9**t* %,Zd*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9**t* @gr*-27-', @^" ge*é" @**ra"za %,Zd*"

Transcript

1 úr"a-zzmf*-a"za ZWa,tà z.úerzà E a".z " %,Zd* PROTOCOLLO ATTUATIVO per la realizzazione e gestione del Progetto DEFINIZIONE E ATTUAZIONE DI INTERVENTI PER L' EFFICIENTAiIENTO E IL RISPARii IO ENERGETICO AL SERVIZIO DEL POLO DI SIBARI: fiiiuseo ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA SIBARITIDE L'anno duemiladodici il giorno y'ern#o del mese di Ài"""-brre. TRA ll Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione Generale oer lo sviluppo sostenibile, il clima e I'energia, di seguito MATTM-DG SEC, codice fiscale , con sede in Roma, Via Cristoforo Colombo n.44, legalmente rappresentato dal Direttore generale dott. Mariano Grillo della DG SEC del medesimo Ministero, nella qualità di "Organismo Intermedio" del Programma Operalivo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" (FESR) ;

2 ll Ministero Der i Beni e le Attività Cufturali - Direzione Generale per I'organizzazione' gli affari generali, I'innovazione, il bilancio ed il personale, di seguito denominata MiBAC-DG OAGIP, codice fiscale , con sede in Roma, Via del Collegio Romano n.27, legalmènte rappresentata dal Direttore generale dott. Mario Guarany della DG OAGIP del medesimo Ministero, che ha softoscritto I'Accordo di programma tra il MATTM- DG SEC e il M BAC-DG OAGIP in data 10 maggio 2010; La Direzione Regionale per ibeni Culturali e Paesaggistici della Calabria - di seguito denominata DR Calabria, codice fiscale , organo periferico del M BAC, ai sensi dell'articolo 16, comma 1, lettera a) del decreto del Presidente della Repubblica 27 novembre 2007, n. 233, e successive modificazioni, e stazione appaltante, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, lett. ae) del d.p.r. n. 233 del 2007 e successive modmc zioni, con sede in Via Scylletion, Parco Scolacium, Roccelletta di Borgia (CZ), legalmente rappresentata dal Direttore Regionale, arch. Francesco Prosperetti, nella qualità di Soggetto beneficiario e Stazione appaltante, competente ad attivare la fase 2 Progettazione esecutiva ed esecuzione degli interventi, prevista dall'articolo 2 del richiamato Accordo di programma tra il MATTM-DG SEC e il M BAC-DG OAGIP del '10 maggio 2010; vtsro il Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e successive modificazioni; il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio, dell'11 luglio 2006, rec nte disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e successive modificazioni; il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione, dell'8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e successive modificazioni: il decreto del Presidente della Repubblica n. 196 del 2008, "Regolamento di esecuzione del Reg. (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione in materia di ammissibilità della spesa" e le successive modifiche laddove intervenute; la Legge 8luglio 1986 n. 349 relativa all'istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale;

3 il DPR 3 agosto 2009, n. 140 recante il "Regolamento recante la riorganlzzazione del Ministero dell'ambiente e della Tutela del rerritorio e del Mare" pubblicato sulla cazzetta Ufficiale della Repubblica ltaliana 1 ottobre 2009, n.228: il DPCM del 29 dicembre 201 1, registrato alla Corte dei Conti it 18 maggio at reg. n. 4 fog con il quale è stato conferito l,jncarico difunzione dirigenziale dj llvello generale di Direttore della "Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e I'Energia" ad interim al Dr. Mariano Grillo; il DPCM del l"dicembre 2010, registrato alta Corte dei Conti t'8 dicembre 2O1O at reg. n. I foglio 395 è attribuito l'incarico difunzione dirigenziale di prima fascia in qualita di Direttore generale per l'organizzazione, gli affari generali, l'innovazione, il bilancio ed il oersonale al Dr. Mario Guarany; il DPCM dell'1g luglio 2012, registrato alla Corte dei Conti l'8 agosto at reg. n. 11 foglio con ilquale è stato attribuito I'inca co difunzione dirigenziale di prima fascia in qualità di Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria all'arch. Francesco Prosoeretti: il Quadro Strategico Nazionale (di seguito "QSN') per la politica regionale di sviluppo 2OO7-2O13, approvato con Decisione della Commissione C 3329 del j3 luglio 2007 e, in particolare, la "Priorità 3" avente ad oggetto "Energia ed ambiente: uso sostenibile ed efficiente delle risoee per lo sviluppo' e I'obiettivo specifico promozione dell'efficienza energetica e del risparmio dell'energia" del QSN; il Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2OO (nel prosieguo "POl Energia") approvato con Decisione della Commissione C 6820 del 20 dicembre 2007,la cui finalità generale consiste nell'aumentare la quota di energia \ ^ /-\ consumata proveniente da fonti rinnovabili e migliorare I'efficienza enèrgetica, \ promuovendo le opportunità di sviluppo locale; \ che la governance del Programma, oltre a vedere la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struftura di missione P.O.R.E. Progetto Opportunità Regioni in Europa - come Autorità di Gestione del Programma, contempla anche la pafecipazione di altre amministr.azioni come il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (di seguito, Ministero dell'ambiente) in qualità di Organismi Intermedi (di seguito, Ol), ai sensi del par. 2 dell'art. 59 del Regolamento CE 1083i20061 i vigenti criteri di selezione riferiti alle linee di intervento del pol Energia, previsti dall'articolo 65 del Regolamento (CE) n.1083/2006 e approvati in sede di Comitato di Sorveglianza; le Direftive operative emanate dall'autorita di Gestione del programma contenenti le procedure per la conetta gestione degli interventi del POI Energia;

4 il decreto legislativo 12 aptile 2006, n. 163, recante "codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture" in attuazione delle direttive 2OO4t17lCE e 2OO4llgtCE e successive modifi c zioni; il decreto del Presidente della Repubblica S ottobre 2010, n. 207, recante Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante'codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture'in attuazione delle direttive 20041'17lCE e 2004/18/CE e successive modificazioni; il decreto del Presidente della Repubblica 27 novembre 2007, n. 233, recante 'Regolamento di riorganizzazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali',, a norma dell'articolo 1, comma 404, della L. 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni; l'accordo di Programma sottoscritto in data 10 maggio 2010 tra MiBAC-DG OAGIP; ii MATTM- DG SEC e ii il decreto del Direttore Generale per lo sviluppo sostenibile, Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del 19 maggio 2010, con il quate è siata approvato Programma; il clima e I'energia del n. ex DRS-DEC-2o10- il suddetto Accordo di la Convenzione stipulata in data 29 luglio 2010 tra it MiBAC-DG OAGtp e Invitatia SDA. con la quale sono state affidate ad Invitalia SpA le aftività concernenti I'esecuzione o il completamento della Diagnosi Energetica di almeno 16 strutture (musei, siti archeologici, ed edifici a carattere monumentale e storico), indicate dal MIBAC, e le attività di progettazione preliminare e progettazione definitiva degli interventi di efficientamento energetico relativi di almeno 6 strutture tra quelle indicate dal MiBAC oggefto di Diagnosi Energetica; il decreto del Direttore Genèrale per I'organizzazione, gli affari generali, I'innovazione, il ' bilancio ed il personale del 29 luglio 2010 di approvazione della Convenzione MIBAC- Invitalia SpA; il decreto del Direttore Generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l,enèrgia del Minlstero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, prot. n. 3 del 13 gennaio 2011, con il quale è stato istituito il Gruppo tecnico di attuazione congiunto (cta), ai sensi di quanto previsto dall'articolo 4 del citato Accordo di Programma softoscritto in data 10 maggio 20'r0 tra it MATTM- DG SEC e it MiBAC-DG OAG p; la nota prot. n del 22 novembre 2010 del Direttore Generale per I'organizzazione, gli affari generali, I'innovazione, il bilancio ed il pe[sonale che ha istituito I'Unità Tecnica di Coordinamento con la finalità, tra le altre, di supportare il Gruppo Tecnico di Attuazione congiunto; \J,

5 la nota prot. n del30 novembre 2OlO del Direttore Generale per I'oîganizzazione, gli affari generali, I'innovazione, il bilancio ed il personale che ha stabilito il raccordo dell'attività svolta dall'unità Tecnica di coordinamento con il rappresentante del Ministero per i Beni e le Attività Culturali all'interno del Gruppo Tecnico di Attuazione congiunto; la nota del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. orot. n del 15 febbraio 2012, con la quale è stata definita la procedura di erogazione del finanziamento per le attività previste all'articolo 5, comma 3, lettera A) dell,accordo di Programma precedentemente citatoi il decreto del Direttore Generale per l'organizzazione, gli affari generali, l,innovazione, il bilancio ed il personale, con il quale I'arch. Dora Di Francesm è stata nominata RUp oer il programma "Definizione e attivazione degli interventi per I'efficieniamento e il risparmio energetico a servizio di musei e siti archeologici e monumentali di particolare rilevanza', a valere sulle Linee di aftività 2.2 e 2.3 del Programma operativo lnterregionale.energie rinnovabili e risparmio energetico' (FESR) ed è stata costituita la Segreteria amministrativa a supporto delle attività del RUp, trasmesso all'interessata in data 30 maîzo 20'12, con nota prot del Servizio lll della Direzione Generale oer l'organizzazione, gli affari generali, l'innovazione, il bilancio ed il personale; il decreto del Direttore Generale peî I'otgaîizzazione, gli affari genèrali, l,innovazione, il bilancio ed il personale, 23 maggio 2012, con il quale sono stai specificati meglio i compiti del RUP, con riferimento ai profili tecnico-amministrativi, relativamente alle fasi di attivita previste dall'articolo 5, punti A) e B) dell'accordo di Programma sottoscritto in data 10 maggio 20l l tra il Ministero dell'ambiente e della Tutela del Tenitorio e del Mare - Direzione Generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e I'energia e il Ministero per i beni e le attività cufturali- Direzione Genèrale per l'organizzazione, l'innovazione, il bilancio ed il personale ed in ordinè all'assolvimento degli obblighi del beneficiario previsti dall'allegato lll dello stesso Accordo di Programma, ad eccezione di quelli di competenza del Gruppo tecnico di attuazione (cta) previsti dall'articolo 4 e dall'allegato del medesimo Accordo di Programma e dal decreto direttoriale del Ministero dell,ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, prot. n. DRS/DEC/3 del 13 gennaio 2O1i I CONSTDERATO che nell'ambito dell'asse ll "Efficienza energetica ed ottimizzazione del sistema energetico", Linea di Attivita 2.2 "lnterventi di efflcientamento degli edifici e utenze energetiche pubbliche o ad uso pubblico" del POI Energia, a titolarità det MATTM DG-SEC, sono cofinanziabili interventi ed attività tese ad aumentare la quota di energia consumata derivante da fonti rinnovabili e a migliorare l'efficienza e il risparmio energetico; il MiBAC riconosce come prioritarie le iniziative di riqualificazione energetica del proprio patrimonio di musei, di siti archeologicie di edifici a carattere monumentale e storico aifini

6 del contenimento dei costi derconto energetico, sia aifini de['erevazione della quarità degri interventi di ristrutturazione di tale patrimonio; il Progetto Pilota Straiegico "Poli museali di eccellenza nel Mezzogiorno" con il quale il MiBAc ha individuato nell'ambito delle strutture oggetto dell'intervento iprimi fabbisogni di riqualificazione energetica di edifici museali e siti archeologici ubicati in aree candidate a Polo museale d'eccèllenza e che la definizione degli interventi richiede un articolato sviluppo progettuale come previsto dalla normativa vigente in materia di lavori ed odere pubbliche; con lettera prot n del27 gennaio 201l, il Capo di Gabinetto, d,ordine del Ministro, ha attribuito alla Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, I'architeftura e I'arte contemporanee, la gestione ed il raccordo delprogramma per I'efficientamento energetico, a valere sulle misure e sulle risorse del programma operativo interregionale 'Energie rinnovabili e risparmio energetico" ,131 con lettera prot. n del 24 febbraio 201 1, la Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l'architettura e I'arte contemporanee, ha comunicato ad Invitalia SpA, in attuazione della citata Convenzione, l'elenco dei 30 siti candidabili ad interventi di efficientamento energetico, già in parte interessati dal progetto pilota Strategico'poli museali di ecc llenza nel Mezzogiorno", richiedendo di procedere ad attività di Diagnosi Energetica per i primi 19 siti, tra i quali è ricompreso il polo di Sibari: Museo Archeologim Nazionale della Sibaritidei con lettera prot. n.8916 del '11 matzo 2j't't, recepita dat MATTM Dc SEC con prot. 8184, il MIBAC DG OAGIP ha trasmesso I'elenco dei 30 siti candidabili agli interventi, dichiarando che si procederà all'esecuzione della Diagnosi Energetica dei primi.lg indicati in elenm. con lettera prot. n del 16 maggio 2011, la Direzione Generale per I'organizzazione, gli atfari generali, l'innovazione, il bilancio ed il personale ha richiesto ad Invitalia SpA, di\ N, integrare, con l'aggiunta di un ulteriore sito, I'elenco dei primi 19 siti candldabili ad X interventi di effcientamento energetico sui quali effettuare la Diagnosi Energetica, tra i \ quali è ricompreso il Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide; il Gruppo Tecnico di Attuazione (GTA), istituito ai sensi dell'articolo 4 dell,accordo di Programma, nella seduta del 6luglio 2011 ha acquisito le schede tecnico-finanziarie allegate alla Relazione di Diagnosi Energetic relativa al Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide, verificandone la coerenza con i criteri di selezione ed ammissione al finanziamento; con lettera prot. M BAC n del 15 luglio 2011, it MiBAC ha incaricato Invitatia SpA di eseguire le progettazioni preliminare e definitiva del Museo Archeologico Nazionale della Sibaritidel

7 con lettera prot. n del 4 agosto 201 1, Invitalia SpA ha trasmesso la progettazione definitiva per I'appalto integrato relativamente all'intervento "Definizione e attuazione di interventi per I'efficientamento e il risparmio energetico al servizio del Polo di Sibari: Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide; con nota prot. n del 3 agosto 2011 è stata comunicata la nomina dell'arch. Francesco Prosperetli, Responsabile Unico del Procedimento dell'intervento più volte citato; il GTA, nella seduta del 20 febbraio 2012, ha preso atto della progettazione definitiva in esame dell'intervento: 'Definizione e attuazione di intenenti per l'efficientamsnto e il risparmio energetico al servizio del Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide", il cui importo constatato, il mero errore materiale, è stato rettificato nella seduta del GTA del 3 dicembre 2012 come risulta dalverbale in oaridata: in data l7 settembre 2012 è stato fimato dal gruppodi progettazione e dal RUP ilverbale di Validazione del Progetto Definitivo; per poter assicurare la piena e coretta attuazione delle attività della fase 2 Progettazione esecutiva ed esecuzione degli intenenti, prevista dall'articolo 2 dell'accordo di programma tra il MATTM-DG SEC e il M BAC-DG OAGIP, sottoscritto in data 10 maggio 2010, owero assicurare tempestivamente l'espletamento delle procedure di affidamento della progettazione esecutiva e dell'esecuzione dei lavod dell'intervento sopracitato è stata individuata la Direzione Regionale per i Beni Cullurali e Paesaggistici della Calabria quale soggetto tef ritof ialmente competente, ),')"' con nota prot.n.g134 del 3 ottobre 2012l'arch. Dora Di Francèsco, RUP per il programma ha trasmesso, lo schema del presente protocollo attuativo al Direttore generale per I'organizzazione, gli affari generali, I'innovazione, il bilancio e il personale e al Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria; con nota prot.n del 23 novembre 2012 il RUP arch. Dora Di Francesco, sulla base dell'esito positivo delle verifiche efiettuate propone la sottoscrizione del protocollo attuativo in ouestione. TUTTO OUANTO CIO' PREII'IESSO E CONSIDERATO LE PARTI CONVENGONO OUANTO SEGUE Articolo 1 - Oggefro - 1) Con il presente Protocollo attuativo, vengono disciplinati i rappofi intercorrenti tra il MATTM - DG SEC, il MiBAC DG OAGIP e la DR Calabria, nonché i rispsttivi obblighi connessi alla realizzazione degli interventi previsti nel Progetto denominato "Definizione e

8 attuazione di interventi per I'efficientamento e il risparmio energetico al servizio del Polo di Sibari: Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide (di seguito indicato anche come "Progetto"). Articolo 2 -Ammissione a fi nanziamento- 1) E' ammesso a finanziamento il Progetto "Definizione e attuazione di interventi per I'effìcientamento e il risparmio energetico al servizio del Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide" di seguito indicato come "Progetto", per un importo di Euro ,88 (duemilioniquattrocentonovemiladuecentosessantatre/88 euro), IVA inclusa. 2) La Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria è individuata quale Soggetto beneficiario e Stazione Appaltante per la realizzazione dèl Progetto di cui al precedente comma 1, finanziato a valere sulla Linea di Attività 2.2 "lnterventi di efficientamento degli edifici e utenze energetiche pubbliche o ad uso pubblico" Asse 2 "Efficienza energetica ed ottimizzazione del sistema energetico" ed oggetto della Scheda Tecnico-Finanziaria (Allegato 1), modific ta ed aggiornata sulla base del Progetto definitivo validato, in data 17logl2o'l1, dal Responsabile unico del procedimento presso la DR Calabria (di seguito anche RUP del Progetto) e allegato al presente Protocollo (Allegati 2 e 3). 3) La DR Calabria poiché svolge le funzioni di Soggetto beneficiario e Stazione Appaltante, con la stipula del presente Protocollo attuativo è responsabile dell'awio, dell'attuazione e del completamento del suddetto 'Progetto' secondo le modalità e itempi indic ti nel Progetto Definitivo. AÉicolo 3 -Adempimenti della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria- 1) La DR Calabria si impegna ad espletare, nel rispefto delle vigenti disposizioni nazionali e comuniiariè, la procedura per I'affidamento della progettazione esecutiva e K la 'ealizzazione degli interventi previsti dal Progetto mediante gara d'appalto integrato ai sensi del articolo 53, comma 2, lettera b) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e s.m.i. 2) Nel quadro dell'intesa raggiunta con il presente Protocollo, la DR Calabria si impegna in particolare a: a) assicurare che le attività proposte trovino piena rispondenza con le fìnalità del POI Energia, con i relativi criteri di selezione approvati in sede di Comitato di Sorveglianza, nonché a garantire il raggiungimento nel rispetlo dei tempi stabiliti del profilo di spesa di propria competenza determinato sulla base del Progetto approvato; b) assicurare, per tutta la durata del presente Protocollo attuativo, i necessari raccordi con il MiBAC-DG OAGIP, ed in particolare, con il RUP per il programma "Definizione e attivazione degli interventi per I'efficienlamento e il

9 o) e) s) h) risparmio energetico a servizio di musei e siti archeologici e monumentali di particolare rilevanza" a valere sulle Linee di attività 2.2 e 2.5 del Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" (FESR) 2OO7-2013, individuato con decreto del Direttore Generale per l'organizzazione, gli affari generali, I'innovazione, il bilancio ed il personale, adeguando i contenuti delle attività ad eventuali indirizzi o sdècifiche richieste formulate dal MiBAC-DG OAGIP, dal MATTM-DG SEC e dall'autorità di Gestione; assicurare il rispetto di tutte le disposizioni previste dalla normativa comunitaria e nazionale in materia di interventi cofinanziati da Fondi strutturali ed, in particolare, delle disposizioni del Reg. (CE) n. 1083/2006, il Reg. (CE) n. 1081/2006, nonché il Reg. (CE) n. 1828/2006 e ditutte le successive modifiche eventualmente intervenute; assicurare, nello specifico, il rispetto di quanto statuito dall'articolo 54 del Règolamento (CE) n del 2006, in premessa richiamato, secondo il quale gli interventi cofinanziati dai Fondi strutturali non possono beneficiare di un altro strumento finanziario comunitario e possono ricevere sostegno da un Fondo nell'ambito di un solo PÍogramma operativo alla volta; rispettare la normativa, comunitaria e nazionale vigente, in materia di appalti e aiuti di stato. In particolare, la DR Calabria si obbliga a richiedere a tutti i fornitori con i quali verrà in contafto, in dipendenza dell'esecuzione delle attività affidate con il presente atto, di uniformarsi alle disposizioni di cui alla legge 13 agosto 2010 n. '136, e successive modificazionr; rispettare le indicazioni del POI Energia rispefto alle priorità trasversali del QSN ed, in particolare, pari opportunità, sviluppo sostenibile e sistemi informaticii individuare, all'interno della propria otganizzazione, la struttura deputala alla gestione e controllo dello stato di attuazione del Progetto, in conformità ai Regolamenti comunitari e a quanto indic to dall'autorità di Gestione e dal MATTM-DG SEC assicurare un sistema di gestione documentale per la registrazione e la conservazione di tutti idati di avanzamento delle attività. inclusi ouelli contabili sulle s caratteristiche ditracciabilità e storicizzazione; garant \,r À amministrative, finanziarie, tecniche e fisiche, cosi \ come " 13 del Reg. (CE) n. 1828/2006, che le spese \ dichiarate siano reali in quanto effettivamente sostenute, che iprodotti o i servizi siano effettivamente forniti conformemente a quanto previsto nel Progetto approvato, che le spese certificate oggetto delle richieste di pagamento presentate all'organismo Intermedio siano ammissibili e relative a Drestazioni effettivamente rese. che le ooerazioni e le soese siano conformi alle norme comunitarie e nazionali; fornire all'organismo Intermedio tutte le informazioni richieste relativamente alle procedure, alle verifiche eseguite e all'evidenza dei controlli in relazione alle spese rendicontate dal medesimo Organismo, conformemenle alle richiamate Direttive Operative dell'autorità di Gestione del POl, nonché alle procedure e

10 k) m) n) o) p) q) agli strumenli definiti nel Manuale delle procedure di gestione e controllo che sarà fornito alla DR Calabria; garantire la corretta e tempestiva raccolta delle informazioni inerenti il Progetto approvato e far sì che tutti i documenti, comprovanti le attività svolte e le verifiche amministrative effettuate siano correttamente conservati e archiviati anche elettronicamente, almeno per itre anni successivi alla chiusura del Programma, secondo quanto disposto dall'articolo 90 del Reg. (CE) n. 1083/2006 e dall'articolo 19 Reg. (CE) n. 1828/2006, fatta salva in ogni caso la normativa nazionale sulla conservazione degli atti delle PP.AA.; presentare all'organismo Intermedio una previsione dell'ammontare delle spese che verranno presentate per il periodo di riferimento della Scheda, all'aggiudicazione dei lavori; facililare, ai sensi dell'articolo 60 lett. b) del Reg. (CE) n. 1083/2006 e dell'articolo 13 del Reg. (CE) n. 1828/2006, le verifiche dell'organismo Intermedio. dell'autorità di Gestione. dell'autorità di Audit. dell'autorità di Certificazione, della Commissione Europea e di altri organismi autorizzati, che verranno effettuate, anche attraverso controlli in loco; garantire la tempestività, la regolarità, la correttezza, I'affidabilita e h congruenza deidati di monitoraggio finanziario, fisico e procedurale rispetto agli indicatori previsti nel POI Energia e I'invio dei datidi monitoraggio all'organismo Intermedio con cadenza bimestrale, cosi come previsto nel successivo articolo I e, mmunque, nel rispetto delle indicazioni fornite dall'autorità di Gestione nonché dall'igrue; garantire il rispetto degli obblighi in materia di informazione e pubblicità previsti all'articolo 69 del Reg. (CE) n. 1083/2006 e dall'articolo I del Reg. (CE) n. 1828t2006; garantire il rispetto di ogni altro onere ed adempimento previsto dalla normativa comunitaria in vigore e fornire idocumenti e le informazioni necessarie secondo le tempistiche previste e le scadenze stabilite dai Regolamenti comunitari, dal Quadro Strategico Nazionale, dal Programma Operativo, dal Comitato di Sorveglianza, dall'autorità di Gestione e dall'organismo Intermedio per tutta la\,-.4. durata del presente Protocollo attuativo; \ informare tempestivamente l'organismo Intermedio in merito a modifiche degli assetti organizzativi della DR Calabria che possano avere un impatto sui sistemi di gestione e controllo del Progetto o sulle modalità di.ealizzazione degli interventi. 1) Articolo 4 -Adempimenti del MIBAC-DG OAGIPll MIBAC-DG OAGIP si obbliga a: 8t 10

11 a) D) c) assicurare la piena collaborazione e un'adeguata attività di accompagnamento per un corretto assolvimento degli adempimenti agli obblighi posti in capo alla DR Calabria ai sensi del precedente articolo 3l garantire chè la DR Calabria riceva tutte le istruzioni necessarie alla correttia gestione e verifica delle spese sostenute per la îealizzazioîe del progefto; verificare e approvare, unitamente al MATTM DG SEC, le eventuali varianti al Progetto finalizzate al recupero di economie e richieste ai sensi del successvo articolo 10. AÉicolo 5 -Adempimenti del MATTM DG SEC- 1) rl MATTM DG SEC si impegna a: a) D) c) fomire alla DR Calabria le informazioni utili relative ai lavori del Comitato di Sorveglianza (CdS) e Comitato Tecnico Congiunto Attuativo (CTCA) del pol Energia; assolvere ad ogni altro onere ed adempimento previsto, in capo all'organismo Intermedio, dalla normativa comunitaria e nazionale applicabile al presente Protocollo attuativo per tutta la durata dello stesso; approvare le eventuali richièste di varianti insieme con il MIBAC DG OAGIp ai sensi delsuccessivo articolo 10 Articolo 6 -Contributo finanziario- 1) Per la îealizzazione del Progetto, il MATTM-DG SEC assicura, a valere sulle risorse stanziate nell'ambito dell'articolo 5 dell'accordo di Programma per le attività di cui alla lettera B) del medesimo Accordo, un finanziamento per l'importo massimo omnicomprensivo ot Euro ,88 (duemilioniquattrocent euro) IVA inclusa. 2) \ La DR Calabria M-DG SEC. e oer conoscenza at \ MIBAC DG OAGIP, il terminato sutla base dell,imdorto \ ^/'. contrattuale approvato, al netto delle eventuali economie derivantidai ribassi d'asta. 3) A seguito di tale trasmissione il MATTM-DG SEC prowede all'emissione dell'atto definitivo di conc ssione del contributo, nella misura dell'importo rideterminato al netto delle somme derivanti da economie a seguito dell'espletamento della gara d'appalto. 4) ll finanziamento sarà erogato nella contabilità speciale a favore det funzionario delegato della DR Calabria nella quale sarà indicato il Fondo di Rotazione per l'attuazione delle Poliliche comunitarie ex lege n.183 del 1987 quale fonte di finanziamemo. 5) L'ammontare delle eventuali economie mnseguite a fronte dei sopra citati ribassi d'asta, di eventuali varianti in corso d'opera, di imprevisti non utilizzati o di alke eventuali somme a disposizione, dovrà essere tempestivamente comunicato, in via fomale, al MATTM-DG SEC e per conoscenza al MIBAC DG OAGlp. Le varianti concesse nelle 11

12 modalità di cui al successivo articolo 10 trovano copertura attraverso tali economie, fermo restando che il contributo finanziario da riconoscersi in via definitiva non potrà il massimale del finanziamento stabilito nel precedente articolo 2. comma 1. 6) L'importo delle somme in esecuzione del presente protocollo oovranno essere impiegate dalla DR Calabria esclusivamente per la realizzazione del progetto e non potranno essere destinate, in nessun caso, ad altri scopi. pertanto, tutti i costi sostenuti dalla DR Calabria con le somme finanziale dal MATTM-DG SEC dovranno essere destinati alla rcalizzazione del Progetto e dovranno corrispondere a pagamentl effettivamente eseguiti e comprovati da fafture quietanzate e/o da documenti contabili di valore probatorio equivalente, e rendicontati come meglio precisato al successtvo comma 7. Queste/i ultime/i dovranno riportare obbligatoriamente, alfine della tracciabilità deiflussi finanziari, il Clc di riferimento attribuito ai sensi dell'articoto 3 de a legge 13 agosto 2010 n. 136 e successive modificazioni. 7) Ai sensi della legge n. 136 del 2010 citata al precedente c poverso, la DR Calabria è tenuta tassativamente ad effeftuare i pagamenti a terzi per le spese oggetto del progefto finanziato dal MATTi/- DG SEC utilizzando la contabilita speciale, dedicata alla gestione del predefto finanziamento. Tutti i movimenti finanziari devono essere registrati su tale contabilità dedicata e devono essere effettuati esclusivamente tramite lo strumento del bonifico bancario o postale, owero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la Diena tracciabilità delle ooerazioni. 8) La DR Calabria è tenuta ad inserire nei contrafti di appalto, a pena di nullità assoluta, una apposita clausola con la quale ciascun appattatore assume I'obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla citata legge n. 136 det ) Eventuali somme pagate dalla DR Calabria non giustificate da fatture quietanzate, o comunque non utilizzate peî la îealizzazione del Progetto, dovranno essere restituite al MATTM-DG SEC. Sono da considerarsi, in ogni caso, non finanziabili, oltre ai costi non giustificati, quelli per interessi passivi e perdite di cambio. 10) Le Parti si danno atto che il MATTM-DG SEC è tenuto a segnalare agli organi competenti eventuali violazioni alla legge n. 197 (c.d. tegge antiriciclaggio) e successive modific zioni, commesse dalla DR Calabria. AÉicolo 7 -ltodalità di erogazione- 1) ll finanziamento verrà erogato dal MATTM-DG SEC alla DR Calabria, secpndo le seguenti modalità: 'l) il 5% dell'importo del finanziamento di cui al precedente articolo 6 comma 1, previa trasmissione della documentazione relativa all'aggiudicazione prowisoria dei lavori e della comunicazione del CUP e del CIG associato al codice ooerazione dell'intervento; 2) erogazioni successive pari al 300/o dell'importo rideterminato in via dèfinitiva ai sensi del precedente articolo 6 comma 3, fino al limite massimo del 95% del contributo

13 stesso, a seguito dalla trasmissione della seguente documentazione da parte del RUP del Progetto: a. domanda di pagamento, correlata della documentazione a supporto delle spese ammissibili e debitamente documentate dalla Stazione ADDaltante e/o dalla ditta appaltatrice; b. relazione sullo stato di avanzamento dell,intervento, di cui all,articolo g, comma 2 unitamente alla rendlcontazione delle spese effettivamente soslenute e quietanzate sino alla concorrenza del 7'o/o di Ouanto precedentemente erogato dal MATTM DG SECI c. dichiarazione attestante che: 1. sono stati rispettati tutti i regolamenti e le norme comunitarie vigenti tra cui, a titolo esemplificativo, quelle riguardanti gli obblighi in materia di concorrenza, di informazione e pubblicità, di tutela dell,ambiente e di Dari opportunità; 2. sono state adempiute tutte le prescrizioni di legge regionale, nazionale, ivi comprese quelle in materia fiscale; 3. la spesa sostenuta è ammissibile, pertinente e congrua, ed è stata effettuata entro i termini di ammissibilità/eleggibililà a rimborso comunitario; 4. non sono stati ottenuti né richiesti ulteriori rimborsi, contributi ed integrazioni di altri soggetti, pubblici o privati, nazionali, regionali, provinciali e/o comunitari; 3) saldo pari al 5% dell'importo rideterminato in via definitiva ai sensi del Drecedente articolo 6 comma 3, a seguito della trasmissione della seguente documentazione da parte del RUP del Progefto: a. domanda di pagamento finale correlata della documentazione a suppotro delle spese ammissibilí e debitamente documentate dalla Stazione Appaltante e/o dalla ditta appaltatrice; b. dell'approvazione del collaudo tecnico-amministrativo; c. provvedimento di omologazione della spesa complessiva sostenuta per I'intervento; d. relazione sullo stato di avanzamento dell'intervento, di cui all'articolo 8, comma 2 unitamente alla rendicontazione delle spese effettivamente sostenute e quietanzate sino alla concorrenza del 95% di ouanto precedentemente erogato dal MATTM DG SEC; e. dichiarazione attestante che: 1. sono stati rispettati tutti i regolamenti e le norme comunitarie vigenti tra cui, a titolo esemplificativo, quelle riguardanti gli obbtighi in materia di concorrenza, di informazione e pubblicità, di tutela dell'ambiente e di pari oppoftunita; 2. sono state adempiute tutte le prescrizioni di legge regionale, nazionale, ivi comprese quelle in materia fiscale;

14 la spesa sostenuta è ammissibile, pertinente e congrua, ed è stata effettuata entro i termini di ammissibilità/eleggibilità a rimborso comunitario; non sono siati ottenuti né richiesti ulterioíi rimborsi, contributi ed integrazioni di altri soggetti, pubblici o privati, nazionali, regionah, provinciali e/o comunitari. il completamento delle attività progettuali è avvenuto nel rispetto degli obiettivi di Progetto prefissati 2) Resta inteso che il MATTM - DG SEC provvede al versamento del dovuto orevia asseverazione del RUP in merito alla corretta esecuzione dei lavori, a seguito di verifica ed approvazione, da parte dello stesso MATTM-DG SEC, della rendiconiazione trasmessa e fermo restando quanto stabilito nel successivo articolo 8 comma 5. In caso di esito negativo della verifica, il MATTM-DG SEC si riserva il diritto di eseguire i pagamenti soltanto dopo che sia stato ristabilito il corretto andamento delle attività progettuali, entro un termrne congruo. 3) Le somme derivanti dalle eventuali economie riconosciute ai sensi del precedente alicolo 6, comma 5, saranno erogate unitamente al saldo e femo restando la trasmissione della relativa documentazione a supporto. 4) Su tutte le fatture o equivalente documento contabile deve essere apposta la dicitura non cancellabile "Documento contabile finanziato a valere sul programma Operativo Interregionale Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico FESR 2OO Obiettivo Convergenza - Progetto "Definizione e attuazione di interventi per I'efficientamento e il rlsparmio energetico al servizio del polo di Sibari: Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide'. 5) Altre eventuali spese, sostenute nei termini temporali di ammissibilità delle spese del Progetto e ad esso riconducibili, ma non individuate nei citati stati di avanzamento lavori, non saranno oggefto di ulteriori e successive richieste di contributo. eualora la documentazione giustificativa dei pagamenti effettuati risulti incompleta o irregolare ed in tutti i casi in cui non sia comunque esattamente dimostrata la destinazione delle somme erogate, il MATTM-DG SEC si riserva la facoltà di sospendere I'erogazione dei pagamenti, dandone immediata e motivata comunicazione alla DR Calabria e oer conoscenza al MIBAC OAGIP. Y 6) Nel caso in cui I' intervento finanziato sia inserito in un progetto generale, appaltato unitariamente, dovrà essere data adeguaia e tempestiva informazione al MATTM DG SEC e per conoscenza al MIBAC DG OAGIP e dovrà essere redatta una contabilizzazione separata (articolo 197 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre n 207) alfine di una rendicontazione disgiunta dei finanziamenti. t4

15 AÉicolo 8 -Iltonitoraggio- 1) ll MATTM-DG SEC prowederà a seguire costantemente lo stato di îealizzazione del Progetto, fino al momento della sua ultimaz one. 2) La DR Calabria prowede a fornire al MATTM-DG SEC, su supporto digitale e ove richiesto su supporto c rtaceo secondo le indicazioni del MATTM-DG SEC. dati. atti e documentazione relativa alle varie fasi di attuazione degli interventi. 3) Congiuntamente a quanto previsto nel precedente articolo 7, la DR Calabria si impegna a presentare una relazione bimestrale sullo stato di avanzamento fisico, procedurale e finanziario del Progefto. 4) In assenza di avanzamenlo della spesa rispetto al bimestre precedente, la DR Calabria deve comunicare la circostanza illustrandone le motivazioni. 5) La trasmissione dei dati relativi al monitoraggio nonché delle relazioni di cui al prècedente comma 3, costituisce condizione necessaria per I'erogazione delle quote del contributo finanziario, così come defnite dal precedente articolo 7. 6) Per la chiusura del Progetto, entro 30 giorni dall'erogazione dell'ultima rata a saldo, la DR Calabria si obbliga a trasmettere al MATTM-DG SEC la rendicontazione finale delle spese effettivamente sostenute e quietanzate attestante I'awenuto completamento dei pagamenti e corredata della relativa documentazione giustifìcativa. Nel caso in cui sia appurata la presenza di inadempimenti da parte del DR Calabria, il MATTM-DG SEC Dotrà agire per la restituzione delle somme già erogate 7) La DR Calabria relativamente al Progetto e alla sua.ealizzazione, si obbliga a prestare la più ampia collaborazione affinché il MATTM-DG SEC, qualora e nei casi in cui sia ritenuto necessario, possa eseguire visite di sopralluogo in corso di opera. Allo scopo, il MATTM-DG SEC si impegna a comunicare il nominativo del /dei soggetti incaricaii, dandone congruo preawiso. AÉicolo 9 -Termini di esecuzione- 1) ll Progetto dovrà essere portato a compimento nel rispetto della programmazione temporale riporlata nel Progetto Definitivo. s Articolo '10 -Variazioni e proroghe- 1) Eventuali varianti al Progefto finalizzate al recupero di emnomie derivanti dai ribassi d'asta, richieste dalla DR Calabria con prowedimento motivato, Dotranno essere attuate dalla Siazione Appaltante solo previa verifica di coerenza in seno al GTA e, conseguente, approvazione del MATTM-DG SEC e del MiBAC DG OAG P. Tale richiesta dovra essere accompagnata da idonea documentazione giustificativa.

16 2) Eventuali modifiche da apportarsi al crono-programma, fermo restando i termini temporali stabiliti, potranno essere attuate dalla DR Calabria solo previa condivisione con il MATTM-DG SEC ed il MiBAC DG OAGtp. 3) Qualora si verificassero cause di foza maggiore o eventi non prevedibili, tali da deteminare ritardo nell'esecuzione delle attivilà e da far presumere che gli interventi non siano completati nei termini previsti, la DR Calabria deve darne tempestiva comunicazione al MATTM-DG SEC e, per conoscenza, at MiBAC DG OAGtp ll MATTM_DG SEC. valutati i motivi, potrà disporre e consentire eventuali proroghe. 4) Nel caso della adozione delle sopra citate variazioni, la Scheda dovr.à essere adeguatamente modificata e trasmessa al MATTM-DG SEC e al M BAC DG OAGlp. AÉicolo ll -Affidamento di lavori e sèrvizi- 1) La DR Calabria prowede a espletare, come specificato nel precedente articolo 3 e nel rispelto delle vigenti normative comunitarie e nazionali, la procedura di gara per la selezione del soggetto a cui affidare l'esecuzione degli interventi previsti nel progetto Definitivo. 2) La relativa documentazione sarà conservata a cura della DR Calabria e verrà, a semplice richiesta, messa a disposizione in conformità alle disposizioni del precedente articolo 3. Articolo 12 -Esecuzione e direzione dei lavori- 1) Nell'esecuzione e direzione dei lavori degll interventi sara osservata la nomativa vigenle in materia di appalti, pari opportunità, aiuti di stato, sviluppo sostenibile e sistemi informatici. In particolare, il MATTM-DG SEC, it MiBAC DG OAGtp e la DR Catabria concordano che per quanto concerne I'esecuzione dei lavori e la relatjva contabilità, si farà ri posizioni del DPR 5 ottobre 2010, n. 207, die azione del decreto legistativo 12 aprile 2006 ice \P d ici relativi a lavori, servizi e forniture in ive '\ 2 narce. 2) L'esecuzione e la direzione lavori sarà assunta dalla DR Calabria, che vi prowederà tramite il proprio personale tecnico o mediante I'affidamento a terzi. AÉicolo l3 -Conclusione lavori e consegna delle opere e collaudo- 1) La DR Calabria rimane sempre l'unico responsabile della qualità dei materiali previsti nella Scheda tecnico-finanziaria, nel rispetto della programmazione temporale di cui all'articolo I del presente Protocollo, e dei difetti di costruzione che eventualmente venissero riscontrati dalla commissione di collaudo.

17 2) ll collaudo tecnico delle opere oggetto del presente Protocollo Attuativo verrà effettuato ai sensi della vigente legislazione in materia. Articolo l4 -RappoÉi con le imprese appaltatrici, altri fornitori ed i terzi- 1. ll MATTM-DG SEC rimane estraneo ai rapporti tecnici, legali, amministrativi ed economici intercorsi, a qualsiasi titolo, tra la DR Calabria e le imprese concorrenti nelle gare o appaltatrici dei servizi o comunque itezi fornitori coinvolti nell'attuazione del Progetto. 2) La DR Calabria agisce in nome e per conto proprio ed è, pertanto, responsabile di qualsiasi danno diretto o indirefto derivante aiterzi ed al MATTM-DG SEC dall'esecuzione dei servizi, in ogni loro fase. Di conseguenza, il MATTM-DG SEC è sollevato da ogni responsabilità per danni alle persone ed alle cose, anche di tezi, nonché da ogni pretesa ed azione che, al riguardo, derivino in qualsiasi modo e momento da quanto forma oggefto del Dresente Protocollo Attuativo. Articolo l5 -Spese ammisaibili- 1) L'ammissibilità delle spese è determinata secondo le previsioni di cui ai Regolamenti (CE) n.1080/2006 n.1083/2006 e successive modifcazioni, e al DPR n.196 del 2008 e successive modificazioni. 2) La DR Calabria si impegna a presentare la documentazione giustificativa di spesa, in mnformità con la normativa nazionale e comunitaria e secondo le disdosizioni del MATTM_ DG SEC, Articolo l6 -Revoca del finanziamento - 1) E'facolta del MATTM-DG SEC utilizzare il potere di revoca previsto dal presente articolo nel caso di gravi ritardi, per fafti imputabili anche al Soggetto beneficiario e Stazione Appaltante DR Calabria, tali da compromettere la tempestiva esecuzione, la buona riuscita del Progetto nonché I'operatività dello stesso. AÉicolo l7 -Richiamo generale alle norms vigsnti e alle disposizioni comunitarie- 1) Per quanto non espressamente previsto, si richiamano tutte le norme nazionali e comunitarie vigenti in materia di interventi cofinanziati dai fondi strutturali in quanto aoolicabili. 17

18 'l) AÉicolo l9 - Disposizioni finali- Le premesse e gli allegati ivi richiamati costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Protocollo attuativo. Roma, Ministero dell'ambiente Ministero per i Beni e le Direzione Regionale per i e della Tutela del Territorio Attività Culturali - Direzione Beni Culturalie e del Mare Generale per Paesaggistici della Direzione Generale per lo I'organizzazione, gli affari Calabria Sviluppo Sostenibile, il generali, I'innovazione, il Direttore Regionale Clima e I'Energia bilancio ed il personale Arch. Francesco ll Direttore Generale Direttore Generale prosderetti Dr. Mariano Grillo Dr. Mari 1E

19 ,.%-*rz:m,* % DIRf,ZIONE REGIONALf, PÙRI BENT cuiiiurai,i f, PAESAGGnTTCI DEI,I,ACALABRTA Via ScyllcLion n. I Roccclterta di Borgia (CZ) Denomiúazione del bene: PaLco Archeolog'co de a Sibarirìde - Cassa o alìo Jonio (CS). Oggctfo dell'intervenfo: Progetto DcfiDitivo per appalto irìtegrato pcr la realizzazione di operc di cflcientamento energetico del Museo Archcoloaico Naziohate delta Sibautide. VERBALE DI VALIDAZIONE PROGtrTTO DEFINITIVO dr porre a base di grra m diante appalto integrato di prog ttszione esecùtive ed esecuzioìtc Artr 55 del D pr 5 orrobre n. 207 Recante il "Resol nento di esecuzione e di auuaziore det D t,ss 163/2006 e s_rn r " ll sottoscritto Arch Franccsco Prosperetti, in qùalità di Respolìsabi1 Unico dcl pruccdimento dei lavorj sp cificati irì oggetro, alla prescnza di: -- Lìg. Massirno Maueoli, in qìralità di Diretrore tècnico, dìpendente di Inviralia Attivrtà produrtrve S.p a.; -- lng. Enrico Fusco, in qualità di Coordìnarorc della progertazione, dipendente di tnviratia Advirà Prcduttive S.p.a.; Arch Lorenzo ADnori, in qualità di Progcltish archjtcuo ico. dipcndent dì tnvilatia AtLività - produriive s p.a; Arch. cruìu Leoni, ir quaìirà di Progettisra archìrctronico, dipendenre di hvrtaìia ArLivjtà ùpa; produtrive - Ing Prerluigi RosaLi, in qualièdi l,rogerisra impiantj, dipendenre dì Invi rali^ Atlivrrà I'rodufiive S.p.a.r Geolll. Luigino D'Angelantomo, in qualirà di Coordinarore dclla sicuret_za in fase clj progetfaziolìe, dipendentc di Inyitalia Produnive S p.a; ^ttivjtà,ft-. tu espcrisce la scgucnte verifica sugli elaborati del plogetto a; sensi degti articoli 52 e 53 del DpR 5 ollohìe, 2010, n 207 rectuìte "Regolamcnto di esecuziode edi atlì.úzione det D.Lgs. t63l200ó e smi" al fine di proclrdcrc aìla validatjone aj sensi degli artt. 55 del rncdesimo regotamento del livello dj prcgetrazioìe "DEFINITIVO" dell'nlervenio descritto rn epigrafe per le partr dello stesso svlluppato. I" PARTE: PREMESSE E RJCOGNIZIONE DEI DATI 4lf 1 ID data 10 maggio 2010 è stalo sottosclifto ùn Accodo di Ploglamma tra il Ministcro dell'ambrente e della Tutela del le itono e del Marc Direziole Generale per lo Sviluppo sostenibile, il clima e I'eneryia (nel segùrro 'MATTM,DG SEC) e il Minisrerc per I Beni c lc Artività Culrumti - dirczion Cenerale per l'organizzazione, gli affan generaìi, l'innovazione,,l brlarcio cd il personate (nel scsuito 'MIBAC-DC OAGII"'), per la selezione e a(uaziolc di irrerventi per l'emcicnramenro eneryerico e il rispamro energetico a servizio dì rnusei e silr arclìeologici c monumentali di pdticolare lcvínza a valere suìle Linee di attività 2 2. e 2 5.lel POI Energra; I

20 ). 3. con Decrcto Drrefodale di approviuione del pl detto Accordo dl programma cx Dt(S DtrC_ del l9 maggio 2010 è srara irnpegnata la somma di Eurc 40 milio i: Invitalja in data 29 lùglo 2010 ha sottoscrilto una convcnzione con il MiDistero pcr i Be e te At ivilà Culturali (MiBAC) per la reahzzazione delc dia$osr elergeriche di atrnenà 16 siti imuse;, siri archeologicr ed edifici a carattere monurne,tale e storico) iniricatì dal Ministero e derìe progettazonr preliminafl e definitìve degli ìnterventì di eflicientamento edergetico relati\,ì ad almeno sei srt' che il Mlnilero indicherà ha quelle ogge o di diagnosi eneryeticaj.; aftiwità di p,ogertaziorc prelilnirare e d efinitiva per appal to irteg*lo sono state a fììdare a Invitatia Reti s.p.a. con conrinzionc aet : 0/00/:o t t, d'ordrnc n K'l'000/463/ : il ruolo dl Responsabrle unico del procedimenro arelr'intervento è stato assunro dar'^rclì ràncesco Prosperetti, nella sua quàiita ù DiÌeftofo Regionale per i Bcni CulLurali e paesaggislici della Calabúa con nota prot MBAC-DR-CAL DRCÌ D dcl I Cl /l t:- l'attività d; prog ttazione prelirìllnare e definitiva per appalto irrcgrato per I'interuento (ìcscriuo i. epigrafe, è fata allldata da INVI'IALIÀ. a hviralia Rcti Spa con convent one d el I I I, n d,ordine D. K1'000/463l ; lnviralia Attività Prodnttivc Sp.A., per lo svìtuppo dcll,incarico di prosertazione definirìva ai scnsi dell'aé 90del D.Lgs 163/2006 cs.rni, ha Lndivjduaro rl seguente gmppo di progetlazro e forrnato da drpendentj di Invitalia Attività PfodurtÌve S.p A : - Dir ttole Te.nico: Ing. Massimo Matteoli dipcudente di Invitalia Attività produ ivc S rj a. Coofdinatore della progettaziooe: Ing Erico Fusco dipendente di tnvìtntia Attivita produr[ve S D a : - Prcgeltista,rchiteltonioo: Arch. Lorelì7o Annoni dipendentc dr lnvitalia Attività produrhvc S p a : Progettista archireìtonico. Arch. clula Leoni dipendente di I vìrrliaalrività prodùftirt ò.p.a, - Progcttista jnìpiarti: Ing Pr rluigi Rosatj dipendenre dì Invitatia produtiive S.p a ; Coordtnàtore dclla sicurczza ìn fase di progetrazjodc: c orn. Luigino ^rrjvilà D'ADgelantonio dipe dentc dj InvrtaÌia Attjvìtà Produnive S p.a 7 il pngetto prclimíturc è stato consegnaro da INVITAI_IA al Minisrcro dei Beni e le Cuìturati Dirczione Genemlc pet I'oryani?zazione, gli attari gmerali, I' movazione, il bilancio ^ttjvita ed il petsonale e alla Drezione Generale per il paesaggro, le belle aì1i, I'arclìilcttura e l,arre contempoénee, rr oala con nota prot ict; 8 9. il pngeîtu dcjí,rùivo è stato consegnato da INn/ITALIA al Mirrstero dei B ni e Ie Aftivila Culruraìì _ llirezione ceùerale per l'organizzazioììe, gli aflàri gereralj, l,innovazione, il bilaucio ed il DcNonale e alla Direzìoùe Generale per il paesaggio, le bclle arri, l'atchitettura e l,art contempoja;ee, in dara con nota prol.27421lct, il Direttore Generalc p r il Paesaggjo, le bclle afi, I'urctritettura e t,arre contempora cc. Arch Antorua Pasqua Recchia, con comunicazione del , prot. n 35074, ha rilevato la corformità degti claborati progeftuali del progeuo delìnitivo richramàro in cpig&fe, alle prcscrizionr dr legre c allc.pecifiche lamircr 10. il ResponsabiÌe del procedimento, Arch. Francesco prosperetri, a seguito dell esame dclla docùmentazione del progetto definitivo pervenuto c dclle 'runioni t cnrche con il gruppo di progettazione di INVITALIA per lc attività dr validazione ha richtesto I'acquisizionc dei pareri c delle aìrtofizzazioni necessari per la cantierabilia de 'opera, lì sono state acqu$ite le seguení epprovazioni ed autorizzazioni di tegge preventive previste per il livello di progettazionc: '.èlj \ì-\ 4

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

L anno duemilaquindici, il giorno 7 del mese di maggio, in Roma TRA

L anno duemilaquindici, il giorno 7 del mese di maggio, in Roma TRA CONVENZIONE REGOLANTE I RAPPORTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A VALERE SULLA LINEA DI INTERVENTO II.2.1 DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO L anno duemilaquindici,

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Reg. Gen. n. 351 del 22/07/2015 DETERMINAZIONE N 123 DEL 22.7.2015 CODICE IDENTIFICATIVO GARA (C.I.G.): Z5D1560660 OGGETTO: SERVIZIO DI CONNETTIVITA E SICUREZZA

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Originale. Determinazione del responsabile del SETTORE POLIZIA LOCALE. Oggetto:

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Originale. Determinazione del responsabile del SETTORE POLIZIA LOCALE. Oggetto: COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Originale Determinazione del responsabile del SETTORE POLIZIA LOCALE Num. determina: 46 Proposta n. 1235 del 16/10/2015 Determina generale num. 1162 del 16/10/2015

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO DI INTERVENTO IN MATERIA DI VITA INDIPENDENTE L

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Presentazione Avviso Comuni per la sostenibilità e l efficienza energetica 2015: una nuova opportunità di finanziamento

Presentazione Avviso Comuni per la sostenibilità e l efficienza energetica 2015: una nuova opportunità di finanziamento Presentazione Avviso Comuni per la sostenibilità e l efficienza energetica 2015: una nuova opportunità di finanziamento Dott. Saverio Damato Invitalia AT AdG POI Energia Il POI Energia: ci presentiamo

Dettagli

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio

27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 4 novembre 2014, n. G15557 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0376. Call for proposal

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO N. 40 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO N. 40 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA FOSSA DELLA NEVE 90038 PRIZZI (PA) TEL. 091/8345040 FAX 091/8344494 - CODICE

Dettagli

Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI. Allegato A

Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI. Allegato A Schema/Bozza REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AZIENDALI/REGIONALI/STATALI Allegato A Milano 29 giugno 2015 Art. 1 Finalità 1.1 Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare le modalità

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini Progr.Num. 1329/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 14 del mese di settembre dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste.

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. COMUNE DI TRIESTE N. Cod. Fisc. e Part. IVA 00210240321 Rep. n Area Risorse Economiche-Finanziarie e di Sviluppo Economico Prot. n OGGETTO: Affidamento servizio di assistenza tecnica in relazione alla

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 055 del 06 maggio 2015 Oggetto:

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 332 del 29/08/2013

Decreto Dirigenziale n. 332 del 29/08/2013 Decreto Dirigenziale n. 332 del 29/08/2013 A.G.C. 12 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico Settore 4 Regolazione dei Mercati Oggetto dell'atto: DGR 193/2013. "APPROVAZIONE PROGRAMMA "ENERGIA

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 7 DEL 23.02.2015

DETERMINAZIONE N. 7 DEL 23.02.2015 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA VIA ROMA N. 7 - CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO N. 7 DEL 23.02.2015 DETERMINAZIONE N. 7 DEL 23.02.2015 OGGETTO:

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 22/10/2013 Numero 87 Supplemento

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

Prot.n. 3242 c/23 Amantea 19.06.2015 Determinazione del Dirigente Scolastico Responsabile Unico del Procedimento (Art. 11 del D.

Prot.n. 3242 c/23 Amantea 19.06.2015 Determinazione del Dirigente Scolastico Responsabile Unico del Procedimento (Art. 11 del D. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. M a m e l i di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado Via Aspromonte, 2 87032 AMANTEA (CS) Tel/Fax 0982/41259 Cod. Min: CSIC865001 Sedi Associate: CSMM865012

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE PROGRAMMA N. 5 (DETERMINAZIONE N. 81 DEL PROGRAMMA N. 5) DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 213 di data 21 ottobre

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO009 FESR Campania Determinazione del Dirigente Scolastico/RUP (Art. 11 del D. Lgs 163/2006 e ss.mm.ii) Prot. 1885/B16 Vitulano 20/08/2014 A: Sito Internet Scuola Albo Scuola Albo pretorio Comune di Vitulano (BN) Determina

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE n. 50 del 26 gennaio 2012 OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO PER PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI DI REALIZZAZIONE IMPIANTI

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 256 di data 07.10.2014 S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 256 di data 07.10.2014 S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 256 di data 07.10.2014 IL SINDACO F.F. F.to Lucia Vicentini IL SEGRETARIO COMUNALE F.to dott.ssa Tiziana Angeli S C H E M A D I C O N V E N Z I O N

Dettagli

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola D E T E R M I N A Z I O N E N. 22 Data: 27/10/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO MEDIANTE RICORSO AL MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

CUP: C88G10000750007; C88G10000760007; C88G10000770007; C88G10000780007

CUP: C88G10000750007; C88G10000760007; C88G10000770007; C88G10000780007 DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV Circolo Autonomia n 65 Cod.SAEE165005 84018 Scafati (SA) Via Martiti D Ungheria DISTRETTO SCOLASTICO N 53 Traversa F.lli Bandiera Parco Sereno Tel./Fax 081.8561645 Tel.081.8568437

Dettagli

COMUNE DI CURSI COPIA DI DETERMINAZIONE

COMUNE DI CURSI COPIA DI DETERMINAZIONE COMUNE DI CURSI PROVINCIA DI LECCE Reg. Gen. N 158 del 02/07/2015 UFFICIO TECNICO COPIA DI DETERMINAZIONE Reg. Sett. N 114 DEL 01/07/2015 OGGETTO: POI-ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO FESR 2007-2013.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE PER IL LAVORO 13 ottobre 2015, n. 1895

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE PER IL LAVORO 13 ottobre 2015, n. 1895 47649 parte degli appaltatori e subappaltatori a comunicare tempestivamente alla Regione o al Comune eventuali modifiche che dovessero intervenire successivamente. La Società, fermo restando gli impegni

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

Acquisito il CIG n. Z4C162FD95;

Acquisito il CIG n. Z4C162FD95; Comune di Novara Determina Ambiente e protezione civile/0000047 del 23/09/2015 Area / Servizio Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Ambiente e Mobilità (10.UdO) Proponente

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI BANDO PER IL FINANZIAMENTO A FAVORE DEI COMUNI PER L ADEGUAMENTO DEGLI ATTRAVERSAMENTI SEMAFORIZZATI ALLE ESIGENZE DEI NON VEDENTI Il Ministero dei Trasporti, Dipartimento Trasporti

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Prot. n. 8226 Determinazione n. 750 Cagliari, 11 Novembre 2014

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 )

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 14806 del

Dettagli

COMUNE DI VALSAMOGGIA. (Provincia di Bologna) DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO D INCARICO PROFESSIONALE

COMUNE DI VALSAMOGGIA. (Provincia di Bologna) DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO D INCARICO PROFESSIONALE COMUNE DI VALSAMOGGIA (Provincia di Bologna) DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO D INCARICO PROFESSIONALE PER ESEGUIRE I SERVIZI TECNICI DI COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI

Dettagli

Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE

Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE SETTORE: Settore Programmazione Strategica e Comunitaria Dirigente: Dott. RAFFAELE PARLANGELI Raccolta particolare del servizio N DetDS 00011/2015-CDR V del 19/02/2015

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 01 SETTEMBRE 2014 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 (D.P.C.M. 21 gennaio 2011) DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 OGGETTO: Accordo di Programma sottoscritto il 14 dicembre 2010 tra il MATTM e la Regione Basilicata. - Intervento di Consolidamento

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 211 DEL 24.09.2015 OGGETTO: Approvazione della Convenzione per l affidamento del servizio di informazione, raccolta dati, compilazione e calcolo dell indicatore parificato universitario

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio

27/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 8. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 13 gennaio 2015, n. G00065 POR FESR LAZIO 2007-2013. Progetto A0070P0187. CALL FOR PROPOSAL

Dettagli

REG. GEN. N 71 DEL 18/01/2013

REG. GEN. N 71 DEL 18/01/2013 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO E DEL PROCEDIMENTO AREA TECNICA n 022 del 16/01/2013 REG. GEN. N 71 DEL 18/01/2013 Oggetto: GRANDE PROGETTO RISANAMENTO AMBIENTALE DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it

Comune di Spoleto www.comune.spoleto.pg.it 1/5 Unità proponente: RIFCO - Direzione Risorse Finanziarie e Controllo Oggetto: FORMAZIONE DEL PERSONALE della Polizia Municipale. Affidamento del servizio alla società MAGGIOLI S.P.A. Impegno di spesa

Dettagli

...(/2 '(.C -~. :20 lo

...(/2 '(.C -~. :20 lo Pro!. N 2 ~ LUa. 2CiQ Qo L l V ~. VL - 't-to L t(...(/2 '(.C -~. :20 lo Il MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI di seguito detto "Ministero", con sede in Via del Collegio Romano, 27, 00186 - Roma

Dettagli

Finalizzazione delle risorse relative all'accordo di programma MIUR - (2) Emanato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

Finalizzazione delle risorse relative all'accordo di programma MIUR - (2) Emanato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. Leggi d'italia Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca D.Dirett. 16-6-2011 Finalizzazione delle risorse relative all'accordo di programma MIUR - regione Lombardia. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

IL DIRIGENTE DI AREA. l'amministrazione comunale, con Deliberazione Consiliare n. 53 del 21 maggio 1999, ha

IL DIRIGENTE DI AREA. l'amministrazione comunale, con Deliberazione Consiliare n. 53 del 21 maggio 1999, ha Pag. 1 / 10 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CITTA' E TERRITORIO REG. DET. DIR. N. 5563 / 2012 Prot. corr. Prot. corr. N 2012/5/1

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO BOLOGNA P.zza XX Settembre 1-40043 MARZABOTTO BO SETTORE SERVIZI ESTERNI determinazione n. 171 del 19/09/2013 O R I G I N A L E Registro Generale n. 603 data 19/09/2013 OGGETTO: AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A SERVIZI TECNICI GESTIONALI PROGRAMMA N. 4 (DETERMINAZIONE N. 65 DEL PROGRAMMA N. 4) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI TECNICI GESTIONALI N.

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 22/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 22/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2091 22/10/2013 OGGETTO: Impegno di spesa per inserimento di uno spazio nell'elenco telefonico

Dettagli

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Comune di Novara Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Area / Servizio Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proponente

Dettagli

AREA POLIZIA LOCALE. Determinazione n 64 del 31/07/2013 Il Funzionario Responsabile

AREA POLIZIA LOCALE. Determinazione n 64 del 31/07/2013 Il Funzionario Responsabile Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia,Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola Zona Valdera Provincia di Pisa AREA POLIZIA

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA

PROVINCIA DI IMPERIA PROVINCIA DI IMPERIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 433 DEL 22/06/2015 Settore Affari Istituzionali, Programmazione Pianificazione Statistica PROGRAMMAZIONE PROGETTI COMUNITARI ATTO N. E/ 17 DEL 22/06/2015

Dettagli

(Presidenza det Consiglio dei Ministri 'Ministero detta Satute (Dipartimento detta Funzione (Pu66tica (Dipartimento detta Qualità

(Presidenza det Consiglio dei Ministri 'Ministero detta Satute (Dipartimento detta Funzione (Pu66tica (Dipartimento detta Qualità l (Presidenza det Consiglio dei Ministri 'Ministero detta Satute (Dipartimento detta Funzione (Pu66tica (Dipartimento detta Qualità UFFICIO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) SERVIZIO LAVORI PUBBLICI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 251 del 05/10/2013

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) SERVIZIO LAVORI PUBBLICI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 251 del 05/10/2013 COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) ORIGINALE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 251 del 05/10/2013 OGGETTO Servizio tecnico di supporto nelle attività

Dettagli

copia informatica per consultazione SERVIZIO POLITICHE SOCIALI - GIOVANILI - PARI OPPORTUNITA'

copia informatica per consultazione SERVIZIO POLITICHE SOCIALI - GIOVANILI - PARI OPPORTUNITA' SERVIZIO POLITICHE SOCIALI - GIOVANILI - PARI OPPORTUNITA' Determinazione n. 239 data 05/02/2014 Proposta n. S0503 273/2014 Oggetto: AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA, PREVIA

Dettagli

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI DETERMINAZIONE N. 14 DEL 04.04.2013 DEL RESPONSABILE AREA TECNICA Ufficio Tecnico Comunale N. 33 del Reg. Gen. Data 04.04.2013 OGGETTO: Realizzazione campo da bocce.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 69 del 11/03/2015

Decreto Dirigenziale n. 69 del 11/03/2015 Decreto Dirigenziale n. 69 del 11/03/2015 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 9 - Direzione Generale per il governo del territorio U.O.D. 92 - Direzione di Staff

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. CITRINITI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. CITRINITI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. CITRINITI Via F. Cilea, n. 39 88050 Simeri Crichi (CZ) Cod. Fisc.: 97035300793 Cod. Mecc. CZIC83800C Tel. e Fax: 0961481432 PEC: czic83800c@pec.istruzione.it E-mail: czic83800c@istruzione.it

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 117 del 09 dicembre 2014 Oggetto:

Dettagli

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione ALLEGATO 3 Ministero delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti S.p.A. SCHEMA Convenzione per la gestione delle risorse destinate al finanziamento del Programma Straordinario di Edilizia Residenziale

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013

Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013 Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013 A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali Settore 3 Beni Culturali Oggetto dell'atto: P.O. F.E.S.R. CAMPANIA 2007-2013. ASSE 1 - OBIETTIVO OPERATIVO 1.9 - ATTIVITA' "A".

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 744 DEL 26/10/2015 DRAGAGGIO FONDALI PORTO CANALE DI CATTOLICA - PROGRAMMA OPERE PORTUALI EX

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli