Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta"

Transcript

1 Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica - Sezione di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Cagliari Policlinico (Blocco G) (mattina) (sera) 1

2 Tubercolosi : Malattia infettiva da micobatteri patogeni per l uomo l (per lo più polmone) - Mycobacterium tuberculosis (hominis)) [via aerogena interumana] - Mycobacterium bovis [latte infetto] - Mycobacterium africanum (specialmente nelle regioni africane) queste 3 varietà sono indicate nell insieme come complesso tubercolare Bacillo aerobio a replicazione lenta ( ore), con aspetto bastoncellare (4-5 μ), resistente agli alcoli e agli acidi (acido micolico), al calore (100 C) e all essicamento Azione: attivazione di immunoreazione cellulo-mediata locale (macrofagi e linfociti) [ reazione ritardata di IV tipo ] Fattori congeniti e acquisiti condizionano la risposta immunitaria macrofagica naturale (diabete, immunosopressione,, fumo di tabacco, NOx,, pneumoconiosi) e la riposta immunitaria cellulo-mediata ( Ipersensibilità ) Risposta: NORMALE - IPEREGICA- DEPRESSA (ANERGICA)

3 Distinzione tra: INFEZIONE TUBERCOLARE (contatto + risposta immunitaria) MALATTIA TUBERCOLARE ( 5-10% 5 dei casi infetti) Dopo la 1 a infezione: - in circa il 5% dei casi il controllo della replicazione dei MBT non è adeguato e si può avere sviluppo di malattia tubercolare polmonare entro 1 anno (TBC primaria) - in un altro 5% dei casi si può avere sviluppo di malattia a distanza di anni (TBC post-primaria) primaria) ( la possibilità di malattia decresce con il tempo trascorso dalla prima infezione ne ) La probabilità di reinfezione e di sviluppo della malattia dipende dalla carica batterica e dallo stato delle difese dell organismo Fattori di rischio per malattia tubercolare dopo l infezionel Fattori di rischio Incidenza per 1000 P-AP Rischio Relativo Infezione TB < 1 anno 10.4 Infezione TB > 7 anni 0.7 Infezione da HIV Silicosi 30.0 Emodialisi 12.0 Terapia immunosoppressiva Diabete 2-4 Malnutrizione 2-4

4 Dati epidemiologici OMS : valutazione globale ultimo decennio circa 3 milioni di morti per TBC all anno (80% africa, asia); 20 milioni di casi di TBC attiva nel mondo 8 milioni di nuovi casi all anno (80-90% nei paesi emergenti) un terzo della popolazione mondiale con infezione da MBT (80% nei paesi emergenti)

5 Log scale per Rischio di infezione Andamento epidemiologico della TBC USA - Europa Incidenza di TBC HIV-AIDS, Immigrazione, Immunosoppressione Mortalità per TBC Italia TBC : 5.9 casi per (immigrati)

6 Tubercolosi: trasmissione dell infezione (interumana) Aerodispersione dei micobatteri con la tosse e gli starnuti da parte di malati di TBC attiva (aperta) Penetrazione 1 a infezione Polmoni Aerosol di goccioline di Flugge (1-5 μ) Inalazione Ingestione Tonsille Particelle sterilizzate dai raggi del sole e disperse dal vento Linfonodi Intestino MBT preservati in ambiente poco luminoso e umido Percutanea Disseminazione in altri organi Nota: La probabilità degli esposti di infettarsi dipende dalla densità delle particelle in sospensione e dal tempo dell esposizione esposizione

7

8 Rischio annuale di TBC attiva: - Portatori di entrambe le infezioni (HIV embt): 8% - Nei pazienti con AIDS e con infezione da MBT: 30%

9 Tessuto Linfoide Associato all albero Tracheo-Bronchiale

10 B.A.L.T.: Broncho-Alveolar Linphatic Tissue Fagocitosi Macrofagica Tessuto linfatico IgA Adesione IgA Linfonodi MBT Endocitosi Fagosomi Linfatici Fagolisosomi IgG IgM Digestione intracellulare Macrofagi alveolari Espulsione frammenti di germi Nota: i MBT (acido micolico) inibiscono la funzione fagcitaria macrofagica impedendo la fusione dei fagosomi con i lisosomi

11 TBC: risposte cellulari Patogenesi 1) arrivo dei MBT nella zona respiratoria 2) moltiplicazione extra e intracellulare (Macr) specialmente nelle zone polmonari meglio aerate (segmento superiore lobi inferiori) prima che si sviluppi l immunità specifica 1 a INFEZIONE Lisi dei bacilli Macrofagi alveolari Lisi dei macrofagi 3) diffusione per via linfatica (linfonodi regionali) per continuità e contiguità (pleura, pericardio), per via canalicolare (vie aeree) e per via ematogena (SNC, tessuto osseo, reni, fegato) ed eventuale moltiplicazione in loco B-linfociti Informazione immunologica T-linfociti IL-2 T-Helper 4) dopo alcune settimane dalla prima infezione si completa la risposta immunitaria specifica alle proteine del MBT (Tubercolina positiva) MIF MAF S-MAF IL-1 T-Suppressor Risposta ritardata di IV tipo cellulo-mediata: - Linfociti T verso antigeni del MBT (citolisi) - Linfochine: accumulo e attivazione dei Macrofagi Macrofagi attivati ROS Lisi dei bacilli Nota1: La persistenza di bacilli virulenti all interno dei macrofagi è dovuta a mancata fusione fra fagosomi e lisosomi legata alla produzione di acido micolico (cere,lipidi) da parte dei MBT Nota2: Il cord-factor dei MBT agisce contro il MIF (fattore di inibizione della migrazione macrofagica) ) che normalmente permette di mantenere elevato il numero dei macrofagi i nella sede di infezione

12 Processo tubercolare Le lesioni tubercolari sono il risultato della risposta cellulo-mediata Modalità di reazione (infiammazione): 1 Lesione essudativa preceduta da dilatazione capillare e rigonfiamento endoteliale 2 Alveolite fibrino-macrofagica evolvente in caseosi 3 Alveolite polimorfonucleare evolvente in colliquazione 4 Alveolite fibrinosa con scarse cellule (forma non primaria) Lesioni soggette per lo più a risoluzione completa Necrosi caseosa - rimane solida, viene riassorbita, ialinosi,, fibrosi, calcificazione - và incontro a colliquazione (proteolisi da PMN) con possibile caverna che può cicatrizzare o permanere come e fonte bacillifera Tubercolo (può precedere o seguire la caseosi): infiammazione granulomatosa con cellule epiteliodi (macrofagi) e cellule giganti (cellule di Langhans), monociti, linfociti, fibroblasti,, fibre collagene, capillari. Tutto intorno lesioni infiammatorie aspecifiche anche estese e reversibili [ epitubercolosi ]

13 Nota: l evoluzione dipende dalla virulenza e dall entità della carica infettante, dall immunità specifica dell ospite, dalla presenza di altre patologie (diabete, pneumoconiosi, AIDS) o fattori individuali o acquisiti (età, fumo, etilismo, malnutrizione) che condizionano la risposta 1 focolaio locale (essudato, tubercolo) 1) TBC primaria risoluzione ispessimento, incapsulamento, fibrosi (giorni-mesi) ( guarigione o evoluzione tardiva) calcificazione Evoluzione del tubercolo carica batterica modesta + immunità normale fibrosi con limitazione del processo 2) TBC post-primaria primaria riattivazione carica batterica elevata + risposta iperergica propagazione per contiguità (coalescenza di tubercoli) necrosi caseosa circoscritta carica batterica elevata + risposta anergica caseosi centrale Parenchima polmonare: zone ad elevata VA e VA/Q Disseminazione verso altri organi Colliquazione, cavernizzazione, erosione bronco necrosi caseosa colliquazione DIFFUSIONE

14 Forme cliniche di malattia tubercolare 1) TBC primaria: consegue al primo contatto (tubercolino( tubercolino-negativi negativi) [negativizzazione?] Carica infettante modesta Carica infettante elevata immunità normale immunità scarsa immunità immunità vivace vivace immunità normale immunità scarsa complesso diffusione primario ematogena essudazone locale fenomeni essudativi a diffusione locale diffusione ematogena GUARIGIONE MILIARE EPITUBERCOLOSI ACUTA ERITEMA NODOSO DISSEMINATA PLEURITE TBC POLMONITE CASEOSA MILIARE CON ESCAVAZIONE ACUTA TISI PRIMARIA DISSEMINATA

15 Forme cliniche di malattia tubercolare 2) TBC post-primaria: primaria: malattia in soggetti sensibilizzati (tubercolino( tubercolino-positivi) generalmente per riaccensione di focolai apparentemente quiescenti per riduzione delle difese immunitarie [ Riattivazione endogena (80% dei casi), Reinfezione esogena (20%) ] Carica infettante modesta Carica infettante elevata immunità normale immunità scarsa immunità immunità vivace vivace immunità normale immunità scarsa riattivazione diffusione locale ematogena diffusione ematogena,, linfatica, diffusione emolinfatica o endocanalicolare ematogena FOCOLAI MILIARE INFILTRATO DI ASSMANN-REDEKER NODULARI ACUTA O FORME ESSUDATIVE POLMONARI APICALI DISCRETA DEL POLMONE O ALTRI ORGANI MILIARE ACUTA O ( POLMONITE CASEOSA, LOBITE ) DISCRETA DEL O EXTRAPOLMONARI POLMONE O ALTRI [ evoluzione per lo più in caverne polmonari ] ORGANI

16 TBC: manifestazioni cliniche Sintomi generali: negli anziani sintomi sfumati, talvolta assenti o sottostimati (diagnosi occasionale: Rx,, esposizione, tubercolina, espettorato) Generalmente insorgenza insidiosa, subacuta: astenia, anoressia, calo ponderale, febbricola serotina, sudorazione per settimane o mesi Talvolta insorgenza acuta con brividi, febbre, tosse (sindrome influenzale) Sintomi toracici: - Tosse prima secca poi produttiva (esp esp.. muco-purulento) - Emottisi (striature di sangue) o Emoftoe (forme avanzate) - Dolore toracico per interessamento pleurico - Dispnea nelle forme avanzate o per versamento pleurico Obiettività: Variabile, spesso negativa (rantolini( rantolini,, segni di consolidamento) Rx torace e TAC: infiltrati, noduli multipli o disseminati, cavità,, calcificazioni, accentuazione disegno bronco-vasale, vasale, velatura o opacamento campi polmonari Quadro funzionale: forme avanzate (deficit restrittivo, talvolta riduzione TLCO) Laboratorio: movimento degli indici di flogosi (VES), anemia, leucopenia

17 TBC: complicanze e forme extra-polmonari Complicanze: Versamenti pleurici, Empiema,, Pneumotorace, Laringite, Enterite (deglutizione MBT) Aspergilloma instauratosi in una caverna guarita, Cuore Polmonare Cronico TBC extrapolmonare: Genitourinario: piuria,, ematuria, febbre, epididimiti,, prostatiti, salpingiti, endometriti, [ colture urinarie ripetute, biopsie ] Osteoarticolare: artriti, osteomieliti, lesioni osteolitiche vertebrali Linfonodi: ilari, mediastinici,, cervicali, sopraclaveari sopraclaveari [ biopsia per i linfonodi accessibili ] Meningiti: (specie nei bambini complicanza di TBC primaria) febbre, convulsioni Peritoniti e ascite (paracentesi e coltura) Pericardite: (forma rara, diagnosi difficile) Diagnosi: quadro polmonare, batteriologica, positività tubercolinica, terapia ex adiuvantibus

18 Complesso primario tubercolare Complesso primario con evoluzione calcifica (permane modico ingrossamento linfonodale) Piccolo infiltrato broncopneumonico del lobo superiore destro con ingrossamento dei linfonodi ilari e tracheo-bronchiali. Nota: il focolaio viscerale iniziale può localizzarsi anche in altre zone del polmone

19 Tubercolosi primaria infiltrato nodulare Dx con versamento pleurico saccato

20 Tubercolosi miliare Numerosissimi tubercoli miliari diffusi in entrambi i polmoni e sulla superficie pleurica

21 Infiltrato apicale post-primario primario a evoluzione cavitaria TBC post primaria Processo di cavitazione Rx postero- anteriore

22 TBC: infiltrati tisiogeni

23 Tubercolosi cavitaria estensiva Numerosi infiltrati caseosi diffusi con numerose estese caverne erodenti i vasi polmonari e bronchiali con emoftoe. Esteso coinvolgimento linfonodale ilare e para- tracheale Marcato scadimento delle condizioni generali (Tisi)

24 Rx torace e TAC di forme di TBC cavitaria

25 Fibrotorace tubercolare ed Empiema destro Rx torace Postero-Anteriore Retrazione emitorace destro con marcato ispessimento calcifico della pleura viscerale (osso di seppia) Empiema pleurico saccato omolaterale

26 Fibrotorace e Bronchiettasie tubercolari Retrazione emitorace Sn per fibrosclerosi tubercolare del lobo inferiore con bronchiettasie e incarceramento di diramazioni bronchiali

27 ACCERTAMENTO BATTERIOLOGICO E ISOLAMENTO DEL MBT Nota: Raccolta di espettorato non salivare in piastre sterili; esame e in tempi brevi

28 1) Esame diretto: semplice fissazione alla fiamma dello striscio prima della color 2) Esame dopo arricchimento: materiale pre-trattato con NaOH e HCl semplice fissazione alla fiamma dello striscio prima della colorazione HCl (eliminazione cellule e altri germi) Colorazione di Ziehl-Neelsen Colorazione alternativa: auramina/rodamina rodamina e rilevazione di bastoncelli fluorescenti 1) Striscio di una goccia di escreato 3) lavaggio con alcol-acido acido e poi con H 2 O distillata 2) colorazione con fucsina fenicata di Ziehl (rossa) e riscaldamento Terreni e brodi di coltura: (uovo, glicerina) - terreno di Petragnani,, di Loewstein-Jensen (2-4 sett) - Middlebrook 7H10: acido palmitico marcatocon 14 C (crescita rapida in giorni e facile identificazione) - Tubi specifici per i diversi MB (analisi DNA: ore) Esami radioimmunologici di antigeni e anticorpi dei MB Analisi in HPLC di costituenti dei MB (acido micolico) Loewstein-Jensen Microscopio a immersione 4) colorazione con blu di metilene e verde malachite bastoncelli rossi, leucociti, macrofagi e lavaggio con H 2 O distillata MBT colonie color cuoio e rugose MB Kansasii colonie arancio dopo esposizione alla luce Piastra con terreno di Petragnani positiva per MBT

29 Il test tubercolinico ha una elevata sensibilità [pochi falsi negativi] (immunodepressione( immunodepressione, errori di somministrazione) e una elevata specificità [pochi falsi positivi per il MTB] (sensibilizzazione crociata verso altri MB non tubercolari)

30 Indicazione al test Tubercolinico Attualmente è un test discriminante per l infezione tubercolare per cui è utilizzato negli screening di popolazione per identificare i nuovi infetti che debbano essere sottoposti a terapia nell ambito dei gruppi a rischio nei pazienti con patologie con aumento del rischio per TBC (diabete, linfomi, terapie immunodepressive)

31 Intradermoreazione alla Mantoux ( 5 UT di PPD ) [ faccia volare dell avambraccio ] Test tubercolinico Inoculazione intradermica di antigeni ottenuti da colture di micobatteri Sviluppo nell infetto di una tipica reazione di IV tipo (cellulo( cellulo-mediata) ) nel tempo di ore: dopo settimane dalla prima infezione si sviluppano in sede locregionale i T-linfociti specifici che vanno poi in circolo e sono responsabili dell infiltrazione cutanea nei test positivi Identificazione dello infiltrato (papula) [non tenere conto dell eritema] eritema] Dagli anni 30 si utilizza un Derivato Proteico Purificato (PPD) standardizzato che riduce la probabilità di reazioni immediate indesiderate (Unità Tubercolinica = 0.2 μg g di PPD) Due metodi: Multitest (4-6 6 punte rivestite di PPD secca) [ screening ] Intradermoreazione alla Mantoux Dose standard: 5 UT; misura reazione [ ispezione e palpazione, diametro papula ] Test: Negativo: < 5 mm Occasionalmente vescicolazioni e necrosi in soggetti iperergici Dubbio: mm Positivo > 10 mm Si abbassa il limite di positività ( > 5 mm) per: infezione da HIV; recente contatto con malati di TBC; casi con vecchi esiti di TBC, vaccinati con BCG e per extracomunitari (Africa, Asia), tossicodipendenti, carcerati, lungo-degenti e in pazienti a maggior rischio: (diabetici, neoplasie, terapie immunodepressive)

32 Prevenzione TBC: Vaccinazione BCG (Bacillo Calmette-Guerin Guerin) specie micobatterica avirulenta ma immunuogena derivata dal MB bovis Generalmente vaccinazione in età pediatrica ma anche da adulti Previene o limita l infezione l da MBT ai polmoni L efficacia si riduce con il tempo (anni) e l efficacia l è varia (10-80%) ( potenza del vaccino, modalità di somministrazione, stato nutrizionale ) Complicanze rare (infezioni secondarie locali, disseminazione di infezione) ITALIA: vaccinazione obbligatoria in cutinegativi se figli o conviventi di tubercolotici o di personale di reparti ospedalieri specialistici i (pneumologici( pneumologici), residenti in zone ad alta incidenza di TBC, negli studenti di medicina e militari di leva se cutinegativi [ Legge 1970, DL 1975 ]

33

34 Prevenzione TBC: chemioprofilassi con ISONIAZIDE [ per OS: 10 mg/kg/die bambini; ; 5 mg/kg/die adulti (max 300 mg/die) ] (durata da 6 a 12 mesi) [ L L isoniazide è sostituita dalla Rifampicina se si sospetta presenza di ceppi resistenti all isoniazide ] Chemioprofilassi primaria: somministrazione preventiva in cuti-negativi esposti a rischio di malattia (immunodepressi,, conviventi con tubercolotici) Chemioprofilassi secondaria: terapia attivata nella fase di infezione latente (cuti( cuti-positivi, conversione test tubercolinico) in particolare nei soggetti a rischio di progressione dall infezione alla malattia bambini < 5 anni se a rischio (miliare, meningite); soggetti di età < 35 anni se a contatto con pazienti bacilliferi; ; soggetti con recente conversione del test tubercolinico; diabetici, pazienti con neoplasia, linfomi, silicosi; immunodepressione da farmaci; HIV positivi e tubercolino-positivi positivi; ; immigrati con elevata positività alla tubercolina

35 Cautele nell applicazione della chemioprofilassi con isoniazide

36 TBC: chemioterapici (prevenzione e terapia) Classificazione in base a: - attività anti MBT (attivit( attività intracellulare) - tollerabilità - possibilità/tempi insorgenza resistenza - valutazione clinica PRIMARI (farmaci di prima scelta): ISONIAZIDE: RIFAMPICINA: Battericida extra-intracellulare (sintesi acidi Per Os, escrezione renale; bassa tossicità (epatica) ( dose mg/kg/die; max 300 mg/die) [ attivo anche sul myc. Kansasii] (sintesi acidi micolici) Battericida extra-intracellulare Per Os, escrezione renale; bassa tossicità (epatica) intracellulare (sintesi RNA del MBT) ( dose mg/die; dose unica al mattino) [ Rifampicina si distribuisce rapidamente e con concentrazioni efficaci in molti organi e liquidi corporei ]

37 TBC: Terapia 1 Altri farmaci di prima scelta nella terapia antitubercolare ETAMBUTOLO Batteriostatico extra-intra.; per OS PIRAZINAMIDE Battericida intracellulare; per OS STREPTOMICINA Battericida extracellulare; parenterale

38 TBC: Terapia 2 Farmaci di seconda scelta nella terapia antitubercolare PAS Batteriostatico extracellulare; per OS; resistenza a sviluppo lento

39 Protocolli farmacologici impiegati nella terapia della tubercolosi (MBT) Protocollo breve [ 6 mesi ] fase iniziale (2 mesi) fase di proseguimento (4 mesi) [ somministrazione giornaliera ] [ somministrazione volte/settimana ] RIFAMPICINA ISONIAZIDE PIRAZINAMIDE RIFAMPICINA ISONIAZIDE ( + altri mesi di ISONIAZIDE) ( ETAMBUTOLO*) se non si somministra PIRAZINAMIDE o questa non è tollerata si usa un protocollo più lungo Protocollo lungo [ 9 mesi ] fase iniziale (2 mesi) fase di proseguimento (7 mesi) [ somministrazione giornaliera ] [ somministrazione volte/settimana ] RIFAMPICINA ISONIAZIDE RIFAMPICINA ISONIAZIDE ( + altri mesi di ISONIAZIDE) ( ETAMBUTOLO*) Nota: (*) ETAMBUTOLO necessario se il paziente è esposto a rischio di farmacoresistenza (Africa -Asia)

40 Monitoraggio della terapia antitubercolare Negativizzazione del BK nello espettorato [diretto/coltura] (controllo iniziale ogni 2 settimane poi ogni mesi) Nota: se ancora positivo dopo mesi riconsiderare lo schema terapeutico Controllo quadro clinico-biologico (febbricola, tosse, anemia, astenia, VES) Controllo (mensile) Rx [utile se comparativo] Nota: l insuccesso terapeutico può dipendere da emergenza di ceppi resistenti Altri farmaci attivi sul MTB (in associazione con farmaci primari): - derivati della rifampicina - chinolonici (oflaxacina) - amoxicillina+ acido clavulanico (attiva in vitro)

41 Micobatteriosi non tubercolari: infezioni da micobatteri atipici generalmente quadri clinici più sfumati spesso resistenti ai chemioterapici attivi sul MBT

42 Micobatteriosi non tubercolari

43 Micobatteriosi polmonare (spesso quadri radiologici simili a quelli da MBT) Micobatteriosi polmonare localizzata in sde apicale da Micobacterium avium in paziente immuno-depresso depresso: Rx (A) e (B) : infiltrati e lesioni cavitarie apicali; Rx (C) risoluzione radiologica dopo trattamento

44 Quadro istopatologico di micobatteriosi da M. Kansasii

45

46 Terapia delle micobatteriosi non tubercolari (NMTBC)

47

48 Miti sulla Tubercolosi: concetti tradizionali non veri che influenzano negativamente la prevenzione e il controllo della tubercolosi Mai ripetere un test tubercolinico in soggetti cuti-positivi o vaccinati ( la frequenza di reazioni locali severe e di sovrainfezioni è in realtà minima ) La chemioprofilassi farmacologica è pericolosa [ in realtà il rischio epatotossico da isoniazide è minimo (usare comunque cautela) Lo screening radiologico è efficace ( in realtà non è utile, pone rischi da radiazioni: meglio il test tubercolinico ) La tubercolosi non è una malattia professionale Rischio di infezione maggiore: personale sanitario, carceri, centri antidroga, stabulari Rischio di infezione elevato: manovalanza generica (lavoratori immigrati), lavanderie, alimentari, facchinaggio Esposizioni che aumentano la suscettibilità a sviluppare TBC attiva: minatori, cavatori, scalpellini, operai fonderie (in particolare se silicotici) [ impegno macrofagico da polveri fini]

SORVEGLIANZA DEI CONTATTI DI UN CASO DI TUBERCOLOSI.

SORVEGLIANZA DEI CONTATTI DI UN CASO DI TUBERCOLOSI. SORVEGLIANZA DEI CONTATTI DI UN CASO DI TUBERCOLOSI. Protocollo Operativo UOS Epidemiologia e profilassi malattie infettive SISP, ASL Roma A Dr.ssa Andreina Ercole Misure di prevenzione, ricerca attiva

Dettagli

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino?

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? 1 L opuscolo raccoglie le più frequenti domande rivolte agli operatori del

Dettagli

Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene. La Tubercolosi. Silvio Tafuri

Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene. La Tubercolosi. Silvio Tafuri Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene La Tubercolosi Silvio Tafuri La tubercolosi nella storia ü Phthisis: termine greco per "mal so6le" o "consunzione, ad indicare il lungo

Dettagli

La malattia tubercolare: aspetti clinici

La malattia tubercolare: aspetti clinici La malattia tubercolare: aspetti clinici Maurizio Ferrarese Centro Regionale di Riferimento per la Tubercolosi A.O. Niguarda - Villa Marelli Milano Varese, 9 Novembre 2011 Attualità sulla diagnostica dell

Dettagli

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni.

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni. Tubercolosi Breve storia La tubercolosi ha rappresentato per secoli in Italia, come nel resto del mondo una delle maggiori cause di mortalità e di morbosità ed ancora oggi, nonostante la disponibilità

Dettagli

Diagnosi Clinica e terapia della Tubercolosi nell adulto

Diagnosi Clinica e terapia della Tubercolosi nell adulto Attualità in tema di diagnosi, clinica e profilassi della Tubercolosi Comitato Provinciale CRI, Sala Solferino, Via B. Ramazzini 31, Roma Diagnosi Clinica e terapia della Tubercolosi nell adulto Prof.

Dettagli

La diagnosi immunologica. dell infezione tubercolare

La diagnosi immunologica. dell infezione tubercolare Diagnostica di laboratorio della tubercolosi: le antiche certezze e le nuove frontiere La diagnosi immunologica dell infezione tubercolare Dr. Chiara Agrati, PhD Laboratorio di Immunologia cellulare INMI

Dettagli

Preparazione degli strumenti

Preparazione degli strumenti La Borsa degli strumenti per l assistenza di base ai pazienti con Tubercolosi Modulo introduttivo - SET THE BAG Preparazione degli strumenti Informazioni sul modulo introduttivo destinatari medici di medicina

Dettagli

Prevenzione LA TUBERCOLOSI

Prevenzione LA TUBERCOLOSI Igiene& Prevenzione LA TUBERCOLOSI LA TUBERCOLOSI Che cos è La tubercolosi (TBC) è una malattia infettiva causata da una famiglia di germi chiamati Micobatteriacee, che comprende Micobatteri tipici e

Dettagli

+'-' - :,.+.%' '2E 2. E -- 2.?? 2 ++ : 2.+.3' 0.+,.- 2 J K 2E 2+. < ' WWW.SUNHOPE.IT

+'-' - :,.+.%' '2E 2. E -- 2.?? 2 ++ : 2.+.3' 0.+,.- 2 J K 2E 2+. < ' WWW.SUNHOPE.IT La via di penetrazione più comune per il M.T. è quella aerogena Goccioline di Pflügge Sospensione nell aria Evaporazione e riduzione a dimensioni di 1-5 μ con bacilli vivi e vitali.possibilità di essere

Dettagli

Testo della audioslide del Modulo 3: CHECK-OUT Sorveglianza, infezione tubercolare latente e gestione dei contatti

Testo della audioslide del Modulo 3: CHECK-OUT Sorveglianza, infezione tubercolare latente e gestione dei contatti Testo della audioslide del Modulo 3: CHECK-OUT Sorveglianza, infezione tubercolare latente e gestione dei contatti Il numero della diapositiva di riferimento è riportato all inizio del testo. 1. Quest

Dettagli

Procedura per la prevenzione ed il controllo della malattia tubercolare negli Operatori Sanitari dell Azienda Sanitaria Locale SALERNO

Procedura per la prevenzione ed il controllo della malattia tubercolare negli Operatori Sanitari dell Azienda Sanitaria Locale SALERNO Procedura per la prevenzione ed il controllo della malattia tubercolare negli Operatori Sanitari dell Azienda Sanitaria Locale SALERNO Edizione aggiornata Agosto 2014 Documento redatto da : Ferdinando

Dettagli

Tubercolosi polmonare (TB)

Tubercolosi polmonare (TB) Clinica Pneumologica SUN Dir. Prof. Gennaro Mazzarella Tubercolosi polmonare (TB) Dr. Carlo Iadevaia Definizione La tubercolosi (TB) è una malafa infefva cronica causata dal Mycobacterium tuberculosis.

Dettagli

BK trasmesso dai malati di TB polmonare contagiosa. UOC PSAL Dr.ssa MR.Aiani- Dr.ssa C. Cecchino

BK trasmesso dai malati di TB polmonare contagiosa. UOC PSAL Dr.ssa MR.Aiani- Dr.ssa C. Cecchino BK trasmesso dai malati di TB polmonare contagiosa 1 Per la trasmissione del micobatterio per via aerea non è necessario che vi sia emottisi 2 La penetrazione del micobatterio nell organismo avviene prevalentemente:

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari GROUND GLASS LESIONI ELEMENTARI Aumento della densità del parenchima polmonare con visualizzazione dei bronchi e dei vasi sottostanti: ISPESSIMENTO DELL INTERSTIZIO

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie TUBERCOLOSI (TB) Igiene nelle Scienze motorie TUBERCOLOSI La tubercolosi è una malattia infettiva, di regola contagiosa, provocata dal complesso Mycobacterium tuberculosis. Le manifestazioni cliniche interessano

Dettagli

Giochi didattici. 1. Cruciverba

Giochi didattici. 1. Cruciverba B FLG BG Giochi didattici Giochi didattici - un cruciverba, quattro rebus e le relative soluzioni - per testare la vostra preparazione. giochi si possono utilizzare prima di intraprendere il percorso formativo

Dettagli

Sorveglianza della tubercolosi nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali - Parma, 19 maggio 2006

Sorveglianza della tubercolosi nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali - Parma, 19 maggio 2006 Sorveglianza della tubercolosi nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali - Parma, 19 maggio 2006 Nuovi metodi per la diagnosi di laboratorio della tubercolosi Dott.ssa Amalia Penna Laboratorio di

Dettagli

DIAGNOSI DELLA INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE: LUCI E OMBRE

DIAGNOSI DELLA INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE: LUCI E OMBRE A.P.A.M.I.L. Associazione Piemontese e Aostana di Medicina e Igiene del Lavoro Sezione interregionale della Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale DIAGNOSI DELLA INFEZIONE TUBERCOLARE

Dettagli

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ]

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO DELLA TUBERCOLOSI

AGGIORNAMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO DELLA TUBERCOLOSI AGGIORNAMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO DELLA TUBERCOLOSI Gestione dei contatti Realizzato con un finanziamento del Ministero della Salute Coordinamento: dr. Enrico Girardi, Istituto

Dettagli

INDICE. pag. 2. pag. 5. pag. 8. pag. 20. pag. 23. pag. 25

INDICE. pag. 2. pag. 5. pag. 8. pag. 20. pag. 23. pag. 25 LA TUBERCOLOSI INDICE CONOSCERE LA TUBERCOLOSI Perché la tubercolosi è un problema oggi? Che cosa è la tubercolosi? Come si trasmette? INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE Che cosa è l'infezione tubercolare latente?

Dettagli

Prevenzione delle infezioni opportunistiche

Prevenzione delle infezioni opportunistiche Prevenzione delle infezioni opportunistiche Andamento viremico e risposta immunitaria 10 6 cellule CD4 1000 HIV RNA Copie/ml HIV-RNA plasmatico 800 600 400 200 CD4 Cellule/mm 3 10 2 mesi anni 0 >9/99 3/99-9/99

Dettagli

OSTEOMIELITE. EPIDEMIOLOGIA: Incidenza nettamente diminuita dopo l introduzione degli antibiotici (1940)

OSTEOMIELITE. EPIDEMIOLOGIA: Incidenza nettamente diminuita dopo l introduzione degli antibiotici (1940) OSTEOMIELITE DEFINIZIONE: Proceso infettivo che interessa l osso causato da germi patogeni che si localizzano nella parte midollare dell osso e che si può propagare ai tessuti vicini (articolazioni) OSTEOMIELITE

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLA TUBERCOLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE REVISIONE 2011

RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLA TUBERCOLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE REVISIONE 2011 RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLA TUBERCOLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE REVISIONE 2011 SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA RIGUARDA I LAVORATORI ESPOSTI A RISCHIO ai sensi dell art. 2

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Quantiferon Screening di popolazioni ospedaliere mediante test Quantiferon per la valutazione dell infezione da M. Tubercolosis

Quantiferon Screening di popolazioni ospedaliere mediante test Quantiferon per la valutazione dell infezione da M. Tubercolosis Quantiferon Screening di popolazioni ospedaliere mediante test Quantiferon per la valutazione dell infezione da M. Tubercolosis Magrini A. Coppeta L. Pietroiusti A. Pannunzio L. Babbucci A. Università

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test? Cosa misura il Quantiferon test? Quali informazioni si ottengono con il Quantiferon test?

QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test?    Cosa misura il Quantiferon test? Quali informazioni si ottengono con il Quantiferon test? QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test? Il Quantiferon TB-2G è un test che si esegue su sangue venoso utile per: la diagnosi differenziale fra tubercolosi polmonare attiva ed infezione da micobatteri

Dettagli

LINFONODI Sono un reperto assai frequente nella Tubercolosi primaria; interessano generalmente i linfonodi dell ilo destro ed i paratracheali.

LINFONODI Sono un reperto assai frequente nella Tubercolosi primaria; interessano generalmente i linfonodi dell ilo destro ed i paratracheali. LINFONODI Sono un reperto assai frequente nella Tubercolosi primaria; interessano generalmente i linfonodi dell ilo destro ed i paratracheali. RX torace in proiezione PA (Postero-Anteriore): «Massa ilare

Dettagli

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO Descrizione, definizione e richiami anatomici e fisiopatologici www.fisiokinesiterapia.biz Emoftoe o emottisi Si tratta dell emissione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

TB or not TB? Vania Giacomet. Milano, 7.05.2011

TB or not TB? Vania Giacomet. Milano, 7.05.2011 Milano, 7.05.2011 TB or not TB? Vania Giacomet Clinica Pediatrica Ospedale L.Sacco - Università degli Studi di Milano Direttore Prof. GianVincenzo Zuccotti Maggio 2008 Ragazza di 14 anni, nessun problema

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE. 1.1 Generalità sulla Tubercolosi. 1.1.1 Definizione ed epidemiologia

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE. 1.1 Generalità sulla Tubercolosi. 1.1.1 Definizione ed epidemiologia CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 Generalità sulla Tubercolosi 1.1.1 Definizione ed epidemiologia La tubercolosi (TB) è una delle più antiche malattie infettive che interessano l organismo umano, definita dall

Dettagli

Rapporto TBC. per. operatori sanitari

Rapporto TBC. per. operatori sanitari Rapporto TBC operatori sanitari per U.S. DEPARTMENT OF HEALTH AND HUMAN SERVICES Centers for Disease Control and Prevention National Center for HIV, STD, and TBC Prevention Division of Tuberculosis Elimination

Dettagli

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles)

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Silvia Preziuso silvia.preziuso@unicam.it Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Camerino Streptococcus Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Adenite equina (Strangles)

Dettagli

FILARIOSI POLMONARE CASE REPORT

FILARIOSI POLMONARE CASE REPORT FILARIOSI POLMONARE CASE REPORT Dott.. Marcello Costa Angeli Divisione di Chirurgia Toracica Ospedale di Monza Primario Dott. Claudio Benenti CASO CLINICO Maschio 36 anni Giunto in P.S. per toracodinia

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it 1

scaricato da www.sunhope.it 1 Dipartimento di scienze Cardio-toraciche e Respiratorie Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio TUBERCOLOSI Aspetti epidemiologici,radiologici, diagnosi e terapia. Prof. Carlo Marzo Dott.ssa Ginevra

Dettagli

LA TUBERCOLOSI Terapia e profilassi II Parte. Dott. Lorenzo Veronese Ospedale di Cirie

LA TUBERCOLOSI Terapia e profilassi II Parte. Dott. Lorenzo Veronese Ospedale di Cirie LA TUBERCOLOSI Terapia e profilassi II Parte Dott. Lorenzo Veronese Ospedale di Cirie TERAPIA STANDARD (SCC) Isoniazide 300 mg/die Rifampicina 600 mg/die Pirazinamide 25 mg/kg/die Etambutolo 15-25 mg/kg/die

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

La tubercolosi (TBC) in età pediatrica, soprattutto nei bambini < 5 anni di età, è considerata un

La tubercolosi (TBC) in età pediatrica, soprattutto nei bambini < 5 anni di età, è considerata un LA TUBERCOLOSI A SCUOLA Leila Bianchi, Claudia Fancelli Ospedale Pediatrico Anna Meyer Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino - Università degli Studi di Firenze La tubercolosi

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ]

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH INFLUENZA Malattia respiratoria acuta causata da un virus appartenente agli

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

TUBERCOLOSI. Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus. Definizione

TUBERCOLOSI. Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus. Definizione TUBERCOLOSI Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Definizione La tubercolosi (TBC) è una malattia infettiva, contagiosa in caso di coinvolgimento polmonare, provocata dal Mycobacterium tuberculosis complex

Dettagli

Il numero della diapositiva di riferimento è riportato all inizio del testo.

Il numero della diapositiva di riferimento è riportato all inizio del testo. Testo della audioslide del Modulo 1: CHECK-IN Sospetto diagnostico e invio ai servizi Il numero della diapositiva di riferimento è riportato all inizio del testo. 1. Il Modulo 1 presenta l interpretazione

Dettagli

TUBERCOLOSI POLMONARE MILIARE E MENINGEA IN PAZIENTE CON INFEZIONE DA HIV

TUBERCOLOSI POLMONARE MILIARE E MENINGEA IN PAZIENTE CON INFEZIONE DA HIV TUBERCOLOSI POLMONARE MILIARE E MENINGEA IN PAZIENTE CON INFEZIONE DA HIV D Aniello F, Boffa N, Caruso A, Masullo A, Punzi R e Mazzeo M Struttura Complessa di Malattie Infettive (Direttore dott. M. Mazzeo)

Dettagli

TUBERCOLOSI. Elisabetta Balestro. Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari LA TUBERCOLOSI

TUBERCOLOSI. Elisabetta Balestro. Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari LA TUBERCOLOSI TUBERCOLOSI Elisabetta Balestro Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari Università degli Studi di Padova LA TUBERCOLOSI epidemiologia microbiologia patogenesi

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Patologia polmonare diffusa

www.fisiokinesiterapia.biz Patologia polmonare diffusa www.fisiokinesiterapia.biz Patologia polmonare diffusa Semeiotica Densità polmonare aumentata diminuita RX torace Poco sensibile Poco specifico Radiogramma del torace normale Pazienti High Resolution e

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio Anno Accademico

Dettagli

Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo

Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo Dott. Amalia De Renzo Ematologia, Università Federico II,Napoli 25 giugno 2011 Linfoadenopatia definizione: linfonodi di dimensioni anormali (>

Dettagli

Tubercolosi in età pediatrica campanello d allarme

Tubercolosi in età pediatrica campanello d allarme Tubercolosi in età pediatrica campanello d allarme Dott.ssa Rosa CHIODI Dirigente Medico Pediatra Infettivologo AZIENDA OSPEDALIERA S. CAMILLO FORLANINI- ROMA TUBERCOLOSI IN ETA PEDIATRICA Perché parlare

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz LA NEOPLASIA Una competizione costante di aggiornamento contro la storia naturale di una patologia inesorabile Fattore tempo Latenza clinica: da 8 a 16 anni a seconda del tipo

Dettagli

Mycobacterium tuberculosis: la preclinica

Mycobacterium tuberculosis: la preclinica Mycobacterium tuberculosis: la preclinica Genere Mycobacterium Immobili Bacilli aerobi stretti Diametro di 0,2-0,6 micron bacilli acido-alcol resistenti La replicazione intracellulare nei macrofagi alveolari

Dettagli

TAVOLA ROTONDA: Realtà ed esperienze a confronto in ambito sanitario

TAVOLA ROTONDA: Realtà ed esperienze a confronto in ambito sanitario Genova, 11 aprile 2016 TAVOLA ROTONDA: Realtà ed esperienze a confronto in ambito sanitario Paolo Durando Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Dipartimento Scienze della Salute Scuola di Scienze

Dettagli

1. Koch R. Die Atiologic der Tuberkulose. Berliner Klinische Wochenschrift 1882; 15: U.O. di Pneumologia - Endoscopia Toracica

1. Koch R. Die Atiologic der Tuberkulose. Berliner Klinische Wochenschrift 1882; 15: U.O. di Pneumologia - Endoscopia Toracica Inquadramento Clinico e terapeutico della Tubercolosi Pier Anselmo Mori Unità Operativa di Pneumologia-Endoscopia Toracica. Direttore A.Casalini pmori@ao.pr.it 1. Koch R. Die Atiologic der Tuberkulose.

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

TEST DI SCREENING: MANTOUX

TEST DI SCREENING: MANTOUX TEST DI SCREENING: MANTOUX Ciriè 2 Aprile 2012 LIVIA DEMICHELIS ASSISTENTE SANITARIA S.S. MEDICO COMPETENTE A.O.U. SAN LUIGI ORBASSANO SCREENING (selezione) Strumento di lavoro per attuare prevenzione

Dettagli

Unità Operativa N 5 MALATTIE APPARATO RESPIRATORIO Responsabile: David Pelucco LINEA GUIDA SU: TUBERCOLOSI POLMONARE

Unità Operativa N 5 MALATTIE APPARATO RESPIRATORIO Responsabile: David Pelucco LINEA GUIDA SU: TUBERCOLOSI POLMONARE REGIONE LIGURIA LINEEGUIDASANITÀ Progetto Li.Gu.Med. Produzione e Implementazione, Diffusione e Applicazione di Linee Guida in Medicina Interna Generale e Specialistica Unità Operativa N 5 MALATTIE APPARATO

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta TC Cerebrale senza e con MDC RMN 4.11.1999 2.11.1999 Scintigrafia ossea

Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta TC Cerebrale senza e con MDC RMN 4.11.1999 2.11.1999 Scintigrafia ossea Maschio di 79 anni Ricovero 21.10.1999 per patologia polmonare sospetta ed esegue: TC Cerebrale senza e con MDC In sede parasagittale sinistra superiormente al tetto del ventricolo laterale di sinistra,

Dettagli

Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia. Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO

Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia. Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO Il bambino con linfoadenopatia è di comune riscontro nella pratica quotidiana

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Discussione di casi clinici

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Discussione di casi clinici Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto Discussione di casi clinici Primo : F.L. maschio 65 65 anni ANAMNESI PATOLOGICA Ca prostata emiparesi sin Asintomatico ANAMNESI LAVORATIVA 1952-1963 1963 elettricista

Dettagli

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste dott.fulvio Zorzut Direttore S.C. Igiene Sanità Pubblica Prevenzione Ambientale Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Campagna

Dettagli

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago Eosinofilo Cellule tumorali Virus Piastrina Batterio Fungo Antigeni estranei Tessuti necrotici Mastocita Linfocita Plasmacellula INFIAMMAZIONE STIMOLO DANNOSO

Dettagli

CHEMIOTERAPIA PREVENTIVA. Dott.Sergio Biondo

CHEMIOTERAPIA PREVENTIVA. Dott.Sergio Biondo CHEMIOTERAPIA PREVENTIVA Dott.Sergio Biondo CONTROLLO DELLA MAL.TUBERCOLARE IL CONTROLLO DELLA TB SI ATTUA ATTRAVERSO LA: - CHEMIOPROFILASSI DEI PAZ. CON ITL COSI DA PREVENIRE LA PRO- GRESSIONE A MALATTIA

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI I tumori infantili sono molto diversi dai tumori degli adulti per tipo, per velocità di accrescimento e per prognosi. Nel bambino, in generale, il tumore più frequente è il

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Cos è. l amianto? Capello - Fibra

Cos è. l amianto? Capello - Fibra AMIANTO Cos è l amianto? Amianto: nome generico di una serie di silicati fibrosi naturali, divisi in due principali classi, gli anfiboli e i serpentini. Di forma cristallina, possono presentarsi in fibrille

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 marzo 2013, n. 185.

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 marzo 2013, n. 185. Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 17 del 3 aprile 2013 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA U FFICIALE SERIE GENERALE PERUGIA - 3 aprile 2013 DIREZIONE REDAZIONE

Dettagli

CASO CLINICO 1. Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino

CASO CLINICO 1. Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino CASO CLINICO 1 Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino G.U., età 72 anni, maschio ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA Ulcera duodenale; Nel 1974 riconosciuta la tecnopatia

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus):

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): SENZA LA EPATITE CONOSCIAMOLA L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): Colpisce principalmente il fegato infiammandolo (epatite) ma, in alcuni casi, anche altre parti del corpo

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008 Lorenzo Mariniello A.F., maschio 12 anni, è giunto per la prima volta alla mia osservazione

Dettagli

La leishmaniosi è una malattia trasmessa da vettori, dovuta a numerose specie

La leishmaniosi è una malattia trasmessa da vettori, dovuta a numerose specie Leishmaniosi Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La leishmaniosi è una malattia trasmessa da vettori, dovuta a numerose specie del protozoo Leishmania spp, che si manifesta in tre forme cliniche principali:

Dettagli

Le Polmoniti a lenta risoluzione e la TUBERCOLOSI

Le Polmoniti a lenta risoluzione e la TUBERCOLOSI Le Polmoniti a lenta risoluzione e la TUBERCOLOSI Pier Giorgio Rogasi SODs TB e Fibrosi Cistica Malattie Infettive AOUC TB: concetto importante! Infezione tubercolare latente Contagio TB Malattia tubercolare

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta Riccardo Francesconi CENNI ESSENZIALI DI FISIOPATOLOGIA POLMONARE APPLICATA ALLA RIANIMAZIONE Sistema di conduzione Sistema

Dettagli

Isolamento e assistenza domiciliare delle forme bacillifere MDR : considerazioni da un esperienza sul campo

Isolamento e assistenza domiciliare delle forme bacillifere MDR : considerazioni da un esperienza sul campo Isolamento e assistenza domiciliare delle forme bacillifere MDR : considerazioni da un esperienza sul campo Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Ferrara, 21 settembre 2013 Formazione ex legge 135/90

Dettagli

Quali sono i segni e i sintomi del Lupus?

Quali sono i segni e i sintomi del Lupus? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it Quali sono i segni e i sintomi del Lupus? Il lupus è una malattia che può coinvolgere tutti i distretti corporei e,

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

Si intende per tiroiditi un gruppo di. condizioni infiammatorie o simil. infiammatorie che colpiscono la tiroide

Si intende per tiroiditi un gruppo di. condizioni infiammatorie o simil. infiammatorie che colpiscono la tiroide Si intende per tiroiditi un gruppo di condizioni infiammatorie o simil infiammatorie che colpiscono la tiroide Classificazione Tiroidite infettiva Tiroidite autoimmune Tiroidite di De Quervain Tiroidite

Dettagli

Modulo 14: Diagnosi microbiologica di tubercolosi

Modulo 14: Diagnosi microbiologica di tubercolosi C.I. MEDICINA DI LABORATORIO Microbiologia Clinica CdS Medicina e Chirurgia AA 2015-2016 Modulo 14: Diagnosi microbiologica di tubercolosi Giovanni Di Bonaventura, PhD Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli