/ $FFRUGR TXDGUR FRQ XQ XQLFR RSHUDWRUH HFRQRPLFR SHU ODYRUL GL PDQXWHQ]LRQH QHL VHWWRUL RUGLQDUL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "/ $FFRUGR TXDGUR FRQ XQ XQLFR RSHUDWRUH HFRQRPLFR SHU ODYRUL GL PDQXWHQ]LRQH QHL VHWWRUL RUGLQDUL"

Transcript

1 I Appalti / $FFRUGR TXDGUR FRQ XQ XQLFR RSHUDWRUH HFRQRPLFR SHU ODYRUL GL PDQXWHQ]LRQH QHL VHWWRUL RUGLQDUL di )UDQFHVFR 'HPRQWLV 1RYHPEUH

2 SOMMARIO 1. L'accordo quadro come contratto normativo I limiti e le procedure per la conclusione dell'accordo Un modello più avanzato di "appalto aperto" Il vulnus della pubblicità e della trasparenza... 8 FRANCESCO DEMONTIS. Funzionario amministrativo presso il Comune di Sassari, si è occupato per quindici anni di appalti nei Settori lavori pubblici e manutenzioni dell'ente. Attualmente è funzionario amministrativo presso il Settore edilizia residenziale pubblica dell'ente, con competenze nella gestione degli appalti per la manutenzione e costruzione degli alloggi comunali. Tesi finale del Master in contrattualistica pubblica di Ancitel Sardegna, in collaborazione con Anci Sardegna e con il patrocinio del Quotidiano del Sole 24 Ore Enti Locali & Pa 1

3 1. L'accordo quadro come contratto normativo L'accordo quadro è uno strumento preparatorio all'affidamento di uno o più appalti, concluso tra le parti sotto forma di accordo, mediante il quale una o più stazioni appaltanti e uno o più operatori economici definiscono le clausole fondamentali relative agli appalti da aggiudicare durante un dato periodo «in particolare per quanto riguarda i prezzi e, se del caso, le quantità previste 1. L'Istituto trae le sue origini dal cosiddetto contratto normativo, vale a dire da uno strumento di natura negoziale che obbliga le parti ad inserire - nei futuri ed eventuali contratti riguardanti una determinata materia - quanto pattuito nel contratto normativo. Le parti di tale accordo definiscono in anticipo determinate clausole che si obbligano a "... inserire nei futuri contratti, se e quando saranno conclusi" 2, dettando dunque "le regole che saranno vincolanti per i loro eventuali futuri rapporti, senza che ne sorgano immediatamente legami di diritto-obbligo" 3. Si tratta perciò di una forma di pactum de modo contrahendi 4 : il contratto normativo stabilisce come verranno stipulati i successivi contratti attuativi (contratti applicativi) riguardanti un determinato bene della vita 5 e lasciano all'individuazione operata da una delle parti 6 la determinazione del se, quando e quantum dell'oggetto del contratto che di volta in volta il contraente-appaltatore dovrà corrispondere. Le parti del contratto normativo decidono in anticipo le condizioni in base alle quali attueranno le future acquisizioni 7 ovvero delineano un accordo che costituisce un "programma" per la stipulazione di successivi contratti applicativi ovvero ancora stabiliscono nell'accordo normativo le caratteristiche imprescindibili dell'oggetto dei successivi contratti applicativi, quali per esempio le specifiche tecniche, i tempi di consegna, la tipologia delle lavorazioni, la loro qualità, e così via. 1 Articolo 3, comma 13 del Codice dei contratti. 2 Roppo, Diritto Privato, 2001, p Trabucchi, Ist. di Diritto Civile, 1995, p Avcp, AG n. 8, 22 giugno Negli appalti pubblici diremo un lavoro, un servizio o una fornitura. 6 Nel caso dei contratti pubblici: dalla stazione appaltante. 7 Per i contratti pubblici sono le condizioni fondamentali dei successivi contratti applicativi. 2

4 2. I limiti e le procedure per la conclusione dell'accordo L'accordo quadro nel settore dei contratti pubblici trae origine 8 dalla Direttiva n. 2004/18/CE 9, mentre la trasfusione della norma comunitaria all'interno del Codice dei contratti ha dato luogo all'articolo 59 del Dlgs 163/ Dispone il comma 1 dell'articolo 59 "Le stazioni appaltanti possono concludere accordi quadro. Per i lavori, gli accordi quadro sono ammessi esclusivamente in relazione ai lavori di manutenzione. Gli accordi quadro non sono ammessi per la progettazione e per gli altri servizi di natura intellettuale". Già dal primo comma il nostro legislatore precisa che l'accordo quadro sarà utilizzabile nell'ordinamento italiano solo per le forniture e i servizi - di natura non intellettuale e comunque mai di progettazione - e, nel caso dei lavori, per i soli interventi di manutenzione. Appare chiara la volontà del nostro Codice di limitare considerevolmente l'accordo quadro rispetto alle previsioni comunitarie: difatti, nel caso dei lavori, l'accordo quadro sarà utilizzabile esclusivamente per le fattispecie inerenti i lavori di manutenzione e non - come sarebbe stato più logico - per specifiche tipologie di lavori da individuarsi magari nell'ambito di un regolamento approvato dalla stazione appaltante. Tale ultima soluzione sarebbe stata più coerente con gli obbiettivi dell'accordo quadro, finalizzato com'è a garantire maggiore flessibilità e risparmio di tempo per il committente nell'espletamento delle procedure d'appalto. Appare viceversa condivisibile l'esclusione, dall'ambito di applicazione dell'accordo quadro, dei servizi di progettazione in quanto tali prestazioni professionali - caratterizzate prevalentemente dall'intuitus personae - non possono evidentemente essere rese nell'ambito di un accordo quadro che è concepito, come vedremo, quale strumento per favorire l'acquisizione, da parte della stazione appaltante, di prestazioni aventi il carattere della serialità e della ripetitività. L'articolo 59, comma 2 del Codice dei contratti stabilisce quali regole l'amministrazione deve utilizzare per addivenire alla scelta dell'operatore economico firmatario dell'accordo quadro "Ai fini della conclusione di un accordo quadro, le stazioni appaltanti seguono le regole di procedura previste dalla presente parte in tutte le fasi fino all'aggiudicazione degli appalti basati su tale accordo quadro. Le parti dell'accordo quadro 8 Tuttavia l'istituto in esame era già previsto - per i Settori cosiddetti Speciali - dall'articolo 16 del Dlgs 17 marzo 1995, n. 158, che così recitava: "L'accordo quadro è il contratto tra uno dei soggetti aggiudicatori di cui al presente decreto ed uno o più imprenditori, fornitori o prestatori di servizi, mediante il quale le parti, nel caso di pluralità di prestazioni protratte per un tempo determinato o in relazione a uno specifico programma di esecuzione di lavori, di forniture o di prestazioni di servizi, fissano le condizioni generali di realizzazione del programma e le modalità di determinazione di successivi rapporti negoziali, soprattutto in riferimento ai prezzi ed eventualmente alle quantità. 2. Fermo quanto previsto all'art. 9, comma 8, l'accordo quadro può essere concluso per importi presunti non inferiori, rispettivamente, per i lavori, le forniture e i servizi al controvalore delle soglie stabilite all'art. 9, comma 1, lettere a), b) e c). 3. I contratti applicativi dell'accordo quadro possono essere affidati con procedura negoziata, senza la preventiva pubblicazione di un bando, solo se l'accordo stesso sia stato aggiudicato in conformità al presente decreto. 4. I soggetti aggiudicatori non possono far ricorso all'accordo quadro al fine di impedire, limitare o distorcere la concorrenza". 9 Occorre prevedere una definizione comunitaria degli accordi quadro nonché delle norme specifiche per gli accordi quadro conclusi in relazione ad appalti che rientrano nel campo d'applicazione della presente direttiva. Ai sensi di dette disposizioni un'amministrazione aggiudicatrice, quando conclude, conformemente alle disposizioni della presente direttiva, un accordo quadro riguardante, tra l'altro, la pubblicità, i termini e le condizioni di presentazione delle offerte, può concludere, nel periodo di durata dell'accordo quadro, contratti basati su tale accordo quadro sia applicando le condizioni stabilite nell'accordo quadro stesso oppure, se tutte le condizioni non sono state stabilite in anticipo nell'accordo quadro, riaprendo il confronto competitivo tra le parti all'accordo quadro sulle condizioni non stabilite. Il rilancio del confronto competitivo dovrebbe rispettare alcune regole il cui obiettivo è quello di garantire la flessibilità richiesta nonché l'osservanza dei principi generali, ivi compreso il principio della parità di trattamento. Per tale ragione la durata massima degli accordi quadro dovrebbe essere limitata e non dovrebbe poter superare quattro anni, tranne in casi debitamente giustificati dalle amministrazioni aggiudicatrici. 10 L'attuale formulazione è frutto altresì delle modifiche apportate dal cosiddetto II Decreto Correttivo al Codice dei contratti pubblici, il Dlgs 31 luglio 2007, n

5 sono scelte applicando i criteri di aggiudicazione definiti ai sensi degli articoli 81 e seguenti". Il legislatore stabilisce che la stazione appaltante sceglie l'operatore economico dell'accordo quadro - vale a dire il futuro appaltatore - utilizzando gli strumenti dell'evidenza pubblica normalmente messi a disposizione dal Codice. Una parte della dottrina così descrive tale procedimento "la procedura dell'accordo quadro ha carattere bifasico in forza della doppia aggiudicazione" 11. A nostro avviso tale affermazione contrasta con quanto detto prima: se si condivide la tesi che annovera l'accordo quadro nel genus dei contratti normativi, la procedura a evidenza pubblica di selezione dell'operatore economico non costituisce aggiudicazione di alcunché, ma è solo un metodo con il quale individuare l'impresa firmataria dell'accordo stesso. Questa procedura di scelta del contraente non potrebbe mai costituire aggiudicazione perché non fa sorgere automaticamente, in capo all'amministrazione, l'obbligo di affidare i successivi contratti applicativi 12. A conferma di questo ragionamento giova ricordare che, mentre per la scelta dell'operatore economico il legislatore parla di "conclusione" - e non di aggiudicazione - dell'accordo quadro 13, il successivo comma 3 dell'articolo 59 recita "Gli appalti basati su un accordo quadro sono aggiudicati secondo le procedure... In sede di aggiudicazione degli appalti pubblici basati su un accordo quadro...". Come è facile notare, il legislatore utilizza il termine "aggiudicazione" solo e unicamente per le procedure successive alla scelta dell'operatore economico con il quale ha stipulato l'accordo quadro, implicitamente affermando che nella fase precedente non si è realizzata alcuna aggiudicazione. Inoltre, anche il termine aggiudicazione potrebbe non essere perfettamente adatto a qualificare la situazione in cui la stazione appaltante, avendo già concluso l'accordo quadro con un solo operatore economico, determini di procedere all'attuazione dei lavori descritti nell'accordo. È chiaro che l'amministrazione è vincolata, in tale fase, alla stipulazione dei contratti applicativi esclusivamente con quell'operatore economico che ha sottoscritto l'accordo quadro e pertanto non si tratta di aggiudicazione dei lavori bensì di affidamento diretto degli stessi In tal senso G. Pili, Gli accordi quadro nel diritto interno, nella prospettiva della (legge di) stabilità e della spending review, L'accordo quadro negli appalti pubblici, Maggioli, 2013, p. 122 e ss. 12 Come peraltro afferma lo stesso autore: G. Pili, op. cit., a p. 108 «L'accordo quadro quindi non vincola automaticamente alla conclusione dei successivi contratti attuativi. Detto altrimenti, all'accordo fanno seguito le contrattazioni attuative che sono autonome seppure strutturalmente collegate rispetto al contratto originario. Come chiarito anche di recente dalla giurisprudenza amministrativa, "L'accordo quadro,... strumento negoziale, giuridicamente qualificabile come contratto normativo, non postula un obbligo di adesione, con l'effetto che la decisione di aderire alla convenzione, resta pur sempre una scelta con l'unica differenza che non richiede da parte della amministrazione che se ne avvale una specifica motivazione dell'interesse pubblico che la sottende, in quanto l'individuazione del miglior contraente è avvenuta a monte nel rispetto dei principi comunitari" (Tar Campania, Napoli, sezione 1, sentenza 4 novembre 2010, n ». 13 Articolo 59, comma 2 del Codice dei contratti. 14 Dalla nota esplicativa della Commissione UE, 14/07/2005, si deduce l'esistenza di quattro modelli di accordo quadro: 1) accordo quadro completo con un unico operatore economico; 2) accordo quadro completo con più operatori economici; 3) accordo quadro incompleto con un operatore economico; 4) accordo quadro incompleto con più operatori economici. Nel tipo 1) l'aggiudicazione dei contratti d'appalto specifici avviene senza successivo confronto competitivo ed entro i limiti delle condizioni fissate nell'accordo. Nel tipo 2) l'aggiudicazione dei contratti applicativi avviene senza confronto competitivo tra i firmatari dell'accordo quadro mediante applicazione delle condizioni dettagliate già pattuite nell'accordo quadro, per cui all'amministrazione compete una parziale discrezionalità nella fissazione dei criteri di aggiudicazione, utilizzando ad esempio la rotazione degli operatori economici. Nel tipo 3) l'aggiudicazione dei contratti applicativi avviene senza confronto competitivo, ed entro i limiti delle condizioni fissate nell'accordo, ma in tal caso la stazione appaltante può consultare l'operatore economico firmatario dell'accordo quadro chiedendogli di completare, se necessario, la sua offerta. Nel tipo 4) l'aggiudicazione dei contratti applicativi avviene dopo aver rilanciato il confronto competitivo fra le parti sulla scorta delle condizioni preliminarmente fissate dall'accordo quadro, se necessario precisandole, e, nell'eventualità, sulla base di altre condizioni purché indicate nel capitolato speciale dell'accordo quadro. Molto efficace la parte in cui la nota esplicativa riassume i Types of framework agreements covered by the Classic Directive: «Although the Classic Directive refers exclusively to "framework agreements", the provisions actually relate to two different situations: framework agreements that establish all the terms and those which do not establish them all. Purely for explanatory purposes, the first kind may be termed framework contracts and the second framework agreements stricto sensu. It should be stressed that the use of this terminology is not obligatory for implementing the Directive. It is also useful to recall that framework agreements that establish all the terms (framework contracts) are "traditional" public contracts and that consequently their use was possible under the old Classic Directives, provided they were concluded in accordance with the procedural provisions of these Directives. Framework agreements that establish all the terms (framework contracts) are legal instruments under which the terms applicable to any orders under this type of framework agreement are set out in a binding manner for the parties to the framework agreement - in other words, the use of 4

6 3. Un modello più avanzato di "appalto aperto" Il comma 4 dell'articolo 59 del Codice prevede che "Quando un accordo quadro è concluso con un solo operatore economico, gli appalti basati su tale accordo quadro sono aggiudicati entro i limiti delle condizioni fissate nell'accordo quadro. Per l'aggiudicazione di tali appalti, le stazioni appaltanti possono consultare per iscritto l'operatore parte dell'accordo quadro, chiedendogli di completare, se necessario, la sua offerta". Possiamo subito affermare come questo comma descriva una tipologia di accordo quadro in grado di sostituire un istituto sino a non molto tempo fa largamente utilizzato dalle stazioni appaltanti, soprattutto per i lavori di manutenzione: l'appalto aperto. Esso era disciplinato dall'articolo 154, comma 2 del Dpr 554/1999 e attraverso tale disposizione era possibile concludere un contratto che prevedesse come oggetto l'esecuzione di lavorazioni singolarmente definite nel contenuto prestazionale ed esecutivo, ma non nel loro numero, da eseguirsi in un determinato arco temporale. La quantità delle prestazioni da realizzarsi dipendeva, infatti, dalle necessità che la stazione appaltante avesse manifestato nell'arco di tempo previsto contrattualmente. Si trattava, quindi, di contratti che riguardavano esclusivamente lavorazioni inerenti la manutenzione ordinaria o straordinaria definita di pronto intervento. Nel caso, infatti, che i lavori fossero individuabili sia nel contenuto prestazionale ed esecutivo così come nel numero e nella localizzazione, la stazione appaltante avrebbe dovuto considerarli ordinari appalti di esecuzione di lavori 15. L'accordo quadro per lavori di manutenzione concluso con un unico operatore economico ha molti punti di contatto con il precedente istituto del contratto aperto 16 : nulla vieta, infatti, alla stazione appaltante di predisporre un bando per l'affidamento di lavori di manutenzione "sulla base di un progetto definitivo - costituito essenzialmente dalla individuazione, per ognuno dei tipi delle lavorazioni previste nel contratto, del loro contenuto tecnico ed esecutivo e della specificazione degli apprestamenti da realizzare per garantire la sicurezza delle maestranze e degli utenti delle opere su cui si interviene - e con l'indicazione nel bando di gara del costo complessivo di ogni singola lavorazione e della quota parte di tale costo, non soggetto a ribasso, riguardante l'esecuzione dei suddetti apprestamenti" 17. L'accordo quadro per lavori di manutenzione, concluso con un singolo operatore economico, consente this type of framework agreement does not require a new agreement between the parties, e.g. through negotiations, new tenders etc. Where such framework agreements are concluded with several economic operators, they come under the first indent of Article 32(4), while those concluded with a single economic operator are covered in Article 32(3). Framework agreements that do not establish all the terms (framework agreements stricto sensu) are by definition incomplete: this type of framework agreement either does not include certain terms or does not establish in a binding way all the terms necessary so that any subsequent orders under the framework agreement can be concluded without any further agreement between the parties. In other words, some terms still have to be established subsequently. Whether a term is or is not established depends on national law; similarly, in the case of a framework agreement that does not establish all the terms and which is concluded with one economic operator, it is national law which determines whether this operator is obliged to supplement its tender.» 15 In tal senso: Avcp, Determinazione n. 13/ "Dalla disciplina dell'accordo quadro con un solo operatore risaltano, infatti, più analogie che differenze con le previgenti norme del contratto aperto di manutenzione. In particolare, la differenza rilevante - evidenziata anche dall'istante - consiste nel fatto che il primo apre ad una serie di contratti autonomi, mentre il secondo prevede, a valle, il susseguirsi di meri comportamenti esecutivi; ciò, tuttavia, non sembra impedire all'autonomia negoziale della stazione appaltante di prefissare nell'accordo quadro, destinato a regolare i futuri contratti applicativi, le clausole che connotano il contratto aperto di manutenzione, quali: predeterminazione del termine finale della prestazione e del suo contenuto tecnico ed esecutivo senza predeterminazione del numero dei singoli interventi manutentivi, ovviamente fermi restando i limiti di compatibilità con la vigente disciplina di settore." Avcp, AG n. 8/ In tal senso Avcp, Deliberazione n. 40/

7 dunque alla stazione appaltante un'ampia flessibilità operativa la quale trova ulteriore conferma quando il legislatore prevede che l'operatore economico possa essere chiamato, in sede di affidamento dei singoli contratti applicativi, a «completare, se necessario, la sua offerta». Tale previsione deve essere letta in congiunzione con l'articolo 3, comma 13 del Codice dei contratti, che prescrive come l'accordo quadro debba definire unicamente il prezzo (e "se del caso" le quantità previste). Inoltre, il comma 3 dell'articolo 59, nell'ultimo capoverso, sottolinea come "le parti non possono in nessun caso apportare modifiche sostanziali alle condizioni fissate in tale accordo quadro, in particolare nel caso di cui al comma 4". A una prima lettura questa norma sembra volta a tutelare l'operatore economico dalle variazioni che la stazione appaltante intenda apportare - in sede di affidamento dei singoli contratti applicativi - alle originarie condizioni dell'accordo quadro. In realtà, la disposizione in esame mira a tutelare la parità di trattamento tra gli operatori economici che parteciparono alla gara per la conclusione dell'accordo quadro. In caso contrario, se cioè la stazione appaltante potesse "rinegoziare" sempre e comunque il prezzo delle prestazioni dedotte nell'accordo quadro, si avrebbe una palese violazione dei principi di concorrenza, paragonabile al risultato che si otterrebbe se si permettesse al concorrente di una normale asta pubblica di variare il ribasso offerto successivamente all'aggiudicazione dell'appalto. A questo punto appare alquanto infelice l'espressione utilizzata dal legislatore "completare, se necessario, la sua offerta": se difatti non è consentita una variazione al prezzo offerto in sede di gara, che cosa può riguardare tale precisazione? La risposta a questa domanda appare più chiara se ci soffermiamo a valutare una delle finalità fondamentali della norma in esame: l'accordo quadro è difatti volto a garantire alla stazione appaltante quel grado di flessibilità necessaria sia per la conclusione dei successivi contratti applicativi che per la gestione degli appalti che da essi derivano. Se così non fosse, l'accordo quadro non sarebbe sufficientemente "appetibile" per l'amministrazione perché troppo vincolante in relazione alle singole esigenze che - di volta in volta - si vengono a creare, soprattutto nell'ambito dei lavori di manutenzione. Se gli appalti che derivano dai contratti applicativi fossero difatti troppo "ingessati" a nulla varrebbe l'aver predisposto uno strumento agile come l'accordo quadro. L'accordo quadro nei lavori di manutenzione, infatti, consente all'amministrazione di affidare rapidamente le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria, previamente individuate nell'ambito dell'accordo quadro, mediante la stipulazione di singoli contratti applicativi che possono essere costituiti anche da semplici ordini di servizio. Si persegue così l'obiettivo di avere uno strumento operativo disponibile "a semplice chiamata" (o, secondo la terminologia cara all'istituto dell'appalto aperto, "di pronto intervento"), senza per questo andare incontro agli inconvenienti tipici di un appalto aperto. Tale istituto, difatti, era giuridicamente un contratto d'appalto in tutto e per tutto: da esso sorgeva cioè il diritto in capo all'appaltatore a eseguire le lavorazioni previste nell'ambito di detto contratto. Nel caso dell'accordo quadro, invece, la stazione appaltante non è obbligata ad affidare contratti applicativi fino al raggiungimento dell'importo massimo dell'accordo quadro. Se, per esempio, l'amministrazione dovesse trovarsi nella condizione di disporre di ridotte risorse finanziarie, potrebbe agevolmente decidere di affidare solo alcuni appalti (cioè solo alcuni contratti applicativi) senza per questo incorrere in contenziosi con l'operatore economico firmatario dell'accordo quadro. Inoltre - con l'utilizzo dell'istituto dell'accordo quadro concluso con un singolo operatore economico - viene meno l'annoso problema, che affliggeva l'appalto aperto, dell'eventuale estensione dell'importo contrattuale. La precedente norma 18 permetteva, difatti, al Responsabile del Procedimento di ampliare l'importo del contratto autorizzando - sempre che il termine temporale previsto nel contratto non fosse già scaduto - «l'ulteriore spesa, fino a un totale complessivo pari all'originario importo posto a base di gara e comunque non superiore a euro». Tale previsione normativa ha dato luogo a problemi interpretativi che hanno sovente esposto la stazione 18 Articolo 154 del Dpr 554/

8 appaltante ad ogni sorta di inconvenienti 19 : la formulazione ambigua della norma non indicava se i euro fossero da riferirsi ad un ulteriore impegno di spesa relativo a quell'appalto (evidentemente da aggiungersi all'originario importo di contratto) oppure se i euro costituissero l'importo inizialmente posto a base di gara (con la conseguenza della sostanziale inutilità della norma suddetta). Nel caso dell'accordo quadro concluso con un unico operatore economico, invece, il problema dell'estensione del singolo contratto applicativo non si pone: se il RUP, su proposta della Direzione Lavori, dovesse ravvisare la necessità di procedere a un'estensione dell'originario importo di un determinato contratto applicativo, potrebbe semplicemente proporre la sottoscrizione di un ulteriore contratto applicativo avente ad oggetto i lavori di manutenzione che egli intende estendere, senza per questo incorrere in alcuna violazione dei principi posti a tutela della concorrenza. Infatti, la stazione appaltante è comunque vincolata - per i lavori indicati nell'estensione proposta - a scegliere sempre e solo quell'operatore economico firmatario dell'accordo quadro in corso di attuazione, a patto ovviamente che l'ulteriore contratto applicativo proposto rientri nel limiti di spesa complessivi dell'accordo quadro cui si riferisce. Stesso ragionamento è altresì proponibile per le perizie di variante in aumento disciplinate dall'articolo 132 del Codice: riteniamo difatti che i limiti alle varianti sanciti dall'articolo citato non possano riguardare i contratti applicativi conclusi sulla base di un accordo quadro stipulato con un unico operatore economico. Si ritiene perciò che se l'importo della variante non eccede l'importo massimo previsto per l'intero accordo quadro o se la variante non supera l'importo massimo previsto per ogni singolo contratto applicativo (sempre che tale limite sia stato previsto nel bando di gara), non si possa trovare alcuna obiezione al fatto che il RUP possa procedere all'affidamento dei lavori dedotti in perizia senza particolari formalità, integrando il contratto applicativo con le ulteriori opere di perizia. Se poi la perizia dovesse comportare il concordamento di nuovi prezzi - e quindi l'introduzione nell'appalto di lavorazioni non previste in contratto - il RUP potrà azionare la previsione normativa di cui al comma 4 dell'articolo 59 del Codice dei contratti, laddove il legislatore prevede che "per l'aggiudicazione di tali appalti [accordo quadro con un solo operatore economico, N.d.R.], le stazioni appaltanti possono consultare per iscritto l'operatore parte dell'accordo quadro, chiedendogli di completare, se necessario, la sua offerta". Riteniamo, infatti, che questa norma consenta alla stazione appaltante la necessaria flessibilità per poter "contrattare" con l'operatore economico i nuovi prezzi necessari per l'esecuzione delle lavorazioni di cui alla perizia. Occorre sottolineare però come tale "precisazione dell'offerta" incontri il limite che l'amministrazione non potrà proporre l'inserimento nel contratto applicativo di lavorazioni completamente estranee all'oggetto dell'accordo quadro: flessibilità dello strumento contrattuale, in tal caso, non vuol dire che si possa ledere il principio della concorrenza tra gli operatori economici, consentendo che la precisazione dell'offerta introduca opere completamente estranee all'accordo quadro di riferimento, perché in tal caso detti lavori dovrebbero essere oggetto di un separato appalto o di ulteriore accordo quadro. 19 Bosetti e Gatti "Dopo 12 anni di vita brillante, è mancato all'affetto dei suoi cari il "contratto aperto". 7

9 4. Il vulnus della pubblicità e della trasparenza L'articolo 65, comma 2 del Codice dei Contratti stabilisce che "Nel caso di accordi quadro conclusi in conformità all'articolo 59, le stazioni appaltanti sono esentate dall'invio di un avviso in merito ai risultati della procedura di aggiudicazione di ciascun appalto basato su tale accordo". Se è vero che questa norma mira ad accelerare e snellire le procedure di affidamento dei singoli contratti applicativi, occorre chiedersi se il legislatore abbia seriamente meditato sulle reali conseguenze di tale disposizione. Nell'ipotesi di accordi quadro conclusi con un unico operatore economico, come s'è già detto, "gli appalti basati su tale accordo quadro sono aggiudicati entro i limiti delle condizioni fissate nell'accordo quadro" 20. Al momento della stipulazione dei singoli contratti applicativi, nel caso di accordo quadro concluso con un unico operatore economico, il legislatore impone dunque un rigoroso rispetto delle condizioni e dei limiti fissati in sede di sottoscrizione dell'accordo, in quanto gli altri concorrenti 21 non sono in grado di "controllare" se, per esempio, la PA stia affidando detti contratti a condizioni differenti rispetto a quelle del bando di gara o a condizioni non conformi a quelle dell'offerta che ha ricevuto il maggior punteggio in sede di valutazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa (risultando in tal modo vincitrice della procedura). In tale scenario si potrebbero quindi generare gravi effetti distorsivi della concorrenza e possibili conseguenze negative sulla spesa pubblica come nel caso in cui, per esempio, la stazione appaltante stia affidando i singoli contratti applicativi a prezzi superiori rispetto all'offerta, cosa espressamente vietata. Per scongiurare tali evenienze e garantire così il pieno controllo sull'operato della PA il legislatore, in molte parti del Codice, ha stabilito obblighi puntuali di pubblicità e trasparenza delle procedure. Non è questo il trattamento riservato ai contratti applicativi: l'articolo 65, comma 2 del Dlgs 163/2006 e s.m.i. non lascia margini di dubbio sul fatto che "le stazioni appaltanti sono esentate dall'invio di un avviso in merito ai risultati della procedura di aggiudicazione di ciascun appalto basato su tale accordo". Dunque l'obbligo di pubblicizzare i singoli contratti applicativi non sussiste e ciò rappresenta un grave vulnus nel sistema della trasparenza degli appalti. Non si vede, difatti, la ragione per la quale il legislatore obblighi la stazione appaltante a pubblicare sul proprio sito Internet l'affidamento di un lavoro di manutenzione da euro, effettuato sulla base del comma 8 dell'articolo 125 del Codice e poi non imponga all'amministrazione di pubblicare l'affidamento di un appalto per lavori di manutenzione da euro solo perché effettuato tramite contratto applicativo. Come abbiamo visto, non sussistendo un obbligo di pubblicità relativamente ai singoli contratti applicativi, il controllo da parte di terzi, in primo luogo da parte degli operatori economici che parteciparono alla selezione dell'accordo quadro, non è così semplice né immediato. L'articolo 65, comma 2 del Codice dei contratti costringe coloro che volessero verificare la corretta stipulazione dei singoli contratti applicativi a continue richieste di accesso agli atti senza nemmeno sapere se la stazione appaltante stia o meno stipulando detti contratti, nei casi in cui ad esempio l'amministrazione abbia deciso di procedere agli affidamenti tramite ordini di servizio, come normalmente accade per i piccoli lavori di manutenzione "di pronto intervento". Altra questione si manifesta in relazione alle qualificazioni SOA ovvero ai requisiti di cui all'articolo 90 del Dpr 207/2010 che l'operatore economico deve possedere per la partecipazione alle procedure di selezione per la conclusione dell'accordo quadro 22. La domanda da porsi è: l'operatore economico deve qualificarsi per 20 Articolo 59, comma 4 del Codice dei Contratti. 21 Coloro che parteciparono alla procedura per la conclusione dell'accordo quadro. 22 Ai fini della presente relazione ci occuperemo solo del regime di qualificazione che riguarda i lavori. 8

10 l'intero importo dell'accordo quadro o è sufficiente che sia qualificato per l'affidamento dei singoli contratti applicativi? Si pensi, per esempio, alla stazione appaltante che voglia concludere un accordo quadro con un unico operatore economico per lavori di manutenzione del patrimonio abitativo (OG1), per un importo complessivo di euro e preveda nel bando di gara una soglia massima di euro per ogni singolo contratto applicativo che affiderà. Può la stazione appaltante prevedere nel bando che l'operatore economico possa partecipare alla procedura di gara ancorché privo di Attestazione SOA? 23 Nel caso affermativo, ipotizziamo che l'amministrazione concluda detto accordo con un'impresa che possiede solo i requisiti di cui all'articolo 90 del Dpr 207/2010. Consideriamo ora che la medesima Amministrazione si trovi, sulla base delle reali esigenze del caso concreto, a dover affidare, nell'ambito di quell'accordo quadro, un singolo contratto applicativo del valore di euro. L'impresa vincitrice non sarà dunque qualificata per detto contratto, perché non ha la SOA, e l'amministrazione non può pertanto affidarle il contratto da euro. La stazione appaltante può uscire da questa impasse solo ricorrendo a un artificioso frazionamento del lavoro in due parti, in modo da consentirne l'affidamento all'impresa firmataria dell'accordo quadro. Ammettendo questa possibilità è ovvio che si verrebbe a creare un'inammissibile superamento del regime previsto per le qualificazioni nei lavori, che richiede difatti il possesso della SOA per opere al di sopra dei euro e considera illegittima qualsiasi suddivisione volta ad aggirare la legge. Insomma, ciò che non è mai consentito in un appalto "ordinario" può divenire improvvisamente lecito nell'ambito di un accordo quadro? La risposta è evidentemente negativa. Permettere dunque all'operatore economico di poter concludere un accordo quadro senza essere qualificato per l'importo complessivo dell'accordo vanifica quella rapidità delle procedure che è caratteristica fondamentale di questo istituto. Se l'amministrazione, nel nostro esempio, deve comunque procedere con urgenza a effettuare quei lavori dell'importo complessivo di euro sarà costretta (a meno che non voglia violare la legge frazionando l'appalto) a indire una nuova gara solo e unicamente per quel singolo appalto, con evidente spreco di tempo e conseguente dispendio di energie e danaro pubblico. Richiamando, inoltre, quanto abbiamo detto a proposito delle perizie di variante e delle estensioni del contratto applicativo, se si consentisse la qualificazione dell'operatore economico relativamente al singolo contratto applicativo, verrebbero meno gran parte dei vantaggi derivanti dall'aver concluso un accordo quadro, perché l'amministrazione si troverebbe impossibilitata ad operare qualsiasi estensione o perizia che porti l'importo di contratto oltre i euro, con evidenti danni all'efficacia ed efficienza dell'azione amministrativa. Si ricadrebbe insomma in tutte quelle limitazioni che aveva l'appalto aperto. Altra questione che si è presentata nell'applicazione pratica degli accordi quadro è il calcolo dell'ammontare della polizza fideiussoria per la cauzione definitiva di cui dall'articolo 113 del Codice dei contratti. Tale polizza andrà computata sull'intero valore dell'accordo quadro ovvero dovrà essere richiesta in occasione dell'affidamento di ciascun singolo contratto applicativo e dunque al suo specifico ammontare? La maggior parte delle stazioni appaltanti pare essere orientata verso la soluzione di richiedere la cauzione per l'intero ammontare dell'accordo quadro. Le ragioni di tale scelta, che possono essere condivisibili in un'ottica di snellimento delle procedure di affidamento dei successivi contratti applicativi, contrastano però con la natura di contratto normativo dell'accordo quadro. Se - come abbiamo visto in precedenza - i contratti applicativi rappresentano gli appalti veri e propri, è a questi che occorre fare riferimento per quanto riguarda il calcolo delle polizze assicurative. In tal modo la polizza sarà collegata al singolo contratto applicativo e l'operatore economico non sarà gravato dai maggiori costi derivanti da una polizza proporzionata all'intero ammontare dell'accordo quadro. Inoltre, poiché non è detto che la stazione appaltante affidi all'operatore economico appalti fino all'ammontare complessivo dell'accordo quadro, è chiaro che una cauzione definitiva basata su tale importo non sia commisurata al valore reale degli appalti da affidare. In conclusione, l'accordo quadro avente a oggetto lavori di manutenzione si sta rivelando per le Stazioni 23 Perché i contratti che andrà a concludere non supereranno il valore di Euro. 9

11 Appaltanti uno strumento particolarmente utile per l'affidamento degli appalti che - nel sistema precedente - erano in gran parte attuati mediante appalto aperto. L'accordo quadro ha apportato al sistema giuridico delle opere pubbliche la necessaria flessibilità, garantendo in primo luogo: durata del rapporto con l'appaltatore, numero non predeterminato degli interventi, rapidità di affidamento dei singoli appalti (contratti applicativi), libertà di forme (scrittura privata, ordine di servizio, determinazione dirigenziale con valore negoziale ecc.) e - in momenti storici caratterizzati da ridotte risorse finanziarie - tempi di affidamento dei lavori più appropriati al PEG delle singole unità operative delle Amministrazioni. Tale "incertezza" circa l'affidamento dei singoli contratti applicativi ha, di contro, indotto alcuni operatori economici a sottovalutare la necessità dell'insediamento, a seguito della conclusione di un accordo quadro, di sedi operative efficienti e ben dotate di personale e mezzi d'opera tali da far fronte a richieste della Stazione Appaltante magari "discontinue" nel tempo, ma pressanti una volta che il contratto applicativo è stato affidato. Il difetto della norma, se così possiamo esprimerci, sta nel fatto che l'operatore economico non è invogliato ad assegnare prontamente - e permanentemente - mezzi e maestranze ad un accordo quadro che può non condurre nel tempo a un numero di contratti applicativi tale da giustificare le risorse che l'impresa destinerebbe alle medesime opere se i lavori fossero assegnati tramite appalti "tradizionali". Oggetto dell'intervento Utilizzabile anche per l'affidamento di incarichi di progettazione? Prezzo dell'appalto Forma del contratto Appalti (per lavori di manutenzione) non affidati tramite accordo quadro Limitato a una sola struttura (un edificio, un determinato campo sportivo, un certo impianto di condizionamento ecc.). Sì Non modificabile, salvi i casi di perizia o "quinto d'obbligo". Scrittura privata o atto pubblico. Appalti (per lavori di manutenzione) affidati tramite accordo quadro Senza limiti, perché si possono stipulare uno o più contratti applicativi per ogni struttura sulla quale si vuole intervenire, sempre nell'ambito dell'oggetto dell'accordo quadro es. "accordo quadro manutenzione edifici scolastici" = tutti gli edifici scolastici di competenza della Stazione Appaltante. No Senza limiti di spesa, all'interno dell'importo complessivo dell'accordo quadro; spesa che può essere suddivisa in numerosi contratti applicativi a seconda della disponibilità finanziaria del momento. Ordine di servizio, scrittura privata, atto pubblico. L'utilizzo di una delle predette forme per alcuni contratti applicativi (es. la scrittura privata) non esclude l'uso di un'altra forma (ad es. l'ordine di servizio) per gli altri applicativi dello stesso accordo quadro, garantendo così la massima flessibilità operativa. (segue) 10

12 Impegno di spesa Obbligo della Stazione Appaltante di attuazione dell'opera dedotta in contratto Pubblicità e trasparenza delle procedure Perizia di variante (in aumento) Polizza fideiussoria per la cauzione definitiva di cui dall'articolo 113 del Codice Qualificazione dell'appaltatore con riferimento alla SOA Necessario per l'intero importo contrattuale Sì. Sì. Nei limiti dell'articolo 132 del Codice Calcolata sull'intero ammontare dell'appalto Per tutto l'appalto Necessario solo per il singolo contratto applicativo, che può essere anche di modesta entità rispetto all'importo complessivo dell'accordo quadro (es. accordo quadro da 3 milioni di euro e relativi contratti applicativi da centomila, cinquantamila o diecimila euro ciascuno). No, l'obbligo della stazione appaltante è quello di dare attuazione solamente alle opere previste e affidate tramite i singoli contratti applicativi. Obblighi di pubblicità solo per l'accordo quadro; per i singoli contratti applicativi "le stazioni appaltanti sono esentate dall'invio di un avviso in merito ai risultati della procedura di aggiudicazione di ciascun appalto basato su tale accordo" (articolo 65, comma 2 del Codice dei Contratti). Trattandosi di un unico operatore economico, non vi sono limiti all'affidamento di ulteriori lavori, sempre che non si superi l'importo complessivo dell'accordo quadro o non si affidino lavori radicalmente diversi da quelli previsti nell'accordo stesso. Di fatto la perizia, nell'accordo quadro con unico operatore economico, è sempre ammessa per i contratti applicativi e non incontra gli ordinari limiti di cui all'articolo 132 del Codice (non sussiste lesione della concorrenza, perché l'operatore economico è necessariamente il medesimo per l'intero accordo quadro). Può essere calcolata sull'intero ammontare dell'accordo quadro o - preferibilmente - sull'ammontare del singolo contratto applicativo. Per l'intero accordo quadro. Se si ammettesse un regime di qualificazione riferito solo ai singoli contratti applicativi si avrebbe un artificioso (e arbitrario) frazionamento e un'impossibilità di affidare singoli contratti applicativi che richiedano un'adeguata qualificazione SOA. 11

L accordo quadro nella normativa vigente sui contratti pubblici per la fornitura di lavori, servizi e beni.

L accordo quadro nella normativa vigente sui contratti pubblici per la fornitura di lavori, servizi e beni. L accordo quadro nella normativa vigente sui contratti pubblici per la fornitura di lavori, servizi e beni. Novembre 2007 Gabriele Gentilini Secondo quanto disposto dall art. 32 della direttiva 18/CE/04,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova EDILIZIA SCOLASTICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 1692/2013 Determina n. 1535 del 03/06/2013 Oggetto: AVVIO PROCEDIMENTO STIPULA CONTRATTO APPALTO ESECUZIONE OPERE MANUTENZIONE

Dettagli

ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE

ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE Guida operativa ITACA per l utilizzo del criterio d aggiudicazione dell offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione ROMA, giovedì 20 GIUGNO 2013 1 Le condizioni

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

GARA PER LA REALIZZAZIONE DEL POLO OSPEDALIERO UNIVERSITARIO NUOVO SANTA CHIARA IN CISANELLO (PI)

GARA PER LA REALIZZAZIONE DEL POLO OSPEDALIERO UNIVERSITARIO NUOVO SANTA CHIARA IN CISANELLO (PI) RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI SINO AL 2 OTTOBRE 2014, Q1: Si chiede di voler confermare che in sostituzione delle categorie OS3, OS28, OS30 si possa partecipare con la categoria OG11 classifica VIII così

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

QUESITI E CHIARIMENTI

QUESITI E CHIARIMENTI COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA PROVINCIA DI TO RINO v i a R e a n o, 3 1 0 0 9 0 B u t t i g l i e r a A l t a ( T O ) P. I V A / C. F. 0 3 9 0 1 6 2 0 0 1 7 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs.

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs. Cade il divieto per il progettista di partecipare alle gare di affidamento dei lavori 1 di Massimo Gentile 2 1. La Legge 30 ottobre 2014 n. 161 - recante Disposizioni per l adempimento degli obblighi derivanti

Dettagli

Circolare N.122 del 24 Luglio 2013

Circolare N.122 del 24 Luglio 2013 Circolare N.122 del 24 Luglio 2013 Semplificazioni in materia di DURC. Novità del decreto Fare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, il decreto fare è intervenuto in materia di DURC,

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO

I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO Via Roma, 80 80018 MUGNANO DI NAPOLI Telefono 081-5710410/Fax 081-7451142 Distretto 26 Codice NAEE15100R Codice fiscale 80101770636 E-mail: naee15100r@istruzione.it

Dettagli

Settore: - LAVORI PUBBLICI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE - URBANISTICA AVVISO PUBBLICO

Settore: - LAVORI PUBBLICI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE - URBANISTICA AVVISO PUBBLICO PUBBLICATO ALL ALBO PRETORIO DAL 16/12/2015 AL 30/12/2015 COMUNE DI ORROLI Via Cesare Battisti, 25 08030 Orroli (CA) Codice Fiscale: 00161690912 - Partita IVA 00161690912 Centralino: 0782 847006 - Fax:

Dettagli

Bando di gara. Servizi

Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:113029-2014:text:it:html Italia-Roma: Servizi per le imprese: servizi giuridici, di marketing, di consulenza, di reclutamento, di stampa

Dettagli

Procedure negoziate di affidamento dei servizi tecnici

Procedure negoziate di affidamento dei servizi tecnici Procedure negoziate di affidamento dei servizi tecnici Avv. Alessandro Massari Roma, 17 dicembre 2011 Avv. Alessandro Massari 1 LE NUOVE SOGLIE COMUNITARIE DAL 1.1.2012 Nuove soglie approvate con Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO PROVINCIA DI CATANIA 8 Settore Funzionale - Tel. 095/7556111 Fax 095/7556221

COMUNE DI MISTERBIANCO PROVINCIA DI CATANIA 8 Settore Funzionale - Tel. 095/7556111 Fax 095/7556221 COMUNE DI MISTERBIANCO PROVINCIA DI CATANIA 8 Settore Funzionale - Tel. 095/7556111 Fax 095/7556221 BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO per l affidamento in concessione, mediante finanza di progetto, della

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso)

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) Allegato sub A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17.03.2008 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

INIZIATIVA DI EMERGENZA IN GIORDANIA AID 10249 FASE II CHIARIMENTI AMMINISTRATIVI

INIZIATIVA DI EMERGENZA IN GIORDANIA AID 10249 FASE II CHIARIMENTI AMMINISTRATIVI ALLEGATO B Chiarimenti amministrativi INIZIATIVA DI EMERGENZA IN GIORDANIA AID 10249 FASE II CHIARIMENTI AMMINISTRATIVI PREMESSA Il presente documento, quale parte integrante del Disciplinare d Incarico,

Dettagli

CHIARIMENTI AMMINISTRATIVI

CHIARIMENTI AMMINISTRATIVI ALLEGATO B Chiarimenti amministrativi INIZIATIVA DI EMERGENZA PER LA PROTEZIONE DEI RIFUGIATI E DELLA POPOLAZIONE A RISCHIO DI SFOLLAMENTO NELL'AREA C DELLA WEST BANK E A GERUSALEMME EST (AID 10736) CHIARIMENTI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

P r o v i n c i a d i S i r a c u s a

P r o v i n c i a d i S i r a c u s a COMUNE DI PRIOLO GARGALLO P r o v i n c i a d i S i r a c u s a OGGETTO: FORNITURA E POSA IN OPERA DI TENDAGGI ED ARREDI PER LA SALA CONSILIARE DEL MUNICIPIO DEL COMUNE DI PRIOLO GARGALLO. C.I.G. 40398941FE

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE NR. 48 DEL 28.3.2013 OGGETTO: Appalto servizio pulizie Sedi Comunali 2013/2014. Determinazione a contrarre ai sensi dell

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA)

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Manuale d uso del Sistema di e-procurement Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Data ultimo aggiornamento: 19 dicembre 2014 Pagina 1 di

Dettagli

COMUNE DI RACCUJA ( PROVINCIA DI MESSINA ) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA

COMUNE DI RACCUJA ( PROVINCIA DI MESSINA ) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA Originale COMUNE DI RACCUJA ( PROVINCIA DI MESSINA ) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA N. 184 Data 13/05/2014 OGGETTO: Determina a contrarre per l'affidamento lavori di "Realizzazione impianto

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2013/S 202-350106. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2013/S 202-350106. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:350106-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2013/S 202-350106 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Italia-Pisa: Servizi di assicurazione contro danni o perdite 2014/S 053-088617. Bando di gara. Servizi

Italia-Pisa: Servizi di assicurazione contro danni o perdite 2014/S 053-088617. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:88617-2014:text:it:html Italia-Pisa: Servizi di assicurazione contro danni o perdite 2014/S 053-088617 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163)

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163) L entrata in vigore del Codice dei Contratti Pubblici Codice de Lise D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Il nuovo testo unitario sugli appalti pubblici (anche denominato "Codice de Lise", dal nome del presidente

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di assicurazione di gestione dei rischi 2015/S 248-451954. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di assicurazione di gestione dei rischi 2015/S 248-451954. Bando di gara. Servizi 1 / 6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:451954-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi di assicurazione di gestione dei rischi 2015/S 248-451954 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON;

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON; Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Determina a contrarre per l affidamento della Progettazione, Direzione dei lavori, Misura e Contabilità e Coordinatore Sicurezza dei

Dettagli

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Non si ritiene assolto l'obbligo di dimostrazione dei requisiti di partecipazione ex art. 48 del D. Lgs. 163/2006 qualora vengano prodotti documenti aventi ad oggetto servizi difformi da quelli dichiarati

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 140 DEL 8/8/2013 OGGETTO: Affidamento servizi postali del Comune di Bari Sardo. Proroga convenzione mesi 1 convenzione

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

DETERMINAZIONE N.115/2013

DETERMINAZIONE N.115/2013 COMUNE DI PAVIA DI UDINE P r o v i n c i a d i U d i n e w w w. c o m u n e. p a v i a d i u d i n e. u d. i t AREA TECNICA E GESTIONE DEL TERRITORIO Piazza Julia, 1-33050 Lauzacco C. F. e P. I. V. A.

Dettagli

Comune di Prato - gara n. 546 bando di gara

Comune di Prato - gara n. 546 bando di gara Comune di Prato Staff Area Tecnica, Appalti Opere Pubbliche, Gare ed Espropri Appalto, mediante procedura aperta, per l affidamento dei servizi di mediazione linguistica e culturale e sportelli informativi

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo AREA SERVIZI ALLA PERSONA COPIA DETERMINAZIONE N.50/ 15 DEL 31/01/2012 OGGETTO: DETERMINA A CONTRATTARE: GESTIONE DEL SERVIZIO DI BIBLIOTECA COMUNALE E ATTIVITA' CULTURALI

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013

DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013 D. D. Centro di responsabilità: SETTORE MANUTENZIONE E SVILUPPO RETE STRADALE DETERMINAZIONE N. 276 DEL 09/05/2013 Oggetto S.P. N. 21 "CIGNONE-CORTE DE'FRATI",S.P. N. 86 "DI BORDOLANO", S.P. CR EX S.S.

Dettagli

Italia-Roma: Rete ad estensione geografica 2015/S 148-272662. Bando di gara. Lavori

Italia-Roma: Rete ad estensione geografica 2015/S 148-272662. Bando di gara. Lavori 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:272662-2015:text:it:html Italia-Roma: Rete ad estensione geografica 2015/S 148-272662 Bando di gara Lavori Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 147 del 11/03/2013 N. registro di area 17 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 11/03/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore ECONOMICO

Dettagli

Provincia di Padova GIURIDICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Provincia di Padova GIURIDICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova GIURIDICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 1522/2014 Determina n. 1281 del 18/04/2014 Oggetto: INDIZIONE GARA CON PROCEDURA NEGOZIATA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DEL MEDICO COMPETENTE,

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Direzione Patrocinio innanzi alle Giurisdizioni Superiori Consulenze e pareri dell Ente

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Direzione Patrocinio innanzi alle Giurisdizioni Superiori Consulenze e pareri dell Ente Progressivo determinazioni n. 383 DETERMINAZIONE N. DEL Oggetto: N. 1 casella di posta elettronica certificata a favore del personale togato in servizio presso l Avvocatura. Aggiudicazione del servizio,

Dettagli

No all'incarico di Medico Competente negli appalti pubblici tramite la Consip 1

No all'incarico di Medico Competente negli appalti pubblici tramite la Consip 1 No all'incarico di Medico Competente negli appalti pubblici tramite la Consip 1 Consip è una società per azioni del Ministero dell'economia e delle Finanze (MEF), che ne è l'azionista unico, e opera secondo

Dettagli

Italia-Elmas: Erogazione di energia elettrica 2016/S 032-052259. Avviso di gara Settori speciali. Forniture

Italia-Elmas: Erogazione di energia elettrica 2016/S 032-052259. Avviso di gara Settori speciali. Forniture 1 / 5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:52259-2016:text:it:html Italia-Elmas: Erogazione di energia elettrica 2016/S 032-052259 Avviso di gara Settori speciali Forniture

Dettagli

Italia-Lizzanello: Servizi di consulenza in efficienza energetica 2013/S 238-414121. Bando di gara. Servizi

Italia-Lizzanello: Servizi di consulenza in efficienza energetica 2013/S 238-414121. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:414121-2013:text:it:html Italia-Lizzanello: Servizi di consulenza in efficienza energetica 2013/S 238-414121 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova VIABILITA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2144/2014 Determina n. 1927 del 27/06/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE LAVORI E FORNITURE DESTINATE AL MANTENIMENTO IN EFFICIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre.

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PREMESSO che -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA Articolo 1 - Ambito di applicazione e fonti Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE FABBRICATI Fascicolo n. 2013/06.06.02/000002 DETERMINAZIONE N. 1976 del 30/09/2013 OGGETTO: DETERMINA A CONTRATTARE PER SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

COMUNE DI CAMPOSANO Provincia di Napoli Piazza Umberto I 80030 Camposano (NA)

COMUNE DI CAMPOSANO Provincia di Napoli Piazza Umberto I 80030 Camposano (NA) COMUNE DI CAMPOSANO Provincia di Napoli Piazza Umberto I 80030 Camposano (NA) BANDO DI GARA LAVORI DI ADEGUAMENTO E SISTEMAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA STATALE VIRGILIO CODICE CIG 6046901C8D CODICE CUP C61E14000010006

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di riferimento normativo In questi ultimi anni gli acquisti

Dettagli

COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO E PROGETTUALE - LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO E PROGETTUALE - LAVORI PUBBLICI COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE DETERMINAZIONE N. 165 DATA 09/12/2014 IMPEGNO UT0030012015 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO E PROGETTUALE - LAVORI PUBBLICI OGGETTO: Riparazione

Dettagli

DECRETO N. 05 DEL 14.02.2014 IL SINDACO

DECRETO N. 05 DEL 14.02.2014 IL SINDACO LAVORI RIQUALIFICAZIONE, MESSA IN SICUREZZA, RISTRUTTURAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO SCUOLA MATERNA E SCUOLA ELEMENTARE DETERMINAZIONE A CONTRARRE - INDIZIONE GARA MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA

Dettagli

AFFIDAMENTI INCARICHI DI SERVIZI TECNICI ATTINENTI ALL'ARCHITETTURA ED ALL'INGEGNERIA

AFFIDAMENTI INCARICHI DI SERVIZI TECNICI ATTINENTI ALL'ARCHITETTURA ED ALL'INGEGNERIA AFFIDAMENTI INCARICHI DI SERVIZI TECNICI ATTINENTI ALL'ARCHITETTURA ED ALL'INGEGNERIA Nel far seguito a quanto emerso nel corso dell'incontro illustrativo delle novità apportate dal Codice dei Contratti

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI Il seguente documento ha la finalità di riassumere gli adempimenti e le scadenze che il

Dettagli

Risposte ai quesiti Quesiti posti a questo Soggetto aggiudicatore Quesito n. 1 Risposta al Quesito n. 1 categoria prevalente categoria prevalente

Risposte ai quesiti Quesiti posti a questo Soggetto aggiudicatore Quesito n. 1 Risposta al Quesito n. 1 categoria prevalente categoria prevalente Risposte ai quesiti Oggetto: Bando di gara n. 02/15 - Lavori di completamento del IV Sporgente e della Darsena Ovest del IV Sporgente, con annessa rete impiantistica, e sistemazioni ambientali e paesaggistiche

Dettagli

Servizio Pubblici Appalti

Servizio Pubblici Appalti Servizio Pubblici Appalti OGGETTO: Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 pubblicato nella G.U. del 19/04/16 supplemento ordinario n. 10/L recanti le disposizioni relative al nuovo Codice degli appalti

Dettagli

Visto l art. 107 del Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali,

Visto l art. 107 del Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali, Controllo Strategico e Direzionale 2015 07136/008 Servizio Controllo Utenze e Contabilità Fornitori CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 689 approvata il 16 dicembre 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Italia-Bari: Servizi di assicurazione di responsabilità civile 2014/S 018-027857. Bando di gara. Servizi

Italia-Bari: Servizi di assicurazione di responsabilità civile 2014/S 018-027857. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:27857-2014:text:it:html Italia-Bari: Servizi di assicurazione di responsabilità civile 2014/S 018-027857 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

COMUNE DI COMO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVVEDITORATO E LOGISTICA

COMUNE DI COMO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVVEDITORATO E LOGISTICA COMUNE DI COMO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVVEDITORATO E LOGISTICA N. 114/2013 di Registro di Settore SETT2-A02 N. 1199 di Registro Generale L anno Duemilatredici, il giorno 14 del mese

Dettagli

COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO E PROGETTUALE - LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO E PROGETTUALE - LAVORI PUBBLICI COMUNE DI AZZATE PROV. VARESE DETERMINAZIONE N. 110 DATA 24/12/2013 IMPEGNO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO MANUTENTIVO E PROGETTUALE - LAVORI PUBBLICI OGGETTO: Manutenzione straordinaria

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Quesito n. 4 È possibile partecipare alla gara in oggetto con la Cat. OG1 Class. III anziché con la Cat. OS7 Class.III? Risposta n. 4 Sì.

Quesito n. 4 È possibile partecipare alla gara in oggetto con la Cat. OG1 Class. III anziché con la Cat. OS7 Class.III? Risposta n. 4 Sì. Oggetto: procedura aperta per l affidamento del contratto aperto per opere di tinteggiatura e verniciatura da eseguirsi per il triennio 2008-2011 presso gli edifici di proprietà, in uso ed in locazione

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

IL COMMITENTE IN MATERIA DI SICUREZZA NELLA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE NEI COMUNI

IL COMMITENTE IN MATERIA DI SICUREZZA NELLA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE NEI COMUNI IL COMMITENTE IN MATERIA DI SICUREZZA NELLA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE NEI COMUNI di Giuseppe Greco e Salvatore Esposito - Esperti in materia di igiene e sicurezza nei Luoghi di Lavoro U.P.G- Individuazione

Dettagli

Italia-Genova: Servizi di istruzione elementare 2015/S 136-250868. Bando di gara. Servizi

Italia-Genova: Servizi di istruzione elementare 2015/S 136-250868. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:250868-2015:text:it:html Italia-Genova: Servizi di istruzione elementare 2015/S 136-250868 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.62 del 14/10/2014 PREC 95/14/S OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Ecosprint

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO Copia Albo COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO DETERMINAZIONE AREA AMMINISTRATIVA N. 130 DEL 30/07/2015 OGGETTO: INDIZIONE PROCEDURA NEGOZIATA DI COTTIMO FIDUCIARIO PER L'AFFIDAMENTO IN ECONOMIA EX

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

Italia-Roma: Contenitori e cestini per rifiuti e immondizia 2015/S 086-155125. Bando di gara. Forniture

Italia-Roma: Contenitori e cestini per rifiuti e immondizia 2015/S 086-155125. Bando di gara. Forniture 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:155125-2015:text:it:html Italia-Roma: Contenitori e cestini per rifiuti e immondizia 2015/S 086-155125 Bando di gara Forniture Direttiva

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino Determinazione del Responsabile Servizio: TECNICO N. 30/8 del 16/04/2014 Responsabile del Servizio : Arch. CARRA Franco OGGETTO : SERVIZI CIMITERIALI

Dettagli

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati.

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati. QUESITI E RISPOSTE 1. Non risulta scaricabile il bando di gara; Il bando di gara pubblicato nella GURI del 04/07/2014 al n. T14BFM11431 ed il successivo corrispondente avviso di rettifica pubblicato nella

Dettagli

Legge n. 161/2014: ennesima puntata della telenovela <>

Legge n. 161/2014: ennesima puntata della telenovela <<l avvalimento frazionato>> Legge n. 161/2014: ennesima puntata della telenovela di Arrigo Varlaro Sinisi 1 1.- Premessa La nuova puntata della telenovella su l avvalimento frazionato è costituita dalla

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

Avvalimento dei requisiti "infragruppo": elementi di criticità del recente orientamento del Consiglio di Stato.

Avvalimento dei requisiti infragruppo: elementi di criticità del recente orientamento del Consiglio di Stato. Avvalimento dei requisiti "infragruppo": elementi di criticità del recente orientamento del Consiglio di Stato. a cura di Avv. Sergio Caracciolo sergio_caracciolo@libero.it La quinta sezione del Consiglio

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO BOZZA DI CONVENZIONE L anno duemilaquattordici (2014) addì (.) del mese di in Treviso Via Cal di Breda, 116, nella sede della Provincia di Treviso,

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME

COMUNE DI MONTECATINI TERME COMUNE DI MONTECATINI TERME SETTORE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI POLITICHE GIOVANILI DETERMINAZIONE N. 386 DEL 20/05/2016 OGGETTO: ASSEMBLEE CON I CITTADINI - ACQUISIZIONE TRAMITE ODA DA EFFETTUARSI SUL

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

I-Milano: Lavori di completamento degli edifici 2012/S 41-066430. Bando di gara. Lavori

I-Milano: Lavori di completamento degli edifici 2012/S 41-066430. Bando di gara. Lavori 1/7 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:66430-2012:text:it:html I-Milano: Lavori di completamento degli edifici 2012/S 41-066430 Bando di gara Lavori Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI LONATE POZZOLO

COMUNE DI LONATE POZZOLO TECNICA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Numero 41 del 19/02/2013 OGGETTO: SISTEMAZIONE E RIQUALIFICAZIONE CIMITERI - COSTRUZIONE LOCULI INTERRATI PRESSO IL CIMITERO DELLA FRAZIONE DI S.ANTONINO

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N.

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) COPIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 234 Protocollo n. 3841 del 10.12.2014 OGGETTO: SERVIZIO DI PULIZIE

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione e indirizzo dell amministrazione aggiudicatrice

Dettagli

Italia-Brissogne: Servizi di trattamento delle acque reflue 2014/S 231-407687. Bando di gara. Servizi

Italia-Brissogne: Servizi di trattamento delle acque reflue 2014/S 231-407687. Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:407687-2014:text:it:html Italia-Brissogne: Servizi di trattamento delle acque reflue 2014/S 231-407687 Bando di gara Servizi Direttiva

Dettagli

I-Livorno: Servizi assicurativi 2011/S 193-314811. Bando di gara. Servizi

I-Livorno: Servizi assicurativi 2011/S 193-314811. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:314811-2011:text:it:html I-Livorno: Servizi assicurativi 2011/S 193-314811 Bando di gara Servizi Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli