2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE"

Transcript

1 ELABORATO N Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti norme, unitamente agli elaborati di cui al successivo art. 2 definiscono la disciplina delle trasformazioni urbanistiche ed edilizie del territorio compreso entro il perimetro del Piano Particolareggiato, denominato Comparto Amandoli in località Rio Salso Le presenti norme risultano valide per quanto non in contrasto con la strumentazione urbanistica ed edilizia comunale vigente. Art. 2 - ELABORATI Gli elaborati del Piano di Lottizzazione sono: Tav. n.1 Inquadramento: Estratto C.T.R., Estratto P.R.G. vigente, Estratto di Mappa Catastale Tav. n.2 Planimetria della variante approvata 2003 Sc. 1:1000 Tav. n.3a Stato di fatto: Piano Quotato, Curve di livello Sc. 1:1000 Tav. n.3b Progetto: Piano Quotato, Curve di livello Sc. 1:500 Tav. n.4a Comparativa: Planimetria con tagli di sezione Sc. 1:500 Tav. n.4b Comparativa: Sezioni e profili generali (A-A..D-D ) Sc. 1:250 Tav. n.4c Comparativa: Sezioni e profili generali (E-E..H-H ) Sc. 1:250 Tav. n.4d Comparativa: Sezioni e profili stradali (I-I -I.L-L -L ) Sc. 1:250 Tav. n.5 Progetto: Planimetria Generale, Tabella dei Calcoli Sc. 1:500 Tav. n.6 Progetto: Planimetria Generale, Standards Urbanistici Sc. 1:500 Tav. n.7a Impianti: Rete fognaria, Planimetria generale reti Sc. 1:500 bianche e nere Tav. n.7b Impianti: Rete fognaria, Profili acque bianche Tav. n.7c Impianti: Rete fognaria, Profili acque nere Tav. n.7d Impianti: Rete fognaria, Particolari costruttivi e sez. tipo Sc. 1:20 reti bianche e nere Elab. n.7e Impianti: Relazione special. e di calcolo reti fognarie Tav. n.8a Impianti: Rete idrica, Planimetria generale Sc. 1:500 Tav. n.8b Impianti: Rete idrica, Particolari e sez. tipo Sc. 1:10 Tav. n.8c Impianti: Rete idrica, Nuovo serbatoio Sc. 1:50 Elab. n.8d Impianti: Relazione special. e di calcolo rete idrica Tav. n.9 Impianti: Progetto pubblica illuminazione, schema Sc. 1:500 planimetrici, particolari costruttivi, sezioni Tav. n.9a Impianti: Progetto pubblica illuminazione, relazione tecnica e calcolo illuminotecnico Tav. n.9b Impianti: Progetto rete BT Enel, schema planimetrico e Sc. 1:500 particolari costruttivi Tav. n.9c Impianti: Progetto rete Telecom, schema planimetrico Sc. 1:500 e particolari costruttivi Tav. n.10 Impianti: Rete Gas Metano Sc. 1:500 Elab. n.11 Relazione Illustrativa Tav. n.12 Documentazione Fotografica Elab. n.13 Computo metrico estimativo Elab. n.14 Norme tecniche di attuazione Tav. n.15 Studio geologico-geotecnico: Relazione tec.-illustrat. Tav. n.15a Studio geologico-geotecnico: Sondaggi Prove di Lab. Tav. n.15b Studio geologico-geotecnico: Corografia 2 di 11

3 Tav. n.15c Studio geologico-geotecnico: Carta geol. Geomorf. Tav. n.15d Studio geologico-geotecnico: Carta e sez. idrologica Tav. n.15e Studio geologico-geotecnico: Planim. di Piano Part. Tav. n.15f Studio geologico-geotecnico: Sezioni geolitiche Elab. n.16 Schema di Convenzione Art. 3 - ATTUAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO 3.1 Il presente Piano Particolareggiato si attua attraverso n. 13 unità minime d intervento (U.M.I.) per ognuna delle quali si potranno ottenere singoli permessi di costruire così come descritto nei successivi articoli ed identificato nella Tav. n Il rilascio dei permessi di costruire relativi alle U.M.I. dalla n. 1 alla n. 13 sarà subordinato al preventivo rilascio degli atti abilitativi relativi alle opere di urbanizzazione previste all interno e all esterno del comparto, di cui a seguito: DENTRO IL COMPARTO Standard a PARCHEGGIO mq. 1627,26 in cessione e/o asservito ad uso pubblico; Standard a VERDE PUBBLICO mq. 3322,84 in cessione e/o asservito ad uso pubblico; VIABILITA PUBBLICA (strada) mq. 4330,87 in cessione e/o asservito ad uso pubblico; VIABILITA PUBBLICA (marciapiedi) mq. 1206,84 in cessione e/o asservito ad uso pubblico; FUORI IL COMPARTO PARCHEGGIO mq. 287,50 in cessione e/o asservito ad uso pubblico (lungo la via Amandoli); PARCHEGGIO mq. 375,00 in cessione e/o asservito ad uso pubblico (lungo la strada interna del comparto); VIABILITA PUBBLICA (strada) mq. 997,98 in cessione e/o asservito ad uso pubblico; VIABILITA PUBBLICA (marciapiedi) mq. 460,83 in cessione e/o asservito ad uso pubblico; 3.3 L agibilità relativa agli edifici residenziali da realizzare all interno delle U.M.I. dalla n. 1 alla n. 9 e degli edifici artigianali da realizzare all interno delle U.M.I. dalla n. 10 alla n. 13, non potrà essere rilasciata antecedentemente al collaudo definitivo delle opere di urbanizzazione di cui all art. 3 comma 2, 3.4 La superficie reale dei lotti è quella effettivamente risultante dal frazionamento, pertanto i dati che da essa dipendono contenuti nella Relazione Illustrativa (Elab. n. 11) e quelli riportati nelle tabelle degli elaborati grafici sono da ritenersi indicativi, restando fissi i dati relativi alla superficie residenziale delle U.M.I dalla n. 1 alla n. 9 e la superficie produttiva delle U.M.I. dalla n. 10 alla n. 13; 3 di 11

4 anche per le aree da cedere al Comune potranno sussistere piccole differenze di superficie purché esse rientrino nei limiti tollerati dal Catasto in sede di frazionamento (5%) e le superfici complessive degli standard non risultino inferiori ai minimi di legge. Art. 4 - DESTINAZIONI D USO Nel rispetto dei lineamenti generali della disciplina prevista nelle Norme del P.R.G. vigente, l area oggetto del presente Piano Particolareggiato, di superficie pari a mq , è stata suddivisa in zone opportunamente contraddistinte per destinazioni d uso specifiche così individuate nella Tav. n. 5 e nella Tav. n. 6: Area destinata a nuova edificazione di tipo residenziale e a spazi privati pertinenziali (UMI 1-9) Area destinata a nuova edificazione di tipo artigianale e a spazi privati pertinenziali (UMI 10-13) Standard a parcheggio da cedere Standard a verde da cedere Viabilità da cedere (strade e marciapiedi) Verde di rispetto Ciascuna di queste aree è assoggettata alle norme di disciplina urbanistica che vengono raccolte all interno degli articoli seguenti Limitrofe alle aree del comparto, coinvolte dalla progettazione complessiva, sono state interessate altre aree, per una superficie di mq suddivise in zone opportunamente contraddistinte per destinazioni d uso specifiche così individuate nella Tav. n. 5 e nella Tav. n. 6: Parcheggio da cedere (lungo via Amandoli) Parcheggio da cedere (lungo la strada nella parte centrale) Viabilità da cedere (strade e marciapiedi) Verde di rispetto Anche queste aree sono assoggettate alle norme di disciplina urbanistica raccolte all interno degli articoli seguenti. Art. 5 AREA DESTINATA A NUOVA EDIFICAZIONE DI TIPO RESIDENZIALE E A SPAZI PRIVATI PERTINENZIALI (U.M.I. da n. 1 a n. 9) 5.1 Entro il perimetro dell area destinata a nuova edificazione di tipo residenziale e a spazi privati pertinenziali, nel rispetto della normativa vigente, è possibile edificare fabbricati a destinazione residenziale con interventi da realizzarsi all interno di Unità Minime di Intervento (U.M.I.) numerate dal n. 1 al n. 9, individuate nell elaborato grafico (Tav. 5) aventi le seguenti caratteristiche: U.M.I. n.1 Superficie Residenziale mq. 445,60 4 di 11

5 U.M.I. n.2 Superficie Residenziale mq. 530,40 U.M.I. n.3 Superficie Residenziale mq. 563,20 U.M.I. n.4 Superficie Residenziale mq. 604,40 U.M.I. n.5 Superficie Residenziale mq. 380,00 U.M.I. n.6 Superficie Residenziale mq. 370,80 U.M.I. n.7 Superficie Residenziale mq. 328,80 U.M.I. n.8 Superficie Residenziale mq. 286,00 5 di 11

6 U.M.I. n.9 Superficie Residenziale mq. 348,80 Totale Superficie Residenziale mq , Le tipologie edilizie consentite sui singoli lotti, vanno dalla casa unifamiliare alla plurifamiliare, con un massimo di sei unità abitative. 5.3 Gli edifici di cui ai punti precedenti dovranno essere realizzati all interno del limite di sviluppo massimo della nuova edificazione, così come indicato nell elaborato grafico (Tav 5). 5.4 E data possibilità di costruire fabbricati a seguito di accorpamento di uno o più lotti contigui, semprechè la caratteristica tipologica di ciascuno di essi rientri nella casistica di casa unifamiliare o plurifamiliare fino ad un massimo di sei unità e comunque entro il limite massimo calcolato sulla somma delle rispettive capacità edificatorie dei lotti accorpati, e nel rispetto dell altezza e dello sviluppo massimo del fabbricato (Tav 5). 5.5 I limiti di sviluppo massimo devono esclusivamente intendersi come limite massimo entro cui può svilupparsi la sagoma principale del fabbricato con parete finestrata. All interno del massimo sviluppo delle singole U.M.I. potranno essere inseriti uno o più edifici purché vengano previste tra loro distanze minime nel rispetto del D.M. n del 2 aprile Nel caso di accorpamento di più lotti, il limite di sviluppo massimo dei fabbricati al loro interno, sarà dato dal limite di sviluppo di ciascuno dei lotti accorpati, con l aggiunta delle possibilità di edificare anche la fascia tra i lotti accorpati. 5.6 Il numero massimo di piani abitabili consentiti per fabbricato sono di n. 2 fuori terra più un piano interrrato. 5.7 La realizzazione del piano interrato è regolamentata secondo le indicazioni previste dalle N.T.A. del P.R.G. vigente nella parte che riguarda i nuovi insediamenti residenziali. 5.8 Dovrà essere garantita la dotazione di parcheggi privati nella misura di 1 mq. ogni 10 mc. e comunque non inferiore alla misura minima prevista per legge. 5.9 Nella realizzazione delle nuove recinzioni e dei nuovi passi carrai dovranno essere rispettate le prescrizioni derivanti dal vigente codice della strada. 6 di 11

7 5.10 Le posizioni dei passi carrai riportate sugli elaborati di progetto, sono indicative e potranno essere modificate in funzione dell accorpamento dei lotti o di una particolare distribuzione degli edifici stessi, previa accettazione dell Ufficio Tecnico Comunale. Art. 6 AREA DESTINATA A NUOVA EDIFICAZIONE DI TIPO ARTIGIANALE E A SPAZI PRIVATI PERTINENZIALI (U.M.I. da n. 10 a n. 13) 6.1 Entro il perimetro dell area destinata a nuova edificazione di tipo artigianale e a spazi privati pertinenziali, nel rispetto della normativa vigente, è possibile edificare fabbricati a destinazione artigianale con interventi da realizzarsi all interno di Unità Minime di Intervento (U.M.I.) numerate dal n. 10 al n. 13, individuate nell elaborato grafico (Tav. 5) aventi le seguenti caratteristiche: U.M.I. n.10 Superficie Artigianale mq. 4181,33 H: Altezza massima ml. 10,00 (da riferirsi alle N.T.A. U.M.I. n.11 Superficie Artigianale mq. 2385,04 H: Altezza massima ml. 10,00 (da riferirsi alle N.T.A. U.M.I. n.12 Superficie Residenziale mq. 1218,81 H: Altezza massima ml. 10,00 (da riferirsi alle N.T.A. U.M.I. n.13 Superficie Residenziale mq. 1218,81 H: Altezza massima ml. 10,00 (da riferirsi alle N.T.A. Totale Superficie Artigianale mq , Le tipologie edilizie consentite sui singoli lotti, vanno dal capannone singolo a quello multiplo senza limitazioni del numero di unità. 6.3 Gli edifici di cui ai punti precedenti dovranno essere realizzati all interno del limite di sviluppo massimo della nuova edificazione, così come indicato nell elaborato grafico (Tav 5). 7 di 11

8 6.4 Il limite di sviluppo massimo della nuova edificazione risulta dalla combinazione delle distanze minime dal confine e della distanza minima dal ciglio della scarpata. 6.5 In caso di opere di consolidamento della scarpata e previa autorizzazione e verifica degli enti preposti (comune, genio civile e provincia), si potrà definire un nuovo limite del ciglio della scarpata stessa e quindi anche un nuovo limite di sviluppo massimo della nuova edificazione. 6.6 E data possibilità di costruire fabbricati a seguito di accorpamento di uno o più lotti contigui, semprechè la caratteristica tipologica di ciascuno di essi rientri nella casistica di capannone singolo o multiplo entro il limite massimo calcolato sulla somma delle rispettive capacità edificatorie dei lotti accorpati, e nel rispetto dell altezza e dello sviluppo massimo del fabbricato (Tav 5). 6.7 I limiti di sviluppo massimo devono esclusivamente intendersi come limite massimo entro cui può svilupparsi la sagoma principale del fabbricato con parete finestrata. All interno del massimo sviluppo delle singole U.M.I. potranno essere inseriti uno o più edifici purché vengano previste tra loro distanze minime nel rispetto del D.M. n del 2 aprile Nel caso di accorpamento di più lotti, il limite di sviluppo massimo dei fabbricati al loro interno, sarà dato dal limite di sviluppo di ciascuno dei lotti accorpati, con l aggiunta delle possibilità di edificare anche la fascia tra i lotti accorpati. 6.8 Dovrà essere rispettato per ciascun lotto il Rapporto massimo di Copertura pari al 60 %. 6.9 Il numero massimo di piani fruibili consentiti per fabbricato sono di n. 2 fuori terra più un piano interrato La realizzazione del piano interrato è regolamentata secondo le indicazioni previste dalle N.T.A. del P.R.G. vigente nella parte che riguarda i nuovi insediamenti artigianali Dovrà essere garantita la dotazione di parcheggi privati nella misura prevista dalle norme di P.R.G. e comunque non inferiore alla misura minima prevista per legge Nella realizzazione delle nuove recinzioni e dei nuovi passi carrai dovranno essere rispettate le prescrizioni derivanti dal vigente codice della strada Le posizioni dei passi carrai riportate sugli elaborati di progetto, sono indicative e potranno essere modificate in funzione dell accorpamento dei lotti o di una particolare distribuzione degli edifici stessi, previa accettazione dell Ufficio Tecnico Comunale Non è ammesso, all interno delle UMI artigianali, la realizzazione della superficie residenziale per l alloggio. 8 di 11

9 Art. 7 STANDARD A PARCHEGGIO DA CEDERE E PARCHEGGIO DA CEDERE FUORI IL COMPARTO 7.1 La tav. n. 6 individua tutte le aree, sia interne al comparto che esterne a destinazione parcheggio pubblico e relativo spazio di manovra. 7.2 La superficie destinata a parcheggio pubblico interna al comparto e considerata standard da cedere è pari a mq. 1627, La superficie destinata a parcheggio pubblico esterna al comparto è pari a mq. 662,50, di cui mq. 287,50 sono distribuiti lungo la via Amandoli e mq. 375,00 sono ubicati lungo la strada centrale del comparto. 7.4 Il parcheggio distribuito lungo la via Amandoli, anche se fuori dal comparto, è obbligatorio per la realizzazione del piano, mentre quello lungo la strada centrale del comparto non è obbligatorio per l attuazione del piano. 7.5 Dietro presentazione di apposita tavola rappresentativa e previa approvazione dell Ufficio Tecnico Comunale, la fascia del parcheggio non obbligatorio potrebbe essere sostituita dail allargamento della sede stradale. 7.6 I materiali di finitura saranno quelli stabiliti dalla documentazione in allegato (Elaborati grafici, Computo metrico estimativo e Relazione Illustrativa). 7.7 Si dovrà provvedere in modo adeguato al convogliamento delle acque meteoriche, secondo lo schema degli elaborati grafici in allegato. Art. 8 STANDARD VERDE DA CEDERE La tav. n. 6 individua tutte le aree all interno del comparto, per una superficie complessiva di mq. 3322,84 con destinazione a standard primario a verde da attrezzare secondo la normativa vigente. Art. 9 VIABILITA DA CEDERE ALL INTERNO E ALL ESTERNO DEL COMPARTO La tav. n. 6 definisce la viabilità pubblica di distribuzione oggetto di cessione sia all interno che all esterno del comparto, dove è previsto anche l allargamento di una strada esistente La superficie destinata a viabilità all interno del comparto, è distinta in mq. 4330,87 destinati a strada e mq. 1206,84 a marciapiedi, mentre quella destinata a viabilità all esterno del comparto, è distinta in mq. 997,98 destinati a strada e mq. 460,83 a marciapiedi. 9.3 Eventuali variazioni possono essere apportate alle dimensioni e alla distribuzione dei marciapiedi e delle sedi stradali, con la presentazione di apposita tavola rappresentativa, previa approvazione dell Ufficio Tecnico Comunale. 9.4 Saranno realizzati i sotto e sovra servizi a rete, il manto stradale e i percorsi pedonali secondo le indicazioni delle relative tavole di progetto. 9 di 11

10 Art. 10 VERDE DI RISPETTO ALL INTERNO E ALL ESTERNO DEL COMPARTO La tav. n. 6 definisce il verde di rispetto presente all interno del comparto e quello all esterno La superficie destinata a verde di rispetto all interno del comparto è pari a mq. 770,21, mentre quella destinata a verde di rispetto fuori dal comparto è pari a mq. 1916, Il verde di rispetto all interno del comparto è stato previsto al fine di creare una separazione a verde tra la zona residenziale e quella artigianale per cui il suo utilizzo e la sua funzione dovranno rimanere tali anche in caso di cessione a privati. Sono previste piantumazioni di tipo arbustivo e d alto fusto realizzate con essenze di tipo autoctono. Potranno comunque prevedersi collocazioni di arredi da giardino nel caso di aree aggregate alle pertinenze delle unità abitative Il verde di rispetto all esterno del comparto oltre a essere previsto come spazio verde per piantumazioni di tipo arbustivo e d alto fusto con essenze autoctone è utilizzato come area dove ubicare i bacini degli impianti di fitodepurazione e potrà essere attrezzato con arredi da giardino di tipo temporaneo Il verde di rispetto all esterno del comparto sarà ceduto a spazio pubblico o potrà rimanere a gestione privata come da accordi futuri con l Amministrazione Comunale da formalizzare nell atto di cessione degli standards. Art. 11 CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE DEI MANUFATTI EDILIZI Per i manufatti edilizi da realizzare all interno delle U.M.I. dalla n. 1 alla n. 9 (residenziali) le scelte dei materiali e in particolare le opere di finitura e completamento dovranno essere improntate alla ricerca delle migliori condizioni di inserimento nell ambiente e nel contesto dell edilizia della tradizione locale: In particolare nelle costruzioni devono essere rispettati i seguenti materiali e modalità d intervento: - tipologia strutturale: muratura, c.a. e legno; - coperture: a falde con pendeza massima 40%, manto in coppi tradizionali o similari. Grondaie in acciaio, rame o altro metallo; - serramenti: i serramenti saranno in legno naturale o verniciati, pvc o alluminio, e dotati di oscuri o avvolgibili, con finestre ad una o due ante nelle dimensioni rettangolari caratteristiche dell edilizia tradizionale locale; le finestrature delle parti condominiali e dei vani scala potranno essere prive di elementi oscuranti; - intonaci esterni: gli intonaci esterni dovranno essere del tipo tradizionale e realizzati in andamento alla muratura. Intonaci diversi (lisciatura di calce o marmorini) potranno essere realizzati sempre nel rispetto delle caratteristiche originarie. Le componenti cromatiche dovranno armonizzarsi con quelle tradizionali del luogo. 10 di 11

11 Le murature perimetrali potranno essere rivestite in mattoni faccia vista o altre pietre naturali. Non si potrà usare il legno come materiale di rivestimento delle pareti esterne. Per tutto quanto non previsto si rimanda alle normative di Piano Regolatore Generale vigente Per i manufatti edilizi da realizzare all interno delle U.M.I. dalla n. 10 alla n. 13 (artigianali) le scelte dei materiali e in particolare le opere di finitura e completamento dovranno essere improntate alla ricerca delle migliori condizioni di inserimento nell ambiente e nel contesto dell edilizia artigianale locale, senza particolari prescrizioni oltre a quelle già previste dalle norme del P.R.G. per i nuovi insediamenti artigianali. Art. 12 REALIZZAZIONE DELLE OPERE PREVISTE DAL PIANO PARTICOLAREGGIATO 12.1 L attuazione del Piano Particolareggiato è demandata ai proprietari dell area interessata L esecuzione delle opere pubbliche dovrà avvenire attraverso un intervento unitario, il cui ambito è definito nelle tavole di progetto con apposita simbologia e dal computo metrico estimativo I proprietari della suddetta area sono tenuti a presentare uno specifico permesso di costruire per realizzare tutte le opere di urbanizzazione interne ed esterne al comparto, ivi comprese quelle necessarie agli allacciamenti ai servizi pubblici esterni al perimetro del Piano. Detta istanza dovrà essere presentata al Comune entro i termini previsti in convenzione e dovrà essere corredata da specifici elaborati che definiscono in dettaglio, forma, tipologia, qualità, dimensione e prezzo dei lavori da eseguire, il tutto conformemente al Piano Il rilascio del permesso di costruire relativo a tutte le opere di urbanizzazione, dovrà essere preceduto dalla stipula della convenzione, disciplinante tempi e modalità di esecuzione, garanzie e cessione e/o asservimento ad uso pubblico al Comune delle varie aree Le Tavole n e il computo metrico estimativo del presente Piano sono da ritenersi elaborati esecutivi. In caso di eventuali prescrizioni di uffici competenti ed enti erogatori, tali indicazioni potranno essere integrate o modificate senza che ciò costituisca variante al Piano Particolareggiato. Art. 13 TEMPI DI ATTUAZIONE La variante al Piano di Lottizzazione ha validità di 5 (cinque) anni successivi alla sua approvazione, relativamente alle opere in corso di realizzazione, rimanendo fermo a tempo indeterminato l obbligo di osservare nella costruzione di nuovi edifici e nella modificazione di quelli esistenti gli allineamenti e le prescrizioni di zona stabiliti dal piano stesso. 11 di 11

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione 1. Relazione tecnica 2. Norme tecniche di attuazione 3. Considerazioni integrative sulla

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI N. 6 LOTTI EDIFICABILI RESIDENZIALI Spazio riservato all Ufficio Protocollo Spazio riservato

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 Allegato B COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Committente: Favaretto Giorgio Progettista: Arch. Zia Ermanno Via Terraglio

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 GENERALITA Il comparto edificabile Cver01 può essere utilizzato in conformità a quando previsto nel R.U. nonché delle norme di cui agli articoli seguenti. ART. 2 NORME

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 0 Pagina 9 di 16 di una nuova rete lungo il tratto di via San Giuseppe prospiciente la lottizzazione. Rete Gas Metano La rete di distribuzione del Gas metano verrà realizzata secondo le prescrizioni espresse

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest RELAZIONE L immobile in oggetto è situato in Loc. Borgatello, frazione del Comune di Colle di Val d Elsa, lato Sud-Ovest dell abitato esistente, all inizio della frazione stessa, provenendo dalla viabilità

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO DI ESPANSIONE C2.3 Via A.Costa - Via della Costituzione

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO DI ESPANSIONE C2.3 Via A.Costa - Via della Costituzione COMUNE DI MINERBIO (Provincia di Bologna) PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO DI ESPANSIONE C2.3 Via A.Costa - Via della Costituzione INDICE: NORME URBANISTICO EDILIZIE PER LA BUONA

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di Corsivo Blu = Aggiunte Barrato Rosso = Eliminazioni Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi 1. La variante generale ha come ambito di intervento il Piano Attuativo Unitario approvato con deliberazione

Dettagli

1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione area di intervento stato attuale pag. 2. 3. Descrizione progetto pag. 4. 4. Descrizione reti tecnologiche pag.

1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione area di intervento stato attuale pag. 2. 3. Descrizione progetto pag. 4. 4. Descrizione reti tecnologiche pag. Indice 1. Premessa pag. 2 2. Descrizione area di intervento stato attuale pag. 2 3. Descrizione progetto pag. 4 4. Descrizione reti tecnologiche pag. 6 5. Relazione fotografica pag. 7 1 1. Premessa Il

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Oggetto: PIANO ATTUATIVO DI RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA E RICONVERSIONE FUNZIONALE DI EDIFICIO ARTIGIANALE DISMESSO A RESIDENZIALE; SUBORDINATO ALLA REALIZZAZIONE E CESSIONE DEL PARCHEGGIO PREVISTO NELLA

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

../../2013 Tra PREMESSO

../../2013 Tra PREMESSO CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MONTE SAN PIETRO E LA PROPRIETA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL COMPARTO URBANISTICO AD USO RESIDENZIALE DENOMINATO CUT 11 VIA BEGHELLI, LOCALITA BADIA Il

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE RELAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE CARATTERI TERRITORIALI DELL AMBITO CARATTERISTICHE AMBIENTALI L ambito di trasformazione residenziale in località San Gottardo, definito dal P.G.T.

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO FONTANELLE II

VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO FONTANELLE II VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO FONTANELLE II APPROVATA CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 65 DEL 27/06/2002 RELAZIONE PREMESSO CHE: - con deliberazione consiliare n. 226 del 07/07/1989, esecutiva

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

Documentazione di progetto

Documentazione di progetto C O M U N E DI A S S E M I N I Provincia di Cagliari A r e a T e c n i c a Servizio Pianificazione Territoriale, Edilizia Privata e Pubblica, Vigilanza Edilizia, Condono SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

4. INQUADRAMENTO E STATO URBANISTICO ATTUALE

4. INQUADRAMENTO E STATO URBANISTICO ATTUALE 1. PREMESSA I signori Libero Francesco, Campana Giuseppe e De Meo Giovanni Lucio, proprietari di appezzamenti di terreno contigui in agro di Crosia ricadente nella ZTO C6 di espansione, sono venuti nella

Dettagli

C O M U N E D I R O G E N O

C O M U N E D I R O G E N O C O M U N E D I R O G E N O PROVINCIA DI LECCO PIANO ATTUATIVO AMBITO N. 6 VIA STRADA PROVINCIALE N. 47: REALIZZAZIONE NUOVO EDIFICIO A DESTINAZIONE ALBERGHIERA IN AMPLIAMENTO AD EDIFICIO ESISTENTE CON

Dettagli

Comune di Forlì PRESENTAZIONE E RICHIESTA APPROVAZIONE DI:

Comune di Forlì PRESENTAZIONE E RICHIESTA APPROVAZIONE DI: Tutela da D. Lgs 42/04 (art. 3 PSC) Sede : P.zza A. Saffi n. 8, 4700 Forlì Tel. : 0543/72353-72828-72858 Comune di Forlì AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO SPORTELLI DELL EDILIZIA E

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE Committente : CMRE s.r.l. via Farini n 11, BOLOGNA COSTRUZIONI EDILI

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria deve essere assunto dai lottizzanti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE Il P.R.G.C. vigente del Comune di Orbassano, approvato G.R. con delib. N. 14-25592 del 7/10/1998, così come integrato dalle successive varianti parziali, individua

Dettagli

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO ALIENAZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA CONVENZIONATA DI UN TERRENO EDIFICABILE DI PROPRIETÀ COMUNALE INDIVIDUATO URBANISTICAMENTE IN ZONA RESIDENZIALE B3 CON ACCESSO DA VIA PERUGIA INDIVIDUATO AL NCT

Dettagli

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese COMUNE PROVINCIA DI CAVALESE DI TRENTO Norme di Attuazione Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese Cavalese, aprile 2014 Il Tecnico EDILSTUDIO Via Coronelle 9 38033 Cavalese Tel. 0462/342820

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI QUADERNO DEGLI INTERVENTI ALL INTERNO DELLE ZONE A VARIANTE N. 1 1 SOMMARIO PREMESSA 2 PROPOSTA DI VARIANTE N.

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT Il Sindaco Sottopone al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione: IL

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15 PROVINCIA di PIACENZA COMUNE di ROTTOFRENO- SAN NICOLO Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Scandicci Variante al Piano di Recupero RQ 05a* - Area ex fonderia Le Cure, approvato con Deliberazione di C.C. n. 83 del 21.07.2009, già in variante rispetto all originario Piano di Recupero

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE AL P.E.E.P. (TESTO AGGIORNATO A SEGUITO DELLA VARIANTE)

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE AL P.E.E.P. (TESTO AGGIORNATO A SEGUITO DELLA VARIANTE) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE VARIANTE AL P.E.E.P. (APPROVAZIONE DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 17 DEL 30.4.2003) PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI ART. 1 FINALITA DELLE NORME Le presenti norme di attuazione

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G. ESEC. IMM.RI 228/2010 RAPPORTO DI STIMA LOTTO UNICO

TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G. ESEC. IMM.RI 228/2010 RAPPORTO DI STIMA LOTTO UNICO TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G. ESEC. IMM.RI 228/2010 RAPPORTO DI STIMA LOTTO UNICO Beni siti in Via Risorgimento n. 9 nella frazione Parè a Conegliano -

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31)

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31) COMUNE DI BERTINORO Provincia di Forlì-Cesena Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31) RICHIESTA DEL PERMESSO

Dettagli

Gorasso Loretta Gorasso Lucina

Gorasso Loretta Gorasso Lucina REPUBBLICA ITALIANA COMUNE di CAMPOFORMIDO PROVINCIA di UDINE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA DEFINIZIONE DEL AMBITO COMPRESO IN ZONA OMOGENEA C E SUDDIVISIONE IN LOTTI DELLE PROPRIETA DEI SIGNORI GORASSO

Dettagli

1. PREMESSA 2. STRADE, PARCHEGGI e VERDE PUBBLICO 2.1 Viabilità della lottizzazione. 2.2 Parcheggi 2.3 Verde pubblico

1. PREMESSA 2. STRADE, PARCHEGGI e VERDE PUBBLICO 2.1 Viabilità della lottizzazione. 2.2 Parcheggi 2.3 Verde pubblico INDICE: 1 PREMESSA 2 STRADE, PARCHEGGI e VERDE PUBBLICO 2.1 Viabilità della Lottizzazione 2.2 Parcheggi 2.3 Verde pubblico 3 ILLUMINAZIONE PUBBLICA 4 FOGNATURE DI SCARICO e RETE IDRICA 4.1 Fognature di

Dettagli

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI (approvato con deliberazione consiliare n. 36 del 29.05.2008) 1 Indice

Dettagli

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA ARTICOLO 1 Oggetto delle norme e campo d applicazione. Le norme riguardano

Dettagli

CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL

CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO E OR S CAVIAR SRL INERENTE IL CENTRO COMMERCIALE

Dettagli

RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE (Variante al piano particolareggiato)

RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE (Variante al piano particolareggiato) RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE (Variante al piano particolareggiato) Con D.Dir. n 479/2003 il Comune di Roccalumera ha approvato il PRG unitamente alle prescrizioni esecutive (P.I.P. e P.E.E.P.) Con determina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA

RELAZIONE FINANZIARIA Piano particolareggiato per la progettazione urbanistica del comparto n 10.11.12 con variante al P.R.G.C. ai sensi dell art. 12 comma 3 della L.R. n 20/2001 e s.m.i. (Variante al P.d.Z. 167/62 dei comparti

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Variante al Reg. Edilizio Testo vigente

Variante al Reg. Edilizio Testo vigente CITTA DI ERACLEA PROVINCIA DI VENEZIA VARIANTE PARZIALE AL PRG N. 37 ai sensi dell art. 48, comma 1, della L.R. 11/04 Variante al Reg. Edilizio Testo vigente ART. 6 - OPERE NON SOGGETTE A PERMESSO DI COSTRUIRE

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo Quartiere

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO COMPARTO D1.02 DEL VIGENTE P.R.G ai sensi dell'art. 26 L.R. n. 16 del 22 dic. 2004 e s.m.i - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO COMPARTO D1.02 DEL VIGENTE P.R.G ai sensi dell'art. 26 L.R. n. 16 del 22 dic. 2004 e s.m.i - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 Ambito di applicazione ed obiettivi del P.U.A.... 2 Art. 2 Riferimenti Legislativi... 2 Art. 3 Convenzione urbanistica di cui alla Legge 17/08/1942 n. 1150... 3 Art. 4 Elaborati del P.U.A.... 3

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

COMUNE DI CAMPODARSEGO PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CAMPODARSEGO PROVINCIA DI PADOVA S O M M A R I O Art. 1 OGGETTO DELLE NORME E CAMPO D APPLICAZIONE Art. 2 ELABORATI DEL PIANO Art. 3 DESTINAZIONI D USO AMMESSE DAL PIANO ATTUATIVO Art. 4 INTERVENTI EDILIZI AMMESSI Art. 5 DEFINIZIONE DELLA

Dettagli