PROVINCIA DI VERCELLI BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI VERCELLI BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO"

Transcript

1 PROVINCIA DI VERCELLI BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO ALLEGATI

2 2

3 sommario programma triennale dei lavori pubblici ed elenco annuale dei lavori pubblici di cui all articolo 128 del d.lgs. 163/2006 delibera di approvazione della programmazione triennale del fabbisogno di personale (art. 91 d.lgs.267/2000, art. 35, comma 4 d.lgs.165/2001 e art. 19, comma 8 legge 448/2001) delibera di destinazione della parte vincolata dei proventi per sanzioni alle norme del codice della strada prospetto delle spese finanziate con i proventi derivanti dalle sanzioni per violazione del codice della strada deliberazioni con le quali sono determinati, per l esercizio 2012, le tariffe e le aliquote di imposta tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale (da rendiconto 2010) prospetto contenente le previsioni annuali e pluriennali di competenza mista degli aggregati rilevanti ai fini del patto di stabilità interno nota degli oneri stimati derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati o da contratti di finanziamento che includono una componente derivata (art. 62, comma 8, decreto legge 112/2008) piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari (art. 58, comma 1 del decreto legge 112/2008) pagina 5 pagina 18 pagina 28 pagina 30 pagina 32 pagina 36 pagina 37 pagina 38 pagina 39 programma delle collaborazioni autonome di cui all art. 46, comma 2, decreto legge 112/2008 e limite massimo delle spese per incarichi di collaborazione (art. 46, comma 3, decreto legge 112/2008) pagina 42 3

4 utilizzo dell avanzo di amministrazione applicato al bilancio di previsione 2010 pagina 54 elenco delle entrate e delle spese con carattere di eccezionalità pagina 55 prospetto analitico delle spese di personale previste in bilancio come individuate dal comma 557 dell art. 1 della legge 296/06 e dall art. 76 del decreto legge 112/2008 prospetto dimostrativo dei mutui e prestiti in ammortamento, con evidenza delle quote capitale e delle quote interessi pagina 56 pagina 60 elenco delle spese da finanziare mediante mutui e prestiti da assumere pagina 69 beni immobili di proprietà o di terzi e diritti e obblighi connessi pagina 70 Applicazione dell Avanzo presunto pagina 79 4

5 Programma triennale dei lavori pubblici ed elenco annuale dei lavori pubblici di cui all articolo 128 del d.lgs. 163/2006 SCHEDA 1 QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI Legge 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modificazioni, articolo 14, comma 11 PROGRAMMA TRIENNALE QUADRO DELLE DISPONIBILITA' FINANZIARIE Vedi nota allo schema 2 1 Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di mutuo Entrate acquisite mediante apporti di capitali privati 4 Trasferimento di immobili ex art. 19, c. 5-ter, L. n. 109/94 Arco temporale di validità del Programma RISORSE DISPONIBILI Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Disponibilità finanziaria Disponibilità finanziaria Disponibilità finanziaria (in migliaia di euro) (in migliaia di euro) (in migliaia di euro) 5 Stanziamenti di bilancio Altro TOTALI

6 SCHEDA 2 - ARTICOLAZIONE DELLA COPERTURA FINANZIARIA STIMA DEI COSTI DEL PROGRAMMA DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO Lavori di manutenzione ordinaria programmata delle strade di tutto il territorio provinciale. Lavori di manutenzione straordinaria programmata delle strade di tutto il territorio provinciale. Lavori di manutenzione straordinaria della segnaletica verticale delle strade provinciali - anno Primo anno Secondo anno Terzo anno , , , , , , , ,00 Note 2012: Dovranno essere attivati nuovi contratti di manutenzione. Finanziato con risorse correnti. 2013: Finanziato con risorse correnti per , con proventi sanzioni 2013 per e con compensazioni D.L.314/03 anno 2009 per : Finanziato con risorse correnti 2012: Dovranno essere attivati nuovi contratti di manutenzione. Finanziato con compensazioni D.L. 314/03 ante 2007 per ,65 e con proventi alienazioni di immobili per , : Finanziato con risorse correnti per e con compensazioni D.L.314/03 anno 2010 per : Finanziato con proventi sanzioni : Finanziato con proventi sanzioni : Finanziato con proventi sanzioni Lavori di manutenzione straordinaria della segnaletica orizzontale delle strade provinciali - anno , , , : Finanziato con proventi sanzioni : Finanziato con proventi sanzioni : Finanziato con proventi sanzioni Lavori di manutenzione straordinaria delle barriere stradali di sicurezza delle strade provinciali - anno , , , : Finanziato con proventi sanzioni : Finanziato con mutuo. 2014: Finanziato con mutuo. 6

7 Lavori di manutenzione straordinaria dei versanti delle strade provinciali dell'area Valsesia - anno , , , : Finanziato con proventi alienazioni di immobili 2013: Finanziato con mutuo. 2014: Finanziato con mutuo. SR 455 "Di Pontestura". Adeguamento carreggiata tratta Vercelli-Tricerro. 2 lotto funzionale ,00 Finanziamento regionale. SP 299 "Di Alagna" - Miglioramento sicurezza circolazione e barriere stradali di sicurezza Area Alta Valsesia. Comuni di Varallo, Vocca, Scopello, Pila, Piode, Campertogno, Riva Valdobbia - 3 lotto ,00 Finanziamento regionale (intervento finanziato con economie derivanti da risoluzione contratto e economie da Piano Regionale Investimenti). * SP 593 "Di Borgo d'ale". Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello intersezione con la strada comunale via Cavaglià in Comune di Alice Castello, a basso impatto ambientale ed energetico ,00 Finanziato con compensazioni D.L. 314/03 anno 2009 per ,18 e con proventi sanzioni per ,82 * SP 594 "Destra Sesia" - SP 66 "Lenta- Rovasenda". Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello in Comune di Lenta, a basso impatto ambientale ed energetico ,00 Finanziato con compensazioni D.L. 314/03 anno 2009 per ,18 e con proventi sanzioni per ,82. In sostituzione dell'intervento «SP 3 - Tratto "Carisio - Buronzo" - Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello intersezione con l'accesso al Casello Autostradale A4, in Comune di Carisio» che verrà finanziato e realizzato da SATAP. * SP 103 "Cellio - Zuccaro". Lavori di manutenzione straordinaria nel Comune di Cellio, utilizzando tecniche di ingegneria naturalistica ,00 Finanziato con compensazioni D.L. 314/03 anno

8 * SP 10 "di Valle Sermenza" - SP 9 "di Valle Mastellone" - S.P. 73 "Guardella - Guardabosone". Lavori a basso impatto ambientale finalizzati alla salvaguardia delle pareti rocciose ,00 Finanziato con compensazioni D.L. 314/03 anno 2008 per e con alienazioni per SP 3 "Saluggia -Torrazza". Lavori di consolidamento statico dell'impalcato del ponte sul fiume Dora Baltea in Comune di Saluggia ,00 Finanziato con fondi regionali per ,00 (Piano generale di ricostruzione marzo 2011) e con mutuo per la restante parte di ,00. SP 594 "Destra Sesia" - Realizzazione di scogliera in sinistra orografica del Torrente Cervo a protezione della spalla del ponte in Comune di Quinto Vercellese ,00 Finanziamento regionale (Accordo di programma Ministero-Regione per mitigazione rischio idrogeologico). SP 9 "Di Valle Mastallone" - Consolidamento della scarpata di valle in Comune di Cervatto ,00 Finanziamento regionale (Accordo di programma Ministero-Regione per mitigazione rischio idrogeologico). Realizzazione rotatoria intersezione SR 31 Del Monferrato e SP 117 Asigliano- Pezzana in Comune di Pezzana ,00 Finanziato con compensazione art. 4 D.L. 314/2003 del 2011 per e con mutuo per SP 31 bis Del Monferrato - SP 85 "SP1- San Silvestro". Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello in Comune di Crescentino ,00 Finanziato con mutuo. SP 299 "Di Alagna" - Lavori di prolungamento barriera paramassi esistente e consolidamento versante in Comune di Mollia, località Piana Toni ,00 Finanziamento regionale (eventuale 2 stralcio del Piano generale di ricostruzione marzo 2011). 8

9 SP 19 "Desana-Pertengo" - SP 24 "Asigliano-Torrione". Lavori di adeguamento dell'intersezione a rotatoria in Comune di Costanzana ,00 Finanziato con compensazione art. 4 D.L. 314/2003 del Lavori di messa in sicurezza tratti di versanti lungo la SP 78 "Varallo-Civiasco". Primo lotto ,00 Finanziato con compensazione art. 4 D.L. 314/2003 del SP 37 "Saluggia -Crescentino". Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello in Comune di Saluggia ,00 Finanziato con compensazione art. 4 D.L. 314/2003 del SP 3 - Tratto "Carisio - Buronzo". Lavori di consolidamento fondazioni del ponte sul torrente Cervo ,00 Finanziato con mutuo. SP 10 "di Valle Sermenza". Lavori di messa in sicurezza di attraversamento idraulico in comune di Boccioleto, frazione Fervento ,00 Finanziato con mutuo. SP 594 "Destra Sesia". Lavori di realizzazione tangenziale all'abitato di Ghislarengo - 2 lotto ,00 Finanziamento regionale. Area Vercellese. Lavori di manutenzione straordinaria delle opere di sostegno del corpo stradale in prossimità di canali irrigui ,00 Finanziato con compensazione art. 4 D.L. 314/2003 del EDILIZIA SCOLASTICA - Lavori manutenzione, conduzione, gestione impianti e centrali termiche EDILIZIA SCOLASTICA - Lavori manutenzione opere varie (edili, elettricista, idraulico)

10 EDILIZIA SCOLASTICA - Lavori manutenzione in economia opere varie (fabbro, vetraio) Istituto Alberghiero "G.Pastore" di Varallo - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi - 2 lotto I.P.S.I.A. - Via Sereno - Vercelli - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi * Liceo Scientifico "Avogadro", corso Palestro, Vercelli - Realizzazione di impianto fotovoltaico * ITIS" Lirelli", via Lirelli, Borgosesia - Realizzazione di impianto fotovoltaico * * ITA VC - Rifacimento copertura ammalorata -1 lotto e realizzazione impianto fotovoltaico Cofinanziamento del 50% da parte del Ministero dell'istruzione e per la restante parte con fondi E.On Cofinanziamento del 50% da parte del Ministero dell'istruzione e per la restante parte con fondi E.On Finanziato con compensazioni art. 4 D.L. 314/2003 annualità 2008 Finanziato con compensazioni art. 4 D.L. 314/2003 annualità 2008 Finanziato con compensazioni art. 4 D.L. 314/2003 annualità 2008 Liceo Scientifico di Borgosesia - Sistemazione locali e realizzazione del collegamento tra edificio esistente e ampliamento Istituto "Cavour", corso Italia, Vercelli - completamento degli interventi da ultimare ai fini del rilascio del CPI Adeguamento alle norme di prevenzione incendi negli edifici scolastici provinciali - completamento degli interventi da ultimare ai fini del rilascio del CPI Finanziato con fondi E.On Finanziato con a.a. derivante da devoluzione mutuo per ristrutturazione Casalegno Finanziato con a.a. derivante da devoluzione mutuo per ristrutturazione Casalegno Edificio ex-alloggi di via Gioberti, Trino - Ristrutturazione locali del 2 piano per destinarli all'attività didattica dell'ipssar Alberghiero Finanziato per con residui, con a.a. derivante da devoluzione mutuo per ristrutturazione Casalegno per

11 EDILIZIA NON SCOLASTICA - Lavori manutenzione, conduzione, gestione impianti e centrali termiche EDILIZIA NON SCOLASTICA - Lavori manutenzione opere varie (edili, elettricista, idraulico) EDILIZIA NON SCOLASTICA - Lavori manutenzione in economia opere varie (fabbro, vetraio) Palazzo Provincia - Via S. Cristoforo, 3 - Vercelli - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi 4 lotto CHIESA di SANTA MARIA di LUCEDIO: Restauro e rifunzionalizzazione interni, completamento sistemazione aree esterne e struttura di accoglienza. 1 Lotto: completamento scavo archeologico e realizzazione percorso archeologico Liceo Scientifico "Avogadro", C.so Palestro - Vercelli - Edificio exlavatoio: completamento dell'intervento di ristrutturazione e restauro e sistemazione dell'area esterna Istituto Alberghiero IPSSAR di Varallo - Restauro ai fini della sicurezza degli intonaci ammalorati delle facciate - 2 Lotto Ist. Prof. Comm. "Lanino" - Via Verdi - Vercelli - Sostituzione vetri e serramenti insicuri IPSIA "Magni", via G. Marconi 8, Borgosesia- Adeguamento alle norme di prevenzione incendi- 1 lotto Finanziato con mutuo Finanziato con mutuo. 11 Finanziato con fondi E.On per e con economie in c/capitale per Finanziato con mutuo. Finanziato da Fondi Terna. A seguito dell approvazione di emendamento al bilancio, n. 2 presentato dal Capogruppo del PDL, viene azzerato l importo di ,00 originariamente previsto per i lavori in oggetto Finanziato con alienazioni per Euro e con mutuo per Euro

12 Palazzo Provincia - Via S. Cristoforo, 3/7 - Vercelli - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi Edifici del patrimonio non scolastico - Lavori di adeguamento locali adibiti ad archivio dell'ente- 2 lotto CHIESA di SANTA MARIA di LUCEDIO: Restauro e rifunzionalizzazione interni, completamento sistemazione aree esterne e struttura di accoglienza. 2 Lotto: restauri interni, volta e affreschi laterali IPSIA "Magni", via G. Marconi 8, Borgosesia- Adeguamento alle norme di prevenzione incendi- 2 lotto Liceo Artistico "Alciati" - Piazza Garibaldi -Trino- Adeguamento alle norme di prevenzione incendi - 1 lotto Palazzo Provincia - Via S. Cristoforo, 3/7 - Vercelli - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi Edifici del patrimonio non scolastico - Lavori di adeguamento locali adibiti ad archivio dell'ente 3 lotto CHIESA di SANTA MARIA di LUCEDIO: Restauro e rifunzionalizzazione interni, completamento sistemazione aree esterne e struttura di accoglienza. 3 Lotto: completamento restauro - Rifunzionalizzazione impianti, aree esterne e struttura accoglienza Finanziato con mutuo Finanziato con mutuo Finanziamenti Terna. Finanziato da Fondi Terna. A seguito dell approvazione di emendamento al bilancio, n. 2 presentato dal Capogruppo del PDL, viene ridotto l importo originariamente previsto da ,00 a ,00 per i lavori in oggetto Finanziato con mutuo TOTALI , , ,00 Finanziato con compensazioni art. 4 D.L. 314/2003 del 2011 e con mutuo Finanziato con mutuo Finanziato con mutuo Finanziamenti Terna. 12

13 SCHEDA 3 - ELENCO ANNUALE DESCRIZIONE INTERVENTO RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Cogn Nome ome Importo annuale IMPORTO Intervento Trim./anno Inizio Lavori Tempi di esecuzione Trim./anno Fine Lavori Lavori di manutenzione ordinaria programmata delle strade di tutto il territorio provinciale. SILV A Caterina , ,00 3 / /2013 Lavori di manutenzione straordinaria programmata delle strade di tutto il territorio provinciale. ACE RBO Marco , ,00 3 / /2013 Lavori di manutenzione straordinaria della segnaletica verticale delle strade provinciali - anno CRE SSA NO Michele , ,00 2 / /2014 Lavori di manutenzione straordinaria della segnaletica orizzontale delle strade provinciali - anno ACE RBO Marco , ,00 2 / /2014 Lavori di manutenzione straordinaria delle barriere stradali di sicurezza delle strade provinciali - anno ACE RBO Marco , ,00 2 / /2014 Lavori di manutenzione straordinaria dei versanti delle strade provinciali dell'area Valsesia - anno CRE SSA NO Michele , ,00 2 / /

14 SR 455 "Di Pontestura". Adeguamento carreggiata tratta Vercelli-Tricerro. 2 lotto funzionale. ACE RBO Marco , ,00 2 / /2014 SP 299 "Di Alagna" - Miglioramento sicurezza circolazione e barriere stradali di sicurezza Area Alta Valsesia. Comuni di Varallo, Vocca, Scopello, Pila, Piode, Campertogno, Riva Valdobbia - 3 lotto ACE RBO Marco , ,00 1 / /2014 SP 593 "Di Borgo d'ale". Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello, intersezione con la strada comunale via Cavaglià, in Comune di Alice Castello, con impianto di illuminazione a basso consumo energetico. SILV A Caterina , ,00 2 / /2013 SP 594 "Destra Sesia" - SP 66 "Lenta- Rovasenda". Lavori di realizzazione rotatoria con priorità all'anello in Comune di Lenta dotata di impianto di illuminazione a basso consumo energetico. ACE RBO Marco , ,00 2 / /2013 SP 103 "Cellio - Zuccaro". Lavori di manutenzione straordinaria nel Comune di Cellio, utilizzando prevalentemente tecniche di ingegneria naturalistica. CRE SSA NO Michele , ,00 2 / /2013 SP 10 "di Valle Sermenza" - SP 9 "di Valle Mastellone" - S.P. 73 "Guardella - Guardabosone". Lavori a basso impatto ambientale finalizzati alla salvaguardia delle pareti rocciose. CRE SSA NO Michele , ,00 2 / /

15 EDILIZIA SCOLASTICA - Lavori manutenzione, conduzione, gestione impianti e centrali termiche EDILIZIA SCOLASTICA - Lavori manutenzione opere varie (edili, elettricista, idraulico) EDILIZIA SCOLASTICA - Lavori manutenzione in economia opere varie (fabbro, vetraio, etc) LIARD O LIARD O LIARD O GIORGETT A TRIM '12 1 TRIM '13 GIORGETT A TRIM '12 1 TRIM '13 GIORGETT A TRIM '12 1 TRIM '13 Istituto Alberghiero "G.Pastore" di Varallo - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi - 2 lotto LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 I.P.S.I.A. - Via Sereno - Vercelli - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 Liceo Scientifico "Avogadro", corso Palestro, Vercelli - Realizzazione di impianto fotovoltaico LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 ITIS" Lirelli", via Lirelli, Borgosesia - Realizzazione di impianto fotovoltaico LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 ITA VC - Rifacimento copertura ammalorata -1 lotto e realizzazione di impianto fotovoltaico LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 Liceo Scientifico di Borgosesia - Sistemazione locali e realizzazione del collegamento tra edificio esistente e ampliamento LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 15

16 Istituto "Cavour",corso Italia, Vercelli - completamento degli interventi da ultimare ai fini del rilascio del CPI LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 Adeguamento alle norme di prevenzione incendi negli edifici scolastici provinciali - completamento degli interventi da ultimare ai fini del rilascio del CPI LIARD O GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 Edificio ex-alloggi di via Gioberti, Trino - Ristrutturazione locali del 2 piano per destinarli all'attività didattica dell'ipssar Alberghiero LIAR DO GIORGETT A TRIM '12 2 TRIM '13 EDILIZIA NON SCOLASTICA - Lavori manutenzione, conduzione, gestione impianti e centrali termiche LIARD O GIORGETT A TRIM '12 1 TRIM '13 EDILIZIA NON SCOLASTICA - Lavori manutenzione opere varie (edili, elettricista, idraulico) LIARD O GIORGETT A TRIM '12 1 TRIM '13 EDILIZIA NON SCOLASTICA - Lavori manutenzione in economia opere varie (fabbro, vetraio) LIARD O GIORGETT A TRIM '12 1 TRIM '13 Palazzo Provincia - Via S. Cristoforo, 3 - Vercelli - Adeguamento alle norme di prevenzione incendi 4 lotto LIARD O GIORGETT A TRIM '12 3 TRIM '13 16

17 CHIESA di SANTA MARIA di LUCEDIO: Restauro e rifunzionalizzazione interni, completamento sistemazione aree esterne e struttura di accoglienza. 1 Lotto: completamento scavo archeologico e realizzazione percorso archeologico GAIETTA GIORGIO TRIM ' , ,00 Finanziato da Fondi Terna. A seguito dell approvazione di emendamento al bilancio, n. 2 presentato dal Capogruppo del PDL, viene azzerato l importo di ,00 originariamente previsto per i lavori in oggetto 17

18 P R O V I N C I A D I V E R C E L L I Deliberazione della Giunta Provinciale Verbale N 59 SEDUTA DEL 12 APRILE 2012 L anno duemiladodici addi dodici del mese di aprile alle ore 9,30 in Vercelli nella Sala delle Adunanze al primo piano del Palazzo provinciale, si e riunita la Giunta Provinciale previo avviso di convocazione con annesso ordine del giorno. Per la trattazione della proposta sottoindicata sono stati convocati: Presenti Assenti RIVA VERCELLOTTI Carlo - P r e s i d e n t e X BASSO Massimo - Vice Presidente X CAMANDONA Massimo - Assessore X COSSU Maria Cristina - Assessore X DAGO Angelo - Assessore X GILARDINO Davide - Assessore X Assiste il Segretario Generale della Provincia Dott. Salvatore CORRADO. Essendo l adunanza in numero legale il Presidente apre la discussione sul seguente O G G E T T O Programmazione del fabbisogno di personale - ANNO Il relatore, l Assessore CAMANDONA Massimo sottopone ad approvazione la seguente proposta: 18

19 LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO che: l'art. 6 - commi bis e 6 - del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i. prevede: " 1. Nelle amministrazioni pubbliche l'organizzazione e la discipline degli uffici, nonché la consistenza e la variazione delle dotazioni organiche sono determinate in funzione delle finalit y indicate all'articolo 1, comma 1, previa verifica degli effettivi fabbisogni e previa consultazione delle organizzazioni sindacali rappresentative ai sensi dell'articolo 9. Nell'individuazione delle dotazioni organiche, le amministrazioni non possono determinare, in presenza di vacanze di organico, situazioni di soprannumerarietà di personale, anche temporanea, nell'ambito dei contingenti relativi alle singole posizioni economiche delle aree funzionali e di livello dirigenziale. Ai fini della mobilità collettiva le amministrazioni effettuano annualmente rilevazioni delle eccedenze di personale su base territoriale per categoria o area, qualifica e profilo professionale.» Le amministrazioni pubbliche curano l'ottimale distribuzione delle risorse umane attraverso la coordinate attuazione dei processi di mobilità e di reclutamento del personale. 3. Per la ridefinizione degli uffici e delle dotazioni organiche si procede periodicamente e comunque a scadenza triennale, nonché ove risulti necessario a seguito di riordino, fusione, trasformazione o trasferimento di funzioni. Ogni amministrazione procede adottando gli atti previsti dal proprio ordinamento. 4. Le variazioni delle dotazioni organiche gie determinate sono approvate dall'organo di vertice delle amministrazioni in coerenza con la programmazione triennale del fabbisogno di personale di cui all'articolo 39 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 (15), e successive modificazioni ed integrazioni, a con gli strumenti di programmazione economico -finanziaria pluriennale. Per le amministrazioni dello Stato, la programmazione triennale del fabbisogno di personale ~ deliberate dal Consiglio dei ministri e le variazioni delle dotazioni organiche sono determinate ai sensi dell'articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400 (16). 4-bis. II documento di programmazione triennale del fabbisogno di personale ed i suoi aggiomamenti di cui al comma 4 sono elaborati su proposta dei competenti dirigenti che individuano i profili professionali necessari alto svolgimento dei compiti istituzionali delle strutture cui sono preposti. 6. Le amministrazioni pubbliche che non prowedono agli adempimenti di cui al presente articolo non possono assumere nuovo personale, compreso quello appartenente alle categorie protette."; l'art 33 - commi 1 e 2 - del Dlgs. n. 165/2001 e s.m.i., cosi come da ultimo modificato dall'art. 16 della Legge n. 183/2011, prevede: "1. Le pubbliche amministrazioni che hanno situazioni di soprannumero o rilevino comunque eccedenze di personale, in relazione alle esigenze funzionali o a//a situazione finanziaria, anche in sede di ricognizione annuale prevista dall'articolo 6, comma 1, terzo e quarto periodo, sono tenute ad osservare le procedure previste dal presente articolo dandone immediate comunicazione al Dipartimento della funzione pubblica." 2. "Le amministrazioni pubbliche che non adempiono alla ricognizione annuale di cui al comma 1 non possono effettuare assunzioni o instaurare rapport' di lavoro con qualunque tipologia di contralto pena la nullit y degli atti posti in essere."; 19

20 l'articolo 76 - comma 7 - del decreto-legge 25 giugno 2008, n convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, cosi come modificato dall'art. 4 comma 103 della Legge 12 novembre 2011, n. 183 e dall'art. 28 comma 11 quater del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito nella Legge 22 dicembre 2011, n prevede ("... È fatto divieto agli enti nei quali l'incidenza delle spese di personale è pari o superiore al 50 per cento delle spese correnti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale; i restanti enti possono procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite del 20 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell'anno precedente. Per gli enti nei quali l'incidenza delle spese di personale è pari o inferiore al 35 per cento delle spese correnti sono ammesse, in deroga al limite del 20 per cento e comunque nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilità interno e dei limiti di contenimento complessivi delle spese di personale, le assunzioni per turo-over che consentano l'esercizio delle funzioni fondamentali previste dall'articolo 21, comma 3, lettera b), della legge 5 maggio 2009, n Ai fini del computo della percentuale di cui al periodo precedente si calcolano le spese sostenute anche dalle società a partecipazione pubblica locale totale o di controllo che sono titolari di affidamento diretto di servizi pubblici locali senza gara, ovvero che svolgono funzioni volte a soddisfare esigenze di interesse generale aventi carattere non industriale, né commerciale, ovvero che svolgono attività nei confronti della pubblica amministrazione a supporto di funzioni amministrative di natura pubblicistica. La disposizione di cui al precedente periodo non si applica alle società quotate su mercati regolamentari." (comma così sostituito dall'articolo 14, comma 9, legge n. 122 del 2010, poi così modificato dall'articolo 1, comma 118, legge n. 220 del 2010 e dall'articolo 20, comma 9, legge n. 111 del 2011, poi dall'articolo 4, comma 103, legge n. 183 del 2011, poi dall'articolo 28, comma 11-quater, decreto-legge n. 201 del 201 l); l'art. 48 del Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246) - pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio Supplemento Ordinario n prevede: "1. Ai sensi degli articoli 1, comma 1, lettera c), 7, comma 1, e 57, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le province, i comuni e gli altri enti pubblici non economici, sentiti gli organismi di rappresentanza previsti dall'articolo 42 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 ovvero, in mancanza, le organizzazioni rappresentative nell'ambito del comparto e dell'area di interesse, sentito inoltre, in relazione alla sfera operativa della rispettiva attività, il Comitato di cui all'articolo 10, e la consigliera o il consigliere nazionale di parità, ovvero il Comitato per le pari opportunità eventualmente previsto dal contratto collettivo e la consigliera o il consigliere di parità territorialmente competente, predispongono piani di azioni positive tendenti ad assicurare, nel loro ambito rispettivo, la rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne. Detti piani, fra l'altro, al fine di promuovere l'inserimento delle donne nei settori e nei livelli professionali nei quali esse sono sottorappresentate, ai sensi dell'articolo 42, comma 2, lettera d), favoriscono il riequilibrio della presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche ove sussiste un divario fra generi non inferiore a due terzi. A tale scopo, in occasione tanto di assunzioni quanto di promozioni, a fronte di analoga qualificazione e preparazione professionale tra candidati di sesso diverso, l'eventuale scelta del candidato di sesso maschile e' accompagnata da un'esplicita ed adeguata motivazione. 1 piani di cui al presente articolo hanno durata triennale. In caso di mancato adempimento si applica l'articolo 6, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n

21 2. Resta fermo quanto disposto dall'articolo 57, decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.". l'articolo 9 - comma 28 - del decreto-legge 31 maggio 2010, n convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n come da ultimo modificato dall'ari. 4 comma 102 della Legge 12 novembre 2011, n prevede: ("...le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le agenzie, incluse le Agenzie fiscali di cui agli articoli 62, 63 e 64 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni, gli enti pubblici non economici, gli enti di ricerca, le universit y e gli enti pubblici di cui all'articolo 70, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni e integrazioni, fermo quanto previsto dagli articoli 7, comma 6, e 36 del decreto legislativo 30 marzo 2001 e successive modificazioni e integrazioni, possono avvalersi di personale a tempo determinato o con convenzioni ovvero con contratti di collaborazione coordinate e continuative, nel limite del 50 per cento della spesa sostenuta per le stesse finalit à nell'anno Per le medesime amministrazioni la spesa per personale relative a contratti di formazione lavoro, ad altri rapporti formativi, alla somministrazione di lavoro, nonch6 al lavoro accessorio di cui all'articolo 70, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e successive modificazioni ed integrazioni, non pu6 essere superiore al 50 per cento di quella sostenuta per le rispettive finalit à nell'anno Le disposizioni di cui al presente comma costituiscono principi generali ai fini del coordinamento della finanza pubblica ai quali si adeguano le regioni, le province autonome, «gli enti locali» e gli enti del Servizio sanitario nazionale...."; I'art. 1 - comma della legge 27 dicembre 2006, n cosi come sostituito dall'art. 14 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n prevede: "557. Ai fini del concorso delle autonomie regionali a locali al rispetto degli obiettivi di finanza pubblica, gli enti sottoposti al patto di stabilit a inferno assicurano la riduzione delle spese di personale, al lordo degli oneri riflessi a carico delle amministrazioni e dell'irap, con esclusione degli oneri relativi ai rinnovi contrattuali, garantendo it contenimento della dinamica retributive e occupazionale, con azioni da modulare nell'ambito della propria autonomia e rivolte, in termini di principio, ai seguenti ambiti prioritari di intervento: riduzione dell'incidenza percentuale delle spese di personale rispetto al complesso delle spese correnti, attraverso parziale reintegrazione dei cessati a contenimento della spesa per il lavoro flessibile; razionalizzazione e snellimento delle strutture burocratico-amministrative, anche attraverso accorpamenti di uffici con l'obiettivo di ridurre l'incidenza percentuale delle posizioni dirigenziali in organico; contenimento delle dinamiche di crescita della contrattazione integrative, tenuto anche conto delle corrispondenti disposizioni dettate per le amministrazioni statali. 557-bis. Ai fini dell'applicazione del comma 557, costituiscono spese di personale anche quelle sostenute per i rapporti di collaborazione coordinata e continuative, per la somministrazione di lavoro, per il personale di cui all'articolo 110 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, nonch6 per tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture a organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all'ente. 557-ter. In caso di mancato rispetto del comma 557, si applica it divieto di cui &fart. 76, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, della legge 6 agosto 2008, n. 133.". 21

22 L art. 76 comma 4 - del D.L. 25 giugno 2008, n convertito nella Legge 6 agosto 2008, n. 133 recante "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria " - prevede: "In caso di mancato rispetto del patto di stabilità inferno nell'esercizio precedente a fatto divieto agli enti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e continuative e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto. è fatto altresì divieto agli enti di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della presente disposizione." Richiamate le disposizioni di cui alla Legge 12 marzo 1999, n. 68 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili) che, all'art. 3 - comma 1, prevedono: "l. 1 datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori appartenenti alle categorie di cui all'articolo 1 nella seguente misura: a) sette per cento dei lavoratori occupati, se occupano più di 50 dipendenti; b) due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti; c) un lavoratore, se occupano da 15 a 35 dipendenti. Visto l'art. 30 del D.L.vo n. 165/2001 e s.m.i (Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse) che prevede: al comma 1: "Le amministrazioni possono ricoprire posti vacanti in organico mediante cessione del contratto di lavoro di dipendenti appartenenti alla stessa qualifica in servizio presso altre amministrazioni, che facciano domanda di trasferimento. Le amministrazioni devono in ogni caso rendere pubbliche le disponibilità dei posti in organico da ricoprire attraverso passaggio diretto di personale da altre amministrazioni fissando preventivamente i criteri di scelta. Il trasferimento è disposto previo parere favorevole dei dirigenti responsabili dei servizi e degli uffici cui il personale è o sarà assegnato sulla base della professionalità in possesso del dipendente in relazione al posto ricoperto o da ricoprire.'; al comma 2-bis: "Le amministrazioni, prima di procedere all'espletamento di procedure concorsuali, finalizzate alla copertura di posti vacanti in organico, devono attivare le procedure di mobilità di cui al comma 1, provvedendo, in via prioritaria, all'immissione in ruolo dei dipendenti, provenienti da altre amministrazioni, in posizione di comando o di fuori ruolo, appartenenti alla stessa area funzionale, che facciano domanda di trasferimento nei ruoli delle amministrazioni in cui prestano servizio. Il trasferimento è disposto, nei limiti dei posti vacanti, con inquadramento nell'area funzionale e posizione economica corrispondente a quella posseduta presso le amministrazioni di provenienza.". Visto l'art. 34 del D.L.vo n. 165/2001 e s.m.i (Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse) che prevede: "Le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, con esclusione delle amministrazioni previste dall'articolo 3, comma 1, ivi compreso il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, prima di avviare le procedure di assunzione di personale, sono tenute a comunicare ai soggetti di cui all'articolo 34, commi 2 e 3, l'area, il livello e la sede di destinazione per i quali si intende bandire il concorso nonché, se necessario, le funzioni e le eventuali specifiche idoneità richieste. 22

23 Vista la precedente propria deliberazione n. 49 in data con la quale è stato adottato il "Piano delle azioni positive" di cui all'art. 48 del Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna), a norma dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246 Vista, altresì, la precedente propria deliberazione n. 50 in data con la quale - ai sensi dell'art comma 2 - del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i., così come da ultimo modificato dall'ad. 16 della Legge n. 183/2011 ("2. Le amministrazioni pubbliche che non adempiono alla ricognizione annuale di cui al comma 1 non possono effettuare assunzioni o instaurare rapporti di lavoro con qualunque tipologia di contratto pena la nullità degli atti posti in essere.') si è dato atto che presso la Provincia di Vercelli non si riscontrano situazioni di soprannumerarietà o eccedenze di personale ai fini dell'eventuali assunzioni di personale per I'anno 2012; Richiamati gli allegati alla suddetta deliberazione dai quali si evince che risultano rispettati i parametri di cui: all'art. 1 comma 557 della legge 27 dicembre 2006, n cosi come sostituito dall'art. 14 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 in ordine al contenimento della dinamica retributiva e occupazionale rispetto all'anno precedente; all articolo 76 - comma 7 - del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, cosi come modificato dall'art. 4 comma 103 della Legge 12 novembre 2011, n. 183 e dall'art. 28 comma 11 quater del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito nella Legge 22 dicembre 2011, n in ordine al non superamento del tetto del 50% nel rapporto tra spesa del personale e spesa corrente; Visto l'allegato "sub B" alla presente dal quale emerge the a stato rispettato, per l'anno 2011, il "patio di stabilità interno" e, quindi, non ricorre it divieto di cui all'art. 76 comma 4 - del D.L. 25 giugno 2008, n. 112 convertito nella Legge 6 agosto 2008, n. 133 recante "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria" (" In caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno nell esercizio precedente ~ fatto divieto agli enti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e continuative e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto, è fatto altresì divieto agli enti di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi delta presente disposizione); Visto l'allegato "sub C" alla presente, dal quale emerge che it limite di spesa - di cui all articolo 9 - comma 28 - del decreto-legge 31 maggio 2010, n convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n come da ultimo modificato dall'art. 4 comma 102 della Legge 12 novembre 2011, n. 183 (50 per cento della spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno 2009) - corrisponde a ,47; 23

24 Visto l'allegato "sub D" alla presente, relativo ai costi da sostenersi nell'anno 2012 per la proroga - a tutto il dei contralti a tempo determinato relativi agli "Uffici alle dirette dipendenze degli organi politici alle stesse condizioni economiche di cui alla deliberazione n. 6/2012; Visto l'allegato "sub E" alla presente, relativo ai costi da sostenersi - nel torso del per il conferimento degli incarichi di collaborazione coordinata e continuativa contenuti nel "Programma per I'Affidamento di incarichi esterni di collaborazione autonoma - anno Proposta al Consiglio Provinciale. " cosi come proposto con deliberazione n. 58 del ; Visto l'allegato "sub F" alla presente, relativo: alla quantificazione del 20 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell'anno precedente di cui all'articolo 76 - comma 7 - del decreto-legge 25 giugno 2008, n convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, cosi come modificato dall'art. 4 comma 103 della Legge 12 novembre 2011, n. 183 e dall'art. 28 comma 11 quater del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito nella Legge 22 dicembre 2011, n. 214; alla quantificazione dei costi da sostenersi - nel corso del per il reclutamento di un unità di personale appartenente alle " categorie protette" di cui alla Legge n. 68/1999 e s.m.i.; Richiamata la nota-circolare n in data del Dipartimento della Funzione Pubblica U.P.P.A. - recante "Programmazione del fabbisogno di personale triennio Autorizzazioni ad assumere per l'anno 2010 e a bandire per il triennio " con la quale è stato precisato che "...Ai fini del calcolo dei risparmi realizzati per cessazioni, da calcolare sempre sui 12 mesi, a prescindere dalla data di cessazione dal servizio e dei relativi costi, si segnala la necessità di utilizzare criteri omogenei a quelli seguiti per il calcolo degli oneri assunzional.'; Richiamata, altresì, la deliberazione n. 70/2011/SCRPIE/PAR della Corte dei Conti - Sezione Regionale di controllo per il Piemonte a mente della quale: "La locuzione "spesa corrispondente alle cessazioni" va perciò interpretata quale spesa annuale, data la necessità di sostituire unità di personale cessate dal servizio, le quali, ovviamente, hanno percepito la retribuzione solo per i mesi dell'anno in cui hanno fornito le loro prestazioni lavorative (coni. Sezione controllo Toscana par. 17 novembre 2010 n. 160). Tale interpretazione, inoltre, vale ad ancorare ad un dato certo il parametro di riferimento e risulta seguita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica U.P.P.A., che con nota circolare n del 18 ottobre 2010 (citata dallo stesso richiedente) precisa (par. 10) che i risparmi realizzati per cessazione vanno calcolati "sempre sui 12 mesi, a prescindere dalla data di cessazione del servizio e dei relativi costi". Dato atto che come evincesi dall'allegato "sub F" alla presente i costi da sostenersi nel corso del 2012 per il reclutamento di un unità di personale appartenente alle "categorie protette" di cui alla Legge n e s.m.i risultano rispettosi delle disposizioni di cui all'articolo 76 - comma 7 - del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, così come modificato dall'art. 4 comma 103 della Legge 12 novembre 2011, n. 183 e dall'ad. 28 comma 11 24

25 quater del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito nella Legge 22 dicembre 2011, n. 214) in quanto contenuti nel limite del 20 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell'anno precedente; Ritenuto necessario procedere all'adempimento degli obblighi assunzionali di cui all'art. 3 della citata Legge n. 68/1999 e s.m.i.; Valutate altresì ai sensi dell'ad. 6 comma 4-bis del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i. (" 4bis. ll documento di programmazione triennale del fabbisogno di personale ed i suoi aggiornamenti di cui al comma 4 sono elaborati su proposta dei competenti dirigenti che individuano i profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti istituzionali delle strutture cui sono preposti.`) - le richieste di personale inoltrate dai singoli dirigenti dell'ente; Richiamate, tuttavia, le disposizioni vincolistiche di cui alle sopraccennate disposizioni normative nonché i limiti economici all'interno dei quali poter procedere alla provvista di personale per l'anno 2012; Richiamato it parere della Corte dei Conti Sezione delle Autonomie n. 2 in data che prevede: "Per quanto riguarda il primo quesito, ossia quale sia l'anno di riferimento per calcolare la riduzione della spesa del personale, la Sezione ritiene che Comune non potrà che fare riferimento alla spesa per il personale dell'anno precedente, in modo tale da garantime una diminuzione in termini costanti e progressivi, di anno in anno, coerentemente con 8 vigente quadro normativo, che impone la programmazione dei fabbisogni e l'ottimizzazione delle risorse disponibili"; Visto al riguardo l'allegato "sub G" dal quale emerge che la programmazione del fabbisogno di personale di cui alla presente delibera risulta rispettosa dei principi di cui all'art. 1 - comma della legge 27 dicembre 2006, n cosi come sostituito dall'art. 14 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n in quanto determina un " contenimento della dinamica retributive e occupazionale" rispetto all'anno precedente; Visto l'art comma 8 - della Legge 28 dicembre 2001, n. 448 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato " ("A decorrere dall'anno 2002 gli organi di revisione contabile degli enti locali di cui all'articolo 2 del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, a 267, accertano che i documenti di programmazione del fabbisogno di personale siano improntati al rispetto del principio di riduzione complessiva della spesa di cui all'articolo 39 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni, e che eventual! deroghe a tale principio siano analiticamente motivate."); Vista la sentenza del Consiglio di Stato n del a mente della quale: "... la Giunta comunale a competente ad emanare tutti gli atti di che non siano riservati della legge al Consiglio comunale e che non ricadano nelle competenze del Sindaco. Trattasi di competenza di carattere generale e residuale, mentre invece quella del Consiglio comunale a limitata agli atti espressamente e tassativamente elencati dall articolo 42, comma 2, del decreto legislativo n. 267 del In tale elenco non compare l'atto di programmazione triennale del fabbisogno di personale, ne si pu6 ritenere che possa rientrare nelle competenze riguardanti "programmi triennali ed elenco annuale di lavori pubblici". Tale espressione, che compare 25

26 nell'elenco di cui all'articolo 42, comma 2, dell'indicato decreto legislativo n 267 del 2000, si riferisce in evidenza al solo programma triennale dei laved pubblici e non a tutti i programmi triennali. Pertanto sussiste pienamente la competenza residuale della Giunta..."; Precisato che in merito al contenuto del presente provvedimento verrà data, in ottemperanza alle disposizioni di cui all'art. 7 - comma 1 - del CCNL , informazione alle OO.SS. rappresentative; Dato atto che a stato ottemperato al disposto di cui all'art. 49, c. 1 del D.Lgs 267/2000, come evincesi dal documento allegato sub A) alla presente deliberazione; A voti unanimi DELIBERA per le motivazioni in premessa indicate: 1) di procedere alla programmazione del fabbisogno di personale mediante: a) reclutamento di n. 1 unite di personale con profilo professionale di istruttore area Tecnica - Categoria C1 - a tempo indeterminato da riservare - con le modalità di cui agli artt. 40 comma 13 e 43 comma 5 del vigente Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi" agli appartenenti alle categorie protette di cui alla Legge n. 68/1999 e s.m.i.; b) conferma - a tutto il degli uffici di supporto agli Organi di direzione politica ai sensi dell'articolo 90 Testo Unico 267/2000 e articolo 18 del vigente Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi nelle figure: o Portavoce comunicazione istituzionale Responsabile ufficio stampa; o Capo di Gabinetto della Giunta provinciale; con incarico "intuitu personae" da parte del Presidente della Provincia; c) conferimento degli incarichi di collaborazione coordinata e continuativa - contenuti nel "Programma per l'affidamento di incarichi esterni di collaborazione autonoma - anno Proposta al Consiglio Provinciale. " adottato con deliberazione n. 58 del di cui all'allegato "sub E alla presente; d) alla promozione di eventuali processi interni di mobilità con riqualificazione professionale dei dipendenti dell'amministrazione, al fine di garantire un utilizzo razionale delle risorse umane; 26

27 2) di demandare a successivi provvedimenti del Dirigente del Settore Personale e Organizzazione le procedure attuative di cui alla lettera "a' del precedente punto 1 - sia nel rispetto delle previsioni di cui agli artt bis e 35 del D.Lgs. n. 165/2001, sia nel rispetto delle previsioni di cui artt comma 13 - e 43 - comma 5 - del vigente Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi"; 3) di demandare a successivi provvedimenti del Dirigente del Settore Segreteria e affari generali le procedure attuative di cui alla lettera "b" del precedente punto 1; 4) di demandare a successivi provvedimenti del Dirigente del Settore Tutela Ambientale le procedure attuative di cui alla lettera "c" del precedente punto 1 nel rispetto delle previsioni di cui all'art. 7 del D.Lgs. n. 165/2001; 5) di demandare a successivi provvedimenti del Dirigente del Settore Personale e Organizzazione le procedure attuative di cui alla lettera "d" del precedente punto 1 - nel rispetto della disciplina dei principi e dei criteri per la mobilità interna del personale di cui alla deliberazione n del ; 6) di dare atto che, per la copertura finanziaria degli oneri derivanti dalle procedure dianzi indicate, verrà utilizzata la somma ammontante presumibilmente ,00 utilizzando i competenti capitoli inerenti la spesa del personale di cui al redigendo Bilancio di previsione 2012; 7) di dare atto che la provvista di personale di cui sopra risulta rispettosa delle disposizioni normative di cui in premessa. Indi con votazione unanime, la presente deliberazione, stante l'urgenza viene dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi del 4º comma dell'art. 134 del D.Lgs. n. 267/

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 Allegato B delibera 13 del 3.2.2016 PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 PREMESSO che il vigente quadro normativo in materia di organizzazione dell'ente locale, con particolare riferimento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 70 /G del 11/12/2014 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE 2015-2017 - AP- PROVAZIONE =====================================================================================

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 51 del 10/03/2011) OGGETTO: APPROVAZIONE DOTAZIONE ORGANICA E DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 133/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 1 luglio 2014 composta dai

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 198 DEL 11.11.2013 OGGETTO: Deliberazione Giunta Comunale nr. 117 del 04.11.2013. Modifica dotazione organica e integrazione

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE PER IL TRIENNIO 2014-2016 L anno

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 14 DEL OGGETTO: Approvazione piano fabbisogno del personale triennio 2015-2017 e approvazione piano

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 153 del 22/07/2015 )

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 153 del 22/07/2015 ) ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 153 del 22/07/2015 ) OGGETTO: APPROVAZIONE DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 20. OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DEL FABBISOGNO DI PERSONALE TRIENNIO 2014/2016 Data 04/02/2014

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 37 del 01-09-2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE D ANNUALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2014/2016

Dettagli

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI CARONNO VARESINO PROVINCIA DI VARESE COPIA Codice ente Protocollo n. 10081 DELIBERAZIONE N. 103 in data: 16.10.2014 Soggetta invio capigruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

C I T T A D I C A M P O B A S S O

C I T T A D I C A M P O B A S S O C I T T A D I C A M P O B A S S O C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 111 Del 20-06-11 Oggetto: Programmazione triennale del fabbisogno di personale - Anni 2011-2013. L'anno

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 05/8/2015 OGGETTO: Programmazione triennale del fabbisogno di personale 2015-2017. Piano occupazionale anno 2015. N. 78 L anno duemilaquindici

Dettagli

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI

S E D E ATTI PRELIMINARI ALLE ASSUNZIONI 13 ottobre 2014 N. Prot. Gen. Prot. precedente Oggetto: Relazione sulle possibilità assunzionali dopo la conversione in Legge del DL. 90/2014 Al Signor Sindaco Al Signor Assessore al Personale Al Signor

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE N 207 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Approvazione programmazione del fabbisogno del personale per il triennio 2013/2015.

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis Comuni de Aristanis DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (N. 122 DEL 24/06/2015) ORIGINALE OGGETTO: Approvazione piano triennale delle assunzioni 2015/2017. L anno 2015 il giorno 24 del mese di Giugno nella

Dettagli

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco 1 dott. Arturo Bianco Esperto in gestione delle risorse umane Già presidente Anci Sicilia, già componente la

Dettagli

UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE. L Anno duemilaquindici i addì sette del mese di Aprile, nel Comune di Zerfaliu,

UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE. L Anno duemilaquindici i addì sette del mese di Aprile, nel Comune di Zerfaliu, Comune di Zerfaliu Provincia di Oristano UFFICIO DEL SEGRETARIO COMUNALE ATTI GESTIONE DEL PERSONALE Determinazione N 8 del 7/04/2015 OGGETTO: Copertura posto vacante Istruttore direttivo - Amministrativo,

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Deliberazione della Giunta Comunale N. 148 del 09/12/2014 OGGETTO: RICOGNIZIONE DI EVENTUALI SITUAZIONI DI SOPRANNUMERO O ECCEDENZA DI PERSONALE E APPROVAZIONE

Dettagli

OGGETTO Ricognizione eccedenze del personale ex art..33, comma 1 del D.Lgs. 165/2001, come modificato dall'art.16 della Legge n.183/2011.

OGGETTO Ricognizione eccedenze del personale ex art..33, comma 1 del D.Lgs. 165/2001, come modificato dall'art.16 della Legge n.183/2011. PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 3 4 Del 13 febbraio 2015 OGGETTO Ricognizione eccedenze del personale ex art..33, comma 1 del D.Lgs. 165/2001, come modificato dall'art.16

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 50 DEL 26 Marzo 2013 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE - PIANO ASSUNZIONI 2013 * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Dettagli

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 25 marzo 2014, n. 139 Programmazione triennale del fabbisogno del personale della Giunta regionale del Lazio 2014-2016. OGGETTO:

Dettagli

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016

Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 Allegato a) Relazione al Piano triennale del fabbisogno di personale 2014-2016 La programmazione triennale del fabbisogno di personale, da deliberarsi ed aggiornarsi annualmente in coerenza con le indicazioni

Dettagli

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e, in particolare, l articolo 30, comma 2, che demanda a un decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa consultazione

Dettagli

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 1. Considerazioni generali e normativa di riferimento Il complessivo andamento di una delle principali voci di spesa del bilancio provinciale

Dettagli

la Mobilità e le Eccedenze dopo la Riforma Brunetta, sono in grassetto. Stralcio D.Lgs. 165/01 aggiornato

la Mobilità e le Eccedenze dopo la Riforma Brunetta, sono in grassetto. Stralcio D.Lgs. 165/01 aggiornato la Mobilità e le Eccedenze dopo la Riforma Brunetta, sono in grassetto. Stralcio D.Lgs. 165/01 aggiornato CAPO III - UFFICI, PIANTE ORGANICHE, MOBILITÀ E ACCESSI ART. 29-BIS MOBILITÀ INTERCOMPARTIMENTALE

Dettagli

COMUNE DI CALASETTA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

COMUNE DI CALASETTA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS COMUNE DI CALASETTA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS C O P I A DETERMINAZIONE DEL SETTORE: Area Amministrativa - Affari Generali Oggetto: QUANTIFICAZIONE DEL LIMITE DI SPESA PER PERSONALE ASSUNTO CON FORME

Dettagli

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2).

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2). L. 15-7-2002 n. 145 Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 luglio 2002, n. 172.

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 149/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 29.09.2015 composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO PROVINCIA DI TRAPANI Copia di Deliberazione della Giunta Municipale N. 148 Rep. Data 09.12.2014 OGGETTO: Approvazione Programma stabilizzazione personale per il triennio 2014/2016

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Atto n. 75 DEL 31/10/2013 Approvazione fabbisogno di personale per il triennio 2013/2015 e annuale 2013. L'anno DUEMILATREDICI il giorno TRENTUNO del

Dettagli

All ARAN Roma. Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma. Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi

All ARAN Roma. Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma. Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi All ARAN Roma Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi Agli Enti pubblici (ex art. 70 D.Lgs. n. 165/2001) Loro

Dettagli

ORGANICI DOCENTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO

ORGANICI DOCENTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO ORGANICI DOCENTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto-legge 3.7.2001, n. 255 convertito in legge 20.8.2001, n. 333 "Disposizioni urgenti per l'ordinato avvio dell'a. S. 2001/2002" Art. 3. Formazione delle

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE N 113 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Rettifica programmazione fabbisogno del personale a tempo indeterminato e

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 34 OGGETTO: Approvazione della programmazione

Dettagli

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale 13 febbraio 2014 Avv. Matteo Pollaroli Partner LABLAW Studio Legale SCALETTA DELL INTERVENTO 1. Ricostruzione della normativa in materia di assunzione

Dettagli

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L.

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N 6/14 Cortina d Ampezzo, 10 aprile 2014 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI POLITICHE ASSUNZIONALI E DI GESTIONE DEL PERSONALE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOGLIONE PROVINCIA DI ASTI

COMUNE DI CASTEL BOGLIONE PROVINCIA DI ASTI COMUNE DI CASTEL BOGLIONE PROVINCIA DI ASTI Deliberazione N. 12 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Programma triennale del fabbisogno del personale anni 2012/2014. Ricognizione annuale

Dettagli

COMUNE DI VALGUARNER4 ( Provincia dì Enna )

COMUNE DI VALGUARNER4 ( Provincia dì Enna ) COMUNE DI VALGUARNER4 ( Provincia dì Enna ) DELIBERA Di GIUNTA COMUNALE N. DEL OGGETTO: Revisione programmatica triennale dei fabbisogno di personale 2013/2015 - piano occupazionale 2013 COMPONENTI LA

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente della Calabria

Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente della Calabria 4 ARPA Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente della Calabria ENTE DI DIRITTO PUBBLICO LEGGE REGIONALE N. 20 del 3 agosto 1999 e s.m.i. REGIONE +!+ " CALABRIA DEUBERA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione N. 302 Seduta del 29/12/2011

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione N. 302 Seduta del 29/12/2011 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 302 Seduta del 29/12/2011 Oggetto: PERSONALE DIRIGENTE - COSTITUZIONE DEL FONDO PER LA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

P R O V I N C I A D I V E R C E L L I

P R O V I N C I A D I V E R C E L L I P R O V I N C I A D I V E R C E L L I Deliberazione della Giunta Provinciale Verbale N 120 SEDUTA DEL 10 ottobre 2013 L anno duemilatredici addi dieci del mese di ottobre alle ore 9,30 in Vercelli nella

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 114 del 28-07-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROGRAMMA FABBISOGNO DEL PERSONALE. TRIENNIO 2015-2017 L'anno duemilaquindici

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA' DI TRICAE PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto n. 156 Del 10/07/2014 Oggetto: ART.39, COMMA 1, DELLA L. 449/97 - PROGRAMMAZIONE DEL FABBIOGNO DI PERONALE PER IL TRIENNIO

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

1)Misure che incidono sulla spesa di personale e istituti correlati riferiti agli Enti Locali

1)Misure che incidono sulla spesa di personale e istituti correlati riferiti agli Enti Locali STRUMENTO GIURIDICO DI APPROFONDIMENTO IN TEMA DI SPESE PER IL PERSONALE 1)Misure che incidono sulla spesa di personale e istituti correlati riferiti agli Enti Locali Enti locali soggetti al patto di stabilità:...

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/133 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/133 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/133 O G G E T T O Piano assunzioni con forme flessibili 2015 L anno duemilaquindici

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE

PROVINCIA DI FROSINONE PROVINCIA DI FROSINONE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA N. 171 del 05/11/2015 OGGETTO: DECRETO PRESIDENZIALE N. 53 DEL 23.12.2014 E SS. MM.. INTEGRAZIONI L anno 2015 addì 05 del mese di Novembre

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

Comune di Sant Anastasia Provincia di Napoli

Comune di Sant Anastasia Provincia di Napoli Comune di Sant Anastasia Provincia di Napoli VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ORIGINALE N 186 del 20/06/2014 OGGETTO: RICOGNIZIONE ANNUALE DELLE SITUAZIONI DI ECCEDENZA DI PERSONALE

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore Regione Siciliana Presidenza L Assessore DISEGNO DI LEGGE Disciplina dell impiego presso l amministrazione regionale ART. 1 (Ordinamento del personale dell Amministrazione regionale) 1. Il personale dei

Dettagli

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 112 del 30/12/2014

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 112 del 30/12/2014 Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 112 del 30/12/2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO TRIENNIO 2015/ 2017

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 191 del 20/06/2014 OGGETTO APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE GIUGNO 2014 - MAGGIO 2016 AI SENSI DELL' ART.48 DEL

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì ventitre del mese di ottobre alle ore 15.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SAGRAMOLA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 46 DEL 28/03/2014 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

DELIBERAZIONE N. 46 DEL 28/03/2014 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELIBERAZIONE N. 46 DEL 28/03/2014 OGGETTO: Programmazione triennale del fabbisogno di personale 2014-2016. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTA la legge regionale 6 ottobre 1998, n. 45, e successive modificazioni

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

COMUNE DI VERTOVA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N 127 del 19/11/2014

COMUNE DI VERTOVA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N 127 del 19/11/2014 COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Fax 035 720496 Cod.Fisc. e P. IVA 00238520167 COPIA Codice Ente : 10238 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 127 del

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE (Provincia di Pistoia) Settore Tecnico Manutentivo

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE (Provincia di Pistoia) Settore Tecnico Manutentivo COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE (Provincia di Pistoia) Settore Tecnico Manutentivo Determinazione del Registro Tecnico Manutentivo n. 275 del 20.12.2013 Determinazione del Registro Generale n. del OGGETTO: CUP

Dettagli

COMUNE DI MONTE ROMANO PROVINCIA DI VITERBO

COMUNE DI MONTE ROMANO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI MONTE ROMANO PROVINCIA DI VITERBO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 82 DEL PROTOCOLLO DELLE DELIBERAZIONI OGGETTO: ISTITUZIONE REGISTRO UNICO FATTURE DIRETTIVE IN MATERIA DEI TEMPI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 163 del 28/11/2015 OGGETTO: Programmazione del fabbisogno del personale per il triennio 2015/2017 - Integrazione.

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 59 OGGETTO: ARTICOLO 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198 "CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

Dettagli

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015 Reg. di Settore n. 42 Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO Copia N. 461/A.G. del 03-08-2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: Art. 31 C.C.N.L. 22/01/2004 - "Disciplina delle

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2014, n. 192

DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2014, n. 192 DECRETO-LEGGE 31 dicembre 2014, n. 192 Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. (14G00205) (GU n.302 del 31-12-2014) Vigente al: 31-12-2014 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 73 In data: 23/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE ANNI 2015 2016 2017 AGGIORNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MUSSOMELI Provincia di Caltanissetta comunemussomeli@legalmail.it

COMUNE DI MUSSOMELI Provincia di Caltanissetta comunemussomeli@legalmail.it PROVINCIA DI CALTANISSETTA Piazza della Repubblica s.n-.93014-mussomeli tel.0934/961111- Fax 0934/991227 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 128 Del reg. gen. DATA _14/07/2014 n. reg. area.

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR PELLICE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR PELLICE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25 Originale PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR PELLICE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25 OGGETTO: Destinazione dei proventi derivanti da sanzioni per violazioni al codice della strada

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015

Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA Deliberazione di Giunta Comunale n 135 del 23/07/2015 Oggetto: ORIGINALE APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 L anno duemilaquindici, addì ventitre

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova . 021 di reg. del 08.03.2013 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PIANO TRIENNALE DELLE ASSUNZIONI 2013/2015 E PROGRAMMA PER L ANNO 2013. CONTESTUALE

Dettagli

COMUNE DI FERNO. Provincia di Varese. Deliberazione n. 0096 in data 07/07/2014. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI FERNO. Provincia di Varese. Deliberazione n. 0096 in data 07/07/2014. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FERNO Provincia di Varese Deliberazione n. 0096 in data 07/07/2014 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: ART. 91 DEL D. LGS. 267/2000 E ART. 39, COMMA 20 BIS, DELLA L. 449/97.

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA. deliberazione n. 64

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA. deliberazione n. 64 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA deliberazione n. 64 LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE SCOLASTICA DEL SISTEMA SCOLASTICO MARCHIGIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 ARTICOLO

Dettagli

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015)

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 agosto 2014, n. 191. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

(spendingreview) Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati

(spendingreview) Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati (spendingreview) 1. La revisione degli assetti organizzativi delle pubbliche amministrazioni 2. Limiti alle assunzione nelle

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ;

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ; DECRETO 29 dicembre 2009. Individuazione degli ufþ ci di livello dirigenziale non generale degli UfÞ ci scolastici regionali per la Sicilia. IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 58/2014/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 58/2014/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 58/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 25 marzo 2014,

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 13 ottobre 2011 Offerte lavoro pubblico su clic lavoro. (11A16791) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO PER

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Codice CIFRA: PER / DEL/2012/ OGGETTO: adempimenti in materia di collocamento mirato ai sensi della l. n. 68/1999 Norme per il

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 2 INDICE Conto economico preventivo annuale Proiezione triennale del Conto economico preventivo

Dettagli

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA VERBALE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE DEL 12/03/2009 n. 3

AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA VERBALE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE DEL 12/03/2009 n. 3 Il giorno 12/03/2009, a partire dalle ore 10,00, presso la sede dell Agenzia in via Belfiore n. 23/C, Torino, sono presenti i componenti del Consiglio d Amministrazione di seguito indicati: Giovanni Nigro

Dettagli

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Pubblicato nella

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 137 del 23.09.2014

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 137 del 23.09.2014 COMUNE DI SESTU rovincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 137 del 23.09.2014 COIA Oggetto: rocedura selettiva di mobilità finalizzata alla coperutra di un posto nel profilo profesionale

Dettagli

Delega al Governo per l adozione del Codice delle disposizioni statali in materia di enti locali e norme sul funzionamento degli enti locali

Delega al Governo per l adozione del Codice delle disposizioni statali in materia di enti locali e norme sul funzionamento degli enti locali DISEGNO DI LEGGE COLLEGATO ALLA LEGGE DI STABILITÀ Delega al Governo per l adozione del Codice delle disposizioni statali in materia di enti locali e norme sul funzionamento degli enti locali Capo I Delega

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016. Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni

LEGGE DI STABILITA 2016. Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni LEGGE DI STABILITA 2016 Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni A cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Dettagli

ORIGINALE. Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE

ORIGINALE. Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CENATE SOPRA Provincia di Bergamo ORIGINALE Deliberazione n. 9 del 21-02-12 GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED IL COMUNE DI CENATE SOPRA PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.36/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nelle camere di consiglio dell adunanza generale del 18 dicembre 2013 e del 10 marzo 2014;

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export DECRETO-LEGGE 6 luglio 2012, n. 95 Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini ((nonche' misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore

Dettagli

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 1923): Presentato dal Ministro degli affari esteri ( BONINO ) il 30 dicembre 2013. Assegnato alla III Commissione (Affari esteri e comunitari), in sede referente,

Dettagli