Marketing e Direzione d Impresa Lezione 28 Ebusiness, Pricing. Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing e Direzione d Impresa Lezione 28 Ebusiness, Pricing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28"

Transcript

1 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 28 Ebusiness, Pricing Ing. Marco Greco Tel Stanza 1S-28

2 marketing Fonte: European Marketing Consumer Report

3 marketing Date ai clienti un motivo per rispondere al messaggio Personalizzate il contenuto dei messaggi Offrite al cliente qualcosa che è impossibile ricevere tramite la posta tradizionale (tempestività e rilevanza) Semplificate le operazioni di cancellazione 3

4 Viral marketing Replicare su Internet i meccanismi di passaparola alla base del successo di molti prodotti tradizionali Differente da buzz marketing, che si basa su passaparola implicito Difficile da applicare per: alti costi di personale risultati soprattutto nel lungo periodo e difficilmente quantificabili richiede elevate capacità di comunicazione Strumenti utilizzabili: marketing, con messaggi personalizzati che stimolano interesse e risposta dell utente Community Video virali 4

5 Guerrilla marketing Iniziative di marketing atte a spiazzare i consumatori e avere ampia diffusione grazie al loro carattere straordinario Es. TNT-TV 5

6 Community Insieme di persone che, a partire da alcuni interessi comuni, sviluppano reti di relazioni online, attraverso strumenti quali mailing list, forum, chat, blog, wiki, siti di social networking, social gaming, virtual world, etc. Possono essere: orizzontali (generaliste) verticali (su tematiche precise) Le imprese: possono utilizzarle come spazio ad alta focalizzazione dove inserire pubblicità possono analizzarle per comprendere le opinioni della comunità attraverso la sentiment analysis possono ottenere informazioni molto dettagliate sui potenziali clienti possono supportarle per vendere prodotti all interno della community possono fidelizzare i clienti acquisiti tramite la fornitura di valore aggiunto attraverso la community 6

7 Community: Progettazione Puntare alla massimizzazione del numero di iscritti, del numero di interazioni e della qualità delle interazioni Identificare il target Identificare i concorrenti Identificare gli interessi distintivi Identificare gli obiettivi Identificare le fonti di ricavo Identificare i contenuti Identificare i servizi Identificare le tecnologie Identificare il partner Misurare le prestazioni del sistema 7

8 Community: Gestione Identificare una redazione Sviluppare il processo di Community building Identificare i moderatori e i leader Favorire la vitalità della comunità Avere un feedback dagli utenti Guidare l evoluzione naturale Sviluppare il partenariato Seguire lo sviluppo della tecnologia Rendere alto il costo del cambiamento Assecondare il ritmo della crescita 8

9 Uso di Facebook (1) Le imprese possono utilizzare Facebook per: inserire annunci mirati verso particolari target di utenti, ottenendo informazioni precise sull effetto degli annunci attraverso gli insight inserire pagine di presentazione del prodotto/servizio che, oltre a fornire informazioni all utente, permettono di sapere chi sono i fan della pagina costruire applicazioni che permettono, ad esempio attraverso la funzione users_getinfo, di ottenere tutte (o quasi) le informazioni presenti nel profilo di un utente che aderisce all applicazione 9

10 Uso di Facebook (2) Recentemente Facebook ha lanciato una serie di plug-in sociali che, oltre a stimolare la creazione di community, permettono alle imprese di ottenere dati ulteriori: «Like box» permette di aderire a una pagina Facebook a partire da un sito esterno dotato di tale pulsante «Login button» permette di loggarsi direttamente a un sito nel momento in cui vi si accede, se si è già loggati su Facebook «Comments» e «Live stream» permettono di commentare un oggetto presente nel web «Like button» permette di valutare un oggetto presente nel web «Share» permette di condividere un oggetto presente nel web «Activity feed» permette di avere un resoconto su tutte le attività effettuate dagli amici sugli oggetti presenti in un certo sito «Recommendations» permette di ricevere raccomandazioni alla luce delle attività effettuate dagli amici sugli oggetti presenti in un certo sito 10

11 Uso dei social media 11

12 Virtual world e social gaming Diversi livelli di integrazione tra questi strumenti e la comunicazione online: - Inserimento di banner - Attività di comunicazione all interno delle community costruite intorno a questi strumenti - Realizzazione di advergame, giochi interattivi costruiti appositamente per la comunicazione di marketing, che possono essere utilizzati per: - Supportare il lancio di nuovi prodotti o marche - Sviluppare la brand awareness - Creare associazioni di marca - Sviluppare il rinforzo della marca - Ottenere dati sui clienti potenziali - Rafforzare la fidelizzazione dei clienti - Generare traffico verso i siti di e-commerce 12

13 Multicanalità Utilizzo dei media tradizionali combinato a quello di Internet per: aumentare la visibilità delle iniziative di comunicazione online aumentare il numero e la qualità delle interazioni con il cliente creare sinergie nella produzione di contenuti 13

14 Misurazione dei risultati della comunicazione online Criteri di valutazione: Pagine consultate: numero di volte che viene richiesta una pagina del sito Durata della sessione: durata di una singola visita ad un sito, espressa in secondi Visitatori unici: utenti che accedono per la prima volta al sito Impression: numero di volte che un elemento di advertising viene mostrato su un sito Click through: numero di volte che un utente clicca su un elemento di advertising per visitare il sito dell impresa, escludendo le volte che la pagina bersaglio non venga visualizzata Conversion rate: rapporto tra il numero di visitatori del sito e il numero di acquirenti 14

15 Conversion rate per settori

16 Modelli di pricing per la comunicazione online CPI (Cost x Impression): costo per ogni unità di impression dell elemento di advertising CPC (Cost x Click): costo per ogni click sull elemento di advertising CPCT (Cost x Click Through): costo per ogni click sull elemento di advertising, escludendo le volte che la pagina bersaglio non venga visualizzata Sistemi ibridi: CPI/CPC, CPI/CPCT CPT (Cost x Time) CPA (Cost x Action): costo per ogni unità di azione, come registrazione al sito, etc. CPS (Cost x Sale): percentuale sul fatturato generato 16

17 Pricing Capitolo 14

18 Cos è il prezzo Non solo un numero su un etichetta In origine determinati dalla negoziazione Idea del prezzo fisso alla fine del XIX secolo, con la grande distribuzione 18

19 La definizione del prezzo Nelle piccole imprese spesso è il titolare a stabilire il prezzo Nelle grandi se ne occupa il responsabile di settore o di linea In alcuni settori in cui il prezzo è il fattore chiave (energia, carburante, ecc..) ci sono uffici appositi 19

20 Psicologia del consumatore e prezzi Le decisioni d acquisto si basano sul modo in cui i clienti percepiscono i prezzi e sulla loro idea del prezzo corrente, non del prezzo praticato dall impresa Prezzo di riferimento: in pochi casi il consumatore ricorda il prezzo di un prodotto, eppure hanno quasi sempre in mente un prezzo di riferimento Inferenze sul rapporto qualità/prezzo: uso del prezzo come indicatore della qualità Indicatori di prezzo: i consumatori procedono da sinistra verso destra, piuttosto che per arrotondamento (299 appartiene alla classe dei 200 euro piuttosto che a quella dei 300) 20

21 Fattori critici per la determinazione del prezzo Obiettivi e strategia dell impresa Caratteristiche della domanda e tipologia del bene Costi totali di produzione Struttura di mercato Grado di stabilità/dinamicità dell impresa e del mercato 21

22 Processo di determinazione del prezzo Definizione degli obiettivi di prezzo Individuazione della domanda Stima dei costi Analisi della concorrenza Definizione della strategia Metodo di definizione del prezzo Scelta del prezzo 22

23 1. Definizione degli obiettivi di prezzo Sopravvivenza Imprese con eccessi di capacità produttiva o che fronteggiano forte concorrenza o cambiamento dei gusti dei consumatori Nel breve periodo, prezzi bassi, ma superiori ai costi variabili Nel lungo periodo, puntare allo sviluppo di nuovo valore Massimizzazione del profitto corrente Nel breve periodo, prezzi basati su domanda e costi attuali, difficili da stimare Nel lungo periodo, rischio di trascurare altre variabili di marketing mix e reazioni dei concorrenti 23

24 1. Definizione degli obiettivi di prezzo Massimizzazione della quota di mercato Imprese in mercati con alta elasticità rispetto al prezzo, con alte economie di scala e con alta concorrenza, che scoraggia ingresso di concorrenti Nel breve periodo, prezzi bassi per stimolare la domanda attraverso strategie di penetrazione del mercato 24

25 1. Definizione degli obiettivi di prezzo Scrematura del mercato Nel breve periodo, prezzi alti per scremare la domanda Nel lungo periodo, prezzi tendono a ridursi Attuabile in caso di introduzione di nuovi prodotti, in casi in cui si può associare il prezzo alla qualità o in assenza di concorrenza nell immediato Possibile: 1. se la domanda attuale è sufficientemente numerosa 2. se i costi unitari di produzione per un numero limitato di prodotti sono compensati dai ricavi 3. se alti prezzi di vendita creano barriere all ingresso per i concorrenti 4. se il prezzo comunica un immagine di qualità superiore 25

26 1. Definizione degli obiettivi di prezzo Leadership di qualità del prodotto Combinazione di alta qualità, immagine di lusso e alti prezzi, necessari per recuperare i costi e per alimentare immagine di lusso Applicabile anche ai beni di lusso accessibili Altri obiettivi: Recupero parziale dei costi puntando a coprire gli altri con elargizioni private o pubbliche 26

27 1. Definizione degli obiettivi di prezzo 27

28 1. Definizione degli obiettivi di prezzo 1, 5 e 9 possono convivere nello stesso mercato, se esistono 3 segmenti caratterizzati da un diverso prezzo di riserva. Ciascuno preferirà l offerta che gli garantisce, a parità di rapporto prezzo/qualità, un sacrificio economico adeguato alle proprie esigenze 2, 3 e 6 sono in genere strategie offensive, rispetto alle posizioni degli operatori collocati nei quadranti 1, 5 e 9, poiché garantiscono un surplus maggiore all acquirente 4, 7 e 8 sono strategie di scrematura del mercato e possono essere praticate solo in situazioni molto limitate (monopoli naturali, monopoli su nicchie, oligopoli differenziati, etc.), in cui è possibile speculare e recuperare liquidità 28

29 2. Individuazione della domanda Sensibilità dei clienti rispetto al prezzo (elasticità) La scelta di un consumatore rispetto all acquisto di un prodotto non dipende esclusivamente dal prezzo, ma da altre variabili del marketing mix, come: il grado di differenziazione di un prodotto rispetto ai sostituti offerti dai concorrenti la conoscenza e la facilità di confronto tra prodotti concorrenti da parte dei consumatori il rapporto tra prezzo del prodotto e costo totale della transazione il legame tra il prodotto e altri beni acquistati in passato o da acquistare in futuro il livello di qualità e prestigio associato al prodotto 29

30 2. Individuazione della domanda Considerando questi elementi, si può costruire la curva di domanda del prodotto: - Con l analisi statistica dei dati passati o relativi a mercati simili - con esperimenti di prezzo - con indagini di mercato La relazione tra prezzo e qualità può essere influenzata da effetti peculiari: Effetto Veblen: la domanda di un bene cresce al crescere del prezzo, perché un prezzo elevato del bene trasmette informazioni sul livello elevato del reddito dell acquirente Curva di domanda crescente Effetto snob: la domanda di un bene diminuisce all aumentare del numero degli acquirenti (esternalità di rete negative) Curva di domanda decrescente di forma iperbolica 30

31 3. Stima dei costi Costi fissi, variabili, totali, medi Bisognerebbe poter stimare come variano i costi al variare della quantità effettivamente prodotta, perché il prezzo fissato influenzerà la domanda! All aumentare della produzione cumulata si riduce il costo medio: curva di esperienza Metodo ABC 31

32 3. Stima dei costi I falsi miti: 1. Praticare un prezzo che copre l intero costo del prodotto genera profittabilità per l impresa Il cliente fa le sue valutazioni senza considerare i nostri costi, dovremmo capire quanto dobbiamo produrre per rendere il costo del nostro prodotto coerente con le aspettative del cliente! 2. Praticare un prezzo mirato all aumento della quota di mercato genera maggiore profittabilità per l impresa Dovremmo puntare su mercati più profittevoli, non sulla quota di mercato 3. Praticare un prezzo mirato a soddisfare le richieste dei consumatori genera maggiore profittabilità per l impresa Abbassare il prezzo dovrebbe abbassare di pari passo la qualità offerta 32

33 4. Analisi di costi prezzi e offerte Cosa fanno gli altri? dei concorrenti 1. Prezzo del concorrente più prossimo 2. Se il nostro prodotto è differenziato verticalmente, stimiamone il valore aggiunto e aggiungiamolo al su prezzo (o viceversa) 33

34 5. Selezione del metodo di definizione del prezzo Metodo del costo totale (mark-up) Si calcola il costo unitario (CU) del prodotto Si definisce il margine percentuale di profitto unitario (% ) che si vuole ottenere dalla vendita del prodotto Si definisce il prezzo di vendita del prodotto, attraverso la formula p CU 1 % Occorre tener conto della reazione dei concorrenti Il metodo ignora completamente la domanda 34

35 Metodo del profitto obiettivo Si calcola il CU del prodotto Si definisce il ROI* che si vuole ottenere dalla vendita del prodotto Si definisce il prezzo di vendita del prodotto, attraverso la formula p* CU 5. Selezione del metodo di definizione del prezzo ( ROI * CI) Q * Tale analisi va accompagnata da quella del break-even point in modo da valutare gli effetti degli scostamenti possibili Non si considera domanda 35

36 5. Selezione del metodo di definizione del prezzo Metodo del valore percepito Il valore di un prodotto U(S) dipende dal livello S i dei suoi n attributi e dall importanza W i di ciascun n i=1 attributo U S = W i S i Le imprese possono porre p = U(S) in modo da estrarre tutto il surplus del cliente Difficoltà di stima del valore percepito dal cliente Differenze nel valore percepito da ciascun cliente Difficoltà di comunicare il valore effettivo del prodotto 36

37 5. Selezione del metodo di definizione del prezzo Metodo del valore: prezzi più bassi senza sacrificare la qualità EveryDay Low Pricing (EDLP): pratico sempre prezzi bassi rinunciando a promozioni ed offerte speciali (elimina incertezze settimanali) Negozi «tutto a 1» High-Low Pricing: prezzi regolari alti con frequenti sconti incisivi, con media identica all EDLP 37

38 5. Selezione del metodo di definizione del prezzo Metodo dei prezzi correnti Le imprese si basano sui prezzi della concorrenza per la scelta del proprio prezzo Metodo delle aste Asta all inglese (offerte ascendenti) Asta all olandese (un venditore, più acquirenti, offerte discendenti) Aste pubbliche a busta chiusa 38

39 6. Scelta del prezzo Nella scelta finale del prezzo, occorre tenere conto di impatto delle altre attività di marketing (proprie e della concorrenza), quali assistenza, puntualità della consegna, ecc coerenza con le politiche di prezzo dell impresa modalità di suddivisione del rischio tra impresa e clienti (contingency contract) ruolo di altri player: il prezzo potrebbe non consentire adeguati margini per venditori o distributori, potrebbe costringere i fornitori a fare grandi sacrifici o scatenare una guerra con i concorrenti 39

40 Riduzione e aumento del prezzo Riduzione di prezzo dovuta a: eccesso di capacità produttiva obiettivo mantenimento/rafforzamento della quota di mercato Aumento di prezzo dovuto a: inflazione dei costi eccesso di domanda Rischi connessi: percezione di scarsa qualità da parte dei consumatori riduzione della fedeltà alla marca da parte dei consumatori riduzione della liquidità Può essere fatto attraverso la quotazione ritardata del prezzo, la clausola di revisione prezzi, la quotazione frazionata o la riduzione degli sconti Problema della velocità degli aumenti 40

41 Modalità di aumento del prezzo quotazione ritardata del prezzo: non stabilisco un prezzo finale finché il prodotto non è terminato o consegnato clausola di revisione prezzi: oltre al prezzo concordato si aggiunge almeno una parte dell incremento dell inflazione quotazione frazionata: quotazione a parte di una o più voci aggiuntive come la consegna o l installazione (es. commissione su biglietti) riduzione degli sconti: chiedo alla forza vendita di ridurre sconti per cassa o per quantità 41

42 Riduzione e aumento del prezzo Reazioni dei clienti: Abbassamento: prodotto in via di sostituzione? Prodotto imperfetto? Vendite insoddisfacenti? Il prezzo scenderà ancora? Ridotta la qualità? Aggirabile riducendo la quantità di prodotto, sostituendo componenti con altri meno costosi, riducendo features, riducendo servizi complementari gratuiti, impiegando confezioni meno costose o di formato più grande, Innalzamento: articolo di moda? Valore accresciuto? 42

43 La bomboniera algida 20 pz 18 pz 12 pz 43

44 Riduzione e aumento del prezzo La reazione dei concorrenti La probabilità di reazione dei concorrenti a una manovra di prezzo aumenta se: il settore è ristretto (poche imprese) il prodotto è indifferenziato (commodities) il mercato è trasparente alle notizie sui prezzi La reazione del sistema competitivo può essere stimata considerando che sono possibili due situazioni: 1. il concorrente ha stabilito una propria strategia di reazione 2. il concorrente reagisce secondo gli interessi del momento e quindi in modo non prevedibile 44

45 Riduzione e aumento del prezzo Reagire alle azioni di prezzo dei concorrenti In mercati di commodities, le imprese spesso non hanno altra scelta che adeguarsi alla manovra dei concorrenti In un mercato di beni differenziabili ci sono maggiori possibilità di reazione, poiché la decisione d acquisto è legata anche a fattori diversi dal prezzo e su questi è possibile impostare la reazione 45

46 Riduzione e aumento del prezzo Analisi su: - motivazione della manovra di prezzo (sovracapacità, aumento della propria quota di mercato, cambiamento di costo, tentativo di indurre cambiamento su tutto il settore, etc.) - durata della manovra di prezzo (temporanea o permanente) - effetti della manovra di prezzo su profitti e quota di mercato - reazioni degli altri concorrenti - quali risposte possibili (mantenimento del prezzo, mantenimento del prezzo e sviluppo del valore, riduzione del prezzo, lancio di una nuova linea a basso costo) 46

47 Riduzione e aumento del prezzo I leader spesso assistono a repentine modifiche di prezzo da parte di nuovi entranti. Possibili reazioni: 1. Mantenimento del prezzo: ipotizzo che ridurlo mi nuocerebbe troppo, che non perderò grandi quote di mercato o che potrei recuperare facilmente la quota eventualmente persa 2. Mantenimento di prezzo e sviluppo di valore: miglioramento di prodotto, servizio o comunicazione 3. Riduzione del prezzo: considero che aumentando i volumi ridurrò i costi, temo di perdere una notevole quota di mercato, temo che sarebbe difficile recuperare un eventuale quota persa 4. Aumento prezzo e qualità, introduco nuove marche 5. Lancio una linea di prodotti a basso prezzo 47

48 Riduzione e aumento del prezzo Programma di reazione al prezzo 48

49 Prezzo non uniforme Il prezzo non rappresenta sempre un unicum prefissato, ma può assumere strutture più complesse, che permettono all impresa: di incrementare la platea di clienti serviti, definendo una struttura di prezzo specifica (discriminazione) che tenga conto del prezzo di riserva, della quantità e della qualità richiesta, della localizzazione, della tempistica di acquisto, o di altre variabili che caratterizzano i singoli clienti di incamerare una parte del surplus del consumatore, incrementando quindi il proprio surplus In altri casi, la presenza di prezzi non uniformi è spiegabile tenendo conto della variazione dei costi unitari 49

50 Sconti e abbuoni Sconto di cassa: pronto pagamento di fatture o pagamento in contanti Sconto quantità: prezzo più basso per quantitativi elevati Sconto funzionale: offerto ai membri di un determinato canale commerciale Sconto stagionale: es. bassa stagione Abbuono: riduzione di prezzo come forma di remunerazione aggiuntiva per rivenditori. Abbuono di permuta (rottamazione) 50

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Lo standard europeo per i negozi online professionali. Soluzioni per la fiducia nell e-commerce

Lo standard europeo per i negozi online professionali. Soluzioni per la fiducia nell e-commerce Lo standard europeo per i negozi online professionali Soluzioni per la fiducia nell e-commerce Ecco cosa ti offriamo con il nostro pacchetto all-inclusive! Invia subito la tua adesione! +39 02 94754586

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L email marketing per negozi e negozianti

L email marketing per negozi e negozianti EMAIL MARKETING GURU 13 L email marketing per negozi e negozianti Attrezzi e consigli per entrare nel digitale dal bancone Prefazione a cura di Gianluca Diegoli di www.minimarketing.it Cosa c è nell ebook?

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari REAL ESTATE Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari è un sistema progettato per garantire la semplice gestione della presenza online per le agenzie immobiliari. Il

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli