1.1 - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO"

Transcript

1 Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del regolamento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 1203 Data di redazione 01/02/2015 Data dell ultima revisione 01/02/ Identificazione del prodotto e del produttore IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Batiboard 550, Il sopraccitato prodotto contiene lane a base di silicati alcalino terrosi (lane SAT), e altri materiali inorganici inerti UTILIZZO DEL PRODOTTO Questo prodotto è utilizzato nelle porte tagliafuoco e per proteggere le strutture in acciaio dal fuoco IDENTIFICAZIONE DELLA SOCIETA Fr. SITEK INSULATION S.A.S.U Route de Lauterbourg CS Wissembourg Cedex France Tel. : +33 (0) Fax : +33 (0) NUMERO DA CONTATTARE PER LE EMERGENZE Tel: +33 (0) Lingua: Francese, inglese, tedesco Orari: Disponibile solo durante l'orario di ufficio 2 - Indicazione dei pericoli CLASSIFICAZIONE DELLE SOSTANZE/MISCELE Classificazione in accordo alla Norma (EC) N 1272/ ELEMENTI DELL ETICHETTA ALTRI RISCHI NON INCLUSI NELLA CLASSIFICAZIONE Una leggera irritazione meccanica della pelle, degli occhi e delle vie respiratorie superiori può derivare dall'esposizione. Questi effetti sono generalmente temporanei. EFFETTI RESPIRATORI CRONICI DELLA SILICE CRISTALLINA Questi prodotti possono contenere minime quantità di silice cristallina. Un inalazione prolungata e/o ripetuta di polveri respirabili di silice cristallina può provocare nel tempo danni polmonari (Silicosi). Lo IARC (Agenzia internazionale di Ricerca sul Cancro) ha accertato che esistono sufficienti evidenze di rischio di cancerogenicità sull uomo della silice cristallina inalata sotto forma di quarzo o cristobalite derivanti da processi industriali, fanno si che la silice cristallina venga classificata come cancerogena per l uomo (Gruppo1) (Monografia V 68). Nel corso di questi studi, il Gruppo di Lavoro ha notato che la cancerogenicità sull uomo non è stata evidenziata in tutte le situazioni industriali studiate. 1/7 1203

2 3 - Composizione / informazioni sui componenti DESCRIZIONE Questo prodotto sotto forma di una lastra a base di lana SAT legata con materiali organici e inorganici, unisce isolamento termico con ottimo comportamento al fuoco, proprietà meccaniche e stabilità dimensionale. COMPOSIZIONE COMPONENTI % NUMERO CAS Numero Indice Numero di Registrazione REACH Lane di silicati alcalino-terrosi * Amido <10 EINECS No Non disponibile Materiali inorganici inerti Non disponibile Quarzo (frazione respirabile) < 4 EINECS No Non disponibile * Definizione CAS: Silicato alcalino terroso con la seguente composizione: SiO2:50-82%; CaO+MgO:19-43%; Al2O3,TiO2, ZrO2<6% e tracce di altri ossidi Nessuno dei componenti è radioattivo ai sensi della Direttiva Europea Euratom 96/ Misure di pronto soccorso PELLE In caso di irritazione della pelle, sciacquare e lavare delicatamente con acqua la zona irritata. Non strofinare o grattare le zone interessate OCCHI In caso di contatto lavare abbondantemente con acqua.tenere a disposizione un collirio.non sfregare gli occhi NASO E GOLA In caso di irritazione del naso o della gola,spostarsi in una zona non polverosa, bere dell acqua e soffiarsi il naso. Se i sintomi persistono consultare il medico. 5 - Misure antincendio Questo materiale viene classificato come ritardante del fuoco Utilizzare un agente estinguente per i circostanti materiali combustibili. 6 - Misure in caso di fuoriuscita accidentale PRECAUZIONI PERSONALI, EQUIPAGGIAMENTO DI PROTEZIONE E PROCEDURE DI EMERGENZA Nel caso di dispersioni accidentali che generano alte concentrazioni di polveri, dotare i lavoratori di adeguato equipaggiamento di protezione come descritto nel paragrafo 8. Riportare al più presto la situazione alla normalità. Prevenire un ulteriore dispersione di polveri umidificando il materiale PRECAUZIONI AMBIENTALI Prevenire un ulteriore dispersione di polveri umidificando il materiale. Non scaricare il prodotto nei condotti fognari ed evitare inoltre lo scarico nei corsi d acqua. Attenersi alle normative locali vigenti METODI E ATTREZZATURE PER IL CONTENIMENTO E LA PULIZIA Rimuovere i frammenti di materiale, quindi pulire utilizzando un aspiratore con filtro ad alta efficienza (HEPA). Se comunque fosse necessario pulire ulteriormente con scope si raccomanda di bagnare prima. Non utilizzare aria compressa Non lasciare il materiale esposto al vento. 7 - Manipolazione e stoccaggio PRECAUZIONI PER LA MANIPOLAZIONE SICURA La manipolazione può causare emissioni di polveri. Le procedure devono essere studiate al fine di ridurre al minimo la manipolazione. La manipolazione, nel limite del possibile, deve avvenire in aspirazione munita di filtro. Una regolare pulizia del posto di lavoro ridurrà le dispersioni secondarie di polvere CONDIZIONI DI SICUREZZA PER LO STOCCAGGIO Stoccare con l imballo integro in locali asciutti. Utilizzare sempre contenitori chiusi ed etichettati chiaramente. Evitare di danneggiare gli imballi UTILIZZO SPECIFICO FINALE Contattare il vostro fornitore abituale Sitek Insulation 2/7 1203

3 8 - Controllo dell' esposizione/protezione individuale ROUTE DE LAUTERBOURG CS WISSEMBOURG CEDEX FRANCE Le norme relative alla prevenzione e ai valori limite d esposizione possono differire da un paese all altro. Stabilire quale valore limite si deve applicare conformandosi alle locali norme. Nel caso non esistessero valori limite e norme specifiche si consiglia di consultare un igienista del lavoro che potrà assisteri per una valutazione specifica del rischio sul posto di lavoro e di conseguenza potrà raccomandari le appropriate protezioni respiratorie. Esempi di valori limite d esposizione per le lane minerali sono qui sotto riportati (Gennaio 2010). VALORI LIMITE* NAZIONE Lana minerale (1) Polvere respirabile silice cristallina Quarzo Cristobalite FONTE 6 mg/m 3 ou 3 Germania 10 mg/m mg/m mg/m 3 TRGS 900 mg/m 3 Francia 1.0 F/ml 5 mg/m mg/m mg/m 3 Circulaire TR 82/46 de Juillet 1982 Inghilterra 2.0 F/ml e 5 mg/m 3 4 mg/m mg/m3 HSE - EH40/99 Italia 1.0 F/cm 3 3 mg/m mg/m mg/m 3 Raccomandato dall ACCGIH nel 1999 (1) Concentrazioni medie ponderate nel tempo di fibre respirabili misurate su 8 ore con il metodo convenzionale del filtro a membrana o della polvere totale respirabile con il metodo gravimetrico tradizionale. Concentrazioni gravimetriche della polvere respirabile o inalabile-media ponderata su 8 ore CONTROLLI TECNICI MISURE TECNICHE APPROPRIATE DI CONTROLLO Si possono usare sistemi di aspirazione che prelevano le polveri alla fonte. Ad esempio: tavoli di lavoro in aspirazione, apparecchi di controllo delle emissioni di polveri e equipaggiamento adeguato per il lavoro manuale. Tenere pulito il posto di lavoro. Usare un aspiratore per la pulizia. Non usare scope o aria compressa. Se necessario consultare un igenista del lavoro che raccomandi le misure tecniche di prevenzione sul posto di lavoro. L utilizzo di prodotti appositamente studiati per le vostre applicazioni vi aiuterà a controllare meglio le polveri. Ad esempio alcuni materiali possono essere forniti già pronti all uso evitando così tagli e altre lavorazioni. Altri possono essere forniti trattati e imballati in modo da ridurre al minimo le emissioni di polvere durante le lavorazioni. Consultate il Vs fornitore locale per ulteriori informazioni EQUIPAGGIAMENTI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Protezione della pelle: Portare guanti e tute da lavoro che lascino liberi il collo e i polsi. Dopo l uso pulire gli abiti da lavoro prima di toglierli al fine di rimuovere le fibre (usare un aspiratore, mai aria compressa). Protezione degli occhi: Se necessario portare occhiali di sicurezza con protezioni laterali. Protezione respiratoria: Nel caso di concentrazioni al disotto del valore limite non è obbligatoria alcuna protezione respiratoria ma può essere proposta una maschera di tipo FFP2 che verrà utilizzata su base volontaria. Per operazioni di breve durata dove non si oltrepassa di dieci il valore limite usare una maschera FFP2. Nel caso di concentrazioni molto elevate o sconosciute, consultare la nostra società e/o il vostro fornitore Sitek Insulation. INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI Il personale dovrà essere istruito sulle procedure di lavorazione e dovrà essere informato sulle norme da applicare CONTROLLI DELL ESPOSIZIONE AMBIENTALE Verificare i valori applicabili secondo le norme locali, nazionali o europee per le emissioni nell aria, nelle acque e al suolo. Per i rifiuti vedi Paragrafo 13. 3/7 1203

4 9 - Proprietà fisiche e chimiche ASPETTO PUNTO D EBOLLIZIONE PUNTO D INFIAMMABILITA' AUTOINFIAMMABILITA PROPRIETA COMBURENTI DENSITA RELATIVA SOLUBILITA COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE ODORE PUNTO DI FUSIONE INFIAMMABILITA PROPRIETA ESPOLOSIVE TENSIONE DI VAPORE ph DIAMETRO GEOMETRICO MEDIO PONDERATO SULLA LUNGHEZZA DELLE FIBRE CONTENUTE NEL PRODOTTO Lastra di colore marrone-marrone chiaro 400 kg/m³ Leggera Nessuna > 1400 C > 1.5 μm 10 - Stabilita e reattivita REATTIVITA Il materiale è stabile e non reattivo STABILITA CHIMICA Il prodotto è inorganico, stabile e inerte POSSIBILITA DI REAZIONI PERICOLOSE Nessuno CONDIZIONI DA EVITARE Si prega di fare riferimento alle misure di manipolazione e stoccaggio della Sezione MATERIALI INCOMPATIBILI Nessuno PRODOTTI DI DECOMPOSIZIONE PERICOLOSI Dopo un suo utilizzo per un lungo periodo a temperature superiori a 900 C, questo materiale amorfo può cominciare a trasformarsi in una miscela di diverse fasi cristalline. Fare riferimento alla sezione 16. 4/7 1203

5 11 - Informazioni tossicologiche TOSSICOCINETICA DI BASE, METABOLISMO E DISTRIBUZIONE INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE L'esposizione avviene essenzialmente per inalazione o ingestione.le lane minerali artificiali sone simili a quelle delle AES e non migrano dai polmoni o dall'intestino e non si alloggiano in altri organi. Le fibre contenute nei prodotti elencati nel titolo, sono state sviluppate per essere eliminate rapidamente dai tessuti dei polmoni. Questa debole biopersistenza è confermata in numerosi studi sulle AES testate secondo il protocollo ECB/TM/27(rev 7). Anche se vengono inalate in dosi massicce, non si accumulano a livelli tali da provocare alterazioni biologiche serie DATI SULLA TOSSICOLOGIA UMANA Epidemiologia della silice cristallina Un inalazione prolungata e/o ripetuta di poveri respirabili di silice cristallina può provocare nel tempo danni polmonari(silicosi). In occasione della valutazione del rischio cancerogenicità della silice cristallina lo IARC,Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, ha concluso che,alla luce dei numerosi studi effettuati nei diversi settori industriali, la silice cristallina di origine industriale inalata sotto forma di quarzo o di cristobalite è cancerogena per l uomo(gruppo 1)[Monografia IARC;Vol.68;Giugno 1997]. Comunque, nel raggiungere le sue conclusioni,lo IARC ha verificato che la cancerogenicità sull uomo non è stata riscontrata in tutte le industrie prese in esame e che questo può essere dipeso dalle caratteristiche della silice cristallina, da altri fattori esterni che influenzano l attività biologica(es: il fumo di sigaretta) o dalla distribuzione dei polimorfi INFORMAZIONI SUGLI EFFETTI TOSSICOLOGICI STUDI SPERIMENTALI SULLE AES In uno studio sugli effetti biologici cronici a lungo termine, non si è potuto evidenziare una relazione dose-effetto diversa da quella osservata con le polveri inerti. gli studi subcronici realizzati con le massime dosi possibili hanno tutto al più prodotto una leggera reazione infiammatoria passeggera. Fibre con le stesse proprietà di persistenza nei tessutti non hanno generato tumori per iniezione nella cavità peritoneale dei ratti. STUDI SPERIMENTALI SULLA SILICE CRISTALLINA Alcuni animali esposti a alte concentrazioni di silice cristallina,artificialmente o per inalazione,hanno sviluppato fibrosi e tumori.( Monografie IARC 42 e 68). L inalazione e l instillazione tracheale di silice cristallina nei ratti ha provocato cancro ai polmoni. Per contro studi effettuati su altre speci quali topi e criceti, non hanno rivelato cancro ai polmoni. La silice cristallina è ugualmente all origine di fibrosi polmonari nei ratti e nei criceti sottoposti a diversi studi di inalzione e instillazione tracheale Quando testate usando i metodi approvati (come elencato nelle Norma 1907/2006/EEC, Annesso 8, Sezione 8.1) le fibre contenute in questi prodotti hanno dato risultato negativo. Come tutte le fibre minerali artificiali ed alcune naturali, le fibre contenute in questo prodotto possono generare una leggera irritazione meccanica con conseguente prurito o,raramente in alcuni individui sensibili, un leggero arrossamento temporaneo. A differenza di altre reazioni irritanti, questa non deriva da una reazione allergica o chimica ma semplicemente da un effetto meccanico Informazioni ecologiche Questi prodotti sono materiali inerti stabili nel tempo. Nessun effetto negativo di questo materiale è attualmente noto Considerazioni sullo smaltimento Gli sfridi di questi materiali possono generalmente essere inviati alle discariche autorizzate al proposito. Onde conoscere a quale gruppo appartiene il materiale consultare la lista Europea (Decisione n 2000/532/CE modificata) e verificare che sia conforme alle vs normative regionali e nazionali. A meno che siano umidificati, questi materiali sono per loro natura polverosi per cui devono essere smaltiti in sacchi di plastica o altri contenitori chiusi. Presso alcune discariche autorizzate i materiali polverosi possono essere trattati differentemente affinché vengano smaltiti rapidamente onde evitare la dispersione di polveri nell aria. Verificare che le norme regionali o nazionali possano essere applicate. INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI Quando i rifiuti vanno in discarica bisogna assegnare loro un Codice Europeo dei Rifiuti (Codice CER) e valutare se il rifiuto è stato contaminato durante l uso con l ausilio di consulenti esperti in materia se necessario. 5/7 1203

6 14 - Informazioni sul trasporto Non classificata come merce pericolosa dai regolamenti internazionali riguardanti i trasporti (ADR, RID, IATA, IMDG, ADN). Evitare che la polvere possa disperdersi durante il trasporto. Definizioni : ADR Trasporto stradale, Direttiva del Consiglio 94/55/EC IMDG Regolamento per il trasporto via mare RID Trasporto ferroviario, Direttiva del Consiglio 96/49/EC ICAO/IATA Regolamento per il trasporto aereo ADN Accordo Europeo riguardo al trasporto internazionale fluviale interno di materiali pericolosi 15 - Informazioni sulla regolamentazione REGOLAMENTO/LEGISLAZIONE SPECIFICI AMBIENTE E SICUREZZA PER LE SOSTANZE O LE MISCELE Regolamento comunitario (EU) : Direttiva 67/548/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1967, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose GU 196 del , pagg / e relative modifiche e adeguamenti ai progressi tecnici. Direttiva 1999/45/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 31 maggio 1999, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura dei preparati pericolosi Regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele ( GU L 353 del ) Direttiva 97/69/CE della Commissione del 5 dicembre 1997, ventitreesimo adeguamento al progresso tecnico della direttiva 67/548/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose (Testo rilevante ai fini del SEE) GU L 343 del , pagg Regolamento (CE) n. 790/2009 della Commissione, del 10 agosto 2009, recante modifica, ai fini dell'adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele Primo adeguamento alla regolamentazione (EC) N 1272/2008 relativa ai progressi tecnici (ATP) entrata in vigore il 25 Settembre Trasferisce il 30 e 31 ATP della Direttiva 67/548/CEE al Regolamento (CE) N 1272/2008. PROTEZIONE DEI LAVORATORI Deve essere conforme alle diverse direttive europee come modificate e implementate negli Stati Membri: a) Direttiva del Consiglio 89/391/CEE in data 12 giugno 1989 sull introduzione delle misure da adottare per migliorare la sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro ( OJEC (Giornale Ufficiale della Comunità Europea) L 183 del 29 giugno 1989,p.1) b) Direttiva del Consiglio 98/24/CE in data 7 aprile 1998 sulla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori contro i rischi legati all uso di agenti chimici sul posto di lavoro (OJEC L 131 del 5 maggio 1998, p.11) c) Direttiva del Consiglio 2004/37/CE del 29 aprile 2004 sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi all esposizione ad agenti cancerogeni sul posto di lavoro (OJEC L 158 del 30 aprile 2004). ALTRE REGOLAMENTAZIONI EU : E proprio degli Stati membri implementare le Direttive Europee all interno delle loro normative nazionali nei tempi stabiliti dalla direttiva. Gli Stati Membri possono altresì introdurre direttive più restrittive. E pertanto necessario adeguarsi sempre alle normative nazionali. FONTE DI REFERENZE PER OELs: UK: HSE EH40 Workplace Exposure Limit Francia: Décret N du 26 octobre 2007 fixant des valeurs limites d exposition professionnelle contraignantes pour certains agents chimiques et modifiant le code du travail Germania: Änderung und Ergänzung der Bekanntmachung GS 910 / TRGS 558 and TRGS 619, Una valutazione del rischio è stata effettuata per le AES ed un rapporto di sicurezza del prodotto chimico (CSR) è disponibile su richiesta. 6/7 1203

7 16 - Altre informazioni REFERENZE UTILI REFERENZE UTILI (le direttive citate devono essere considerate nella loro versione emendata) Direttiva del Consiglio 89/391/CEE del 12 giugno 1989 sull introduzione delle misure da adottare per migliorare la sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro (OJEC (Giornale Ufficiale della Comunità Europea) L 183 del 29 giugno 1989,p.1). Normativa (CE) No 1907/2006 del 18 Dicembre 2006 sulla Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle sostanze Chimiche (REACH) Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele (OJCE L 353) Direttiva del Consiglio 97/69/CE del 5 dicembre aggiornamento relativo ai progressi Tecnici della Direttiva del Consiglio 67/548/CEE (OJEC L 343, p.19 del 13 Dicembre 1997). Direttiva del Consiglio 98/24/CE del 7 aprile 1998 sulla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori contro i rischi legati all uso di agenti chimici sul posto di lavoro (OJCE L 131 p.11 del 5 maggio 1998). PRECAUZIONI DA PRENDERE DOPO L USO E IN OCCASIONE DELLA LORO RIMOZIONE In quasi tutte le applicazioni ad alta temperatura i prodotti a base di lane isolanti (HTIW) vengono utilizzati come materiale isolante di rivestimento in ambiente chiuso a temperature oltre i 900 C. Poichè solo un sottile strato dell isolamento è esposto in faccia calda ad alta temperatura, la polvere respirabile generata durante le operazioni di rimozione non contiene livelli rilevabili di silice cristallina. Nelle applicazioni in cui il materiale è esposto completamente ad alta temperatura per breve durata non si verifica una significativa devetrificazione con la conseguente formazione di SC. Un esempio è il caso dell isolamento degli stampi a perdere per la metallurgia. La valutazione tossicologica degli effetti della presenza di SC in materiali HTIW riscaldati non ha mostrato alcun aumento della tossicità in vitro e in vivo. I risultati di diverse combinazioni di fattori quali una maggiore fragilità delle fibre, o microcristalli incorporati nella struttura vetrosa della fibra e quindi non biologicamente disponibili può spiegare la mancanza di effetti tossicologici. La valutazione IARC come previsto nella Monografia 68 non è rilevante in quanto la SC non è biologicamente disponibile nelle HTIW dopo il loro uso. Elevate concentrazioni di fibre e di altre polveri possono essere generate durante le operazioni di rimozione per un effetto meccanico. Pertanto ECFIA raccomanda a) adottare misure di controllo per ridurre le emissioni di polveri, e b) far indossare a tutto il personale direttamente coinvolto un respiratore adeguato per minimizzare l'esposizione e rispettare i limiti di legge locali. PROGAMMA CARE ( Controllo e Riduzione delle Emissioni ) L Associazione rappresentante l Industria Europea delle lane isolanti per alte temperature (ECFIA) ha intrapreso un vasto programma d igiene industriale sulle lane isolanti per alta temperatura. L obbiettivo è duplice:(i) misurare le concentrazioni di polveri sui posti di lavoro presso le unità produttive dei clienti, e (II) documentare la produzione e l utilizzazione di dette lane da un punto di vista d igiene industriale al fine di stabilire une serie di raccomandazioni appropriate onde ridurre le esposizioni. I primi risultati di questo programma sono già stati pubblicati. Nel caso voleste partecipare al programma CARE, contatte l ECFIA oppure direttamente il vostro fornitore. SITI INTERNET Per maggiori informazioni contattate : Il sito internet della Sitek Insulation: (http://www.sitekinsulation.com/) Oppure il sito internet dell ECFIA (http://www.ecfia.eu/) Oppure Deutsche KeramikFaser-Gesellschaft e.v website: (http://www.dkfg.de/) SOMMARIO DELLE REVISIONI Revisione generale della scheda di sicurezza per ottemperare al Regolamento Reach, variazioni in sezioni 1-16 SCHEDE TECNICHE SCHEDA TECNICA : Per ulteriori informazioni sui singoli prodotti vedere le principali schede tecniche sotto elencate: Prodotto Codice Scheda tecnica ALTRE INFORMAZIONI NOTA : Questa scheda completa le informazioni tecniche d impiego ma non le sostituisce. Le informazioni contenute sono basate sulle nostre conoscenze relative al prodotto alla data indicata. Si richiama inoltre l attenzione dell utilizzatore sugli eventuali rischi derivanti da un impiego diverso da quello per il quale il materiale è stato concepito. Pertanto, prima del suo utilizzo, si consiglia di consultare la scheda tecnica d impiego del materiale e di verificare che l utilizzo corrisponda a quanto raccomandato. 7/7 1203

1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. 3 - Composizione / informazioni sui componenti

1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. 3 - Composizione / informazioni sui componenti Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del regolamento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 1107 Data di redazione 01/02/2015 Data dell ultima revisione 01/02/2015 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

1.1 - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO

1.1 - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del regolamento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 1201 Data di redazione 01/02/2015 Data dell ultima revisione 01/02/2015 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008)

SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) Numero SDS: 138-2-EURO Reach Data di redazione: 05/2004 Data dell ultima revisione: 12/2010 1. Identificazione del

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008)

SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) Numero SDS: 144-0-EURO Reach Data di redazione: 06/2011 Data dell ultima revisione: 1. Identificazione del prodotto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ISOLVAL BOARD

SCHEDA DI SICUREZZA ISOLVAL BOARD SCHEDA DI SICUREZZA ISOLVAL BOARD 1 - IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ Nome commerciale: Tipo di prodotto e impiego: ISOLVAL BOARD Pannelli termoisolanti in perlite espansa. Questi prodotti

Dettagli

1/7 245. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. Scheda di datti di sicurezza

1/7 245. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. Scheda di datti di sicurezza Scheda di datti di sicurezza Ai sensi del reglemento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 245 Data di redazione 01/05/2011 Data dell ultima revisione 05/02/2013 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

MASTIC 612 MASTIC 612 Tipo B DATA DI REDAZIONE 12/1998 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003

MASTIC 612 MASTIC 612 Tipo B DATA DI REDAZIONE 12/1998 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003 Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) MASTIC 612 MASTIC 612 Tipo B NUMERO SDS I-120-4-EURO DATA DI REDAZIONE 12/1998 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003 1. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

DATA DI REDAZIONE 09/1999 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003

DATA DI REDAZIONE 09/1999 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 10/2003 Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) SUPERWOOL 607 fibre, SUPERWOOL 607 blanket, (materassini aguglliati con o senza alluminio) SUPERPAK 607, PYRO-BLOC 607, PYRO-LOG

Dettagli

1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli

1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli ROUTE DE LAUTERBOURG CS 9048 676 WISSEMBOURG CEDEX FRANCE Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del regolamento (CE) n. 907/2006 & (CE) n. 272/2008 Numero SDS 20 Data di redazione 0/02/20 Data dell ultima

Dettagli

categoria cancerogena 3 ( sostanze preoccupanti in funzione di possibili effetti cancerogeni ) dovuta alla mancanza di dati tossicologici che

categoria cancerogena 3 ( sostanze preoccupanti in funzione di possibili effetti cancerogeni ) dovuta alla mancanza di dati tossicologici che Scheda di datti di sicurezza Ai sensi del reglemento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 408 Data di redazione 01/12/2002 Data dell ultima revisione 17/03/2014 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

1/7 1004. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. Scheda di datti di sicurezza

1/7 1004. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. Scheda di datti di sicurezza Scheda di datti di sicurezza Ai sensi del reglemento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 1004 Data di redazione 01/10/1995 Data dell ultima revisione 05/02/2013 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

1/7 502. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. Scheda di datti di sicurezza

1/7 502. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. 2 - Indicazione dei pericoli. Scheda di datti di sicurezza Scheda di datti di sicurezza Ai sensi del reglemento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 502 Data di redazione 01/03/1992 Data dell ultima revisione 21/10/2013 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

TC 26, TCA 26, TC 140, TC 140 HS, JM26, JM28, JM30, JM32

TC 26, TCA 26, TC 140, TC 140 HS, JM26, JM28, JM30, JM32 SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) TC 26, TCA 26, TC 140, TC 140 HS, JM26, JM28, JM30, JM32 NUMERO SDS I-502-5-EURO DATA DI REDAZIONE 11/1994 DATA DELL ULTIMA REVISIONE 12/2010

Dettagli

Mix Firelite 14, 14-G, 14 HS, 1230, 1230 G, 2500, 2500 G, LW, LW-G, LW HS, LW HS-G

Mix Firelite 14, 14-G, 14 HS, 1230, 1230 G, 2500, 2500 G, LW, LW-G, LW HS, LW HS-G Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) Mix Firelite 14, 14-G, 14 HS, 1230, 1230 G, 2500, 2500 G, LW, LW-G, LW HS, LW HS-G NUMERO SDS I-629-1-EURO DATA DI REDAZIONE

Dettagli

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti 1. Identificazione del prodotto e della Società Nome del prodotto: PROMASPRAY P300 Impiego previsto: PROMASPRAY P300 è un intonaco applicato a spruzzo, adatto per la protezione passiva al fuoco di strutture

Dettagli

1/10 428. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. Tradenames: Superwool HT Board SB, Superwool HT Board WB, Superwool Plus Board WB,

1/10 428. 1 - Identificazione del prodotto e del produttore. Tradenames: Superwool HT Board SB, Superwool HT Board WB, Superwool Plus Board WB, Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del regolamento (CE) n. 1907/2006 & (CE) n. 1272/2008 Numero SDS 428 Data di redazione 01 May 2011 Data dell ultima revisione 22 June 2015 1 - Identificazione del prodotto

Dettagli

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore Pagina 1 di 7 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DEL FORNITORE Identificazione del preparato / nome commerciale Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

PANNELLI IN FIBRA MINERALE edizione 1

PANNELLI IN FIBRA MINERALE edizione 1 SCHEDA DI SICUREZZA PANNELLI IN FIBRA MINERALE edizione 1 1 Identificativi del prodotto e della società Nomi commerciali: York / Boston / Boston Micro Utilizzo: Pannelli per controsoffitti modulari Produttore:

Dettagli

4.1 PELLE In caso di irritazione della pelle, sciacquare e lavare delicatamente con acqua la zona irritata. Non strofinare o grattare.

4.1 PELLE In caso di irritazione della pelle, sciacquare e lavare delicatamente con acqua la zona irritata. Non strofinare o grattare. REFRATTARI PREFORMATI CERAMICA TECNICA INDUSTRIALE SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della Direttiva 91/155/CEE) NUMERO SDS IT01SM DATA DELL ULTIMA REVISIONE 02/2006 DATA DI REDAZIONE 11/2004 1. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

GENNAIO 2014 ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES PER L USO DELLE LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS

GENNAIO 2014 ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES PER L USO DELLE LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) PER L USO DELLE HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS 2 COS È WHAT LA ARE LANA ISOLANTE PER ALTA TEMPERATURA (HTIW)? HIGH TEMPERATURE

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA ARGILLA. Argilla di cava

SCHEDA DATI DI SICUREZZA ARGILLA. Argilla di cava S.E.I. SpA SCHEDA DATI DI SICUREZZA (REGOLAMENTO CE 1907/2006, TITOLO IV) Rev. 0 Data 31/5/2008 ARGILLA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Descrizione del prodotto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) FIBROBIFIRE

SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) FIBROBIFIRE Pagina 1 di 5 SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) Data di emissione Data aggiornamento 22/02/2000 11/07/2005 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Paint Stop (260 g/m 2 ) 1.2. Società: D.L.G. sas via Cal de Livera 71/b 31020 VITTORIO

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA. FIRMAT (Feltri e materassini trapuntati) Isolante termoacustico.

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA. FIRMAT (Feltri e materassini trapuntati) Isolante termoacustico. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Nome del prodotto: Produttore: FIRMAT (Feltri e materassini trapuntati) F.I.R. S.r.l. Via dell Industria 8 37030 Roncà (VR) ITALIA Tel.

Dettagli

I prodotti sopraccitati contengono fibra ceramica refrattaria (RCF) (Fibre di Allumino-silicati (ASW)) (RCF/ASW)).

I prodotti sopraccitati contengono fibra ceramica refrattaria (RCF) (Fibre di Allumino-silicati (ASW)) (RCF/ASW)). SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) Numero SDS: Reach I-239-4-EURO Data di redazione: 10/2003 Data dell ultima revisione: 05/2011 1. Identificazione del

Dettagli

UNI LDR P. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 22/04/2014 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

UNI LDR P. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 22/04/2014 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Pag. 1 di 5 UNI LDR P SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 22/04/2014 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza o del

Dettagli

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 MSDS - Scheda dati di Sicurezza Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 okite@okite.com www.okite.com 6 - MSDS - Scheda dati di Sicurezza

Dettagli

Prodotti in fibra continua di vetro

Prodotti in fibra continua di vetro SEZIONE 0. INFORMAZIONI GENERALI Questi prodotti sono articoli ai sensi dell Articolo 3.3 del regolamento (CE) No. 1907/2006 (REACH). Non contengono sostanze destinate a essere rilasciate in condizioni

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Data ultima revisione: 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1/5 K5331 Vial 2 HER2 FISH pharmdx Kit K5333 Vial 2 TOP2A FISH pharmdx Kit K5599 Vial 2 Histology FISH Accessory

Dettagli

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong Pagina 1 / 6 1: Identificazione del prodotto 1.1: Nome del prodotto / nome commerciale: Nome 1.2: Applicazioni Edilizia 1.3: Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Nome Malta collante

Dettagli

Numero telefonico di chiamata urgente della società e/o di un organismo ufficiale di consultazione: Edilcol Italia S.r.l. Tel.

Numero telefonico di chiamata urgente della società e/o di un organismo ufficiale di consultazione: Edilcol Italia S.r.l. Tel. ADESIVI PER CERAMICHE E PIETRE NATURALI AL QUARZO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' Denominazione commerciale del prodotto: AL QUARZO. Tipo di prodotto ed impiego: Adesivo cementizio per

Dettagli

Informazioni sul prodotto e istruzioni relative alla lavorazione 1

Informazioni sul prodotto e istruzioni relative alla lavorazione 1 1 1 1. Elementi identificativi del prodotto e della società/impresa produttrice Denominazione del prodotto: materiale isolante in lana di roccia Uso e funzione: materiale isolante in lana di roccia per

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.)

SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.) SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.) Revisione n 3 Emessa il 01/08/10 Pag. 1 di 2 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Nome commerciale Impiego tipico Fabbricante

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE Nome Kling-on Blue Descrizione Fornitore Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti Forum Products Ltd 41 51 Brighton Road Redhill

Dettagli

CHIMICI DATA Data aggiornamento: 29.10.10 Data precedente: 10.12.2009

CHIMICI DATA Data aggiornamento: 29.10.10 Data precedente: 10.12.2009 SCHEDA DI SICUREZZA MODULO INFORMATIVO PER PRODOTTI CHIMICI DATA Data aggiornamento: 29.10.10 Data precedente: 10.12.2009 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione: Eberhard-Finckh-Straße Nome Commerciale: S-U-DENTA-VLIES 39 D-89075 Ulm (Donau) Germany Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97)

SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) ADVINROCK Pagina 1 di 6 SCHEDA DATI DI SICUREZZA CE: 91/155 93/112 (DM 04/04/97) ADVINROCK Data di emissione Data aggiornamento 02/11/2002 01/09/2004 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 04.06.2014 Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

FIBRANgysp AGeo edizione 1.0 (ITA) del 21/04/2011 revisione 0

FIBRANgysp AGeo edizione 1.0 (ITA) del 21/04/2011 revisione 0 SCHEDA DI SICUREZZA redatta in conformità al regolamento CE 1907/2006 (REACH) art. 31 FIBRANgysp AGeo edizione 1.0 (ITA) del 21/04/2011 revisione 0 1 Identificativi del prodotto e della società Nomi commerciali

Dettagli

SCHEDA DI ISTRUZIONI SUL CORRETTO USO MATERIALE ISOLANTE URSA GLASSWOOL

SCHEDA DI ISTRUZIONI SUL CORRETTO USO MATERIALE ISOLANTE URSA GLASSWOOL SCHEDA DI ISTRUZIONI SUL CORRETTO USO MATERIALE ISOLANTE URSA GLASSWOOL Review: 0 Date: 01/12/2015 Done by: Reviewed by: Approved by: Sales Engineer - OU Mediterranean & SouthEast - OU Mediterranean &

Dettagli

INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL

INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL INFORMAZIONI PRODOTTO ATISOL Nome commerciale: ATISOL Indicazioni generali: Atisol è un prodotto di copertura altamente isolante per fusioni metalliche. Proveniente da un prodotto naturale con elevata

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA COPPELLE CRS

SCHEDA DI SICUREZZA COPPELLE CRS SCHEDA DI SICUREZZA COPPELLE CRS SEZIONE 1 Elementi identificatori della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificazione del prodotto Nome commerciale : CALCIO SILICATO PROMASIL 1000

Dettagli

STARSET 30. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 20/11/2013 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

STARSET 30. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 20/11/2013 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Pag. 1 di 5 STARSET 30 SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 20/11/2013 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza o del

Dettagli

Lana di vetro. Isolamento ternico e/o acustico in edilizia. Via Pracelso, 16 20864 Agrate Brianza (MB) Italia

Lana di vetro. Isolamento ternico e/o acustico in edilizia. Via Pracelso, 16 20864 Agrate Brianza (MB) Italia Scheda tecnica di sicurezza per lana di vetro 1. Identificazione prodotto e società produttrice Nome generico del prodotto: Utilizzi raccomandati: Lana di vetro Isolamento ternico e/o acustico in edilizia

Dettagli

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Ausiliario per l'industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

Quantità: N EINECS: N CAS: Impurità: 100% 270-666-7 37244-96-5 Nessuna

Quantità: N EINECS: N CAS: Impurità: 100% 270-666-7 37244-96-5 Nessuna 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELL AZIENDA 1.1. Identificazione del preparato oppure della preparazione Nome: Nefelina Sienite N di registrazione REACH: Esente secondo l Allegato V punto 7 Sinonimi:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Articolo numero: FINOSILIN PLUS Cristalli adesivi 11584 / 11588 1.2. Usi

Dettagli

Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC)

Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) Thermal Ceramics SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della direttiva 91/155/EEC) CERAFIBER, CERABLANKET, CERACHROME FIBER, CERACHROME BLANKET, CERACHEM FIBER, CERACHEM BLANKET, ENFIL HP, ENFIL Z, KAOWOOL

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA - LM70/LM100 -

SCHEDA DATI DI SICUREZZA - LM70/LM100 - SCHEDA DATI DI SICUREZZA - LM70/LM100-1--IIDENTIIFFIICAZIIONE DELL PPREPPARATO E DELLLLA SOCIIETA Identificazione del prodotto: Cod.: Lana di Vetro LM70/LM100 Società a cui rivolgersi per informazioni:

Dettagli

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO Pagina 1 di 5 DETERGENTE SGRASSANTE ALCALINO CONCENTRATO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA NOME PRODOTTO: TIPO DI PRODOTTO ED IMPIEGO: NOME DEL DISTRIBUTORE: INDIRIZZO COMPLETO: DETERGENTE

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

INFORMAZIONI PRODOTTO CENISOL-A

INFORMAZIONI PRODOTTO CENISOL-A INFORMAZIONI PRODOTTO CENISOL-A Nome commerciale: CENISOL-A Indicazioni generali: Cenisol è un prodotto di copertura altamente isolante per fusioni metalliche. Proveniente da un prodotto naturale con elevata

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

Ecolush 15/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELL'IMPRESA

Ecolush 15/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELL'IMPRESA Pagina 1 di 9 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELL'IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: 1.2. Usi pertinenti della sostanza o miscela e usi sconsigliati 1.2.1

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04807-08-013/04805-06-012 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Membrane bituminose Produttore/fornitore:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 1.00.05 del 05/10/2006 COD. ALOE 1 Pag. 1 di 5

SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 1.00.05 del 05/10/2006 COD. ALOE 1 Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 1.00.05 del 05/10/2006 COD. ALOE 1 Pag. 1 di 5 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' NOME COMMERCIALE: ALOE VERA POLVERE SPRAY DRIED Codice commerciale: ALOE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Identificazione della sostanza/preparato Utilizzazione

Dettagli

52&.:22/,7$/,$6S$ SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Aggiornamento del 3 Gennaio 2002)

52&.:22/,7$/,$6S$ SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Aggiornamento del 3 Gennaio 2002) SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Aggiornamento del 3 Gennaio 2002) 1) IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' Nome del prodotto : Produttore : Tipo di utilizzazione : Lana di roccia ROCKWOOL ITALIA SpA

Dettagli

1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' / IMPRESA PRODUTTRICE

1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' / IMPRESA PRODUTTRICE 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' / IMPRESA PRODUTTRICE 1.1 Identificazione della sostanza: PBT 1.2 Denominazione commerciale:kunder PBT H G30 RAL 7042 RG 1.3 Identificazione

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Revisione: 04-11-2011

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Revisione: 04-11-2011 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Revisione: 04-11-2011 SEZIONE 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA 1.1 Identificatore del prodotto: F50 FLOAT 1.2 Usi pertinenti identificati della miscela: Adesivo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg)

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg) 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Informazioni sul prodotto Marchio : Società : GE Silicones 260 Hudson River Road 12188 Waterford Telefono : Telefax : +49 (0)214/3072397

Dettagli

: Bioshout Sciogli Macchia

: Bioshout Sciogli Macchia 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ MISCELA E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Informazioni sul prodotto Nome del prodotto Utilizzazione della sostanza/della miscela : : Smacchiatore Società : S.C. Johnson Italy

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Codice: 199686 Denominazione 1.2 Utilizzazione della

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. Data di emissione della scheda : 08/06/2012 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5

SCHEDA DI SICUREZZA RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5 RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5 1 Nome e/o marchio Azienda produttrice data compilazione :16.02.1998 SOSTANZA Data di revisione : 09.02.1998 Utilizzazione: RAME OSSIDO! mat.prima! solvente ROSSO! prod.intermedio!

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: GUAINA STRONG VERDE - Monocomponente 1.2 Utilizzazione del preparato: Impermeabilizzante liquido a base di resine acriliche. 1.3 Produttore:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2012 03 28 Versione: 5.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ISH Accessories (Buffers, Wash Buffers, Mounting Solutions) Codice prodotto to: AB-0001,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (2001/58/CE) ROCKWOOD ITALIA SPA, DIV. SILO Ossido di Cromo Verde Pagina 1 di 5 Code: MSDS 15I

SCHEDA DI SICUREZZA (2001/58/CE) ROCKWOOD ITALIA SPA, DIV. SILO Ossido di Cromo Verde Pagina 1 di 5 Code: MSDS 15I Ossido di Cromo Verde Pagina 1 di 5 1. Identficazione della sostanza o del preparato e della società: Ossido di ferro Nome commerciale: Ossido di cromo verde 1300 Usi previsti: Fornitore: Applicazione

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA FARBEN H 48 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ: 1.1 Nome chimico: Etilendiammino-di(O-idrossifenilacetato) di ferro e sodio 1.2.Società o responsabile dell immissione

Dettagli

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Scheda dei dati di sicurezza VINILIKA D2 valida da: 01/2012 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Indicazioni sul prodotto: Nome commerciale: VINILIKA D2 (Colla vinilica

Dettagli

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008 Scheda di sicurezza ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 1. Identificazione del prodotto e dell'azienda 1.1. Identificazione del prodotto Identificazione del prodotto: Denominazione del prodotto: 1.2.

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO prodotti per ortodonzia redatta in base al D.M. 28/01/1992 in attuazione della direttiva 91/155CEE Prodotto: RESINA LEOCRYL POLVERE data di compilazione: 10/10/95 ns. riferimento:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008)

SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) SCHEDA DATI DI SICUREZZA (Secondo i Regolamenti (EC) No 1907/2006 e (EC) No 1272/2008) Numero SDS: Reach I-111-7-EURO REACH Data di redazione: 12/1998 Data dell ultima revisione: 05/2011 1. Identificazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: TAPPATUTTO BEIGE Monocomponente 1.2 Uso: Usi sconsigliati: Pasta fibrorinforzata a base di resine acriliche, per sigillature impermeabili.

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1.Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1.Identificatore del prodotto New Algin 1.2.Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela alginato per impronte dentali

Dettagli

Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE

Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE 1. Identificazione del preparato e della Società Identificazione del preparato Nome del Prodotto: CLEVI LUB Identificazione

Dettagli

Usi rilevanti identificati della sostanza: Prodotto per uso industriale; professionale; privato; ricerca, analisi ed educazione scientifica.

Usi rilevanti identificati della sostanza: Prodotto per uso industriale; professionale; privato; ricerca, analisi ed educazione scientifica. Scheda Sicurezza Prodotto: ECOUNI Data: Gennaio 2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ Denominazione del prodotto: ECOUNI Identificatore del prodotto: Solfato di calcio biidrato N CAS:

Dettagli

POTASSIO FERROCIANURO

POTASSIO FERROCIANURO POTASSIO FERROCIANURO 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: POTASSIO FERROCIANURO Numero CAS:

Dettagli

1: Identificazione della sostanza o del preparato e della società/impresa

1: Identificazione della sostanza o del preparato e della società/impresa ORGANIZZ. CONDIZ. LAVORAT. E AMBIENTE SPI CDL 1/5 1: Identificazione della sostanza o del preparato e della società/impresa Produttore : Elephant Dental B.V., Verlengde Lageweg 10, 1628 PM Hoorn, Paesi

Dettagli

radiello : cartuccia adsorbente cod. 145

radiello : cartuccia adsorbente cod. 145 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA radiello : cartuccia adsorbente cod. 145 1. Identificazione del preparato e della società produttrice pag. 2 2. Composizione. Informazioni sugli ingredienti pag. 2 3. Identificazione

Dettagli

Scheda dati di sicurezza secondo regolamento (CE) n 1907/2006 e 1272/2008

Scheda dati di sicurezza secondo regolamento (CE) n 1907/2006 e 1272/2008 Scheda dati di sicurezza secondo regolamento (CE) n 1907/2006 e 1272/2008 SACHTLEBEN SR 3 Slurry Data di stampa: 06.03.2015 rielaborata il: 06.03.2015 Revisione: 0 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA

Dettagli

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA COME DA DIRETTIVE 2001/58/CE E 1999/45/CE REDATTA SECONDO DECRETO MINISTRO DELLA SALUTE DEL 07/09/02 E DLGS 13/03/03 N. 65 Pag. 1 di 5 1. Identificazione della

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Codice: 199278 Denominazione 1.2 Utilizzazione della

Dettagli

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02 WCOLCLASSGR pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23023/23101/23391/23291/23431 Nome commerciale : WEBER.COL CLASSIC PLUS PRESTIGE - PROGRES GRIGIO Natura del prodotto

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Tipo di prodotto ed impiego: Premiscelato monocappa per la protezione e decorazione contemporanea.

Tipo di prodotto ed impiego: Premiscelato monocappa per la protezione e decorazione contemporanea. INTONACI, MALTE E FINITURE AD ELEVATE PRESTAZIONI IP 140 M 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' Denominazione commerciale del prodotto: IP 140 M. Tipo di prodotto ed impiego: Premiscelato

Dettagli