TERMINALE MOBILE GEOREFERENZIATO PER IL RILEVAMENTO CONNESSIONE RADIO BIDIREZIONALE CON UNA CENTRALE DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERMINALE MOBILE GEOREFERENZIATO PER IL RILEVAMENTO CONNESSIONE RADIO BIDIREZIONALE CON UNA CENTRALE DI"

Transcript

1 Descrizione dell'invenzione industriale dal titolo: TERMINALE MOBILE GEOREFERENZIATO PER IL RILEVAMENTO CONTESTUALE DI DATI AMBIENTALI E BIOMETRICI IN VIVO AVENTE CONNESSIONE RADIO BIDIREZIONALE CON UNA CENTRALE DI ELABORAZIONE; a nome di: ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l'energia e l'ambiente di nazionalità italiana con sede a Lungotevere Thaon de Revel 76, ROMA, ITALIA RTS Instruments S.r.l. di nazionalità italiana con sede in Via Acerra 30, Roma, ITALIA OCTO Telematics S.r.l. di nazionalità italiana con sede in Via Oberdan 16, Reggio Emilia, ITALIA. Inventori designati: Scafè Raffaele, Salmi ' Maurizio, Cantoni Mauro, Amendola Roberto, Zuco Giuseppe, Romanazzo Maurizio. DESCRIZIONE Il presente trovato riguarda il settore dei dispositivi di monitoraggio e di rilevazione di parametri ambientali e di dati biometrici in vivo. Più in particolare, concerne un terminale mobile dotato di connessione radio bidirezionale con una centrale di elaborazione terminale mobile che permette, in associazione ad una pluralità di dispositivi mobili di analoga tipologia, la costruzione di una rete di misura di grandezze ambientali e biometriche operante all'interno di 1

2 una prescelta area geografica la quale viene esplorata dinamicamente da un insieme di terminali georeferenziati collegati in tempo reale con un centro di elaborazione, la modalità di esplorazione essendo stabilita dalla natura dei vettori che ospitano i terminali stessi. Tra i parametri ambientali (le esemplificazioni non esauriscono il ventaglio delle possibili realizzazioni), il terminale è in grado di rilevare valori di parametri climatici, di concentrazioni di polveri sospese in aria, di dosi di radiazioni ionizzanti e non, etc..., mentre tra i parametri fisiologici dell'organismo associato al terminale stesso, quest'ultimo è in grado di misurare in vivo valori di tasso di ossigeno nel sangue, di frequenza cardiaca, di tasso alcolico nel sangue, etc.... L'interpretazione dell'insieme dei dati ottenuti da un particolare terminale mobile, unitamente ad eventuali altri dati disponibili per la specifica area geografica considerata da altri terminali similari o da altra fonte, consente, ad esempio, di identificare situazioni anomale e di formulare appropriate contromisure preventive per la riduzione di potenziali imminenti rischi. Dispositivi per il monitoraggio di radiazioni ionizzanti e non, sono usati da tempo negli impianti nucleari, nelle stazioni di misurazioni outdoor dislocate nel territorio e nei laboratori che utilizzano materiale 2

3 radioattivo, secondo le normative relative alla sicurezza ed alla salvaguardia ambientale. Tuttavia tali dispositivi non sono mobili e permettono di misurare e controllare il livello di una o più tipologie di radiazioni solo nell'area in cui sono collocati. Tali dispositivi, inoltre, non sono in grado di effettuare la misurazione e rilevamento di parametri biometrici in vivo. Sempre restando al caso dei sensori radiometrici, con la maggiore attenzione che le tematiche ambientali richiedono, è fortemente sentita l'esigenza di estendere le misure di campi di radiazioni a territori più vasti, per costruire mappe radiometriche a livello provinciale, regionale, nazionale, così come ad aree specifiche come quelle vulcaniche, senza ricorrere alla localizzazione di un numero troppo elevato di stazioni fisse di rilevamento. Sarebbe inoltre necessario che un sistema di monitoraggio sul territorio consentisse ad una centrale operativa di valutare in tempo reale l'evolversi di una situazione critica locale che potrebbe estendersi nei territori circostanti, dove magari le postazioni fisse di rivelatori sono assenti, fornendo dati provenienti da rivelatori installati su veicoli già autonomamente in movimento sul territorio stesso. Si pensi ad esempio allo spostamento rapido di una nube radioattiva ed alla necessità della Protezione Civile di dare una allerta in 3

4 tempo reale alla popolazione che potrebbe venire a contatto con la nube stessa. Dalla domanda di brevetto USA A1 è stato reso noto recentemente, un sistema di monitoraggio basato su una rete di rivelatori di radiazioni. Tale sistema, però pur prevedendo per ciascun rivelatore una pluralità di sensori di tipo diverso fra loro associati per la misura dei diversi tipi di radiazioni, non include alcun dispositivo di rilevamento della posizione del rivelatore stesso e dunque si riferisce ad una rete di sensori fissi rispetto al teatro operativo, che non hanno la possibilità di essere identificati e localizzati durante ed a seguito di un loro eventuale spostamento, in quanto non è prevista la loro applicazione mobile. Compito del presente trovato è quello di superare i limiti dei dispositivi e dei sistemi sin qui noti proponendo un sistema di monitoraggio basato su una rete di terminali bio-ambientali che siano in grado di muoversi rispetto al teatro operativo e che risultino localizzabili spazialmente. Ciò è stato ottenuto secondo il trovato prevedendo un terminale bio-ambientale mobile caratterizzato da: (a) capacità di effettuare misurazioni contestuali d'interesse ambientale e biometrico, (b) un grado di mobilità, anche minimo, sul teatro di interesse nel corso della vita 4

5 operativa del terminale stesso, (c) capacità di determinare le coordinate spazio-temporali associate al terminale stesso riferite ad un sistema di riferimento solidale col globo terrestre dotato di riferimento temporale; (d) capacità di comunicare i dati acquisiti ad un centro di elaborazione dedicato allo scopo, memorizzandoli qualora per mancanza di campo o per ragioni di opportunità diverse non sia possibile o non si desideri inviarli a detto centro; (e) capacità di ricevere informazioni elaborate, aggiornamenti e istruzioni da parte del centro di elaborazione stesso. Integrando tali caratteristiche, i terminali oggetto della presente invenzione sono in grado di fornire dati bio-ambientali descriventi la situazione interagente con i sensori lungo tutto il percorso compiuto dal terminale stesso durante il tempo di acquisizione. Ovviamente il terminale sarà in grado di fornire dati bio-ambientali non solo quando è in movimento ma anche quando è fermo. Secondo l'invenzione la mobilità del terminale può derivare: (A) dall'installazione a bordo di un generico e qualsivoglia vettore, a guida umana oppure automatica, motorizzato oppure no, (B) dal movimento della persona o dell'animale che lo indossano. 5

6 Caratteristica peculiare dell'invenzione è quella che i rilevatori sono georeferenziati tramite un sistema di localizzazione. dispositivi di misura, ambientali e biometrici, suscettibili di essere ospitati a bordo di un terminale mobile, debbono rispondere -in linea di principio- oltre alle specifiche automotive, anche a requisiti di compattezza, capacità di funzionamento in continua senza interventi di sostituzione di parti (per es. filtri, reagenti, etc...) per un periodo di tempo dell'ordine di qualche anno ed, infine, capacità di fornire dati in forma digitale compatibile con il trattamento telematico. Su questa base si può selezionare una gamma di sensori commerciali abbastanza estesa sia in campo ambientale che biometrico. A titolo esemplificativo si possono citare: tra i sensori di tipo ambientale: - misuratori di concentrazione di polveri sottili in aria, - sensori di temperatura ed umidità, - dosimetri di radiazioni ionizzanti, - misuratori di campo elettromagnetico, - misuratori di concentrazioni di inquinanti gassosi, - dosimetri di radiazioni ultraviolette, - dosimetri per onde sonore, 6

7 - tra i sensori di tipo biometrico: - sensori per il rilevamento di impronte digitali, - sensori per il rilevamento dell'iride, - sensori di tasso d'ossigeno nel sangue tramite luce pulsata, - sensori di tasso glicemico nel sangue, - sensori di tasso alcolemico nel sangue, - sensori di tasso alcolemico nel sudore, - sensori di alcaloidi (allo stato all'interno di soluzioni), - etc... In sostanza, la presente invenzione consente il monitoraggio remoto di valori di parametri ambientali e biometrici anche su aree geografiche comunque estese ed in molteplici condizioni operative (per es. ambienti ipogei, miniere, sottomarini, in alta quota, ecc In particolare, il trovato rende possibile una registrazione continua e distribuita sul territorio dei livelli di concentrazione di alcuni inquinanti e dei valori di temperatura ed umidità, i primi utili per integrare le misure operate dalle centrali fisse ed i secondi utili per migliorare (previo adeguato filtraggio in fase di elaborazione dati) gli aspetti previsionali dei modelli meteorologici. 7

8 Nel campo della sicurezza nei trasporti il trovato consente di associare al monitoraggio dello stile di guida dei trasporti (attraverso l'analisi dell'evoluzione dei parametri cinematici o in prospettiva attraverso il collegamento al bus can della centralina di controllo del veicolo) il monitoraggio di condizioni microclimatiche critiche all'interno dell'abitacolo e di parametri fisiologici attraverso un apposito braccialetto sensorizzato (pulsazioni cardiache, tasso di alcol, livello di ossigeno nel sangue, alcaloidi, etc...) per la determinazione di stati a rischio quali: ebbrezza, malori, condizioni di sonno incipienti (evoluzione correlazione tasso di ossigeno-pulsazioni). Nel campo degli studi di base del rischio da radiazioni, la presente invenzione consente di rendere disponibile - diversamente da quanto finora possibile - una pluralità di dati ambientali e fisiologici in vivo acquisiti in maniera contestuale ed associati ai riferimenti spazio-temporali. Tale insieme di dati fornisce elementi decisivi sia per gli studi delle correlazioni tra condizioni ambientali e fisiologiche in occasione di eventi particolari. Ad esempio tali dati sono di importanza significativa per lo studio degli effetti di bilanciamento tra l'azione di danneggiamento da radiazione e dei meccanismi tessuto-mediati di riparo che per il danno al 8

9 DNA prodotto dall'interazione delle radiazioni ed i meccanismi fisiologici di recupero cellulare. Studi in tal senso sono in corso da svariati decenni per le radiazioni ionizzanti, soprattutto nel dominio delle cosiddette "basse dosi". Nel campo della sorveglianza fisica dei lavoratori esposti, il trovato rende possibile il controllo dell'esposizione individuale alle radiazioni ionizzanti e/o non ionizzanti contestualmente ai valori di alcune variabili fisiologiche allo scopo di valutare la suscettibilità individuale all'esposizione alle radiazioni e di riscontrarne eventuali effetti fisiologici precoci. Tali controlli, previsti allo stato da norme a tutela della salute nei luoghi di lavoro e non, sono effettuati ex post mediante sistemi dosimetrici distinti (ionizzanti e non) operanti in modalità off-line mentre i controlli clinici sui soggetti esposti, ove previsti, sono di norma differiti nel tempo. In tal senso il trovato, in connessione con la Centrale di elaborazione ed eventualmente in associazione con una pluralità di analoghi dispositivi dislocati sul territorio, fornisce la base operativa per quelle Strutture ed Organizzazioni che, per motivi d'istituto oppure per obbligo normativo necessitano di tali dati. Tra le prime si 9

10 citano: Reparti in zone operative con rischio radiologico, Reparti con compiti di Protezione Civile, etc... Considerate le caratteristiche dei terminali mobili che si descrivono e la mobilità dei vettori da cui gli stessi sono veicolati all'interno di aree d'interesse, si possono individuare a mero titolo esemplificativo e non esaustivo alcuni vantaggiosi campi applicativi concernenti la sicurezza del trasporto di merci e di persone ed il monitoraggio ambientale, basati appunto sulla conoscenza dei dati ambientali e biometrici: Il trovato consente il monitoraggro remoto di valori di parametri ambientali e biometrici anche su aree geografiche comunque estese ed in molteplici condizioni operative (per es. ambienti ipogei, miniere, sottomarini, in alta quota, ecc Ulteriori caratteristiche e vantaggi dell'invenzione risulteranno evidenti dalla descrizione particolareggiata che segue facendo riferimento alle allegate tavole di disegno che ne rappresentano a solo titolo di esempio non limitativo una preferita forma di realizzazione Nei disegni: la fig. l mostra uno schema funzionale del terminale mobile secondo l'invenzione: la fig. 2 mostra schematicamente uno schema a blocchi del trovato. 1 0

11 Con riferimento alle figure, il dispositivo o terminale mobile indicato genericamente con TM comprende sostanzialmente sei unita funzionali: 1. una unità UGA dedicata alla misura di grandezze ambientali; 2. una unità UGF dedicata alla misura di grandezze fisiologiche o biometriche; 3. una unita UG riservata alla localizzazione georeferenziata (satellitare, terrestre oppure ibrida) del terminale stesso; 4. una unità di gestione e controllo UCG in grado di elaborare i dati ambientali, biometrici e posizionali, nonché di regolare i parametri di funzionamento e di misura e controllare le funzionalità dell'intero apparato, anche in funzione di input ricevuti da una centrale operativa; 5. una unità di comunicazione UC atta a stabilire un collegamento bi-direzionale con la centrale di elaborazione dati per l'invio/scambio dei dati elaborati; e 6. una unità UA che fornisce le adeguate alimentazioni elettriche dei circuiti. I singoli elementi o unità funzionali costituenti il dispositivo TM sono ovviamente suscettibili di diverse tipologie e caratteristiche secondo le specifiche esigenze 11

12 di misura previste per il terminale, secondo le tecnologie di localizzazione disponibili e secondo le modalità di comunicazione remota disponibili e praticabili nel territorio d'interesse. Infine, alle modalità operative temporali previste corrisponde la scelta dell'appropriata alimentazione elettrica. In particolare, dei sopra citati blocchi del dispositivo: L'unità UGA di misurazione di grandezze ambientali è dotata di sensori ambientali di tipo analogico e digitale, con relativo convertitore A/D, comprendenti: misuratori di concentrazione di polveri sottili in aria, sensori di temperatura ed umidità, dosimetri di radiazioni ionizzanti, misuratori di campo elettromagnetico, misuratori di concentrazioni di inquinanti gassosi, dosimetri di radiazioni ultraviolette, dosimetri per onde sonore, etc... L'unità UGF di misurazione di grandezze fisiologiche e biometriche è dotata di sensori biometrici di tipo analogico e digitale, con relativo convertitore A/D, comprendenti: sensori per il rilevamento di impronte digitali, sensori per il rilevamento dell'iride, sensori di tasso d'ossigeno nel sangue tramite luce pulsata, sensori di tasso glicemico nel sangue, sensori di tasso alcolemico nel sangue, sensori di tasso alcolemico nel sudore, sensori di alcaloidi (allo stato all'interno di soluzioni), etc... 12

13 L'unità di georeferenziazione UG e di localizzazione del dispositivo TM comprende - a titolo esemplificativo e non esaustivo della metodologia satellitare - dei ricevitori Global Navigation Satellite Systems (GNSS) che rendono disponibili i segnali indispensabili per associare alle misurazioni ambientali e biometriche i necessari riferimenti assoluti di tipo temporale e spaziale. L'unità di comunicazione UC con la centrale di elaborazione remota opera in modalità bi-direzionale con un sistema di comunicazione radio basato, in via esemplificativa e non esaustiva delle possibilità, su tecnologia GSM, GPRS, UMTS. I risultati delle misurazioni vengono opportunamente resi in forma digitale, associati biunivocamente ai sensori installati e georeferenziati prima di essere trasmessi in modalità selettiva o cumulativa ad almeno una stazione ricevente remota, non indicata in figura, tramite una rete di comunicazione di tipo noto. L'unità di controllo e gestione UCG del trovato, oltre ad effettuare la gestione dei parametri di funzionamento e di misura e controllare le funzionalità dell'intero apparato, comprende mezzi di elaborazione dei dati da inviare/scambiare con la centrale di elaborazione remota, nonché mezzi di memorizzazione non volatile dei suddetti 13

14 dati per permettere di posticiparne l'invio alla stazione ricevente per scelta o necessità. Infine, l'unità UA di alimentazione elettrica dei circuiti deve rispondere, oltre che ai normali criteri di dimensionamento, anche ai particolari usi che sono richiesti ai terminali TM. Con ciò si vuole specificare e comprendere, a titolo esemplificativo non esaustivo dei casi: (a) i dispositivi alimentati da fonti in dotazione ai vettori che li ospitano, (b) i dispositivi alimentati da fonti ricaricate tramite quelle in dotazione ai vettori che li ospitano, (c) i dispositivi alimentati da fonti ad esaurimento che consentono il funzionamento per un tempo limitato (dispositivi monouso), e (d) i dispositivi alimentati da fonti ricaricabili attraverso fonti esterne e disponibili nell'ambiente operativo. Tra i vantaggi del dispositivo di cui alla presente invenzione vanno elencati i seguenti: i terminali TM non richiedono intervento locale di operatori in quanto essi sono autonomi e controllati in modo remoto da una apposita centrale di elaborazione dati; 14

15 un numero praticamente illimitato di terminali TM può essere aggiunto alla rete la quale può quindi crescere o decrescere in modo dinamico nel tempo; la tipologia delle misurazioni effettuate dei terminali TM non è fissata a priori e ciò consente di connettere i terminali a sensori di qualsiasi tipo; i mezzi dotati di terminali TM non sono costretti a percorsi obbligati oppure a soste apposite che, nella pratica, possono portare a ridurre l'intensità dei controlli ambientali e biometrici per facilitare la mobilità delle merci e/o delle persone. Le rilevazioni vengono infatti effettuate durante il tragitto; eventuali situazioni di allerta possono essere efficacemente gestite essendo disponibili in tempo reale, oltre ai dati ambientali e bioiometrici, anche i dati di tracciamento spaziale e temporale del terminale TM; è possibile realizzare e gestire una mappatura in tempo reale del territorio, anche per motivi puramente statistici (e non solo in caso di emergenza), accumulando le misurazioni fatte dalla pluralità dei dispositivi in modo da costruire un archivio storico. Si è descritta fin qui una preferita forma realizzativa dell'invenzione. E' peraltro evidente che numerose varianti e modifiche possono essere apportate dall'esperto del ramo 15

16 al dispositivo descritto per adattarlo alle diverse esigenze operative, senza peraltro uscire dall'ambito di tutela della presente privativa industriale, come definito dalle rivendicazioni che seguono. 16

17 RIVENDICAZIONI 1) Dispositivo o terminale mobile (TM) per il rilevamento di parametri ambientali e biometrici, caratterizzato dal fatto che è atto ad essere trasportato da un vettore mobile e che comprende, in combinazione: a) mezzi atti ad effettuare misurazioni di tipo ambientale; b) mezzi atti ad effettuare misurazioni di tipo biometrico; c) mezzi per determinare le coordinate spaziotemporali associate al dispositivo stesso riferite ad un sistema di riferimento solidale col globo terrestre dotato di riferimento temporale, ovvero ad altro sistema di localizzazione; e d) mezzi per comunicare i dati ambientali e biometrici acquisiti ed i relativi riferimenti spaziali e temporali ad un centro di elaborazione dedicato allo scopo; ottenendosi con ciò che detto dispositivo abbia un grado di mobilità, anche minimo, sul teatro di interesse nel corso della vita operativa del dispositivo stesso e che sia in grado di fornire a detto centro di elaborazione dei dati ambientali e biometrici rilevati in tutte le posizioni geografiche da esso occupate durante il tempo di acquisizione. 17

18 2) Dispositivo come alla rivendicazione precedente caratterizzato dal fatto che comprende sostanzialmente sei unità funzionali funzionali: - una prima unità (UGA) dedicata alla rivelazione di grandezze ambientali; - una seconda unità (UGF) dedicata alla rivelazione di grandezze fisiologiche e biometriche nonché alla regolazione dei parametri di funzionamento e di misura ed al controllo delle funzionalità dell'intero apparato, anche in funzione di input ricevuti da una centrale operativa; - una terza unità (UG) dedicata alla localizzazione georeferenziata del dispositivo o terminale stesso; - una quarta unità (UCG) in grado di elaborare i dati ambientali, biometrici e spazio-temporali; - una quinta unità (UC) in grado di comunicare in modalità bi-direzionale con la centrale operativa di elaborazione dati; ed - una sesta unità (UA) che fornisce le adeguate alimentazioni elettriche dei circuiti. 3) Dispositivo come alla rivendicazione 2 caratterizzato dal fatto che la prima unità (UGA) per la misurazione di grandezze ambientali è dotata di sensori ambientali di tipo analogico e/o digitale, con relativo convertitore A/D, comprendenti: misuratori di 18

19 concentrazione di polveri sottili in aria, sensori di temperatura ed umidità, dosimetri di radiazioni ionizzanti, misuratori di campo elettromagnetico, misuratori di concentrazioni di inquinanti gassosi, dosimetri di radiazioni ultraviolette, dosimetri per onde sonore, etc... 4) Dispositivo come alla rivendicazione 2 caratterizzato dal fatto che la seconda unità (UGF) per la misurazione di grandezze fisiologiche e biometriche è dotata di sensori biometrici di tipo analogico e/o digitale, con relativo convertitore A/D, comprendenti: sensori per il rilevamento di impronte digitali, sensori per il rilevamento dell'iride, sensori di tasso d'ossigeno nel sangue tramite luce pulsata, sensori di tasso glicemico nel sangue, sensori di tasso alcolemico nel sangue, sensori di tasso alcolemico nel sudore, sensori di alcaloidi (allo stato all'interno di soluzioni), etc... 5) Dispositivo come alla rivendicazione 2 caratterizzato dal fatto che la terza unità (UG) per la georeferenziazione e di localizzazione del dispositivo (TM) comprende dei ricevitori Global Navigation Satellite Systems (GNSS) che rendono disponibili i segnali indispensabili per associare alle misurazioni ambientali e biometriche i necessari riferimenti assoluti di tipo temporale e spaziale. 19

20 6) Dispositivo come alla rivendicazione 2 caratterizzato dal fatto che la quarta unità (UCG) per il controllo e la gestione del terminale (TM) comprende mezzi di elaborazione dei dati da inviare/scambiare con la centrale di elaborazione remota, nonché mezzi di memorizzazione non volatile dei suddetti dati per permettere di posticiparne l'invio alla stazione ricevente per scelta o necessità. 7) Dispositivo come alla rivendicazione 2 caratterizzato dal fatto che la quinta unità (UC) per la comunicazione con la centrale di elaborazione remota è atta ad operare in modalità bi-direzionale con un sistema di comunicazione radio basato su tecnologia GSM e/o GPRS e/o UMTS; i risultati delle misurazioni essendo atti ad essere opportunamente resi in forma digitale, associati biunivocamente ai sensori installati e georeferenziati prima di essere trasmessi in modalità selettiva o cumulativa ad almeno una stazione ricevente remota tramite una rete di comunicazione di tipo noto. 8) Dispositivo come alla rivendicazione 2 caratterizzato dal fatto che la sesta unità (UA) per l'alimentazione elettrica dei circuiti è atta ad operare con: fonti energetiche in dotazione ai vettori che ospitano il terminale (TM) stesso, 20

21 fonti ricaricate tramite quelle in dotazione ai vettori che ospitano il terminale (TM) stesso, fonti ad esaurimento che consentono il funzionamento per un tempo limitato (dispositivi monouso), e fonti ricaricabili attraverso fonti esterne e disponibili nell'ambiente operativo. 9) Dispositivo come alla rivendicazione 1 caratterizzato dal fatto che comprende ulteriormente mezzi di tipo noto per memorizzare i dati ambientali e biometrici acquisiti ed i relativi riferimenti spaziali e temporali in modo da poterli trasmettere al centro di elaborazione in modo differito. 10) Dispositivo come ad una qualunque delle rivendicazioni precedenti, caratterizzato dal fatto che, in associazione ad una pluralità di dispositivi mobili (TM) di analoga tipologia, è atto a consentire la realizzazione di una rete di misura di grandezze ambientali e biometriche geograficamente distribuita e operante in tempo reale all'interno di una prescelta area geografica la quale viene esplorata dinamicamente da almeno uno di detti dispositivi georeferenziati.. 11) Una rete di misura di grandezze ambientali e biometriche geograficamente distribuita comprendente : 21

22 una pluralità di dispositivi mobili (TM) secondo la rivendicazione 1 o 9, che esplorano dinamicamente una prescelta area geografica, e una centrale di elaborazione remota, configurata per comunicare con detti dispositivi mobili (TM) e ricevere, anche in tempo reale, i dati ambientali e biometrici interagenti con ciascuno dei detti dispositivi mobili (TM) in tutte le posizioni geografiche occupate dagli stessi dispositivi durante il tempo di acquisizione. Per i Richiedenti, il Rappresentante. 22

23 TERMINALE MOBILE GEOREFERENZIATO PER IL RILEVAMENTO CONTESTUALE DI DATI AMBIENTALI E BIOMETRICI IN VIVO AVENTE CONNESSIONE RADIO BIDIREZIONALE CON UNA CENTRALE DI ELABORAZIONE. RIASSUNTO Un dispositivo (TM) mobile comprende sostanzialmente sei unità funzionali: una prima unità (UGA) dedicata alla rivelazione di grandezze ambientali; una seconda unità (UGF) dedicata alla rivelazione di grandezze fisiologiche e biometriche; una terza unità (UG) dedicata alla localizzazione georeferenziata del dispositivo o terminale stesso; una quarta unità (UCG) in grado di elaborare i dati ambientali, biometrici e spazio-temporali, nonchè di trasmetterli ad una centrale operativa e/o di ricevere da essa instruzioni; una quinta unità (UC) in grado di comunicare in modalità bi-direzionale con la centrale di elaborazione dati; ed una sesta unità (UA) che fornisce le adeguate alimentazioni elettriche dei circuiti. 1

24 1/1,...,,.., ', i / ', ' ; - «:":-..,4/à.. Alk.

25 c /2, : r ezzig 4., F5-2 a).,....:.c2 D E 0 i 1 i : : i o 03 2.c...) i e (1.) I o Z-. u9 Tu...01: C : I Q.1 -- C 12)...c U").9 o Io fs.(g) -C) O n : I 2.2 o (7).2 ir / o : i O (13 ai : i :2 o i- 'r..-. c.) H <0 g) = O C Z : I O ''.. C TO U).2. o c I i i r i i i i i Il I o.* co a.0 O (9 I- + 0 O z u) "ED 0 O = O I coeoc I i I i '`,,,1 IN o 2 o' o a) t..5) ezt c e lo O ai c.) > E 4= :13 2,n) N D c 2 > cn 2 cu 7; so o u) z w Tu c --- cb < a) -ci c cg > u) E O -5 ti c 2 w 4 cn E > < 2) lel > To C2 C c lo O us C.) la N 415 (D o) I I.1 i eg e v Cai CO...,,,,,x...,------Ir :Cif,T, c D a) t i- (14 :

26 CLAIMS l) A mobile device or terminal (TM) for detecting environmental and biometric parameters, characterized in that it is designed to be transported by a mobile vector and in that it comprises, in combination: a) means designed to make measurements of an environmental type; b) means designed to make measurements of a biometric type; c) means for determining the space-time coordinates associated to the device itself referred to a reference system, which is fixed with respect to the Earth and is provided with a time reference, or else to another location system; and d) means for communicating the environmental and biometric data acquired and the corresponding space and time references to a data-processing centre dedicated to said purpose; thus obtaining that said device has a degree of mobility, even minimal, in the context of interest in the course of the working life of the device itself and is able to supply to said processing centre environmental and biometric data detected in all the 1

27 geographical positions occupied thereby during the acquisition time. 2) The device as per the preceding claim, characterized in that it substantially comprises six functional units: - a first unit (UGA) dedicated to detection of environmental quantities; - a second unit (UGF) dedicated to detection of physiological and biometric quantities, as well as to regulation of the parameters of operation and measurement and to control of the functions of the entire apparatus, also according to inputs received from an operating centre; - a third unit (UG) dedicated to the georeferenced location of the device or terminal itself; - a fourth unit (UCG) that is able to process the environmental, biometric, and space-time data; - a fifth unit (UC) that is able to communicate in bi-directional mode with the data-processing operating centre; and - a sixth unit (UA) that provides the adeguate electric-power supply for the circuits. 3) The device as per Claim 2, characterized in that the first unit (UGA) for measurement of environmental quantities is equipped with 2

28 environmental sensors of an analog and/or digital type, with corresponding A/D converter, comprising: meters for measuring concentration of fine dust in air, temperature and humidity sensors, dosimeters of ionizing radiation, meters for measuring the electromagnetic field, meters for measuring concentrations of gaseous pollutants, UV dosimeters, dosimeters for sound waves, etc. 4) The device as per Claim 2, characterized in that the second unit (UGF) for measurement of physiological and biometric quantities is equipped with biometric sensors of an analog and/or digital type, with corresponding A/D converter, comprising: sensors for detecting fingerprints, sensors for detecting the iris, sensors for detecting oxygen content in the blood via pulsed light, sensors for detecting blood glucose concentration, sensors for detecting alcohol content in the blood, sensors for detecting alcohol content in the sweat, sensors for detecting alkaloids (at present into solutions), etc. 5) The device as per Claim 2, characterized in that the third unit (UG) for georeferencing and location of the device (TM) comprises Global Navigation Satellite System (GNSS) receivers that make available the signals indispensible for 3

29 associating to the environmental and biometric measurements the necessary absolute references of a time and space type. 6) The device as per Claim 2, characterized in that the fourth unit (UCG) for control and management of the terminal (TM) comprises means for processing the data to be sent to/exchanged with the remote processing centre, as well as means for nonvolatile storage of the aforesaid data to enable postponement of sending thereof to the receiving station by choice or by necessity. 7) The device as per Claim 2, characterized in that the fifth unit (UC) for communication with the remote processing centre is designed to operate in bi-directional mode with a radio communication system based upon GSM and/or GPRS and/or UMTS technology; the results of the measurements being such that they can be appropriately returned in digitai form, biuniquely associated to the sensors installed and georeferenced before being transmitted in selective or cumulative mode to at least one remote receiving station via a communication network of a known type. 8) The device as per Claim 2, characterized in that the sixth unit (UA) for electrical supply of the circuits is designed to operate with: 4

30 energy sources with which the carriers that house the terminal (TM) itself are equipped; sources recharged via the ones with which the carriers that house the terminal (TM) itself are equipped; sources that can run down, which enable operation for a limited time (disposable devices); and sources rechargeable through external sources available in the operating environment. 9) The device as per Claim l, characterized in that it moreover comprises means of a known type for storing the environmental and biometric data acquired and the corresponding space and time references so as to be able to transmit them to the data-processing centre in a deferred way. 10) The device as per any one of the preceding claims, characterized in that, in association with a plurality of mobile devices (TM) of a similar type, it is designed to enable provision of a network for measuring geographically distributed environmental and biometric quantities, which operates in real time within a pre-selected geographical area which is explored dynamically by at least one of said georeferenced devices. 5

31 11) A network for measuring geographically distributed environmental and biometric quantities comprising: a plurality of mobile devices (TM) according to Claim l or Claim 9, which explore a pre-selected geographical area dynamically; and a remote processing centre, which is configured for communicating with said mobile devices (TM) and for receiving, also in real time, the environmental and biometric data that interact with each of said mobile devices (TM) in all the geographical positions occupied by the devices themselves during the acquisition time. On behalf of the Applicants, The Representative 673 6

32

FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE

FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE FLEET MANAGEMENT / GESTIONE FLOTTE Il sistema proposto consente di erogare un insieme di servizi di logistica basati sulla capacità di stabilire comunicazioni bidirezionali tra una Centrale Operativa ed

Dettagli

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE:

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE: per impianti fotovoltaici APPLICATION NOTE: SISTEMA DI TELEGESTIONE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 200907ANN01 @ MMIX, INGECO WWW.COM2000.IT Pagina 1 di 8 Sommario Introduzione...3 I vantaggi del sistema di

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale

El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale El.Se. Divisione Industriale Presentazione Generale El.Se. Srl, azienda certificata ISO 9001, è stata fondata nel 1990 con lo scopo primario di progettare e costruire strumentazione analogica e digitale

Dettagli

G l o b a l M o b i l e S i s t e m a d i t e l e c o n t r o l l o G P S s u G S M / G P R S

G l o b a l M o b i l e S i s t e m a d i t e l e c o n t r o l l o G P S s u G S M / G P R S G l o b a l M o b i l e S i s t e m a d i t e l e c o n t r o l l o G P S s u G S M / G P R S Generalità dinanet-mobile è un apparato elettronico per il controllo degli autoveicoli. Inserito in un involucro

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico 1 VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle assicurazioni private ed in particolare l articolo 132, recante Obbligo a contrarre;

Dettagli

LASER NAVIGATION LASER NAVIGATION S.r.l. Unipersonale

LASER NAVIGATION LASER NAVIGATION S.r.l. Unipersonale 1 Attraverso i nostri servizi di: Radiolocalizzazione tramite nostra Centrale Operativa Portale Internet Centrale Operativa chiavi in mano Servizio di Pianificazione di Tratta e grazie all installazione

Dettagli

CLEVER BOX. Radio 868 MHz. WiFi TA1 (POWER SENSOR CLEVER) TA2 LAN. Radio 868 MHz CLEVER VIEW

CLEVER BOX. Radio 868 MHz. WiFi TA1 (POWER SENSOR CLEVER) TA2 LAN. Radio 868 MHz CLEVER VIEW Energy Manager CLEVER l Energy Manager per impianti fotovoltaici monofase di piccola taglia da 1 a 6 kwp. Un sistema di supervisione e gestione di impianto completo, facile da installare e facile da usare.

Dettagli

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA

LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA LA MISURAZIONE E IL CONTROLLO DEL MICROCLIMA Premessa Per caratterizzare un ambiente da un punto di vista microclimatico è necessario definire i parametri oggettivi, che lo descrivono mediante alcune grandezze

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

SAE J1939. PROGETTO FMS Gestione dati del Veicolo. FMS progettata da Runtek s.r.l. Codice RK.01.0010.00

SAE J1939. PROGETTO FMS Gestione dati del Veicolo. FMS progettata da Runtek s.r.l. Codice RK.01.0010.00 cod. RK.01.0010.00 PROGETTO FMS Gestione dati del Veicolo FMS progettata da Runtek s.r.l. Il prodotto elettronico così creato è in grado di trasformare i segnali digitali dell'automezzo di trasporto in

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

Your home comfort has a new shape. Find out how it works

Your home comfort has a new shape. Find out how it works Your home comfort has a new shape Find out how it works CUBODOMO allows you to manage and monitor your entire home s temperature, from WHEREVER YOU ARE CUBODOMO ti consente di gestire e monitorare la temperatura

Dettagli

L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE

L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE Scheda Progetto L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE Stazione di monitoraggio meteo e webcam MONITORAGGIO METEOROLOGICO Dati meteo in diretta dalle località di interesse, visualizzati on-line

Dettagli

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Categoria COMPUTO E CAPITOLATO Famiglia SISTEMI DI CONTROLLO Tipologia SISTEMA DI SUPERVISIONE GEOGRAFICO Modello TG-2000 WIDE AREA Pubblicata il 01/09/2006 TESTO PER COMPUTO

Dettagli

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare.

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti SEA_LAB Tel www.rotospeed.it Premessa SEA_LAB è un innovativo laboratorio marino galleggiante, trasportabile, e dotato di sonde

Dettagli

- mezzi di acquisizione dei dati provenienti da un utente chiamante (105), e relativi

- mezzi di acquisizione dei dati provenienti da un utente chiamante (105), e relativi 1 RIASSUNTO Sistema di instradamento automatico (100) di richieste di connessione telefonica, preferibilmente applicato ad una centralina di smistamento, appartenente ad una infrastruttura base di una

Dettagli

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO Fleet Monitoring è costituito da un software client ed un software server. Il software client, dato in dotazione alla centrale operativa, ha il compito di permettere

Dettagli

Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli

Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli Documentazione Tecnica Descrizione Servizio Il sistema GESTIONE FLOTTE S-SYSTEM è nato per soddisfare tutti i quesiti, logistici e non, che scaturiscono

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

SISTEMA PER PEDINAMENTO SISTEMA PER PEDINAMENTO

SISTEMA PER PEDINAMENTO SISTEMA PER PEDINAMENTO SISTEMA PER PEDINAMENTO wwwradionavit SISTEMA PER PEDINAMENTO Il Sistema per Pedinamento è un sistema integrato Hardware e Software per il supporto all attività di pedinamento e sorveglianza d uomini e

Dettagli

Str.Antica di None 2 FAX +39-011-39.87.727 I - 10092 Beinasco (TO) / ITALY E-MAIL: info@soft-in.com

Str.Antica di None 2 FAX +39-011-39.87.727 I - 10092 Beinasco (TO) / ITALY E-MAIL: info@soft-in.com Descrizione generale Il sistema di localizzazione è composto da un modulo di bordo senza connessioni al veicolo e da un software di centrale remota su Personal Computer, dotato di mappe cartografiche.

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE MANUALE PER LE AZIENDE DI TRATTAMENTO DEL CDC RAEE CELLULARE

CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE MANUALE PER LE AZIENDE DI TRATTAMENTO DEL CDC RAEE CELLULARE CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENT RO D I COORD I NAM ENTO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE Il telefono cellulare, comunemente chiamato cellulare o telefonino, è un apparecchio radio mobile per la comunicazione

Dettagli

Telecomando ainfrarossi

Telecomando ainfrarossi ManualeUtente Telecomando ainfrarossi 1094FV www.guidosimplex.it Gentile Cliente, grazie per aver acquistato un dispositivo Guidosimplex. Come tutti i nostri prodotti, questo dispositivo, è stato progettato

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali. Muoversi consapevolmente nello spazio circostante,

Dettagli

Scheda Tecnica REV 1.0

Scheda Tecnica REV 1.0 Scheda Tecnica REV 1.0 SENTRY Energy Profiler: IL SISTEMA UNIVERSALE PER IL MONITORAGGIO ENERGETICO SENTRY Energy Profiler è il primo sistema universale e modulare per il monitoraggio energetico. Si basa

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrara-Ravenna Pipeline located

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

UNICO 3 SYSTEM SOLUTION PEOPLE A SMART FOR SMART

UNICO 3 SYSTEM SOLUTION PEOPLE A SMART FOR SMART UNICO 3 SYSTEM A SMART SOLUTION FOR SMART PEOPLE Unicò 3 System La soluzione completa per la tua azienda Unicò 3 System è la soluzione più evoluta e completa per gestire tutti i reparti della tua azienda

Dettagli

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 )

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 ) REQUISITO 6.5 Sistemi e dispositivi per la regolazione degli impianti termici e per l'uso razionale dell'energia mediante il controllo e la gestione degli edifici (BACS) (Parte seconda, allegato, punto

Dettagli

- la possibilità di monitorare lo stato attuale della macchina - fornire una reportistica sulla base di alcune variabili

- la possibilità di monitorare lo stato attuale della macchina - fornire una reportistica sulla base di alcune variabili Il GAI WEB PORTAL nasce con un duplice obiettivo: - la possibilità di monitorare lo stato attuale della macchina - fornire una reportistica sulla base di alcune variabili Si tratta di un software installato

Dettagli

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA ESSEBI Srl NUOVE FRONTIERE DEL MONITORAGGIO STRUTTURALE MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA Roma, 4 maggio 2011 Facoltà di Architettura via Gramsci, 53 Roma MONITORAGGIO WIRELESS I principali

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli

14. Tecniche di rilievo cinematiche

14. Tecniche di rilievo cinematiche . Tecniche di rilievo cinematiche UNITÀ Come si è visto, nelle procedure statiche i ricevitori rimangono fermi sugli estremi della baseline per tutta la sessione di misura e sono spenti durante le fasi

Dettagli

SPECIFICHE PER L INSTALLAZIONE DEL SISTEMA AEDOS

SPECIFICHE PER L INSTALLAZIONE DEL SISTEMA AEDOS SPECIFICHE PER L INSTALLAZIONE DEL SISTEMA AEDOS DG Ambiente, Energia e Reti Pagina 1 Indice 1 PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI... 3 3 LA CONFIGURAZIONE HARDWARE... 4 3.1 informazioni generali... 4 3.2 Scelta

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA Il sito di Arpa è il mezzo più utilizzato dall agenzia per rendere disponibile al pubblico le informazioni sui cem Attualmente il sito sui Cem (www.arpa.emr.it/cem)

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti.

Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. Sistema modulare per visualizzazione prezzi carburanti. La gamma NAUTILUS, nata dall esperienza maturata dalla nostra azienda in oltre 36 anni di attività nella progettazione e produzione di sistemi di

Dettagli

TELEGESTIONE. come spendere meno, inquinare meno e governare meglio gli impianti di illuminazione pubblica. Davide Bassetto A.P. SYSTEMS s.r.l.

TELEGESTIONE. come spendere meno, inquinare meno e governare meglio gli impianti di illuminazione pubblica. Davide Bassetto A.P. SYSTEMS s.r.l. TELEGESTIONE come spendere meno, inquinare meno e governare meglio gli impianti di illuminazione pubblica Davide Bassetto A.P. SYSTEMS s.r.l. Scelte di pianificazione sostenibile: illuminazione pubblica

Dettagli

RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI

RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI RoboFERRET SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAMENTO INCENDI LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI COME STRUMENTO DI MONITORAGGIO DEL TERRITORIO PER LA PREVENZIONE DELLA PROPAGAZIONE DI INCENDI Ogni anno il tributo pagato

Dettagli

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici.

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. L'idea Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. Gli impianti tecnologici contribuiscono in modo molto rilevante ai

Dettagli

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare

Istituto di Vigilanza Privata. Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Istituto di Vigilanza Privata Servizi integrati di sicurezza, teleallarmi e controllo satellitare Servizi di vigilanza e sorveglianza Professionalità e sicurezza Servizio di Vigilanza Fissa Pattugliamento

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

La Nabla Quadro s.r.l.

La Nabla Quadro s.r.l. La Nabla Quadro s.r.l. Nasce dall iniziativa di ingegneri con esperienza decennale nell ambito dello studio e controllo delle ricadute ambientali dovute alla costruzione e all esercizio di infrastrutture

Dettagli

measuring your life energy and future

measuring your life energy and future measuring your life energy and future = 200.000 Kg di CO2 La Leaf Community ha risparmiato 3,77 milioni di Kg di CO2 pari alla quantità annua assorbita da 377.000 alberi MYLEAF MEASURING YOUR LIFE, ENERGY

Dettagli

Sede Paritetica Regionale Artigianato Veneto Matr. EBAV

Sede Paritetica Regionale Artigianato Veneto Matr. EBAV Mod.1 Sede Paritetica Regionale Artigianato Veneto Matr. EBAV PROCEDURA PER INSTALLAZIONE SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE SATELLITARE DI EVENTI DI GUIDA SPAZIO RISERVATO ORGANIZZAZIONE PROVINCIALE ARTIGIANA

Dettagli

GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO

GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO Procedura Operativa GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO Codice Documento_Edxx AZI_POP_042_Ed00 Pag. 1/7 Data emissione: 03/04/10 Unità Operativa Tipo Documento Numero Locale AZI POP 042 GESTIONE

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA A - ORIENTAMENTO Riconosce e indica la propria posizione e quella di oggetti dati, nello spazio vissuto, rispetto a diversi punti di riferimento. a1) Riconoscere

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO IN CONTINUO WRB. Controllo Aree a Rischio Sicurezza

SISTEMA DI CONTROLLO IN CONTINUO WRB. Controllo Aree a Rischio Sicurezza 1/5 SISTEMA DI CONTROLLO IN CONTINUO WRB ( Worker Radiofrequency Boundaries ) Controllo Aree a Rischio Sicurezza Premessa In alcuni particolari ambienti di lavoro come, per esempio, quello delle aree di

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Asset management per centrali di produzione da fonti rinnovabili.

Asset management per centrali di produzione da fonti rinnovabili. Asset management per centrali di produzione da fonti rinnovabili. Vantaggi dell utilizzo di sensor networks wireless M. Giannettoni, P. Pinceti, M. Caserza Magro Università di Genova E. Montanari IB Group

Dettagli

Gestione Globale delle Risorse Mobili

Gestione Globale delle Risorse Mobili Gestione Globale delle Risorse Mobili Localizza e Controlla con un unica Soluzione La Tecnologia Qastrack è la soluzione Qascom per la localizzazione ed il monitoraggio remoto delle risorse mobili, siano

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 50/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 50/E QUESITO RISOLUZIONE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2013 OGGETTO: Applicazione dell'aliquota Iva del 4 per cento alle prestazioni dei servizi "radiotaxi" alla luce delle nuove tecnologie di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

IMPIANTI MINIEOLICI 2013

IMPIANTI MINIEOLICI 2013 Sede Amministrativa e Commerciale: Viale Vittorio Veneto, 115-94018 Troina (EN) Cell: 329/4857300 Ufficio di Rappresentanza: Via Alcide De Gasperi, 18 24123 Bergamo (BG) - Cell: 328/3515308 Via Cavour,

Dettagli

Sistema di monitoraggio domotico per anziani e disabili

Sistema di monitoraggio domotico per anziani e disabili Sistema di monitoraggio domotico per anziani e disabili mycmon è un sistema di monitoraggio che che aiuta gli anziani ed i disabili a vivere soli e in sicurezza, grazie al monitoraggio remoto da parte

Dettagli

SOFTWARE CARTOGRAFICO PER LA GESTIONE DI UN SERVIZIO DI LOCALIZZAZIONE FLOTTE TRAMITE SISTEMA SATELLITARE GPS

SOFTWARE CARTOGRAFICO PER LA GESTIONE DI UN SERVIZIO DI LOCALIZZAZIONE FLOTTE TRAMITE SISTEMA SATELLITARE GPS SOFTWARE CARTOGRAFICO PER LA GESTIONE DI UN SERVIZIO DI LOCALIZZAZIONE FLOTTE TRAMITE SISTEMA SATELLITARE GPS QUESTO DOCUMENTO CONTIENE UN ESEMPIO SEMPLIFICATO DEL SOFTWARE E DELLE SUE FUNZIONI. PER EVENTUALI

Dettagli

Presentazione C-Navigo

Presentazione C-Navigo Presentazione C-Navigo Gennaio 2012 Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Sede Legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sede Operativa: Via Tre Cannelle, 5 00040 Pomezia (RM) - Tel. +39.06.91997.1 - Fax +39.06.91997.241

Dettagli

Nota informativa sulla Firma Grafometrica.

Nota informativa sulla Firma Grafometrica. Nota informativa sulla Firma Grafometrica. Documento predisposto da Intesa Sanpaolo Assicura S.p.A. ai sensi dell articolo 57 commi 1 e 3 del DPCM 22.2.2013, riguardante la firma elettronica avanzata.

Dettagli

CONTROLLO ACCESSI RADIO WIREFREE

CONTROLLO ACCESSI RADIO WIREFREE CONTROLLO ACCESSI RADIO WIREFREE CATALOGO LISTINO 2010 R I S E R V A T O I N S T A L L A T O R E Versione 01/10 In vigore dal 1 GIUGNO 2010 IL CONTROLLO ACCESSI GSD RADIO WIREFREE RS485 Network RS232 (1

Dettagli

ORA IN VERSIONE 64 BIT!!! OFFICINA. Caratteristiche principali

ORA IN VERSIONE 64 BIT!!! OFFICINA. Caratteristiche principali ORA IN VERSIONE 64 BIT!!! OFFICINA Caratteristiche principali Il programma consente la gestione, in forma completa, di un attività di autoriparazione. E prevista la gestione della commessa di riparazione,

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Smart Cities : 10 Febbraio 2014. Smart Security per Smart Cities Trend Tecnologici. Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano

Smart Cities : 10 Febbraio 2014. Smart Security per Smart Cities Trend Tecnologici. Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano : Trend Tecnologici Trend tecnologici per la sicurezza delle città intelligenti Luca Bertoletti Hyperion Srl Direttivo ClubTi - Milano 10 Febbraio 2014 Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano Security

Dettagli

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia.

MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY. Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MERLOMOBILITY - IT MERLOMOBILITY Tutto sotto controllo. Costruttori di fiducia. MerloMobility l infomobilità del Gruppo Merlo. MerloMobility controllo totale. MerloMobility offre vantaggi in esclusiva

Dettagli

LA RETE TELEMETRICA CRIOSYSTEM 2000

LA RETE TELEMETRICA CRIOSYSTEM 2000 LA RETE TELEMETRICA CRIOSYSTEM 2000 La rete telemetrica CRIOSYSTEM 2000 consente di monitorare gli impianti di stoccaggio, miscelazione e distribuzione gas per uso medicale ed industriale. Il controllo

Dettagli

SISTEMI INDUSTRIALI LASER NAVIGATION

SISTEMI INDUSTRIALI LASER NAVIGATION osistema DI TELE CONTROLLO SISTEMI INDUSTRIALI 1 Il Sistema per il tele controllo di bombole industriali è un utile strumento per il monitoraggio in remoto ed in automatico di bombole situate presso impianti

Dettagli

Radio loggers correlanti per la localizzazione di perdite con visualizzazione su smartphone o tablet e memorizzazione dei dati in ZONESCAN Net.

Radio loggers correlanti per la localizzazione di perdite con visualizzazione su smartphone o tablet e memorizzazione dei dati in ZONESCAN Net. Radio loggers correlanti per la localizzazione di perdite con visualizzazione su smartphone o tablet e memorizzazione dei dati in ZONESCAN Net. ZONESCAN 820 amplia i confini nel rilevamento acustico delle

Dettagli

Persone con intuizioni ed entusiasmo, protagoniste di una nuova era. Tech your way

Persone con intuizioni ed entusiasmo, protagoniste di una nuova era. Tech your way Persone con intuizioni ed entusiasmo, protagoniste di una nuova era. Tech your way VISION Assecondiamo la globalizzazione dei mercati, l internazionalizzazione e la diffusione delle alleanze strategiche,

Dettagli

DARCA HERITAGE V2 TOUR

DARCA HERITAGE V2 TOUR Sez.02 - SOLUZIONI PER DIAGNOSTICA E TELECONTROLLO - Pagina 02.2.4 1/8 DARCA HERITAGE V2 TOUR 1. SUDDIVISIONE IN ZONE DI MONITORAGGIO Darca Heritage V2 ti permette di analizzare i dati in riferimento al

Dettagli

MONITORAGGIO. Sistemi e strumenti di misura EDAX 24 SYSTEM > UNITÀ REMOTA DI ACQUISIZIONE PER RETI SISMICHE E/O ACCELEROMETRICHE FINO A 6 CANALI

MONITORAGGIO. Sistemi e strumenti di misura EDAX 24 SYSTEM > UNITÀ REMOTA DI ACQUISIZIONE PER RETI SISMICHE E/O ACCELEROMETRICHE FINO A 6 CANALI EDAX 24 SYSTEM L EDAX 24 è un sofisticato sistema di acquisizione a 24 bit progettato per fornire una completa soluzione per il monitoraggio sismico ed accelerometrico. L alta risoluzione e la flessibilità

Dettagli

Descrizione e specifiche tecniche

Descrizione e specifiche tecniche Descrizione e specifiche tecniche Viareggio, 25 Settembre 2013 Premessa Le economie dei singoli Paesi - così come quella globale - sono di fronte a forti cambiamenti che portano all'assottigliamento della

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

La soluzione innovativa CONSUMI IN TEMPO REALE SU CLOUD SEMPLICE E VELOCE DA INSTALLARE PER TUTTI I TIPI DI CONTATORE BASSO COSTO

La soluzione innovativa CONSUMI IN TEMPO REALE SU CLOUD SEMPLICE E VELOCE DA INSTALLARE PER TUTTI I TIPI DI CONTATORE BASSO COSTO NEW Gestione illuminazione pubblica da remoto e La soluzione innovativa CONSUMI IN TEMPO REALE SU CLOUD SEMPLICE E VELOCE DA INSTALLARE PER TUTTI I TIPI DI CONTATORE BASSO COSTO per controllare i consumi

Dettagli

*CH000703115A2* CONFEDERAZIONE SVIZZERA ISTITUTO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE

*CH000703115A2* CONFEDERAZIONE SVIZZERA ISTITUTO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE *CH000703115A2* (19) CONFEDERAZIONE SVIZZERA ISTITUTO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Domanda di brevetto per la Svizzera ed il Liechtenstein Trattato sui brevetti, del 22 dicembre 1978, fra la

Dettagli

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE TELEFLUX 2000 PLUS SISTEMA DI SUPERVISIONE CONTROLLO ED AQUISIZIONE DATI PER LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CS072-ST-01 0 09/01/2006 Implementazione CODICE REV. DATA MODIFICA VERIFICATO RT APPROVATO AMM Pagina

Dettagli

Collaudo M2M - Simulazione e Verifica di Immagini e/o Posizioni GPS Trasferite con Comunicazione Wireless GSM/GPRS o UMTS

Collaudo M2M - Simulazione e Verifica di Immagini e/o Posizioni GPS Trasferite con Comunicazione Wireless GSM/GPRS o UMTS Collaudo M2M - Simulazione e Verifica di Immagini e/o Posizioni GPS Trasferite con Comunicazione Wireless GSM/GPRS o UMTS "Tutta la parte software è basata su prodotti National Instruments, questa struttura

Dettagli

Documento tecnico. Lightfinder Prestazioni eccezionali in condizioni di scarsa illuminazione

Documento tecnico. Lightfinder Prestazioni eccezionali in condizioni di scarsa illuminazione Documento tecnico Lightfinder Prestazioni eccezionali in condizioni di scarsa illuminazione Sommario 1. Introduzione 4 2. Informazioni su Lightfinder 4 3. Applicazioni 5 4. Confronto nelle ore notturne

Dettagli

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto

Telecontrollo. Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto Telecontrollo Come poter controllare in remoto l efficienza del vostro impianto AUTORE: Andrea Borroni Weidmüller S.r.l. Tel. 0266068.1 Fax.026124945 aborroni@weidmuller.it www.weidmuller.it Ethernet nelle

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Campo di applicazione

Campo di applicazione Direttive per la messa in servizio di gruppi di misura del gas caratterizzati dai requisiti funzionali minimi (Allegato A alla delibera dell Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Dettagli

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA Fornitura di gas e dei servizi connessi presso gli insediamenti della società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (di seguito RFI S.p.A. ) Capitolato tecnico

Dettagli

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System)

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Sistema 3D-MBS 1 SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Il 3D-Multi Band System è un sistema integrato per la gestione della sicurezza

Dettagli

NELLE PAGINE SEGUENTI PRESENTIAMO SOLUZIONI DI ACCUMULO ENERGIA PER VARIE TIPOLOGIE DI IMPIANTI:

NELLE PAGINE SEGUENTI PRESENTIAMO SOLUZIONI DI ACCUMULO ENERGIA PER VARIE TIPOLOGIE DI IMPIANTI: Prodotti per impianti di nuova realizzazione NELLE PAGINE SEGUENTI PRESENTIAMO SOLUZIONI DI ACCUMULO ENERGIA PER VARIE TIPOLOGIE DI IMPIANTI: IMPIANTI CON PRESENZA DI RETE ELETTRICA E DI CONTATORE DI CONSUMI

Dettagli

Condizioni generali di contratto Device Edizione n. 09 14 luglio 2014

Condizioni generali di contratto Device Edizione n. 09 14 luglio 2014 Condizioni generali di contratto Device Edizione n. 09 14 luglio 2014 1 di 6 CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Edizione n. 08 Aprile 2014 PREMESSE Allianz Telematics S.p.A. è una società di servizi dedicata

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

Sistema di Gestione Documentale V.2.5.x. ARCHIVIAZIONE OTTICA, FASCICOLAZIONE E PROTOCOLLO V.2.5.x

Sistema di Gestione Documentale V.2.5.x. ARCHIVIAZIONE OTTICA, FASCICOLAZIONE E PROTOCOLLO V.2.5.x ARCHIVIAZIONE OTTICA, FASCICOLAZIONE E PROTOCOLLO V.2.5.x Il programma per l attribuzione ed il controllo del protocollo è una applicazione multiutente che consente la gestione del protocollo informatico

Dettagli

Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE

Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE Controllo integrato in tempo reale di impianti tecnologici URMET IS IN YOUR LIFE SISTEMA DI GESTIONE IMPIANTI DI SICUREZZA OLTRE LA SICUREZZA DEL SINGOLO LUOGO, VERSO IL CONTROLLO INTEGRATO DEGLI ASSET

Dettagli

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze.

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze. Rilevazione Presenze Molte aziende si avvalgono di personale che svolge la propria attività in mobilità, lontano dalla sede, e hanno la necessità di registrarne e certificarne la presenza e gli orari di

Dettagli