L A S V O L T A. La campagna «lean on me» funziona Lancio riuscito e molte iniziative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L A S V O L T A. La campagna «lean on me» funziona Lancio riuscito e molte iniziative"

Transcript

1 L A S V O L T A Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia I Edizione 11 PAGINA 3 I DEPRESSIONE PAGINA 5 I «LEAN ON ME» PAGINA 9 I DEPRESSIONE & DIABETE Qual è la strada per destigmatizzare la depressione? Un colloquio con il Dr. Hans Kurt La campagna «lean on me» funziona Lancio riuscito e molte iniziative Spezzare il circolo vizioso Intervista a Gülter Locher e al Dr. Lukas Villiger Lundbeck (Schweiz) AG Dokument letztmals geprüft:

2 EDITORIALE INDICE EDITORIALE 2 DEPRESSIONE 3 «Dobbiamo trattare i malati psichici allo stesso modo dei malati fisici» 3 Un colloquio con il Dr. Hans Kurt, specialista in psichiatria e psicoterapia ed ex presidente della SSPP «LEAN ON ME» 5 Ogni giro conta Correre per l anima 5 Il successo della seconda edizione della Corsa per la salute psichica «lean on me»: Insieme siamo forti 7 Una campagna con tanti amici DEPRESSIONE & DIABETE 9 «Il dolore dell anima è peggiore del dolore del corpo» 9 Intervista al Dr. Lukas Villiger, diabetologo, e a Gülter Locher, paziente La Sua opinione ci interessa 11 Partecipi e vinca! IN BREVE 12 Centri di riferimento e link 12 Colophon 12 Gentili lettrici, cari lettori, émolto più difficile trovare aiuto e sostegno per una depressione che per una gamba rotta, ha osservato una spettatrice della seconda Corsa per la salute psichica a Interlaken, di cui diamo un resoconto alle pagine 5 e 6. Parla per esperienza personale: la depressione di suo figlio è stata diagnosticata con estremo ritardo, anche perché non ha saputo a chi rivolgersi. Questa donna matura deplora che in questo modo si impedisca a chi è colpito da depressione fra cui suo figlio di condurre una vita normale. Ma anche il mondo del lavoro, per chi soffre di malattie psichiche, sta diventando sempre più stressante ed esigente. Sembrerebbe che oggi il lavoratore ideale debba essere flessibile, prestazionale, altamente motivato e per di più anche socialmente competente. Ma come si fa ad essere prestazionali e motivati quando si soffre di depressione e già il disbrigo dei compiti quotidiani come pulire, fare la spesa e cucinare è una fatica insormontabile? Così sussiste il pericolo che i portatori di handicap psichico rappresentino agli occhi della società una fonte di rischio o di disturbo. Questa evoluzione preoccupa il Dr. Hans Kurt, specialista in psichiatria e psicoterapia e presidente della Società svizzera di psichiatria e psicoterapia fino alla fine del 2011, che nell intervista a pagina 3 illustra qual è il posto di lavoro ideale e come i malati possono imparare a lottare contro il senso di colpa e la vergogna che li assale per il fatto di soffrire di depressione. Questa malattia infatti è ancora stigmatizzata. Talvolta però la depressione si cela anche dietro un altra malattia, sfuggendo così alla diagnosi. Per Gülter Locher è stato molto difficile accettare di avere il diabete. Solo a causa delle difficoltà incontrate a controllare la glicemia il suo medico curante, il Dr. Lukas Villiger, si è accorto che la sua paziente aveva sviluppato anche una depressione. Le complicazioni causate dalle due malattie possono essere terribili. Purtroppo nella pratica clinica si trascura troppo spesso il fatto che diabete e depressione possono insorgere in concomitanza. Nel colloquio alle pagine 9 11 medico e paziente raccontano come hanno trovato insieme il miglior percorso terapeutico. Per incoraggiare la comprensione e la conoscenza circa questa malattia abbiamo perciò dato vita all inizio dell anno alla campagna «lean on me», con l intento di promuovere la comprensione nei riguardi di chi soffre di depressione e contribuire al superamento della stigmatizzazione cui sono soggetti. La grande risonanza di «lean on me» ci conferma che siamo sulla strada giusta. Numerose iniziative, descritte alle pagine 7 e 8, hanno incontrato gran favore. Vi auguro una lettura stimolante. PD Dr. Rico Nil Medical Director Lundbeck (Svizzera) SA 2

3 DEPRESSIONE «Dobbiamo trattare imalati psichici allo stesso modo dei malati fisici» CHI È COLPITO DA UNA MALATTIA PSICHICA SOFFRE DI UN IMMAGINE NEGATIVA AGLI OCCHI DEGLI ALTRI. LA «CORSA PER LA SALUTE PSICHICA» VUOLE LANCIARE UN SEGNALE E VENIRE IN AIUTO DI CHI SOFFRE DI MALATTIE PSICHICHE E DEI LORO FAMILIARI. AL DR. HANS KURT, SPECIALISTA IN PSICHIATRIA E PSICOTERAPIA, E PATRONO DELLA CORSA IN QUALITÀ DI EX PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ SVIZZERA DI PSICHIATRIA E PSICOTERAPIA, LA DESTIGMATIZZAZIONE DELLE MALATTIE PSICHICHE STA MOLTO A CUORE. Perché è più facile accettare un appendicite piuttosto che una depressione? Quasi tutti hanno un idea di che cosa significhi un intervento di appendicite. Insorgono dei dolori, forse anche febbre. Questi sintomi invece sono del tutto assenti nelle patologie psichiche. Ecco perché le malattie psichiche come la depressione non vengono prese altrettanto sul serio. Queste malattie sono stigmatizzate: sono cioè associate a caratteristiche e proprietà negative. Lo stigma può anche venire da dentro: i diretti interessati si vergognano della malattia o si sentono colpevoli, pensando di essere inadeguati o responsabili della propria condizione. Oltre alla stigmatizzazione interna ne esiste un altra, proveniente dalla società: ai malati si rimprovera di essere pigri o di non avere forza di volontà, e di non essere perciò veramente malati. Questa stigmatizzazione è peggiorata? Direi invece che sta diminuendo. Oggi si dispone di maggiori conoscenze. È noto, ad esempio, che anche le malattie psichiche possono avere una causa organica. Ma ciò non basta per vincere in modo duraturo la stigmatizzazione. Allora che cosa serve? Ad esempio evitare la suddivisione in malattie psichiche buone e cattive. Un burnout non è oggetto di stigma perché significa che la persona ha lavorato tanto e perciò si è ammalata. La nostra società lo accetta con più facilità. La depressione è meno stigmatizzata perché se ne è già sentito parlare spesso. Ma la schizofrenia o le malattie da dipendenza sono fortemente stigmatizzate. La conseguenza è una suddivisione in pazienti buoni e cattivi, cosa che rafforza ancora lo stigma ed ha conseguenze negative per il trattamento e la gestione delle malattie psichiche. Qual è la Sua esperienza pratica: come vivono i pazienti la loro malattia? Il nostro studio comprende medici di base e psichiatri, perciò in sala d aspetto non si può sapere da chi va un determinato paziente. Per molti ciò è un vero sollievo. Lo stesso principio dovrebbe valere per l ospedale: nel migliore dei «Non sono solo i malati psichici a doversi adattare all impiego, ma anche i datori di lavoro ai malati» casi tutte le malattie dovrebbero essere trattate nello stesso ospedale, quelle psichiche accanto a quelle organiche. Grossi problemi presenta anche la revisione dell assicurazione di invalidità. La reintegrazione dei pazienti con una malattia psichica dovrebbe essere poten- 3

4 DEPRESSIONE ziata, cosa che trovo molto positiva, ma a questo scopo è necessario che siano disponibili offerte di impiego adeguate. Non sono solo i malati psichici a doversi adattare all impiego, ma anche i datori di lavoro ai malati. L immagine predominante nel pubblico è invece quella del paziente che si approfitta dell AI. Dobbiamo accettare il fatto che non tutti possono lavorare, e che chi soffre di una malattia psichica disabilitante non è obbligato a farlo. Con quali approcci si potrebbe perseguire la destigmatizzazione? Nella terapia medici e terapeuti devono tematizzare i sentimenti di vergogna e colpevolezza. Devono incoraggiare il paziente ad accettarsi così com è. Altrimenti si sviluppa un circolo vizioso fatto di vergogna e senso di colpa. Secondo me la forma migliore di destigmatizzazione è l opera informativa da parte dei pazienti stessi, quando parlano apertamente in pubblico ad esempio davanti ad una scolaresca della propria malattia. Gli esperti infatti possono solo trasmettere le necessarie conoscenze ma non che cosa significhi convivere con la malattia. In Germania ad esempio ha luogo ogni anno un congresso di alunni che offre la possibilità di parlare con gli esperti delle cause, del decorso e della terapia delle malattie psichiche e di discutere di argomenti psichiatrici nel loro contesto sociale. Il progetto ha molto successo. Anche in Svizzera abbiamo già tenuto un congresso di alunni e desideriamo portare avanti questo progetto anche in futuro. Sono disponibili nel complesso sufficienti opzioni di terapia per affrontare la stigmatizzazione? Penso che negli agglomerati urbani come Basilea, Berna, Ginevra o Zurigo, l assistenza sia buona, mentre nelle aree rurali spesso non è sufficiente. Sarebbe utile ad esempio se gli insegnanti potessero comunicare i numeri di telefono di centri di riferimento. Infatti sono spesso gli adolescenti ad essere colpiti da schizofrenia o da disturbi della personalità. Solo riuscendo ad iniziare precocemente un trattamento il decorso della malattia «Nella terapia medici e terapeuti devonotematizzare la vergogna e il senso di colpa» è positivo. A ciò si aggiunge la sempre crescente importanza del trattamento ambulatoriale. Le degenze in clinica possono contribuire alla stigmatizzazione e perciò è importante potenziare l assistenza ambulatoriale, che ha però anche un lato negativo: l assunzione da parte dei familiari di una parte dell assistenza. Ci vogliono più offerte esterne, che però prima devono poter essere finanziate. Che problemi hanno conoscenti, colleghi e famiglie nei confronti dei malati di depressione? I familiari spesso non sanno cosa si può o si deve fare. Si sentono impotenti e gettano la spugna oppure si rifugiano nell iperattività. Quando nulla cambia, può insorgere aggressività verso il malato, oppure i familiari si trasformano in infermieri e trascurano le proprie esigenze. Che cosa si dovrebbe migliorare nel trattamento? Nelle malattie psichiche il trattamento deve iniziare con tempestività in modo da mantenere una vita normale. Ma l ignoranza provoca spesso ritardi. Un appendicite irritata duole e allora si va dal medico. Con una depressione i malati pensano di doversi riposare un momento per stare meglio mentre così non è. Quanto sono utili manifestazioni come la «Corsa per la salute psichica» per sensibilizzare sull argomento? È una buona cosa. Nel primo anno hanno corso solo i partecipanti del congresso. Quest anno c erano anche altre persone, ad esempio circa venti socie di un associazione sportiva. Penso che sia un buon segno, perché così il messaggio raggiunge il pubblico. Quanto è importante il moto nelle malattie psichiche? Qualsiasi attività fisica è positiva. La maggioranza dei malati psichici ha un immagine e una percezione del corpo alterate e facendo sport o un attività fisica, sudando o sentendo il cuore battere forte, recupera il senso del proprio corpo. Così si accorgono di essere capaci di fare qualcosa e ciò fa bene. E nel campo delle relazioni pubbliche? Oltre ai diretti interessati che parlano di sé, ci vuole anche una campagna nazionale di destigmatizzazione, che potrebbe essere condotta in collaborazione con l Ufficio federale di sanità pubblica o con la Conferenza svizzera dei direttori della sanità. Dobbiamo finalmente deciderci a trattare i malati psichici allo stesso modo dei malati fisici. 4

5 Ognigiro conta Correre per l anima CON LA SECONDA EDIZIONE DELLA CORSA DI BENEFICENZA PER LA SALUTE PSICHICA DEL 15 SETTEMBRE A INTERLAKEN LUNDBECK, NELL AMBITO DELLA CAMPAGNA «LEAN-ON-ME», SUPPORTA EQUILIBRIUM, UN ASSOCIAZIONE CHE SI IMPEGNA A FAVORE DEI MALATI PSICHICI E DEI LORO FAMILIARI. IN APPENA UN ORA, I PARTECIPANTI HANNO COPERTO UNA DISTANZA COMPLESSIVA QUASI PARI AL TRATTO MADRID-ZURIGO, RACCOGLIENDO COSÌ MOLTE MIGLIAIA DI FRANCHI. La seconda edizione della corsa per la salute psichica è stata una manifestazione dei superlativi. La località: perfetta, con un raggiante cielo azzurro e un grandioso panorama sullo Jungfraujoch. I corridori: incentivati al massimo. Il pubblico: incuriosito e molto interessato. Dopo il successo riscosso lo scorso anno, l iniziativa di beneficenza viene ripetuta ancora una volta per una buona causa. Per ciascun giro di corsa di un chilometro Lundbeck dona cinque franchi ad Equilibrium. Alle di questo soleggiato giovedì pomeriggio, un centinaio di corridori sono sulla linea di partenza. Alle 18 precise il Dr. Hans Kurt, ex presidente della Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) riunitasi per un congresso a Interlaken dal 14 al 16 settembre 2011, e patrono della seconda edizione della Corsa per la salute psichica, dà il segnale di partenza. Il gruppo dei corridori è eterogeneo: i polpacci vanno da muscolosi ad esili, c è chi corre perfino con scarpe da città e pantaloni del completo. Ma ciò che conta è partecipare. «Ogni chilometro corso significa cinque franchi. Lo trovo degno di incoraggiamento», dichiara Gregor Hasler (43), professore straordinario di programmazione ed organizzazione dei servizi sanitari in campo psichiatrico e primario di sociopsichiatria presso i servizi psichiatrici dell Università di Berna, spiegando la ragione che lo ha spinto a partecipare. «I pazienti devono sentirsi autonomi e capaci. Il denaro contribuisce alla realizzazione dei loro progetti. Perciò continuerò a correre fino allo scadere dell ora.» L aspetto sociale è anche lo sprone della ventina di donne dell associazione sportiva femminile (DTV) di Wilderswil: «Nell associazione la vita sociale è importante. Assistere gli altri è parte integrante della convivenza», afferma Margrit Knecht (57 anni), socia del DTV di Wilderswil. «Stiamo tutte bene fisica- Füürwehrrunners Ittingen, Ralf Haldemann (49): «Con il mio contributo posso far muovere qualcosa. La somma raccolta va a favore di chi ne ha bisogno. Ammiro che Lundbeck doni un pezzo da cinque e cerco perciò di far più danno possibile all azienda. Trovo lodevole che un azienda che produce medicamenti sponsorizzi un iniziativa a favore della gente.» 5

6 DTV Wilderswil, Margrit Knecht (57): «Ci fa piacere fare qualcosa a favore dei malati psichici. Nell associazione l aspetto sociale è importante. Assistere gli altri è un elemento importante della convivenza. Noi stiamo tutte bene fisicamente e psichicamente, e vogliamo dare un segnale a favore dei malati psichici.» mente e psichicamente, e vogliamo dare un segnale a favore dei malati psichici.» Quanto sia importante la comunanza emerge anche durante la corsa: le diciotto donne non si scostano di un passo, per godere insieme del piacere di attraversare il centro di Interlaken con questo tempo bellissimo. Anche gli animatori aiutano i corridori a tenere duro: Prof. Gregor Hasler (43), professore straordinario di programmazione ed organizzazione dei servizi sanitari in campo psichiatrico e primario di sociopsichiatria presso i servizi psichiatrici dell Università di Berna. «Ogni chilometro corso significa cinque franchi. Lo trovo degno di incoraggiamento I pazienti devono sentirsi autonomi e capaci. Il denaro contribuisce alla realizzazione dei loro progetti. Perciò continuo a correre fino allo scadere dell ora.» «Ogni giro conta, c est parfait, correte bene», incoraggiano gli altoparlanti. Fra i circa 150 spettatori che seguono con interesse lo spettacolo c è anche Elisabeth Bodenmann di Pfäffikon. «Mio marito ha deciso di partecipare dieci minuti prima che la corsa iniziasse», dice. Dal bordo della strada incita il marito ogni volta che le passa davanti. La coppia in effetti è qui per una settimana di ferie, ma ha partecipato alla corsa di slancio. La loro motivazione: «Nostro figlio ha una grave depressione. Ce ne siamo accorti troppo tardi, non si sapeva dove andare. È più difficile che per una gamba rotta. Ecco perché trovo fantastico l aiuto ad Equilibrium», racconta Elisabeth Bodenmann. Correrebbe volentieri anche lei, ma a causa di dolori al ginocchio «non me la sento di partecipare.» Molti spettatori hanno alle spalle esperienze simili. «Il mio ragazzo ha avuto burnout e depressione», dice Therese Minder di Unterseen. «Da allora sono più disponibile quando si tratta di malattie psichiche.» Ralf Haldemann (49 anni), vigile del fuoco e membro dei Füüerwehrrunner Ittingen, ammette che dopo una mezz ora era in gara solo contro sé stesso, perché correre è proprio faticoso. Ha resistito insieme al collega Jürgen Labinski (56 anni) perché «con il mio contributo posso far muovere qualcosa. La somma raccolta va a favore di chi ne ha bisogno.» Inoltre ammira che Lundbeck doni un pezzo da cinque. «Voglio far più danno possibile all azienda», osserva maliziosamente. L impegno nella corsa si nota anche nei partecipanti. Praticamente nessuno getta la spugna. Tutti i corridori fanno del proprio meglio fino alla fine: e chi non riesce più a correre rallenta e cammina per il resto dei giri. Solo pochi riescono a correre a piè leggero fino alla fine come Christoph Seiler (42 anni). Con ben 19 giri il presidente del comitato organizzativo della maratona dello Jungfrau ha raccolto la maggior parte della somma per Equilib- Dr. ssa Brigitt Steinegger (54) di Winterthur (a destra), nella foto con la Dr. ssa Anouk Gehret, Winterthur «Trovo che Equilibrium faccia un buon lavoro, e perciò desidero supportare questa associazione. E così informo anche i miei pazienti dell esistenza di Equilibrium.» rium. La presidentessa dell associazione, Christine Heim, è raggiante: «Grazie alla corsa di beneficenza possiamo aumentare la nostra visibilità e investire denaro in due progetti», spiega con gioia. Nel complesso, 108 partecipanti hanno raccolto 7315 franchi percorrendo 1463 chilometri in un ora. Un risultato che merita apprezzamento e un grazie di cuore. Intanto lo Jungfraujoch brilla rosso in lontananza. È una sera perfetta in un ambiente perfetto. 6

7 «lean on me»: insieme siamo forti IL NUMERO PRECEDENTE DI «LA SVOLTA» HA PRESENTATO IL LANCIO DI «LEAN ON ME», UNA CAMPAGNA VOLTA A MOSTRARE COME SI PUÒ ESSERE VICINI E DIMOSTRARE AMICIZIA A CHI SOFFRE DI DEPRESSIONE. DA ALLORA CI SONO STATE NUMEROSE MANIFESTAZIONI E CENTINAIA DI PERSONE HANNO PARTECIPATO A VARIE INIZIATIVE. «LEAN ON ME» HA AVUTO UN TALE SUCCESSO CHE LUNDBECK PROSEGUE L INIZIATIVA. Chi soffre di depressione evita di parlare dei propri problemi con amici e familiari, e si sente spesso rinfacciare «non farla tanto lunga». Ma per le persone depresse l appoggio della famiglia, degli amici o anche di professionisti sanitari è di enorme importanza. Nell ultimo numero abbiamo presentato il lancio della campagna «lean on me». Quasi un anno dopo, il progetto si è rivelato un successo: numerose iniziative mettono in luce la difficile situazione di chi soffre di depressione. Ormai «lean on me» ha un successo tale che è stato deciso di proseguirla. Vi presentiamo in breve le singole iniziative. Arte da marciapiede: l abisso giornaliero Che molti depressi si trovino ogni giorno sull orlo dell abisso è quello che illustrano con immediatezza i disegni da marciapiede creati nel quadro della campagna «lean on me». «Essere sull orlo dell abisso» Chi passava il 24 maggio per la Paradeplatz, sul Rennweg e al Bellevue a Zurigo, oppure il 9 giugno nella Place du Bourgde-Four e sul General-Guisan-Quai a Ginevra, si trovava davanti ad una rappresentazione grafica di questo modo di dire. L illusione ottica nasceva da crepe e bordi disegnati sull asfalto con il gesso. Christine Arte da marciapiede sul Rennweg Heim, presidentessa di Equilibrium, ha discusso con i passanti interessati, spiegando che tipo di supporto può servire a chi è depresso e che semplici frasi come «Ti capisco» fanno bene al malato. Infatti spesso anche ai familiari manca una vera comprensione della malattia. L iniziativa dello specchio Specchi speciali collocati in vari club a Zurigo, Berna e Ginevra sembravano proprio specchi normali. Ma l apparenza ingannava: uno speciale foglio brillante faceva sì che all osservatore sembrasse di essere scomparso dalla scena, che invece si rifletteva normalmente nello specchio. Questo equivoco mirava a far capire come i depressi siano spesso ignorati da chi gli sta intorno. 2 a corsa per la salute psichica Lundbeck ha organizzato la seconda edizione della «Corsa per la salute psichica» (pagina 5). In un ora, 108 partecipanti hanno coperto complessivamente

8 L iniziativa dello specchio illusorio chilometri, raccogliendo così 7315 franchi. Questa somma andrà a favore di Equilibrium, un associazione che si impegna per le persone con malattie psichiche e i loro familiari. La corsa si è tenuta il 15 settembre in occasione del congresso annuale della Società svizzera di psichiatria e psicoterapia. mano e giocare. L esposizione ha entusiasmato grandi e piccini. Seguite la campagna «lean on me»: su Twitter, YouTube e Facebook Dall inizio della campagna oltre 500 persone si sono registrate come amici sul «Wall of Friends» e molte hanno condiviso la propria storia personale con altri. Seguite anche voi la campagna su Twitter, YouTube e Facebook: vi ci portano le corrispondenti icone sul sito Ogni clic rende la campagna più visibile. «lean on me» vuole divertire, ma la campagna fa sul serio quando si tratta di aiutare chi soffre. Il Brain Bus in giro Correre per un buon fine Brain Bus Dall aprile 2011 il Brain Bus è in giro per la Svizzera e ha fatto tappa in 40 città. Lundbeck ha supportato l esposizione itinerante che illustra in modo avvincente la funzione cerebrale, apre le porte dell affascinante mondo della neuroscienza ed esamina i disturbi che possono colpire il cervello, come la depressione, l epilessia, le malattie di Alzheimer e Parkinson o la sclerosi multipla. In molte postazioni era possibile capire, toccare con 8

9 «Il dolore dell anima è molto peggiore del dolore del corpo» DEPRESSIONE & DIABETE DIABETE E DEPRESSIONE SI PRESENTANO SPESSO INSIEME. COSÌ È STATO PER GÜLTER LOCHER. MA LA CONCOMITANZA DI QUESTE DUE MALATTIE SFUGGE SPESSO SIA AL MEDICO CHE AL PAZIENTE, SEBBENE LE COMPLICANZE POSSANO ESSERE TERRIBILI. IL DR. LUKAS VILLIGER SEGUE GÜLTER LOCHER DA QUASI DIECI ANNI. NEL COLLOQUIO CI RACCONTANO IN CHE MODO HANNO TROVATO INSIEME IL MIGLIOR PERCORSO TERAPEUTICO. Perché spesso i medici tardano ad accorgersi che al diabete è venuta ad aggiungersi una depressione? Dr. Lukas Villiger: il trattamento del diabete quale patologia di base può essere così impegnativo che è facile lasciarsi sfuggire i sintomi di una depressione. Spesso i medici si accorgono solo con un certo ritardo dell insorgenza di una depressione, aprendo gli occhi solo quando la glicemia rimane mal controllata sebbene il paziente prenda medicamenti antiglicemici efficaci. di essere schiava «Mi sembrava della malattia» Gülter Locher: il mio medico di base ha diagnosticato il diabete circa dieci anni fa. Allora mi mancò praticamente la terra sotto i piedi, ed ho voluto seguire un trattamento presso uno specialista. Così sono approdata al Dr. Villiger. Non riuscivo ad accettare il diabete una malattia cronica a 40 anni! Nella pratica clinica è noto che depressione e diabete possono presentarsi insieme? Dr. Lukas Villiger: nella sig.ra Locher i primi segni della depressione si sono manifestati dopo l inizio della terapia insulinica, quando ha dovuto iniettarsi l insulina. Io mi sono accorto che i valori glicemici rimanevano elevati malgrado una buona educazione diabetica. All inizio ho supposto che si trattasse di insulina inadatta o posologia sbagliata. Alla mia domanda la sig.ra Locher ha ammesso che alle volte non prendeva l insulina. Ho allora pensato che ciò fosse riconducibile ad una depressione reattiva causata dallo stress creato dal diabete. Chi ne soffre perde la motivazione, anche se ciò non è necessariamente visibile dall esterno. La sig.ra Locher ad esempio sembrava sempre di buonumore. Molti pazienti presentano questa facciata e ciò non facilita la diagnosi. Gülter Locher: la depressione mi ha colpito a causa del diabete. Mi è stato così difficile accettare di avere una malattia tipica della vecchiaia mentre io mi sentivo ancora così giovane. Qual è il problema della concomitanza di depressione e diabete? Dr. Lukas Villiger: muovendosi poco a causa della depressione e perciò acquistando peso, e con una predisposizione genetica, si può contrarre il diabete. Viceversa, se il gravoso impegno di doversi iniettare l insulina e badare all alimentazione viene ad aggiungersi allo stress che abbiamo tutti nella vita, ciò può far scattare una depressione. Una malattia va di pari passo con l altra. Gülter Locher: io mi considero una paziente difficile, perché non ho molta 9

10 disciplina. Con il diabete invece bisogna sempre fare attenzione a cosa si mangia. Con il Dr. Villiger ho un buon dialogo, mi ha tranquillizzato e spinto a prendere i medicamenti. Tuttavia ero completamente a terra, mi sembrava di essere schiava della malattia. Era come se non potessi più condurre una vita mia. Cosa potrebbe aiutare i pazienti a vivere meglio con entrambe le malattie? Dr. Lukas Villiger: è raro che parli con i diabetici di ciò che potrebbe succedere. Cerco invece di motivarli parlando della migliore qualità di vita raggiungibile tramite un buon controllo della glicemia. La maggior parte dei pazienti conosce anche troppo bene le possibili complicanze semplifico a breve termine la terapia, prescrivendo ad esempio un insulina che vada iniettata una sola volta al giorno. Poi, quando la depressione migliora, posso modificare di nuovo il trattamento per ottimizzarlo. Gülter Locher: da questo punto di vista io sono forse un po particolare. Mi piace la solitudine, non mi fa sentire isolata. Non ho veramente bisogno degli altri. Ma so che ad altri occorre aiuto esterno. Io preferisco isolarmi e delimitare il mio territorio. Non sopporto che mi si dica cosa devo fare, ho abbastanza specialisti a cui rivolgermi. Ma ognuno deve sopportare da solo la propria malattia. Quando mi sento male non lo do a vedere. Le conseguenze di depressione e diabete sono enormi. Come si può ridurre o addirittura evitare le complicanze? Dr. Lukas Villiger: la complicanza più estrema della depressione è il suicidio. Chi è depresso non esce più, si muove poco, perde i contatti sociali. Si ammala dunque anche fisicamente. Con il diabete lo zucchero si accumula in tutti gli organi più irrorati dal sangue. Possono insorgere insufficienze renali e malattie degli occhi, i grossi vasi sanguigni si restringono con il rischio di infarto cardiaco. I piedi subiscono lesioni nervose e inoltre l irrorazione è carente: così si arriva al piede diabetico. Ma prima si diagnostica la malattia, meno gravi sono le complicanze. la depressione «Per un diabetico è molto più brutale» del diabete, non c è bisogno di costanti ammonizioni. Se si viene ad aggiungere una depressione, la gestione diventa particolarmente difficile. In questo caso 10

11 DEPRESSIONE & DIABETE Gülter Locher: nella psicoterapia imparo come affrontare i problemi in modo differente e nuove strategie per la gestione della malattia. Ciò mi fa bene. Che cosa fa più paura ai pazienti: il diabete o la depressione? Dr. Lukas Villiger: per un diabetico la depressione è molto più brutale. Si trova in una voragine, in un pozzo senza fondo. La glicemia elevata non si avverte, le complicanze insorgono solo dopo alcuni anni. Perciò posso capire come la depres «Presto non sono più riuscita a farcela senza aiuto» sione in fase acuta sia molto peggiore per i pazienti. Grazie alla combinazione di colloqui psicoterapici e medicamenti la sig.ra Locher si è ripresa, anche se ci sono ancora fluttuazioni. Quando la glicemia è ben controllata so che sta bene, mentre mi accorgo che le cose vanno male quando la glicemia è elevata. Gülter Locher: la depressione è molto peggiore. La vita è difficile e ciò fa veramente soffrire. Non si vedono vie d uscita e ci si chiede cosa si deve fare, chi si è, per cosa si vive. E poi improvvisamente ecco una persona che ami e questo affetto ti tiene in vita. Questa persona ti impedisce il suicidio. Cadere in depressione per me è stato come un blackout. Non riuscivo a far niente in casa, non potevo sbrigare alcun compito amministrativo, non riuscivo nemmeno a leggere. Potevo solo starmene lì seduta. Il peggio è stato dover chiudere il mio negozio di libri. Mi ci è voluto molto ad uscire dalla depressione e sto ancora lottando. Ma non provo più quel senso di infelicità o la sensazione di non valere nulla. Di cosa bisogna tener conto nella scelta di un antidepressivo? Dr. Lukas Villiger: quando prescrivo un antidepressivo, ad esempio perché il paziente non desidera seguire un trattamento psichiatrico, nella scelta concorrono molti criteri, ad esempio se il preparato provoca aumento di peso. Se l ampia scelta mi mettesse in difficoltà, chiedo consiglio al nostro centro medico che comprende degli psichiatri. Gülter Locher: io non ho subito gravi effetti collaterali, anzi con il medicamento ho ritrovato la mia energia. Ma per lungo tempo mi sono sentita fragile, un inezia sarebbe bastata a travolgermi. Ho molta paura di ricadere in quel profondo pozzo. Quanto è importante la collaborazione fra i singoli specialisti? Dr. Lukas Villiger: durante i miei studi le malattie croniche quasi non facevano parte dei temi trattati, mentre oggi acquistano sempre più importanza. Per questo è necessario il contatto con altri medici. II desiderio di collaborare con un collega, ad esempio uno psichiatra, si fa subito strada in me, specialmente «La depressione è molto in fase acuta peggiore per i pazienti» quando si tratta di una depressione. Se la terapia agisce, anche il paziente subisce meno complicanze. Gülter Locher: il Dr. Villiger mi ha tranquillizzato e convinto a prendere i medicamenti necessari. Eppure presto non sono più riuscita a farcela senza aiuto. Vado dallo psichiatra una volta al mese. II diabete non mi fa soffrire, anche se so che potrebbero esserci brutte complicazioni. Ma il dolore dell anima è molto peggiore del dolore del corpo. LA SUA OPINIONE CI INTERESSA Ha davanti a sé il nuovo numero di «La svolta» e conoscere la Sua opinione in proposito ci interesserebbe molto: Le piace questa rivista, che diffonde informazioni sul quadro clinico della depressione e dei disturbi d ansia? Ci invii suggerimenti o eventuali critiche accompagnate dai Suoi dati (cognome, nome, indirizzo) all indirizzo tramite un con oggetto «La svolta». Parteciperà così automaticamente ad un concorso a premi e potrà vincere un buono acquisto per libri del valore di 100 CHF. 11

12 IN BREVE CENTRI DI RIFERIMENTO E LINK Colophon La Svolta Informazioni sulla depressione e sui disturbi d ansia Editore Lundbeck (Svizzera) SA Cherstrasse 4, Casella postale, 8152 Glattbrugg Concetto e redazione: Giger Com GmbH Autrice: Anne Czernotta Realizzazione grafica: Logo 108 GmbH Stampa: UD Print AG CIP561 La Svolta 11 / I

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO Angela intervista Laura chi compie l azione azione compiuta oggetto su cui passa l azione NELLA FORMA PASSIVA, INVECE, IL SOGGETTO SUBISCE

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Vivere con il diabete

Vivere con il diabete Vivere con il diabete Vivere con il diabete Non è facile raccontare le sensazioni che una persona, affetta da diabete di tipo 2, provi nel corso della sua vita di ammalato cronico. Cercherò di spiegarle

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Ristorante "Il Rusticone, Bienne

Ristorante Il Rusticone, Bienne Ristorante "Il Rusticone, Bienne Il datore di lavoro Salvatore Trovato È stata una coincidenza felice: quando M. mi ha proposto di lavorare da me al ristorante "Rusticone", stavo giusto cercando un nuovo

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

VIAGGIO ALLA SCOPERTA. della Malattia di Crohn e della Colite Ulcerosa. Leggi le avventure di Ricky e Susy. Scopri come affrontarle e dominarle!

VIAGGIO ALLA SCOPERTA. della Malattia di Crohn e della Colite Ulcerosa. Leggi le avventure di Ricky e Susy. Scopri come affrontarle e dominarle! VIAGGIO ALLA SCOPERTA della Malattia di Crohn e della Colite Ulcerosa. Scopri come affrontarle e dominarle! Impara cose importanti. Trova gli alleati per il tuo viaggio! Scopri le armi in tuo possesso.

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica 1 Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica Data / / Studio No RND NB: Si prega di mettere un pallino nella casella usando la matita che vi viene consegnata Questionario

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità

Livello A2 Unità 9 Sanità Livello A2 Unità 9 Sanità Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Vero Falso 1. Sergey va dal dottore per un influenza. X 2. Sergey ha sofferto di dolori alla schiena in

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

NEWSLETTER N. 26 maggio 2014

NEWSLETTER N. 26 maggio 2014 2222222222222222222222222222222222222222 2222222222222222222222222222222222222222 NEWSLETTER N. 26 maggio 2014 Un benvenuto ai nuovi lettori e ben ritrovato a chi ci segue da tempo. Buona lettura a tutti

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Prenatale 9.1 Allegato 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE, OFTALMOLOGIA E GENETICA CLINICA PSICHIATRICA UNIVERSITARIA Direttore. Prof. Amore REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

I familiari dei pazienti di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti di Salvatore Di Salvo La sofferenza è un fatto personale

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli