Il Seme della Violenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Seme della Violenza"

Transcript

1 Evan Hunter Il Seme della Violenza traduzione di Michele Bruni , Elliot edizioni, Roma Guai all insegnante che dà le spalle alla classe... Ogni tanto si ricordava della metafora del secchio della spazzatura di cui aveva parlato Solly Klein, e iniziò a sentirsi sempre di più uno di quei tizi dal culo pesante che se ne stanno seduti sul coperchio. Faceva di tutto per non iniziare a ragionare in quel modo, perché sapeva che (...) nel momento stesso in cui avrebbe ammesso che i ragazzi erano immondizia e che lui era il netturbino, avrebbe smesso di cercare un contatto con loro... (Ma) perché avrebbe dovuto provare ad avvicinarli? Perché non avrebbe dovuto gettare la spugna e sedersi con il suo culo pesante sul coperchio del bidone della spazzatura? Non dare mai le spalle alla classe!, lo ammoniscono i colleghi più esperti di Rick Dadier il giorno in cui prende servizio. Ma non intendono Rick se ne rende conto fin dal primo momento non voltare le spalle ai ragazzi, non abbandonarli, non trattarli come se non siano umani anche tu, definitivamente tu come già hanno fatto la Società e i genitori. Ciò che vogliono dire è solo ciò che letteralmente dicono: che quei ragazzi i ragazzi delle scuole professionali per l appunto non sono più umani, se mai lo sono stati: sono belve, e alle belve non si voltano le spalle. Mai. Neanche per un attimo. Il Seme della Violenza ha più di mezzo secolo, e qua e là si sente. Ma l amore e la sincerità che lo pervadono sono innegabili, e il problema che affronta come si fa non diciamo a insegnare, ma anche solo a comunicare qualcosa a chi fu privato del desiderio di apprendere? a tutt oggi non solo non è stato risolto, ma neppure è stato mai posto in termini nuovi, diversi da quelli entro i quali lo si vedeva nel 1955, nel 1855 e fors anche nel 355 avanti Cristo. Non dai pedagogisti, quanto meno. E men che mai dagli i- netti e dai vandali che un anno sì e l altro pure sfornano riforme della Scuola con il solo (e mai confessato) scopo di rapinarla delle sue già modeste risorse. E i ragazzi, già quasi distrutti a quindici anni o anche meno, che ne Il Seme della Violenza sono i ragazzi delle scuole professionali? Oggi sono ovunque, ne trovi in quasi tutte le classi d ogni ordine e grado, e la stupidità di chi se ne lavava le mani (e dissimulava l indifferenza) compatendoli e promuovendoli sta lasciando il posto all idiozia di chi ne fa un problema d ordine pubblico e si prepara a militarizzare le scuole. Naturalmente, dopo averle una volta di più derubate. Al fondo di entrambi gli atteggiamenti, la medesima incapacità (che però è indifferenza, è invidia, è violenza) di scoprire che il bambino o il ragazzo difficile è quello stesso che tutti noi madre, padre, insegnante, Società abbiamo cercato di toglierci di torno fin dalla nascita in ogni modo possibile (tranne quelli che avrebbero rivelato il nostro disprezzo di lui a noi stessi e al mondo). Il bambino e il ragazzo o- diato che per troppo amore ha finito col farsi bestia per essere come noi lo vediamo e trattiamo, per non

2 darci torto, per non scoprire che le bestie siamo noi. Buonismo? Cattivismo? Ardua, epocale scelta fra due facce della stessa medaglia: fare i buoni per non vederli, come se i bambini e i ragazzi difficili non stessero soffrendo e chiedendo aiuto, o fare i cattivi per costringere loro a non farsi vedere in difficoltà? L insostenibile leggerezza del non essere con cui molti colleghi passano da un atteggiamento all altro a ogni stormir di ministro denuncia con nauseante evidenza che tra i due non c è alcuna sostanziale differenza. Il Seme della Violenza non ha soluzioni. Non ha neanche l interezza del problema, in fondo, se è vero che non esce mai dai confini della scuola professionale, delle classi, dell anno scolastico, quanto meno per tentare una sbirciatina nell orrore della fabbrica sociale e familiare (e scolastica, certo) dei bambini e dei ragazzi sperduti. Ma almeno ha il dolore, autentico, che tormenta chi non sa rendersi indifferente ai piccoli umani scempiati e sprecati. Né alla propria trasformazione in grosso culo pesante seduto sul coperchio del secchio dell immondizia. E per questo è un libro ancora molto attuale, oltre che appassionante, oggi che di Scuola vogliono imporci di parlare solo per parlar di soldi e di stupide velleità autoritarie. In che senso? ripeté Solly. Voglio dirti una cosa Dadier. Questa scuola è l immondizia del sistema scolastico. Tutte le scuole professionali della città lo sono. Mettile tutte insieme e avrai un enorme, straripante secchio d immondizia. E vuoi sapere qual è il nostro lavoro? Il nostro lavoro è stare seduti sul coperchio di questo secchio d immondizia e stare attenti che la sporcizia non si riversi nelle strade. Ecco il nostro lavoro. Non dici sul serio disse gentilmente Rick, incredulo. Ah no? Solly scrollò le spalle. Sei nuovo qui, quindi non lo sai. Ti dico che è un immondezzaio, e lo scoprirai appena ti arriverà la prima zaffata di fetore. Tutti gli scarti, tutta la merda che non si trova in una normale scuola superiore, tutto quel fetore finisce in quel secchio d immondizia che è il sistema delle scuole professionali. È stato inventato per questo. Certo, i libri dicono che la scuola professionale offre una formazione a quegli studenti che vogliono fare un lavoro manuale. Ma sono tutte cazzate. Credimi: questi ragazzi vogliono fare una cosa sola con le mani. Così, qualche geniale bastardo ha avuto una brillante idea per tenerli lontani. Ha inventato la scuola professionale. Poi ha assunto un branco di tizi col culo pesante, qualcuno con la laurea, per farli sedere sul coperchio del secchio. In questo modo, sua moglie e sua figlia possono andare in giro per strada senza essere violentate. Nessuno violenterebbe tua moglie, Solly disse Savoldi triste. A parte me disse Solly. Il fatto è che bisogna tenerli lontani dalla strada. E questo posto va bene come qualunque altro. Noi siamo solo un misto di spazzini e poliziotti, tutto qua. Io non credo che sia proprio così disse Rick con calma. Voglio dire, sicuramente ci sarà anche qui qualcuno che vuole davvero imparare un mestiere. Trovamene uno. Avanti! esclamò Solly. Senti, insegno qui da dodici anni, e solo una volta ho trovato qualcosa di un certo valore nell immondizia. Nessuno butta di proposito un diamante nella spazzatura. Nell immondizia si buttano solo i rifiuti, ed è tutto quel che ci troverai. Per questo voglio una scuola femminile disse Manners. Sì, certo rispose Solly. L unica differenza, in una scuola femminile, è che nell immondizia troverai

3 anche un po di profumo insieme ai rifiuti. Sei troppo amaro disse Savoldi. Certo rispose Solly. Dovevo essere un professore, non uno spazzino. Gli spazzini guadagnano bene interruppe Savoldi. Più dei professori rispose Solly. Per quanto mi riguarda disse Savoldi triste io qui ci sto benissimo. Perché sei uno stupido gli disse Solly. No, io sono furbo ammise Savoldi. Insegno elettrotecnica e con questo mi guadagno da vivere. Fuori faccio dei lavoretti saltuari, e con quelli mi pago i piccoli lussi. Non ti ho mai visto guidare una Cadillac. Non mi serve una Cadillac. Non aspiro a tanto. Tu non aspiri a niente gli disse Solly. Un aspirazione ce l ho disse Savoldi, scuotendo la testa. Una sola. Cioè? Un giorno costruisco una sedia elettrica e me la porto a scuola. Dirò ai ragazzi che è un apparecchio per la misurazione dei circuiti, poi ce li metto sopra uno alla volta e abbasso la leva. Ecco la mia ambizione. E tu sei quello che qui ci sta benissimo disse Solly secco. Certo. Ci sto bene. Come sotto un acquazzone: quando piove mi metto l impermeabile. Poi quando arrivo a casa, mi tolgo l impermeabile, lo metto nell armadio e non ci penso più. È quel che faccio qui. Nell istante in cui attraverso la porta della scuola divento il signor Savoldi, e sono il signor Savoldi ogni giorno fino alle tre e venticinque. Poi mi tolgo l impermeabile Savoldi, vado a casa, e ritorno a essere Lou fino alla mattina dopo. Così, non ho pensieri. Tranne uno disse Solly. Cioè? chiese Savoldi con tono gentile. Che i ragazzi costruiscano quella dannata sedia elettrica prima di te. Allora saranno loro ad abbassare la leva e addio sia al signor Savoldi che a Lou. Questi ragazzi non riuscirebbero a entrare in un cesso a pagamento neanche se gli dessi la moneta da cinque centesimi disse Savoldi triste. Sorseggiò il tè e aggiunse: Mi hai fatto raffreddare il tè. Forse questi ragazzi hanno solo bisogno di una possibilità disse Rick debolmente. Diavolo, non possono mica essere tutti marci! Okay disse Solly dagli una possibilità. Ma qualunque cosa decidi di fare, mai voltare le spalle alla classe. Stamattina ho dato le spalle alla classe disse Rick con una punta di orgoglio. E non ti hanno accoltellato? disse Solly scuotendo le spalle. È il primo giorno di scuola, forse hanno lasciato gli attrezzi a casa. Stai esagerando disse Rick sorridendo. Ah sì? Va bene, sto esagerando. Digli quanto sto esagerando, Lou. Sta esagerando disse Savoldi. Solly è un grande artista del nulla.

4 Ho dato le spalle a una classe solo una volta disse Solly proprio così, una sola volta. E da allora non l ho fatto più. Cosa è successo? chiese Rick. Stavo facendo lo schema di un carburatore alla lavagna. Bisogna sempre disegnargli le cose a questi stupidi bastardi, o non capiscono neanche di che diavolo parli. Mi sono girato per quaranta secondi. A- vevo appena fatto in tempo a prendere quel maledetto gesso e cominciare a disegnare... Questa l ho già sentita disse Savoldi triste. Sì, ma è vera continuò Solly come sulla difensiva. Cosa è successo? incalzò Rick. Una cazzo di palla da baseball si è schiantata dritta contro la lavagna a meno di cinque centimetri dalla mia testa. Ha staccato un pezzo di ardesia grosso come mezzo dollaro! Solly annuì ricordando quell esperienza. E che hai fatto? chiese Rick. Si è cagato addosso disse Savoldi. L avresti fatto anche tu disse Solly. Sì, l ho fatto, ma poi mi sono così incazzato che avrei potuto fare a pezzi ognuno di quei piccoli bastardi. Mi sono girato, ed erano tutti seduti, impassibili e con uno stupido sguardo innocente sulla faccia. Poi mi sono calmato e ho giocato d astuzia. Ho preso la palla, l ho buttata nel cestino, ho sorriso e ho detto: E questa di partite non ne farà più. Ma non mi sono mai più voltato di spalle. Neanche se devo scrivere alla lavagna. Lo faccio girato da una parte. Come un muso giallo disse Savoldi. Solly è mezzo mongolo. Grazie al cielo non sono mezzo maccherone. Io sono tutto maccherone disse Savoldi. Solly ha ragione interruppe George Katz, posando per un attimo il libro di storia. Bisogna capire con chi si ha a che fare. Bisogna comprendere i problemi che ha la maggior parte di questi ragazzi, e a- dattare l insegnamento di conseguenza. Quale insegnamento? domandò Solly. Chi vogliamo prendere in giro? Qui non è questione di insegnare. Prima te ne rendi conto, e meglio sarà per te. Be disse Katz rispettoso mi pare che stiamo andando un po oltre. Io sto minimizzando disse Solly. Per farcela alla Manual Trades, o in qualunque altra dannata scuola professionale, bisogna seguire due semplici regole: primo, dimenticare tutte le idee preconcette sugli adolescenti desiderosi di imparare. Applicate a una scuola professionale non sono più attendibili. Secondo, ricordare che la prima legge nella vita è l istinto di sopravvivenza. Punto. Amen. (dal capitolo 3) Il giorno seguente, nell ora libera, Rick controllò i fascicoli dei ragazzi. Trovò il quoziente d intelligenza di tutti gli alunni di ogni classe registrato nei loro curricula. Sapeva che quei test non sono strumenti attendibili per misurare l intelligenza, soprattutto quando si tratta di ragazzi le cui capacità manuali superano quelle di linguaggio. Non si era mai fidato molto di quel sistema, ma la realtà presentata da quei fascicoli, soprattutto alla luce di ciò che era accaduto il giorno prima, era frustrante.

5 Come i numeri tutti simili sulle schiene dei giocatori di una squadra di football, i quozienti d intelligenza sfilarono sotto i suoi occhi: Controllò tutti i fascicoli, poi li riguardò di nuovo e facendo un calcolo approssimativo arrivò a una media di 85 punti. Era abbastanza pratico del sistema Stanford - Binet per sapere che un quoziente d intelligenza che si aggira tra gli 80 e i 90 punti è considerato inferiore al normale. Sospirò e studiò di nuovo i fascicoli, esaminandoli attentamente uno dopo l altro e cercando di identificare ogni ragazzo a seconda della cifra che leggeva. Non fu sorpreso di scoprire che Santini, il tipo sorridente del primo banco nella classe , aveva un quoziente di 66 punti, e sapeva che secondo lo schema Stanford - Binet chi ha un quoziente fra i 50 e i 70 punti è considerato un idiota. Un solo allievo, in tutte le sue classi, aveva un quoziente eccezionalmente alto: 113. Nella mente di Rick apparve lo schema Stanford - Binet prendendo forma come un ricordo fotografico: Intelligenza normale: Superiore al normale: Guardò di nuovo la cifra sul fascicolo: 113. Poi guardò il nome del ragazzo: Miller, Gregory. Seguendo un impulso cercò il fascicolo col nome di West, Arthur Francis e fu quasi sollevato quando vide che il suo quoziente era solo di 86 punti. Mise a posto i fascicoli con una nuova consapevolezza chiedendosi perché mai un insegnante di una scuola professionale non fosse informato su queste piccole cose come il quoziente d intelligenza medio degli studenti, prima d iniziare l anno scolastico. O faceva parte della politica scolastica lasciare che il professore lo scoprisse da sé? Era previsto che il professore continuasse a inciampare, finché non cadeva per caso sulla soluzione giusta? E se questo non accadeva mai? Be, al diavolo, si può fare a meno di un insegnante delle professionali! Rick non riusciva comunque a fare a meno di pensare all ingiustizia di quel sistema. Aveva seguito numerosi corsi di pedagogia al college per ottenere l abilitazione all insegnamento nelle scuole medie e superiori. Aveva sostenuto l esame per le medie e l aveva superato. E ora la sua abilitazione era a casa, nel cassetto dell armadio, sotto i calzini. Aveva cercato un lavoro nelle scuole medie e non riuscendo a trovarlo aveva sostenuto l esame di abilitazione straordinaria appena uscito il bando. Non era stato un esame facile, nonostante il grande bisogno di insegnanti nelle scuole professionali. Aveva già superato moltissimi esami durante i suoi anni di studio, e quello decisamente non era stato un gioco. Né si poteva dire che i corsi di pedagogia dell Hunter College fossero carenti. Aridi sì, ma carenti assolutamente no. Comunque, non per gli standard attuali. Gli avevano insegnato tutto quello che doveva imparare. L Hunter College era una buona scuola per la preparazione degli insegnanti. Lo sapeva e segretamente ne era molto orgoglioso. Non aveva dubbi sul fatto che i corsi di pedagogia che si tenevano lì fossero altrettanto buoni, se non migliori, di quelli di qualsiasi altro college per insegnanti del paese. Ma non ricordava di aver mai sentito alcun approfondimento sulle scuole professionali. Un rapido accenno, magari. Ma nessun approfondimento. Un rapido accenno poteva bastare a uno che sarebbe andato alla Columbus, ma non era niente per uno che si sarebbe ritrovato a insegnare in una scuola professionale. Il problema, naturalmente, era emerso anche nei suoi colloqui con il professor Kraal, l istrutto-

6 re che aveva seguito il suo tirocinio. Quando Rick era stato assegnato alla Machine and Metal Trades nonostante avesse fatto richiesta per una scuola superiore normale, non ne era stato affatto contento. Aveva espresso il suo disappunto e Kraal, un tipo mite che preferiva parlare dei tempi in cui un bicchiere di birra costava venti centesimi piuttosto che parlare d insegnamento, aveva scrollato le spalle e aveva risposto semplicemente: Qualcuno deve pur insegnare alle professionali. Ti farai un po d esperienza. E Rick aveva creduto che fosse una buona esperienza, anche se ora non ne era del tutto convinto. Non aveva avuto problemi con i ragazzi soprattutto perché la signorina Daniels, la professoressa a cui era stato affiancato, non lo lasciava mai da solo davanti a una classe. Tenne otto lezioni durante quel semestre. Le altre mattine le passava nel dipartimento di inglese battendo a macchina i compiti in classe e copiandoli col ciclostile, lavoretti che aiutavano il direttore del dipartimento, oppure ad assistere alle lezioni della signorina Daniels. Guardarla lavorare era stato illuminante, nel senso che Rick aveva imparato molto sulla tecnica della professoressa, ma, sfortunatamente, non aveva avuto modo di sviluppare la propria. Non lo aiutarono neanche i colloqui col professor Kraal, che invece avrebbero potuto insegnargli parecchio sulle scuole professionali. Da quei colloqui usciva sempre annoiato, stanco e poco gratificato. Qualcuno deve pur insegnare alle professionali aveva detto Kraal, e questa affermazione sembrava riassumere perfettamente ciò che tutti pensavano nel settore. E a quella si aggiungeva una frase che tutti pensavano e nessuno pronunciava: Però nessuno ci vuole andare. Giusto, nessuno voleva andare alle scuole professionali. Nessuno vuol prendersi la lebbra, ma... Ma cosa?, si domandò Rick. Supponiamo che al college ci fosse un corso intitolato Insegnare alle professionali. Ma sì, supponiamolo. Ci sarebbe la fila per poter frequentare un corso del genere! Certo. Sì, come no. Tutti morivano dalla voglia di imparare come insegnare nelle professionali. Non vedevano l ora di avere l opportunità di buttarsi nel sistema scolastico e atterrare proprio in mezzo a una scuola professionale... Certo. Rick conosceva almeno una ventina di persone che avevano fatto salti di gioia quando erano state assegnate a una scuola professionale per il tirocinio. Ma immagina qualcuno che realmente voglia impostare la sua carriera sulle scuole professionali. Immaginalo pure. Cosa vuoi fare da grande, Johnny? E lui, orgoglioso: Voglio insegnare in una scuola professionale. Eppure... eppure c era qualcuno che finiva in quelle scuole e, accidenti, il loro compito era d insegnare ai ragazzi che si trovavano in quelle scuole. Esisteva un sistema di scuole professionali. C era davvero. E c erano anche degli studenti intrappolati in quel sistema, e alcuni di loro, qualcuno c era di sicuro, volevano sul serio imparare qualcosa, contavano su quelle scuole per imparare un mestiere con cui guadagnarsi da vivere. Non si può condannare un ragazzo solo perché non è molto intelligente. C è della poesia anche nel saper riparare il carburatore di una macchina, anche se il ragazzo che lo ripara non sa come si scrive carburatore. Allora perché quel sistema veniva ignorato? A che serviva averlo creato se poi doveva essere buttato nel cesso?

7 A che serviva fingere che non ci fosse? A che serviva preparare il professore per insegnare a un tipo di studente completamente diverso, uno studente ideale, e poi scaraventarlo in una giungla di lavagne, sperando che riuscisse a evitare zanne e artigli? Se il professore fosse sopravvissuto, allora tutto sarebbe andato bene, ma se non lo avesse fatto le bestie feroci sarebbero comunque rimaste in vita. E chi vuole che degli animali feroci scorrazzino liberamente per strada? Forse quelle scuole erano state inventate proprio per questo? Forse aveva ragione Solly Klein? Servivano davvero solo per togliere i ragazzi dalla strada, e tenerli lontani dai guai per la maggior parte della giornata? No, Rick non poteva crederci. Forse Solly Klein, che era stato in trincea per molti anni, a- veva visto cose che lui non avrebbe mai visto, ma Rick non poteva credere che il sistema delle scuole professionali fosse tutto una montatura. Per concepirlo c erano volute molte riflessioni, molte attente riflessioni, tante considerazioni sul fatto che quei ragazzi erano sprecati, messi alle prese con le materie insegnate nelle scuole normali. Quando era stato inventato quel sistema? Rick se lo domandò. Non lo sapeva. Non lo sapeva e si vergognò di non saperlo, come si era vergognato di non conoscere il quoziente d intelligenza dei suoi studenti. Perché nessuno glielo aveva detto? Non era qualcosa che doveva sapere? Per Dio, non era anche quello uno strumento di lavoro? Si manda forse un soldato su un campo di battaglia senza un dannato fucile? Si manda forse un chirurgo in sala operatoria senza bisturi? No di certo, soprattutto se ne va della salvezza di una vita umana. Ebbene, parecchie vite umane dipendevano da ciò che lui faceva alla North Manual Trades High School. Faceva lezione a molti allievi ogni giorno, e ogni giorno entrava nella giungla di lavagne senza neanche sapere quanti denti ci sono nella bocca di un leone. O quanti artigli nella sua zampa. Senza sapere niente dei leoni. Gli avevano insegnato a mungere le vacche, e ora volevano che domasse leoni. Forse volevano proprio che si comportasse come un domatore, con la frusta e la sedia. Ma che accade quando anche il miglior domatore di leoni mette via la frusta e la sedia? Cazzo, era tutto sbagliato! Si sentiva profondamente ingannato, quasi insultato. Si sentì ingannato per sé stesso e per quei tipi che, come Joshua Edwards, volevano insegnare e non sapevano come farlo, perché erano stati imbottiti di merdate e di scemenze teoriche. Perché nessuno aveva detto loro con parole chiare e semplici che cosa dovevano fare? Non c era nessuno in grado di dire loro qualcosa, almeno a un certo punto? Nessun istruttore del college? Neanche qualcuno del ministero dell Istruzione, qualcuno che li orientasse dopo aver superato l esame straordinario? Nessuno? Nessuno di quegli stronzi aveva un cazzo da dire? Neppure Stanley? O Small? Allora dovevano davvero scoprire tutto da soli, nuotare o affogare, uccidere o essere uccisi? Nessuno aveva mai insegnato a Rick come mettere fine a una rissa in aula. Nessuno gli aveva detto che cosa fare con uno studente di seconda che non riesce neppure a scrivere il suo cazzo di nome su un foglio di carta. Rick non lo sapeva, né gli avevano mai suggerito il sistema migliore da adottare con un ragazzo che ha un quoziente d intelligenza di 66, un grande, grosso, tondo 66 da idiota. Non gli avevano spiegato che fare quando tutta la classe si mette a strillare, non un solo ragazzo, non quel ragazzo difficile sul quale una volta al corso si erano fatte due parole filosofeggianti, non lui. Ma quando tutta la

8 dannata classe strilla e scalpita, e tutti quanti gridano all unisono le proprie stronzate. Che cosa deve fare un professore quando un ragazzo non sa leggere, anche se ha già quindici anni? Ah be, lo si manda a un corso speciale per imparare a leggere, certo. E che si fa se questi corsi speciali sono pieni fino all orlo, perché di ragazzi che non sanno leggere ce n è in abbondanza, e allora puoi mandarci solo quelli che sono messi veramente male, scaricandoli nelle mani di un professore che ne ha fin sopra i capelli e che, comunque, non ha nessuna voglia di insegnare a un corso del genere? E che bisogna fare con quei poveri ignoranti? Bisogna interrogarli, pur sapendo perfettamente che non hanno studiato la lezione perché non riescono a leggerla? Bisogna ignorarli? O trattenerli a scuola dopo la fine delle lezioni, quando è ben chiaro che preferirebbero andare a giocare a baseball piuttosto che imparare a leggere e che per loro la campanella dell ottava ora è una liberazione? Che bisogna fare quando, dopo aver spiegato una lezione in modo chiaro e con pazienza, così come si è imparato nei corsi di pedagogia, dopo averla spiegata nei minimi dettagli, si guarda la classe e ci si trova davanti un lungo e vuoto muro di facce prive di espressione e ci si rende conto che nulla è filtrato in quelle teste? Che bisogna fare? Distribuire i cancellini da pulire. E che bisogna fare quando, dopo aver chiesto a un ragazzo: Spiegami l ultima frase che hai letto, lui se ne sta immobile, senza la minima idea di cosa quella frase voglia dire, e ovviamente non è il solo a non saperlo, ma tutti in quella classe non ne hanno la più pallida idea? Che si fa? Si va a casa a sfogliare tutti i libri di filosofia dell educazione comprati con la borsa di studio dell esercito? Ci si gratta la testa, nella speranza di essere illuminati dai trattati di pedagogia? Si va a chiedere aiuto a John Dewey? E poi, di chi è la colpa, di chi? Delle scuole elementari, perché promuovono un ragazzo che non sa né leggere, né scrivere il proprio nome? O di quelle menti superiori che hanno organizzato il sistema scolastico del Paese, dello Stato o della città? È colpa dei ragazzi perché non hanno avuto in dono un quoziente d intelligenza di 120? Ma può essere colpa dei ragazzi? Si può dare la colpa a qualcuno? Si può dare la colpa ai college che danno tutto quello che serve per sostenere l esame di abilitazione all insegnamento? Oppure la colpa è del ministero dell Istruzione perché non rende più difficili gli esami, non pretende di più, non aumenta gli stipendi, non cerca di attirare professori migliori, non fa sì che gli insegnanti siano preparati meglio? O forse la colpa è degli scemi che in tutto il mondo si buttano nell insegnamento perché garantisce un minimo di sicurezza economica, il lusso di una vacanza ogni estate, una certa quantità di potere o una strada un po più facile delle altre? Ne aveva visti di scemi come quelli, eccome, ce n erano in ogni corso per insegnanti che aveva frequentato. Come quelle smorfiosette che sorridevano e annuivano all istruttore che impartiva preziose nozioni raccattate qui e là, probabilmente mentre era seduto all ultimo banco di un ideale scuola superiore, in un quartiere benestante, mentre un professore perfetto insegnava a studenti modello. O gli uomini, forse i peggiori, che spesso sembravano vergognarsi per aver scelto quella strada, la strada comoda, la strada sicura, e che si permettevano di prendere in giro le colleghe senza accorgersi che anche loro erano pieni della stessa merda. Forse anche Rick era così? No, non lo credeva.

9 Lui voleva insegnare, lo voleva sul serio. Non aveva scelto pensando alla sicurezza economica o ai due mesi di vacanza all anno, o all orario di lavoro ridotto. Voleva semplicemente insegnare e pensava che l insegnamento fosse una professione nobile. Anzi, la considerava la professione più nobile di tutte. Non si era mai fatto illusioni sulle proprie capacità. Non sapeva dipingere, né scrivere, né comporre, né scolpire, né fare della filosofia, né progettare palazzi. Non poteva apportare un contributo di tipo creativo alla comunità, e questa certezza era stata per lui una delusione finché non si era accorto che anche insegnando sarebbe potuto diventare un grande creatore. Avrebbe avuto menti da scolpire, idee da dipingere, vite da plasmare. Trascorrere quel poco tempo che gli era concesso di vivere facendo l impiegato di banca o il venditore di assicurazioni gli era parso uno spreco e così aveva scelto l insegnamento con passione. Le donne, aveva pensato, non hanno di questi problemi. A loro la possibilità di creare è stata data in dono e in questo sono completamente autosufficienti. Ma un uomo ha bisogno di qualcosa di più e forse è questa la ragione per cui le donne non capiranno mai l impegno che gli uomini mettono nel lavoro. E così Rick aveva deciso di insegnare e lo aveva fatto con convinzione, certo che se avesse potuto prendere l argilla di una mente non ancora sviluppata, l avesse sentita tra le mani e l avesse potuta plasmare trasformandola in un cittadino pensante, reattivo e responsabile, allora sì, avrebbe compiuto davvero un opera di creazione. Si era buttato con entusiasmo e spesso si era vergognato dei suoi compagni di corso, immaginando come sarebbero stati una volta diventati insegnanti e rabbrividendo al solo pensiero. Questi saranno i professori dei miei figli, aveva pensato. Questi. E sarebbero stati proprio loro a spedire nelle sue future classi gente che non sapeva leggere. Non a- vrebbero insegnato proprio un bel niente, ma di chi era la colpa? Di chi? (dal capitolo 6) Erano questi ragazzi con cui Rick non riusciva proprio a stabilire un contatto, ed erano quelli che a- vrebbe voluto raggiungere di più. Era una situazione quasi irreale e Rick dubitava di poterlo spiegare ad altri che ad Anne. Era come stare all angolo di una strada a distribuire banconote da cinquanta dollari, senza trovare nessuno che le volesse prendere. Perché non volevano prendere ciò che lui aveva da dare? Lui aveva qualcosa da dare, tanto da dare, se solo avessero voluto accettarlo. Così Rick provava a entrare in contatto con loro e ci si metteva con maggiore impegno quando c era Stanley perché non era costretto a combattere le grida e la confusione. Ogni tanto si ricordava della metafora del secchio della spazzatura di cui aveva parlato Solly Klein, e iniziò a sentirsi sempre di più uno di quei tizi dal culo pesante che se ne stanno seduti sul coperchio. Faceva di tutto per non iniziare a ragionare in quel modo, perché sapeva che il pensiero precede l azione e che, nel momento stesso in cui a- vrebbe ammesso che i ragazzi erano immondizia e che lui era il netturbino, avrebbe smesso di cercare un contatto con loro, e non voleva che questo accadesse. A volte gli veniva voglia di urlare: Non vedete che sto cercando di aiutarvi? Non lo vedete? Altre volte gli alunni lo irritavano così tanto che pensava di mollare tutto e andarsi a cercare un lavoro come commesso in un negozio di scarpe.

10 E infine, c erano altre volte in cui semplicemente non capiva. Come per esempio un pomeriggio in cui, finita l ottava ora, quattro allievi della settima classe erano rimasti di loro spontanea volontà ad aiutarlo a pulire le lavagne e a riordinare i libri nell armadio. Gli avevano chiesto se aveva un automobile e gli avevano detto che sarebbero stati contenti di fargli tutte le riparazioni di cui avesse avuto bisogno. Ma quando aveva risposto che non aveva una macchina erano sembrati delusi. Avevano chiacchierato con lui delle loro avventure e Rick si era ritrovato a parlare di Anne e del bambino che stava per nascere, conversando con loro come avrebbe fatto con chiunque, trattandoli come gli adulti che pensava che fossero. Andandosene lo avevano salutato dicendo: Arrivederci, signor Dadier. Ci vediamo domani. Quando se n erano andati, Rick aveva provato una strana pace interiore, la sensazione di aver fatto breccia in qualche modo, di aver fatto un primo passo verso il momento in cui avrebbe superato il guscio che li avvolgeva. Gli era piaciuto stare con quei ragazzi quel pomeriggio, e non vedeva l ora di tornare a casa per raccontare ad Anne quanto erano stati simpatici. Ma il giorno dopo, gli stessi quattro ragazzi avevano scatenato un inferno durante la lezione, provocando una confusione che non aveva mai visto in quella classe. Gli stessi quattro ragazzi, gli stessi quattro che l avevano ascoltato con partecipazione mentre parlava del bambino, gli stessi che si erano offerti di riparargli la macchina se ne aveva una, quei quattro furono i peggiori bastardi che potesse immaginare, gridarono e urlarono tutto il tempo, senza curarsi di ciò che Rick diceva e senza badare alle sue minacce. Non riusciva a capire. Non riusciva davvero a capire. Non sembravano nemmeno gli stessi del giorno prima. Che poteva fare di fronte a un simile cambiamento? Perché avrebbe dovuto provare ad avvicinarli? Perché non avrebbe dovuto gettare la spugna e sedersi con il suo culo pesante sul coperchio del bidone della spazzatura? Perché non ingannare il sistema, i ragazzi, sé stesso? Perché non continuare a prendere lo stipendio da professore, a mettersi in tasca quelle belle vacanze e intanto fare l impiegato della nettezza urbana? Avrebbe anche potuto smettere di fare l uomo. Oh, ma che diavolo? Devo continuare a sbattere la testa contro il muro? Sì. Bisogna davvero continuare a insegnare a dei ragazzi che non vogliono imparare e che non hanno la minima intenzione di farlo? Sì. Okay, ma come? Come? Non lo sapeva. dal capitolo 10) Se un ragazzo, soltanto uno, uno solo imparasse qualcosa da me! Se potessi indicare uno di questi bastardi e dire: Io gli ho mostrato la strada giusta. Se potessi farlo, ma non l ho mai mostrata a nessuno. Non l ho mostrata a nessuno. È proprio divertente, eh già, ma non l ho mostrata a nessuno. E dopo tutto quel discorso con Miller, dopo il mio sermone sulle strade difficili e su quelle comode, e anche se Miller voleva che gliela mostrassi, non l ho saputa indicare nemmeno a lui. È lui che l ha indicata a me.

11 È lui che mi ha offerto la strada più comoda, essere come gli altri, non fare niente, divertiti e fai finta di lavorare. Miller mi ha mostrato quella strada, io l ho imboccata e ora ci troviamo tutt e due sulla strada comoda, un finto studente e un finto professore. Ma come posso farmene una colpa? Sono tutti uguali, proprio come erano quando ho cominciato, non sono cambiati di una virgola. Ma è colpa mia? Sì, la colpa è proprio tua. È tua perché a un certo punto hai smesso di provarci. E puoi dire che questo è successo perché non te ne frega più niente, perché hai già tanti pensieri per conto tuo, ma comunque hai smesso di provarci. Quando Josh non ha più voluto provarci, se n è anche andato, però. Si è arreso, ed è questa la cosa più onesta da fare. Tu, invece, non sei onesto. Continui a scaldare la sedia, ma non stai facendo il tuo lavoro. Hai scelto la strada più facile, e sono contento di non dover avere a che fare con uno come te... Un sacco di gente sceglie la strada più facile, pensò Rick, ma non avrei mai creduto di diventare uno di loro... (dal capitolo 13)

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE - sipario chiuso - ENTRA ALICE VOCE FUORI CAMPO: ALICE ALICE DOVE TI SEI NASCOSTA? DOBBIAMO FINIRE LA LEZIONE DI STORIA! ALICE: Ma come si fa ad interessarsi a un libro

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 2 INCONTRI PER I RAGAZZI DEL CATECHISMO + VEGLIA IN CHIESA IL SABATO SERA CON I GENITORI PRIMO INCONTRO L incontro si svolge in due tempi.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING!

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING! I PRIMI PASSI NEL NETWORK MARKETING Ciao mi chiamo Fabio Marchione abito in brianza e sono un normale padre di famiglia, vengo dal mondo della ristorazione nel quale ho lavorato per parecchi anni. Nel

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers ( Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text FE Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato. Che serata magnifica!

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

A proposito di valutazione

A proposito di valutazione A proposito di valutazione QUANTE COSE SAI? Figlia Papà, quante cose sai? Padre Eh? Uhm... so circa un chilo di cose. F. Non dire sciocchezze. Un chilo di quali cose? Ti sto chiedendo davvero quante cose

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli