REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

2

3 TITOLO I FINALITÀ, STRUTTURA ED ORGANIZZAZIONE ART. 1 FINALITÀ L'asilo nido, è un servizio educativo e sociale d interesse pubblico che il Comune di Montebelluna rivolge ai bambini fino a tre anni ed alle loro famiglie. Questo servizio ha lo scopo di aiutare ogni bambina ed ogni bambino a crescere in stato di salute e benessere, a seguire percorsi equilibrati di socializzazione, a superare ogni forma di difficoltà e ad acquisire le abilità, le conoscenze, le dotazioni affettive e relazionali utili per costruirsi un esperienza di vita ricca, originale ed armonica. Il progetto educativo del nido tiene conto dell'unitarietà dell'esperienza infantile nei diversi contesti in cui i bambini vivono e del percorso evolutivo da zero e tre armi. ART. 2 IL NIDO II nido ha una capacità ricettiva di 60 posti di cui n. 20 piccoli, n. 21 medi, n.19 grandi ed accoglie i bambini d età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. In base al principio della continuità dell'esperienza educativa: I bambini che compiono i tre anni entro il 31 dicembre saranno iscritti alla scuola dell'infanzia ed ammessi sin dall'inizio dell'anno scolastico; I bambini che compiono i tre anni dopo il 31 dicembre frequenteranno il nido fino alla chiusura dell'anno d attività. Nel nido trovano accesso a pieno diritto i bambini in situazioni di handicap. L'inserimento dei bambini al nido viene programmato e prevede la realizzazione di: 1. Un'informazione sulle finalità del progetto educativo e sul funzionamento del servizio; 2. Incontri individuali con i genitori prima dell'ingresso e durante il periodo di permanenza dei bambini; 3. Uno scaglionamento nel tempo dei nuovi ingressi prevedendo tempi di permanenza graduali e personalizzati con presenza di un genitore. ART. 3 CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE: organizzazione dello spazio educativo e delle attività Al momento dell'accoglimento i bambini, secondo la fascia d età, sono inseriti in uno dei seguenti gruppi: Piccoli (età indicativa fino ai 5 mesi) Medi (età indicativa fino a 24 mesi) Grandi Tale inserimento tende a favorire un intervento educativo che tiene conto sia della situazione affettiva, emotiva e relazionale che delle esigenze legate alle diverse fasi dello sviluppo. Pag. 1

4 La giornata tipo, al nido, prevede: L'accoglimento; Le attività di gruppo secondo le modalità programmate dalle educatrici, compreso il momento del pasto; Il riposo; La ripresa delle attività di gruppo, L'uscita. ART. 4 CALENDARIO ED ORARIO L'asilo nido è aperto dal lunedì a! venerdì dalle ore 7:30 alle ore 16:30. All'interno di tale orario L'ingresso può essere posticipato con una tolleranza massima sino alle ore 9:15, L'uscita può essere anticipata nella fascia di orario fra le h. 12:00 e le h. 13:00. Il calendario annuale di funzionamento del nido prevede la sospensione dell'attività: A Natale ed a Pasqua (in coincidenza con le vacanze scolastiche), Durante l estate, nel corso di 5 settimane in date fissate dal dirigente, sentito il personale. L'orario d uscita, nei soli casi di esigenze lavorative documentate di entrambi i genitori, può essere posticipato fino alle ore 18:15 e comporta il pagamento di una retta aggiuntiva. ART. 5 AMMISSIONE, FREQUENZA E DIMISSIONI La domanda d ammissione, da compilare su apposito modulo, fornito dall'ufficio scuole del Comune, dovrà essere presentata allo stesso ufficio, entro le date stabilite dal seguente calendario: 31 maggio: per la formazione della graduatoria delle ammissioni dal 1 settembre; 31 ottobre: per la formazione della graduatoria delle eventuali ammissioni dal 7 gennaio. Le graduatorie, aggiornate sulla base dell'età raggiunta dal bambino, rimangono valide fino ad esaurimento. Al fine di perseguire il pieno utilizzo delle risorse attivate nel servizio, sulla base del calcolo della presenza media dei bambini, può essere previsto un numero d ammissioni superiore ai posti effettivamente attivati nella misura massima del 20%. In caso di grave ed urgente necessità socio economica, di volta in volta valutato, potranno essere ammessi bambini indipendentemente dal calendario sopra indicato, a condizione che vi siano posti disponibili. Tenendo conto dalla data richiesta per l'ammissione, i genitori, chiamati a confermare l inserimento, possono chiedere di procrastinare l'entrata al nido una sola volta mantenendo invariata la posizione in graduatoria. L'ulteriore richiesta di procrastinare l inserimento sarà considerata rinuncia e comporterà il depennamento dalla graduatoria. La famiglia del bambino può, in qualsiasi momento, rinunciare al posto presentando specifica dichiarazione scritta. Sono motivo di dimissioni anticipate, previo avviso scritto: L'assenza ingiustificata, che si protragga oltre i 15 giorni; L'inadempienza ingiustificata nel versamento della retta mensile di frequenza. Alla richiesta della domanda di ammissione verrà consegnata copia del regolamento. ART. 6 CRITERI D AMMISSIONE E FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE Nel caso in cui i posti eccedano il numero dei posti disponibili sarà redatta apposita graduatoria a cura dell'ufficio competente sulla base dei criteri e punteggi di seguito elencati: Pag. 2

5 A Bambini con dichiarate condizioni di handicap fisico, psichico o familiare Casi sociali, sanitari ed ambientali, situazioni di rischio e di svantaggio sociale e di povertà segnalati dai competenti uffici pubblici. 50 B Nucleo familiare in gravi difficoltà nei suoi compiti educativi ed assistenziali Nucleo familiare in cui manchi la figura paterna o materna per gravi ed oggettivi fatti esterni 1 (decessi, carcerazioni, emigrazioni, ragazza/o madre/padre) 30 Casi di infermità o malattia grave e/o cronica, comprovati, di uno o di entrambi i genitori (il 2 punteggio viene attribuito per ciascun genitore) 50 3 Figli di genitori separati di fatto, legalmente separati e/o divorziati 15 C Situazione lavorativa della madre (come da contratto di lavoro) 1 Fuori casa Da 15 a 20 ore settimanali 8 Da 21 a 30 ore settimanali 10 Da 31 a 36 ore settimanali 12 Da 37 ore settimanali e oltre 14 2 A domicilio: piena occupazione 5 3 Lavori parziali (almeno 10 ore settimanali) 2 4 Lavori occasionali (almeno 2 mesi all'anno) per ogni mese 0,5 5 Studente (non sommabile al lavoro) 6 I punteggi non sono sommabili e il richiedente è tenuto a dichiarare la prevalenza dell'attività lavorativa. D Situazione lavorativa del padre (come da contratto di lavoro) 6 Fuori casa Da 15 a 20 ore settimanali 8 Da 21 a 30 ore settimanali 10 Da 31 a 36 ore settimanali 12 Da 37 ore settimanali e oltre 14 7 A domicilio: piena occupazione 5 8 Lavori parziali (almeno 10 ore settimanali) 2 9 Lavori occasionali (almeno 2 mesi all'anno) per ogni mese 0,5 10 Studente (non sommabile al lavoro) 6 I punteggi non sono sommabili e il richiedente è tenuto a dichiarare la prevalenza dell'attività lavorativa. E Altri figli 1 Famiglie con altri figli minori di 15 anni, per ogni figlio 1 2 Famiglie che richiedono l'inserimento al nido di due fratelli, per ogni figlio 5 3 Famiglie con figli frequentanti il nido e/o altri in lista d'attesa, per ogni figlio 8 F Scaglioni ISEE in Euro 1 Da 0 a 7.000,00 6 G 2 Da 7.001,00 a , Da ,00 a , Da ,00 a , Oltre ,00 2 Minore flessibilità di orario Nucleo familiare con entrambi i genitori lavoratori dipendenti, per la minore flessibilità di orario 2 H Residenza 1 Bambini residenti nel Comune di Montebelluna 20 Bambini NON residenti con almeno una persona che presti attività lavorativa nel Comune di 2 Montebelluna 8 P Pag. 3

6 A parità di punteggio la precedenza sarà determinata dalla data di presentazione della domanda. Tutti i punteggi sono attribuiti sulla base delle auto certificazioni prodotte all'atto della domanda. La documentazione, comprovante le dichiarazioni rese, dovrà essere presentata in sede d ammissione. Nel caso in cui dal controllo dovesse emergere la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade immediatamente dal beneficio eventualmente prodotto dal provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera, e saranno applicate le sanzioni previste dall'art. 26 della legge 4/1/1968 nr. 15. ART. 7 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTE DI FREQUENZA Le rette di frequenza, il cui importo complessivo non può superare il costo del servizio, dedotto il contributo della Regione, Sono differenziate in relazione alle condizioni socio economiche delle famiglie in conformità con quanto previsto dalle leggi vigenti in materia; Sono definite, previa acquisizione del parere del Comitato di gestione, in conformità con quanto disposto dalle normative vigenti; Sono graduate sulla base di fasce di indicatori ISEE. Gli scaglioni ISEE e l'importo delle rette saranno modificati annualmente con decorrenza dal mese di Settembre ed arrotondati all'euro: In base alla variazione percentuale dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell'anno precedente; Sulla base della nuova certificazione ISEE se viene richiesta una prestazione agevolata. Diversamente, in caso di mancata presentazione o di certificazione scaduta, viene applicata la tariffa massima. In caso di contemporanea frequenza al nido di due o più fratelli, la retta come sopra determinata, viene abbattuta, per ognuno di essi, del 20%. ART. 8 RETTE DI FREQUENZA DEI BAMBINI AMMESSI Le famiglie, a cui viene confermata l'ammissione del figlio/a al nido, dovranno versare anticipatamente la retta mensile entro e non oltre il 15 giorno dal ricevimento della raccomandata di ammissione. Tale retta è considerata quale acconto su quella del mese successivo. Il mancato versamento, nei termini stabiliti, corrisponde a rinuncia. Le rette mensili dovranno essere versate entro il giorno 15 d ogni mese. La retta è dovuta sino alla data di comunicazione da parte della famiglia delle dimissioni del bambino od alla data delle dimissioni disposte d'ufficio. La retta è proporzionalmente ridotta Nei casi di interruzione del servizio per cause di forza maggiore, compresi gli scioperi del personale, come disciplinati dalla legge 146/90; Nelle interruzioni dei servizio per le vacanze natalizie e pasquali; Nei mesi di luglio e settembre, periodo di apertura e chiusura del servizio all'utenza in relazione ai giorni previsti dal calendario scolastico; Per assenze complessive mensili dovute a malattia, certificata dal medico, superiori a 5 giorni, per ogni giorno di assenza eccedente i primi 5. Per i casi previsti, la determinazione della tariffa giornaliera è effettuata dividendo la retta mensile in ventiduesimi. Nessuna riduzione è prevista per assenze complessive mensili pari o inferiori a giorni 5 (cinque). Pag. 4

7 ART. 9 SERVIZIO SANITARIO II nido si avvale del servizio sanitario e di medicina preventiva assicurato dall'asl sulla base di modalità concordate con il competente settore materno infantile. ART. 10 ALIMENTAZIONE L'orario dei pasti e le relative tabelle dietetiche vengono fissati dal pediatra preposto al servizio sanitario, cui compete la vigilanza sull'esatto adempimento delle disposizioni impartite. Pag. 5

8 TITOLO II GESTIONE SOCIALE ART. 11 ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE La gestione sociale del nido, nello spirito della legge regionale, è affidata ai seguenti organismi: Assemblea dei genitori, Comitato di gestione, Gruppo di lavoro. ART. 12 GRUPPO DI LAVORO Si configura come gruppo di lavoro l'insieme del personale del nido; coordinatrice, educatori, cuoca, operatori ausiliari. Il gruppo di lavoro costituisce un fondamentale momento di riflessione, e di proposizione, sulla programmazione educativa e sugli aspetti organizzativi connessi all'attività del nido. In particolare: Individua ed elabora progetti educativi che possono essere tradotti in singoli programmi di lavoro nelle sezioni; Realizza un costante confronto e verifica delle esperienze, dei problemi, dei progetti delle sezioni, della programmazione in atto e di tutti momenti previsti di incontro con i genitori (colloqui, incontri di sezione, iniziative varie); Garantisce lo scambio dei contenuti relativi a momenti specifici di aggiornamento ed a particolari esperienze didattico pedagogiche. ART. 13 COMITATO DI GESTIONE La gestione dell'asilo nido è esercitata da un apposito Comitato, nominato dal Consiglio comunale, composto da; 1. Tre membri, di cui uno designato dalla minoranza, eletti dal Consiglio comunale; 2. Tre rappresentanti dei genitori dei bambini utenti del servizio, indicati dall'assemblea dei genitori, di cui uno indicato dall'assemblea dei genitori dei bambini in lista d'attesa, ove esista; 3. Un rappresentante del personale del nido con funzioni educative indicato dall'assemblea del personale; 4. Un rappresentante delle formazioni sociali organizzate sul territorio (il rappresentante dovrà essere individuato tra gli esponenti delle organizzazioni cittadine che operino nel campo della protezione dell'infanzia o della famiglia) ART. 14 DURATA E CESSAZIONE II Comitato di gestione dura in carica quanto il Consiglio comunale che lo ha nominato. I singoli componenti del Comitato di gestione cessano dall'incarico: a) Per decadenza, quando non abbiano partecipato, senza giustificato motivo, a nr. 3 sedute consecutive del Comitato, previa decisione dello stesso; Pag. 6

9 b) Per dimissioni volontarie; c) I componenti nominati dall'assemblea dei genitori decadono dal loro mandato quando cessano di fruire del servizio del nido. Ai membri decaduti ed a quelli dimissionari subentreranno i primi designati non nominati delle rispettive rappresentanze. ART. 15 ELEZIONE DEL PRESIDENTE Nella prima riunione il Comitato di Gestione a maggioranza di voti elegge il Presidente tra i rappresentanti di cui ai punti 1, 2 dell'art. 11, con esclusione del rappresentante dei genitori dei bambini in lista d'attesa. Il Presidente eletto provvede alla designazione del segretario. ART. 16 RIUNIONI DEL COMITATO DI GESTIONE La prima riunione è promossa dal Sindaco o dall'assessore delegato. Il comitato di gestione viene convocato dal presidente o su richiesta scritta di 1/3 dei membri. La convocazione avviene mediante avviso scritto e deve contenere l'ordine del giorno, la data, l'ora ed il luogo. In prima convocazione è necessaria la presenza di un numero di componenti non inferiore alla metà più uno di essi; in seconda convocazione è sufficiente la presenza di almeno tre membri con il presidente. La partecipazione al Comitato di gestione è gratuita. ART. 17 COMPITI DEL COMITATO DI GESTIONE II Comitato di gestione svolge un ruolo consultivo e promozionale e ad esso spettano le competenze indicate dall'art. 13, comma 2, della legge regionale nr. 32/1990 oltre a quelle indicate nel presente regolamento. ART. 18 ASSEMBLEA DEI GENITORI L'assemblea è costituita dai genitori dei bambini iscritti al nido o da chi ne fa le veci. Hanno titolo alla partecipazione ai lavori d assemblea i genitori dei bambini iscritti in lista d'attesa. Compiti dell'assemblea sono; Eleggere un suo presidente; Eleggere i suoi rappresentanti nel comitato di gestione; Esprimere pareri e formulare proposte al Comitato di gestione in merito al progetto educativo ed al funzionamento del nido; Proporre incontri e dibattiti sui problemi dell'infanzia. Alle assemblee partecipano di diritto il responsabile dei servizi scolastici e gli operatori dell'asilo nido e deve essere invitato il Sindaco o suo delegato. ART. 19 CONVOCAZIONE E SEDUTE DELL'ASSEMBLEA DEI GENITORI La prima riunione è promossa dal Sindaco o dall'assessore delegato. L'assemblea viene convocata dal suo presidente o, su richiesta Di 1/5 dei genitori utenti il nido, Del comitato di gestione. Pag. 7

10 Le sedute sono validamente costituite con la presenza di almeno un terzo dei componenti in prima convocazione e di un quinto in seconda convocazione. Per la validità delle sedute aventi all'ordine del giorno l'elezione del Presidente e la designazione dei rappresentanti del Comitato di gestione, è necessaria la presenza dì almeno ½ dei componenti l'assemblea in prima convocazione e di 1/5 in seconda convocazione. Con le stesse modalità previste per l'elezione dei genitori utenti il servizio a componenti del Comitato di Gestione, è eletto il rappresentante dei genitori in lista d attesa. Le sedute sono verbalizzate da un segretario nominato dal presidente. Pag. 8

11 TITOLO III LE PROFESSIONALITÀ: ORDINAMENTO DEL PERSONALE ART. 20 DOTAZIONE D ORGANICO - FIGURE PROFESSIONALI La dotazione d organico del nido E determinata dal rapporto tra bambini e educatore previsto dalla normativa vigente Nr. 1 educatore ogni 6 bambini al di sotto dei 15 mesi Nr. 1 educatore ogni 8 bambini al di sopra dei 15 mesi. E definita con riferimento al progetto educativo ed alle fasce orarie di frequenza dei bambini. L'organico del nido è composto dalle seguenti figure professionali: Personale con funzioni di coordinamento, Personale addetto alla funzione educativa, Cuoco, Personale addetto ai servizi. Il rapporto di lavoro è regolato dalle normative nazionali in materia e dai vigenti CCNL. Sono autorizzate sostituzioni del personale educativo quando, in assenza dì quest'ultimo, sia compromesso il funzionamento del servizio in relazione al rapporto educatore bambini, tenuto conto anche del numero degli utenti abitualmente presenti durante la giornata. ART. 21 ORARIO DI LAVORO L'orario di lavoro del personale del nido (educativo ed ausiliario) è determinato, in conformità ai CCNL, con provvedimento del dirigente, tenuto conto delle esigenze del servizio. In particolare l'orario di lavoro del personale educativo viene così suddiviso: Lavoro svolto a diretto contatto con i bambini (h 33:20 settimanali) Attività destinate alla gestione (aggiornamento, rapporti con le famiglie., gestione sociale e programmazione pedagogica) (h. 2:40 settimanali). ART. 22 EDUCATORI I diritti doveri degli educatori sono definiti dalle finalità dal progetto educativo, dalla gestione sociale e dalla normativa contrattuale. In particolare gli educatori hanno compiti di: Curare l'alimentazione, l'igiene personale ed il riposo d ogni bambino nel rispetto dei suoi ritmi e bisogni psicologici e fisiologici individuali; Vigilare sulla sicurezza dei bambini; Realizzare colloqui individuali con i genitori dei bambini ed incontri di gruppo per discutere temi specifici relativi allo sviluppo ed all'educazione dei bambini; Partecipare alle riunioni dell'assemblea dei genitori; Partecipare alle iniziative d aggiornamento professionale e di formazione permanente e d eventuali sperimentazioni; Collaborare con il pediatra per il controllo dei bambini della propria sezione. La libertà di scelta del metodo educativo è un diritto individuale degli educatori che viene esercitato all'interno del gruppo educativo al fine dell'elaborazione collegiale delle linee di attuazione del progetto educativo. Esso si esprime nel confronto delle diverse culture, nel rispetto dei diritti di tutti i Pag. 9

12 bambini e nella prospettiva di promuovere la partecipazione dei genitori e di tutto il personale operante nel servizio alla realizzazione del progetto educativo. ART. 23 PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI L'organico del personale addetto ai servizi del nido comprende le seguenti unità: Un cuoco Personale addetto ai servizi vari. II personale addetto ai servizi ha un impegno di orario, previsto dal contratto dì lavoro, organizzato in turni in relazione alle esigenze di servizio. ART FORMAZIONE PROFESSIONALE PERMANENTE La formazione professionale permanente si realizza all'interno dell'orario di lavoro che, a tale scopo, prevede un monte ore specifico annuale determinato dall'accumulo delle ore settimanali previste al di fuori dell'attività con i bambini. Si attua attraverso progetti d aggiornamento ed eventualmente articolati in modo differenziato e specifico per le diverse professionalità operanti all'interno delle strutture. Possono realizzarsi con modalità differenziate in relazione al progetto individuato: Incontri di collettivo, Gruppi di interesse, Gruppi di ricerca e studio, Partecipazione a seminari e convegni. Tale obiettivo di formazione professionale non si esaurisce nella programmazione ed articolazione di specifici corsi d aggiornamento, ma considera "formativi" anche i momenti istituzionali dell'organizzazione del servizio quali: Incontri di collettivo, Incontri di sezione tra operatori, Incontri con i genitori, Colloqui con i genitori, la partecipazione alle riunioni del Comitato di Gestione ed a quelle delle assemblee con i genitori, la cui realizzazione è compresa nel monte ore suddetto. ART REFEZIONE Il personale degli asili nido può usufruire della refezione durante il servizio secondo le norme contrattuali. ART VESTIARIO Tutto il personale durante le ore di servizio dovrà indossare a seconda della categoria di appartenenza apposito ed uniforme vestiario gratuitamente fornito dall'amministrazione comunale. ART NORME FINALI Per quanto non contemplato nel presente regolamento, valgono le norme di legge statali, regionali e sanitarie concernenti la Pubblica Amministrazione, e le leggi nazionali e regionali regolanti la materia oggetto del presente regolamento. Pag. 10

13 INDICE ART. 1 FINALITA pag. 1 ART. 2 IL NIDO pag. 1 ART. 3 CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE pag. 1 ART. 4 CALENDARIO ED ORARIO pag. 2 ART. 5 AMMISSIONE, FREQUENZA E DIMISSIONI pag. 2 ART. 6 CRITERI D AMMISSIONE E FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE pag. 2 ART. 7 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTE DI FREQUENZA pag. 4 ART. 8 RETTE DI FREQUENZA DEI BAMBINI AMMESSI pag. 4 ART. 9 SERVIZIO SANITARIO pag. 5 ART. 10 ALIMENTAZIONE pag. 5 ART. 11 ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE pag. 6 ART. 12 GRUPPO DI LAVORO pag. 6 ART. 13 COMITATO DI GESTIONE pag. 6 ART. 14 DURATA E CESSAZIONE pag. 6 ART. 15 ELEZIONE DEL PRESIDENTE pag. 7 ART. 16 RIUNIONI DEL COMITATO DI GESTIONE pag. 7 ART. 17 COMPITI DEL COMITATO DI GESTIONE pag. 7 ART. 18 ASSEMBLEA DEI GENITORI pag. 7 ART. 19 CONVOCAZIONE E SEDUTE DELL ASSEMBLEA DIE GENITORI pag. 7 ART. 20 DOTAZIONE D ORGANICO FIGURE PROFESSIONALI pag. 9 ART. 21 ORARIO DI LAVORO pag. 9 ART. 22 EDUCATORI pag. 9 ART. 23 PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI pag. 10 ART. 24 FORMAZIONE PROESSIONALE PERMANENTE pag. 10 ART. 25 REFEZIONE pag. 10 ART. 26 VESTIARIO pag. 10 ART. 27 NORME FINALI pag. 10 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 102 in data 01/08/2000 (CO.RE.CO. nr in data 07/08/2000) Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 85 in data 30/07/2003 Ciclostilato in proprio: novembre 2006 Pag. 11

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007 Titolo I Principi Generali Il presente Regolamento stabilisce, nel rispetto delle normative nazionali e regionali

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO

REGOLAMENTO ASILO NIDO REGOLAMENTO ASILO NIDO (ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 3 DEL 24/1/2011 ) TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Finalità del servizio 1. L asilo nido è un luogo di accoglienza e cura, di crescita,

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Comune di Montebelluna Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE ( approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 28.07.2015 ) INDICE ART. 1 FINALITA' DELL'ASILO

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 15 in data 31.03.2009 Esecutivo dal 19 aprile 2009 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano 20061 Carugate (MI) - via XX settembre 4 tel. 02921581 fax 029253207 C.F. 02182060158 P.I. 00730970969 COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

! "# $%%$&""! "#$%%$&""!

! # $%%$&! #$%%$&! ! "# $%%$&""! "#$%%$&""! TITOLO I FINALITA DEL SERVIZIO Art. 1 Premessa Art. 2 Caratteristiche INDICE Art. 3 Sistema territoriale dei servizi Art. 4 Disagio e integrazione TITOLO II MODALITA ED ORGANISMI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO ALLEGATO A) alla delibera di C.C. N.73 del 29/11/2012 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO TITOLO I ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO: ART. 1 CARATTERE E FINALITÀ DEL SERVIZIO ART. 2 REGOLAMENTO ART.

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

Approvato con deliberazione di C.C. n. 76 del 30/11/2011

Approvato con deliberazione di C.C. n. 76 del 30/11/2011 Approvato con deliberazione di C.C. n. 76 del 30/11/2011 20061 Carugate (MI) - via XX settembre 4 tel. 02921581 fax 029253207 C.F. 02182060158 P.I. 00730970969 REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI PER LA PRIMA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 30.3.2015 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO Il nido d infanzia è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO (Approvato con delibera di C.C. n. 88/97)

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO (Approvato con delibera di C.C. n. 88/97) REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO (Approvato con delibera di C.C. n. 88/97) ART. 1 FINALITA L asilo nido è un servizio educativo socio assistenziale di pubblico interesse, rivolto ai bambini fino al terzo anno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Regolamento approvato delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 30.06.2008 e modificato con delibera di C.C. n. 12 del 9.03.2010, delibera di C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA ASILO INFANTILE DI SIZIANO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA PARTE PRIMA FINALITA E CARATTERI DELLA SCUOLA MATERNA Art. 1 La Scuola dell Infanzia Paritaria gestita dall Ente Morale Asilo Infantile di Siziano

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Disciplinare dell Asilo Nido Aziendale della Provincia di Roma

PROVINCIA DI ROMA. Disciplinare dell Asilo Nido Aziendale della Provincia di Roma PROVINCIA DI ROMA Disciplinare dell Asilo Nido Aziendale della Provincia di Roma Adottato con deliberazione di Giunta Provinciale: n. 282/6 del 13/02/2008 Aggiornato con deliberazione di Giunta Provinciale:

Dettagli

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO Premesso che copia integrale del regolamento comunale deli Asilo Nido è depositato presso l asilo nido e l ufficio servizi sociali ed è a disposizione

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel.

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. 0297204201-210 REGOLAMENTI ASILO NIDO GIANNI RODARI ART.1 - FINALITÀ DELL ASILO NIDO

Dettagli

DELL ASILO NIDO COMUNALE

DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 6 del 14/0/201 1 FINALITA E GESTIONE Art. 1Finalità L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai nove mesi fino a tre anni, quale primo

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI Approvato con deliberazione consiliare n. 107 del 26 luglio 2002 Modificato con deliberazione consiliare n. 53 del 30 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino Approvato con atto C.C. n. 11 del 30.3.2006 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 RICETTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 29.02.2012) Art. 1 Finalità del servizio L asilo nido è un servizio di interesse

Dettagli

Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido

Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido Approvato con D.C.C. n. 78 del 9.10.2001 così come modificata dalla D.C.C. n. 52 del 30.09.2008 così come modificata dalla D.C.C. n. 15 del

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA CITTA' DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 20.05.2005 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 16 del

Dettagli

Regolamento Comunale dell Asilo Nido

Regolamento Comunale dell Asilo Nido Città di Troia Regolamento Comunale dell Asilo Nido Approvato con deliberazione di C.C. n. 8 del 08/04/2014 Modificato con deliberazione di C.C. n. 30 del 26/11/2015 Articolo 1 Finalità del servizio Mediante

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n 30 del 30.05.2007 Articolo 1 - OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Articolo 2 - CAPIENZA

Dettagli

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 70-440 DEL 19.09.2005

Dettagli

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Regolamento Asilo Nido (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 33 del 3.05.2007) Art. 1 Finalità del Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Comune di Povegliano Veronese Piazza IV Novembre, 3 - CAP 37064 - Codice Fiscale e Partita IVA 00658760236 Settore Servizi alla Popolazione Servizio Sociale tel. 045/6334126 fax 045/6334119 e-mail: sociale@comune.poveglianoveronese.vr.it

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 156 del 23/12/1996 e modificato con deliberazioni di Consiglio Comunale

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLE 4 CIRCOLO CESENA

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLE 4 CIRCOLO CESENA Allegato A STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLE 4 CIRCOLO CESENA Approvato con Assemblea Straordinaria del 21 maggio 2015 Art. 1 (Costituzione, denominazione e

Dettagli

Regolamento dell Asilo Nido Aziendale della Provincia di Roma

Regolamento dell Asilo Nido Aziendale della Provincia di Roma Regolamento dell Asilo Nido Aziendale della Provincia di Roma Finalità Titolo I - Struttura e Organizzazione Titolo II - Modalità ed Organismi di Partecipazione e Gestione Titolo III - Le professionalità:

Dettagli

COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE L Aquilone APPROVATO CON D.C.C. n. 159 DEL 30.11.2005 MODIFICATO CON D.C.C. n. 83 del 21.10.2014 Il presente Regolamento decorre

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE I N D I C E CAPO I - PRINCIPI GENERALI... ART. 1 - FINALITÀ... ART. 2 - UTENZA... ART. 3 - INTEGRAZIONE UTENTI DISABILI... CAPO II - AMMISSIONE AL SERVIZIO... ART. 4 - INSERIMENTI...

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Regolamento per il funzionamento dell asilo nido Testo approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 25.5.2005 Modificato con Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L

c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L >, " c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L 1111111111111111I111111111111111111111111111111111I1111111 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Terrilorio,e

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO

Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.95 del 2.12.2003 e variazioni (art.8 comma 4) approvate con delibera C.C.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Comune di Mariano Comense CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 132 del 14/11/2012 Settore Istruzione ed Asilo Nido Tel 031.757298 296 e-mail istruzione@comune.mariano-comense.co.it

Dettagli

L asilo nido comunale di via Monte Nero

L asilo nido comunale di via Monte Nero Comune di Casale sul Sile Provincia di Treviso L asilo nido comunale di via Monte Nero Per le iscrizioni ed informazioni gli interessati possono rivolgersi direttamente all asilo nido (tel. 0422.821773)

Dettagli

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO Approvato con Deliberazione consiliare n. 49 del 2012 in vigore dal 30 luglio 2012 REGOLAMENTO ASILI NIDO TITOLO I : FINALITA E ACCESSO

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI NIDI E ALLE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI NIDI E ALLE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI NIDI E ALLE SCUOLE DELL INFANZIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale P.G./P.V n. 112464/166 del 01/12/2008, esecutiva dal 16/12/2008 e modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA DEI NIDI D INFANZIA E DEGLI SPAZI-BAMBINI DELL UNIONE TERRE DI CASTELLI

REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA DEI NIDI D INFANZIA E DEGLI SPAZI-BAMBINI DELL UNIONE TERRE DI CASTELLI Allegato alla delibera di consiglio UTC n. 55 del 30/11/2009 con modifiche come da delibera di consiglio UTC n. 9 del 27/02/2014 e delibera di giunta UTC n.93 del 08/10/2015 REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA

Dettagli

Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 7 del 03/02/2014 REGOLAMENTO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 7 del 03/02/2014 REGOLAMENTO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 7 del 03/02/2014 REGOLAMENTO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA PARTE 1 ISTITUZIONI COMUNALI DELL INFANZIA Nidi d infanzia e Servizi integrativi Art.1

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA D I D C I D I REGOLAMENTO ELL AS LO NI O OMU NALE L GELS O ANNA Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 05/02/2007 e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO PREMESSA

REGOLAMENTO ASILO NIDO PREMESSA COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Provincia di Treviso REGOLAMENTO ASILO NIDO PREMESSA CARATTERE E FINALITÀ DEL SERVIZIO L'asilo nido è un servizio socio-educativo di interesse pubblico volto a favorire la

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

COMUNE DI REGGIO CALABRIA U. O. P O L I T I C H E S O C I A L I. Modalità Operative. Comunal. Asil. omunali. Anno educativo

COMUNE DI REGGIO CALABRIA U. O. P O L I T I C H E S O C I A L I. Modalità Operative. Comunal. Asil. omunali. Anno educativo . COMUNE DI REGGIO CALABRIA U. O. P O L I T I C H E S O C I A L I Modalità Operative Anno educativo Asil sili Nido Comunal omunali 2 0 1 0 2 0 1 1 1 PRINCIPI E FINALITÀ...3 A. DESTINATARI DEL SERVIZIO...

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA COMUNE DI PIANORO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.02.2011 1 Art. 1- Orientamenti e principi generali L Amministrazione

Dettagli

Comune di Castelnuovo di Garfagnana

Comune di Castelnuovo di Garfagnana Comune di Castelnuovo di Garfagnana REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA Indice ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART. 2 - FINALITA' DEL SISTEMA... 2 ART. 3 - ELEMENTI SOSTITUTIVI DEL SISTEMA... 2 ART. 4 -

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO REGOLAMENTO ASILO NIDO C. COLLODI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO REGOLAMENTO ASILO NIDO C. COLLODI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO REGOLAMENTO ASILO NIDO C. COLLODI ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 41 DEL 04.09.2014 1 INDICE Art. 1 PREMESSA Art. 2 CAPACITA RICETTIVA Art. 3 UTENZA Art. 4 CRITERI DI

Dettagli

Asilo Nido Regolamento

Asilo Nido Regolamento Comune di Corigliano Calabro Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Regolamento Anno 1999 1 Parte Prima Principi e Fondamenti Art. 1 - Definizione L'Asilo Nido è un servizio sociale ed educativo

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL MELOGRANO ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL NIDO

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO

COMUNE DI ALBIGNASEGO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 61 DEL 30.07.2004 MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL 18.06.2009 MODIFICATO

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO

COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO 1 Art. 1 ISTITUZIONE E istituito dall Amministrazione Comunale, con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 17

Dettagli

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14)

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14) TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 () ASILO NIDO pag. 2 CENTRO I INFANZIA pag. 4 SCUOLA DELL INFANZIA SEZ. PRIMAVERA pag. 6 PRE-POST ASILO pag. 8 MENSA SCOLASTICA pag. 9 ATTIVITA' INTEGRATIVE PRE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA CON I COMUNI DI TROFARELLO, MONCALIERI E CARMAGNOLA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA CON I COMUNI DI TROFARELLO, MONCALIERI E CARMAGNOLA COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n. 3 Tel. 011 8609218/9- Fax 011 8609073 e mail: info@pec.comune.pecetto.to.it - info@comune.pecetto.to.it Partita

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WHITE DOVE Evoluzione del maschile - Onlus

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WHITE DOVE Evoluzione del maschile - Onlus STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WHITE DOVE Evoluzione del maschile - Onlus Art. 1 - Costituzione, denominazione e sede E' costituita l'associazione denominata WHITE DOVE Evoluzione maschile - Onlus, con sede

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Regolamento per la gestione dei nidi d'infanzia. Struttura e organizzazione

COMUNE DI NAPOLI. Regolamento per la gestione dei nidi d'infanzia. Struttura e organizzazione COMUNE DI NAPOLI Regolamento per la gestione dei nidi d'infanzia ( Testo coordinato approvato con del. Cons. n 120 del 10 aprile 1997) Titolo I Art. 1 Struttura e organizzazione Finalità Art. 2 Art. 3

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE "AQUILONI PER VOLARE"

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE AQUILONI PER VOLARE ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 63 DEL 19/11/2015 C O M U N E D I P R I Z Z I PROVINCIA DI PALERMO REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE "AQUILONI PER VOLARE" 1 PREMESSA Il presente regolamento,

Dettagli

COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE PARITARIA G. NASCIMBENI

COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE PARITARIA G. NASCIMBENI COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE PARITARIA G. NASCIMBENI Approvato con delibera del C. C. n. 23 del 28/07/2009 Divenuto esecutivo in data 26/08/2009 Divenuto

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA f.i.s.m. PIEMONTE Federazione Italiana Scuole Materne REGIONE PIEMONTE Maggio 2012 Pag. 1 PARTE PRIMA Finalità e caratteri della scuola dell

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI NIDI D INFANZIA COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 15.04.1992 Revisioni: C.C. n. 133 del 30.09.1992

Dettagli

Regolamento per il funzionamento del servizio di nido d infanzia

Regolamento per il funzionamento del servizio di nido d infanzia COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) Regolamento per il funzionamento del servizio di nido d infanzia Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 15 del 22/02/2011 1 INDICE

Dettagli

Comune di Morrovalle Provincia di Macerata COMUNE DI MORROVALLE PROVINCIA DI MACERATA

Comune di Morrovalle Provincia di Macerata COMUNE DI MORROVALLE PROVINCIA DI MACERATA COMUNE DI MORROVALLE PROVINCIA DI MACERATA R E G O L A M E N T O A S I L O N I D O C O M U N A L E Approvato con delibera di C.C. n. 28 del 29/11/2013 c.f. 00132100439 Tel. 0733.223101 Fax. 0733.223111

Dettagli

COMUNE DI SETTALA (Provincia di Milano) ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO

COMUNE DI SETTALA (Provincia di Milano) ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNE DI SETTALA (Provincia di Milano) ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO Nel Comune di Settala, nel quadro generale dei servizi sociali rivolti all infanzia e di tutela della maternità, è istituito il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO. Asilo Nido Aziendale

Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO. Asilo Nido Aziendale Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO Asilo Nido Aziendale 1 Asilo Nido Aziendale Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO Art. 1 Finalità L asilo nido

Dettagli

S T A T U T O. E' costituita l'associazione denominata "Scuola materna di Mezzolombardo con sede in Mezzolombardo.

S T A T U T O. E' costituita l'associazione denominata Scuola materna di Mezzolombardo con sede in Mezzolombardo. S T A T U T O Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "Scuola materna di Mezzolombardo con sede in Mezzolombardo. Art. 2 - SCOPO Scopo dell'associazione è la gestione della scuola

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C.n. 47 del 24/09/2014 ARTICOLO I DEFINIZIONE L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia

COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia Via G. Frua, 2 Roè Volciano 25077 tel 0365.563611- fax 0365.63230 REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale del

Dettagli

(te s to coo rdin ato )

(te s to coo rdin ato ) COMUNE DI GAGGIO MONTANO Provin cia di Bologn a REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO (te s to coo rdin ato ) Approvato con D.C.C. n. 28 del 15/06/07. Modificato con D.C.C. n. 10 del 28/02/08.

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA CARMEN ZANTI

COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA CARMEN ZANTI COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA CARMEN ZANTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 47 del 27.09.2007 ISTITUZIONE E FINALITÀ Il Nido

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA

REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA Anno educativo 2009/2010 ART. 1 Identità del Servizio L'asilo infantile Fausto Fumi è impegnato da 137 anni

Dettagli

Regolamento dell Asilo Nido Comunale

Regolamento dell Asilo Nido Comunale Regolamento dell Asilo Nido Comunale RO/008/DAS CITTA DI SANTENA Edizione 1 Revisione 1 NORMAZIONE EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE DATA ESECUTIVITA Rev. 0 C.C. n. 6 in data 31.01.1996 22/02/1996

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE ED INTERNO DELL ASILO NIDO COMUNALE. COMUNE DI FORNO CANAVESE Provincia di Torino

REGOLAMENTO DI GESTIONE ED INTERNO DELL ASILO NIDO COMUNALE. COMUNE DI FORNO CANAVESE Provincia di Torino COMUNE DI FORNO CANAVESE Provincia di Torino Approvato con deliberazione C.C. n. 6 del 29/05/2012 e successivamente modificato con deliberazioni C. C. n. 24 del 2/10/2012, n. 14 del 10/07/2013 e n. 40

Dettagli

Comune di Boissano. P r o v i n c i a d i S a v o n a ---------------------------------------------

Comune di Boissano. P r o v i n c i a d i S a v o n a --------------------------------------------- Comune di Boissano P r o v i n c i a d i S a v o n a --------------------------------------------- P.zza G. Govi n.1 - tel. 0182/98010 - fax.0182/98487 Codice Fiscale 81001410091 - Partita I.V.A. 00416850097

Dettagli