APPROFONDIMENTO ZOOTECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROFONDIMENTO ZOOTECNICA"

Transcript

1 APPROFONDIMENTO ZOOTECNICA L AGRICOLTUA E LA ZOOTECNIA REGGIANA SONO ORIENTATE VERSO LAPRODUZIONE DI LATTE BOVINO, DA TRASFORMARE IN FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO. LA PRODUZIONE DI QUESTO FORMAGGIO RAPPRESENTA IL BUSINESS ECONOMICO PIU RILEVANTE DI TUTTO IL COMPARTO AGRICOLO LOCALE. LE RAZZE BOVINE IMPIEGATE PER LA PRODUZIONE DI LATTE PER IL PARMIGIANO REGGIANO SONO: A) FRISONA PEZZATA NERA DI CEPPO AMERICANO O CANADESE. B) BRAUN SUIWIS VECCHIA BRUNA ALPINA POI SELEZIONATA IN AMERICA C) ROSSA REGGIANA E LA MODENESE PER PRODUZIONI DI NICCHIA QUESTE VACCHE VENGONO ALLEVATE IN STALLE A STABULAZIONE FISSA NELLE AZIENDE TRADIZIONALI, OGGI LE AZIENDE INNOVATIVE ALLEVANO A STABULAZIONE LIBERA IN STRUTTURE ANTISISMICHE,DOVE IL FERRO E LA PLASTICA HANNO SOSTITUITO IL LATTERIZIO. PER ESSERE OPERATORI PRATICI IN QUSTO SETTORE BISOGNA CONOSCERE ALCUNI PUNTI ESSENZIALI. A) POSSEDERE NOZIONI RELATIVE ALLA ALIMENTAZIONE DELLA VACCA DA LATTE NELLE SUE VARIE FASI FISIOLOGIHE. B) POSSEDERE NOZIONI RELATIVE ALLE METODICHE E MANUALITA DI MUNGITURA. C) POSSEDERE NOZIONI RELATIVE AL BENESSERE ANIMALE, INTESO COME RICONOSCIMENTO DI UN BUON STATO DI SALUTE DI UN SINGOLO INDIVIDDUO, E VALUTAZIONE DEL BENESSERE SU UNA MANDRIA DI ANIMALI. D) POSSEDERE NOZIONI RELATIVE AD UN CORRETTO RAZIONAMENTO DI QUESTI ANIMALI, PER OTTENERE DA ESSI IL MASSIMO RENDIMENTO POSSIBILE. CALENDARIO ANNUALE DI UNA VACCA IN PRODUZIONE. 60gg ASCIUTTA PARTO 305gg LATTAZIONE GESTAZIONE DI 9 MESI DI CUI 7 MESI IN CONTEMPORANEA CON LA LATTAZIONE E 2 MSI ASCIUTTA. FASI CRITICHE: PARTO MONTATA LATTEA CON ANESTRO DI 40/60 GIORNI INIZIO DELLA FASE ESTRALE CON INGRAVIDAMENTO E LATTAZIONE COSTANE PER 150/170 GIORNI DECLINO DELLA PRODUZIONE E PREPARAZIONE ALLA MESSA IN ASCIUTTA.

2 ALIMENTAZIONE DI UNA VACCA DA LATTE. COSA E QUANTO MANGIA UNA VACCA AL GIORNO? LA VACCA MANGIA FORAGGI, + CONCENTRATI O MANGIMI COMPLEMENTARI,+ BEVE DAI 100 AI 200 LITTRI DI ACQUA AL DI SECONDA DEL PERIODO. IN ALTRE PAROLE ( PROTEINE + CARBOIDRATI + ACQUA) FORAGGI: FUSTI E FOGLIE DI VEGETALI VERDI O AFFIENATI MANGIMI : MIX DI SEMI DI CEREALI O LEGUMI SFARINATI POI CUBETTATI OPPURE CEREALI E LEGUMI TRATTATI TERMICAMENTE INDI SCHIACCIATI O FIOCCATI O ESTRUSI. A)COEFFICIENTE DI INGOBRO: LA CAPACITA DI INGESTIONE DI UNA VACCA ESPRESSA IN KG DI SOSTANZA SECCA DELLA RAZIONE, QUANTIFICABILE CON IL 4% DEL PESO VIVO DELL ANIMALE. B)IL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL PARMIGIANO REGGIANO PONE UNA REGOLA ALL INPIEGO DEI MANGIMI, CHE NON DEVONO MAI SUPERARE 50% DELLA SOSTANZA SECCA DELLA RAZIONE, PER FAR SI CHE L ATTIVITA DEI PRESTOMACI NON VENGA INIBITA. C)FORAGGI: EBA O FIENO DI MEDICA, ERBA O FIENO DI PRATO POLIFITA, ERBAI DI SORGO O DI MAIS ECC. D)MANGIMI: CEREALI IMPIEGATI COME FONTE DI AMIDI MAIS ORZO FRUMENTO SORGO LEGUMI COME FONTE PROTEICA SOIA PISELLO FAVINO E FAVE GIRASOLE SEMI DI LINO. LA VACCA E UN RUMINANTE QUINDI MUNITO DI UN APPARATO DIGERENTE COMPOSTO DI 3 PRE STOMACI(RUMINE, RETICOLO, OMASO) UNO STOMACO GHIANDOLARE ( ABOMASO), APPARATO INTESTINALE COMPOSTO DA PICCOLO E GROSSO INTESTINO. RUMINE:IL VERO GRANDE MOTORE DELLA VACCA, 100/200 LITTRI DI CAPIENZA E L ORGANO DEPUTATO AD ACCOGLIERE I FORAGGI E I CONCENTRATI DELLA RAZIONE, GROSSOLANAMENTE FRANTUMATI E INGERITI, POI RICHIAMATI IN BOCCA PER LA RUMINAZIONE. IN REALTA IL RUMINE HA UNA FUNZIONE PIU NOBILE, QUELLA DI OSPITARE LA MICROFLORA RUMINALE. LA MICROFLORA RUMINALE E UNA IMMENSA POPOLAZIONE MICROBICA CAPACE DI SFRUTTARE LE PROTEINE E I CARBOIDRATI DELLA RAZIONE PER LA PROPRIA MOLTIPLICAZIONE, PER POI CADERE SUL FONDO DEL RUMINE E DIVENTARE ESSA STESSA UNA FONTE DI PROTEINA NOBILE PER IL BOVINO. IL CONCETTO DELLE SOSTANZE CHE CADONO SUL FONDO DEL RUMINE PER PASSARE NEGLI STOMACI SUCCESSIVI E ALLA BASE DEL PRINCIPIO DEL BYPASS DI MOLTI ALIMENTI.

3 MUNGITURA DEVE ESSERE: COMPLETA, VELOCE, MAI TRAUMATICA. LA MUNGITURA CONSEGUE AD UN MECCANISMO FISIOLOGICO CHE E LA EIEZIONE LATTEA [IN PRATICA LA VACCA IN RISPOSTA A DETERMINATI STIMOLI : PRESENZA DEL MUNGITORE,RUMORE DELLA MUNGITRICE, STIMOLAZIONE NERVOSA DEL CAPEZZOLO, LIBERANDO NEL SANGUE UN ORMONE( OSSITOCINA) PRODOTTO DA UNA GHIANDOLA POSTA ALLA BASE DEL CERVELLO ( IPOFISI) CHE VA AD AGIRE SULLA MAMMELA PROVOCANDO LA CONTRAZIONE DEGLI ACINI MAMMARI,INDI LA FUORIUSCITA DEL LATTE ]. LA LIBERAZIONE DI OSSITOCINA DURA DA 4 A 6 MINUTI CHE E IL TEMPO IDEALE DI MUNGITURA, TUTTO CIO CHE PUO DISTURBARE LA VACCA IN QUESTO MOMENTO ALTERA LA LIBERAZIONE DEL LATTE. LA MUNGITURA PUO ESSERE MANUALE O MECCANICA, QUELLA MECCANICA SI COMPIE AD OPERA DI UNA MACCHINA MUNGITRICE COMPOSTA DI VARIE PARTI MECCANICHE COME DA SCHEMA ALLEGATO. LA MUNGITURA CONSISTE PUO AVVENIRE TRAMITE PRESSIONE MANUALE SULLA CISTERNA DEL CAPEZZOLO (MUNGITURA MANUALE) SUZIONE DA DEPRESSIONE ESTERNA (MUNGITURA MECCANICA /POPPATURA DEL VITELLO) DALLA MUNGITURA SI OTTIENE IL LATTE, CHE E IL PRODOTTO PRINCIPE DELLA NOSTRA ATTIVITA PARAMETRI MINIMI DI QUALITA ACQUA <87.5 PROTEINA TOTALE >3.1% CASEINA(70%DELLA TOTALE) >2.4% GRASSO >3.5% UREA <30 mg/100cc CELLULE SOMATICHE < CARICA MICROBICA < IL LATTE E COSTANTEMENTE ANALIZZATO DA VARI ORGANI DI CONTROLLO : A) DAL CASEIFICIO DI TRASFORMAZIONE CHE OPERA DUE PRELIEVI AL MESE (MATTINO E SERA) SUL LATTE DI MASSA Parametri controllati Valori normali VALORE DI ACIDITA (SH/50mL) CELLULE SOMATICHE (1000/cc) < TEMPI DI COAGULO(minuti) UREA(mg/100cc) PUNTO DI CONGELAMENTO( C) Da a GRASSO(% su secco) PROTEINA (% su secco)

4 CASEINA(% su secco) PRESENZA DI INIBENTI 0.00 PRESENZA DI COLIFORMI( UFC/mL) <1000 CARICA BATTERICA TOTALE (UFC/mL9) 0 30 CONTENUTO DI SPORE <30 TEMPERATURA DEL LATTE( C) 18.0 B)DAL CONTROLLO A.P.A. CHE OPERA UN PRELIEVO SULLA SINGOLA BOVINA VERIFICANDO ALCUNI DEI PARAMETRI VISTI ( GRASSO,PROTEINE, CASEINA, CELLULE SOMATICHE) + PRODUZIONE PER CAPO AL DI ESPRESSA IN Kg. CIL SERVIZIO SANITARIO ( U.S.L.) OPERA UN CAMPIONAMENTO MENSILE NEL LATTE DI MASSA PER VERIFICARE LA PRESENZA DI ANTICORPI CORRISPONDENTI A PATOLOGIE GRAVI ( TBC / BRUCELLOSI/ IBR ECC). LE CELLULE SOMATICHE LE CELLULE SOMATICHE SONO L ESPRESSIONE PRATICA DELLA PRESENZA DI UN PROCESSO INFIAMMATORI A CARICO DELLA MAMMELLA (MASTITE). LA MASTITE E UNA ALTERAZIONE FUNZIONALE DELLA MAMMELLA, CHE RICONOSCE DUE CAUSE BASILARI: MASTITI DI ORIGINE INFETTIVA E DI ORIGINE TRAUMATICA. LE MASTITI INFETTIVE VENGONO DA GERMI DI VARIA NATURA, SPESSO AMBIENTALI, CHE RISALENDO LA VALVOLA E IL CANALE DEL CAPEZZOLO SI INTRODUCONO IN MAMMELLA. LE MASTITI DI ORIGINE TRAUMATICA POSSONO VENIRE DA CATTIVE MANUALITA DI MMUNGIOTURA, O DA MAL FUNZIONAMENTO DELLA MACCHINA MUNGITRICE O DA ALTRI TRAUMI IN STALLA. LA MASTITE PUO ESSERE CLINICA SE PRESENTA SINTOMATOLOGIA( GONFIORE FEBBRE ALTERAZIONE VISIBILE DEL LATTE, PRESENZA DI STOPPINI, OPPURE LATTE SIEROSO) E DIVENTA DI COMPETENZA VETERINARIA, MA PUO ESSERE SUB CLINICA(SENZA SINTOMI APPARENTI, CON UN PIU O MENO MARCATO RIALZO DELLE CELLULE SOMATICHE VISIBILE NEL LATTE DI MASSA )DIFFICILEMTE INDIVIDUABILE. CON IL CONTROLLO APA SI POSSONO VEDERE LE BOVINE COLPITE, POI CON L USO DEL C.M.T. ( CALIFORNIA MASTITS TEST) E POSSIBILE INDIVIDDUARE ANCHE I QURTI COLPITI. SU QUESTA PATOLOGIA SI OPERANO DUE TIPI DI INTERVENTO : A) TERAPEUTICO DI PERTINENZA VETERINARIA. B) PREVENTIVO DI PERTINENZA AL PERSONALE DI STALLA,CHE SI COMPONE DI UNA SERIE BEN PRECISA DIINTERVENTI CHE ELENCHIAMO: 1) PRE DIPPING 2) POST DIPPING 3) VERIFICA DI SOVRAMUNGITURA ( TEMPO NORMALE DI MUNGITURA 5 MINUTI ) 4) SEPARARE PRUDENTEMENTE I SOGGETTI CON CARICA CELLULARE ELEVATA DAI SOGGETTI SANI(QUARANTENA PREVENTIVA) 5) DARE LA PRECEDENZA IN MUNGITURA ALLE MANZE E SOGGETTI GIOVANI 6) CURA PARTICOLARE PER LA PULIZIA DELLA LETTIERTA 7) AZIONE COSTANTE DI CONTROLLO DELLE MOSCHE

5 8) USO FREQUENTE DEL C.M.T. IN SALA DI MUNGITURA PER INDIVIDDUARE I SOGGETTI MASTITICI E I QURTI COLPITI 9) CURA DELLA MACCHINA MUNGITRICE, SOSTITUZIONE DELLE GUAINE OGNI 800 ORE DI LAVORO,LAVAGGIO QUOTIDIANO CON DETERSIVI APPOSITI E RISCIACQUO 10) IMPIEGO DI TORI CAPACI DI MIGLIORARE LA MORFOLOGIA DELLA MAMMELLA 11) OBBLIGARE IL PERSONALE DI STALLA AD INDOSSARE GUANTI IN LATTICE MONOUSO PER LE MANUALITA DI MUNGITURA. VALUTAZIONE DELLO STATO DI BENESSERE UNA BOVINA. A) ANIMALE CHE MANGIA CONSUMANDO TUTTA LA SUA RAZIONE B) ANIMALE CON MANTELLO LUCIDO C) ANIMALE CON PELLE ELASTICA D) ANIMALE CHE PRODUCE BENE E) ANIMALE CON BUONA REATTIVITA SENSORIALE F) ANIMALE CHE DEAMBULA SENZA DIFFICOLTA APPARENTI G) ANIMALE CHE DOPO IL PASTO RIPOSA RUMINANDO VALUTAZIONE DELLO STATO DI BENESSERE E DI BUONA PRODUTTIVITA DI UNA MANDRIA PER L OTTENIMENTO DI QUESTO OBBIETTIVO SI VALUTANO ALCUNI STRUMENTI PRESENTI IN STALLA CHE POSSONO ESSERE FORNITI DAI VARI ORGANI DI CONTROLLO. A)DAI DATI DELL ALIMENTATORE : SI VEDONO QUANTE VACCHE CONSUMANO TUTTA LARAZIUONE E QUANTE NON FINISCONO IL CONCENTRATO ASSEGNATO E SONO IN ALLARME. B)STATO INGRASSAMENTO MEDIO,PER VALUTARE QUESTO PARAMETRO SI E CREATA UNA SCALA DA 1 A5 SIGLATA COME B.C.S. ( BODI CONDISCION SCORE) E OVVIO CHE IL GROSSO DELLA MANDRIA DEVE COLLOCARSI FRA 2 E 4 DOVE LO STATO DI DIMAGRIMENTO O DI INGRASSAMENTO NON SIANO ECCESSIVI. C)PRODUZIONE MEDIA GIORNO E PARAMETRI MEDI DEL LATTE ( GRASSO,PROTEINE,CASEINA). D)ANIMALI DI ASPETTO TRANQUILLO,NELLA FASE FRA I PASTI,CON BUONA RUMINAZIONE( IN QESTA FASE ALMENO IL 50% DELLE BOVINE RUMINANO) E ALTA PERCENTUALE DI ANIMALI CORICATI IN CUCCETTA E)STATO SANITARIO DELLE MAMMELLE DEDUCIBILE DAI CONTROLLI DI MASSA,STATO SANITARIO DEI PIEDI. F) VALUTAZIONE DELLA FERTILITA MEDIA DI GIORNI DI LATTAZIONE (VALORI NORMALI DA ).

6 RAZIONAMENTO DELLA VACCA DA LATTE SONO IN USO DUE TECNICHE DI RAZIONAMENTO UNA A PIATTO UNICO ( UNIFEED) E IL RAZIONAMENTO TRADIZIONALE. A) RAZIONAMENTO TRADIZIONALE : CONSTA DI 2 SOMMINISTRAZIONI AL GIORNO DI FORAGGI ( MATTINO E SERA) E 5/6 SOMMINISTRAZIONI DI MANGIMI CONCENTRATI, CON L AIUTO DI UN AUTOALIMRNTATORE COMPIUTERIZZATO O MECCANICO, QUESTE MACCHINE POSSONO ESSERE MECCANICHE O ROBOTIZZATE PER LE VACCHE IN STABULAZIONE FISSA,COMPIUTERIZZATE PER STABULAZIONI LIBERE, POSSONO ESSERE AD UNA VIA O PIU VIE, CIO E IN GRADO DI SOMMINISTRARE UN SOLO PRODOTTO O PIU PRODOTTI. B) PIATTO UNICO: CONSISTE NEL PREPARARE SU UN CARRO APPOSITO, CAPACE DI TRITURARE IL FORAGGIO E I CONCENTRATI, DA SOMMINISTRARE CON UN UNICO INTERVENTO TUTTA LA RAZIONE DEL GIORNO. GLI ANIMALI POSSONO MANGIARE LIBERAMENTE LE LORO RAZIONI SENZA SEGUIRE RIGIDI SCHEMI DI ORARI E TEMPI, DEVE ESSERE TALE CHE LA BOVINA NON POSSA SEPARARE I COMPONENTI, I COMPONENTI NON DEVONO CONTENERE MATERIALI INQUINANTI ( TERRA SASSI ECC) CARATTERISTICHE DELLA RAZIONE IL RAZIONAMENTO DELLE BOVINE DEVE ESSERE SUFFICIENTE PER COPRIRE I FABBISOGNI DELLE VACCHE NELLE VARIE FASI FISIOLOGICHE DELLA LORO VITA,E PER TANTO I RAZIONAMENTI DA ATTUARE SONO MOLTEPLICI : RAZIONAMENTO PER VITELLE IN SVEZZAMENTO E ACCRESCIMENTO RAZIONAMENTO PER MANZE GRAVIDE E VACCHE IN ASCIUTTA RAZIONAMENTO PER VACCHE FRESCHE DI LATTE (IN MONTATA LATTEA) RAZIONAMENTO PER VACCHE IN PRODUZIONE PIENA E IN FASE IN FASE DI DECLINO PRE ASCIUTTA. CON IL RAZIONAMENTO TRADIZIONALE TUTTE QUESTE FASI VENGONO CREATE IN QUANTO L ALIMENTATORE SVOLGE UN LAVORO INDIVIDDUALE, MENTRE COL PIATTO UNICO A OGNI FASE DEVE CORRISPONDERE UNA FORMULAZIONE DELLA MESCOLA. I PRESUPPOSTI DI UN CORRETTO RAZIONAMENTO SONO QUELLI DI FORNIRE UN ADEGUATO APPORTO DI ENERGIA (SOTTOFORMA DI GRASSI AMIDI E ZUCCHERI) DI PROTEINE ( SOTTOFORMA DI PROTEINE VEGETALI) TALI DA COPRIRE IFABBISOGNI DEI SOGGETTI IN TUTTE LE FASI DI SVILUPPO E LATTAZIONE. E EVIDENTE CHE I RAZIONAMENTIDEI BOVINI IN CRESCITA SARANNO A FAVORE DELLE PROTEINE PER LA LORO AZIONE PLASTICA INDISPENSABILI PER LO SVILUPPO. PER LE VACCHE IN MONTATA LATTEA SERVIRANNO GROSSE QUANTITA DI AMIDI GRASSI E ZUCCHERI ASSIEME AD UN BUON APPORTO IN PROTEINE DIGERIBILI PER SODISFARE LE ELEVATE PRODUZIONI DI QUESTA FASE.

7 CONDIZIONI PREDISPONENTI LA MASTITE SUB CLINICA AMBIENTALE. CATTIVA GESTIONE IGENICA DELLA MACCHINA MUNGITRICE, LAVAGGI QUOTIDIANI E SETTIMANALI MAL GESTITI STAGIONALITA IN ESTATE MAGGIOR INCIDENZA STABULAZIONE COME AFFOLLAMENTO ( 7,5 METRI/ CAPO) QUALITA DELLA LETTIERA ETA MEDIA DELLA MANDRIA CONFORMAZIONE MORFOLOGICA DEI CAPEZZOLI E DELLA MAMMELLA DEFICIT IMMUNITARIO DEI SOGGETTI SOVRAMUNGITURA CARENZE NELLA PREPARAZIONE E PULIZIA DELLE MAMMELLE SCARSA ATTENZIONE ALL AUMENTO DELLE CELLULE SOMATICHE DI MASSA ABBONDANTE PRESENZA DI MOSCHE NELLE STALLE MANCATO IMPIEGO DEL PRE DIPPING E POST DIPPING SCARSA VENTILAZIONE NELLE STALLE USURA ECCESSIVA DELLE PARTI IN GOMMA DELLA MUNGITRICE.

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA Una corretta routine di mungitura assicura un basso livello di contaminazione batterica del latte ed aiuta a ridurre il rischio di infezione mammaria 1 2 Utilizzare sempre

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture.

Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture. Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture. Una parte in provincia di Belluno e altre fuori provincia. ci sono diversi

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali Bagnolo in Piano, 20 maggio 2009 Loris De Vecchis, veterinario

Dettagli

REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE. Art. 1. Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE. Art. 1. Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento stabilisce le modalità per l alimentazione degli animali destinati a produrre latte per la trasformazione

Dettagli

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it Massimo rendimento delle mucche da latte possibilmente con il minimo stress Contraddizione o realtà? Relazione nell ambito della conferenza EM a Olten (CH), ottobre 2004 Dipl. Ing. Agr. ETH Ueli Rothenbühler

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile L allevamento delle bovine da secondo metodo biologico segue le indicazioni definite nella normativa comunitaria (Reg. CE 2092/91, Reg. CE 1804/99, Reg. CE 834/07, Reg CE 899/08) integrata da successivi

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione RUMINAZIONE È DEFINITO COME QUEL COMPLESSO DI ATTIVITÀ AVENTI COME SCOPO LA RI-MASTICAZIONE DI PORZIONI DELLE INGESTA CHE GIÀ HANNO SOGGIORNATO NEL RUMINE SUBENDO PARZIALE DIGESTIONE FERMENTATIVA FASE

Dettagli

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DEL VENETO MEETING REGIONALE DELLA RAZZA : FRISONA ITALIANA SABATO 18 APRILE 2015 AZIENDA AGRICOLA BOTTONA ISIDORO & ADRIANO VIA POSSESSION LOC. BOI PESINA CAPRINO VERONESE

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA Art. 1 Denominazione Il nome Latte fresco della Valtellina è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

IMPORTANZA DEL CONTROLLO DELLE CELLULE SOMATICHE E DELLE MASTITI NELL ALLEVAMENTO DA LATTE

IMPORTANZA DEL CONTROLLO DELLE CELLULE SOMATICHE E DELLE MASTITI NELL ALLEVAMENTO DA LATTE IMPORTANZA DEL CONTROLLO DELLE CELLULE SOMATICHE E DELLE MASTITI NELL ALLEVAMENTO DA LATTE Dott. Giovanni Mariani ( coordinatore APA-SAT Regio Emilia ) La sanità e la funzionalità dell'apparato mammario

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti Alfonso Zecconi Whittlestone 1958 A questo stadio dello sviluppo dell industria la2ero- casearia, due sono le cose più importan8: 1. Migliorare

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

In asciutta La mastite si affronta così

In asciutta La mastite si affronta così Le modalità di gestione della malattia più utili per prevenire problemi futuri. La lotta alle infezioni. Le scelte alimentari più opportune In asciutta La mastite si affronta così Vacche in asciutta in

Dettagli

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h Cure neonatali Ripulitura dal liquido amniotico testa rivolta verso il basso (agnelli e capretti - vitelli?) Asciugatura predisposizione lettiera paglia asciutta Disinfezione cordone ombelicale prodotti

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

La proteina nell alimentazione del suino pesante

La proteina nell alimentazione del suino pesante SEMINARIO Reggio Emilia il 5 dicembre 2012 La produzione di suini e l'agricoltura reggiana Andrea Rossi, M. Teresa Pacchioli, CRPA S.p.A. Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. dietetica nella

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte

La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte Maddalena Zucali, Luciana Bava, Alberto Tamburini, Laura Vanoni, Lucio Zanini Ottenere un latte con una buona qualità igienica è un requisito essenziale

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo ...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo MANGIMIFICIO VITAVERDE 1200 mq DI AREA COPERTA SEDE DI DISTRIBUZIONE 5000 mq DI AREA COPERTA E 23.000 mq DI SCOPERTA...DAL 1964 CON PASSIONE

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata

Dettagli

Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo

Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo Breve presentazione dell'azienda agricola Capre e cavoli di Vararo Il luogo L'azienda nata nel 2002, è situata nella conca di Vararo, frazione montana di Cittiglio, posta a 750 m. di altezza s.l.m.. L'asprezza

Dettagli

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA Racing Feed Pastone Mash Muesli Endurance Muesli Sportivi Muesli Fattrici Muesli Puledri TUTTI

Dettagli

Parto e prime cure al vitello

Parto e prime cure al vitello Parto e prime cure al vitello VARIAZIONI ORMONALI IN PROSSIMITÀ DEL PARTO PROGESTERONE PLACENTA ESTROGENI + stimoli da pressione nella cervice e vagina IPOFISI MATERNA OSSITOCINA MIOMETRIO UTERINO + PLACENTOMI

Dettagli

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 In collaborazione con: La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 Andrea Galli Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie (FLC, Lodi) Consiglio per la Ricerca

Dettagli

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI SETTORE ECONOMICO - GESTIONALE 1. INTERVENTI DIVULGATIVI coerenti con gli obiettivi del progetto. la spesa ammissibile verrà valutata in base alla caratteristiche

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte.

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40 e FSC400 La soluzione giusta per te...... ogni giorno Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 PRIME CURE pulizia di naso e bocca disinfezione ombelico Sol. Iodata 7% - Betadine NON esterna NO pinze, mollette, legature,

Dettagli

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Alimenti per Cani e Gatti Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Aziende Sanitarie Locali Servizi Veterinari Sanità Animale LE MASTITI NELLA CORRETTA GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DI OVINI E CAPRINI

Aziende Sanitarie Locali Servizi Veterinari Sanità Animale LE MASTITI NELLA CORRETTA GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DI OVINI E CAPRINI Aziende Sanitarie Locali Servizi Veterinari Sanità Animale LE MASTITI NELLA CORRETTA GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DI OVINI E CAPRINI COS E LA MASTITE La mastite è un infiammazione della ghiandola mammaria

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI Art. 1 Il presente Disciplinare ha lo scopo di offrire maggiori garanzie sull origine e la provenienza dei bovini da carne, sulle

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015 MESE DI: GENNAIO 2015 MEDIE MENSILI BESTIAME SUINO DA ALLEVAMENTO DOT MARCHIATI da 6 kg kg 6,613 da 15 Kg. kg 3,758 da 25 Kg. kg 2,425 da 30 Kg. kg 2,143 da 40 Kg. kg 1,700 da 50 Kg. kg 1,520 da 65 Kg.

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Convegno Regionale A.D.I. Dall alimento al nutriente: dal pesce agli Omega 3 Vicenza, 17 dicembre 2011 Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Lucia Bailoni Dipartimento di Scienze Animali

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Aspetti pratici dell'integrazione minerale nella vacca da latte: un lustro di esperienza con l'xrf (fluorescenza a raggi X) nel territorio

Aspetti pratici dell'integrazione minerale nella vacca da latte: un lustro di esperienza con l'xrf (fluorescenza a raggi X) nel territorio Aspetti pratici dell'integrazione minerale nella vacca da latte: un lustro di esperienza con l'xrf (fluorescenza a raggi X) nel territorio italiano Milk Village - Fiera Cremona 31 Ottobre L integrazione

Dettagli

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Prof. Paolo Berzaghi Dipartimento di Medicina Animale Produzioni

Dettagli

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Dipartimento di Scienze Animali, sezione di Zootecnica Agraria Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Bava Luciana, Sandrucci Anna, Tamburini Alberto,

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

RUOLO DELL ASSISTENZA TECNICA NELLA GESTIONE IGIENICO SANITARIA DELL ALLEVAMENTO. Dott. Giovanni Mariani

RUOLO DELL ASSISTENZA TECNICA NELLA GESTIONE IGIENICO SANITARIA DELL ALLEVAMENTO. Dott. Giovanni Mariani RUOLO DELL ASSISTENZA TECNICA NELLA GESTIONE IGIENICO SANITARIA DELL ALLEVAMENTO Dott. Giovanni Mariani A.R.A. EMILIA ROMAGNA CONTROLLI FUNZIONALI EVAMENTI 2.400 PI 225.000 ODUZIONE MEDIA 85 qli ANALISI

Dettagli