Milano è una cozza Storie di trasformazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Milano è una cozza Storie di trasformazioni"

Transcript

1 Presentazione del libro Milano è una cozza Storie di trasformazioni a cura di Luca Doninelli Collana Le nuove meraviglie di Milano Edito da Guerini e Associati intervengono Giovanni Castiglioni Salvatore Carrubba Luca Doninelli Camillo Fornasieri Fabio Greco Libreria Feltrinelli, Piazza Duomo, Milano Giovedì 28 ottobre 2010 Via Zebedia, Milano tel fax

2 C. FORNASIERI: Un caro benvenuto a tutti, cominciamo la presentazione del libro Milano è una cozza : abbiamo qui alcuni autori e commentatori che l hanno creato. Il professor Camillo Fornasieri, direttore del Centro culturale di Milano, che ha partecipato all ideazione di questo libro che è però un progetto narrativo, una scommessa narrativa; abbiamo chiamato Luca Doninelli che è il curatore del libro. É un libro che non guarda alla storia del passato della nostra città, non andrebbe collocato nelle librerie in settori quali turismo storico o artistico della nostra città, ma qualcosa di più innovativo che riguarda la contemporaneità. Dico solo due parole su che cos è questo libro per poi ascoltare un maggior approfondimento dai nostri ospiti. É solo per Doninelli, lo spiegherà anche lui, la necessità, la spinta di trovare parole per dire questa città oggi nella sua trasformazione in corso. È vero che come ogni cosa anche Milano vive nel presente in modo cangiante, ma negli ultimi tempi ha molto più accentuata questa caratteristica e poco si dice di lei da questo punto di vista. Il libro è un prodotto interessante perché nasce da più mani: lavoratori e giovani studenti universitari e professionisti, che, raccolti attorno a due poli, uno la scuola di scrittura del centro culturale di Milano e l altro il corso di etnografia narrativa che Doninelli tiene all Università Cattolica, hanno accolto la proposta di guardare questa città e di proporre delle storie che raccontino territori, situazioni, attese, ferite, cambiamenti, tutte intessute di memorie e di descrizioni dei fenomeni, quindi una conoscenza indiretta della città, tanto che si è voluto poi inviare il libro, il primo volume della collana, anche alle autorità cittadine, pubbliche e private oltre che essere patrimonio per tutti i rettori. Infatti è il primo volume di una collana intitolata Le nuove meraviglie di Milano, riecheggiando il libro di Bonvesin de la Riva, ma questo le nuove significa che è la narrazione di persone che non sono scrittori per mestiere, ma che, grazie ad un lavoro insieme, lo diventano e diventano responsabili di quello che dicono- io credo con un esito artistico bello-; oltre che di notizia e di racconto di chi siamo oggi, sono nuove perché raccontano un tutto, che non è solo la selezione dell eccellenza o dei singoli, ma anche delle periferie accennavo, di un territorio che è molto di più della Milano delle cerchie o delle tangenziali, ma arriva a paesi limitrofi intorno. Abbiamo qui tra noi Luca Doninelli che è romanziere e autore e che da un po di anni ci sollecita con passione sulla nostra città. Ha scritto un libro che ha destato anche molta attenzione, il Crollo delle aspettative con Garzanti. Abbiamo anche con noi li dico in ordine di intervento Salvatore Carruba, figura di spicco nella nostra città per tanti motivi: per Il Sole 24 Ore, di cui è stato direttore, ed è direttore delle strategia di comunicazione di Motto e culture, e tiene a Radio24 la seguitissima trasmissione Un libro tira l altro,dove mi pare abbia già introdotto questo libro. Salvatore ha pubblicato anche lui un libro Postmilano. Riflessioni e pregiudizi su una città che vuole rimanere grande, per cui anche lui che ha poi vissuto una stagione amministrativa come assessore in questa, ha a cuore questo nostro destino comune e credo che sia appropriato ascoltarlo e incontrarlo in quest occasione. E poi due dei dodici autori, creatori dei dodici racconti che compongono il volume: abbiamo con noi Fabio Greco e Giovanni Castiglioni, di ognuno dei due poli. Giovanni Castiglioni dell Università Cattolica, è sociologo, tra l altro appena laureato, e Fabio Greco invece è professionista lavoratore con grandi doti di scrittura- tra l altro la frase Milano è una cozza, che appartiene al suo racconto, è il titolo del suo racconto. Quindi io ho fatto un po un cerchio sintetico che indica un metodo, un gruppo che lavora, che si incontra venendo da storie diverse, che non è unito da una strategia o da un unica visione, ma che da questo lavoro insieme diventa unitaria. Ora Luca raccontaci un po queste nuove meraviglie di Milano e qual è anche la continuazione, perché mi pare che andremo avanti. A te la parola. L. DONINELLI: Dico proprio rapidamente l idea da cui nasce questo libro e da cui nasce questo progetto, perché il progetto è di farne sei di libri. Il primo spunto è del 2004 quando, partecipando a un premio letterario in Abruzzo, a Scanno che è un posto veramente difficile da raggiungere... C. FORNASIERI: E hai vinto un premio? 2

3 L. DONINELLI: Sì, avevo vinto questo premio, infatti mi trovavo a Scanno solo per questo. E lì ho avuto un illuminazione: scoprendo che a Scanno c è una tradizione orafa che risale a prima del Mille, ho avuto questa folgorazione e mi sono reso conto che questa Italia su cui si faceva tanta retorica - il mio libro su Milano l avevo già scritto, ma io considero il mio libro Il crollo delle aspettative precedente a questa avventura, quindi non le metto insieme le due cose -, l Italietta, l Italia piccola che tutti tra politici, giornalisti sembra che cerchiamo di rimpicciolire sempre di più, in realtà è un paese sterminato, un paese di cui io ho scoperto di non sapere nulla; piccolo forse se noi osserviamo il mappamondo ma un millimetro di Italia vale dieci chilometri di Canada, quindi è enorme. Ed è nata in me la necessità, cioè il sogno folle, quello di riunire scrittori, gente a cui piaceva scrivere di tutta Italia e proporre di fare una sorta di mappatura del paesaggio umano e anche del paesaggio vero e proprio dell Italia. Il secondo flash è stata la percezione che ho sempre di più, soprattutto nelle grandi città e soprattutto a Milano, di una specie di divaricazione sempre maggiore tra la città mentale e la città reale. Se facciamo un inchiesta tra i milanesi, chiediamo proprio ai milanesi medi che idea si sono fatti di posti come Quarto Oggiaro o di Ponte Lambro, secondo me- anche perché io l ho fatta questa prova-, vi diranno cose che riguardano Quarto Oggiaro, Ponte Lambro, Rozzano ecc. di quindici vent anni fa, non quella di oggi. Perché? Perché per capire com è quella di oggi bisogna andarci. Allora mi sono reso conto che ci sono delle trasformazioni in questi anni - per questo il sottotitolo del libro è Storie di trasformazioni - che probabilmente sono ancora più grandi di quelle che vediamo: per esempio adesso stanno ristrutturando le grandi aree e altri ce ne saranno, adesso sono partiti i city-life, Porta Nuova, ma pensate a Carlo Farini, pensate alla zona Vittoria ecc. Però queste riconversioni sono solo la parte visibile di un cambiamento che è molto più profondo. Io faccio sempre l esempio di Busto Arsizio: se Busto Arsizio viveva sul tessile fino a quindici anni fa, adesso tutta l area del tessile è un area che è stata riconvertita in museo del tessile, biblioteca, centro commerciale ecc., quindi non è più un posto da cui viene la ricchezza di Busto Arsizio, ma è un posto dove gli abitanti di Busto Arsizio vanno a spendere i soldi, quindi vuol dire che i soldi li prendono da qualche altra parte, allora è un cambiamento molto più in profondità della società, del lavoro... Per cui quella che chiamiamo Pianura Padana, che chiamiamo Lombardia e per quanto mi riguarda che chiamiamo Milano dobbiamo sempre riscoprirla. Per cui io non ho una mia ideologia su cosa Milano deve essere - l ho scritto appunto sul libro Il crollo delle aspettative che è un libro del e lo lascio a quell epoca lì anche se era scritto bene -, ma il mio interesse è andato un po avanti, nel senso che io stesso desideravo capire certe cose. Io sono uno che va in giro con penna e taccuino e amo osservare le cose che di solito non si osservano. Se vedo in una zona periferica un negozio di porcellane antiche, io mi chiedo come mai qui c è un negozio di porcellane antiche; se vedo una strana curva che sembra non avere senso in una via, mi domando come mai c è questa curva. Cioè, a me piace scoprire la città pezzettino per pezzettino perché ha tante cose da raccontarci. Non solo, ma le persone hanno tantissime cose da raccontare, addirittura, secondo me, abitare nell hinterland e abitare nel centro di Milano sono due idee di abitare completamente diverse. Per questo a un autrice di questo libro ho chiesto il sacrificio di parlare della propria casa, perché abita in una casa dove si va e si viene solo in macchina, mentre io da casa mia posso uscire e raggiungere il centro a piedi o con cinquantamila mezzi e questo cambia molto il rapporto tra il dentro e il fuori. Infatti, se leggete il suo scritto, vedrete che nessun milanese parla della propria casa in quei termini lì. A me è sembrato che in questo periodo di grande trasformazione appunto forse più ancora di quanto noi ci rendiamo conto, non solo urbanistica, anche antropologica, fosse il caso di fare come una fotografia di questi anni e fare una serie di libri che non pretendono evidentemente di dire l ultima parola su Milano, ma che ci scattino come dei flash, che ci aiutino a renderci conto di questo cambiamento e di come questo cambiamento incide profondamente sulle nostre biografie. Ultima cosa: io sono direttore di una scuola di scrittura, ma detesto fare i corsi di scrittura creativa infatti li faccio sempre fare ad altri che secondo me sono molto più bravi di me e invece qui ho usato un metodo completamente diverso. Io non cerco gente che voglia fare lo scrittore, anche se sono inciampato in qualcuno che non è che volesse fare lo scrittore perché era uno scrittore, ma che lo è e lo era sempre 3

4 stato e quindi questa è stata una fortuna e un valore aggiunto, ma il mio lavoro somiglia molto più invece a quello di una redazione giornalistica che, invece di fare il giornale tutti i giorni, fa un libro all anno; quindi noi ci troviamo per fare un libro. Anche ai ragazzi dell università ho detto: I testi che io vi faccio scrivere sono testi naturalmente non tutti che io voglio mettere su dei libri, se naturalmente meritano, se hanno questo valore; sono testi quindi dai quali non pretendo valore letterario, alcuni però sono scritti splendidamente. Qui abbiamo Fabio Greco, l autore del testo che dà il titolo al libro e devo ringraziarlo perché è stato un titolo molto indovinato e che ha inciso molto secondo me nella fortuna del libro, tant è vero che molti ne hanno parlato senza averlo letto discutendo se Milano è o no una cozza. Per cui adesso ci spiegherà lui perché Milano è una cozza. Secondo me questo, per esempio, ha avuto un ottima ricaduta all Università, perché, in un epoca come questa di depressione all università, dove i ragazzi che vi studiano non sanno se gli servirà o meno per trovare un lavoro o se si tratta solo di un area di parcheggio, il fatto di vedere un pezzettino del loro lavoro che ha una finalità, che va a finire su un libro, ha uno scopo e, quindi, in qualche modo realizza. Lo scopo è piccolo, non è che sia uno scopo particolare però è una metafora positiva, cioè le cose che facciamo possono essere utili e io a questo tengo molto perché ho pensato a questi libri con uno spirito abbastanza umile, cioè quello di rendere un servizio, di far sentire una voce che di solito viene eliminata dalle statistiche, invece le statistiche non bastano a capire che voce c è sotto! Questo è quanto, grazie. C. FORNASIERI: Ricordiamo che l editore che ha scommesso su questa collana è Guerini, casa editrice di saggi, di romanzi e anche di avanguardie di idee, che reca sulla copertina una foto che ci ha regalato Gabriele Basilico. Siamo partiti da un simbolo che è San Lorenzo che poi diventerà importante nel Ecco, Carruba, uno stile giornalistico come équipe e come lavoro, ma mi pare che la parola sia questa chiave narrativa. Mi viene in mente un po l esempio di quando in America c è stata la depressione negli anni Trenta ( ), pensare che il governo americano mandò per conoscere cosa c era in tutta la distesa dell America fotografi, scrittori e artisti; fotografarono tutta l America della povertà e delle città. Questo è un po lo stesso metodo che credo che condividiamo più in piccolo con Doninelli, e con questa parola e questo stile. S. CARRUBBA: Sì, speriamo che in questo caso il reportage non si accompagni a una crisi così drammatica come quella del 1929, che comunque fu un epoca di straordinaria cultura artistica. In effetti, come avete capito dalle parole di Luca e di Camillo, c è in questo libro, primo della serie, un taglio e un approccio che a me ha molto incuriosito e che ho molto apprezzato, e questa è la ragione per la quale ho accettato l invito che mi è stato fatto di essere qui con voi questa sera a commentarlo Perché c è, dicevo, l approccio che viene contemplato nel titolo di questa serie, Le nuove meraviglie di Milano, che contrasta un pochino, anzi molto, con un atteggiamento molto lamentoso e drammatico e millenaristico, che ha preso piede nella nostra città e che individua nel futuro della nostra città un futuro di esclusivo degrado e di irreparabile declino, atteggiamento che io non condivido e che non ho condiviso anche in opere recenti, anche fortunate come nella letteratura milanese, e la pubblicistica milanese è molto improntata a questo stile. Non perché a Milano non ci siano problemi o perché a Milano non ci sia il degrado. Io parto dalla fine a commentare questo libro, dalle pagini finali, nelle quali a un certo punto Luca Doninelli scrive: In tutto questo di per sé non c è degrado. Si parla appunto di uomini e di donne qualcuno con mazzi di fiori, altri a comprare sacchetti di aglio e di cipolla e basilico e conversano assonnati sotto un filobus, cercano di vivere la loro vita: e un uomo che cerca di vivere la sua vita non comunica un idea di degrado. Io condivido questo approccio e questo atteggiamento, cioè anche quando faceva riferimento Luca alla storia delle nostre periferie, che ancora noi ci ostiniamo a leggere come nella possibilizzazione delle nostre immagini legata a venti o trent anni fa o semplicemente a quindici quando il degrado magari c era veramente, non è così, e il degrado di cui Milano si deve preoccupare è quel nuovo degrado che secondo Doninelli cresce dentro di noi e che non riguarda la dignità di chi vive in quei luoghi, ma un pensiero non pensiero, un ombra di pensiero, la sua sagoma nera che si allarga in 4

5 noi. E infatti Doninelli spiega che il vero degrado di cui aver paura a Milano è proprio legato a quest aspetto che richiamava adesso Camillo che è un rischio più che una realtà, cioè il fatto che questa trasformazione profonda che sta avendo luogo a Milano, che può piacere o non piacere, è però una trasformazione profondissima, epocale, fisica che sconvolge quella configurazione stessa della città che, come è spiegato nelle vostre righe, convergeva intorno alla Madonnina, al Duomo. Tutto questo sta finendo e può sì portare degrado, dice Doninelli, se non c è un progetto, se non c è una messa a tema, un contenuto culturale chiaro e condiviso in qualche modo dalla città intera. Quindi il degrado, secondo me, in questo momento è sì un rischio - molto più un rischio che una realtà - legato proprio a questa trasformazione fisica della città, che si accompagna ad una trasformazione sociale che non è rappresentata soltanto dal motivo degli immigrati, ma anche dal fatto che cambia completamente il mix sociale delle periferie della città. Si stanno creando tanti nuovi centri in una città che è stata rigidamente monocentrica e accentrata intorno a piazza Duomo, che porteranno a trasformazioni di carattere sociale e non soltanto fisico. Dobbiamo pertanto pensare che in tutto questo vorticare di gru cui stiamo assistendo non c è soltanto la fattura di nuovi quartieri e di nuove case, ma c è la fattura di una nuova città e di una nuova cultura che dobbiamo essere tutti in grado di costruire. Questa mappa è una prima tappa di un percorso che va fatto insieme per capire in che direzione la città si sta muovendo. E queste prove di etnografia narrativa, come sono definite, dimostrano che c è questo sforzo e l importanza di questo. Volevo richiamare il titolo Milano è una cozza e spiegare perché, lo farà appunto adesso molto meglio di me Fabio Greco. Nelle intenzioni di Greco di paragonare Milano a una cozza con tutto ciò che di positivo e di negativo ha la cozza quando la si mangia, c è - e lo capirete da quello che dirà lui - un immagine secondo me fortunata e intelligente sulle prospettive e sui rischi che attraversa la nostra città. Il punto è la questione del degrado culturale, intellettuale, del possibile degrado della città; è affrontato in un saggio che anch esso ho trovato molto interessante di Paola Caronni, la quale parla ad un certo punto di disimpegno civile. Ad esempio mette alla berlina le giunte socialiste che - leggo dal suo saggio - prese dalla frenesia di un onnipotenza civile dettero l incarico di seppellire il cuore verde ortolano del paese sotto un peso insopportabile, un vero spreco : in questo atteggiamento individua l inizio del tempo di disimpegno civile che ha rappresentato l inizio di questo disfacimento nella progettualità complessiva della città che ha avuto luogo negli ultimi anni e dalla quale faticosamente cerchiamo adesso di uscire, senza illuderci naturalmente che possano bastare le gru e le nuove costruzioni. In realtà in questo disimpegno civile io riconosco l abdicazione, che c è stata a Milano, alla tradizione della cultura sociale-riformista che è stata la chiave dominante della cultura politica della nostra città, che ha avuto diverse sfaccettature: quella dei cristiani sociali, dei comunisti, dei socialisti, dei liberali, tutti però accomunati da un approccio e da un atteggiamento alla politica e al bene comune che ha fatto la differenza e ha caratterizzato in parte la classe politica della nostra città. Questa cultura riformista sociale oggi è muta, o meglio, non ha un espressione politica organizzata, non ha più una voce nei palazzi dove si fanno le scelte politiche. Il grosso rischio che Milano sta correndo è appunto quello di abdicare a un pezzo di cultura politica, che non appartiene a un partito o a un ex partito, ma a un pezzo di storia della città, che oggi sta rimanendo senza voce politica e senza rappresentanti. Il libro ci permette di avvicinarci alla città e ai suoi fenomeni anche con un tono leggero, ma sempre approfondito, perché supportato da autentiche ricerche di carattere sociale sul campo, che sono interessanti e che ci permettono anche di recuperare alcuni tratti di vita quotidiana. Per esempio c è questo capitolo sul canale Villoresi di Maria Luisa Frigerio, che io ho trovato straordinariamente interessante, proprio perché ci richiama innanzitutto a una vocazione, quella a Milano delle acque e a una progettualità possibile legata all Expo. Se voi andate sul canale Villoresi io l ultima volta che ci sono andato era ancora estate, ho fatto una lunga passeggiata in bicicletta con mia moglie e siamo tornati che era buio, e nel buio del canale non abbiamo mai avuto paura perché nel parco, che ad un certo punto si sviluppa intorno a Greco per arrivare a Pesce dei Poveri -, c era un movimento di famiglie tutte extracomunitarie, papà, mamma e i figli che passeggiavano e sembrava di farci tornare alla Milano degli anni Cinquanta. Non era una Milano finta, era una Milano vera, solo che invece di essere 5

6 gente della Lucania, della Basilicata, era gente del Maghreb piuttosto che del Marocco; una Milano viva, sicura, in cui la gente passeggiava tranquillamente, si godeva il fresco del canale Villoresi e del parco ed era una Milano che giustamente non arriva sui giornali, di cui i milanesi non hanno conoscenza se non vivendo lì con loro e convivendo tranquillamente con loro. E quindi anche questo capitolo mi ha dato la testimonianza di una trasformazione in positivo della città, della prosecuzione di una tradizione della città a cambiare in positivo che è molto significativa. L altro capitolo divertente è quello sull happy hour. Gli autori di questo capitolo sono tre e devo andare a ricordarli, Giovanni Castiglioni - che è qui con noi -, Arianna Cavenardo a Daniela Rossetti. E anche in questo fenomeno dell happy hour, che spesso leggiamo con approccio snobistico sui giornali come segno del degrado e della decadenza di Milano, io ho trovato il senso di una socialità nuova e diversa che i giovani riscoprono, adesso voi ce lo spiegherete se è vero o non è vero, se è una mia illusione di vecchio, che è una cosa positiva. Per cui si dice negli happy hour si mangia male, ma chi se ne frega! Io alla fine trovo che la gente che ha un modo, che inventa, perché giustamente dicono loro che è una cosa tutta milanese l happy hour, inventa un sistema per stare insieme, per passare la serata, per progettare non soltanto il weekend, ma anche la giornata lavorativa successiva, io la trovo una cosa positiva; e se le tartine sono un pochino sfatte, ma chi se ne frega, è una prova di libertà rispetto alla tirannia della USL. Alla fine per me è più positivo questo che non appunto il clima compassato dei cocktail di una volta o dei bar di una volta. E anche il capitolo sul sushi, che hanno studiato Camilla Motta e Federica Sasci, anche questo è molto interessante, perché dà il senso di una cultura che non diventa esclusivamente espressione di un atteggiamento fighetto - non so se si usano queste parole ma questo è il senso -, ma che diventa il sintomo di un acculturamento di una città intorno a delle culture anche culinarie diverse nelle quali i giapponesi non vengono a fare i colonizzatori, ma a loro volta diventano in qualche modo milanesi e, non dico che fanno il sushi alla milanese, ma comunque danno luogo a delle contaminazioni che danno il senso di una città che si trasforma e di culture che si incontrano. Ecco allora che forse tutti questi aspetti, secondo me molto positivi, possono apparire contraddittori con le ultime parole di Doninelli, quelle con le quali si chiude il libro... L. DONINELLI: Però è il testo più vecchio questo. S. CARRUBA: Questo è il testo più vecchio, ma tu l hai messo qua, quindi lo prendo per buono, e tu dici Milano deve recuperare quest attitudine alla grandezza, alla progettualità comune, alla condivisione del destino della città; è necessario che noi milanesi torniamo al centro della storia presente. Una mostra di Monet e di Hopper.. (però questo l ha scritto di recente)... L. DONINELLI : é vero, pensavo fosse l altro. S. CARRUBBA:...é la benvenuta, ma si tratta di mera importazione di qualcosa che non ci appartiene e che può soddisfare il nostro privato di arte; ma una città acquista respiro mondiale solo se pone quello che lei stessa fa di fronte al mondo. Milano ha prodotto il Duomo perché ha la capacità di produrre prospettive, idee, innovazioni. Io credo che da questo derivi la conferma di una mia convinzione profonda sulla quale sto scrivendo un altro libriccino a mia volta, che Milano ha ancora questa grandezza e che sia da recuperare proprio questa dimensione come ci permettono questi contributi. Concludo con una notazione polemica nei confronti di Doninelli, il quale ad un certo punto scrive: I responsabili culturali hanno le loro grandi colpe, poiché hanno trasformato la cultura in una specie di religione o di moda e, al tempo stesso, hanno lasciato cadere i loro tesori nella polvere: per cui, per fare un esempio tutti corrono a vedere Caravaggio e nessuno si ricorda più che esiste Tiziano. É vero. Però c è stata anche una linea, forse minoritaria, di politica culturale fatta in questa città negli ultimi anni che ha cercato di aggredire proprio questa questione, cioè di non fare della politica culturale un fatto di moda. Ho notato, nello sforzarmi di fare questo tentativo nei miei anni ormai remoti di amministrazione, come questo sforzo di arricchire il significato 6

7 dell intervento nella cultura [liberandolo] dall aspetto puramente modaiolo che molto spesso assume colpevolmente ha un eco nella città e quindi che questa domanda di cultura intesa nel senso in cui probabilmente la intendiamo insieme è una domanda che nella città esiste. Quindi fai bene, diciamo, a sottolineare che sbagliano molti responsabili della politica culturale a ridurre tutto a quella dimensione, però non dimentichiamo che in fondo qualcuno ci ha provato, ci abbiamo provato e che abbiamo avuto delle risposte. La città quindi è pronta anche a raccontare questa sfida e a considerare quello che è effettivamente l intervento di cultura, un investimento non in moda ma un investimento in progetto, in progettualità condivisa: è questo, credo, che il libro della cozza ci permette di scoprire. Grazie. C. FORNASIERI: Come sovente gli interventi di Carruba sono davvero profondi ed esaustivi. Mi pare che il quadro di questo lavoro sia quasi intero ormai. Ascoltiamo ora Fabio Greco, poi Giovanni Castiglioni anche per sentire che esperienza è stata partecipare - con un esito anche visibile, che è una sorpresa anche per loro stessi - quale sfida hanno sentito e anche quale difficoltà rispetto al descrivere un volto di un vivere, di un convivere attraverso un punto di vista così particolare. Prego. F. GRECO: Inizio io a rispondere. Buonasera a tutti. Inizio partendo dal lavoro che abbiamo fatto con Luca; per spiegare questa tipologia di lavoro mi rifaccio alla storiella del Nonno Pesce che ogni giorno racconta le storie ai nipotini pesci. Una volta il nonno pesce domanda ai nipotini pesci: Com è l acqua?. I nipotini rispondono: Che cos è l acqua?. É un modo molto particolare per capire quanto la realtà in cui siamo immersi spesso ci sfugge da sotto, in particolare in un periodo come quello attuale, in cui il mondo corre molto più velocemente delle nostre esperienze, corre molto più velocemente del tempo e dello spazio in cui stiamo vivendo. Quindi la sfida che abbiamo raccolto da Luca è stata quella di metterci in gioco con le nostre biografie, con le nostre storie, per raccontare una città in continua trasformazione. Per raccontare una città è necessario capire il tesoro interiore della città, quindi essere partecipi della città; il sentimento spaziale della città è costituito da rapporti associativi che ci fanno intuire quel tesoro interiore che ci permette di dire della città che siamo suoi cittadini. Quindi questa è una cosa importante ed è necessario mettere in campo se stessi per poter appunto raccontare una città, che altrimenti cambia troppo rapidamente. Per quanto riguarda Milano è una cozza ormai forse è giunto il momento di spiegare il titolo: Milano è una cozza è una frase che pronuncia il protagonista del racconto. Il protagonista è Pippi, uno dei tanti meridionali venuti al Nord per lavoro. Egli è sempre vissuto in una zona in particolare io l ho ambientato nel Salento con grandi spazi, con grandi orizzonti, con il mare, con le distese di ulivi, ma si ritrova catapultato in una realtà come quella milanese con una ristrettezza di spazio. Questa è una cosa molto particolare di Milano: il cielo di Milano è un cielo edificato, i palazzi di Milano, ho scritto nel testo, sono tutti vicini vicini a ciciarare, quindi sembrano tante comari che fanno comunella. Tutto quello che sta al di là di questa cerchia viene escluso dalla vita; questo è uno dei motivi per cui Pippi si ritrova a dire Milano è una cozza, signore, brutta come una cozza. Quindi il motivo per cui Milano è una cozza è proprio questo: Milano è brutta come una cozza. Probabilmente l unica apertura di spazio si ha nelle piazze, in particolare qua al Duomo, proprio perché il Duomo ha sempre rappresentato, proprio come adesso diceva Carruba, quell orizzonte che ai milanesi manca e, più che una linea d orizzonte, è un punto d orizzonte, un punto di fuga. Pippi nel racconto dice: Milano è una cozza, signore, è brutta come una cozza, ma poi: Signore, è anche buona come una cozza. Detto da un pescivendolo quale è Pippi naturalmente è un grande motivo di orgoglio, perché all interno di questa cozza che può essere anche brutta è possibile trovare delle perle, degli atteggiamenti, dei luoghi che esulano e travalicano tutta questa bruttura che potrebbe impressionare una persona che viene da fuori; sì, è una città bellissima... L. DONINELLI: Siamo in polemica io e te! 7

8 F. GRECO:...no, però è molto ostile come approccio. Poi nel conoscerla naturalmente si scoprono quelle bellezze che la caratterizzano. Quindi la motivazione del titolo è proprio questa, direi che questo è tutto. Un altra cosa importante sempre riguardo a Pippi: per parlare di questo racconto ho sempre difficoltà a trovare la trama e ho scoperto che la trama di questo racconto è un innamoramento di Pippi per la città, lo sforzo che Pippi compie per conoscere la città e quello sforzo che premia Pippi con un amore per la città. L. DONINELLI: Con una vittoria in una partita a bocce. F. GRECO: Con una vittoria in una partita a bocce. La sua milanesità la scopre proprio in una partita a bocce nella cosiddetta bocciofila Cavallino, un luogo reale. La bocciofila si trova a sud di Milano in via mi son scordato. F. GRECO - L. DONINELLI: riva di Trento. L. DONINELLI: quindi è un luogo reale, con la cronaca niente popò di meno che di Gianni Brera e quindi anche di un singolo di Milano. La bocciofila Cavallino è stata un luogo dove si facevano campionati nazionali di bocce negli anni 70, dopodiché è andata in disuso. Ancora è possibile vedere i punteggi delle ultime partite che sono state fatte, e permane e rimane ancorata, come se fosse un luogo della resistenza, chiamiamolo così. Quindi permette, cioè continua a rimanere e ad avere la sua importanza nonostante tutti i cambiamenti che avvengono lì. F. GRECO: c è anche uno strappo di dieci anni! L. DONINELLI: Quindi in questa partita a bocce simbolica ed inedita, chiamiamola così, Pippi si ritrova a dover F. GRECO: scusa, perché è una partita a bocce tra milanesi puro sangue ed emigrati. L. DONINELLI: ed emigrati, quindi F. GRECO: quindi conquistano, vincendo la partita a bocce, il loro diritto a essere milanesi. L. DONINELLI: esatto, Pippi riscopre la sua milanesità o si rende conto della sua milanesità, pur diversa dalla milanesità di un milanese, però si sente partecipe comunque della città e questo naturalmente gliela fa apprezzare. Questo penso che sia la motivazione principe per cui è stato fatto questo lavoro e per cui Luca ci abbia indotto ad andare in giro a raccontare questa Milano, insomma. C. FORNASIERI: Bene. Ed ora da studente adesso laureato continuerai a scrivere? G. CASTIGLIONI: Beh, sicuramente questo è stato un inizio. Partiamo un attimo anche dalla riflessione sul nome del corso. Era il corso di etnografia narrativa; il ruolo dell etnografo è quello appunto di andare sul campo per scoprire la realtà, per indagare. Per noi, comunque, facendo parte di un corso di sociologia, non c è niente di più bello che andare sul campo e scoprire un fenomeno sociale. Però poi nel termine si parla appunto di narrativa. Quindi, in questo caso, quello che noi abbiamo indagato in questo caso l happy hour l abbiamo dovuto raccontare in un modo non troppo scientifico, ma portando prima di tutto la nostra esperienza. E allora abbiamo iniziato a riflettere un po sull alimentazione. Dato che poi il tema dell Expo è Nutrire il pianeta, energia per la vita, ci siamo chiesti: ma cosa si mangia, dove si mangia oggi a Milano? E poi in prima persona, 8

9 parlando tra di noi, abbiamo detto: sì, ma noi abitualmente andiamo a fare l happy hour, noi stessi siamo quei consumatori dell happy hour. E poi quando andiamo a fare l happy hour non solo beviamo il nostro cocktail, ma mangiamo, perché l happy hour a Milano come appunto viene poi spiegato ha una sua tradizione italiana (possiamo dire anche milanese), su cui l happy hour si impianta. Il termine viene usato in Inghilterra per dire quando si possono bere due cocktail al prezzo di uno. Qua da noi, a Milano, si beve un cocktail, ma si può mangiare quanto si vuole: questa è la componente italiana, quella del mangiare, che la città di Milano poi ha acquisito, facendola sua. L happy hour poi diventa, lo è tuttora, un momento dove ci si aggrega, dove si socializza. Noi giovani abitualmente ne facciamo uno o due al mese. Ma è un fenomeno assolutamente diffuso nella nostra città, perché ogni sera ci sono almeno duecento locali che lo propongono. E allora, parlando anche tra di noi, abbiamo pensato: ma nessuno - almeno non l abbiamo trovato, anche se c è addirittura una guida a Milano che viene pubblicata, la guida all happy hour, che contiene alcuni locali con le descrizioni di com è l happy hour l ha mai raccontato. Allora siamo andati sul campo. È stata una cosa assolutamente facile. F. GRECO: Eravate invidiati! G. CASTIGLIONI: Sì, sì, eravamo invidiati dagli altri nostri compagni di corso. Abbiamo appunto fatto un punto delle riflessioni pensando: l happy hour è un momento anche di socializzazione però è particolare, è diverso dal classico aperitivo. Noi siamo nati negli anni 80, quindi quando si iniziava a parlare della Milano da bere. La Milano da bere c è ancora, però nello stesso il termine happy hour viene collegato al termine degrado. Ogni anno c è il solito appuntamento estivo in cui si inizia a parlare comunque della movida milanese, quindi di questi locali che vengono aperti, tanto che poi Milano in alcuni articoli viene addirittura chiamata la città degli happy hour. Ma Milano non è solo questo. L happy hour rimane uno spaccato della città, però lo fanno tutti, saltando dai più giovani fino ai più anziani. L happy hour quindi è quello che, anche perché ha un accessibilità, ha un prezzo contenuto, e soprattutto non ha dei vincoli. Ha dei vincoli minori rispetto alla cena, perché l happy hour può essere un pre-cena, può essere comunque una cena stessa, si può stare solamente per il momento di un cocktail o si può stare lì per ore a chiacchierare, a parlare, tanto che poi nell ultima parte del racconto si parla appunto di processualità. Siamo stati ad un happy hour di avvocati che appunto, nel corso dell aperitivo, progettano la giornata di lavoro successiva. Poi Milano, città del lavoro. Si parla anche di business hour sotto alcuni aspetti. Ci sono delle aziende che, per presentarsi ai neo-laureati, utilizzano l aperitivo, quindi forse hanno intuito che questo per i giovani è un momento di socializzazione, in cui magari vengono anche più spontaneamente e si trovano in un ambiente un po più tranquillo, più rilassato rispetto ad un area in azienda. E stavo dicendo appunto degli avvocati: quello per esempio è un momento in cui dei professionisti si ritrovano. Noi siamo andati venerdì sera, c era chi parlava di organizzare il week-end, chi pensava anche, dato che era un gruppo di amici, di organizzare magari delle uscite, delle vacanze insieme. F. GRECO: Adesso non lo raccontare tutto, altrimenti la gente non lo legge. G. CASTIGLIONI: Arrivo alla fine per dire che da una cosa molto semplice: dall opportunità di raccontare, è venuto fuori questo racconto. Io ringrazio Luca Doninelli di questa opportunità e speriamo appunto che questo sia il primo di una serie di libri che potranno raccontare Milano, quelle parti, quelle caratteristiche, quelle realtà che spesso non vengono raccontate della nostra città. F. GRECO: Volevo finire con un idea. Scusate, perché quando Carrubba ha polemizzato con me, io gli spiegavo sottovoce 9

10 S. CARRUBBA: Scherzosamente. F. GRECO: Sì sì, però io gli spiegavo sottovoce che realmente mi è venuto il mal di fegato quando sono andato a vedere la mostra su Goya, perché in una città, qui a Palazzo Reale, una città come Milano che per la prima volta nella sua storia ospita una mostra su Goya, vuol dire su uno dei pittori più grandi che ci siano mai stati, o fa una grandissima mostra su Goya, una mostra memorabile o tentativamente memorabile - poi si può anche sbagliare ovviamente, però con un grande desiderio e forte - o fare una mostra così che grida vendetta al cospetto di Dio, scusatemi. Adesso io la vedo così. Volevo concludere e dire l ultimo pensiero che è questo: che differenza c è tra un lavoro così e la ricerca sociale? La differenza sta nell io. Io dicevo al corso: se voi prendete due indagini sociali fatte da due gruppi diversi sullo stesso oggetto, usando lo stesso metodo, vengono comunque due lavori diversi: prima di tutto perché la sociologia non è una scienza e quindi due più due non fa sempre quattro, oppure c è da discuterne, e secondo perché esiste un fattore imponderabile di cui le statistiche o la campionature, oppure il modo con cui vengono elaborate le interviste, non può tenere conto. Questo invece è un elemento tattico di cui si servono le vite degli uomini anche per tenersi un pochino a distanza dal potere. Quando parlo di potere non parlo tanto e soltanto di quello politico, ma quello della moda, della pubblicità, eccetera. Su questi meccanismi di difesa, in questa libreria, troverete da qualche parte edito dalle edizioni del Lavoro il libro L invenzione del quotidiano di Michel Disertau, uno degli autori che io amo di più, in cui vedrete come lui spiega questa preminenza di tutta una parte della società, di cui le analisi sociali non riescono a parlare. Io spero di poter continuare, che noi insieme possiamo continuare. Qui ci sono diversi altri autori, non ci sono solo loro due, sia autori del libro che abbiamo esaurito, sia autori dei libri prossimi, dei libri futuri. Io devo solo ringraziare, ringraziare tantissimo Salvatore per quello che ha detto, perché secondo me ha capito alcune cose di questo libro che, come sempre, chi fa poi le cose ci arriva un po dopo. C. FORNASIERI: Allora ci congediamo. Grazie. A me colpisce il racconto di Castiglioni ed è da leggere, perché rimane un immagine di qualcosa che viviamo, che è più forte della semplice conoscenza descrittiva. Il progetto è interessante e ha dentro qualcosa che ha la forza di canzoni di realtà e che solo l arte sa sintetizzare. È già pronto il prossimo numero che uscirà a breve. Grazie ancora a tutti. 10

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone

Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone Franco Groppali IL MIO ICTUS, CONFINE di due VITE: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone autobiografia

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

MA TU QUANTO SEI FAI?

MA TU QUANTO SEI FAI? MA TU QUANTO SEI FAI? 1. VALORIZZARE IL PASSATO PER UN FUTURO MIGLIORE a. Quante volte al mese vai a cercare notizie sulla storia del tuo paese/città nella biblioteca comunale? o 3 volte o 1 volta b. Ti

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 PRONOMI ACCOPPIATI es: Carlo mi porta il libro Carlo me lo porta Mario ci porta gli sci Mario ce li porta Carlo le regala un libro Carlo glielo regala. indiretti diretti IO ME TU TE LUI GLIE - LO LEI GLIE

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2009-2010 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 2 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

una storia di solidità e sicurezza

una storia di solidità e sicurezza G. CASE viene fondata nel 1996 da persone provenienti da esperienze pluriennali nel settore edilizio, che sentivano l esigenza di realizzare un progetto autonomo nel settore immobiliare delle seconde case

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

- 1 reference coded [2,49% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [2,49% Coverage] - 1 reference coded [2,49% Coverage] Reference 1-2,49% Coverage sicuramente è cambiato il mondo. Perché è una cosa che si vede anche nei grandi fabbricati dove vivono

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply

dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply Un viaggio in moto inizia nella nostra testa. Da un sogno, da un idea, da una fantasia, una foto vista su qualche rivista, il racconto

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli