SAN PAOLO E LO SPORT: IL PERCHÉ DI UNA PROPOSTA Tempio di San Paolo Alba (CU) - 9 Settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAN PAOLO E LO SPORT: IL PERCHÉ DI UNA PROPOSTA Tempio di San Paolo Alba (CU) - 9 Settembre 2013"

Transcript

1 SAN PAOLO E LO SPORT: IL PERCHÉ DI UNA PROPOSTA Tempio di San Paolo Alba (CU) - 9 Settembre 2013 PREMESSA Di fronte alla proposta di nominare San Paolo Patrono degli sportivi, potrebbe sorgere spontanea la domanda: cosa c entra San Paolo con lo sport? Possono la metafora a tutti nota della Prima Lettera ai Corinzi o le tante altre citazioni metaforiche giustificare una simile proposta? Saulo, divenuto Paolo, probabilmente non era uno sportivo. Non c è alcun documento che autorizzi questa ipotesi. A leggere la sua biografia non c è traccia neanche di una generica passione verso lo sport. Probabilmente, da persona colta, era semplicemente consapevole del valore dell impegno degli atleti. Sono convinto che l uso della metafora dello sport si spieghi con la popolarità che lo sport aveva nella cultura greca e latina del tempo. La metafora di tipo sportivo era spesso usata nell arte oratoria. Cicerone, un secolo prima di Paolo, lodava il pugile per la virtù della fortezza 1 ; Seneca, contemporaneo di Paolo, e dopo di lui Epitteto, lo stoico greco, paragonavano il filosofo all atleta, mettendo in relazione la paidèia, l allenamento per la formazione dei fanciulli, ovvero il modello educativo della Atene classica tanto caro a Platone, con l askesi, l ascetismo. Quando scrive ai Corinzi 2, Paolo sa di rivolgersi a persone che conoscono lo sport. In quella città dal 581 a.c. si svolgevano ogni due anni nel primo e nel terzo anno dell Olimpiade - i Giochi Istmici in onore di Posidone. Erano i più rinomati Giochi dopo quelli di Olimpia ed erano particolarmente festosi e caotici, socialmente ed economicamente molto importanti. A questi giochi aveva partecipato a suo tempo anche Platone 3 nella lotta e nel pugilato. Il ricorso all esempio dell atleta è, quindi, un modo per farsi meglio comprendere: paragonare l impegno nel cammino della fede e dell apostolato a quello del campione è efficace alla luce dell esperienza e della cultura del tempo. Non dimentichiamoci che Paolo doveva far passare un messaggio del tutto nuovo, rivoluzionario. Non doveva essere facile far comprendere la rivoluzione portata da Gesù, morto e risorto da poco più di un decennio. Pensiamo solo al mistero della Resurrezione. Fatichiamo noi dopo duemila anni di cristianesimo, figuriamoci fra i pagani e a Corinto che era una delle capitali del paganesimo. Perché allora San Paolo Patrono degli sportivi? 1 Edio Costantini, Kevin Lixey, San Paolo e lo sport: un percorso per campioni, edizioni la meridiana, Molfetta (BA) Vedi anche Le Lettere di San Paolo, Cittadella Editrice, Assisi, La metafora contenuta nella Prima Lettera ai Corinzi è la più nota di Paolo. Per comprenderne appieno il significato occorre forse storicizzare il testo. Paolo la scrive mentre si trova ad Efeso come lui stesso scrive: Fino a Pentecoste rimarrò a Efeso (1Cor. 16,8) durante il suo terzo viaggio missionario (ca ). La scrive preoccupato delle notizie che gli giungono da Corinto di un clima di divisioni, scissioni e antagonismi all interno della stessa comunità cristiana, di cui era stato fondatore nell anno e sei mesi trascorsi presso Aquila e Priscilla. 3 Platone è il soprannome, che significa spalle larghe, con cui è noto Aristocle = l irreprensibile. Egli primeggiava nella ginnastica e gareggiò nella lotta e nel pugilato a Delfi e a Corinto, ma partecipò anche con i suoi Dialoghi.

2 Per comprendere il senso della proposta ritengo si debba partire da alcune considerazioni sulla natura intrinseca dello sport, sul suo significato simbolico e culturale e sul potenziale educativo e morale che questa attività ha in sé. Dello sport la Chiesa non si era mai occupata fino al secolo scorso. Ha cominciato a farlo a partire da Leone XIII (Papa dal 1878 al 1903), il papa che ha visto nascere i Giochi Olimpici moderni. Da allora gli interventi dei Papi sull argomento sport si sono succeduti con crescente frequenza di pari passo allo svilupparsi dello sport stesso. Ciò che hanno in comune tutti gli interventi papali (oltre 200) è l ispirazione agli insegnamenti di San Paolo. Giovanni Paolo II, nel messaggio del 12 aprile 1984, parlò dello sport come di una realtà che nella sua essenza era già stata individuata da San Paolo come valida e pienamente umana. San Paolo ha riconosciuto la fondamentale validità dello sport disse Papa Wojtyla -, considerato non soltanto come termine di paragone per illustrare un superiore ideale etico e ascetico, ma anche nella sua intrinseca realtà di coefficiente per la formazione dell uomo e di componente della sua cultura e della sua civiltà. Così, San Paolo, continuando l insegnamento di Gesù, ha fissato l atteggiamento cristiano dinnanzi a questa come alle altre espressioni delle facoltà naturali dell uomo, quali la scienza,il lavoro, l arte, l amore, l impegno sociale e politico: atteggiamento che non è di rifiuto o di fuga, ma di rispetto, di stima, semmai di riscatto e di elevazione: in una parola, di redenzione. 4 Basterebbero queste autorevoli parole del Papa che qualcuno ha definito, atleta di Dio, per convincerci della bontà della proposta che dalla Famiglia Paolina e dal Panathlon Club di Alba si leva. Per comprendere pienamente il valore dell insegnamento dell Apostolo dei Gentili e delle parole di Giovanni Paolo II, può esser utile affrontare l argomento alla luce di un approccio simbolico allo sport, seguendo l impostazione che il Prof. Giuseppe Mari, ordinario di Pedagogia Generale all Università Cattolica di Milano, diede al suo intervento al congresso internazionale del Panathlon, che ebbi il compito di coordinare. Il primato dell etica. Anche nello sport? era il titolo di quel congresso (2010) e il Prof. Mari trattò il Potenziale educativo e morale dello sport Significato e valore dell accostamento simbolico allo sport Il significato e il valore dell approccio simbolico allo sport è cosa nota fin dai riti iniziatici, dai rituali, agonali o semplicemente ludici che hanno accompagnato lo sviluppo delle civiltà conosciute. Il gioco è connaturato nell uomo. Secondo Johan Huizinga l homo ludens precederebbe l homo faber. Il gioco scrive Huizinga è indispensabile all individuo, in quanto funzione biologica, ed 4 AA.VV., Chiesa e sport. Un percorso etico, a cura di Carlo Mazza, Atti del Convegno nazionale Sport, etica e fede per lo svilupp9o della società italiana, Roma Novembre 1989, Conferenza Episcopale Italiana, Ufficio Nazionale Tempo Libero, Turismo e Sport, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo (MI) Il riferimento è al saggio di Giuseppe Mari, Il potenziale educativo e morale dello sport, in The primacy of Ethics. Also in Sports?, a cura di Aldo Aledda e Maurizio Monego, Franco Angeli Editore, Milano 2011.

3 è indispensabile alla collettività per il senso che contiene, per il significato e il valore espressivo, per i legami spirituali e sociali che crea, insomma in quanto funzione culturale. 6 Per limitarci alla valenza culturale che ebbe lo sport nell antica Grecia, sono da sottolineare le diversità simboliche dei Giochi 7 di allora rispetto a quelli moderni. La matrice comune di quei Giochi è quella di agoni rituali per chiedere la benevolenza della divinità a cui erano dedicati. Si tratta di una matrice religiosa nel significato etimologico della parola religio, legame, un termine cioè che rimanda al legame vitale che tiene in una condizione di dipendenza l'essere umano (più in generale, il mondo) rispetto alla divinità, domandando il culto, cioè, la coltivazione, per assicurare la sopravvivenza, esattamente come la coltivazione dei campi garantisce di che vivere. Il rapporto con la divinità per i Greci, come poi per i Romani, finché non intervenne la rivoluzione cristiana, aveva significati che nel tempo sono andati perduti. Il sacro, sia nel termine greco hierós ( divino e sacro ) sia in quello latino sacer indicano separazione ovvero la condizione divina in quanto distinta e distante da quella umana. Tale separazione era correlata al sentimento di timore provocato da una concezione del divino che riconosceva al nume anzitutto la potenza pericolosa, non solo distruttiva, ma anche ingannatrice 8. L intervento di Atena che fa inciampare Aiace nella gara di corsa, per corrispondere alla preghiera del suo protetto Ulisse (Iliade XXIII canto I giochi funebri che Achille organizza per onorare Patroclo) è un esempio di questa cultura. Di qui la necessità di ammansire e rendere propizio chi poteva comminare pene e infliggere dolori. Lo sport rientrava fra le pratiche di culto comportando quindi un significato che andava ben oltre la competizione atletica individuale, essendo svolto in una forma che riguardava anzitutto la comunità. I giochi panellenici comportavano la tregua nei conflitti tra le città greche sia perché erano legati al culto delle divinità sia perché esprimevano la koiné cioè la co-appartenenza culturale di tutti i Greci 6 John Huizinga, Homo Ludens, Einaudi Ed. TO, 1973, cap. I pg Ad Olimpia si celebravano i Giochi Olimpici in onore di Zeus. A Corinto quelli Istmici dedicati a Posidone comprendevano gare ginniche, di lotta e ippiche. Solo nel periodo ellenistico, furono aggiunti gli agoni musicali. Il vincitore riceveva in premio una corona di aghi di pino. Per numero di concorrenti e per afflusso di pubblico erano i giochi più solenni dopo quelli di Olimpia. A Delfi i Giochi Pitici, gare atletiche, poetiche e musicali si tenevano in occasione delle Pitiche, feste celebrate in onore di Apollo Pizio. Ai vincitori erano dedicati dodici epinici di Pindaro comunemente noti come Le odi pitiche o semplicemente Le pitiche. Ad Atene si tenevano le grandi e piccole Panatenaiche dedicate ad Atena Poliade. A Nemea, nel Peloponneso, si tenevano i Giochi Nemei, biennali come i Giochi Istmici, dedicati a Zeus e nei quali i vincitori venivano premiati con una corona di prezzemolo (successivamente sostituito dal sedano). A Olimpia si svolgevano anche i Giochi Erei gli unici Giochi in cui a gareggiare erano le donne. Nei Musei Vaticani è conservata una idria (vaso per contenere l acqua) del VI sec. a.c. ove sono raffigurate donne che corrono (vedi Angela Teja e Santino Mariano (a cura di), Agonistica in Magna Grecia La scuola atletica di Crotone, Edizioni del Convento, Calopezzati (CS), 2004, pgg.36-38). I Giochi Erei avevano significato propiziatorio a carattere pre-matrimoniale: attraverso la selezione della corsa le fanciulle cercavano di assomigliare ad Hera, compagna di Zeus e dunque prototipo della buona sposa. Si veda anche Pausania, Guida alla Grecia, Libro v L Elide e Olimpia (V, 16), Fondazione Lorenzo Valla, Arnoldo Mondadori Editore, II ediz., Giuseppe Mari, op. cit.

4 al di là delle loro differenze di costume, legislazione, politica. Per questa stessa ragione lo sport diventava veicolo di significati morali ed educativi. Questa dimensione rende ancor più ragione del ricorso di Paolo alla metafora sportiva. La massiccia partecipazione e il coinvolgimento di grandi masse di spettatori negli eventi sportivi mondiali mostrano una esigenza di identificazione comunitaria, la cui valenza ancora una volta è simbolica. Secondo il filosofo tedesco Ernst Cassirer 9 il simbolo esprime nel concreto agire della persona un significato che va oltre la descrizione fenomenica cioè puramente materiale del suo comportamento. L uomo ha la capacità che lo distingue dall animale di indicare con il gesto qualcosa e di decidere. L azione si esprime attraverso gesti che sono frutto di decisioni, che sono intenzionali. Risulta evidente che lo sport, così legato alla fisicità umana, costituisce uno scrigno formidabile di significati simbolici, essenziali alla vita tanto dei singoli che delle comunità. Ecco dunque un altro aggancio alle metafore paoline. Uno di questi significati simbolici, in particolare, è di grande importanza per la messa fuoco del profilo morale della persona: il gioco. 2. La valenza antropologica del gioco e la corporeità Qualche mese addietro ho tradotto e pubblicato nel sito del Panathlon International 10 un documento a firma di Mons. Josef Clemens, Segretario del Pontificio Consiglio per i Laici, su L attività sportiva nel pensiero di Joseph Ratzingher / Benedetto XVI che raccoglie una sua intervista 11 del 1978 ora inserita in una pubblicazione di meditazioni stampata nel Ernst Cassirer è stato un filosofo tedesco naturalizzato svedese. Nella sua opera più importante, Filosofia delle forme simboliche ( ) sostiene che le molteplici forme della vita spirituale sono accomunate dall essere tutte attività formative di tipo simbolico. Il Saggio sull uomo (1944) individua l origine comune delle molteplici forme simboliche nell uomo come animal symbolicum, cioè nella sua progressiva capacità di allontanarsi dai dati immediati per l elaborazione di forme espressive sempre più elevate. (Vedi L Enciclopedia della Filosofia e delle Scienze Umane, De Agostini, Novara, 1996). 10 in Attività / Articoli e saggi / per autore / Clemens Josef 11 Questa intervista è stata pubblicata in tedesco nel Bollettino Ordinariats-Korrespondenz dell'arcidiocesi di München- Freising (ok 03-15/78) n.19 del 3 giugno 1978; cfr. P. Pfister, Joseph Ratzinger und das Erzbistum München und Freising, Dokumente und Bilder (Documento e Foglio) dagli Archivi ecclesiastici, Contributi e Memorie, nella collezione: Schriften des Archivs des Erzbistum München und Freising, vol. 10, Schnell & Steiner, Regensburg 2006, 313 s; Si noti anche la sua rapida pubblicazione nella Gazzetta cattolica Deutsche Tagespost, 7 giugno Una traduzione parziale in inglese si trova in J. Ratzinger, Collaboratori della Verità: Meditazioni per ogni giorno dell'anno, Ignatius Press, San Francisco 1992, Una traduzione completa in lingua inglese è di Teresa Benedetta in: 12 Cf. Joseph Kardinal Ratzinger, Suchen, was ist droben. Meditationen das Jahr hindurch, Press Herder, Freiburg i.br. 1985, ; Benedikt XVI / Joseph Ratzinger, Gottes Glanz in unserer Zeit. Meditationen zum Kirchenjahr, Press

5 Vi si trovano I fondamenti filosofici del fenomeno sportivo del Cardinale Ratzinger / Papa Benedetto XVI (/ in quanto da Papa ne ha autorizzato la pubblicazione). Parla di calcio, il prelato in quell intervista, come di "un 'evento globale' che, a prescindere dai confini, unisce l umanità in tutto il mondo in un unico ed eguale stato di tensione: nelle sue speranze, nelle sue paure, nelle sue emozioni e gioie". Nessun altro evento sul pianeta è in grado di coinvolgere così tante persone in una simile maniera quanto un evento sportivo professionistico e in particolare quello del calcio. "Questo ci dice che un istinto primordiale umano è in gioco". Esaminando le radici di questo fenomeno universale che è lo sport, Ratzingher dà questa interpretazione dello sport spettacolo: il grido panem et circenses, che sembra mettere il pane e lo spettacolo sullo stesso piano, era in realtà l'espressione di "un desiderio per la vita paradisiaca" una vita di sazietà senza sforzo, il compimento della libertà". Il giocare, in un senso profondo, è una attività, che è completamente gratuita, senza limiti o costrizioni, coinvolgente e che richiede tutte le energie di un essere umano. Di conseguenza, il gioco potrebbe essere interpretato come una sorta di tentativo di tornare in paradiso: come una fuga dalla "schiavitù faticosa della vita quotidiana" (fuori dalla serietà di tutti i giorni che ci fa schiavi), al fine di soddisfare il nostro bisogno di 'serietà libera (freien Ernst ) di qualcosa che non è necessario e proprio per questo è bello. In questo modo, lo sport, in un certo senso, va oltre (überschreitet) la vita quotidiana. Ma il gioco ha anche la caratteristica di essere una scuola di vita, simboleggia la vita stessa e la precede dando liberamente forma ad essa. La valenza antropologica del gioco era anticamente presente agli educatori, anche se tenuta circoscritta ai fanciulli. In epoca greca ed anche romana, lo studio era associato al gioco. 13 Lo sport è soprattutto competizione. Senza competizione non c è sport. Divertimento, movimento, competizione sono i tre elementi che lo definiscono. Competizione vuol dire tendere (petere), (cum) insieme ad un fine: correre insieme per un fine. La gara consiste nel tentare di correre più velocemente possibile per raggiungere prima quel fine Herder, Freiburg i.br. 2005, ; Mitarbeiter der Wahrheit, Gedanken für jeden Tag, I. Grassl. (a cura di), Naumann Press, Würzburg, pag. 266 s,. Cfr. anche la bibliografia generale a cura di suoi ex allievi: Joseph Ratzinger / Papst Benedikt XVI, Das Werk: Bibliographisches Hilfsmittel zur Erschließung des literarischtheologischen Werkes von Joseph Ratzinger bis zur Papstwahl a cura di V. Pfnür, Sankt Ulrich Press, Augsburg 2009, Sul rapporto fra scuola e sport il filosofo Massimo Cacciari in una delle conferenze a cui lo coinvolsi qualche anno fa nei licei veneziani, quand ero Presidente del Panathlon Club Venezia ebbe a dare la seguente spiegazione. Sport significa un attività, appunto, che uno fa non costretto, che fa da dilettante nel senso letterale del termine: perché ne trae diletto. Scuola è un termine sinonimo. Scuola, viene da un termine greco, che è skolè, che i latini traducevano con otium. Skolé significa dedicarsi ad attività che non sono obbligate, otium, non nel senso di non fare niente, ma nel senso di dedicarsi ad attività a cui non siamo costretti, un attività libera da cui non siamo occupati. Skolè, otium, sport. In questi termini è davvero la quintessenza della nostra attività da uomini liberi. Quando non siamo occupati, quando nessuno ci occupa, quando ci divertiamo in ciò che facciamo. A questi termini di dimensioni analoghe non si deve dare tuttavia un significato idealistico. Scuola e sport dovrebbero essere in rapporto armonioso, ma sono anche concorrenza, competizione. Senza competizione non c è sport. La competizione e il divertimento sono il fondamento dello sport. Come della scuola.

6 comune. Questa è la gara bella, questo è l agon bello. In questo senso Paolo di Tarso usa la metafora dello sport nella Prima Lettera ai Corinzi: 24 Non sapete che, nelle corse allo stadio, tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo! 25 Però ogni atleta è temperante in tutto; essi lo fanno per ottenere una corona corruttibile, noi invece una incorruttibile. 26 Io dunque corro, ma non come chi è senza mèta; faccio pugilato, ma non come chi batte l'aria; 27 anzi tratto duramente il mio corpo e lo trascino in schiavitù, perché non succeda che, dopo avere predicato agli altri, venga io stesso squalificato (1Cor 9, 24-27). 14. Il significato del passo è chiaro ed espresso nei termini che un comunicatore come lui sapeva ben usare. La condizione dell uomo sulla Terra è quella di homo viator, di uomo che cammina verso una mèta. Una condizione che si esprime ad esempio nell affrontare, oggi come secoli fa, percorsi come la Via Franchigena o i cammini verso Santiago di Campostela. Nel suo progredire ci sono trasformazioni da affrontare per crescere. A queste trasformazioni ci si deve preparare con l allenamento, l educazione e l impegno necessario. Questo vale in generale e a maggior ragione per il cammino della fede. 8 Esercitati nella pietà (fede) scriverà Paolo a Timoteo perché l esercizio fisico è utile a poco, mentre la pietà è utile a tutto, portando con sé la promessa della vita presente come di quella futura. 9 Certo questa parola è degna di fede. 10 Noi infatti ci affatichiamo e combattiamo perché abbiamo posto la nostra speranza nel Dio vivente, che è il salvatore di tutti gli uomini, ma soprattutto di quelli che credono. (1Tim. 4, 8-10) L invito che Paolo fa a Timoteo ad essere un buon ministro di Cristo si basa su due condizioni: alimentarsi alle parole della fede (Bibbia) e all insegnamento appreso dall apostolo e, seconda condizione, allenarsi ogni giorno alla pietà (fede) come fanno gli atleti per le loro specialità sportive, anzi più di loro, perché mentre la ginnastica corporale non può mantenere all infinito la freschezza e l agilità delle membra, la pietà o la fede, è utile a tutto. Gli apostoli combattono, competono, come gli atleti nello stadio, fiduciosi nell aiuto di Dio. La speranza che è una delle caratteristiche dello sport qui è coltivata per un fine più alto, che è comune. La mèta è comune per tutti gli uomini. Nella Lettera ai Filippesi 15 risuona la perseveranza, la speranza e il traguardo comune: 14 Questa e le citazioni dei passi di San Paolo che seguono, sono nelle forme di testo che compaiono in La Bibbia di Gerusalemme, Edizioni Dehoniane Bologna, 1974, Imprimatur di Mons. Marco Cè, vic. Generale, che è stato mio Patriarca a Venezia. 15 È la lettera più calda, commossa e affettuosa che sia uscita dalla penna di Paolo. La scrive da Roma. Parla della sua situazione personale, l arresto e il processo che ne è seguito. Una situazione che fa sì che molti fratelli, sapendolo in catene, trovano forza e ardore per annunziare la parola di Dio con maggior zelo e senza timore alcuno. Questi lo fanno per amore sapendo che sono stato posto per la difesa del vangelo. Purché si parli di Dio ben vengano anche quelli che predicano Cristo con spirito di rivalità. Di ciò si rallegra perché tutto questo servirà alla mia salvezza. Sprona poi a lottare per la fede, a mantenere l unità nell umiltà, a lavorare per la salvezza. Indica poi la vera via della salvezza cristiana. Descrive la sua unione mistica con Cristo e i suoi sforzi per possederlo sempre più attraverso una

7 Non (..) che io abbia già conquistato il premio o sia arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo, perché anch'io sono stato conquistato da Gesù Cristo. Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, corro verso la mèta, al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù. Quanti dunque siamo perfetti, dobbiamo avere questi sentimenti; se in qualche cosa pensate diversamente, Dio vi illuminerà anche su questo. (Fil 3,12-15). Rivolto ai partecipanti alla maratona di Roma del 2000, Giovanni Paolo II disse: La vita può essere paragonata a una singolare maratona, che tutti siamo chiamati a percorrere, ognuno con modalità e ritmi diversi. Ci attende però un traguardo comune ed è l incontro con Cristo Etica e libertà Il gioco ha come carattere fondamentale la libertà. La libertà, come sappiamo è un concetto relativo. Nella scelta di giocare, di competere, la libertà deve valere per tutti i concorrenti. Tutti devono partire in condizioni di parità. Questo ci induce a un accenno al concetto di Etica. L ethos è una fede, nella quale una comunità si riconosce e che non è proprietà di qualcuno. E qualcosa di comune. L opposto di privato. Etica significa una dimensione essenziale che non è di nessuno, che fa sì che ci riconosciamo tutti come la nostra comune coabitazione, come la nostra comune casa, come la nostra comune fede, di cui nessuno è proprietario, ma che tutti insieme dobbiamo acquisire, che tutti insieme dobbiamo curare, per la difesa della quale tutti insieme dobbiamo, se necessario, sacrificarci, rinunciando in qualche caso anche alla ferrea ed egoistica tutela della nostra proprietà. Etica quindi è ricerca. Possiamo pensare alla costruzione dell etica come a un triangolo equilatero avente per vertici la libertà, la verità, la coscienza. Nel centro si collocano il rispetto e l accoglienza dell altro in quanto altro. L Etica è un combattimento, scrive in un saggio Jean-Louis Bujon 16 in Sport, Etiche, Culture, il volume in 4 tomi edito dal Panathlon International per raccogliere la cultura sportiva della seconda metà del Novecento. Scartiamo dunque un etica idealistica che ci presenti solo il bello del mondo, nascondendoci l asprezza delle realtà umane. Ricerca e lotta richiedono impegno; l impegno che realizza umanità, basato quindi sui valori umani universali. L etica instaurata dallo sport è originaria e fondamentale, scrive Ariel Morabia nel Quaderno N.3 edito congiuntamente dal Panathlon International e da UNESCO 17. Per riprendere un concetto conoscenza (nel senso di esperienza) amorosa, di contemplazione più che di penetrazione discorsiva. Questo sforzo di assimilazione a Cristo non sarà perfetto se non al momento della morte, ma non si illude di aver già toccato la mèta. Occorre perciò perseveranza. 16 Jean-Louis Boujon, Presidente della Federazione Internazionale dello Sport Scolastico ( Federation Internationale du Sport Scolaire), Etica, giovani, sport sta in Sport. Etiche. Culture, Vol I Diritti umani, Società, Olimpismo -, Panathlon International, Rapallo 2003, pgg Ariel Morabia, Sport e/è etica, I Quaderni del Panathlon, N. 3, Il testo è riportato nel sito del Panathlon International all Url :

8 chiave della sociologia strutturalistica, lo sport è un fatto sociale totale secondo la definizione che ne dà Marcel Mauss 18 -, poiché è il campo di libertà, di gioco, in cui il mondo si rivela all uomo senza mediazione né riflessione, senza speculazione né calcolo, con lo spiegamento di quella potentia agendi (della mente) di cui parla Spinoza nella sua Ethica 19. È il fenomeno mediante il quale, di fronte ad una realtà aleatoria, estranea ed inquietante, l uomo ha percepito la ritualità di un luogo sottomesso alla misura come promessa di quell altro luogo che non sarà più estraneo: il mondo 20. Rispetto a questa interpretazione pare evidente che la metafora che Paolo usa nella Prima Lettera ai Corinzi (1Cor. 9,24-27) alza l asticella, per così dire, per farci comprendere l analogia a livello superiore: la promessa del premio della salvezza, il paradiso. La libertà su cui si fonda lo sport così come la libertà di cui parla Paolo nella Lettera ai Gàlati, con significato puramente teologico - comporta necessariamente la responsabilità. 3. Responsabilità dell agire Lo sport, come si è detto, è un fatto sociale totale. Da ciò deriva che chi lo gestisce e chi lo interpreta ha una grave responsabilità. Papa Francesco, in occasione dell incontro con le nazionali di calcio di Italia e Argentina (13 Agosto 2013) ha ammonito: Voi, cari giocatori siete molto popolari. La gente vi segue molto non solo quando siete in campo, ma anche fuori. Questa è una grande responsabilità sociale. E più avanti: Uno sportivo pur essendo professionista quando coltiva questa dimensione di dilettante fa bene alla società, costituisce e costruisce il bene comune a partire dai valori della gratuità, del cameratismo, della bellezza. E questo vi porta a pensare che prima di essere campioni siete uomini, persone umane, con i vostri pregi e i vostri difetti, con il vostro cuore e le vostre idee, le vostre aspirazioni e i vostri problemi. E allora, anche se siete dei personaggi, rimanete sempre uomini, nello sport e nella vita. Uomini, portatori di umanità". Concetti che avevano espresso altri suoi predecessori sulla cattedra di Pietro, come Paolo VI 21 quando esaltava lo sport come fattore di educazione morale e sociale ( ) non v è scuola di lealtà migliore della pratica sportiva! In quale onore, infatti, è tenuto il Fair-play! e metteva in guardia contro l invasione del professionismo, del gladiatore pagato come lo chiamava il fondatore dei Giuochi Olimpici. Dite un no energico sia all esagerazione commerciale che all ingerenza politica. 18 Marcel Mauss, sociologo e antropologo francese ( ) 19 Baruch Spinoza (Amsterdam 1632 L Aja 1677), Ethica more geometrico demonstrata. Nella Parte III Sentire e Sapere nel trattare dei sentimenti e della maniera di vivere degli umani Spinoza ha messo in chiaro che la mente non ha bisogno di ingaggiare alcuna lotta con il corpo: la mente non deve cercare di dominare il corpo ma di riprendere il controllo di se stessa. Anche se gli affetti nascono dal fatto che la mente afferma una determinata potenza di agire del corpo, non è dal corpo che la mente subisce le passioni. 20 Ariel Morabia, op. cit. 21 Discorso pronunciato al CIO riunito nella 64^ sessione, il 22 Aprile 1976, alla vigilia dei Giochi Olimpici di Montreal.

9 Pio XII, nel 1947, parafrasando San Paolo, nel 1947, additava Gino Bartali come campione della corsa in rosa, ma esempio anche di un campionato ideale per conquistare una più nobile palma. 22 Anche Benedetto XVI ha parlato espressamente della responsabilità e del ruolo di educatori che gli atleti di vertice rivestono. In un momento in cui vi è una mancanza di personalità esemplari che i giovani possano rispettare, gli atleti campioni diventano indirettamente educatori, in quanto i giovani guardano a loro per orientarsi. Per questo, gli ideali sportivi devono permeare non solo lo sport, ma la vita stessa, perché essa sia autentica e credibile. 4. Il corpo come espressione di umanità L essere umano agisce attraverso il suo corpo. Anche l animale lo fa, ma l uomo sa esprimere una lettura simbolica del proprio corpo, sia perché lo elegge a metafora d altro, sia perché giunge a parlare di corporeità correlata al corpo vivente spirituale, cioè al corpo come espressione e strumento dello spirito. 23 Questa definizione di corporeità che Mari trae dal pensiero della filosofa martire tedesca Edith Stein 24 si rifà direttamente alla metafora che Paolo usa nella Lettera ai Romani: 4 Poiché, come in un solo corpo abbiamo molte membra e queste membra non hanno tutte la medesima funzione, 5 così anche noi, pur essendo molti, siamo un solo corpo in Cristo e ciascuno per la sua parte siamo membra gli uni degli altri. (Rom. 13, 4-5) Il concetto era stato espresso in maniera più dettagliata nella Prima Lettera ai Corinzi nel Paragone del corpo (1Cor 12, 12-27) riprendendo il celebre apologo che Menenio Agrippa aveva utilizzato 450 anni prima per far rientrare la secessione plebea sul Monte Sacro (494 a.c.). L intento di Paolo, ovviamente, non è politico né si riferisce alla società, come faceva Agrippa. 12 Come infatti il corpo, pur essendo uno, ha molte membra e tutte le membra, pur essendo molte, sono un corpo solo, così anche Cristo. 13 E in realtà noi tutti siamo stati battezzati in un solo Spirito per formare un solo corpo, Giudei o Greci, schiavi o liberi; e tutti ci siamo abbeverati a un solo Spirito (1Cor. 12, 12-13) e concludeva: 27 Ora voi siete corpo di Cristo e sue membra, ciascuno per la sua parte. (1Cor. 12,27). Se siamo consapevoli di questo, non possiamo concepire la mercificazione del corpo che vediamo addirittura esasperata nella società odierna dell apparire e dell immagine. Tanto meno nello sport possiamo ammettere l uso aberrante di sostanze e pratiche che alterino il corpo per fini commerciali e di successo. Trattare il corpo come oggetto corrisponde a trattare la persona come oggetto, 22 Discorso di Pio XII agli iscritti dell'azione Cattolica in Piazza San Pietro (17 settembre 1947). 23 Giuseppe Mari, op. cit. che riprende un pensiero di Edith Stein tratto da La struttura della persona umana, Città Nuova, Roma, Monaca, Carmelitana scalza col nome di Teresa Benedetta della Croce, beatificata da Giovanni Paolo II a Colonia nel 1987.

10 sfigurandola rispetto al suo essere anzitutto soggetto, cioè come espresso nel concetto di persona di Tommaso d Aquino 25 e Kant 26 essere fine in sé e non mezzo. L impostazione antropologica dualistica greca, che non solo separa corpo e anima, ma associa alla psyché l identità della persona, trattando il corpo come un involucro estrinseco, o come tomba o gabbia dell anima secondo la definizione di Platone (che pure teneva in conto la cura del corpo), trova superamento nella rivoluzione del cristianesimo. Dal riconoscimento, contenuto nell annuncio biblico, dell esistenza fisica della creazione di Dio come buona (Gen. 1) discende tenuto conto anche dell incarnazione di Cristo e della sua Resurrezione la rivalutazione del corpo come tempio dello spirito, come riportato da Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi: 16 Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? (1Cor. 3, 16) e più avanti: 19 O non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete da Dio, e che non appartiene a voi stessi? ( ) Glorificate dunque Dio nel vostro Corpo! (1Cor. 6, 19-20) L atleta che abbia compreso il significato vero di sport, quello che anche se professionista mantiene lo spirito del dilettante, non ricorrerà mai ad imbrogli. Non si divertirebbe più. L atleta cristiano ha, in più quest altra ragione a cui Paolo lo richiama. L esperienza dello sport pone il praticante in una situazione favorevole a comprendere e attuare l esortazione di Paolo. La fede nel Dio della giustizia e della verità non gli consente di tradire se stesso e i compagni di competizione. La regola aurea di non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te, non solo si fa concreta, ma esalta il rispetto per l altro. Giustizia e amore della verità sono i due valori a cui fa appello il Fair Play, che amo definire mi sia consentito il termine l epifania, la rivelazione, dell etica che sta alla base dello sport. Il fair play nasce dall osservanza delle regole, ma volte va oltre, in nome di un superiore rispetto per l avversario e per se stessi. Dal 1963 il Comitato Internazionale per il Fair Play (CIFP) riconosce con solennità i gesti di fair play. Ne accadono in ogni disciplina sportiva, fra culture differenti. Sempre la motivazione è che una vittoria scaturita da un ingiusto vantaggio, non sarebbe una vera vittoria, non avrebbe il sapore di essere riusciti a prevalere con giustizia e per le proprie abilità. Molto questi episodi passano sotto silenzio, ma sono il segno della nostra speranza di panathleti per un recupero di umanità allo sport. Ad essi possiamo aggrapparci per condurre opera di educazione e moralità. Questa diventa più spontanea e preziosa se il riferimento è quello dell apostolo Paolo. 5. Sport, educazione, moralità. 25 Vedi Tommaso d Aquino, Somma teologica, I, q 29, a. 4, resp. 26 Vedi Immanuel Kant, Fondazione della metafisica dei costumi, in Id. Fondazione della metafisica dei costumi. Critica della ragion pratica, Milano, Rusconi, 1982, pg. 126

11 All inizio del suo pontificato, Benedetto XVI ha messo spesso in guardia dal relativismo. Quella che Mitscherlich preconizzava nel 1963 come una società senza padre 27 è attualità. Una delle cause è anche quella di aver lasciato che l educazione si stemperasse su prospettive di tipo meramente cognitivo. Da cui il narcisismo, l incapacità di affrontare la frustrazione, la ricerca della soddisfazione immediata e dell egocentrismo. Nello sport la ricerca del successo subito e con ogni mezzo, il non saper perdere. Come si sia arrivati a questo sarebbe lungo da analizzare. Siamo più interessati al che fare?. L uomo obbedisce ad una dinamica della crescita, sempre correlata a quella della trasformazione, abbiamo detto. A volte questa trasformazione può essere dolorosa, come risulta evidente nei riti iniziatici. La trasformazione della persona ha per vettore fondamentale l alterità, scrive il prof. Mari. Comporta il sacrificio di abbandonare il noto per il nuovo. A questo passaggio occorre essere stimolati. L educazione ha questo compito, in questo consiste. Risulta evidente che questo progresso, questa dinamica, ha il carattere di un confronto agonistico con se stessi, che spinge a cambiare, crescere, migliorarsi. Da questo punto di vista, allora, lo sport costituisce una felice opportunità sia perché, essendo correlata al corpo permette di coglierne la valenza simbolica, sia perché, impegnando in una progettualità esigente, domanda di praticare la disciplina, quindi di affrontare e contenere il proprio narcisismo. La metafora sportiva della Prima Lettera ai Corinzi, ha sottostante la convinzione che lo sport è chiamato ad educare facendo leva sull agonismo, praticato anzitutto verso se stessi. Lo sport aiuta a sviluppare il senso morale, per le ragioni fin qui esposte e per l impulso che dà alla coltivazione delle virtù. Heather Reid, filosofa dello sport, sottolinea come A partire dalla svolta postmoderna della filosofia del XX secolo, c è stato un ritorno alla tradizione antica dell etica della virtù, vale a dire una forma di pensiero normativo che si concentra sulle persone piuttosto che sui principi (come nel kantismo) o sulle conseguenze (come nell utilitarismo). 28 L accento quindi è posto sulla virtù in sé piuttosto che sulle leggi e i regolamenti. Di qui il concetto che ho espresso per il Fair Play. Virtù come forza morale. I richiami allo sport, hanno dunque questo significato in tutte le citazioni dell apostolo Paolo. E a questa dimensione morale che diventa trascendenza si riferiscono i tanti interventi dei papi sull argomento sport. Fra i 120 discorsi pronunciati da Giovanni Paolo II, tutti ispirati alla dottrina paolina, vi è un esplicito richiamo alla Temperanza a cui deve tendere lo sportivo. Lo sport può e deve essere formatore, cioè contribuire allo sviluppo integrale della persona disse rivolto al Consiglio della Federazione Internazionale dello Sci (FIS) in udienza il 6 Dicembre E proseguiva affermando 27 Alexander Mitscherlich, medico e psicoanalista tedesco, direttore dal 1967 dell Istituto Freud di Francoforte, scrisse nel 1963 Verso una società senza padre, pubblicato in italiano da Feltrinelli, Milano Vedi Emanuele Isidori, Heather L. Reid, Filosofia dello sport, Bruno Mondadori, 2011

12 che il rafforzamento delle doti fisiche e della destrezza, danno allo sciatore una forza d animo che trascende le capacità muscolari. Il regime alimentare a cui l atleta si sottopone lo porta vicino alla Temperanza che, se ben compresa, appare come una ascesi che fa perseverare nel dare sempre la priorità ai valori spirituali. 29 Paolo parla della Temperanza nella Lettera a Tito (Tt 2,12), e afferma che ci insegna a rinnegare l empietà e i desideri mondani e a vivere con sobrietà, giustizia e pietà in questo mondo. In quello citato come in altri discorsi, Papa Wojtyla parlava dello sport con queste parole: Questa impresa umanistica può, nei cristiani, facilitare la crescita delle virtù cardinali di Forza, Temperanza, Prudenza e Giustizia. La preziosa virtù cardinale della Prudenza è richiamata nell azione di sprone a vivere in uno stato di discernimento di ciò che è meglio per Dio e per i fratelli uomini. La giustizia nelle gare sportive, infine, richiede uguaglianza e imparzialità. Benedetto XVI, in occasioni come le udienze concesse agli sciatori della Nazionale Austriaca (6 ottobre 2007) e ai nuotatori partecipanti dei Campionati Mondiali di Nuoto (1 agosto 2009) ricordava, con diversi accenti, che lo sport può contribuire a promuovere la virtù e i valori fondamentali come "la perseveranza, la determinazione, lo spirito di sacrificio, la disciplina interna ed esterna, l'attenzione per gli altri, il lavoro di gruppo, la solidarietà, la giustizia, la cortesia, e il riconoscimento dei propri limiti. Queste stesse virtù entrano in gioco in modo significativo anche nella vita di tutti i giorni e hanno bisogno di essere continuamente esercitate e praticate." Lo affermava già Aristotele nell Etica Nicomachea: le virtù non si generano né per natura, né contro natura, ma è nella nostra natura accoglierle, e sono portate a perfezione in noi per mezzo dell abitudine. Uno dei valori riconosciuti nello sport è la perseveranza, la voglia continua di migliorarsi, di non arrendersi di fronte alle traversie, siano esse sottoforma di infortuni o di peccati se ribaltiamo la metafora, per tendere alla perfezione. Anche sotto questo aspetto possiamo leggere la Lettera ai Filippesi citata: 12Non (..) che io abbia già conquistato il premio o sia arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo (Fil 3,12). Al tramonto della sua vita, Paolo, convinto di aver compiuto la sua missione, scrive a Timoteo: Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, giusto giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione. (Tim. 4,7-8) La ferma convinzione di Paolo suona come un esortazione a correre, come lui ha fatto. Secondo le regole del Vangelo. Nel far questo si rafforza la speranza. Come lo sport agonistico che ha la speranza come elemento fondamentale. Anche qui un parallelismo con lo sport calza. Non fatevi rubare la speranza, ripete con insistenza fin dai suoi primi discorsi Papa Francesco. Si riferisce alla speranza di cui parla Paolo. Questa invocazione vale anche per l atleta. Non cada nel disincanto. Troppo spesso lo sport di oggi, quello professionistico in particolare è avvilito da 29 Vedi G. Battista Gandolfo e Luisa Vassallo (a cura di), Lo sport nei documenti pontifici, Editrice La Scuola, Brescia 1994.

13 scandali. Partite truccate, giudici e giocatori corrotti, scommesse, doping sono i mali che stanno minando lo sport, sempre più spettacolo e sempre più affare. In occasione del Giubileo degli Sportivi, del 2000, Giovanni Paolo II svolse un intervento di grandissimo valore, in cui disse fra l altro: Desidero vivamente esortare, con rinnovata speranza, a promuovere uno sport che tuteli i deboli e non escluda nessuno, che liberi i giovani dalle insidie dell apatia e dell indifferenza, e susciti in loro un sano agonismo; uno sport che sia fattore di emancipazione dei Paesi più poveri e aiuti a cancellare l intolleranza e a costruire un mondo più fraterno e solidale; uno sport che contribuisca a far amare la vita, educhi al sacrificio, al rispetto e alla responsabilità, portando alla piena valorizzazione di ogni persona umana San Paolo patrono degli sportivi: una scelta ideale Da quanto detto finora, e da quanto potremmo sviluppare da queste considerazioni, la proposta accennata in premessa, credo si possa definire senz altro appropriata e degna di essere sostenuta. Indicare San Paolo come patrono degli sportivi ha una duplice valenza. Quella di affidarsi a lui per proteggere ogni sportivo, perché lo illumini e lo sostenga nel percorso di crescita che Egli ha indicato nel suo apostolato. In secondo luogo quella implorare la sua intercessione perché gli operatori di sport salvaguardino questa attività umana e coltivino i valori al di sopra di ogni altro interesse. Non c è nulla di scaramantico o totemico in questo, né alcun richiamo ad una concezione numinosa per propiziarsi benevolenza, come abbiamo accennato avvenisse nella concezione dello sport nell antica Grecia. 31 Proporre San Paolo come Patrono degli sportivi ha il significato di riconoscersi nei valori cristiani che devono ispirare tutte le attività umane, compreso lo sport. Nel caso specifico possiamo parafrasare i versi di Giovenale Orandum est ut sit mens sana in corpore sano 32 ripresi, nelle ultime 5 parole, in diversi significati che a seconda dell occasione si sogliono dare. Significa anche indicare il Santo come modello di una autodisciplina tanto più necessaria ai giorni nostri perché lo 30 Giovanni Paolo II, Giubileo degli Sportivi, 29 ottobre Non è neanche un fatto simbolico tipo quello rimasto nella storia dei Gioche del 1908 della corsa dei 110 m. a ostacoli che lo statunitense Forrest Smithson, puritano osservante, vinse realizzando anche il record del mondo, tenendo nella mano destra la Bibbia, per autoassolversi dalla deroga al precetto domenicale del riposo e della giornata dedicata esclusivamente al Signore. 32 Vedi Decimo Giunio Giovenale, Satire X, verso 356, nella parte conclusiva del Quarto Libro: Allora, se qualcosa vuoi chiedere ai numi, / offrendo nei sacrari viscere / e carni sacre di un candido porco, / devi pregarli che ti diano / 356 mente sana in un corpo sano. /Chiedi un animo forte, / che non tema la morte, / che ponga la lunghezza della vita / come l'ultimo dono di natura, / che sappia tollerare qualunque fatica, / che ignori collera, non abbia desideri, / e preferisca le dure fatiche di Ercole, / i suoi travagli, agli amori lascivi, / alle cene e alle piume di Sardanapalo. / Ti ho indicato quei beni / che tu stesso puoi procurarti; /un sentiero soltanto si apre / a una vita tranquilla: / quello della virtù. / Se vige la saggezza, / non avrai altro nume. / Noi, solo noi, Fortuna, / t'abbiamo resa dea, / e collocata in cielo.

14 sport possa ritrovare la sua etica fondamentale. Il fair play, il rispetto del compagno, dell avversario e di se stessi sono dimensioni a cui è necessario dedicarsi per educare le nuove generazioni. Chiedere la grazia che ci sia concessa una mente sana in un corpo sano obbedisce ad una aspirazione di armonia, di benessere fisico e spirituale. Alla mente fanno capo lo studio, la volontà, la professione. Il corpo è quello che ci consente di agire, come si è detto. Esso va curato, con giudizio, applicando cioè la virtù della Prudenza. Nessuno spazio, dunque alla mercificazione del corpo. La sua cura, invece, aiuterà a coltivare lo spirito, che per il cattolico significa curare la fede in Gesù Cristo. Gli insegnamenti e le esortazioni che San Paolo ci ha lasciato a corredo di quelli dei Vangeli sono pilastri nella costruzione ed elevazione della fede perché frutto della ricerca e dell impegno personale e della comunità ecclesiale. Sono un invito alla conversione e all imitazione. Per questi motivi credo nella validità della proposta e ritengo abbia gambe forti per correre. Maurizio Monego

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa.

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa. PROMESSA SCOUT Nella nostra vita quante volte abbiamo fatto delle promesse e quante volte non l abbiamo mantenute; quante volte abbiamo ricevuto delle promesse e quante volte non sono state mantenute.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 3 Benedetto (sia) Dio e Padre del Signore nostro, Gesù Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati per una speranza vivente mediante

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli