrastare il tabagismo? A livello locale risulta di fondamentale importanza realizzare interventi coerenti con le politiche regionali e nazionali. Inoltre, per contrastare il consumo di tabacco, è necessario: monitorare il rispetto del divieto di vendita di tabacco ai ragazzi con meno di 16 anni da parte di tabaccai e possessori di rivenditori automatici; monitorare il rispetto del divieto di fumare nei locali pubblici, applicando le misure disponibili nei confronti di chi non rispetta tale divieto; approfondire le competenze sul counselling motivazionale breve tra gli operatori sanitari e sostenere i centri antifumo. schede A4 new copia.indd 4 22/02/

5 ATTIVITÀ fisica Qual è la dimensione del problema? L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) intende per attività fisica qualsiasi forma di lavoro prodotta dalla muscolatura scheletrica che determini un dispendio energetico superiore a quello a riposo e comprende quindi nella definizione non solo lo sport, ma anche tutte le attività della vita quotidiana. In Italia, secondo i dati del Sistema di Sorveglianza sugli stili di vita Passi (2010), solo il 33% degli adulti ha uno stile di vita attivo, il 37% è considerato parzialmente attivo, in quanto non pratica un attività fisica sufficiente, mentre il 31% risulta completamente sedentario. I sedentari si concentrano in particolare nella fascia di età compresa tra i anni, tra le donne e le persone con livello di istruzione o di reddito più basso (Tabella 1). Anche i bambini sembrano essere poco attivi. I dati dell indagine OKkio alla SALUTE (2010) evidenziano che solo il 25% dei bambini di 7-10 anni praticano attività fisica con continuità. I risultati, inoltre, segnalano un elevata prevalenza di abitudini sedentarie, infatti, ben il 38% guarda la TV e/o gioca con i videogiochi per 2 o più ore al giorno. TABELLA 1. Associazione tra sedentarietà ed età, sesso, livello di istruzione e difficoltà economiche nelle Asl partecipanti al Passi 2010 Quali danni può provocare la sedentarietà? L obesità è la conseguenza più immediata e visibile della sedentarietà. La combinazione tra un peso corporeo eccessivo e uno stile di vita non attivo è responsabile di gran parte delle morti premature per cause cardiache. In Italia, si stima che i decessi attribuibili all inattività fisica siano circa il 5% del totale. schede A4 new copia.indd 5 22/02/

6 Quali sono i livelli adeguati di attività fisica? Fare attività fisica ogni giorno influisce positivamente sul benessere psicofisico e riduce il rischio di malattie croniche. Le recenti linee guida dell OMS stabiliscono i livelli adeguati di attività fisica in base a 3 fasce di età: bambini e adolescenti (5-17 anni): almeno un ora di esercizio fisico moderato al giorno e almeno 3 sedute la settimana di attività che sollecitino l apparato muscolo-scheletrico per stimolare l accrescimento e migliorare la forza muscolare e l elasticità; adulti (18-64 anni): almeno 150 minuti di esercizio fisico, di intensità moderata, nell arco della settimana ovvero almeno 75 minuti di intensità più elevata o una combinazione equivalente. L attività aerobica va effettuata in frazioni di almeno 10 minuti continuativi, mentre le attività di rafforzamento dei gruppi muscolari maggiori almeno 2 giorni alla settimana; anziani (sopra i 65 anni): come l adulto e, in aggiunta, esercizi per l equilibrio almeno 3 volte alla settimana, in modo da prevenire le cadute. Se le condizioni di salute generali non consentono di raggiungere i livelli consigliati di attività fisica, il programma va impostato su base individuale. Cosa si fa per promuovere l attività fisica? La promozione dell attività fisica è un obiettivo di sanità pubblica che può essere raggiunto anche attraverso politiche sanitarie mirate e condivise. L importanza di svolgere una costante attività fisica viene sottolineata nei Piani Sanitari Nazionali a partire dai primi anni del 2000; a questi sono stati affiancati i Piani Nazionali della Prevenzione che hanno evidenziato come la sedentarietà sia la causa di sviluppo o peggioramento delle malattie croniche. Secondo le indicazioni del Programma Guadagnare Salute, coordinato dal Ministero della Salute, è necessario creare molteplici occasioni e condizioni per favorire l attività fisica nel contesto di vita dei cittadini: nell ambiente urbano e domestico, a lavoro e nel tempo libero, per i bambini e i giovani, per le persone disabili, per le persone con disturbi e disagi mentali e per gli anziani. Il raggiungimento di questo traguardo è possibile grazie alla collaborazione attiva di tutte le strutture e delle figure professionali interessate, della popolazione e della società civile. Cosa si può fare a livello locale per promuovere l attività fisica e il movimento? Un importante documento di riferimento per i decisori e gli operatori impegnati nella promozione dell attività fisica è rappresentato dalla Carta di Toronto, redatta nel 2010 da un gruppo di esperti del Global Advocacy for Physical Activity. A livello locale è necessario realizzare interventi coerenti con le politiche regionali e nazionali. Inoltre è utile: fornire alle persone opportunità concrete per svolgere attività fisica, ad esempio attraverso la costruzione di piste ciclabili, percorsi pedonali e campestri; rendere disponibili strutture sportive e spazi, a costi limitati per l attività fisica e il movimento; favorire l accesso alle palestre scolastiche quando non utilizzate dalla scuola; sostenere le relazioni tra le associazioni territoriali, la scuola e i cittadini affinché organizzino attività di promozione dell attività fisica e del movimento. schede A4 new copia.indd 6 22/02/

7 alimentazione Qual è la dimensione del problema? La salute è fortemente influenzata dall alimentazione; infatti una alimentazione varia e bilanciata è uno strumento essenziale di prevenzione per alcune patologie, ma anche di gestione e trattamento per altre. Un introito eccessivo di calorie, associato alla ridotta attività fisica e ad uno stile di vita sedentario, rendono ragione della crescente epidemia di sovrappeso e obesità che minaccia la salute della popolazione. Il peso corporeo medio degli italiani è aumentato negli ultimi decenni. Dai dati del Sistema di Sorveglianza sugli stili di vita Passi (2010) emerge che più di 4 adulti su 10 sono in sovrappeso o obesi (Grafico 1). L eccesso di peso cresce con l età ed è più diffuso al Sud e tra gli uomini. Grafico 1. Percentuale di persone in eccesso di peso nelle asl partecipanti al Passi 2010 Anche tra i bambini italiani il problema è rilevante: l indagine OKkio alla SALUTE (2010), realizzata nelle scuole primarie, mostra una percentuale di sovrappeso e obesità rispettivamente del 23% e dell 11% con un aumento nelle Regioni del Centro e del Sud. L indagine consente di stimare che circa 1 milione e 100 mila bambini della scuola primaria sono in eccesso ponderale e tra questi quasi 400 mila sono obesi. Quali danni può provocare un alimentazione non corretta? Oltre alla quantità degli alimenti, in diretta relazione con il peso corporeo, è importante anche la qualità. Un eccesso di colesterolo, di grassi saturi (contenuti nella carne e nei prodotti lattiero-caseari) e di sale, può incrementare il rischio cardiovascolare. Sovrappeso e obesità amplificano a loro volta la possibilità di eventi e di mortalità cardiovascolari. Esiste, inoltre, un legame tra alimentazione e insorgenza di patologie oncologiche, in particolare tra consumo di carne rossa e tumori dello stomaco e dell esofago. schede A4 new copia.indd 7 22/02/

8 Perché e come mangiare sano? Un apporto adeguato di energia e nutrienti può essere garantito variando e combinando opportunamente cibi differenti. Un consumo abbondante di frutta e verdura fresca, di circa 400 grammi al giorno, ovvero 5 porzioni (five a day), si associa a una significativa diminuzione del rischio di malattie e della mortalità. L effetto protettivo è legato alla presenza di vitamine, sostanze antiossidanti e sali minerali, nonché di fibre alimentari. È poi fondamentale privilegiare il consumo di alcuni tipi di carboidrati contenuti in cereali, pasta, riso, legumi secchi e patate, di fibre presenti in quasi tutti i vegetali, e assumere grassi omega-3, omega-6 (contenuti negli oli di semi e nel pesce) e grassi monoinsaturi (contenuti soprattutto nell olio extra vergine di oliva). La dieta mediterranea, seguita soprattutto nei Paesi del Sud Europa, è un modello nutrizionale che risponde ai requisiti di un alimentazione equilibrata. Si tratta di un insieme di abitudini alimentari caratterizzate dal consumo di ortaggi, frutta, cereali e olio d oliva. Inoltre, un alimentazione equilibrata deve prevedere un assunzione moderata di sale, che corrisponde a circa 5 g al giorno (circa 2 g di sodio, mezzo cucchiaio da cucina), ampiamente superati nelle abitudini italiane (10 g di sale al giorno). Cosa si fa per promuovere una corretta alimentazione? La promozione di una corretta alimentazione è un obiettivo di sanità pubblica che richiede interventi coordinati e intersettoriali. In Italia il Programma Guadagnare Salute rappresenta una strategia integrata e multicomponente per promuovere scelte salutari sia a livello individuale che di comunità. In tale ottica, sono cruciali alcune azioni: lo sviluppo di sistemi di sorveglianza di popolazione, la comunicazione e l educazione alimentare che deve iniziare fin dai primi anni di vita. L ambiente familiare e quello scolastico sono quindi determinanti. La realizzazione del Sistema di indagini sui rischi comportamentali in età 6-17 anni, promosso dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) del Ministero della Salute e coordinato dall Istituto Superiore di Sanità (Iss) in collaborazione con le Regioni, rappresenta un importante iniziativa per comprendere la dimensione del problema e per orientare e monitorare le iniziative per la promozione di una corretta alimentazione sia nei giovani che nelle loro famiglie. Cosa si può fare a livello locale per promuovere una corretta alimentazione? A livello locale risulta di fondamentale importanza realizzare interventi coerenti con le politiche regionali e nazionali, e promuovere iniziative per facilitare l accesso a cibi salutari: sostenendo, attraverso accordi e azioni di comunicazione, negozi ed esercizi commerciali, affinché offrano cibi salutari; supportando approcci di regolamentazione del marketing pubblicitario rivolto a bambini e adolescenti. schede A4 new copia.indd 8 22/02/

9 guadagnare salute Che cosa è il Programma Guadagnare Salute? Il Programma nazionale Guadagnare Salute, promosso e coordinato dal Ministero della Salute e approvato con il DPCM del 4 maggio 2007, si propone di facilitare i singoli cittadini nella scelta di stili di vita salutari attraverso accordi e iniziative integrate. In linea con gli orientamenti dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), prevede la realizzazione di interventi, concertati fra Istituzioni e Governo, a tutela della salute pubblica per una trattazione globale dei principali fattori di rischio (Tabella 1). Infatti, secondo i dati dell OMS, l 86% dei decessi, il 77% della perdita di anni di vita in buona salute e il 75% delle spese sanitarie in Europa e in Italia, sono causati da alcune patologie (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di salute mentale e disturbi muscoloscheletrici) che hanno in comune fattori di rischio modificabili, quali: il fumo di tabacco, il consumo di alcol, la sedentarietà e la scorretta alimentazione. Tabella 1. Aree prioritarie di intervento del Programma Guadagnare Salute Quali azioni mettere in atto per Guadagnare Salute? Il Programma Guadagnare Salute prevede la realizzazione di azioni volte al contrasto dei quattro principali fattori di rischio, attivando la responsabilità individuale e attuando strategie e interventi integrati e coordinati che prevedono il coinvolgimento di diversi settori della società civile, delle Istituzioni e del Governo. La programmazione di interventi intersettoriali è fondamentale sia sul piano etico che economico, in quanto favorisce una migliore sostenibilità. Infatti, un azione coordinata per il contrasto ai fattori di rischio, deve prevedere una condivisione degli obiettivi da parte dei diversi attori coinvolti (amministrazioni centrali e regionali, enti locali, settori privati) e utilizzare un approccio che consideri, non solo gli aspetti sanitari, ma anche le implicazioni ambientali, sociali ed economiche. Il contributo delle Istituzioni, a livello nazionale, regionale e locale è pertanto decisivo. Nonostante esse non possano condizionare direttamente le scelte individuali, possono tuttavia promuovere iniziative che agiscano in maniera trasversale sui diversi determinanti e che comprendano interventi regolatori, di comunità e iniziative di comunicazione (Tabella 2). schede A4 new copia.indd 9 22/02/

10 Tabella 2. Enti e figure chiave dei programmi intersettoriali Comunicare, un primo passo per promuovere la salute La comunicazione per la salute rappresenta una componente importante del Programma Guadagnare Salute ed è parte integrante del processo di promozione della salute che può contribuire ad aumentare le conoscenze, attivare processi di consapevolezza tra i cittadini, facilitare la creazione di reti interistituzionali e collaborazioni tra organizzazioni sanitarie e non sanitarie. In tale ottica, la comunicazione prevede una pianificazione strategica delle attività e iniziative coordinate rivolte ai cittadini, alle figure istituzionali ed alle organizzazioni che a diverso titolo possono avere un ruolo nella promozione della salute. Cosa si può fare a livello locale per Guadagnare Salute? A livello locale è importante realizzare interventi coerenti con l approccio e le politiche regionali e nazionali. Per promuovere comportamenti a favore della salute risulta necessario: attivare strategie e interventi integrati e coordinati tra le organizzazioni, le Istituzioni e i diversi settori della società civile; sostenere, attraverso accordi e collaborazioni, azioni di informazione, formazione e comunicazione per promuovere stili di vita salutari; incentivare gli interventi volti al coinvolgimento attivo del mondo della scuola, al fine di diffondere la cultura della salute non solo tra i docenti e i ragazzi, ma anche tra le famiglie; sostenere le iniziative messe in atto sui luoghi di lavoro a favore degli stili di vita salutari. schede A4 new copia.indd 10 22/02/

11 PinC Che cosa è il Progetto PinC? Secondo la strategia del Programma Guadagnare Salute, la comunicazione è una componente fondamentale degli interventi di prevenzione ed è uno strumento per la promozione della salute. In tale ottica, è stato sviluppato il Progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi del Programma Guadagnare Salute - PinC, avviato nel 2008 e coordinato dal Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, dell Istituto Superiore di Sanità, finanziato dal Ministero della Salute/Ccm. La finalità di PinC è attivare processi di consapevolezza e di empowerment per scelte di vita salutari, a livello individuale e collettivo (Tabella 1). Coerentemente con l approccio partecipativo, le attività del Progetto prevedono il coinvolgimento delle Istituzioni sanitarie e non sanitarie, delle organizzazioni, dei decisori e dei partner presenti nella società civile che, a diverso titolo, possono avere un ruolo nella promozione della salute. Tabella 1. Gli obiettivi strategici del Progetto Pinc La comunicazione per la salute secondo PinC Nella promozione della salute, la comunicazione si inserisce all interno di un processo globale, sociale e politico, che comprende azioni dirette a migliorare le conoscenze e le competenze dei singoli individui, e a facilitare la creazione di reti interistituzionali e collaborazioni tra le organizzazioni. Attraverso queste alleanze, la comunicazione può, inoltre, promuovere azioni orientate a modificare le condizioni sociali, ambientali ed economiche per migliorare la salute e il benessere dei cittadini. Il Progetto PinC rappresenta un valore aggiunto per Guadagnare Salute, poiché attraverso una pianificazione strategica delle attività, favorisce il superamento di un approccio basato su iniziative improvvisate, sporadiche e non coordinate tra le Istituzioni impegnate nella promozione della salute. Quali sono le attività del Progetto PinC? Nell ambito del Progetto sono state attivate iniziative di comunicazione e di formazione destinate ai cittadini, agli operatori del mondo sanitario e delle Istituzioni che, a diversi livelli, possono avere un ruolo nella promozione della salute. Il piano comunicativo ha previsto molteplici azioni volte a migliorare le conoscenze sul Programma Guadagnare Salute e sui quattro principali fattori di rischio per la salute: consumo di alcol e di tabacco, scorretta alimentazione ed inattività fisica (Tabella 2). schede A4 new copia.indd 11 22/02/

12 Tabella 2. i mezzi di comunicazione e i target di riferimento della campagna di comunicazione di PinC Il piano formativo intende offrire, alle figure chiave coinvolte in Guadagnare Salute, un aggiornamento sulle conoscenze attualmente disponibili sui quattro fattori di rischio e sulle competenze comunicativo-relazionali funzionali alla promozione della salute. L offerta formativa prevede attività didattiche svolte, sia in presenza, orientate all approfondimento della comunicazione per la promozione della salute e del counselling, sia a distanza al fine di creare occasioni di approfondimento delle conoscenze sulla base di una revisione aggiornata della letteratura scientifica. Come utilizzare a livello locale l approccio e le strategie del Progetto PinC? A livello locale è possibile realizzare iniziative coerenti con l approccio del Progetto PinC. A tale scopo è necessario: sostenere le iniziative di confronto e di formazione rivolte a specifici target (come decisori e personale delle amministrazioni comunali, medici di medicina generale, pediatri, operatori dei Servizi territoriali, farmacisti, insegnanti, associazioni dei cittadini), valorizzando l importante ruolo che svolgono nel rapporto con alcune fasce della popolazione; consolidare le competenze degli operatori che possono sostenere i cittadini a compiere scelte di vita salutari; rafforzare la collaborazione tra tutte le Istituzioni coinvolte, a livelli differenti, nella promozione della salute; valorizzare e integrare le attività di promozione della salute di progetti già in atto o da attuare; promuovere iniziative sul territorio per sensibilizzare i cittadini sull importanza di scegliere comportamenti salutari; pianificare le strategie di comunicazione da adottare a livello territoriale prestando attenzione ai differenti target, al linguaggio ed agli strumenti da utilizzare. schede A4 new copia.indd 12 22/02/

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Ministero della Salute Premessa Il programma Guadagnare Salute nasce dallʼesigenza di rendere più facili le scelte salutari e

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare. OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Alcol: sei sicura? Le ragazze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere

se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere Comune di Genova Direzione Città Sicura Societa' Italiana di Alcologia Sezione Ligure se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere A cura di : Prof. A.c. Ornella Ancarani Prof. A.c. Gianni Testino

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari VERSO OSPEDALI E SERVIZI SANITARI LIBERI DAL FUMO Manuale pratico per il

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI TRA NUTRIZIONE E MALNUTRIZIONE

BAMBINI E ADOLESCENTI TRA NUTRIZIONE E MALNUTRIZIONE BAMBINI E ADOLESCENTI TRA NUTRIZIONE E MALNUTRIZIONE Problemi vecchi e nuovi in Italia e nel mondo in via di sviluppo Chiara Dattola 2013 Pubblicazione del Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Via Palestro,

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli