Le nuove regole dell avvicendamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le nuove regole dell avvicendamento"

Transcript

1 ATTUALITÀ CREARE RETI PER STARE SUL MERCATO La creazione di reti orizzontali (tra imprenditori dello stesso settore), verticali (con clienti e fornitori) e trasversali (tra imprenditore, soggetti istituzionali, partner locali, università, imprese del commercio, dell artigianato e del turismo) è indicata da Angelo Frascarelli come l unica strada che le imprese agricole hanno per rimanere competitive. ORTOFRUTTA SEMPRE PIÙ GLOBALE Alla scorsa edizione del Fruit Logistica di Berlino hanno dominato le varie proposte di miglioramento dell offerta sul fronte delle certificazioni degli standard igienico-sanitari, della proposta varietale e del packaging. Proposte di grande immagine ma dai bassi ritorni commerciali. METEO Previsioni settimanali dal 22 al 28 febbraio 2 2 da TV n. 6/2010 SEMINE : STIME ISTAT Secondo i rilievi dell Istat su un campione di 8mila aziende, le prossime semine delle colture erbacee vedono un aumento del grano tenero e del grano duro, un calo del mais e della colza e un crollo del sorgo. Marco Nardi, direttore di Assosementi esprime però delle perplessità su questi dati, in qualche caso ribaltando la tendenza da TV n. 6/2010 da TV n. 3/2010 PRIMO PIANO SPECIALE FORAGGERE La manutenzione delle trince Le normali operazioni di manutenzione per la trincia non bastano. Seguiamo i fratelli Casiraghi, contoterzisti, nelle procedure per un accurata pulizia che richiedono due settimane di lavoro. In questo modo la macchina, come nuova, potrà affrontare l intera campagna: più di mille ore di lavoro. CLICCA > MERCATO > Le nuove regole dell avvicendamento In base alle modifiche dell applicazione nazionale dell articolo 68, l avvicendamento passa da triennale a biennale, cambiano le colture ammesse e non è più obbligatorio l utilizzo della semente certificata di grano duro. Cambiamenti che avranno un notevole impatto sia sugli agricoltori che sui sementieri. CLICCA da TV n Grano duro verso l equilibrio Grano tenero: chiari segnali di debolezza per la scarsa attrattività del prodotto nazionale rispetto all estero. Grano duro: sono ormai a ridosso del franco partenza a 140 /t ed il mercato a breve troverà un equilibrio con la domanda che a questi prezzi manifesta un certo interesse speculativo supportato dal fatto che le alternative estere sono ben più care del nazionale. Mais: è spietata la concorrenza dei cereali a paglia, ma la ritenzione ed i ritardi nella logistica dal Centro Europa sostengono il corso con i prezzi che si allontanano dal nominale allineamento con le alternative europee. Cereali foraggeri: la tendenza è in antitesi con il mais e se questo si rafforza, i foraggeri trovano un invariato di stima per il sorgo e un meno 2 /t nell orzo. Oleaginose: lo scenario mondiale è nervoso ma non critico. L Ager fa un + 3 /t alla pari della Granaria, ma a breve potrebbero rientrare. 3 ZOOTECNIA La carenza di liquidità ricade sui mangimisti La crisi di liquidità delle aziende zootecniche si sta riversando soprattutto sui mangimisti che vengono pagati con 160 giorni di ritardo. Le difficoltà sono iniziate nel 2007, quando gli agricoltori hanno rivisto le proprie politiche di pagamento verso i fornitori. Intervista al presidente Assalzoo, Silvio Ferrari. da Informatore Zootecnico n TECNICA E TECNOLOGIA Strippaggio ammonico per abbattere i nitrati L esperienza pilota nel Bresciano di un impianto per la riduzione dell azoto nel liquame. Un sistema sostitutivo al compostaggio, da cui si ottengono fertilizzanti ammonici vendibili. La sezione solida è invece avviata a un digestore per la produzione di biogas. 8 da TV n da TV n da Suinicoltura n Abbonati ON LINE Le notizie e gli approfondimenti di questo numero di sono tratti dai n. 6 e 7 di Terra e Vita, dal n. 3 di Informatore Zootecnico, dal n. 2 di Suinicoltura, da Fertilizzare Oggi supp. a TV n. 5, dal n. 2 di Colture Protette, dal n. 2 del Contoterzista e dal n. 2 di Olivo e Olio. Scopri come sottoscriverlo on line adesso! FERTILIZZARE OGGI FERTILIZZANTI: COME FAVORIRE LA CESSIONE MODULATA Favorire l assorbimento dei fertilizzanti per evitarne la dispersione in comparti ambientali diversi dal terreno. La ricerca si sta muovendo verso l additivazione di minerali inibitori, nella fertilizzazione azotata, e di sostanze umiche per ridurre l insolubilizzazione, nella fertilizzazione fosfatica. 9 da Fertilizzare Oggi supp. a TV n COLTURE PROTETTE SEMPRE PIÙ SUBSTRATI PER USO PROFESSIONALE E HOBBISTICO L Italia è il secondo mercato europeo per uso di substrati. Un incremento che è andato di pari passo con lo sviluppo, negli ultimi anni, del settore florovivaistico e dell hobbistica. Non esiste una miscela universale, ma la composizione va calibrata in base alla tipologia di pianta e alle modalità di coltivazione. 10 dal n IL CONTOTERZISTA MACCHINE AGRICOLE: FAR RIPARTIRE LA DOMANDA Il settore dei macchinari agricoli presenta prezzi troppo alti per i produttori. Per abbassare i costi si assisterà a un ridimensionamento del numero dei costruttori e all unificazione dei componenti. Un ulteriore spinta alla domanda dovrebbe arrivare dal rinnovo del parco macchine in seguito alle nuove disposizioni sulla sicurezza e sull uso dei fitofarmaci. 11 dal n OLIVO E OLIO EXTRAVERGINI DA 2,5-3 EURO/LITRO: PROBABILI DIFETTI Una ricerca condotta dall Università di Bologna su 24 campioni di oli extravergini, venduti nella distribuzione organizzata, per lo più di provenienza spagnola, rileva un alto rischio di sofisticazioni. Dalla deodorazione mild alla mancanza dei requisiti per fregiarsi della categoria indicata in etichetta. 11 dal n

2 2 ATTUALITÀ CREARE RETI PER STARE SUL MERCATO Il mercato dell agroalimentare è diventato sempre più competitivo, soprattutto in questo periodo di eccesso di offerta e di caduta dei prezzi alla produzione. Le imprese che resistono meglio sono pluriattive, diversificate, aperte alle innovazioni e con una fitta rete di relazioni. Per i piccoli imprenditori, entrare a far parte di una cooperativa talvolta non è sufficiente per uscire dall isolamento commerciale. L unione degli agricoltori deve essere accompagnata da un progetto di sviluppo della cooperativa stessa condiviso da tutti i membri per sviluppare capacità relazionali, organizzative e partecipative. La strada da seguire consiste nella creazione di reti orizzontali (tra imprenditori dello stesso settore, anche se concorrenti), verticali (clienti e fornitori) e trasversali (tra imprenditori, soggetti istituzionali, partner locali, università, agenzie per il turismo, del commercio e dell artigianato). L individualismo e la contrapposizione sono i veri nemici dell agroalimentare. Le reti sono la risposta necessaria a costruire il futuro. [da TV n ] ORTOFRUTTA SEMPRE PIÙ GLOBALE La diffusione delle colture in varie parti del mondo, la velocità dei mezzi di trasporto e la sempre più fitta rete di accordi di liberalizzazione degli scambi rendono il mercato globale dell ortofrutta sempre più agevole. È questo uno degli aspetti che è emerso con maggiore evidenza alla scorsa edizione del Fruit Logistica di Berlino. Parallelamente, per rispondere alle sempre maggiori richieste di qualità e standard igienici elevati, crescono i processi di certificazione internazionale. Anche la Cina ne ha presentato uno: il ChinaGap, il protocollo igienicosanitario che potrà essere adottato dai produttori del Paese asiatico. Oltre alla qualità, i consumatori chiedono anche una certa etica nei processi produttivi e quindi si presentano ulteriori certificazioni sullo sfruttamento dei lavoratori e dell ambiente. Legate all offerta di uno standard qualitativo elevato, alla manifestazione largo spazio è stato dato alla ricerca di innovazione nel packaging e soprattutto varietale. A tanta innovazione sul fronte dell offerta si contrappone la richiesta di standard elevati a prezzi sempre più competitivi. Il problema della domanda è stato affrontato in un convegno dal titolo Grande immagine e bassi ritorni commerciali: i prodotti ortofrutticoli hanno bisogno di un rilancio. [da TV n ] SEMINE : STIME ISTAT Le previsioni di semina delle colture erbacee, rilevate dall Istat su un campione di 8mila aziende nel novembre scorso, vedono una leggera crescita del grano duro, una flessione contenuta del mais e della colza, il crollo del sorgo e una forte diminuzione del girasole e più o meno stazionaria la bietola. Atteso anche un incremento dell 1,1% sul grano tenero. Marco Nardi, direttore di Assosementi, ha espresso perplessità sul dato Istat relativo al grano duro, secondo cui le superfici seminate sarebbero aumentate del 4,1%: «Secondo i nostri dati mancano all appello almeno 100mila ettari rispetto alla superficie complessiva di 1,250 milioni di ettari dell anno scorso (dato finale della stessa Istat). Di questi, 30-40mila ettari sono venuti meno al Nord, dove le aziende hanno preferito il tenero per un fatto di resa e perché la forbice del prezzo del passato ormai non esiste più». La stima è comunque resa complicata dall impossibilità di avere un dato certo sulla quantità di sementi riprodotte in azienda. Se il +4,4% per il grano duro appare sovrastimato, giudizio opposto viene dato da Nardi per il +2,4% della soia. «Lo stesso sorgo potrebbe guadagnare terreno e sostituire il mais in certe zone al contrario dello scivolone del -33% previsto dall Istat». [da TV n ]

3 3 MERCATO PREZZI NAZIONALI E MONDIALI A CONFRONTO (dal 18 al 24 febbraio) Frumento tenero ITALIA Borse Italiane: chiari segnali di debolezza per la scarsa attrattività del prodotto nazionale rispetto all estero. A complicare lo scenario la domanda che da tempo è coperta e oggi deve solo completare gli acquisti; la sola apprensione è per i grani di forza esteri, oggi a prezzi elevati. L offerta è ben presente e sulle piazze del Nord si torna al ribasso di 1-2 /t. Bene il nuovo raccolto anche se le abbondanti nevicate e le piogge richiederanno tempestività nella concimazione e nei trattamenti. EUROPA Francia: mercato che passa una settimana atona senza sussulti. I produttori di mangimi si coprono per minimi volumi mentre i molini vorrebbero già scontare lo scenario che si prospetterà a ridosso del nuovo raccolto ove si stima un eccesso di offerta. Senza volumi significativa anche l esportazione che non trova benefici dal gelo che blocca i porti del Mar Nero. Spagna e Nord Europa: limitata domanda con progressivo completamento delle coperture solo sul breve periodo. Centro-Est: le avverse condizioni climatiche condizionano le consegne, ma nel complesso il mercato non sconta i possibili aumenti da ritardata consegna. MERCATO MONDIALE l eccesso di offerta in Europea e Mar Nero compensa un dollaro in rafforzamento. USA: gli operatori vivono in regime di volatilità di prezzo, ma i movimenti sono più aggiustamenti di posizioni future che veri segnali. Al momento la minore produzione di grani winter (semine inferiori al 2009) non pesa. L esportazione settimanale è lievemente meglio delle attese. Australia: la produzione finale è sui 21,7 mio, +3% versus 2009 e la migliore degli ultimi 4 anni. India: attesa per un raccolto record oltre gli 81 mio ton, e già si parla di esportare. Prezzi: si riapprezzano lo Spring Canadese a 287 $/t FOB (+6), il HRW USA che vale 212 $/t (+9) e l Australiano che tocca i 196 $/t (+6);in calo il Mar Nero a 169 $/t (-1) FOB e l argentino Up river a 220 $/T (-2) Fob Up River. Frumento duro ITALIA Borse Italiane: sono ormai a ridosso del franco partenza a 140 /t ed il mercato a breve troverà un equilibrio con la domanda che a questi prezzi trova un certo interesse speculativo supportato dal fatto che le alternative estere sono ben più care del nazionale. L offerta è da mesi alle corde e senza una controparte seria, ma gli scambi (meno i prezzi) potrebbero riprendere a breve. Il partito di chi da mesi vuole invecchiare il raccolto 2009 si mantiene anche se il perdurante trend ribassista su Milano (-3/-5 /t) e Bologna (-5 /t) ne mettono in dubbio la scelta. EUROPA Francia: e le prospettive del mercato interno restano molto pesanti con i molini che sono ben coperti e non chiedono di allungare le scorte, l esportazione ha dato qualche soddisfazione stante il ritorno delle domande Italiana e Algerina che nei fatti limitano il cronico calo delle quotazioni. Spagna: le condizioni agronomiche dei campi si vanno deteriorando al Sud per eccesso di umidità nel terreno che avrebbe già ridotto di molto l accestimento; per contro offerta molto pressante sul brevissimo. Prezzi: al ribasso in Francia sui 133 /t partenza; la Spagna offre a seconda delle qualità attorno ai FOB (circa 175 /t CIF). MERCATO MONDIALE la volatilità del prezzo dello spring che resta ben tenuto, potrebbero ridurre le semine a duro primaverili. USA: si valuta il rischio di minori superfici 2010, dopo il sensibile calo (-30%) delle aree del Desert nel Sud Ovest. La domanda gioca la carta dello scarso interesse e l offerta si arrocca anche se ben conscia che lo scenario si fa di giorno in giorno più pesante, e il rafforzamento del dollaro non aiuta. Canada: con la prospettiva di ingenti scorte di fine campagna, l aggressività commerciale resta alta. Australia: i prezzi restano superiori al resto del mondo; a Marzo i primi arrivi sull Italia. Prezzi CIF Italia: il 2 HAD 15% proteina è nominalmente sui 195 /t per Aprile-Maggio, il 2/3 CWAD sconta sui euro per Feb-Mar (rivendite) e l Australiano #1 si pone a nominali 215 /t. La rubrica continua a PAG. 4

4 4 MERCATO Mais ITALIA Borse Italiane: è spietata la concorrenza dei cereali a paglia, ma la ritenzione ed i ritardi nella logistica dal Centro Europa sostengono il corso con i prezzi che si allontanano dal nominale allineamento con le alternative europee. Il calo delle semine (causa l attuale livello dei prezzi) gioca un ruolo rialzista, ma il panorama maidicolo resta sempre pesante con la spada di Damocle del ritorno a breve della concorrenza dell Est Europa. Bologna fa un +1,5 /t e Milano + 2,0 /t. EUROPA Francia: l offerta trova insperato supporto dall industria mangimistica e dall esportazione verso i paesi confinanti ed il bacino del Mediterraneo. Tuttavia l attività resta nella norma per questo periodo dell anno; è la domanda attiva che fa notizia. Scenario sempre appesantito con l eccesso di offerta che si fa sentire. Altri EU: la Spagna torna compratrice alla pari del Nord Europa, ma il fattore che sostiene il mercato è sempre quello climatico, con i paesi del Centro-Est Europa che faticano ad eseguire i contratti a fronte di un utilizzo invernale che non permette ritardi. MERCATO MONDIALE il mercato vive di aggiustamenti delle posizioni di operatori e speculatori. USA:la domanda locale è corta nelle coperture,ma il dollaro forte riduce l effetto del recente aumento del prezzo del petrolio (e dell etanolo). In generale il mercato e le quotazioni tengono bene; le stime USDA al 2019 vedono un roseo futuro per il mais negli USA. Argentina: le recenti piogge e la stima di un ottimo raccolto spingono il Governo a dichiarare l export 2010 oltre i 10 mio di t. Prezzi: l Argentino è sui 165 $/t (+2) FOB Up-river, il Brasiliano Paranagua 168 $/t (-2) ed il # 3 USA 169 $/t (+3) FOB Golfo. Oleaginose-cereali foraggeri ITALIA Cereali Foraggeri: la tendenza è in antitesi con il mais e se questo si rafforza, i foraggieri trovano un invariato di stima per il sorgo e un meno 2 /t nell orzo, penalizzato dall offerta comunitaria e da una situazione commerciale di massima calma. Le borse del Nord di fatto vedono consolidarsi le posizioni con il solo orzo che cede. Oleaginose: lo scenario mondiale è nervoso ma non critico. L AGER fa un + 3 /t alla pari della Granaria, ma a breve potrebbero rientrare. EUROPA Cereali Foraggeri: il mercato è paralizzato con limitatissimi acquisti e la certezza che nulla cambierà a breve. L orzo francese vive da settimane scambi in apnea; in calo anche i conferimenti all intervento. Il grano feed Inglese resta a 116 /t FOB; l orzo francese cala a 103 /t FOB Rouen. Oleaginose: la colza continua a monetizzare il momento della soia, ma poi cede e cala a 284 /t (-2) FOB Rouen. Il girasole trova sostegno dai dubbi sui raccolti in Argentina e nelle aree del Mar Nero. MERCATO MONDIALE Cereali Foraggeri: Cereali Foraggeri: le ottime notizie dal settore Asiatico confermano l ampia disponibilità mondiale anche per il Il grano Russo vale 157 $/t FOB (-2) mentre l orzo del Mar Nero si consolida a 140 $/t (era 150 $/t lo scorso anno). Soia: borse al netto rialzo ma senza una vera logica in quanto la raccolta in Argentina procede bene e l offerta mondiale sarà corposa. Il Brasile vola verso un esportazione record di 3 mio t a febbraio che sostiene il mercato. Prezzi soia: il CBOT quota 385 $/t (+13), il brasiliano 375 $/t (+18), l argentino è sui 357 $/t (+14). Noli marittimi Settimana di festa in Asia con ridotta domanda nel Pacifico e quotazioni al ribasso. Tuttavia si stima a brevissimo una ripresa dell importazione mineraria in Cina e un rialzo dei noli. L indice Baltic sconta lo stallo del mercato e cala del 4%. La tratta Golfo-Europa torna a 35 $/t (-1) per navi da t; con $/t si noleggia una t Laghi - Italia e con 42 dollari si muove un part cargo da t dal Brasile all Europa. Botta e risposta D: Paglia o crusca per la lettiera? Con i prezzi di oggi possiamo trattarli (nda. gli animali) meglio! R: l andamento dei prezzi della paglia e della crusca sono oggi molto prossimi e l improbabile alternativa, al limite della provocazione, è divenuta possibile dal punto di vista economico. Vedere la crusca offerta a quotazioni prossime al prezzo della paglia (o viceversa) è a dir poco emblematico e stimola una franca riflessione. Da anni la produzione cerealicola è in generale calo mentre, fatto salvo le solite ciclicità, assistiamo ad una sostanziale tenuta dei consumi da parte dei molini. Se il prezzo del grano è stato (e lo sarà?) in concorrenza con il farinaccio, perché non ipotizzare la crusca rosicchiare quote di mercato alla paglia? Oggi può sembrare fantascienza, ma si può concordare che se mai accadesse di sicuro riceveremmo sentiti ringraziamenti da parte dei nostri capi... d allevamento. Inviate le vostre domande a: Flash Mar Nero: è ormai attivo il terzo porto commerciale in grado di muovere sempre più efficientemente i cereali Russi, Ucraini e Kazachi. Il nuovo porto di Tuapse è in grado di gestire navi fino a t ed un volume annuo in uscita di circa 2,4 mio t. Con la migliorata capacità logistica, assieme ai porti di Novorossyisk e Azov, l origine Mar Nero è sempre più il futuro per gli acquisitori del Mediterraneo. Georgia: il governo offre al Kazakhstan un alternativa portuale (Batumi, Poti e Anaklia) per avere un meno penalizzante sbocco sul Mar Nero. Al momento ogni grano che transita su Russia e Ucraina costa al venditore kazaco sui 20 $/t e la possibile competizione georgiana potrebbe abbattere lo svantaggio logistico aumentandone (nda. se mai ve ne fosse bisogno) la competitività commerciale. Argentina: prima protesta agricola contro il governo per le recenti difficoltà a commerciare il grano (problemi di insolvenza); visto quanto accaduto nel 2008 il governo ha recepito tempestivamente e da subito seriamente la protesta.

5 5 PRIMO PIANO Le nuove regole dell avvicendamento In seguito al vaglio, da parte della Commissione europea, degli aiuti dell articolo 68 relativi all avvicendamento, approvati dall Italia con il decreto ministeriale del 29 luglio 2009, la concessione di benefici per l avvicendamento triennale non sono stati accettati. Il Mipaaf ha dovuto perciò apportare alcune modifiche riducendo, in primo luogo, da tre a due gli anni di rotazione mediante l alternanza di un anno di cereali a un anno di colture miglioratrici sulla medesima superficie. Gli stanziamenti rimangono invariati a 99 milioni di euro con un importo di contributo massimo di 100 euro per ettaro. Tali modifiche avranno non poche ripercussioni sugli agricoltori, poiché arrivano quando sono già programmati gli ordinamento colturali o, ancora peggio, si è già seminato sulla base di quanto previsto dal vecchio decreto. In questo modo molti agricoltori non potranno usufruire dell aiuto supplementare. È stato inoltre soppresso l obbligo di utilizzo di sementi certificate per il grano, con conseguenti danni anche per le società sementiere che rischiano di essere compromesse e con il rischio di pregiudicare i risultati della ricerca genetica raggiunti in questi anni. [da TV n ]

6

7 7 TECNICA La manutenzione delle trince La trinciacaricatrice lavora intensamente per un periodo limitato dell anno. È perciò fondamentale che non si verifichi nessun intoppo tecnico. Per questo richiede una manutenzione minuziosa. I fratelli Casiraghi, contoterzisti, la sottopongono una volta all anno a un accurata pulizia di tutte le sue parti. «La macchina viene completamente smontata, cominciando dalla barra di taglio e proseguendo con i rulli, il rotore, il rompigranella, il canale di elevazione, il tubo di scarico.vengono cambiati i pezzi usurati, verificati i cuscinetti, le pulegge e le cinghie di trasmissione. Tutto va lavato con getto a pressione, lasciato asciugare e poi rimontato». In questo modo si garantiscono una macchina praticamente nuova, in grado di affrontare l intera campagna che inizia ad aprile (segale e medica) e prosegue con il grano e il mais. In tutto più di mille ore di lavoro l anno. [da TV n ] La carenza di liquidità ricade sui mangimisti I l calo dei prezzi alla produzione e la congiuntura economica sfavorevole hanno pesato negativamente sulla liquidità delle imprese zootecniche. I mangimi rappresentano il centro di costo maggiore e sono quindi i mangimisti i fornitori più penalizzati dall affanno delle aziende. Il presidente di Assalzoo, Silvio Ferrari, fa partire la difficoltà di reperire risorse al 2007, quando le banche hanno ristretto la concessione del credito e i produttori hanno dato la priorità al rispetto delle scadenze bancarie, rinviando il pagamento delle fatture. Passando in rassegna la situazione dei singoli comparti: «quello suinicolo ha visto spostare le scadenze dei pagamenti di un ulteriore mese o due rispetto al passato, quando si variava, a seconda delle zone, da 90 a 120 giorni. Nell avicoltura il riflesso è meno pesante perché beneficia di una più spiccata integrazione della filiera, In bovinicoltura, in questi ultimi mesi gli allevatori di vacche da latte hanno allungato i tempi di pagamento di ulteriori 60 giorni arrivando a 160 giorni». [da Informatore Zootecnico n ]

8 8 PRIMO PIANO Strippaggio ammonico per abbattere i nitrati A Minerbio (Brescia), presso l azienda agricola di Vittorio Sturla, è in funzione un moderno impianto di strippaggio di reflui zootecnici. L obiettivo è ridurre il quantitativo di azoto nei liquami e rispettare così i limiti imposti dalla direttiva nitrati. Si comincia con la separazione della parte solida del liquame da quella liquida, quest ultima viene convogliata in una colonna di strippaggio, dove incontra una corrente di aria calda prodotta dal motore dell impianto. Il liquido riscaldato permette il passaggio dell ammoniaca dallo stato liquido a quello gassoso. A questo punto i gas di ammoniaca sono abbattuti nelle torri contenenti acido solforico. La sezione solida è invece avviata a un digestore per la produzione di biogas. I costi dell impianto possono essere sostenuti da aziende di grandi dimensioni, mentre per quelle più piccole si consiglia la condivisione di un impianto comune attraverso forme di aggregazione consortile. Situazioni consortili dovrebbero essere promosse anche per la condivisione delle macchine per la distribuzione dei reflui nei terreni. [da Suinicoltura n ]

9 9 OSSERVATORIO IN CAMPO Fertilizzanti: favorirne la cessione modulata L a ricerca in materia di fertilizzanti punta alla riduzione delle spese di produzione con un massimo di efficacia nel miglioramento della qualità dei prodotti agricoli e salvaguardando il sistema suolo/acqua. Per fare questo diventa fondamentale la somministrazione localizzata dei fertilizzanti e il loro completo assorbimento. La modulazione di rilascio ha come obiettivo quello di sincronizzare il rilascio con il momento di maggiore esigenza nutrizionale della pianta. Ciò si può ottenere attraverso l additivazione ai fertilizzanti di minerali inibitori o con la ricopertura dei concimi con sostanze scarsamente solubili in acqua. L impiego degli inibitori di sintesi riguarda principalmente la fertilizzazione azotata con prodotti capaci di inibire la nitrificazione e l ureasi. Tra le sostanze naturali con la stessa funzione, si possono impiegare le lignine contenute nei residui ligno-cellulosici dell industria della carta e del legno. La stessa tipologia di materiale potrebbe essere utilizzata anche come coprente. La tecnica del controllo della cessione può essere di rilievo anche per gli elementi fosfatici che hanno il problema della insolubilizzazione. In questo caso si utilizzano sostanze umiche per ridurre il fenomeno. [da Fertilizzare Oggi Supp. a TV n ]

10 10 SPECIALE SUBSTRATI Sempre più substrati per uso professionale e hobbistico Con la crescita del comparto professionale florovivaistico e di quello hobbistico, negli ultimi anni, il mercato dei substrati italiano è diventato il secondo in Europa per importanza, dopo la Germania, assorbendo il 15% del consumo comunitario. La scelta del substrato dipende da diversi fattori: tipo di pianta, ciclo colturale, sistema di irrigazione, sistema di copertura, condizioni climatiche, costo e capacità di gestione dell imprenditore agricolo. I substrati per le coltivazioni floricole in vaso sono costituiti da miscele composte prevalentemente da torbe bionde baltiche, torbe brune irlandesi, alle quali possono essere aggiunti minerali come pomice, perlite e argilla. Nel vivaismo orticolo sono composti per lo più da torbe nere di sfagno. Allo sviluppo di nuove tipologie di substrato ha inciso la paesaggistica, un settore professionale nel quale rientra la cura del verde ornamentale pubblico e privato, l allestimento dei campi sportivi, dei tetti verdi, del verde verticale. I terricci sono miscele composte da matrici organiche, torbe, ammendanti compostati e minerali quali la sabbia, le pomici e i lapilli. [da Colture Protette n ]

11 11 MECCANIZZAZIONE Macchine agricole: come far ripartire la domanda Dalla prudenza al pessimismo. Sono questi gli atteggiamenti che hanno prevalso all ultima edizione della Fieragricola di Verona. Due anni fa l agricoltura sembrava fosse lanciata verso un riscatto definitivo che non si è però verificato. Le quotazioni alla produzione attuali sono sostanzialmente uguali a quelle di qualche anno fa, quando però la situazione del settore non era evidenziata dalle organizzazioni di categoria con tanta insistenza a livello europeo. Rispetto ad allora, sono aumentati i costi delle macchine agricole, che a differenza dei fertilizzanti e dei fitofarmaci, nonostante il calo della domanda, non possono venire ulteriormente ridotti a meno di non ricorrere a una ristrutturazione del settore. Infatti nel prossimo futuro si prevede un ridimensionamento del numero di costruttori e un unificazione dei con ponenti. D altra parte bisogna stimolare la sostituzione del parco macchine, divenuta ormai necessaria alla luce del nuovo Testo unico sulla sicurezza sul lavoro e al recepimento della nuova direttiva comunitaria sull uso sostenibile dei fitofarmaci che metterà fuori gioco un numero elevato di atomizzatori e irroratrici. [da Il Contoterzista n ] Extravergini da 2,5-3 euro/litro: probabili difetti U n indagine su 24 campioni di oli extravergini di oliva, commissionata da Coop Italia al Dipartimento di Scienze degli alimenti dell Università di Bologna, ha rilevato dei difetti sul 70% dei prodotti analizzati. La ricerca si è concentrata su oli venduti in ipermercati, supermercati e discount nella fascia di prezzo tra i 2,5 e i 3 euro al litro. È emerso che la maggior parte di essi è di provenienza spagnola e appartiene alla cultivar Picual. Dieci campioni sono risultati sospetti di deodorazione mild per entrambi i limiti proposti per la somma degli alchil esteri e quattro non possono essere considerati genuini per i limiti italiani. Due contenevano una quantità di acqua inferiore a 700 mg/kg ossia alla concentrazione minima degli extravergini genuini. Sei non erano sensorialmente classificabili come extravergini di oliva a causa di alcuni difetti percepiti come l avvinato, il rancido o il riscaldo. Roberto La Pira, giornalista e tecnologo alimentare, spiega che «i difetti riscontrati si verificano durante la raccolta, quando le olive in attesa della spremitura vengono ammassate e si sviluppano così fermentazioni anomale che danno all olio un cattivo odore. Per non doverlo vendere a un prezzo inferiore, i produttori spagnoli effettuano una deodorazione blanda riscaldandolo leggermente». [da Olivo e Olio n ]

12 12 METEO Meteo (a cura di Alfio Giuffrida) Tempo perturbato per tutta la settimana, anche se al sud avremo parziali schiarite a fine periodo. Temperature in graduale aumento soprattutto al sud. LUNEDÌ 22 E MARTEDÌ 23, al nord molto nuvoloso, con precipitazioni sparse, più probabili sul settore occidentale. Ancora nevicate sui rilievi alpini di Piemonte e Lombardia. Al centro e al sud, nuvolosità irregolare, con locali piogge, specie sul versante tirrenico. Temperature senza notevoli variazioni al nord, in graduale aumento al sud. MERCOLEDÌ 24 E GIOVEDÌ 25, sulle regioni settentrionali, nuvolosità variabile, più intensa sul Triveneto e l Emilia-Romagna, dove si avranno locali precipitazioni. Possibilità di foschie dense sulla Pianura Padana, nelle ore notturne. Al centro e al sud, cielo molto nuvoloso con piogge sparse, più probabili sulle regioni del versante adriatico. Temperature senza notevoli variazioni al nord e al centro, in lieve aumento al sud. VENERDÌ 26, SABATO 27 E DOMENICA 28, sulle regioni settentrionali e centrali, nuvolosità irregolare, con locali precipitazioni, specie su Piemonte, Lombardia e Liguria. Foschie dense sulla Pianura Padana, nelle ore notturne e al primo mattino. Al sud, cielo da poco nuvoloso a localmente nuvoloso. Ampie schiarite su Puglia e Sicilia. Temperature in graduale aumento, specie sulle regioni del versante tirrenico. SERENO VARIABILE NUVOLOSO PIOGGIA NEBBIA TEMPORALI NEVE

13

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009)

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009) Obiettivo 14-2010 in collaborazione con Mercato Italiano GRANO TENERO Il panorama generale del mercato nazionale può essere definito leggermente migliore: il ridursi della disponibilità di prodotto nazionale

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

Il mais nel mercato globale e nazionale Luca Rossetto

Il mais nel mercato globale e nazionale Luca Rossetto Il mais nel mercato globale e nazionale Luca Rossetto Università degli Studi di Padova Dipartimento Tesaf Il mercato Il quadro internazionale L Unione Europea La situazione italiana Riflessioni Mercato

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

in questo numero: n. 44/2012 novembre A proposito di Granaio Quotazioni e Mercati CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE

in questo numero: n. 44/2012 novembre A proposito di Granaio Quotazioni e Mercati CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE n. 44/2012 novembre in questo numero: A proposito di Granaio Quotazioni e Mercati CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia,

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food. Roberto Jodice

Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food. Roberto Jodice COLDIRETTI RIMINI 9 Novembre 2007 Il mercato internazionale dei biocarburanti e le ricadute sul settore food e no-food Roberto Jodice C.E.T.A. Centro di Ecologia Teorica ed Applicata Gorizia LA PRODUZIONE

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Newsletter n. 58 Dicembre 2015

Newsletter n. 58 Dicembre 2015 Newsletter n. 58 Dicembre 2015 In evidenza Non sempre il detto poche nuove, buone nuove si dimostra corretto! Questo almeno sembra essere smentito per quanto riguarda il trend di fondo dei mercati futures

Dettagli

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento GranItalia Aula Magna della Facoltà di Agraria Università di Bologna, 1 ottobre 2010 La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento Industria sementiera e innovazione varietale. La collaborazione

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Newsletter n. 30 febbraio 2010

Newsletter n. 30 febbraio 2010 Newsletter n. 30 febbraio 2010 In evidenza Sembra che la costante dei mercati di frumento, mais e soia sia la costanza! La costanza dei prezzi, ormai stabilizzatisi a circa 140-150 euro sia per il frumento

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2991 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disposizioni per la riduzione dell impatto ambientale nelle operazioni di distribuzione

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione.

Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione. Appunti: 2 Il settore Automotive include le aree della Produzione, della Componentistica e della Distribuzione. L area della Distribuzione e Riparazione che ci riguarda direttamente occupa oltre 254.000

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE I trimestre 2015: forte contrazione dei prezzi dell energia Milano, marzo 2015 I primi mesi del 2015 restituiscono un quadro di timida ripresa dell attività

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

BILANCIO ANNUALE 2009

BILANCIO ANNUALE 2009 01/2010 Mercato Mercati nazionali 5.1.6 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNUALE 2009 MERCATO DI MILANO: Prezzo medio categoria 156/176 Kg: 1,216 (-7,987%) Nel 2009, il prezzo medio dei suini della

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura

Utilizzo di macchine agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Filiera Cerealicola: Organizzazione della filiera Utilizzo di agricole per conto terzi nelle colture cerealicole di pianura Il contoterzismo nelle colture cerealicole di pianura Premesse Si va sempre più

Dettagli

PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI

PAC 2020: LA CONTROPROPOSTA APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI ARGOMENTO Convergenza esterna Active farmers Flessibilità tra i pilastri NOVITÀ RISPETTO ALLA PROPOSTA UE

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

Mais & Soia. Mais (fonte WASDE) Soia (fonte WASDE)

Mais & Soia. Mais (fonte WASDE) Soia (fonte WASDE) Mais & Soia Mais (fonte WASDE) Panorama mondiale e USA Principali Produttori ed Esportatori Soia (fonte WASDE) Panorama mondiale e USA Principali Produttori ed Esportatori Prezzi del Mais e della Soia

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale XV Rapporto LA FILIERA DEL TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale DENIS PANTINI Nomisma Roma, 4 aprile 2012 LE VALENZE DELLA FILIERA (2010) Economica Valore delle vendite

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA di cosa parliamo Alcuni dati I regolamenti europei I decreti italiani Un paio di citazioni Le sensazioni Il futuro

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

COLTIVANDO LA CRESCITA

COLTIVANDO LA CRESCITA COLTIVANDO LA CRESCITA Agroindustria e agricoltura: imprese, dimensione, export I punti di forza Dall agricoltore all imprenditore agricolo Le criticità L agenda per il futuro Daniele Marini Università

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Fertilizzanti: il quadro mondiale di produzione e impiego

Fertilizzanti: il quadro mondiale di produzione e impiego ECNMIA PRDUZINE, CNSUMI, IMPRT-EXPRT E DETTAGLI PER L ITALIA Fertilizzanti: il quadro mondiale di produzione e impiego Sono relativamente pochi i Paesi che producono la maggior parte dei fertilizzanti

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

IN SINTESI. numero 6/15 21 maggio 2015. Marzo 2015 Preliminare di Aprile

IN SINTESI. numero 6/15 21 maggio 2015. Marzo 2015 Preliminare di Aprile Marzo 205 Preliminare di Aprile numero 6/5 2 maggio 205 IN SINTESI Analisi andamento generale Analisi di specifici indicatori Il mese di marzo, rispetto al buon risultato del 204 ha deluso le aspettative

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli