(61) Eduard von Hartmann ( ), Der Spiritismus, Berlino, 1885, Lipsia, 18922;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(61) Eduard von Hartmann (1842-1906), Der Spiritismus, Berlino, 1885, Lipsia, 18922;"

Transcript

1 zioni (55 ), le Dematerializzazioni ( 56 ), la Fotografia trascendentale (57) e l'incorruttibilità ( 58 ), dovuti a spostamenti e, nell'ultimo caso, ad immobilizzazione di elementi molecolari, atomici e subatomici, causati parimenti a distanza; fenomeni di Telecìnesi macroscopica e microscopica inskme, come gli Apporti e gli Asporti (59) consistenti nel moto, causato a distanza, di grossi oggetti, attraverso la compagine materiale di altri oggetti, per dematerializzazione, sempre a distanza, degli oggetti mossi o di quelli attraversati. Non sono ignoti alla letteratura parapsicologica tentativi di riduzione dei fenomeni soggettivi ed oggettivi entro la schematica spazio-temporale, a mezzo di ipotesi, spesso ingegnose, sul loro meccanismo. Si pensi, ad esempio, per quanto riguarda i fenomeni soggettivi, all'ipotesi del Serbatoio cosmico delle memorie individuali, escogitata dal filosofo-psicologo americano William James (60), per ridurre la Chiaroveggenza nel passato, o Psicometria, alla lettura nel presente sempre attuale di tale serbatoio. Qualcosa di simile aveva ipotizzato, prima di lui, il filosofo tedesco Eduard von Hartmann, con il suo Incosciente universale (61 ). Si pensi, sempre a titolo di esempio, all'ipotesi della Leva psichica, avanzata dal Crawford (62 ), per spiegare la Telecìnesi, riducendola, da moto provocato a distanza, a moto causato meccanicamente da contatto di una propagine invisibile del soggetto. (55) Le formazioni ectoplasmiche possono costituire fantasmi, non soltanto di oggetti o, più spesso, di parti del corpo umano, specialmente mani, che hanno lasciato documento di sè sulle lastre fotografiche o in materia plastica (paraffina, creta, ecc.), ma di interi individui, anatomicamente strutturati e fisiologicamente e psichicamente funzionanti. (De Boni, L'uomo, ecc., cit., pagg ). (56) Alle materializzazioni corrispondono, talvolta, dematerializzazioni di intere parti del corpo e degli indumenti del medium. (D'Espérance, The shadow land, Londra, 1897, trad. it., Verona, 1948, pagg ; Aksakov, Un cas de dématerialisation partielle du corps d'un médium, Parigi, 1896). L'intera questione è ben sintetizzata da G. De Boni, ne L'uomo, ecc., cit., pagg , in cui è riportata una fotografia di medium dematerializzato, a pag (57) Se nepossono considerare due forme: fotografia del pensiero (E. Bozzano, Pensiero e volontà, forze plasticizzanti ed organizzanti, Verona, 1967) e fotografia delle materializzazioni (In: De Boni, L'uomo, ecc. sono riprodotte 4 delle 44 fotografie, scattate da Sir William Crookes, dal 1872 al 1874, al fantasma di Kate King). (58) Si osserva soprattutto nei fenomeni fisici del misticismo. (Thurston, I fenomeni, ecc., cit., Cap. X, pagg ). (59) Studiati in particolare dall'astronomo tedesco Ziillner (Cfr.: Vierte Dimension, ecc., cit.). (60) William James ( ), Études et réflexions d'un psichiste, trad. fr., Parigi, (61) Eduard von Hartmann ( ), Der Spiritismus, Berlino, 1885, Lipsia, 18922; Die Geisterhypothese des Spiritismus und seine Phantome. Lipsia, (62) W. Crawford, The Reality of Psychic Phenomena, Londra 1917, 19192; Experiments in Psychical Science, Londra 1919; The Psychic Structures at the Goliger Circle, Londra,

2 Tali tentativi, quando non sono sfumati nell'atmosfera fantascientifica dell'alta metafisica, come quello del James, si sono rivelati, come quello del Crawford, sperimentabili con successo soltanto in presenza dell'autore, la cui idea, presumibilmente captata per Telepatia e potenziata dal medium, impressionava la lastra fotografica di controllo (63). E il loro fallimento ha confermato, almeno per ora, l'irriducibilità dei fenomeni a schemi spazio-temporali. Di questa irriducibilità era, del resto, convinto lo Zedlner, il quale, limitatamente ai fenomeni di apporto e asporto, che implicano, come si è detto, la penetrazione della materia, ipotizzò il passaggio degli oggetti per una quarta dimensione di tipo riemanniano, in coincidenza con la quale la materia dei medesimi diventasse penetrabile (64). L'ipotesi zeillneriana, quale che sia il suo valore al fine di una spiegazione dei fenomeni paranormali, riveste l'importanza di un'autorevole indicazione della via da seguire per la ricerca di tale spiegazione. Questa via è data dal riesame dei concetti di spazio e tempo. E' parso allo Ziillner che, nelle pieghe del primo dei due quello di spazio fosse contenuto il segreto degli apporti e degli asporti, segreto da lui ipotizzato come quarta dimensione dello spazio. Seguiremo, pertanto, l'illustre astronomo, riesaminando i due concetti, tanto più che questo ci servirà per reperire gli elementi necessari alla costruzione del nostro modello ipotetico di causa adimensionale, cioè aspaziale e atemporale, della fenomenia paranormale. 5 - Dello spazio e del tempo si hanno, grosso modo, tre modelli storici: a) quello classico, in uso da sempre sino all'empirismo inglese, secondo il quale lo spazio è l'ambiente tridimensionale delle cose e il tempo è l'ambiente unídimensionale degli eventi. Si tratta di due entità oggettive, di due «contenitori» dell'universo, fra loro incongrui, in ragione della diversa dimensionalità, eppure inclusi l'uno nell'altro come scatole cinesi, nei quali Euclide, Galileo e Newton, per parlar dei più illustri, hanno collocato i loro strumenti di misura geometrico-fisici; b) quello moderno, inventato da Kant, per salvare la matematica e la fisica dallo scetticismo degli Empiristi, secondo il quale spazio e tempo sono forme «a priori» della sensibilità, non appartenenti alle cose e agli eventi, ossia alla (63 G. De Boni, L'uomo, ecc., cit., pag. 53. (64) L'ipotesi della quarta dimensione, concepita dallo Zeillner come dimensione spaziale, è stata, respinta dal Bozzano come «impensabile». (Cfr. E. Bozzano, Ipotesi «inconcepibili» ed ipotesi «impensabili n, in Indagini sulle manifestazioni supernormali, Serie III, cit., pagg ). In effetti., quantunque presentata e discussa con molto buona volontà dal Barnard (The supernormal - A criticai introduction to psychic science, Londra, 1933, trad. it., Roma, 1949, pagg ), non riesce a farsi accettare, se non come una di quelle costruzioni, cui dà luogo la logica matematica, ma che non trovano conferma nei fatti. 205

3 i realtà oggettiva, ma all'io, che fra esse, come fra le coordinate di un mirino, mette a foto la realtà quando la conosce e per poterla conoscere; c) quello modernissimo di. Minkowski, secondo il quale spazio e tempo riconquistano l'oggettività, loro negata da Kant, ma non la sostanzialità, che avevano nel modello classico. In questo modello, spazio e tempo sono dimensioni della realtà, quindi dimensioni non incongrue fra loro, visto che strettamente le connette la realtà, cui ineriscono: una realtà quadridimensionale il Cronòtopo inquadrata dalle tre dimensioni spaziali e dalla quarta, il tempo (65 ). Sembra che quest'ultimo modello sia il più rispondente all'essenza dello spazio e del tempo, a cui è difficile, dopo le obiezioni kantiane, attribuire la sostanzialità di ambienti delle cose e degli eventi, propria del modello classico; ma a cui è forse più difficile ancora, data l'esperienza pesantemente negativa della metafisica idealistica, che, dopo alcune false partenze da posizioni empiristiche, dal Criticismo ha preso l'avvio (66 ), attribuire la soggettività di forme «a priori» dell'io, propria del modello di Kant. E tale rispondenza lo rende atto ad esprimere chiaramente la relazione di funzionalità che intercorre fra lo spazio e il tempo, relazione per la quale ciascuno dei due varia in funzione del variare dell'altro. Non vi è esempio di divenire dal più semplice moto traslativo, rappresentato dalla caduta di un grave, al più complesso moto metabolico, identificantesi con la crescita di un vivente, in cui le variazioni spaziali non siano funzioni di quelle temporali e viceversa. Ora, quest'interdipendenza fra spazio e tempo trova adeguata rappresentazione nel Cronòtopo, o universo di Minkowski, schematizzabile in un sistema cartesiano, nel quale il tempo s'inserisce come quarta coordinata. Spazio e tempo, ridotti nel modello di Minkowski al ruolo di dimensioni della realtà, in tanto si danno, in quanto si dà la realtà. Questo significa che spazio e tempo come già riteneva Cartesio nei riguardi dello spazio (67) non si danno, laddove la realtà non si dà, cioè nel (65) Hermann Minkowski ( ), nel suo Cronòtopo, sostituisce, alla quarta dimensione spaziale di Ziillner, la dimensione tempo. L'intuizione della congruenza fra spazio e tempo in un tutto unitario è balenata, precedentemente, al Gioberti, il quale l'ha espressa con lo stesso vocabolo: il Cronòtopo. Il Cronòtopo di Minkowski è l'universo, in quanto quadruplicemente dimensionato dalle tre dimensioni spaziali e dalla quarta: il tempo. (Cfr. H. Minkowski, Das Relativifdtsprinzip, Lipsia, , trad. ingl., Londra, 1923). Il Cronbtopo di Gioberti è Dio, non in quanto sostanza divina, ma in quanto infinita possibilità creativa, mediante la quale Dio stesso, cioè l'ente, giusta la nota formula giobertiana, crea l'esistente, ossa il mondo, che ne risulta, appunto, dimensionato, spazio-temporalmente. (Cfr.: V. Gioberti, Della Protologia, ed. Massari, Torino-Parigi, 1857, Vol. I, pagg , ). (66) Cfr.: C. Ottaviano, Critica dell'idealismo, Padova, , trad. ted., Miinster, E cfr. anche, dello stesso A., Metafisica dell'essere parziale, Napoli , nella quale la «reductio ad absurdum» dell'idealismo, condotta serratamente nella prima opera attraverso la critica del principio d'immanenza, trova ampio respiro, in un suggestivo, quanto nitido, panorama di storia del pensiero filosofico. Trad. rum., Bucarest, (67) Cfr.: Principia philosophiae, II, 4, in Oeuvres, Parigi

4 vuoto metafisico, cioè nel nulla: è la realtà che li sostiene nell'essere. E significa, ancora, che non hanno un essere proprio, ma fruiscono di quello della realtà: sono la realtà stessa e, per esser precisi, due aspetti della realtà. Ciò stante, il quesito circa l'essenza dello spazio e del tempo può essere concretamente formulato come domanda circa l'essenza della realtà in relazione a tali suoi aspetti, o modi di prospettarsi. Ed appunto in questa forma deve essere proposto, se si vuole che la sua soluzione dia, dei concetti di spazio e tempo, il contenuto concreto. Si deve parlare, cioè, non di spazio e di tempo, dimensioni della realtà; ma di realtà, dimensionata spazialmente e temporalmente, e si deve, poi, accertare che cosa significhi, per la realtà, questo suo esser dimensionata nelle due direzioni suddette. Consideriamo, dunque, in concreto, la realtà dimensionata spazialmente e temporalmente e vediamo quale significato sia da attribuire al dimensionamento, in genere, ed a quello spaziale e temporale, in specie. Esser dimensionata è per la realtà la medesima cosa che esser misurata, perché dimensione è sinonimo di misura. E, siccome la misura è rapporto, o proporzione, di alcunché ad un termine assunto come unità di misura, nel senso che esprime il numero di tali unità contenute nell'alcunché misurato, dire che la realtà è dimensionata significa dire che è rapportata, o proporzionata, a molte unità di misura, ossia che ne contiene molte. Ma, se contiene molte unità, la realtà s'identifica con una molteplicità, cioè con l'insieme unitario di tali molte unità. Ed è proprio questa sua costituzionale molteplicità, questo suo essere un'unità di molti ché tale è la molteplicità la ragione profonda del suo atteggiarsi come dimensionata. Per converso, l'atteggiamento in questione non è che la «facies» fenomenica della molteplicità. Si può, dunque, concludere che la realtà è genericamente dimensionata, in quanto consta di una molteplicità. Vediamo, ora, che cosa significhi, per la realtà, essere dimensionata spazialmente e temporalmente; che cosa significhi, cioè, dopo quanto si è detto, essere una molteplicità spaziale e temporale. La molteplicità, in quanto unità di molti, è data dalla convenienza fra i molti e l'uno. Si tratta di convenienza dialettica: il concetto di molteplicità risulta dalla sintesi dei due concetti, quello dei molti e quello dell'uno, ciascuno dei quali non si pone assolutamente, ma solo in opposizione all'altro, come tesi sul proprio sfondo antitetico. Ma si tratta anche di convenienza reale, od ontologica, ossia di una relazione fra i molti e l'uno, di cui la realtà, nel suo complesso ed in ogni sua anche minima parte, ci offre continuo spettacolo. Invero, tutto ciò che esperimentiamo fuori di noi ed in noi, sia esso considerato globalmente (realtà), o parzialmente (cosa o elemento di cosa ), esibisce un duplice processo di unificazione dei molti 267

5 ( consistente nel divenire uno di quelli che son molti) e di moltiplicazione dell'uno ( consistente nel divenire molti di ciò che è uno ). I due processi si integrano a vicenda e ne costituiscono uno solo: una sorta di universale palpito, che ha, per sistole, l'unificazione, per diastole, la moltiplicazione e, per sede, la realtà, considerata nella sua interezza ed in ogni suo elemento, anche infinitesimo. Si integrano, i due processi, perché ciascuno fornisce all'altro il proprio risultato, quale fulcro imprescindibile onde l'altro si verifichi. Non può darsi unificazione, se non dei molti, risultanti dall'inverso processo di moltiplicazione; né può darsi moltiplicazione, se non dell'uno, che risulta dall'inverso processo di unificazione. Sotto il profilo ontologico, la molteplicità rivela, dunque, un intimo dinamismo, dato dalla tensione fra i molti e l'uno, dinamismo che si esprime: a) staticamente, in coincidenza con ogni fase di instabile equilibrio fra le due opposte tendenze che lo costituiscono quella verso i molti e quella verso l'uno, allorché assume, appunto, quell'aspetto intermedio fra i molti e l'uno, che si indica come unità di molti, o molteplicità; b) cineticamente, nella continua, universale e capillare vicenda, nella quale le unificazioni si alternano alle moltiplicazioni, le une traendo alimento dalle altre, e viceversa, nel senso sopra indicato. Queste due espressioni del dinamismo insito nella molteplicità atteggiano la medesima e, quindi, la realtà che con essa s'identifica in termini di spazio e di tempo. In particolare, la prima espressione la atteggia spazialmen te, perché, prospettandosi come statica convenienza fra i molti e l'uno, realizza la concomitanza dei molti elementi della realtà nell'unità di quest'ultima. E lo spazio è, appunto, concomitanza di molti. La seconda espressione atteggia la realtà temporalmente, perché si prospetta come vicenda di unificazioni e moltiplicazioni, continuamente, universalmente e capillarmente incidenti nella realtà, che ne risulta articolata in una successione di eventi. E il tempo è, appunto, successione di eventi. Si perviene, così, ad una visione della realtà, dimensionata secondo spazio e tempo, in quanto sintesi dinamica dei molti e dell'uno, esplicantesi in un'alterna vicenda di conversione dei molti nell'uno o unificazione e dell'uno nei molti o moltiplicazione ( 68 ). (68) Questa nostra visuale ha un albero genealogico, che, dai presocratici si ricorda Empedocle giunge fino alla speculazione dei nostri giorni. Si richiama, come esempio di quest'ultima, la teoria unitaria del mondo fisico e biologico, a cui è pervenuto l'illustre matematico italiano Luigi Fantappié ( ), partendo da un'esigenza d'interpretazione delle soluzioni dei potenziali anticipati». (L. Fantappié, Principi di una teoria unitaria del inondo fisico e biologico, Roma, 1944; Visione unitaria del mondo e della vita, in Sophia Rivista internazionale di Filosofia e Storia della Filosofia, Padova, luglio-dicembre 1947, pagg ). La teoria del Fantappié trova un'interessante applicazione psicologica nella «Psicoenergetica di Primo Sacripanti. (Cfr.: R Sacripanti, Dal dinamismo primario della psiche alla nascita delliperlo, con prefazione di Nicola Pende, in Quaderni di Fraternità Nord-Sud, Roma, 1957). 268

6 Il contenuto di questa visione è problematico. La realtà, che essa ci prospetta, intimamente dilaniata dall'alternativa fra l'uno e i molti, non riesce, infatti, a fondare la propria sussistenza e, poiché di fatto sussiste, indica nella trascendenza la sede del proprio fondamento. Seguire questa indicazione, in una ricerca più ampia, esorbita dalle finalità del presente lavoro. Qui conviene notare come la trascendenza, mentre si profila, all'esterno della realtà, sede indiziaria del fondamento della realtà medesima, all'interno condizioni la realtà, sintesi dinamica dell'uno e dei molti. E' indubbio, infatti, che codesta sintesi implichi la reciproca trascendenza dei suoi fattori. La implica sul piano logico, dove si afferma come sintesi dialettica di due antitetici concetti l'uno e i molti, sintesi condizionata «a priori» dalla loro opposizione, che è trascendenza logica. Ma la implica con più convincente evidenza sul piano ontologico, dove, come si è visto, fra l'indubbia concretezza dei molti e l'indubbia concretezza dell'uno, tale trascendenza è colmata da una tensione dinamica altrettanto concreta, attuantesi come vicenda di unificazioni e moltiplicazioni. Se l'uno e i molti ontologicamente non si trascendessero, tale vicenda non avrebbe luogo e la realtà non presenterebbe la dimensione temporale, che invece presenta. In tal caso, dovremmo considerarli reciprocamente immanenti, cioè tutt'una cosa, al punto da non consentire quella visione prospettica del loro insieme, nella quale concorrono, non s'identificano, e che dicesi molteplicità in concomitanza. La realtà, ciò stante, non presenterebbe neppure la dimensione spaziale. L'uno e i molti si trascendono ontologicamente, il che significa che non si trascendono spazialmente ossia interponendo, fra le loro due entità, spazio, né temporalmente ossia interponendo, fra le entità medesime, tempo, bensì interponendo essere. Se, infatti, la loro trascendenza fosse di natura spaziale o temporale, sarebbero lo spazio e il tempo a determinarla; mentre avviene, appunto, il contrario: è la suddetta trascendenza, come condizione «a priori» della struttura moltiplicitario-cinetica della realtà, a determinare lo spazio e il tempo, quali dimensioni della realtà stessa. L'uno e i molti si trascendono ontologicamente, in senso assiologico, proponendosi, cioè, sul piano comune dell'essere, con diverso valore (69). Fra i due, è l'uno che prevale sui molti. All'uno, infatti, compete, nella costituzione della realtà, che pur effettua con il contributo necessariamente complementare dei molti, quella preminenza, (69) Si adotta, qui, il concetto oggettivo di valore, fondato sull'identificazione scolastica» dell'essere col bene: «ens et bonum convertuntur». Valore, secondo questa concezione, è il grado di realizzazione di una cosa, grado che, stante l'identità su riferita fra essere e bene, coincide col grado di bene, ossia di vigenza attiva e attivante, presentato dalla cosa stessa. 269

7 per la quale l'antica «scolastica» lo identificava addirittura con la stessa realtà, secondo l'adagio: «ens et unum convertuntur». E tale preminenza si manifesta nell'attività concretizzante ed organizzatrice, svolta dall'uno nei confronti dei molti, che ad essa si prestano passivamente. Non si tratta soltanto dell'espressione meccanicistica di energia unificante insita nell'uno, giacché le entità, che ne risultano, mostrano strutture organiche, implicanti altri due titoli di preminenza dell'uno rispetto ai molti, e cioè l'esemplarità, per cui quello si propone a questi come esemplare da attuare, ed il finalismo, per cui l'azione del primo sui secondi non è cieca, ma illuminata da un fine: l'attuazione, appunto, del modello proposto. In tutta la realtà, dalla sua globalità all'infimo degli elementi e dal più alto livello, quello della razionalità, al più basso, quello della natura cosiddetta inorganica, l'uno si manifesta ben distinto dai molti, centro animatore, ossia concretizzante, organizzante, vitalizzante della realtà stessa (70) e di qualunque ente (71). La vita, infatti, pervade tutta la realtà ed ogni sua parte, non tanto come espressione biologica riservata ai livelli più alti della realtà stessa, quanto come coesione di elementi in concomitanza e successione, onde le dimensioni spazio-temporali del mondo che ci circonda. E questa vita prova la presenza ai molti (ossia la trascendenza rispetto a questi) dell'uno, da cui dipende. Prova ciò, perché sconfina nella morte, che, essendo, ad ogni livello di realtà (72 ), soluzione della coesione interelementare, prospetta, come più probabile ipotesi esplicativa, quella della cessazione di tale presenza. Se, infatti, la vita non fosse partecipata ai molti dall'uno, ma ad essi ilozoisticamente appartenesse, non cesserebbe d'un solo tratto, come in effetti avviene; bensì in tanti tratti, quanti sono gli elementi dell'ente che via via si separerebbero dalla compagine di esso. E sparirebbero, per questa graduale sepa- (70) Si tenga presente, al riguardo, il concetto di anima del inondo, che, dall'antico pitagorismo ( Timeo di Locri, Perì psychàs kósmo kai fysios, ed. J. J. De Gelder, Leida, 1936). attraverso il Timeo platonico (34 B) e il De anima aristotelico (I, 3, 407), passa allo stoicismo, secondo il quale diventa «Pneuma», fuoco organizzatore, intelligente (Stobeo, Eclog., 1,56; Cicerone, De natura deorum, I, 3, 35, II, 8), e giunge al neoplatonismo plotiniano (Enn. III, 2, 5). Nel Medio-evo, il concetto è riesumato, a seguito della ripresa degli studi platonici, e consegnato al Rinascimento (Agrippa di Nettesheim, Paracelso, G. van Helmont, G. Bruno, H. More). Nella filosofia moderna, ne dà una definizione Schelling (Salmi. Werke, I, parte II, pag. 569). (71) Da ciò, la concezione animistica, ancora viva nei popoli primitivi, concezione, che, con varie oscillazioni di contenuto, dall'ilozoismo dei presocratici al pampsichismo di E. Haeckel ( ), si può dire che attraversi tutta la storia del pensiero. (72) La morte non riguarda solo le creature che consideriamo viventi, ma tutte le cose. Se, per le prime, consiste nella cessazione dei fenomeni biologici, per tutte le cose consiste nella cessazione della coesione interelementare. E' recente la notizia della progettata rimozione dei cavalli di Bisanzio dalla facciata di S. Marco a Venezia, a causa di una sorta di necrosi del bronzo in cui sono fusi. Ma lo spettacolo della fatiscenza e della disintegrazione mortale di cose, quale che sia la materia che le costituisce, è uno dei più abituali. 270

8 razione, gli stessi elementi via via separantisi, senza lasciare i cosiddetti resti mortali (salma, ecc.). Ora, quest'uno, che, da una posizione di trascendenza assiologica, condiziona la realtà ed ogni parte di questa nella loro dimensionalità spazio-temporale, non può essere, a sua volta, dimensionato, almeno sotto i profili spaziale e temporale, di cui costituisce l'«a priori». Se, infatti, lo fosse a parte la contraddittorietà notata non varrebbe ad unificare in concomitanza e successione gli elementi della realtà e di ogni parte di essa; non varrebbe, cioè, ad espletare la funzione unificante, che svolge nei confronti dei molti, perché presenterebbe ad essi non uno, ma più centri di convergenza. L'uno, dunque, quale fattore condizionante la dimensionalità spazio-temporale della realtà e delle parti di essa, si prospetta adimensionalmente strutturato. 6 - L'analisi della dimensionalità spazio-temporale della realtà offre, con il fattore suddetto, all'indagine parapsicologica e, in particolare, all'ipotesi da noi avanzata di una causa adimensionale dei fenomeni paranormali, un modello di codesta causa. Si prospetta, tale modello, sotto le specie di quello che Barnard chiama «principio integrativo», ossia principio cui è raccomandata l'integrità della realtà e di qualunque cosa ed evento in essa compresi (73 ). Se, in linea generale, ne argomentiamo la presenza attiva nella realtà ed in ogni sua parte, dalla sopra notata coesione delle dette entità; in particolare, possiamo dire d'intuirne la presenza in noi, appercettivamente. Lo intuiamo, innanzi tutto, come centro del complesso psico-somatico, con cui s'identifica la nostra persona, ossia come il nucleo, al quale fanno capo tutti gli elementi concomitanti, che rendono la nostra persona dimensionata spazialmente (soma) e tutte le successive disposizioni di tali elementi, che rendono la nostra persona dimensionata temporalmente (psiche). Lo intuiamo, in secondo luogo, come il titolare, di cui la persona è una pertinenza, un oggetto di dominio, una sorta di veste e, soprattutto, è lo strumento o il mezzo della conoscenza e dell'azione. Lo intuiamo, in terzo luogo, come ciò con cui ci identifichiamo, in quanto soggetti della conoscenza e dell'azione, che, tramite la persona, ci collegano alla realtà esterna. E lo chiamiamo Io. L'Io è adimensionale, ossia è aspaziale ed atemporale. E' aspaziale, tanto è vero che non consta di una molteplicità di elementi concomitanti, come, ad esempio, la persona nel suo aspetto somatico, ma di un'unità puntuale. Infatti, nel rapportarsi alla persona, non inerisce ad ogni (73) G. C. Barnard, The supernomal, cit., trad. it., pag

9 singola parte di questa con una propria parte corrispondente, ma è tutto in ogni singola parte della persona. E' atemporale, tanto è vero che non consta di una molteplicità di stati successivi, come, ad esempio, la persona nel suo aspetto psichico, ma di un'unità istantanea. Infatti, nel rapportarsi alla persona, non s'immedesima con i successivi stati di questa, declinando con essi nel passato o provenendo con essi dal futuro; ma permane fisso nell'istante del presente, lasciando, per dir così, scivolare su di sé il divenire della persona. In esso, dunque, sembra potersi ravvisare l'agente sconosciuto dei fenomeni paranormali, per il fatto che ha con questi in comune il carattere dell'adimensionalità spazio-temporale. L'Io può conoscere ed agire, prescindendo dalle condizioni che spazio e tempo impongono alla conoscenza e all'azione normali, perché la sua essenziale adimensionalità lo affranca da tali condizioni. Ma, affinché questa possibilità si renda attuale e l'io, in effetti, conosca ed agisca in guisa paranormale, l'io medesimo deve passare dallo stato di integrazione nella persona stato di adimensionalità potenziale, in cui conosce ed agisce normalmente in un definitivo o provvisorio stato di disintegrazione dalla persona o di adimensionalità attuale, con la morte o, rispettivamente, con il sonno naturale, l'ipnosi, l'auto-ipnosi medianica (volgarmente: «trance»), o yogica, ecc. Sono gli stessi fatti a suggerire tale ipotesi, ossia, in primo luogo, l'atteggiamento spiritoide, che i fenomeni paranormali hanno sempre assunto ed assumono, nella stragrande maggioranza, atteggiamento particolarmente probativo, quand'è del tutto spontaneo ed inaspettato (74 ); in secondo luogo, le condizioni ipnoidee, in cui, tranne casi eccezionali, versano, più o meno profondamente, i produttori dei fenomeni in questione ( medium consapevoli, o non, della loro medianità). Ma è anche la logica a suggerirla. L'Io, finché è integrato nella persona, costituisce tutt'uno con essa e ne adotta, in particolare, la dimensionalità spaziotemporale, rapportandosi ai molti elementi, per tenerli uniti in concomitanza e successione, sicché formino, appunto, il complesso fisio-psichico personale. Tutt'uno con la persona, il suo conoscere e il suo agire sono il conoscere e l'agire della persona, cioè di un ente spazio-temporale, il cui conoscere s'identifica con il reagire all'incidenza di un oggetto che, per inciderlo, deve essergli, ovviamente, presente nello spazio e nel tempo e il cui agire s'identifica con l'incidere in un oggetto ovviamente ad esso presente nello spazio e nel tempo. Solo con la disintegrazione, definitiva o provvisoria, dalla persona disintegrazione possibile, data la trascendenza assiologica dell'io, rispetto agli elementi (74) E' da ricordare, a questo proposito, il caso Fox, in cui l'entità supposta ed interpellata era il demonio, mentre quella, che si dichiarò presente e i cui resti mortali furono rinvenuti casualmente, dopo 56 anni, nello scantinato di Hydesville, era un disincarnato. 272

10 fisio-psichici che unisce l'io può spogliarsi della dimensionalità, che è connaturata alla persona, non ad esso. Ora, la fenomenia paranormale, nelle sue due grandi categorie, quella dei fenomeni soggettivi e quella dei fenomeni oggettivi, offre ciò, che appare come l'esempio più calzante della conoscenza e dell'azione di soggetti o Io liberi da dimensionalità spazio-temporale. La schematica dei fenomeni è dualistica, come quella della conoscenza e dell'azione normali, nel senso che la conoscenza paranormale si prospetta come alterazione del soggetto, avente contenuto oggettivo, e l'azione paranormale, come alterazione dell'oggetto, avente contenuto soggettivo. Ma, entro questa schematica, identica a quella della conoscenza e dell'azione normali, i fenomeni si producono secondo una meccanica, che differisce da quella della normalità teoretico-pratica, per l'abolizione dello spazio e del tempo, quali condizioni dell'interazione fra soggetto ed oggetto. Questo significa che, sia la conoscenza, sia l'azione paranormali si verificano indipendentemente dalla coesistenza spazio-temporale del soggetto e dell'oggetto: indipendentemente da quell'o hic et nunc», a cui soggetto e oggetto sono legati, come ad imprescindibile denominatore comune, nella conoscenza e nell'azione normali E significa anche qualcosa di più. La rapida rassegna fenomenologica sopra tracciata ha messo in luce come, ad una fenomenia paranormale macroscopica, se ne affianchi una microscopica. L'ipotesi dell'adimensionalità dell'io, che abbiamo proposta, sembra getti una luce anche su questo aspetto della problematica parapsicologica. Invero, ad un Io, cui siano indifferenti le condizioni spazio-temporali della conoscenza e dell'azione, sono indifferenti, evidentemente, anche le dimensioni spazio-temporali dell'oggetto, sicché la fenomenia microscopica non può destare maggiore meraviglia, di quella macroscopica. LUIGI PIZZIGHELLI 3 - LA ZAGAGLIA 273

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri L epistemologia applicata alla psicologia clinica La riflessione epistemologica in Psicologia clinica

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Cartesio: Meditazioni Metafisiche

Cartesio: Meditazioni Metafisiche Cartesio: Meditazioni Metafisiche Schema riassuntivo Prima Meditazione DELLE COSE CHE SI POSSONO REVOCARE IN DUBBIO 1. Necessità del dubbio metodico È necessario, almeno una volta nella vita, dubitare

Dettagli

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA INSEGNAMENTO DI LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA LEZIONE XI FISICA ED EPISTEMOLOGIA IN CARTESIO PROF. FABIO SELLER Indice 1 La Vita ------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Affinità Karmiche e Relazioni Affettive

Affinità Karmiche e Relazioni Affettive Affinità Karmiche e Relazioni Affettive Genova presso Centro Civico Marco Ferrini Relazione a cura di Manola Farabollini Come migliorare le relazioni Famiglia di origine e famiglia di appartenenza: quali

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

Esempi: Se il mio corpo si ferisce, è la mente a sentire il dolore La mia volontà muove il mio corpo La mente sembra essere cosciente del corpo e

Esempi: Se il mio corpo si ferisce, è la mente a sentire il dolore La mia volontà muove il mio corpo La mente sembra essere cosciente del corpo e Il dualismo E una concezione filosofica o teologica che vede la presenza di due essenze o principi opposti ed inconciliabili. Nella filosofia contemporanea, in particolare nell'ambito della filosofia analitica

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

C. GINI SULLA REGOLARITÀ DEI FENOMENI RARI

C. GINI SULLA REGOLARITÀ DEI FENOMENI RARI 303 C. GINI SULLA REGOLARITÀ DEI FENOMENI RARI In questa Nota mi propongo di esaminare se la regolarità dei fenomeni rari è maggiore o minore della regolarità dei fenomeni più frequenti. Si consideri una

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISOLUZIONE N. 85 DEL 12 MARZO 2002 Circolare n. 10/2002 Documento

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

di Gianluca Miligi Torniamo al primo punto per svolgerlo nei suoi aspetti impliciti: la realtà non può scomparire al

di Gianluca Miligi Torniamo al primo punto per svolgerlo nei suoi aspetti impliciti: la realtà non può scomparire al di Gianluca Miligi Nella prima parte dell intervento Baudrillard riassume alcune delle sue tesi filosofiche e sociologiche sul rapporto tra immagini e realtà nella società mediatica contemporanea, per

Dettagli

Verso la comprensione iniziatica dell esperienza in prossimità di morte: una prospettiva transpersonale

Verso la comprensione iniziatica dell esperienza in prossimità di morte: una prospettiva transpersonale Verso la comprensione iniziatica dell esperienza in prossimità di morte: una prospettiva transpersonale Intervista a Laura Boggio Gilot 1) Qual è lo stato dell arte degli studi sulle esperienze in prossimità

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Max Weber (1864-1920)

Max Weber (1864-1920) Max Weber (1864-1920) Nato a Erfurt, Turingia Famiglia alto-borghese Studia a Heidelberg legge, storia,teologia, economia, filosofia Membro del Verein fur Sozialpolitik, circolo fondato da Gustav Schmoller

Dettagli

Il modello ondulatorio

Il modello ondulatorio LUCE E VISIONE I COLORI PPUNI DI FISIC Il modello ondulatorio I fenomeni di cui ci siamo occupati finora possono essere facilmente spiegati considerando la luce composta da corpuscoli che sottostanno alle

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 L4, Corso Integrato di Psicometria - Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 18/04/2011 Inferenza statistica Formulazione

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

IL PRIMO SITO CHE TI SPIEGA COS 'E' E COME FARE FUNZIONARE SEMPRE

IL PRIMO SITO CHE TI SPIEGA COS 'E' E COME FARE FUNZIONARE SEMPRE IL PRIMO SITO CHE TI SPIEGA COS 'E' E COME FARE FUNZIONARE SEMPRE LA LEGGE DI ATTRAZIONE : Cosa troverai in questo sito: Cos'è (teoria e supporti scientifici) Come funziona (pensiero + energia) Pensiero

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I CeSe.Di. - Riorientamento nel primo anno delle superiori INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I dati Sezione 1 - AFFERMAZIONI GENERALI (10 item): affermazioni che afferiscono alle percezioni

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Genesi e caratteri dell'idealismo tedesco

Genesi e caratteri dell'idealismo tedesco Genesi e caratteri dell'idealismo tedesco Sul piano filosofico, la massima concretizzazione del nuovo orientamento segnato dalla cultura del Romanticismo è l'idealismo. Esso segna la maturazione, nell'ambito

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Luciano De Menna Vittorio Pironti Editore Napoli

Luciano De Menna Vittorio Pironti Editore Napoli Luciano De Menna Elettrotecnica Vittorio Pironti Editore Napoli PSpice e Probe sono marchi registrati della MicroSim Corporation Copyright 1998 by Vittorio Pironti Editore, 209/217, via Lago Patria - Giugliano

Dettagli

Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html

Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html GIAMBATTISTA VICO Glossari e Dizionari Amore e sesso Borsa Internet Lavoro Scuola Ricerca argomenti Scienziati & filosofi Teorie della mente VITA

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

La morte dell ego. Edward Muzika (Edji) risponde a uno studente

La morte dell ego. Edward Muzika (Edji) risponde a uno studente La morte dell ego Edward Muzika (Edji) risponde a uno studente Studente Consentimi una domanda sulla natura dell ego, come può morire ciò che non esiste? Edji: È probabilmente a causa della celeberrima

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

GRUPPI DI LAVORO: ANNO SCOLASTICO 2009-2010

GRUPPI DI LAVORO: ANNO SCOLASTICO 2009-2010 Con la collaborazione di: Società Filosofica Italiana(S.F.I.) Filosofica Ligure(A.F.L.) Association Internationale des Professeurs de Philosophie (A.I.P.Ph.) Bruxelles ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE V LE FORME DI MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il mercato in concorrenza perfetta ed il suo equilibrio ------------------------------------------- 3 1.1. Le

Dettagli

Sociologia. Corso di Sociologia generale

Sociologia. Corso di Sociologia generale Corso di Sociologia La sociologia nord-americana. In particolare: la Scuola di Chicago. Sociologia nord-americana «si è sviluppata in gran parte come studio per la soluzione di [ ] problemi concreti: immigrazione,

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

Facoltà di PSICOLOGIA Corso di laurea in SCIENZE PSICOLOGICHE DEL CICLO DELLA VITA

Facoltà di PSICOLOGIA Corso di laurea in SCIENZE PSICOLOGICHE DEL CICLO DELLA VITA Facoltà di PSICOLOGIA Corso di laurea in SCIENZE PSICOLOGICHE DEL CICLO DELLA VITA www.unidav.it In questa lezione tenteremo di percorrere in modo sintetico lo sviluppo storico della scienza psicologica,

Dettagli

Apporti, Asporti e Regali

Apporti, Asporti e Regali Apporti, Asporti e Regali Collana: Ali d Amore N. 9 A Dilaila e alle anime candide dell Altra Dimensione A P P O R T I Gli apporti sono materializzazioni di oggetti, di animali, di piante o fiori, che

Dettagli

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3 LA BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 3 La MECCANICA teorica include tutte le leggi fondamentali del movimento meccanico di corpi solidi inanimati Verso la fine del XVII secolo la teoria

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Scuola di Fotografia

Scuola di Fotografia Scuola di Fotografia Divieto di riproduzione parziale o totale con qualsiasi mezzo del contenuto di questo documento. Il suo utilizzo è da intendersi a solo scopo personale ed è vietata la sua diffusione.

Dettagli

Traccio le linee da seguire, comprese le leggi e le spiegazioni su come trasformare l'ambiente di lavoro in una esperienza spirituale e sacra.

Traccio le linee da seguire, comprese le leggi e le spiegazioni su come trasformare l'ambiente di lavoro in una esperienza spirituale e sacra. Parte 2 Dr. Conforto, in qualità di studioso ed uomo di scienza, come giustifica e come interpreta la crescente esigenza di spiritualità da parte di manager e imprenditori? Quando nel 2003 ho pubblicato

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 La nozione di breve e di lungo periodo Una assunzione rilevante della teoria del comportamento dell'impresa sviluppato in precedenza è che l'impresa

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 22 giugno 2010

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 22 giugno 2010 RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 22 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Differenze giornaliere nella giacenza di cassa Rilevanza fiscale ai fini della determinazione dell imponibile

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Illegittimità dell'accertamento per decadenza dei termini

Illegittimità dell'accertamento per decadenza dei termini Tratteremo in questo articolo del tema dei termini per l'accertamento delle perdite fiscali, se cioè per la decorrenza si debba far riferimento, come parrebbe logico, all'anno di formazione della perdita

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

La lezione delle onde gravitazionali

La lezione delle onde gravitazionali La lezione delle onde gravitazionali di Gian Piero Abbate La recente verifica sperimentale dell'esistenza delle onde gravitazionali, previste dalla Teoria Generale della Relatività, comporta anche l'abbandono

Dettagli

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali I denominatori comuni di tutti i problemi La presenza di una richiesta, o di una sfida, che crea una

Dettagli

Considero 2x e sostituisco elemento del dominio con x, 2(-3)=6, oppure e il doppio?

Considero 2x e sostituisco elemento del dominio con x, 2(-3)=6, oppure e il doppio? Avvertenza: Le domande e a volte le risposte, sono tratte dal corpo del messaggio delle mails in cui non si ha a disposizione un editor matematico e quindi presentano una simbologia non corretta, ma comprensibile

Dettagli

Forum P.A. 6 maggio 2002 Convegno:"Controlli interni e Pubblica Amministrazione orientata ai risultati - Relatore: Dott.ssa Diana Agosti (Dirigente

Forum P.A. 6 maggio 2002 Convegno:Controlli interni e Pubblica Amministrazione orientata ai risultati - Relatore: Dott.ssa Diana Agosti (Dirigente Introduzione Gli anni passati sono stati caratterizzati da interventi normativi e da una serie di azioni che hanno evidenziato la volontà del legislatore di diffondere capillarmente la cultura della misurazione

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

OSCURI PREDATORI DI LUCE

OSCURI PREDATORI DI LUCE OSCURI PREDATORI DI LUCE LA CADUTA DI EUCLIDE IN UN BUCO NERO PAOLO DULIO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA DI COSA PARLIAMO Ricerca e applicazioni I protagonisti di un viaggio fantastico Geometria dello spazio-tempo

Dettagli