Grandi opportunità per piccoli cittadini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grandi opportunità per piccoli cittadini"

Transcript

1 Grandi opportunità per piccoli cittadini LE POLITICHE DELLA REGIONE PER UNA TOSCANA CHE CRESCE Istituto degli Innocenti di Firenze

2 Grandi opportunità per piccoli cittadini LE POLITICHE DELLA REGIONE PER UNA TOSCANA CHE CRESCE

3 A cura di REGIONE TOSCANA Assessorato all Istruzione, alla Formazione e al Lavoro Direzione Generale Politiche Formative, Beni e Attività Culturali Settore Istruzione e Educazione In collaborazione con ISTITUTO DEGLI INNOCENTI Direzione Area Documentazione, Ricerca e Formazione Si ringrazia il servizio Il grillo e la formicuzza per la documentazione fotografica a corredo della pubblicazione Finito di stampare nel mese di luglio 2007 presso la Litografia IP, Firenze

4 S OMMARIO Introduzione GIANFRANCO SIMONCINI Assessore all istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Toscana 4 La Toscana per le bambine e i bambini Un laboratorio culturale a favore dell infanzia La LR 32/2002 e il piano di indirizzo generale integrato Una Ragnatela porta il nido in montagna Le risorse E dopo il nido? Continuità educativa

5 Introduzione GIANFRANCO SIMONCINI Assessore all istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Toscana La Toscana che investe sul proprio futuro scommette sull infanzia. Per l Unione europea, entro il 2010, almeno 33 bambini su 100 dovranno trovare posto all asilo nido o comunque poter frequentare uno dei servizi educativi adeguati alla loro età. In Italia, ancora oggi, solo 10 bambini su 100 ci riescono. In Toscana, invece, sono poco meno di 30 su 100 i piccoli, dai tre mesi ai tre anni, che riescono a entrare in un nido o in una delle strutture integrative dell asilo tradizionale, come ad esempio i centri gioco o i centri bambini genitori. È un ottimo risultato, ma che non ci basta. Contiamo infatti di migliorare ancora e pensiamo che, per la nostra regione, il traguardo del 33 % di copertura del servizio rispetto alla popolazione, proposto dal Consiglio di Lisbona per il 2010, possa essere un obiettivo davvero a portata di mano. Anche se, non dobbiamo dimenticarlo, i servizi per l infanzia sono fra quelli che vedono crescere la domanda insieme con il crescere dell offerta. E l incremento demografico, lieve ma comunque ipotizzabile, unito alla buona qualità e al diffondersi di tante esperienze virtuose, fanno il resto. Insomma più nidi ci sono e più l offerta presenta standard elevati, più mamme e babbi decidono di affidare i propri piccoli a questi servizi: per questo siamo impegnati a potenziarli, mantenendo alta la qualità per garantire i diritti di cittadinanza e a un apprendimento di qualità fin dai primi mesi di vita e a tutte le bambine e i bambini. In particolare prestiamo attenzione alle pari opportunità di accesso ai servizi, superando l attuale divario presente fra comuni grandi e comuni piccoli. Consapevoli che non si tratta di inseguire una percentuale in più su una tabella o di arrivare primi al traguardo, abbiamo deciso di puntare molto su questo settore, perché rafforzare il capitale umano è indispensabile per far crescere la nostra regione. In questa direzione stiamo già lavorando, in sintonia con quella che nel Piano di indirizzo generale integrato attua il testo unico su istruzione, formazione e lavoro e anche nel Piano regionale di sviluppo viene indicata come una 4

6 5 delle priorità. Un impegno che la Regione non attua da sola ma che vede, anzi, il ruolo centrale dei Comuni, cui spetta l onere, finanziario e organizzativo, della gestione dei servizi. È a questo ruolo che la Regione offre il suo supporto, in termini di programmazione e risorse, cercando di eliminare tutti gli ostacoli alla diffusione sul territorio, anche nelle zone più disagiate, di questi importanti strumenti educativi. A testimonianza di ciò, la progressiva crescita del servizio, sia per quel che riguarda gli asili nido tradizionali, sia per quel che riguarda le tipologie integrative. Nel corso del 2006 sono stati destinati ai servizi all infanzia complessivamente circa 8 milioni per investimenti, cui si sono aggiunti i finanziamenti per la gestione ordinaria (circa 4 milioni). Nel bilancio 2007 è previsto un ulteriore forte investimento che, fra risorse regionali, statali e comunitarie, raggiunge poco più di 19 milioni di euro: si tratta di 10 milioni e 700 mila euro di contributi per investimenti, cui si aggiungono 8 milioni e 800 mila per la gestione. All interno di queste risorse, grazie all ultima annualità del Fondo sociale europeo, si è resa disponibile anche la somma di 1 milione e 200 mila euro per la realizzazione e l estensione a tutto il territorio regionale dei nidi ragnatela, piccoli nidi domiciliari, per un massimo di cinque bambini, collegati ai centri maggiori e destinati specificamente ai comuni montani. Quattro comuni dell Amiata che fino a oggi non erano dotati di servizi per la prima infanzia avranno, dal prossimo settembre, altrettante mini strutture domiciliari, collegate al nido centrale di Arcidosso. È la prima realizzazione del progetto destinato a chi

7 vive in realtà disagiate, offrendo una valida offerta educativa, un supporto di qualità ai genitori che lavorano ed evitando ai bambini lunghi e stressanti spostamenti. Presto altre strutture partiranno anche nelle province di Lucca e Pistoia. Una scelta che la dice lunga sull impegno della Regione. Confermato dalle cifre. Con circa 750 fra nidi e servizi integrativi, si soddisfa un utenza di circa 27 mila iscritti. Per rispondere alle aumentate richieste stiamo cercando di lavorare su molteplici fronti. Gli strumenti sono essenzialmente la diversificazione, con la creazione di tipologie nuove (centri gioco, nidi domiciliari, centri bambini genitori), più flessibili dei nidi tradizionali. A questi si aggiungono le forme di collaborazione con soggetti privati e del privato sociale, l istituzione di buoni servizio per le famiglie che vivono nei piccoli comuni dove ci sono difficoltà e carenze. Ma l attenzione all infanzia non si ferma alla fascia zerotre anni. L ampliamento di posti di scuola dell infanzia, anche attraverso il sostegno alle scuole comunali e paritarie dell infanzia è un altro degli impegni che ci proponiamo per garantire al 100 % dei bambini fra tre e sei anni di poter frequentare la scuola dell infanzia. I centri per l infanzia, la famiglia, gli adolescenti e gli Informagiovani rappresentano un altro versante dell impegno, così come i progetti per la continuità educativa e l offerta per vacanze e tempo libero. Un ultimo dato, infine, da non sottovalutare. I servizi all infanzia, creati con finalità educative e destinati espressamente alle bambine e ai bambini, rappresentano anche uno strumento importante per sostenere la crescita del lavoro delle donne che, in Toscana, resta tuttora su valori più bassi di quella maschile. Per questo stiamo attuando una serie di provvedimenti per combattere la disoccupazione femminile e favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Abbiamo affidato a questo opuscolo le informazioni di base su quello che facciamo per far crescere al meglio i bambini che nascono e vivono in Toscana. Una Toscana che ha tutti i numeri per diventare davvero una regione a misura di bambina e di bambino. Che poi è il primo, indispensabile passo, per diventare un luogo ancora più accogliente e vivibile anche per gli adulti. 6

8 La Toscana PER LE BAMBINE E I BAMBINI Le bambine e i bambini e i loro diritti di cittadini, fin dai primi mesi di vita, sono al centro delle scelte e degli interventi della Regione che punta a garantirli e tutelarli nel processo di costruzione della propria identità e della propria personalità, in un rapporto continuo con gli altri bambini, con la società degli adulti, con gli spazi della città, con la natura. Uno dei poli di questo progetto educativo, che si basa su una visione unitaria dei bisogni ed è inserito in un sistema di apprendimento lungo tutto l arco della vita, è costituito dalla famiglia. Questi valori, fortemente caratterizzanti, sono diventati asse portante dei servizi alla prima infanzia in Toscana. Appare così superata la vecchia concezione dei servizi all infanzia come servizio sociale e dei nidi come parcheggi per i figli di mamme che lavorano, una concezione che lascia il posto alla maggiore diffusione di una cultura dei servizi intesi come contesti per la promozione delle potenzialità dei piccoli, oltre che come elementi di supporto alla piena espressione del ruolo dei genitori. I servizi per la prima infanzia hanno assunto, in Toscana, un ruolo pienamente educativo, così rilevante da attrarre 7

9 fortemente l interesse delle famiglie. La domanda è in continua crescita e per questo la Regione ha favorito la progressiva diffusione dei nidi e dei servizi integrativi, avvicinando le opportunità educative ai cittadini, garantendo la massima diversificazione delle tipologie, per dare una risposta personalizzata alla molteplicità dei bisogni. Attraverso l approvazione della legge regionale 22 nel 1999 e poi con la legge regionale 32 del 2002, il Testo unico in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione e lavoro, si è indotto un forte miglioramento sia nella consistenza della rete dei servizi, che nella risposta ai bisogni della popolazione. Questa rosa di offerte formative è caratterizzata da servizi flessibili e continuamente aggiornati, per rispondere ai bisogni di affettività, socializzazione, sviluppo individuale e autonomia dei bambini in ambienti espressamente pensati per le loro esigenze. I servizi offrono opportunità di crescita attraverso esperienze di gioco e di scoperta, nelle quali si possono creare le condizioni affinché ciascuno trovi lo spazio per attivare la sua voglia di fare, di scoprire, di entrare in relazione con gli altri. Vediamo come funzionano e a chi sono destinate le diverse tipologie presenti in Toscana. L asilo nido, nella sua accezione più tipica, è un servizio a carattere educativo ed è rivolto ai bambini e alle bambine di età compresa fra tre mesi e tre anni. Consente l affidamento quotidiano e continuativo dei bambini a figure con competenza professionale. Accanto all incremento quantitativo dei servizi, è stata curata anche la promozione della qualità della rete dei servizi presenti sul territorio, sia per quel che riguarda le finalità educative che le esigenze delle famiglie. 8

10 9 Negli ultimi anni, come si è detto, si è intensificata la diversificazione delle tipologie di offerta. In altre parole sono stati coniati nuovi servizi integrativi: centro gioco educativo, centro dei bambini e dei genitori, nido domiciliare. Il centro gioco educativo è un servizio a carattere educativo e ludico, rivolto a bambini e bambine in età compresa tra diciotto mesi e tre anni, con turni organizzati secondo criteri di massima flessibilità. Il centro gioco educativo prevede fruizioni temporanee o saltuarie nella giornata, senza la presenza dei genitori. Il centro dei bambini e dei genitori è un servizio a carattere educativo e ludico, rivolto a bambini e bambine di età compresa tra tre mesi e tre anni, organizzato secondo il criterio della flessibilità. Il centro dei bambini e dei genitori prevede la fruizione continuativa del servizio da parte di bambini accompagnati da un genitore o da un altro adulto di riferimento; questi ultimi concorrono alla realizzazione dei programmi educativi del centro in una logica di corresponsabilità con gli educatori. I servizi domiciliari, attivati presso il domicilio della famiglia o dell educatore, ampliano la rete dei servizi educativi. Sono servizi rivolti a gruppi di quattro bambini, di età compresa tra dodici mesi e tre anni; la durata del servizio può variare dalle quattro alle otto ore continuative, con moduli orari autonomamente concordati tra le famiglie stesse e il gestore del servizio.

11 Un laboratorio culturale A FAVORE DELL INFANZIA Il nido in Toscana si è evoluto, qualificandosi nel tempo come un vero laboratorio culturale a favore dell infanzia. La tematica della qualità ha acquisito, negli anni Novanta, una particolare centralità strategica nel quadro degli impegni della Regione Toscana nei servizi asilo nido. Oggi la Regione si trova a disporre di un sistema della valutazione della qualità delle strutture, che consente di monitorare sia il livello di soddisfazione dei bambini e delle famiglie, sia l acquisizione di indicatori necessari alla valutazione dello stato di attuazione della programmazione, in modo da prevederne i necessari adeguamenti. La sfida, oggi, è quella di assicurare all utente un servizio di qualità, indipendentemente da chi lo gestisce. Questo concetto diventa centrale per gestire il pluralismo di offerte e dare continuità alle esperienze positive che da anni vengono realizzate sul territorio. Nel marzo 2006, è stato anche pubblicato uno specifico volume, La qualità dei servizi educativi per la prima infanzia. Il nuovo sistema di valutazione dei nidi e dei servizi educativi integrativi (Firenze, Istituto degli Innocenti), che tiene conto della nuova offerta differenziata ed estende la valutazione della qualità anche ai centri bambini e genitori, ai centri gioco educativi e ai nidi domiciliari. La molteplicità delle problematiche da monitorare richiede necessariamente, per la loro valutazione, la definizione di un sistema di standard qualitativi, in grado di verificare e documentare le buone prassi che si rilevano e che contribuiscono all innalzamento qualitativo della rete, di individuare e diffondere le realizzazioni di eccellenza, di definire e realizzare misure di accompagnamento rivolte agli operatori mediante formazione mirata e diffusione delle buone prassi. La qualità erogata si articola in quattro livelli che configurano gli ambiti del sistema qualità: la rete regionale dei servizi e degli interventi; la rete locale e al suo interno quello delle singole strutture; la qualità percepita; l efficacia degli interventi. 10

12 Il livello relativo alla valutazione della qualità della rete regionale integrata degli interventi educativi trova il suo strumento strategico nel Sistema Informativo Regionale Infanzia Adolescenza (SIRIA), creato e gestito dalla Regione Toscana. Il Sistema informativo è il risultato di una grande sinergia fra le amministrazioni comunali che, ogni anno, dal 2 gennaio al 28 febbraio, inseriscono i dati dei servizi prima infanzia esistenti sul loro territorio, pubblici e privati, e ciascun servizio viene implementato dalle schede degli utenti che hanno frequentato il servizio. La metodologia di raccolta dei dati, attraverso un flusso telematico, è il vero elemento di novità che permette una attività di monitoraggio puntuale e costante nel tempo. Grazie a questo strumento strategico e di programmazione, ogni anno la Regione Toscana elabora il Rapporto annuale sullo stato dei servizi educativi prima infanzia. SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA (raffronto anni 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006) Risposta alla Numero Numero popolazione Lista di Popolazione Domanda Anno servizi iscritti (in %) attesa 0-2 anni soddisfatta , , , ,43 incrementi % 35,24 35,54 11, , ,32 incrementi % 15,89 13,32 8, , ,54 incrementi % 2,01 1,86 10, , ,93 incrementi % 6,45 22,37 8, , ,35 incrementi % 19,53 13,15 10, , ,40 incrementi % 6,76 13,12 2,08 Fonte dati: comuni toscani sedi di servizi 11

13 La LR 32/2002 E IL PIANO DI INDIRIZZO GENERALE INTEGRATO L apprendimento durante tutto il corso della vita è l obiettivo primario del Piano di indirizzo generale integrato che si propone di attuare la legge regionale 32/2002, il testo unico su istruzione, formazione e lavoro, che riunisce tutti gli aspetti dei processi formativi che riguardano l individuo. In questo contesto i servizi educativi per la prima infanzia costituiscono il primo momento di apprendimento non formale e rappresentano il terreno di coltura di quel percorso continuo dell individuo fatto di esperienze conoscitive e accrescimento del sapere che ha la sua naturale prosecuzione nei programmi di continuità educativa tre mesi-sei anni e nelle attività finalizzate che si realizzano all interno dei centri per l infanzia, l adolescenza e la famiglia e degli Informagiovani. I Centri per l infanzia, l adolescenza e la famiglia (CIAF), intesi come ambiti permanenti di progettazione educativa specializzata per le azioni rivolte all infanzia, agli adolescenti e ai giovani, si definiscono contenitori di progetti, finalizzati a fornire risposta a quattro target bersaglio: l infanzia, gli adolescenti, i giovani e le famiglie. 12

14 13 Gli interventi dei CIAF nel sistema non formale degli adolescenti, dei giovani e degli adulti sono organizzati all interno di due aree: l area della continuità educativa, con progetti modulari rivolti alla fascia 3-6 anni; l area rivolta alle fasce 7-14 anni e anni, con offerte diversificate di tipo educativo, aggregativo, socializzante, formativo. L Informagiovani è un servizio che assicura un approccio globale all informazione, nei settori di interesse dei giovani (formazione, salute, tempo libero, sport, lavoro, cultura, viaggi) con una configurazione generalista e plurisettoriale, collocato in una posizione coordinata, complementare e integrativa rispetto ai servizi di informazione già esistenti, ma non sostitutiva. L accessibilità al servizio è prevista per tutti i giovani indistintamente senza discriminazioni fisiche, culturali, psicologiche di alcun genere garantendo il facile accesso e la gratuità delle prestazioni. Un area di particolare attenzione da parte del Piano è quella relativa ai bambini, in linea con le raccomandazioni di Lisbona che prevede, entro il 2010, che venga assicurata almeno al 33% dei bambini al di sotto dei tre anni la partecipazione alla vita educativa di una pluralità di servizi. Si punta inoltre alla qualificazione e alla diffusione di strumenti e interventi per la continuità educativa per rendere più agevole, nella fascia di età da 1 a 6 anni, il passaggio fra il nido, la scuola dell infanzia e quindi la scuola elementare. Fra le iniziative previste dal Piano, anche quelle per offrire alle famiglie un servizio mirato alla conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa che, oltre a consentire la partecipazione delle donne al mondo del lavoro, intendono sostenere specifici progetti per la creazione di impresa e di lavoro autonomo delle donne nel settore dei servizi educativi rivolti alla prima infanzia. Uno dei punti centrali di impegno della più recente programmazione regionale è finalizzato a supportare il grande sforzo dei Comuni nel sostenere e ampliare la reti dei servizi educativi per l infanzia. In questo contesto si sono ricercati risorse e strumenti per favorire le pari opportunità educative e il pari diritto di accesso ai servizi dei bambini e delle bambine, dando sostegno particolare ai comuni piccoli e disagiati per lo sviluppo di esperienze educative differenziate, ma sempre con attenzione alta alla qualità.

15 Una Ragnatela PORTA IL NIDO IN MONTAGNA Se il bambino non può andare al nido, è il nido ad andare dal bambino. Questa la filosofia che sta dietro il progetto sperimentale nido ragnatela, promosso dalla Regione Toscana con l obiettivo di portare il servizio di asilo nido in contesti territoriali svantaggiati quali comuni rurali e montani e zone totalmente prive di servizi per la prima infanzia. Il progetto è nato in collaborazione con le comunità montane e le istituzioni locali e la sperimentazione riguarda una formula innovativa d integrazione tra servizi educativi domiciliari e asili nido, per la creazione di offerte differenziate e flessibili. Il modello sperimentale si sviluppa attraverso un collegamento operativo-funzionale tra un nido centrale, in genere situato nel centro più grande, con minimo tre, massimo quattro nidi domiciliari, che accolgono al massimo 5 utenti ciascuno. Le mansioni di coordinamento e gestione delle attività, relative a collegamento, interscambio, connessione e rapporti tra educatori e utenti sono svolte dal nido centrale. L estrema interscambiabilità tra l asilo nido centrale di riferimento con i diversi nidi domiciliari e i nidi domiciliari tra loro, sia a livello di utenza, che di educatori, che di personale ausiliario, consente la formazione di una vera e propria rete di relazione, connessione e scambio. Una prima esperienza è stata inaugurata nel giugno 2007 sull Amiata, dove il nido di Arcidosso è stato messo in rete con altri quattro comuni montani: Seggiano, Cinigiano, Semproniano e Castell Azzara. Presto altri nidi ragnatela partiranno nei comuni delle province di Lucca e Pistoia. 14

16 Le risorse La Regione Toscana ha assicurato a questo settore una quantità di risorse crescente, sia per la gestione che per gli investimenti. Come si può vedere nella tabella di seguito riportata, dal 2005 al 2007 siamo passati da un investimento complessivo di poco più di tredici milioni a quasi diciannove milioni e mezzo di euro. Si tratta di un aumento del 67% in soli tre anni. Queste risorse sono andate in prevalenza agli investimenti per la costruzione di nuove strutture per nidi, centri gioco, CIAF. Le nostre priorità, che hanno trovato una collocazione nei bandi, ci hanno consentito di finanziare piccoli comuni e strutture associative. È significativo anche il numero di imprese che sono sorte per la gestione di questi nuovi servizi e che hanno creato nuova occupazione, soprattutto femminile. Oltre ad aumentare i servizi per i più piccoli, abbiamo teso alla loro diffusione su tutto il territorio regionale, soprattutto in quelle zone che ne erano prive. Bilancio 2005 Bilancio 2006 Bilancio 2007 GESTIONE Fondi regionali , , ,00 POR FSE Ob Mis E1 per nidi ragnatela , ,00 Totale gestione , , ,00 INVESTIMENTI Fondi regionali , , ,00 Fondi regionali , ,00 CIPE , , ,20 POR FESR ,52 Totale investimenti , , ,72 Totale generale , , ,72 15

17 E dopo il nido? CONTINUITÀ EDUCATIVA Un altro elemento chiave delle politiche regionali è costituito dalla continuità educativa. È per questo che la stessa attenzione, pur nella diversità delle competenze, viene posta verso i bambini delle fasce di età successive al nido. In particolare ricordiamo l impegno, attraverso finanziamenti ad hoc, per sostenere le scuole comunali e paritarie dell infanzia, in una logica di potenziamento del servizio che punta a garantire il diritto di frequentare la scuola dell infanzia a tutti i bambini dai tre ai sei anni. Sul fronte dell apprendimento non formale sono molte le iniziative rivolte ai bambini e agli adolescenti, fino ai 18 anni di età cui la Regione, insieme agli enti locali, contribuisce, in collegamento con l offerta formativa delle scuole e del territorio. 16

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

INDAGINE SUI SERVIZI ALL INFANZIA NEL COMUNE DI FIRENZE E RELATIVE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALI

INDAGINE SUI SERVIZI ALL INFANZIA NEL COMUNE DI FIRENZE E RELATIVE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALI INDAGINE SUI SERVIZI ALL INFANZIA NEL COMUNE DI FIRENZE E RELATIVE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALI Il sostegno alle nuove imprese nel settore dei servizi di cura per minori nasce per stimolare la creazione di

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani 4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani INDICE Inquadramento strategico.................... pag. 125 Risorse impiegate...................... pag. 126-127 Principali

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

SCUOLA PARITARIA SAN GIUSEPPE. Estratto del Piano di Offerta Formativa

SCUOLA PARITARIA SAN GIUSEPPE. Estratto del Piano di Offerta Formativa SUORE CARMELITANE DI S. TERESA DI FIRENZE PRATO SCUOLA PARITARIA SAN GIUSEPPE Estratto del Piano di Offerta Formativa SCUOLA DELL INFANZIA www.istitutosangiuseppe.com La Scuola dell Infanzia San Giuseppe

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI CATALOGO SERVIZI A.S. 2015/2016 PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI Il Centro Primi Passi (d ora in poi PP) nasce nel 1996 nel quadro di un progetto della Uisp nazionale dedicato allo sviluppo delle abilità

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014

Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014 Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014 Gli incontri del nostro itinerario vogliono essere una sorta di occhiali da cui i genitori di ragazzi di un età compresa tra i 6-13 anni escano vedendo e vedendosi

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori.

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori. I Servizi Educativi del Comune di Trieste rappresentano una tradizione storica, un patrimonio di tradizione culturale di cui la città e le famiglie vanno orgogliose. Un patrimonio storico che negli anni

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni di sistema prioritarie previste dagli obiettivi 1 e 2 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni di sistema prioritarie previste dagli obiettivi 1 e 2 delle linee guida dei PdZ Distrettuale Sud 6.3 11.1.9. ABITARE SOCIALE SCHEDA PROGETTO/SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni di sistema prioritarie previste dagli obiettivi 1 e 2 delle linee guida dei PdZ Per progetto

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ************************************************************************************************ VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE 1) Ruolo animatrice di P.O. Secondo il Dipartimento per le Pari Opportunità, la figura dell animatrice/animatore di P.O. è

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO Occupati in Lombardia!

DOTE UNICA LAVORO Occupati in Lombardia! DOTE UNICA LAVORO Occupati in Lombardia! Dote Unica Lavoro rappresenta il nuovo modello generale di politiche attive del lavoro di Regione Lombardia. Dote Unica Lavoro riunisce i diversi interventi di

Dettagli

Castions di Strada, 10 gennaio 2011. Presentazione

Castions di Strada, 10 gennaio 2011. Presentazione Il progetto Asili nidi familiari di Confartigianato presentazione di Michela Sclausero Castions di Strada, 10 gennaio 2011 Presentazione Questo progetto ha il fine di promuovere la creazione di servizi

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

II SUMMIT ITALIANO SUI TALENTI Come vincere la guerra dei talenti mediante adeguate strategie di attraction, recruiting and retention NEL QUOTIDIANO,

II SUMMIT ITALIANO SUI TALENTI Come vincere la guerra dei talenti mediante adeguate strategie di attraction, recruiting and retention NEL QUOTIDIANO, II SUMMIT ITALIANO SUI TALENTI Come vincere la guerra dei talenti mediante adeguate strategie di attraction, recruiting and retention COME PATRIMONIALIZZARE, NEL QUOTIDIANO, LA PRESENZA DEI TALENTI AGENDA

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R Allegato A alla Deliberazione di G.P. n 271 del 11-11-2008 PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R. 12/03 INTERVENTI PER IL RAFFORZAMENTO DELL AUTONOMIA DELLE SCUOLE E PER L ARRICCHIMENTO

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale)

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale) REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

TAVOLO DI LAVORO IMPRENDITORIA FEMMINILE. INTERVENTO DEL DR. GIORGIO GIOVANNINI Banca Marche INTRODUZIONE

TAVOLO DI LAVORO IMPRENDITORIA FEMMINILE. INTERVENTO DEL DR. GIORGIO GIOVANNINI Banca Marche INTRODUZIONE TAVOLO DI LAVORO IMPRENDITORIA FEMMINILE INTERVENTO DEL DR. GIORGIO GIOVANNINI Banca Marche INTRODUZIONE L'ARGOMENTO ODIERNO E' DI SICURO INTERESSE PER LE BANCHE IN GENERALE E PER BANCA MARCHE IN PARTICOLARE

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo.

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Sonia Di Naccio Coordinatrice Impresa Donna Roma, 8 ottobre 2014 Garanzia Giovani in Abruzzo La Regione Abruzzo dispone di

Dettagli

Referenti per successivi contatti con l Amministrazione:

Referenti per successivi contatti con l Amministrazione: SERVIZIO DI ASILO NIDO PER IL PERSONALE IN SERVIZIO AL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI Responsabile del Progetto: Cons. Amb. Anna Maria Micaela Piantadosi (Capo Ufficio VI, Direzione Generale per le Risorse

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che. operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella. Provincia di Pisa

Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che. operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella. Provincia di Pisa Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella Provincia di Pisa A cura di Katia Orlandi Il territorio della Provincia di Pisa si caratterizza

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Allegato A. Regione Marche Giunta Regionale DGR n. 1144 del 5/10/2004. Obiettivo 3 FSE 2000-2006

Allegato A. Regione Marche Giunta Regionale DGR n. 1144 del 5/10/2004. Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Allegato A Regione Marche Giunta Regionale DGR n. 1144 del 5/10/2004 Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Decima integrazione alle linee guida per la gestione del POR 1 Intervento sperimentale: voucher per attività

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili SETTORE e Area di Intervento: Assistenza - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli