Il progetto FIRE 2000 nel Gruppo Electrolux

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto FIRE 2000 nel Gruppo Electrolux"

Transcript

1 Il progetto FIRE 2000 nel Gruppo Electrolux Durat Stefano Country Risk Manager XIII Convegno Nazionale A.I.I.A. Milano, 17 novembre 2011

2 Presentazione del Gruppo: Grandi e piccoli elettrodomestici per la casa Elettrodomestici per uso professionale (ristorazione e lavaggio tessuti) Anno 2010 Fatturato (MLD Euro) 11,1 Produzione (Milioni di pezzi) 40 Margine operativo 6,1 % Dipendenti

3 I marchi : Leader del mercato in Italia 3

4 Il peso dell Italia nel Gruppo (dati al : ) MONDO ITALIA Fabbriche 49 (in 16 Paesi) 5 Dipendenti circa Pezzi prodotti più di 40 milioni circa 4,5 milioni Fatturato 11,1 MLD Euro 1,38 MLD Euro 4

5 Il sistema industriale di Electrolux in Italia Cesano M.no (MI): Magazzino prodotto finito Solaro (MI): Lavastoviglie Susegana (TV): Frigoriferi e frigocongelatori Scandicci (ceduto) : Frigoriferi e refrigeratori da tavolo Forlì: Forni e piani di cottura Maniago (PN): Magazzino ricambi Porcia (PN): Lavabiancheria e lavasciuga Pordenone: Centro Elaborazione Dati Vallenoncello (PN): Apparecchiature professionali 5

6 Le origini della Sicurezza nel Gruppo ZANUSSI Dicembre

7 I più recenti progetti innovativi : Sicurezza e salute sul lavoro Ergonomia Tutela dell ambiente Antincendio BS OHSAS STOP DuPont OCRA Green Spirit FIRE

8 LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE ANTINCENDIO: Progetto FIRE

9 3 Incendi in 13 mesi!! Jászberény - Ungheria, Fabbrica di frigoriferi Causa : sconosciuta (probabile cortocircuito o sigaretta) Danno approssimativo : 30 M Wolverton - Inghilterra, Magazzino principale per il mercato Inglese Causa : incendio doloso Danno approssimativo : 45 M Jászberény - Ungheria, Magazzino della fabbrica di frigoriferi Causa : carica batterie Danno approssimativo : 3 M 9

10 Refrigerator factory Jászberény, Hungary

11 Magazzino di Wolverton,

12 Refrigerator factory Jászberény, Hungary

13 Il Progetto FIRE 2000 Progetto nato a seguito dei gravi incendi accaduti presso gli Stabilimenti e magazzini del Gruppo in Ungheria ed Inghilterra ed alle conseguenti forti pressioni delle Compagnie Assicuratrici Decisione presa dal Presidente del Gruppo a Stoccolma : Un piccolo incendio non deve trasformarsi in una catastrofe! Obiettivo : raggiungere un livello di eccellenza nella prevenzione e protezione dagli incendi 13

14 Punti di forza del Progetto Unica Normativa tecnica di riferimento : NFPA 13 (impianti sprinklers) integrata da FM Global Unica specifica tecnica per la progettazione e la realizzazione degli impianti sprinklers ( Electrolux booklet FPDD - Fire Protection Design Details) Unico progettista (I.L.C. HUGHES Associates) Componentistica standardizzata e FM approved Coordinamento centrale del Progetto, che si è sviluppato in tutti gli Stabilimenti del Gruppo secondo uno schema comune Installazione degli impianti in tutti i siti senza interrompere la continuità produttiva 14

15 Lo schema del Progetto Analisi Iniziale : Risk Survey (FM Global) Rapporto FM Global con raccomandazioni e specifiche tecniche Riesame da parte del GRM >> Priorità Progetto Preliminare a cura I.L.C. Riesame ed approvazione del Progetto da parte di GRM e FM Global Computo metrico per i Fornitori Valutazione Offerte Scelta del Fornitore Progetto Definitivo Riesame ed approvazione da parte di FM Global Installazione degli impianti Collaudo finale da parte di FM Global GRM : Group Risk Management 15

16 Progetto FIRE 2000 Gli Stabilimenti coinvolti 16

17 Porcia (PN) Produzione : Superficie totale : Superficie coperta : Dipendenti (al ) : Lavabiancheria e lavasciuga mq mq (Plant) (Staff) PORCIA (PN) 17

18 Stabilimento di PORCIA (PN) Riserva idrica 2 x 800 m 3 Pompe antincendio Pressione 1 x l/min 2 x l/min 8.6 bar / 10 bar N. testine installate spkr 18

19 Produzione : Frigorigeri e frigocongelatori Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : SUSEGANA (TV) 19

20 Stabilimento di SUSEGANA (TV) Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.8 bar N. testine installate spkr 20

21 Forlì Produzione : Forni e piani di cottura Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : 936 FORLI (FC) 21

22 Stabilimento di FORLI Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.5 bar N. testine installate spkr 22

23 Solaro (MI) Produzione : Lavastoviglie Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : SOLARO (MI) 23

24 Stabilimento di SOLARO (MI) Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.6 bar N. testine installate spkr 24

25 Maniago (PN) Attività : Magazzino Ricambi Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) : 92 MANIAGO (PN) 25

26 Magazzino Ricambi di MANIAGO Riserva idrica m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 9.3 bar N. testine installate spkr 26

27 Stabilimento di SCANDICCI (FI) SCANDICCI (FI) Attività : Frigo/congelatori da tavolo Superficie totale : mq Superficie coperta : mq Dipendenti (al ) :

28 Stabilimento di SCANDICCI (FI) Riserva idrica 2 x 500 m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 8.8 bar N. testine installate spkr 28

29 Centro Elaborazione Dati di Pordenone Forlì PORDENONE Produzione : Centro Elaborazione Dati Superficie totale : mq Superficie coperta : mq (sviluppata mq ) Dipendenti (al ) :

30 Centro Elaborazione Dati di Pordenone Riserva idrica 250 m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 6.8 bar N. testine installate 580 spkr 30

31 Vallenoncel lo (PN) Attività : Superficie totale : Superficie coperta : Dipendenti (al ) : 857 Apparecchiature professionali mq mq VALLENONCELLO (PN) 31

32 Stabilimento di Vallenoncello (PN) Riserva idrica 2 x 850 m 3 Pompe antincendio 2 x l/min Pressione 9.3 bar N. testine installate spkr 32

33 Oggi FIRE 2000 significa : Una nuova politica e precise linee-guida per la prevenzione/protezione degli incendi Un investimento di circa 50 M in tutti gli Stabilimenti europei, di cui circa 25 M in ITALIA Una costante attività di formazione e sensibilizzazione dei lavoratori Un programma di audit periodici per il miglioramento continuo (Blue Risk Surveys) 33

34 Electrolux Blue Risk Electrolux standard Insurers Acceptable High risk Unacceptable Electrolux Blue rating staple Danger! 34

35 Blue Risk rating Ogni anno tutti i nostri siti vengono ispezionati dagli ingegneri delle Compagnie Assicuratrici. In tale occasione viene redatto un Rapporto che attribuisce un punteggio ai diversi punti oggetto di verifica che consente anche di effettuare un benchmarking tra tutte le realtà del Gruppo nel mondo. 35

36 Electrolux Blue summary sheet Sweden Mariestad 2001 Motala 2001 Västervik 2001 Ljungby 2001 Huskvarna Torsvik Torsvik Distriparts Ankarsrum Brastad 2001 Nygård Tandsbyn Höör Other specific hazards Lamps and lighting Storage and handling of flammablke liquids Battery Charging Special Fire Suppression system Automatic Fire Suppression systems Manual fire supression systems Fire water supply Smoke and heat evacuation Fire alarm systems Fire separation / fire dampers Access for fire fighting Life Safety / Evacuation Security and watchmen Exterior exposures Flammable liquids and gases Portable appliances Hot Work control Smoking Regulations General Housekeeping Maintenance Fire Protection Maintenance of electrical inst. Maintenance of Machinery/Utilities Training and Education Regular Inspection routines Organisation Supplier dependency analysis Catastrophe planning Austria Furstenfeld Wöllersdorf Denmark Fredericia Hedehusene Tommerup 36

37 CONSIDERAZIONI FINALI 37

38 Esperienze successive In data 12 Novembre 2001 a Susegana, in occasione di un grave incendio conseguente ad una esplosione di isobutano, l impianto sprinkler esistente è prontamente intervenuto con l apertura di 12 testine, controllando efficacemente l incendio contenendolo su un area di circa 120 m 2 e consentendo così di salvare un capannone di m 2. L intervento dei VVF esterni è consistito unicamente nel completamento dell attività di spegnimento. L interruzione dell attività produttiva è stata limitata a soli 3 giorni lavorativi. 38

39 Susegana, 12 Novembre

40 Esperienze successive In data 4 Marzo 2004 sempre a Susegana, un principio di incendio sviluppatosi su un impianto di imballaggio automatico con film in polietilene termoretraibile a causa del blocco di un frigorifero all interno del forno che ha coinvolto altri 4 frigoriferi è stato controllato dal pronto intervento di 1 sola testina dell impianto a soffitto evitando la propagazione delle fiamme sull intera area di m 2. I VVF, arrivati in 6 minuti, non sono intervenuti in quanto lo spegnimento dell incendio era stato completato dalla squadra antincendio aziendale. L interruzione dell attività produttiva è stata limitata a 1 solo giorno lavorativo. 40

41 Susegana, 4 Marzo 2004 After fire March 4 th hrs. March 5 th hrs. 41

42 Impegni post progetto FIRE 2000 Assicurare il MANTENIMENTO nel tempo della disponibilità e delle prestazioni dei nuovi impianti (manutenzioni e verifiche periodiche accurate) ADEGUAMENTO impianti esistenti a fronte di nuovi progetti di utilizzo diverso di aree disponibili Investire sul FATTORE UMANO : la prevenzione dei comportamenti a rischio la formazione continua degli addetti alle Squadre di Pronto Intervento il controllo degli Appaltatori (Hot work Permit) COLLABORAZIONE continua con i Vigili del Fuoco locali 42

43 Formazione Addetti Antincendio 43

44 La realizzazione del progetto FIRE 2000 nei modi e nei termini indicati è stata resa possibile, oltre che dalla forte volontà del management del Gruppo, anche dalla proficua e stimolante collaborazione con i Tecnici di che ci hanno supportato durante tutte le fasi dello sviluppo del Progetto. 44

45 Grazie dell attenzione!! 45

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici.

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. Mario Mignacca Fire Engineering Manager impianti di spegnimento incendi 0 Estinzione incendi 150 anni fa. 1 Estinzione incendi

Dettagli

Il Sistema di Gestione

Il Sistema di Gestione 12 Convegno AIIA I Sistemi di Gestione della Sicurezza Antincendio nella Fire Safety Engineering Milano - 29 Ottobre 2009 Sui temi dell approccio prestazionale alla sicurezza contro l incendio e sull importanza

Dettagli

Dopo il boom edilizio

Dopo il boom edilizio I Dopo il boom edilizio L aumento di circa 35 mila residenti tra il 2002 e il 2010 ha indotto una forte crescita edilizia e oggi determina l esigenza di nuovi servizi a corredo di un patrimonio immobiliare

Dettagli

Un percorso per la salvaguardia delle produzioni Italiane

Un percorso per la salvaguardia delle produzioni Italiane Un percorso per la salvaguardia delle produzioni Italiane Electrolux in Italia Electrolux Italia S.p.a. è parte del Gruppo Electrolux, uno dei leader mondiali nel campo degli elettrodomestici per uso professionale

Dettagli

L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO Forum di Prevenzione Incendi Milano, 26 ottobre 2011 LA PROTEZIONE ATTIVA FATTORE DI SICUREZZA

Dettagli

LA VULNERABILITA SISMICA DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO L INCENDIO

LA VULNERABILITA SISMICA DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO L INCENDIO 14 Convegno A.I.I.A. Milano - 7 Novembre 2012 LA VULNERABILITA SISMICA DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO L INCENDIO Presentazione di Simonetto Sacco - Presidente MARSH RISK CONSULTING Services srl Presidente

Dettagli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli EN 81-73 Comportamento degli ascensori in caso di incendio Ing. Paolo Tattoli Premessa Questa norma si applica a tutti gli ascensori Deve esserci una chiara separazione tra il sistema di controllo dell

Dettagli

Sistemi a soppressione a gas

Sistemi a soppressione a gas Sistemi a soppressione a gas Total Solutions 02 / 10 / Paolo Rossi, Fire Proposal Engineer Ivan Mazzoni, Fire & Security Sales Manager Tyco. All Rights Reserved. Agenda introduzione i sistemi a soppressione

Dettagli

Migliorare l'integrazione tra Piccole e Medie aziende di un grande Gruppo internazionale con SAP Business All In One di SIDI

Migliorare l'integrazione tra Piccole e Medie aziende di un grande Gruppo internazionale con SAP Business All In One di SIDI Migliorare l'integrazione tra Piccole e Medie aziende di un grande Gruppo internazionale con SAP Business All In One di SIDI I numeri della complessità 40 anni di storia! 7.125 dipendenti in 24 paesi,

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SUPPLY CHAIN. Roberta Prati Bureau Veritas Italia SpA

LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SUPPLY CHAIN. Roberta Prati Bureau Veritas Italia SpA LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA SUPPLY CHAIN Roberta Prati Bureau Veritas Italia SpA Bureau Veritas in breve Nato nel 1828; 180 anni di esperienza Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità

Dettagli

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series BS OHSAS 18001: 2007 Occupational Health Safety Assesments Series Prefazione La Norma è stata sviluppata per essere compatibile con le Norme: ISO 9001:2000 (Qualità) ISO 14001:2004 (Ambiente) Dr.ssa Carlotta

Dettagli

ILMA PLASTICA sceglie SAP ERP e BMS per la gestione integrata dei processi di business

ILMA PLASTICA sceglie SAP ERP e BMS per la gestione integrata dei processi di business Picture Credit ILMA PLASTICA SAP. Used with permission. SAP Customer Success Story Manufacturing - Automotive ILMA PLASTICA ILMA PLASTICA sceglie SAP ERP e BMS per la gestione integrata dei processi di

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo La Norma Tecnica impiantistica UNI 9795: 2010 per realizzare un Impianto secondo la Regola dell Arte M. Damoli 1 Norma UNI 9795 NORMA ITALIANA Gennaio 2010 TITOLO: Sistemi Fissi Automatici di Rivelazione

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008 1 Incontro con i cittadini di Caorso 14 marzo 2008 2 Sommario Piano industriale Il piano industriale 2007-2011 L accelerazione Il recupero di efficienza Il modello organizzativo Il progetto sicurezza Il

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE

IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE IL DECRETO 20.12.2012: IL DECRETO IMPIANTI IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE Natale Mozzanica Padova, 27 novembre 2014 ESSERE IMPRESA ABILITATA NELLA COSTRUZIONE

Dettagli

La gestione della Sicurezza nel Gruppo CRIF. La struttura organizzativa

La gestione della Sicurezza nel Gruppo CRIF. La struttura organizzativa La gestione della Sicurezza nel Gruppo CRIF La struttura organizzativa INFOSECURITY Milano 16/03/2010 Agenda Presentazione Gruppo CRIF Struttura organizzativa Security nel Gruppo CRIF 2 CRIF al servizio

Dettagli

ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager

ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager Raffaele Rocco A.D. - AICOM Spa 1 PRESENTAZIONE di AICOM Spa AICOM Società

Dettagli

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Ing. GIUSEPPE GIUFFRIDA ZENITAL Associazione italiana sistemi di illuminazione

Dettagli

IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI

IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI 21% 19% 17% 15% 13% IMPIANTO PREVENZIONE INCENDI FIREFIGHTER Oggi finalmente la tecnologia ci permette di realizzare impianti, che consentono di non doversi più preoccupare del rischio di incendio. Un

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Ordine Ingegneri della Provincia di Vicenza

Dettagli

2. STUDI E FORMAZIONE

2. STUDI E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE 1. DATI PERSONALI Simone Bertuccelli Nato a Lucca il 24/07/1969 Residente: Via del Municipio, 2 55016 Porcari LUCCA Sede Legale: Via del Municipio, 2 55016 Porcari LUCCA Codice Fiscale

Dettagli

LA TUTELA DEL PATRIMONIO AZIENDALE BANCARIO. Ivo Benedetti Amministratore Delegato MEGA ITALIA SPA

LA TUTELA DEL PATRIMONIO AZIENDALE BANCARIO. Ivo Benedetti Amministratore Delegato MEGA ITALIA SPA LA TUTELA DEL PATRIMONIO AZIENDALE BANCARIO Ivo Benedetti Amministratore Delegato MEGA ITALIA SPA A seguire abbiamo evidenziato quali elementi sono da tenere in considerazione per la scelta del fornitore

Dettagli

Esperienza di Global Service presso il Terminal 3 dell Aeroporto del Cairo

Esperienza di Global Service presso il Terminal 3 dell Aeroporto del Cairo 1 Esperienza di Global Service presso il Terminal 3 dell Aeroporto del Cairo Contenuto Gemmo in Egitto. Perché in Aeroporto Contratto Gemmo Egypt Cairo Airport Company Servizi. Elenco ed Esclusioni,

Dettagli

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti 1 Parte Le circostanze della catastrofe a) il tunnel del Monte Bianco nel 1999 b) consegne di sicurezza e regolamento di circolazione c) organizzazione della sicurezza

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE. Parmalat S.p.A. Maintenance Stories 2011

LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE. Parmalat S.p.A. Maintenance Stories 2011 LO SVILUPPO DI UNA NUOVA CULTURA DI MANUTENZIONE Parmalat S.p.A Maintenance Stories 2011 Cesare Peloso Dir. Stabilimento Alex Del Monte Responsabile Produzione Rodolfo Rodolfi Responsabile Servizi Tecnici

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

Proposta/Questionario PROPERTY

Proposta/Questionario PROPERTY Proposta/Questionario PROPERTY di QBE Insurance (Europe) Limited Avvertenze importanti (I) Effetti delle dichiarazioni n veritiere, inesatte o reticenti. È nel Vostro interesse dichiarare nella presente

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

Efficienza e Ricchezza Quarta conferenza nazionale sull efficienza energetica. L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020

Efficienza e Ricchezza Quarta conferenza nazionale sull efficienza energetica. L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020 Efficienza e Ricchezza Quarta conferenza nazionale sull efficienza energetica L incentivo che ha funzionato: i certificati bianchi verso il 2020 Gabriele Di Prenda Roma, Novembre 2012 1 L ASSOCIAZIONE

Dettagli

PROTEZIONE DI MAGAZZINI DI PNEUMATICI UTILIZZANDO UGELLI HIGH CHALLENGE (GROSSE GOCCE)

PROTEZIONE DI MAGAZZINI DI PNEUMATICI UTILIZZANDO UGELLI HIGH CHALLENGE (GROSSE GOCCE) Articolo Tecnico PROTEZIONE DI MAGAZZINI DI PNEUMATICI UTILIZZANDO UGELLI HIGH CHALLENGE (GROSSE GOCCE) Dr. Joachim Böke - Direttore Sviluppo Prodotti Nicholas D. Groos - Vice President International Group

Dettagli

L ESPERIENZA DI ATB RIVA CALZONI CON ONE/TÜV/BV PER L OTTENIMENTO DEL CERTIFICATO DI AUTORIZZAZIONE NUCLEARE ASME N.

L ESPERIENZA DI ATB RIVA CALZONI CON ONE/TÜV/BV PER L OTTENIMENTO DEL CERTIFICATO DI AUTORIZZAZIONE NUCLEARE ASME N. L ESPERIENZA DI ATB RIVA CALZONI CON ONE/TÜV/BV PER L OTTENIMENTO DEL CERTIFICATO DI AUTORIZZAZIONE NUCLEARE ASME N. Seminario IL NUCLEARE E LE ATTREZZATURE A PRESSIONE: NORMATIVA DI RIFERIMENTO ASME III

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

L evoluzione della nostra storia

L evoluzione della nostra storia LE NOSTRE CERTIFICAZIONI L evoluzione della nostra storia Dagli anni 20 ad oggi specializzati in impianti elettrici, automazione industriale e sistemi integrati La Giordano & C. è un azienda italiana nata

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008)

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) La normativa La società e i servizi di formazione Qualsiasi attività (aziende, studi professionali, negozi ecc.) che abbia almeno un

Dettagli

L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies.

L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies. Milano 19 Ottobre 2010 L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies. ROL & eng hi Industriali HUGHES ASSOCIATES EUROPE, srl FIRE SCIENCE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MARSELLA, STEFANO Stefano.marsella@gmail.com Nazionalità italiana Data di nascita [ 06, dicembre, 1960

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

OxyReduct Elimina il rischio di incendi

OxyReduct Elimina il rischio di incendi OxyReduct Elimina il rischio di incendi Prevenzione incendi OxyReduct L innovazione in materia di prevenzione Massima protezione Massima sicurezza il fuoco: un rischio per le aziende Il sistema tradizionale

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

PRESENTAZIONE. Tae snc di Ragnatela & Vorraro Via Cesare Battisti nr 64 Pogliano Milanese (Mi) tel.02-9321.3201. WWW.taebioenergy.

PRESENTAZIONE. Tae snc di Ragnatela & Vorraro Via Cesare Battisti nr 64 Pogliano Milanese (Mi) tel.02-9321.3201. WWW.taebioenergy. PRESENTAZIONE Tae snc di Ragnatela & Vorraro Via Cesare Battisti nr 64 Pogliano Milanese (Mi) tel.02-9321.3201 e-mail: taesnc@virgilio.it fax02-9678.9974 WWW.taebioenergy.com MISION DI TAE Tae vuole essere

Dettagli

TSecNet. Soluzioni per la security Bologna 29 marzo 2012. Pietro Cecilia. Tecnology Security Networking

TSecNet. Soluzioni per la security Bologna 29 marzo 2012. Pietro Cecilia. Tecnology Security Networking TSecNet Tecnology Security Networking Soluzioni per la security Bologna 29 marzo 2012 Pietro Cecilia Chi Siamo - Dove Siamo TSecNet nasce per soddisfare le sempre più crescenti esigenze di sicurezza con

Dettagli

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Con il Decreto Interministeriale del 30 Novembre 2012 sono state recepite le PROCEDURE STANDARDIZZATE per l effettuazione della valutazione dei rischi (art.

Dettagli

Un riferimento sicuro verso la meta

Un riferimento sicuro verso la meta Un riferimento sicuro verso la meta Siamo una guida sicura verso la meta, che vi accompagna nel lungo e complesso viaggio da intraprendere nel mare della finanza e dell iter autorizzativo, il tutto per

Dettagli

Geodis Logistics, la Divisione Logistica del Gruppo Geodis

Geodis Logistics, la Divisione Logistica del Gruppo Geodis Geodis firma un nuovo contratto triennale con LG Electronics per la gestione delle attività di logistica e tr Per il cliente LG Electronics, società leader nell'offerta di prodotti di elettronica a largo

Dettagli

Collabora con partners europei nelle attività di audit e consulenza ai clienti.

Collabora con partners europei nelle attività di audit e consulenza ai clienti. Energy Management Ge.Ser.Ind. possiede una solida competenza nel campo dell energy management, fornendo servizi di assistenza e di controllo dei costi e dei consumi energetici. Collabora con partners europei

Dettagli

a r c h i t e t t o L U C I A B A R O N I

a r c h i t e t t o L U C I A B A R O N I VIA SETTALA, 82 20124 MILANO +393409092835 arch.lbaroni@gmail.com P.I.11892890150 CURRICULUM VITAE LUCIA BARONI Nata a Milano Il 13.10.1964 PROFILO PROFESSIONALE DIRETTORE TECNICO C/O SOCIETÀ DI ENGINEERING-

Dettagli

APQP. Un sistema avanzato di gestione o una gabbia?

APQP. Un sistema avanzato di gestione o una gabbia? APQP () Un sistema avanzato di gestione o una gabbia? Torino, 16 aprile 2008 AFFIDABILITÀ & TECNOLOGIE A. Ciancio Plexus Management Systems Slide 1 - Page(s) Plexus Management Systems 2 edition 19 uffici

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

e la norma cogente. L'implementazione in azienda

e la norma cogente. L'implementazione in azienda Il sistema di gestione BS OHSAS 18001 e la norma cogente. L'implementazione in azienda Via dei Mille, 8 - Falconara M.(AN) - Tel. 071.910701 Fax: 071.9169688 pbelardinelli@isaq.it - www.isaq.it 547 + 391

Dettagli

PRESENTAZIONE PROFESSIONALE. Ing. Daniele Bianchini Geom. Roberto Del Vecchio

PRESENTAZIONE PROFESSIONALE. Ing. Daniele Bianchini Geom. Roberto Del Vecchio PRESENTAZIONE PROFESSIONALE Ing. Daniele Bianchini Geom. Roberto Del Vecchio Traversa Trentaduesima 42 - Villaggio Prealpino (BS) Telefono e Fax 030/2010990 INQUADRAMENTO GENERALE Dalla pluriennale esperienza,

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

CATALOGO DI OFFERTA Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

CATALOGO DI OFFERTA Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni CATALOGO DI OFFERTA Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni Viale Murillo, 17 Milano 02/40305252 info@scuolasuperiorects.it 1 AREA COMPORTAMENTALE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020

L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020 L obiettivo di risparmio energetico per l Italia al 2020 Il vigente Piano d Azione italiano per l Efficienza Energetica ( 2007- PAEE),in recepimento della Direttiva 2006/32/CE, prevede un obiettivo di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

VALENZA-PARTNERS www.valenza-partners.com

VALENZA-PARTNERS www.valenza-partners.com VALENZA-PARTNERS Roma Via Cesare Pavese, 141 00144 Milano Via Milano, 10 20083 Gaggiano (MI) www.valenza-partners.com 1 VALENZA-PARTNERS Sipar S.r.l. CE.S.MA. Studio Legale Valenza www.valenza-partners.com

Dettagli

La norma EN 16001 a due anni dalla pubblicazione. Compliance & Risk Manager BSI Group Italia S.r.l.

La norma EN 16001 a due anni dalla pubblicazione. Compliance & Risk Manager BSI Group Italia S.r.l. La norma EN 16001 a due anni dalla pubblicazione Ing. Gian Luca Conti Ing. Gian Luca Conti Compliance & Risk Manager BSI Group Italia S.r.l. Siamo un organizzazione indipendente Presentazione BSI Non abbiamo

Dettagli

Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer

Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer Derivazioni su tubi di grande diametro, come risparmiare incrementando la qualita e la sicurezza: la soluzione Georg Fischer La risposta Georg Fischer ai tecnici che chiedono un risparmio in termini economici

Dettagli

Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010.

Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010. Sviluppi normativi introdotti nella edizione NFPA 13-2010. Ing. Luigi Lusardi Marsh Risk Consulting - Milano Membro A.I.I.A. - SFPE NFPA 13 & FM Global Due organizzazioni di natura diversa, con scopi diversi,

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Il Progetto Formazione

Il Progetto Formazione Il Progetto Formazione II MEETING MANUTENTORI ANTINCENDIO Milano, 12 maggio 2011 1 La formazione nel settore della manutenzione antincendio Il gruppo, costituito nel 2003, ha l obiettivo di supportare

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CODATO STEFANO Indirizzo Via Vivaldi, 6 A - 31021 Mogliano Veneto ( TV ) Telefono + 39 348 9110152 E-mail

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MATTIOLI Via P. A. MATTIOLI, 8 SIENA tel

Dettagli

Fornitori d Eccellenza

Fornitori d Eccellenza Fornitori d Eccellenza Dal 1994 Consulenza e Formazione Aziendale www.gestaonline.it Sistemi gestionali Sicurezza sul lavoro Ambiente Modelli 231 Direzione aziendale La nostra missione è quella di aiutare

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 9 dicembre 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

QSA Bologna Srl QSA Bologna S.r.l.

QSA Bologna Srl QSA Bologna S.r.l. QSA Bologna Srl QSA Bologna Srl nasce nel marzo del 2006 dall incontro di professionalità tecniche e gestionali da anni operanti nel settore della sicurezza e salute negli ambienti di lavoro. I nostri

Dettagli

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia

www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia www.rockwool-coresolutions.com Soluzioni innovative per pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia Da decenni i pannelli sandwich con isolamento in lana di roccia si rivelano estremamente efficaci

Dettagli

Grandi apparecchi domestici, ospitalità professionale.

Grandi apparecchi domestici, ospitalità professionale. di riferimento Grandi apparecchi domestici, ospitalità professionale. MILANO 27.5.2009 GRANDI APPARECCHI DOMESTICI di riferimento I CONSUMI FINALI ELETTRICI NEL RESIDENZIALE Servizi generali 7% Illuminazione

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Presentazione dell Azienda

Presentazione dell Azienda Presentazione dell Azienda Chi siamo PricewaterhouseCoopers Italia fa parte del network internazionale PricewaterhouseCoopers (PwC), leader nel settore dei servizi professionali alle imprese. Il nostro

Dettagli

Natale Mozzanica. Padova, 27 novembre 2014

Natale Mozzanica. Padova, 27 novembre 2014 LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI : UN ATTIVITA FONDAMENTALE PER GARANTIRE L EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI E PER GARANTIRE L ASSEVERATORE NELLA FASE DI RINNOVO PERIODICO Natale Mozzanica Padova, 27 novembre

Dettagli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli La scatola rosa a Milano Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli 24 novembre 2008 Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale: chi siamo La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

CASE STUDY FACILITY MANAGEMENT

CASE STUDY FACILITY MANAGEMENT CASE STUDY FACILITY MANAGEMENT Copyright SDA Bocconi Prof.re Stefano BELLINTANI Gruppo : Giuseppe DEFABRIITIS Andrea LICCI Antonio POLLICE Pietro SCHENA Mario STELLA SOMMARIO INDICE Conduzione e Manutenzione

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

CENTRO STUDI E RICERCHE. Martedì 18 Marzo 2014 Confindustria Udine

CENTRO STUDI E RICERCHE. Martedì 18 Marzo 2014 Confindustria Udine L Università degli studi di Udine e il Management della prevenzione e protezione (MAPP) Gino Capellari Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Ateneo Martedì 18 Marzo 2014 Confindustria Udine

Dettagli

POST INCENDIO E ALLAGAMENTO

POST INCENDIO E ALLAGAMENTO POST INCENDIO E ALLAGAMENTO BONIFICA RIPRISTINO E PULIZIA & INSIEME PER IL RIPRISTINO DEL TUO IMMOBILE Via Boezio 2 20145 Milano Magazzini: Via Osoppo 19, Milano Via Luchino del Maino 7, Milano NUMERO

Dettagli

Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow

Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow Sistema di spegnimento incendi con gas inerte con tecnologia i-flow INTRODUZIONE i-flow FIRE SUPPRESSION SYSTEM E un sistema di spegnimento incendi che utilizza come agente estinguente l intera gamma di

Dettagli

Il Dottore Commercialista e l'organismo di vigilanza di cui al D.Lgs 231/2001

Il Dottore Commercialista e l'organismo di vigilanza di cui al D.Lgs 231/2001 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Il Dottore Commercialista e l'organismo di vigilanza di cui al D.Lgs 231/2001 Decreto 231: analisi dei rischi (tecniche di auditing), redazione del codice di condotta e

Dettagli

COST MANAGEMENT IN ALCATEL FACE ITALIA: IL PROGETTO ACTIVITY-BASED COSTING NELLO STABILIMENTO DI FROSINONE

COST MANAGEMENT IN ALCATEL FACE ITALIA: IL PROGETTO ACTIVITY-BASED COSTING NELLO STABILIMENTO DI FROSINONE COST MANAGEMENT IN ALCATEL FACE ITALIA: IL PROGETTO ACTIVITY-BASED COSTING NELLO STABILIMENTO DI FROSINONE Lucidi di G. TOSCANO Università C. Cattaneo Castellanza (Varese) 1 ALLA FINE DEL 1989 VIENE LANCIATO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli