NIDO D INFANZIA L ALBERO BLU

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NIDO D INFANZIA L ALBERO BLU"

Transcript

1 NIDO D INFANZIA L ALBERO BLU BREVE PRESENTAZIONE STORIA DEL NIDO GLI OBIETTIVI GLI SPAZI IL COLLOQUIO L INSERIMENTO LA GIORNATA EDUCATIVA L ACCOGLIENZA IL CAMBIO IL PRANZO IL SONNO IL COMMIATO LE ATTIVITA ATTIVITA GRAFICO PITTORICHE E MANIPOLATIVE COSTRUZIONE E MOTRICITA FINE ATTIVITA MOTORIA ATTIVITA MUSICALE E LA NARRAZIONE ANGOLO TRAVESTIMENTI IL GIOCO EURISTICO IL GIARDINO

2 BREVE PRESENTAZIONE Il nido d infanzia rappresenta un servizio innovativo che si propone di conciliare l educazione di bambini/e particolarmente piccoli con le esigenze lavorative dei genitori. Il servizio si rivolge a tutte le famiglie i cui bambini abbiano un età compresa tra 12 e 36 mesi. L orario del servizio andrà dalle ore 7,30 alle ore 16,30, dal lunedì al venerdì. Durante tutto l orario sarà presente 1 educatrice affiancata da una dada Carla Vezzali. La parte educativa sarà curata dalla coordinatrice pedagogica Gloria Zannini e dalle educatrici della Cooperativa Senza il banco, Patrizia Lolli e Gloria Ginanneschi. STORIA DEL NIDO Il nido denominato L ALBERO BLU è situato a Savigno in Via del Carso 4 ed accoglie 11/13 bambini di età compresa tra i 12 e i 36 mesi. Nel settembre 2007 il nido apre le porte ai suoi teneri ospiti. GLI OBIETTIVI Perseguire il benessere dei bambini piccoli ovvero soddisfare i loro bisogni primari (fame,sonno, senso di pulizia),e dare attenzione alla voglia di contatto, di contenimento e di autonomia. Questo garantisce una tranquillità di fondo,dalla quale partire per inserire attività, proposte e situazioni nuove. Sostenere, promuovere e orientare lo sviluppo delle diverse competenze infantili,con particolare attenzione alla cura relazionale, al contenimento affettivo e al processo di conoscenza, attraverso la predisposizione di contesti d esperienza ricchi e stimolanti sotto i vari profili. Sostenere la genitorialità delle famiglie attraverso un rapporto di fiducia e di scambio con il personale educativo. Favorire la conoscenza tra le famiglie ed educatori. GLI SPAZI All entrata, che è anche il salone centrale, sono ubicati gli armadietti dei bambini con il loro nome e un simbolo, affinché il bambino/a possa riconoscerlo e sopra di essi, una bacheca per le comunicazioni ai genitori (regolamento del nido, orari, menù, scheda giornaliera pasti ecc.). In mezzo, sulla colonna centrale, un albero blu con appese le foto di ogni bambino/a che oltre a rappresentare il simbolo e nome del nido, viene utilizzato per il gioco dell appello. Proseguendo troviamo l angolo cucinetta e mobili che contengono i vari giochi. In fondo,tavoli e sedie utilizzati per il pasto e le varie attività. Attiguamente c è la cucina per lo sporzionamento pasti separato da un divisorio con cancelletto. Oltre al bagnetto con fasciatolo, troviamo i sanitari ad altezza bambino/a per permettere di svolgere con agio le cure igieniche e per stimolarne l autonomia, vicino la stanza da letto connotata da condizioni che rendono agevoli il riposo/risveglio.

3 . Ogni lettino è personalizzato con la propria biancheria portata da casa, questo per renderlo riconoscibile e diversificato dagli altri. Accanto, un altra stanzetta utilizzata per lettura e rilassamento,dotata di materassi,libreria,divanetto, specchio,e angolo travestimenti. Spazio esterno, attrezzato per il gioco con materiale ludico adeguato e definito in base all età dei bambini (casetta, scivolo, sabbiera, tricicli ecc.). IL COLLOQUIO Nido e famiglia sono due sistemi, ciascuno con le proprie regole più o meno esplicite, che devono imparare a conoscersi, scambiarsi informazioni e collaborare, per dare risposte adeguate alle esigenze evolutive dei bambini. Al rapporto con le famiglie le educatrici dedicano una particolare attenzione a cominciare dal colloquio prima dell inserimento. Le informazioni che i genitori e/o le altre figure di riferimento forniscono sono elementi che verranno utilizzati per una migliore accoglienza del bambino/a e per la predisposizione di esperienze che ne favoriscano la crescita e lo sviluppo. Il dialogo personale così avviato potrà continuare, oltre che attraverso scambi quotidiani, anche con eventuali altri colloqui più approfonditi nell arco della permanenza del bambino/a al nido. L INSERIMENTO L inserimento non è importante solo per il bambino/a ma anche per il genitore in quanto partecipa per un certo periodo di tempo alla vita che il bambino/a conduce al nido: il genitore acquista fiducia nelle educatrici e conosce l ambiente nel quale il proprio figlio vive durante la sua assenza. L inserimento graduale si rende necessario per consentire al bambino/a la conoscenza del nuovo ambiente, per potersi abituare ai nuovi orari, per instaurare un rapporto affettivo con persone sconosciute. Il periodo di inserimento ha una durata minima di circa tre settimane. Tale periodo può variare in base alle esigenze del bambino/a. LA GIORNATA TIPO E LE REGOLE DEL SERVIZIO 07,30-09,00 arrivo bambini 09,00-09,30 rituale appello, canzoni, lettura 09,30-10,00 colazione 10,00-10,30 cambio pannolino 10,30-11,20 attività programmata 11,20-11,35 lavaggio mani 11,35-12,20 pranzo T r i m 12,30-13,00 prima uscita per chi ha richiesto il part-time e gioco libero 13,00-15,00 sonno 15,00-15,30 cambio pannolino 15,30-16,00 merenda 16,00-16,30 uscita E s t O v e s t N o r d

4 Per il buon andamento del servizio e per il benessere dei bambini chiediamo di rispettare alcune regole di seguito elencate: Rispettare gli orari d entrata e d uscita. In caso d eventuali e saltuari ritardi, si prega di avvertire telefonicamente. Durante l inserimento, il bambino/a dovrà essere accompagnato da un genitore. Successivamente, può essere portato o ripreso anche da altra persona purchè i genitori ne comunichino personalmente le generalità al nido: in nessun caso i bambini saranno consegnati a persone sconosciute o sprovviste di documento d identità. Le assenze per un periodo inferiore a 5 giorni devono essere comunicate alle educatrici indicandone le motivazioni. Le assenze per malattia che si protraggono per 5 o più giorni consecutivi devono essere accompa gnate da un certificato medico. Si richiederà l allontanamento del bambino/a nel caso in cui presenti uno dei seguenti sintomi: febbre oltre 37,5 diarrea (oltre tre scariche liquide) congiuntivite vomito ripetuto otite pediculosi Le educatrici non possono somministrare farmaci. Si allega regolamento sanitario. I bambini/e dovranno essere vestiti con indumenti adatti a permettere la massima libertà di movimento ed autonomia. Si richiede l uso di scarpe o calze antiscivolo esclusivamente per il nido. Le educatrici saranno a disposizione per fissare dei colloqui in caso di necessità. Una volta alla settimana (venerdì) verranno riconsegnati i lenzuoli che dovranno essere riportati puliti il lunedì successivo. L ACCOGLIENZA L ingresso e l accoglienza dei bambini avviene in salone. E forse il momento più ricco di emotività per il bambino/a e per il genitore che lo accompagna e per favorire l accoglienza individualizzata l educatrice accoglie il bambino/a con atteggiamento tranquillo, senza fretta ma con gentile fermezza cercando di evitare rituali di distacco troppo lunghi. Durante il colloquio individuale con i genitori che avviene prima dell inserimento al nido l educatrice spiega l importanza di questo momento di affido-saluto e dell importanza inoltre di creare una buona sintonia tra genitore-educatore. Il genitore saluta il bambino/a senza fughe dicendo la verità circa il momento del suo ritorno. L educatrice che accoglie il bambino/a consapevole del proprio ruolo di mediazione fra il bambino/ a e gli altri adulti presenti nel nido, assicura un corretto ed esauriente passaggio di informazioni. IL CAMBIO La cura del bambino viene considerata un momento formativo dal personale del nido e costituisce un momento privilegiato nel rapporto che viene ad instaurarsi tra l educatrice e il bambino. Oltre agli orari previsti il cambio viene fatto ogni qualvolta lo si renda necessario. L educatore, al momento del cambio, interagisce anche verbalmente con il piccolo, gli parla, gli sorride, canta, ne ripete i versi, stimolando così anche lo sviluppo del linguaggio. Attraverso queste esperienze si rafforza la relazione affettiva tra l educatrice e il bambino/a e migliora il sentimento di sicurezza dei bambini stessi.

5 Per i bambini piccoli e grandi il momento del cambio ha una valenza importante anche per la conoscienza del proprio corpo e delle differenze sessuali. Educazione al controllo sfinterico. L educatore, nell introdurre l uso del vasino (water), non deve avere fretta ma rispettare i tempi del bambino/a a seconda dell età e del suo sviluppo psico-fisico. In ogni caso il passaggio dal pannolino al vasino deve essere proposto con dolcezza, stimolando la curiosità di conoscere e di sperimentare. Pertanto la strada da percorrere verso l autonomia dovrà essere segnata da un senso di conquista e non di frustrazione (imposizione). Il bagno rappresenta anche il giusto contesto per i bambini che imparano a lavarsi le mani e il viso da soli. IL PRANZO Il pranzo viene servito alle ore 11,40 circa. Dopo aver lavato le mani ogni bambino si accomoda al tavolo ed ad ognuno viene messo il bavaglino, mentre l altra educatrice prepara i piatti. E importante che il bambino viva il momento del pasto in modo attivo e partecipe. L educatrice siede a tavola con i bambini, incoraggiandoli ed aiutandoli dov è necessario e valorizzando l importanza educativa di questo momento. Il momento del pranzo oltre ad essere un momento di routine serve a favorire l autonomia del bambino/a. Se qualche bambino/a deve osservare diete particolari per motivi di salute, questo dato viene comunicato e spiegato agli altri bambini. Stesso atteggiamento viene tenuto nei casi di differenze alimentari dovute a motivi religiosi. IL SONNO Si svolge nel locale adibito a dormitorio e viene curato dagli educatori, verso le per risvegliarsi intorno alle ore Il sonno rappresenta un momento critico che coincide con la perdita di contatto con gli altri e con l ambiente; per questo è fondamentale tranquillizzare il bambino /a cercando di stabilire un contatto empatico (coccole e carezze) che faciliti l abbandono e nel contempo lo rassicuri che al risveglio troverà ciò che ha lasciato. Pertanto il genitore o figura parentale che durante il periodo di inserimento segua il piccolo/a viene invitato a vedere lo spazio sonno e il lettino ed a portare eventuali oggetti transizionali (es: pupazzi, bambole, fodere,ecc.). L educatrice, dopo aver provveduto alle cure del corpo del bambino (cambio, igiene personale e rituale del ciuccio, se ne fa uso) valuta le modalità da attuarsi invitandolo ad andare a dormire. I bambini, dopo essere entrati nel dormitorio, si recano verso il proprio lettino e iniziano a togliersi le scarpe. L educatrice, prima che i bambini prendano sonno, propone melodie e ninne nanne, successivamente aiuta i bambini nella fase di addormentamento, tenendo conto delle notizie acquisite in precedenza (colloquio). Anche al momento del risveglio viene data un adeguata importanza perché ogni bambino riprende il contatto con il mondo esterno usando modalità diverse. E importante che i piccoli, nel momento del riposo, abbiano con se un oggetto transizionale (personale o del nido) che gli sarà accanto al momento del risveglio. I bambini, qualora si risveglino prima, potranno attendere serenamente a letto o nell angolo morbido il risveglio dei loro compagni, per poi essere alzati tutti assieme e accompagnati in bagno.

6 Per migliorare l approccio al momento sonno e risveglio abbiamo creato l angolo morbido che può essere utilizzato dai piccoli ogni qualvolta ne sentano il bisogno, nonché dai bambini in attesa dei familiari (prima uscita 12, ). Quest angolo consente ai bambini di sentirsi maggiormente a loro agio, più sicuri e tranquilli, instaurando rapporti intimi e diretti da carattere affettivo tra bambino e oggetto IL COMMIATO E possibile l uscita dopo pranzo alle ore 12,30 concordandola con le educatrici. Di norma l uscita avviene dalle 16,00 alle 16,30. L educatrice accoglie il genitore informandolo sull andamento della giornata: se il bambino/a è stato bene, quale attività ha svolto, come si è comportato, ecc. e si rende disponibile a rispondere alle domande del genitore con l aiuto di quanto scritto sul diario dalla collega. Il regolare scambio di informazioni inoltre favorisce lo stabilirsi di una buona relazione e aumenta il clima di reciproca fiducia. Se si parla in presenza del bambino/a,come spesso avviene, occorre farlo tenendo conto di lui/lei, usando cioè le parole giuste, quelle che può sentire. LE ATTIVITA Al nido d infanzia l Albero Blu sono molte le attività che segnano il trascorrere del tempo fin dalla prima mattina; alcune, come l entrata, il pranzo, l uscita, la merenda, ecc. sono attività di routine, altre, quelle previste dal nostro progetto educativo, servono per stimolare lo sviluppo delle capacità dei bambini. Già nel periodo di inserimento proponiamo ai bambini una serie di materiali che si traducono in attività che ci accompagneranno poi tutto l anno : colori a dita, pasta di sale, farina gialla, tempere ed altro ancora con giochi di travaso, pitture, impronte, costruzioni,ecc. Queste situazioni hanno principalmente lo scopo di far familiarizzare i bambini con materiali e spazi ma soprattutto di rendere piacevole lo stare al nido, aiutandoli a superare l angoscia di distacco che inevitabilmente si crea in questa prima separazione dalle figure familiari. In seguito queste attività saranno più strutturate, e tramite esse verranno proposti ai bambini percorsi di scoperta che comporteranno l acquisizione di competenze sempre maggiori. Quindi, cercando di sfruttare tutti gli stimoli provenienti da un ambiente pensato e creato con materiali ed arredi specifici, nel corso della settimana vengono proposte: attività psicomotoria attività grafico-pittorica attività musicali attività di costruzione e motricità fine attività di gioco libero lettura e narrazione inoltre in tutti i momenti opportuni: feste di compleanno, feste per varie ricorrenze (natale,carnevale,pasqua,festa di fine anno,ecc.)

7 ATTIVITA GRAFICO-PITTORICO-MANIPOLATIVE Nella fascia di età 1-3 anni le attività grafiche pittoriche e manipolative sono intrecciate e non separabili tra di loro. Queste esperienze permettono un coinvolgimento totale del bambino. Il colore ha diverse sfumature e tonalità, ha un odore, è riconoscibile e lo si può sentire al tatto; ha una densità, può essere manipolato e si possono lasciare segni più spessi o più sottili. La gestione dei movimenti con i pennelli e con i rulli sviluppa la coordinazione occhio-mano. La possibilità e l opportunità di esprimere attraverso il segno e il colore le proprie emozioni e se stessi favorisce la costruzione della propria identità. Il lavoro di gruppo favorisce lo sviluppo della collaborazione, della cooperazione e della socializzazione tra i bambini. La realizzazione di un prodotto favorisce lo sviluppo della creatività attraverso l immaginazione e la fantasia. Inizialmente il disegno è principalmente un attività ludica. Il bambino/a si interessa solo alle tracce che la matita lascerà su di una superficie, traccia soprattutto delle linee. Poi è in grado di mantenersi entro certi limiti del foglio, di produrre delle forme sempre più complesse: circolari, a riccioli, a spirali, a cerchi multipli, linee verticali e orizzontali, punteggiature, finchè non raggiunge la rappresentazione vera e propria, cioè egli dà significato intenzionalmente alle sue opere ( lo scarabocchio diventa disegno ). Con l attività grafica il bambino/a si avvicina al linguaggio dei colori, li scopre ed impara a conoscerli. Per quanto riguarda la manipolazione il contatto dei materiali (farina bianca e gialla, acqua..) con le dita della mano risveglia sensazioni complesse in cui conoscenza, motricità, affettività sono profondamente intrecciate ; l esperienza della manipolazione è sempre un avventura in cui l uso della mano si rivela determinante. La socializzazione e interazione tra coetanei si manifesta, là dove le mani sono impegnate, attraverso una grande serietà e rispetto reciproco: c è chi è assorto e chi osserva, ma tutti sono attivamente impegnati. Materiali: fogli di varie dimensioni, cartoncini, colori a dita, pennarelli piccoli e grossi, pastelli a cera, matite colorate, rulli e spugne, acqua, farina bianca e gialla, pongo, pasta di sale; e in seguito tempere, sabbia colorata, rulli, stampini, spugne, legnetti, stoffa, pennellesse, gessetti, creta, ed elementi naturali (foglie, conchiglie, pietre, pasta ecc.) Tempi di proposta: Pennarelli, matite colorate, pastelli a cera, si usano nell arco della giornata durante tutta la settimana. Colori a dita, tempere,creta, rientrano nelle attività programmate a rotazione una volta alla settimana. Le attività proposte vengono fatte durante tutto l arco dell anno. In linea di massima l orario è abbastanza flessibile tra le 10,30 e le 11,20 in modo da soddisfare i bisogni di ogni bambino/a nel rispetto dei suoi ritmi e dei suoi tempi. Spazi utilizzati: il salone. Il materiale da manipolare può essere offerto anche all interno di grandi contenitori (piscinotte, scatoloni, vaschette di plastica,ecc.) non solo all interno, ma anche all esterno della struttura. Il ruolo dell educatrice è di osservare, di predisporre il laboratorio con tutto il materiale a disposizione e poi di stare a guardare, di lasciare ampio spazio di movimento,di gioco al bambino/a.

8 Per quanto riguarda i più piccoli il ruolo dell educatore le prime volte può essere di guida, di stimolo, (i bambini non vogliono toccare la creta perché è fredda ) l adulto in questi casi può aiutare a partecipare, standogli vicino,guidarlo con le proprie mani a toccarla ecc. COSTRUZIONI E MOTRICITA FINE Le costruzioni, come materiale didattico,hanno un valore diverso a seconda dell età del bambino/a. Le costruzioni si prestano ad un tipo di attività non guidata in cui il ruolo dell adulto è di mediatore e osservatore. Proponiamo puzzle ed incastri di facile esecuzione e di grandi dimensioni. Le costruzioni vengono offerte sia nel salone dell accettazione sia nella stanza preposta alla psicomotricità. Sotto forma di gioco, si pongono le basi per il riconoscimento delle forme, dei colori, le sensazioni tattili, lo spazio ( dentro-fuori, sopra-sotto ). Per sviluppare maggiormente la motricità fine vengono anche proposte attività con materiali più strutturati (perle da infilare,spirali, incastri di diverse dimensioni, forme infila-sfila, utilizzo di forbici e colla per collage) e giochi logici (tombole, memory). Tempi di proposta è di 15/20 minuti. ATTIVITA MOTORIA Questa attività viene svolta in una stanza appositamente allestita con grandi tappeti e cuscini di gommapiuma. Tempi di proposta: 20/30 minuti, una volta alla settimana. Materiali: stoffa, teli, carta, palle, palline.corde, cassette musicali,palloncini, foulard ecc. L esperienza del corpo come strumento di conoscenza,di comunicazione e di relazione prevede sia attività di solo movimento, sia di attività con oggetti,eventualmente accompagnate da musiche di sottofondo adeguate al momento. Modalità: i bambini si accostano all attività psicomotoria entrando nella stanza ed esplorando: strisciano,gattonano,rotolano, saltano, corrono liberamente conquistando tutto lo spazio disponibile. Si crea così una situazione di libero movimento e successivamente l educatrice può arricchirla introducendo nuovi elementi: proposte di imitazione di animali e di diversi suoni e rumori, l utilizzo dei vari materiali con modalità diverse (es: gioco delle stoffe,gioco delle barchette,ecc.)

9 ATTIVITA MUSICALE Il comunicare con suoni e rumori è un momento legato strettamente allo sviluppo della mente infantile. Si stimola nel bambino/a oltre all ascolto anche alla produzione,la capacità di comunicare e di esprimersi attraverso il suono e i materiali più diversi: dalla voce (imitazione del verso degli animali, di suoni e rumori dell ambiente, (filastrocche, canzoncine) ai materiali grezzi (carta, metalli,plastica, legno,ecc.) dagli oggetti sonori strutturati (batacchi, tamburo, trombette, maracas, agli strumenti coadiuvati dall ausilio di cassette con registrazioni dei suoni degli elementi della natura (acqua, aria,terra,ecc.). Brevi canzoncine mimate, ascolto di musica con cassette o radio per arrivare all animazione di canzoncine quali il girotondo, cappuccetto rosso ecc. Tempi di proposta: l attività musicale in genere accompagna i momenti di routine ( pranzo,cambio ecc..) ma anche proposta come vera e propria attività ludica una volta alla settimana con durata di circa 20 minuti. NARRAZIONE Nella stanza dell angolo morbido c è un vero e proprio spazio con libreria allestito per la lettura di libri cartonati, riviste, giornali al quale i bambini si possono avvicinare liberamente per esplorare, osservare, strappare ecc Occasionalmente l educatrice interviene invitando il bambino/a a soffermarsi sulle immagini descrivendole (forme, colori e situazioni) e provare insieme a ripetere parole semplici. L educatrice propone in momenti specifici la lettura, la narrazione, le favole, le storie lette o inventate, per favorire nel bambino/a l immaginazione e la rappresentazione mentale,mimica e verbale del vissuto e della quotidianità. I libri proposta toccano varie tematiche,dagli animali, alla natura, alla cura del proprio corpo, alla vita quotidiana, ai mezzi di locomozione, allo schema corporeo, riconoscimento di colori, di forme ecc. ANGOLO DEI TRAVESTIMENTI Il contenitore è una casetta di vimini, collocato nella stanza con lo specchio; in essa sono poste, stoffe, borse,cappelli e abiti che i bambini da soli o con l aiuto dell adulto possono indossare a loro piacimento. Inoltre c è una scatola più piccola all interno contenente trucchi e bigiotteria che i bambini possono utilizzare con l attento aiuto dell adulto.

10 L obiettivo principale di questo angolo è quello di: favorire il gioco imitativo-simbolico fare giochi di scoperta rafforzare la socializzazione Con il travestimento il bambino/a scopre e interiorizza un altra immagine di sé allo specchio,cerca di riprodurre situazioni-atteggiamenti vissuti dal mondo adulto (vestirsi, spogliarsi,situazioni lavorative, domestiche e di vita sociale). IL GIOCO EURISTICO Il gioco euristico consiste nell offrire ad un gruppo di bambini oggetti di diversa natura con i quali possano giocare liberamente senza l intervento dell adulto. E inteso come attività di esplorazione spontanea che il bambino/a compie su materiale di tipo non strutturato povero. Materiale povero significa che non fa parte dei giocattoli tradizionali, ma si tratta di semplici oggetti d uso domestico comune. Nella raccolta del materiale sono coinvolti anche i genitori e il gioco è arricchito da numerosi oggetti di vario genere, associabili tra loro, con i quali i bambini possono compiere azioni combinate:contenitori piccoli da inserire in quelli grandi, rocchetti, teli, nastri di velluto, pizzo scatole,ecc. IL GIARDINO Si esce all aperto per respirare non solo in senso nettamente fisiologico,ma soprattutto in modo psicologico per poter rompere con i ritmi interni al nido e introdurre elementi nuovi per il rilancio dell attività. L osservare il passare delle stagioni, le foglie che cadono e che ricrescono,le gemme, i fiori, le albicocche che maturano, l erba bagnata o asciutta,alta o appena tagliata, i colori dei fiori, gli eventi atmosferici (sole,pioggia,nebbia, vento, neve, brina), assaporare gli odori del prato, provare il piacere di battere i piedi in una pozzanghera,osservare un lombrico appena uscito dopo un acquazzone, una lucertola che corre lungo il muro,un uccellino che si posa sul prato,una farfalla che svolazza, poter camminare a piedi nudi sull erba. Nel giardino durante la bella stagione vengono riproposte alcune delle attività che si svolgono all interno della struttura. La manipolazione,le attività grafico-pittoriche, la drammatizzazione, assumono in giardino valenze diverse perché all esterno il bambino/a è più libero di esprimere il proprio io. Tempi di proposta:

11 il giardino viene sfruttato frequentemente nel periodo dell inserimento, qualche volta nel periodo invernale, quotidianamente nella bella stagione. LE EDUCATRICI PATRIZIA e GLORIA

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2012-2013, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato giallo, blu e i tu!. Il progetto nasce dalla volontà

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico:

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico: Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) (Estratto del Piano dell Offerta Formativa) Progetto didattico: FAVOLANDO UNA BOTTEGA FANTASTICA Anno scolastico 2015 2016 Settembre 2015 1 PREMESSA

Dettagli

Programmazione Nido Monti 2014-2015

Programmazione Nido Monti 2014-2015 Programmazione Nido Monti 2014-2015 OBIETTIVI GENERALI L obiettivo generale è ambientare il bambino nel contesto educativo e relazionale dell Asilo Nido rispettando e valorizzando l individualità del bambino

Dettagli

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Gli bastava un emozione anche piccola e la sua immaginazione si metteva in moto. Una macchia sul muro. Un filo che usciva dalla tela, un granello di polvere.

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

*MUSICA AL NIDO* PIPPO

*MUSICA AL NIDO* PIPPO Programmazione Sezione Piccoli Anno scolastico 2008-2009 *MUSICA AL NIDO* PIPPO UN UCCELLINO DALLE ALI A cura di: Cristina Frattini Anna Menetto Roberta Panciera Silvia Zulian Asilo Nido TRILLI, Sez. Piccoli

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 Nei primi due anni di vita l intelligenza del bambino si manifesta attraverso l azione, ossia le attività ludiche,

Dettagli

Il nido infanzia si presenta

Il nido infanzia si presenta Il nido infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

ASILO NIDO A PICCOLI PASSI P.O.F (piano dell offerta formativa)

ASILO NIDO A PICCOLI PASSI P.O.F (piano dell offerta formativa) ASILO NIDO A PICCOLI PASSI P.O.F (piano dell offerta formativa) Provvedere ai bisogni irrinunciabili dei bambini e delle loro famiglie è il primo passo per formare cittadini in grado di ampliare il proprio

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

ACCOGLIENZA DI GENITORI BAMBINI RASSICURARE CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI

ACCOGLIENZA DI GENITORI BAMBINI RASSICURARE CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI ACCOGLIENZA DI BAMBINI GENITORI RASSICURARE CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI INTRODUZIONE: L ambientamento e l accoglienza sono un punto privilegiato di incontro

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

CENTRI ESTIVI 2016 ASILO NIDO VADEMECUM PER I GENITORI

CENTRI ESTIVI 2016 ASILO NIDO VADEMECUM PER I GENITORI 1. RIUNIONE INFORMATIVA 2. RIUNIONE INIZIALE CENTRO ESTIVO 3. SUDDIVISIONE IN GRUPPI 4. ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA 5. USCITE ANTICIPATE OCCASIONALI 6. ACCOGLIENZA 7. PERSONALE 8. CUCINA: MERENDA-PRANZO

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA

SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA SEZIONE FARFALLE : mesi (24-36) SEZIONE COCCINELLE: mesi (12 24 ) PREMESSA I primi anni di vita sono caratterizzati dal periodo definito senso-motorio :termine che indica un periodo in cui l intelligenza

Dettagli

Il Nido Infanzia si presenta

Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano)

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) Cervignano del Friuli PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) 1 PRESENTAZIONE CHI SIAMO Il Nido è un Servizio Comunale, gestito da personale della Cooperativa ITACA, in

Dettagli

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO 1 Il nostro nido Minimondo.un luogo che offre la possibilità di instaurare rapporti significativi, relazioni vere, partecipazione e confronto, accoglienza ed

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014

Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014 SCUOLA DELL INFANZIA DI TAVULLIA NASCONDINO Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014 INTRODUZIONE MOTIVAZIONE Le insegnanti referenti del gruppo dei bambini di tre anni

Dettagli

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana Perchè sceglierci? Perchè il nostro Asilo Nido fornisce un servizio assistenziale ed educativo che, in collaborazione con le famiglie, sa fornire uno spazio

Dettagli

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE".

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE. D.D. STATALE Kennedy Scuola dell Infanzia Archimede Via Valgioie 72, Torino L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE". PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SETTEMBRE-OTTOBRE ACCOGLIENZA E INSERIMENTO 1 PERCORSO ACCOGLIENZA

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA.

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. LA SCUOLA DELL INFANZIA Il nostro sistema scolastico è riuscito attraverso una felice convergenza

Dettagli

ASILO NIDO INTEGRATO GIACINTO BONANOME DI ISOLA RIZZA UN MONDO A COLORI

ASILO NIDO INTEGRATO GIACINTO BONANOME DI ISOLA RIZZA UN MONDO A COLORI ASILO NIDO INTEGRATO GIACINTO BONANOME DI ISOLA RIZZA UN MONDO A COLORI PROGETTO SENSORIALE A BREVE TERMINE DELLA SEZIONE API ANNO EDUCATIVO 2013/2014 EDUCATRICE DI RIFERIMENTO: FAGNANI ERIKA Centro Infanzia

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO

PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO Analisi della situazione iniziale Una scuola che ha la cultura dell accoglienza è una scuola nella quale si sta bene, dove si creano legami forti di fiducia,

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Nido Integrato Giovanni XXIII A.E. 2014/2015 IL NIDO INTEGRATO

Nido Integrato Giovanni XXIII A.E. 2014/2015 IL NIDO INTEGRATO IL NIDO INTEGRATO Ecco com è organizzata la settimana al Nido Integrato! Progetto Accoglienza Titolo Una dolce accoglienza Motivazione del progetto L inserimento è un momento delicato nella vita di tutti

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

NIDO INTEGRATO I BIMBI PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO I TRE PORCELLINI

NIDO INTEGRATO I BIMBI PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO I TRE PORCELLINI NIDO INTEGRATO I BIMBI PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO I TRE PORCELLINI A.S. 2010/2011 SCANSIONE ANNUALE DEL PROGETTO settembre ottobre novembre dicembre gennaio febbraio inserimento inserimento/ I porcellini

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

CASTELLO DI SERRAVALLE BO Via Vivaldi tel. 051 6704911

CASTELLO DI SERRAVALLE BO Via Vivaldi tel. 051 6704911 CASTELLO DI SERRAVALLE BO Via Vivaldi tel. 051 6704911 Nido d infanzia Castello degli gnomi PIANO DI LAVORO IL COLLOQUIO Nido e famiglia sono due sistemi, ciascuno con le proprie regole più o meno esplicite,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la LA TANA DEI PICCOLI Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la struttura con la scuola dell'infazia S. Francesco, il confortevole e il nuovo

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

Maria Montessori. Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire: I bambini stanno lavorando come se io non esistessi.

Maria Montessori. Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire: I bambini stanno lavorando come se io non esistessi. Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire: I bambini stanno lavorando come se io non esistessi. Maria Montessori Il nostro nido accoglie un massimo di 25 bambini dagli 8 mesi ai 5

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO BUC VA ALLA SCUOLA MATERNA

PROGETTO DIDATTICO BUC VA ALLA SCUOLA MATERNA ASILO NIDO DON FORNASINI CASALECCHIO DI RENO ANNO SCOLASTICO 2004/2005 PROGETTO DIDATTICO BUC VA ALLA SCUOLA MATERNA OPERATRICI GIULIANA DE GREGORI (EDUCATRICE COMUNE DI CASALECCHIO) MARIA LORENZANO (EDUCATRICE

Dettagli

Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it

Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it 1 PREMESSA Il Nido Gioia è diviso in due sezioni che, indicativamente corrispondono

Dettagli

Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni

Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni Il corpo in gioco! Unità d apprendimento N 2 esperienza realizzata con i bambini di 3 anni dal 28 ottobre 2013 al 9 gennaio 2014 anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONE: In questo primo periodo di scuola

Dettagli

Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012

Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012 Nido d infanzia Biribimbo 2011 2012 Ogni anno dopo aver conosciuto i bambini che frequenteranno il nido studiamo un progetto educativo che non vuole essere un programma prescrittivo, ma che non lascia

Dettagli

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 Educare è come seminare: il frutto non è garantito e non è immediato, ma se non si semina è certo che non

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

Scuola dell Infanzia San Francesco

Scuola dell Infanzia San Francesco Scuola dell Infanzia San Francesco 1 PROGETTO ACCOGLIENZA FINALITA L obiettivo del progetto è di rendere piacevole l ingresso o il ritorno a scuola dei bambini, superare quindi serenamente la paura della

Dettagli

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGETTAZIONE ASILO NIDO M.Montessori ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Per educare al Nido ci si avvale del gioco e ciò comporta attenzione e osservazione. Infatti i bambini/e parlano attraverso il corpo, la

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

GIOCHIAMO CON TERRA E FUOCO

GIOCHIAMO CON TERRA E FUOCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA 2013/2014 GIOCHIAMO CON TERRA E FUOCO NIDO D INFANZIA DON DIOLI NIDO e SCUOLA DELL'INFANZIA SAN GIACOMO NIDO e SCUOLA DELL'INFANZIA G.M.PEDRIALI SCUOLA DELL'INFANZIA MARIA IMMACOLATA

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina Sez. A COCCINELLE Giovanna Cristina SEZ. B BRUCHI Silvana Sabrina SEZ. C FARFALLE Giusy Rosanna Le collaboratrici Gisella & Maria PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Nel percorso di quest anno si affronterà

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

Programmazione sezione medi

Programmazione sezione medi Comune di Pavia Asilo nido G. Rodari Programmazione sezione medi Anno scolastico 2014-2015 Educatrici: Antonietta, Chiara, Piera e Rosy. Ciao a tutti! Siamo Antonietta, Chiara, Piera e Rosy, educatrici

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE l Ente Giuridico CASA MARIA AUSILIATRICE delle Salesiane di Don Bosco, con sede in Varese, Piazza Libertà, 9, in persona del Legale Rappresentante pro tempore Vilma Maria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO La scuola dell'infanzia San Francesco nasce a Piombino all'inizio degli anni sessanta nell'area della Chiesa dell'immacolata su richiesta della società ILVA che intendeva

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE "STELLA DEL MATTINO" PROGETTO PICCOLI. anno scolastico 2014/2015

SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE STELLA DEL MATTINO PROGETTO PICCOLI. anno scolastico 2014/2015 SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE "STELLA DEL MATTINO" PROGETTO PICCOLI anno scolastico 2014/2015 "FACCIAMO ESPERIENZA CON TITA" Durante questo anno scolastico la matita Tita, uscita da uno scatolone dove

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

Per l anno educativo 2014/2015 il Nido famiglia presenta il suo Progetto Educativo che:

Per l anno educativo 2014/2015 il Nido famiglia presenta il suo Progetto Educativo che: CHE COS È IL PROGETTO EDUCATIVO E A CHI È RIVOLTO: Il Progetto Educativo è lo strumento attraverso il quale il Nido famiglia rende trasparente e leggibile ciò che fa e perché lo fa. Per l anno educativo

Dettagli

ASILO NIDO LA FILASTROCCA

ASILO NIDO LA FILASTROCCA ASILO NIDO LA FILASTROCCA Programmazione educativa 2012-2013 INDICE Finalità educative generali dell asilo e percorso educativo anno 2012/2013 Pag. 3 Organizzazione dell asilo Pag. 4-5 Organizzazione degli

Dettagli

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Caratteristiche strutturali della scuola e della Sezione Primavera I cuccioli della San Vincenzo La scuola ha sede a Senigallia

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Servizi Educativi

COMUNE DI VOLPIANO Servizi Educativi COMUNE DI VOLPIANO Servizi Educativi 1 PRESENTAZIONE L Asilo Nido è un servizio educativo che collabora con le famiglie nell affrontare insieme le esigenze di crescita socializzazione ed apprendimento

Dettagli

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare.

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare. COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE IL CORPO E CAMPI D ESPERIENZA: IL CORPO E TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA Il bambino vive pienamente la propria corporeità,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

"PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA.

PONTI E ALI Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. "PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. Una valigia, una cartella o una scatola per portare con sé i ricordi più cari, messaggi, storie, visite, laboratori,

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO COMPRENSIVO G. D ANNUNZIO SCUOLA DELL INFANZIA NAUSICAA A.S.2012-13 PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA MOTIVAZIONE Il progetto alimentazione, filo conduttore di quest anno scolastico, nasce dal desiderio

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI E DI PROTEZIONE SOCIALE. PROGETTO PER LO SVILUPPO E L APPRENDIMENTO a.s. 2011-12 Io vado dove voglio

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI E DI PROTEZIONE SOCIALE. PROGETTO PER LO SVILUPPO E L APPRENDIMENTO a.s. 2011-12 Io vado dove voglio COMUNE DI RIMINI DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI E DI PROTEZIONE SOCIALE PROGETTO PER LO SVILUPPO E L APPRENDIMENTO a.s. 2011-12 Io vado dove voglio Come è nato il progetto per lo sviluppo e l'apprendimento

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Progetto Accoglienza A.S. 2015/2016 Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie!

Progetto Accoglienza A.S. 2015/2016 Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! Progetto Accoglienza A.S. 2015/2016 Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano per i bambini e le famiglie l inizio di un tempo nuovo : un

Dettagli

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 IL NIDO DI CASA REBECCA VIA MAIOLO, 5 10044 PIANEZZA (TO) LA CARTA DEL SERVIZIO ORARI Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 Pre-Nido 7,30-8,30 Tempo Pieno 8,30/9,30-16,15/16,30 Mattino corto 8,30-12,30/13,00

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona. Asilo Nido Dolci Impronte Viale Europa 16 Tel.346/6626484. Carta dei Servizi

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona. Asilo Nido Dolci Impronte Viale Europa 16 Tel.346/6626484. Carta dei Servizi COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona Asilo Nido Dolci Impronte Viale Europa 16 Tel.346/6626484 Carta dei Servizi 20 1 PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Il Nido è un servizio di tipo diurno gestito in collaborazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI. emozioni utilizzando il linguaggio del corpo

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI. emozioni utilizzando il linguaggio del corpo ETA : 3 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione grafica Ascoltare brani musicali Approccio all utilizzo dei diversi

Dettagli

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni Profilo 3-4 anni Pagina 1 di 7 IL CORPO E IL MOVIMENTO IDENTITA CORPOREA Indica le parti fondamentali del corpo su

Dettagli

MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA. Obiettivo: (espresso in termini di competenza) Imparare a imparare

MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA. Obiettivo: (espresso in termini di competenza) Imparare a imparare MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA Titolo: Il tempo dell accoglienza Obiettivo: (espresso in termini di competenza) Imparare a imparare Ordine di scuola e classi di riferimento:

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Carta dei Servizi A. E. 2014-2015. Pete the Pup. Asilo nido Bilingue. Via Bellini, 10 20090 Trezzano s/n Tel. 0289760633 info@petethepup.

Carta dei Servizi A. E. 2014-2015. Pete the Pup. Asilo nido Bilingue. Via Bellini, 10 20090 Trezzano s/n Tel. 0289760633 info@petethepup. Carta dei Servizi A. E. 2014-2015 Pete the Pup Asilo nido Bilingue Via Bellini, 10 20090 Trezzano s/n Tel. 0289760633 info@petethepup.com 1 L asilo nido Pete the Pup è uno spazio di gioco educativo per

Dettagli

La scuola si presenta

La scuola si presenta La scuola si presenta La Scuola dell'infanzia Cà di ventura è ubicata in via San Felice 19 a Genova-Molassana E raggiungibile per mezzo del bus n N 477, linea secondaria che si interseca con il 12-13-14

Dettagli

STRUTTURA E IMMAGINE DELLA SCUOLA

STRUTTURA E IMMAGINE DELLA SCUOLA STRUTTURA E IMMAGINE DELLA SCUOLA La nuova Scuola dell'infanzia Collodi è situata in Via della Pace 3. Dall anno scolastico 2014/2015 la struttura accoglie due sezioni di bambini dai 3 ai 6 anni e un bellissimo

Dettagli

LETTURA ED EMOZIONI. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato.

LETTURA ED EMOZIONI. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato. Scuola dell infanzia San Giovanni Bosco con nido aggregato. Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare Gary Zukav LETTURA ED EMOZIONI Quest anno, come progetto educativo, abbiamo scelto

Dettagli

PROGETTO NIDO FELICE

PROGETTO NIDO FELICE Nido Amici dei bimbi PROGETTO NIDO FELICE Percorso di inserimento al Nido PREMESSA L ingresso al nido rappresenta: - un momento molto delicato per ogni bambino/a, perché è la prima importante esperienza

Dettagli

NIDO D INFANZIA FRUTTI DI BOSCO INDIRIZZO: VIA DELLA PINETA, 1 VILLA OPICINA TELEFONO: 040 211065

NIDO D INFANZIA FRUTTI DI BOSCO INDIRIZZO: VIA DELLA PINETA, 1 VILLA OPICINA TELEFONO: 040 211065 NIDO D INFANZIA FRUTTI DI BOSCO INDIRIZZO: VIA DELLA PINETA, 1 VILLA OPICINA TELEFONO: 040 211065 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli