Servizi analitici per la ricerca di sostanze incluse in Restrizione, Autorizzazione e in Candidate List (SVHC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi analitici per la ricerca di sostanze incluse in Restrizione, Autorizzazione e in Candidate List (SVHC)"

Transcript

1 Verona, 21 Aprile 2011 Servizi analitici per la ricerca di sostanze incluse in Restrizione, Autorizzazione e in Candidate List (SVHC) Sergio Fasan

2 SERVIZI CHELAB per il REACH TESTING TEST/STUDI CHIMICO-FISICI Detmn sostanze pericolose soggette a Restrizione e/o Autorizzazione (SVHC) in articoli Testi Chimico-Fisici per identificazione/caratterizzazione delle sostanze (All. VI) Test/Studi Chimico-Fisici per la registrazione delle sostanze (All. VII-IX) STUDI TOSSICOLOGICI Allegati VII-VIII REACH Buona Pratica di Laboratorio 0 STUDI ECOTOSSICOLOGICI Allegati VII-VIII REACH Buona Pratica di Laboratorio

3 LINEA GUIDA ECHA SUGLI ARTICOLI (versione 2-04/2011) 0

4 LINEA GUIDA ECHA SUGLI ARTICOLI (nota su posizioni dissenzienti di alcuni MS) 0

5 POSIZIONE DEGLI STATI MEMBRI DISSENZIENTI STATI MEMBRI: Germania, Francia, Svezia, Austria, Belgio, Norvegia, Danimarca 0

6 POSIZIONE DEGLI STATI MEMBRI DISSENZIENTI DEFINIZIONE DI ARTICOLO Definizione di articolo (REACH, art. 3 comma 3): un oggetto a cui sono dati durante la produzione una forma, una superficie o un disegno particolari che ne determinano la funzione in misura maggiore della sua composizione chimica Non c è una base giuridica secondo la quale si può affermare che un articolo può "cessare di essere tale" quando è unito insieme ad altri articoli per formarne un articolo più complesso. Conclusione: sia l articolo complesso che le sue parti sono un articolo. 0 Effetto: Il limite dello 0.1% deve essere verificato su ciascun oggetto che abbia una forma, una superficie o un disegno che implica il rispetto della definizione di articolo nel REACH art. 3(3) Esempi di oggetti che possono ricadere nella definizione di articolo: componenti d arredamento smontabili, lacci da scarpe, pezzi di ricambio per auto o per l elettronica, accessori di giocattoli (ad esempio gli indumenti dei peluche), viti e bulloni, beni di consumo sfusi forniti all interno di singole confezioni di vendita

7 ARTICOLI: RISOLUZIONE DI CASI BORDERLINE Processo di trasformazione da sostanza ad articolo (2) ESENTE (All. V) REGISTRAZ. art. 6 0 REGISTRAZ. monomero di partenza NOTIFICA eventuali SVHC art.7(2) Rif.: RIP 3.8 Guidance on requirements for substances in articles (may 2008)

8 PREPARATI Art. 6 (registrazione) sostanze nei preparati Art. 7.2 (notifica); art. 33 (informazioni su SVHC) contenitore/packaging Fertilizzanti Candele 0 Gel termici Cosmetici e Profumi Detergenti e solventi

9 Art. 6 (registrazione) PREPARATI (in carrier/contenitori speciali) sostanze nei preparati Art. 7.2 (notifica); art. 33 (informazioni su SVHC) carrier/cont. speciale Estintori Pout pourry profumati Salviette profumate Prodotti spray Deodoranti per ambienti Pennarelli/evidenziatori Toner stampanti

10 ARTICOLI CONTENENTI SOSTANZE RILASCIATE INTENZIONALMENTE Art. 7.1 (registrazione) sostanze rilasciate intenzionalmente Art. 7.2 (notifica); art. 33 (informazioni su SVHC) articoli Autovetture (sostanze contenute nel liquido lavavetri) ) Articoli profumati (sost. aromatizzanti) Cosmetotessili (principi attivi)

11 ARTICOLI CONTENENTI SOSTANZE COME PARTE INTEGRANTE NON RILASCIATE INTENZIONALMENTE Art. 7.2 (notifica); art. 33 (informazioni su SVHC) Termometri a mercurio/alcool ) Batterie auto Lampade con bolle Pneumatici

12 ARTICOLI CONTENENTI SOSTANZE NON RILASCIATE INTENZIONALMENTE Art. 7.2 (notifica); art. 33 (informazioni su SVHC) Gonfiabili Giocattoli Abbigliamento Articoli per la casa Attrezzature sportive Apparecchiature elettriche/elettroniche Arredamento

13 SOSTANZE IN ARTICOLI Sostanze negli ARTICOLI OBBLIGO DI REGISTRAZIONE (art. 7.1) se: 1. Quantità totale della sostanza negli articoli > 1 ton./anno; 2. La sostanza è destinata ad essere rilasciata in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili; 3. La sostanza non è ancora stata registrata per tale uso. OBBLIGO DI NOTIFICA (art. 7.2) se: 1. Il rilascio della sostanza NON è intenzionale ) ma l esposizione dell ambiente e dell uomo può avvenire in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili (compreso lo smaltimento); 2. La sostanza è altamente preoccupante (SVHC) ed è stata inserita nella Candidate List (delle sostanze soggette ad Autorizzazione All. XIV); 3. La sostanza è contenuta in concentrazione > 0,1% (w/w); 4. La quantità totale della sostanza negli articoli > 1 ton./anno; 5. La sostanza non è ancora stata registrata per tale uso. A decorrere dal 1 giugno 2011 l obbligo di NOTIFICA si applica sei mesi dopo che una sostanza è stata inserita nella Candidate List

14 SANZIONI (D.Lgs. nr. 133 del 14/9/9) Articoli del REACH OBBLIGO SANZIONE Artt.6,7,8,12,17 registrazione; Artt. 7, 31, 32, 33, 34, 35 e 36 Artt. 7, 31, 32, 33, 34, 35 e 36 Art. 35 Artt. 37,38 e 39 Registrazione e notifica Trasmissione di informazioni SDS (Scheda di Sicurezza) Trasmissione di informazioni su articoli e sostanze per le quali non è prevista una SDS Accesso dei lavoratori alle informazioni Conformità agli usi e trasmissione informazioni Artt. 56, 60 (All. XIV) Autorizzazione Da a per errata registrazione Da a per mancata registrazione Da a per mancata fornitura SDS Da a per mancato aggiornamento SDS (in casi definiti riguardanti autorizzazione, restrizione, nuovi pericoli) Da a per mancato aggiornamento SDS Da a per mancata fornitura SDS in italiano Da a per omissione scenari nella SDS Da a per mancata comunicazione ) informazioni quando non è prescritta una SDS Da a per omessa comunicazione SVHC negli articoli Da a per il datore di lavoro che non rende accessibili ai lavoratori SDS e informazioni equivalenti Da a per mancata redazione CSR da parte dell utilizzatore a valle Da a o 3 mesi di arresto per immissione sul mercato o uso non consentito di una sostanza soggetta ad autorizzazione Art. 67 (All. XVII) Restrizione Da a o 3 mesi di arresto per immissione sul mercato o uso non consentito

15 PRIMO GRUPPO DI SOSTANZE SVHC (15) Inserite nella Candidate List il 28 Ottobre 2008* Substance identification Substance name CAS number EC number ) Authority Reason for proposing Anthracene Germany PBT 4,4'-Diaminodiphenylmethane Germany CMR Dibutyl phthalate Austria CMR Cobalt dichloride France CMR Diarsenic pentaoxide France CMR Diarsenic trioxide France CMR Sodium dichromate, dihydrate France CMR 5-tert-butyl-2,4,6-trinitro-m-xylene (musk xylene) Netherlands vpvb Bis (2-ethyl(hexyl)phthalate) (DEHP) Sweden CMR Hexabromocyclododecane (HBCDD) Sweden PBT Alkanes, C10-13, chloro (Short Chain Chlorinated Paraffins) UK PBT Bis(tributyltin)oxide Norway PBT Lead hydrogen arsenate Norway CMR Triethyl arsenate Norway CMR Benzyl butyl phthalate Austria CMR *http://echa.europa.eu/chem_data/authorisation_process/candidate_list_en.asp

16 SECONDO GRUPPO DI SOSTANZE SVHC (14) inserite nella Candidate List il 13 Gennaio 2010* Substance name CAS EINECS Authority Reason Anthracene oil Germany PBT Anthracene oil, anthracene paste Germany PBT Anthracene oil, anthracene-low Germany PBT Anthracene oil, anthracene paste, anthracene fraction Germany PBT Anthracene oil, anthracene paste, distn. Lights Germany PBT Coal tar pitch, high temperature Eu Commission PBT/CMR Aluminosilicate, Refractory Ceramic Fibres ( *) Germany CMR Zirconia Aluminosilicate, Refractory Ceramic Fibres ) ( *) Germany CMR Lead chromate France CMR Lead chromate molybdate sulfate red France CMR (C.I. Pigment Red 104) Lead sulfochromate yellow France CMR (C.I. Pigment Yellow 34) Diisobutyl phthalate Germany CMR 2,4-Dinitrotoluene Spain CMR Tris(2-chloroethyl)phosphate Austria CMR *http://echa.europa.eu/chem_data/authorisation_process/candidate_list_en.asp

17 TERZA PUBBLICAZIONE SOSTANZE SVHC (1) Inserita nella Candidate List il 30 Marzo 2010 Substance name CAS No EC No Reason for inclusion Acrylamide CMR )

18 QUARTO GRUPPO DI SOSTANZE SVHC (8) Inserite nella Candidate List il 18 Giugno 2010 Substance name CAS No EC No Reason for inclusion Ammonium dichromate CMR Boric acid / / CMR Disodium tetraborate, anhydrous / / CMR ) 04-3 Potassium chromate CMR Potassium dichromate CMR Sodium chromate CMR Tetraboron disodium heptaoxide, hydrate CMR Trichloroethylene CMR

19 QUINTO GRUPPO DI SOSTANZE SVHC (8) inserite nella Candidate List il 15 Dicembre 2010 Substance name CAS No EC No Reason for inclusion Cobalt(II) sulfate CMR Cobalt(II) dinitrate CMR Cobalt(II) carbonate CMR Cobalt(II) diacetate CMR 2-Methoxyethanol CMR 2-Ethoxyethanol CMR Chromium trioxide CMR Acids generated from chromium trioxide and their oligomers. Group containing: Chromic acid Dichromic acid Oligomers of chromic acid and dichromic acid ) CMR

20 SOSTANZE SOGGETTE AD AUTORIZZAZIONE inserite nell Allegato XIV con Reg. 143/2011/CE) del 17/02/11 Substance name EC No Proprietà intrinseche Data entro cui devono pervenire le domande (1) Data di scadenza (2) Usi o categorie di usi esentati dall obbligo di autorizzazione 5-tert-butyl-2,4,6-trinitro-m-xylene (musk xylene) vpvb 21/01/13 21/07/14-4,4 -diaminodiphenylmethane Carc. 1B 21/01/13 21/07/14 - Hexabromocyclododecane (HBCDD) and all & PBT 21/01/14 21/07/15 - major diastereoisomers identified: Alpha-hexabromocyclododecane ( ) Beta-hexabromocyclododecane ( ) ) Gamma-hexabromocyclododecane ( ) Bis (2-ethylhexyl)phthalate (DEHP) Benzyl butyl phthalate (BBP) Dibutyl phthalate (DBP) Repr. Cat. 1B 21/07/13 21/01/15 Confezionamento primario dei medicinali. (1) data entro cui devono pervenire le domande di autorizzazione se il richiedente intende continuare a utilizzare la sostanza o a immetterla sul mercato per determinati usi dopo la data di scadenza (art c.ii Reg. REACH) (2) data a partire dalla quale l'immissione sul mercato e l'uso della sostanza sono vietati, salvo qualora sia rilasciata un'autorizzazione (art c.i Reg. REACH)

21 PROPOSTE DI RESTRIZIONI (All. XVII) IN CORSO DI VALUTAZIONE IUPAC name (chemical name) EC number (CAS number) Submission date Scope and other remarks Phenylmercuric octanoate ( ) 15/06/2010 Exposure from manufacture, placing on Phenylmercury acetate /06/2010 the market and use, as substances or in mixtures, placing on the market of Phenylmercury /06/2010 articles containing the substances neodecanoate Phenylmercury propionate /06/2010 Mercury /06/2010 Placing on the market and use of mercury for sphygmomanometers and 싰Фother measuring devices in healthcare and in other professional and industrial Phenylmercury 2- ethylhexanoate uses /06/2010 Exposure from manufacture, placing on the market and use, as substances or in mixtures, placing on the market of articles containing the substances Dossier by Norway ECHA on request of the Commission Norway Dimethylfumarate /04/2010 dimethylfumarate in treated articles France Lead and its compounds 15/04/2010 lead and its compounds in jewellery France

22 Sosta nza Pb ESEMPI DI RESTRIZIONI SPECIFICHE A LIVELLO NAZIONALE O EXTRA-UE) Campi di applicazione Limite Rif. Normativo Metodo articoli per bambini (<12 anni) miscele (vernici, colori, rivestimenti) 100 mg/kg (a partire da 14/08/11) 90 mg/kg 촐Ф Consumer Product Safety Improvement Act (CPSIA) articoli in genere 100 mg/kg Danish statutory order nr del 13/11/00 articoli tessili per bambini (<36 mesi) accessori (calzature, cinture, borse, ecc.) packaging giocattoli 0,2 mg/kg (Pb estraibile) China FZ/T (Textile Industry Std) 90 mg/kg (rivestimenti esterni) 300 mg/kg (pelle/compon. accessibili) 200 (PVC/componenti accessibili) 100 mg/kg (sum Cd, Hg, Pb, CrVI) 90 mg/kg (Pb estraibile) California Proposition 65 Dir. 94/62/EC EN -71 CPSC-CH-E /09 ASTM E1645 CPSC-CH-E ASTM E ASTM E1613; CNS (Taiwan) (verniciature) GB/T ; EN ISO 105-E04 (artificial acidic sweat) BS PD CEN/TR EN 71-3; ASTM F963

23 ESEMPI DI RESTRIZIONI SPECIFICHE A LIVELLO NAZIONALE O EXTRA-UE) Sostanza Campi di applicazione Limite Rif. normativo Metodo Formaldeide Tessuti: Japanese Law 112 JIS L1041 articoli per bambini < 2 anni 20 mg/kg China GB GB/T (China) prodotti a contatto con la pelle prodotti non a contatto pelle 75 mg/kg 300 mg/kg Danimarca, Polonia, OEKO TEX CNS (Taiwan) EN ISO articoli per bambini < 3 anni prodotti a contatto con la pelle Pelle: 30 mg/kg 20 mg/kg 100 mg/kg 150 mg/kg 킰Ф Finlandia Taiwan BSMI CNS Finlandia Polonia China GB GB/T (China) articoli per bambini < 2 anni 20 mg/kg EN ISO prodotti a contatto con la pelle 75 mg/kg EN ISO prodotti non a contatto pelle Giocattoli 300 mg/kg 0,2 mg/l (estraibile) EN 71 EN Trucioli, compensato, legno Articoli per decorazione Articoli tessili per decorazione di interni 500 mg/kg (totale) 250 mg/kg 300 mg/kg 250 mg/kg Danish SO nr. 289 Danimarca Taiwan

24 ESEMPI DI RESTRIZIONI SPECIFICHE A LIVELLO NAZIONALE O EXTRA-UE) Sostanza Campi di applicazione Limite Rif. normativo Metodo Ftalati tessuti giocattoli accessori in PVC Articoli 0,1% p/p 0,1% p/p (materiale omogeneo) 0,1% p/p 0,1% p/p Reg. 1907/2006/EC Ann. XVII & SVHC CL Reg. 1907/2006/EC Ann. XVII & SVHC CL California (AB1108) and US CPSIA Singapore (Consumer Goods Safety Requirements) California Proposition 65 UNI EN UNI EN ASTM D-3421 CPSC-CH-C IPA Materiali che possono venire a contatto con la pelle Articoli o componenti a contatto diretto con la pelle o le mucose 䇰 Ύ 10 mg/kg (somma di 16 IPA mat. a contatto >30 sec.) 200 mg/kg (somma di 16 IPA per contatto <30 sec.) 0,2mg/kg (su 8 IPA mat. a contatto >30 sec.) Lebens-und Futtermittelgesetzbuch ( 30 LFGB, Germania) Nuova proposta di restrizione ZEK Cromo VI Pelle Packaging Componenti elettrici 3 mg/kg 100 mg/kg (sum Cd, Hg, Pb, CrVI) 0,1% p/p (mat.omogeneo) XVIII Reg. Amendment of the German Ordinance on Commodities (3/8/10) Dir. 94/62/EC Rohs Dir. 2002/95/CE UNI EN ISO LFGB B BS PD CEN/TR IEC

25 RESTRIZIONI INSERITE NEL REG. 552/2009/CE Sostanza Campi di applicazione Limite Rif. normativo Tecnica analitica Perfluorottano sulfonati (PFOS) miscele articoli o parti di essi tessili o materiali rivestiti 50 mg/kg (0,005% in peso) 0,1% p/p 1 µg/m 2 del materiale rivestito Reg. 552/2009/CE LC/MS 2-(2-metossietossi) etanolo (DEGME) 2-(2-butossietossi) etanolo (DEGBE) vernici, prodotti svernicianti, detersivi, emulsioni autolucidanti e sigillanti per pavimenti vernici spray o detersivi spray in generatori di aereosol 0,1% p/p (dal 27/06/10) Reg. 552/2009/CE GC/MS 鸰 О 3% p/p (dal 27/06/10) Reg. 552/2009/CE GC/MS Diisocianato di metilendifenile (MDI) miscele destinate al pubblico 0,1% p/p (dal il 27/12/10) Reg. 552/2009/CE GC/MS Cicloesano adesivi di contatto a base di neoprene in conf. >350g 0,1% p/p (dal 27/06/10) Reg. 552/2009/CE GC/MS Nitrato di ammonio miscele varie Reg. 552/2009/CE

26 RESTRIZIONI INTRODOTTE DA DECISIONI UE O DAL REG. 2010/276/CE Sostanza Campi di applicazione Limite Rif. normativo Tecnica analitica Dimetilfumarato articoli o parti di essi 0,1 mg/kg (fino al 15/03/11) - Dec. 2009/251/CE Dec. 2010/153/CE LC/MS/MS Composti Organostannici Reg. 2010/276/CE ICP/XRF - Composti Trisostituiti -(es. TBT, TPT) - Composti di Dibuttilstagno (DBT) articoli o parti di essi miscele, articoli o parti di essi in vendita al pubblico 0.1% p/p come Sn (dal 01/07/10) 0.1% p/p come Sn (dal 01/01/12) GC/MS - Composti di Diottilstagno (DOT) articoli specifici in vendita al pubblico (es. tessili a contatto con la pelle, guanti, calzature, articoli di puericoltura, rivestimenti per pareti e pavimenti, pannolini, prodotti per l igiene femminile, stampi) 0.1% p/p come Sn (dal 01/01/12) Diclorometano svernicianti 0.1% p/p Reg. 2010/276/CE GC/MS

27 RAPEX: Benzene in miscele e ftalati in giocattoli -

28 RAPEX: Ftalati in giocattoli e dimetilfumarato in calzature ꋰО

29 RAPEX: Cromo esavalente in capi di abbigliamento ஐП

30 FTALATI CLASSIFICAZIONE Dibutilftalato (DBP), Bis(2-etilesil)ftalato (DEHP), Repr. Cat. 2 Benzilbutilftalato (BBF), Di-isobutilftalato (DIBP) APPLICAZIONI ARTICOLI TECNICA ANALITICA COMPOSTI ANALOGHI ALTRE RESTRIZIONI METODI UFFICIALI STATISTICHE Chelab (n=1800, ) Plastificanti, additivi in vernici e cosmetici tessuti rivestiti, giocattoli, gonfiabili, guanti monouso, maschere e boccagli, componenti vari, cavi elettrici GC/MS Ftalati elencati in All. XVII, punto 52 (DINP, DIDP, DNOP) All. XVII REACH (<0,1% p/p sul materiale plastificato in giocattoli e articoli di puericultura) П EPA 8270 (metodo generale); D.M. 123 del 28/03/03 (disciplina igienica degli imballaggi, recipienti,utensili destinati a venire in contatto con sostanze alimentari o con sostanze d'uso personale) D.M. 30/09/99 (Disposizione tecniche relative ai giocattoli in plastica morbida) EN (Cutlery and feeding utensils - Safety requirements and tests) % campioni con C>0,01%: % campioni con C>0,1% (art. 33): DEHP DBP BBP DIBP 4 2

31 CONFRONTO TRA NORMATIVA RoHS E REACH RoHS / RAEE REACH Campo di applicazione Articoli Elettrici ed Elettronici Articoli in genere Sostanze limitate PBDE 0.1% PBB 0.1% Cr VI 0.1% Pb 0.1% Hg 0.1% Cd 0.01% 狀 П Sostanze SVHC della Candidate List (0,1%) Modalità di espressione dei limiti Preparativa Sul materiale omogeneo* Scomposizione dell articolo nei suoi componenti ed individuazione dei materiali omogenei da testare (+ eventuale separazione meccanica dei materiali) Sul peso totale dell articolo Articoli semplici: analisi sul tal quale Articoli complessi: scomposizione dell articolo nelle sue parti ed individuazione dei componenti da testare * Materiale omogeneo: per materiale omogeneo si intende un'unità che non può essere meccanicamente disaggregata in più materiali separati.

32 TEST DI SCREENING Screening Sostanze / Elementi traccia Sostanze analoghe GC-MS Antracene IPA 4,4 -Diamminodifenilmetano Ammine aromatiche DBP BBP Ftalati DEHP Musk Xilene Muschi sintetici XRF С CoCl2 bis(tributil)stagnossido Trietilarsenato As2O5 As2O3 Na2Cr2O7 Esabromociclododecano PbHAsO 4 Cloroparaffine C 10 -C 13 Co Sn As As As Cr Br Pb, As Cl Sali e ossidi di Cobalto Composti organostannici Sali e ossidi di Arsenico Sali e ossidi di Cromo PBB, PBDE, TBBA, TBBS Sali e ossidi di Arsenico/Piombo Cloroparaffine >C 13

33 STRATEGIA DI TESTING Prelievo/campionamento Articolo complesso SI Smontaggio, sezionamento, separazione componenti NO Obbligo di notifica (Art. 7.2) SI quantità > 1 tpa NO NO Obbligo di comunicare le informazioni sulle sostanze SVHC presenti negli articoli (Art. 33.1) SI < 0.1% NESSUNA AZIONE Numerosità elevata articoli/comp. NO 喠 С TEST SPECIFICI SI SI Campioni rappresentativi Omogeneizzazione / mix Test su singolo articolo/comp. Disponibile metodo quantit. specifico NO NO Richiesta informazioni ai fornitori / analisi MP TEST DI SCREENING GC-MS XRF SI Analisi effettuata sul mix NO < 0.1%* SI NESSUNA AZIONE (*) Si assume che l elemento traccia sia totalmente riconducibile alla sostanza SVHC corrispondente; si devono valutare le possibili interferenze

34 SCREENING XRF: Mappatura scheda PCBA Mappatura di un circuito stampato per la ricerca di metalli pesanti Immagine di una scheda elettronica con griglia di scansione pari a 1mm Cr Cd П Br Pb

35 PROCEDURE OPERATIVE art. 36: Ciascun fabbricante, importatore, utilizzatore a valle e distributore riunisce tutte le informazioni di cui necessita per assolvere gli obblighi che gli impone il presente regolamento e ne assicura la disponibilità per un periodo di almeno dieci anni dopo che ha fabbricato, importato, fornito o utilizzato per l'ultima volta la sostanza o il preparato. I fornitori di articoli devono considerare l opportunità di documentare i 喠 С risultati delle loro verifiche di conformità, anche ove sia stata accertata l assenza di obblighi ai sensi del REACH. Si raccomanda pertanto ad ogni produttore/importatore/distributore di implementare delle procedure atte a dimostrare ai propri clienti e alle A.C. (ispettive/ esecutive) la conformità al REACH degli articoli/sostanze forniti.

36 PROCEDURE OPERATIVE APPROCCI POSSIBILI 1) i fornitori di articoli che hanno implementato sistemi di gestione della qualità potrebbero documentare la verifica di conformità al REACH attraverso procedure operative interne (POS) che definiscano le modalità con cui deve essere garantita e documentata la conformità del prodotto attraverso ad es.: a) documenti di Risk Analysis; b) capitolati di fornitura (es. Restricted Substances List); c) documenti di supporto (lettere a/da 꼠Рfornitori/clienti, CoA, SDS, ecc.) 2) I fornitori di articoli che non attuano un sistema di gestione della qualità potrebbero seguire una sorta di buona prassi per la fornitura di articoli. Questa potrebbe includere: a) il rispetto dei flussi di lavoro; b) la descrizione della necessità o meno della registrazione o notifica o comunicazione sulle SVHC; c) documenti di supporto (lettere a/da fornitori/clienti, CoA, SDS, ecc.)

37 ALCUNI CONSIGLI UTILI PER ORIENTARE I CONTROLLI ANALITICI Definire un piano di controllo adeguato in funzione del numero e tipologia di articoli prodotti/importati Focus su articoli importati da Paesi extra-ue e/o non coperti da un capitolato di fornitura (cfr. RML) che fissi dei limiti specifici per le SVHC Analisi su mix (massimo 2-3 componenti): attenzione all effetto diluizione e alla miscelazione di materiali diversi! In fase di indagine preliminare, preferire analisi di screening ai test specifici Analisi prioritarie su articoli/componenti critici in funzione di: ; dati storici peso % esposizione (vs. uomo/ambiente) materiale PRIORITA articoli/componenti già risultati positivi componenti più pesanti (attenzione ai componenti importati come tali) componenti esterni cfr. linee guida di settore e/o associazioni di categoria

38 Grazie per l attenzione 꽰Р

Buona Pratica di Laboratorio

Buona Pratica di Laboratorio Verona, 24 febbraio 2011 Controlli analitici per la ricerca di sostanze incluse in All. XVII (Restrizioni) e in Candidate List (SVHC) Sergio Fasan SERVIZI CHELAB per il REACH TESTING TEST/STUDI CHIMICO-FISICI

Dettagli

Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero

Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero Il programma dell intervento Le pre-registrazioni: stato dell arte I compiti di Importatori e produttori I compiti degli utilizzatori

Dettagli

Convegno Nazionale L applicazione dei regolamenti CLP e REACH in Italia Bologna, 12.6.2009

Convegno Nazionale L applicazione dei regolamenti CLP e REACH in Italia Bologna, 12.6.2009 Convegno Nazionale L applicazione dei regolamenti CLP e REACH in Italia Bologna, 12.6.2009 Attività del Centro Nazionale Sostanze Chimiche nell ambito dell applicazione dei regolamenti REACH e CLP Roberto

Dettagli

Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle

Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle 24 ottobre 2014 Auditorium ASL Monza e Brianza Antonietta Covone - Referente REACH ASL Monza e Brianza 1 FINALITÀ DEL DOCUMENTO

Dettagli

Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle. Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza

Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle. Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle 1 Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza FINALITÀ DEL DOCUMENTO Illustrare i principali adempimenti REACH/CLP

Dettagli

REQUISITI REACH Candidate List Sostanze Altamente Problematiche (SVHC) data pubblicazione

REQUISITI REACH Candidate List Sostanze Altamente Problematiche (SVHC) data pubblicazione REQUISITI REACH Candidate List Sostanze Altamente Problematiche () data pubblicazione 28.10.2008 Nr. Sostanze EC number CAS number Tipo pericolosità - 1 Anthracene 204-371-1 120-12-7 Persistente Bioaccumulabile

Dettagli

Come impostare e gestire un piano di sostituzione di un sostanza estremamente preoccupante (SVHC)

Come impostare e gestire un piano di sostituzione di un sostanza estremamente preoccupante (SVHC) Come impostare e gestire un piano di sostituzione di un sostanza estremamente preoccupante (SVHC) 24 Aprile 2009 AUTORIZZAZIONE Scopo: garantire il controllo o la sostituzione delle sostanze di high concern.

Dettagli

Sostanze pericolose o presunte tali

Sostanze pericolose o presunte tali S.Croce S/A, 29 marzo 2011 Sostanze soggette a restrizione: obbligo o richiesta del cliente? Gruppo UNIC-Conciaricerca Sostanze pericolose o presunte tali E normale che possano essere presenti? Sostanze

Dettagli

Sanzioni CLP e REACH

Sanzioni CLP e REACH Sanzioni CLP e REACH Pubblichiamo 2 tabelle predisposte dal Dott. Marzio Marziani, che ringraziamo vivamente, riassuntive delle sanzioni e relative a: Sanzioni Regolamento CLP, previste dal D.Lgs. 186

Dettagli

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it il Regolamento REACH Regolamento (CE) 1907/2006 Registration, Evaluation,

Dettagli

Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale-

Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale- Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale- La calzatura: i materiali La pelle (leather) Il tessile (textile) PVC (polivinilcloruro) EVA foam Gomme (Rubber) Poliuretano (PU - Polyurethane) TPU

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS CAMPAGNA DI ANALISI => PERCHE Verifica della situazione del mercato rispetto ai

Dettagli

Linee Guida inerenti compiti e azioni consigliate per gli utilizzatori a valle, secondo le disposizioni del Regolamento REACH (Regolamento CE

Linee Guida inerenti compiti e azioni consigliate per gli utilizzatori a valle, secondo le disposizioni del Regolamento REACH (Regolamento CE Linee Guida inerenti compiti e azioni consigliate per gli utilizzatori a valle secondo le disposizioni del Regolamento REACH (Regolamento CE 1907/2006) Giugno 2011 Chi è il DU Downstream user (utilizzatore

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 276/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 276/2010 DELLA COMMISSIONE 1.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 86/7 REGOLAMENTO (UE) N. 276/2010 DELLA COMMISSIONE del 31 marzo 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Ministero della Salute. Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015

Ministero della Salute. Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015 Ministero della Salute Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015 13 febbraio 2015 PIANO NAZIONALE DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO SULL APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI (CE) N.

Dettagli

AUTORIZZAZIONI : PROSSIME SCADENZE CENNI SULLE RESTRIZIONI

AUTORIZZAZIONI : PROSSIME SCADENZE CENNI SULLE RESTRIZIONI INCONTRO PUBBLICO REACH e CLP: le nuove scadenze su classificazione delle miscele e autorizzazione delle sostanze AUTORIZZAZIONI : PROSSIME SCADENZE CENNI SULLE RESTRIZIONI Patrizia Ferdenzi Autorità Competente

Dettagli

GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI

GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna IL QUADRO NORMATIVO NORME UNI

Dettagli

MO50 STAMPAGGIO MATERIE PLASTICHE Rev 0 del 19.01.2015. Rischio chimico

MO50 STAMPAGGIO MATERIE PLASTICHE Rev 0 del 19.01.2015. Rischio chimico Pagina 1di 5 Data Sopralluogo. Operatori... Ragione sociale, P.IVA, indirizzo (timbro della ditta) Attività svolta. dal. Totale addetti di cui: N... operai in produzione N... impiegati (tecnici/ amministrativi)

Dettagli

Le schede dei dati di sicurezza secondo REACH e CLP. Dott.ssa Cristina Bancomina - S.C. Igiene Sanità Pubblica

Le schede dei dati di sicurezza secondo REACH e CLP. Dott.ssa Cristina Bancomina - S.C. Igiene Sanità Pubblica Le schede dei dati di sicurezza secondo REACH e CLP Dott.ssa Cristina Bancomina - S.C. Igiene Sanità Pubblica Schede di sicurezza - normativa La Dir. 67/548/CEE e la Dir. 1999/45/CE hanno stabilito l obbligo

Dettagli

REGOLAMENTO N. 1907/2006 (REACH) Firenze, 21 Maggio 2010

REGOLAMENTO N. 1907/2006 (REACH) Firenze, 21 Maggio 2010 REGOLAMENTO REACH REGOLAMENTO N. 1907/2006 (REACH) Firenze, 21 Maggio 2010 Dott. Gabriele Scibilia GERARCHIA NORME COMUNITARIE Gerarchia di applicazione della norma I livello II livello Norma Regolamento

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH e gli ARTICOLI. Gianluca Stocco

IL REGOLAMENTO REACH e gli ARTICOLI. Gianluca Stocco IL REGOLAMENTO REACH e gli ARTICOLI Verona, 21 aprile 2009 Gianluca Stocco info@normachem normachem.it PREMESSA Il Regolamento REACH coinvolge produttori e importatori di sostanze chimiche, di formulati

Dettagli

Presentazione REACH & CLP

Presentazione REACH & CLP Presentazione REACH & CLP In breve Anno 2011 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 REACH Il REACH Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals è il

Dettagli

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella Panoramica sugli obblighi REACH Stefano Arpisella 25 marzo 2015 CENTRO REACH v Il Centro Reach è una Società a responsabilità limitata costituita il 20 febbraio 2007, su iniziativa di Federchimica e di

Dettagli

REGOLAMENTO REACH PRODUZIONE E IMPORTAZIONE DI ARTICOLI. Ing. Riccardo Corridori Servizio Centrale Ambiente ANIE

REGOLAMENTO REACH PRODUZIONE E IMPORTAZIONE DI ARTICOLI. Ing. Riccardo Corridori Servizio Centrale Ambiente ANIE REGOLAMENTO REACH PRODUZIONE E IMPORTAZIONE DI ARTICOLI Ing. Riccardo Corridori Servizio Centrale Ambiente ANIE ARTICOLI Il Regolamento REACH prevede obblighi per i produttori/importatori di sostanze,

Dettagli

Piombo solfocromato giallo (C.I. Pigment Yellow 34) Piombo cromato molibdato solfato rosso (C.I. Pigment Red 104) Tris (2-cloroetil)fosfato (TCEP)

Piombo solfocromato giallo (C.I. Pigment Yellow 34) Piombo cromato molibdato solfato rosso (C.I. Pigment Red 104) Tris (2-cloroetil)fosfato (TCEP) Sintesi e traduzione di Raccomandazione dell ECHA del 17 dicembre 2010 per l inclusione di sostanze nell allegato XIV (lista della sostanza soggette ad autorizzazione) del Regol. (CE) 1907/2006 L Agenzia

Dettagli

REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS

REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS Seminario SIRS Questioni di etichetta REACH/CLP Le ricadute della nuova normativa sulla operatività dei RLS Bologna, 18 novembre 2011 Luca Lenzi RLSSA/RSU Chimica Industria REACH Registrazione, Valutazione,

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

Il REACH in 16 punti. federchimica.it

Il REACH in 16 punti. federchimica.it Il REACH in 16 punti federchimica.it Il REACH in 16 punti Cos è il REACH? 1. Il REACH - Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals - è l acronimo con cui si indica il nuovo Regolamento europeo

Dettagli

Le ricadute dei Regolamenti REACH e CLP in materia. e sicurezza dei lavoratori

Le ricadute dei Regolamenti REACH e CLP in materia. e sicurezza dei lavoratori Le ricadute dei Regolamenti REACH e CLP in materia di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori Antonello Poles S.O.S. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASS n. 3 Alto Friuli Concetti

Dettagli

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006

Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 MONOGRAFIA Il Regolamento (CE) REACH n. 1907/2006 Il 1 giugno 2007 è entrato in vigore il Regolamento n.1907/2006 per la Registrazione, Valutazione e Autorizzazione delle sostanze chimiche, definito con

Dettagli

Modalità di controllo e disciplina sanzionatoria connessa ai regolamenti REACH e CLP. Stefano Arpisella

Modalità di controllo e disciplina sanzionatoria connessa ai regolamenti REACH e CLP. Stefano Arpisella Modalità di controllo e disciplina sanzionatoria connessa ai regolamenti REACH e CLP Stefano Arpisella 25 marzo 2015 Ispezioni -Autorità competenti I controlli possono esser effettuati dalle seguenti funzioni:

Dettagli

Il colloquio delle aziende con l ECHA: cosa comunicare, come comunicare

Il colloquio delle aziende con l ECHA: cosa comunicare, come comunicare Regolamento REACH (CE 1907/2006) Il colloquio delle aziende con l ECHA: cosa comunicare, come comunicare Raffaella Butera Servizio di Tossicologia Centro Antiveleni di Pavia - Centro Nazionale di Informazione

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds " Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds  Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds " Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Milano, 3 maggio 2013 Timing di attuazione del Regolamento REACH Pre-registrazione 2008 2009 2010

Dettagli

Reach, CLP e D.Lgs. 81/08

Reach, CLP e D.Lgs. 81/08 Reach, CLP e D.Lgs. 81/08 Novità nella valutazione del rischio da esposizione dei lavoratori ad agenti chimici pericolosi Tecnico della Prevenzione dott. Massimo Peruzzo Valutazione del rischio chimico

Dettagli

Le sostanze chimiche limitate dalla RoHS: dove ricercarle, come ricercarle e le deroghe previste

Le sostanze chimiche limitate dalla RoHS: dove ricercarle, come ricercarle e le deroghe previste Le sostanze chimiche limitate dalla RoHS: dove ricercarle, come ricercarle e le deroghe previste Centro Congressi Torino Incontra 4 giugno 2014 Dr. Cristina Sancolodi Normachem srl Campo di applicazione

Dettagli

Le sanzioni, le tariffe e le ispezioni

Le sanzioni, le tariffe e le ispezioni Le sanzioni, le tariffe e le ispezioni Pietro Pistolese Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Milano, 19 novembre 2008 1 VIGILANZA E CONTROLLO PROGRAMMA OPERATIVO Tavolo di lavoro

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

Il testing per l identificazione e la valutazione delle sostanze chimiche

Il testing per l identificazione e la valutazione delle sostanze chimiche Lamezia Terme, 7 luglio 2008 Il testing per l identificazione e la valutazione delle sostanze chimiche Sergio Fasan Coordinatore Team REACH CHELAB in ITALIA Food 3600 m 2 Brescia Pharma & Centro di Saggio

Dettagli

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE 1. Chi utilizza sostanze e preparati pericolosi continuerà a ricevere schede di sicurezza che potranno essere corredate,

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099

CLP in breve. Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 in breve Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Regolamento Regolamento europero 1272/2008 entrato in vigore il 20 Gennaio 2009. Si applica in tutti i paesi

Dettagli

Settembre 2014. Sustaining the future

Settembre 2014. Sustaining the future Settembre 2014 Sustaining the future Il REACH dei coloranti IL REGOLAMENTO REACH Il Regolamento REACH EU 1907/2006 Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals Il REACH è un Regolamento Europeo

Dettagli

Il Regolamento (CE). 1907/2006. n. 1272/2008 «CLP» Treviso, 25 giugno 2013 Gianluca Stocco - Normachem Srl. info@normachem.it www.normachem.

Il Regolamento (CE). 1907/2006. n. 1272/2008 «CLP» Treviso, 25 giugno 2013 Gianluca Stocco - Normachem Srl. info@normachem.it www.normachem. Il Regolamento (CE). 1907/2006 «REACH» e il Regolamento (CE) n. 1272/2008 «CLP» Treviso, 25 giugno 2013 Gianluca Stocco - Normachem Srl i f @ h it info@normachem.it www.normachem.it La nuova strategia

Dettagli

Autorizzazioni e restrizioni: prossime scadenze e obblighi per gli gli utilizzatori finali

Autorizzazioni e restrizioni: prossime scadenze e obblighi per gli gli utilizzatori finali SEMINARIO DIPARTIMENTO DISANITA PUBBLICA REACH E CLP: LE SCADENZE 2015 SU CLASSIFICAZIONE DELLE MISCELE, AUTORIZZAZIONE E RESTRIZIONE DELLE SOSTANZE Autorizzazioni e restrizioni: prossime scadenze e obblighi

Dettagli

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini Attenzione agli ftalati Difendiamo i nostri bambini Luglio 2012 Cosa sono gli ftalati DINP DEHP DNOP DIDP BBP DBP ftalato di diisononile ftalato di bis(2-etilesile) ftalato di diottile ftalato di diisodecile

Dettagli

INTERNATIONAL YEAR OF CHEMISTRY 2011 REACH E INNOVAZIONE: CONOSCERE IL DESTINO DELLE SOSTANZE ESTREMAMENTE PREOCCUPANTI

INTERNATIONAL YEAR OF CHEMISTRY 2011 REACH E INNOVAZIONE: CONOSCERE IL DESTINO DELLE SOSTANZE ESTREMAMENTE PREOCCUPANTI Ferruccio Trifirò REACH E INNOVAZIONE: CONOSCERE IL DESTINO DELLE SOSTANZE ESTREMAMENTE PREOCCUPANTI In questa nota si analizzeranno le ultime due fasi del Reach, quelle dell Autorizzazione e della Restrizione.

Dettagli

Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR): panoramica su requisiti e strumenti

Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR): panoramica su requisiti e strumenti Relazione sulla Sicurezza Chimica (CSR): panoramica su requisiti e strumenti Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni 3 Conferenza Nazionale sul Regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute

Dettagli

Stato dell arte del Regolamento REACH e gestione della sostituzione delle sostanze da parte delle imprese

Stato dell arte del Regolamento REACH e gestione della sostituzione delle sostanze da parte delle imprese Stato dell arte del Regolamento REACH e gestione della sostituzione delle sostanze da parte delle imprese Laura Romano Ufficio Scurezza Prodotti Roma, 12 maggio 2009 La 1a importante procedura del REACH

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Safety Day Symposium Milano, 9 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute Autorità competente

Dettagli

7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico. Milano, 4 ottobre 2011

7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico. Milano, 4 ottobre 2011 7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico Milano, 4 ottobre 2011 Luca Costantini - Garzanti Specialties Spa 1 Contenuto - REACH&CLP: responsabilità dei distributori

Dettagli

sostanze chimiche luglio 2008 Sergio Fasan

sostanze chimiche luglio 2008 Sergio Fasan Il testing per l identificazione l e la valutazione delle sostanze chimiche Udine,, 9-109 luglio 2008 Sergio Fasan s.fasan fasan@chelab.it IDENTIFICAZIONE E REGISTRAZIONE DELLE SOSTANZE AUDIT IN AZIENDA

Dettagli

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Ilaria Malerba Cagliari, 14 maggio 2007 Direttiva 67/548. Sostanze Pericolose + Adeguamenti Obiettivo del nuovo

Dettagli

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH 10ª Conferenza Sicurezza Prodotti Il REACH al giro di boa Milano, 05 Giugno 2013 L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH Dr.ssa Niki Psegiannaki Specialista Normativa Prodotti SCAM SpA, Modena

Dettagli

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba I LEGAMI TRA CLP E : LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE Ilaria Malerba Bologna, 11 Giugno 2009 GHS Identificazione del pericolo Pericoli chimico-fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente Strumenti

Dettagli

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute CONFERENZA CLP L applicazione del titolo IX del D.lgs. 81/08: cosa cambia per le PMI Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute Alessandra Pera Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

3 a Conferenza sul regolamento REACH

3 a Conferenza sul regolamento REACH 3 a Conferenza sul regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Quadro generale: registrazione delle sostanze, notifica delle sostanze contenute negli articoli e condivisione dei dati Dott. Carlo Zaghi Direttore

Dettagli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Maggio 2008 Guida per l attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul

Dettagli

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Regolamento CLP ricadute sulla normativa per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Ludovica Malaguti Aliberti Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Protezione da sostanze

Dettagli

Progetto Regionale. Linea Assistenza

Progetto Regionale. Linea Assistenza Progetto Regionale Regolamento REACH: Sviluppo delle modalità di controllo e prevenzione sanitaria mediante informazione e collaborazione con le imprese produttrici di sostanze pericolose Linea Assistenza

Dettagli

REACH CLP. Scheda di sicurezza. Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals. Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging

REACH CLP. Scheda di sicurezza. Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals. Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging Antonella De Pasquale, Ispettore REACH - CLP Capannori, 21 marzo 2013 CLP REACH Reg. 1272/08/CE Classification Labelling Packaging Reg. 1907/06/CE Registration Evaluation Authorization CHemicals Scheda

Dettagli

Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH

Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH Dott. Angelo FIORDI Responsabile e coordinatore dell area Gestione Chemicals e Regolamento REACH

Dettagli

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica LUBE DAY 2010 - Milano, 14 ottobre 2010 GHS, REACH e CLP GHS Identificazione

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco info@normachem.it La chimica in Europa Produzione di sostanze chimiche

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO Bruno Marchesini Gruppo di lavoro Rischio chimico in ambiente di lavoro dell Ordine dei Chimici di Bologna e Ravenna

Dettagli

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI DEI CHEMICALS IN UE E EEA Quali problematiche da affrontare Come fare per essere conformi Dott.ssa Simona Crementieri - Resp. Area Vendite Flashpoint

Dettagli

I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP

I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Corso di aggiornamento PESTICIDI RISCHI OCCUPAZIONALI E AMBIENTALI Reggio Emilia 25 gennaio 2014 I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP Patrizia Ferdenzi

Dettagli

Regolamenti REACH/CLP Sistema di Controlli Ufficiali

Regolamenti REACH/CLP Sistema di Controlli Ufficiali La vigilanza dell ASL di Milano sui Regolamenti REACH /CLP Regolamenti REACH/CLP Sistema di Controlli Ufficiali Milano, 20 maggio 2015 Attività svolta da operatori del DPM Principio ispiratore del Regolamento

Dettagli

«I controlli: implementazione dei programmi europei a livello nazionale»

«I controlli: implementazione dei programmi europei a livello nazionale» 13 a Conferenza Sicurezza Prodotti: REACH e CLP REACH: non solo registrazione. I nuovi processi, le nuove sfide, i nuovi modi di comunicare «I controlli: implementazione dei programmi europei a livello

Dettagli

Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014

Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014 Il lavoro svolto dal nucleo REACH CLP nell anno 2014 Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014 Regolamenti comunitari che hanno assorbito le precedenti direttive Regolamento REACH (Registration,

Dettagli

Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti Napoli

Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti Napoli MNITRAGGI DELLE SSTANZE ESTREMAMENTE PRECCUPANTI NEL CUI ALLA LUCE DELLE NUVE LINEE GUIDA DETTATE DAL REGLAMENT REACH G. Calvanese, B. Naviglio, D. Caracciolo, C. lorio Stazione Sperimentale per l Industria

Dettagli

Classificazione e analisi dei rifiuti

Classificazione e analisi dei rifiuti Classificazione e analisi dei rifiuti Esempi pratici e Modifiche introdotte dal Regolamento 1357/2014 1 Argomenti trattati Definizioni Responsabilità e soggetti coinvolti Il processo di caratterizzazione

Dettagli

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach.

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Prime esperienze di vigilanza da parte delle Regioni. Tecnico della Prevenzione dott. Peruzzo Massimo 23 Maggio 2012 Controlli: evoluzione normativa

Dettagli

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE Le sfide del tessile europeo: pratiche e politiche Museo del Tessuto di Prato - Via Santa Chiara, 24 Prato 29 th March 2012 Prodotti tessili e della filiera moda: la sicurezza

Dettagli

Composti ad attività ormonale nell ambiente e negli alimenti: quali rischi? Bologna febbraio 2009

Composti ad attività ormonale nell ambiente e negli alimenti: quali rischi? Bologna febbraio 2009 Composti ad attività ormonale nell ambiente e negli alimenti: quali rischi Bologna 25-26 febbraio 2009 La nuova regolamentazione sulle sostanze chimiche e la gestione del rischio degli interferenti endocrini

Dettagli

www.progettoscenari.it

www.progettoscenari.it Giornata di Studio REACH LA SVOLTA DI UN REGOLAMENTO: COME PREPARARSI AL MEGLIO Aggiornamento delle schede di sicurezza (SDS) Anna Caldiroli www.progettoscenari.it Indice La scheda di sicurezza (SDS) Quando

Dettagli

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite Chiara Pozzi Ufficio Sicurezza Prodotti Direzione Tecnico Scientifica Milano, 15 aprile 2010 REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo Pericoli

Dettagli

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/ 1) Nella sua presentazione sono state nominate diverse linee guida. Posso avere i riferimenti? Come si possono trovare? Le linee guida per gli utilizzatori a valle possono essere reperite dal sito web

Dettagli

FUNZIONI AZIENDALI COINVOLTE NELL APPLICAZIONE DEL REACH E CLP ACQUISTO SOSTANZE (TAL QUALI O IN MISCELA)

FUNZIONI AZIENDALI COINVOLTE NELL APPLICAZIONE DEL REACH E CLP ACQUISTO SOSTANZE (TAL QUALI O IN MISCELA) Da restituire entro il 15 febbraio 2103 a: ASL di Monza e Brianza - Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro via Novara, 3 20832 Desio (MB) e-mail psaldirezione@aslmb.it

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario Esposito Tecnico

Dettagli

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore Associazione Tessile e Salute Cosa regola il mercato globale? In merito ai rischi per la salute del consumatore, il mercato tessile globale

Dettagli

Informazioni aggiuntive sui regolamenti REACh e CLP per gli Utilizzatori a Valle

Informazioni aggiuntive sui regolamenti REACh e CLP per gli Utilizzatori a Valle Informazioni aggiuntive sui regolamenti REACh e CLP per gli Utilizzatori a Valle a cura del gruppo RREACh del Dipartimento di Prevenzione Medica della ASL di Lecco Servizio Igiene e Sanità Pubblica (*)

Dettagli

Informazione al cliente

Informazione al cliente Informazione al cliente OEKO-TEX Standard 100 criteri di prova: Nuovi limiti nel 2016 Zurigo (mh) All'inizio dell'anno, l'associazione OEKO-TEX ha, come sempre, aggiornati i criteri di prova applicabili

Dettagli

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Master Universitario di II livello in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Ministero della Salute Camerino 2/03/2012 La REGISTRAZIONE Sostanze da

Dettagli

Materiali innovativi a contatto con alimenti: il punto di vista dell industria Andrea Cassinari - Cellografica Gerosa SpA

Materiali innovativi a contatto con alimenti: il punto di vista dell industria Andrea Cassinari - Cellografica Gerosa SpA Materiali innovativi a contatto con alimenti: il punto di vista dell industria Andrea Cassinari - Cellografica Gerosa SpA GEROSA GROUP - GRUPPO EUROPEO Cellografica Gerosa Inverigo - Italy Headquarters

Dettagli

Aggiornamenti nella valutazione e nella gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro

Aggiornamenti nella valutazione e nella gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro EUGENIO MELANI Aggiornamenti nella valutazione e nella gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro 26/02/13 1 ORDINE DEI CHIMICI DI BRESCIA - 26 FEBBRAIO 2013 D. Lgs. n. 52/1997 (dir.67/548/cee)

Dettagli

Mauro SABETTA (Unione Industriale Torino), Federico VOTA (Master REACH - Università degli Studi di Genova)

Mauro SABETTA (Unione Industriale Torino), Federico VOTA (Master REACH - Università degli Studi di Genova) Analisi aziendale in ottica REACH: implementazione procedure interne, reperimento e uso delle informazioni lungo la supply-chain, assistenza all impresa. Mauro SABETTA (Unione Industriale Torino), Federico

Dettagli

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia.

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia. Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011 Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia Sonia Khandjian Argomenti Processo di registrazione in: Serbia Turchia Svizzera Cenni

Dettagli

Vigilanza attuata dal Ministero Salute. Sistema RAPEX Azioni dei NAS

Vigilanza attuata dal Ministero Salute. Sistema RAPEX Azioni dei NAS Vigilanza attuata dal Ministero Salute Sistema RAPEX Azioni dei NAS RAPEX Sistema discendente, dalle notifiche indirizzo web europeo http://ec.europa.eu/consumers/dyna/ rapex/rapex_archives_en.cfm RAPEX

Dettagli

Software per la gestione delle Schede Dati di Sicurezza

Software per la gestione delle Schede Dati di Sicurezza Software per la gestione delle Schede Dati di Sicurezza Verona, 21 aprile 2011 Antonio Valenti Telematic srl Contenuto Presentazione Telematic EPY / Reg. 453 nuova scheda di sicurezza Distribuzione automatica

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02 LINEE GUIDA GESTIONE e ANALISI DELLE CARTUCCE TONER ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata

Dettagli

Vigilanza su rischio chimico e Regolamenti REACH/CLP

Vigilanza su rischio chimico e Regolamenti REACH/CLP Igiene del Lavoro e sorveglianza sanitaria in edilizia nei cantieri EXPO 2015: Vigilanza su rischio chimico e Regolamenti REACH/CLP Congresso nazionale SIMLI Milano, 26 novembre 2015 Rischio chimico in

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO. Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH

Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO. Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH Esperienze delle Associazioni Industriali AZIONI E CRITICITA NEL TESSILE-ABBIGLIAMENTO Guido Bottini 14 novembre 2011-3a Conferenza Nazionale REACH SCENARI DI ESPOSIZIONE - Attori coinvolti: - SMI Federazione

Dettagli

I controlli in ambito REACH e CLP: il piano nazionale della sorveglianza

I controlli in ambito REACH e CLP: il piano nazionale della sorveglianza I controlli in ambito REACH e CLP: il piano nazionale della sorveglianza Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute Autorità competente REACH e CLP Verona, 1 Accordo Stato-Regioni Programmazione e organizzazione

Dettagli

Workshop Piano di vigilanza ed ispezione su REACH e CLP

Workshop Piano di vigilanza ed ispezione su REACH e CLP DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA Workshop Piano di vigilanza ed ispezione su REACH e CLP LORENA BEDOGNI Autorità competente REACH/CLP Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Reggio Emilia REGGIO EMILIA

Dettagli