Prot /prog. Bussero, 10 settembre Alla cortese attenzione del Dirigente Ufficio Scolastico Regionale di Milano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. 3920 /prog. Bussero, 10 settembre 2010. Alla cortese attenzione del Dirigente Ufficio Scolastico Regionale di Milano"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO Monte Grappa Via Di Vittorio, BUSSERO (MI) Tel fax sito web:www.icmontegrappabussero.it C.F Prot /prog. Bussero, 10 settembre 2010 OGGETTO Aree a forte processo immigratorio Alla cortese attenzione del Dirigente Ufficio Scolastico Regionale di Milano Alla banca dati ISMU In qualità di scuola capofila della rete composta dagli Istituti Comprensivi: o Istituto Comprensivo Monte Grappa di Bussero o Istituto Comprensivo di Carugate o Istituto Comprensivo di Cassina de Pecchi trasmetto in allegato la documentazione prevista dalla Circolare prot. MIUR AOODRL R.U del per la richiesta di fondi ex art. 9 CCNL in quanto le nostre scuole sono in un area a forte processo immigratorio. In particolare allego alla presente: - testo integrale del progetto per il quale viene richiesto il finanziamento Preciso inoltre che la copia della scheda inviata on-line da ciascuna delle tre scuole per la richiesta di finanziamento, corredata dalla stampa di ricevuta per avvenuto invio e le relative delibere dei Collegi Docenti sono state acquisite agli atti di ciascuna scuola. Nella speranza che il nostro progetto possa essere da voi approvato e che i relativi fondi arrivino con certezza ed in modo tempestivo, porgo distinti saluti. IL DIRIGENTE SCOLASTICO (dott.ssa Albalisa Azzariti)

2 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE GRAPPA DI BUSSERO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARUGATE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASSINA DE PECCHI RICHIESTA DI FONDI PER LE AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO (EX ART.9 CCNL) NOTA DELL UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL TITOLO DEL PROGETTO:A CIASCUNO LA SUA VOCE BUSSERO CARUGATE CASSINA DE PECCHI SETTEMBRE

3 INDICE PAGINA - abstract - presentazione del territorio - la presenza di stranieri nelle nostre scuole - caratteristiche della rete di progetto - area di progetto: o formazione interculturale dei docenti o produzione e divulgazione di materiale multimediale per la didattica o iniziative per le famiglie o italiano lingua 2 per scuola dell infanzia e scuola primaria o italiano lingua 2 al posto della seconda lingua nella scuola secondaria o corsi per la conservazione della lingua materna L1 per le nazionalità più rappresentate o percorsi di didattica interculturale o trasversalità (danza e musica) - coinvolgimento delle famiglie - produzione di documentazione e materiale multimediale - valutazione: criteri, strumenti, tempi, mezzi - continuità ed ampliamento esperienze già in corso - strategie a lungo termine: o una dimensione internazionale dell offerta formativa o per una politica territoriale inclusiva - piano finanziario

4 ABSTRACT Il progetto presentato nasce dalla sinergia di tre istituti scolastici, comprensivi di scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria e dal sostegno talvolta più agevole, talvolta più difficoltoso, delle rispettive amministrazioni comunali che collaborano da tempo per alcune iniziative in merito all area sociale ed istruzione. Le scuole in rete hanno attivato già alcuni percorsi interculturali nelle classi e proposto iniziative rivolte alla cittadinanza. In particolare, un percorso rivolto alle scuole secondarie ha avuto il plauso della Commissione per il Parlamento Europeo ed è stato sostenuto dalle Antenne di Europe Direct. Poiché inoltre i Comuni hanno sostenuto, nell ambito del Piano di Zona, gli interventi di mediazione culturale e di alfabetizzazione linguistica, alcuni alunni stranieri hanno potuto beneficiare in passato di tali percorsi. Tuttavia, la mancanza di fondi certi e continuativi impedisce al momento una sistematicità ed un coordinamento di carattere più generale. Sono inoltre in corso di ristrutturazione le politiche per gli stranieri delle diverse amministrazioni Comunali e del Piano di Zona. In qualche caso, le tensioni rispetto al problema dei nomadi, per esempio, hanno richiamato l attenzione anche dei mass media. Con il progetto che si presenta si perseguono più obiettivi, sintetizzabili nelle seguenti finalità più generali: - costituire una base comune nelle scuole degli istituti per l accoglienza, l inserimento, l avvio alla prima frequenza scolastica di alunni stranieri, sia mediante manuali delle buone prassi sia attraverso la costruzione di prove percorsi didattici strumenti da mettere a disposizione di tutti i docenti, utilizzando le nuove tecnologie - valorizzare la potenzialità coesiva dei linguaggi espressivi, al fine di favorire l aggregazione di famiglie straniere su un territorio più allargato di quello comunale e mirando a facilitare l integrazione ed i sentimenti di appartenza / coesione - prevedere gruppi di studio per gli alunni stranieri della lingua d origine al fine di mantenerla come lingua 1 - prevedere gruppi temporanei di apprendimento della lingua italiana come lingua 2 in tutte le classi, compresa la scuola dell infanzia - prevedere corsi di italiano lingua 2 come secondo livello, per lo studio delle discipline scolastiche, con uno specifico riferimento anche alla preparazione degli esami di licenza e l orientamento verso la scuola superiore - costruire una polita territoriale di accoglienza e di apertura, mediante strategie proattive e nel coinvolgimento di tutti gli organismi pubblici e privati presenti nell ambito del territorio allargato, anche sotto forma di consorzi o di convenzioni - dare visibilità al lavoro già compiuto dalle scuole ed alle iniziative che saranno attuate, anche attraverso la produzione di materiale multimediale - proseguire le strategie di formazione in servizio, assicurando ogni anno corsi di formazione sull integrazione degli alunni nomadi e stranieri per tutte le tipologie di personale (docente, amministrativo, ausiliario) Per la realizzazione del progetto, che - essendo molto ampio - comporta costi ingenti, abbiamo già attivato collaborazioni certe. Si evidenzia, infatti, che le tre istituzioni scolastiche, insieme all Istituto Comprensivo di Pessano con Bornago, sono in rete da un triennio e che tale rete ha tra le sue finalità proprio la creazione di un offerta formativa integrata ed allargata con matrice interculturale. 4

5 Gli enti e le associazioni coinvolte, oltre alle quattro istituzioni scolastiche, sono al momento: l Associazione Farsi Prossimo il PIME le Caritas Parrocchiali l Associazione Genitori di Cuore l Associazione Contrasti Onlus l Associazione Agnassini l Associazione Amici di Marco la Parrocchia di Bussero le Biblioteche Comunali le quattro Amministrazioni Comunali l Accademia di Danza Aloysius la Scuola Civica di Musica e Associazione Musicale Symphonia di Gorgonzola Qualora il finanziamento attribuito alla rete fosse solo una parte dei fondi richiesti, il progetto sarà attivato per quelle azioni che sono compatibili con i fondi reperiti. E intento dei collegi docenti della rete di poter comunque fare il possibile e l impossibile per realizzare, nell arco di alcuni anni, tutte le iniziative preventivate. Nell arco di tre anni già percorsi di collaborazione in rete alcune attività hanno già portato risultati concreti, tanto che nel 2009 /10 si è svolto un convegno con la presentazione dei percorsi interculturali delle quattro istituzioni scolastiche. Ai fini della richiesta fondi ex art. 9 l Istituto Comprensivo di Pessano con Bornago, che si presenta anomalo rispetto alle altre tre scuole per la presenza dell unico campo nomadi e per una incidenza di stranieri nella popolazione che non è paragonabile percentualmente a quella delle altre scuole, concorrerà per conto proprio, tanto più che è l unica scuola tra le quattro ad avere accesso ad un docente utilizzato per gli stranieri. La specificità di questo Istituto giustifica quindi la presentazione di un progetto separato, fermo restando che anch esso collaborerà con le altre scuole, ad esso confinanti geograficamente, sul piano delle azioni concrete per il miglioramento della qualità dell offerta formativa. PRESENTAZIONE DEL TERRITORIO I Comuni di Cassina de Pecchi e Carugate confinano con il Comune di Bussero. Una programmazione territoriale è agevolata anche da fattori di somiglianza. In comune, le realtà hanno di essere parte di zone interessanti dal punto di vista ambientale (due dei tre Comuni sono compresi nell ambito del Parco del fiume Molgora), una presenza di aree agricole ancora significativa, un investimento da parte delle Amministrazioni Comunali in piste ciclabili. Tuttavia, tutti questi paesi hanno subito una rapida espansione dovuta anche a fattori esterni: allacciamento con la rete metropolitana linea verde, costruzione di nuovi assi viari, costruzione di centro commerciali o direzionali,immigrazione. La descrizione più esauriente dei luoghi è rintracciabile nei siti web dei Comuni, di cui si forniscono gli indirizzi: 5

6 I Comuni di Bussero, Cassina de Pecchi e Carugate hanno attivato da tempo a volte in modo anche coordinato politiche di sviluppo della partecipazione democratica dei cittadini. Esperienze significative, come quella del Consiglio Comunale dei Ragazzi, hanno visto i docenti delle scuole collaborare con i genitori e con gli amministratori comunali per far crescere il senso di rispetto e di apprezzamento verso le Istituzioni da parte dei ragazzi, a partire da una nuova e più matura consapevolezza. La collaborazione tra le realtà trova uno spazio molto vitale anche sul campo della prevenzione e del sostegno sociale: frequentemente, le famiglie ed i ragazzi che incontrano difficoltà legate al disagio, si spostano all interno di questi Comuni nel tentativo di mimetizzarsi o di evitare di affrontare i problemi. Abbiamo attivato, a tal fine, anche un osservatorio comune dei dirigenti scolastici, nonché una collaborazione molto stretta tra i Servizi Sociali, l Ufficio di Piano e le Caritas Parrocchiali. Dal mese di dicembre 2008 è stato formalizzato un accordo di rete per l intervento in caso di minori a rischio. Ciascuna delle istituzioni scolastiche ha inoltre stipulato accordi e convenzioni con le agenzie a rilevanza sociale presenti sul territorio. Le nostre scuole sono caratterizzate da un forte impulso innovativo. L Istituto Comprensivo Montegrappa di Bussero è scuola polo per le lingue straniere, su individuazione della Direzione Regionale, e ha percorso molti dei progetti europei più significativi dell ultimo decennio: Comenius per tre anni, Azione Lingua del progetto Socrates (insieme all European Parents Association), Clil (sin dal suo esordio), e-twinning (progetto con cui ha conseguito l attestato Label per l eccellenza), gemellaggi e scambi per tre anni consecutivi con l Australia, il Messico, il Giappone (ospitando una delegazione di funzionari della Direzione Regionale di Ozakaky e per tre anni di seguito gruppi di ragazzi giapponesi), la Scuola Ebraica di Milano. Nel mese di settembre 2010 ospiterà una delegazione tedesca di Europahaus e sta attuando due progetti Comenius, uno alla scuola primaria ed uno alla secondaria. E risultata vincitrice per due anni consecutivi del premio Cert.int. L Istituto Comprensivo di Carugate è sede della scuola snodo per l handicap e in quanto tale sede propulsiva per l innovazione, con uno sguardo aperto alle metodologie per il recupero e l integrazione dei bambini in situazione di handicap promosse in ambito internazionale; promuove la formazione per i docenti delle scuole comprese nella rete e la ricerca azione dei dirigenti scolastici. Ha attivato interessanti progetti per il contrasto al disagio scolastico. L Istituto Comprensivo di Cassina de Pecchi realizza, da diversi anni, un gemellaggio con due Comuni, uno in Francia ed uno in Grecia; tale gemellaggio coinvolge tutte le componenti scolastiche e le associazioni del territorio, in sinergia fra loro e in collaborazione con l Amministrazione Comunale. Da anni, la scuola secondaria programma viaggi di istruzione presso i campi di sterminio e nelle sedi istituzionali dell Europa Unita. Ha svolto un interessantissimo percorso formativo in verticale sul tema della Cittadinanza e Costituzione. 6

7 Una mappa geografica comunque può risultare utile a chi stia leggendo questo progetto: Se dal punto di vista geografico naturalistico esistono delle somiglianze, sotto l aspetto della composizione sociale emergono delle differenze piuttosto significative tra i tre Comuni. Gli istituti scolastici differiscono fra loro per numero di alunni e composizione di plessi: Istituto comprensivo di Bussero: 876 alunni, un plesso di scuola secondaria (266 alunni), uno di scuola primaria (424 alunni), uno di scuola dell infanzia (185 alunni) Istituto comprensivo di Carugate: tot 1407 alunni, un plesso di scuola secondaria (448) alunni), n 2 plessi di scuola primaria (671 alunni), n 2 plessi di scuola dell infanzia (288 alunni) Istituto comprensivo di Cassina de Pecchi: tot alunni, un plesso di scuola secondaria (294 alunni), un plesso di scuola primaria (609 alunni), n 2 plessi di scuola dell infanzia (245 alunni) Gli istituti scolastici differiscono per la tipologia degli stranieri che vivono sul territorio, la loro nazionalità, il grado di integrazione sociale. Collabora con noi e fa parte della rete per 7

8 l innovazione, la ricerca e lo sviluppo e per l integrazione dell offerta formativa anche l Istituto Comprensivo di Pessano con Bornago. Richiamiamo nuovamente la specificità di questa scuola, che comunque presenta autonomamente l istanza per l accesso ai fondi per le aree a forte processo immigratorio. Solo l Istituto Comprensivo di Pessano con Bornago attualmente ospita nomadi, in quando esiste una comunità nomade non autorizzata che soggiorna permanentemente sul territorio. Poiché tale popolazione va ad aggiungersi ad una presenza consistente di stranieri, l Istituto di Pessano è l unico ad aver diritto ad un docente distaccato per l intervento sugli stranieri e quindi ad avere un risorsa in più in organico, ma è anche la sede in cui indubbiamente l integrazione si misura con le maggiori difficoltà sia a scuola, sia nell extra scuola. - la presenza di stranieri nelle nostre scuole Istituto Comprensivo di Cassina de Pecchi Cittadini non italiani (nati Bambini con cittadinanza Totale N alunni %stranieri all estero) non italiana nati in Italia Infanzia ,36 Primaria ,03 Secondaria ,12 Totale ,23 % su stranieri 38,75 61,21 Nel 2007 /08 erano circa il 7%. La presenza di stranieri sul territorio comunale è in crescita. Istituto Comprensivo di Bussero Cittadini non italiani (nati Bambini con cittadinanza Totale N alunni %stranieri all estero) non italiana nati in Italia Infanzia ,86 Primaria ,00 Secondaria ,14 Totale ,13 % su stranieri 46,66 53,33 Nel 2007 /08 erano circa il 5%. La presenza di stranieri sul territorio comunale si mantiene stabile. Istituto Comprensivo di Carugate Cittadini non italiani (nati all estero) Bambini con cittadinanza non italiana nati in Italia Totale N alunni %stranieri Infanzia ,11 Primaria ,49 Secondaria ,92 Totale ,16 % su stranieri 69,76 29,45 Nel 2007 /08 erano il 7,97 %. La presenza di stranieri a Carugate è in crescita. 8

9 L incidenza di alunni stranieri è diversa percentualmente nelle quattro realtà. Questo fenomeno è legato alla presenza di particolari attività produttive sul territorio comunale che richiamano genitori stranieri e alla diversa fascia di prezzo degli alloggi. Nella realtà di Bussero, per esempio, gli alunni stranieri sono pochi, ma in molti casi versano in situazione di disagio socio-economico in quanto i genitori lavorano con contratti saltuari e poco retribuiti. Le abitazioni sono molto costose e talvolta le famiglie di stranieri subaffittano e coabitano in più famiglie nello stesso alloggio o sono vittime di strozzini spesso della stessa nazionalità ma talvolta sospettiamo - anche italiani. La tipologia sociale dei nuclei famigliari di stranieri è perciò differente nelle diverse realtà. Sono inoltre presenti in tutti gli istituti alunni stranieri neoarrivati di cittadinanza italiana, in quanto è molto sentita tra le famiglie l adozione internazionale. Alcuni di questi alunni giunti in Italia con l adozione internazionale sono anche diversamente abili. Nelle quattro realtà non si registra una massiccia prevalenza di una o più nazionalità, ma piuttosto una diversificazione accentuata delle nazionalità rappresentate. Questo rende difficile mettere in atto strategie sistematiche a livello di singola scuola. Viceversa, un lavoro di rete rende possibile la costruzione di percorsi mirati che tengono conto sia di macro che di microrealtà. Ad esempio, l attivazione di laboratori linguistici per la conservazione della lingua materna L1 è certamente agevolata dal considerare non il territorio della singola scuola ma dei relativi comuni confinanti. Una progettazione in parte differente invece caratterizza l Istituto Comprensivo di Pessano con Bornago, in quanto quel territorio comunale è caratterizzato da una massiccia immigrazione, tanto da rendere più produttivo per alcune azioni - un progetto legato al singolo ambito comunale. - caratteristiche della rete di progetto La rete di progetto comprende, oltre ai tre istituti scolastici, tre amministrazioni comunali, tre Caritas Parrocchiali, tre Biblioteche Comunali, un ufficio di Piano di Zona, le associazioni: Agnassini, ONG Bambini nel deserto ONLUS, amicidimarco Onlus, Un altro mondo ONLUS, Contrasti ONLUS, Genitori di Cuore, Tatavasco, la rete del Mercato Equo Solidale, l Associazione Musicale Symphonia, l Accademia di danza Aloysius, i servizi di medicina e di psicologia scolastica, il Consultorio Familiare. La molteplicità delle azioni previste, coordinate e complementari fra loro, richiede il supporto integrato e sinergico dei soggetti sopra elencati, con i quali è già in atto una collaborazione continuativa. - area di progetto: o formazione interculturale dei docenti Il nostro progetto prevede un corso per i docenti e per il personale amministrativo e collaboratori scolastici degli istituti, come approfondimento, ripresa ed aggiornamento normativo rispetto alle iniziative già attuate (a Carugate e Cassina de Pecchi si è già svolto un corso di formazione per docenti ; a Bussero si è realizzato un corso di formazione per tutte le tipologie di personale ed uno sul trauma dell immigrazione per docenti e personale di segreteria). In un ottica di rete, si ritiene efficace e proficuo un solo corso anziché tre, sia per ottimizzare i fondi impiegati, sia perché dal 9

10 confronto dei docenti di scuole diverse possono nascere anche occasioni di riflessione, crescita, innovazione. Il corso, ipotizzato in un pacchetto di 20 ore, potrebbe costare euro, oneri fiscali compresi. Al termine del corso, si auspica che i docenti abbiano maturato una miglior comprensione del fenomeno immigrazione ed integrazione, abbiano riflettuto sulla situazione differente in cui si trovano alunni neoimmigrati ed alunni stranieri di seconda generazione, abbiano consolidato strategie efficaci sotto il profilo didattico e sotto il profilo metodologico. Ci attendiamo inoltre che il personale amministrativo ed ausiliario acquisisca strategie per l accoglienza delle famiglie straniere, possegga conoscenze normative aggiornate, sia in grado di spiegare l offerta formativa delle scuole utilizzando una lingua straniera veicolare. o produzione e divulgazione di materiale multimediale per la didattica In tutte le istituzioni scolastiche in rete sono presenti commissioni che lavorano per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri. Queste commissioni, coordinate da un docente funzione strumentale o comunque da un docente particolarmente qualificato, hanno prodotto molto materiale didattico. In particolare, sono state realizzate: prove di accertamento culturale schede semplificate per alcuni argomenti di studio schede fonologiche per insegnare la corretta pronuncia di consonanti non presenti nella lingua di origine tabelle di traduzione delle principali parole di uso quotidiano in altre lingue manuale o scheda di qualità per le buone prassi nell inserimento degli alunni nomadi e stranieri Questo materiale, che era in forma cartacea, è in corso di digitalizzazione. Si ritiene che con una quota di finanziamento reperita i docenti potrebbero trasferire su file la loro produzione (trascrivendo il testo o acquisendo le immagini mediante scanner) al fine di realizzare materiale multimediale condiviso. I docenti hanno inoltre avviato una ricerca bibliografica in merito a testi che possono facilitare l insegnamento dell italiano come L2 (sia nella sua prima acquisizione comunicativa sia come lingua per lo studio) ma anche per accompagnare progetti interculturali. Questo materiale attualmente non è del tutto messo in comune, anche se in questo senso qualcosa è stato fatto. Si vorrebbero condividere tutte le migliori esperienze di didattica e trasferirle su supporti multimediali facilmente masterizzabili ed utilizzabili da ogni docente della scuola. Il costo di questo lavoro, derivante dalle ore aggiuntive di programmazione dei docenti delle tre scuole, è valutato in 11004,89 euro oneri compresi. A fronte della voce di spesa sicuramente considerevole, si evidenzia però che tale iniziativa potrebbe avere ricadute positive su scala anche superiore al territorio, essendo disponibili a mettere a disposizione di tutte le scuole il lavoro compiuto. iniziative per le famiglie Proseguendo alcune iniziative già realizzate nel passato, si ritiene importante il coinvolgimento delle famiglie, sia straniere sia italiane, per la buona riuscita del progetto. Si prevedono quattro settori di lavoro: - coinvolgimento delle famiglie straniere ed italiane per manifestazioni interculturali con dibattiti, balli, canti e cucina etnica, al fine di valorizzare le diverse culture che formano il tessuto cittadino e con l obiettivo di creare una apertura maggiore alla mondialità da parte della cittadinanza 10

11 - momenti aggregativi per famiglie italiane e straniere, tra cui la creazione di un coro multietnico e multilingue e momenti di musica /ballo grazie al coinvolgimento delle Parrocchie, delle scuole di musica Symphonia di Gorgonzola, dell accademia di Danza Aloysius, della comunità ecuadoregna e senegalese - coinvolgimento delle famiglie straniere ed italiane a supporto di mediazione culturale attuata nelle classi da operatori esperti - collaborazione delle famiglie straniere per la creazione di una versione più snella del POF e del regolamento di istituto di ogni scuola, tradotta nelle principali lingue presenti, con un attenzione a quelli che sono gli elementi culturali che rappresentano le maggiori diversità (tra il sistema scolastico italiano e quello d origine) Riteniamo sia possibile continuare l intervento del Piano di Zona per la mediazione culturale con le famiglie. Abbiamo inoltre in corso la convenzione con il Pime e la Parrocchia di Bussero per ospitare la grande mostra laboratorio Mangio come Penso. La mostra laboratorio sarà ospitata nel mese di febbraio nei locali della Parrocchia per tre settimane e coinvolgerà molte classi di tutti e tre gli ordini scolastici dei quattro istituti. Si prevede un afflusso di alcune centinaia di alunni. L Istituto Comprensivo di Bussero, quello di Cassina de Pecchi e quello di Pessano con Bornago hanno già realizzato feste e manifestazioni aggregative per famiglie di italiani e di stranieri, con diverse modalità. Riteniamo che questa strada debba essere percorsa con costanza, per favorire l apertura mentale delle popolazioni e l attitudine all accoglienza. Per far ciò sono necessari tuttavia fondi, al fine di retribuire i docenti incaricati del coordinamento delle diverse attività e per la programmazione delle iniziative, che devono avere un interfaccia nella didattica (altrimenti risulterebbero avulse da ogni contestualizzazione nell offerta formativa curricolare delle scuole). Occorre inoltre retribuire il personale ausiliario, coinvolto per l apertura, l allestimento e il ripristino dei locali. Sono necessari quindi fondi per attivare i momenti aggregativi per le famiglie; da questa azione riteniamo possano però pervenire i risultati più significativi e duraturi. Infatti, fare musica insieme o ballare sono canali comunicativi che consentono di capirsi al volo anche quando non si conosce bene una lingua comune. Tale occasione diventa quindi anche il luogo in cui le famiglie appena arrivate sono accolte con calore ed affiancare da altre, in una collaborazione tra pari ed in un clima di autoaiuto e condivisione. Per poter condurre questa esperienza occorrono persone con particolari qualifiche. Pensiamo di aver già individuato sul territorio alcune possibili risorse professionali. Il costo di questo percorso è quantificato in euro. 11

12 o italiano lingua 2 per scuola dell infanzia e scuola primaria Il laboratorio lingua in gioco è previsto per le sezioni di scuola dell infanzia e per le classi prime e seconde della scuola primaria. Prevede 100 ore di attività svolte direttamente dai docenti ed un approccio ludico della lingua. Si ipotizza l attivazione di un laboratorio in ogni scuola dell infanzia, aperto anche ai bambini di prima e seconda della scuola primaria, per un totale di 5 laboratori di 500 ore in tutto. Il costo superiore ai 20 mila euro ci sembra possa essere sostenuto al 50 % dalle famiglie che ne beneficiano. Si richiedono euro di finanziamento per questa azione. o italiano lingua 2 nella scuola secondaria Abbiamo già formalizzato un accordo di rete e un adesione al progetto dell Associazione Contrasti onlus, con il Patrocinio dell Associazione Genitori di Cuore di Pessano con Bornago. Per tale progetto, denominato Seconda stella a destra, l Associazione Contrasti onlus ha vinto la selezione del bando regionale Legge 23. Tra le azioni previste nel progetto Seconda stella a destra, vi sono attività di intercultura e di insegnamento dell italiano L2 come lingua di studio nella scuola secondaria. Inoltre, è prevista e già finanziata la creazione di laboratori per la preparazione degli esami di licenza media e per l orientamento scolastico verso la scuola superiore o professionale degli alunni stranieri. L attivazione di questo percorso comporta una intensificazione del lavoro per il personale di segreteria, impegnato nella certificazione del piano di studio. Anche questo onere è da apprezzare. Si quantifica la spesa necessaria in 3400 euro di docenza, oneri compresi, e in euro di spese amministrative, oneri compresi ( per un totale di euro oneri compresi). A carico dei fondi per le aree a rischio sarebbero da allocare le spese di coordinamento e segreteria (1004 euro). o corsi per la conservazione della lingua materna L1 per le nazionalità più rappresentate Viste le nazionalità più presenti nei tre territori, si prevede la realizzazione di un corso di rumeno e di due corsi di spagnolo, in un unica sede; questa sarebbe l occasione anche per le famiglie di conoscere connazionali. Per la retribuzione dei docenti, ipotizziamo una spesa forfetaria di euro, oneri compresi. o percorsi di didattica interculturale Tutti gli istituti della rete realizzano percorsi di didattica interculturale, anche se non in modo sistematico. La collaborazione con le associazioni presenti sul territorio, con le scuole di musica e di danza ed il supporto delle amministrazioni comunali potranno rendere più sistematico e continuo questo lavoro. La rete delle scuole potrà mettere a disposizione dei docenti, inoltre, esperienze significative da assumere come esempio per la didattica dell arte in chiave interculturale, o la lettura di brani scelti da capolavori della letteratura mondiale, o per lo studio dei diversi paesaggi geografici ecc. Riteniamo in questo settore che la modellizzazione delle esperienze sia la strategie per perseguire una maggior apertura interculturale della didattica senza reale incremento di costi. Il progetto Mangio come penso, che coinvolgerà molte classi delle quattro scuole e che si realizzerà grazie al PIME ed alla disponibilità della Parrocchia, consentirà una riflessione sull alimentazione, sul colonialismo, sul concetto di terzo e quarto mondo, di sviluppo solidale ed ecosostenibile, sulla globalizzazione e sulle nuove esperienze di economia cooperativa o di gestione degli acquisti (GUS). Ovviamente, il grado di approfondimento e le tematiche prescelte saranno diverse in relazione alle fasce d età. E previsto un piccolo contributo economico da parte delle famiglie (biglietto di ingresso). In questo ambito, l Istituto Comprensivo di Bussero è quello con il più significativo patrimonio esperienziale, che ha contribuito alla certificazione di internazionalizzazione del curricolo per due anni consecutivi. Per l anno in corso, intende in particolare sperimentare un percorso formativo per 12

13 la scuola dell infanzia, la didattica della religione in chiave interconfessionale nelle classi quinte (con il fenomeno significativo della rinuncia all esonero dall insegnamento delle IRC di tutte le famiglie, anche di religione diversa), la didattica della religione e dell arte in chiave interdisciplinare e interculturale nella scuola secondaria (percorso sull iconografia religiosa nel mondo). Questo settore non ha costi vivi. o trasversalità (danza e musica) Un settore che vorremmo curare in modo particolare è quello musicale coreutico. Danzare, cantare, fare musica insieme è un modo per comunicare che prescinde e trascende la lingua. Ballare insieme ad una persona di un altra cultura o razza te la fa sentire più vicina ed amica. Attraverso attività di danza e musica vorremmo favorire l empatia e quindi l integrazione. Le nostre scuole hanno già provato qualche esperienza pilota in tal senso. Conosciamo quindi i costi e l impegno organizzativo che ne consegue. Abbiamo inoltre sul territorio risorse professionali qualificate a cui far riferimento. Il costo di tre laboratori per ogni istituto comprensivo è quantificabile in euro IVA compresa. - coinvolgimento delle famiglie Il titolo del progetto a ciascuno la sua voce è evocativo del lavoro che si vorrebbe compiere anche verso le famiglie. E nostra aspirazione fare in modo che si creino le occasioni perché ogni famiglia straniera e le famiglie italiane che vogliono incontrarsi possano farlo, trovando uno spazio di incontro, conoscenza, collaborazione reciproca. Questo settore del progetto si correla anche ad una attenta valutazione della modifica degli atteggiamenti (delle famiglie italiane verso le famiglie straniere della scuola e viceversa ) al termine del percorso ed a uno studio comparativo del grado di soddisfazione verso il servizio scolastico esternato da famiglie straniere rispetto all universo del grado di soddisfazione dell utenza scolastica tout court. Le famiglie saranno coinvolte COME ATTORI in tutte le fasi del progetto. In particolare: all interno del corso di formazione per docenti ed assistenti amministrativi potranno portare testimonianze dirette della loro esperienza personale nella produzione di materiale multimediale per la didattica potranno collaborare nella documentazione e nel reperimento di oggetti, fotografie, riviste, musiche ecc. potranno supportare la mediazione culturale svolta da esperti ci aiuteranno a creare occasioni di incontro ed a organizzare manifestazioni ci potranno aiutare a creare una versione più snella del POF e del regolamento di istituto, tradotta nelle diverse lingue Le famiglie saranno inoltre coinvolte COME DESTINATARI del progetto. E prevista nel piano finanziario una voce pari a euro per iniziative rivolte alle famiglie, tra cui la creazione di uno spazio di incontro e di ascolto, uno sportello gestito da docenti qualificati (oppure, se disponibili, dalle assistenti sociali comunali), la creazione di un coro multietnico e multilingue, quale occasione per stare insieme ed abbattere la difficoltà delle barriere comunicative, manifestazioni di ballo e di incontro, momenti di convivialità. - produzione di documentazione e materiale multimediale Grande risalto avrà all interno del progetto la produzione di materiale multimediale e di documentazione a supporto delle diverse iniziative attuate. La raccolta della documentazione è già stata avviata dalle scuole in rete, mettendo in comune unità didattiche, percorsi propedeutici, esperienze particolarmente creative. 13

14 Tra gli obiettivi della rete delle scuole vi è proprio la messa in comune delle buone pratiche e delle esperienze di innovazione, ricerca e sviluppo. Le nuove tecnologie aprono inoltre spazi finora impensati. Se tutto il materiale didattico prodotto dai team di docenti e dai consigli di classe sarà ovviamente dopo essere stato vagliato dalla commissione allargata dei quattro istituti che si occupa di integrazione di alunni stranieri trasferito su supporto informatico, potremo utilizzarle questo materiale nelle classi con la lavagna multimediale, potremo creare un link o un area riservata sui siti web delle scuole ecc. Questa parte del progetto è la più onerosa in termini economici ma è anche quella che consente una maggior garanzia di permanenza nel tempo ed un grado di diffusione più capillare tra i docenti. Se vi sarà interesse in questo senso, potremo mettere a disposizione dell Ufficio Scolastico Provinciale e Regionale tutto il materiale prodotto. - valutazione: criteri, strumenti, tempi, mezzi Poiché le iniziative previste nel progetto sono molteplici, le strategie messe in atto per il monitoraggio degli esiti non possono che essere diversificate e complementari fra loro. Gli strumenti messi in atto saranno sia di tipo osservativo, sia di tipo misurativo. Si ritiene opportuno definire in modo più circostanziato gli strumenti specifici che saranno predisposti per la valutazione: - per l apprezzamento dei progressi nella competenza linguistica in italiano L1 gli alunni saranno sottoposti a test iniziali e prove specifiche, sulla base dell esperienza compiuta in questi anni dai docenti, anche in collaborazione con i facilitatori culturali; test di competenza equivalenti saranno sottoposti agli alunni anche a metà ed alla fine del percorso. Si misureranno quindi i progressi compiuti. Sarà definito anche un indice atteso di miglioramento, per distinguere i risultati del progetto vero e proprio dall inevitabile sottofondo del miglioramento dovuto alla permanenza in un certo lasso di tempo dell alunno in un contesto di parlanti italiano; infine saranno raccolti dati quantitativi (giorni di frequenza, numero di alunni che beneficiano dei percorsi ecc.) e qualitativi (relazione dei consigli di classe /dei team in cui i ragazzi / i bambini sono inseriti in merito all impatto percepibile dai docenti di classe (che non tengono il corso di ita-l2) sugli alunni - a partire dallo scorso anno scolastico, gli esiti conseguiti al termine del percorso di facilitazione linguistica sono certificati dagli operatori (facilitatori linguistici del piano di zona o docenti esperti interni alla scuola) ed inseriti nelle valutazioni quadrimestrali; di tale valutazione si tiene conto in sede di scrutinio; è stato inoltre formalizzato un accordo di rete in merito alle modalità di valutazione delle competenze e degli esiti per gli alunni stranieri, che tiene conto sia di criteri di equità sia dello specifico percorso didattico ed evolutivo dei ragazzi e dei bambini, specialmente se appena immigrati ed inseriti nelle classi terminali della scuola primaria e nella scuola secondaria - a decorrere da questo anno scolastico, l attivazione del laboratorio per la preparazione degli esami di licenza e l attuazione di percorso per l orientamento scolastico e professionale per alunni stranieri (realizzato grazie all Associazione Contrasti e con l Associazione Genitori di Cuore) porterà a condividere percorsi valutativi della crescita personale di questi ragazzi e ragazze, molto spesso più adulti e con un bagaglio di esperienze assai differenti rispetto ai coetanei - per cogliere i progressi nella conservazione della lingua materna grazie al laboratorio, saranno coinvolte le famiglie degli alunni stranieri al fine di creare strumenti di osservazione sistematica in casa sul lessico parlato nelle conversazioni quotidiane, all inizio ed al termine del percorso; - per le iniziative sulle famiglie, saranno predisposti questionari di valutazione degli atteggiamenti e delle opinioni, coinvolgendo in questo gli psicologi che lavorano nelle 14

15 scuole e i servizi sociali comunali; saranno inoltre raccolti dati quantitativi sull entità delle persone coinvolte e di quelle che hanno beneficiato dei servizi di sportello. Con l aiuto della commissione per l integrazione degli alunni stranieri e con la commissione POF /qualità, se i fondi assegnatici lo consentiranno, saranno svolte indagini comparative tra il grado di soddisfazione delle famiglie straniere rispetto alla soddisfazione mostrata dall intera utenza scolastica; - per il corso di formazione per i docenti ed il personale amministrativo, saranno predisposti questionari miranti ad evidenziare punti di vista, opinioni ed atteggiamenti dei docenti nei confronti degli alunni stranieri; tali questionari saranno sottoposti ai corsisti sia nella prima lezione sia nell ultima, al fine di rilevare lo scostamento che il corso ha ingenerato; - per la documentazione delle esperienze, saranno coinvolte le commissioni preposte all integrazione degli alunni stranieri affinché relazionino in merito al lavoro compiuto, con cadenza trimestrale. - si prevede inoltre negli anni futuri di rilevare l accessibilità e la comprensibilità del POF sintetico tradotto in altre lingue per i singoli gruppi nazionali (per esempio: un rumeno che non conosce la nostra scuola capisce il nostro POF tradotto in rumeno e pubblicato sul sito web?). - al termine dell anno scolastico, sarà redatto un bilancio sociale, con il supporto tecnico amministrativo di persone qualificate in materia, che sarà poi indirizzato alle Amministrazioni Comunali. Gli Enti Locali, essendo partner per alcune attività saranno coinvolti nelle fasi valutative dell efficacia del progetto. La relazione di sintesi, per le parti finanziate dalla Legge Regionale 23, sarà inviata alla Regione Lombardia per il tramite della Associazione Contrasti onlus, titolare del progetto Seconda stella a destra. I dirigenti scolastici sotto elencati sono consapevoli degli obblighi di informativa e coinvolgimento delle RSU della propria scuola, con le quali stabiliranno la bozza della contrattazione integrativa di istituto, da sottoporre al controllo dei Revisori dei Conti. - continuità ed ampliamento esperienze già in corso Il progetto A ciascuno la sua voce porta a sistema esperienze già in corso nelle nostre istituzioni scolastiche, rendendole sinergiche e coordinate. A riprova del fatto che non siamo all anno zero, si riporta nelle pagine seguenti un diagramma che diagnostica la situazione attuale e aggiornata dei tre istituti comprensivi della rete. 15

16 AMBITI DEL PROGETTO Formazione dei docenti su tematiche interculturali Gruppi di lavoro di docenti che si occupano dell integrazione di alunni stranieri Produzione di schede, materiali semplificati ecc. per alunni stranieri Prove concordare a livello di commissione per accertare i livelli di competenze degli alunni stranieri neo-arrivati CD che illustrano iniziative di carattere interculturale realizzate a scuola Cartelli multilingue per identificare spazi e servizi Fotografie di esperienze particolari di attività legate all intercultura LIVELLO DI PRESENZA: 1 ISTITUTO SU 3 LIVELLO DI PRESENZA: 2 ISTITUTI SU 3 O IN PARTE LIVELLO DI PRESENZA: C E, FUNZIONA, IN TUTTE E TRE GLI ISTITUTI Collaborazione con enti /onlus per iniziative di volontariato / solidarietà Regolamento della scuola tradotto in altre lingue Modulistica per le iscrizioni in altre lingue Facilitatori linguistici forniti dal Piano di Zona Mediatori culturali forniti dal Piano di Zona Corsi di italiano L2 realizzati dalla scuola con proprie risorse Protocollo di accoglienza per stranieri manuale di buone prassi Una o più referenti espliciti per l accoglienza di alunni stranieri (p.es. funzione strumentale o referente di plesso) Persona /e della segreteria didattica in grado di accogliere famiglie straniere (con un minimo di formazione di base) Esperienza di accoglienza di delegazioni straniere (p.es. gemellaggi) 16

17 AMBITI DEL PROGETTO Laboratori in cui si sono raccontate fiabe di diverse parti del mondo nelle classi Coinvolgimento di famiglie straniere in manifestazioni cittadine o feste della scuola (specificare) Ricette etniche nel menu della refezione scolastica Fondi stanziati dall amministrazione comunale per l integrazione degli alunni stranieri Raccordo con l assessorato all istruzione o ai servizi sociali per l integrazione delle famiglie straniere Collaborazione con gruppi di volontariato caritas Collaborazione con onlus o gruppi missionari o associazioni per favorire la solidarietà verso i poveri, gli immigrati, o il terzo mondo Esperienze di apertura al mondo nelle discipline espressive (p.es. ascolto di musiche africane, studio dell arte giapponese ecc.) LIVELLO DI PRESENZA: 1 ISTITUTO SU 3 LIVELLO DI PRESENZA: 2 ISTITUTI SU 3 O IN PARTE LIVELLO DI PRESENZA: C E, FUNZIONA, IN TUTTE E TRE GLI ISTITUTI Se potremo beneficiare di fondi ex. Art.9 per le aree a forte processo immigratorio potremo estendere la quantità degli items contrassegnati dal colore verde (cioè realizzato in tutte e tre le scuole). Vorremmo arrivare a non avere più caselle contrassegnate con il colore viola (realizzato solo su 1 istituto su 3). Nel corso del precedente biennio, abbiamo già spostato da 1 su 3 a 2 su 3 diversi ambiti. - strategie a lungo termine: o una dimensione internazionale dell offerta formativa Nella prospettiva di una sempre crescente mobilità transnazionale, riteniamo sia importante che i nostri piani dell offerta formativa assumano una apertura internazionale. A tal fine, abbiamo stretto - sin dagli scorsi anni scolastici - una collaborazione con l Antenna Europe Direct e con la sede di Milano della Commissione Europea. Le nostre scuole sono orientate in modo crescente verso strategie metodologiche di conduzione della classe che raccolgono esperienze innovative di altre nazioni (metodologia CLIL, classroom management ecc.). L istituto Comprensivo di Bussero è scuola polo per le lingue straniere ed ha accolto in questi anni delegazioni straniere di molti paesi ( Grecia, Spagna, Repubblica Ceca, Polonia, Armenia, Messico, Australia, Giappone e, prossimamente, Germania). 17

18 E avvertita l esigenza di raccontare con un videoclip la vita quotidiana delle nostre classi: un videoclip, con eventuali sottotitoli in inglese, sarebbe accessibile a persone di qualsiasi lingua e sarebbe più comprensibile di un documento di testo tradotto. Per far ciò occorrono fondi, dovendoci far aiutare da un professionista. Non disperiamo di riuscire a reperirli prima o poi per tutte le scuole della rete. Abbiamo scoperto che l Istituto Comprensivo di Pessano con Bornago ha risorse qualificate per la produzione di videoclip, tra i docenti e lo stesso dirigente scolastico. o per una politica territoriale inclusiva Riteniamo che la gamma delle iniziative che gli istituti mettono in atto sia importante e possa incidere sul tessuto sociale. D altro canto solo una politica territoriale inclusiva, che vede il coinvolgimento delle amministrazioni locali, del terzo settore e dei servizi socio sanitari, può consentire una risoluzione almeno parziale di problematiche più grandi, che interferiscono significativamente con l integrazione scolastica e che eccedono la portata d azione delle singole scuole. E stata riscritta la programmazione territoriale del Piano di Zona per il triennio Purtroppo rileviamo uno scarso coinvolgimento delle scuole nelle decisioni locali da parte degli Amministrazioni Comunali, soprattutto in relazione alle problematiche dell integrazione degli stranieri. Ci appare più facile, al momento, collaborare con le Parrocchie e con le associazioni di volontariato. In qualche caso, assistenti sociali particolarmente sensibili o disponibili svolgono un ruolo importante per l inclusione sociale di singoli nuclei familiari di persone straniere. PER L ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE GRAPPA DI BUSSERO, SCUOLA CAPOFILA:IL DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT.SSA ALBALISA AZZARITI PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARUGATE: IL DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT.SSA DANIELA GIORGETTI PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASSINA DE PECCHI: IL DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT. SERGIO RONCARATI 18

19 PIANO FINANZIARIO ISTITUTI COMPRENSIVI DI BUSSERO, CARUGATE, CASSINA DE PECCHI (MI) Si evidenzia che il progetto descritto è di carattere pluriennale e rappresenta un proseguimento in continuità con le esperienze attuate nello scorso biennio dalle scuole in rete. Per le voci contrassegnate dall asterisco è possibile contemplare altre voci di co-finanziamento. Si raccomanda di considerare che i costi sono comprensivi del lavoro su tre scuole (circa 1/3 quindi è il costo del progetto per ogni istituto della rete). Attivita /azioni Costi Formazione interculturale di docenti e di personale amministrativo 1 500,00 Produzione e divulgazione di materiale multimediale per la didattica 1104,89 Iniziative per le famiglie 4 500,00 Italiano L2 nella scuola dell infanzia e primaria ,00 Italiano L2 nella scuola secondaria (*) (costo totale 4404,00 ) 1004,00 Conservazione lingua materna 6000,00 Percorsi di didattica interculturale e trasversalità /internazionalizzazione del curricolo Costo totale , ,89 19

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARUGATE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARUGATE ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE GRAPPA DI BUSSERO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARUGATE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASSINA DE PECCHI RICHIESTA DI FONDI PER LE AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO (EX ART.9 CCNL) NOTA

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Scuole primarie Rinnovata Pizzigoni, Dante Alighieri, scuola secondaria di primo grado Puecher PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE PROGETTO n. 1: RETE CON LO SPORTELLO SCUOLA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI DI VERDELLINO E CON GLI ENTI LOCALI DEL TERRITORIO (PIANO DI ZONA L.328/2000) A- PROGETTUALITÀ DELL ISTITUTO PROGETTO

Dettagli

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri LICEO G. MARCONI San Miniato Pisa Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri Questo documento intende presentare una modalità corretta e pianificata con la quale affrontare e facilitare l inserimento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi PREMESSA L impegno che oggi è richiesto ad ogni cittadino della Terra,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Proposta di lavoro ed intervento a cura del Gruppo Provinciale dei Referenti per Intecultura e l Integrazione degli Alunni Stranieri Scuola Secondaria di 2 grado

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI È bene ricordare che la realtà del mondo dei migranti oggi si configura in maniera più complessa rispetto al passato, sia numericamente sia

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

PROGETTO DI ISTITUTO A SCUOLA DI LABORATORIO

PROGETTO DI ISTITUTO A SCUOLA DI LABORATORIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO Daniele Spada Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado 24060 SOVERE (BG) via Silvestri, 1 035-981233 -

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ALUNNI STRANIERI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Nel nostro istituto gli studenti stranieri sono 98 (il 17,2 % della totalità degli studenti) di cui 26 alla

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E ACCOMPAGNAMENTO PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. L. LAGRANGE Sezioni associate ITI G.L. LAGRANGE - IPSAR G. BRERA Via A. Litta Modignani, 65-20161 MILANO Tel. 02 66222804/54 Fax 02 66222266 PROTOCOLLO DI

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado I. Nievo Comuni di Cinto Caomaggiore Gruaro - Pramaggiore

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado I. Nievo Comuni di Cinto Caomaggiore Gruaro - Pramaggiore OGGETTO: Schema di sintesi del Protocollo per l accoglienza e l inserimento degli alunni stranieri, proposto dalla Commissione Intercultura, a.s. 2008-2009 Capitolo di protocollo ISCRIZIONE AMBITO AMMINISTRATIVO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1 Indice Finalità e Soggetti pag. 2 La Commissione Intercultura pag. 2 Normativa di riferimento pag. 2 Fasi dell accoglienza

Dettagli

LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA

LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA LE RAGIONI DEL CONFLITTO di Giovanna Strano All inizio dell anno scolastico, nella fase di progettazione di scambi con l estero, nasce un conflitto fra due

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE L Associazione culturale Alice in Città nasce nel 2005 per dare forma istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO (BS) PROGETTO INTERCULTURA DEL IC DON RAFFELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO (BS) PROGETTO INTERCULTURA DEL IC DON RAFFELLI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PROVAGLIO D ISEO (BS) PROGETTO INTERCULTURA DEL IC DON RAFFELLI Progetto intercultura: accoglienza, sostegno e interazione degli alunni stranieri Scheda e progetto per la richiesta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

FINALITÁ DEL PROGETTO IL REFERENTE PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

FINALITÁ DEL PROGETTO IL REFERENTE PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOCORONA Via Fornai, 1 38016 Mezzocorona Tel. 0461/605409 - C.F. 96056920224 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI ANNO SCOLASTICO 2005/2006

3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 Scheda allegato A) 3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI PROGETTO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA ELEMENTARE ANNO SCOLASTICO 2005/2006 Premessa La scuola si fa portavoce dei valori fondamentali

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA.

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA. DIVERSI DA CHI? Sintesi delle linee guida dell Osservatorio Nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del MIUR e protocollo di accoglienza dell IC di Porlezza 1) DIRITTO

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Allegato 1 (circolare MIUR AOODRLO R.U. prot.n.3424 del 05 /03/2010)

Allegato 1 (circolare MIUR AOODRLO R.U. prot.n.3424 del 05 /03/2010) Ufficio Scolastico per la Lombardia Area Multilinguismo e Internazionalizzazione Allegato 1 (circolare MIUR AOODRLO R.U. prot.n.3424 del 05 /03/2010) MIUR USR per la Lombardia Area Multilinguismo e Internazionalizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO C. BERTERO Santa Vittoria d Alba Cinzano RELAZIONE FINALE SULLA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI E ACCOGLIENZA STRANIERI INSEGNANTE: Gullino Cinzia ANNO SCOLASTICO:

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO 2010/2011

PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Ministero della Pubblica Istruzione S.M.S. LUINI-FALCONE Viale Liguria 20089 Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 02 8255740 email uffici: segreteria@medialuinifalcone.it PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURA

PROGETTO INTERCULTURA PROGETTO INTERCULTURA Negli ultimi anni, nel nostro paese, si è registrata una progressiva e sempre più frequente immigrazione e, di conseguenza, anche la scuola deve adattare la propria programmazione

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Felice Faccio - CASTELLAMONTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura della

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 8590 Milano, 12 maggio 2014

Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 8590 Milano, 12 maggio 2014 Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 890 Milano, 1 maggio 014 CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER LA REGIONE LOMBARDIA IN ORDINE ALLA RIPARTIZIONE DEI FONDI AREE A RISCHIO E A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO a.s. 01/014

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti 2014/2015: n 1. disabilità

Dettagli

PROGETTUALITA DELL ISTITUTO PROGETTO P14: PRONTA ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI DELL I.C.

PROGETTUALITA DELL ISTITUTO PROGETTO P14: PRONTA ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI DELL I.C. PROGETTUALITA DELL ISTITUTO PROGETTO P14: PRONTA ACCOGLIENZA PER I MINORI STRANIERI DELL I.C. PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA X NO PROGETTO IN RETE CON SCUOLE E ALTRI SOGGETTI X NO (per le attività collegate

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi Se l offerta formativa integrata tra università, scuole ed agenzie di formazione professionale, favorita da Governo e Regioni, potrà rispondere

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA COMMISSIONE INTERCULTURA Revisione Protocollo a.s. 2010/2011 1 PRESENTAZIONE: Il Protocollo di accoglienza viene predisposto dalla Commissione Intercultura

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOSCANINI Piazza Trattati di Roma 1957 n.5-21011 CASORATE SEMPIONE (VA) Tel.0331/296182 Fax 0331/295563 E-mail: comprensivocasoratebesnate@ictoscanini.it PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

Bisogni e azioni Progetto StarT 23/03/2010

Bisogni e azioni Progetto StarT 23/03/2010 1 accoglienza 2 accoglienza L2 Uniformazione delle procedure di accoglienza Formazione docenti per la gestione delle classi multiculturali Coinvolgimento genitori italiani per evitare la fuga degli italiani

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. CARDUCCI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. CARDUCCI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. CARDUCCI di OLGINATE GARLATE VALGREGHENTINO Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Via Redaelli,16/A 23854

Dettagli