PER UNA LINGUISTICA CORPUS BASED DELL ITALIANO PARLATO: LE UNITÀ DI RIFERIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER UNA LINGUISTICA CORPUS BASED DELL ITALIANO PARLATO: LE UNITÀ DI RIFERIMENTO"

Transcript

1 PER UNA LINGUISTICA CORPUS BASED DELL ITALIANO PARLATO: LE UNITÀ DI RIFERIMENTO Emanuela Cresti - Paola Gramigni 1 Lablita - Dipartimento di Italianistica - Firenze SOMMARIO Il presente contributo intende inserirsi in un dibattito che ormai si sta sviluppando in Italia e che concerne tre punti affiorati nell ambito degli studi linguistici e che sembrano convergere: - lo studio della lingua parlata e in particolare di quella spontanea; - la linguistica dei corpora orali; - l impiego di strumenti informatici per l archiviazione, lo studio sperimentale e il recupero di informazione linguistica ed in particolare di quella parlata. Non potrò soffermarmi su nessuno di questi in maniera ampia. Per quanto riguarda il primo punto mi pare che un Convegno come questo ed il successo di pubblico e di partecipazione scientifica che ha ottenuto, sia la migliore prova di come attuale sia la ricerca sul parlato in Italia; vorrei allora aggiungere solo un augurio a tale risultato, quello che, dischiusasi questa porta, essa venga veramente aperta. In altre parole, è ormai tempo di cimentarsi con il parlato genuino, ovvero quello che mettiamo in atto in maniera continua in tutta la nostra vita e per ogni tipo di occasione, quello faccia a faccia, quello in cui la programmazione è simultanea all esecuzione o comunque non la determina, quello che è soggetto alla mutevolezza dei rapporti umani che sono imprevedibili e trascinano con loro anche le nostre risposte verbali. Per il secondo punto, gli strumenti di registrazione della voce (ma anche dell immagine e dell immagine in movimento) e, passando automaticamente al terzo punto, la capacità di archiviazione digitale della stessa, hanno cambiato completamente il quadro della ricerca nel settore e reso possibile uno studio su corpora, che in fondo è cominciato solo pochi anni fa e in ogni caso sembrava attuabile solo per la lingua scritta. La formazione di corpora e propriamente possono essere definiti tali solo archivi digitali ampi, raccolti secondo criteri espliciti, organizzati secondo formati standard, consultabili, ecc. ha fornito un dominio d indagine che alla metà del secolo scorso, ma ancora per 20 o 30 anni successivi, non poteva nemmeno essere immaginata. In qualche modo tale presupposto negativo è stato la premessa di una linguistica innatista, tutta basata sulla 1 A E. Cresti si deve la concezione e stesura dell articolo. P. Gramigni è autrice del paragrafo 4 e si devono a lei la ricerca ed identificazione degli esempi.

2 competenza e refrattaria alla verifica sperimentale, che sembrava dovesse occupare tutto il campo della teoria linguistica. La linguistica dei corpora apre, dunque, anche prospettive teoriche nuove. Per il terzo punto, vorremmo notare che i settori effettivamente sviluppati con programmi informatici sono stati per il momento due: quello sul lessico, iniziato su corpora scritti e travasato poi su corpora di parlato (concordanze, lessici di frequenza, lessici specialistici, ecc.), che può contare ormai su strumenti di analisi automatica, e quello sugli aspetti fonetici (segmentali) della lingua parlata, connessi in particolare alle ricadute industriali (riconoscitori della voce e sintesi). È in uno stadio molto più iniziale, invece, l analisi e la notazione degli aspetti intonativi e la loro archiviazione digitale, mentre ancora non esiste nessun programma di analisi automatica dei dati suprasegmentali. Evidentemente esistono ormai anche sistemi di etichettamento morfosintattico (semi-automatico in verità) e parser sintattici, ma per il momento di limitato funzionamento ed impiego. Ci auguriamo che anche per questi settori la ricerca avanzi e permetta di fondere conoscenze nuove, ricavate dallo studio teorico ed empirico, con strumenti informatici anch essi nuovi e finalizzati non solo alla tecnologia e all industria linguistica ma anche alla scienza del linguaggio. 1. GLI STUDI MORFO-SINTATTICI DEL PARLATO Nel quadro dei temi sopra delineati il nostro contributo s inserisce presentando brevemente - i corpora orali, in massima parte di parlato spontaneo, raccolti presso LABLITA ; - alcuni dei risultati nel campo delle ricerche morfo-sintattiche su corpora orali, portati avanti dalla nostra équipe; Non ci soffermeremo, invece, sugli aspetti informatici, che pure sono stati necessari per fare le raccolte e le analisi e sui nuovi programmi che vengono sviluppati presso il Laboratorio. Il presente contributo è rivolto, però, soprattutto ad alcuni problemi fondazionali che da sempre caratterizzano lo studio del parlato; questo anche in relazione alla constatazione che mentre da un lato, molto positivamente, si stanno diffondendo studi che ormai prendono come proprio oggetto i dati dei corpora orali, dall altro però non li analizzano con strumenti informatici, ma con i tradizionali metodi di indagine linguistica; ma soprattutto non sembrano tener pienamente conto della loro specificità orale e in particolare della loro caratterizzazione intonativa. Il settore è molto importante perché apre alla descrizione e allo studio un campo di indagine nuovo, anche se i prodromi della ricerca possono essere rintracciati già alla metà dell 800 e naturalmente sono stati sviluppati poi per tutto il 900. Ma come abbiamo detto, in fondo fino a una diecina di anni fa mancava l oggetto appropriato di indagine: ampi corpora rappresentativi dell uso parlato, trascritti, ma anche sincronizzati al loro ascolto, o meglio ancora al loro segnale acustico e a tutti i suoi principali parametri. La maggior parte degli studi italiani, però, pur essendo impostata sulla base di esempi che in effetti sono ripresi da corpora parlati, e per ovvie ragioni trascritti, sono vagliati e considerati alla stregua di esempi scritti. La conseguenza è che la descrizione morfo-sintattica che ne deriva finisce per offrire un paradigma ridotto, una specie di caso impoverito o monco, rispetto a quello che deriva dalla descrizione 2

3 della lingua scritta o della lingua ideale di competenza. Tutte le motivazioni per le quali gli esempi concreti sono stati realizzati nella dinamica interattiva dello scambio verbale e il fatto che siano realizzati tramite segnale sonoro e, diciamo subito, con sequenza segmentale ma strutturata entro patterns prosodici, vengono perduti. Quello che viene preso in considerazione in questa maniera è una specie di calco piatto del dato, di pianta scritta del dato orale, che non è adeguata a rappresentare il parlato e che, d altro canto, non è stata concepita per la scrittura. Certo è impossibile cogliere tutti gli aspetti della produzione parlata, ma lo stesso allora si potrebbe dire anche di quella scritta. Forse il problema sta nel fatto che regna ancora molta confusione circa l identificazione di quali siano le caratteristiche specifiche e veramente rilevanti del parlato, perché forse basterebbe cogliere quelle e tenerne conto per avere un dato più rispondente al reale. Rispetto agli anni 80, da quando ho cominciato a proporre che la caratteristica principale del parlato era la sua valenza e la sua strutturazione pragmatica, termini come illocuzione, articolazione informativa, topic e comment sono divenuti molto più familiari e, direi, certo non per mio merito, ma per una consonanza di interessi che hanno avuto una discreta circolazione ed impiego nell ambito della linguistica italiana. Quello che, però, non appare compreso ed assunto sono le implicazioni che essi trascinano, ovvero se si considera un livello come quello illocutivo e dell articolazione dell informazione, debitamente segnalati dall intonazione, poi non è possibile condurre studi di morfo-sintassi che prescindano totalmente da tale struttura. Non è corretto continuare a valutare le espressioni parlate come se fossero linearizzate, prescindendo dalla marca intonativa che sistematicamente le scandisce e non considerando quei raggruppamenti necessari al compimento di funzioni informative, secondo le quali esse espressioni risultano organizzate. Il considerare come legati gruppi di parole che sono stati prodotti in maniera separata, per chiari confini prosodici, mette in ogni caso di fronte a sequenze non corrispondenti a quello che effettivamente è stato realizzato 2, ma anche a strutture sintattiche incongrue o agrammaticali che sono solo il risultato di un interpretazione forzata. A volte per cercare di darne giustificazione si procede ad operazioni di ricostruzione di una struttura sintattica che non c è, ma che dovrebbe essere presente nella mente del parlante e che, per poter essere formulata, deve fare ricorso ad un tipo di ellissi particolare, che non solo giustifichi ciò che non c è, ma soprattutto giustifichi quello che non è recuperabile a nessun titolo. Un altra forma di soluzione del problema è quella che potremmo chiamare lessicale, che pratica la creazione di nuove parti del discorso o classi lessicali. In esse vengono catalogate singole parole in base alla loro funzione informativa emblematica quella dei segnali discorsivi e vengono radunate in questo modo espressioni disparate per caratteri semantici, morfologici, sintattici e distributivi, sulla base della congruenza dei quali si è finora definito classi come Verbo o Pronome o Congiunzione. Un altra soluzione ancora è quella di aggiungere sottoclassi a classi già esistenti e, quindi, di gonfiare a dismisura, per esempio, una classe come quella delle interiezioni, nella cui sottoparte, chiamata interiezione secondaria, è possibile trovare un qualsiasi aggettivo qualificativo che abbia un certo uso illocutivo come brava o zitti o perfetto, ecc. Circolano poi gli avverbi esclamativi, tutta la serie dei pronomi interrogativi, gli avverbi cosiddetti olofrastici, ecc. 2 Una diversità rilevante, per esempio, riguarda lo scarto di modalità che spesso interessa gruppi di parole facenti capo a scansioni tonali distinte. Un breve accenno sull argomento anche a fine del presente contributo. 3

4 Quindi, sintassi di strutture non rispondenti al dato e sintassi della ricostruzione fondata sull ellissi, nuove classi lessicali costruite su criteri non coerenti, sottoclassi non motivate di classi esistenti sembrano tutte soluzioni ad hoc per rispondere alla evidenza offerta dai dati del parlato che esiste qualcosa che difficilmente può essere risolto con gli strumenti ed i livelli finora considerati nell analisi linguistica. Uno studio del parlato, condotto sul riscontro empirico, in realtà non può prescindere dalla considerazione della strutturazione informativa dello stesso e della sua segnalazione intonativa, anche perché solo attraverso essa noi possiamo identificare quelle unità di riferimento superiori alla parola, secondo le quali il parlato si organizza. Ed è proprio attraverso l identificazione di esse unità che passa la possibilità di condurre ricerche statistiche significative e, in prospettiva, anche con programmi informatici. Bisogna anticipare che tali unità non hanno definizione sintattica né possono essere risolte con una etichetta lessicale. Il che non vuol dire che non esista sintassi nella lingua parlata, ma vuol dire solo che essa vige all interno di un dominio strutturato su base diversa, ovvero pragmatica con segnalazione intonativa. Procederemo, quindi, alla presentazione delle due principali unità di riferimento (superiori alla parola) della lingua parlata: l enunciato e l unità d informazione. 2. L ENUNCIATO La principale unità di riferimento della lingua parlata superiore alla parola (mot, fr.; word, in.) 3 può essere indicata nell enunciato (énoncé, fr.; utterance, in.) 4 ed esiste un certo accordo nel riconoscere ad esso una generica valenza di unità tipica dell organizzazione testuale parlata. Ma nella letteratura circolano definizioni diverse del concetto, le più importanti tra le quali sono: 1) definizione dialogica; 2) definizione temporale; 3) definizione sintattica; 4) definizione pragmatica. 2.1 Definizione dialogica La definizione dialogica, che è forse tra le più antiche, indica come unità naturale della lingua parlata la battuta o turno dialogico del parlante e lo identifica in maniera, potremmo dire, immediata con il cambio di voce, ovvero con il passaggio da silenzio di un parlante al successivo silenzio dello stesso. battuta o turno dialogico (da silenzio a silenzio del parlante) *MAR: sì // *MAX: vai // *MAX: qui giri subito / eh // subito la freccia // metti la &frez [///] la seconda // subito // eh // # messo? *MAR: <sì sì> // *MAX: [<] <xxx la &sec> + piano // *MAR: qui? (Scuola guida) 3 Per una approfondita discussione del concetto, si veda Blanche-Benveniste (1997). 4 Si veda Cresti (2001). 4

5 *MAR: non è la stessa cosa di quell altra macchina / evidentemente // evidentemente / allora mi toccano troppo [///] toccano troppo i comandi loro // scusa // allora / diciamo così // # io / non [/] non [/] non è esattamente come mi risponde quell altra macchina // con &quel + allora vuol dire / che c è quell altro che &no [///] che / cioè / che guida lui // (Scuola guida) 5 Come risulta evidente dagli esempi, ripresi da un dialogo spontaneo in un contesto fortemente interattivo (una lezione di guida), uno stesso parlante, nella stessa situazione, può produrre turni di una sola parola, come accade spesso in contesti improntati a finalità pragmatiche, ma anche turni molto più lunghi ed articolati. Il turno, dunque, è caratterizzato da una variabilità estrema di riempimento e, inoltre, appare imprevedibile; d altro canto nel caso, per esempio, di un racconto o di una spiegazione, esso può protrarsi anche per molti minuti (corrispondenti a pagine di trascrizione) e non è realistico pensare che nessuna forma di organizzazione testuale, dopo quella di parola, sia messa in atto al suo interno. Quindi, se il turno dialogico può essere assunto come una delle unità che caratterizzano il parlato, non può però essere scelto come definizione dell enunciato che dovrebbe essere l unità di organizzazione del testo parlato. 2.2 Definizione temporale L enunciato è stato poi spesso identificato con un unità temporale, ovvero con una sequenza che si caratterizza ancora come transizione da silenzio a silenzio di uno stesso parlante, ma dove tale silenzio non è interpretato alla luce dell inizio e della fine del turno, ma come silenzio-pausa all interno di esso. Naturalmente non si può escludere che a volte esista una coincidenza tra i due, ma il criterio di identificazione non è lo stesso. Infatti, quello che viene individuato con la pausa non è l entità naturale dello scambio verbale (turno), ma un entità di scansione entro il flusso sonoro, che ha il proprio valore oggettivo in una misura temporale del testo. La prima notazione da fare è che nel parlato spontaneo, fortemente interattivo, le pause sono molto rare. Naturalmente anche la frequenza delle stesse cambia a seconda dei limiti temporali che vengono scelti per valutare una disfluenza come pausa; tutti sanno che la realizzazione delle consonanti sorde risulta ad una verifica strumentale come vuoto e quindi, per esempio, non è possibile scegliere dei silenzi troppo brevi, che rischiano di comprendere anche fenomeni di tipo diverso. Ma anche lo stile individuale è determinante; quindi, silenzi anche molto brevi nel parlato di un soggetto possono in realtà valere come pause, mentre per parlanti lenti e con allungamenti delle vocali finali a volte è molto difficile valutare che cos è una pausa. È possibile indicare una durata con valore assoluto di riferimento, almeno 250ms di assenza di segnale (f 0 e intensità), per poter essere sicuri della realizzazione di una pausa? 5 L asterisco seguito da tre lettere maiuscole, due punti e uno spazio, è il modo di indicare ogni parlante entro il formato CHAT (*ABC: ). L esempio e i successivi sono accompagnati da diversi segni diacritici, che sono stati sviluppati nel nostro lavoro di archiviazione elettronica del parlato e che, più in generale, rimandano al sistema CHAT (Mac Whinney, 1997) e ad una implementazione fattane per l italiano (Moneglia & Cresti, 1997). I più importanti sono il segno di doppia sbarra (//), che sta ad indicare la fine di un enunciato segnalata prosodicamente, e la sbarra semplice (/), che segnala la fine di unità d informazione segnalata prosodicamente. Il cancelletto (#) indica una pausa chiaramente percepibile e misurabile, e diversi diacritici, come sbarra semplice, doppia o tripla tra parentesi quadre ( [/]), forme di retracting, falsa partenza, ecc. La e commerciale (&), invece, indica un frammento di parola non calcolabile entro il lessico di frequenza. 5

6 a) da pausa a pausa *BOR: ne troviamo / scusate # balbettio / come tutto ciò / che va /dalla prima parola / alle / &dal # dalle # dalla fine delle vocalizzazioni/ alle prime parole // nello stesso tempo / nello stesso periodo / si differenzia / la nozione / di ecolalia // # &he / di cui / proprio / il referente preciso / scusate # non riesco a identificarlo // (Lezione) Nell esempio, ripreso da una lezione universitaria, la parlante, che ha eloquio veloce, produce una serie di vuoti, segnalati dal diacritico a cancelletto (#), che chiaramente sono pause. Si può, tuttavia, notare come esse corrispondano sistematicamente a incidenti, a incertezze nella scelta di lemmi, a cambi di programma e non sembra, invece, che siano finalizzate all organizzazione del testo all interno della battuta. Del resto, esistono ormai molti studi che in maniera concorde sottolineano che la causazione, e in modo assoluto nel parlato spontaneo 6, è dovuta a fatti casuali e solo in piccola parte (forse il 20%?) serve a rafforzare fenomeni che in maniera strutturale sono invece segnalati dall intonazione. Il silenzio (parametro negativo) può, seguendole, massimizzare scansioni intonative, ma la scansione è tutta a carico di parametri positivi per la nostra percezione (movimenti di f 0, durata, intensità) ed occorre sistematicamente, anche senza essere seguita dal rafforzamento della pausa. Non sembra, quindi, che la pausa, anche per quella percentuale in cui rafforza la scansione, possa essere indicata come il segnale di identificazione di entità dell organizzazione parlata, ma caso mai sembra esserlo proprio la scansione stessa. b) da pausa virtuale a pausa virtuale Proprio a causa delle difficoltà sopra esposte circa la valutazione di una quantità assoluta di riferimento temporale congrua per la pausa, circa la distinzione tra quelle casuali e quelle strutturali e circa l assenza di pausa in punti nevralgici e, al contrario, ben indicati dai valori positivi dell intonazione l ipotesi di poter ricondurre l organizzazione testuale parlata alla causazione, invece di fare riferimento a come essa concretamente appare realizzata nei corpora, fa ricorso a volte ad un concetto di pausazione virtuale. La pausa, quindi, non sarebbe tanto quella che viene realizzata o per motivi accidentali di esecuzione e quindi evidentemente da espungere dal novero dei casi probanti l organizzazione o, comunque, effettivamente prodotta che abbiamo detto sono casi piuttosto scarsi, ma quella che potrebbe essere inserita a proposito e in maniera sistematica all interno del testo parlato. *EST: no ascolta qui sopra sì *EST: no // ascolta / qui sopra? sì // (Estetista) *EST: piedi mani cera completa bracci ago sopracciglia baffino tutto quello tutto *EST: <piedi / mani / cera completa> // bracci / ago / sopracciglia / baffino / tutto // quello + tutto // (Estetista) 6 Si veda Giannelli (1992) per una rassegna degli studi tradizionali sulla pausa. Ricordiamo anche i principali studi sul parlato italiano che concordano su questo punto, come Sornicola (1981) e Voghera (1992). Per alcuni aspetti fonetici della questione, cfr. Hirst & Di Cristo (1998). 6

7 Degli esempi sopra riportati, ripresi da un testo dialogico spontaneo (una seduta di depilazione) e che non presentavano alcuna pausa al loro interno di battuta, sono state date due versioni: la prima con trascrizione lineare senza alcun segno diacritico e la seconda corredata da quei diacritici che nella nostra tradizione corrispondono alla segnalazione dei principali confini prosodici (/, //), ai segnali di sovrapposizione ( ) e a quelli di cambio di programma (+). Come si capisce, la seconda versione, integrata dai diacritici intonativi, permette di apprezzare la volontà organizzatrice del testo da parte del parlante e ci mostra dove dovrebbero cadere le pause virtuali (#) tramite l equiparazione al segno di doppia sbarra (//) indicante la fine di enunciato. Proprio tale organizzazione, però, rivela come non sia decidibile a priori dove sarebbe stato giusto inserire una pausa virtuale: infatti, che cosa impedirebbe di proporre scansioni come le seguenti, che appaiono altrettanto o forse più ragionevoli di quelle invece effettivamente attuate dalla parlante: *EST: no / ascolta // # qui sopra / sì //# *EST: piedi / mani //# cera completa / bracci //# ago / sopracciglia / baffino //# tutto quello / tutto //# Naturalmente si può obiettare che i precedenti sarebbero esempi limite ma in realtà sono propri della usuale comunicazione interattiva e quello che si vuol dire è che nel caso di una normale sequenza frastica esisterebbero luoghi deputati per la pausa virtuale. Consideriamo, allora, una sequenza di espressioni che si immagina corrispondano ad una frase canonica come la seguente: Carlo va a Roma si potrebbe pensare che la scansione più comune dovrebbe essere quella che vede una pausa prima della frase e alla sua fine: # Carlo va a Roma // # A parte la bassa percentuale di frasi linearizzate nel parlato, in particolare di esempi cosiffatti, con il soggetto preceduto da un silenzio, soggetto antecedente il proprio predicato e linearizzato con esso, senza pause, entro la stessa partizione tonale, il tutto seguito invece da una chiara pausa, esistono ancor più rare occorrenze che non delle pause di rinforzo. Naturalmente niente ci vieta di pensare che così vada bene, ma ci sarebbe da chiedersi perché non venga realizzata quasi mai, dato che dovrebbe essere la più normale delle organizzazioni testuali. Più comuni sono, invece, realizzazioni come la seguente ma, sia ben chiaro, all interno di un continuum fonico né preceduto né seguito da pausa con un tipo di scansione interna di tipo debole, che non è certo una pausa, ma potrebbe essere identificata con una pausa virtuale: Carlo / # va a Roma // Naturalmente, la realizzazione di forze illocutive diverse o funzioni informative diverse implicherebbe possibilità di scansione diversa dell espressione in questione, ma anche 7

8 mantenendoci all interno di una illocuzione assertiva, niente vieta che la sequenza lineare per esigenze pragmatiche possa essere realizzata come due diversi enunciati: *ABC: Chi è partito? *DEF: Carlo // # va a Roma // # o, ancora, possa risultare scandita in modo inatteso: *ABC: ma dove mai / va Carlo? *DEF: Carlo va / # a Roma // In realtà il problema che viene in qualche modo messo in luce dalla difficoltà e dall incertezza di attribuire pause virtuali è quello dell adeguatezza del concetto di frase e della gerarchia sintattica implicata per analizzare la lingua parlata. Se l organizzazione testuale parlata fosse fondata su strutture frasali, probabilmente pause virtuali, magari maggiori e minori, potrebbero essere inserite in maniera coerente nei punti corrispondenti ai nodi della gerarchia stessa, con alcune sedi privilegiate. Di esse, anche se non in maniera maggioritaria e sistematica, dovrebbero affiorare un numero congruo di realizzazioni concrete in corpus; ma questo non ha riscontro. Il concetto di pausa virtuale, quindi, non è altro che un modo per cercare di ritrovare nel parlato un organizzazione sintattica che appare non essere quella sua propria e di schiacciare il concetto di enunciato su quello di frase Definizione sintattica: frase detta In effetti la più comune definizione di enunciato è proprio quella che, partendo da un quadro teorico che prevede competenza ed esecuzione, tende ad identificarlo con l esecuzione dell entità sintattica a base della competenza, ovvero tratta l enunciato in termini di frase detta. Esistono, tuttavia, due definizioni fondamentali di frase: a) quella che si fonda sulla relazione soggetto-predicato e vede una indipendenza del primo dal secondo, che per lo più è realizzato tramite un verbo; b) quella che si fonda direttamente sulla struttura argomentale del verbo, ivi compreso un agente-tema da esso dipendente, ovvero identifica la frase con la proiezione massima di V. a) Relazione soggetto-predicato legati entro la stessa unità tonale (Bally) Per quanto concerne la prima definizione possiamo rilevare che, in effetti, tali costrutti esistono nel parlato, ma, per sondaggi condotti sui nostri corpora LABLITA, sappiamo che si mantengono al di sotto di quel 5%, che può essere considerato un dato percentuale di massa critica per fenomeni rilevanti e costitutivi, potremmo dire tipici, del parlato. *PAO: io un ho mica capito nulla // (Nomine in ruolo) *ANG: e lui gli racconta tutta la sua storia // (Teo e Angela) *PM1: il processo comincia oggi // (Pubblico Ministero) 7 Si vedano, per la discussione circa l inadeguatezza del concetto di frase come entità di riferimento del parlato, Quirk et alii (1985); Miller & Weinert (1998); Biber et alii (1999); Cresti (2000); Cresti (2001). 8

9 *EDU: e il lupo dormiva // (I sette capretti) - 5% degli enunciati (dati LABLITA) In ogni caso, le frasi legate, soggetto-predicato, che vengono realizzate sono spesso costituite da soggetti pronominali, da espressioni deittiche e, naturalmente, anche da gruppi nominali, ma sono combinate in modo che se il soggetto è più pesante allora viene ridotto il predicato, entro una strategia produttiva che privilegia unità tonali di portata sillabica molto contenuta (dalle 7 alle 11 sillabe). Non sembra, quindi, che tale struttura rispecchi in effetti quello che invece è il ruolo della frase nella lingua scritta, nella quale essa appare costituire in effetti il mattone del testo e nella quale è possibile legare soggetti molto complessi ed estesi a qualsivoglia tipo di predicato. In sostanza, la frase legata, soggetto-predicato realizzati lessicalmente entro la stessa partizione tonale, non può rappresentare il costrutto tipico secondo il quale verrebbe organizzato sintatticamente un testo parlato. b) proiezione massima del Verbo (clausola) Nel caso, invece, che per frase s intenda un sintagma verbale più o meno riempito in tutte le sue valenze, costrutto che noi indichiamo con il termine di clausola, allora in effetti possiamo constatare che la maggioranza delle produzioni parlate (dal 62 al 70% a seconda della tipologia sociolinguistica e diafasica dei testi) ha tale conformazione. *VAL: anche perché / non lo sapevo ancora // (Nomine in ruolo) *LUC: poi / li puoi anche scaldare // (Minestra di pane) *FRA: non mi danno libero / i quindici giugno // (Tiramisù) *GNO: [<] <no / più che fatto / l ho visti fare / ecco> // (Veglia) *MAR: esalta le forme // (Liceali) Il fatto che una maggioranza di produzioni abbia tale caratteristica non impedisce, però, che ben il 38% dei testi di parlato spontaneo abbia una struttura non di clausola e a volte non presenti neppure una strutturazione sintagmatica. I dati a nostra disposizione sono piuttosto rilevanti e significativi, perché li possiamo ricavare per l italiano da un lavoro di Scarano (in questo volume), condotto sul corpus di parlato informale italiano, del progetto UE C-ORAL-ROM, per parole e circa enunciati, che individua ben un 38%, appunto, di enunciati nominali, ovvero, privi di una forma verbale di modo finito 8. *EST: palestra? (Estetista) *GIA: per questo poi... (Cuba) *MIC: De Niro / niente // (Cinema) *PAP: un ponte di pietre // (Fiaba) 38% enunciati non verbali per l italiano (Scarano, 2003a). 8 Cfr. Scarano (in questo volume). 9

10 Il risultato, però, è ancora più rilevante perché costituisce una conferma, se si vuole sorprendente per la nostra lingua, del dato statistico rilevato per l inglese-americano dalla Longman Grammar, che riporta una percentuale appunto del 38% di non-clausole a partire da un corpus di conversazioni di 5 milioni di entrate: 38% verbless utterances, senza struttura di clausola per l inglese-americano (Longman Grammar) Ora, il 38% vuol dire che più di un terzo delle produzioni parlate non corrisponde a SV e il dato, che supera di molto il limite della massa critica, non può non essere considerato tipico del parlato. Quindi la clausola, anche se ampiamente e in maniera maggioritaria realizzata, non è la forma esclusiva di strutturazione e, in sostanza, non può proporsi come definizione sintattica dell enunciato e rappresentare l organizzazione testuale del parlato. 2.4 Definizione pragmatica Già dagli anni 80 andiamo proponendo una definizione pragmatica dell enunciato (enunciato come corrispettivo dell atto linguistico), inteso come ogni espressione che sia interpretabile pragmaticamente, ovvero come ogni espressione attraverso la quale venga compiuta una illocuzione (Austin, 1962). Ricordiamo che secondo la proposta austiniana ogni atto linguistico è la risultante dell attuazione simultanea di tre diversi atti: quello locutivo, quello illocutivo e quello perlocutivo ogni espressione interpretabile pragmaticamente *SMN: con chi esci? (Macellaio) (domanda di cortesia) *MAX: ferma // (Scuola guida) (ordine) *EST: palestra? (Estetista) (sollecito) *ALB: meno cotta? (Alimentari) (richiesta di precisazione)*gno: [<] <no / più che fatto / l ho visti fare / ecco> // (Veglia) (precisazione) *RIN: ah // (Veglia) (assenso) La mancanza di definizione sintattica dell enunciato resa necessaria da quel 38% di casi che non ha struttura né di frase né di clausola e che addirittura può essere costituita da una sola parola e perfino da un interiezione potrebbe indurre, però, a pensare che tutto sia lecito e che non si possano individuare limiti e regole dell enunciato. Per prima cosa dobbiamo notare che la definizione pragmatica dell enunciato implica che esso deve corrispondere ad un esempio effettivamente realizzato e del quale sia possibile valutare la forza illocutiva 9, mentre non sono adeguati esempi ideali fuori di attuazione. Esiste, poi, una fondamentale condizione semantica costituita dal fatto che l espressione deputata a compiere illocuzione deve essere un espressione lessicale piena (parola). Ma la condizione può essere apprezzata meglio in forma negativa, perché recita che tutto ciò che sia o valga come morfema non ha le caratteristiche semantiche sufficienti per divenire un enunciato. Per intendersi, le interiezioni sono tipicamente e in 9 Naturalmente niente vieta da un lato che un parlante si sia interrotto e ciò che abbia prodotto non sia un enunciato, ovvero saremo di fronte ad un caso di enunciato interrotto, o ad una falsa partenza, o ad un frammento; dall altra è chiaro che noi possiamo produrre enunciati in laboratorio o fare exempla ficta di enunciato, ma in ogni caso dovremo assegnare loro una illocuzione e indicare con quale intonazione la realizzino, perché essi possano valere in ogni caso come istanze di enunciato. 10

11 maniera propria impiegate a fare enunciato, benché il loro significato lessicale sia vago e mutevole, diciamo subito, in connessione al tipo di illocuzione e all intonazione conseguente con la quale il parlante le realizza, mentre un qualsiasi morfema flessivo, ma anche un clitico o un articolo o una preposizione, il cui significato appare forse più determinato grammaticalmente di quello di un interiezione, non fanno enunciato (a meno di casi particolari di contrasto, ma in realtà assai rari e difficili). condizione semantica minima: l enunciato deve essere costituito almeno da un espressione lessicale piena (anche un interiezione, con esclusione di morfemi legati e liberi) *EST: palestra? (sollecito) *GNO: [<] <no / più che fatto / l ho visti fare / ecco> // (precisazione) *ALB: meno cotta? (richiesta di precisazione) *RIN: ah // (Veglia) (assenso) Esiste poi una condizione che possiamo chiamare formale, costituita dal fatto che l espressione in questione, sia essa un interiezione o una clausola con subordinata, deve essere realizzata da un pattern intonativo, ben formato, dedicato al compimento di una qualche illocuzione e percettivamente rilevante 10. condizione formale: un enunciato deve essere realizzato da un pattern intonativo (percettivamente rilevante, ben formato e dedicato al compimento dell illocuzione) Per poter apprezzare meglio tale condizione, dobbiamo ritornare sulla proposta austiniana e introdurre brevemente la reinterpretazione che è stato possibile formulare sulla base dello studio empirico dei nostri corpora, alla luce della quale proponiamo le seguenti definizioni dei tre atti locutivo, illocutivo e perlocutivo e delle relazioni che tra essi intercorrono. In sintesi: - l atto perlocutivo attiva, per insorgenza pulsionale come reazione al rapporto con l interlocutore, la trasformazione di un immagine mentale in immagine verbale attraverso la sua concreta manifestazione fisica, sotto forma di un affetto verso l interlocutore; - l atto illocutivo traduce l affetto in schema di comportamento verbale sulla base di convenzioni pragmatiche, socio-culturali, cognitive e, in questo modo, realizza l atteggiamento del parlante (base affettiva) verso l interlocutore secondo schemi comunicativi convenzionali; - l atto locutivo realizza, propriamente, la manifestazione fonetica, lessicale, morfosintattica e semantica di cui è sostanziata l immagine verbale. Come si può vedere, l ordine di presentazione degli atti è rovesciato rispetto alla tradizione filosofica, che inizia dall atto locutivo per terminare in maniera sfocata in quello perlocutivo. Crediamo, invece, che il fondamento pulsionale del linguaggio sia il suo motore, anche se evidentemente gli atti, come abbiamo detto, sono simultanei e, 10 Si veda t Hart et alii (1990); Cresti & Firenzuoli (2000); Cresti (2000); Firenzuoli (2003). 11

12 come si può capire, l uno interamente dipendente dall altro. In particolare, però, bisogna sottolineare che esiste un interfaccia formale tra l atto illocutivo e quello locutivo, costituita dall intonazione. atto illocutivo interfaccia intonativa atto locutivo Il comportamento comunicativo-verbale (atto illocutivo) è segnalato dall intonazione che organizza in pattern prosodico la sequenza fonetica (atto locutivo). Quindi l intonazione serve a demarcare nel continuum fonico ciò che corrisponde ad un atto illocutivo, ovvero a identificare un enunciato nella sequenza delle espressioni parlate. 3. L UNITÀ D INFORMAZIONE Ma per proseguire nella nostra descrizione e nell individuazione dell altra entità di riferimento, l unità d informazione, dobbiamo segnalare che l intonazione ha anche un altra funzione oltre a quella della demarcazione degli enunciati nel flusso del parlato, quella di scandire all interno di essi gruppi di parole. L intonazione, quindi, organizza sistematicamente le sequenze sonore (segmentali) che compongono l enunciato in gruppi di parole tramite raggruppamenti suprasegmentali. Le parole facenti capo al gruppo sono unificate dallo svolgimento di una stessa funzione informativa, che le lega in modo da farne un unità d informazione. Le funzioni informative sono molteplici, ma tutte dipendono a qualche titolo da quella illocutiva. La struttura informativa dell enunciato, infatti, è regolata secondo un principio che vede il compimento dell illocuzione come la parte informativa (comment) necessaria e sufficiente dell enunciato e che nella tradizione è stato variamente identificato come rema o come nuovo o come focus e vede la possibilità di altre parti caratterizzate da funzioni informative complementari ad essa, ma opzionali. Tutti i gruppi di parole caratterizzati dallo svolgimento di una funzione informativa e scandite dall intonazione sono, appunto, unità d informazione. Quindi l enunciato è un pattern informativo, ovvero è costituito da una unità d informazione necessaria dedicata al compimento illocutivo, il comment, e da altre unità d informazione complementari ad esso, ma opzionali. atto allocutivo (pattern pragmatico: campo, inciso, forza,appendice, ecc.) interfaccia intonativa (pattern prosodico: prefix, inciso, root, suffix, ecc.) enunciato (pattern informativo: topic, inciso, comment, appendice, ecc.) Come è possibile capire, gli enunciati possono presentare una articolazione informativa piuttosto complessa; essa, in ogni caso, è sistematicamente segnalata dall intonazione. Sulla descrizione di tale rapporto non possiamo soffermarci e rimandiamo ai diversi lavori sull argomento di cui alcuni presenti anche in questi atti e, più in generale, a Cresti (2000) e a Firenzuoli (2003). Vorremmo solo concludere ricordando che il pattern informativo è letto in maniera tendenzialmente isomorfa da un pattern intonativo, composto da unità tonali di tipologia diversa, di cui una sola (root) è necessaria e sufficiente ad assolvere alla buona formazione del pattern tonale e che è dedicata alla realizzazione del comment. Altre 12

13 unità tonali opzionali come, per esempio, quella di tipo prefix, è dedicata alla lettura di unità informativa di topic, quella di suffix, a unità informativa di appendice, quella di inciso, alla lettura di inciso, quella di introduttore, alla lettura degli introduttori locutivi. Sono in corso lavori sperimentali sulle altre unità tonali dedicate alle diverse unità d informazione. Riportiamo nel paragrafo successivo il repertorio delle unità d informazione, con i loro nomi e la sigla normalmente usata per etichettarli, con la frequenza ricavata da indagini là dove ne siamo in possesso, su campionamenti di parlato tra gli 8000 e i enunciati e con una breve descrizione della loro funzione e delle caratteristiche modali rilevanti e dalle principali regole distributive e caratteri intonativi a nostra disposizione. 3.1 Unità d informazione primarie Comment: COM (100%) Funzione: compie la forza illocutiva dell atto, la sua modalità è determinata dall illocuzione; Distribuzione: è necessario per la realizzazione (illocutiva) dell atto; Intonazione: a) viene intonato con una unità tonale di tipo root; b) esistono molte forme intonative specifiche dedicate al compimento di diverse illocuzioni ( per il momento ne sono state indivuate una trentina) 11 *VAL: anche perché / non lo sapevo ancora // (spiegazione) (Nomine in ruolo) *LUC: poi / li puoi anche scaldare // (Minestra di pane) (suggerimento) *SMN: con chi esci? (Macellaio) (domanda di cortesia) *MAX: ferma // (Scuola guida) (ordine) *EST: palestra? (Estetista) (sollecito) *ALB: meno cotta? (Alimentari) (richiesta di precisazione) Topic: TOP (20%) Funzione: esprime il campo di applicazione della forza del comment, distanziando l enunciato dal riferimento contestuale, ha una propria modalità; Distribuzione: a) precede l unità di comment; b) è iterabile; Intonazione: a) viene intonato con una unità tonale di tipo prefix; b) esistono almeno tre forme intonative dedicate *SAB: però / se ti viene uno davanti alto / non vedi nulla // (Concerto) (Topic / Comment) *DAN : la fodera / gliela forniscono? (Pellettiere) (Topic / Comment) *GUG: la Marretti / chi l è? (Affidamento) (Topic / Comment) *KAT: magari / crude / riempian di più // (Zucchine) (Topic / Comment) *LUC: a vedella / insomma / ti fa effetto //(Famiglia) (Topic / Comment) 11 Si veda Cresti & Firenzuoli (2000); Cresti (2000); Firenzuoli (2003). 13

14 *ANG : stasera / l ho regolato com era // (Mixer) (Topic / Comment) Appendice: APP 12 (11%) Funzione: integra testualmente la locuzione dell unità di Topic o di Comment, eredita la modalità dell unità integrata; Distribuzione: a) segue l unità di Topic o di Comment di cui è integrazione; b) è iterabile (C; Intonazione: viene intonato con una unità di tipo suffix *TAM: ce l ho io / la ricetta // (Festa Simone) (Comment / Appendice) *ALM : ma ero dispettosa / dispettosa //(Alma) (Comment / Appendice) *CAR : invece manca Schwarz / manca // (Stadio) (Comment / Appendice) *SAN : e qui indicate il vostro codice contribuente / che è lo stesso //(Esattoria) (Comment / Appendice) *TIZ : sì sì sì / dell anno scorso // (Veglia) (Comment / Appendice) 3. 2 Le unità a carattere dialogico Incipit: ICP Funzione: sancisce la presa di turno o la conferma nel corso dello svolgimento del turno stesso; Distribuzione: a) apre il turno e l enunciato; b) è iterabile. *MAR: allora / il cognome tuo è? (Espresso) (Incipit Comment) *VAL: quindi / loro dovevano stare [///] devono seguire / le fasce / e fare l attribuzione // (Nomine in ruolo) (incipit comment1 comment2) Allocutivo: ALL Funzione: richiama direttamente l interlocutore per assicurare la sua attenzione all enunciato; Distribuzione: a) ha distribuzione libera; b) non è iterabile. *TAM: Veronica / sai icché pensavo? (Festa Simone) (Allocutivo Comment) *LAK: c hai un bicchiere/ Giacomo?(Poker) (Comment Allocutivo) 12 Nel lavoro di etichettamento delle unità d informazione nei corpora parlati sono state usate le sigle APT e APC per indicare rispettivamente appendice di Topic e di Comment. 14

15 Fatico: FAT Funzione: sollecita percettivamente l interlocutore per assicurare l apertura del canale di comunicazione; Distribuzione: a) ha distribuzione libera; b) è iterabile. *GIA: loro / con tutti provano / capito // (Cuba) (Topic Comment Fatico) *SIM: senti / &do [/] indo? (Appuntamento pomeridiano) (Fatico Comment) Conativo: CON Funzione: sollecita o rafforza una richiesta di comportamento dell interlocutore in relazione alla locuzione dell enunciato; Distribuzione: a) occorre in posizione iniziale o finale del pattern informativo; b) è iterabile. *MAU : dammi duemilacinquecinquanta / vai // (Alimentari) (Comment Conativo) *MT1 : dai / stasera / scusa / se vai via presto / non si può parlare // (XXXX) (Donativo Topic Fatico Topic Comment) 3.3 Unità d informazione con funzione metalinguistica Inciso: INX (8%) Funzione: costituisce un inserto metalinguistico entro l enunciato, rispetto al quale esprime una modalità di scarto; Distribuzione: a) non occorre in inizio di enunciato; b) può essere inserito all interno di un comment, di un topic o di una appendice; c) può contenere a sua volta un altro inciso; d) è iterabile; Intonazione: l unità di inciso è intonato da un unità di tipo parentetico *PRE: mi pare che / l architetto Pastelli / abbia posto l accento / giustamente / sull esigenza di omogeneizzazione / che è la sua ipotesi attuale del servizio // (Riunione direttiva) (Topic / Comment interrotto / Inciso / Comment / Appendice ) *PRE: e poi giustamente / e probabilmente ne aveva i sui motivi / ha lasciato il campo // (Riunione direttiva) (Comment interrotto / Inciso / Comment) *TIZ: guardare i bambini / &he / impegnan parecchio / io dico la verità // (Tiziana) (Topic / Comment / Inciso)*PM1 : quini lei / sicuramente / può dire quello che vuole // (Pubblico ministero) (Topic / Inciso / Comment) 15

16 Introduttore locutivo: ILO (4%) Funzione: segnala un comment metalinguistico (discorso riportato, esemplificazioni, elencazione, istruzioni verbali, ecc.), ha una propria modalità; Distribuzione: a) precede immediatamente il comment metalinguistica; b) non è iterabile; Intonazione: viene intonato con una unità di tipo introduttivo *MRA: ma poi gli ho detto / ma di chi è stata / della professoressa? (Marito e moglie) (Introduttore locutivo / Discorso riportato) *SAS: mi fa / che sei qui / a i seminario di Moneglia? (Ricevimento) (Introduttore locutivo / Discorso riportato) *TIZ: della serie / i giovani briachi / il sabato sera / a picchiarsi in piazza Indipendenza // (Sbornia) (Introduttore locutivo / esempio ) *SAN: la gli dice /m hanno detto in esattoria / MB è una ditta individuale // (Esattoria) (Introduttore locutivo / istruzione ) In conclusione, le unità di riferimento del parlato, superiori alla parola, sono due: l enunciato e l unità d informazione. L enunciato può presentarsi in forma semplice, composto da una sola unità d informazione, il comment, oppure sotto forma di pattern informativo composto dal comment e da varie unità d informazione con funzioni diverse. L enunciato e le unità d informazione che lo compongono (atto locutivo) hanno definizione funzionale pragmatica (atto illocutivo) ed hanno un interfaccia intonativa. Più del 50% degli enunciati è articolato informativamente. 4. IL CRITERIO ILLOCUTIVO E LA SUA APPLICAZIONE A GRANDI CORPORA DI PARLATO Sulla base di una ricerca ventennale, condotta sullo studio empirico di corpora di parlato spontaneo e di esperimenti di laboratorio, abbiamo reso operativa l ipotesi teorica che esista un equivalenza tra l unità di riferimento della lingua parlata (enunciato) e unità dell attività umana (atto), e che essa sia segnalata dall intonazione, giungendo alla formulazione di quello che chiamiamo criterio illocutivo. Con esso s intende quel criterio che permette di mettere in relazione: - da una parte il riconoscimento immediato prosodico, su base percettiva, degli enunciati all interno del continuum fonico 13 ; - dall altra il riconoscimento contemporaneo dei caratteri pragmatici, socio-culturali e cognitivi che l enunciato attua e che ci permettono di apprezzarne la forza illocutiva. Se una sequenza parlata non è ben formata intonativamente e non presenta la caratteristica di essere intonata da un pattern codificato di una certa lingua, essa non viene riconosciuta come enunciato; del resto, se essa viene attuata con comportamenti e in contesti aberranti non viene riconosciuta come l appropriato compimento di un atto 13 Il semplice ascolto della produzione parlata ci mette in grado di individuare quale sequenza di parole costituisca un entità a sé per caratteri prosodici (pattern tonale) e, quindi, di identificare il suo corrispettivo locutivo. 16

17 linguistico convenzionale. Esistono lavori sperimentali in entrambi i settori, per quanto riguarda l intonazione, come abbiamo già detto, ma anche per quanto riguarda gli aspetti pragmatici e la formulazione di un repertorio delle azioni linguistiche convenzionali (illocuzioni). Diversamente dalle tassonomie finora proposte esso non è fondato su caratteri del lessico o della modalità, spesso assimilata all illocuzione, ma su contenuti affettivi e conformato secondo tratti pragmatici di vario tipo, convenzionali. Anche per queste ricerche rimandiamo alla bibliografia. Vogliamo segnalare, invece, che l ipotesi e il criterio illocutivo scaturitone sono stati applicati sistematicamente a grandi corpora di lingua spontanea sia italiani (corpora LABLITA) che romanzi (Progetto UE C-ORAL-ROM) e che, sulla base di esso è stata condotta la trascrizione digitalizzata dei testi, che riportano sempre la scansione maggiore (quella di tipo terminale e che individua gli enunciati) e in larga parte anche la scansione interna all enunciato, che ne segnala l articolazione informativa. In questi corpora sono rintracciabili direttamente nel livello della trascrizione del testo, e non in quello della sua notazione prosodica, le unità di riferimento (enunciati e unità di informazione). È stato sviluppato, poi, un programma informatico di sincronizzazione di ogni enunciato alla propria controparte sonora ed ai suoi parametri acustici (spettro, f 0, durata, intensità), con la formazione di basi di dati degli enunciati, intesi come file di allineamento testo/suono/ parametri acustici. Sulla base del criterio illocutivo, dunque, è stato possibile archiviare grandi basi di dati delle unità di riferimento del parlato. A partire da esse sono state condotte già molte ricerche di tipo morfosintattico, lessicale e semantico. Seguono le tavole che in maniera sintetica espongono il contenuto dei corpora di LABLITA e solo un accenno al corpus romanzo C-ORAL-ROM, al quale è dedicato un intero contributo presente in questi atti Corpora di LABLITA 15 I Corpora di LABLITA di parlato italiano (dati aggiornati al 30/04/2003) Corpus di laboratorio ( ) (220 sessioni) 104 ore di registrazione 48 ore di trascrizioni in formato CHAT con annotazione prosodica (confini maggiori e minori) parole enunciati Sonoro interamente digitalizzato Corpus Stammerjohann (1965) 48 ore di registrazione 3 ore di trascrizioni in formato CHAT con annotazione prosodica (confini maggiori e minori) parole enunciati (è prevista per la fine di giugno la trascrizione di circa parole e circa enunciati) 14 Per una descrizione dettagliata del corpus C-ORAL-ROM, si veda il contributo di Moneglia (in questo volume). Si vedano, inoltre: Cresti et alii (2002); Cresti & Moneglia (2002); Cresti & Moneglia (in corso di stampa). 15 <http://lablita.dit.unifi.it>. 17

18 Sonoro interamente digitalizzato Parlato radio-televisivo (37 sessioni) 24 ore di registrazione 11 ore di trascrizioni in formato CHAT con annotazione prosodica (confini maggiori e minori) parole enunciati Sonoro interamente digitalizzato Corpus telefonico (69 sessioni) - 3 ore di registrazione 3 ore di trascrizioni in formato CHAT con annotazione prosodica (confini maggiori e minori) parole enunciati Dialoghi spontanei 1 ora e 40 minuti di registrazione 1 ora e 40 minuti di trascrizioni in formato CHAT con annotazione prosodica (confini maggiori e minori) parole enunciati Dialoghi uomo-macchina 1 ora e 20 minuti di registrazione 1ora e 20 minuti di trascrizioni in formato CHAT con annotazione prosodica (confini maggiori e minori) parole 1645 enunciati Parlato cinematografico (12 film) a) Corpus Rossi 6 film ( ) 9 ore e 36 minuti di sonoro parole (trascrizione integrale in formato CHAT semplificato) b) Corpus Cresti 6 film ( ) 8ore e 33 minuti di sonoro parole (trascrizione parziale in formato CHAT) Parlato della prima acquisizione (dialoghi adulto-bambino mesi) a) Corpus di Ferrara 20 raccolte longitudinali in un asilo nido (181 sessioni) 52 ore circa 181 protocolli (trascrizione in formato CHAT semplificato) b) Corpus di Firenze 10 raccolte longitudinali in famiglia (102 sessioni) 33 ore circa 102 protocolli (trascrizione in formato CHAT semplificato) Sonoro parzialmente digitalizzato. 4.2 Il Corpus romanzo C-ORAL-ROM IST C-ORAL-ROM Corpus Integrated reference corpora for spoken romance languages 16 <http://lablita.dit.unifi.it>. 18

19 Corpora comparabili di parlato spontaneo per italiano, francese, spagnolo e portoghese (distribuito da ELDA) Circa 30/35 ore di registrazione per lingua Almeno parola per lingua Circa enunciati per lingua Corpus italiano 36 ore di registrazione e trascrizione parole enunciati Providers nazionali: UFIR.DIT (LABLITA) Università di Firenze FUL.CLUL Lisboa Universitade LLI UAM Universidad Autónoma de Madrid UPRO Université de Provence Quello che in ogni caso ci interessa sottolineare è che l ipotesi della corrispondenza intonazione-articolazione informativa e della sua apprezzabilità percettiva sembra ampiamente convalidata dalla pratica di trascrizione che ne è stata fatta ormai da molti anni e dai più disparati trascrittori e sia detto, nella maggior parte dei casi non esperti: studenti universitari di primo anno, insegnanti che frequentano corsi di specializzazione per l insegnamento, ma del tutto digiuni di formazione linguistica. Ma quello che appare più rilevante è l esportazione del criterio illocutivo a parlanti lingue diverse dall italiano, che hanno mostrato di essere pienamente in grado di applicarlo a lingue che, pur presentando proprie specificità intonative, hanno potuto essere analizzate sistematicamente secondo gli stessi principi. La nostra proposta, in realtà, ha una forte corrispondenza con quella prassi che tutti noi mettiamo in atto quotidianamente, quando ascoltiamo e interpretiamo quello che ci viene detto. Non ci dobbiamo sorprendere, quindi, se un qualsiasi parlante a seguito di qualche istruzione e un breve addestramento, se è in grado di trascrivere il parlato, lo è anche di segnalarne i confini prosodici, indicanti il compimento di enunciato e le principali unità d informazione da cui esso è scandito. Abbiamo già effettuato un test di controllo sulla consistenza dei criteri di assegnazione della scansione tonale (più brani parlati, sempre gli stessi, fatti scandire da trascrittori diversi in maniera indipendente); il test è stato condotto all interno di ciascuna delle équipes nazionali partecipanti al Progetto europeo. Il livello dell accordo è risultato molto alto e nel caso di italiano, spagnolo e portoghese si attesta su l 84% LA LINGUISTICA DEI CORPORA ORALI (CORPUS BASED LINGUISTICS) Ci si può chiedere, tuttavia, che ricadute possa avere il fatto che grandi corpora siano archiviati con allineamento testo/suono/parametri acustici, ma soprattutto che grandi corpora siano organizzati come base dati delle proprie unità di riferimento (enunciati). Esiste un vantaggio evidente ed immediato, quello di poter studiare ed analizzare non più solamente un testo trascritto, muto, la pianta scritta, appunto, del dato orale, ma il dato abbinato di testo e suono e, ancor più, di poterlo confrontare con la sua 17 Sono in corso validazioni più generali sull intero corpus romanzo. 19

20 contropartita acustica (f 0, spettro, intensità, durata) e procedere in verifiche strumentali, che confermino o correggano le ipotesi fatte solo su base percettiva. Anche perché, come abbiamo mostrato, questo è l unico modo di poter identificare le unità di riferimento superiori alla parola, che hanno una sistematica contropartita intonativa. Al di là di questo, che tuttavia si propone come il nuovo dominio dell oralità, il fatto di avere un corpus misurato rispetto al numero dei suoi enunciati, ovvero rispetto a quella che propriamente è la sua organizzazione testuale, costituisce una specie di base necessaria per gli studi linguistici corpus based e ogni tipo di misurazione e statistica prende l avvio da essa. Le misure dei corpora finora impiegate come unità di riferimento per i dati statistici sono state: - numero di parole, per ora l unica universalmente riconosciuta; - durata temporale, che però è molto poco significativa, in particolare nel campo del parlato spontaneo e soprattutto nelle registrazioni di ambiente, perché possiamo trovare silenzi interminabili, velocità di eloquio diversissime, ecc. Ma è chiaro a tutti i ricercatori che si sono cimentati con la lingua parlata e che intendono sviluppare una linguistica dei corpora che non sia solo studio del lessico 18, che i valori di frequenza di un certo fenomeno morfosintattico e la sua rilevanza, se ha poco senso valutarli rispetto al tempo (per esempio, quante relative al minuto), non ne ha neppure molto valutarli rispetto al numero di parole, perché una frase relativa o un qualsiasi fenomeno morfosintattico, che può avere estensione in numero di parole la più varia, non può essere misurato rispetto al totale delle parole di un corpus. Non è, infatti, il numero di parole la caratteristica che identifica il costrutto, esso è valido come un entità, e come tale, quindi, deve essere rapportato ad un unità di riferimento congrua. La mancanza proprio di tale unità non è un problema di poco conto e la difficoltà teorica è così rilevante che anche la Longman grammar, che si propone per il momento come la trattazione più completa ed avanzata di linguistica dei corpora, denuncia in ogni caso un impasse. Infatti, gli autori indicano l utterance come unità di riferimento del parlato e ne danno anche una definizione in termini di speech act, ma mancando di un criterio di identificazione della stessa all interno del loro corpus, come invece noi facciamo con il criterio illocutivo, non possono farvi ricorso per nessuna misurazione. Sono costretti, da un certo punto di vista, a ricercare anche un unità sintattica di riferimento, che propongono sia quella che essi chiamano C-unit, nella quale sono comprese sia clausole che non clausole, sulla base di quella verifica empirica che mostra che un 38% della produzione parlata non ha struttura di SV. Ma come tutti possono capire, qualsiasi entità che nella propria definizione includa se stessa ed il proprio contrario è un entità teoricamente vacua. Tanto è vero che la C-unit non è presa a riferimento nella presentazione dei loro risultati di frequenza, che continuano ad essere proposti in relazione al numero delle parole. Nella Grammatica, quindi, è possibile visionare attraverso un efficace sistema di rappresentazione grafica l addensamento di un fenomeno rispetto ad uno sfondo, misurato in migliaia o milioni di parole, e la diversa distribuzione di esso nei vari domini linguistici (lingua scritta accademica, di finzione, giornali, parlato conversazionale). Ma mancano dati che esplicitino quale sia il reale rilievo di un certo costrutto all interno del corpus in relazione ad un entità congrua; per 18 Si veda, per una posizione diversa, Rossigni Favretti (2000). 20

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi.

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. Algoritmi 1 Sommario Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. 2 Informatica Nome Informatica=informazione+automatica. Definizione Scienza che si occupa dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV Regole variabili e Scale implicazionali 1 Regole variabili La regola variabile rappresenta il versante descrittivo (punto di vista esterno) della variabilità linguistica

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

LA MONTAGNA. Prima parte

LA MONTAGNA. Prima parte LA MONTAGNA Prima parte 1 In letteratura scientifica esistono vari modelli per spiegare i processi neuropsicologici coinvolti dal calcolo, tra i quali quelli molto diffusi di Mc Kloskey, di Campbell, e

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Competenza 1: Partecipare a scambi comunicativi in modo collaborativo ed efficace Durata del modulo: Declinazione competenza Abilità 1. Comprendere

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Presentazione della classe

Presentazione della classe Presentazione della classe La classe I A del Liceo Scientifico è composta da 19 alunni (7 maschi e 12 femmine). Un ragazzo ha iniziato a frequentare a fine ottobre. Si rileva la presenza di un allievo

Dettagli

Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni

Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni Esercitazioni su connettivi, paragrafi e scritture di sintesi. Prof. Luca Manzoni 1. Coesione e coerenza: i connettivi testuali I CONNETTIVI I passaggi da un capoverso ad un altro e da un paragrafo ad

Dettagli

L analisi di una pratica di insegnamento:

L analisi di una pratica di insegnamento: Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 L analisi di una pratica di insegnamento: il dettato nelle classi prime della Scuola Primaria Elisa Farina farina.elisa@hotmail.it Contestualizzazione

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N -

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - LINGUA ITALIANA: PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, 1.1 Prendere la parola negli scambi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

LO2.3 SESSIONE 3 UN PO DI TEORIA: I CINQUE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LO2.3 SESSIONE 3 UN PO DI TEORIA: I CINQUE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LO2.3 SESSIONE 3 UN PO DI TEORIA: I CINQUE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ Introduzione al tema Presentazione e discussione dei 5 assiomi della comunicazione di Paul Watzlawick

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

Unità 13. In questura. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 13. In questura. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 13 In questura In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sul permesso di soggiorno e sulla questura parole relative all ufficio immigrazione della questura l uso dei pronomi

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

Il potere del Rinforzo. Lucia D Amato

Il potere del Rinforzo. Lucia D Amato Il potere del Rinforzo Lucia D Amato Definizione di Rinforzo Il Rinforzo è qualsiasi EVENTO che avviene subito dopo il comportamento e che produce un aumento (nella frequenza, nell intensità, nella quantità)

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Ascoltare, analizzare e rappresentare fenomeni sonori e linguaggi musicali - Classificare i fenomeni acustici in base ai concetti di silenzio, suono, rumore - Individuare

Dettagli

Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Scuola Infanzia

Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Scuola Infanzia Scuola Infanzia Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Obiettivi: Potenziare l ascolto, la comprensione e la produzione in lingua friulana. Potenziare le capacità

Dettagli

Esercizi del programma (solo su CD-ROM)

Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Esercizi Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Utilizzo dei comandi Per capire il significato dei termini utilizzati nei video è possibile consultare il glossario.. Passa alla schermata successiva. Ritorna

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

DITALS I LIVELLO. Nome Cognome Profilo: Insegnamento dell italiano a Sezione A - Analisi guidata di materiali didattici Tempo: 1 ora e 30 minuti

DITALS I LIVELLO. Nome Cognome Profilo: Insegnamento dell italiano a Sezione A - Analisi guidata di materiali didattici Tempo: 1 ora e 30 minuti Nome Cognome Profilo: Insegnamento dell italiano a Sezione A - Analisi guidata di materiali didattici Tempo: 1 ora e 30 minuti Analizzi le pagine che Le abbiamo fornito (tratte da: ) e risponda alle seguenti

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 17 Il Centro Territoriale Permanente In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta parole

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

Imparare a comunicare efficacemente

Imparare a comunicare efficacemente Imparare a comunicare efficacemente Comunicare efficacemente Per diventare un parlante e un ascoltatore competente è necessario padroneggiare: - le relazioni semantiche - le regole sintattiche Ma anche

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI.

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. INDICE TUTTO SULLA TUA RUBRICA 02 COS È IL SERVIZIO RUBRICA 02 PER UTILIZZARE IL SERVIZIO 03 ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale Articolazione delle prove 1. La competenza TESTUALE 2. La competenza GRAMMA TICALE 3. La competenza LESSICALE - coesione testuale - coerenza testuale - inferenze - registro a. morfologia verbale, b. sistema

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Italiano tecnico 2006-2007. Scrivere chiaro (Plain Language)

Italiano tecnico 2006-2007. Scrivere chiaro (Plain Language) Italiano tecnico 2006-2007 Scrivere chiaro (Plain Language) Scrivere chiaro: cosa significa? Il brigadiere è davanti alla macchina da scrivere. L'interrogato, seduto davanti a lui, risponde alle domande

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

PERCORSO DI PIANIFICAZIONE DI UN RACCONTO

PERCORSO DI PIANIFICAZIONE DI UN RACCONTO PROF.SSA PEZZIN CORSO METACOGNIZIONE NELLA SCUOLA? UNA POSSIBILE NECESSITA CTRH MONZA CENTRO 2013 Attività di laboratorio di lingua Percorso IL DONO DELLA PECORA Il percorso è rivolto ad un gruppo di 14

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi Atti linguistici Per i filosofi del linguaggio ideale: la funzione principale del linguaggio è quella di descrivere stati di cose (descrivere come sarebbe il mondo se l enunciato proferito fosse vero)

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli