GotoWorld Prospettiva Mercato e Raccomandazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GotoWorld Prospettiva Mercato e Raccomandazioni"

Transcript

1 GotoWorld Prospettiva Mercato e Raccomandazioni Azienda: Azienda Demo STRETTAMENTE CONFIDENZIALE è fatto assoluto divieto di divulgare il presente materiale

2 Sommario NOTA INTRODUTTIVA... 3 GoToWorld Prospettiva... 4 Mercato... 4 Analisi statistica e quantitativa... 4 Selezione del mercato... 9 Mercato_Polonia Raccomandazioni Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 2

3 NOTA INTRODUTTIVA Chi sa concentrarsi su qualche cosa e perseguirla come unico scopo ottiene, alla fine, la capacità di fare qualsiasi cosa. M. Gandhi La presente analisi - o GoToWorld Prospettiva - si inserisce all interno della catena del valore del GoToWorld Assessment. Rappresenta il secondo passaggio del percorso d internazionalizzazione aziendale dopo il check up d internazionalizzazione, dal quale si era ricavato il coefficiente GoToWorld, indice sintetico del potenziale di sviluppo sul piano internazionale dell Azienda. Una volta individuate le peculiarità e le competenze dell Azienda in una prospettiva di espansione internazionale, si provvede, attraverso questo documento, a tracciarne la direzione di sviluppo mediante la selezione dello specifico mercato di destinazione e la predisposizione di un percorso d internazionalizzazione idoneo tarato sulle caratteristiche della specifica realtà aziendale. Al fine di raggiungere tale obiettivo, si provvede, innanzitutto, a svolgere un indagine statistico-quantitativa nella forma di una mappatura dei flussi di commercio internazionale sugli specifici prodotti offerti dall Azienda. In un secondo step le informazioni di tipo quantitativo raccolte ed elaborate nella prima fase vengono, poi, validate attraverso un analisi qualitativa del mercato di sbocco, passaggio, questo, ad elevato valore aggiunto in quanto permette di tracciare una panoramica più completa del Paese di riferimento. In particolare, vengono investigati, a seconda della rilevanza nei singoli casi, elementi peculiari quali l ambiente competitivo, il grado di saturazione del mercato, i modelli d acquisto e la cultura del business presenti nel Paese oggetto d analisi. Il documento si conclude con una serie di raccomandazioni di carattere strategico sui diversi passaggi operativi del piano d internazionalizzazione e la loro implementazione pratica. In questo caso, ci si focalizza sugli obiettivi del progetto, la struttura della governance, il relativo timing e i potenziali rischi sottostanti. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 3

4 GoToWorld Prospettiva Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sappia a quale porto approdare. Seneca L elemento centrale di una strategia di internazionalizzazione è la matrice Prodotto-Mercato, ovvero la matrice nella quale vengono idealmente incrociati le linee di prodotto che si intendono, per una serie di motivi, internazionalizzare e i mercati esteri potenzialmente target di un progetto di sviluppo. La struttura di tale matrice, che deve partire dalla comprensione dei punti di forza dell Azienda, del prodotto ma anche delle potenzialità e delle criticità del mercato, prevede output multipli, in quanto l Azienda potrebbe decidere di affrontare contemporaneamente più mercati con diverse linee di prodotto. Tuttavia, un approccio sistemico, con cui si proceda ad implementare una, o comunque un numero limitato di configurazioni prodotto-mercato riteniamo sia in grado di garantire una focalizzazione delle risorse disponibili, tangibili ed intangibili. In questo modo saranno maggiori le opportunità di conseguire gli obiettivi prefissati, generando così risorse addizionali per alimentare ulteriori progetti di crescita internazionale. Mercato L analisi per l identificazione di un mercato di potenziale interesse si compone di due fasi principali: a) analisi statistica e quantitativa; b) analisi qualitativa del mercato di interesse. Analisi statistica e quantitativa L analisi statistica condotta si focalizza sulle importazioni a livello globale dei prodotti commercializzati da Azienda DEMO al fine di individuare le aree geografiche maggiormente ricettive dell offerta aziendale. Si procede, attraverso lo studio dei dati, a restringere l indagine ad alcune aree e categorie di prodotti ben definite, in grado di offrire maggiori opportunità di business per il portafoglio prodotti di Azienda DEMO. L analisi viene realizzata basandosi sui Codici HS (codici doganali) forniti dall Azienda ed è approfondita sulla base dei prodotti principali indicati nel corso della compilazione del GoToWorld Check up. L elenco delle categorie oggetto d analisi viene riportato all inizio della pagina seguente. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 4

5 Cod. HS Descrizione Sidro, sidro di pere, idromele ed altre bevande fermentate; miscugli di bevande fermentate e miscugli di bevande fermentate e di bevande (non alcoliche), n.n.a. (escl. la birra, i vini di uve fresche, i mosti di uva nonché il vermut ed altri vini di uve fresche aromatizzati con piante o con altre sostanze) Acquaviti di vini o di vinacce Liquori Il primo step consiste nell analisi dell import delle categorie merceologiche in esame a livello mondiale, facendo riferimento all ultimo anno per il quale si hanno a disposizione dati completi per tutti i Paesi. Dal grafico a seguire emerge chiaramente come gli USA siano il principale importatore delle categorie merceologiche commercializzate da Azienda Demo. L import negli Stati Uniti, infatti, raggiunge gli 1,7 miliardi di dollari, risultando nettamente superiore al secondo Paese nella graduatoria ovvero la Cina, il cui import è stato nel 2011 di 754 milioni di dollari. Seguono Singapore, Regno Unito e Germania. Va evidenziata la predominanza degli Stati Uniti rispetto agli altri Paesi in graduatoria e va messo in rilievo, inoltre, che tra i principali Paesi importatori rappresentati nel grafico sottostante gli USA rappresentano il 20%, la Germania e il Giappone l 8%. Inoltre, i primi 3 importatori rappresentano una quota di circa il 36% rispetto al totale delle importazioni dei primi 15 Paesi. Andando ad analizzare quali sono le tipologie di prodotto più importate, sempre a livello mondiale, dal grafico della pagina seguente emerge chiaramente che i prodotti identificati con il Cod. HS ( acquaviti di vini e vinacce ) siano la categoria più importata con il 52%. Seguono la categoria con il Cod. HS ( liquori ), con il 34%, e la categoria con il Cod. HS , con il 14%. Ciò non vuol dire che i prodotti rappresentati dall'ultimo codice non debbano essere presi in considerazione durante la presente fase analitica ma semplicemente che essi non rappresentano quelli maggiormente richiesti e, di conseguenza, meritevoli di investimenti particolarmente importanti da parte dell Azienda. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 5

6 È importante analizzare ora l andamento dell import attraverso il Grafico Combinato che incrocia i prodotti e i Paesi mostrando in quale proporzione questi ultimi importano le singole categorie rispetto al totale. L importanza di tale analisi risiede nel fatto che, incrociando da un lato i prodotti che l Azienda produce ed intende esportare e dall altro quanto ciascun Paese importa di ciascun prodotto, potrà emergere in modo più evidente il mercato di maggior interesse verso cui orientare l export di Azienda DEMO. Nel grafico, fatto 100 il volume di importazione di ciascun mercato, la composizione dei colori delle barre rispecchia la percentuale delle importazioni di ciascuna categoria merceologica, consentendo così di individuare i prodotti che ad oggi vengono più facilmente assorbiti dai diversi mercati di destinazione. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 6

7 L import in questo caso vede gli USA con 21,7 miliardi di dollari quale principale mercato di destinazione, seguito dalla Cina e Singapore. Dal grafico si notano, inoltre, alcune particolarità come per esempio che: il codice doganale meno importato negli Stati Uniti risulta essere il , con un valore di oltre 116 milioni di dollari. Il secondo importatore, invece, la Cina, importa maggiormente il Cod. HS , in una proporzione relativamente analoga a Singapore. Va rimarcato, inoltre, che in linea con quanto appena evidenziato il Cod. HS ( acquaviti di vini e vinacce ) rappresenti il codice più importato specialmente nelle aree asiatiche (ad eccezione del Giappone). Per individuare un mercato target abbiamo ulteriormente approfondito l analisi dell import nella seguente Matrice PP (Paese Prodotto) relativa ai prodotti oggetto del presente documento, nella quale ai colori più scuri corrispondono maggiori quote di mercato per ciascun prodotto, viceversa per i colori più chiari. Paesi Totale USA 116,488, ,751, ,373,421 1,787,612,914 China 6,503, ,290,821 6,877, ,671,845 Singapore 7,202, ,601,237 54,005, ,809,733 United Kingdom 269,247, ,794, ,385, ,427,513 Germany 69,632, ,250, ,237, ,120,611 Poland 44,976, ,825,792 72,026, ,828,804 Japan 270,410,555 73,377, ,255, ,042,923 China, Hong Kong SAR 33,303, ,313,895 6,775, ,392,893 Canada 37,101,049 52,234, ,199, ,534,709 Netherlands 15,427,717 87,901,394 95,810, ,139,642 France 19,024,962 61,541, ,620, ,187,006 Australia 52,029,184 28,527, ,403, ,960,237 Spain 19,059,587 28,277, ,397, ,734,100 Malaysia 6,230, ,660,303 14,052, ,944,122 Italy 11,558,738 40,605,534 71,693, ,858,146 TOP ,196,128 3,699,952,961 2,469,116,109 7,147,265,198 Totale 1,311,240,589 4,490,823,338 3,276,917,252 9,078,981,179 % Top 75% 82% 75% 79% La scelta di restringere l analisi ai primi 15 paesi importatori viene giustificata dal fatto che questi, come è evidente nella matrice, assorbono in media l 80% dell import mondiale dei prodotti considerati. Dalla matrice si evince che l import mondiale di queste categorie di prodotti ha superato i 9 miliardi di dollari nel 2011 e che i Paesi Top 15 superano, invece, i 7 miliardi. Altra considerazione importante riguarda i prodotti oggetto di analisi, ossia il Cod. HS che influisce maggiormente sull import globale. Il prodotto più significativo che ha interessato maggiormente le importazioni, come già evidenziato precedentemente, è il Cod. HS , seguito da e Dalla tabella si nota come, mentre Regno Unito e Giappone si concentrano sull acquisto del Cod. HS , gli altri Paesi della Top 15 sono a turno maggiormente orientati verso l import di liquori o acquaviti di vini e vinacce. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 7

8 Sulla base di queste prime analisi possiamo andare ora a definire alcuni Cluster in modo da focalizzare l attenzione su uno di essi ed individuare il mercato potenzialmente più interessante per Azienda DEMO. L attività di Clustering, o analisi dei gruppi, ha come obiettivo quello di selezionare e raggruppare i mercati che condividono e possiedono caratteristiche comuni. Prendendo in considerazione il settore nel quale opera Azienda DEMO e avendo analizzato, attraverso la situation analysis, la struttura della medesima, i dati statistico-quantitativi, incrociati con le necessarie considerazioni qualitative che saranno approfondite ulteriormente nel presente documento, dimostrano che America e Asia non possono essere considerati dei mercati verso i quali orientare una possibile espansione del business dell Azienda DEMO. Il motivo principale che ci porta a non considerare i due Cluster (America e Asia) è legato alla condizione aziendale la quale, secondo i dati di bilancio 2012, si trova in una situazione non molto positiva e avendo un impatto del costo di trasporto di oltre il 15% risulterebbe rischioso indirizzarsi verso mercati geograficamente distanti, in quanto ciò andrebbe ad appesantire ulteriormente la voce dei costi. Un ulteriore fattore che ci porta verso mercati diversi da quello americano e asiatico è il problema dei dazi, a causa del quale la competitività del prodotto dell Azienda risulta ridimensionato. Orientarsi verso mercati molto lontani da quello nazionale richiede, presumibilmente, rilevanti investimenti in comunicazione dare al marchio aziendale un certo livello di notorietà: nei paesi Europei, la vicinanza al mercato domestico, come ad esempio per Germania, Francia e Spagna, o l amore per il Made in Italy, come ad esempio per la Polonia, potrebbero agevolare l introduzione del marchio e dei prodotti di Azienda Demo, grazie anche al libero scambio e ai canali distributivi fortemente sviluppati. Le analisi sin qui svolte, e che andranno approfondite attraverso la selezione del mercato, ci orientano quindi verso il mercato europeo in quanto ambiente ideale dove l Azienda può sfruttare al meglio i propri punti di forza, cogliere le opportunità che tale mercato offre e massimizzare il potenziale di cui dispone. Il Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 8

9 mercato europeo presenta importanti vantaggi tra cui la vicinanza geografica e i conseguentemente bassi costi di trasporto, l assenza di barriere doganali e i rapporti di partnership commerciali fortemente consolidati. Selezione del mercato Nel definire un potenziale mercato di interesse bisogna considerare, insieme alle condizioni quantitative derivanti da dati prettamente statistici, anche le dovute considerazioni qualitative. Una considerazione qualitativa possibile è quella di focalizzarsi sui mercati che già risultano importatori del prodotto italiano. Questo perché sarà già diffusa la conoscenza del prodotto italiano sul mercato e, soprattutto, presso gli attori della filiera che intercorre tra l azienda e il cliente finale (importatoredistributore-cliente). In generale infatti in Europa è comparativamente più facile riuscire ad identificare e raggiungere i canali di distribuzione, perché i relativi attori risultano, oltre che sufficientemente numerosi, maggiormente motivati ad interfacciarsi con i produttori italiani grazie all immagine positiva da questi veicolata. Un ulteriore considerazione di tipo qualitativo è rappresentata dal Trend dei Paesi di interesse per il processo di internazionalizzazione dell Azienda DEMO. L andamento dei flussi commerciali non solo ci consente di avere una panoramica sulla situazione pregressa bensì ci mette nelle condizioni di eseguire anche delle previsioni sul possibile orientamento di tali mercati. Andando a considerare i mercati che presentano livelli di import più significativi osserviamo che la Polonia, e il mercato europeo in generale, presenta una tendenza che lascia intravedere segnali positivi per le future importazioni dei prodotti in esame. Un elemento aggiuntivo di supporto nella selezione del mercato ideale, infine, può essere costituito dall interesse registrato su Internet rispetto alle categorie di prodotti oggetto dell offerta di Azienda DEMO. Tale interesse, o Sentiment secondo la definizione delle modalità di Big Data, mette in relazione, in altre parole, il numero di ricerche effettuate su ciascun mercato, o area, rispetto ad una o più parole chiave, facendo riferimento sia a blog che ad annunci ed altre forme di scambio d informazioni on-line, includendo anche elementi di e-commerce quali pubblicità on-line, ecc. Nel caso specifico l indagine viene condotta facendo riferimento alle seguenti parole chiave: alcol etilico, vini/vinacce e bevande fermentate. A livello mondiale risulta un numero elevato di ricerche da parte di Paesi europei come Germania, Regno Unito, Polonia, Francia e Italia, oltre ai leader d importazione statunitensi e a Giappone, Cina ed Hong Kong. In questo caso, tuttavia, avendo scelto di eliminare i cluster americano ed asiatico, viene rappresentata, nella pagina seguente, la mappa con il grafico Sentiment relativa al solo continente europeo. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 9

10 La mappa va a confermare i dati illustrati precedentemente nell analisi dell import. I Paesi con il colore blu e blu scuro sono quelli dove maggiormente vengono ricercati i prodotti in esame. Emergono chiaramente la Francia, la Polonia e la Germania come principali Paesi d interesse, denotando, tuttavia, un livello di ricerche consistente su tutta l estensione dell area europea, salvo alcune eccezioni. Tra i paesi Europei, quello che riteniamo possa essere il mercato potenziale di maggior interesse, nel quale è possibile disegnare un progetto di crescita internazionale per l Azienda DEMO che presenti il miglior rapporto opportunità/costi, è quello della Polonia: di seguito andiamo ad illustrarne le ragioni. Mercato_Polonia La macro area che racchiude i Paesi dell Europa centro-orientale (comprendendo anche la Federazione Russa) e balcanica rappresenta un ambito dove vi è notoriamente un elevatissimo consumo di superalcolici. In particolare in Polonia si registra un consumo pro-capite annuo di circa 14 litri di alcol puro, o in alternativa 95,1 litri di prodotti alcolici pro-capite complessivi (dati 2011), valore questo che segna oltretutto un trend di crescita (+4 litri rispetto al 2010). Si prevede inoltre che nel 2013 verranno acquistati complessivamente 279,4 litri di vodka sull intero mercato. In una recente indagine, infatti, è emerso come l incidenza della popolazione che dichiara di consumare alcolici dalle 2 alle 3 volte alla settimana è cresciuta dal 9% al 19% nel corso di 5 anni ( ). Bisogna, tuttavia, segnalare come la parte più rilevante in assoluto del consumo sia riferita alla vodka, per la quale la Polonia contende alla Russia il titolo di Paese di origine del prodotto alcolico stesso. Dietro alla vodka si piazza, in termini di preferenze, il whisky, che in questo caso è ripartito paritariamente tra whisky di importazione e whisky di produzione domestica, mentre a livello di gusto è largamente preferito il whisky scozzese, cresciuto nel 2012 del 20% a livello di volumi. Tale trend testimonia una occidentalizzazione dei consumi, con un sempre maggiore interesse, da parte di alcune fasce della popolazione, verso prodotti diversi dall offerta tradizionale domestica: queste fasce di popolazione rappresentano inoltre il mercato target di Azienda DEMO, in virtù del maggiore potere di acquisto e dunque della maggiore capacità di accedere all acquisto di un prodotto posizionato nella categoria premium (alto livello di qualità e di prezzo ) quale appunto l offerta di Azienda DEMO. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 10

11 Questa distribuzione di preferenze è un elemento sicuramente da tenere conto all atto della pianificazione delle attività connesse all espansione sul mercato, tuttavia tale elemento non può essere aggirato semplicemente cambiando mercato di destinazione. La grappa infatti si posiziona e si confronta sui mercati dell Europa centro-orientale e balcanica con le due bevande tipiche dell area: da un lato la vodka, diffusa soprattutto nei Paesi più settentrionali, dall altro lato la rakija, prodotto tipico dei Balcani (in particolare Serbia, Croazia e Bulgaria) derivante dalla fermentazione di diversi tipi di frutta (tra i quali appunto dell uva). Tra queste due alternative sicuramente pare più opportuno andare a costruire il proprio posizionamento laddove sia più diffusa la vodka, poiché sarà possibile coltivare un modello di consumo complementare rispetto a quello della vodka, mentre invece laddove prevale la rakija la sovrapposizione forte fra le due tipologie di prodotto rende di fatto molto difficile veicolare il valore dell offerta italiana. Regolamentazione sui prodotti alcolici Il settore della vendita di alcolici in Polonia è un segmento dove esistono chiare regole, non dissimili tuttavia da quanto riscontrabile in Italia: questo perché la Polonia fa parte dell Unione Europea, dunque dal momento dell ingresso nella Comunità ha preso avvio un processo di armonizzazione con le norme generali dell area. A livello di comunicazione è fatto divieto di fare pubblicità di prodotti alcolici sui canali pubblici (televisioni nazionali pubbliche o private, radio, stampa): divieto completo per vino e prodotti di categoria spirits, solo parziale per la birra. Permane comunque per tutte le tipologie di prodotti il divieto totale di pubblicizzarne la vendita presso il point of sales. Simili restrizioni valgono anche con riferimento alla possibilità di sponsorizzare eventi sportivi o di altra natura da parte di produttori o distributori di alcolici. Il settore HoReCa Il settore HoReCa ( Hotel-Restaurant-Catering ) in Polonia, ed in particolare il settore della ristorazione, si presenta come segmento in rapida crescita e dalle caratteristiche sicuramente interessanti. Nel 2012 la popolazione polacca dichiarava di recarsi a mangiare fuori circa 33 volte all anno (di media): sono in particolare i giovani o coloro i quali lavorano in città a recarsi presso ristoranti e locali affini. Si registra poi come vi sia una preferenza verso i menù più tradizionali, pur risultando la pizza tra le pietanze preferite in occasione di pasti consumati fuori casa. Nel 2011 si registravano circa punti vendita gastronomici, dei quali il 38,4% erano bar, il 22,7% ristoranti ed il 6,3% caffetterie-self service (il restante volume risulta fare riferimento ad altre forme di ristorazione). Di tali tipologie di punti vendita, il settore dei ristoranti pare essere quello più dinamico, in grado di registrare una crescita a fronte di una leggera contrazione del segmento dei bar. Con riferimento al consumo di alcolici nell ambito HoReCa, si segnala che l incidenza del consumo in tale contesto rappresenta una parte limitata del consumo complessivo, registrando il 5% circa. Tuttavia il segmento HoReCa diventa di grande importanza nel momento in cui si debba andare a costruire il posizionamento di un nuovo prodotto sul mercato (a fronte soprattutto di normative stringenti rispetto alla possibilità di pubblicizzare i prodotti alcolici). Infatti, nel segmento HoReCa vi è una maggiore incidenza di prodotti spirits come il whisky ed altri prodotti premium o di nicchia rispetto alla vodka, a testimonianza della capacità di questo canale di distribuzione di avvicinare il consumatore a nuove tipologie di prodotto, Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 11

12 in modo tale da creare poi un volano per lo sviluppo di tali nuove categorie di prodotto anche nel consumo domestico, di gran lunga il più sviluppato. Va rilevato, infine, che la fiera più significativa rispetto al segmento HoReCa in Polonia è sicuramente la HoReCa Krakow, che si tiene appunto a Cracovia, mentre risultano ugualmente degne di nota le fiere GastroFood ed EnoExpo (novembre 2013). Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 12

13 Raccomandazioni Senza un impegno chiaro e condiviso ci sono sole promesse e speranze ma non piani. P. Drucker Definiti obiettivi strategici di massima (matrice prodotto-paese), questi devono essere articolati secondo tutte le dimensioni di un qualsiasi progetto condotto in un ottica manageriale, ovvero gli obiettivi misurabili, la strutturazione prevista del business (ad esempio la governance da adottare o le strategie per ridurre o gestire il rischio) e il timing del progetto. Solo attraverso tale declinazione sarà possibile implementare il progetto in modo efficace ed efficiente. Sarà possibile, inoltre, identificare e correggere per tempo gli scostamenti dal progetto prima che questi, una volta in atto, vadano a compromettere la riuscita dello stesso. La specificazione di queste variabili renderà possibile comunicare chiaramente gli elementi della strategia ai diversi shareholders, siano questi interni all Azienda (ad esempio, i futuri responsabili) piuttosto che esterni (ad esempio, possibili investitori o eventuali partner commerciali). Obiettivi del progetto Gli obiettivi generali del progetto riguardano la creazione di una presenza di natura commerciale stabile sul mercato polacco. Tale obiettivo generale dovrà essere raggiunto implementando un percorso di crescita relazionale prima ancora che commerciale, al fine di costituire un network di contatti mirati nell ambito B2B, in ragione dell impossibilità di pubblicizzare il prodotto direttamente verso i consumatori finali. Sarà opportuno prevedere la partecipazione ad eventi, opportunamente studiati e realizzati nelle principali città, volti a promuovere le diverse linee di prodotti verso il segmento HoReCa. Sarà inoltre conveniente prevedere l organizzazione di attività di incoming da parte di operatori selezionati presso la sede di Azienda DEMO, come strumento per la promozione del valore della specificità del prodotto. Linee di prodotto Come emerso nel corso del GotoWorld Check-up, le linee di prodotto che compongono l offerta di Azienda DEMO si configurano come un continuum di prodotti che condividono un posizionamento medioalto. Ne consegue che sarà sicuramente opportuno affacciarsi sul mercato con l intera gamma di prodotti, quantomeno con riferimento alla linea della grappa. Interessante invece appare la potenzialità della linea dei liquori (comprendendo in questi anche il xxx, yyy, zzz), che pare possa essere di più facile appeal da parte del mercato polacco nel breve termine. Ugualmente interessante risulta essere poi la linea dell KKK. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 13

14 Tipologia di strutturazione - governance Almeno per la prima fase del progetto di espansione internazionale, qui di seguito rappresentata, si ritiene che l attuale struttura aziendale, dedicata alla gestione delle attività internazionali, possa essere sufficiente. Suggeriamo invece opportuno prevedere la presenza di un antenna locale sul mercato, che sia in grado di intervenire direttamente e sviluppare l attività di business in Polonia, fungendo contemporaneamente da vettore per l offerta e da collettore per le richieste e le eventuali istanze da parte del mercato domestico. Avviata una presenza relazionale sarà poi necessario costruire i canali logistici per l importazione, la distribuzione e la consegna dei prodotti: tale fase operativa, almeno nella fase iniziale, potrà essere delegata ad un 3PL (fornitore di logistica) in grado di assicurare la gestione appunto delle operations della fase logistica, comprese le necessarie licenze per gli alcolici. Solidità del progetto e criticità RISCHIO OPERATIVO RISCHIO COMMERCIALE RISCHIO FINANZIARIO TEMATICHE Distributore (licenze/affidabilità) Promozione prodotto Esposizione relative alla merce in viaggio Lingua CRITICITÀ Attivazione canale logistico affidabile lungo l intera filiera Attivazione canali B2B HoReCa Bilanciamento livello di servizio atteso/promozione/capitale immobilizzato POSSIBILE IMPATTO Disfunzioni logistiche Problemi di distribuzione (es: versamento accise) Rischio manipolazione o sofisticazione prodotto (distribuzione grigia ) Mancata penetrazione sul mercato Immobilizzazioni finanziarie Perdita di materiale lungo filiera (in linea con quanto ad oggi registrato) Le criticità principali del progetto riguardano, da un lato la creazione di un network relazionale in grado di fungere da base per la successiva attività espressamente commerciale, d altro la gestione della logistica, gestione che seppur delegata ad operatore terzo, deve essere monitorata in quanto fase delicata sia per l incidenza dei costi sia per la qualità del servizio di approvvigionamento. Riteniamo, tuttavia, che le criticità riscontrabili siano nel complesso limitate, in ragione del fatto che la natura dell attività così come prefigurata è sostanzialmente commerciale e con problematiche ben note all azienda: non si prevedono peraltro investimenti rilevanti sul territorio estero, quantomeno in una prima fase delle attività. Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 14

15 Analisi dei rischi La Polonia è un mercato sicuramente stabile: esso infatti può vantare una situazione macro-politica affidabile, un economia in generale dinamica e solida, e dei fondamentali legali sostanzialmente trasparenti ed in grado di tutelare l attività di business da parte di attori esteri. Timing Il timing prevedibile per il conseguimento dei primi risultati tangibili (feedback dal mercato, ordinativi di prova, campionature, ecc., ma anche primi ordinativi operativi) può essere stimato in circa un anno, considerando la necessità di andare a costruire praticamente ex-novo il posizionamento dell offerta di Azienda DEMO sul mercato polacco. Pare invece difficile riuscire a conseguire gli obiettivi entro i 6 mesi indicati nel corso della compilazione del Check-up. Percorso strategico Il percorso strategico così come prefigurato prevede una serie di step logici ed operativi che porteranno l Azienda a conseguire un posizionamento stabile sul territorio, contemporaneamente riducendo i rischi operativi. Identificazione mercato Strutturazione interna (verifica carico lavoro area comm. internaz.) Identificazione potenziali interlocutori sul mercato estero Attività di sviluppo commerciale verso i potenziali interlocutori Definizione ed attivazione dei canali logistici Attività commerciale continuativa (day by day) Consorzio GoToWorld - Tutti i diritti sono riservati 15

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE.

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. Le vostre esigenze. IL NOSTRO STILE. Gli specialisti della VIA MAT INTERNATIONAL vantano una pluriennale esperienza nell offrire ai nostri clienti servizi professionali di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli