Lo sceicco e lo shopping rivoluzionario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo sceicco e lo shopping rivoluzionario"

Transcript

1 Lo sceicco e lo shopping rivoluzionario Cresce l offensiva economica del Qatar. Obiettivi in primo piano: banche, infrastrutture e turismo (in particolare in Egitto, dove la moneta locale è in caduta libera). Gli attori principali sono il fondo sovrano Qia e la Qatar National Bank. Mentre l Europa fatica a trovare spazio, alle prese con la crisi dell euro. DAVIDE MONTELOENE/CONTRASTO di Antonio Barbangelo Ametà dicembre 2012 il gruppo francese Société Générale ha deciso di vendere il 77,2% della sussidiaria egiziana National Socièté Générale Bank (Nsgb), alla Qatar National Bank (Qnb). Un operazione da 1,97 miliardi di dollari, con la quale la Banca del Qatar acquisisce la maggioranza del secondo gruppo bancario privato egiziano. È l ultima di una serie di manovre della finanza dell emirato nell area del Mediterraneo sud. Tra i paesi del Golfo Persico, il Qatar è stato, politicamente e finanziariamente, uno dei più attivi nell appoggiare la Primavera araba. L emittente televisiva di Doha, Al Jazeera, si è contraddistinta nel raccontare al mondo ciò che stava avvenendo durante i primi mesi del 2011 a Tunisi, al Cairo e nelle altre capitali scosse dai nuovi movimenti. Con un tasso di crescita annuo medio della ricchezza del 10% e un Pil procapite vicino ai 95 mila dollari (primo in Asia e quarto nel mondo), la monarchia sunnita, guidata dall emiro Hamad bin Khalifa al Thani è il terzo 62 east european crossroads

2 QATAR DOSSIER paese al mondo per riserve di gas naturale non associato al petrolio, e uno dei maggiori produttori di oro nero. Dagli anni Novanta è partito un ambizioso programma di sviluppo economico per creare fonti di reddito alternative al petrolio e al gas, che spaziano dal turismo all industria, all edilizia, fino alla produzione di energie alternative. Una trasformazione dell economia ottenuta con l ausilio dei lavoratori stranieri che superano il 70% della popolazione residente (1,87 milioni); con l apporto di grandi flussi di capitali provenienti dall estero (attratti anche da esenzioni fiscali), e grazie al dinamismo delle banche nel Medio Oriente e in altre parti del globo. Qualche mese prima di mettere la nuova bandierina sulle sponde del Nilo, Qatar National Bank aveva acquisito il 49% della Banca Libica del Commercio e dello Sviluppo, con sede a Bengasi. La Qnb, fondata nel 1964, è il più grande istituto creditizio dell emirato, con 90 miliardi di dollari di asset; è controllato per il 50% da privati e per l altra metà dal Qatar Investment Authority (Qia), il più importante fondo sovrano dell emirato, il vero grande protagonista degli investimenti di Doha nel mondo. Il Qia è nato nel 2005, e oggi detiene attività per 115 miliardi di dollari. Il timone del fondo è saldamente nella mani della famiglia al Thani. Politiche di espansione: finanza, infrastrutture e turismo La strategia di investimento del fondo sovrano si è evoluta rapidamente e ha assunto un connotato geopolitico evidente, afferma Alessandro Santoni, responsabile area Pianificazione Strategica Research & Investor del Monte Paschi Siena. Un area di forte interesse politico ed economico è rappresentata dal Nord Africa, ancora di più dopo i movimenti del L approccio adottato dal Qia è solitamente morbido: il Qatar non adotta strategie di intromissioni politiche esplicite. Supporta l economia locale in due settori vitali: turismo e infrastrutture. Riguardo al turismo, Qia ha annunciato investimenti in Egitto per realizzare complessi con hotel e resort a Sharm el Sheikh e Hurghada, per 2 miliardi di dollari (il turismo in Egitto rappresenta il 15% del Pil, ma è in forte crisi). Il fondo del Qatar punta a investimenti nel settore turistico anche in Marocco e in Tunisia, con progetti per 3 miliardi di dollari; e in altri comparti dell economia in Sudan e nello Stato Palestinese. Riguardo al paese africano, dopo aver investito importanti somme per rilevare quote in banche e aziende locali attive in agricoltura, aggiunge il dirigente del Monte Paschi Siena, il Qia ha inviato propri funzionari a Khartum per trattare l acquisto di 2 miliardi di dollari di obbligazioni che saranno emesse dal governo Sudanese. L obiettivo non dichiarato è fare del Sudan il maggior fornitore agricolo del Qatar. Un esempio di investimento dal carattere più strettamente politico è, invece, quello messo in atto in Palestina, dove il Qia finanzia la costruzione di 5 mila appartamenti di edilizia popolare, per un controvalore di 350 milioni di dollari. Un modo per ottenere un positivo ritorno di immagine all interno del mondo arabo. Il ricco emirato guidato da al Tani sembra volersi ritagliare un ruolo di maggior peso sullo scenario internazionale. Con un occhio attento alla politica estera, influente all interno della Lega Araba e nel ruolo di buon alleato degli Stati Uniti (in Qatar c è la più grande base dell'aeronautica Usa in Medio Oriente). Secondo alcuni osservatori Doha sta facendo leva sul soft power miscelato con il cash power a livello globale, giocando molto a livello di immagine e prestigio. Su più tavoli. A fine 2012 si è tenuta a Doha la 18 Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici, che ha portato nella capitale dell emirato 194 paesi. Inoltre il Qatar si è già assicurato i Campionati mondiali di calcio del 2022, e si prepara a Y Doha, gli edifici che ospitano il souq vecchio della città. numero 46 marzo/aprile

3 DOSSIER L INVERNO ARABO presentare la propria candidatura per ospitare le Olimpiadi del L ultimo significativo step è stato l acquisto da parte di Al Jazeera di Current Tv, la rete co-fondata nel 2005 dall ex vicepresidente Usa Al Gore: entro fine anno verrà trasformata nel canale in inglese Al Jazeera America, il punto di vista arabo per il pubblico statunitense. Banche europee con la palla al piede nell area della Primavera araba Dal 2011 il focus della finanza e dell economia si è spostato verso i paesi del Mediterraneo Sud. Qatar e Arabia Saudita sono i paesi più attivi: secondo alcune fonti, nei mesi scorsi, Doha e Riyadh hanno prestato 5 miliardi di dollari all Egitto. Più recentemente Doha ha annunciato un altro prestito da 1 miliardo di dollari al presidente Mohamed Morsi; negli ultimi mesi l instabilità del paese ha portato la sterlina egiziana in caduta libera. Intanto l Unione europea ha erogato nelle casse del Cairo un prestito di soli 500 milioni di euro. L Europa, alle prese con la crisi della moneta unica, si trova in netto svantaggio; anche la strada per la ricostruzione delle infrastrutture (soprattutto in Libia, dopo la guerra civile che ha distrutto il paese) si presenta in salita per il Vecchio Continente. Le nazioni della Penisola Arabica traggono vantaggio dalla crisi delle banche europee. Nel 2010 il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha posto limiti inderogabili cui le banche dei principali paesi europei devono conformarsi per preservare il patrimonio ed evitare altri onerosi salvataggi da parte degli stati (dopo quelli effettuati nel 2009 in seguito al fallimento di Lehman Brothers). Sono i provvedimenti di Basilea 3 : estrema attenzione prima di fare investimenti in paesi considerati non stabili, compresi quelli della Primavera araba. Gli altri paesi del Golfo e gli obiettivi nel Mediterraneo sud Alcuni osservatori sottolineano il fatto che anche le ricche capitali del Golfo elargiscono con una certa cautela nell area del Nord Africa. I paesi del Golfo hanno fatto molte promesse, ma finora di denaro ne è arrivato poco, afferma Rony Hamaui, Ceo di Mediofactoring e profes- ETÀ MEDIA: 32,2 anni AREA: Km 2 POPOLAZIONE: RELIGIONE: Musulmani 77,5%, cristiani 8,5%, altri 14% (censimento 2004) FORMA DI GOVERNO: SUFFRAGIO: CAPO DI STATO: CAPO DI GOVERNO: Emirato Qatar Universale (18 anni) Amir HAMAD bin Khalifa Al Thani (Giugno 1995) HAMAD bin Jasim bin Jabir Al Thani (Aprile 2007) PIL: $ 191 mld (nominale, stima 2013) INFLAZIONE: 3,1% (stima 2013) Indicatori politici 100 massimo 50 minimo 0 Corruzione 27 su 176 Paesi Stabilità politica 40 Efficacia governativa 46 Sicurezza 10 4 Indipendenza della giustizia su 144 Paesi Political Risk & Country Analysis - UniCredit Il potere politico resta concentrato nelle mani dell'emiro. Le riforme costituzionali in cantiere potrebbero trasferire alcuni poteri ma anche gli elementi più radicali sono limitati da diverse misure di tutela che assicurano all'emiro di poter mantenere il controllo generale sul processo politico. Valori di riferimento: primo paese Norvegia, ultimo paese Somalia minimo Qualità della burocrazia EIU, ONU, WB,WEF, Heritage Foundation, Transparency International, Global Peace Index 3 massimo 64 east european crossroads

4 BRUNO BARBEY/MAGNUM PHOTOS/CONTRASTO Indicatori sociali 1 Norvegia Congo 1 Finlandia Eritrea 1 Islanda Yemen 1 Ruanda Qatar, Arabia Saudita, Vanuatu 1 Svizzera Algeria minimo massimo Il di disordini sociali è ridotto nonostante l'assenza di un sistema democratico. molto basso Disordini sociali 0 Popolazione in carcere 1 Tasso di alfabetizzazione 97% (ogni abitanti) molto alto Abbonamenti a telefoni cellulari 123 (ogni 100 persone) Business Environment 40 Facilità nel concludere affari su 185 Paesi (1 Singapore, 185 Rep. Centrafricana) Maggiori difficoltà: accesso al credito, rispetto dei contratti. 11 Competitività globale su 144 Paesi (1 Svizzera, 144 Burundi ) \ In Qatar dagli anni Novanta c è un programma di sviluppo economico per creare fonti di reddito alternative al petrolio e al gas, che spaziano dal turismo, all edilizia, all industria. t Doha, un uomo attende la preparazione di una abito. Sviluppo umano Libertà di stampa Disparità di genere % di seggi occupati da donne nei Parlamenti nazionali Fuga di cervelli Saldo migratorio (netto) 857,090 Utenti di internet 86,2 (ogni 100 persone) 25 Libertà economica su 179 Paesi (1 Hong Kong, 179 Corea del Nord) numero 46 marzo/aprile

5 DOSSIER L INVERNO ARABO sore a contratto dell Università Cattolica di Milano. Perché gli elementi di incertezza sono ancora molti. Questi paesi donatori aspettano che sia prima il Fmi a muoversi. Soprattutto in Egitto. Il denaro vero, finora, è arrivato solo nelle casse di altre due monarchie sunnite: Giordania e Marocco. Tra i paesi che si trovano in una fase di transizione, il più strutturato dal punto di vista economico è la Tunisia, la nazione africana che ospita il maggior numero di imprese europee (oltre 850 italiane e più di mille francesi). Ma le capitali del Golfo guardano con interesse a tutta l area del Mediterraneo Sud. Con obiettivi politici, o più squisitamente economici. E gli elementi di attrazione sono svariati: oltre ai settori turistico e finanziario, al gas e al petrolio, ci sono le infrastrutture e le nuove tecnologie che stanno diventando terreno fertile su cui investire. Inoltre, dal punto dei potenti attori di Doha o Riyadh, paesi come l Algeria, la Libia o l Egitto sono dei ponti per avvicinarsi alle nazioni del Vecchio Continente. Arabia Saudita e Qatar, per esempio, hanno sviluppato una robusta industria per la produzione di energie alternative in vista della diminuzione delle risorse del sottosuolo nel prossimo decennio: prodotti e tecnologie che intendono esportare al posto del gas e dell oro nero. La spinta del Gulf Cooperation Council La Penisola Arabica è inoltre avvantaggiata dalle intese stipulate all interno del Gulf Cooperation Coun- DAVIDE MONTELOENE/CONTRASTO 66 east european crossroads

6 QATAR DOSSIER cil (Gcc), l organismo creato nel 1981, di cui fanno parte oggi Bahrein, Kuwait, Oman, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita; Giordania e Marocco sono stati invitati a farne parte. Il Gcc opera a livello economico e politico, con l obiettivo di difendere le monarchie sunnite del Golfo dall espansionismo iraniano. L alleanza del Gcc si è fatta sentire anche nell ultima riunione annuale, tenutasi in dicembre a Manama, nel Bahrein, quando i sei partner hanno concordato di creare un comando militare congiunto. A livello economico, il Gcc è un area di libero scambio commerciale; le banche dei sei paesi sono tra la più ricche nel perimetro dei circa 300 attori finanziari operanti nei paesi della Lega Araba, riuniti nell Union of Arab Banks, associazione presieduta da Adnan Ahmad Yousif, presidente e Ceo di Al- Baraka Banking Group - Bahrain. Secondo la classifica del Sovereign Wealth Funds Institute, organizzazione con sede negli Usa che studia le strategie dei fondi sovrani di ogni continente, tra i primi 16 fondi del mondo, ben sette appartengono a paesi del Golfo Persico. Il fondo Abu Dhabi Investment Authority è al secondo posto con 627 miliardi di dollari di asset, il primo fondo sovrano dell Arabia Saudita è in quarta posizione con 532 miliardi, il fondo del Kuwait (settimo) ha in dotazione 296 miliardi. Non sfigura nemmeno il dinamico Qatar Investment Authority, con i suoi 115 miliardi di dollari di attività (al 12 posto). Una conferma delle posizioni che Doha sta consolidando. MATILDE GATTONI/REDUX/CONTRASTO I soldi degli sceicchi Lo shopping di Doha in Europa In sette anni di attività il fondo sovrano Qatar Investment Authority (Qia) ha fatto investimenti in vari settori e in diverse aree del globo. Nel 2012 il Qia ha acquisito una partecipazione del 3% in Royal Dutch Shell e ha acquisito la squadra di calcio Paris Saint-Germain FC, un deal valutato in circa 130 milioni di dollari. Il fondo, inoltre, possiede il 6% del Credit Suisse, e attraverso la controllata Qatar Holding nel 2010 ha acquistato i prestigiosi magazzini Harrods di Londra da Mohamed Al-Fayed, oltre a catene di hotel di lusso in Francia e in Usa. Qatar Holding è il secondo azionista (con una quota del 12%) del colosso minerario anglo-elvetico Xstrata: nel novembre scorso Doha ha posto le sue condizioni e ha dato il via libera per la mega-fusione, da 67 miliardi di dollari, con la svizzera Glencore, leader mondiale nel trading delle materie prime. Qatar Holding è arrivata anche in Italia, firmando pochi mesi fa un accordo con il Fondo Strategico Italiano Spa, holding controllata da Cassa Depositi e Prestiti, per 2 miliardi di euro da investire in società italiane che operano in settori del Made in Italy. Paesi del Golfo e finanza islamica L attivismo dei paesi della Penisola Arabica ha riportato alla ribalta il tema della presenza della finanza islamica nel Nord Africa, che fino alla caduta dei regimi nel 2011 ha avuto scarsa diffusione. La finanza islamica (o Sharia compliant) segue i principi della Sharia, la legge islamica, che in materia di credito si basa su alcuni pilastri, come il divieto di chiedere interessi (considerati usura), o la condivisione dei rischi e dei profitti tra creditore e debitore. Oggi in Egitto solo il 4,9% degli attivi finanziari sono legati alla finanza islamica, spiega Alessandro Santoni, del Monte Paschi Siena. Il 2,2% in Tunisia e l 1,1% in Algeria; a differenza di stati come l Iran, dove invece la totalità del settore è costituito da banche islamiche, o i paesi del Golfo in cui questa tipologia di attività è circa del 68%. Solo nel 2007 Marocco e Tunisia hanno autorizzato le prime istituzioni di finanza islamica per incentivare i flussi di investimenti provenienti dai paesi del Golfo. Aggiunge Hamaui, dell università Cattolica di Milano: La finanza islamica sta crescendo e sta contribuendo a cambiare gli equilibri nei paesi del Nord Africa, e più in generale in tutta l area del Medio Oriente. La Turchia, per esempio, ha emesso da poco il suo primo sukuk (titoli di debito Sharia compliant), mentre la Giordania sta varando una nuova legislazione che favorirà la finanza islamica. A livello mondiale le attività della finanza Sharia compliant sono passate da 982 miliardi di dollari di fine 2010 a miliardi a fine L economia occidentale è sempre più interessata alla finanza islamica: qualche anno fa in Francia Société Générale è stata la prima banca europea a creare un hedge fund regolato dalla Sharia; e successivamente Goldman Sacs ha emesso dei sukuk. numero 46 marzo/aprile

Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E

Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E CONCEPT Italia: culla del design e della creatività Bellezza, tradizione, arte, storia e cultura fanno dello stile italiano un sinonimo di eccellenza, da sempre

Dettagli

Mini MBA in Doing Business in China

Mini MBA in Doing Business in China Indice: Mini MBA in Doing Business in China Mini MBA in Doing Business in Brazil Mini MBA in Doing Business in the Middle East Mini MBA in Doing Business in Japan Mini MBA in Starting a Business in Germany

Dettagli

geopolitica del medio oriente

geopolitica del medio oriente Master in geopolitica del medio oriente Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Edizione 2011/12 Il Master in Geopolitica del Medio Oriente si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

Missione imprenditoriale

Missione imprenditoriale Missione imprenditoriale Opportunità Dubai & middle east Supporto tecnico by: Missione imprenditoriale Presentazione e obiettivi Quando: dal 22 al 26 Maggio 2016 Dove: Dubai Partecipanti: imprenditori

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti rubrica a cura di Martino Conserva VALUTAZIONE DI RISCHIO Nonostante il «cuscinetto» rappresentato dalle ingenti attività finanziarie estere degli Emirati, la recessione

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map BAHRAIN Capitale Manama Popolazione (milioni) 1,17 42/100 41/100 52/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 34,96 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento ASSOCONSULENZA Associazione Italiana Consulenti d Investimento Formazione Mediatore Creditizio Proprio nel momento in cui il mondo finanziario occidentale è in ginocchio per gli effetti della crisi dei

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

registrato banche locali e banche estere

registrato banche locali e banche estere La Banca centrale svolge un ruolo di versatile nell'economia nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Oltre al "banca di tutte le banche del paese, è anche un banchiere e consulente finanziario al governo.

Dettagli

Aoccupare le prime pagine dei giornali tunisini

Aoccupare le prime pagine dei giornali tunisini La doppia morale del PartitodiDio A più di due anni dalla rivoluzione contro il regime corrotto di Ben Alì, nulla sembra essere cambiato. Il Ministro degli Esteri, Rafik Abdesalem, offre un soggiorno allo

Dettagli

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche AIIG Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Torino,

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

Prefazione. di Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero

Prefazione. di Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero Prefazione di Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero Le opportunità che il nuovo scenario di riferimento dei paesi del Med-Golfo offre al sistema imprenditoriale

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Il Consorzio Qatar-Italia.

Il Consorzio Qatar-Italia. Il Consorzio Qatar-Italia. Strumento privilegiato per cogliere le opportunità di investimento in Qatar. Preparato da: ABC International SpA Aprile/Maggio 2007 1 Il Qatar: una realtà in via di formazione

Dettagli

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones Forum d Area America Latina Dove siamo? Superficie: 756.626 km² (cui si aggiungono 1.250.000

Dettagli

CORSI EXECUTIVE BUSINESS IN GULF COOPERATION COUNCIL

CORSI EXECUTIVE BUSINESS IN GULF COOPERATION COUNCIL CORSI EXECUTIVE BUSINESS IN GULF COOPERATION COUNCIL Emirati Arabi Uniti, Oman, Qatar e gli altri Paesi del Golfo: mercati strategici a portata di mano Formula intensiva Milano, 10-11-12 Dicembre 2015

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

Camera di Commercio Italiana in Qatar. www.ibcqatar.org

Camera di Commercio Italiana in Qatar. www.ibcqatar.org Camera di Commercio Italiana in Qatar www.ibcqatar.org PANORAMICA GENERALE DEL PAESE INDICATORI MACROECONIMICI 2011 2012 2013 PIL NOMINALE (MLN ) 124,658 138,392 150,306 VARIAZIONE DEL PIL REALE (%) 14,1

Dettagli

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $ EMIRATI ARABI UNITI Lingua ufficiale Capitale Presidente Arabo Abu Dhabi Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971 Superficie totale 82.880 km² Popolazione totale 9.346.000

Dettagli

IL MARMO ITALIANO FA TRIS: PER IL TERZO ANNO EXPORT IN AUMENTO, IL 2013 CHIUDE A 1,8 MILIARDI DI EURO (+6,6%)

IL MARMO ITALIANO FA TRIS: PER IL TERZO ANNO EXPORT IN AUMENTO, IL 2013 CHIUDE A 1,8 MILIARDI DI EURO (+6,6%) Consuntivo import/export 2013: dati nazionali e focus regionali elaborati dall Osservatorio Marmomacc su base Istat IL MARMO ITALIANO FA TRIS: PER IL TERZO ANNO EXPORT IN AUMENTO, IL 2013 CHIUDE A 1,8

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN

EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN FOCUS OMAN - Torino, 12 giugno 2013 1 OMAN una grande opportunità per le aziende italiane 2 9 ottimi motivi per fare business in Oman 3 1. Oman, una realtà strategica

Dettagli

SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani.

SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani. SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani. Siamo membro dell'ebcam (European Business Council for

Dettagli

INVESTIRE IN NORD AFRICA. Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Sudan, Tunisia, Sahara Occidentale

INVESTIRE IN NORD AFRICA. Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Sudan, Tunisia, Sahara Occidentale INVESTIRE IN NORD AFRICA Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Sudan, Tunisia, Sahara Occidentale Il Nord Africa ha registrato negli ultimi anni una crescita constante del Pil ed è considerato uno dei futuri

Dettagli

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 12/5/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map FILIPPINE Capitale Manila Popolazione (milioni) 97,48 37/100 63/100 67/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 454,29 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Tunisia 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

L AFRICA SETTENTRIONALE. -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità

L AFRICA SETTENTRIONALE. -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità L AFRICA SETTENTRIONALE -Geografia fisica e risorse economiche -Popolazione e principali stati -Storia -Attualità 1 E affacciata a: -Nord: Mar mediterraneo -Est: Mar Rosso -Ovest: Oceano Atlantico 2 3

Dettagli

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi

L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi L Italia nello scenario internazionale: ripartire da Golfo Persico e Mediterraneo? Giovanni Ajassa Responsabile Servizio Studi Napoli, 4 dicembre 28 Crisi finanziaria e recessione globale La situazione

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

OCCHIALERIA negli EAU

OCCHIALERIA negli EAU Nota sul Settore OCCHIALERIA negli EAU Quadro macroeconomico del paese...2 Definizione del settore.....3 Valutazione del mercato...4 Previsioni del mercato...6 Comunicazione e manifestazioni....6 Appendice

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda 1 Coface- Rischio Paese 2011 Assolombarda 09/03/2011 La missione di Coface

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES 1 Asia Crescita: 2011: 7,8 % 2012: 7,7 % Entro 2050: Pil: $148.000 Miliardi (45% dell output globale) Reddito pro-capite: $38.000 (superiore

Dettagli

PAESE: OMAN. I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento. Quadro degli indici economici, demografici e sociali

PAESE: OMAN. I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento. Quadro degli indici economici, demografici e sociali PAESE: OMAN I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento I.A. Quadro degli indici economici, demografici e sociali Pil Tasso di crescita: + 5.1% (in termini reali), 2008. Fonte: Ministero

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

BAHRAIN AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 1. QUADRO MACROECONOMICO

BAHRAIN AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 1. QUADRO MACROECONOMICO AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 BAHRAIN 1. QUADRO MACROECONOMICO Il Regno del Bahrain, in precedenza Emirato, governato da Re Hamad bin Isa al Khalifa salito al trono nel 1999, è diventato monarchia

Dettagli

La crisi nel Nord Africa

La crisi nel Nord Africa La crisi nel Nord Africa Fallimenti del mercato e incognite sulla democrazia Marco Zupi direttore scientifico CeSPI Mercoledì 2 marzo 2011 Audizione CeSPI, Commissione Esteri, Camera dei Deputati, Roma

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 - L immediato primo dopoguerra e la ricerca di un equilibrio economico e finanziario europeo 47

Sommario. Capitolo 1 - L immediato primo dopoguerra e la ricerca di un equilibrio economico e finanziario europeo 47 Sommario Premessa 13 Introduzione. I rapporti con l estero del sistema bancario italiano dall unità alla fine della grande guerra 23 1. Capitali esteri, banche e sviluppo italiano nel periodo prebellico

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ALGERIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

ALGERIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 ALGERIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Algeria 1 INDICE 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi

Dettagli

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO COMUNICATO STAMPA Email: ufficio.stampa@sace.it Tel: +39 06 6736888 www.sace.it COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO SACE aggiorna i profili di rischio di 189 mercati e presenta le principali

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map EGITTO Capitale Il Cairo Popolazione (milioni) 84,15 69/100 72/100 85/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 551,44 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2014 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del mercato

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 20/04/2016

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 20/04/2016 FRANCHIGIA ED BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 20/04/2016 Nella colonna costo eccedenza bagagli i valori sono da intendersi in: EUR (da Europa, Est Europa, Giappone, Corea e Cina), CAD (da Canada) o USD

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Il turismo nello scenario internazionale

Il turismo nello scenario internazionale Il turismo nello scenario internazionale 1 INDICE Il turismo internazionale nel mondo Partenze mondiali Partenze per Paese Primi 20 Paesi per spesa ed entrate Il turismo internazionale in Italia Arrivi

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

SESTA EDIZIONE DELL INTERNATIONAL BANKING FORUM DI UBI BANCA DEDICATO ALLE ECONOMIE DEL MEDITERRANEO

SESTA EDIZIONE DELL INTERNATIONAL BANKING FORUM DI UBI BANCA DEDICATO ALLE ECONOMIE DEL MEDITERRANEO SESTA EDIZIONE DELL INTERNATIONAL BANKING FORUM DI UBI BANCA DEDICATO ALLE ECONOMIE DEL MEDITERRANEO L Italia come ponte tra l Unione Europea e il Nuovo Mediterraneo, è il titolo della sesta edizione dell

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

FOCUS ON. Violenza politica e terrorismo: piogge sparse o tempesta in arrivo? A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY

FOCUS ON. Violenza politica e terrorismo: piogge sparse o tempesta in arrivo? A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY FOCUS ON A cura dell Ufficio Studi Economici Violenza politica e terrorismo: piogge sparse o tempesta in arrivo? EXECUTIVE SUMMARY Gli eventi di queste settimane stanno riportando all attenzione gli impatti

Dettagli

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 27/10/2015

FRANCHIGIA ED ECCEDENZA BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 27/10/2015 FRANCHIGIA ED BAGAGLIO PER BIGLIETTI EMESSI DAL 27/10/2015 Nella colonna costo eccedenza bagagli i valori sono da intendersi in: EUR (da Europa, Est Europa, Giappone, Corea e Cina), CAD (da Canada) o USD

Dettagli

Il mercato del lapideo. Passato e presente

Il mercato del lapideo. Passato e presente Il mercato del lapideo Passato e presente Il mercato per il settore lapideo è il mondo che noi dividiamo in macro aree: Europa, America, Medio Oriente e Africa, Estremo Oriente e Australia. Massa Carrara

Dettagli

Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO

Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO Bab Marrakech Exhibition Organizing & Conference. Tel: 00971-4- 3713422. Fax: 00971-4- 371330. E- mail: info@italydubai.com. website: www.italydubai.com.

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

Lo spirito imprenditoriale è il motore dell innovazione, della competitività e della crescita

Lo spirito imprenditoriale è il motore dell innovazione, della competitività e della crescita L investimento nella conoscenza, nelle università, nella ricerca, nell istruzione in generale, non è sufficiente: ci vuole l imprenditorialità, l anello mancante fra idee, crescita e occupazione Lo spirito

Dettagli

Lo sviluppo in Africa tra privatizzazioni e dighe

Lo sviluppo in Africa tra privatizzazioni e dighe Lo sviluppo in Africa tra privatizzazioni e dighe A cura di: Cristina Sossan Comitato italiano contratto mondiale sull acqua Cristina Sossan ISPI - 25 marzo 2009 1 Politiche per lo sviluppo dei servizi

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli