Economia del Micromarketing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia del Micromarketing"

Transcript

1 Economia del Micromarketing Il ruolo del Micromarketing nella strategia aziendale Database e analisi clienti Cristina Ziliani, Ph.D Professore Associato di Marketing Università di Parma Laurea Magistrale in Trade Marketing e Strategie Commerciali

2 Modelli per l analisi l della base clienti (customer base analysis) Sono disponibili grandi database di dati anagrafici e transazionali Le analisi iniziali di questi dati sono tipicamente descrittive (vedi pagine seguenti): valori medi (es. spesa media) distribuzione dei comportamenti tra i soggetti, da cui si derivano misure di concentrazione (es.: % vendite generate dal x % di clienti) Altre analisi multivariate servono a identificare quali gruppi di clienti tengono quali comportamenti o quali prodotti sono acquistati insieme (market basket analysis) Si tratta di analisi descrittive che si fondano sui comportamenti PASSATI dei clienti Il passo successivo è fare stime per il futuro basate sul passato, vuoi a livello aggregato vuoi individuale

3 Analisi della clientela 99,8 99,8 0,4 0,4 73,003 73,003 13,67 13,67 0,04 0,04 2 2,671 2, ,074,355 17,074,355 33,47 33,47 0,37 0,37 19,1 19,1 26,710 26,710 Tot Tot 100% 100% 0,2 0,2 27,984 27,984 8,06 8,06 0,03 0,03 1,3 1,3 2,671 2, ,4 99,4 0,8 0,8 132, ,857 16,58 16,58 0,06 0,06 3 2,671 2, ,6 98,6 1,3 1,3 218, ,307 18,58 18,58 0,08 0,08 4,4 4,4 2,671 2, ,4 97,4 2,0 2,0 345, ,851 20,55 20,55 0,12 0,12 6,3 6,3 2,671 2, ,3 95,3 3,4 3,4 544, ,806 21,25 21,25 0,18 0,18 9,6 9,6 2,671 2, ,2 5,2 891, ,308 22,70 22,70 0,28 0,28 14,7 14,7 2,671 2, ,8 86,8 9,1 9,1 1,564,890 1,564,890 24,41 24,41 0,46 0, ,671 2, ,6 77,6 18,2 18,2 3,113,702 3,113,702 27,69 27,69 0,81 0,81 42,1 42,1 2,671 2, ,4 59,4 59,4 59,4 10,161,647 10,161,647 45,45 45,45 1,61 1,61 83,7 83,7 2,671 2,671 1 % cumulata cumulata % su su totale totale Spesa Spesa totale totale di di decile decile Spesa Spesa media media per per visita visita n. n. transazio transazio ni ni settimana settimana n. n. visite visite nell nell anno anno n di n di clienti clienti Decile Decile Fonte aziendale

4 Libreria , , Scontrino Scontrino medio medio n. n. Medio Medio transazioni transazioni in in un anno un anno Spesa Spesa media media annua annua Decile Decile

5 Fast food Decile Spesa media annua $ Numero medio transazioni/anno Spesa media per visita $

6 L analisi dei clienti: I decili Numerica clienti % acquisti % acquisti cumulati % utile lordo % utile lordo cumulato Frequenza di visita (visite x anno) Margine lordo Acquisti mensile medi mensili v.a. % 0-10% ,5 18, % ,08 15, % ,35 18, % ,6 17, % ,66 16, % ,64 10, % ,2 7, % ,7-16, % ,7-16, % ,38-15,9

7 Come si concentrano alcuni fenomeni nella clientela deciles frequency cum. turnover % cum. gross margin % monthly gross margin

8

9 Specialty retailers Bottom 30% customers Top 10% of customers Top 1% of customers Average selling price per item # of items per visit Visits per year Annualized sales per customer , Remember: customer value = spending,frequency, time and product mix

10 Brian Woolf s s findings from around the world about Customer churn and burn Below the surface of a business, a lot happens: There is a great deal of customer turbulence There is a natural decline in customer spending Few new customers become best customers The loss rate of new customers is very high The loss rate of reactivated customers is very high

11 Nella base clienti si registra notevole turbolenza customer base new customers lost customers customers end of year net gain Source: Brian Woolf

12 I clienti tendono a ridurre la propria spesa media nel tempo Best customers 1322 (+5%) Potential best 7923 (+14%) New customers 1007 (43%) Best customers Potential best New customers customer base new customers lost customers customers end of year net gain Source: Brian Woolf

13 Come I clienti scendono di livello in un anno YEAR 1 YEAR 2 Best customers Best customers Potential best inactive 75% 22% 3% Potential best Best customers Potential best inactive 4% 73% 23%

14 Sono pochi I nuovi clienti che diventano ottimi clienti YEAR 1 YEAR 2 New customers Best customers Potential best inactive 1% 37% 62%

15 I nuovi clienti si perdono in fretta First time in.. Q1 Q2 Q3 TOTAL First time in Q Still active in Q Inactive in Q4 (442) (431) (330) (1203) Outflow rate (58)% (59)% (50)% (56%)

16 Anche I clienti riattivati si perdono numerosi Reactivated in.. Q1 Q2 Q3 TOTAL Reactivated in Q Still active in Q Inactive in Q4 (700) (542) (271) (1513) Outflow rate (55)% (64)% (62)% (59)% Reactivated: returned to store after being inactive for 1 quarter

17 Quarterly decile reports make turbulence stand out however, companies should not forget the longer term picture Over a five year period, it becomes apparent that 10% of customers generated 64% of sales, 1% generating 21% These long term customers where many times hidden beneath the surface, going up and down deciles, often not recognised as best customers under short term marketing efforts Deciles are moving targets!

18 L analisi dei decili vasca da bagno Clienti che stanno migliorando Conteggio di ClienteDecile m1 Decile m Totale complessivo Totale complessivo Clienti che stanno peggiorando Si può avere il dettaglio per cliente

19 From deciles to thresholds Segment customers based on fixed spending thresholds (typically $100, 50 and 25 per week) New customers group together first time customers and reactivated ones segment diamonds rubies Spesa media settimanale > $ Spesa di trimestre (13 settimane) > $ Easy to understand -Customer gains and losses at each level are evident - Excellent for setting goals and accountability opals pearls < $25 <$325 new

20 From spending to profitability: all sales are not equal Customer value differs also based on the mix of products purchased and time of purchase (full price/deal price) The practice of HI-LO pricing exacerbates differences in consumer shopping behavior Mass retailers don t have accurate item level cost information that can be used to measure product hence- customer profitability (random weight, shrink ) Best customers enjoyed markdown is lower than their spending with the company, while the opposite occurs with worse customers (Exibit 7) who receive a disproportionately large share of marketing expenditures The ratio of markdown as a % of spending indicates what drives shopping behavior: is it deal driven or relationship driven? Assuming a gross profit margin that s equal for each decile, and deducting the markdown expense, we find that net margin ranges from 30% to less than 10% (Exibit 8) If we assume a cost of operation of around 25%, we see that only the top 30% of customers generate enough profits to cover the cost of providing service to them

21 7. Analisi di decile con indicazione dei costi per markdown Decile # of Customers Decile Spending % of Total Decile Markdown $ % of Total Markdown enjoyed by decile Markdown as % of spending 10 2,671 10,161, , % 9 2,671 3,113, , ,671 1,564, , , , , , , , , , , , , , , , , ,671 73, , ,671 27, , Tot 26,710 17,074, ,688, %

22 8. Dalla spesa alla marginalità Decile # of Customers Decile Spending Decile Markdown $ Markdown as % of spending Company Gross Profit Margin, net of markdown expense Margin % 10 2,671 10,161, ,439 8% 38% 30.0% 9 2,671 3,113, , % 27.5% 8 2,671 1,564, , % 25.9% 7 2, , , % 24.9% 6 2, , , % 18.2% 5 2, ,851 52, % 22.8% 4 2, ,307 35, % 21.7% 3 2, ,857 23, % 20.3% 2 2,671 73,003 15, % 17.4% 1 2,671 27,984 7, % 9.5% Tot 26,710 17,074,355 1,688, % 38% 28.1% assumption

23 Segmenti di clienti per profittabilità Questo 28% dei clienti ha perso il 22% dei profitti

24 Errore: trattare tutti i clienti nello stesso modo e spendere per tutti allo stesso modo CLIENTI (55% del totale) CLIENTI MIGLIORI (45% del totale) BUDGET DI MARKETING CLIENTI MIGLIORI 85% CLIENTI 15% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

25 Sistema di Clusterizzazione: : il caso SpesAmica I Clienti sono DIVERSI tra loro. DIFFERENZE Il riconoscimento delle DIFFERENZE può basarsi su più PARAMETRI... Ipotesi A Decili di Spesa Ipotesi B Frequenza Ipotesi C altre info misurabili Ipotesi D Potenziale di Spesa Grocery

26 Sistema di Clusterizzazione: : il caso SpesAmica Visione DINAMICA del Sistema di Clusterizzazione Un Cliente vale non solo per il suo attuale livello di spesa, ma anche e soprattutto rispetto al suo POTENZIALE ed alla relativa EVOLUZIONE Ipotesi D Potenziale di Spesa Grocery

27 Sistema di Clusterizzazione: : il caso SpesAmica Il processo di analisi ha l obiettivo l principale di DEFINIRE IL LIVELLO DI FEDELTA dei nostri Clienti La FEDELTA è definita... non solo in base al valore degli ACQUISTI REALI ma in funzione anche degli ACQUISTI POTENZIALI

28 Sistema di Clusterizzazione: : il caso SpesAmica La principale variabile utilizzata nel Processo di Clusterizzazione è la SHARE OF WALLET SOW (share of wallet) ) = Acquisti Reali presso l aziendal Acquisti Potenziali Grocery Viene assegnato un BUDGET ad ogni Titolare di Carta basandosi su variabili sociodemografiche della famiglia

29 Sistema di Clusterizzazione: : il caso SpesAmica Sulla base della Share Of Wallet i Clienti SpesAmica vengono suddivisi in Segmenti: FEDELI SOW SEMIFEDELI OCCASIONALI

30 Sistema di Clusterizzazione: : il caso SpesAmica Sulla base della Share Of Wallet i Clienti SpesAmica vengono suddivisi in Segmenti: SOW SEMIF. MIX INCOMPL. FEDELI SEMIF. BASSA FREQ. OCCASIONALI SEMIFEDELI suddivisi in DUE gruppi in base a Frequenza e Mix Acquisti CHERRY PICKER NON FEDELI OCCASIONALI suddivisi in DUE gruppi in base alla % Promozioni

31 Analisi predittive Due grandi campi (es. Vodafone e Amazon) Contractual e non contractual settings Modelli regressione Modelli probabilistici

32 I diversi contesti per l analisi l della base clienti

33 Previsione della sopravvivenza del cliente e del volume di acquisti

34 E sufficiente recenza e frequenza, non le date dei singoli acquisti I modelli basati sulla recenza e la frequenza hanno un potenziale predittivo Molto elevato Conoscendo anche il valore medio della spesa si può stimare il valore residuo Del cliente CLTV

35 Non contractual discreto le crociere

36 Contractual Quali clienti hanno la maggiore probabilità di abbandonare l azienda? Modelli di Regressione in cui l abbandono, variabile dipendente, è funzione di variabili comportamentali indipendenti quali comportamento passato del cliente e attività dell azienda

37 Recenza Frequenza- Spesa ID Cognome Data ultima visita Numero visite ultimi 6 mesi Spesa totale ultimi 6 mesi Recenza numero giorni Numero medio visite a settiman a Spesa per singola visita in $ Spesa settiman ale in $ 1 Beck 17 Jun Dale 2 Jun Hall 30 May Kent 16 Jun Oak 15 Jun Park 2 Feb Rice 29Mar Snow 18 May Teal 14 Jun Wade 11 Apr Review period: January 2 June 17 Weeks in review period:24 Review period last date: 17 June

38 They are ranked from best to worst for their recency, then frequency, then spending ID Name Segment Each is assigned a code from 1 to 5 (quintiles) or 1 to 2 (top 30% - bottom 70%) for each sorting Beck Dale Hall R1 F1 S2 R2 F2 S2 R2 F1 S1 Than cells are created (5 x 5 x 5) or (2 x 2 x 2) Each cell has a different response rate to promotional offers Kent Oak Park Rice Snow R1 F2 S1 R1 F2 S2 R2 F2 S2 R2 F2 S2 R2 F1 S2 Can be used to reduce cost of circulars: instead of mailing top 6 deciles of spending, top 3 cells of RFM could be mailed 9 10 Teal Wade R2 F2 S1 R2 F2 S2

39 RFM (or RFS) scoring to predict responsiveness to marketing offers Test: customers (same offer) RFM mailed Redemption % % % % % % % % %

40 Profitti e perdite per cella di RFM

41 What have we learned? Companies who simply aknowledge the diversity of the customer base, and then sit back accepting the fact that customer behavior cannot change, are doing just like the airlines: relying only on business flyers to subsidise the cost of flight and then selling remaining seats at low cost. Or like department stores, where customers now wait for the seasonal massive markdowns. They are just teaching customers to be price sensitive Hence they get caught in a downward circle of increasing markdowns and sluggish sales

42 New helpful management metrics Card/Total sales Best customer decline rate (% of BC falling below threshold) Retention rate of key customers (% customers who spent above threshold both last year and this year) Best customer weekly return rate Best customers per store New customers per trading week Other cardholder measures Total customers per store (excl. new) Total customer visits per week Best customer % of Households (excl. new) New customers per week addition rate New customers inactive in following quarter Best customers YTY defection rate Key customers YTY decline rate Key customers YTY defection rate Total customers YTY defection rate

43 Measures Customer reporting so far has been viewed as the antithesis of financial reporting interesting, but good for marketers, or in the site selection department By moving from deciles to spending thresholds we move from relative to absolute measures of shopping behavior, helping benchmark the company`s performance over time Using thresholds we can tell exactly the number of households that are in each segment and measure their shopping behaviour (sales, average spending, frequency, transaction size) This segmentation is for management reporting purposes Profitability (tracking of markdown expenses) can be appended to these reports as well, as we did for deciles Some portion of expenses (operating, admin etc) can be allocated back to customer tier based on number of transactions generated Incorporating customer-based metrics into financial reporting stresses the value of such metrics to others in the organisation

44 Il valore restituito dal cliente all impresa Visione tradizionale: il fatturato e l utile Nuovi approcci: Il customer lifetime value (LTV) Con la perdita di un cliente non viene meno solo una vendita, ma l intero flusso di acquisti che un cliente avrebbe generato nel corso della propria vita (utile) se fosse rimasto cliente La customer equity Lifetime value complessivo di tutti I clienti attuali e potenziali dell impresa, al netto dei costi di acquisizione. E elevato se è elevata la fedeltà dei clienti profittevoli. Serve a valutare le prospettive dell impresa (Es. Cadillac) La Share of wallet (quota di clientela) La percentuale degli acquisti che quel cliente effettua presso l azienda nella categoria di prodotto trattata dall azienda stessa (es. Banche, supermercati, benzine, ecc). Si sviluppa ampliando l offerta e adottando tecniche di up selling e cross selling (vedi Amazon)

45 Il consumo di una vita 9000 litri di latte 3800 pannolini 4239 rotoli di carta igienica 4 mucche 20 pecore 15 maiali 1200 polli uova 2,3 tonnellate di pane 5272 mele carote 2 tonnellate di pasta In totale 40 tonnellate di cibo 8 automobili litri dibenzina pillole/compresse, medicine 2944 giorni davanti alla TV (8 anni) Produciamo: 8,5 tonnellate di involucri per alimenti come rifiuti 40 tonnellate di rifiuti in discarica Facciamo 7160 bagni 656 saponette 292 dentifrici 296 bagnischiuma 78 spazzolini 5 tubi digel percapelli 37 profumi 570 chili di detersivo lavaggi di capelli 3,5 lavatrici 5 TV 15 PC

46 Trattare tutti i clienti nello stesso modo Es. di strategia di contatto Welcome pack (apertura del rapporto) Cross sell (es. dopo 90 giorni) Retention (es. dopo 6 mesi) Member get member (es. dopo 9 mesi) Anniversario (dopo 12 mesi) >> Stesse comunicazioni per tutti i clienti >> Un costo medio per cliente di 5 (stima) >> Indicatori di customer satisfaction buoni / alti >> Però 4 su 10 di questi clienti soddisfatti abbandonano (competitor) Costruzione del modello di previsione di abbandono Classificazione (scoring) dei clienti secondo le variabili di fedeltà / abbandono

47 Errore: trattare tutti i clienti nello stesso modo Priorità A Priorità B Priorità C Priorità B Priorità B Priorità C Priorità C Priorità C Priorità C Individuare quali sono i clienti su cui lavorare e quelli per i quali non vale la pena di investire tempo e denaro (ha senso lavorare in retention sul mio segmento C?) Ipotizziamo un budget di marketing di 2 mio di Euro Ciò significa una spesa media di per segmento

48 Errore: trattare tutti i clienti nello stesso modo Abbiamo individuato quali sono i clienti su cui lavorare La strategia di contatto deve essere ri/disegnata sulla base di queste esigenze,con l obiettivo di costruire la loyalty di questi individui Riprendiamo il nostro budget ( 2 mio allocati in modo omogeneo) Siamo sicuri che sia di buon senso? Ipotesi di nuova allocazione: (Concentrandosi su A and B si risparmia il 56% del bugdet di marketing)

49 Errore: trattare tutti i clienti nello stesso modo e spendere per tutti allo stesso modo CLIENTI (55% del totale) CLIENTI MIGLIORI (45% del totale) BUDGET DI MARKETING CLIENTI MIGLIORI 85% CLIENTI 15% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%

50 La life time value Il valore del cliente nel tempo: LTV Definizione: E il valore medio calcolato, al punto X, del profitto che posso realizzare su un cliente in un certo numero di anni. Per calcolarlo dobbiamo essere in grado di tracciare (o stimare) il cliente lungo il tempo. A che cosa serve? Per discriminare tra i clienti, in modo da acquisire e trattenere i migliori Per conoscere il valore del consumatore, così da poter focalizzare gli sforzi commerciali anche in termini di retention Per sapere dove investire i nostri Euro sia per la retention che per l acquisizione.

51 Supportare la strategia (e l approvazione del budget) DB! Nuovi clienti Retention (%) Ricavi per cliente Ricavi totali VALORE DEL CLIENTE CON LA STRATEGIA ATTUALE Anno % Anno % Anno % Costi diretti (%) 60% 57% 55% Costi diretti totali Costi acquisizione Costi totali Profitto Tasso di sconto 1,00 1,20 1,44 Valore profitto attuale Valore cumulato Lifetime value 44,00 79,83 102,33

52 Supportare la strategia (e l approvazione del budget) Preso fuori dal contesto il valore di 102,33 sul 3 anno ha poco significato Per capire come usarlo, facciamo delle ipotesi di strategie alternative (Ipotesi: creo un Gold Club con vantaggi particolari) Come influirà questa decisione sul lifetime value? BENEFICI Aumento retention Aumento ricavi per cliente Creazione di una % referral COSTI Gestione del Club QUALI SONO MAGGIORI? TEST Per decidere cosa fare calcoliamo un nuovo LTV che include costi e benefici >>

53 Supportare la strategia (e l approvazione del budget) VALORE DEL CLIENTE CON NUOVA STRATEGIA (test) Anno 1 Anno 2 Anno 3 Nuove MGM (%) Nuovi clienti da MGM 8% 0 10% % Clienti totali Buona strategia Quota cliente Retention (%) Ricavi per cliente 75% % % 280 Ricavi totali Costi diretti (%) 60% 57% 55% Costi diretti totali Costo acquisizione Club Costo Database Costi di servizio Incentivi per MGM Costi totali Profitto Tasso di sconto Valore profitto attuale Valore cumulato Lifetime value 19,00 74,73 125,97

54 Cosa significa tutto questo? IMPATTO DELLA NUOVA STRATEGIA Anno 1 Anno 2 Anno 3 Prima del Club 44 79,83 102,33 Con il Club 19 74,73 125,97 Differenza ,10 23,64 Ip. con membri del Club (ROI) Il LTV nel 3 anno è salito da 102, 33 a 125,97; tale incremento è dato esclusivamente dall introduzione della nuova strategia. Non significa che sarà di sicuro un successo, potrebbe fallire per una cattiva gestione Quello che tale valore indica è che : - POTREBBE ESSERE UN SUCCESSO - NON POTREBBE COMUNQUE ESSERE UN SUCCESSO (anche se ben gestita)

55 ECONOMICS

56 Il calcolo delle redemption REDEMPTION: la redemption è la percentuale di risposte in rapporto ai contatti. numero risposte RED = X 100 numero contatti COSTO PER CONTATTO: è volto all'individuazione del costo unitario medio di spedizione e si può definire come il costo da sostenere per inoltrare una singola comunicazione. costo totale di spedizione CPC = numero messaggi spediti COSTO PER REDEMPTION: è volto all'individuazione del costo unitario per ogni risposta ottenuta. costo totale della promozione CPR = numero partecipazioni ottenute

57 Il calcolo delle redemption PROFITTO: costituisce il guadagno netto disponibile dopo aver imputato tutte le spese relative al prodotto (costi sostenuti per generare l'ordine). PROFIT = Margine Lordo Promozionale - Costo Per Ordine BREAK EVEN POINT: definito come punto di pareggio, individua il limite entro il quale l'azione condotta si rileva economica dal punto di vista delle redditività. (costo "prodotto" * ql) + (costo per contatto * q2) BEP = = 1 prodotto di "vendita" * ql dove: ql = "prodotti" venduti q2 = numero contatti

58 Il calcolo delle redemption ROI - Return On Investment: definito come rapporto tra profitto e investimento, permette di misurare l'efficacia delle operazioni di direct marketing in termini di ritorno del capitale investito. Calcolato per ogni iniziativa condotta, consente di comparare le singole redditività e individuare, di conseguenza, l'azione più efficace tra quelle direct adottate oppure, se paragonato ad altre forme promozionali, quali tra queste garantiscono un ritorno superiore. (prezzo di vendita * risposte) - Investimento Tot ROI = x 100 Investimento Totale

59 L analisi dei decili vasca da bagno Clienti che stanno migliorando Conteggio di ClienteDecile m1 Decile m Totale complessivo Totale complessivo Clienti che stanno peggiorando Si può avere il dettaglio per cliente

60 Price sensitivity bath tub I SEMESTRE II SEMESTRE TOTALE CLIENTI TOT CLIENTI

61 Profitability bathtub II SEMESTRE I SEMESTRE TOTALE CLIENTI TOTALE CLIENTI

62 PL loyals bathtub I SEMESTRE II SEMESTRE TOTALE CLIENTI TOTALE CLIENTI A tutte queste domande possiamo rispondere per formato, per p.v., per periodo di tempo, per categoria merceologica, per gruppo di clienti ecc.

63 L analisi del comportamento di acquisto per cross selling e upselling Le regole associative

64 Il Carrello: : l unitl unità minima di generazione di dati di vendita

65 I Carrelli: una molteplicità di unità minime di dati Gruppo Carrefour Italia: > di Carrelli (scontrini) alla settimana

66 I Carrelli per insegna: : il primo asse di segmentazione di un azienda GD multiformato ~1,2 M/wk ~2,4 M/wk ~1,7 M/wk

67 Le insegne e la localizzazione: : un ulteriore asse di segmentazione 60 pdv 430 pdv 814 pdv Rete di vendita Carrefour aggiornata a febbraio 2011

68 L esplosione del carrello in decine di migliaia di prodotti

69 Dietro ai carrelli ci sono... I Resp. Acquisti e le Famiglie dei Consumatori Profilo Profilo D Profilo A Profilo B Profilo C

70 Esempi di problemi Market Basket Analysis Click stream analysis

71 I dati necessari

72 Esempio di matrice dei dati

73 Altri esempi in diversi contesti

74 Si cercano regolarità nei dati: Quando si acquista pizza surgelata si acquista bevanda al gusto cola? Pizza surgelata -> bevanda cola IF pizza surgelata -> THEN bevanda cola Premessa -> conseguenza Corpo -> testa

75 Notazioni di base

76 Quando una regola va estratta?

77 Supporto

78 Confidenza

79 La social network analysis Teoria delle reti Conoscere i soggetti più interconnessi per agire su di loro ed ottenere maggiori effetti: esempio cure in Africa e case farmaceutiche e medici per prescrizione farmaci Network analysis: mira ad identificare e quantificare gli influenzatori e gli influenzati Social Engagement Index (SEI), incorpora il Numero di menzioni sui social media e l Influenza dell autore = Sentiment analysis: mira a capire le conversazioni, gli atteggiamenti e i temi dominanti sui media web 2.0 Social Sentiment Engagement Index (SSEI), incorpora il Numero di menzioni sui social media, l Influenza dell autore e la Valenza del sentimento espresso (+1 /-1)

80 L analisi dell efficacia efficacia dei programmi loyalty

81 L analisi dell efficacia efficacia del web marketing

82 La segmentazione: : fare emergere la varietà della domanda La conosciamo dalla strategia di marketing: per definire la strategia bisogna identificare il mercato in cui si intende competere e per farlo esso va scomposto in sottoinsiemi omogenei in termini di bisogni dei consumatori, motivazioni e comportamenti di acquisto, ognuno dei quali può essere un mercato a sé stante. E macro (prodotti/mercati) e poi micro (gruppi di clienti) Si fonda sull idea che segmentando si realizzano strategie più efficienti Diversa dalla differenziazione (offerta) Criteri di segmentazione (le variabili) Caratteristiche socio-demografiche (indiretta e descrittiva) Vantaggi ricercati (esplicativa) Stili di vita (attività, interessi e opinioni) (esplicativa) Comportamento

83 Condizioni per la segmentazione: Quali informazioni sono disponibili sui clienti? Marketing vs. S.I. Quali tecniche statistiche sappiamo applicare? Caratteri della segmentazione nel micromarketing: Gradualità, in funzione dell ICT disponibile e richiede tempo Specificità, in relazione alla diversità della base clienti e alle diverse variabili utilizzate Scalabilità, aumentando il numero delle variabili per il miglior trade off tra efficienza ed efficacia Segretezza Una volta individuati i segmenti, bisogna fare un piano di marketing per ciascuno di quelli scelti come target ed allocare un budget.

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

Richiesta di trasferimento internazionale di denaro International money transfer send form

Richiesta di trasferimento internazionale di denaro International money transfer send form Parte A a cura del Mittente/Section A reserved to the Customer Parte B a cura dell Ufficio Postale/Section B reserved to the Post Office Richiesta di trasferimento internazionale di denaro International

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

gli Insights dai Big Data

gli Insights dai Big Data Iscriviti ora! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM Come cogliere gli Insights dai Big Data per anticipare i bisogni Le 11 Best Practice del 2014: Credem* Feltrinelli Groupon International Hyundai Motor Company

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli