Istituto Tecnico Economico F. Severi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Tecnico Economico F. Severi"

Transcript

1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio Scolastico Provinciale di Arezzo Istituto Tecnico Economico F. Severi Documento sul percorso formativo Compiuto dalla Classe 5^ ITER (L. 425/97 D.P.R. 323/98, Art. 5.2) per l ESAME DI STATO dell anno scolastico 2013/14 CLASSE QUINTA SEZIONE ITER INDIRIZZO: ITER (Tecnico Turistico) Approvato nella seduta del consiglio di classe del 12 maggio 2014 Affisso all Albo dell Istituto nella Sede Principale il giorno: 15 maggio

2 I N D I C E Composizione del consiglio di classe pag. 3 Composizione della classe pag. 3 Caratteristiche dell indirizzo pag. 4 Quadro orario pag. 4 Obiettivi generali pag. 5 Obiettivi trasversali pag. 5 Obiettivi didattici pag. 5 Presentazione della classe pag. 6 Relazione del consiglio di classe pag. 7 Metodologie didattiche utilizzate nelle diverse discipline pag. 8 Attività di recupero pag. 8 Strumenti didattici utilizzati pag. 8 Verifiche pag. 8 Modalità di verifica utilizzate nelle diverse discipline pag. 9 Valutazioni pag. 9 Descrizione livelli di apprendimento pag. 9 Attività extracurriculari programmate e realizzate pag. 10 Simulazioni prove di esame pag. 10 Temi pluridisciplinari pag.11 Allegati : 1. Relazioni e programmi delle diverse discipline Italiano - Storia pag. 13 Inglese pag. 17 Francese pag. 20 Tedesco pag. 25 Matematica pag. 27 Discipline Turistico aziendali pag. 29 Legislazione turistica pag. 32 Arte e Territorio pag. 34 Geografia pag. 38 Educazione fisica pag. 40 Religione pag Quesiti di simulazione terza prova pag. 44 Prima simulazione pag. 45 Seconda simulazione pag. 53 2

3 Composizione del Consiglio di classe Docenti Membro Continuità Ore Disciplina interno didattica settimanali Tanfoni Stefania Italiano Tanfoni Stefania Storia Adreani Barbara Bertolini Ida Lingua Inglese Spada Bianca Maria Pattacini Jasmine Lingua Tedesca 5 3 Ferrucci Giovanna Lingua Valtancoli Anne x Francese Marie Camici Cristina Matematica Cirillo Stefano x Discipl.Turistico Aziendali Di Filippo Francesco Legislazione Turistica Zanchi Donatella Territorio e Arte 5 2 Morabito Liliana x Geografia 5 2 Setti Denia Educazione Fisica Viglianisi M.Cristina Religione Composizione della classe 1. Airato Martina 2. Broetto Elena 3. Brogi Giulia 4. Calosci Liliana 5. Cresti Martina 6. D Addio Nicole 7. Koronowic Karolina 8. Lazzerini Gaia 9. Magri Sara 10. Martinelli Serena 11. Nieddu Irene 12. Pagano Rosanna Clara 13. Piazza Elisabetta 14. Stagi Elena 15. Torricelli Eva 16. Torzini Niccolò 3

4 Caratteristiche dell indirizzo - Obiettivi dell'indirizzo Iter Il perito nel Turismo ha competenze specifiche nel campo dei fenomeni economici, nella normativa civilistica e fiscale oltre a competenze specifiche nel comparto delle aziende del settore turistico. Opera nel sistema produttivo con particolare attenzione alla valorizzazione e fruizione del patrimonio paesaggistico, artistico, culturale, artigianale e enogastronomico. Integra le competenze dell ambito gestionale e della produzione di servizi/prodotti turistici con quelle linguistiche ed informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione che al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa. Opera con competenza ed autonomia nelle diverse tipologie di impresa turistica. Oltre a quelle comuni del biennio, le materie che caratterizzano il progetto sono: Legislazione turistica, discipline turistiche aziendali,, storia dell arte e geografia. studio della lingua inglese, francese e tedesca. Lo studio dà luogo anche a: competenze informatiche in ambito matematico e aziendale studio ed applicazione di software gestionali e matematici, con uso di pacchetti informatici quali Word, Excel, Derive, Power Point possibilità di certificazione linguistiche specifiche approfondimenti tematici nell area di progetto nel triennio di ogni specializzazione Quadro orario seguito dalla classe nel quinquennio ITER turistico Aziendale I II III IV V Religione /Studio individuale Educazione Fisica Lingua italiana Storia Educ. Giuridica ed economica 2 2 Scienza della materia 4 4 Scienza della natura 3 3 Lab. Trattamento dati e testi 2 2 Matematica, informatica e laboratorio 5(L) 5 (L) Inglese Francese Tedesco Legislazione Turistica Discipline Turistico Aziendali Geografia del turismo Arte e territorio Economia aziendale 2 2 TOTALE

5 Obiettivi generali Conoscenza - acquisizione di contenuti, cioè di teorie, principi, concetti, termini, tematiche, argomenti, regole, procedure, metodi, tecniche applicative afferenti una o più aree disciplinari o trasversali. Competenza - utilizzazione delle conoscenze acquisite per eseguire dati compiti e/o risolvere situazioni problematiche e/o produrre nuovi oggetti. Capacità - rielaborazione critica significativa e responsabile di determinate conoscenze e competenze anche in relazione e in funzione di nuove acquisizioni (autoapprendimento). Acquisire conoscenze flessibili che consentano il proseguimento degli studi Definire una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive Formazione dell uomo e del cittadino capace di orientarsi e di inserirsi nella realtà sociale. Obiettivi trasversali Acquisire la capacità di comprendere qualsiasi testo scritto. Potenziare la chiarezza espositiva sia scritta che orale. Conoscere ed usare un lessico differenziato Sviluppare la capacità di analisi, di sintesi e di critica. Potenziare le capacità di collegamento tra le varie discipline. Sviluppare la capacità di autovalutazione. Obiettivi didattici Lingua e Lettere italiane Storia, Educazione civica Lingue straniere Inglese e Francese Tedesco Matematica Apprendimento delle linee generali di sviluppo della letteratura Italiana. Lettura, interpretazione e analisi dei testi letterari. Riflessione sul valore della letteratura e della poesia. Conoscenza dei principali argomenti proposti. Capacità di esporre in termini storicamente corretti e di riflettere sugli avvenimenti. Interrelazione tra il panorama storico e quello letterario e culturale. Conoscenza di un lessico specifico adeguato. Acquisizione delle competenze indispensabili per redigere testi e documenti vari. Capacità di comprendere e rielaborare testi letterari, di attualità e di natura turistica. Capacità di esporre gli argomenti contenuti nel programma. Conoscere la teoria riguardante i contenuti proposti e applicarla correttamente alle varie tematiche affrontate. Saper analizzare e utilizzare correttamente i dati del problema e leggere in modo critico i risultati ottenuti. Saper esporre con il linguaggio tecnico, rigoroso e puntuale della disciplina. 5

6 Geografia Conoscenza dei principali paesi extra europei dal punto di vista turistico. Discipline Turistiche Aziendali Legislazione Turistica Arte e Territorio Educazione fisica Religione/Attività Altermative Conoscenza e approfondimento delle tecniche di marketing per la creazione di pacchetti turistici e la loro commercializzazione. Analisi dei costi per la determinazione dei prezzi di vendita. Conoscenza degli aspetti tecnici di gestione delle imprese turistiche. Acquisizione di un linguaggio idoneo e capacità di collegamento tra i vari argomenti trattati e le esperienze della vita reale. Capacità di collegamento con le altre discipline. Acquisizione dei concetti fondamentali di supporto professionale. Conoscenza dei principali argomenti proposti. Capacita di collegamento con altre discipline. Lettura stilistico-formale di un opera d arte con lessico specifico alla materia. Sviluppo abilità di base e consolidamento schemi motori fondamentali. Fondamentali giochi individuali e di gruppo. Elementi di pre-acrobatica. Grandi giochi di squadra : regole e svolgimento. Pronto intervento in caso di malore o di arresto cardiaco Comprensione del linguaggio religioso. Conoscenza del pensiero della Chiesa rispetto ad alcuni ambiti di riflessione della cultura e di alcuni problemi del mondo contemporaneo. Conoscenza dei principali argomenti nella religione Cattolica (Bibbia, documenti pontifici e conciliari) e nelle altre realtà non cristiane. Conoscenza del rapporto tra la dimensione etico-religiosa e tecnicoscientifica nella lettura della realtà.. Presentazione della classe Situazione studenti nel triennio anno corso di N studenti promossi dall anno precedente N studenti inseriti Ripetent i Prov altra scuola N student i ritirati N studenti non promossi o non ammessi totale terza quarta quinta

7 Relazione del Consiglio di classe La classe comprende n.16 alunni (15 femmine-1 maschio),una di esse proviene dal precedente corso ITER (a.s )per ritiro in corso d anno. Nel corso del triennio si sono verificati numerosi cambiamenti sia rispetto alla componente studentesca che al corpo docente,influendo sulla coesione del gruppo caratterizzato da atteggiamenti poco cooperativi, comportamenti superficiali ed immaturi rispetto all impegno scolastico, alla partecipazione didattica ed allo studio individuale. Pertanto i docenti hanno promosso una didattica diretta a coinvolgere e responsabilizzare gli alunni al fine di favorire lo sviluppo delle loro potenzialità, cercando di costruire un clima di lavoro costruttivo e di rinforzare costantemente l interesse e la motivazione all apprendimento con risultati non omogenei rispetto alle singole discipline. La classe si è differenziata al suo interno in relazione all interesse, all impegno, alle capacità ed alla continuità nello studio. Sono perciò identificabili n.3 gruppi: il primo formato da pochi alunni motivati e costanti nell impegno,ha conseguito risultati apprezzabili in tutte le discipline. Il secondo che ha lavorato con impegno abbastanza regolare ma non sempre con metodo adeguato alle potenzialità possedute ha ottenuto un rendimento soddisfacente. Il terzo il più numeroso, rappresentato da alunni che si sono impegnati saltuariamente, con scarsa motivazione e su percorsi semplificati, presenta una preparazione meno solida per le difficoltà incontrate in alcune discipline dove le abilità e le competenze sono state acquisite in modo non del tutto adeguato. Nel corso di questi anni la classe ha mantenuto un comportamento corretto e rispettoso. Il dialogo con i genitori è stato costante e puntuale e si è svolto in un clima di serenità e collaborazione. La classe ha partecipato allo Stage scuola-lavoro con risultati più che soddisfacenti emersi dalle verifiche effettuate ed al progetto Arezzocuore per acquisire l attestato di soccorritore BLS-D dimostrando una partecipazione ed un interesse notevoli. 7

8 Lezioni frontali Discussio ni guidate Lezioni interattive Problem solving Lavori di gruppo Attività di laboratori o Metodologie didattiche utilizzate nelle diverse discipline Religion e Italian o Stori a Tedesc o Ingles e Frances e Mate m Disc Tur. Azienda li Leg. Turistic a Arte e Terrirori o Geografi a x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x Ed. Fisic a Attività di recupero e sostegno Durante il triennio è stato svolto un tutoring di potenziamento e di recupero in itinere nelle ore curricolari al mattino. Per alcune discipline, sono stati organizzati cosi di recupero pomeridiani. Strumenti didattici utilizzati A cura del CdC (Libri di testo, dispense, fotocopie, articoli di giornale, audiovisivi, internet) LIM Laboratorio informatica Carte di geografia. Verifiche Il Consiglio di classe ha deciso di adottare le seguenti forme di controllo per le verifiche sommative sia scritte che orali: prove strutturate e semistrutturate; brevi testi di analisi-comprensione e sintesi,diretti all individuazione degli aspetti fondamentali di un argomento; elaborati testuali, in preparazione dell Esame di Stato:tipologie A(analisi del testo);b (saggio-articolo di giornale) C(storico) D (ordine generale) prove scritte; Interrogazioni e colloqui orali 8

9 Modalità di verifica utilizzate nelle diverse discipline Relig. Italian o Stori a Tedesc o Ingles e Franc. Matem. Disc Tur. Aziendali i Legisl. Turistic a Arte e territori o Geog r Ed. Fisic a Interrogazion e lunga x x x x x x x x x Interrogazion e breve x x x x x x x x x Trattazione sintetica x x x x x x x x Prove pratiche x x x x x x x x x x Tema o problema o esercizi Test strutturati x x x x x x x x x x x x x x Test semistrutturat i Test a domande aperte x x x x x x x x x x Valutazioni Criteri per le valutazioni intermedie e finali Per la valutazione si e tenuto conto dei seguenti elementi: Livello di partenza e progressione compiuta rispetto a tale livello Interesse e partecipazione Impegno e Metodo di Studio Livello di conoscenze ed abilità Capacità di esposizione ed uso del linguaggio appropriato Autonomia e rielaborazione critica Capacità di analisi e sintesi. Descrizione livelli di apprendimento GIUDIZIO DI PROFITTO PROFITTO VOTO 1. La preparazione è gravemente insufficiente. Lo studente non conosce gli argomenti proposti, commette gravi errori, non ha conseguito le abilita richieste. Non e in grado di effettuare analisi e sintesi. Non ha autonomia di giudizio 2. La preparazione è molto insufficiente. E stata verificata una conoscenza lacunosa degli argomenti di base e della struttura della materia. Solo talvolta riesce ad effettuare analisi e sintesi limitatamente ad alcuni argomenti 3. La preparazione è insufficiente. E stata verificata una conoscenza frammentaria e superficiale dei contenuti Sa effettuare analisi non approfondite Se guidato, riesce a sintetizzare 4. La preparazione è sufficiente. E stata verificata l acquisizione dei contenuti, che consentono allo studente alcune abilita disciplinari, sebbene egli non abbia adeguatamente approfondito i contenuti stessi. MOLTO SCARSO SCARSO MEDIOCRE SUFFICIENTE 6 9

10 Ha acquisito capacita di analisi e di sintesi, ma restano alcune incertezze 5. La preparazione è discreta. Lo studente conosce, comprende in modo analitico e sa applicare i contenuti e le procedure proposte. Ha acquisito autonomia nella sintesi e sa effettuare valutazioni autonome 6. La preparazione è buona. E stata verificata una conoscenza completa della materia, capacita di rielaborazione personale dei contenuti e capacita di operare collegamenti. E in grado di effettuare valutazioni complete ed approfondite 7. La preparazione è ottima. Sono stati verificati la conoscenza completa della materia, la capacita di rielaborare i contenuti, di operare collegamenti, di organizzare autonomamente le conoscenze in situazioni nuove ed il possesso di capacita di analisi e di sintesi. DISCRETO BUONO OTTIMO Attività extracurriculari programmate e realizzate Attivita Argomento Partecipanti Visite guidate e altre attività Certificazioni Alternanza lavoro Orientamento universitario scuola Viareggio:teatro in francese Lago di Garda Il Vittoriale degli italiani Firenze salone dello studente. Praga-Monaco. Meeting sui diritti umani: I diritti delle donne Partecipazione alla Giornata della Memoria Corso centro sistemi Zucchetti Corso DAE Aziende turistiche del Valdarno / strutture pubbliche Corso di orientamento professionale e universitario in classe con esperti esterni 7 alunni 11 alunni 13 alunni 12 alunni Tutta la classe Tutta la classe 3 alunni Tutta la classe Tutta la classe Tutta la classe Simulazioni delle prove di esame effettuate nel corso dell anno Simulazione di I prova n. 1 Simulazione di II prova n. 1 Simulazione di III prova n. 2 tipologia B (3 quesiti a risposta singola per ogni materia, con applicazione art. 4 per lingua straniera) Per la corrispondenza tra i livelli raggiunti e i voti si fa riferimento alle varie griglie di valutazione (accluse a parte al presente documento) che riportano gli indicatori e i descrittori di valutazione diversificati per ogni tipo di prova. 10

11 Temi pluridisciplinari Alcuni docenti, nella loro programmazione iniziale hanno ritenuto necessario creare un coordinamento interdisciplinare su alcuni argomenti comuni nelle diverse discipline al fine di presentare agli alunni alcuni temi in maniera più completa e approfondita: 1. Progettazione di itinerari turistici ( Geografia, Lingue, Discipline Turistiche, Arte e Territorio) 2. Analisi di opere pittoriche (Arte e Territorio Lingue) 3. Aspetti giuridici di un impresa turistica ( Discipline turistiche e Legislazione turistica) Il Consiglio della Classe V ITER Docenti Tanfoni Stefania Adreani Barbara Bertolini Ida Ferrucci Giovanna Valtancoli Anne Marie Spada Bianca Maria Pataccini Jasmine Camici Cristina Cirillo Stefano Di Filippo Francesco Zanchi Donatella Morabito Liliana Setti Denia Viglianisi M.Cristina Firma San Giovanni Valdarno, 15 maggio 2014 Il coordinatore (Prof. Stefania Tanfoni) Il Dirigente Scolastico (Prof. Claudio Ermini) 11

12 RELAZIONI FINALI E PROGRAMMI SVOLTI Relazione finale e programma svolto dal docente 12

13 Prof.ssa Stefania Tanfoni Materia ITALIANO / STORIA classe V Sez. Iter I T A L I A N O Breve giudizio sulla classe La classe a conclusione del percorso triennale evidenzia un livello di preparazione disomogeneo. Lo scarso interesse e una inadeguata partecipazione al dialogo educativo hanno determinato l emergere di fragilità e debolezze rispetto alle tematiche trattate.le lezioni ordinarie sono state penalizzate da numerose assenze che hanno inciso in modo importante sul consolidamento e potenziamento delle conoscenze. Pertanto alcuni alunni hanno ottenuto attraverso un impegno serio e costante ottimi risultati. altri pur lavorando in modo discontinuo e superficiale hanno raggiunto un profitto sufficiente, ma permangono difficoltà rispetto ad un metodo di studio produttivo. Durante tutto l anno scolastico si è cercato di far acquisire strategie di apprendimento più efficaci per un approccio più autonomo e maturo allo studio ed incrementare la motivazione personale. Gli obiettivi minimi sono stati raggiunti da tutti gli alunni tuttavia l interesse per i contenuti non sempre è stato affiancato da un impegno adeguato soprattutto nella produzione scritta. E stato inoltre necessario ridurre gli argomenti previsti in sede di programmazione annuale. La classe durante l a.s. ha mantenuto un comportamento corretto e rispettoso. Il dialogo con le famiglie è stato sereno e puntuale. Conoscenze In linea generale la classe ha assimilato i contenuti nelle linee essenziali ed è in grado di orientarsi - anche se in alcuni casi sommariamente nel panorama Letterario del 900, riconoscendo le caratteristiche formali dei generi ed inserendo i principali autori e movimenti nel contesto Storico- Culturale. Competenze Per quanto riguarda le competenze specifiche della scrittura, si è cercato di guidare ed esercitare la classe alle diverse tipologie testuali, in modo da permettere agli alunni di affrontare la prima prova di esame con una preparazione adeguata : a tal fine tutte le prove scritte di Italiano sono state proposte rispettando le tipologie della prova di esame. Alcuni studenti hanno acquisito la consapevolezza strutturale delle varie forme di scrittura e sanno affrontarle con rigore e creatività ; altri sono ancora legati al tema tradizionale ma sanno comunque organizzare le riflessioni personali in un testo coerente ; solo pochi elementi presentano difficoltà espositive dovute a carenze di base e scarse capacità di recupero. 13

14 Capacità Alcuni studenti hanno approfondito le conoscenze e sono in grado di analizzare e rielaborare in modo autonomo i dati delle tematiche letterarie. Mentre per altri le capacità di rielaborazione ed analisi critica sono state acquisite ad un livello più superficiale e l espressione risulta meno fluida ed appropriata. S T O R I A La maggior parte della classe conosce le linee essenziali degli argomenti trattati ed è in grado di inserire i più importanti avvenimenti del 900, secondo i nessi causa effetto, nella loro dimensione spazio temporale. Alcuni studenti, i più motivati, hanno approfondito la preparazione e sono capaci di operare analisi stabilendo relazioni con i contesti sociali ed istituzionali, producendo una sintesi concettuale delle conoscenze ed utilizzando un lessico appropriato. In altri prevalgono modalità espressive mnemoniche, con un linguaggio incerto. Conoscenze - Acquisizione delle linee generali di sviluppo del panorama storico. - Conoscenza dei concetti e dei termini propri della storeografia. - Conoscenza delle problematiche sociali economiche politiche, relative ai principali eventi trattati. Competenze - Saper organizzare secondo uno scema causa effetto i contenuti di un testo storico. - Saper contestualizzare secondo criteri spazio temporali le principali informazioni storiche, stabilendo fra esse relazioni oggettive. - Produrre riflessioni critiche personali anche in prospettiva di una attualizzazione dei contenuti storici. Capacità - Capacità di esporre i contenuti con un lessico appropriato alle tematiche affrontate. - Autonomia nella rielaborazione dei contenuti attraverso una trattazione sintetico schematica. - capacità di risolvere quesiti a risposta singola e a risposta multipla. 14

15 Programma svolto Italiano I Quadrimestre Modulo I L età del positivismo Aspetti del naturalismo Caratteri del verismo: G. Verga. ModuloII Il Decadentismo G. Pascoli G. Carducci G. D Annunzio.Modulo III Le Avanguardie. II Quadrimestre Modulo I La crisi delle certezze razionali e l esperienza letteraria del romanzo. L. Pirandello. Svevo. Modulo II Raccolte liriche del 900. G. Ungaretti U. Saba E. Montale. S. Quasimodo Programma svolto Storia I Quadrimestre Modulo I La grande guerra. L Europa agli inizi del 900:tensioni interne ed internazionali. Cause e dinamiche della I guerra mondiale. L Italia dalla neutralità all intervento. La grande guerra come svolta storica. ModuloII La rivoluzione russa e la nascita dell URSS. Le radici della rivoluzione La guerra civile e il comunismo di guerra L unione sovietica da Lenin a Stalin. Modulo III 15

16 Le tensioni del dopoguerra e gli anni 20 Il dopoguerra nei paesi sconfitti e la Germania di Weimar. Il dopoguerra nei paesi vincitori. II Quadrimestre Modulo I La crisi del dopoguerra in Italia e l avvento del fascismo. L età della crisi e dei totalitarismi. La crisi del 29 e il New Deal Il regime fascista, il nazismo al potere. Il totalitarismo staliniano ModuloII La seconda guerra mondiale: le radici del conflitto La guerra lampo tedesca e l espansione dell Asse. La svolta del 1941: dalla guerra europea alla guerra mondiale. L olocausto. La resistenza. La crescita dell Occidente. Modulo III L Italia repubblicana: i valori della Costituente e le elezioni del Il miracolo economico 16

17 Relazione finale e programma svolto dalla prof.ssa Barbara Adreani Materia: Inglese Breve giudizio sulla classe Ho insegnato in questa classe negli ultimi due anni e sono stata la loro terza insegnante. La situazione in cui mi sono trovata a lavorare in quinta è stata molto diversa, decisamente migliore, rispetto a quella dell anno precedente. In quarta ho cominciato a lavorare con una classe che presentava una preparazione estremamente superficiale, con pochissime eccezioni, e problemi disciplinari che impedivano un lavoro costante e sereno. L impostazione di un metodo di lavoro che ci permettesse di procedere con regolarità e sicurezza crescente era ostacolata da momenti di disgregazione, da malcontenti dovuti anche a fattori che nulla avevano a che fare con la materia, da comportamenti di pochi che avevano ripercussioni negative su tutta la classe. Nell anno scolastico successivo la compagine della classe è cambiata e si è subito instaurato un clima più sereno che ci ha permesso di svolgere un programma accettabile. Gli allievi, fin dall inizio, hanno frequentato le lezioni con regolarità, tranne poche eccezioni, e con un certo interesse. Pur dovendo spesso intervenire per far notare una persistente leggerezza nell affrontare gli argomenti proposti (scarsa concentrazione in classe, incostanza nello svolgimento dei compiti a casa) nella preparazione alle verifiche la maggior parte della classe ha mostrato una certa organizzazione e puntualità. Questo ha portato a qualche miglioramento rispetto all anno precedente. Conoscenze La conoscenza delle strutture linguistiche non è omogenea. Alcuni allievi mostrano difficoltà sintattiche e grammaticali sia a livello di comprensione che di produzione. Per alcuni l esposizione orale è ancora faticosa e la pronuncia poco corretta nonostante l impegno e gli esercizi, anche con la lettrice madrelingua,. Più soddisfacenti sono le conoscenze lessicali, specialmente per quanto riguarda la microlingua relativa al mondo del turismo. Competenze Buona parte della classe è in grado di comprendere testi scritti di argomento turistico di livello intermedio (B1/B2) e di produrre testi non particolarmente complessi utilizzando la microlingua del settore. Nelle simulazioni di terza prova e nelle verifiche che richiedevano la comprensione e la produzione di testi si è cercato di valorizzare la rielaborazione personale, come risulta anche dalla griglia allegata. 17

18 Capacità Mentre lo studio più teorico della lingua ha sempre evidenziato la fragilità di questo gruppo, non sono mai mancati la disponibilità, l entusiasmo e la partecipazione attiva a iniziative di carattere pratico, per esempio nella preparazione di presentazioni in power point, nella redazione di curriculum, nell impegno nel periodo di tirocinio, nell ideazione e nella stesura delle tesine da presentare all esame di stato. Programma svolto A.S Classe 5 ITER Programma di Lingua Inglese Dal libro di testo di A. BARTOLINI, C. MATASSI, Global Travellers, Clitt Module 5 : Visiting Italy - Presentation (p. 132) - Islands (p , p ) - Seaside resorts, The Adriatic Riviera (p. 141) - Mountain resorts (p ) - Hilly areas (p. 150) - Spa towns (p. 152) - Art cities (p ) - Telling about a legend (p.163) Module 6: Visiting UK and USA - The UK (p ) - England at a glance (p ) - The Lake District (p.180) - London (p , + extra notes and map) 18

19 - US geography (p. 200) - New York (photocopies) - San Francisco (photocopies) Literature. Excerpts from: - Jack Kerouac, On the road (p ) - Frances Mayes, Under the Tuscan Sun (photocopies) Correspondence. Applying for job: - Application + CV (p ) 19

20 Breve giudizio sulla classe Relazione finale e programma svolto dalla prof.ssa Giovanna Ferrucci Materia: Francese La classe ha affrontato lo studio del francese con il supporto del lettore (assistente madre lingua) nel triennio per una ora settimanale. L impegno nell apprendimento della lingua è stato abbastanza costante durante le lezioni. La classe, pur avendo un atteggiamento poco propenso all approfondimento dei contenuti proposti, ha sempre mostrato disponibilità all ascolto e un discreto interesse durante lo svolgimento delle attività linguistiche guidate dall insegnante nelle ore di lezione. Tuttavia, gran parte degli studenti non ha sostenuto e consolidato il lavoro svolto in classe con una costante applicazione personale e non ha quindi maturato adeguata autonomia nello studio della lingua. Le carenze sono infatti dovute alla mancanza di studio ragionato, di approfondimento autonomo, di riflessione sugli aspetti linguistici e culturali affrontati prevalendo quindi uno studio mnemonico spesso superficiale. 6-7 alunni si sono impegnati maggiormente per raggiungere un discreto grado di consapevolezza e competenza linguistico-comunicativa. Per il resto della classe il livello di preparazione è mediamente sufficiente e sicuramente migliore nelle attività di comprensione orale e scritta rispetto a quelle legate alla produzione. Tutta la classe ha sempre mostrato un comportamento corretto e rispettoso sotto il profilo disciplinare Conoscenze Competenze Strutture grammaticali e morfosintattiche della lingua Sistema fonologico, ritmo e intonazione Ortografia e punteggiatura Lessico generale e specifico Strategie fondamentali della comunicazione scritta e orale Tecniche di analisi testuale secondo le varie tipologie: testi letterari,testimonianze, articoli, testi argomentativi e informativi, lettere d ordine turistico commerciale Tecniche di scrittura formale e informale Elementi di base del turismo Testi di autori francesi del XIX e XX secolo Realtà geopolitica,sociale e economica della Francia in confronto con l Italia Capire il senso generale di un testo di varia natura (economico-turistico, letterario, storico, di attualità ) e riconoscerne la struttura Ricavare informazioni specifiche e identificare il contesto Produrre un breve testo coerente lettere personali e commerciali, brevi racconti, espressione di opinioni personali, punti di vista, riassunti Comunicare in situazione di scambio, presentarsi, reagire a domande, impegnarsi a mantenere una conversazione, fornire informazioni, suggerire, proporre, esprimere il proprio punto di vista 20

21 Capacità Utilizzare un lessico appropriato Padroneggiare le forme sintattiche Interagire scambiando informazioni generali e specifiche utilizzando strategie appropriate Autonomia nella produzione, comprensione e rielaborazione Saper gestire conversazioni su argomenti d ordine turistico e geografico Saper usare il dizionario bilingue e monolingue Programma svolto TOURISME - A.Paci «VOYAGES ET PARCOURS» -CLITT + des photocopies LES TRANSPORTS L HEBERGEMENT Les Hotels Les Gîtes Les Chambres d hôte Auberges de jeunesse Camping Caravaning Village de vacances Le tourisme responsable :Parcours 1 «Les alter-vacances» ; «Pour sauver la planète, voyagez vert» CIVILISATION : S.Doveri, R.Jeannine «PARCOURS» - EUROPASS + des Photocopies L ADMINISTRATION DU TERRITOIRE L organisation administrative La décentralisation PETIT TOUR DANS LES REGIONS FRANÇAISES Le Nord, Le Sud, L Est, L Ouest, Le Centre PARIS : PORTRAIT DE LA CAPITALE * Le nom * Le territoire et le plan de la ville * L administration * Les transports * Les monuments anciens (la Sainte Chapelle, Notre Dame, le Louvre, les Champs- Élysées, Place des Vosges, le Panthéon, l Hôtel national des Invalides, le Sacré Cœur) * Les monuments modernes (Paris en fer, le Centre Georges Pompidou, le Musée d Orsay, l Institute du Monde Arabe, le Grand Louvre, la Grande Arche de la Défense, le Musée du quai Branly) * Les Grands Travaux * Les Grands Magasins* Paris plages 21

22 * Les lieux mythiques de Paris (Saint-Germain-des-Prés, Montmartre, Montparnasse, le Quartier Latin) HISTOIRE : DE LA PREMIERE A LA CINQUIEME REPUBLIQUE * La Première République * Le Premier Empire * Le Congrès de Vienne et La Restauration * La Seconde République * Le Second Empire * La Commune * La Troisième République * La Première guerre mondiale * Entre les deux guerres mondiales * La Seconde guerre mondiale * La Quatrième République * La décolonisation * La Cinquième République POLITIQUE ET INSTITUTIONS * La Cinquième République * Le Président de la République - L Elysée - Les six présidents de la Cinquième République - La cohabitation ; la reforme de 2000 * Les autres Institutions de l Etat LITTERATURE: CHOIX D UN ECRIVAIN DU XIXE SIECLE : CHARLES BAUDELAIRE * Sa personnalité * Les Fleurs du mal * Analyse de : «Spleen», «Albatros» * «Le joujou du pauvre» tiré de «Petits poèmes en prose» Lecture et analyse de «Les enfants qui s aiment», «Pour toi mon amour» tirés de «Paroles» LECTURE ET ANALYSE D ARTICLES AVEC LE PROF. ANNEMARIE VALTANCOLI RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE BIANCA MARIA SPADA- JASMINE PATACCINI LINGUA E CIVILTA TEDESCA Ore settimanali: 3 PROFILO DELLA CLASSE La classe é composta da 16 alunni che studiano il tedesco come terza lingua straniera ed è stata rilevata dalla scrivente nel corrente anno scolastico. Nel primo trimestre, le diffuse lacune grammaticali, lessicali e comunicative hanno obbligato la docente a riprendere argomenti già trattati in precedenza, con un conseguente rallentamento nella programmazione e snellimento in alcune sue parti. Dopo un primo approccio difficoltoso con la materia di studio, gli alunni hanno evidenziato partecipazione e un atteggiamento più propositivo ed impegnato soprattutto nell affrontare gli argomenti della micro lingua. Valido supporto è stata la collega di madrelingua, le cui lezioni sono state dedicate agli aspetti storici e culturali della Germania e al potenziamento dell abilità di interazione orale. Si è cercato di far acquisire in maniera semplice gli elementi professionalizzanti della materia e renderli autonomi in un futuro approccio lavorativo con la lingua. 22

23 OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze Gli alunni hanno portato a termine il loro percorso scolastico facendo uso della microlingua turistica presente nei libri di testo, ma soprattutto in materiale fotocopiato, rielaborato e semplificato. Competenze - Saper leggere e comprendere semplici testi di micro lingua presenti nel testo ed usati per migliorare il proprio bagaglio di conoscenze specifiche, arricchire il vocabolario della terminologia specifica, riconoscere e rispondere in modo semplice a domande riguardanti argomenti trattati nelle letture. - Saper condurre brevi e semplici conversazioni - Saper comprendere brevi conversazioni in ambito specifico Capacità La maggior parte della classe dimostra di aver sufficientemente assimilato quanto proposto dal programma, riuscendo a comprendere testi turistici utili nel lavoro in agenzia e esprimendosi oralmente in modo semplice Metodologia di insegnamento Metodo diretto e situazionale, volto ad un confronto con gli aspetti concreti da affrontare nell uso pratico della lingua. La lezione, è stata di tipo frontale, dialogata. Modalità di verifica Verifiche scritte(esercizi di grammatica, comprensioni, redazione di semplici itinerari) e verifiche orali(interrogazioni e descrizione di immagini). Strumenti utilizzati Libri di testo: Fertig los! 2 Zanichelli Editore e Mit Blick auf Tourismus Poseidonia Fotocopie, Lim, internet CONTENUTI Revisione, consolidamento e ampliamento delle principali regole grammaticali e strutture morfosintattiche: la costruzione della frase e l ordine dei complementi; le preposizioni con il dativo e l accusativo; la frase subordinata causale, temporale, dichiarativa; i verbi regolari e irregolari; il Perfekt e il Präteritum; la declinazione degli articoli e aggettivi. Tourismus: - Das Hotel: drei Hotel stellen sich vor-piktogramme und Abkürzungen- Bitte um Auskünfte Buchung - Programme: Die Romantische Strasse-Angebot mit Programm Das Märchen- Die Brüder Grimm 23

24 - Der Reiseplanung - Auskunft in einer Stadt - Deutsche Städte: Stadtrundgang durch München und Berlin - Eine Reservierung - Deutschland auf einen Blick: die Lage und die Bundesländer - Multikulti: typisch Deutsch (fotocopia) - Drei Generationen Cuffaro in Wolfsburg(fotocopia) - Die Geschichte Deutschlands nach dem zweiten Weltkrieg begann der Kalte Krieg - Die Berliner Mauer - Die Wiedervereinigung - Film: das Leben der Anderen (in italiano) 24

25 Proff. BIANCA MARIA SPADA- JASMINE PATTACINI LINGUA E CIVILTA TEDESCA Ore settimanali: 3 PROFILO DELLA CLASSE La classe é composta da 16 alunni che studiano il tedesco come terza lingua straniera ed è stata rilevata dalla scrivente nel corrente anno scolastico. Nel primo trimestre, le diffuse lacune grammaticali, lessicali e comunicative hanno obbligato la docente a riprendere argomenti già trattati in precedenza, con un conseguente rallentamento nella programmazione e snellimento in alcune sue parti. Dopo un primo approccio difficoltoso con la materia di studio, gli alunni hanno evidenziato partecipazione e un atteggiamento più propositivo ed impegnato soprattutto nell affrontare gli argomenti della micro lingua. Valido supporto è stata la collega di madrelingua, le cui lezioni sono state dedicate agli aspetti storici e culturali della Germania e al potenziamento dell abilità di interazione orale. Si è cercato di far acquisire in maniera semplice gli elementi professionalizzanti della materia e renderli autonomi in un futuro approccio lavorativo con la lingua. OBIETTIVI RAGGIUNTI Conoscenze Gli alunni hanno portato a termine il loro percorso scolastico facendo uso della microlingua turistica presente nei libri di testo, ma soprattutto in materiale fotocopiato, rielaborato e semplificato. Competenze - Saper leggere e comprendere semplici testi di micro lingua presenti nel testo ed usati per migliorare il proprio bagaglio di conoscenze specifiche, arricchire il vocabolario della terminologia specifica, riconoscere e rispondere in modo semplice a domande riguardanti argomenti trattati nelle letture. - Saper condurre brevi e semplici conversazioni - Saper comprendere brevi conversazioni in ambito specifico Capacità La maggior parte della classe dimostra di aver sufficientemente assimilato quanto proposto dal programma, riuscendo a comprendere testi turistici utili nel lavoro in agenzia e esprimendosi oralmente in modo semplice Metodologia di insegnamento Metodo diretto e situazionale, volto ad un confronto con gli aspetti concreti da affrontare nell uso pratico della lingua. La lezione, è stata di tipo frontale, dialogata. Modalità di verifica Verifiche scritte(esercizi di grammatica, comprensioni, redazione di semplici itinerari) e verifiche orali(interrogazioni e descrizione di immagini). Strumenti utilizzati Libri di testo: Fertig los! 2 Zanichelli Editore e Mit Blick auf Tourismus Poseidonia 25

26 Fotocopie, Lim, internet CONTENUTI Revisione, consolidamento e ampliamento delle principali regole grammaticali e strutture morfosintattiche: la costruzione della frase e l ordine dei complementi; le preposizioni con il dativo e l accusativo; la frase subordinata causale, temporale, dichiarativa; i verbi regolari e irregolari; il Perfekt e il Präteritum; la declinazione degli articoli e aggettivi. Tourismus: - Das Hotel: drei Hotel stellen sich vor-piktogramme und Abkürzungen- Bitte um Auskünfte Buchung - Programme: Die Romantische Strasse-Angebot mit Programm Das Märchen- Die Brüder Grimm - Der Reiseplanung - Auskunft in einer Stadt - Deutsche Städte: Stadtrundgang durch München und Berlin - Eine Reservierung - Deutschland auf einen Blick: die Lage und die Bundesländer - Multikulti: typisch Deutsch (fotocopia) - Drei Generationen Cuffaro in Wolfsburg(fotocopia) - Die Geschichte Deutschlands nach dem zweiten Weltkrieg begann der Kalte Krieg - Die Berliner Mauer - Die Wiedervereinigung - Film: das Leben der Anderen (in italiano) 26

27 Relazione finale e programma svolto dalla prof.ssa Cristina Camici Materia: Matematica Breve giudizio sulla classe Conosco la classe dallo scorso anno scolastico e presentava al mio arrivo una situazione particolarmente difficile. La maggioranza degli allievi non era in possesso dei prerequisiti necessari per poter instaurare i nuovi processi di apprendimento pertanto, fin da subito, ho ritenuto indispensabile effettuare attività di recupero volta a cercare di colmare le grandi lacune nella preparazione di base. Non tutti gli alunni hanno mostrato un impegno adeguato e responsabile ma molti di loro si sono impegnati con serietà cercando di recuperare le proprie carenze. In alcune occasioni, è stato necessario richiamarli a tenere un atteggiamento più maturo e responsabile per favorire una maggiore concentrazione in classe e nel lavoro domestico. Frequenti sono inoltre state le assenze strategiche in occasione delle verifiche. I risultati ottenuti nella materia non sono omogenei ma si possono comunque considerare globalmente accettabili anche se gli obiettivi minimi sono stati raggiunti talvolta solo parzialmente.si può rilevare la presenza all interno della classe di un piccolo gruppo di studenti dotati di buone capacità logico deduttive che ha mostrato un costante interesse verso la disciplina ed ha così potuto raggiungere risultati decisamente soddisfacenti. I moduli previsti in sede di programmazione sono stati svolti integralmente, con un livello di approfondimento medio. Conoscenze Le conoscenze acquisite comprendono argomenti di analisi matematica rivolti allo studio completo delle funzioni di una variabile, applicazioni del calcolo combinatorio e probabilistico e lo studio delle funzioni di due variabili. Competenze Lo studente è in grado di studiare e rappresentare graficamente le funzioni reali determinandone il corretto comportamento attraverso gli strumenti forniti dell analisi matematica, di saper interpretare i grafici, di utilizzare correttamente gli strumenti del calcolo probabilistico Capacità Lo studio degli argomenti trattati ha permesso allo studente di analizzare i dati,leggere in modo critico i risultati ottenuti,tradurre e risolvere scientificamente problemi reali. Per quanto riguarda l esposizione orale dei vari argomenti permangono in qualche caso delle incertezze, ma, in linea di massima, gli studenti hanno dimostrato di saper riferire i contenuti affrontati esprimendoli con un linguaggio sufficientemente appropriato, anche se 27

28 talvolta il metodo di lavoro è apparso rivolto allo studio mnemonico piuttosto che ad una autonoma rielaborazione personale. Programma svolto FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE Richiami : ricerca del dominio, studio del segno e delle simmetrie, ricerca dei massimi e minimi relativi e degli asintoti, la costruzione del grafico. Le funzioni continue e le discontinuità di prima, seconda e terza specie. Le funzioni derivabili. La continuità e la derivabilità. I teoremi di De L' Hopital. Il teorema di Rolle. Il teorema di Lagrange. La ricerca dei massimi, minimi e flessi con il metodo delle derivate successive. IL CALCOLO COMBINATORIO Le disposizioni semplici e con ripetizione. Le permutazioni semplici e con ripetizione. Le combinazioni semplici. I coefficienti binomiali e le loro proprietà. Lo sviluppo delle potenze di un binomio. LA PROBABILITA' La probabilità nella concezione classica. La probabilità nella concezione statistica. La legge empirica del caso. La probabilità nella concezione soggettiva. Eventi compatibili e incompatibili. La probabilità totale. Eventi dipendenti e indipendenti.la probabilità condizionata. La probabilità composta. La probabilità contraria. FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI Funzioni reali di due variabili. Dominio e rappresentazione grafica del dominio. Linee di livello. Equazioni e disequazioni di primo grado in due variabili. Sistemi di disequazioni di primo grado in due variabili. Equazioni e disequazioni di secondo grado in due incognite. La programmazione lineare. Il metodo grafico Libri di testo usati : ITER Matematica per il turismo volumi C,D1,D2 Ghisetti e Corvi Editori 28

29 Relazione finale e programma Cirillo Stefano Materia: Discipline Turistiche Breve giudizio sulla classe Insegno in questa classe dal terzo anno scolastico e fin dall inizio gli alunni hanno dimostrato un impegno soddisfacente anche se lo studio e stato finalizzato prediligendo l aspetto mnemonico e nozionistico piuttosto non completandolo con rielaborazioni e riflessioni personali. I risultati ottenuti nella materia si possono comunque considerare globalmente sufficienti per quasi tutti, in qualche caso discreti o buoni. I moduli previsti in sede di programmazione sono stati svolti integralmente, con un livello di approfondimento medio. Conoscenze La maggior parte della classe ha acquisito le conoscenze essenziali relative al sistema turistico e in particolar modo agli aspetti più importanti ad esso collegati. Ha consapevolezza del ruolo che hanno i soggetti che operano e si muovono al suo interno, come pure dell importanza rivestita dal marketing per tale settore. Per alcuni alunni le conoscenze acquisite presentano qualche incertezza. Competenze Quasi tutti gli alunni sono in grado di progettare semplici viaggi e soggiorni, utilizzare i servizi turistici presenti nel territorio e offerti da altri soggetti o impostare programmi di attività nelle ADV, grazie anche allo stage realizzato negli ultimi due anni di corso presso imprese turistiche presenti nel territorio. Capacità La maggior parte della classe riesce ad analizzare le realtà turistiche ed è in grado di risolvere semplici casi concreti riguardanti la gestione di imprese turistiche. Per quanto riguarda l esposizione orale dei vari argomenti permangono in qualche caso delle incertezze, ma, in linea di massima, gli studenti hanno dimostrato di saper riferire i contenuti affrontati esprimendoli con un linguaggio appropriato, anche se talvolta il metodo di lavoro è apparso rivolto allo studio mnemonico piuttosto che ad una autonoma rielaborazione personale. 29

30 Programma svolto ANALISI, SVILUPPO E TENDENZE DEL MERCATO TURISTICO Il mercato: generalità I caratteri del turismo internazionale L Italia nel turismo internazionale MARKETING E MARKETING TURISTICO NELL ERA DI INTERNET Generalità sul marketing Gli orientamenti commerciali: dalla produzione al marketing Il marketing Management Le strategie intensive di sviluppo Marketing industriale e dei servizi Marketing turistico e i suoi soggetti LA SEGMENTAZIONE DELLA CLIENTELA E LE RICERCHE DI MERCATO La scelta del mercato-obiettivo La segmentazione del mercato Le strategie per la scelta dei segmenti Ricerche di mercato e ricerche di marketing Marketing Mix Politica del prodotto Politiche dei prezzi Politiche distributive Politiche promozionali IL MARKETING MIX E I SUOI ELEMENTI IL MARKETING PLAN La pianificazione di marketing Analisi della situazione interna ed esterna La fissazione degli obiettivi e la formulazione della strategia La definizione delle tattiche Il controllo di marketing LE AGENZIE DI VIAGGIO NELLA LEGISLAZIONE E NEL MERCATO TURISTICO Il quadro giuridico in cui opera un agenzia di viaggio La disciplina dei viaggi e vacanze tutto compreso Il ruolo delle agenzie di viaggio nel mercato turistico organizzato La classificazione delle agenzie di viaggio 30

31 LA GESTIONE DELLE ADV: ASPETTI TECNICI, ECONOMICI E FISCALI Il quadro organizzativo e la divisione del lavoro nelle ADV Forme giuridiche e organigrammi nelle ADV dettaglianti Forme di aggregazione delle ADV: l affiliazione commerciale I principali strumenti delle attività delle ADV I diversi aspetti della gestione delle ADV L attività di front office nelle ADV Il voucher La fattura e il foglio notizie L IVA e i suoi presupposti Contribuenti, registrazioni e obblighi IVA delle imprese di viaggio TOUR OPERATOR E ORGANIZER; GESTIONE ECONOMICA, DIRECT COSTING E FULL COSTING Nascita e sviluppo dei tour operator in Europa ed Italia Ruolo dei tour operator nell industria turistica Classificazione dei tour operator Forma giuridica e dimensione dei tour operator La struttura organizzativa dei tour operator Il patrimonio dei tour operator Aspetti finanziari della gestione Classificazione e analisi dei costi Le diverse configurazione di costo Direct costing e full costing POLITICHE DI PRODOTTO E DI PREZZO, DISTRIBUZIONE, PROMOZIONE L accesa concorrenza nel settore turistico Il marketing competitivo dei tour operator Le politiche di prezzo PROGRAMMAZIONE DEI T.O.: RAPPORTI CON I FORNITORI, PRODUZIONE DEI SERVIZI Le attività di back office dei tour operator La programmazione dei viaggi da catalogo La programmazione di un viaggio a domanda Servizi di accoglienza e di accesso L attività di amministrazione dei tour operator L attività di amministrazione delle ADV La liquidazione Iva per l attività di produzione IL MERCATO TURISTICO CONGRESSUALE E FIERISTICO 31

32 Breve giudizio sulla classe Relazione finale e programma svolto dal prof. Francesco Di Filippo Materia: Legislazione Turistica La classe è composta da 16 alunni, che formano un gruppo non molto omogeneo per interessi, motivazioni, aspettative ed atteggiamenti nei confronti della scuola, che però ha saputo sviluppare sia al proprio interno che con l insegnante efficaci rapporti di collaborazione. Nel corso delle attività didattiche gli alunni si sono comportati in maniera sostanzialmente corretta, e la percentuale di assenze è stata nella media. Il livello di attenzione degli alunni non è stato omogeneo, e a volte inadeguato a quanto richiesto per alcuni di loro; l apporto in termini di interventi, quesiti posti ed opinioni espresse è stato nel complesso soddisfacente, anche se alcuni alunni si sono limitati a seguire le lezioni, prendere appunti, a volte chiedere chiarimenti o ulteriori spiegazioni, ma senza svolgere un ruolo attivo nello svolgimento delle attività didattiche con interventi finalizzati a comprendere gli aspetti pratici di quanto studiato. L impegno nello studio domestico è stato per tutti puntuale; le strategie adottate per ripartire i carichi di lavoro, assimilare i contenuti e maturare le abilità richieste sono state sufficientemente efficaci, e non sono stati necessari interventi di recupero. I tempi stabiliti per gli adempimenti richiesti sono stati rispettati da tutti. I rapporti con i genitori sono stati regolari. I moduli previsti in sede di programmazione sono stati svolti integralmente, con un sufficiente livello di approfondimento. Gli obiettivi minimi, definiti tenuto conto del livello di partenza della classe, sono stati raggiunti da tutti gli alunni, ma solo pochi alunni hanno raggiunto un buon livello di preparazione in termini di conoscenze, competenze ed abilità. Il livello medio di profitto della classe è più che sufficiente. Conoscenze Lineamenti fondamentali della legislazione turistica nazionale. Assetto istituzionale e organizzazione pubblica del turismo. Soggetti privati che operano nel turismo: tipologie imprese ed operatori turistici, disciplina della ricettività, principali contratti turistici. Lavoro e turismo: contenuti fondamentali del C.C.N.L. del turismo, nuove tipologie contrattuali, professioni turistiche. Tipologie turistiche legate all ambiente. La tutela del turista. Competenze Saper distinguere i soggetti pubblici e privati del turismo e individuarne le specifiche competenze. Saper analizzare l offerta turistica ed orientarsi nel mercato turistici italiano ed internazionale. Sapersi orientare nell assetto istituzionale e nell organizzazione pubblica del turismo e saper individuare le tipologie di imprese private. Capacità 32

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico UdA Abitudini alimentari Prodotta per un Liceo Pedagogico Docenti che hanno collaborato: prof. Emanuele Bonutti prof.sa Emanuela Filipuzzi prof.sa Simona Perissutti prof.sa Vicenzina Soriano LA DIDATTICA

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

Programmazione annuale docente classe 5^

Programmazione annuale docente classe 5^ Programmazione annuale docente classe 5^ Programmazione del Docente: Perrotta Tullio, D Assisti Giovanni Classe: V sez.: A-B Indirizzo: Iter Materia di insegnamento: Discipline Economiche e Aziendali Libro

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1AC Indirizzo di studio Liceo Classico Docente Disciplina Tiziana Soressi Latino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE PIANIFICAZIONE MODULI DI APPRENDIMENTO classe I sezione DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA INSEGNANTE: ANNO SCOLASTICO COMPOSIZIONE DELLA CLASSE: MASCHI: FEMMINE:

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA a.s. 2015/2016 Classe IVB Prof. Genta Silvio TITOLO PIANO DI LAVORO ANNUALE OBIETTIVI TRASVERSALI Rispetto del regolamento d

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO:

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: ALL.1 e ALL..2 D.M. N 139 del 22/08/2007 D.P.R. N 122 art. 8 del 22/06/ 2009

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 INSEGNANTE: Perata Simonetta CLASSE: IV A c SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari ASSE DEI LINGUAGGI Tecnico servizi socio-sanitari 1 ANNO PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE ITALIANO Anno Competenze (1) Abilità/Capacità/ Saper fare (2) Conoscenze/ Saperi (3) Moduli (4) 1 Padroneggiare gli

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016 Istituto di Istruzione Superiore "Don Lorenzo Milani" - Gragnano (NA) Istituto Tecnico Commerciale e Turistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli