ALLEGATO B. CONTENUTI (bando del 22 giugno 2015)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO B. CONTENUTI (bando del 22 giugno 2015)"

Transcript

1 ALLEGATO B CONTENUTI (bando del 22 giugno 2015) Corso di Studio in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (classe L-17) ATTIVITÀ FORMATIVA Contenuti generali = unità didattica Laboratorio di Disegno dell architettura 1 anno, I semestre 1: Disegno dell architettura 2: Disegno automatico L attività formativa introduce i temi, i metodi e gli strumenti della rappresentazione architettonica; rende consapevole lo studente dei procedimenti di descrizione dello spazio architettonico, sia attraverso il disegno manuale che digitale; illustra i concetti della comunicazione del progetto architettonico. SSD CFU vacant e ORE vacant e ICAR/ INSEGNAMENTI VACANTI Contenuti specifici 1: Disegno dell architettura I fondamenti della Geometria proiettiva. La teoria e le applicazioni dei metodi della Geometria Descrittiva: proiezioni centrali, proiezioni ortogonali, proiezioni assonometriche. Disegno architettonico e di architettura. Oggetto, contenuti e finalità. Le forme istituzionali della rappresentazione architettonica: la pianta, il prospetto, la sezione. La rappresentazione tridimensionale. Il Disegno per l analisi. Metodi e strumenti per la costruzione di un quadro conoscitivo, analitico e sintetico, di lettura e rappresentazione di organismi architettonici. La rappresentazione: Oggetto e tipi di rappresentazioni, le scale di rappresentazione, processi di codificazione dei segni e modalità comunicative dei contenuti, contenuti, finalità, organizzazione e redazione degli elaborati grafici. Il Disegno dal vero: la conoscenza dell architettura attraverso metodiche di osservazione analitica diretta. I modelli di interpretazione della realtà. Il Disegno come processo di costruzione della forma. Conoscenze teoriche relative alla forma e ai processi formativi dell architettura. Il Disegno come forma operazionale di ricerca e invenzione della forma. Figure e regole di formazione. L impiego degli strumenti grafici come linguaggio comunicativo del pensiero progettuale e come strumento per la descrizione/comunicazione dell architettura. 1

2 Fisica tecnica 1 anno, II semestre L attività formativa tratta alcune leggi della termodinamica applicata e dei meccanismi di scambio termico finalizzati al loro utilizzo nelle analisi energetico-ambientali degli edifici. Laboratorio di progettazione urbana 1 anno, II semestre 1: Progettazione architettonica e urbana 2: Architettura degli spazi aperti L attività formativa intende fare acquisire allo studente la consapevolezza del rapporto stretto tra architettura e città. Il progetto di architettura sarà impostato e sviluppato sia nella sua configurazione tipologica e volumetrica, sia nei suoi spazi aperti, verificato alla grande e media scala, definito nei caratteri insediativi e nelle relazioni con gli altri insediamenti. ING-IND/ Sistemi di unità di misura. Temperatura e calore. Principio zero della Termodinamica. Introduzione alla termometria. Equilibrio di un sistema termodinamico. Funzioni di stato. Grandezze di scambio. Scambi di lavoro in sistemi con e senza deflusso. Energia interna. Entalpia. Trasformazioni termodinamiche. Secondo principio. Teorema e ciclo di Carnot. Ciclo inverso di Carnot. Entropia. Temperatura termodinamica e scala assoluta. Trasformazioni di gas perfetti. Diagrammi di stato. Ciclo frigorifero. Pompa di calore. Cenni sui componenti di impianto e sui fluidi frigorigeni. Generalità sui meccanismi di scambio termico. Equazione generale della conduzione termica. Conduzione in regime stazionario. Postulato di Fourier. Conduttività termica dei materiali. Conduzione termica in pareti monostrato e multistrato. Conduzione termica in regime variabile. Sistemi con resistenza termica non trascurabile. Cenni sul moto dei fluidi viscosi. Deflusso laminare e turbolento. Strato limite. Legge di Newton. Convezione naturale e forzata. Equazioni dello strato limite e loro soluzione. Correlazioni di uso pratico. Grandezze fondamentali per la radiazione termica. Radiazione del corpo nero. Emissione delle superfici reali. Scambio termico per irraggiamento tra superfici ed in cavità. Irraggiamento ambientale. Effetto serra. Coefficiente di adduzione. Trasmittanza termica. Calcolo della trasmittanza termica di pareti semplici, composte, verticali orizzontali con intercapedini. Termodinamica dell'aria umida. Verifìca di Glaser. ICAR/ : Progettazione architettonica e urbana La progettazione architettonica in stretto rapporto con la città, la sua forma, la sua storia: la consapevolezza di operare nella contemporaneità. Introduzione ai concetti di spazio urbano, città, territorio ed ambiente come strumenti di analisi dei luoghi e possibili criteri di relazione tra il progetto di elementi architettonici semplici inseriti in contesti differenti. Introduzione alle nozioni di luogo e di contesto per comprendere le relazioni tra i manufatti architettonici e il loro ambito spaziale di appartenenza. L evoluzione dei principali strumenti di relazione, tra la città ed il territorio, attraverso i concetti di misura, dimensione, limite, spazio vuoto. Comprensione dei principi logici della progettazione architettonica in 2

3 Laboratorio di costruzione dell architettura 2 anno, II semestre 1: Progettazione dei sistemi costruttivi 2: Dispositivi e sistemi energetico ambientali L attività formativa prepara lo studente alla conoscenza della complessità del processo progettuale che conduce alla costruzione dell architettura, introducendo un approccio di tipo sistemico che mette in relazione gli aspetti tecnologici e ambientali con le istanze di contenimento dei consumi energetici. ING-IND/ ordine al corretto rapporto tra la forma di un manufatto e delle sue parti, la sua struttura e il suo programma funzionale. Redazione di un progetto di un sistema residenziale su aree di studio selezionate nell ambito del territorio adriatico, individuate tra la città diffusa e quella consolidata e caratterizzate dalla presenza di segni naturali o antropici capaci di innescare significative occasioni di relazione con il progetto. L esercitazione progettuale sarà indirizzata verso la valutazione delle azioni progettuali più opportune al raggiungimento degli obiettivi prefissi (estetici, funzionali e prestazionali in genere), in ordine alla trasformazione di un determinato ambito spaziale. Studio e controllo di tutte le fasi fondamentali del progetto architettonico: dalla ideazione fino alla forma conclusa degli aspetti spaziali opportunamente verificati alle diverse scale di approfondimento architettoniche e urbane. 2: Dispositivi e sistemi energetico ambientali La questione ambientale e la sostenibilità dell ambiente costruito. La qualità ambientale negli spazi confinati e negli spazi aperti: requisiti di comfort e indici previsionali. I fattori climatici e le caratteristiche del microclima urbano in relazione alla progettazione architettonica degli edifici e degli spazi aperti. La progettazione di sistemi passivi per gli edifici: strategie e sistemi di controllo per il riscaldamento, il raffrescamento, la ventilazione e l illuminazione. Le prestazioni energetiche del sistema edifici-impianti: involucro, impianti, sistemi di generazione. La progettazione di sistemi attivi per gli edifici. Le energie rinnovabili: generalità e integrazione architettonica. La gestione sostenibile delle acque: edifici e spazi esterni; La certificazione energetica e ambientale: cenni del quadro nazionale e internazionale. Gli strumenti di analisi e progettazione energetica e ambientale: l uso degli strumenti di supporto informatici per la modellazione e la simulazioni energetiche. 3

4 Laboratorio di progettazione urbanistica 2 anno, II semestre 1: Progettazione urbanistica 2: Sistemi territoriali per la sostenibilità ambientale L attività formativa conduce gli studenti ad impostare, sviluppare e rappresentare un caso semplice di progettazione urbanistica, considerando i fenomeni urbani e territoriali e le modalità di trasformazione che concorrono a definire la qualità del territorio e la sostenibilità delle sue modificazioni. Laboratorio di progettazione dell architettura 3 anno, I semestre 1: Progettazione architettonica 2: Cultura tecnologica della progettazione L attività formativa sviluppa i problemi della progettazione architettonica in termini ampi e integrati, sia alla scala della città e del paesaggio che a quella del manufatto architettonico. Il progetto di architettura rappresenterà nella sua definizione gli aspetti funzionali, costruttivi e tipologici, anche con l esemplificazione dell impiego di materiali e sistemi costruttivi sia tradizionali che innovativi. ICAR/ : Sistemi territoriali per la sostenibilità ambientale Principali cognizioni e tecniche di base per l analisi delle strutture urbanistiche e ambientali per la conoscenza del territorio, l ambiente e la città, al fine di potervi in seguito operare in modo responsabile, attraverso metodologie disciplinari coerenti e mirate a sviluppare l attitudine ad indagare un sistema complesso dove interagiscono componenti e risorse afferenti a discipline diverse. Il percorso di analisi prevede la costruzione di un quadro conoscitivo propedeutico e costantemente interagente con la successiva fase progettuale. Si tratterà in particolare di esplorare il contesto di studio assegnato da più punti di vista. L osservazione della città a più scale: dall alto (ovvero alla scala territoriale) utilizzando materiali conoscitivi di archivio e/o bibliografici (in questo caso si tratterà anche di rileggere la strumentazione urbanistica locale e gli strumenti di pianificazione e programmazione d area vasta), ma anche dal basso, percorrendola a piedi, attraverso l esperienza e il rilievo (urbanistico) diretto sul campo, utilizzando la cartografia, le foto aeree, il disegno, la fotografia, la ripresa cinematografica, ecc. ICAR/14 ICAR/ : Progettazione architettonica La conoscenza dello spazio urbano attraverso l'insegnamento degli strumenti teorici e metodologici elaborati dalla cultura architettonica nella loro evoluzione di fronte ai mutamenti della cultura abitativa. La comprensione del rapporto tra analisi e progetto attraverso l esame di questioni centrali per la sua elaborazione: il territorio come palinsesto; il ruolo delle preesistenze architettoniche e ambientali; l'idea di spazio urbano e le ragioni delle forme della città; il rapporto tra tradizione e innovazione; il rapporto tra natura e artificio; il rapporto tra programma e forma architettonica. La dimensione territoriale dei fenomeni insediativi contemporanei come campo di applicazione per la messa a punto di strategie rigenerative, architettoniche e urbane. Il ruolo ed il significato del progetto nella conoscenza della realtà e nella prefigurazione di nuovi scenari. Il tema dello spazio pubblico associato alle nuove pratiche del tempo libero come sperimentazione di nuove forme di riciclo per la rigenerazione di 4

5 spazi ed edifici di recente realizzazione ed in stato di abbandono. Descrizione ed interpretazione del fenomeno insediativo adriatico per una revisione della relazione tra architettura e turismo e la sperimentazione di nuovi modelli urbani nei luoghi del turismo. Manufatti non finiti o abbandonati, infrastrutture sotto utilizzate, suoli residuali costituiranno oggetto di approfondimento analitico e progettuale. 2: Cultura tecnologica della progettazione Approfondimento dei principali aspetti del complesso rapporto tra teoria e prassi, tra ideazione e costruzione dell architettura, assumendo la tecnica come strumento critico, operativo ed interpretativo delle ricerche e delle sperimentazioni architettoniche moderne e contemporanee. La formazione avverrà sia attraverso l approfondimento di una cultura tecnologica e ambientale del progetto di architettura attraverso la lettura critica di esperienze storiche, riconoscendone le valenze innovative nell ambito dei contesti in cui sono maturate, sia attraverso l individuazione di percorsi innovativi nella elaborazione progettuale, improntati alla ricerca di soluzioni sperimentali, anche attraverso l elaborazione di modelli e prototipi. Tecnica delle costruzioni 3 anno, I semestre L attività formativa ha il compito di fornire gli strumenti di base necessari per l'analisi, il dimensionamento e la verifica di elementi strutturali in acciaio e in calcestruzzo armato. ICAR/ La sicurezza strutturale e il metodo semiprobabilistico agli stati limite. Azioni sulle strutture: carichi permanenti, carichi variabili, neve, vento. Strutture in acciaio: proprietà strutturali dell'acciaio, stato limite di esercizio di deformazione, stati limite ultimi elastici (forza assiale, flessione semplice e composta, taglio), problemi di stabilità di colonne in acciaio compresse e pressoinflesse, collegamenti bullonati e saldati. Strutture in calcestruzzo armato: proprietà strutturali del calcestruzzo e delle barre di armatura, aderenza e ancoraggio, stato limite di esercizio per tensioni normali, stato limite ultimo di flessione semplice e composta, stato limite ultimo di taglio, disposizione delle armature. Analisi strutturale: teoria lineare della trave, metodo degli spostamenti, formulazione matriciale del metodo degli spostamenti, analisi con l'elaboratore elettronico. 5

6 Corso di Studio magistrale in ARCHITETTURA (classe LM-4) ATTIVITÀ FORMATIVA Contenuti generali = unità didattica Laboratorio di progettazione strutturale 1 anno, II semestre 1: Progettazione delle strutture architettoniche 2: Strutture e forma L attività formativa porterà a compimento i saperi acquisiti attraverso una sperimentazione progettuale sulle strutture portanti coordinata con il parallelo Laboratorio di Progettazione Architettonica ed Urbana. Le soluzioni strutturali, dalle tecniche costruttive agli schemi statici, saranno strettamente relazionate alle problematiche formali e funzionali delle strutture. SSD CFU ORE INSEGNAMENTI VACANTI Contenuti specifici ICAR/ : Strutture e forma Sviluppo delle relazioni e delle integrazioni tra il progetto di architettura ed il progetto strutturale. Approfondimenti attraverso lo studio di opere architettoniche che esemplificano il rapporto tra sistema strutturale e forma architettonica, e sperimentate nel lavoro progettuale. 6

7 Corso di Studio in DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (classe L-4) ATTIVITÀ FORMATIVA Contenuti generali = unità didattica SSD CFU ORE INSEGNAMENTI VACANTI Contenuti specifici Disegno digitale 1 anno, II semestre L attività formativa ha come obiettivo quello di sperimentare le possibilità operative del disegno digitale nella formalizzazione del pensiero creativo e nel controllo, gestione e rappresentazione di forme complesse finalizzate al progetto di design. ICAR/ Introduzione alla computer grafica: differenze tra grafica vettoriale e grafica raster; panoramica sui software operanti in ambito grafico. Il disegno tecnico bidimensionale assistito dal personal computer: problematiche relative alla rappresentazione in scala e alla stampa; impaginazione e stampa dei disegni. La modellazione grafica tridimensionale: tecniche di modellazione NURBS; procedure di generazione e manipolazioni di superfici NURBS; tecniche di rappresentazione delle superfici NURBS; metodi di conversione delle superfici NURBS in superfici poligonali. Rappresentazione del modello tridimensionale: cenni sul setup di una scena tridimensionale (luci, materiali, punti di vista); cenni storici ed evoluzione delle tecniche di rendering di un modello tridimensionale; applicazioni e differenze tra le tecniche di rendering fotorealistiche e NPR (Non Photorealistic Rendering). La modellazione finalizzata alla prototipazione: differenze tra modello matematico e modello numerico; acquisizione di modelli fisici e cenni di reverse engineering. Elementi di comunicazione visiva: elaborazione di immagini e disegni generati mediante il rendering; tecniche di rappresentazione, impaginazione e stampa. 7

8 Laboratorio di disegno industriale 2 2 anno, II semestre 1: Design del prodotto industriale 2 2: Gestione delle imprese e innovazione della produzione L attività formativa è dedicata alla progettazione finalizzata all innovazione di prodotto, in un percorso di ricerca che tiene conto dei nuovi trend di consumo e delle dinamiche soci-economiche e produttive. L interpretazione delle tendenze, attraverso attività d indagine e analisi, porterà alla formulazione di proposte progettuali coerenti, mirate alla produzione in serie. ICAR/13 SECS- P/ : Design del prodotto industriale 2 La genesi del Problema: problem searching, problem setting, problem solving - Styling e Innovazione progettuale - Teamworking/Networking. Dalla poesia, al concept, al brief - Metodi di ricerca creativa ed emersione delle idee: il "creastorie", le keywords, le mappe mentali, la matrice delle scoperta, gli "speed prototypes" - Descrizione dei concept - Formazione del brief di progetto - Approccio multidisciplinare al concept design - Dal concept allo sviluppo prodotto - R&D (research & development) - Tecnologie e Materiali - Le soluzioni di engineering e di I&T - Il co-design - Multitools e multimedia: dallo sketching al virtual rendering ; Il disegno a mano libera come strumento di pensiero; Il prototipo leggero e il modello artigianale come strumento di progetto; Modellazione tridimensionale e rendering per il concept design ; Strumenti tecnologici per la progettazione contemporanea - Panoramica CAD 3D parametrici - Modeling 3D, CAD/CAE la simulazione virtuale ingegneristica - Il prototipo stereolitografico e il sintering: dall'estetica alla verifica funzionale - Uso appropriato dei materiali e delle tecnologie produttive. 2: Gestione delle imprese e innovazione della produzione Rapporto tra architettura e manufatto industriale: differenti parametri e lavorazioni tra componenti, rivestimenti, serramenti e finiture e loro tecnologie. Case history su aziende e imprese note. Architettura stabile e temporanea, scelte costruttive tra statica ed estetica. Analisi tipologiche e tecnologiche dei differenti manufatti tra progetto e durata. La prefabbricazione industriale. Lavorazioni artigianali ed industriali, come cambia l approccio manifatturiero tra pezzo unico e produzione seriale. Analisi di casi studio. Rapporto tra industria e mondo dell abitare, design di oggetti, elettrodomestici e attrezzature che si connettono con l architettura del nostro vivere. Analisi sensoriale e percettiva dei differenti materiali impiegati. Scelte strategiche tra marketing e design. Analisi tra esigenze di mercato, tra bisogni e concepimento di oggetti innovativi con le relative scelte di fabbricazione industriale nelle logiche produttive. Scelte strategiche nel design e la produzione seriale. Analisi tra esigenze industriali, attrezzature ed investimenti per la fabbricazione seriale di pezzi. Case history di brand noti. 8

9 Laboratorio di disegno industriale 3 3 anno, II semestre 1: Design per la sostenibilità ambientale 2: Tecnologie eco compatibili 3: Tecniche di modellazione e prototipazione L attività formativa ha la finalità di fornire agli studenti conoscenze e competenze tecniche e metodologiche specifiche, necessarie alla professione dell'industrial designer e finalizzate all innovazione di prodotto. L obiettivo formativo principale è far apprendere e applicare i criteri di design sostenibile nel processo di sviluppo di nuovi prodotti. ICAR/ : Tecnologie eco compatibili I processi produttivi e le tecnologie di trasformazione a ridotto impatto ambientale e più efficienti energeticamente. Le performance ambientali dei principali processi industriali. Le caratteristiche dei materiali tradizionali e innovativi con elevate performance ambientali. I metodi e strumenti per la scelta e l applicazione dei materiali e delle tecnologie più sostenibili in relazione agli obiettivi del progetto. 9

10 Corso di Studio magistrale in DESIGN COMPUTAZIONALE (classe LM-12) ATTIVITÀ FORMATIVA Contenuti generali = unità didattica Laboratorio di progettazione dell interazione 1 anno, I semestre 1: Design multisensoriale e delle interfacce 2: Interazione uomo macchina L attività formativa affronta le differenti tematiche legate alla progettazione delle interfacce, individuando come elemento cardine le caratteristiche sensoriali, percettive e cognitive del fruitore attraverso l uso e l aiuto delle tecnologie informatiche applicate. SSD CFU ORE INF/ INSEGNAMENTI VACANTI Contenuti specifici 2: Interazione uomo macchina La caratterizzazione e la finalità del modulo è quella di fornire le conoscenze di carattere tecnologico ed informatico per affrontare la progettazione di prodotti dove l interfaccia è costituita da tecnologie principalmente digitali. Le conoscenze che saranno sviluppate nello specifico all interno del modulo sono : Sistemi e procedure di sviluppo dell interfaccia mediante l approfondimento del concetto di algoritmo. Caratteristiche cognitive dell utente per l individuazione dei percorsi d uso facilitati ( user friendly ) caratterizzando il contenuto esperienziale come elemento di ausilio per il comportamento del fruitore. Principi di integrazione tra Design e Ingegneria informatica per la progettazione e lo sviluppo di interfacce innovative per oggetti e ambienti intelligenti. Internet delle cose e principi di physical computing 1 anno, I semestre L attività formativa si pone come obiettivo di far comprendere la struttura di un sistema embedded. Conoscere l'uso dell'informazione nel software e nelle reti, i principi della programmazione, i concetti della progettazione di sistemi software ed embedded., i principi di gestione dei dati e della loro analisi. INF/ Cenni sul concetto di IOT (Internet of things); Principi di internet; Principi di progettazione per dispositivi connessi; Sistemi ICT distribuiti; Elementi di Human Computer Interaction; Concetti di Context Awareness, Autonomia, Smart Devices, Smart Environments, Smart Interaction, Tagging, Sensing and Controlling. Progettazione di applicazioni IoT per la vita quotidiana nel mondo virtuale, umano e fisico. Elementi di programmazione, implementazione di circuiti hw e uso dei tool. Elementi di progettazione di dispositivi incorporati Elementi di progettazione di prodotti fisici Tecniche per la scrittura di programmi per la Internet of things Concetti di Social Media e Sentiment Analysis associata all'iot Concetti di Big Data e analytics associati alla IoT. 10

11 Laboratorio di modellazione 3D per il design 1 anno, II semestre 1: Modellazione generativa e parametrica 2: Fabbricazione digitale L attività formativa fornisce le conoscenze per la gestione dell intero processo di modellazione del prodotto che dalla progettazione delle superfici, controllate in modo parametrico, conduce all approfondimento e applicazione dei processi di fabbricazione digitale del prodotto stesso con l obiettivo di formare una conoscenza completa di progettazione e fabbricazione del prodotto con i nuovi macchinari ( stampanti 3d, taglio laser, ecc..) Laboratorio di Design 3 2 anno, I semestre 1: Analisi morfologica e sperimentazione di nuovi tipi per l industria 2: Modellazione fisica, virtuale e aumentata per il design L attività formativa introduce alla relazione tra i processi creativi e di innovazione tecnologica e lo sviluppo morfologico del prodotto. Ha come obiettivo l individuazione di metodi, processi e sistemi per l innovazione del prodotto, tecnologicamente implementato, applicati all esperienza produttiva ed industriale, mediante le nuove tecnologie informatiche. ICAR/ ICAR/ : Modellazione generativa e parametrica Le conoscenze per la progettazione superficiale con software di modellazione parametrica (tipo Grasshopper ) approfondendo i seguenti principali temi: Principi di base di generazione parametrica delle superfici, tecniche di modellazione algoritmica e gestione avanzata dei dati per la generazione ed il controllo di forme complesse. Sequenze matematiche e logiche condizionali Sistemi di coordinate cartesiane e parametriche. Generazione e controllo di curve e superfici NURBS. Principi e tecniche di modellazione geometrica mediante i deformatori (morph), immagini (image sampler),funzioni matematiche (graph mapper), attrattori. Progettazione di prodotti mediante l applicazione dei principi di modellazione parametrica. 1: Analisi morfologica e sperimentazione di nuovi tipi per l industria La sperimentazione del prodotto del design applicato alla implementazione derivante dalle tecnologie informatiche. Il ruolo della forma nella creazione dell innovazione che si pone in continua relazione tra funzioni materiali ed immateriali del prodotto. Il prodotto del design come ausilio tecnologicamente avanzato ad una utenza allargata. La complessità delle relazioni tra utente-prodotto-contesto d'uso. Il processo di innovazione del prodotto come volano per la modifica dei comportamenti dell utente/contesto. Metodi e strumenti specifici per la definizione creativa del prodotto innovativo (brain-storming, problem solving, problem setting). Le metodologie di ricerca di base, speculativa e precompetitiva di pianificazione e progettazione dei prodotti. I metodi di analisi del mercato. I nuovi scenari di sviluppo del prodotto di design. Le nuove tecnologie e la necessità delle caratterizzazione in termini di prodotto, servizio, comportamento. 11

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base FORMARSI PER NON FERMARSI WEITERBILDUNG FÜR WEITERDENKER RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base Il processo di progettazione

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE. Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008

NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE. Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008 NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008 La promozione della sostenibilità ambientale nelle trasformazioni del territorio e in edilizia è stata al centro delle politiche

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli