Abstract. Fabrizia Baldissera, Prof. associato di Lingua e letteratura sanscrita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abstract. Fabrizia Baldissera, Prof. associato di Lingua e letteratura sanscrita ()"

Transcript

1 Giornata di Studi Lingue, letterature e culture migranti Ottobre 2014 Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali Sezione di Studi Interculturali Università degli Studi di Firenze Abstract Fabrizia Baldissera, Prof. associato di Lingua e letteratura sanscrita Antiche migrazioni di intellettuali: spostamenti di gruppi di brahmani esperti di testi e di rituale in sanscrito sia entro l India sia verso la Greater India Migrazioni di interi villaggi di brahmani diretti alle corti dei nuovi re si svolgono soprattutto durante il primo millennio d.c. Quando un capo guerriero ancor privo di regno conquistava un territorio e lo dichiarava suo, uno dei suoi primi atti pubblici di pace consisteva nell invitare gruppi di brahmani colti per coadiuvarlo nel governo. Ciò contribuiva anche a legittimare il suo regno rendendolo conforme al dharma, la norma socio-religiosa istitutrice del diritto. Tali movimenti migratori andarono in diverse direzioni: da Nord a Sud, da Ovest a Est, ma anche da Sud a Nord e da Est a Ovest. Spesso era la siccità a dettare la migrazione verso lande meno desolate, altre volte la fama di un re capace di attribuire il giusto valore alla conoscenza. L eventuale diversità di lingua non era un problema: i maschi delle famiglie brahmaniche interessate scrivevano e parlavano il sanscrito, la lingua di sacrifici, recitazioni di sacre scritture e riti quotidiani o solenni, ma anche degli atti ufficiali. Come lingua di comunicazione dotta, aveva in India la medesima funzione del latino nell Europa medioevale. L espansione dell influenza politica e culturale indiana verso l Asia del Sud Est vide i brahmani migrare anche fuori dai confini del Subcontinente. Parole chiave: India antica, brahmani, dislocazione Sabrina Ballestracci, Ricercatore di Lingua e traduzione Lingua tedesca La migrazione linguistica di un testo poliedrico: Vite de più eccellenti pittori scultori e architettori (1568) di Giorgio Vasari e la loro traduzione in tedesco. Analisi semantica di tre connettivi scelti Nel mio intervento intendo la traduzione come migrazione linguistica, migrazione che avviene attraverso il testo ed è osservabile a tutti i livelli di analisi (grammaticale, semantico, pragmatico, culturale). Prenderò in esame alcuni passi scelti tratti dall edizione giuntina delle Vite de più eccellenti pittori scultori e architettori (1568) di Giorgio Vasari, confrontandoli con la versione tedesca a cura di Daniel Kupper (Giorgio Vasari: Leben der ausgezeichnetsten Maler, Bildhauer und Baumeister von Cimabue bis zum Jahre 1567, 2007). Le Vite sono un testo poliedrico che si configura come una vera e propria miscela di generi testuali. Ogni Vita si compone di tre nuclei tematici, caratterizzabili in base a determinate peculiarità stilistiche: 1) nucleo biografico con stile descrittivo-narrativo; 2) nucleo artistico-storiografico con stile descrittivoesplicativo; 3) nucleo aneddotico con stile narrativo-poetico-drammatico. Le Vite costituiscono dunque un interessante esemplare testuale per l analisi linguistica. Nella mia relazione mi soffermerò sull analisi della funzionalità semantica di tre connettivi affini, d uso relativamente frequente nei passi presi in esame: allora, ora, poi. Questi connettivi, come evidenziato in studi recenti (es. Salvi, Renzi 1991; Renzi, Salvi 2010), presentano caratteristiche comuni e palesi sia

2 nell italiano moderno sia in quello antico: a) possono assumere diversi valori semantici (temporale, causale ecc.); b) alcuni loro usi permettono più di un interpretazione. L ipotesi di partenza è che detti connettivi, naturalmente polifunzionali, possano trovare in un testo poliedrico come quello delle Vite terreno particolarmente fertile per la realizzazione di polifunzionalità semantica. Di conseguenza, dovrebbero apparire differenziate anche le scelte linguistiche operate dal traduttore tedesco. L analisi intende offrire un contributo agli studi grammaticali di ottica traduttiva italiano-tedesco. Si auspica che possa inoltre fornire spunti di riflessione sulle peculiarità stilistiche vasariane, interessanti anche altre discipline testuali (stilistica, interpretazione del testo ecc.). Parole chiave: semantica, connettivi, Giorgio Vasari, traduzione, confronto intertestuale Silvia Cardini, Dottore di ricerca in Letteratura e filologia italiana, Università degli Studi di Firenze Ascoltare i silenzi, compatire le falsità: il racconto della guerra e della migrazione ne Le rondini di Montecassino di Helena Janeczeck H. Janeczeck interpreta in modo assai particolare il ruolo di scrittrice migrante. Figlia di ebrei polacchi, scampati alle persecuzioni e stabilitisi in Germania alla fine della guerra, si è trasferita in Italia per affinità elettiva. Sulla sua migrazione non urgono motivi economici o politici, ma questo non l esenta dal dolore di uno sradicamento che annovera fra le perdite la terra e la lingua dei suoi avi. Il suo romanzo si propone infatti come una quête, storica e insieme psicologica, che attraversa le zone d ombra della storia di famiglia collegandola alla grande storia della liberazione dal nazismo culminante nella battaglia di Montecassino. La mia analisi mette in rapporto il tema biografico e familiare della migrazione con la modalità di narrazione storica dell autrice che si configura come adozione/elezione di storie di sradicamento e di guerra lontane nel tempo e nello spazio. J. costruisce infatti una mappa narrativa solcata dal percorso di personaggi di etnie diverse idealmente uniti dal comune desiderio di riconoscimento. Parole chiave: Ebrei, Polonia, Sradicamento linguistico, Battaglia di Montecassino, Storia adottiva, Storia elettiva Massimo Ciaravolo, Prof. associato di Lingue e letterature nordiche Identità letterarie tra Svezia e Iran. I casi di Azar Mahloujian e Marjaneh Bakhtiari Si propone un confronto tra la narrativa di due scrittrici svedesi di origine iraniana, emigrate in Svezia per fuggire dal regime di Khomeyni ma appartenenti a diverse generazioni e con percorsi letterari diversi. Mahloujian è nata nel 1949 a Babol, si è formata a Teheran ed è arrivata in Svezia nel Vive a Stoccolma. Ha pubblicato cinque opere di narrativa (autobiografia, romanzo e reportage) dal 1995 a oggi. Per lei la scrittura in svedese letterario standard è di per sé un punto d arrivo, l acquisizione in età adulta di una nuova prospettiva e identità dalle quali osservare il mondo e, spesso, tornare alle proprie radici. Bakhtiari è nata nel 1980 a Teheran, ma è cresciuta a Malmö, dove vive. Ha pubblicato tre romanzi dal 2005 a oggi, affermandosi come una delle voci letterarie più originali tra i nuovi svedesi. Cresciuta con lo svedese, può ragionare sull identità incidendo già al livello del codice linguistico, ibrido, destabilizzato e oggetto di gioco. Lo sguardo satirico e serio di Bakhtiari si sofferma sul cliché progressista svedese, che accoglie gli immigrati tenendoli nel contempo a distanza, ma, similmente a

3 Mahloujian, torna anche e sempre più alle origini, alla città di Teheran, nel tentativo di comprendere la storia recente e il presente. Parole chiave: Narrativa svedese contemporanea, Multiculturalismo, Diversità, Iran, Mahloujian, Bakhtiari Ilse Girona, Collaboratore esperto linguistico Lingua inglese I figli di Ellis Island La relazione riguarda il fenomeno dell immigrazione dall Europa verso gli Stati Uniti a cavallo tra gli ultimi anni dell Ottocento e i primi anni del Novecento. Ellis Island, nella baia di New York, principale punto di ingresso per gli stranieri tra il 1892 e la prima guerra mondiale, è diventato il simbolo del dramma dei migranti nella ricerca di lavoro e benessere in un territorio spesso ostile; rappresenta anche la frantumazione di illusioni e la realtà affrontata faccia a faccia con la popolazione locale. Saranno ricordate come testimonianze i racconti di alcuni narratori immigrati o discendenti di immigrati appartenenti ai due gruppi di nuovi arrivati più numerosi in questo periodo, gli italiani e gli europee dell Est. Parole chiave: immigrazione, Stati Uniti, , Ellis Island, letteratura e cultura statunitense Michela Graziani, Ricercatore di Letterature portoghese e brasiliana Il creolo macaense. Esempio linguistico-letterario di commistione culturale euro-asiatica Durante i tre secoli di presenza politico-governamentale lusitana (XVI-XIX secolo) il portoghese padrão è stato imposto a Macao solo alla fine del XIX secolo, come conseguenza di una serie di riforme educative volute dal governo di Lisbona per diffondere la variante portoghese europea in tutte le proprie colonie con la funzione di strumento comunicativo comune e globalizzante all interno dei vari possedimenti d oltremare. Prima di tale riforma linguistica era il creolo macaense la lingua franca, usata e parlata in tutti gli ambiti lavorativi e familiari per una necessità di comprensione e comunicazione linguistica tra commercianti di diverse etnie. Con il presente lavoro si vuole mettere in risalto la realtà multilingue della città di Macao e il ruolo del creolo come lingua-ponte euro-asiatica, e modello di commistione tra lingue europee (portoghese) e lingue asiatiche (malese, indiano, cinese e giapponese), attraverso l analisi linguistico-letteraria delle poesie di José dos Santos Ferreira, celebre scrittore macaense scomparso negli anni 80 del secolo scorso. Parole chiave: creolo, lingua, letteratura, Macao Angelika Kruse, Collaboratore esperto linguistico Lingua tedesca La letteratura della migrazione in Germania nella seconda metà del 900 Aspetti storici e didattici Oggi il 9% della popolazione in Germania è rappresentato da stranieri (7 milioni), un quarto di essi è nato in Germania. La maggioranza degli stranieri vive nei Länder della vecchia Repubblica Federale da più di dieci anni. Il Sole 24 Ore del 15 febbraio 2014 registra ancora un boom di immigrati nel 2013

4 con gli italiani al terzo posto dopo polacchi e romeni. 60 anni di immigrazione hanno visto una produzione di riflessioni culturali del fenomeno che ne rispecchia profondamente l andamento. Il particolare interesse didattico per questo fenomeno riguarda tutta la gamma di questa letteratura: dagli inizi (anni 80 dello scorso secolo) fino ad oggi. Nel corso della Laurea Magistrale sono stati presentati ed elaborati insieme agli studenti alcune poesie di vari autori, cui è seguito l esame approfondito della struttura narrativa di alcuni racconti e romanzi. Gli studenti potevano scegliere la narrazione che in seguito avrebbero presentato in classe soffermandosi sull autore, riassumendo il contenuto del romanzo / del racconto ed esaminando la struttura narrativa. Una breve inchiesta fra gli studenti riguardante le motivazioni della loro scelta ha evidenziato un generale interesse da parte dei nostri studenti per tale fenomeno. Parole chiave: Gastarbeiter, poesie, struttura narrativa, motivazione Silvia Lafuente, Ricercatore di Lingua e letterature ispano-americane Interazione fra cultura orale e scrittura nelle opere letterarie dell esilio cubano L esilio è un dato biografico e per questo motivo la costruzione dell identità è uno dei percorsi di scrittura più evidente che il tema delinea. Si costruisce e si amplia come esperienza nella scrittura, che lo racconta e lo riflette. L esilio comincia quando ci si lascia dietro lo spazio del luogo familiare senza poter distinguere ancora lo spazio di arrivo e continua nella percezione di un insuperabile distanza e di un incerta presenza del paese perduto. Lo spazio di arrivo è comunque un posto privilegiato, il luogo ideale per trovare sé stesso a condizione di non farlo diventare proprio. La metafora spaziale di cui parla María Zambrano si adatta molto bene agli spazi urbani di partenza e di arrivo di due scrittori cubani che raffigurano pienamente l esilio: Guillermo Cabrera Infante e Reinaldo Arenas. Scrivono su un isola da altre isole, su una città perduta, L Avana, da altre città, Londra e New York. La città di partenza smette di essere una città per diventare un territorio reinventato, aperto ad una scrittura che attinge materiale dall oralità per la sua ricostruzione. Nel presente di questi autori cubani, la scrittura è il luogo della resistenza all oblio e per questo il loro discorso è attraversato da un gesto essenziale: recuperare e riscrivere il passato. Il confronto tra l oralità del passato e la scrittura del presente testimonia una questione che supera i tratti formali dei cambiamenti di registro linguistico o stilistico, anzi, l oralità, che non è soltanto lingua ma tradizione, ricordi, accumulo di affetti, di immagini, di suoni, ha una funzione essenziale: riattualizzare la memoria e configurare l identità nel processo della scrittura. Parole chiave: Cuba, esilio, oralità, identità, memoria Valentina Pedone, Ricercatore di Lingue e letterature della Cina e dell Asia sud-orientale La nascita della letteratura sino-italiana Sebbene la presenza cinese in Italia risalga al principio del XX secolo, è solo negli ultimi venti anni che è andata crescendo ad un ritmo senza pari. Oggi in ogni grande città italiana si trova un numero rilevante di migranti cinesi che vivono e lavorano a fianco alla popolazione italiana. Mentre sono stati condotti molti studi sugli aspetti socio-economici della vita dei cinesi in Italia (tra gli altri si veda Ceccagno 2003, Cologna 2002, Pedone 2006), ad oggi non è stato ancora pubblicato nulla sui prodotti culturali scaturiti da questa ondata migratoria.a paragone con altri gruppi migranti, quello cinese in Italia è percepito, persino dai suoi stessi membri, come non incline alla produzione e al consumo di beni culturali, mentre ad esempio sono molti gli autori originari del Maghreb che recentemente sono stati pubblicati, alcuni con grande successo, in Italia (Lakhous Amara su tutti). Ci sono alcune

5 caratteristiche del modello migratorio cinese che possono in effetti rallentare la produzione letteraria in lingua italiana rispetto ad altri gruppi migranti, come ad esempio uno strutturato sistema di impiego interno all enclave che consente il persistere della barriera linguistica. Ad ogni modo, se si prende in considerazione il materiale scritto da cinesi in Italia che sia 1) prodotto sia in italiano che in cinese; 2) pubblicato sia da case editrici italiane che da case editrici cinesi o dalla stampa etnica; 3) scritto sia dalla prima che dalla seconda generazione, allora ci si rende conto che già esiste una piccolo ma variegato corpus letterario sino-italiano. Analizzando differenti prodotti letterari (romanzi, racconti, poesie etc.) tratti da diverse fonti (collezioni di racconti, riviste, siti etc.), seguendo un approccio già usato da Yin (2000) per ricostruire la storia della letteratura sino-americana, si descriverà lo sviluppo di questo tipo di letteratura, definendone le principali caratteristiche e sottolineando cosa condivide con materiali simili provenienti da diversi contesti migratori e cosa invece è peculiare. Nell analizzare i materiali si cercherà poi di iniziare una riflessione sul sistema di valori del gruppo migrante cinese con specifico riferimento alla percezione che questo ha nei confronti del sistema valoriale italiano. Parole chiave: letteratura sinoitaliana, cinesi d oltremare, seconde generazioni, haiwai huawen Scott Staton, Collaboratore esperto linguistico Lingua inglese L autenticità della canzone popolare in lingua inglese nell età postmoderna Questo intervento si inserisce nella discussione ampia e interdisciplinare sul concetto di autenticità nella società postmoderna, nozione da sempre centrale nel folclore. Si propone di rivisitare una fase nella storia della collezione e diffusione della ballata popolare in lingua inglese ( ) che vede come protagonisti da un lato il collezionista Cecil Sharp e dall altro le comunità di origine anglo-scozzese delle montagne orientali degli Stati Uniti. Sharp, inglese, convinto che le fonti delle ballate autentiche erano state esaurite e i portatori della tradizione in procinto di scomparire per sempre, rimane come frastornato dalla scoperta di ballate dismesse da secoli dalla trasmissione orale in Inghilterra ma, negli Appalachi, non solo conservate ma anche di ottima qualità e cantate addirittura da giovanissimi. Non si limita, comunque, a collezionare artefatti ma vede (e vuole vedere) in queste comunità costumi, valori, tratti linguistici dell Inghilterra del Settecento, in breve una società preindustriale trasportata all estero e rimasta intatta nei secoli. Autentici quindi sono non solo i testi ma anche gli informatori e il loro contesto sociale. In questo contesto Sharp ritrova il proprio passato culturale (e nazionale) e vive un esperienza autentica, cioè l autenticità viene declinata in parte significativa dal soggetto. È questo il punto di aggancio alla discussione odierna dove la scarsità di oggetti autentici sposta l attenzione dall oggetto al ruolo del soggetto. Cercheremo di capire se il caso di Sharp e la comunità anglo-scozzese dislocata può essere considerato una dimostrazione dell indipendenza dell esperienza autentica dall autenticità del oggetto. Parole chiave: autenticità, canzone popolare, musica folk Tesfay Tewolde, Collaboratore esperto linguistico Lingua amarica Proto-Semitico, Gɨʕɨz, Tigrino e Amarico (Lingue Semitiche Abissine): Osservazioni sugli elementi lessicali di base La grande maggioranza dei rifugiati che viene dall Etiopia ed Eritrea (ex-colonie italiane) parla Amarico o Tigrino. Tigrino, Gɨʕɨz e Amarico sono lingue Semitiche Abissine (LSA). Queste lingue possono rappresentare le lingue Semitiche abissine di Etiopia ed Eritrea. Se osserviamo le elementi lessicali di

6 base di Gɨʕɨz, Amarico, Tigrino e Proto-Semitico, possiamo vedere che gran parte di essi sono parole affini, cognates. I cognates possono essere identici (ad es. ʕmd colonna, wld avere un figlio, mrr amaro ) o parzialmente uguali (C¹C²C³ > C³C²C¹ come in rħm > mħr perdonare ). Nelle LSA, ci sono diversi elementi lessicali che hanno forme e/o significati simili a quelle lingue Semitiche e Afro- Asiatiche al di fuori di Etiopia ed Eritrea (che dipendono da arcaismo). In Tigrino, per esempio, Ɂyy (<hwy/hyw) essere corrisponde a hwy/hyw in Aramaico e Ebraico. In Gɨʕɨz, abbiamo wɂt essere. Ma n, essere in Amarico, sembra vicino a wn, essere in Egiziano. La parola tämän o täbän, serpente in Tigrino, corrisponde a tunnanu, serpente in Ugaritico, baөan, serpente in Arabo che è diverso da Ɂarwe mɨdɨr, serpente in Giiz (Ɂrw leone in PS), ɨbab serpente in Amarico. La preposizione n a in Tigrino corrisponde a n a in Egiziano, ana a in Accadico, n a in Eblaite, l a in Tigre, Gɨʕɨz, Amarico e Aramaico; li a in Arabo etc. La forma nay, di in Tigrino, è vicino a ny, di in Egiziano, n di in Lybico-Berber; ma diverso da ši di in Accadico, l, di in Arabo, zä, di in Gɨʕɨz, yä di in Amarico ecc. Le consonanti b, d, t, t, z, ṣ, s, g, k, q, ħ, ʕ, h, l, r, m, n, w, y, ʔ del Proto-Semitico sono generalmente uguali a quelle delle LSA. In genere, però ci sono i seguenti cambiamenti: ṡ/š > s, ẓ/ḍ > ṣ, δ>z/d/s, θ>s/š, p>f, x> ħ. Parole chiave: Proto-Semitico, lingue Semitiche Abissine, cognates, elementi lessicali di base Letizia Vezzosi, Prof. associato di Filologia germanica Il viaggio della volpe Renard La parola migrante evoca direttamente l immagine di popoli e individui in movimento, che dal loro paese si spostano verso mondi diversi per i più disparati motivi, che possono in senso lato corrispondere alla ricerca di condizioni di vita migliori. Se questo è vero ora, è altrettanto vero per le epoche passate e per il medioevo, durante il quale però migranti potevano essere anche le idee e soprattutto i personaggi letterari. Di quest ultimo aspetto non molto è stato detto, ovvero delle modalità in cui le figure letterarie si sono evolute adattandosi ai vari ambienti culturali in cui si sono trovate a passare. Un esempio paradigmatico al riguardo è la vicenda della volpe Renard, nata in Francia nel XI secolo, quando si raccolsero, sotto il titolo di Roman de Renart, le prime branches della sua epopea. A partire dal XII secolo fino all epoca romantica, l Europa intera ne venne letteralmente conquistata: la volpe Renard attraversò tutto il continente (Germania, Spagna, Italia) e oltrepassò anche la Manica; la sua epopea si arricchì di nuovi particolari ed episodi attraverso i numerosi rifacimenti nei vari volgari e la figura stessa della volpe finì per evolversi per contaminazione con i vari contesti storico-culturali: da allegoria dei vizi e delle virtù, incarna prima la parodia della società della corte del re di Francia e successivamente quella della società feudale, laica e clericale per rappresentare infine un esempio di baron revolté nell epica romantica. La direzione della diffusione delle storie della volpe Renard non è stata univoca, da un centro ad una periferia, ma almeno biunivoca, con la periferia che a sua volta diventa centro d influenza: se in una prima fase il centro propulsore fu certamente la Francia, successivamente la versione quattrocentesca nederlandese, Reynaerts historie, con le sue edizioni a stampa, in prosa e in poesia, costituì il motore di una nuova diffusione, durata con vicende alterne fino al secolo scorso, quando è diventata una delle fiabe per l infanzia più amate. Tra la versione duecentesca francese e quella nederlandese quattrocentesca, la volpe era mutata a tal punto da aver perso le sembianze della Renart e non esser così più riconoscibile dal suo paese natale: sarà la ristampa del Reynaert de vos di Plantijn nel 1566, a diffondere di nuovo la figura della volpe in terra francese, che all epoca era ormai molto diversa dall originale, ma che diventò così popolare da determinare l adozione del nome proprio dell eroe per indicare l animale, soppiantando l antica parola francese goupil. Parole chiave: satira, allegoria, fiaba, rifacimento letterario

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

ROMA TRE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI

ROMA TRE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI Correlatore Prof.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia

Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Lettere e Filosofia L-11 Lingue, Culture, Letterature, Traduzione Struttura di riferimento: Dip. Studi europei, americani e interculturali Classe: L-11 Durata: triennale Modalità di ammissione:

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 LAUREA IN Lingue e culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38)

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 LAUREA IN Lingue e culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38) MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 LAUREA IN Lingue e culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale (LM-38) GENERALITÀ Classe di laurea di appartenenza: LM-38 Lauree magistrali in Lingue

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

* La scelta di Lingua inglese come prima lingua ESCLUDE la possibilità di scegliere Angloamericano come seconda lingua e viceversa.

* La scelta di Lingua inglese come prima lingua ESCLUDE la possibilità di scegliere Angloamericano come seconda lingua e viceversa. Corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Interculturale (L 12) I anno Lingua 1 (I corso) a scelta tra: L-LIN/12 Lingua e traduzione inglese I* 9 CFU Base L-LIN/11 Lingua e Traduzione angloamericana

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Nome del corso

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Nome del corso Università Università degli studi di Genova Classe 3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Nome del corso Teorie e tecniche della mediazione interlinguistica Modifica di Traduttori

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane

LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane LM-37 - Classe delle lauree magistrali in Lingue e letterature moderne europee e americane LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E AMERICANE A.A. 2015/16 Presidente: Prof. Marco Meli Delegato per l'orientamento:

Dettagli

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Scuola dell infanzia Pariani Malcesine Responsabile del progetto insegnante De Santis Maria Pia Premessa La scuola è un laboratorio di vita

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: Mi informo e conosco " DURATA: ottobre-novembre DESTINATARI : gli alunni della classe seconda DOCENTI COINVOLTI: tutti i docenti di classe OBIETTIVI FORMATIVI: osservare,

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Migrazioni, viaggi, globalizzazione

Migrazioni, viaggi, globalizzazione Migrazioni, viaggi, globalizzazione e salute umana Con particolare riguardo alle malattie infettive e alla salute mentale Giovanni Rezza Significato moderno del termine migrazione Movimento di individui

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PROPOSTA INTERCULTURA/EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA 2012-2013. Il viaggio

PROPOSTA INTERCULTURA/EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA 2012-2013. Il viaggio PROPOSTA INTERCULTURA/EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA 2012-2013 Il viaggio PREMESSA L impegno di GMA nel promuovere intercultura e l educazione allo sviluppo nelle scuole continua in linea con gli anni precedenti,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

Leggere le lingue madri

Leggere le lingue madri Leggere le lingue madri Sede del progetto: Scuole primarie del Comune di Bologna Ente promotore: CDLEI Centro di Educazione Interculturale del Comune di Bologna, Altri enti, istituzioni, associazioni coinvolti:

Dettagli

Abstract. Fabrizia Baldissera, Prof. associato di Lingua e letteratura sanscrita

Abstract. Fabrizia Baldissera, Prof. associato di Lingua e letteratura sanscrita Giornata di Studi Lingue, letterature e culture migranti 29-30 Ottobre 2014 Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali Università degli Studi di Firenze Abstract Fabrizia Baldissera, Prof.

Dettagli

Obiettivi Cognitivi - Mantenere consolidati gli aspetti fondamentali della fonetica delle lingua cinese e del sistema di trascrizione pinyin.

Obiettivi Cognitivi - Mantenere consolidati gli aspetti fondamentali della fonetica delle lingua cinese e del sistema di trascrizione pinyin. Docente G. Colombo Materia L. Cinese Classe VL Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012-2013 Data 31/10/2012 Obiettivi Cognitivi - Mantenere consolidati gli aspetti fondamentali della fonetica delle

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza comunicativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE. ARTI IN.. MOVIMENTO Il progetto Ragnatele sonore viene attivato all interno della Scuola materna dell Istituto comprensivo e interesserà tutti gli allievi del plesso e punterà a facilitare uno sviluppo

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

LA SCRITTURA: memoria degli uomini

LA SCRITTURA: memoria degli uomini LA SCRITTURA: memoria degli uomini Roberto Iozzino ASL Roma A Via dei Sardi 35 tel 0677307774 ARIEE-APS Via Alvise Cadamosto 14 06 45665257 Diciassettemila anni fa alcuni uomini tracciano i primi disegni.

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti.

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Giorno della Memoria 27 gennaio 1945-2015 Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Il 27 gennaio 1945 il campo di concentramento di Auschwitz viene liberato dalle truppe russe. Il 27 gennaio

Dettagli

TITOLO II TER - SEZIONE DECIMA - FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE 1

TITOLO II TER - SEZIONE DECIMA - FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE 1 SEZIONE DECIMA FACOLTÀ DI SCIENZE LINGUISTICHE E LETTERATURE STRANIERE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

FAMIGLIE IN VIAGGIO: migranti cinesi tra il paese di partenza e il paese di arrivo

FAMIGLIE IN VIAGGIO: migranti cinesi tra il paese di partenza e il paese di arrivo FAMIGLIE IN VIAGGIO: migranti cinesi tra il paese di partenza e il paese di arrivo Antonella Ceccagno Università di Bologna e Centro di Ricerca e Servizi per l Immigrazione, Prato Transnational Chinese:

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI

L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI L-11 - Classe delle lauree in Lingue e culture moderne LINGUE, LETTERATURE E STUDI INTERCULTURALI Presidente: Prof. Marco Meli Delegato per l'orientamento: Proff.sse Letizia Vezzosi, Michela Graziani,

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

Scuola dell Infanzia Santa Caterina

Scuola dell Infanzia Santa Caterina Scuola dell Infanzia Santa Caterina Figura 28 Disegno di Sergio - Scuola dell'infanzia Santa Caterina psicomotricità: Bambini in gioco Il progetto aiuta i bambini a migliorare la propria autonomia personale,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA FACOLTÀ DI LINGUA E CULTURA ITALIANA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA E I MEDIA DUE UOMINI E QUATTRO STRANIERI MEDIA E IMMIGRAZIONE

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2007/2008 L educazione alla legalità ha trovato spazio nella progettazione della scuola secondaria di

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano

Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Università di Friburgo (Svizzera) Facoltà di lettere Dipartimento di lingue e letterature Ambito Italiano Bachelor of Arts Italiano ambito principale (120 crediti ECTS) Piano di studi I. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Motivazioni del percorso

Motivazioni del percorso "Fiabe di tutti i colori " Motivazioni del percorso Scegliere la fiaba come oggetto di un percorso permette di offrire ai bambini un genere letterario già conosciuto, coinvolgente a livello emotivo, rassicurante

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

LE CARTE DELLA STORIA

LE CARTE DELLA STORIA LE CARTE DELLA STORIA SI PUÒ DISEGNARE IL TEMPO STORICO? Antonio Brusa Didattica della Storia Mundus. Rivista di didattica della Storia Santiago de Compostela, luglio 2010 Trento, settembre 2010 TRE OBIETTIVI

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale interfacoltà in LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale interfacoltà in LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale interfacoltà in LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Premessa Il presente Regolamento si riferisce al Corso di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTÀ IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Premessa Il presente Regolamento si riferisce al corso di laurea

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

Presentazione a cura della Commissione Europea

Presentazione a cura della Commissione Europea Presentazione a cura della Commissione Europea Introduzione Uno degli obiettivi principali di questo Glossario è quello di migliorare, attraverso la comprensione e l uso comune dei termini e delle definizioni

Dettagli

UU. DD. Classe 2^ A.S.2015/16

UU. DD. Classe 2^ A.S.2015/16 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE CLASSE 2^ Anno Scolastico 2015-2016 ITALIANO Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del Strutture essenziali dei testi argomentativo, narrativo,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

Il framework di lettura di PISA

Il framework di lettura di PISA Maria Teresa Siniscalco Il framework di lettura di PISA In questa relazione si presenta il framework della valutazione della lettura di PISA. Il framework, cioè il quadro concettuale di riferimento, esplicita

Dettagli