Terrorismo e nuove ipotesi di RISK ANALYSIS & SOLUTIONS:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terrorismo e nuove ipotesi di RISK ANALYSIS & SOLUTIONS:"

Transcript

1 Terrorismo e nuove ipotesi di RISK ANALYSIS & SOLUTIONS: La mappa del rischio security per impianti di produzione energia con convenzionale nelle normative di riferimento internazionali Dott.ssa Diana Fotia Giugno 2010 è nei cambiamenti che troviamo uno scopo (Eraclito)

2 Indice I) DAL CONCETTO DI SICUREZZA AL DBT, PASSANDO PER LA BUSINESS INTELLIGENCE: RADICI, COMUNICAZIONE E GESTIONE DI ATTACCHI E CRISI DEL FENOMENO NUCLEARE... 1 II) RISK ANALYSIS & SOLUTIONS APPENDICEI ALLEGATO 1: IL TERRORISMO E I SUOI APPROCCI...I ALLEGATO 2: PSICOLOGIA DEL TERRORISTA... V ALLEGATO 3: L UNIONE EUROPEA CONTRO IL TERRORISMO DOPO L 11 SETTEMBRE...VIII ALLEGATO 4: I SERVIZI DI INTELLIGENCE. ATTIVITÀ E MANSIONI, FASI DEL PROCESSO D INTELLIGENCE, LIMITI E POLEMICHE...XIV ALLEGATO 5: NORMATIVA INTERNAZIONALE SULLE INFRASTRUTTURE CRITICHE...XXI ALLEGATO 6: NORMATIVA INTERNAZIONALE E NAZIONALE SUL NUCLEARE...XXIII ALLEGATO 7: ORGANISIMI INTERNAZIONALI... XXXII ALLEGATO 8: ATTO COLPOSO E ATTO DOLOSO...XXXIII ALLEGATO 9: CLASSIFICAZIONE DELLE ARMI... XXXIV ALLEGATO 10: RESISTENZA IN CASO DI ATTACCO MISSILISTICO... XXXVII ALLEGATO 11: CLASSIFICAZIONE ESPLOSIVI... XXXIX ALLEGATO 12: STRUTTURAZIONE FISICA DI UNA CENTRALE NUCLEARE IN CASO DI ATTACCO AEREO ED EVENTI SISMICI.... XLII BIBLIOGRAFIA LIBRI ARTICOLI CONFERENZE PUBBLICAZIONI - SITOGRAFIA... XLIV

3 I) DAL CONCETTO DI SICUREZZA AL DBT, PASSANDO PER LA BUSINESS INTELLIGENCE: RADICI, COMUNICAZIONE E GESTIONE DI ATTACCHI E CRISI DEL FENOMENO NUCLEARE. La globalizzazione e i suoi mutamenti su ampia scala sono relativi al rapporto spazio-temporaleinformativo, con l intensificazione e potenziamento dei flussi di comunicazione e l immediata trasmettibilità di dati. La comprensione scientifico-tecnologia del mondo opera attraverso la considerazione di ciò che è prevedibile e misurabile. La modernità si pone come frattura rispetto al passato, rivoluzione e progresso ovvero distruzione con la tradizione; ma tutto ciò ha bisogno di tempo e abitudine all idea, attraverso la formazione e l informazione. Tutto diventa un ipotesi falsificabile e soggettiva. E difficile perché l idea globalizzata non è un semplice melting pot di culture e valori, ma un confluire di nuovi schemi e tradizioni, in cui il nuovo stile di vita glocal implica il dover impiegare risorse simboliche nazionali e individualizzate. La crudele logica della globalizzazione è responsabile della diffusione di attacchi su scala planetaria; questi ultimi sono portatori di una violenza distruttiva che va al di là di specifiche scene e che ha il fine ultimo di scioccare. Occorre localizzare l attenzione su rimedi disponibili per fare fronte alle diverse tipologie di fenomeni, rimedi compatibili con una nuova società democratica e dell informazione, rispettosa di principi non più solo nazionali, ma internazionali. L Unione Europea ha definito una serie di strumenti normativi di scambio di informazioni e cooperazione giudiziaria e di polizia. Nel nostro caso, invece, è essenziale una cooperazione tra infrastrutture, critiche e non, nazionali e internazionali. C è la necessità di innovative misure di sicurezza, ad esempio, attraverso l applicazione di tecniche nuove per il controllo delle identità. Essenziale è una rafforzata capacità di intelligence non solo pubblica-nazionale trasfrontaliera, ma privata di impresa, sviluppando sia un dialogo politico, sia l assistenza tecnica. Bisogna elevare gli standard di sicurezza, migliorare le procedure di controllo e facilitare lo scambio di informazioni. L intervento sul fronte tecnico risulta decisamente vincente, attraverso la specializzazione e l approfondimento di figure tecniche che si occupino in via esclusiva di determinati settori. Il secondo versante in cui il contrasto si deve contestualmente muovere, oltre a quello tecnico, riguarda l opinione pubblica, perché al problema della sicurezza va aggiunto quello sulla sua strumentalizzazione. Per una questione di sicurezza interna, le condizioni di lavoro iniziano ad essere considerate non solo nei loro aspetti tecnico-strumentali e per la loro correlazione con fattori tecnici e ambientali, ma anche per le dimensioni psicologiche e relazionali, così da avviare nuovi interessi per la qualità del lavoro e dei dipendenti in modo da soddisfare ed evitare malcontenti interni e la conseguente nascita di idee sovversive. Si può dunque affermare che attraverso le relazioni umane iniziano a svilupparsi nuovi elementi relativi alle condizioni e alla qualità del lavoro ed un approfondimento dei sistemi socio-tecnici (riferito alla progettazione e all organizzazione del processo produttivo), che tende ad ottimizzare tanto il sistema sociale, quanto quello tecnico in un ottica unitaria e complessiva. Per quanto riguarda il tema fondamentale della sicurezza, nel dibattito attuale essa si pone come concetto allargato, spesso de-tecnicizzato, e ricondotto ad una dimensione d insieme di necessità di punti di riferimento che assicurino protezione per lo sviluppo della vita di una persona. Tutti i tipi di allarme e le differenti azioni terroristiche, soprattutto se uniti alle crisi socio-politiche ed economiche, risvegliano e drammatizzano il senso del pericolo ed attivano nelle persone differenti modalità di reazione. La nozione di sicurezza viene tradizionalmente connessa a due settori, quello estero e quello interno. Il primo tratta le minacce provenienti da altri Paesi, a cui si risponde abitualmente con la disponibilità di un potenziale militare adeguato al fine di combattere 1

4 eventuali aggressori. L altra accezione tradizionale del termine sicurezza tratta la tenuta interna dello Stato, e si occupa di controllare, contenere e contrastare le varie possibili forme di degenerazione, gli sviluppi politici illegali, i movimenti criminali, la malavita spicciola, le violenze diffuse dei cittadini. Questa seconda implicazione rimanda operativamente alla disponibilità di programmi e personale di pubblica sicurezza. L Unione Europea riconosce la necessità di risposte multidimensionali per la sicurezza. A tale riconoscimento fanno seguito alcune linee di programmazione per la prevenzione dei conflitti e per l intervento civile nelle crisi. Purtroppo la complessità interna e la mancanza di una politica estera unitaria hanno reso finora l azione dell Unione meno incisiva sul piano internazionale di quanto potrebbe essere in futuro. In generale, quindi, si evince come le forme d attrito fra gruppi umani siano essenzialmente manifestazioni complesse che derivano dall interazione di forze economiche, culturali e psicologiche differenti; la sicurezza, in questo senso, oltre che un fatto politico, è anche un fatto psichico collettivo, gestito dalle corrispondenti istituzioni, che riguarda, inevitabilmente, anche la comunicazione e la relazione. Le scelte politiche sono il risultato di processi complessi che non sono mai totalmente razionali. Le dimensioni soggettive come le emozioni, le valutazioni, le convinzioni e i valori condizionano sempre le scelte cognitive. Le scelte, pertanto, proprio per ragioni connaturate all essere ed alle organizzazioni umane, non sono mai esclusivamente e freddamente logiche. Un atto terroristico o criminale è il prodotto della percezione di ingiustizie, di disinformazione e strumentalizzazione. E utile, quindi, avere visioni e strategie diverse in tema di sicurezza. L insicurezza e la paura hanno, infatti, radici soggettive e culturali, che potrebbero essere due punti di partenza fondamentali in termini di prevenzione e comprensione di rischi. La forza di un Paese è il prodotto di più fattori: della sua coesione interna, della mancanza di fratture etniche o razziali, di una forte autosufficienza ed equità nel soddisfare i bisogni di base, di una stabilità nei suoi equilibri ecologici. Adottare sistemi esclusivamente offensivi non è adeguato. Perseguire l invulnerabilità non significa abbracciare una politica isolazionista, in quanto l obiettivo della sicurezza impegna a promuovere, per il proprio Paese, un ruolo d utilità a livello internazionale. La sicurezza, infatti, è un valore di tipo relazionale che si conquista generando fiducia piuttosto che paura. La teoria psicosociale dei conflitti identifica diversi fattori degli stessi che si intrecciano nei singoli e nei gruppi: la competizione su risorse scarse o ritenute tali; i tratti caratteriali, diffusi in gruppi che sono condizionati dalla tendenza alla violenza; il bisogno degli individui di identificarsi in un gruppo o in una causa che dia alla loro vita un senso trascendente; la tendenza umana ad attribuire all esterno, a proiettare su altri la responsabilità d impulsi ed intenzioni sgradite; una tendenza degli individui a farsi rappresentare, e una specifica suscettibilità a subire l influenza di leader che utilizzano ed indirizzano le inclinazioni degli individui in nome della sicurezza o dell interesse nazionale; le credenze collettive perniciose che diventano rigide, resistenti al cambiamento; esse spesso si accompagnano all intensa sensazione del gruppo d essere vittima di qualche torto. Nel nostro periodo storico questi processi passano attraverso la comunicazione di massa. Tutta l azione rivolta alla costruzione di strumenti e reti organizzative della sicurezza e della difesa serve a prevenire o vincere i contrasti con eventuali invasori, o anche con gruppi che sviluppano azioni antidemocratiche, come mafie e camorre. 2

5 La valutazione realistica dei rischi e delle radici psichiche delle reazioni collettive, nelle loro varie forme sottostanti il sistema di difesa, può contribuire a rendere le istituzioni più efficaci ed efficienti. La realizzazione di questo processo va perseguita con tutte le forze disponibili della società civile organizzata. Costruire soluzioni, stabilire una credibile strategia di risposta alle varie sollecitazioni violente, ivi compreso il terrorismo, e di superamento della fase di crisi, senza ricorso alla violenza è evidentemente un compito complesso. Per difesa civile si intende il coinvolgimento e la responsabilizzazione dei cittadini nella sicurezza del Paese. Diversi ed incalzanti tipi d allarme rimbalzano sui mezzi di comunicazione di massa, perché rispondono ad una suscettibilità emotiva di gruppi consistenti a recepire questi allarmi. La scelta delle informazioni e dei mezzi di comunicazione avviene seguendo una serie complessa di logiche e condizionamenti: i mass media contribuiscono ad incanalare l attenzione in certe direzioni piuttosto che in altre. Le informazioni contribuiscono a costruire le rappresentazioni sociali, le interpretazioni conformistiche e gli obiettivi condivisi. Ciò non necessariamente avviene in maniera trasparente e non necessariamente le interpretazioni, gli obiettivi e le soluzioni proposte saranno corrette, efficaci e funzionali per risolvere alla radice la paura stessa ed il problema concreto, che l ha innescata. Esiste tutta una serie di procedure di controllo, di gestione, ma anche di sapiente enfatizzazione e canalizzazione dell ansia diffusa. Questa ansia viene talvolta convogliata su obiettivi che vengono percepiti come centrali e minacciosi da ampi strati della popolazione. Appare opportuno in tema di sicurezza verificare se tali obiettivi siano funzionali ed in grado di spezzare il circolo vizioso della minaccia e della risposta violenta o se, invece, non siano obiettivi sostitutivi ed erronei o addirittura delle vere e proprie deviazioni di risorse pubbliche a fini privati. Lavorare sulla comunicazione, sull immagine e la politica aziendale sfruttando anche i media, potrebbe essere un modo per eliminare o diminuire i dubbi di chi appartiene a gruppi contrari alle idee aziendali, far sentire presi in considerazione questi soggetti potrebbe essere d aiuto. Il non sentirsi presi in considerazione è un vissuto soggettivo che non dipende solo dai fatti oggettivi del momento. La psicodinamica ci dimostra che i fatti reali s innestano sempre e tanto più quando questi fatti si ripetono sempre uguali, su di un proprio modello di percepire, di porsi, ma anche di selezionare e favorire inconsciamente le risposte altrui. Questo sentirsi inascoltati ha innescato ulteriormente il circolo vizioso della paranoia e dell odio, del sentirsi discriminati e minacciati ed è su questo sentimento che i leader dei diversi gruppi terroristici agiscono, facendo seguaci pericolosi. Le crisi economiche e/o politiche possono quindi fungere da fattori scatenanti; perciò i singoli e le collettività, che sono incapaci di affrontare i problemi in modo costruttivo, possono ricadere in forme emotive e comportamentali pericolose. Nell età dell informazione è diventato possibile, per i movimenti sociali, disperdersi in tutto il globo, coalizzarsi in enormi reti internazionali. Internet ha dimostrato la sua capacità di unire al di là di ogni frontiera fisica o culturale; a questo proposito si è parlato di netwars, le quali hanno per oggetto non più risorse o territori, ma l informazione e la capacità di richiamare l attenzione dell opinione pubblica. L 11 Settembre e il terrorismo segna un altro momento di non ritorno: colpisce il cittadino nella sua quotidianità. Se il terrorismo è un fenomeno internazionale, la risposta deve essere internazionale. La risposta internazionale al terrorismo è un approccio auspicato a livello tecnico e in buona 3

6 parte recepito a livello politico 1. Si è intensificata la creazione di strutture e di strumenti per rafforzare la cooperazione giudiziaria, di polizia e in alcuni casi il coordinamento a livello centrale. In questi casi, nonostante un accordo politico già parzialmente acquisito, i maggiori problemi da affrontare riguardano una cultura della sicurezza restia alla cooperazione e difficoltà tecniche basilari (lingue, competenze, strumentazione tecnica...). La stessa cosa vale per una ipotetica cooperazione fra infrastrutture di maggior rilievo, cercando di passare da un buon livello di coordinamento nazionale fino a tentare una cooperazione tra infrastrutture a livello internazionale, senza dimenticare che la parola d ordine oggi, non è più internazionale, ma glocale. Interessante è anche la modalità di lavoro nell ambito dell anti-terrorismo intrapresa dai Comitati ad hoc del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che si attiva ai sensi di risoluzioni vincolanti per gli Stati membri, i quali spesso si rivolgono ad organismi regionali al fine di facilitare una reale cooperazione degli Stati, nonchè l afflusso delle informazioni necessarie. Se quindi vi è cooperazione politica/tecnica tra il livello regionale ed universale, in termini strategici manca però un chiaro indirizzo su un eventuale ruolo che gli organismi universali potrebbe avere nello sviluppo della dimensione regionale. Le reti che operano a livello internazionale, con basi in diversi paesi, sfruttano i vuoti giuridici spesso derivanti dai limiti geografici delle indagini; inoltre, le differenze nella costruzione dei reati costituiscono un serio ostacolo alla cooperazione. Le fattispecie devono essere delineate in termini generici, soprattutto perché sono spesso il risultato di compromessi, per cui una certa vaghezza si rende necessaria per far sì che il testo sia accettato dal maggior numero possibile di Stati. Oltre alla prevenzione e alla gestione delle crisi c è bisogno di un buon livello di comunicazione e occorre rinforzare la diplomazia per coordinare l attività antiterroristica a livello transnazionale. Le rivoluzioni tecnologiche implicano il fatto che l esperienza giuridica si misuri con un retroterra tecnologico, che deve disciplinare, soprattutto sul piano della riservatezza. La prevenzione diventa quindi difficile quando non si riescono ad interpretare i segnali premonitori degli attacchi, mentre la ritorsione appare impossibile contro un nemico che non ha un indirizzo, non risiede in un luogo preciso in cui si possa colpirlo. L imprevedibilità del terrorismo suicida, inoltre, toglie spazio. alla possibilità di fissare regole nello scontro. Una policy appropriata nei riguardi della propaganda politica terroristica ed una strategia informativa adeguata possono rappresentare un importante contributo, ferma restando una decisa difesa della trasparenza dell informazione, contro ogni strumentalizzazione e per la salvaguardia dei diritti umani e del principio di legalità. Internet costituisce un ottimo strumento per le finalità che il terrorismo si pone: si contraddistingue per l assenza di regole, la possibilità di una navigazione anonima, il vasto potenziale di utenza e il veloce flusso delle informazioni. Gabriel Weimann, autore di una ricerca in proposito, distingue otto diversi usi terroristici della Rete: guerra psicologica: per disinformare, diffondere minacce e instillare paura, pubblicare foto o video delle azioni; pubblicità e propaganda: internet permette di avere il controllo sui messaggi che si intendono divulgare, senza dipendere dalla censura, o dalla rielaborazione del messaggio da parte della stampa. Il ricorso alla violenza è giustificato usando un linguaggio retorico e ridondante; data mining: per la ricerca di informazioni relative ai probabili obiettivi, all organizzazione logistica degli attentati, alla ricerca di strumenti e mezzi che 1 Vedi allegato 3 4

7 possano facilitare le fasi di studio ed attacco; ricerca di finanziamenti: con donazioni on-line tramite carta di credito, oppure segnalando conti bancari su cui versare i contributi; reclutamento e mobilitazione: passando dalla propaganda e dall indottrinamento per avvicinare la potenziale recluta; collegamento: agevolato dalla velocità e dalla immediata diffusione che il sistema Internet permette, a cui si aggiunge una notevole riduzione dei costi; scambio di informazioni: dozzine di siti insegnano a confezionare esplosivi, bombe sporche, veleni, gas tossici o mettono a disposizione veri e propri manuali; pianificazione e coordinamento delle azioni: attraverso messaggi criptati scambiati in aree protette da accesso con password. Una diversa distinzione va fatta tra le diverse tipologie di siti: dediti alla cyber Jihad : organizzano incursioni telematiche ai danni di siti ebraici americani sfregiandone la home page con insulti pseudonazisti, forniscono istruzioni per hackerare il sito del Dipartimento israeliano della difesa ed esortano i visitatori a lanciare attacchi telematici contro siti americani; controinformazione; propaganda; raccolta fondi attraverso la vendita di biglietti per eventi culturali, libri, oggettistica varia, audio e videocassette; propaganda con messaggi in codice, (crittografati); esplicitamente eversivi. Un discorso diverso va fatto per le comunicazioni fra cellule o infiltrati nel mondo occidentale; in questo caso è infatti possibile incontrare messaggi cifrati sulla Rete, o testi nascosti dietro l immagine banale di un sito. È per questo che i terroristi preferiscono mischiarsi alla folla e confondersi con i milioni di messaggi scambiati all interno delle web chat, nei newsgroup; in aree private, quindi, possono passare inosservati adottando alcuni accorgimenti, come l uso di lingue diverse dall inglese, il russo e l arabo lingue elaborate automaticamente, l utilizzo di modi di dire dialettali, e lo scambio di indicazioni geografiche utilizzando riferimenti noti solo a chi comunica. È assai probabile che utilizzino le reti virtuali private che non operano sulla porta 80, utilizzata dalla rete www (http), ma su porte concordate dagli utenti. Si tratta di una sorta di Internet parallela. Di minor utilizzo sono i siti che permettono di celare il proprio numero IP e ottenerne uno appoggiato su server posti a migliaia di chilometri di distanza. Meno considerate sono le tecniche di pirataggio telefonico che permettono di esplorare la rete telefonica sfruttando le debolezze dei sistemi e di triangolazione di diversi cellulari con un numero fisso. Attraverso internet, la pirateria informatica può dispiegare o distruggere le forze del nemico, danneggiando banche, aerei o missili. In un rapporto del (ex) SISMI, si avverte che al-qaeda, ha raggiunto una capacità tale da essere in grado di sperimentare attacchi ai sistemi informatici che controllano l erogazione di servizi, come le reti idriche, elettriche, delle comunicazioni e dei soccorsi. Con l espressione attentato si fa, dunque, riferimento a quegli atti violenti orientati primariamente ad ottenere il controllo di beni, di posizioni geo-strategiche o di servizi ed accompagnati dalla scelta di obiettivi prevalentemente di carattere simbolico. Il terrorismo, infatti, intende fiaccare, ledere e distruggere l unità morale del gruppo percepito come contrario e creare il caos. L obiettivo del terrorismo è il cambiamento del sistema o delle classi dirigenti. Esso ha, quindi, a che vedere con la guerra psicologica. Un problema è che spesso sembra vengano classificate e trattate come azioni terroristiche 5

8 anche azioni violente che non sono pianificate razionalmente per diffondere il terrore nell Occidente, ma sembrano essere il prodotto di altri processi. Questa confusione può essere controproducente 2. Molte azioni di violenza non sembrano, in effetti, orientate a sovvertire il potere politico internazionale, ma solo quelli locali; bisogna dunque porre attenzione anche ad un livello più periferico. Esse puntano a danneggiare per danneggiare, come gesti di disperazione ed aggressione pura. Oppure, ancora, tali azioni sono tentativi maldestri ed immaturi per affrontare i problemi reali. É necessario dunque che le istituzioni diano risposte diversificate ed efficaci, non controproducenti, sia alle une che alle altre forme di azione violente. E un atto intenzionale che, per la sua natura o contesto, può recare grave danno a un Paese o un organizzazione internazionale, attentando alla vita o all integrità fisica di persone o distruggere strutture governative o pubbliche, sistemi di trasporto, infrastrutture, compresi i sistemi informatici, piattaforme fisse situate sulla piattaforma continentale ovvero di luoghi pubblici o di proprietà private, che possono mettere a repentaglio vite umane o causare perdite economiche considerevoli. Sono da annoverare inoltre i sequestri di mezzi o persone e la fabbricazione, detenzione, acquisto trasporto fornitura o uso di armi da fuoco, esplosivi armi atomiche, biologiche o chimiche nonché, per le armi biologiche e chimiche, ricerca e sviluppo. La diffusione di sostanze pericolose, ragionamento di incendi inondazioni o esplosioni il cui effetto metta in pericolo vite umane; la manomissione o. interruzione, della fornitura di acqua energia o altre risorse naturali fondamentali il cui effetto metta in pericolo vite umane. Non esiste ancora una teoria globale, ragion per cui una corretta analisi di ogni fenomeno terroristico deve tener presente i vettori interni ed internazionali di quello specifico momento. Sono sempre più numerose le analisi che pongono l accento sull eventualità che gruppi terroristici possano utilizzare prodotti nucleari per fabbricare ordigni letali: è l era del tecnoterrorista in grado di ricattare l intero pianeta con la minaccia della catastrofe nucleare; e non sono improbabili attacchi bioterroristici, con armi chimiche e batteriologice, che sono ormai diventate di facile produzione e il loro know how è ormai accessibile a migliaia di persone grazie alle indicazioni fornite dai numerosi libri o dalle pagine di Internet lucidamente precise in ogni dettaglio. Alla luce dell attentato dell 11 Settembre 2001 e di altri precedenti atti criminali è possibile individuare nuove caratteristiche dei fenomeni terroristici: un uso rilevante, di materiale esplosivo in centri urbani; l irrazionale intenzione di causare massacri con tiri alto numero di vittime; il proposito di usare mezzi non convenzionali di distruzione di massa o la volontà di infliggere ingenti danni economici agli Stati colpiti una stretta sinergia tra gruppi terroristici e sistemi mafiosi. Spesso si tratta di manifestazioni simboliche, quasi fini a se stesse, o comunque realizzate più per impressionare l opinione pubblica, che per ottenere risultati concreti. Di qui l importanza dell uso della stampa e dei mezzi di comunicazione di massa. I terroristi, infatti, fin dall inizio, si prefiggono di ottenere la massima risonanza possibile delle loro gesta; l atto è compiuto non tanto per quello che realizza in sé, quanto perché la stampa ne parli ed esso si trasformi in un detonatore propagandistico dell ideologia. I media occidentali fanno un enorme pubblicità delle nefandezze dei terroristi e, dando sempre più spazio ai loro crimini in quanto sempre più orrendi, incoraggiano, in particolar modo il terrorismo islamico, ad essere sempre più sadico e crudele. Ci si può chiedere perciò se sia eticamente corretto che i media occidentali, per contentare la 2 Vedi allegato 1 6

9 curiosità talvolta morbosa degli utenti, diano un aiuto tanto grande al terrorismo. Il ricorso al terrorismo non è una scelta intenzionale, ma una conseguenza di pressioni psicologiche che vengono razionalizzate e giustificate attraverso l uso di una logica folle. Tale ipotesi, però, non risulta molto realistica nel momento in cui la si confronta con le molteplici ragioni che sottendono ad un attentato terroristico, incluse le convinzioni ideologiche. Al contrario, i terroristi sono persone generalmente sane: l incredibile caratteristica comune alla quasi totalità dei terroristi è la loro normalità 3. Bisogna associare le loro qualità razionali e prospettive ad un individuo freddo, con capacità pianificatrici logiche, le cui ricompense sono ideologiche e politiche, non finanziarie. Tale ipotesi tiene in considerazione il fatto che i terroristi abbiano spesso un educazione di buon livello e siano in grado di elaborare sofisticate analisi politiche e retoriche. Sembra non esserci un identificativo univoco e specifico, di facile definizione e inquadramento nella personalità del terrorista. Non c è infatti nessun tratto caratteristico che possa permettere alle autorità di indicare con certezza un probabile attentatore, né gli si possono attribuire malattie mentali o stati psicopatologici manifesti: il terrorista è fondamentalmente equilibrato. Ad ogni modo, i terroristi transnazionali cercano di mandare un messaggio ideologico o religioso terrorizzando le masse, non essendo in grado di raggiungere i loro scopi attraverso strumenti convenzionali. Attraverso la scelta degli obiettivi, i terroristi cercano di creare con l atto di violenza un impatto di alto livello sul pubblico, nonostante la limitatezza delle risorse a loro disposizione. Una base di competenze psico-sociologiche potrebbe essere una modalità per l analisi della situazione e la valutazione degli interventi. Per la costruzione di un piano, bisogna partire da un analisi della situazione, una mappatura dei progetti in atto e una loro (ri-)organizzazione in base alle priorità e alle disponibilità e necessità individuate. Per ottenere un processo più raffinato è indispensabile inserire un attività di monitoraggio e valutazione dei risultati, perché il rapporto non deve esaurirsi semplicemente in una relazione puramente tecnica. La dimensione teorica non va sottovalutata, ma privilegiata, approfondendo il rapporto tra società e ambiente e le relative implicazioni sui versanti etici, culturali e le immagini della natura. Di qui l idea dell opinione pubblica di tutelare i paesaggi, avviando progetti e piani solidali con gli ecosistemi presenti e futuri, gestendo un processo partecipativo delle popolazioni coinvolte e massimizzando il consenso sociale. L idea condivisa è che finora sia stata soprattutto una globalizzazione economica, dominata da una matrice liberista del mercato, i cui interessi di rado coincidono con quelli della tutela dell ambiente. Ampliando la portata del concetto, fanno parte l analisi dei rischi ambientali che insistono maggiormente sull apparato tecnologico (salute e impatti nocivi di talune tecnologie), ma vi sono anche ricercatori che insistono su una dimensione del rischio più sociale, cioè legata a patologie sociali. Ipoteticamente, a partire dalle analisi sulle dinamiche percettive, sulla rilevanza sociale e simbolica dei diversi ambiti locali si possono ricostruire ed analizzare quelle mappe di coloro che vivono i territori oggetti di indagine. Tali mappe vengono costruite selezionando e combinando informazioni, percezioni e valutazioni soggettive. Le rappresentazioni mentali contengono sempre valutazioni simboliche. Un altra importante capacità per combattere attacchi di diversa natura è rappresentata da un efficace intelligence di Stato (o sovrastatale) o di security infrastrutturale/aziendale e la loro reciproca collaborazione in modo da supportarsi e formarsi a vicenda. Ciò 3 Vedi allegato 2 7

10 contribuisce ad una comune comprensione delle minacce terroristiche ed alla preparazione di adeguate risposte. Alleati e partners dovrebbero collaborare per migliorare la preparazione civile contro possibili attacchi. Particolare preoccupazione riveste la possibilità di danni di portata catastrofica causati da attacchi contro le popolazioni civili con agenti chimici, biologici, nucleari o radioattivi. Inoltre, sono state stabilite una serie di regole basilari e direttive non vincolanti per i primi interventi concernenti la pianificazione, l addestramento, le procedure e l equipaggiamento nel caso di eventi viene attualmente sviluppata e numerose iniziative sono in corso per proteggere le fondamentali infrastrutture civili 4. Occorre concepire una pianificazione della contingenza per rispondere a gravi forme di distruzione causate da attacchi terroristici, in particolare se questi ultimi includono armi di distruzione di massa o attacchi a centrali nucleari. In tale contesto, una rafforzata cooperazione civile/militare nella gestione delle conseguenze e nella preparazione potrebbe contribuire ad una più efficace risposta. La CIA ha avanzato l ipotesi che il prossimo attentato in America potrebbe venire eseguito con una bomba sporca e cioè un ordigno capace di emettere radiazioni. L ultima frontiera dei terroristi potrebbe essere l esplosivo invisibile che può essere nascosto, ad esempio, in una giacca o in un pupazzo di peluche; ne basterebbe una quantità ridotta per provocare, ad esempio, uno squarcio nella fusoliera di un aereo e distruggerlo. Al-Qaeda avrebbe progettato di usare uno dei suoi piloti per impadronirsi di jet cargo, meno protetti dei voli di linea ed utilizzarli per colpire obiettivi sensibili. Le operazioni di prevenzione e contrasto devono essere mirate e quindi guidate dall intelligence che non deve soltanto fornire gli obiettivi della ricerca e dell azione, ma deve anche guidare l azione stessa nella sua fase esecutiva. In questa fase bisogna accertarsi che gli obiettivi siano quelli programmati, che le informazioni siano acquisite con sistemi inattaccabili e che le prove reperibili sui luoghi dell operazione siano legali e producibili nel procedimento giudiziario 5. Le minacce sono dinamiche: non restano mai uguali a sé stesse, si evolvono, spostano i loro obiettivi, si articolano e si collegano in forme sempre nuove al fine di sottrarsi all osservazione delle strutture che le combattono. La modifica delle minacce implica una modifica nel modo di operare e uno sforzo di aggiornamento del processo di formazione culturale dei loro elementi, sia per quanto attiene alla preparazione precedente l assunzione in servizio, sia per quanto attiene ai contenuti addestrativi. Sotto il primo aspetto, competenze informatiche, economiche, linguistiche, finanziarie, tecnologiche assumono una importanza crescente rispetto al passato; sotto il secondo aspetto, queste competenze devono essere affinate e orientate secondo le tecniche specifiche dell attività d intelligence. L interesse nazionale (e quindi la sicurezza nazionale) ha spostato il suo baricentro dagli aspetti militari e ideologici a quelli economici (competizione commerciale, spionaggio e controspionaggio economico, nuove tecnologie, speculazione finanziaria) in cui non esistono più Stati amici o nemici, ma una sfrenata concorrenza che, praticata anche da soggetti transnazionali o avente per oggetto imponenti masse di capitali, rende inefficace l azione di alcuni strumenti tradizionali di controllo degli Stati. Il termine intelligence non significa altro che intelligenza ; indica, quindi, la capacità di leggere in maniera penetrante la realtà, comprendere e anche prevedere i processi politici, culturali e sociali, individuare le minacce e tutti i percorsi possibili per la loro neutralizzazione, meglio se in chiave di prevenzione piuttosto che di repressione. Le informazioni possono essere raccolte secondo svariate modalità, con mezzi legali o illegali. Per esempio: 4 Vedi allegato 5 5 Vedi allegato 4 8

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli