Il progetto FIRE 2000 nel Gruppo Electrolux

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto FIRE 2000 nel Gruppo Electrolux"

Transcript

1 Il progetto FIRE 2000 nel Gruppo Electrolux Durat Stefano Country Risk Manager XIII Convegno Nazionale A.I.I.A. Milano, 17 novembre 2011

2 Presentazione del Gruppo: Grandi e piccoli elettrodomestici per la casa Elettrodomestici per uso professionale (ristorazione e lavaggio tessuti) Anno 2010 Fatturato (MLD Euro) 11,1 Produzione (Milioni di pezzi) 40 Margine operativo 6,1 % Dipendenti

3 I marchi : Leader del mercato in Italia 3

4 Il peso dell Italia nel Gruppo (dati al : ) MONDO ITALIA Fabbriche 49 (in 16 Paesi) 5 Dipendenti circa Pezzi prodotti più di 40 milioni circa 4,5 milioni Fatturato 11,1 MLD Euro 1,38 MLD Euro 4

5 Il sistema industriale di Electrolux in Italia Cesano M.no (MI): Magazzino prodotto finito Solaro (MI): Lavastoviglie Susegana (TV): Frigoriferi e frigocongelatori Scandicci (ceduto) : Frigoriferi e refrigeratori da tavolo Forlì: Forni e piani di cottura Maniago (PN): Magazzino ricambi Porcia (PN): Lavabiancheria e lavasciuga Pordenone: Centro Elaborazione Dati Vallenoncello (PN): Apparecchiature professionali 5

6 Le origini della Sicurezza nel Gruppo ZANUSSI Dicembre

7 I più recenti progetti innovativi : Sicurezza e salute sul lavoro Ergonomia Tutela dell ambiente Antincendio BS OHSAS STOP DuPont OCRA Green Spirit FIRE

8 LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE ANTINCENDIO: Progetto FIRE

9 3 Incendi in 13 mesi!! Jászberény - Ungheria, Fabbrica di frigoriferi Causa : sconosciuta (probabile cortocircuito o sigaretta) Danno approssimativo : 30 M Wolverton - Inghilterra, Magazzino principale per il mercato Inglese Causa : incendio doloso Danno approssimativo : 45 M Jászberény - Ungheria, Magazzino della fabbrica di frigoriferi Causa : carica batterie Danno approssimativo : 3 M 9

10 Refrigerator factory Jászberény, Hungary

11 Magazzino di Wolverton,

12 Refrigerator factory Jászberény, Hungary

13 Il Progetto FIRE 2000 Progetto nato a seguito dei gravi incendi accaduti presso gli Stabilimenti e magazzini del Gruppo in Ungheria ed Inghilterra ed alle conseguenti forti pressioni delle Compagnie Assicuratrici Decisione presa dal Presidente del Gruppo a Stoccolma : Un piccolo incendio non deve trasformarsi in una catastrofe! Obiettivo : raggiungere un livello di eccellenza nella prevenzione e protezione dagli incendi 13

14 Punti di forza del Progetto Unica Normativa tecnica di riferimento : NFPA 13 (impianti sprinklers) integrata da FM Global Unica specifica tecnica per la progettazione e la realizzazione degli impianti sprinklers ( Electrolux booklet FPDD - Fire Protection Design Details) Unico progettista (I.L.C. HUGHES Associates) Componentistica standardizzata e FM approved Coordinamento centrale del Progetto, che si è sviluppato in tutti gli Stabilimenti del Gruppo secondo uno schema comune Installazione degli impianti in tutti i siti senza interrompere la continuità produttiva 14

15 Lo schema del Progetto Analisi Iniziale : Risk Survey (FM Global) Rapporto FM Global con raccomandazioni e specifiche tecniche Riesame da parte del GRM >> Priorità Progetto Preliminare a cura I.L.C. Riesame ed approvazione del Progetto da parte di GRM e FM Global Computo metrico per i Fornitori Valutazione Offerte Scelta del Fornitore Progetto Definitivo Riesame ed approvazione da parte di FM Global Installazione degli impianti Collaudo finale da parte di FM Global GRM : Group Risk Management 15

16 Progetto FIRE 2000 Gli Stabilimenti coinvolti 16

17 Porcia (PN) Produzione : Superficie totale : Superficie coperta : Dipendenti (al ) : Lavabiancheria e lavasciuga mq mq (Plant) (Staff) PORCIA (PN) 17

18 Stabilimento di PORCIA (PN) Riserva idrica 2 x 800 m 3 Pompe antincendio Pressione 1 x l/min 2 x l/min 8.6 bar / 10 bar N. testine installate spkr 18

19 Produzione : Frigorigeri e frigocongelatori Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : SUSEGANA (TV) 19

20 Stabilimento di SUSEGANA (TV) Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.8 bar N. testine installate spkr 20

21 Forlì Produzione : Forni e piani di cottura Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : 936 FORLI (FC) 21

22 Stabilimento di FORLI Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.5 bar N. testine installate spkr 22

23 Solaro (MI) Produzione : Lavastoviglie Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : SOLARO (MI) 23

24 Stabilimento di SOLARO (MI) Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.6 bar N. testine installate spkr 24

25 Maniago (PN) Attività : Magazzino Ricambi Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : 92 MANIAGO (PN) 25

26 Magazzino Ricambi di MANIAGO Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 9.3 bar N. testine installate spkr 26

27 Stabilimento di SCANDICCI (FI) SCANDICCI (FI) Attività : Frigo/congelatori da tavolo Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) :

28 Stabilimento di SCANDICCI (FI) Riserva idrica 2 x 500 m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.8 bar N. testine installate spkr 28

29 Centro Elaborazione Dati di Pordenone Forlì PORDENONE Produzione : Centro Elaborazione Dati Superficie totale : mq Superficie coperta : mq (sviluppata mq ) Dipendenti (al ) :

30 Centro Elaborazione Dati di Pordenone Riserva idrica 250 m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 6.8 bar N. testine installate 580 spkr 30

31 Vallenoncel lo (PN) Attività : Superficie totale : Superficie coperta : Dipendenti (al ) : 857 Apparecchiature professionali mq mq VALLENONCELLO (PN) 31

32 Stabilimento di Vallenoncello (PN) Riserva idrica 2 x 850 m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 9.3 bar N. testine installate spkr 32

33 Oggi FIRE 2000 significa : Una nuova politica e precise linee-guida per la prevenzione/protezione degli incendi Un investimento di circa 50 M in tutti gli Stabilimenti europei, di cui circa 25 M in ITALIA Una costante attività di formazione e sensibilizzazione dei lavoratori Un programma di audit periodici per il miglioramento continuo (Blue Risk Surveys) 33

34 Electrolux Blue Risk Electrolux standard Insurers Acceptable High risk Unacceptable Electrolux Blue rating staple Danger! 34

35 Blue Risk rating Ogni anno tutti i nostri siti vengono ispezionati dagli ingegneri delle Compagnie Assicuratrici. In tale occasione viene redatto un Rapporto che attribuisce un punteggio ai diversi punti oggetto di verifica che consente anche di effettuare un benchmarking tra tutte le realtà del Gruppo nel mondo. 35

36 Electrolux Blue summary sheet Sweden Mariestad 2001 Motala 2001 Västervik 2001 Ljungby 2001 Huskvarna Torsvik Torsvik Distriparts Ankarsrum Brastad 2001 Nygård Tandsbyn Höör Other specific hazards Lamps and lighting Storage and handling of flammablke liquids Battery Charging Special Fire Suppression system Automatic Fire Suppression systems Manual fire supression systems Fire water supply Smoke and heat evacuation Fire alarm systems Fire separation / fire dampers Access for fire fighting Life Safety / Evacuation Security and watchmen Exterior exposures Flammable liquids and gases Portable appliances Hot Work control Smoking Regulations General Housekeeping Maintenance Fire Protection Maintenance of electrical inst. Maintenance of Machinery/Utilities Training and Education Regular Inspection routines Organisation Supplier dependency analysis Catastrophe planning Austria Furstenfeld Wöllersdorf Denmark Fredericia Hedehusene Tommerup 36

37 CONSIDERAZIONI FINALI 37

38 Esperienze successive In data 12 Novembre 2001 a Susegana, in occasione di un grave incendio conseguente ad una esplosione di isobutano, l impianto sprinkler esistente è prontamente intervenuto con l apertura di 12 testine, controllando efficacemente l incendio contenendolo su un area di circa 120 m 2 e consentendo così di salvare un capannone di m 2. L intervento dei VVF esterni è consistito unicamente nel completamento dell attività di spegnimento. L interruzione dell attività produttiva è stata limitata a soli 3 giorni lavorativi. 38

39 Susegana, 12 Novembre

40 Esperienze successive In data 4 Marzo 2004 sempre a Susegana, un principio di incendio sviluppatosi su un impianto di imballaggio automatico con film in polietilene termoretraibile a causa del blocco di un frigorifero all interno del forno che ha coinvolto altri 4 frigoriferi è stato controllato dal pronto intervento di 1 sola testina dell impianto a soffitto evitando la propagazione delle fiamme sull intera area di m 2. I VVF, arrivati in 6 minuti, non sono intervenuti in quanto lo spegnimento dell incendio era stato completato dalla squadra antincendio aziendale. L interruzione dell attività produttiva è stata limitata a 1 solo giorno lavorativo. 40

41 Susegana, 4 Marzo 2004 After fire March 4 th hrs. March 5 th hrs. 41

42 Impegni post progetto FIRE 2000 Assicurare il MANTENIMENTO nel tempo della disponibilità e delle prestazioni dei nuovi impianti (manutenzioni e verifiche periodiche accurate) ADEGUAMENTO impianti esistenti a fronte di nuovi progetti di utilizzo diverso di aree disponibili Investire sul FATTORE UMANO : la prevenzione dei comportamenti a rischio la formazione continua degli addetti alle Squadre di Pronto Intervento il controllo degli Appaltatori (Hot work Permit) COLLABORAZIONE continua con i Vigili del Fuoco locali 42

43 Formazione Addetti Antincendio 43

44 La realizzazione del progetto FIRE 2000 nei modi e nei termini indicati è stata resa possibile, oltre che dalla forte volontà del management del Gruppo, anche dalla proficua e stimolante collaborazione con i Tecnici di che ci hanno supportato durante tutte le fasi dello sviluppo del Progetto. 44

45 Grazie dell attenzione!! 45

Un percorso per la salvaguardia delle produzioni Italiane

Un percorso per la salvaguardia delle produzioni Italiane Un percorso per la salvaguardia delle produzioni Italiane Electrolux in Italia Electrolux Italia S.p.a. è parte del Gruppo Electrolux, uno dei leader mondiali nel campo degli elettrodomestici per uso professionale

Dettagli

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici.

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. Mario Mignacca Fire Engineering Manager impianti di spegnimento incendi 0 Estinzione incendi 150 anni fa. 1 Estinzione incendi

Dettagli

Sistemi a soppressione a gas

Sistemi a soppressione a gas Sistemi a soppressione a gas Total Solutions 02 / 10 / Paolo Rossi, Fire Proposal Engineer Ivan Mazzoni, Fire & Security Sales Manager Tyco. All Rights Reserved. Agenda introduzione i sistemi a soppressione

Dettagli

LA VULNERABILITA SISMICA DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO L INCENDIO

LA VULNERABILITA SISMICA DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO L INCENDIO 14 Convegno A.I.I.A. Milano - 7 Novembre 2012 LA VULNERABILITA SISMICA DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO L INCENDIO Presentazione di Simonetto Sacco - Presidente MARSH RISK CONSULTING Services srl Presidente

Dettagli

L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies.

L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies. Milano 19 Ottobre 2010 L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies. ROL & eng hi Industriali HUGHES ASSOCIATES EUROPE, srl FIRE SCIENCE

Dettagli

L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO Forum di Prevenzione Incendi Milano, 26 ottobre 2011 LA PROTEZIONE ATTIVA FATTORE DI SICUREZZA

Dettagli

Esperienza di Global Service presso il Terminal 3 dell Aeroporto del Cairo

Esperienza di Global Service presso il Terminal 3 dell Aeroporto del Cairo 1 Esperienza di Global Service presso il Terminal 3 dell Aeroporto del Cairo Contenuto Gemmo in Egitto. Perché in Aeroporto Contratto Gemmo Egypt Cairo Airport Company Servizi. Elenco ed Esclusioni,

Dettagli

Proposta/Questionario PROPERTY

Proposta/Questionario PROPERTY Proposta/Questionario PROPERTY di QBE Insurance (Europe) Limited Avvertenze importanti (I) Effetti delle dichiarazioni n veritiere, inesatte o reticenti. È nel Vostro interesse dichiarare nella presente

Dettagli

PROTEZIONE DI MAGAZZINI DI PNEUMATICI UTILIZZANDO UGELLI HIGH CHALLENGE (GROSSE GOCCE)

PROTEZIONE DI MAGAZZINI DI PNEUMATICI UTILIZZANDO UGELLI HIGH CHALLENGE (GROSSE GOCCE) Articolo Tecnico PROTEZIONE DI MAGAZZINI DI PNEUMATICI UTILIZZANDO UGELLI HIGH CHALLENGE (GROSSE GOCCE) Dr. Joachim Böke - Direttore Sviluppo Prodotti Nicholas D. Groos - Vice President International Group

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

Il Sistema di Gestione

Il Sistema di Gestione 12 Convegno AIIA I Sistemi di Gestione della Sicurezza Antincendio nella Fire Safety Engineering Milano - 29 Ottobre 2009 Sui temi dell approccio prestazionale alla sicurezza contro l incendio e sull importanza

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

CASE STUDY FACILITY MANAGEMENT

CASE STUDY FACILITY MANAGEMENT CASE STUDY FACILITY MANAGEMENT Copyright SDA Bocconi Prof.re Stefano BELLINTANI Gruppo : Giuseppe DEFABRIITIS Andrea LICCI Antonio POLLICE Pietro SCHENA Mario STELLA SOMMARIO INDICE Conduzione e Manutenzione

Dettagli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli EN 81-73 Comportamento degli ascensori in caso di incendio Ing. Paolo Tattoli Premessa Questa norma si applica a tutti gli ascensori Deve esserci una chiara separazione tra il sistema di controllo dell

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Dopo il boom edilizio

Dopo il boom edilizio I Dopo il boom edilizio L aumento di circa 35 mila residenti tra il 2002 e il 2010 ha indotto una forte crescita edilizia e oggi determina l esigenza di nuovi servizi a corredo di un patrimonio immobiliare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

Sprinkler modello F1 LO Sprinkler a incasso a risposta standard modello F1 LO

Sprinkler modello F1 LO Sprinkler a incasso a risposta standard modello F1 LO Bulletin 117 Rev. X_IT Sprinkler modello F1 LO Sprinkler a incasso a risposta standard modello F1 LO Bulletin 117 Rev. X_IT Sprinkler The Designer modello F1 LO Upright standard Pendent standard Pendent

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo La Norma Tecnica impiantistica UNI 9795: 2010 per realizzare un Impianto secondo la Regola dell Arte M. Damoli 1 Norma UNI 9795 NORMA ITALIANA Gennaio 2010 TITOLO: Sistemi Fissi Automatici di Rivelazione

Dettagli

SINERGIA DI GRUPPO 2

SINERGIA DI GRUPPO 2 Water Mist 1 SINERGIA DI GRUPPO 2 La Società del Gruppo che si occupa della ricerca e dello sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie antincendio per: A R C H I V I E M A G A Z Z I N I A L B E R G H I ED

Dettagli

NUOVO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI

NUOVO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI 1 1 NUOVO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi e considerazioni Relatore Giampiero Forni 2 PERCHE UN NUOVO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI? OBIETTIVO: semplificazione delle regole tecniche di prevenzione

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SUPPLY CHAIN. Roberta Prati Bureau Veritas Italia SpA

LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SUPPLY CHAIN. Roberta Prati Bureau Veritas Italia SpA LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SUPPLY CHAIN Roberta Prati Bureau Veritas Italia SpA Bureau Veritas in breve Nato nel 1828; 180 anni di esperienza Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità

Dettagli

Migliorare l'integrazione tra Piccole e Medie aziende di un grande Gruppo internazionale con SAP Business All In One di SIDI

Migliorare l'integrazione tra Piccole e Medie aziende di un grande Gruppo internazionale con SAP Business All In One di SIDI Migliorare l'integrazione tra Piccole e Medie aziende di un grande Gruppo internazionale con SAP Business All In One di SIDI I numeri della complessità 40 anni di storia! 7.125 dipendenti in 24 paesi,

Dettagli

idea progetto futuro

idea progetto futuro idea progetto futuro idea progetto futuro Company Profile CIPIEMME è una società che ha iniziato la propria attività nel 1986. La Direzione Aziendale con un esperienza pluridecennale alle spalle e la

Dettagli

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MARSELLA, STEFANO Stefano.marsella@gmail.com Nazionalità italiana Data di nascita [ 06, dicembre, 1960

Dettagli

QUALITÀ AERONAUTICA AUTOMOTIVE DISPOSITIVI MEDICI AGRO-ALIMENTARE

QUALITÀ AERONAUTICA AUTOMOTIVE DISPOSITIVI MEDICI AGRO-ALIMENTARE PROPOSTA FORMATIVA QUALITÀ Dal modello ISO 9001:08 agli strumenti di controllo e di miglioramento delle performance L evoluzione del sistema qualità secondo la nuova ISO 9001:2008 Definire e migliorare

Dettagli

Teleimpianti S.p.A. è fornitore in ambito nazionale di società multinazionali presenti nella lista Fortune 100.

Teleimpianti S.p.A. è fornitore in ambito nazionale di società multinazionali presenti nella lista Fortune 100. è un azienda presente nel panorama industriale italiano fin dal 1974. Oggi è una società di ingegneria, system integrator specializzato nella progettazione, installazione e manutenzione di sistemi di comunicazione,

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Integrated Materials Handling Solutions

Integrated Materials Handling Solutions solutions Integrated Materials Handling Solutions 001 DBI - DESIGN BUILD INTEGRATE CONSULENZA ED ANALISI STATISTICA SOFTWARE DI GESTIONE E SISTEMI DI CONTROLLO SORTER, SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E DI STOCCAGGIO

Dettagli

ASCOTECH SPRINKLER FIRE & SECURITY

ASCOTECH SPRINKLER FIRE & SECURITY HIGH-VALUE PROPERTY PROTECTION SYSTEM ASCOTECH SPRINKLER FIRE & SECURITY IMPIANTI ANTINCENDIO AUTOMATICI PER MACCHINE ELETTRICHE IMPIANTI ANTINCENDIO AUTOMATICI PER MACCHINE ELETTRICHE A) Valvola a diluvio

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

POST INCENDIO E ALLAGAMENTO

POST INCENDIO E ALLAGAMENTO POST INCENDIO E ALLAGAMENTO BONIFICA RIPRISTINO E PULIZIA & INSIEME PER IL RIPRISTINO DEL TUO IMMOBILE Via Boezio 2 20145 Milano Magazzini: Via Osoppo 19, Milano Via Luchino del Maino 7, Milano NUMERO

Dettagli

Service Manager Operations. Emerson Process Management

Service Manager Operations. Emerson Process Management Ronca Vito Service Manager Operations Emerson Process Management Italia Emerson e Cyber Security Nel settore industria ed energia, uno dei punti critici da un punto di vista CybSec è il sistema di controllo

Dettagli

Efficienza e Ricchezza Quarta conferenza nazionale sull efficienza energetica. L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020

Efficienza e Ricchezza Quarta conferenza nazionale sull efficienza energetica. L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020 Efficienza e Ricchezza Quarta conferenza nazionale sull efficienza energetica L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020 Gabriele Di Prenda Roma, Novembre 2012 1 L ASSOCIAZIONE

Dettagli

Plant asset management & information technology survey

Plant asset management & information technology survey 1 a parte Plant asset management & information technology survey Aspetti di sintesi e spunti di miglioramento PLANT ASSET MANAGEMENT Franco Massi, IBM Business Global Service - Italia A. Introduzione Nell

Dettagli

per la stampa digitale e la comunicazione visiva

per la stampa digitale e la comunicazione visiva Il tuo Partner per la stampa digitale e la comunicazione visiva Da oltre 30 anni nel mercato della comunicazione visiva e stampa digitale. Il centro del vostro mercato è la comunicazione visiva. Dal 1976

Dettagli

B I C I n f r a s t r u c t u r e

B I C I n f r a s t r u c t u r e italiano rev. 62 B u i l d i n g B I C I n f r a s t r u c t u r e C o m p a n y associato a: contenuto LA VISION DEL CONSORZIO BIC LE COMPETENZE DEL CONSORZIO BIC LA COMPOSIZIONE DEI SOCI DEL CONSORZIO

Dettagli

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti 37 Intervento dal titolo L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti A cura di Ing. Daniele Forni F.I.R.E. - Federazion Italiana per l uso Razionale dell Energia 39

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Giornata informativa CNI. Roma, 3 ottobre 2014-Sala Fellini Centro Congressi Roma eventi

Giornata informativa CNI. Roma, 3 ottobre 2014-Sala Fellini Centro Congressi Roma eventi Giornata informativa CNI Roma, 3 ottobre 2014-Sala Fellini Centro Congressi Roma eventi ORGANI DIRETTIVI UNI Assemblea 5 Consiglio Direttivo 3 Giunta Esecutiva 1 Commissione Centrale Tecnica Presidente

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45 Schiuma firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 45 Impianti schiuma Una soluzione definitiva in applicazioni dove l acqua non basta. Per la progettazione degli

Dettagli

La gestione della Sicurezza nel Gruppo CRIF. La struttura organizzativa

La gestione della Sicurezza nel Gruppo CRIF. La struttura organizzativa La gestione della Sicurezza nel Gruppo CRIF La struttura organizzativa INFOSECURITY Milano 16/03/2010 Agenda Presentazione Gruppo CRIF Struttura organizzativa Security nel Gruppo CRIF 2 CRIF al servizio

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE

IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE IL DECRETO 20.12.2012: IL DECRETO IMPIANTI IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE Natale Mozzanica Padova, 27 novembre 2014 ESSERE IMPRESA ABILITATA NELLA COSTRUZIONE

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MATTIOLI Via P. A. MATTIOLI, 8 SIENA tel

Dettagli

ILMA PLASTICA sceglie SAP ERP e BMS per la gestione integrata dei processi di business

ILMA PLASTICA sceglie SAP ERP e BMS per la gestione integrata dei processi di business Picture Credit ILMA PLASTICA SAP. Used with permission. SAP Customer Success Story Manufacturing - Automotive ILMA PLASTICA ILMA PLASTICA sceglie SAP ERP e BMS per la gestione integrata dei processi di

Dettagli

Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010.

Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010. Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010. Ing. Luigi Lusardi Marsh Risk Consulting - Milano Membro A.I.I.A. - SFPE Brevi cenni storici 1 a Edizione 1896 Ultima Edizione 2010 114 anni =

Dettagli

Palazzo Altieri (Sala della Clemenza) 23 Marzo 2011. Stefano Boncinelli, Bank Sector Sales Coordinator

Palazzo Altieri (Sala della Clemenza) 23 Marzo 2011. Stefano Boncinelli, Bank Sector Sales Coordinator Palazzo Altieri (Sala della Clemenza) 23 Marzo 2011 Stefano Boncinelli, Bank Sector Sales Coordinator 1-019 Indice 1. Scenario - Costi per la sicurezza 1.1. Costi per i servizi di vigilanza 2. Approccio

Dettagli

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO 1 INDICE 1 INDICE... 2 2 RESUME/RIASSUNTO... 3 3 DOCUMENTAZIONE APPLICABILE... 4 3.1 Norme funzionali... 4 3.2 Altri documenti di riferimento... 4 4 DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 Generalità...

Dettagli

Presentazione Aziendale

Presentazione Aziendale Presentazione Aziendale Il sottoscritto Dott. Ing. Ezio Combi, in qualità di responsabile della Co-Energy (Ingegneria degli Impianti e delle Energie Alternative), nato ad Anzio il 21-12-1980 con studio

Dettagli

2. STUDI E FORMAZIONE

2. STUDI E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE 1. DATI PERSONALI Simone Bertuccelli Nato a Lucca il 24/07/1969 Residente: Via del Municipio, 2 55016 Porcari LUCCA Sede Legale: Via del Municipio, 2 55016 Porcari LUCCA Codice Fiscale

Dettagli

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA Per

Dettagli

Nota In ALLEGATO ho elencato alcuni dei principali e più recenti corsi tenuti o seguito in materia di Ambiente / Sicurezza / Qualità.

Nota In ALLEGATO ho elencato alcuni dei principali e più recenti corsi tenuti o seguito in materia di Ambiente / Sicurezza / Qualità. CURRICULUM VITAE Dati anagrafici BRUNO PULLIN Nato a Bergamo, l 8 dicembre 1965 Residente in Carpi, Studi Maturità scientifica Laurea ingegneria ambientale, indirizzo gestionale, presso il Politecnico

Dettagli

Master universitario di I livello in LEAN MANUFACTURING (MULM) (con Corso di Aggiornamento Professionale integrato)

Master universitario di I livello in LEAN MANUFACTURING (MULM) (con Corso di Aggiornamento Professionale integrato) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2008/2009 Master universitario di I livello in LEAN MANUFACTURING (MULM)

Dettagli

Questionario Industrial All Risks Solar power plants

Questionario Industrial All Risks Solar power plants Questionario Industrial All Risks Solar power plants Assicurato Informazioni generali Contraente e Assicurato: Indirizzo: Partita IVA / Codice fiscale: Descrizione dell attività dell azienda: Informazioni

Dettagli

MANUALE D USO PER AUTOBUS

MANUALE D USO PER AUTOBUS MANUALE D USO PER AUTOBUS www.fogmaker.com Art. No. 8012-005 Edizione 2.1 1 Descrizione generale Questo autobus è dotato di un sistema antincendio ad attivazione automatica per il vano motore e per il

Dettagli

SCIDI Co. LTD - PIRELLI S.p.A.

SCIDI Co. LTD - PIRELLI S.p.A. Via Mario Natalucci, 6-60131 ANCONA (AN) - ITALY Tel. +39.071.28566.1 r.a. Fax +39.071.2865099 www.eusebi-impianti.it eusebi@eusebi-impianti.it www.eusebigroup.com QUESTO NUMERO E SEMPRE DA CITARE IN TUTTA

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA DE NICOLA SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA DE NICOLA Via De Nicola, 9 SIENA tel

Dettagli

La Gamma. Preparazione. Lavaggio Stoviglie. Cottura. Trattamento tessuti. Distribuzione. Forni. ... e molto altro. Refrigerazione

La Gamma. Preparazione. Lavaggio Stoviglie. Cottura. Trattamento tessuti. Distribuzione. Forni. ... e molto altro. Refrigerazione La Gamma Preparazione Statica Statica HD Cottura N900 - N700 Snack 600 Macchine Industriali Lavaggio Stoviglie Le lavastoviglie I sistemi di lavaggio Trattamento tessuti Macchine per il trattamento tessuti

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio

Gestione della sicurezza antincendio Gestione della sicurezza antincendio Corso di aggiornamento I.I.P.L.E - Bologna Il raggiungimento del livello di sicurezza antincendio accettabile viene assicurato da diverse misure di sicurezza l ubicazione

Dettagli

Electrolux Appliances S.p.A. Divisione Elettrodomestici Italia

Electrolux Appliances S.p.A. Divisione Elettrodomestici Italia Electrolux Appliances S.p.A. Divisione Elettrodomestici Italia ELECTROLUX GROUP Electrolux 11 miliardi di Euro di fatturato Presente in oltre 150 Paesi Leader mondiale nel settore degli elettrodomestici

Dettagli

Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow

Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow INTRODUZIONE i-flow FIRE SUPPRESSION SYSTEM E un sistema di spegnimento incendi che utilizza come agente estinguente l intera gamma di

Dettagli

Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010.

Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010. Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010. Ing. Luigi Lusardi Marsh Risk Consulting - Milano Membro A.I.I.A. - SFPE NFPA 13 & FM Global Due organizzazioni di natura diversa, con scopi diversi,

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza antincendio previsto dal D.M. 9 maggio 2007

Il sistema di gestione della sicurezza antincendio previsto dal D.M. 9 maggio 2007 Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Il sistema di gestione della sicurezza antincendio previsto dal D.M. 9 maggio 2007 Seminario La nuova frontiera della

Dettagli

Applicazione di un sistema informativo

Applicazione di un sistema informativo Associazione Italiana di Manutenzione IV Convegno Nazionale Sistemi Informativi di Manutenzione Dalla parte dell utilizzatore Firenze, Villa Montalto, 18 Maggio 2005 Applicazione di un sistema informativo

Dettagli

BUSINESS ASSURANCE DNV GL SAFER, SMARTER, GREENER. 15 October, 2014 DNV GL 2013

BUSINESS ASSURANCE DNV GL SAFER, SMARTER, GREENER. 15 October, 2014 DNV GL 2013 BUSINESS ASSURANCE DNV GL 1 15 October, 2014 SAFER, SMARTER, GREENER Chi siamo SUSTAINABLE BUSINESS PERFORMANCE Tra i principali Enti di certificazione a livello mondiale, DNV GL - Business Assurance supporta

Dettagli

Quale modello di sviluppo per la fabbrica intelligente L esperienza Fiat Chrysler Automobiles

Quale modello di sviluppo per la fabbrica intelligente L esperienza Fiat Chrysler Automobiles Martedì 11 novembre 2014 AULA MAGNA Quale modello di sviluppo per il SETTORE MANIFATTURIERO in Europa? Quale modello di sviluppo per la fabbrica intelligente L esperienza Fiat Chrysler Automobiles Ing.

Dettagli

Gamma di Regolatori ad Uso Civile e Industriale

Gamma di Regolatori ad Uso Civile e Industriale Gamma di Regolatori ad Uso Civile e Industriale Progettati per una ampia serie di applicazioni Il Leader in Tecnologia per la Regolazione della Pressione Introduce una Nuova Gamma di Regolatori ad Uso

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Analisi risultati Survey a supporto Convegno IT ANIMP

Analisi risultati Survey a supporto Convegno IT ANIMP 1 Analisi risultati Survey a supporto Convegno IT ANIMP Milano, 14 Dicembre 2011 Paolo Ruta, ICT Director Weir Gabbioneta s.r.l Il Campione analizzato 2 Alla Survey recentemente inviata da ANIMP alle aziende

Dettagli

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F.

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. Sommario SOMMARIO Prefazione... IX Nota sugli autori... XI Capitolo 1 GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. 1.1 Norme fondamentali di prevenzione incendi...

Dettagli

Sede corsi Sala San Satiro - Piazza S. Ambrogio 15

Sede corsi Sala San Satiro - Piazza S. Ambrogio 15 PRO FIRE organizza in cooperazione con COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MILANO ENTE ACCREDITATO Corso tecnico di aggiornamento in materia di prevenzione Incendi. D.M. art. 7

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi

Bettati antincendio srl. Forum di prevenzione incendi SISTEMI WATERMIST: LE POTENZIALITA DELLA BASSA PRESSIONE Bettati antincendio srl Forum di prevenzione incendi Sala C - 02/10/2014 Ore 12.35 Agenda 1. INTRODUZIONE a) Le aziende del gruppo Bettati holding

Dettagli

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Secondo la specifica OHSAS 18001:1999 EXPO SicuraMente 29/05/08 - Fiera di Brescia Struttura documentale di un SGSSL Norma OHSAS 18001:1999 3 2 Politica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TIZIANO GATTI ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal Maggio 2000 ad oggi Nome e indirizzo del datore di -

Dettagli

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Ing. GIUSEPPE GIUFFRIDA ZENITAL Associazione italiana sistemi di illuminazione

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

SERVIZI ON-LINE OFF-LINE

SERVIZI ON-LINE OFF-LINE SV SISTEMI DI SICUREZZA 1 Sede Legale e Uffici: Via Cortesi24020 Villa di Serio (Bergamo) Tel.+39.035.65.70.55 Fax.+39.035.66.19.641 ITALIA SERVIZI ON-LINE OFF-LINE 2 PAGINA BIANCA INDICE 3 1 SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE. Parmalat S.p.A. Maintenance Stories 2011

LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE. Parmalat S.p.A. Maintenance Stories 2011 LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE Parmalat S.p.A Maintenance Stories 2011 Cesare Peloso Dir. Stabilimento Alex Del Monte Responsabile Produzione Rodolfo Rodolfi Responsabile Servizi Tecnici

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

PARERE PREVENTIVO. Tempi di attesa: Il parere verrà espresso entro 30 giorni dall arrivo della richiesta al Servizio SPISAL.

PARERE PREVENTIVO. Tempi di attesa: Il parere verrà espresso entro 30 giorni dall arrivo della richiesta al Servizio SPISAL. PARERE PREVENTIVO Richiesta di parere preventivo: il privato cittadino, il libero professionista o la ditta possono richiedere un parere preventivo per la realizzazione di nuova costruzione, ampliamento,

Dettagli

La Gestione della Sicurezza negli Appalti

La Gestione della Sicurezza negli Appalti La Gestione della Sicurezza negli Appalti Nuovo Pignone S.p.A 31 Ottobre 2007 Alessandro Cambi RSPP Insediamento di Firenze Policy aziendale GE Oil & Gas si impegna ogni giorno per garantire il massimo

Dettagli

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 18/06/00 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 1 31/01/006 Golinelli Massarenti Revisione 0 14/10/005 Polverini Ghedini Massarenti EMISSIONE REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT)

Dettagli

Presentazione di ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY

Presentazione di ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY Presentazione di ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY STUDIO E S.r.l. - via Gorizia n. 107-47122 FORLI (FC) telefono: 0543-795555 fax: 0543-795523 web: www.studioe.biz e-mail: info@studioe.biz STUDIO

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 9 dicembre 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Rivelatori di fumo Serie 500 dal design ultrapiatto. struttura ad incasso. Kempinski

Rivelatori di fumo Serie 500 dal design ultrapiatto. struttura ad incasso. Kempinski Sistema professionale di protezione dagli incendi per hotel di lusso L Hotel Kempinski The Dome in Turchia è stato dotato di un sistema completo di rivelazione incendio Bosch. Kempinski 2 Un sistema di

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3

SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3 SOMMARIO PRECAUZIONI ------------------------------------------------------------------------ 3 Precauzioni di Installazione... 4 Precauzioni per il funzionamento... 5 INTRODUZIONE ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

L ANALISI DI RISCHIO VISTA COME STRUMENTO PER LA VERIFICA DI ADEGUATEZZA DEL SISTEMA ANTINCENDIO F.Fazzari*, G.Pinetti, F.Perrone, E.

L ANALISI DI RISCHIO VISTA COME STRUMENTO PER LA VERIFICA DI ADEGUATEZZA DEL SISTEMA ANTINCENDIO F.Fazzari*, G.Pinetti, F.Perrone, E. L ANALISI DI RISCHIO VISTA COME STRUMENTO PER LA VERIFICA DI ADEGUATEZZA DEL SISTEMA ANTINCENDIO F.Fazzari*, G.Pinetti, F.Perrone, E.Avanzi *Ispettorato Regionale Vigili del Fuoco Regione Siciliana Via

Dettagli

CATALOGO DI OFFERTA Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

CATALOGO DI OFFERTA Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni CATALOGO DI OFFERTA Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni Viale Murillo, 17 Milano 02/40305252 info@scuolasuperiorects.it 1 AREA COMPORTAMENTALE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE

Dettagli