COMUNE DI CASTELBELLINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CASTELBELLINO"

Transcript

1 PROVINCIA DI ANCONA - INDICE - PREMESSA Pag. 2 Che cos è la carta del servizio Pag. 2 A chi si rivolge Pag. 2 Finalità Pag. 2 Valutazione ed aggiornamento della carta Pag. 2 1) FINALITA E PRINCIPI FONDAMENTALI DEL SERVIZIO Pag. 3 Finalità del servizio nido per l infanzia Pag. 3 Uguaglianza e valorizzazione delle differenze Pag. 3 Diritto di accesso e di recesso Pag. 3 Regolarità nell erogazione del servizio Pag. 4 2) MODALITA DI PARTECIPAZIONE Pag. 4 Partecipazione Pag. 5 Trasparenza Pag. 5 Tutela della privacy Pag. 5 Standard qualitativi e valutazione da parte dell utenza Pag. 5 Standard di funzionamento Pag. 5 Gestione dei rapporti col pubblico e istituto del reclamo Pag. 6 3) ASPETTI AMMINISTRATIVI Pag. 6 Modalità di accesso Pag. 6 Costo del servizio Pag. 6 Ubicazione ed orari degli uffici e dei servizi Pag. 7 4) IL PROGETTO EDUCATIVO Pag. 7 Dal progetto alla prassi educativa Pag. 7 La formazione del personale Pag. 7 L inserimento del bambino al nido Pag. 8 L organizzazione della giornata Pag. 8 L accoglienza Pag. 8 Il pasto Pag. 8 Il riposo Pag. 9 La cura personale Pag. 9 Le attività di gioco individuali e di gruppo Pag. 9 Gli spazi al nido Pag. 9 Le aree verdi Pag. 9 5) FIGURE PROFESSIONALI E GRUPPI DI LAVORO Pag. 10 Coordinamento pedagogico Pag. 10 Personale del nido Pag. 10 Allagto 1: Tab. Fattori, indicatori, standard di qualità del servizio Pag. 11 Modulo per Reclamo Pag. 13

2 Provincia di Ancona Pagina 2 di 13 PREMESSA I - CHE COS E LA CARTA DEL SERVIZIO Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e Utenti, è una dichiarazione d intenti con la quale la Pubblica Amministrazione si fa garante del servizio reso secondo i principi fondamentali richiesti dall articolo 3 della Costituzione Italiana, dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994, dalla Legge Regionale n 9/2003, oltre che dalla legge 1044/71 e dalla Convenzione Internazionale dei Diritti del Fanciullo (L.176/91) II - A CHI SI RIVOLGE E rivolta a tutti coloro che usufruiscono del Servizio Nido per l Infanzia del Comune di Castelbellino, quindi ai bambini e alle famiglie utenti, ma anche agli educatori, agli operatori, ai coordinatori pedagogici, ai dirigenti e alle altre agenzie educative del territorio. III - FINALITA Ente erogatore e utenti sono protagonisti del Servizio ed hanno quindi diritti, doveri e responsabilità che la Carta esplicita al fine di rendere trasparente il patto tra i soggetti coinvolti. IV - VALUTAZIONE ED AGGIORNAMENTO DELLA CARTA Annualmente il Servizio nido d Infanzia produce un rapporto di valutazione sulla Carta, ai fini del miglioramento continuo della qualità del servizio, con indicazione: - dei risultati dell attività relativamente agli indicatori di qualità riportati in un apposita tabella approvata annualmente dalla Giunta Comunale (Tabella dell allegato 1) con i relativi scostamenti dagli standard prestabiliti, esplicandone le cause e proponendo i relativi correttivi sull attività del servizio; - degli esiti delle indagini di soddisfazione effettuate sui destinatari; - delle eventuali anomalie riscontrate. Il rapporto è esaminato in riunioni aperte agli organi di partecipazione di cui all articolo 21 del vigente Regolamento Nido Comunale per l infanzia, invitati direttamente con apposite comunicazioni. A seguito degli esiti delle riunioni citate il Servizio nido per l infanzia aggiorna o conferma gli standard e gli indicatori riportati nella presente Carta del Servizio.

3 Provincia di Ancona Pagina 3 di 13 1) FINALITA E PRINCIPI FONDAMENTALI DEL SERVIZIO 1.1 FINALITA DEL SERVIZIO NIDO PER L INFANZIA L asilo Nido, o Nido d infanzia (come lo definisce la L.R.9/2003), è un servizio educativo di interesse pubblico volto a favorire, in collaborazione con la famiglia, la crescita e l armonico sviluppo psicofisico e sociale dei bambini e delle bambine fino a tre anni di età. L Asilo Nido si pone come luogo di informazione, formazione e confronto tra operatori e genitori su problematiche legate alla crescita dei bambini. L obiettivo che si pone è quello di predisporre un ambiente idoneo a favorire e incentivare la socializzazione e la crescita cognitiva ed emotiva del bambino, nel rispetto dei ritmi personali di sviluppo. Il Nido, quindi, è un luogo dove si vive, si lavora, si gioca, nell interazione significativa con altri bambini ed altri adulti. 1.2 UGUAGLIANZA E VALORIZZAZIONE DELLE DIFFERENZE Il nido d infanzia del Comune di Castelbellino è un servizio educativo e sociale teso a garantire ai bambini e alle bambine utenti uguali opportunità educative e di sviluppo psicofisico, cognitivo, affettivo e relazionale, senza distinzione di sesso, razza, lingua o religione. La valorizzazione di tali differenze e la promozione dell integrazione dei bambini disabili o in situazione di svantaggio sociale, sono parte integrante del progetto educativo del Servizio. 1.3 DIRITTO DI ACCESSO E DI RECESSO L Amministrazione Comunale definisce criteri d accesso trasparenti come da Regolamento del Nido per l infanzia Tingolo e si fa garante del rispetto della scelta espressa dalle famiglie, compatibilmente con la disponibilità di posti della struttura. Come previsto dall art. 13 del Regolamento l esclusione del bambino avviene automaticamente quando in presenza di assenza per malattia o per altri motivi si protrae rispettivamente per 60 giorni o per 30 giorni consecutivi. Quando, invece, vi è la volontà di rinunciare al posto, la famiglia dovrà presentare al Coordinatore del Nido, il più celermente possibile, la disdetta dal servizio, secondo le seguenti disposizioni: a) disdetta consegnata al coordinatore entro il 5 del mese per lo stesso mese: la famiglia si fa carico di metà retta mensile (il bambino potrà comunque frequentare il nido fino al 15 del mese); b) disdetta consegnata al coordinatore dopo il 5 del mese per lo stesso mese: la famiglia si fa carico della retta intera del mese (il bambino potrà comunque frequentare il nido fino a fine mese);

4 Provincia di Ancona Pagina 4 di REGOLARITA NELL EROGAZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale si impegna a garantire la continuità e la regolarità del Servizio secondo le disposizioni definite dal Regolamento Nido Comunale per linfanzia e nel rispetto della normativa vigente che regola i rapporti di lavoro. In caso di funzionamento irregolare o di interruzione del Servizio, garantisce l adozione di interventi volti al contenimento del disagio. 2) MODALITA DI PARTECIPAZIONE 2.1 PARTECIPAZIONE Particolare attenzione è dedicata all interazione con le famiglie al fine di renderle protagoniste attive del progetto educativo, favorendone la continuità. A tale scopo vengono organizzati periodici incontri a più livelli: - Colloquio individuale che si tiene, almeno due volte all anno (prima dell inserimento ed entro il mese di Aprile) e comunque ogni qualvolta la famiglia o il personale lo ritengano necessario. Su specifica valutazione del Gruppo di Lavoro, l incontro da effettuare entro il mese di Aprile può svolgersi in forma collettiva; - Incontro di sezione: è il momento di incontro tra genitori e personale della sezione; - Assemblea dei genitori: si tiene all inizio dell anno scolastico o quando ne faccia richiesta scritta e motivata almeno un terzo dei genitori e coinvolge tutto il personale del Nido, tutti i genitori dei bimbi iscritti ed il Comitato di Gestione; - Comitato di gestione, organismo eletto ogni due anni e composto da 5 membri in rappresentanza delle famiglie, del personale educativo ed ausiliario, dal coordinatore del Nido, dal responsabile dei Servizi Sociali del Comune o suo delegato e dall Assessore di riferimento o suo delegato. Si riunisce in via ordinaria una volta ogni 4 mesi e in via straordinaria su convocazione del presidente o su richiesta di almeno 4 membri; - Gruppo di lavoro educativo o Collegio educatori: è formato da tutti gli educatori e dal coordinatore responsabile di struttura. E un momento di programmazione delle linee di sviluppo del servizio e di verifica del mantenimento dei requisiti di qualità. - Collettivo: è l intero gruppo di lavoro che opera all interno del Nido. Ne fanno parte gli educatori, gli operatori d infanzia e il personale di cucina del Nido d infanzia. Tra gli educatori viene eletto annualmente dal Collettivo un referente. Gli educatori e gli operatori, ognuno con le proprie competenze e secondo modalità concordate, si impegnano ad attivare un rapporto di fattiva collaborazione con le famiglie utenti, al fine di garantire la gestione partecipata del Servizio.

5 Provincia di Ancona Pagina 5 di TRASPARENZA L Amministrazione Comunale si impegna a garantire l accesso dei potenziali utenti ai dati che li riguardano. Si impegna inoltre a fornire tutte le informazioni circa le disposizioni che regolano il Servizio, l indirizzo educativo che lo caratterizza, i criteri adottati per la formulazione delle graduatorie di ammissione e delle eventuali liste d attesa, e quelli per la determinazione delle tariffe mensili. 2.3 TUTELA DELLA PRIVACY I dati personali e i dati dei bambini sono tutelati dal D. Lgs 196/ 03. Il personale, quindi, può effettuare riprese video o fotografiche solo previa autorizzazione scritta da parte dei genitori. Foto e filmati dei bambini possono comunque essere utilizzati esclusivamente nell ambito di iniziative educative o culturali. Tutti gli operatori del Servizio, inoltre, sono tenuti al segreto d ufficio. 2.4 STANDARD QUALITATIVI E VALUTAZIONE DA PARTE DELL UTENZA L amministrazione Comunale si impegna a garantire un servizio di qualità, sia attenendosi agli standard qualitativi previsti dalle Legge Regionale 9/2003, che definendo propri standard, criteri ed obiettivi da perseguire (vedere tabella dell allegato 1) oltre che promuovendo periodiche forme di autovalutazione e di monitoraggio della qualità percepita. Gli standard sono aggiornati annualmente dalla Giunta Comunale (nel caso la Giunta Comunale non si esprima in merito restano validi gli indicatori di qualità dell anno precedente). L Amministrazione in collaborazione con i soggetti gestori pubblici e del privato sociale garantisce la formazione permanente del Personale e l organizzazione di iniziative di sostegno alla genitorialità. 2.5 STANDARD DI FUNZIONAMENTO L amministrazione Comunale si fa garante della conformità del Servizio agli standard di funzionamento previsti dalle L.R. 9/2003, relativi a: - idoneità e funzionalità dell edificio che ospita l Asilo Nido; - rispetto del rapporto numerico tra personale e bambini; - rispetto dei requisiti relativi alla professionalità degli operatori; - modalità di coordinamento pedagogico. Particolare attenzione è dedicata alla predisposizione degli ambienti ed all acquisto di arredi e di giochi, che garantiscono l assoluta rispondenza alle normative vigenti.

6 Provincia di Ancona Pagina 6 di GESTIONE DEI RAPPORTI COL PUBBLICO E ISTITUTO DEL RECLAMO L Amministrazione Comunale assicura la presenza di un ufficio volto a curare le relazioni con il pubblico, presso il quale gli utenti possono ricevere tutte le informazioni utili. L ufficio deve inoltre raccogliere eventuali reclami, segnalazioni di disservizi, proposte e suggerimenti riguardanti: - graduatorie; - liste d attesa; - criteri di ammissione; - orari. I reclami, da presentare esclusivamente in forma scritta secondo lo schema in allegato (diffuso anche presso gli uffici comunali e presso il nido), devono contenere generalità, indirizzo e reperibilità del proponente. Il reclamo non sostituisce il ricorso, poichè ha natura e funzioni diverse dai ricorso amministrativo e giurisdizionale previste dalle normative vigenti. 3) ASPETTI AMMINISTRATIVI 3.1 MODALITA DI ACCESSO Per usufruire del Servizio Nido Comunale per l Infanzia occorre presentare domanda di iscrizione su apposito modulo (reperibile negli uffici Comunali, nel nido d infanzia e scaricabile anche dal sito Internet del Comune di Castelbellino presso il Front-Office del Settore Servizi Sociali e Scolastici seguendo le modalità indicate nei bandi pubblicati nel mese di maggio per la formulazione della graduatoria principale e nel mese di novembre dello stesso anno per la formulazione della graduatoria suppletiva, così come previsto dall art. 9 del Regolamento Nido Comunale per l Infanzia. L accesso al di fuori dei due momenti ufficiali è consentito solo se sono esaurite le due liste principali. Le graduatorie, valide per un solo anno educativo, saranno affisse all Albo Pretorio del Comune di Castelbellino, presso il nido d infanzia e pubblicate sul sito internet del Comune. L Amministrazione Comunale si fa garante della capillare informazione alla cittadinanza rispetto ai termini di presentazione della domanda di iscrizione al servizio. 3.2 COSTO DEL SERVIZIO Le famiglie dei bambini iscritti contribuiscono alla copertura del costo del servizio mediante il pagamento di una quota fissa mensile, determinata in base alle diverse fasce orarie di frequenza e Comune di residenza, così come stabilito dal Regolamento del Nido Comunale per l Infanzia. Al momento dell iscrizione viene fornito alle famiglie richiedenti sia il Regolamento che la presente carta.

7 Provincia di Ancona Pagina 7 di UBICAZIONE ED ORARI DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Gli uffici del Settore Servizi Sociali e Scolastici del Comune di Castelbellino sono situati presso la Sede Comunale - Piazza San Marco, 15 - Castelbellino. Tel int. 1 - fax Il Front-Office è aperto al mattino dal lunedì al venerdì, dalle ore alle ore e il sabato dalle ore alle ore 11.45, è inoltre aperto il pomeriggio del mercoledì dalle ore alle ore Il nido d infanzia TINGOLO sito a Stazione, in Via Walter Tobagi, è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore L orario di entrata va dalle ore alle ore L orario di uscita può essere scelto tra i seguenti: ore (orario ridotto), ore (orario pieno). L apertura del servizio va indicativamente dalla prima settimana di settembre, all ultima di luglio, con chiusura del servizio a Natale, Pasqua, ed altre festività nazionali. I primi 7 giorni di avvio del servizio (settembre) il nido funzionerà a regime ridotto (dalle ore alle ore 12.00), senza pasto, al fine di consentire un migliore e graduale inserimento dei bambini. 4) IL PROGETTO EDUCATIVO 4.1 DAL PROGETTO ALLA PRASSI EDUCATIVA Il Nido per l Infanzia di Castelbellino è caratterizzato nel tempo come luogo di benessere relazionale, nei quali bambini genitori e personale trovano spazi e tempi per rapportarsi e interagire. Il Progetto Educativo è l elemento fondamentale che rende coerente l azione educativa e l organizzazione del Servizio. E il frutto di lunga e approfondita ricerca centrata sulla conoscenza dello sviluppo psico-fisico del bambino, nella consapevolezza del ruolo fondamentale che i primi anni di vita rivestono per la costruzione dell identità. Proprio in questi anni, infatti, si formano le strutture di base della personalità, dell affettività e delle capacità cognitive e sociali. Il Nido rappresenta, per il bambino, il primo ingresso in un contesto sociale che gli consente di vivere un esperienza ricca di stimoli e realizzare le condizioni che favoriscono una crescita sana e orientata all autonomia, nel pieno rispetto dei suoi tempi, della sua individualità e delle scelte per lui fatte dalla famiglia LA FORMAZIONE DEL PERSONALE Perché il nido si configuri realmente come elemento di stimolo e di arricchimento dello sviluppo infantile e mantenga la sua funzione educativa peculiare e specifica di luogo dove si crea cultura per l infanzia, è necessario migliorare costantemente l intervento educativo richiedendo al personale una professionalità improntata allo studio ed alla ricerca. L aggiornamento è un diritto-dovere fondamentale degli operatori scolastici ed ha lo scopo di fondare scientificamente l azione educativa,

8 Provincia di Ancona Pagina 8 di 13 garantendone quindi razionalità nella pratica quotidiana. La formazione si attua attraverso: -incontri con il Coordinatore Pedagogico; -incontri tra operatori; -incontri del gruppo di lavoro; -incontri di aggiornamento con tecnici esterni su aree specifiche, quali, per esempio: la relazione, la progettualità, l intercultura, l espressività, la creatività L INSERIMENTO DEL BAMBINO AL NIDO L inserimento è un momento molto delicato e importante nella vita di un bambino che deve imparare a conoscere persone e ambienti nuovi e diversi da quelli familiari. Affinché il bambino possa affrontare il nuovo mondo in una condizione di sicurezza e gradualità è importante che il genitore rimanga con lui per i primi giorni di frequenza: in questo modo si facilita l instaurarsi di una relazione fra genitore ed educatore, attraverso un reciproco scambio di informazioni, opinioni e pensieri. In questo senso è anche previsto un inserimento a piccoli gruppi di bambini, al fine di favorire una maggiore condivisione dell esperienza tra gli adulti e i bambini coinvolti. Successivamente il genitore si allontana dalla sezione per periodi sempre più lunghi finché il bambino non è in grado di sostenere la frequenza ad orario completo. Proprio in considerazione della delicatezza di questo momento, la presenza del genitore viene richiesta di norma. Tenuto conto comunque che ogni bambino è diverso dagli altri, si prevede che siano gli stessi operatori della sezione in collaborazione con i genitori, ad individuare le condizioni e i tempi più favorevoli per ogni inserimento. All apertura di ogni anno educativo i bambini che accedono per la prima volta alla struttura vengono inseriti gradualmente dall inizio di settembre fino alla fine di ottobre; il calendario di ingresso è concordato con il personale nel preliminare incontro con i genitori. Per i bambini che accedono per la prima volta al nido nel corso dell anno educativo, l inserimento avviene gradualmente entro un mese dall ingresso L ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA L organizzazione della giornata al Nido è scandita da momenti che si ripetono, detti routines. Grazie alla ripetitività di esperienze e gesti giocati su affettività ed empatia, si costruisce nei bambini sicurezza e rassicurazione L ACCOGLIENZA. Dalle ore 7.30 alle ore 9.30 circa i bambini entrano al Nido. Ogni sezione ha spazi accoglienti che consentano al genitore di fermarsi e la bambino di vivere in modo sereno la separazione dalla mamma o dal papà, con l aiuto dell educatore IL PASTO I pasti dei bambini nel corso della giornata sono: - piccola colazione alle ore 9.00;

9 Provincia di Ancona Pagina 9 di 13 - pranzo, alle ore 11.30/12.00; - merenda, alle ore per i bambini che frequentano l orario prolungato. Il menù, predisposto dalla equipe della ASUR Z.T. N. 5 assicura la rispondenza alle necessità fisiologiche, di crescita e di salute dei bambini. E articolato su quattro settimane ed è differenziato a seconda dell età dei bambini. E prevista l introduzione di alimenti biologici e l approntamento di pasti specifici per i bambini con accertate e documentate intolleranze IL RIPOSO Il riposo è un momento delicato nella giornata del bambino e necessario per il suo equilibro psico-fisico e per potersi abbandonare ad esso con fiducia, deve essere rassicurato dall educatore di riferimento attraverso la costruzione di abitudini individuali (l orsetto, il ciuccio...) e di gruppo (la ninnananna, il racconto di una fiaba...). Il riconoscimento e il rispetto di queste abitudini e le emozioni che questo momento scatena permettono ad adulti e bambini di creare gradualmente uno spazio privilegiato, all interno del quale sentirsi riconosciuti e accolti nei propri bisogni LA CURA PERSONALE E un momento di relazione privilegiata tra educatore e bambino fatto di coccole, di gesti individualizzati e di pratiche quotidiane: attraverso il coinvolgimento attivo del bambino si promuove si sostiene il suo processo di crescita verso l autonomia LE ATTIVITA DI GIOCO INDIVIDUALI E DI GRUPPO Per il bambino il gioco è un attività centrale della sua vita, molto seria e impegnativa, che possiamo considerare al pari del lavoro, se non fosse per la spontaneità che lo caratterizza e lo distingue da quest ultimo. Oltre ad esprimere ciò che ha dentro, attraverso il gioco il bambino effettua prove, verifiche, sperimentazioni fondamentali per la sua conoscenza. Il ruolo del Nido è quello di esser custode e promotore del gioco dei bambini, creando spazi e tempi idonei GLI SPAZI AL NIDO L attenzione dedicata alla strutturazione degli spazi si fonda sull idea che nel Nido ogni bambino deve potersi sentire accolto, vivere esperienze in autonomia, ritrovare angoli e situazioni stimolanti e significative per il suo sviluppo LE AREE VERDI Il contatto con lo spazio naturale ha un fortissimo valore pedagogico associato alla possibilità, in tale contesto, di sviluppare relazioni significative. Le aree verdi del Nido sono sicure, pulite e adeguatamente attrezzate per far giocare all aperto anche bambini molto piccoli.

10 Provincia di Ancona Pagina 10 di 13 5) FIGURE PROFESSIONALI E GRUPPI DI LAVORO 5.1 COORDINAMENTO PEDAGOGICO Il Coordinamento Pedagogico si configura come strumento di gestione, progettazione e verifica dell esperienza educativa. Promuove lo sviluppo culturale e sociale del Servizio attraverso un processo di continuo raccordo e confronto con gli organi di partecipazione, sostiene ed orienta l attività educativa dei Nido favorendo la continuità delle esperienze e organizzando occasioni di confronto. Il Coordinatore Pedagogico è una figura professionale con compiti di: - definizione degli aspetti organizzativi del Servizio, monitoraggio e valutazione delle qualità erogata e percepita dai diversi soggetti coinvolti; - predisposizione del progetto formativo del personale; - elaborazione del progetto pedagogico, esplicitando i modelli formativi di riferimento e gli obiettivi del Servizio, attraverso il confronto e la condivisione del gruppo di lavoro educativo; - sostegno tecnico al lavoro degli operatori attraverso la conduzione del gruppo nelle diverse fasi di progettazione del percorso educativo; - raccordo tra i servizi rivolti all infanzia presenti sul territorio. 5.2 PERSONALE DEL NIDO Il gruppo di lavoro che opera all interno del Nido viene anche definito Collettivo. Ne fanno parte gli educatori, gli operatori d infanzia e il personale di cucina del Nido d infanzia. Tra gli educatori viene eletto annualmente dal Collettivo un referente. Gli educatori hanno compiti inerenti: La tutela, la cura, la promozione dello sviluppo psicofisico dei bambini; La progettazione e la realizzazione del progetto educativo del Nido in collaborazione con il Coordinamento Pedagogico; Il coinvolgimento dei genitori nella vita del Nido; La documentazione dei percorsi educativi realizzati. Gli operatori d infanzia hanno compiti inerenti: Il riassetto, la sanificazione e la pulizia degli ambienti; Il supporto agli educatori nella cura dei bambini e nella realizzazione del progetto educativo. Al Cuoco e al personale di cucina compete: La preparazione dei pasti nel pieno rispetto dei menù elaborati dall equipe della ASUR Z.T. N. 5; L applicazione delle norme previste dal D.Lgs.155/97 concernente l igiene dei prodotti alimentari.

11 Provincia di Ancona Pagina 11 di 13 ALLEGATO 1 TAB. FATTORI, INDICATORI, STANDARD MINIMO DI QUALITA DEL SERVIZIO FATTORE DI QUALITA Professionalita e competenza del personale Rispetto dei tempi di ogni bambino INDICATORI DI QUALITA Corsi di aggiornamento specifici, incontri tematici Trasparenza della programmazione educativa e del calendario annuale delle attività L inserimento e l ambientamento del bambino avviene attraverso incontri e colloqui individuali con l educatrice di riferimento Inserimento individualizzato con la presenza di un familiare Organizzazione degli spazi a misura di bambino e specificamente connotati Presenza di un educatrice di riferimento STANDARD MINIMO DI QUALITA Igiene e pulizia dei locali Individualizzazione delle cure e rispetto igiene Dieta varia e bilanciata, elaborata ed approvata dalla ASUR Z.T. N. 5 Possibilità di menu personalizzati per diete speciali Utilizzo di prodotti monouso Disponibilità di bacheche informative Distribuzione della carta del servizio Informazione e comunicazione Consegna ai genitori del Regolamento e delle tabelle dietetiche Documentazione delle attività svolte dal bambino Riunione di sezione con educatrici e genitori Informazioni sull organizzazione del servizio

12 Provincia di Ancona Pagina 12 di 13 Segue tab. 1 Facilità d accesso alla modulistica Informazione e comunicazione Visibilità bandi d iscrizione Verifica dell attività svolta Indagini sulla soddisfazione degli utenti del servizio nido d infanzia N reclami presentati a carico del servizio nido d infanzia nell anno N reclami accolti sul totale reclami presentati

13 Provincia di Ancona Servizio Politiche Sociali MODULO PER RECLAMO Cognome e Nome nato a il residente a in via n Genitore del/la bambin frequentante il Nido per l Infanzia Tingolo, anno educativo:. tel. motivo del reclamo: Firma Castelbellino, Il presente modulo può essere consegnato personalmente presso la struttura del Nido d Infanzia o presso le sedi municipali del Capoluogo o della delegazione di Stazione, o essere inviato via fax ( ) all attenzione del Responsabile settore Politiche Sociali U.O Ai sensi del D.Lgs del 30 giugno 2003, n. 196, i dati personali forniti saranno trattati, dall ente al quale la presente dichiarazione è prodotta, per le finalità connesse all erogazione del servizio o della prestazione per cui la dichiarazione stessa viene resa e per gli eventuali successivi adempimenti di competenza.

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza (Approvata con Delibera di Giunta n. 220 del 09/12/2008) INDICE Parte I PRINCIPI GENERALI :Che cos è la Carta del Servizio? La sua validità Finalità

Dettagli

CARTAC C DEL SERVIZIO

CARTAC C DEL SERVIZIO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO Carta del servizio CARTAC C DEL SERVIZIO S. Colombano al Lambro - via Dalcerri Tosi, 43 - tel. e fax 0371.89501 servizisociali@comune.sancolombanoallambro.mi.it

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 IL NIDO DI CASA REBECCA VIA MAIOLO, 5 10044 PIANEZZA (TO) LA CARTA DEL SERVIZIO ORARI Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 Pre-Nido 7,30-8,30 Tempo Pieno 8,30/9,30-16,15/16,30 Mattino corto 8,30-12,30/13,00

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

Comune di Erba. Nido Magolibero. Gestito da. Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO

Comune di Erba. Nido Magolibero. Gestito da. Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO Comune di Erba Nido Magolibero Gestito da Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO Per noi il nido è... Il nido è un servizio socio-educativo per la prima infanzia, aperto a tutti i

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO

CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO COMUNE DI GALLARATE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Via Cavour, 4 Tel. 0331.754322 fax 0331.770016 segreterianidi@comune.gallarate.va.it CARTA DEI SERVIZI ASILI NIDO Centro: Asilo Nido Villoresi via Villoresi,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI Approvata con DGC n. 180 del 20-09-2010 PREMESSA: PRINCIPI FONDAMENTALI: L Amministrazione Comunale definisce un sistema di regole e garanzie

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Asilo nido ALBANO LAZIALE Carta dei servizi Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Premessa I servizi educativi rivolti alla prima infanzia rappresentano una delle priorità dell Amministrazione

Dettagli

<> LA CARTA DEI SERVIZI

<<IL NIDO DI ZERBOLO >> LA CARTA DEI SERVIZI LA CARTA DEI SERVIZI (Approvata con Delibera Giunta Comunale n. 49 del 18.05.2013) Che cos è la Carta dei Servizi Quali sono i principi a cui si ispira Validità della carta dei

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti CHE COS E LA CARTA SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento attraverso il quale si forniscono alle

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 68 DEL 30/07/2009 IN VIGORE

Dettagli

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Contatti Capo Rip.ne III Pietro Migliore Tel. 091/8611341 Fax 091/8661459 email pietro.migliore@pec.comune.carini.pa.it Istruttore direttivo Antonina Ruffino

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

ASILO NIDO FANTANIDO

ASILO NIDO FANTANIDO Ge.A.S.C. Gestione Aziendale Servizi Comunali ASILO NIDO FANTANIDO CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI I PRINCIPI FONDAMENTALI 2. L ASILO NIDO FANTANIDO LE FINALITA GLI ORARI 3. LE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

Micronido BIM BUM BAM!!

Micronido BIM BUM BAM!! Micronido BIM BUM BAM!! Per i bimbi fino ai 3 anni aperto tutto l'anno dalle 07.30 alle 18.30 (orari e frequenze liberi!!) per info.: 049 9387559 via Dante, 5\B a Trebaseleghe CARTA DEI SERVIZI settembre

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO LA CULLA D ORO gestito da consorzio arcobaleno LA CARTA DEI SERVIZI 1 INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI 1.1 Che cos è la Carta dei Servizi 1.2 Quali sono i principi a cui si ispira 2. IL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Carta dei servizi socio-educativi per la prima infanzia

Carta dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Carta dei servizi socio-educativi per la prima infanzia La Carta dei servizi socio-educativi del Comune di Perugia ha come fonte di ispirazione i principi contenuti nella Convenzione internazionale ONU

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SPECIALE. CAVRIAGOSERVIZI Area Educativa

CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SPECIALE. CAVRIAGOSERVIZI Area Educativa CARTA DEI SERVIZI AZIENDA SPECIALE CAVRIAGOSERVIZI Area Educativa Approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Azienda Speciale nella seduta del 6 maggio 2010 1 NOTE INTRODUTTIVE Con la redazione della

Dettagli

CAMPO SOLARE COMUNE SPOTORNO ESTATE 2015

CAMPO SOLARE COMUNE SPOTORNO ESTATE 2015 CAMPO SOLARE COMUNE SPOTORNO ESTATE 2015 I PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA CARTA I principi che sostengono la Carta del Servizio Campo Solre sono essenzialmente quelli espressi sia della Costituzione della

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Privata

Scuola dell Infanzia Privata PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7 Programmazione del servizio Scuola dell Infanzia Privata Largo Città dei Ragazzi 1, Roma Rev. 0 del 16/06/2015 Qualifica Nominativo Elaborato da Coordinatrice

Dettagli

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito CENTRO STUDI ALSPES RICERCA SOCIALE VALUTAZIONE E SVILUPPO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Via Tagliamento, 2 20097 San Donato Milanese (MI) tel. 02.52.79.190 www.alspes.it Indicatori e Standard di qualità per

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Aquilone Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Aquilone viene inaugurato nel 1974. Nasce come nido costituito da tre sezioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Asilo Nido Integrato. Baby Mondo. Pojana Maggiore. Anno Scolastico 2014-2015

Asilo Nido Integrato. Baby Mondo. Pojana Maggiore. Anno Scolastico 2014-2015 Asilo Nido Integrato Baby Mondo Pojana Maggiore Anno Scolastico 2014-2015 PREMESSA La presente Carta dei Servizi si pone come una presa di impegno da parte dell ente erogatore del servizio Nido che si

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi di Milano. E' presieduto

Dettagli

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254 Delibera n.34/2011 Carta dei Servizi Sistema Educativo Integrato dei servizi ai bambini di 0-6 anni Anno Scolastico 2011-2012 PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Birillo Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Birillo viene inaugurato nel 1971. Nasce come nido costituito da due sezioni

Dettagli

QMOD38 Comunicazione al Pubblico Rev 00 20-08-2010 Pagina 1 di 7

QMOD38 Comunicazione al Pubblico Rev 00 20-08-2010 Pagina 1 di 7 LUDOTECA CIVICA, via FIUME 207 19124 La Spezia LA LUDOTECA CIVICA : COSA E E COSA FA La Ludoteca è un servizio educativo, sociale e culturale, si rivolge a bambini e ragazzi in età compresa fra i 3 e i

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Comune di Mariano Comense CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 132 del 14/11/2012 Settore Istruzione ed Asilo Nido Tel 031.757298 296 e-mail istruzione@comune.mariano-comense.co.it

Dettagli

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare SERVIZIO: Attività Socio-Assistenziale Culturale Educativa Sportiva - Carta dei Servizi: ASILO NIDO Pag. 1 INDICE della Carta dei Servizi Che

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO > pag. 1 di 6 Allegato 3 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO In vigore dall anno educativo 2014/2015 e tuttora valido Art. 1 L asilo Nido La voce dei bambini è un servizio socio-educativo di interesse pubblico, che

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

ASILO NIDO INTEGRATO GIARDINO DELLA PACE CARTA DEI SERVIZI SETTEMBRE 2015. e-mail: giardinodellapace@gmail.com. sito www.giardinodellapace.

ASILO NIDO INTEGRATO GIARDINO DELLA PACE CARTA DEI SERVIZI SETTEMBRE 2015. e-mail: giardinodellapace@gmail.com. sito www.giardinodellapace. ASILO NIDO INTEGRATO GIARDINO DELLA PACE CARTA DEI SERVIZI SETTEMBRE 2015 e-mail: giardinodellapace@gmail.com sito www.giardinodellapace.com Indice Mission educativa Presentazione Le finalità e i contenuti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Comune di Castelnuovo di Garfagnana

Comune di Castelnuovo di Garfagnana Comune di Castelnuovo di Garfagnana REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA Indice ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART. 2 - FINALITA' DEL SISTEMA... 2 ART. 3 - ELEMENTI SOSTITUTIVI DEL SISTEMA... 2 ART. 4 -

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3 CARTA DEI SERVIZI RELATIVA A SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER GLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO STATALI E PARITARIE MILANESI

Dettagli

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano)

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) Cervignano del Friuli PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) 1 PRESENTAZIONE CHI SIAMO Il Nido è un Servizio Comunale, gestito da personale della Cooperativa ITACA, in

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direzione Generale per i Beni Librari, gli Istituti Culturali ed il Diritto d'autore Carta della qualità dei servizi Biblioteca 2008 I. PRESENTAZIONE CHE COS

Dettagli

ASILO NIDO LA FILASTROCCA

ASILO NIDO LA FILASTROCCA ASILO NIDO LA FILASTROCCA Programmazione educativa 2012-2013 INDICE Finalità educative generali dell asilo e percorso educativo anno 2012/2013 Pag. 3 Organizzazione dell asilo Pag. 4-5 Organizzazione degli

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV)

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) Servizio di Formazione All Autonomia per Persone Disabili P.zza L. Meriggi 27049 Stradella (PV) Tel. 0385/44313 Fax 0385/246460 E-mail: sfacomunedistradella@libero.it

Dettagli

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI PAG. 1 di 6 Che cos è la Carta dei Servizi La Carta

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

ASILO NIDO PROGETTO EDUCATIVO ROSA & CELESTE 2. Cooperativa Sociale DIDASKO Viale C. Battisti, 73 05100 TERNI. Pagina 1 di 5

ASILO NIDO PROGETTO EDUCATIVO ROSA & CELESTE 2. Cooperativa Sociale DIDASKO Viale C. Battisti, 73 05100 TERNI. Pagina 1 di 5 ASILO NIDO ROSA & CELESTE 2 Cooperativa Sociale DIDASKO Viale C. Battisti, 73 05100 TERNI PROGETTO EDUCATIVO Pagina 1 di 5 PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L asilo nido Rosa & Celeste 2 nasce da un indagine

Dettagli

NIDO D INFANZIA FRUTTI DI BOSCO INDIRIZZO: VIA DELLA PINETA, 1 VILLA OPICINA TELEFONO: 040 211065

NIDO D INFANZIA FRUTTI DI BOSCO INDIRIZZO: VIA DELLA PINETA, 1 VILLA OPICINA TELEFONO: 040 211065 NIDO D INFANZIA FRUTTI DI BOSCO INDIRIZZO: VIA DELLA PINETA, 1 VILLA OPICINA TELEFONO: 040 211065 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Via Mannelli 53 pt /int. 15r, 50132 Firenze www.nidoinpiazzetta.com nidoinpiazzetta@gmail.com Tel. 055 5383663 / 333 3820706

CARTA DEI SERVIZI. Via Mannelli 53 pt /int. 15r, 50132 Firenze www.nidoinpiazzetta.com nidoinpiazzetta@gmail.com Tel. 055 5383663 / 333 3820706 girotondo di bambini Furbi, allegri, birichini Tutto intorno il nostro mondo In piazzetta sgambettano felici, tutti in pace, tutti amici girotondo, girotondo, casca la terra, casca il mondo tutti giù per

Dettagli