REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE"

Transcript

1 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 1 ALO NIDO - REQUITI FUNZIONALI AS-NI.AU Il personale con funzione educativa è in numero adeguato al numero dei bambini iscritti, in attuazione alle direttive regionali. AS-NI.AU La numerosità complessiva degli operatori in organico è calcolata sulla capacità ricettiva della struttura o sul numero degli iscritti nell anno di frequenza. AS-NI.AU Il personale con funzione educativa è in possesso del titolo di studio richiesto dalla normativa. AS-NI.AU Il personale con funzioni ausiliarie (pulizie, preparazione pasti etc) è in possesso del titolo di studio richiesto dalla normativa. AS-NI.AU L Ente Gestore garantisce la funzione di coordinamento pedagogico all'interno dell'asilo Nido. 2 ALO NIDO - REQUITI STRUTTURALI Pagina 1 di 7

2 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 2 ALO NIDO - REQUITI STRUTTURALI AS-NI.AU La struttura (all interno e all esterno) è priva di barriere architettoniche, secondo quanto previsto dalla L. 13/89, dal D.M. 236/89 e dal D.P.R. 503/96, senza altresì creare differenziazioni negli utenti. AS-NI.AU L'Ente Gestore produce adeguata documentazione attestante la rispondenza a quanto previsto dall allegato A del DPR n 246 del 21/4/93. La Regione Veneto indica le normative cui deve attenersi questa tipologia di servizio. AS-NI.AU La struttura è collocata in una situazione urbanistica adeguata e compatibile con le esigenze dei bambini e delle famiglie, secondo la norma L.R. 27/93. AS-NI.AU Gli spazi interni dedicati ai bambini sono adeguati all'età e alle caratteristiche dei bambini. AS-NI.AU La superficie utile esclusivamente dedicata ai bambini, è superiore a mq 8 per bambino (escludendo quindi gli ambienti dedicati ai servizi generali e la cucina). AS-NI.AU Sono presenti adeguati ambienti per lattanti Pagina 2 di 7

3 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 2 ALO NIDO - REQUITI STRUTTURALI AS-NI.AU Sono presenti adeguati ambienti per divezzi AS-NI.AU Sono presenti adeguati ambienti per semi-divezzi AS-NI.AU Gli spazi del Servizio sono organizzati in modo funzionale all'utenza ospitata e alle attività svolte. AS-NI.AU Sono presenti accorgimenti architettonici e di arredamento atti a prevenire ed evitare situazioni di pericolo per i bambini. AS-NI.AU E' presente uno spazio all aperto AS-NI.AU Lo spazio all'aperto è chiaramente delimitato Pagina 3 di 7

4 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 2 ALO NIDO - REQUITI STRUTTURALI AS-NI.AU E' presente uno spazio dedicato a parcheggio 3 ALO NIDO - REQUITI TECLOGICI AS-NI.AU Lo spazio all'aperto è attrezzato per i giochi dei bambini AS-NI.AU E' garantita nel Servizio la presenza di attrezzature e materiali ludico/didattici adeguati all'età e alle caratteristiche dei bambini. 4 ALO NIDO - REQUITI ORGANIZZATIVI AS-NI.AU E' adottato un registro dei presenti nella struttura. AS-NI.AU La struttura adempie a tutte le richieste del D.lgs. 626/94 e successive modifiche e integrazioni, nonché alle disposizioni di prevenzione incendi. Pagina 4 di 7

5 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 4 ALO NIDO - REQUITI ORGANIZZATIVI AS-NI.AU La struttura provvede alla certificazione HACCP per il controllo dell igiene alimentare. AS-NI.AU Il Responsabile del Coordinamento ha definito il Progetto Educativo del Servizio. AS-NI.AU Il Progetto Educativo di Servizio è documentato AS-NI.AU E' adottato un registro dei presenti nella struttura. AS-NI.AC L'Ente Gestore definisce gli obiettivi del Servizio, generali e specifici AS-NI.AC L'Ente Gestore ha definito i criteri per la programmazione del Servizio Pagina 5 di 7

6 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 4 ALO NIDO - REQUITI ORGANIZZATIVI AS-NI.AC L'Ente Gestore garantisce, per quanto possibile, il coinvolgimento degli operatori sulle questioni strategiche del Servizio AS-NI.AC E' definito un Progetto educativo per ogni sezione in modo coerente con le finalità generali educative del ServIzio AS-NI.AC Il Progetto educativo di sezione prevede la personalizzazione dell intervento sulle caratteristiche dei bambini AS-NI.AC Il Progetto educativo di sezione è documentato AS-NI.AC E' garantita una continuità di rapporto con la scuola d'infanzia AS-NI.AC La famiglia è coinvolta nell attività dell'asilo Nido Pagina 6 di 7

7 Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO ALO NIDO 4 ALO NIDO - REQUITI ORGANIZZATIVI AS-NI.AC L'Ente Gestore garantisce la sanificazione degli ambienti interni ed esterni durante i periodi di assenza prolungata Pagina 7 di 7

REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE

REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO CENTRO DIUR PER PERSONE CON DISABILITÀ 1 CENTRO DIUR PER PERSONE CON DISABILITÀ -REQUITI FUNZIONALI CD-DIS.AU.1.1.1.1 Il Servizio

Dettagli

COMUNITA' RESIDENZIALE PER DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA' SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO

COMUNITA' RESIDENZIALE PER DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA' SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO COMUNITA' REDENZIALE PER DISABILI IN TUAZIONE DI GRAVITA' 1 COMUNITA' REDENZIALE PER DISABILI IN TUAZIONE DI GRAVITA' -REQUITI

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE

REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO 1 -REQUITI FUNZIONALI RSA-DIS.AU.1.1.1.1 Il Servizio garantisce un adeguato rapporto numerico tra personale e utenti. RSA-DIS.AU.1.1.1.2

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE

REQUISITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO 1 -REQUITI FUNZIONALI RSA-ANZ.AU.1.1.1 Il Servizio garantisce un adeguato rapporto numerico tra personale e utenti. RSA-ANZ.AU.1.1.2

Dettagli

-1 unità ogni 6 bambini, di età inferiore ai 12 mesi; -1 unità ogni 8 bambini, di età superiore ai 12 mesi;

-1 unità ogni 6 bambini, di età inferiore ai 12 mesi; -1 unità ogni 8 bambini, di età superiore ai 12 mesi; Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO 1 -REQUITI FUNZIONALI CE-INF.AU.1.1 La pianta organica del personale con funzione educativa assicura un adeguato rapporto numerico

Dettagli

CENTRO DI SERVIZI PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO

CENTRO DI SERVIZI PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO CENTRO DI SERVIZI PER PERSONE ANZIANE N AUTOSUFFICIENTI 1 CENTRO DI SERVIZI PER PERSONA ANZIANE N AUTOSUFFICIENTI -REQUITI FUNZIONALI

Dettagli

RSA PER PERSONE CON DISABILITÀ SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO

RSA PER PERSONE CON DISABILITÀ SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO 1 -REQUITI FUNZIONALI RSA-DIS.AU.1.1.1 Il Servizio garantisce un adeguato rapporto numerico tra personale e utenti. RSA-DIS.AU.1.1.2

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER PERSONE CON DISABILITÀ SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO

COMUNITA ALLOGGIO PER PERSONE CON DISABILITÀ SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO 1 -REQUITI FUNZIONALI CA-DIS.AU.1.1 Il Servizio garantisce un adeguato rapporto numerico tra personale e utenti. CA-DIS.AU.1.2

Dettagli

COMUNITA' FAMILIARE SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO 1 COMUNITA' FAMILIARE -REQUISITI FUNZIOANLI

COMUNITA' FAMILIARE SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO 1 COMUNITA' FAMILIARE -REQUISITI FUNZIOANLI Lista di verifica REQUITI SPECIFICI PER L'AUTORIZZAZIONE e L'ACCREDITAMENTO 1 -REQUITI FUNZIOANLI C-F.AU.1.1 Il Servizio garantisce la presenza effettiva e permanente di una famiglia o di almeno due figure

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine. Standard relativi ai

ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine. Standard relativi ai giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine Standard relativi ai requisiti di autorizzazione all esercizio e accreditamento

Dettagli

4. PROCEDURE PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - art. 14, c. 3)

4. PROCEDURE PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - art. 14, c. 3) 4. PROCEDURE PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - art. 14, c. 3) 4.1 Autorizzazione per nido d infanzia, micro nido, sezioni primavera, servizi integrativi Tutti i servizi educativi gestiti

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

Requisiti di accreditamento Ambito territoriale di Tirano Unità D offerta Sociale Per Disabili Centri Socio Educativi

Requisiti di accreditamento Ambito territoriale di Tirano Unità D offerta Sociale Per Disabili Centri Socio Educativi Requisiti di accreditamento Ambito territoriale di Tirano Unità D offerta Sociale Per Disabili Centri Socio Educativi (come previsto dalla D.G.R. 16 febbraio 2005, n 20943) 1 SERVIZI SOCIALI PER PERSONE

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

nato/a a Provincia il residente a Provincia via/piazza n. C.A.P. Iscrizione C.C.I.A.A. di al n. del registro con sede legale a Provincia

nato/a a Provincia il residente a Provincia via/piazza n. C.A.P. Iscrizione C.C.I.A.A. di al n. del registro con sede legale a Provincia Al Comune di Afragola OGGETTO: Autorizzazione al funzionamento sezione primavera Il/la sottoscritto/a nato/a a Provincia il residente a Provincia via/piazza n. C.A.P. Codice Fiscale in qualità di titolare

Dettagli

Servizi all'infanzia: nidi dell'infanzia

Servizi all'infanzia: nidi dell'infanzia Servizi all'infanzia: nidi dell'infanzia Il nido d'infanzia e' un servizio educativo e sociale, aperto a tutti i bambini in eta' compresa tra i tre mesi e i tre anni, che concorre con le famiglie alla

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445) 1 Il/la sottoscritto/a nato/a il a _ residente a in via n in qualità di, con riferimento allo svolgimento del servizio di denominato con sede in via nº, quanto segue: A) che gli SPAZI interni ed esterni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

C I T T À D I S A R Z A N A

C I T T À D I S A R Z A N A 1 AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO E DEI SERVIZI INTEGRATIVI (L. R. n 64 del 5.12.1994 Deliberazione G. R. n 2624 del 11.7.1997, n 1291 del 30.10.2001) ASILI NIDO Gli asili nido devono

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art.47 DPR 28 dicembre 2000 n.445) 1 Il/la sottoscritto/a nato/a il a _ residente a in via n in qualità di, DICHIARA, con riferimento allo svolgimento del servizio di denominato con sede in via nº, quanto segue: A) che gli SPAZI interni

Dettagli

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito CENTRO STUDI ALSPES RICERCA SOCIALE VALUTAZIONE E SVILUPPO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Via Tagliamento, 2 20097 San Donato Milanese (MI) tel. 02.52.79.190 www.alspes.it Indicatori e Standard di qualità per

Dettagli

Regione Marche, Regolamento Regionale 22 dicembre 2004, n. 13. Art. 1. Oggetto. Titolo I. Requisiti per l'autorizzazione

Regione Marche, Regolamento Regionale 22 dicembre 2004, n. 13. Art. 1. Oggetto. Titolo I. Requisiti per l'autorizzazione Regione Marche, Regolamento Regionale 22 dicembre 2004, n. 13 Requisiti e modalità per l'autorizzazione e l'accreditamento dei servizi per l'infanzia, per l'adolescenza e per il sostegno alle funzioni

Dettagli

DIMENSIONE ORGANIZZATIVA DI PROCESSO = TOTALE PUNTI 27 Punteggio minimo =15. Professionalità Punti 16

DIMENSIONE ORGANIZZATIVA DI PROCESSO = TOTALE PUNTI 27 Punteggio minimo =15. Professionalità Punti 16 SCHEDA TECNICA REQUITI PER L ACCREDITAMENTO MICRONIDI COLLOCATI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BRESCIA La presenza/assenza dei requisiti, resa con autodichiarazione, verrà accertata in sede di verifica da

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 3 di TAURIANOVA. - Ufficio di Piano - Piazza Libertà 89029 Taurianova (RC) Tel. 0966/618025 Fax 0966/618056

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 3 di TAURIANOVA. - Ufficio di Piano - Piazza Libertà 89029 Taurianova (RC) Tel. 0966/618025 Fax 0966/618056 ALL. A) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO PER SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Al Distretto Socio-Sanitario n. 3 di Taurianova C/o Comune di Il/La sottoscritto/a, nato/a il, residente a,

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona COMUNE DI PERUGIA Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA E AL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA - Approvato

Dettagli

Regione Veneto. Deliberazione 16 gennaio 2007, n. 84

Regione Veneto. Deliberazione 16 gennaio 2007, n. 84 Regione Veneto. Deliberazione 16 gennaio 2007, n. 84 L.R. 16 agosto 2002, n. 22 Autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie, socio sanitarie e sociali Approvazione dei requisiti e degli standard,

Dettagli

SCHEDA OFFERTA TECNICA

SCHEDA OFFERTA TECNICA SCHEDA OFFERTA TECNICA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI PONTE DI PIAVE PER ANNI CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL'ASILO NIDO DEL COMUNE DI PONTE DI PIAVE PER ANNI

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU49 05/12/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 25 novembre 2013, n. 20-6732 Servizio per la prima infanzia denominato micro-nido - Aggiornamento standard minimi strutturali e organizzativi

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 19.06.2008 INDICE Art. 1 - Finalità generali

Dettagli

QUESTIONI GENERALI Riscrittura integrale Nuova definizione della classificazione servizi nomenclatore interregionale Struttura didascalica

QUESTIONI GENERALI Riscrittura integrale Nuova definizione della classificazione servizi nomenclatore interregionale Struttura didascalica QUESTIONI GENERALI 1) Riscrittura integrale del regolamento; 2) Nuova definizione della classificazione delle tipologie dei servizi educativi per la prima infanzia, sulla base del nomenclatore interregionale.

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI ORGANIZZATIVI TRASAMB.XX.1.0 Attività di Trasporto con Ambulanza (con esclusione dell attività di soccorso e assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CENTRI DI VACANZA PER MINORI DI CUI ALL ARTICOLO 7, COMMA 2 DELLA LEGGE REGIONALE 3 LUGLIO 2000, N. 13 CAPO I

REGOLAMENTO DEI CENTRI DI VACANZA PER MINORI DI CUI ALL ARTICOLO 7, COMMA 2 DELLA LEGGE REGIONALE 3 LUGLIO 2000, N. 13 CAPO I REGOLAMENTO DEI CENTRI DI VACANZA PER MINORI DI CUI ALL ARTICOLO 7, COMMA 2 DELLA LEGGE REGIONALE 3 LUGLIO 2000, N. 13 CAPO I NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento, emanato

Dettagli

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4 1. NIDO D INFANZIA 1 1.1. L attività 1 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1 1.3. Il personale 4 1.4. Autorizzazione al funzionamento ed accreditamento 5 2. SERVIZI INTEGRATIVI 6

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

Il sottoscritto. Residente a..via/p.zza cap. Diretto gestore, P.IVA/C.F recapito telefonico inidirizzo e-mail...

Il sottoscritto. Residente a..via/p.zza cap. Diretto gestore, P.IVA/C.F recapito telefonico inidirizzo e-mail... All Ufficio Unico Territoriale Di Monza e Brianza c/o Servizi ed Interventi Sociali del Comune di Desio Piazza Giovanni Paolo II 20033 D e s i o p.c. All ASL MI3 Dipartimento PAC - Servizio Vigilanza Viale

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE STUDIO DI FIOTERAPIA 0 STUDIO DI FIOTERAPIA - REQUITI GENERALI STUFIS.AU.0.1 Il titolare dello studio esplicita l'organigramma

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING

Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING ART. 1 - Definizione. 1. Il centro di custodia oraria (C.C.O.), denominato comunemente Baby Parking, è un servizio socio-educativo-ricreativo che accoglie

Dettagli

DISCIPLINARE DI SERVIZIO

DISCIPLINARE DI SERVIZIO ALLEGATO B DISCIPLINARE DI SERVIZIO PER L ACCREDITAMENTO DELL UNITA DI OFFERTA SOCIALE SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PER LE PERSONE DISABILI (S.F.A) Oggetto Oggetto del presente documento è la descrizione

Dettagli

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO IL/LA SOTTOSCRITTO/A nato/a a prov. di il titolare/legale rappresentante della Società/Ente/Azienda ai sensi dell art. 5 c. 3 lett. e) del D.P.G.P. 27 novembre

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) di Residenza Sanitaria Assistita (R.S.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) di Residenza Sanitaria Assistita (R.S.A.) Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di REALMONTE (AG) P.E.C. comunedirealmonte.ag.suap@pec.it e per suo tramite All'Ass. Reg.le della Salute PALERMO All'Azienda Sanitaria Provinciale

Dettagli

1. NORME COMUNI PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - artt. 12, c. 4; 14)

1. NORME COMUNI PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - artt. 12, c. 4; 14) 1. NORME COMUNI PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - artt. 12, c. 4; 14) Per quanto riguarda i requisiti strutturali ed organizzativi stabiliti di seguito, si ricorda che i servizi educativi

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori Allegato D Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 30 luglio 2013, n. 41/R (Regolamento di attuazione dell articolo 4 bis della legge regionale 26 luglio 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 PUNTO NASCITA/BLOCCO PARTO - REQUITI STRUTTURALI BPAR01.AU.1.1 L'AREA NEONATALE, oltre agli spazi specifici già individuati

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA C PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Tel. 079/679974 079/679949-9985 Fax 079/679949 I V I T A S T E M P L I BANDO DI SELEZIONE MAMMA ACCOGLINTE

Dettagli

AMA ha inaugurato il proprio asilo nido aziendale

AMA ha inaugurato il proprio asilo nido aziendale ASILONIDOAZIENDALE PERCHÉ L'ASILONIDO AZIENDALE LA SEDE AMA RITORNA AD ESSERE SCUOLA AMA ha inaugurato il proprio asilo nido aziendale che ospita un totale di 60 bambini di età compresa fra tre mesi e

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI MODULO TECNICO PROFESSIONALE ORE: 60 COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI AREA PROFESSIONALE: PRODUZIONE PASTI Modulo formativo/u.f. 1: ORIENTAMENTO 2 ore 1. Esplorare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del.

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA L anno..il giorno..del mese di.. fra 1) la Dott.ssa Bruna Cimatti, nata a Medicina

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità in struttura sanitaria privata esistente e dedicata a:

Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità in struttura sanitaria privata esistente e dedicata a: Alla ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Medico Sc Igiene e Sanità Pubblica SS U.O. Territoriale n... Via Comunicazione di inizio attività redatta ai sensi della L.R. 8/2007 per cambio di titolarità

Dettagli

ELENCO REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO DELLE UNITA D OFFERTA SOCIALI INDIVIDUATE DALLA GIUNTA REGIONALE

ELENCO REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO DELLE UNITA D OFFERTA SOCIALI INDIVIDUATE DALLA GIUNTA REGIONALE ELENCO REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO DELLE UNITA D OFFERTA SOCIALI INDIVIDUATE DALLA GIUNTA REGIONALE Con la D.G.R 13 giugno 2008, n 7437: Determinazione in ordine

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI Art.1 - Oggetto e finalità Gli Alloggi protetti offrono ai giovani accolti un sostegno educativo individuale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

Il sottoscritto residente a in via n. Tel. n. in nome e per conto dell associazione, ente, cooperativa

Il sottoscritto residente a in via n. Tel. n. in nome e per conto dell associazione, ente, cooperativa Richiesta accreditamento Al Sig. Sindaco del Comune di Cesena Scadenza termini per la presentazione della domanda: 10 aprile 2015 OGGETTO: Richiesta di accreditamento per l organizzazione di attività estive

Dettagli

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO Seminari regionali per gestori di piscine 2007 Garda 13/04, Jesolo 03/05, Caorle 10/05, Chioggia 22/06 t.d.p. Agnese Dalla Riva Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Dettagli

Sommario C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

Sommario C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI REPUBBLICA ITALIANA Anno XXXV - N. 59 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b - Legge n. 662/1996 - Filiale di Varese BOLLETTINO UFFICIALE ` MILANO - LUNEDI, 7 MARZO 2005

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

QUESTIONI GENERALI. 1) Riscrittura integrale del regolamento;

QUESTIONI GENERALI. 1) Riscrittura integrale del regolamento; QUESTIONI GENERALI 1) Riscrittura integrale del regolamento; 2) Nuova definizione della classificazione delle tipologie dei servizi educativi per la prima infanzia, sulla base del nomenclatore interregionale.

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA . BOLLO COMUNE DI ROFRANO Settore Urbanistica RISERVATO ALL UFFICIO ARCHIVIAZIONE DEL PROCEDIMENTO RISERVATO AL PROTOCOLLO PRATICA EDILIZIA N DEL / / RISERVATO ALL UFFICIO ACCETTAZIONE VERIFICA ELABORATI

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

Regolamento zonale per l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento dei servizi educativi per la prima infanzia del Mugello

Regolamento zonale per l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento dei servizi educativi per la prima infanzia del Mugello Regolamento zonale per l autorizzazione al funzionamento e l accreditamento dei servizi educativi per la prima infanzia del Mugello SOMMARIO Art. 1 Oggetto Art. 2 Definizioni Art. 3 Ambito di applicazione

Dettagli

OPERATORE AMMINISTRATIVO SEGRETARIALE - INFORMATICA GESTIONALE

OPERATORE AMMINISTRATIVO SEGRETARIALE - INFORMATICA GESTIONALE OPERATORE AMMINISTRATIVO SEGRETARIALE - INFORMATICA GESTIONALE Il corso approfondisce lo studio dell informatica di base e di quella dedicata alla gestione aziendale e, insieme allo studio dell economia

Dettagli

Avviso Pubblico per l accreditamento ai fini del convenzionamento di Nidi privati autorizzati all apertura ed al funzionamento nel Comune di Formia.

Avviso Pubblico per l accreditamento ai fini del convenzionamento di Nidi privati autorizzati all apertura ed al funzionamento nel Comune di Formia. Avviso Pubblico per l accreditamento ai fini del convenzionamento di Nidi privati autorizzati all apertura ed al funzionamento nel Comune di Formia. Art. 1 Obiettivi È intenzione del Comune di Formia procedere

Dettagli

Standard minimi strutturali ed organizzativi del micro nido.

Standard minimi strutturali ed organizzativi del micro nido. ALLEGATO A Standard minimi strutturali ed organizzativi del micro nido. 1.Definizione Il micro-nido e un servizio, pubblico o privato, rivolto alla prima infanzia, a carattere socio-educativo e formativo

Dettagli

SCHEDA DI ORIENTRAMENTO PER LA RICOGNIZIONE AUTOVALUTATIVA NELLE SCUOLE MATERNE PARITARIE FISM

SCHEDA DI ORIENTRAMENTO PER LA RICOGNIZIONE AUTOVALUTATIVA NELLE SCUOLE MATERNE PARITARIE FISM ALLEGATO 7: scheda di ricognizione autovalutativa SCHEDA DI ORIENTRAMENTO PER LA RICOGNIZIONE AUTOVALUTATIVA NELLE SCUOLE MATERNE PARITARIE FISM DATI IDENTIFICATIVI DELLA SCUOLA MATERNA LOCALITA DENOMINAZIONE

Dettagli

CENTRO DIURNO A VALENZA SOCIORIABILITATIVA PER PERSONE CON DISABILITA IN SITUAZIONE DI GRAVITA

CENTRO DIURNO A VALENZA SOCIORIABILITATIVA PER PERSONE CON DISABILITA IN SITUAZIONE DI GRAVITA È una struttura territoriale di tutela sociosanitario a carattere diurno rivolto a persone con disabilità grave, in età post-scolare o adulta/anziana che possono presentare anche disturbi psicoorganici

Dettagli

SERATA INFORMATIVA IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA: IL CERTIFICATO DI AGIBILITA

SERATA INFORMATIVA IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA: IL CERTIFICATO DI AGIBILITA COMUNE DI PERGINE VALSUGANA DIREZIONE SERVIZI AI CITTADINI E ALLE IMPRESE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA SERATA INFORMATIVA IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA: IL CERTIFICATO DI AGIBILITA GEOM.FRATTON EMANUELA

Dettagli

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 12 del 16.9.2008 Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia 1. REQUISITI GENERALI DELLE STRUTTURE E DEI

Dettagli

IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO

IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO L approccio del Laboratorio Chimico nella ristorazione scolastica Paolo Vittone Il Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Il Laboratorio Chimico

Dettagli

CENTRO DIURNO A VALENZA SOCIORIABILITATIVA PER PERSONE CON DISABILITA IN SITUAZIONE DI GRAVITA

CENTRO DIURNO A VALENZA SOCIORIABILITATIVA PER PERSONE CON DISABILITA IN SITUAZIONE DI GRAVITA È una struttura territoriale di tutela sociosanitario a carattere diurno rivolta a persone con disabilità grave, in età postscolare o adulta/anziana che possono presentare anche disturbi psico-organici

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott.,.. in qualità di dirigente del Settore Gestione del

REPUBBLICA ITALIANA. Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott.,.. in qualità di dirigente del Settore Gestione del Allegato alla D.G. n. 144 del 19/11/2010 REP. REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI UNA FATTORIA DIDATTICA Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott., Notaio iscritto sono comparsi..

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI

MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI ORE: 60 MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: RISTORAZIONE- PUBBLICI SERVIZI PRODUZIONE E VENDITA ALIMENTI AREA PROFESSIONALE: DISTRIBUZIONE PASTI Modulo formativo/u.f. 1: ORIENTAMENTO 1. Esplorare il

Dettagli

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Responsabili degli Uffici di Piano Per tramite delle ASL Ai responsabili degli Uffici Autorizzazione al

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese Settore Sviluppo Economia Locale

Comune di San Giuliano Milanese Settore Sviluppo Economia Locale Comune di San Giuliano Milanese Settore Sviluppo Economia Locale REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DELLE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 12 del 09.03.2009.

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI STRUTTURALI OSPVET.AU.1.0 I locali e gli spazi sono correlati alla tipologia delle prestazioni erogate OSPVET.AU.1.1

Dettagli

COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 20/2002 art. 3, c. 2, lett. a)

COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 20/2002 art. 3, c. 2, lett. a) ALLEGATO A COMUNITA FAMILIARE PER MINORI (LR 2/22 art. 3, c. 2, lett. a) codice paragrafo M - A Definizione La Comunità Familiare per minori è una struttura educativa residenziale che si caratterizza per

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI ALLEGATO A VILLAGGI TURISTICI 1.00 DENSITA RICETTIVA 1.01 5 mq. per persona () 1.02 0 mq. per persona () 1.0 25 mq. per persona (2) 2 2.00 SISTEMAZIONE

Dettagli

Legge Regionale 9 settembre 1991, n. 47 Norme sull'eliminazione delle barriere architettoniche.

Legge Regionale 9 settembre 1991, n. 47 Norme sull'eliminazione delle barriere architettoniche. Legge Regionale 9 settembre 1991, n. 47 Norme sull'eliminazione delle barriere architettoniche. La Regione Toscana con la modifica alla L.R. n. 47/91 permette di superare le disomogeneità territoriali

Dettagli

I Servizi per l infanzia in Emilia-Romagna. Bologna, 10 settembre 2014

I Servizi per l infanzia in Emilia-Romagna. Bologna, 10 settembre 2014 I Servizi per l infanzia in Emilia-Romagna Bologna, 10 settembre 2014 Valore ed importanza dei servizi educativi In Emilia-Romagna il sistema educativo è stato: elemento di evoluzione sociale; motore di

Dettagli

L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres.

L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres. L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres. Regolamento recante requisiti e modalità per il riconoscimento della qualifica di fattoria

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

REGISTRO MANUTENZIONE DEI MEZZI DA LAVORO

REGISTRO MANUTENZIONE DEI MEZZI DA LAVORO Pag. 1 / 12 Riferimento normativo Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i. titolo III del articolo 71. L obbligo della manutenzione è per tutte le attrezzature di lavoro, nessuna esclusa. Per particolari attrezzature,

Dettagli

CORSI OBBLIGATORI. Anno Scolastico 2009/2010. Per ulteriori informazioni contattare : F.I.S.M. VICENZA. Federazione Italiana Scuole Materne

CORSI OBBLIGATORI. Anno Scolastico 2009/2010. Per ulteriori informazioni contattare : F.I.S.M. VICENZA. Federazione Italiana Scuole Materne F.I.S.M. VICENZA Federazione Italiana Scuole Materne Viale Verona, 108-36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax. 0444/291.448 e-mail: segreteria@fismvicenza.it Per ulteriori informazioni contattare : F.I.S.M.

Dettagli