(61) Eduard von Hartmann ( ), Der Spiritismus, Berlino, 1885, Lipsia, 18922;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(61) Eduard von Hartmann (1842-1906), Der Spiritismus, Berlino, 1885, Lipsia, 18922;"

Transcript

1 zioni (55 ), le Dematerializzazioni ( 56 ), la Fotografia trascendentale (57) e l'incorruttibilità ( 58 ), dovuti a spostamenti e, nell'ultimo caso, ad immobilizzazione di elementi molecolari, atomici e subatomici, causati parimenti a distanza; fenomeni di Telecìnesi macroscopica e microscopica inskme, come gli Apporti e gli Asporti (59) consistenti nel moto, causato a distanza, di grossi oggetti, attraverso la compagine materiale di altri oggetti, per dematerializzazione, sempre a distanza, degli oggetti mossi o di quelli attraversati. Non sono ignoti alla letteratura parapsicologica tentativi di riduzione dei fenomeni soggettivi ed oggettivi entro la schematica spazio-temporale, a mezzo di ipotesi, spesso ingegnose, sul loro meccanismo. Si pensi, ad esempio, per quanto riguarda i fenomeni soggettivi, all'ipotesi del Serbatoio cosmico delle memorie individuali, escogitata dal filosofo-psicologo americano William James (60), per ridurre la Chiaroveggenza nel passato, o Psicometria, alla lettura nel presente sempre attuale di tale serbatoio. Qualcosa di simile aveva ipotizzato, prima di lui, il filosofo tedesco Eduard von Hartmann, con il suo Incosciente universale (61 ). Si pensi, sempre a titolo di esempio, all'ipotesi della Leva psichica, avanzata dal Crawford (62 ), per spiegare la Telecìnesi, riducendola, da moto provocato a distanza, a moto causato meccanicamente da contatto di una propagine invisibile del soggetto. (55) Le formazioni ectoplasmiche possono costituire fantasmi, non soltanto di oggetti o, più spesso, di parti del corpo umano, specialmente mani, che hanno lasciato documento di sè sulle lastre fotografiche o in materia plastica (paraffina, creta, ecc.), ma di interi individui, anatomicamente strutturati e fisiologicamente e psichicamente funzionanti. (De Boni, L'uomo, ecc., cit., pagg ). (56) Alle materializzazioni corrispondono, talvolta, dematerializzazioni di intere parti del corpo e degli indumenti del medium. (D'Espérance, The shadow land, Londra, 1897, trad. it., Verona, 1948, pagg ; Aksakov, Un cas de dématerialisation partielle du corps d'un médium, Parigi, 1896). L'intera questione è ben sintetizzata da G. De Boni, ne L'uomo, ecc., cit., pagg , in cui è riportata una fotografia di medium dematerializzato, a pag (57) Se nepossono considerare due forme: fotografia del pensiero (E. Bozzano, Pensiero e volontà, forze plasticizzanti ed organizzanti, Verona, 1967) e fotografia delle materializzazioni (In: De Boni, L'uomo, ecc. sono riprodotte 4 delle 44 fotografie, scattate da Sir William Crookes, dal 1872 al 1874, al fantasma di Kate King). (58) Si osserva soprattutto nei fenomeni fisici del misticismo. (Thurston, I fenomeni, ecc., cit., Cap. X, pagg ). (59) Studiati in particolare dall'astronomo tedesco Ziillner (Cfr.: Vierte Dimension, ecc., cit.). (60) William James ( ), Études et réflexions d'un psichiste, trad. fr., Parigi, (61) Eduard von Hartmann ( ), Der Spiritismus, Berlino, 1885, Lipsia, 18922; Die Geisterhypothese des Spiritismus und seine Phantome. Lipsia, (62) W. Crawford, The Reality of Psychic Phenomena, Londra 1917, 19192; Experiments in Psychical Science, Londra 1919; The Psychic Structures at the Goliger Circle, Londra,

2 Tali tentativi, quando non sono sfumati nell'atmosfera fantascientifica dell'alta metafisica, come quello del James, si sono rivelati, come quello del Crawford, sperimentabili con successo soltanto in presenza dell'autore, la cui idea, presumibilmente captata per Telepatia e potenziata dal medium, impressionava la lastra fotografica di controllo (63). E il loro fallimento ha confermato, almeno per ora, l'irriducibilità dei fenomeni a schemi spazio-temporali. Di questa irriducibilità era, del resto, convinto lo Zedlner, il quale, limitatamente ai fenomeni di apporto e asporto, che implicano, come si è detto, la penetrazione della materia, ipotizzò il passaggio degli oggetti per una quarta dimensione di tipo riemanniano, in coincidenza con la quale la materia dei medesimi diventasse penetrabile (64). L'ipotesi zeillneriana, quale che sia il suo valore al fine di una spiegazione dei fenomeni paranormali, riveste l'importanza di un'autorevole indicazione della via da seguire per la ricerca di tale spiegazione. Questa via è data dal riesame dei concetti di spazio e tempo. E' parso allo Ziillner che, nelle pieghe del primo dei due quello di spazio fosse contenuto il segreto degli apporti e degli asporti, segreto da lui ipotizzato come quarta dimensione dello spazio. Seguiremo, pertanto, l'illustre astronomo, riesaminando i due concetti, tanto più che questo ci servirà per reperire gli elementi necessari alla costruzione del nostro modello ipotetico di causa adimensionale, cioè aspaziale e atemporale, della fenomenia paranormale. 5 - Dello spazio e del tempo si hanno, grosso modo, tre modelli storici: a) quello classico, in uso da sempre sino all'empirismo inglese, secondo il quale lo spazio è l'ambiente tridimensionale delle cose e il tempo è l'ambiente unídimensionale degli eventi. Si tratta di due entità oggettive, di due «contenitori» dell'universo, fra loro incongrui, in ragione della diversa dimensionalità, eppure inclusi l'uno nell'altro come scatole cinesi, nei quali Euclide, Galileo e Newton, per parlar dei più illustri, hanno collocato i loro strumenti di misura geometrico-fisici; b) quello moderno, inventato da Kant, per salvare la matematica e la fisica dallo scetticismo degli Empiristi, secondo il quale spazio e tempo sono forme «a priori» della sensibilità, non appartenenti alle cose e agli eventi, ossia alla (63 G. De Boni, L'uomo, ecc., cit., pag. 53. (64) L'ipotesi della quarta dimensione, concepita dallo Zeillner come dimensione spaziale, è stata, respinta dal Bozzano come «impensabile». (Cfr. E. Bozzano, Ipotesi «inconcepibili» ed ipotesi «impensabili n, in Indagini sulle manifestazioni supernormali, Serie III, cit., pagg ). In effetti., quantunque presentata e discussa con molto buona volontà dal Barnard (The supernormal - A criticai introduction to psychic science, Londra, 1933, trad. it., Roma, 1949, pagg ), non riesce a farsi accettare, se non come una di quelle costruzioni, cui dà luogo la logica matematica, ma che non trovano conferma nei fatti. 205

3 i realtà oggettiva, ma all'io, che fra esse, come fra le coordinate di un mirino, mette a foto la realtà quando la conosce e per poterla conoscere; c) quello modernissimo di. Minkowski, secondo il quale spazio e tempo riconquistano l'oggettività, loro negata da Kant, ma non la sostanzialità, che avevano nel modello classico. In questo modello, spazio e tempo sono dimensioni della realtà, quindi dimensioni non incongrue fra loro, visto che strettamente le connette la realtà, cui ineriscono: una realtà quadridimensionale il Cronòtopo inquadrata dalle tre dimensioni spaziali e dalla quarta, il tempo (65 ). Sembra che quest'ultimo modello sia il più rispondente all'essenza dello spazio e del tempo, a cui è difficile, dopo le obiezioni kantiane, attribuire la sostanzialità di ambienti delle cose e degli eventi, propria del modello classico; ma a cui è forse più difficile ancora, data l'esperienza pesantemente negativa della metafisica idealistica, che, dopo alcune false partenze da posizioni empiristiche, dal Criticismo ha preso l'avvio (66 ), attribuire la soggettività di forme «a priori» dell'io, propria del modello di Kant. E tale rispondenza lo rende atto ad esprimere chiaramente la relazione di funzionalità che intercorre fra lo spazio e il tempo, relazione per la quale ciascuno dei due varia in funzione del variare dell'altro. Non vi è esempio di divenire dal più semplice moto traslativo, rappresentato dalla caduta di un grave, al più complesso moto metabolico, identificantesi con la crescita di un vivente, in cui le variazioni spaziali non siano funzioni di quelle temporali e viceversa. Ora, quest'interdipendenza fra spazio e tempo trova adeguata rappresentazione nel Cronòtopo, o universo di Minkowski, schematizzabile in un sistema cartesiano, nel quale il tempo s'inserisce come quarta coordinata. Spazio e tempo, ridotti nel modello di Minkowski al ruolo di dimensioni della realtà, in tanto si danno, in quanto si dà la realtà. Questo significa che spazio e tempo come già riteneva Cartesio nei riguardi dello spazio (67) non si danno, laddove la realtà non si dà, cioè nel (65) Hermann Minkowski ( ), nel suo Cronòtopo, sostituisce, alla quarta dimensione spaziale di Ziillner, la dimensione tempo. L'intuizione della congruenza fra spazio e tempo in un tutto unitario è balenata, precedentemente, al Gioberti, il quale l'ha espressa con lo stesso vocabolo: il Cronòtopo. Il Cronòtopo di Minkowski è l'universo, in quanto quadruplicemente dimensionato dalle tre dimensioni spaziali e dalla quarta: il tempo. (Cfr. H. Minkowski, Das Relativifdtsprinzip, Lipsia, , trad. ingl., Londra, 1923). Il Cronbtopo di Gioberti è Dio, non in quanto sostanza divina, ma in quanto infinita possibilità creativa, mediante la quale Dio stesso, cioè l'ente, giusta la nota formula giobertiana, crea l'esistente, ossa il mondo, che ne risulta, appunto, dimensionato, spazio-temporalmente. (Cfr.: V. Gioberti, Della Protologia, ed. Massari, Torino-Parigi, 1857, Vol. I, pagg , ). (66) Cfr.: C. Ottaviano, Critica dell'idealismo, Padova, , trad. ted., Miinster, E cfr. anche, dello stesso A., Metafisica dell'essere parziale, Napoli , nella quale la «reductio ad absurdum» dell'idealismo, condotta serratamente nella prima opera attraverso la critica del principio d'immanenza, trova ampio respiro, in un suggestivo, quanto nitido, panorama di storia del pensiero filosofico. Trad. rum., Bucarest, (67) Cfr.: Principia philosophiae, II, 4, in Oeuvres, Parigi

4 vuoto metafisico, cioè nel nulla: è la realtà che li sostiene nell'essere. E significa, ancora, che non hanno un essere proprio, ma fruiscono di quello della realtà: sono la realtà stessa e, per esser precisi, due aspetti della realtà. Ciò stante, il quesito circa l'essenza dello spazio e del tempo può essere concretamente formulato come domanda circa l'essenza della realtà in relazione a tali suoi aspetti, o modi di prospettarsi. Ed appunto in questa forma deve essere proposto, se si vuole che la sua soluzione dia, dei concetti di spazio e tempo, il contenuto concreto. Si deve parlare, cioè, non di spazio e di tempo, dimensioni della realtà; ma di realtà, dimensionata spazialmente e temporalmente, e si deve, poi, accertare che cosa significhi, per la realtà, questo suo esser dimensionata nelle due direzioni suddette. Consideriamo, dunque, in concreto, la realtà dimensionata spazialmente e temporalmente e vediamo quale significato sia da attribuire al dimensionamento, in genere, ed a quello spaziale e temporale, in specie. Esser dimensionata è per la realtà la medesima cosa che esser misurata, perché dimensione è sinonimo di misura. E, siccome la misura è rapporto, o proporzione, di alcunché ad un termine assunto come unità di misura, nel senso che esprime il numero di tali unità contenute nell'alcunché misurato, dire che la realtà è dimensionata significa dire che è rapportata, o proporzionata, a molte unità di misura, ossia che ne contiene molte. Ma, se contiene molte unità, la realtà s'identifica con una molteplicità, cioè con l'insieme unitario di tali molte unità. Ed è proprio questa sua costituzionale molteplicità, questo suo essere un'unità di molti ché tale è la molteplicità la ragione profonda del suo atteggiarsi come dimensionata. Per converso, l'atteggiamento in questione non è che la «facies» fenomenica della molteplicità. Si può, dunque, concludere che la realtà è genericamente dimensionata, in quanto consta di una molteplicità. Vediamo, ora, che cosa significhi, per la realtà, essere dimensionata spazialmente e temporalmente; che cosa significhi, cioè, dopo quanto si è detto, essere una molteplicità spaziale e temporale. La molteplicità, in quanto unità di molti, è data dalla convenienza fra i molti e l'uno. Si tratta di convenienza dialettica: il concetto di molteplicità risulta dalla sintesi dei due concetti, quello dei molti e quello dell'uno, ciascuno dei quali non si pone assolutamente, ma solo in opposizione all'altro, come tesi sul proprio sfondo antitetico. Ma si tratta anche di convenienza reale, od ontologica, ossia di una relazione fra i molti e l'uno, di cui la realtà, nel suo complesso ed in ogni sua anche minima parte, ci offre continuo spettacolo. Invero, tutto ciò che esperimentiamo fuori di noi ed in noi, sia esso considerato globalmente (realtà), o parzialmente (cosa o elemento di cosa ), esibisce un duplice processo di unificazione dei molti 267

5 ( consistente nel divenire uno di quelli che son molti) e di moltiplicazione dell'uno ( consistente nel divenire molti di ciò che è uno ). I due processi si integrano a vicenda e ne costituiscono uno solo: una sorta di universale palpito, che ha, per sistole, l'unificazione, per diastole, la moltiplicazione e, per sede, la realtà, considerata nella sua interezza ed in ogni suo elemento, anche infinitesimo. Si integrano, i due processi, perché ciascuno fornisce all'altro il proprio risultato, quale fulcro imprescindibile onde l'altro si verifichi. Non può darsi unificazione, se non dei molti, risultanti dall'inverso processo di moltiplicazione; né può darsi moltiplicazione, se non dell'uno, che risulta dall'inverso processo di unificazione. Sotto il profilo ontologico, la molteplicità rivela, dunque, un intimo dinamismo, dato dalla tensione fra i molti e l'uno, dinamismo che si esprime: a) staticamente, in coincidenza con ogni fase di instabile equilibrio fra le due opposte tendenze che lo costituiscono quella verso i molti e quella verso l'uno, allorché assume, appunto, quell'aspetto intermedio fra i molti e l'uno, che si indica come unità di molti, o molteplicità; b) cineticamente, nella continua, universale e capillare vicenda, nella quale le unificazioni si alternano alle moltiplicazioni, le une traendo alimento dalle altre, e viceversa, nel senso sopra indicato. Queste due espressioni del dinamismo insito nella molteplicità atteggiano la medesima e, quindi, la realtà che con essa s'identifica in termini di spazio e di tempo. In particolare, la prima espressione la atteggia spazialmen te, perché, prospettandosi come statica convenienza fra i molti e l'uno, realizza la concomitanza dei molti elementi della realtà nell'unità di quest'ultima. E lo spazio è, appunto, concomitanza di molti. La seconda espressione atteggia la realtà temporalmente, perché si prospetta come vicenda di unificazioni e moltiplicazioni, continuamente, universalmente e capillarmente incidenti nella realtà, che ne risulta articolata in una successione di eventi. E il tempo è, appunto, successione di eventi. Si perviene, così, ad una visione della realtà, dimensionata secondo spazio e tempo, in quanto sintesi dinamica dei molti e dell'uno, esplicantesi in un'alterna vicenda di conversione dei molti nell'uno o unificazione e dell'uno nei molti o moltiplicazione ( 68 ). (68) Questa nostra visuale ha un albero genealogico, che, dai presocratici si ricorda Empedocle giunge fino alla speculazione dei nostri giorni. Si richiama, come esempio di quest'ultima, la teoria unitaria del mondo fisico e biologico, a cui è pervenuto l'illustre matematico italiano Luigi Fantappié ( ), partendo da un'esigenza d'interpretazione delle soluzioni dei potenziali anticipati». (L. Fantappié, Principi di una teoria unitaria del inondo fisico e biologico, Roma, 1944; Visione unitaria del mondo e della vita, in Sophia Rivista internazionale di Filosofia e Storia della Filosofia, Padova, luglio-dicembre 1947, pagg ). La teoria del Fantappié trova un'interessante applicazione psicologica nella «Psicoenergetica di Primo Sacripanti. (Cfr.: R Sacripanti, Dal dinamismo primario della psiche alla nascita delliperlo, con prefazione di Nicola Pende, in Quaderni di Fraternità Nord-Sud, Roma, 1957). 268

6 Il contenuto di questa visione è problematico. La realtà, che essa ci prospetta, intimamente dilaniata dall'alternativa fra l'uno e i molti, non riesce, infatti, a fondare la propria sussistenza e, poiché di fatto sussiste, indica nella trascendenza la sede del proprio fondamento. Seguire questa indicazione, in una ricerca più ampia, esorbita dalle finalità del presente lavoro. Qui conviene notare come la trascendenza, mentre si profila, all'esterno della realtà, sede indiziaria del fondamento della realtà medesima, all'interno condizioni la realtà, sintesi dinamica dell'uno e dei molti. E' indubbio, infatti, che codesta sintesi implichi la reciproca trascendenza dei suoi fattori. La implica sul piano logico, dove si afferma come sintesi dialettica di due antitetici concetti l'uno e i molti, sintesi condizionata «a priori» dalla loro opposizione, che è trascendenza logica. Ma la implica con più convincente evidenza sul piano ontologico, dove, come si è visto, fra l'indubbia concretezza dei molti e l'indubbia concretezza dell'uno, tale trascendenza è colmata da una tensione dinamica altrettanto concreta, attuantesi come vicenda di unificazioni e moltiplicazioni. Se l'uno e i molti ontologicamente non si trascendessero, tale vicenda non avrebbe luogo e la realtà non presenterebbe la dimensione temporale, che invece presenta. In tal caso, dovremmo considerarli reciprocamente immanenti, cioè tutt'una cosa, al punto da non consentire quella visione prospettica del loro insieme, nella quale concorrono, non s'identificano, e che dicesi molteplicità in concomitanza. La realtà, ciò stante, non presenterebbe neppure la dimensione spaziale. L'uno e i molti si trascendono ontologicamente, il che significa che non si trascendono spazialmente ossia interponendo, fra le loro due entità, spazio, né temporalmente ossia interponendo, fra le entità medesime, tempo, bensì interponendo essere. Se, infatti, la loro trascendenza fosse di natura spaziale o temporale, sarebbero lo spazio e il tempo a determinarla; mentre avviene, appunto, il contrario: è la suddetta trascendenza, come condizione «a priori» della struttura moltiplicitario-cinetica della realtà, a determinare lo spazio e il tempo, quali dimensioni della realtà stessa. L'uno e i molti si trascendono ontologicamente, in senso assiologico, proponendosi, cioè, sul piano comune dell'essere, con diverso valore (69). Fra i due, è l'uno che prevale sui molti. All'uno, infatti, compete, nella costituzione della realtà, che pur effettua con il contributo necessariamente complementare dei molti, quella preminenza, (69) Si adotta, qui, il concetto oggettivo di valore, fondato sull'identificazione scolastica» dell'essere col bene: «ens et bonum convertuntur». Valore, secondo questa concezione, è il grado di realizzazione di una cosa, grado che, stante l'identità su riferita fra essere e bene, coincide col grado di bene, ossia di vigenza attiva e attivante, presentato dalla cosa stessa. 269

7 per la quale l'antica «scolastica» lo identificava addirittura con la stessa realtà, secondo l'adagio: «ens et unum convertuntur». E tale preminenza si manifesta nell'attività concretizzante ed organizzatrice, svolta dall'uno nei confronti dei molti, che ad essa si prestano passivamente. Non si tratta soltanto dell'espressione meccanicistica di energia unificante insita nell'uno, giacché le entità, che ne risultano, mostrano strutture organiche, implicanti altri due titoli di preminenza dell'uno rispetto ai molti, e cioè l'esemplarità, per cui quello si propone a questi come esemplare da attuare, ed il finalismo, per cui l'azione del primo sui secondi non è cieca, ma illuminata da un fine: l'attuazione, appunto, del modello proposto. In tutta la realtà, dalla sua globalità all'infimo degli elementi e dal più alto livello, quello della razionalità, al più basso, quello della natura cosiddetta inorganica, l'uno si manifesta ben distinto dai molti, centro animatore, ossia concretizzante, organizzante, vitalizzante della realtà stessa (70) e di qualunque ente (71). La vita, infatti, pervade tutta la realtà ed ogni sua parte, non tanto come espressione biologica riservata ai livelli più alti della realtà stessa, quanto come coesione di elementi in concomitanza e successione, onde le dimensioni spazio-temporali del mondo che ci circonda. E questa vita prova la presenza ai molti (ossia la trascendenza rispetto a questi) dell'uno, da cui dipende. Prova ciò, perché sconfina nella morte, che, essendo, ad ogni livello di realtà (72 ), soluzione della coesione interelementare, prospetta, come più probabile ipotesi esplicativa, quella della cessazione di tale presenza. Se, infatti, la vita non fosse partecipata ai molti dall'uno, ma ad essi ilozoisticamente appartenesse, non cesserebbe d'un solo tratto, come in effetti avviene; bensì in tanti tratti, quanti sono gli elementi dell'ente che via via si separerebbero dalla compagine di esso. E sparirebbero, per questa graduale sepa- (70) Si tenga presente, al riguardo, il concetto di anima del inondo, che, dall'antico pitagorismo ( Timeo di Locri, Perì psychàs kósmo kai fysios, ed. J. J. De Gelder, Leida, 1936). attraverso il Timeo platonico (34 B) e il De anima aristotelico (I, 3, 407), passa allo stoicismo, secondo il quale diventa «Pneuma», fuoco organizzatore, intelligente (Stobeo, Eclog., 1,56; Cicerone, De natura deorum, I, 3, 35, II, 8), e giunge al neoplatonismo plotiniano (Enn. III, 2, 5). Nel Medio-evo, il concetto è riesumato, a seguito della ripresa degli studi platonici, e consegnato al Rinascimento (Agrippa di Nettesheim, Paracelso, G. van Helmont, G. Bruno, H. More). Nella filosofia moderna, ne dà una definizione Schelling (Salmi. Werke, I, parte II, pag. 569). (71) Da ciò, la concezione animistica, ancora viva nei popoli primitivi, concezione, che, con varie oscillazioni di contenuto, dall'ilozoismo dei presocratici al pampsichismo di E. Haeckel ( ), si può dire che attraversi tutta la storia del pensiero. (72) La morte non riguarda solo le creature che consideriamo viventi, ma tutte le cose. Se, per le prime, consiste nella cessazione dei fenomeni biologici, per tutte le cose consiste nella cessazione della coesione interelementare. E' recente la notizia della progettata rimozione dei cavalli di Bisanzio dalla facciata di S. Marco a Venezia, a causa di una sorta di necrosi del bronzo in cui sono fusi. Ma lo spettacolo della fatiscenza e della disintegrazione mortale di cose, quale che sia la materia che le costituisce, è uno dei più abituali. 270

8 razione, gli stessi elementi via via separantisi, senza lasciare i cosiddetti resti mortali (salma, ecc.). Ora, quest'uno, che, da una posizione di trascendenza assiologica, condiziona la realtà ed ogni parte di questa nella loro dimensionalità spazio-temporale, non può essere, a sua volta, dimensionato, almeno sotto i profili spaziale e temporale, di cui costituisce l'«a priori». Se, infatti, lo fosse a parte la contraddittorietà notata non varrebbe ad unificare in concomitanza e successione gli elementi della realtà e di ogni parte di essa; non varrebbe, cioè, ad espletare la funzione unificante, che svolge nei confronti dei molti, perché presenterebbe ad essi non uno, ma più centri di convergenza. L'uno, dunque, quale fattore condizionante la dimensionalità spazio-temporale della realtà e delle parti di essa, si prospetta adimensionalmente strutturato. 6 - L'analisi della dimensionalità spazio-temporale della realtà offre, con il fattore suddetto, all'indagine parapsicologica e, in particolare, all'ipotesi da noi avanzata di una causa adimensionale dei fenomeni paranormali, un modello di codesta causa. Si prospetta, tale modello, sotto le specie di quello che Barnard chiama «principio integrativo», ossia principio cui è raccomandata l'integrità della realtà e di qualunque cosa ed evento in essa compresi (73 ). Se, in linea generale, ne argomentiamo la presenza attiva nella realtà ed in ogni sua parte, dalla sopra notata coesione delle dette entità; in particolare, possiamo dire d'intuirne la presenza in noi, appercettivamente. Lo intuiamo, innanzi tutto, come centro del complesso psico-somatico, con cui s'identifica la nostra persona, ossia come il nucleo, al quale fanno capo tutti gli elementi concomitanti, che rendono la nostra persona dimensionata spazialmente (soma) e tutte le successive disposizioni di tali elementi, che rendono la nostra persona dimensionata temporalmente (psiche). Lo intuiamo, in secondo luogo, come il titolare, di cui la persona è una pertinenza, un oggetto di dominio, una sorta di veste e, soprattutto, è lo strumento o il mezzo della conoscenza e dell'azione. Lo intuiamo, in terzo luogo, come ciò con cui ci identifichiamo, in quanto soggetti della conoscenza e dell'azione, che, tramite la persona, ci collegano alla realtà esterna. E lo chiamiamo Io. L'Io è adimensionale, ossia è aspaziale ed atemporale. E' aspaziale, tanto è vero che non consta di una molteplicità di elementi concomitanti, come, ad esempio, la persona nel suo aspetto somatico, ma di un'unità puntuale. Infatti, nel rapportarsi alla persona, non inerisce ad ogni (73) G. C. Barnard, The supernomal, cit., trad. it., pag

9 singola parte di questa con una propria parte corrispondente, ma è tutto in ogni singola parte della persona. E' atemporale, tanto è vero che non consta di una molteplicità di stati successivi, come, ad esempio, la persona nel suo aspetto psichico, ma di un'unità istantanea. Infatti, nel rapportarsi alla persona, non s'immedesima con i successivi stati di questa, declinando con essi nel passato o provenendo con essi dal futuro; ma permane fisso nell'istante del presente, lasciando, per dir così, scivolare su di sé il divenire della persona. In esso, dunque, sembra potersi ravvisare l'agente sconosciuto dei fenomeni paranormali, per il fatto che ha con questi in comune il carattere dell'adimensionalità spazio-temporale. L'Io può conoscere ed agire, prescindendo dalle condizioni che spazio e tempo impongono alla conoscenza e all'azione normali, perché la sua essenziale adimensionalità lo affranca da tali condizioni. Ma, affinché questa possibilità si renda attuale e l'io, in effetti, conosca ed agisca in guisa paranormale, l'io medesimo deve passare dallo stato di integrazione nella persona stato di adimensionalità potenziale, in cui conosce ed agisce normalmente in un definitivo o provvisorio stato di disintegrazione dalla persona o di adimensionalità attuale, con la morte o, rispettivamente, con il sonno naturale, l'ipnosi, l'auto-ipnosi medianica (volgarmente: «trance»), o yogica, ecc. Sono gli stessi fatti a suggerire tale ipotesi, ossia, in primo luogo, l'atteggiamento spiritoide, che i fenomeni paranormali hanno sempre assunto ed assumono, nella stragrande maggioranza, atteggiamento particolarmente probativo, quand'è del tutto spontaneo ed inaspettato (74 ); in secondo luogo, le condizioni ipnoidee, in cui, tranne casi eccezionali, versano, più o meno profondamente, i produttori dei fenomeni in questione ( medium consapevoli, o non, della loro medianità). Ma è anche la logica a suggerirla. L'Io, finché è integrato nella persona, costituisce tutt'uno con essa e ne adotta, in particolare, la dimensionalità spaziotemporale, rapportandosi ai molti elementi, per tenerli uniti in concomitanza e successione, sicché formino, appunto, il complesso fisio-psichico personale. Tutt'uno con la persona, il suo conoscere e il suo agire sono il conoscere e l'agire della persona, cioè di un ente spazio-temporale, il cui conoscere s'identifica con il reagire all'incidenza di un oggetto che, per inciderlo, deve essergli, ovviamente, presente nello spazio e nel tempo e il cui agire s'identifica con l'incidere in un oggetto ovviamente ad esso presente nello spazio e nel tempo. Solo con la disintegrazione, definitiva o provvisoria, dalla persona disintegrazione possibile, data la trascendenza assiologica dell'io, rispetto agli elementi (74) E' da ricordare, a questo proposito, il caso Fox, in cui l'entità supposta ed interpellata era il demonio, mentre quella, che si dichiarò presente e i cui resti mortali furono rinvenuti casualmente, dopo 56 anni, nello scantinato di Hydesville, era un disincarnato. 272

10 fisio-psichici che unisce l'io può spogliarsi della dimensionalità, che è connaturata alla persona, non ad esso. Ora, la fenomenia paranormale, nelle sue due grandi categorie, quella dei fenomeni soggettivi e quella dei fenomeni oggettivi, offre ciò, che appare come l'esempio più calzante della conoscenza e dell'azione di soggetti o Io liberi da dimensionalità spazio-temporale. La schematica dei fenomeni è dualistica, come quella della conoscenza e dell'azione normali, nel senso che la conoscenza paranormale si prospetta come alterazione del soggetto, avente contenuto oggettivo, e l'azione paranormale, come alterazione dell'oggetto, avente contenuto soggettivo. Ma, entro questa schematica, identica a quella della conoscenza e dell'azione normali, i fenomeni si producono secondo una meccanica, che differisce da quella della normalità teoretico-pratica, per l'abolizione dello spazio e del tempo, quali condizioni dell'interazione fra soggetto ed oggetto. Questo significa che, sia la conoscenza, sia l'azione paranormali si verificano indipendentemente dalla coesistenza spazio-temporale del soggetto e dell'oggetto: indipendentemente da quell'o hic et nunc», a cui soggetto e oggetto sono legati, come ad imprescindibile denominatore comune, nella conoscenza e nell'azione normali E significa anche qualcosa di più. La rapida rassegna fenomenologica sopra tracciata ha messo in luce come, ad una fenomenia paranormale macroscopica, se ne affianchi una microscopica. L'ipotesi dell'adimensionalità dell'io, che abbiamo proposta, sembra getti una luce anche su questo aspetto della problematica parapsicologica. Invero, ad un Io, cui siano indifferenti le condizioni spazio-temporali della conoscenza e dell'azione, sono indifferenti, evidentemente, anche le dimensioni spazio-temporali dell'oggetto, sicché la fenomenia microscopica non può destare maggiore meraviglia, di quella macroscopica. LUIGI PIZZIGHELLI 3 - LA ZAGAGLIA 273

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Si rifà alla concezione ciclica della storia, formata da fasi alterne che si ripetono

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

LOOK AT THE ARTIST. di Alessio Chierico

LOOK AT THE ARTIST. di Alessio Chierico LOOK AT THE ARTIST di Alessio Chierico DESCRIZIONE TECNICA Installazione costituita da: 4 quadretti con lato di 33 cm 1 cubo di legno con lato di 50 cm 1 specchio semitrasparente 1 monitor CRT 15 1 sensore

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Apporti, Asporti e Regali

Apporti, Asporti e Regali Apporti, Asporti e Regali Collana: Ali d Amore N. 9 A Dilaila e alle anime candide dell Altra Dimensione A P P O R T I Gli apporti sono materializzazioni di oggetti, di animali, di piante o fiori, che

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

La campagna di tesseramento

La campagna di tesseramento 2015 La campagna di tesseramento 2 Senza immaginazione non c è salvezza. Giulio Carlo Argan 1. La storia della campagna 2. La tessera 3. Tono & linguaggio 4. Strumenti di campagna 2015 La storia della

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia.

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia. Lezione 17 - pag.1 Lezione 17: le macchine 17.1. Che cosa è una macchina? Il termine macchina, nell uso comune della lingua italiana, sta diventando sinonimo di automobile, cioè, alla lettera, dispositivo

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE 1) Ruolo animatrice di P.O. Secondo il Dipartimento per le Pari Opportunità, la figura dell animatrice/animatore di P.O. è

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali.

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. Elementi da una ricerca Giuseppe Vadalà Università degli Studi di Bergamo giuseppe.vadala@unibg.it 1 IDENTITÀ NEGATA Noi normali sviluppiamo

Dettagli

Affinità Karmiche e Relazioni Affettive

Affinità Karmiche e Relazioni Affettive Affinità Karmiche e Relazioni Affettive Genova presso Centro Civico Marco Ferrini Relazione a cura di Manola Farabollini Come migliorare le relazioni Famiglia di origine e famiglia di appartenenza: quali

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

La Qualità il Controllo ed il Collaudo della macchina utensile. Dr. Giacomo Gelmi

La Qualità il Controllo ed il Collaudo della macchina utensile. Dr. Giacomo Gelmi La Qualità il Controllo ed il Collaudo della macchina utensile Dr. Giacomo Gelmi Che cosa è una macchina utensile? E uno spazio fisico in cui si collocano, sostenuti da adeguate strutture ed in posizioni

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

Le regole dei Maestri

Le regole dei Maestri Le regole dei Maestri Le tecniche di gioco L'apprendimento del gioco dello Scopone. Lo Scopone è un gioco complesso, di conseguenza l'apprendimento va fatto per gradi: dalla conoscenza delle regole elementari

Dettagli

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore.

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. Capitolo II La forma del valore 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. I beni nascono come valori d uso: nel loro divenire merci acquisiscono anche un valore (di scambio).

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

GRUPPI DI LAVORO: ANNO SCOLASTICO 2009-2010

GRUPPI DI LAVORO: ANNO SCOLASTICO 2009-2010 Con la collaborazione di: Società Filosofica Italiana(S.F.I.) Filosofica Ligure(A.F.L.) Association Internationale des Professeurs de Philosophie (A.I.P.Ph.) Bruxelles ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I CeSe.Di. - Riorientamento nel primo anno delle superiori INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I dati Sezione 1 - AFFERMAZIONI GENERALI (10 item): affermazioni che afferiscono alle percezioni

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Max Weber (1864-1920)

Max Weber (1864-1920) Max Weber (1864-1920) Nato a Erfurt, Turingia Famiglia alto-borghese Studia a Heidelberg legge, storia,teologia, economia, filosofia Membro del Verein fur Sozialpolitik, circolo fondato da Gustav Schmoller

Dettagli

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o Ne bis in idem: modifica delle condizioni di separazione ex art. 710 c.p.c. e divorzio (improcedibile il primo, se instaurato il secondo) commento a decreti del Tribunale di Genova, 31.01.2012 e 21.02.2012)

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Scuola di Fotografia

Scuola di Fotografia Scuola di Fotografia Divieto di riproduzione parziale o totale con qualsiasi mezzo del contenuto di questo documento. Il suo utilizzo è da intendersi a solo scopo personale ed è vietata la sua diffusione.

Dettagli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli concettuali di natura medica o di natura sociale, secondo visioni

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio.

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. CONTINUA L INTRODUZIONE 1. L Architettura Feng Shui, è dunque un bacino di conoscenza sintetizzato in questo paradigma delle tre vie, che

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA Linee guida applicative del Sistema di misurazione e valutazione della Performance del Personale Civile delle aree funzionali della Difesa 1. Premessa In data 01/01/2016, è

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

INFINITO & CARDINALITÀ

INFINITO & CARDINALITÀ SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA TFA-A059 Didattica della Matematica II INFINITO & CARDINALITÀ A cura di: Andrei Catalioto Docente: Prof. Paolo Piccinni ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Il Paradosso del Hotel Infinito

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Cenni di Algebra di Boole. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Cenni di Algebra di Boole. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Cenni di Algebra di Boole Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il Calcolatore

Dettagli

Fenarete Letture d'italia, bimestrale di attualita e di cultura, Anno XXII n. 127 VI 1970. IL DESIGN DI RICERCA Nel campo del design si trovano molte attivita diverse, benche la figura del designer non

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

2. Definizione di salute pubblica

2. Definizione di salute pubblica 2. Definizione di salute pubblica L individuazione del concetto di salute pubblica è estremamente complesso: il problema infatti non è quello di stabilire l esatta etimologia dell espressione, ma di capire

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA Le scienze devono essere insegnante attraverso una didattica laboratoriale Per svolgere attività laboratoriali non c è

DIDATTICA DELLA CHIMICA Le scienze devono essere insegnante attraverso una didattica laboratoriale Per svolgere attività laboratoriali non c è DIDATTICA DELLA CHIMICA Le scienze devono essere insegnante attraverso una didattica laboratoriale Per svolgere attività laboratoriali non c è bisogno di un laboratorio La attività laboratoriali non devono

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli